Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 18 aprile 2016

Greepeace: “Niente quoroum ma dagli italiani segnale importante contro le lobby fossili”

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 aprile 2016

trivelle1Greenpeace ringrazia tutti gli elettori che oggi hanno deciso di esprimersi sul futuro delle politiche energetiche del nostro Paese, finalmente al centro del dibattito pubblico. Greenpeace prende atto del mancato quorum, osservando però che a determinare questo risultato hanno contribuito i tempi contratti della campagna referendaria, il rifiuto del governo di indire un Election Day e una strategia politico-mediatica che a lungo ha tenuto sotto silenzio il tema del referendum sulle trivelle. Greenpeace ritiene comunque che la partecipazione alla consultazione non debba essere ignorata.«Non siamo riusciti a raggiungere il quorum, ma non tutti hanno giocato pulito in questa partita. L’invito all’astensione venuto dal governo rimane una brutta pagina nella storia della nostra democrazia», commenta Alessandro Giannì, direttore delle campagne di Greenpeace. «Crediamo che Renzi e il suo governo dovrebbero invece ascoltare il segnale che viene dalle urne. Hanno votato, infatti, circa 15-16 milioni di italiani, quasi il doppio di quanti votarono nel 2013 per il PD e – come emerge dai primi dati – in maniera massiccia contro le trivelle. Parliamo dunque di una maggioranza nettissima rispetto al voto che ancor oggi legittima la premiership di Renzi”.Greenpeace chiede al governo di prendere onestamente atto che un gran numero di italiani ha partecipato a questa consultazione per chiedere un futuro energetico diverso e una politica indipendente dalle lobby fossili. Un governo attento alla democrazia, all’indomani di un esito referendario come questo, aprirebbe un serio dibattito pubblico sul futuro energetico del Paese.Greenpeace, inoltre, ha deciso di dare immediato seguito all’impegno referendario. La norma che assegna ai petrolieri concessioni senza una precisa scadenza, infatti, viola lo spirito e la lettera della Direttiva 94/22/CE, recepita dall’Italia con D.Lgsl. 625/96, secondo la quale “l’estensione delle aree costituenti oggetto di autorizzazioni e la durata di quest’ultime devono essere limitate”. Greenpeace si appresta quindi a inviare un atto di denuncia alla Commissione Europea per segnalare questa e altre violazioni che denotano sistematici aggiustamenti delle norme e dei principi del Diritto comunitario a favore degli interessi dei petrolieri. L’impegno di Greenpeace per la tutela dei mari e la rivoluzione sostenibile del sistema energetico non si ferma dunque qui. Si tratta solo di una battuta d’arresto sulla strada verso l’eliminazione dei combustibili fossili, obiettivo irrinunciabile se si vuole proteggere il clima e garantire alle prossime generazioni un Pianeta ospitale.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Community rights widely abused by cobalt mining in Democratic Republic of Congo

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 aprile 2016

cobalt bluesAmsterdam. On April 19, the GoodElectronics Network will organise – in collaboration with SOMO, Friends of the Earth and Stop Child Labour Coalition – a roundtable meeting entitled Responsible Mining for Electronics, which will include representatives of the electronics industry, civil society organisations, SOMO’s fellow Congolese researchers, and experts and policy makers to discuss the problems caused by cobalt mining in DRC.
Research by SOMO reveals that serious human rights violations and environmental pollution are happening in Democratic Republic of Congo as a result of cobalt mining, including water pollution and forced evictions. SOMO’s research shows that these problems are structural. Cobalt is used in rechargeable batteries for smart phones and laptops, and SOMO is calling on electronics companies to take responsibility for the way cobalt in their supply chain is mined. On Tuesday April 19 civil society organisations, companies and electronics manufacturers will meet to discuss the issues surrounding the extraction of minerals such as cobalt at a meeting at the Dutch Ministry of Foreign Affairs.
SOMO has worked with three Congolese organisations to conduct spot investigations of the harmful effects of mining operations of seven Congolese and foreign companies.About half of all mined cobalt comes from DRC, mainly from the province of Katanga. The mining takes place close to towns and villages. Local communities regularly are cut off from their farmland and water sources near mines, without having had a say in the matter. There are several examples of forced relocations of entire villages. Inhabitants of the village Kishiba for example, were forced to move to make way for Frontier, a cobalt and copper mine. Their new homes in Kimfumpa lack the most basic of services such as clean water, fertile farmland, schools and health care.
Cities such as Lubumbashi and Likasi face serious air pollution because of the thousands of trucks that travel to and from the mines throughout the day. Chronic exposure to such dusts can lead to severe lung diseases. Water is unfit for human consumption and agriculture because soil and water in the immediate vicinity of the mines are polluted by discharges of wastewater.
Nobody protects the Congolese people. Congolese mining legislation requires mining companies to initiate and maintain constructive dialogue with communities affected by their projects, but this is almost never done. The Congolese government fails to give its citizens sufficient protection against the abusive practices of large companies.
Electronics sector involvement needed. Around 40 percent of the world’s cobalt is used for rechargeable batteries. The electronics industry is a major user of such batteries, making electronics companies partly responsible for the problems that evolve from the extraction of cobalt. (photo: cobalt blues)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

270 Faith leaders unite for climate change statement

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 aprile 2016

new yorkNew York Chapel of the Church Center of the UN, 777 UN Plaza (1st Avenue and E. 44th Street), New York 18th April 11-12pm. Four days before UN Secretary-General Ban Ki Moon hosts a signing ceremony for the Paris Agreement on climate change adopted by UN negotiators in Paris on 12 December, an Interfaith Climate Change Statement to World Leaders from 270 religious leaders (full text in Annex below and at http://www.interfaithstatement2016.org) supporting this pact while also urging much more ambitious action will be handed over to the President of the UN General Assembly, Ambassador Mogens Lykketoft at a high-level event on 18 April. (Location: Chapel of the Church Center for the UN, 777 Dag Hammarskold Plaza).Eminent signatories (full list in Annex below) include: Bishop Marcelo Sánchez Sorondo, Chancellor of the Pontifical Academies of Sciences and Social Sciences of the Holy See, Archbishop Emeritus of Cape Town the Most Rev. Desmond Tutu, Rev. Dr Olav Fykse Tveit, General Secretary, World Council of Churches, Swami Aginivesh, Chief Rabbi Shear Yashuv Cohen, Grand Imam Maulana Syed Muhammad Abdul Khabir Azad, Sister Jayanti Kirplani, Priestess Beatriz Schulthess and Sheikh Naqshbandiyya-Mujaddidiyya Sufi Order.
In addition to the high level signatures, the Statement is supported by 4,639 individuals and 86 groups from all over the world who have shown their support online by using the hashtag #Faiths4ParisAgreement.
The handover will take place between 11am and 12pm EDT (GMT 3-4pm) in the chapel of the Church Center for the UN, East 45th St and 1st Avenue, New York and be immediately followed by a press conference at the same location, featuring all the speakers at the event. A press release reporting highlights of the handover ceremony and subsequent media briefing will be issued as from 1pm EDT (GMT 5pm). Program details are given below this release. The Statement supports the full and ambitious implementation of the Paris Agreement and of all other decisions adopted at the 21st Conference of Parties to the United Nations Framework Convention on Climate Change (COP 21) last December (www.unfccc.int). The Statement also reaffirms the faith community’s support for more ambitious climate action – including the swift phase out of fossil fuel subsidies, accelerating the transition to 100% renewable energy – as well as for the commitment in the Agreement to ´pursue efforts´ to limit the global temperature rise to no more than 1.5C above pre-industrial levels.
“The planet has already passed safe levels of greenhouse gases in the atmosphere. Unless these levels are rapidly reduced, we risk creating irreversible impacts putting hundreds of millions of lives, of all species, at severe risk” the Statement´s initial section warns.
Both the Statement and the 18th April event serve to renew the strong commitment of the faith community to remain active in defining humanity´s moral responsibility to care for the Earth, as so powerfully stated in the Pope’s Encyclical, as well as in climate change statements by Buddhist, Christian, Hindu, Jewish, Islamic, Sikh and other faith leaders.
Archbishop John Ribat, President of the Federation of Catholic Bishops´ Conferences of Oceania said “we are heartened by the growing international concern about climate change and global warming. The protection of the atmosphere and the oceans are powerful examples of the need for political representatives and leaders of nations to take responsibility for the wellbeing of peoples beyond their own particular shores or borders. In some cases, entire regions and nations are under threat from the indisputable fact of rising sea levels.” “The environment has been damaged primarily by human beings. It is human karma that we suffer as a result of our irresponsible selfish actions. It is our chance to be really responsible for our action with sincere reflection and wholesome action to the earth with a kind compassionate mindful-heart, said Ven. Dr. T. Kenjitsu Nakagaki, President of the Buddhist Council of New York “The environmental crisis is ultimately a crisis of the heart. The more we are disconnected from one another and from God, the more we are disconnected from Mother Earth. We must therefore strive to re-establish our relationship with the earth. To see the rivers, plants, animals and trees with equal vision – understanding that their is no hierarchy, that all life is sacred. By doing so we can begin the journey of restoring love and beauty to the world,” according to His Holiness Radhanath Swami, International Society for Krishna Consciousness.
The Rev. Martin Junge, General Secretary of the Lutheran World Federation stated “climate change is the daily reality of people and communities who struggle to cope with adverse impacts of extreme weather events. It is neither abstract nor theoretical but rather a struggle for justice between people living in different places and between generations. Faith-based communities play a major role in advocating for a conversion of hearts and minds in order to bring about the necessary lifestyle changes to meet the effects of climate change. In addition they help us redefine and understand anew what matters most in life, now and in the future.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Collector David Gainsborough-Roberts to Offer Exquisite Marilyn Monroe Collection at Julien’s Auctions

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 aprile 2016

Marilyn MonroeLondon Wednesday, May 25 — Monday, June 20th, 2016 Monday — Saturday: 10:00 a.m. — 7:00 p.m. Design Centre, Chelsea Harbour Lots Road. SW10 0XE. No Business Like Show Business GownBeverly Hills, California Julien’s Auctions, the world record breaking auction house to the stars, has announced the auction of the David Gainsborough-Roberts Marilyn Monroe Collection. Comprising film costumes, personal gowns and clothing, jewelry, and property owned by Marilyn Monroe, together with original photographs and film posters, this prolific and historic collection is undoubtedly the most important Marilyn Monroe archive of combined professional and personal property to hit the collecting market in decades. Collector David Gainsborough-Roberts is known to have amassed the world’s largest collection of Marilyn Monroe memorabilia which he has carefully and lovingly curated for years.Some Like it Hot Cocktail DressFilm worn costumes included in this sale cover an extensive portion of Marilyn’s acting career, from “Niagara,” released in 1953, to “Some Like It Hot,” released in 1959. Seven of Marilyn’s most notable films are represented in this auction with many created by award winning designers and well known costumers of Hollywood yesteryear.Extraordinary highlights from the screen icon’s life include the sheer beaded and sequined dress Monroe wore as she crooned “I’m Through With Love” in the award winning film “Some Like it Hot,” which today is considered one of the greatest comedy films ever. The film won the best picture Golden Globe in 1960. Monroe won a Golden Globe award for her portrayal of Sugar Kane, perhaps one of her most famous roles. Orry-Kelly won the 1959 Academy Award for costume design for his work on this film. Other highlights include the white full-length gown of satin with sheer overlay embellished with faux pearls created by Academy Award nominated designer Beatrice Dawson and worn by Marilyn in “The Prince and The Showgirl,” the second of two films produced by Marilyn Monroe Productions. The Academy Award nominated designer Beatrice Dawson created this costume. Monroe won the French and Italian equivalents of the American Academy Award for her portrayal of Elsie Marina in this film opposite Sir Laurence Olivier.
no businessHow to Marry a Millionaire Earrings“Marilyn Monroe is one of the biggest and most endearing screen icons of our time,” said Darren Julien, Founder & CEO of Julien’s Auctions. “We are so honored to be working with David Gainsborough-Roberts with his incredible collection of Marilyn Monroe artifacts. He has meticulously archived so many important aspects of Marilyn’s career and personal life.”
Seven Year Itch GlovesThe elaborate stage costume worn by Marilyn as she sang, “After You Get What You Want You Don’t Want It” in the 1953 comedy “There’s No Business Like Show Business,” designed by one of Marilyn’s all-time favorite designers, Academy Award winning designer William “Billy” Travilla, is also part of the collection being offered by Julien’s Auctions. Other costumes includes the green satin one-piece with black sequins and gold fringe Marilyn wore as she sang “That Old Black Magic” in “Bus Stop”, which was the first of two films produced by her new production company, Marilyn Monroe Productions.
Bus Stop CostumeMarilyn Monroe New Faces AwardMarilyn received a Golden Globe nomination for her portrayal of Cherie, and the film itself was nominated for the Best Motion Picture-Musical or Comedy Golden Globe, and also the famous “wiggle dress” designed by Dorothy Jenkins for the 1953 thriller “Niagara.” This feature film established Marilyn as a star, and showcased her dramatic acting abilities. While ultimately not worn in the film, Marilyn wore this dress to various events and for publicity photos.
Additional film pieces offered include costumes from “Gentlemen Prefer Blondes,” “Let’s Make Love,” and “The Misfits,” along with a pair of rhinestone earrings worn by Monroe in “How To Marry A Millionaire.” Publicity worn items include the 19th century style bodice Monroe wore when she was photographed by Jack Cardiff in 1957, and also the lilac colored satin leotard Marilyn wore to be photographed by Richard Avedon when she posed as Lillian Russell for a 1958 feature in Life magazine. Personal wardrobe pieces from Marilyn Monroe include a black cocktail dress by Ceil Chapman, a favorite of Marilyn’s, and also the full length evening gown Marilyn wore to the 1955 premiere of “The Rose Tattoo.”
Bus Stop Cast Signed Stetson“More than half a century after her death, the world remains fascinated by Marilyn Monroe’s beauty and talent,” said Martin Nolan, Executive Director of Julien’s Auctions. “The collection David has amassed over the years is beyond incredible. The amazing costumes, personal items, and archived materials will set a new standard for auctions of Marilyn Monroe artifacts. Without a doubt, this auction is unprecedented in every way imaginable and Julien’s Auctions is proud to host it.”
Additional highlights include personal prescriptions, evening gloves, jewelry, shoes, household items, and Marilyn Monroe’s Detroit Free Press “New Faces Award” from 1952. (foto: Marilyn Monroe, no business)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A Napoli il Congresso Nazionale dei Geologi

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 aprile 2016

campi flegrei2Napoli 28 – 30 Aprile. “Si stima che tre milioni di italiani vivano in zone a elevata sismicità, soprattutto lungo la dorsale appenninica del Centro e Sud Italia (dalle Marche alla Calabria fino alla Sicilia), quasi 21 milioni in aree a media sismicità, più di 15 milioni e mezzo in aree a bassa sismicità e circa 20 milioni in aree a sismicità minima”. Lo ha affermato Domenico Angelone, Consigliere Nazionale dei Geologi, alla vigilia del Congresso Nazionale in programma a Napoli con la presenza, per la prima volta di un parterre politico davvero importante. “In Italia le risorse economiche impiegate negli ultimi cinquant’anni per i ripristini e le ricostruzioni post-evento dei terremoti, ammontano a circa 145 miliardi di euro. A ciò – ha proseguito Angelone – si devono aggiungere le conseguenze non traducibili in valore economico sul patrimonio storico, artistico, monumentale, nonché il pesantissimo contributo in vite umane. Nonostante ciò le istituzioni da sempre hanno investito pochissimo nella conoscenza del territorio e ancor meno nella prevenzione, ed anche quando si è investito in conoscenza, le risultanze sono state spesso disattese
Negli ultimi 230 anni si sono susseguite ben 40 leggi a tutela del corretto costruire eppure ogni terremoto, puntualmente, si trasforma in catastrofe”.Dopo la tragedia de l’Aquila del 2006 anche se lentamente e con molta fatica sono stai avviati i primi passi verso una politica di prevenzione e di messa in sicurezza del patrimonio edilizio. “Con il Decreto Abruzzo – Programma nazionale di prevenzione del rischio sismico – Convertito in legge 77/2009 – ha dichiarato Nicola Tullo , Presidente dell’Ordine dei Geologi dell’Abruzzo – per la prima volta è stato istituito un Fondo con risorse statali per finanziare attività di prevenzione del rischio sismico su tutto il territorio nazionale. La Stato, riconoscendo nella microzonazione sismica un tassello fondamentale nella prevenzione e nella riduzione del rischio sismico ai fini della pianificazione territoriale, della progettazione sismica, della pianificazione dell’emergenza e della ricostruzione post-sisma, ha deciso di co-finanziare un programma per permettere a tutti i comuni a media ed alta sismicità di poter eseguire studi di microzonazione sismica dei centri abitati.Si è dato, così, avvio ad un grande cantiere di “conoscenza geologica del territorio” che sta impegnando numerosi geologi in tutta Italia, anche se in maniera disuniforme e talvolta con ritardi, con affidamenti a soggetti diversi dai geologi liberi professionisti, con la difficoltà di tanti comuni di co-finanziare gli studi.Come sono altrettanto disuniformi, le procedure per il rilascio delle autorizzazioni sismiche che vedono tante regioni operare ancora in regime “di deposito”, con uffici titolati al rilascio delle autorizzazioni diversi e, nella stragrande maggioranza delle regioni, con una assurda assenza di geologi negli organi di controllo.
Il Congresso 2016, sarà l’occasione per fare il punto sullo stato di attuazione e di avanzamento degli studi di microzonazione sismica e di CLE, in rapporto alle varie OPCM che si sono susseguite e lo stato delle “autorizzazioni sismiche” nelle varie Regioni al fine di poter formulare delle proposte concrete per uniformare i comportamenti e le procedure, utilizzare compiutamente i risultati degli studi per la prevenzione del rischio sismico, valorizzando sempre di più a figura del geologo”. Info e programma su http://www.congressonazionalegeologiitaliani.it

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Calder’s Voyage To India – New York, 10 May 2016

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 aprile 2016

calderNew York – Christie’s will present a time-capsule collection of sculptures by Alexander Calder (1898-1976), created before and during his three-month visit to India in 1955, as a highlight of the forthcoming Post-War and Contemporary Art Evening Auction on 10 May 2016 at Christie’s, Rockefeller Plaza, New York. The works capture Calder’s special relationship with the Sarabhai family, who hosted the artist for three weeks at their home in Ahmedabad, and testify not only to Calder’s ability at the height of his powers, but also to the extraordinary cultural dialogue fostered by the architect Gira Sarabhai and her family following the Indian Independence Act of 1947. Coming to auction for the first time, the works are a focal point of 20th Century at Christie’s, a series of sales that takes place from Tuesday 3 May – Friday 13 May in New York. A selection of works are on view at Christie’s, King Street, London until 17 April alongside more highlights from the Post-War and Contemporary Art, Impressionist and Modern, and American Art auctions.
Francis Outred, Chairman and International Head of Post-War and Contemporary Art, EMERI: ‘This outstanding group of works not only represent an untold chapter in the story of Calder’s development but also capture a moment of fascinating cultural exchange, borne of the Sarabhai family’s international vision at a critical turning point in India’s history. This pioneering approach to patronage brought some of the twentieth century’s most celebrated artists, designers and architects to the region, including Isamu Noguchi, Robert Rauschenburg, Charles and Ray Eames and Le Corbusier; whose complete redesign of the city of Chandigarh is a landmark in building design and urban planning. As one of the first artists to truly take advantage of commercial air travel, Calder’s journey to India breathed new life into his practice, giving rise to some of his most dynamic and evocative works. In their symphony of form, colour and motion, they encapsulate the full breadth of Calder’s ground-breaking contribution to sculpture. We are excited to share this story in the Post-War and Contemporary Evening Auction.’ (photo: calder)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Europe, still undervalued

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 aprile 2016

European_Investment_Bank_-_LuxemburgSince little mention is made any more today about an imminent crash in China or the next recession in the US, let’s use this as an opportunity to focus on Europe. We completely disagree with the negative message that circulates on the subject of the European economy. This message can be summarised in a few points. First, there is no tangible recovery, but at best a catch-up dependent on positive but short-lived external shocks (oil and euro). Second, deflation is around the corner and an ageing Europe is bound to follow Japan’s path with a 20-year lag. Third, the ECB’s monetary policy is ineffective, if not frankly dangerous. Lastly, Europe’s political disintegration is so advanced that the economy will not withstand it.
Economic recovery – Among the world’s biggest regions, Europe is the only one where growth exceeded forecasts in 2015, despite all that would normally have derailed the recovery: the equity market correction, the slowdown in emerging countries, the euro’s re-appreciation, the migration crisis, terrorist attacks, and so on. Everything suggests that the pace of activity continued to accelerate at the start of 2016. Eurozone growth is today running above its admittedly weak potential rate, freeing up unemployed resources. It is totally incorrect to say that this economic recovery is driven by external trade, as imports (a reflection of domestic demand) have grown far more quickly than exports (the global cycle) since 2013. Of course, Europe and its principal exporter, Germany, are not invulnerable to the weakness of global demand, but at present this is more than offset by demand in the domestic private sector. Households are benefiting from favourable financial conditions, the improvement in the job market, the end of fiscal consolidation programmes and low prices, as well as lower energy bills. Property prices have begun to pick up, pointing to a recovery in residential investment. Companies’ capital expenditure is also rising.
Deflationary risk – If Europe did not sink into deflation in 2012 amid an economic recession, a clean-out of private-sector balance sheets, a rarely equalled fiscal restriction, an intense banking crisis and serious doubts about the euro’s survival, the chances of this occurring in a fully recovering economy benefiting from a highly stimulating policy mix are close to nil. The deflation fable does not tally with the current behaviour of households, who are spending, nor with that of companies, which are starting to hire again, nor with that of banks, which are lending. That said, the weakness of inflation makes economic adjustments more difficult between economic agents and between countries.
Monetary policy – To judge the ECB’s action, a counterfactual analysis is useful. We do not see how growth and inflation would have been better if the ECB had not launched large-scale monetary easing in mid-2014. Bank stress would have been more intense, lending rates would have been higher and fragmentation would have been greater. There is no doubt that the ECB’s policy is effective in the first analysis. This judgement does not rule out some criticisms. The ECB has played on the risk of deflation to justify its action, finding itself trapped by market pressure to do more and more (hence the surrealist debate today about the “helicopter money” option). It seems to us that its action has lacked continuity, favouring first a credit stimulus, then wealth effects, then a weakening of the euro, without these changes being fully understood. To be fair, exceptional circumstances may explain some shilly-shallying. In any case, inaction was not an option.
Political risk – Political uncertainty is the area in which it is hardest to be confident. As an institution, Europe has a democratic deficit, reflected in the wave of mounting euroscepticism across the region in recent years. However, political risk is less predominant than it may have been at the depth of the sovereign debt crises. In the short term, the principal unknown is the outcome of the Brexit referendum. In case of Brexit, both parties would have to negotiate their divorce while also negotiating their remarriage. Some say or wish that this will open the door to a Frexit, Nexit, Gerxit or Itaxit. We think this is highly unlikely, with elections due to be held in the next two years in France, Germany, the Netherlands and Italy. The basic survival instincts of Europe leaders are a powerful force for resisting disintegration. They are not yet a force for integration.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra “Metafisica del Paesaggio”

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 aprile 2016

Arnaldo CiarrocchMacerata Venerdì 22 aprile, ore 17 Musei Civici di Palazzo Buonaccorsi – Macerata, Via Don Minzoni, 24 presentazione mostra: “Metafisica del Paesaggio”. Organizzazione e cura: Ordine degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Provincia di Macerata in collaborazione con il Comune di Macerata.(Durata: dal 22 aprile al 22 maggio 2016. Orario: lunedì chiuso, (aperto solo lunedì 25 aprile) dal martedì alla domenica ore 10 – 18. Catalogo: Edito da O.AA.P.P.C. Macerata. La visita alla mostra è inclusa nel biglietto di ingresso ai Musei civici: intero 3 euro, ridotto 2 euro). il Renato Gattacritico d’arte Roberto Cresti inaugurerà la mostra “Metafisica del Paesaggio” degli artisti: Ubaldo Bartolini, Arnaldo Ciarrocchi, Renato Gatta, Paolo Gubinelli, Carlo Iacomucci, Giuseppe Mainini, Riccardo Piccardoni, Sandro Polzinetti, Francesco Roviello. L’esposizione, curata e organizzata dall’Ordine degli Architetti della Provincia di Macerata comprende 55 opere di sei pittori, due fotografi e uno scultore.
Accompagna la mostra, un catalogo delle opere presenti in mostra, edito dall’Ordine degli Architetti P.P.C. di Macerata.
La mostra vuole dare un contributo ai modi di interpretazione/rappresentazione del paesaggio, percorrendo le strade parallele della pittura, fotografia, scultura.
Gli architetti promuovono una riflessione sulla complessità delle trasformazioni territoriali, sul recupero e sulla tutela del paesaggio. Avviare un dibattito su questi temi è l’obiettivo del convegno “Paesaggio in trasformazione” che si terrà il 29 aprile 2016, alle ore 16, presso Auditorium S.Paolo di Macerata. Interverranno: Dott. Giovanni Sala dello studio LAND, (Landscape Architecture Nature Development), un gruppo di professionisti a servizio dell’architettura del paesaggio fondato nel 1990 a Milano da Andreas Kipar e Giovanni Sala, che fonda le basi della propria attività sulla sperimentazione; Massimo Angrilli, Professore associato in Urbanistica presso il Dipartimento di Architettura, Università degli studi G. d’Annunzio di Chieti-Pescara; Biagio Guccione, Docente di Architettura del Paesaggio all’Università di Firenze, impegnato da più di trent’anni a promuovere l’architettura del paesaggio in Italia attraverso la didattica, la ricerca, la divulgazione scientifica e l’attività professionale; Giuseppe Cappochin Presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori. (foto: Arnaldo Ciarrocchi,Renato Gatta)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Migranti: occorre un piano strategico per superare le criticità

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 aprile 2016

migranti“È fondamentale predisporre un piano pluriennale di accoglienza per far fronte all’aumento di flussi di richiedenti protezione internazionale. Un piano da costruire insieme a tutti gli attori della società civile(terzo settore, parrocchie, volontariato) con la regia di un Comune nuovo non più dirigista, ma che abbia come faro la sussidiarietà. Il tema dei migranti e’ delicatissimo, ma dobbiamo distinguere fra chi richiede asilo e gli irregolari che non possono essere accolti”.Cosi’ Mariastella Gelmini, candidata capolista di Forza Italia alle prossime amministrative di Milano e coordinatrice lombarda di Forza Italia in seguito all’appello del direttore della Caritas Ambrosiana, Luciano Gualzetti. “Fino ad a oggi – continua Gelmini – a Milano è mancata ogni forma di strategia, perché in questi cinque anni c’e’ stato esclusivamente un approccio ideologico. Adesso il tempo è scaduto! La sinistra ha fallito e i cittadini si sentono abbandonati. Ci sono associazioni impegnate da sempre nel volontariato, espressione autentica e genuina della solidarietà ambrosiana. Nostro dovere e’ non solo ascoltarle, ma condividere con loro le strategie giuste”, conclude Gelmini.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Quarta personale di Loredana Longo dal titolo, Victory

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 aprile 2016

loredana longoPalermo venerdì 22 aprile 2016, ore 18.00 durata: 22 aprile – 22 giugno 2016 Galleria Francesco Pantaleone arte Contemporanea, via Vittorio Emanuele 303. Orari apertura galleria: dal martedì al venerdì, 10.30-19.30 e sabato 10-30-18.30 (domenica e lunedì chiusi) quarta personale di Loredana Longo (Catania, 1967) dal titolo, Victory, a cura di Valentina Bruschi e da uno scritto della giornalista franco-marocchina Zineb El Rhazoui.
L’artista, che ha coinvolto tutto lo spazio della galleria in una grande installazione site-specific che collega tutti i lavori in mostra, presenta una serie di opere nuove, realizzate appositamente per l’occasione, che danno il titolo all’esposizione. Si tratta di arazzi in velluto sui quali l’artista è intervenuta direttamente con delle bruciature che – attraverso la sottrazione della materia – disegnano i paesaggi di distruzione che ogni giorno ci restituiscono i media. La parola “Victory”, presente in tutti gli arazzi della serie, è ripetuta – ossessivamente – anche in un gruppo di sculture in marmo.(foto: loreedana longo)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra “Pro Biennale”

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 aprile 2016

sgarbiVenezia 8 maggio 2016 presso lo storico Palazzo Giustinian Faccanon in San Marco 5016 l’esclusivo spazio veneziano della Milano Art Gallery Pavilion accoglierà un doppio appuntamento di prestigio in data 8 maggio 2016, con la festa per il compleanno del noto critico Vittorio Sgarbi e il vernissage della mostra “Pro Biennale” in cui Sgarbi sarà ospite d’eccezione. Ad organizzare i due eventi di prestigio è il manager della cultura SALVO NUGNES, direttore delle Milano Art Gallery. L’esposizione, che raccoglie opere di un selezionato gruppo artisti di fama del panorama attuale, italiani e stranieri, resterà allestita in loco fino al 30 maggio 2016 ed è visitabile ad ingresso libero.
Durante i festeggiamenti in onore di Sgarbi, è prevista la partecipazione straordinaria di rappresentanze istituzionali di zona e di personaggi vip, suoi amici ed estimatori, tra cui Bruno Vespa, Francesco Alberoni, Mario Biondi, Cristiano De André, Paolo Limiti, Alviero Martini, Dalila Di Lazzaro, Alba Parietti, José Dalì e altri nomi di spicco. (foto: sgarbi)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Confimprenditori: “ sul credito c’è uno “spread” che divide il Paese”

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 aprile 2016

produzione-industrialeL’Italia è un paese diviso in due anche quando si tratta di accesso al credito: lo rileva un’analisi di ImpresaLavoro per Confimprenditori. Il report, basato su dati della Banca d’Italia, segnala come le condizioni a cui le imprese accedono al credito variano moltissimo da regione a regione. Per quanto riguarda i tassi di interesse medi su anticipi e fidi in conto corrente, la modalità più immediata di accesso al credito per le imprese, si passa da un tasso annuo del 4,65% del Trentino Alto Adige al 7,98% della Calabria. Uno “spread” davvero elevato, di più di tre punti percentuali, e che ha motivazioni geografiche ben identificabili. Le cinque regioni in cui il denaro costa meno agli imprenditori sono, infatti, Trentino Alto Adige, Lombardia (4,98%), Piemonte (5,2%), Emilia Romagna (5,26%) e Veneto (5,27%). In coda alla classifica troviamo, per converso, Calabria, Campania (7,57%), Umbria (7,56%), Sicilia (7,4%) e Puglia (7,33%). Questa differenza territoriale si riscontra anche se si allarga il campo di indagine al credito erogato a medio-lungo termine. Sulle nuove operazioni a scadenza, infatti, le imprese che operano nel Mezzogiorno si vedono praticare dal sistema bancario uno “spread” su base annua dell’1,37% per operazioni entro l’anno, dell’1,09% per finanziamenti tra 1 e 5 anni e dello 0,79% per finanziamenti oltre i 5 anni. Un incremento importante se si considera che il tasso medio per operazioni a cinque anni in Lombardia e Piemonte è del 3,02%. Quel che colpisce è che, nonostante l’iniezione di denaro arrivata grazie all’intervento della BCE di Mario Draghi, queste differenze territoriali sembrano andate aumentando negli ultimi anni. Paradossalmente, infatti, pur con un costo del denaro più elevato lo “spread” tra regioni risultava più contenuto nel 2012 di quanto non si riscontri oggi.
“Nemmeno il Quantitative Easing sembra essere riuscito a migliorare sensibilmente le condizioni di accesso al credito delle nostre imprese – commenta il presidente della Confimprenditori, Stefano Ruvolo – Nonostante gli interventi straordinari della BCE e qualche timido segnale di ripresa dei prestiti concessi al complesso del settore privato, i volumi degli impieghi bancari italiani diretti alle aziende risultano stagnanti. A questo dobbiamo aggiungere la peculiare condizione, tutta italiana, di condizioni di credito che variano così tanto da regione a regione. Non consentendo alle banche di fare dei distinguo a livello territoriale, fare impresa in Calabria diventa molto più faticoso che in Trentino-Alto Adige. Il risultato è che nel Sud del paese, che vive già una condizione difficile, intrappolato in una morsa di burocrazia e disoccupazione che ne limita le possibilità di crescita, se anche l’accesso al credito diventa più complesso che altrove, allora è davvero difficile immaginare un cambio di rotta in tempi brevi”. (tabelle: costo credito)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bi-personale di Jano Sicura e Franco Lippi

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 aprile 2016

lippiBadia 1 (Ortigia) Sabato 30 aprile alle ore 19.00 nella Galleria d’arte contemporanea Montevergini, in Via Santa Lucia alla Badia 1 (Ortigia), sarà inaugurata la bi-personale “Formalmente” di Jano Sicura e Franco Lippi, a cura di Nino Portoghese e Annibale Vanetti. L’inaugurazione sarà preceduta da un’azione scenica dal titolo “Trasversale” a cura di Giannella D’Izzia, con Giorgia Matarazzo, Barbara Corso, Lina Lombardo, Carlos Anguilera.La mostra itinerante, promossa e organizzata dall’Associazione “L’arco e la fonte” di Siracusa, fa parte di un progetto di scambi artistico-culturali internazionali tra l’Italia e l’Argentina che ha ricevuto il patrocinio, tra gli altri, del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale, dell’Ambasciata della Repubblica Italiana in Argentina, del Ministerio de Cultura Buenos Aires Ciudad e il sostegno dei Rotary Club Siracusa Monti Climiti e Siracusa Ortigia.La mostra resterà a Siracusa fino al 29 maggio (visite: da martedì a domenica, ore 9.00-13.00 e 16.00-20.00, ingresso libero), per poi trasferirsi al Museo d’arte contemporanea San Rocco di Trapani dal 19 giugno al 20 agosto. Poi, dal 17 settembre al 18 ottobre, la mostra sarà ospitata al Museo de Artes Plasticas Eduardo Sivori di Buenos Aires; quindi al MACLA Museo de Arte Contemporanea Latinoamericano di La Plata dal 5 novembre al 3 dicembre.“Formalmente” allude alla forma che la mente degli artisti impone al caos della materia e del colore, rielaborandola nelle opere d’arte. In mostra i dipinti e le sculture di due artisti accomunati, pur nella diversità, dall’esperienza dell’emigrazione: diretta per Jano Sicura, formatosi in Germania; indiretta, vissuta attraverso il racconto dei suoi avi, nel caso di Franco Lippi, argentino dalle origini italiane.«Il primo – scrive Nino Portoghese nel catalogo – coniuga la sua matrice mediterranea legata agli elementi primordiali del fuoco e del metallo ad un segno espressionistico mitteleuropeo carico di tensioni emotive originarie. Il secondo ha fatto, del suo mestiere di artista, un andar per mare gettando scandagli alla ricerca di una verità della pittura che ci riveli, alfine, a noi stessi».Per Annibale Vanetti le «crisalidi solide e ferrose» di Jano Sicura «vivono in una dimensione altra dello spazio-tempo, misteriosa e sospesa». Sono come «apparizioni capaci di trattenere in sé ogni riflesso luminoso, stati embrionali di una vita nascosta e segreta che, tragicamente, non vuole rivelarsi, germi di forme di vita mai nate ma solo poeticamente immaginate in infiniti mondi ancora possibili». Artisticamente intrigante la loro giustapposizione ai nuovi lavori di Franco Lippi che – continua Vanetti – sono «Pieni di sole e intrisi d’acqua marina», «pronti per varcare “la distanza Atlantica” ed approdare in terra di Sicilia» e «sembrano nati da un sogno di “rinascita” : quello di un ritorno a nuova luce mediterranea permeata di colori squillanti ed irrequieti e filtrata da un cristallino liquido amniotico fonte di nuova vita». (foto: lippi)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuova classe di molecole attive contro il virus HIV

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 aprile 2016

biblio università parmaParma. I risultati delle ricerche sono stati oggetto di un brevetto congiunto con gli altri Atenei che partecipano al lavoro di ricerca. L’Università di Parma è il principale soggetto, con la partecipazione al 40 per cento. Il gruppo di ricerca coordinato dal dott. Nicola Della Ca’ del Dipartimento di Chimica dell’Università di Parma ha messo a punto un’efficace strategia per la preparazione di nuove molecole attive nei confronti del virus HIV, responsabile dell’AIDS. L’importante risultato del gruppo di ricercatori del nostro Ateneo è giunto a coronamento di anni di studi condotti dal dott. Della Ca’ nel campo della catalisi sotto la guida del prof. Mirco Costa, da poco ritirato in pensione. Il lavoro è stato condotto in collaborazione con altri Istituti di Ricerca italiani, in particolare con il gruppo di ricerca dell’Università della Calabria (prof. Bartolo Gabriele), dell’Università di Roma Tor Vergata (dott.ssa Beatrice Macchi), dell’Istituto di Farmacologia Traslazionale del CNR di Roma (dott. Antonio Mastino) e dell’Università di Messina (prof. Roberto Romeo). I risultati delle ricerche fin qui ottenuti sono stati oggetto di un brevetto congiunto dell’Università di Parma, dell’Università della Calabria, dell’Università di Roma “Tor Vergata”, del CNR di Roma e dell’Università di Messina, depositato in data 4/3/2016. Il brevetto depositato, che vede come principale soggetto (40%) proprio il nostro Ateneo, sancisce la proficua collaborazione dei gruppi di ricerca implicati e sarà il trampolino di lancio sia per iniziare i test in vivo sulle molecole ottenute, sia per individuare molecole ancora più attive per il trattamento dell’AIDS. Attualmente, l’assenza di una terapia profilattica e la mancanza di vaccini in grado di trattare o di prevenire lo sviluppo dell’AIDS accrescono l’esigenza di nuovi farmaci anti-HIV che siano efficaci, poco tossici e non concorrano alla formazione di forme resistenti. Le ricerche condotte hanno permesso di individuare una nuova classe di principi attivi caratterizzati da una specifica attività anti-HIV e da un grado di tossicità particolarmente basso, che potrà pertanto consentire di effettuare trattamenti anche prolungati, minimizzando gli effetti collaterali sul paziente. I test farmacologici condotti in vitro hanno dimostrato come le nuove molecole presentino un rapporto tra attività anti-HIV e tossicità molto favorevole, anche superiore a quello di molecole antivirali attualmente presenti in commercio come Etravirina e Ripilvirina.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Siglato un accordo tra l’Università di Parma e l’Université Internationale de Rabat

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 aprile 2016

rabatSi rafforza la collaborazione accademica tra Parma e il Marocco. Questa mattina nella sede dell’Università di Parma è stato infatti firmato un protocollo di cooperazione tra l’Ateneo e l’Université Internationale de Rabat (UIR), una giovane università, frutto di un partenariato pubblico-privato, che già conta numerosi accordi e scambi con Atenei europei. L’intesa è stata siglata da Loris Borghi, Rettore dell’Università di Parma, e da Abdelhafid Debbarh, consigliere delegato dal Presidente UIR Nourredine Mouaddib, a capo di una delegazione di docenti e studenti che oggi ha fatto tappa a Parma nell’ambito di una più ampia visita accademica in Italia. All’incontro hanno partecipato anche Francesca Zanella, Pro Rettrice agli Affari generali con delega all’Internazionalizzazione, Carlo Mambriani, Presidente del Corso di Laurea in Scienze dell’Architettura, e Paolo Ventura, Presidente del Corso di Laurea Magistrale in ArchitetturaIl protocollo prevede scambi di docenti e studenti per limitati periodi di tempo, la produzione congiunta di pubblicazioni, lo sviluppo di progetti di ricerca di interesse comune, la creazione e lo sviluppo congiunto di attività di formazione innovative, l’organizzazione di conferenze e seminari.Al protocollo si aggiunge un “addendum” specifico tra il Dipartimento di Ingegneria Civile, dell’Ambiente, del Territorio e Architettura DICATeA dell’Università di Parma e l’Ecole d’Architecture de Rabat sui temi della conservazione del patrimonio culturale, della pianificazione urbana e paesaggistica e sull’architettura sostenibile: il documento è stato firmato dalla Direttrice dell’Ecole d’Architecture de Rabat, Prof.ssa Imane Bennani, alla presenza dei responsabili locali Prof.ssa Maria El Glaoui per l’Ecole d’Architecture de Rabat e Prof.ssa Eva Coïsson per il DICATeA; il Direttore del DICATeA Paolo Mignosa, assente per un impegno istituzionale, l’aveva già siglato nei giorni scorsi. Le due iniziative di oggi implementano un rapporto che va avanti da tempo e ha già prodotto i suoi frutti, già ufficializzato da un primo protocollo di collaborazione tra l’Università di Parma e l’Ecole Nationale d’Architecture a Rabat. È infatti una decina d’anni che, grazie ai contatti tra il Prof. Carlo Blasi dell’Università di Parma (ora in pensione) e la Prof.ssa Imane Bennani vengono svolte tesi in restauro su tematiche legate al Marocco da parte di studenti del corso di laurea magistrale in Architettura. Una ventina di studenti dell’Università di Parma hanno già svolto periodi più o meno lunghi in Marocco (in alcuni casi anche con borse di studio ad hoc), accompagnati da docenti dei corsi di studio in Architettura e supportati localmente dalla Prof.ssa Bennani e dai suoi collaboratori. Hanno svolto rilievi e analisi su edifici, centri storici, siti archeologici, per poi rientrare in Italia e applicare le conoscenze acquisite nei corsi sul tema del restauro per proporre interventi di conservazione e valorizzazione dei siti.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Presentazione del libro della psicologa Simona Raspelli “Anche la luna è capovolta”

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 aprile 2016

raspelli1

raspelli

Milano giovedì 21, nella libreria Les Mots, nella zona Isola (via Carmagnola ang. Via Pepe 14), alle 19.30, presentazione del libro edito da Diabasis con i racconti di viaggio di una psicologa italiana, Simona Raspelli. L’organizzazione di promozione sociale “Psychologists for human rights”( nata a Milano nel 2012 con l’obiettivo di lavorare per i diritti umani sia in Italia che all’estero ,ad esempio in Palestina) , ha avviato un corso dedicato al rapporto tra Trauma – Narrazione – Resilienza e Resistenza non violenta, con il supporto di Casa della Carità presieduta da don Colmegna.
All’evento, parteciperanno l’autrice (la psicologa Simona Raspelli), Giancarlo Airaghi del VISPE (Volontari Italiani Solidarietà Paesi Emergenti In 109 pagine struggenti emozionanti drammatiche,piene di sapore e poesia, quello che “due occhi qualunque hanno visto e due orecchie qualunqueascoltato” in due angoli emblematici del mondo: la testimonianza in Burundi ed in Palestina di una volontaria, una psicologa dottore di ricerca, Simona Raspelli, mia figlia.
Simona Raspelli, nata a Milano nel 1980, dopo la laurea in Psicologia ha deciso di proseguire lo studio della Psicologia Positiva con un dottorato di ricerca su ottimismo e condivisione delle emozioni. Successivamente ha lavorato all’Istituto Auxologico Italiano in progetti di ricerca europei sull’utilizzo delle nuove tecnologie in relazione a ictus e stress psicologico,partecipando anche ad un progetto in alta quota, sul Monte Rosa, alla capanna Margherita, con un gruppo di cardiologi. Counselor dal 2009, collabora con Fondazione ABIO Italia Onlus per la formazione ai volontari per il bambino in ospedale e con l’Associazione A.M.A. (Auto Mutuo Aiuto) di Milano, Monza e Brianza per le consulenze ai gruppi per il lutto e la separazione. Dal 2012, dopo aver partecipato a due percorsi formativi, ha fatto due viaggi di alcuni mesi di volontariato in Burundi col VISPE (Volontari Italiani Solidarietà Paesi Emergenti) e un viaggio di conoscenza in Palestina, a visitare campi profughi e villaggi sotto assedio militare e ascoltare testimonianze di volontari internazionali. Dal desiderio di raccogliere e condividere queste esperienze nasce il suo primo libro. (foto: raspelli)

Posted in Cronaca/News, recensione, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Ungheria: una prospettiva per l’internazionalizzazione delle imprese”

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 aprile 2016

ungheria-budapest-2Roma martedì 19 aprile 2016, ore 14.30, a Treviso, presso la sede locale dell’Ordine (Via Roma 20) il convegno “Ungheria: una prospettiva per l’internazionalizzazione delle imprese”, organizzato dall’Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Treviso. Nell’incontro verranno illustrate le opportunità di business per le aziende italiane rappresentate da un Paese, l’Ungheria che potrebbe essere molto conveniente grazie ad una fiscalità vantaggiosa con aliquote ridotte rispetto all’Italia, ed in crescita dal punto di vista del PIL, in controtendenza se paragonata al resto dell’Europa. Anche se il mercato ungherese non ha grandi dimensioni, esistono per l’Italia prospettive di sviluppo della propria presenza nel medio e lungo termine da non trascurare, in special modo in campo manifatturiero. I vantaggi sono rappresentati indubbiamente dalla posizione geografica strategica al centro dell’Europa, dalla possibilità di godere di incentivi fiscali e dal basso costo della manodopera qualificata e istruita. Una realtà emergente, ideale per la logistica, con una base di consumatori di 10milioni di abitanti e una forza lavoro da 4milioni di persone. All’incontro interverranno, il Console Generale d’Ungheria in Italia, Judit Vilma Timaffy, l’Avv. Paolo A.D. Di Franco che approfondiranno l’economia ungherese, il quadro commerciale e societario, la tassazione delle società di capitali in loco e la prassi da seguire con gli specifici incentivi messi a disposizione delle imprese che intendono muoversi verso Budapest. Il Console Generale onorario d’Ungheria, Enrico Renzo Zoppas invece illustrerà alcuni casi di imprese che hanno avuto successo nel paese magiaro. Al termine, spazio per interventi e dibattito.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tumore Stromale Gastrointestinale

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 aprile 2016

Oncologi, chirurghi, anatomo-patologi, radiologi, psicologi e ricercatori si riuniscono oggi all’Istituto Nazionale dei Tumori di Milano per fare il punto su trattamenti clinici, stato della ricerca e nuovi farmaci in sperimentazione per il Tumore Stromale Gatrointestinale. L’occasione è il decennale dall’Associazione italiana GIST Onlus, nata per iniziativa di un gruppo di pazienti malati di GIST (Gastro Intestinal Stromal Tumor – Tumore Stromale Gatrointestinale), tumore raro che fa parte di un gruppo di neoplasie denominate “sarcomi dei tessuti molli”. A.I.G. Associazione Italiana GIST Onlus è un’organizzazione senza scopo di lucro nata nel 2006 per iniziativa di un piccolo gruppo di pazienti e familiari con la collaborazione di Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori e della Rete Nazionale Tumori Rari per rispondere ai bisogni dei pazienti e con lo scopo di diffondere conoscenza sulla malattia e sui suoi problemi, di sensibilizzare l’opinione pubblica e migliorare il percorso diagnostico e terapeutico dei pazienti. Il termine “GIST” è l’acronimo del nome della patologia in inglese: Gastro Intestinal Stromal Tumor, che in italiano è conosciuta come Tumore Stromale Gastrointestinale. Questo tumore colpisce gli organi del tratto gastrointestinale, ma non deve essere confuso con altri tipi di carcinomi che possono sorgere nelle stesse sedi anatomiche. Ha una bassa incidenza (1-1,5 casi ogni 100.000 abitanti) e si ritiene che in Italia si verifichino tra 600 e 900 nuovi casi l’anno. “Per celebrare questo anniversario per noi molto importante abbiamo invitato un ospite d’eccezione, il Dottor Heikki Joensuu, il medico e ricercatore del Centro Oncologico di Helsinki che per primo, nel marzo 2000, ha somministrato a una paziente finlandese affetta da GIST il farmaco oggi più efficace per questa patologia, Imatinib – commenta la presidente Barbara Tamagni.In aula modera il convegno il dottor Paolo Casali, responsabile Unità oncologia medica mesenchimale all’Istituto Nazionale Tumori e coordinatore Rete tumori rari e Anna Costato, fondatrice dell’associazione.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Salute mentale: in Italia un milione di anziani con demenze

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 aprile 2016

cervelloll progressivo invecchiamento della popolazione ha comportato un sensibile aumento dei disturbi cognitivo-comportamentali di natura neurodegenerativa, destinati ad acquisire in futuro sempre più rilevanza. Tra le sindromi psichiatriche più comuni vi sono le demenze, che colpiscono un milione di italiani (600.000 con morbo di Alzheimer), hanno una prevalenza del 5-8% negli over 65 e, in circa il 15-25% dei casi, possono associarsi a depressione. Nella presa in carico del malato di demenza, dal riconoscimento dei primi sintomi al trattamento a lungo termine, il Medico di famiglia è una figura cruciale: presentargli i contenuti e le finalità del Piano Nazionale Demenze, educarlo a un corretto approccio diagnostico-terapeutico e renderlo consapevole del suo ruolo centrale nella rete integrata dei servizi sono gli obiettivi che si pone il progetto formativo promosso dall’Associazione Italiana Psicogeriatria, con il supporto incondizionato di Angelini, azienda da anni impegnata a tutela della salute mentale nell’anziano.
L’iniziativa, dal titolo “Piano Nazionale Demenze, nuovi scenari di cura”, è stata annunciata in occasione del XVI Congresso Nazionale AIP in corso a Firenze e prevede 13 eventi ECM locali, che si svolgeranno da maggio a ottobre nelle principali regioni italiane, per raggiungere oltre 600 Medici di Medicina Generale.Le demenze sono sindromi cerebrali degenerative che colpiscono la memoria, il pensiero, il comportamento e la capacità di svolgere le attività quotidiane. Il loro carattere progressivo rende necessaria una diagnosi tempestiva, che consenta di attivare interventi farmacologici e psico-sociali volti a rallentare l’evoluzione della malattia e contenerne i disturbi specifici. Non fanno parte del normale processo di invecchiamento ma sono malattie da affrontare con determinazione, combattendo lo stigma e il fatalismo ancora presenti nelle famiglie, nella società e talvolta tra gli stessi operatori sanitari. Partendo da queste considerazioni, il 30 ottobre 2014 la Conferenza Unificata ha approvato l’accordo tra Governo, Regioni e Province autonome sul “Piano Nazionale Demenze” che, puntando a una gestione integrata e multidisciplinare del problema, intende fornire indicazioni strategiche per migliorare e uniformare la qualità dell’assistenza erogata in Italia: dalle terapie specialistiche al sostegno e all’accompagnamento del malato e dei caregiver, durante tutto il percorso di cura.
Ed è in un simile contesto che si colloca l’operato del Medico di famiglia, fondamentale per l’applicazione degli obiettivi del Piano, in collaborazione con lo specialista.“La complessità della sfida alle demenze e la loro crescita esponenziale, legata al costante aumento dell’aspettativa di vita, rendono necessario strutturare sul territorio interventi assistenziali appropriati e precoci, che richiedono un’adeguata preparazione da parte del personale sanitario”, spiega il professor Marco Trabucchi,Presidente dell’Associazione Italiana Psicogeriatria. “Il Piano Nazionale Demenze costituisce il primo tentativo di dare al nostro Paese una guida unitaria per affrontare una priorità mondiale di salute pubblica: è un punto di partenza di grande significato, perché coinvolge gli operatori a tutti i livelli, comunicando ai cittadini un impegno diffuso da parte della comunità. Per questo motivo, l’Associazione Italiana Psicogeriatria intende dar vita a un’intensa attività formativa, volta a far conoscere il Piano ai Medici di Medicina Generale, aumentare la loro consapevolezza sul problema demenze e coinvolgerli nella rete assistenziale integrata, dove rappresentano una figura centrale: sono infatti il primo riferimento sul territorio per il paziente e i caregiver. Il loro ruolo è fondamentale per riconoscere precocemente i sintomi, portare la famiglia alla coscienza del bisogno di un intervento, intercettare i casi da avviare ai Centri specialistici e supportare l’assistito e i suoi familiari lungo tutta la storia naturale della malattia, in un percorso condiviso con lo specialista”.Nel caso di disturbi psichiatrici così invalidanti come le demenze dell’anziano, una corretta informazione dei professionisti e della popolazione generale è il primo strumento per migliorare la presa in carico del paziente ma anche l’accettazione della patologia da parte dei congiunti e di tutta la comunità, che deve sempre rispettare il diritto del malato ad essere considerato “persona”. L’impegno di AIP sul fronte della formazione, al quale Angelini ha aderito con un contributo educazionale, punta anche a questo obiettivo.
“L’Italia è uno dei Paesi con la più alta percentuale di over 65”, dichiara il dottor Fabio De Luca, Chief Commercial Officer Italia di Angelini. “Se ne contano oltre 13 milioni, secondo i dati ISTAT 2015, pari al 21,7% della popolazione totale; le problematiche di salute mentale legate a una società che invecchia sono, pertanto, un’emergenza sanitaria e sociale dei nostri tempi. Da anni Angelini è impegnata nell’area della neuropsichiatria e dei disturbi depressivi, promuovendo campagne di sensibilizzazione sul pubblico e gli operatori del settore, con un’attenzione particolare ai soggetti fragili come gli anziani. Per questo motivo, non potevamo far mancare il nostro sostegno al progetto formativo di AIP, nell’intento comune di migliorare la cultura e l’approccio del medico di famiglia alle demenze ma, al tempo stesso, supportare il paziente e i suoi caregiver, che hanno diritto a ricevere l’assistenza più appropriata, in ogni fase della malattia”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Un giorno dedicato al liutaio Pistucci

Posted by fidest press agency su lunedì, 18 aprile 2016

san carloNapoli. Teatro di San Carlo domenica 24 aprile 2016, ore 11.30. Per la prima volta il Teatro di San Carlo decide di accogliere una prassi tipicamente anglosassone e consacrare una giornata a tutti i benefattori: chi, a vario titolo, è vicino all’istituzione, o aderendo a uno dei tanti programmi di fundraising, disegnati ad hoc (ad esempio dona un tasto al San Carlo; membri carta platino, carta oro, programma art bonus, programmi di partnership per privati, istituzioni o aziende, ogni volta tailor made), o ancora donando beni che possono valorizzare il patrimonio dell’istituzione (strumenti musicali o fondi documentari, che vanno ad arricchire il patrimonio dell’Archivio Storico e aiutano a ricostruire la memoria del Teatro): domenica 24 aprile, alle ore 11.30, avrà luogo il Donors’ day, una manifestazione voluta e curata dalla Direzione Marketing e Affari Istituzionali, e concepita per essere un momento di incontro e condivisione, un’occasione per rendere pubblici progetti e iniziative, realizzati con il sostegno di partners e benefattori, ed illustrare le tante possibilità di adesione e memebership, organizzate dalla Fondazione. “I grandi atti di generosità -afferma Rosanna Purchia, Sovrintendente del Teatro di San Carlo- passano sovente sotto silenzio; sembra che solo i fatti di cronaca, più o meno cruenti ed eclatanti, siano degni di attenzione e curiosità. Per questo il Teatro ha deciso di dedicare una giornata a coloro che in silenzio, senza clamori, lontano dai riflettori, ma con un cuore intriso di generosità, sono vicini al nostro Teatro: non solo aziende e istituzioni, che hanno tessuto una fitta rete, una trama di amicizia e solidarietà, che lega un’istituzione all’altra, ma soprattutto, l’intento è di rivelare alcune donazioni, che provengono da persone normali, da coloro che, in un quotidiano molto misurato, fatto talvolta anche di una sola pensione, trovano il modo di fare un regalo a Napoli, al Teatro, alla collettività.”
Domenica 24 aprile ore 11.30, oltre a ringraziare tutti coloro che attraverso un ampio ventaglio di programmi, sono benefattori del Teatro, verrà raccontata la storia della Professoressa Carmela Piano, che ha donato al San Carlo un importante violino, realizzato dal celebre liutaio napoletano Giovanni Pistucci. Per l’occasione Paolo Traversi, professore d’Orchestra del Massimo napoletano, illustrerà al pubblico la tecnica di restauro applicata per ridare vita allo strumento, ed è in programma anche a un momento musicale con Cecilia Laca al violino e Massimiliano Ferrati al pianoforte, ad eseguire la Sonata n.21 in mi minore per violino e pianoforte, K 304 di Wolfgang Amadeus Mozart, Ballata n.1 in sol minore per pianoforte, Op. 23 di Fryderyk Chopin, Sérénade mélancolique per violino e pianoforte, Op. 26 di Pëtr Il’ič Čajkovskij e Danze popolari rumene per violino e pianoforte di Béla Bartók.Oltre al violino Pistucci verrà altresì presentato il pianoforte a coda Steinway & Sons B-211, comprato grazie al programma “Un tasto per il San Carlo”.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »