Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 21 aprile 2016

Miami Residential Market Accounts for $1 Billion in Total Sales in March

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 aprile 2016

miami1Miami-Dade County residential properties registered nearly $1 billion in sales in March as existing single-family homes posted robust price gains, according to a new report by the MIAMI Association of REALTORS® (MIAMI) and Multiple Listing Service (MLS) system.The median sales price for single-family existing homes rose 7.7 percent year-over-year in March 2016, from $260,000 to $280,000. The median sales price for existing condominiums decreased 2.6 percent to $209,500 from $215,000. Miami-Dade County existing condo prices have risen in 56 of the last 58 months. Miami prices remain at 2004 levels despite four years of increases.“After five years of record sales activity, the Miami real estate market continues to post strong sales in key price points,” said Mark Sadek, a Coral Springs Realtor and the 2016 MIAMI Chairman of the Board. “Existing single-family homes and condominiums in the mid-price ranges registered double-digit sale increases in March. Almost 50 percent of all Miami transactions continue to be all-cash, a sign home buyers are committed and invested in the market.” Total existing Miami-Dade County residential sales — which posted a record year in 2013 and near record years in 2014 and 2015 — decreased 8.9 percent year-over-year from 2,706 to 2,465 last month.Miami-Dade County single-family home transactions decreased 5.8 percent in March, from 1,240 to 1,168. Existing condominium sales — which declined 11.5 percent, from 1,466 to 1,297 — are competing with a robust new construction market, which continues to add inventory.An 8.5 percent drop in distressed sales also contributed to the lower sales activity. Only 19.5 percent of all closed residential sales in Miami were distressed last month, including REO (bank-owned properties) and short sales, compared to 28.0 percent in March 2015. In 2009, distressed sales comprised nearly 70 percent of Miami sales.Short sales and REOs accounted for 3.2 and 16.2 percent, respectively, of total Miami sales in March 2016. Short sale transactions dropped 47.0 percent year-over-year while REOs fell 34.1 percent.Nationally, distressed sales fell to 8 percent in March, down from 10 percent a year ago, according to the National Association of REALTORS® miami(NAR).Total Miami residential properties combined for $996.5 million in total sales volume in March 2016, about 15.1 percent lower than the $1.173 billion sold during the same month last year. The aforementioned sales volume does not include the strong new construction condo sales figures.The single-family market registered an 8.6-percent decrease in total dollar volume in March 2016, posting $537 million in sales compared to $587.8 million last year. Existing condominiums posted $459.5 million in total dollar sales, a 21.6 percent decline from $586 million in March 2015 but does not include new construction condo sales figures.Middle-market Miami homes are seeing a spike in the number of sales. Single-family homes priced between $200,000 and $600,000 saw a 9.6 percent year-over-year increase in March, growing from 644 to 706. The sector represented 60.4 percent of total Miami single-family home sales in March 2016.
Existing condos priced between $150,000 and $250,000 saw a 14.0 percent-rise in sales in March, increasing from 363 transactions to 414. This sector represented 31.9 percent of total existing Miami condo home sales in March 2016.Miami real estate remains a bargain worldwide. A 120-square meter condo in Miami-Fort Lauderdale-Miami Beach cost $149,900 on average, according to NAR. Prices for the same condo in London ($960,840), Hong Kong ($776,280), and New York ($1.6 million) are at least five times higher.Historic-low mortgage rates should continue to attract future buyers. According to Freddie Mac, the average commitment rate for a 30-year, conventional, fixed-rate mortgage was 3.69 percent in March, the eighth consecutive month below 4 percent.
miamiThe median number of days between the listing and contract dates for Miami single-family home sales fell 18.4 percent year-over-year to 62 days. The median number of days between the listing date and closing date for single-family properties dropped 12.2 percent to 115 days.For condos, the median time to contract decreased 12.8 percent year-over-year to 68 days. The median number of days between the listing date and closing date decreased 4.9 percent to 117 days.Miami real estate is selling close to listing price. The median percent of original list price received for single-family homes was 95.1 percent in March 2016, an increase of 0.3 percent. The median percent of original list price received for existing condominiums was 93.8 percent, the same as last year.
In addition to competing sales from new construction units, the lack of access to mortgage loans is also impacting existing condominiums. Of the 8,523 condominium buildings in Miami-Dade and Broward Counties, only 23 are approved for Federal Housing Administration loans, down from 29 last year, according to statistics from the Florida Department of Business and Professional Regulation and FHA.A new FHA policy should qualify more South Florida condo buildings. On Nov. 12, the FHA announced plans to streamline the condominium recertification process, expand its definition of acceptable owner-occupied units to include second homes not owned by investors and change the way it views co-insurance clauses. The government affairs team of the MIAMI Association of REALTORS® advocated for the changes and continues to monitor and support increased condominium recertification.Nationally, sales of existing single-family homes, townhomes, condominiums, and co-ops jumped 5.1 percent to a seasonally adjusted annual rate of 5.33 million in March from a downwardly revised 5.07 million in February, according to NAR.Statewide, closed sales of existing single-family homes totaled 23,758, remaining relatively the same (down 0.6 percent) from March 2015, according to Florida Realtors. Florida’s condominium sales totaled 10,076 last month, down 7.1 percent compared to March 2015.
The national median existing-home price for all housing types in March 2016 was $222,700, up 5.7 percent from March 2015 ($210,700). March’s price increase marks the 49th consecutive month of year-over-year gains.The statewide median sales price for single-family existing homes last month was $209,500, up 10.3 percent from the previous year, according to Florida Realtors. The statewide median price for townhouse-condo properties in March was $155,000, up 3.3 percent over the year-ago figure.
Miami cash transactions comprised 48.6 percent of March total closed sales, compared to 54.0 percent last year. Miami cash transactions remain about double the national average of 25 percent. Miami’s high percentage of cash sales reflects South Florida’s ability to attract a diverse number of international home buyers, who tend to purchase properties in all cash.Condominiums comprise a large portion of Miami’s cash purchases as 64.1 percent of condo closings were made in cash in March compared to 31.4 percent of single-family home sales.Inventory of single-family homes increased 8.2 percent in March from 6,494 active listings last year to 6,004 last month. Condominium inventory increased 15.9 percent to 13,952 from 12,042 listings during the same period in 2015.
There is a 5.7-month supply of Miami single-family homes, an increase of 9.6 percent from March 2015, which indicates a sellers’ market. There is a 10.8-month supply of condominium inventory, a year-over-year increase of 21.3 percent, which indicates a buyers’ market. A balanced market between buyers and sellers offers between six and nine months supply of inventory.Total active listings at the end of March increased 13.3 percent year-over-year, from 18,046 to 20,446. Active listings remain about 60 percent below 2008 levels when sales bottomed.New listings of Miami single-family homes increased 6.5 percent from 1,823 in March of last year to 1,942 last month. New listings of condominiums decreased 1.6 percent to 2,683 last month, compared to 2,726 during the same time period in 2015.
Nationally, total housing inventory at the end of March increased 5.9 percent to 1.98 million existing homes available for sale, but is still 1.5 percent lower than a year ago (2.01 million). Unsold inventory is at a 4.5-month supply at the current sales pace, up from 4.4 months in February.
Miami’s preconstruction condo market is in a better position today compared to the previous boom. Today, most Miami preconstruction condo developers require a 50-percent cash deposit on new units. The deposit is not only one of the highest in the United States but is significantly higher than the 20 percent required during the last real estate cycle. The large all-cash deposits are a strong sign home buyers are committed to the Miami market.Developers are also being cautious not to overbuild. About 85 percent of condos under construction in downtown Miami are sold, according to Integra Realty Resources and the Miami Downtown Development Authority. Downtown Miami has about 7,200 units under construction, a considerably smaller number than the 18,500 the area had under construction in 2006.Strong sales in the Miami preconstruction condominium market east of Interstate 95 continue to reflect significant demand for new properties, according to a March 21 report from preconstruction condo projects website Cranespotters.com and MIAMI.Forty towers with 719 floors and 3,770 units have been completed in Miami-Dade County east of I-95 in the five years since 2011. There are 79 towers with 1,829 floors and 11,726 units under construction in Miami east of I-95. About 53 towers with 1,252 floors and 7,331 units are planned, but have not begun development.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Expert comment: Mitsubishi Motors admits falsifying fuel economy tests

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 aprile 2016

Expert comment on the news Mitsubishi Motors has admitted to falsifying fuel economy tests. Christian Stadler, a Professor of Strategic Management at Warwick_Business_School_Scarman_road_view with expert knowledge on the automotive sector, has made the following statement:”After Volkswagen Group and its ‘dieselgate’ scandal it is not surprising another automotive firm has been caught out and admitted to manipulating emission test results. It was almost expected and almost comes down to how much can you get away with before you take a step too far. With companies constantly making tweaks and optimisations to get around these tests, there was always the chance that they would eventually cross the line and get caught out.”Where Mitsubishi has an advantage is that this may not quite have the same traction as the VW scandal as we’ve now been exposed to the issue already. They can also learn what went well or what went wrong in how VW handled the situation and know that the best course of action is to fully co-operate and not to hide anything as that would only bring further attention that is obviously not wanted.”

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

MEPs call on the Commission to take legal measures against the US and Canada for non-reciprocity on visas

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 aprile 2016

commissione europeaThe European Commission should comply with current legislation and adopt legal measures temporarily suspending the visa waivers for US and Canadian citizens, given that those two countries still require citizens of some EU member states visas to enter their territory, said Civil Liberties MEPs during a debate on Wednesday. A majority of MEPs voiced their dismay at the Commission´s decision, announced on 12 April, to ask the Parliament and the Council to take, by 12 July, a position “on the most appropriate way forward” regarding the US and Canada visa policies. They insisted that the Commission must either adopt a delegated act suspending visa-free travels from those two countries or present a proposal to reform the current rules on visa reciprocity. “The situation is clear”, noted the committee´s chair, Claude Moraes (S&D, UK), adding that MEPs will have to decide now how to respond to the Commission´s request. Agustín Díaz de Mera (EPP, ES), rapporteur for the review of the visa regulation adopted in 2013, stated that “it is not the time to discuss the suitability of reimposing visa requirements” and stressed that the Commission must follow the procedure established in the legislation.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Addressing the migration healthcare challenge

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 aprile 2016

migrationMany people have put their health at risk travelling to and through the EU because of upheavals in their home countries that have led to the current migration situation. The infections, diseases migrants have caught alongside the psychological damage they have suffered pose challenges for healthcare systems of frontline countries. This has been thrown under the spotlight in the latest FRA summary report of migration-related fundamental rights concerns drawing on data from the nine Member States most affected by the migration flows. While the right to health is a basic right, FRA found differences in the provision of healthcare across the nine Member States covered by its monthly data collection. For example:
In most Member States, health screenings target asylum seekers; in a few Member States they target all newly-arrived migrants. In some Member States, the health screening only identifies cases of communicable diseases; in others it also identifies individual health needs and people belonging to vulnerable groups.
No Member State collects systematic data on the health of newly-arrived migrants and asylum seekers and on their use of the healthcare system. Most Member States do not have specific mechanisms in place to prevent violence against women in reception or detention centres. Under EU Directives, Member States should provide necessary healthcare which includes, at least, emergency care and essential treatment of illnesses. According to the data collected, a number of healthcare challenges in reception centres were identified. These included: limited entitlements to healthcare; practical/administrative barriers; cost of treatment and/or medicines; limited availability of healthcare professionals; poor sanitation conditions and overcrowded spaces; lack of interpreters.
The data also revealed that the main health issues are skin infections, respiratory diseases, colds and psychological issues. A few countries reported specific health problems affecting migrant children. Maternity care was also an issue in some Member States.
FRA has been collecting data about the fundamental rights situation of people arriving in Member States that have been particularly affected by large migration movements, following a request from the European Commission. The countries covered are Austria, Bulgaria, Croatia, Germany, Greece, Hungary, Italy, Slovenia and Sweden.FRA published weekly overviews from September to November 2015 which became monthly from January 2016. Each overview covers a variety of different issues, including:
initial registration and asylum applications, with particular attention to the situation of vulnerable people;
criminal proceedings initiated for offences related to irregular border crossing;
child protection;
reception conditions for new arrivals, focusing on the situation of children and other vulnerable people;
access to healthcare;
public response such as rallies of support, humanitarian assistance or voluntary work;
racist incidents such as demonstrations, online hate speech or hate crime.
While this month has a special section looking specifically at healthcare, last month there was a section focusing on children. Next month, FRA will highlight human trafficking and smuggling.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Will Turkey be ready for visa-free access to the EU by June? – Debate in LIBE

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 aprile 2016

turchia-ist3Civil Liberties MEPs will assess on Thursday with the Commission the progress made by Turkey in fulfilling the requirements of its visa liberalisation roadmap, following the agreement between EU leaders and Ankara to speed up the process with a view to offer Turkish citizens visa-free access to the EU by June 2016 at the latest. As part of the EU-Turkey deal reached on 18 March to better manage migration and refugee flows, EU leaders offered the Turkish government to accelerate the visa liberalisation, provided that all benchmarks are met. Once the Commission presents a legislative proposal to this end, the Parliament will have to decide together with the Council under the codecision procedure.
On Thursday, MEPs will discuss with the Commission its most recent report on the Turkish progress, of 4 March, and the remaining requirements. Commissioner Avramopoulos has announced that the next progress report will be published on 4 May. The debate will start around 10.00. The Civil Liberties Committee meeting will be held in room 4Q2, József Antall building, in Brussels.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Foreign fighters: Civil Liberties Committee debates how to tackle the phenomenon

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 aprile 2016

terrorismoLinks between organised crime and terrorism, how to handle people returning from conflict zones, de-radicalisation and the need for a common definition of terrorism and means to prove terrorist intent were among the issues raised in the Civil Liberties Committee’s “foreign fighters” debate with Eurojust President Michèle Coninsx on Wednesday. On Thursday MEPs will debate plans for external border checks on EU citizens.Ms Coninsx briefed MEPs on recent trends in the phenomenon of foreign fighters and terrorism and presented the development and state of play of the common judicial response facilitated by Eurojust, the EU’s judicial cooperation agency.
On Thursday, MEPs will debate how to put a stop to foreign fighters in the context of the ongoing legislative work on combatting terrorism and on reinforcement of checks at external borders.Lead MEP on the proposal for a regulation on reinforcement of checks against relevant databases at external borders Monica Macovei (ECR, RO) will present her draft report to the Committee at 9.30-10.00. The proposal suggests systematic checks of EU citizens at the external borders and not only of third country nationals as is the case today.On Thursday afternoon, MEPs will go over the amendments on the draft report on combatting terrorism which proposes criminalising preparatory terrorist acts such as travelling for terrorist purposes (lead MEP Monika Hohlmeier, EPP, DE).

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Education joint venture of Planmeca and University of Turku receives recognition from American Dental Association

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 aprile 2016

NIDE 3DThe Nordic Institute of Dental Education (NIDE) has been approved by the American Dental Association’s prestigious Continuing Education Recognition Program (ADA CERP). NIDE is the first Nordic education provider to receive the recognition.ADA CERP is the leader in approval of continuing education programs in the field of dentistry. It was established in 1993 to assist dental professionals in selecting high-quality providers of continuing dental education.“It is wonderful that the quality of our education export company has been recognized by such an esteemed program. This is very significant step for the NIDE brand and its international growth potential,” states Kalervo Väänänen, the Rector of the University of Turku.
Founded in 2014, the Nordic Institute of Dental Education is a joint venture of the dental company Planmeca and the University of Turku. NIDE specializes in providing high-quality courses in Finland for dental professionals from around the world. “We believe that the ADA CERP recognition will be strongly valued by our customers, as they highly appreciate the quality of education. The rigorous review process by ADA has helped us to further strengthen our processes and management systems. This recognition is clear evidence of our competence,” comments Jenni Pajunen, CEO of the Nordic Institute of Dental Education.
The University of Turku awards ECTS credits and certificates to all NIDE course participants. As of spring 2016, NIDE has hosted learners from 15 different countries. “Digital dentistry is revolutionizing the work of dental professionals – we exist to help them adapt to the latest trends and technologies,” Pajunen further illuminates.In addition to its versatile standard course selection, NIDE also organizes custom-made courses for larger groups, as well as tailored postgraduate curriculum programs.The Nordic Institute of Dental Education’s ADA CERP recognition is valid from 1 May 2016. (photo: NIDE 3D)

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Wallenberg Foundation bestows Wallenberg Medal to an Armenian Rescuer

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 aprile 2016

Dr. Kachatryan (right), Josef Kogan (middle)In a moving ceremony that took place at the Presidencial Palace in Yerevan, Armenia, the International Raoul Wallenberg Foundation (IRWF) bestowed the Raoul Wallenberg Centennial Medal to Armenian Holocaust Rescuer, Dr. Harutyun Khachatryan. The medal was presented to Anna Khachatrian, on behalf of her grandfather, by Baruch Tenembaum, founder of the IRWF and Artiom Chernamoryan, a prominent IRWF volunteer.“For the last two years, our organization is led by my good friend, Mr Eduardo Eurnekian, a prominent Argentinean entrepreneur of Armenian descent. We feel blessed to have him on board because he has instilled in us what I would define as “the Armenian spirit”. A combination of the highest values of human solidarity and relentless initiative, which are so typical to the Armenian people.” said Tenembaum.“The Wallenberg Foundation will continue its relentless work with the aim of discovering the awe-inspiring stories of more Armenian rescuers. We are honored and proud to bestow the Raoul Wallenberg Centennial Medal to President Sergh Sargsyan, who as head of state of the Republic of Armenia stands here representing all the Armenian heroes those who were already recognized, and those who are still anonymous.”, said Danny Rainer, IRWF Vicepresident.Harutyun Kachatryan was born on April 5, 1915 in Karakhan-Beklu village of Nakhidjevan. He moved to Yerevan in 1934 and pursued his medical studies a the Yerevan State Medical Institute. He joined the Soviet Army as a physician in 1939. In August 1941 he was captured by the Nazis and taken prisoner near the city of Velikie Luki. In this prisoner camp, serving as a physician he met and treated a wounded Jewish inmate, Josef Kogan, saving his life.Khachatryan returned to Armenia in 1946 and worked from 1946-49 as a chief physician at Ashtarak Regional Hospital. He was sentenced to death in 1949, having been accused of betraying his homeland. The sentence was later changed to 25 years in prison. From 1949 to 1956, he served his sentence in in Norilsk, Siberia. He was released in 1956 and restored to his position in 1960. He worked as a doctor at the Yerevan N17 policlinic from 1956 to 1984. In 1983 he had a long-awaited reunion with his military colleagues and friends.
A letter that Josef Moses Kogan sent to the State Security Committee of the Union of Soviet Socialist Republics reveals how this Armenian hero, Dr. Harutyun Khachatryan, saved the life of Mr. Kogan. Kogan tells the whole story in this letter describing how many times the Armenians, and Dr. Khachatryan in particular, saved his life. Kogan was captured by the Germans near the city of Velikie Luki at the end of August, 1941, wounded in the right leg and unconsious, and was moved to the concentration camp of the same name.Dr. Harutyun Khachatryan treated him and he was able to walk again, but later the Jewish war prisoner became infected with spotted typhus. In spite of quarantine and an order not to communicate with dying patients, Khachatryan continued to visit him, bringing food and medication. Seated on the right, Dr. Harutyun Khachatryan, Josef Kogan and their military friends. Family archive, Yerevan 1983
The war prisoners were regularly transported to various concentration camps; from Velikie Luki to Polotsk, from Polotsk to Borisovo, from Borisovo to Beniaminovo (Poland). Beniaminovo was not the only place in Poland where there were Soviet war prisoners; they were transported from Beniaminovo to Demblin, from Demblin to Pulavi.For the past two years, the IRWF has been actively searching for Armenian rescuers and that is how the famous Armenian singer, Anna Kachatryan, contacted Mr. Artiom Chernamorian, a volunteer of the IRWF and provided him with historical information about the feats of his late grandfather – Dr. Harutyun Kachatryan. For his protection, Dr. Khachatryan had arranged for Josef Kogan to stay with Armenian prisoners and go by the name of Michael Markosyan (Misha Markosyan). However, an unknown person betrayed him to the Commanders of the Borisovo camp.
In his book entitled “Missing people,” journalist Michael Hakobyan describes an episode when an Armenian war prisoner (later the Commander of the first Soviet Partisan Detachment of France,) Alexandr Ghazaryan, was called to the headquarters of the Borisovo camp by the Nazis with kachatrianMarkosyan (Kogan) as interpreter. Ghazaryan was interrogated under suspicion that he was a Jew. Then the Armenian was released, followed by Markosyan. Later Kogan wrote in a letter: “In the concentration camp of the city of Pulavi, an unknown person spread rumors about my background and the Germans formed a medical committee to determine my nationality. It seemed inevitable that I would be sentenced to death, but, at the last moment, just before I was to present myself to the Nazi doctors, the only non-German doctor of this Committee managed to get out of the room by risking his life and stopped me in the corridor, and informed me that someone had betrayed me”. Through the efforts of the Armenian war prisoners who had founded Anti-fascist Underground Patriotic Organization in the Beniaminovo camp in 1942, Kogan was able to hide and the same night his escape was arranged.More than 17 years later, through a letter from Lieutenant Colonel Alexandr Ghazaryan, he found out that again, because of betrayal, the Armenians who had arranged his escape appeared had been held prisoner in the same fascist concentration camp. One of the founding members of the anti-fascist Underground Patriotic Organization, Vahan Vardanyan, described in detail his memories the escape of Kogan: “Before the medical committee, we decided to arrange his escape during one of our organization meetings. We gave him a weapon and bullets. He managed to jump over the wall and run away. The Germans found out everything the next day, most likely through the same informer. Stephan Yaghdjyan was exonerated and we, the ten remaining, were judged as German militaries. We were considered to be Vermacht soldiers. We were sentenced to various years of imprisonment; I have forgotten exactly how many. Karapetyan sentenced to be executed for a supposed connection with the partisans. (photos: Dr. Kachatryan (right), Josef Kogan (middle), kachatrian)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

390° edizione dei festeggiamenti in onore del SS Crocifisso

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 aprile 2016

anna tatangeloMonreale (Palermo) Ha il sapore della qualità dell’ascolto e della bella risata il programma degli eventi organizzati dal Comune di Monreale in occasione della 390° edizione dei festeggiamenti in onore del SS Crocifisso. Artisti di primo livello, che hanno detto «Sì» all’invito del direttore artistico Salvatore Autovino, all’assessore al Turismo e Spettacolo Ignazio Zuccaro e al sindaco Pietro Capizzi, senza alcuna esitazione, conoscendo il valore storico e popolare della manifestazione ultrasecolare. Gli eventi serali da segnare in agenda iniziano mercoledì 27 aprile alle 21,30, quando a battezzare il palco in piazza Spasimo toccherà a Ernesto Maria Ponte e Marco Manera, che snocciolerano il “best of” di tutto il loro repertorio comico, attingendo dall’attualità, dalla musica, dalla crisi economica e dalla famiglia.
tinturiaGiovedì 28 aprile – stessa ora e stesso luogo – sarà una vera sfida del sorriso a chi fa ridere di più tra Antonio Pandolfo e Stefano Piazza, amici fraterni nella vita e sul palco complici di sketch che esplorano ciò che esalta le genialità del siciliano e i suoi tormenti fuori e dentro casa.
Venerdì 29 aprile, sempre alle 21,30 in piazza Spasimo, sarà un bel gioire con Giovanni Cangialosi, tornato dal successo a “Italia’s got talent” e il Mago plip, con tutto il suo armamentario di trucchi e trucchetti comici nascosti in tasche e valigie. Alle 22 in piazza Guglielmo II partirà il concerto omaggio a Lucio Battisti dei Quinto spazio.
Sabato 30 aprile ancora doppio spettacolo. Alle 21,30 in piazza Guglielmo II gli alunni della scuola Pietro Novelli si esibiranno in uno show musicale incentrato su canzoni e cori della tradizione. Alle 22,30 spazio al cabaret con Toti e Totino, ovvero due senatori della comicità siciliana.
Domenica 1 maggio alle 21,30 in piazza Guglielmo II è attesissimo il concerto di Anna Tatangelo. Tra le cantanti più amate dagli italiani, seguitissima su Facebook e Instagram, ex giudice di “X Factor”, presentatrice e più volte concorrente del Festival di Sanremo, la Tatangelo – che farà pare anche del cast del programma tv di Raiuno “i migliori anni – farà ascoltare le sue più belle canzoni: “Muchacha”, “Gocce di cristallo”, “Libera” e tanto altro.
Lunedì 2 maggio piazza Guglielmo II sarà il “campo di divertimento” del concerto dei Tinturia, capitanati da Lello Analfino, ovvero un vero cantante-intrattenitore, capace di magnetizzare il pubblico e attrarre migliaia di giovani. Così non mancheranno in scaletta i brani “Nicuzza”, “Occhi a pampina”, “92100”, “Jovanotto”, “la donna riccia” e tutto quello che passerà dalla loro mente positivamente matta. (foto: anna tatangelo, tinturia)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Primo Levi di fronte e di profilo, di Marco Belpoliti

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 aprile 2016

primo leviMadrid Venerdì, 22 aprile 2016 Alle ore 11.30 presso la Scuola Statale Italiana di Madrid Calle Agustín de Betancourt, 1 Primo Levi di fronte e di profilo, di Marco Belpoliti Interviene: Marco Belpoliti intervistato da Federico Italiano. In occasione dell’anniversario della liberazione d’Italia (25 aprile) e della Noche de los Libros (23 aprile), l’Istituto Italiano di Cultura, in collaborazione con la Scuola Statale Italiana di Madrid, organizza, nell’ambito del Ciclo E3 +encuentros+escritores+editores, un incontro con Marco Belpoliti intervistato da Federico Italiano: Primo Levi di fronte e di profilo.Primo Levi, lo scrittore che negli ultimi settant’anni si è imposto come il testimone per eccellenza dello sterminio ebraico: la sua vita tormentata, la sua vicenda di scrittore e intellettuale, ma soprattutto la sua opera sfaccettata, complessa, ricchissima di temi, rimandi e suggestioni: questo il tema della Conferenza di Marco Belpolti, autore del libro Primo Levi di fronte e di profilo, e di Federico Italiano, poeta, saggista e cultore della figura di Levi.
Marco Belpoliti, saggista e scrittore, ha curato opere di Primo Levi e pubblicato diversi libri: Settanta, Diario dell’occhio, L’occhio di Calvino, Camera straniera. Alberto Giacometti e lo spazio, Il segreto di Goya. Condirettore della rivista-collana Riga (Marcos y Marcos) e di http://www.doppiozero.com, insegna all’Università di Bergamo e collabora a La Stampa e a L’Espresso.
Federico Italiano ha pubblicato cinque libri di poesia, tra cui L’impronta (Aragno 2014) e Un esilio perfetto. Poesie scelte 2000-2015 (Feltrinelli 2015). Ha inoltre curato l’antologia Die Erschließung des Lichts. Italienische Dichtung der Gegenwart (con Michael Krüger, 2013). È ricercatore presso l’Austrian Academy of Sciences a Vienna e insegna Letterature Comparate nelle Università di Monaco e di Innsbruck.
El próximo 22 de abril, con ocasión del aniversario de la Liberación italiana (25 de abril) y de la Noche de los Libros (23 de abril), el Instituto Italiano de Cultura, en colaboración con la Scuola Statale Italiana de Madrid, organiza un encuentro con Marco Belpoliti entrevistado por Federico Italiano: Primo Levi di fronte e di profilo. Primo Levi, el escritor que en los últimos setenta años se ha afirmado como el testigo por excelencia del exterminio judío: su vida atormentada, su historia de escritor e intelectual, pero sobre todo su polifacética obra, compleja, obra rica en temas, referencias y sugestiones: este será el tema de la Conferencia de Marco Belpoliti, autor del libro Primo Levi di fronte e di profilo, y de Federico Italiano, poeta, ensayista y estudioso de la figura de Levi.
Marco Belpoliti, ensayista y escritor, ha dirigido obras de Primo Levi y publicado varios libros: Settanta, Diario dell’occhio, L’occhio di Calvino, Camera straniera. Alberto Giacometti e lo spazio, Il segreto di Goya. Es codirector de la revista-colección Riga (Marcos y Marcos) y de http://www.doppiozero.com, enseña en la Università de Bergamo y colabora en La Stampa y L’Espresso.
Federico Italiano, ha publicado cinco libros de poesía, L’impronta (Aragno 2014) y Un esilio perfetto. Poesie scelte 2000-2015 (Feltrinelli 2015). Ha dirigido también la antología Die Erschließung des Lichts. Italienische Dichtung der Gegenwart (con Michael Krüger, 2013). Es investigador asociado en la Austrian Academy of Sciences en Viena y enseña Literatura Comparada en las Universidades de Innsbruck y Munich.(foto: primo levi)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Mattarella a Campobasso: presidio lavoratori

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 aprile 2016

campobasso comuneIn occasione della visita del Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, che il 22 aprile si recherà a Campobasso presso l’UNIMOL, l’USB Molise ha organizzato un presidio davanti alla sede universitaria, dalle ore 10.00 in via Scardocchia. Con questa iniziativa l’Unione Sindacale di Base intende sensibilizzare il Presidente sulle istanze della petizione VOGLIO LAVORO E STATO SOCIALE, promossa dall’USB nei luoghi di lavoro, nei territori ed on line. Al Presidente Mattarella, che parteciperà alla cerimonia di inaugurazione del Centro di Ricerca sulle Aree Interne e gli Appennini dell’Università degli Studi del Molise, l’USB intende così mettere in evidenza i temi prioritari per il Paese: la difesa del lavoro, del welfare, contro le privatizzazioni e per lo sviluppo dell’occupazione.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Rapporto UNICEF: in Grecia in povertà il 25,3% dei bambini

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 aprile 2016

unicefIl nuovo rapporto annuale UNICEF “La condizione dell’infanzia in Grecia 2016 – I bambini a rischio” conferma il drammatico peggioramento delle condizioni di vita dei bambini in Grecia: la povertà infantile è aumentata – tra il 1995 e il 2015- del 6,3% cioè, in termini assoluti, 122.340 bambini in più si sono confrontati con il rischio di povertà.
Nel 2014 la povertà infantile era al 25,3% con un totale di 424.000 bambini che vivevano in povertà, un aumento di 3 punti percentuali rispetto al 2010 (22,3%). La spesa mensile media per i consumi, a prezzi costanti, per una famiglia con due bambini è stata nel 2014 di 1.551 €, mentre nel 2010 era di 2.359 €. Nel 2015 la grave deprivazione materiale nelle famiglie con bambini era al 26,8%. Il livello di deprivazione materiale riflette la debolezza economica nell’acquistare beni ritenuti opportuni o necessari per una vita soddisfacente. Questo indicatore distingue le persone che non possono permettersi l’acquisto di un determinato bene o servizio da quelle che non vogliono o non ne hanno bisogno. La grave deprivazione materiale è intesa come l’incapacità oggettiva delle famiglie di potersi permettere almeno quattro tra nove beni e servizi (quali: affitto, elettricità, acqua, riscaldamento, carne, vacanze, TV, auto, telefono). Il livello di grave deprivazione materiale è peggiorato in modo drammatico per tutte le tipologie familiari dopo gli anni critici 2010 e 2011, raggiungendo il 36,6% nel 2015 tra i genitori single e il 31,3% tra le famiglie numerose (per le quali l’indennità speciale prevista in precedenza è stata sostituita con un sussidio di sicurezza sociale, concesso dopo un rigoroso controllo del reddito). Sulla base dell’analisi dei dati EUROSTAT, il PIL è diminuito di ¼ dal 2008 fino ad oggi, la disoccupazione è aumentata drammaticamente al 27% (al 50% tra i giovani) e una persona su cinque vive in condizioni di grave deprivazione materiale.
Il Comitato Greco per l’UNICEF ha presentato il rapporto annuale “La condizione dell’infanzia in Grecia 2016 – I bambini a rischio”, elaborato insieme ad un team scientifico guidato dall’Università Democritea di Tracia, che elenca i dati più recenti sul benessere dei bambini oggi in Grecia.
Il rapporto presenta un’indagine teorica ed empirica sulla condizione istituzionale e socio-economica e sulla protezione dei bambini in Grecia, attraverso una prospettiva storica e comparativa.
Dal punto di vista della prospettiva storica, viene analizzato il periodo 1995-2015 basata sui dati di EUROSTAT e ELSTAT.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Italiani: obesità e diabete in Italia e altrove

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 aprile 2016

obeso640 milioni di obesi, 1,5 chilogrammi di aumento del peso medio della popolazione mondiale ogni dieci anni dagli anni ’80: sono le ultime drammatiche cifre sull’avanzare della “piaga” obesità nel mondo, messe nero su bianco all’inizio del mese da una delle più autorevoli riviste medico-scientifiche internazionali, The Lancet. “Viene quasi da dire: era ora”, commenta Paolo Sbraccia, Presidente della SIO-Società italiana dell’obesità. “Ancora troppo spesso si considera l’obesità una condizione estetica e non una vera e propria malattia”, prosegue. “L’obesità è causa, in primis, di aumentato rischio di diabete di tipo 2, quindi di malattie cardiovascolari e di alcune forme di tumore; essere sovrappeso od obesi riduce il benessere psicologico, determina un impatto negativo sulla funzionalità fisica, con diminuzione della capacità di compiere anche le più semplici attività quotidiane, e sulla funzionalità sociale, con depressione, distress, cattiva qualità di vita,” aggiunge Sbraccia.
Al tema dell’obesità è dedicato l’Italian Barometer Diabetes Report 2015, dal titolo “Il management dell’obesità e del diabete di tipo 2: le sfide da vincere”, presentato questa mattina a Roma. “Il Barometer Report è un documento pubblicato annualmente con l’obiettivo di attivare il confronto e le riflessioni istituzionali sui grandi temi che riguardano il diabete e l’obesità nel nostro Paese, sulle grandi sfide che queste patologie comportano in termini di sostenibilità e accesso alle cure”, spiegano gli editor Renato Lauro, Presidente di IBDO Foundation-Italian Barometer Diabetes Observatory, e Giuseppe Novelli, Rettore dell’Università di Roma “Tor Vergata”.
Il rapporto 2015, come chiarisce il suo curatore, Domenico Cucinotta, Past President dell’Associazione medici diabetologi e professore di medicina interna all’Università di Messina, si propone di esaminare, grazie al contributo di personalità istituzionali e di qualificati esperti del settore, la questione “obesità” nelle sue mille sfaccettature – epidemiologiche, cliniche, sociali – “nella convinzione che la stretta sinergia tra autorità regolatorie e mondo della ricerca e della clinica sia un requisito indispensabile per attuare un efficace intervento di prevenzione dell’obesità e del diabete mellito, necessario per arginare il fenomeno”.Alla base del problema sta, infatti, paradossalmente, il progredire tecnologico e sociale dell’Umanità: i cambiamenti di stile di vita, la modernizzazione. Ricorda ancora Cucinotta: “è stato persino individuato e messo a punto da ricercatori nordamericani un indice – il modernization index – che si è dimostrato un forte predittore dello sviluppo di obesità e di diabete nelle popolazioni a rischio. Viene calcolato in base al tipo e al numero di oggetti-simbolo di questi cambiamenti di cui si è in possesso: frigorifero, telefono, televisore, automobile, lavatrice, cellulare, internet, lettore DVD, e altro.”Come facilmente immaginabile, l’Italia non è immune da tutto questo. Vediamo alcuni numeri ripresi dall’Italian Barometer Diabetes Report 2015:
Prevalenza sovrappeso/obesità – la prevalenza di eccesso ponderale, ossia la percentuale di persone sovrappeso sulla popolazione residente, fra gli uomini al di sopra dei 20 anni si attesta su una percentuale di poco inferiore al 60% nel nostro Paese, una condizione migliore di altri partner europei, più o meno ampiamente sopra questa soglia: Grecia, Regno Unito, Irlanda, Germania, Portogallo, Spagna e Finlandia. Fra le donne nella stessa fascia di età la prevalenza supera il 50% in diversi paesi, mentre in questo caso l’Italia risulta fra le nazioni con prevalenza più bassa, di poco al di sopra del 40%. Di converso, fra i giovani di sesso maschile al di sotto dei 20 anni l’Italia rappresenta una delle nazioni con prevalenza più elevata, (30%), mentre fra le ragazze la percentuale è di poco inferiore al 20%.
Trend temporale sovrappeso/obesità – i dati più recenti ISTAT, relativi al 2013, documentano fra il 2001 e il 2010 una crescita di circa 2 milioni del numero di persone in sovrappeso e di oltre 1 milione per le persone francamente obese, per un totale di oltre 27 milioni di persone in eccesso ponderale. L’obesità è cresciuta in tutte le fasce di età e, sempre ISTAT, evidenzia una più elevata prevalenza di obesità fra i 55 e i 74 anni di età.
Prevalenza diabete – l’obesità rappresenta la causa principale di diabete di tipo 2. In presenza di obesità, il rischio di sviluppare il diabete è 10 volte più alto. Non stupisce quindi che obesità e diabete vadano di pari passo. In Italia oggi sono 3,6 milioni le persone affette da diabete – di cui oltre il 90% con diabete di tipo 2 – pari al 6,2% della popolazione. A queste va aggiunta una quota di persone che, pur avendo la malattia, non ne è a conoscenza; si stima che per ogni tre persone con diabete noto, ce ne sia una con diabete non diagnosticato. Inoltre, si stima che per ogni persona con diabete noto, vi sia almeno una persona ad alto rischio di svilupparlo, perché affetta da ridotta tolleranza al glucosio o alterata glicemia a digiuno. Questo implica che in Italia oggi siano quasi 5 milioni le persone con diabete, cui si aggiungono 3,6 milioni ad alto rischio di svilupparlo, per un totale di quasi 8,5 milioni tra persone con diabete e persone a rischio: quasi 1 italiano su 7.
Trend temporale diabete – ancora, si stima che il numero di persone affette da diabete nel mondo sia cresciuto da 171 milioni nel 2000 a 415 milioni nel 2015 e raggiungerà i 642 milioni nel 2040. In Italia, secondo ISTAT, nel 2000 risultava diabetico il 3,9% della popolazione, poco più di 2 milioni di persone, diventate quasi 3 milioni (4,6% della popolazione) nel 2011. Se la crescita della prevalenza della malattia continuerà ai ritmi attuali, entro 20 anni potrebbero essere oltre 6 milioni (9% della popolazione totale) le persone affette da diabete, con enormi implicazioni assistenziali, sociali ed economiche.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Immuno-oncologia e tumore al rene

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 aprile 2016

tumoreL’efficacia dell’immuno-oncologia si estende al tumore del rene, che nel nostro Paese ha fatto registrare 10.400 nuovi casi nel 2015. In poco più di un anno ben 5 studi in cui è stata sperimentata una nuova molecola immuno-oncologica, nivolumab, sono stati interrotti in anticipo perché hanno raggiunto l’obiettivo ambizioso di un aumento della sopravvivenza. Il melanoma ha aperto la strada, a seguire il tumore del polmone non a piccole cellule (nelle due istologie, squamoso e non squamoso), e, negli ultimi mesi, il carcinoma renale e i tumori del distretto testa collo. Questo approccio innovativo permette anche di migliorare la qualità di vita dei pazienti. “È la dimostrazione che il meccanismo d’azione dell’immuno-oncologia ha un’efficacia trasversale, non limitata a una sola patologia, proprio perché stimola il sistema immunitario rinforzandolo nella lotta contro la malattia – spiega il prof. Sergio Bracarda, Direttore della UOC di Oncologia Medica di Arezzo, Azienda USL Toscana SUDEST -. Nivolumab è approvato negli Stati Uniti e in Europa per il trattamento dei pazienti con carcinoma a cellule renali avanzato precedentemente trattati. Lo studio di fase III che ha portato alla registrazione della molecola ha evidenziato un aumento della sopravvivenza del 27%, pari a più di 5 mesi, rispetto allo standard di cura (25 mesi rispetto a 19,6 mesi)”. In diciassette anni (1990-2007) la sopravvivenza a cinque anni delle persone colpite da tumore del rene è aumentata del 10%. Per i casi diagnosticati più recentemente la sopravvivenza è pari al 69% per gli uomini e al 73% per le donne. Passi in avanti importanti realizzati grazie alle terapie e alla diagnosi precoce. Il 60% circa delle neoplasie renali è individuato casualmente, come diretta conseguenza dell’impiego, sempre più diffuso, della diagnostica per immagini in pazienti non sospetti in senso oncologico. “Ma circa un quarto delle diagnosi avviene in stadio avanzato, con limitate possibilità di trattamento – afferma il prof. Giacomo Cartenì, Direttore dell’Oncologia Medica dell’Ospedale Cardarelli di Napoli -. Nel cancro del rene la chemioterapia e la radioterapia si sono dimostrate, storicamente, poco efficaci. Globalmente, il tasso di sopravvivenza a cinque anni, nei pazienti che ricevono diagnosi di tumore del rene metastatico o avanzato, è del 12,1%. Pertanto la disponibilità di nuove armi come nivolumab potrà migliorare in maniera significativa la capacità di gestione complessiva di questa neoplasia. Nell’immuno-oncologia il beneficio clinico deve essere osservato in base alla sopravvivenza e può invece sfuggire se si utilizzano i parametri ‘classici’ rappresentati dalla risposta oggettiva o dalla sopravvivenza libera da progressione. Va inoltre messo in evidenza l’aumento significativo dei pazienti vivi nei diversi tempi di osservazione. In uno studio di fase 1, con un follow-up a 3 anni, è stato evidenziato il 44% di pazienti vivi”. Anche l’impatto sulla qualità di vita è importante. “Nello studio di fase III – continua il prof. Cartenì -, i pazienti trattati con nivolumab hanno manifestato un miglioramento dei sintomi correlati alla malattia e della qualità di vita rispetto allo standard di cura. I risultati hanno evidenziato che entro 20 settimane di terapia i pazienti trattati con la nuova molecola hanno manifestato un significativo miglioramento dei sintomi, mentre i pazienti trattati con lo standard di cura hanno mostrato un evidente deterioramento entro la quarta settimana”. Nel melanoma, grazie al trattamento con ipilimumab, il primo farmaco immuno-oncologico approvato, il 20% dei pazienti è vivo a 10 anni. “I dati a disposizione sono ancora poco maturi per utilizzare il termine lungosopravviventi nel carcinoma renale – conclude il prof. Bracarda – ed è necessario un follow up più lungo. Ciò che emerge è comunque l’aumento significativo di pazienti vivi nei diversi tempi di osservazione. Alla luce della tendenza già vista in precedenti studi con farmaci immuno-oncologici, è possibile che queste percentuali di sopravvivenza si mantengano anche negli anni successivi e che quindi si possa in futuro parlare di lungosopravviventi. Si stanno aprendo inoltre ulteriori prospettive molto interessanti grazie ad altri studi che stanno valutando combinazioni di farmaci, quali ipilimumab e nivolumab, atezolizumab e bevacizumab e altre ancora”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Corso di laurea in Direzione di coro e composizione Corale alla Facoltà teologica di Sicilia

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 aprile 2016

Corso MusicaDal prossimo anno accademico 2016/2017, si amplia l’offerta formativa della Facoltà Teologica di Sicilia “San Giovanni Evangelista”. Sarà possibile grazie al rinnovo della convenzione con il Conservatorio di Palermo “V. Bellini” che permetterà l’attivazione del corso di laurea in “Direzione di coro e composizione Corale con specializzazione in direzione corale per la liturgia”. La firma dell’accordo è stata apposta dal Gran cancelliere della Facoltà mons. Corrado Lorefice e dal direttore del Conservatorio di Musica prof. Daniele Ficola. “Non posso che rallegrarmi per questa lodevole iniziativa che risponde alla vocazione alla musica liturgica del nostro territorio che vanta grandi tradizioni”. Ha detto l’arcivescovo mons. Corrado Lorefice il quale ha aggiunto: “Sono convinto che potremo offrire un servizio alle comunità grazie a coloro che intraprenderanno questo corso di studio e conseguiranno la specializzazione”.
Alla cerimonia svoltasi nell’aula Magna della Facoltà teologica hanno preso parte, altresì, il preside della Facoltà Teologica prof. Francesco Lomanto, il quale ha ripercorso la decennale collaborazione con l’istituzione musicale, la prof. Valeria Trapani che tanto si è spesa per il rinnovo dell’accordo, il maestro Mauro Visconti il quale ha illustrato le modalità di accesso e di svolgimento del corso e il maestro Pietro Gizzi che al termine ha diretto il coro del Conservatorio che ha eseguito una serie di brani di musica sacra.
“Il maestro di cappella è stata sempre una figura fondamentale nella liturgia – ha detto Ficola – ed è significativo che questo accordo venga stipulato in prossimità del 400° anniversario dell’istituzione del Conservatorio”. (foto: Corso Musica)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sclerosi multipla e tumore al seno

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 aprile 2016

tumore al senoBergamo. L’Ospedale Papa Giovanni XXIII, premiato anche lo scorso anno con 3 bollini rosa dall’Osservatorio nazionale sulla salute della donne per le attenzioni riservate al genere femminile, organizza – in occasione della prima Giornata nazionale per la salute della donna istituita dal Ministro Beatrice Lorenzin, in calendario il prossimo 22 aprile, – 5 incontri informativi sulla sclerosi multipla e l’alimentazione dopo un tumore al seno.
Si inizia venerdì 22 aprile alla 17, nella sala riunioni della torre 3 (ingresso 23, quarto piano), con un incontro dedicato alle donne con sclerosi multipla che intendono programmare una gravidanza. Neurologi e tossicologi del Papa Giovanni spiegheranno come gestire la terapia durante la gravidanza e l’allattamento per ridurre al minimo i rischi per mamma e bambino.
Martedì 26 aprile alle 10 nell’area della formazione (ingresso 55, piano terra) sarà invece la volta di un incontro gratuito e aperto a tutte le donne operate di cancro al seno e in terapia ormonale che vogliono tenere sotto controllo il peso. A tenere l’incontro e dare consigli preziosi per tenersi in forma senza rinunciare al gusto sarà Loredana Bresciani, biologa nutrizionista specialista in Scienze dell’alimentazione, dell’Ambulatorio “Curati col Cibo” della Dietologia clinica del Papa Giovanni XXIII.
“Molti tumori al seno hanno sulla superficie delle loro cellule recettori degli ormoni, responsabili della crescita del cancro stesso – spiega Loredana Bresciani -. In questi casi si consiglia alla donna di assumere, anche per molti anni consecutivi, farmaci in grado di tenere sotto controllo l’attività ormonale e quindi ridurre le probabilità che il tumore si ripresenti. Questi farmaci però possono causare degli effetti collaterali fastidiosi, a partire dalla menopausa precoce, con tutti i disturbi tipici associati a questa condizione, come l’aumento di peso. Ma come la menopausa precoce indotta da alcuni di questi trattamenti può essere reversibile, così è possibile prevenire e combattere quei chili in più adottando alcune semplici strategie per mangiare in modo corretto, senza eccessi e allo stesso tempo assicurando al corpo tutte le sostanze nutritive di cui ha bisogno”.
Sempre martedì 26 aprile, alle 17 (ingresso 23, quarto piano), gli specialisti del Papa Giovanni risponderanno ai dubbi delle donne sulle malattie neurologiche in un “Aperitivo con l’esperto”. A seguire, mercoledì 27 aprile (ore 17 – ingresso 23, quarto piano), si terrà un incontro dedicato al tema della sessualità nella sclerosi multipla, e giovedì 28 (ore 17 – ingresso 23, quarto piano) “Senti come mi sento”, un momento aperto a tutti coloro i quali vivono accanto a persone con sclerosi multipla, a casa, a scuola o sul posto di lavoro, per capire meglio le problematiche che i malati devono affrontare nella vita di tutti i giorni. Questo evento è organizzato in collaborazione con la sezione di Bergamo dell’Associazione Italiana Sclerosi Multipla. “Nel primo incontro spiegheremo che, sotto controllo medico, la sclerosi multipla non è incompatibile con la gravidanza. Anzi, la maggioranza dei farmaci è sicura e garantisce un controllo adeguato dei sintomi anche in questa fase della vita delle nostre pazienti – spiega Maria Rosa Rottoli, direttore della Neurologia e responsabile del Centro sclerosi multipla del Papa Giovanni XXIII -. Il secondo incontro è pensato per tutte le donne, non solo a quelle malate di sclerosi multipla, che vogliono approfondire il legame tra il genere femminile e le malattie neurologiche. Il terzo invece sarà concentrato sui problemi della sfera sessuale connessi alla malattia e quindi ha un taglio molto specifico e pensato per le pazienti. Il quarto infine è pensato per tutti coloro i quali convivono con una persona malata e vogliono capire meglio le loro difficoltà, magari non sempre così evidenti, ma certamente presenti e capaci di influenzarne i comportamenti. E’ infatti fondamentale per la qualità di vita dei malati che anche i loro amici, parenti e colleghi conoscano la malattia per poter offrire un aiuto reale e concreto nelle piccole e grandi difficoltà quotidiane”. Il primo incontro è patrocinato dal Ministero della Salute, mentre gli altri sono stati promossi in occasione della (H)Open Week, organizzato dall’Osservatorio nazionale per la salute della donna. L’evento di Onda coinvolge 174 ospedali italiani che hanno ottenuto il riconoscimento dei Bollini Rosa come strutture a “misura di donna e che dal 22 al 28 aprile offriranno gratuitamente visite e consulti clinici, diagnostici e informativi sulle principali malattie femminili. L’iniziativa gode del patrocinio di numerose Società Scientifiche ed Associazioni di pazienti* ed è resa possibile grazie al contributo incondizionato di Cosmetici Magistrali e Grunenthal Italia.
Il Centro antiveleni del Papa Giovanni XXIII, sotto l’egida del Ministero della salute, ha promosso anche uno studio di fattibilità per la creazione di una rete – integrata con le ATS di Bergamo e Milano, la Banca del latte della Clinica Mangiagalli e l’Associazione Chimica Farmaceutica Lombarda fra titolari di farmacia -, attiva anche a livello internazionale, con l’intento di potenziare i servizi di informazioni alle donne sull’uso dei farmaci in allattamento. Infine per il 14 maggio il Centro antiveleni ha organizzato a Bergamo, di concerto con la Società Italiana Tossicodipendenze, il convegno per addetti ai lavori “Addiction and gender: differenze di genere e problematiche femminili”, dedicato al tema delle differenze tra uomini e donne che si trovano a fare i conti con la dipendenza da alcol o droghe.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Possiamo “ancora” fidarci delle banche?

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 aprile 2016

salva bancheFederico Rampini, corrispondente da New York per il quotidiano La Repubblica, già autore di un utile saggio dal titolo “Banchieri” è uscito, da una quindicina di giorni, con un nuovo libro che si concentra più sul sistema bancario italiano dal titolo: “Banche: possiamo ancora fidarci?”. Per chi vive, per professione, tutti i giorni le storture del sistema bancario italiano ciò che Rampini scrive non è niente di eclatante. Il grande pregio di questo libro è quello di essere scritto da un giornalista che sa come usare “la penna” ed è edito e distribuito dal principale editore italiano, quindi si presume che verrà letto da un grande numero di persone.
Si tratta di un libro di cui ci sentiamo di consigliare caldamente la lettura. Rampini scrive sicuramente molto, molto bene, ed ha il pregio di semplificare concetti difficili (talvolta, da tecnico, mi sento di dire che la semplificazione arriva a travisare alcuni concetti secondari, ma è un peccato che si può accettare se è il prezzo per far passare i concetti più importanti che sono tutti corretti).C’è un bel capitolo, ad esempio, sui fondi comuni d’investimento nel quale si spiega in modo molto semplice, ma efficace, la differenza fra gestione attiva e passiva e quella che da molti anni, nel web di Aduc, chiamiamo “la favola del bravo gestore”.
Quali sono le conclusioni, assolutamente di buon senso e più che condivisibili, di Rampini alla domanda che fa da titolo al suo libro? Conclude Rampini “No, non possiamo fidarci delle banche, perché il loro bilancio si regge sull’estrazione di commissioni, tariffe e balzelli che sono prelevati dai nostri soldi. C’è una divergenza d’interessi alla base, tra noi e loro, insuperabile.
No, non dobbiamo pensare che i loro consigli d’investimento siano accurati e affidabili, soprattutto se i prodotti finanziari che ci collocano sono “fatti in casa”. No, il bancario che sta dietro lo sportello non è generalmente una persona disonesta, tutt’altro, ma la sua preparazione economica è modesta e i consigli che ci da’ vengono impartiti dall’alto per ragioni che noi non conosciamo. […]
Quando investiamo i nostri soldi, non facciamoci aggirare da “proiezioni” di lungo termine su dove andranno i mercati. Quello non lo sa nessuno. Meglio guardare da vicino: alle commissioni, alle spese di gestione che intanto si mangiucchiano il nostro piccolo capitale.
Vale nell’economia come nella politica: le promesse irrealistiche, prima o poi le paghiamo noi, non chi le ha fatte!”
Se ascoltiamo tutti i bancari, invariabilmente, ci diranno che alla base del rapporto fra clienti e banche deve esserci la fiducia. Questa è la tesi che noi ci sentiamo di contestare da anni. Alla base del rapporto fra banche e clienti deve esserci la più completa trasparenza e la correttezza dei comportamenti. Nel suo libro, Rampini racconta un episodio personale accaduto a sua madre anziana, la quale si è trovata nel dossier dei titoli per i quali non aveva mai firmato niente e che gli erano solo stati indicati vagamente per telefono dall’impiegata.
Questi comportamenti non sono un’eccezione, ma sono l’assoluta normalità e in Aduc vediamo tutti i giorni episodi del genere.
Proprio poche ore fa, per citare l’ultima notizia che mi è giunta, mi ha telefonato un collega che mi riferiva di un suo cliente il quale doveva rinnovare un finanziamento vecchio stipulato a tassi non più di mercato. Ebbene, la banca gli ha posto la condizione, a mo’ di ricatto, di acquistare obbligazioni collocate dalla stessa banca per un importo pari al 70% del valore del finanziamento, fra l’altro emesse in dollari! Altro che fiducia! La realtà è che l’intero sistema bancario, da ormai moltissimi anni, approfitta dell’ignoranza dei clienti per tosare i risparmi che essi affidano loro attraverso prodotti e servizi progettati appositamente per fare l’interesse degli emittenti a scapito di quelli dei sottoscrittori. La piccola fetta di clienti “fortunati” che s’informano, possono sfuggire alle trappole del sistema, ma la quasi totalità, purtroppo, rimarrà sempre raggirata. Almeno fino a quando le norme a tutela del risparmio rimarranno queste, bellissime sulla carta, ma rimangono – appunto – solo sulla carta e non incidono (se non in maniera trascurabile) nei comportamenti reali degli intermediari e dei loro clienti. (Alessandro Pedone, responsabile Aduc Tutela del Risparmio)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Terremoto in Ecuador: ponte aereo

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 aprile 2016

ecuadorCopenaghen L’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) sta ultimando i preparativi per una grande operazione di distribuzione di aiuti via aerea, prevista nelle prossime 48 ore, a sostegno delle persone sfollate a causa del disastroso terremoto in Ecuador. Tale operazione arriva a seguito di una richiesta di aiuto alle Nazione Unite ricevuta dal governo dell’Ecuador.
Oggi a Copenaghen – polo logistico globale dell’UNHCR – è stato messo a punto il piano operativo per un primo aereo diretto a Quito che porterà beni di prima necessità, tra cui circa 900 tende, teli di plastica, 15.000 materassini, set da cucina e, alla luce del rischio causato dal virus Zika, 18.000 zanzariere impregnate di liquido repellente, di cui c’è urgente bisogno. Un volta a Quito, questi beni saranno distribuiti nel più breve tempo possibile e secondo le priorità individuate a livello locale. L’impegno rimarrà concentrato nelle aree più colpite del paese, ad ovest, nelle zone di Manabi, Santo Domingo, Esmeraldas e Guayaquil.
Lo scopo è quello di fornire rapidamente nei prossimi giorni ripari essenziali ed altri materiali di prima necessità per circa 40.000 rifugiati, richiedenti asilo e persone locali che si trovano nelle comunità maggiormente colpite dal terremoto.
In Ecuador, sono in corso da domenica le valutazioni delle proporzioni del danno e delle esigenze delle persone colpite. L’UNHCR, attingendo dalle proprie scorte nel paese, ha inviato via terra beni di prima necessità, verso Carchi, Esmeraldas, Manta e Pedernales. Queste scorte includono tende e teli di plastica per centinaia di persone.
‘’Ci troviamo di fronte ad una situazione urgente e preoccupante. Oltre alle centinaia di vite già perdute, moltissime persone hanno perso la propria casa. Fra questi tanti rifugiati e richiedenti asilo,’’ ha affermato Renata Dubini, delegata regionale dell’UNHCR nelle Americhe.
L’Ecuador è il paese che ospita il maggior numero di rifugiati in America Latina. La sua popolazione ha generosamente accolto oltre 200.000 colombiani rifugiati e altre persone bisognose di protezione internazionale, molte delle quali si erano insediate in aree colpite dal terremoto. L’UNHCR si è impegnato ad aiutare l’Ecuador e la sua gente, fornendo supporto a rifugiati e popolazioni delle comunità ospitanti.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fondazione CRT approva bilancio 2015

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 aprile 2016

torinoTorino. Patrimonio netto contabile oltre i 2,1 miliardi di euro, totale investimenti a valori di mercato pari a 3,2 miliardi (+5% rispetto al 2014), posizione finanziaria netta ampiamente positiva e in forte crescita (+296 milioni, +170% rispetto al 2014), avanzo di esercizio di 83,8 milioni, superiore dell’11% all’avanzo 2014 depurato dal credito di imposta attribuito una tantum dalla Legge di Stabilità 2015 per compensare l’impatto negativo della riforma fiscale sui dividendi: questi i dati più significativi del Bilancio consuntivo 2015 della Fondazione CRT, approvato oggi in via definitiva e all’unanimità dal Consiglio di Indirizzo, che si è riunito a Torino sotto la Presidenza di Antonio Maria Marocco. Considerato anche il parere favorevole del Collegio Sindacale e della Società di Revisione, il CDI ha ringraziato per la collaborazione e il lavoro svolto il Consiglio di Amministrazione, il Segretario Generale Massimo Lapucci e tutto il personale della Fondazione.L’attenta gestione patrimoniale, abbinata alla tenuta degli altri flussi reddituali, ha consentito quindi di realizzare un risultato che consolida il trend, ormai più che positivo, osservato negli ultimi anni. Sono proseguite, inoltre, le azioni di consolidamento gestionale intraprese e i risultati confermano l’efficacia delle scelte effettuate. Nonostante l’incidenza fiscale, la Fondazione si è impegnata per minimizzare l’effetto penalizzante sull’attività istituzionale, ed è riuscita a confermare nuovamente il proprio considerevole sostegno alla comunità territoriale attraverso un esborso effettivo di risorse per 55 milioni di euro. L’ammontare del fondo di stabilizzazione delle erogazioni (236,2 milioni di euro) continua a garantire la necessaria serenità alla pianificazione dell’attività istituzionale.Il consolidamento degli equilibri gestionali e i positivi risultati conseguiti hanno consentito alla Fondazione CRT di prevedere un aumento dell’impegno erogativo diretto per il 2016 superiore a 60 milioni di euro.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sinodo luterano

Posted by fidest press agency su giovedì, 21 aprile 2016

Christiane Groeben

Nals (BZ) da venerdì 22 a lunedì 25 aprile si svolgerà in Alto Adige l’assemblea annuale del proprio Sinodo, presso la Lichtenburg Fondazione S. Elisabetta di Nals (BZ).I momenti principali dei lavori 2016 dell’organo sovrano della CELI – che dibatte e delibera su tutte le materie della vita ecclesiale – saranno le elezioni dei membri della Presidenza del Sinodo stesso e dei membri laici del Concistoro, nonché di quelli della Commissione Tecnico-finanziaria e dei Collegi – rispettivamente – dei Revisori dei conti, dei Conciliatori e in materia di Fede e Dottrina. Altre due fasi rilevanti dell’Assemblea saranno costituite dalle discussioni e successive decisioni su due temi fondamentali: le direttive anticipate di fine vita e il rafforzamento dell’impegno diaconale per l’accoglienza e l’aiuto a rifugiati e migranti. Nel primo caso, è previsto un dibattito – prima in gruppi di lavoro e poi in plenum – sul documento elaborato dalla Commissione sulle direttive anticipate di fine vita (testamento biologico) e sulla tutela della persona in fin di vita, istituita con delibera sinodale del 2013 e composta da due pastori e quattro membri laici. Le discussioni dovranno condurre all’approvazione di un documento comune.
Nel secondo caso, invece, saranno presentati i risultati del lavoro della Commissione per i rifugiati e la diaconia, nominata dal Concistoro in conseguenza della dichiarazione del Sinodo 2015: in quella occasione, l’Assemblea – consapevole delle radici principalmente migratorie della CELI, della drammatica trasformazione del Mediterraneo nel mare più letale al mondo e dei rischi enormi corsi da chi vuole raggiungere l’Europa pur di fuggire da guerre, persecuzioni, disastri ambientali e povertà, nonché della complessità dei fenomeni migratori e dell’impatto di una cattiva integrazione sull’intera società – s’impegnava e incoraggiava le comunità a fare di più per l’accoglienza, innanzitutto rafforzando o attivando reti sul territorio per progetti concreti di intervento.“Da sempre sono convinta che le sedute del Sinodo costituiscano la più importante occasione di riflessione e decisione per la vita della nostra Chiesa, ancor di più quando prevedono il rinnovo di alcune cariche, perché dal dibattito nascono nuove idee ed energie funzionali alla sua crescita – spiega Christiane Groeben, Presidente uscente del Sinodo della CELI – Personalmente, sarei felice se questo mio, probabilmente ultimo, mandato alla guida dell’Assemblea sinodale si concludesse con significative prese di posizione sul tema del cosiddetto testamento biologico e dell’impegno a favore di chi viene in Europa alla ricerca di una speranza. In particolare, sarei lieta di decisioni che, ispirate dal superamento della logica meramente assistenziale dell’accoglienza di rifugiati e migranti, promuovano iniziative che partano dal riconoscimento della loro storia individuale e collettiva”.
Nel corso della riunione assembleare, saranno inoltre presentate le tradizionali relazioni sui numerosi progetti che i luterani promuovono in Italia o a cui partecipano concretamente, soprattutto in ambito etico e sociale come avviene con la Cura d’anime ai carcerati, le azioni della Rete delle donne o le attività della Scuola materna ed elementare a Santa Maria La Bruna (NA).
L’Assemblea sinodale 2016 si concluderà con il Culto di chiusura che sarà celebrato presso la chiesa luterana Christuskirche in Via Col di Lana 10 a Bolzano.
La Chiesa Evangelica Luterana in Italia, CELI, statutariamente bilingue, italiano e tedesco, è un ente ecclesiastico che attualmente raggruppa 7.000 luterani distribuiti in 15 comunità, dalla Sicilia all’Alto Adige. I suoi rapporti con la Repubblica Italiana sono regolati dalla legge n° 520 del 1995 (Intesa secondo l’art. 8 della Costituzione).
La più antica comunità luterana in Italia è quella di Venezia, risalente alla Riforma attuata dal monaco agostiniano Martin Lutero nel 1517. Capace di evolvere con la società, oggi la CELI è fortemente impegnata non solo nella cura delle anime, ma anche in numerosi ambiti quali cultura, sanità, scuola, assistenza a poveri e immigrati, educazione ambientale, pari opportunità uomo-donna, difesa delle diversità e lotta alle discriminazioni, partecipazione al dibattito etico, religioso e politico.
Proprio per questo impegno, la Chiesa Luterana – una chiesa senza grandi patrimoni – riceve ogni anno la fiducia e il sostegno di tantissimi italiani che scelgono di destinarle l’otto per mille sulla dichiarazione dei redditi: così, nel 2014, sono state, più di 61.000 le firme a favore della CELI, cioè quasi 9 volte il numero dei luterani presenti in Italia. http://www.chiesaluterana.it (foto: Christiane Groeben)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »