Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

Roma: “Sette aspiranti Re in guerra continua”

Posted by fidest press agency su lunedì, 25 aprile 2016

sette colli di roma“A proposito di amministrative a Roma: sembra proprio che alleanze e guerre interne definiscano il perimetro di una di quelle storie infinite raccontate per infiacchire la volontà dei romani e demotivarli al voto. A sinistra tra Fassina e Giachetti non si vede alcuna possibilità di convergenza su temi e obiettivi comuni. A destra le tensioni Meloni-Bertolaso si possono tagliare col coltello, tanto sono spesse e virulente nei rimandi reciproci e d’altra parte neppure Storace sembra disposto a fare un passo indietro per sostenere la Meloni. Al centro Marchini, da solo, continua a sprizzare ottimismo da tutti gli angoli delle strade, anche se senza effettive convergenze dal centrodestra sarà dura anche per lui arrivare al ballottaggio. Mentre la Raggi è così convinta di vincere, anzi di stravincere al primo turno, da far temere per la sua capacità di interpretare correttamente il quadro politico-amministrativo della città”. Lo afferma l’onorevole Paola Binetti di Area popolare.
“Strano destino quello di Roma. Avrebbe avuto bisogno di un sussulto di dignità da parte di tutti questi aspiranti Re di Roma: sono sette come i sette re di Roma – prosegue Binetti – ma non si vede proprio chi avrà la possibilità di governare la capitale, dal momento che nessuno é in grado di fare rete, di agganciare i suoi competitori per farne una squadra forte e coraggiosa. La corruzione di Roma e, ancora più grave delle sue buche e del suo traffico impazzito, la sciatteria di una amministrazione comunale che non riesce a prendere decisioni efficaci e quando le prende si dimentica di metterle in pratica, richiederebbero un governo di larghe intese per la città. Un governo forte in cui il meglio delle diverse componenti politiche sapesse stringere un patto d’acciaio per rilanciare il cuore stesso della città. La sua bellezza straordinaria, millenaria, è diventata talmente decadente da far dubitare che si possa invertirne l’andamento. Il cuore grande di Roma si esprime nella creatività delle sue iniziative di servizio e di volontariato, a cui costantemente Papa Francesco ci rimanda. Ma di tutto ciò non parlano i sette candidati in lizza – conclude Binetti – perché sono assorti solo nel gioco delle parti, in una faticosa lotta per battere l’avversario invece di cercare modi nuovi e più concreti per collaborare in vista del rilancio di Roma capitale, anche nella prospettiva delle prossime Olimpiadi”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: