Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 26 aprile 2016

Why Rage Might Be Good for Your Writing Career

Posted by fidest press agency su martedì, 26 aprile 2016

Theresa Raganby Lisa Wogan. For the first 30 years of her life, bestselling author Theresa Ragan didn’t think of herself as a writer. Although she loved writing school papers and poems when she was young, it’s only when looking back that she sees these as signs of her true calling.She wasn’t even much of a reader until her sister gave her A Knight in Shining Armor, a romance novel by Jude Deveraux. Ragan was on a leave of absence from her job as a legal secretary, pregnant with her youngest daughter. “The escapism I experienced was so incredible,” she says. “I started writing that day and I never stopped.” Eventually, because of the high cost of day care, Ragan stayed home with her four children. She wrote stories, notes, and character sketches in longhand on legal pads, early in the morning or late at night while the kids slept. She wrote in her car while waiting for school to let out. Sometimes she could grab a half-hour before dinner. In their small house in Lafayette, California, she learned how to tune out noise. She kept a tape recorder on her nightstand so she wouldn’t lose any of the ideas that were burbling up constantly.Still, there was never enough time. “Then I had an epiphany,” she says. “I realized I had to give up ‘Oprah.’ I needed that hour.” After five years, Ragan completed 50 pages of what would become Return of the Rose, a time-travel romance that toggles between medieval England and 1980s United States. She joined Romance Writers of America (RWA) and attended conferences. One of her sisters gave her $100 to help cover expenses, and Ragan shared a room with three strangers to save money. Eventually, Ragan submitted a complete manuscript to a New York publisher. “I was excited by the first rejection,” she says. “I thought, ‘OK, I’m on my way.’” She wrote another time-travel romance and continued to submit to publishers. The rejection notices—eventually in the hundreds—piled up. She kept resetting her goals. She told herself she needed to find a publisher by the time she was 40, then by 45, then by 50. “I knew in my heart that I was a writer when nothing could stop me.” (photo: Theresa Ragan)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

WHO issuing updated guidelines for treatment of hepatitis C infection

Posted by fidest press agency su martedì, 26 aprile 2016

Hepatitis program1Hepatitis programBarcelona, Spain, In view of the continued rapid progress in the development of new treatments for hepatitis C infection, the World Health Organization (WHO) is issuing updated treatment guidelines. The guidelines promote the transition to newer, more effective medicines that have the potential to cure most persons living with hepatitis C infection. WHO issued its first-ever recommendations on the treatment of hepatitis C virus (HCV) in 2014. Since then, several new medicines have been introduced and marketed. These medicines, called direct-acting antivirals (DAAs), are more effective and easier to use than established treatment regimens. Furthermore, they have been included in WHO’s Model List of Essential Medicines. Treatment with DAAs is short in duration (8–12 weeks), easy to take (as few as 1 pill per day), has few side effects, and results in a cure for more than 90% of people treated. This is a vast improvement from older treatments, which cured less than half of the people treated, required weekly interferon injections for up to 12 months, and often resulted in severe, sometimes fatal, side effects.The new guidelines also provide guidance on which specific regimens should be used (called “preferred regimens”) based on a patient’s clinical history as well as the genotype of HCV (there are 6 genotypes). These preferred regimens simplify treatment decisions by recommending only 3 treatment epatite programregimens for patients without cirrhosis and an additional 2 for patients with cirrhosis.The updated guidelines are intended to promote the scale-up of HCV treatment, particularly in low- and middle-income countries where few people currently have access to hepatitis treatment, despite also being where most people with HCV live. WHO recognizes that implementation of the recommendations may not be immediate, because the treatments can be expensive and the medicines are not yet approved in many countries.The price of DAAs varies dramatically. The cost to treat a single patient in some high-income countries can exceed US$100 000. However, following the introduction of generic versions of DAAs, the price in other countries, such as India, is less than US$ 500 to treat a single patient.Approximately 130–150 million people are estimated to be infected with HCV. Each year, an estimated 700 000 people die from HCV-related complications including fatty liver (cirrhosis), cancer (hepatocellular carcinoma) and liver failure. Unfortunately, many people with HCV only learn about their infection when they develop symptoms from cirrhosis or liver cancer. Because the prices are rapidly dropping, and because the medicines are easy to use, they have the potential to dramatically reduce the number of deaths due to hepatitis C infection. (fonte: World Health Organization – Who http://www.who.int/hepatitis/news-events/hepatitis-c-guidelines-2016-story/en/)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Come risolvere la disoccupazione nell’Eurozona?

Posted by fidest press agency su martedì, 26 aprile 2016

-bergamoBergamo  29 aprile  presso la sede di via dei Caniana dell’Università di Bergamo, dalle ore 15 alle ore 18:30 con un break  alle 17, Forum delle Prospettive Economiche, Politiche, Sociali, dove si terrà il dibattito nazionale su austerità e Eurozona. Oltre all’economista americano, parteciperà al dibattito anche Marco Zanni europarlamentare M5S, Alfredo D’Attorre di Sinistra Italiana, Angelo Mincuzzi del Sole 24 Ore, Carlo Clericetti della testata La Repubblica. Al Forum il mondo politico, scientifico e il tessuto economico indagheranno le alternative alle politiche di austerità con un fine ambizioso: aggiustare la rotta del Paese. L’evento, aperto dal rettore dell’Università di Bergamo, Prof. Remo Morzenti Pellegrini e coordinato da Angelo Mincuzzi (Il Sole 24 Ore), proporrà una riflessione a partire dall’intervento di Warren Mosler, massimo esperto di sistemi monetari e fondatore della Modern Money Theory, approccio teorico di riferimento di Stephanie Kelton, consigliere economico di Bernie Sanders. L’intervento di Mosler sarà accompagnato dal contributo del Prof Stefano Lucarelli (Università di Bergamo) e contestualizzata nel quadro politico dagli interventi di Alfredo D’Attorre (parlamentare Sinistra Italiana), Marco Zanni (europarlamentare M5S) e Daniele Basciu (responsabile scientifico Rete MMT). I relatori verranno successivamente interrogati dai discussant Paolo Agnelli (presidente Confimi Industria) e Carlo Clericetti (La Repubblica). Le conclusioni saranno affidate alla prof.ssa Anna Maria Variato (Università di Bergamo) economista post-keynesiana. “Demenza è fare la stessa cosa ancora ed ancora aspettandosi risultati diversi” affermava Albert Einstein e l’intento del Forum sarà proprio quello di esplorare le vie alternative migliori all’austerità che ha letteralmente strozzato l’Eurozona.  L’evento è organizzato da Rete MMT e JEBG ed il programma completo dell’evento è disponibile sul sito retemmt.it/forumdelleprospettive  (Ivan Invernizzi fonte: (www.corriere.it/extra-per-voi/2016/04/18/salario-minimo-occupazione-finanziati-bce-l-inedita-proposta-dell-ex-guru-wall-street-e0895f38-0557-11e6-9d1f-916c0ba5b897.shtml)

Posted in Cronaca/News, Università/University, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Terapia antibiotica, nuove linee guida Usa per la gestione ospedaliera

Posted by fidest press agency su martedì, 26 aprile 2016

terapia antibioticaL’Infectious Diseases Society of America (Idsa) e la Society for Healthcare Epidemiology of America (Shea) hanno appena pubblicato sulla rivista Clinical Infectious Diseases le nuove linee guida nazionali sulla antibiotic stewardship, ossia l’implementazione di una strategia di gestione responsabile dei trattamenti antibiotici prescritti ai ricoverati. Il documento, che integra e sostituisce il precedente del 2007, è stato messo a punto da un gruppo multidisciplinare di esperti Idsa e Shea tra cui internisti, medici d’urgenza, microbiologi, intensivisti, chirurghi, epidemiologi, farmacisti e infettivologi adulti e pediatri.«La definizione di antibiotic stewardship data da Idsa, Shea e Pediatric Infectious Diseases Society comprende tutti gli interventi volti a favorire l’uso appropriato di ciascun trattamento a base di antibiotici prescritto ai degenti in ospedale, ottimizzandone il dosaggio, la durata e la via di somministrazione» esordisce Tamar Foster Barlam, professore associato di medicina alla Boston University School of Medicine e coautrice dell’articolo, sottolineando che le nuove linee guida discutono una vasta gamma di possibili interventi, ma che sarà compito di ogni singolo centro ospedaliero implementarle nel modo migliore entro la propria realtà, compatibilmente con le esigenze cliniche e le risorse disponibili. «Il criterio utilizzato per lo sviluppo delle raccomandazioni contenute nel documento prevede una ponderazione sistematica della forza e della qualità delle prove scientifiche disponibili, valutate secondo il sistema GRADE, che sta per Grading of Recommendations, Assessment, Development, Evaluation» riprende la ricercatrice, spiegando che una delle novità del documento è l’espansione della sezione sui test di microbiologia, che ora include ampie informazioni sui test diagnostici rapidi. «I molteplici vantaggi della antibiotic stewardship comprendono il miglioramento della prognosi del paziente, la riduzione degli eventi avversi e delle infezioni da Clostridium difficile, il miglioramento dei tassi di suscettibilità ai diversi farmaci e l’ottimizzazione dell’utilizzo di risorse» conclude Barlam. (font: http://www.ncbi.nlm.nih.gov/pubmed/27080992)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Conclusa la Chioggia – Rovigno – Chioggia

Posted by fidest press agency su martedì, 26 aprile 2016

chioggia traversataCHIOGGIA. Si è conclusa nella giornata di lunedì 25 aprile, con le premiazioni svolte presso la club house del Porto San Felice a Chioggia l’edizione numero ventitré della Chioggia – Rovigno – Chioggia, Traversata dell’amicizia organizzata dal Club Amici della Vela con la collaborazione de Il Portodimare di Padova.Sono state venti le imbarcazioni che si sono presentate allo start, alle 23 di venerdì dinnanzi la diga del porto di Chioggia. Un vento di dieci nodi ed onda lunga da Scirocco ha accompagnato la flotta fino alla costa croata, raggiunta nella mattinata di sabato dalle prime imbarcazioni. Vittoria in tempo reale per Luna per te, il Millennium 40 di Trentin Federico, con Naranja, l’Elan 450 di Carlo Canassa che si aggiudica la prova in tempo compensato, primeggiando anche nella classifica Overall.La giornata di domenica è stata dedicata alla regata “Trofeo delle Isole di Rovigno-Brioni”, organizzata dal locale circolo velico e vinta da Marada di Penzo Luciano, prima della partenza per la rotta di ritorno.
Traversata di ritorno con rotta Rovigno – Chioggia con vento sostenuto di bora e onda al traverso che permette alle imbarcazioni una regata rapida. È ancora una volta Marada, di Penzo Luciano della Lega Navale di Chioggia ad aggiudicarsi la regata sia nella classe Crociera 2 che la classifica Overall, mentre in classe Crociera 1 la vittoria va a Solaria di Medved Jure, vincitore anche in tempo reale. Il campionato di primavera si concluderà sabato 30 aprile e domenica 1 maggio con le prove valide anche come selezione per i campionati nazionali ORC. (foto: chioggia traversata)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Letture Bergamasche 2016 Vincenzo Guarracino – Poeta, Saggista e Traduttore

Posted by fidest press agency su martedì, 26 aprile 2016

guerraciniBergamo alta domenica 1 maggio 2016 ore 11:00 Museo Cividini poeti grecinella Antica Zecca – via Donizetti 18/a. Continuano gli incontri letterari che ogni prima domenica del mese si tengono presso il Museo Cividini nell’Antica Zecca (via Donizetti, 18 a, Bergamo Alta). Il prossimo incontro avrà luogo alle ore 11 dell’1 maggio e ne sarà protagonista il professor Vicenzo Guarracino, poeta e saggista assai noto per le sue traduzioni dei classici greci e latini e per i suoi saggi critici (particolarmente su Leopardi e Verga). Egli si è peraltro distinto per aver curato l’edizione di alcune opere rare (i “Canti spirituali” di Ildegarda di Bingen e il carme latino “Tu vates eris” di Rimbaud) e per aver curato numerose antologie poetiche, una delle quali è apparsa recentemente e comprende testi di poeti bergamaschi contemporanei. Guarracino sarà presentato da Mario Rondi. L’incontro sarà introdotto da Umberto Zanetti. L’ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti. Il poeta Umberto Zanetti introdurrà l’incontro
Il poeta Mario Rondi presenterà Vincenzo Guarracino
Lo scultore Pierantonio Volpini curatore e coordinatore dell’incontro
L’ingresso è libero fino ad esaurimento dei posti.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Esposizione d’autore Photofestival 2016

Posted by fidest press agency su martedì, 26 aprile 2016

alessandro donaggioMilano 04 – 14 maggio 2016 Corso G. Matteotti, 14 inaugurazione martedì 03 maggio ore 18.00 INAUGURAZIONE MARTEDI’ 03 MAGGIO ORE 18.00 all’interno del circuito espositivo d’autore Milano PHOTOFESTIVAL, l’associazione culturale BARICENTRO presenta da Moroni Gomma ALESSANDRO DONAGGIO – COSMO Orari: lunedì 15.00 – 19.00 martedì-sabato 10.00 – 19.00 domenica 10.30 – 19.00 chiuso lunedì mattino.
Singole conchiglie sono fotografate registrandone i particolari più minimi. Un’indagine volta a comprendere la logica di ciascuna forma cattura lo sguardo in fragili curve e solidi rilievi.“La conchiglia come lascito di un’esistenza” dichiara Donaggio.Il nitore del carbonato di calcio e della madreperla apre a uno scenario della rappresentazione e della mente che accoglie il reale sino a oltrepassarlo per portarlo altrove. Una sospesa interruzione del flusso temporale è data dalla fissità dell’oggetto che, avvolto nell’allargarsi del campo visivo, è bloccato come un fossile incastonato nella roccia così, come la luna nel cielo. Le fotografie di Alessandro Donaggio si collocano a metà strada tra un minimalismo di rara dolcezza poetica e il rigore disincantato dell’arte concettuale, come nella ripetizione di un frattale, lo specifico dettaglio rimanda direttamente a una visione più ampia di spazi dilatati non meno astratta del alessandro donaggio1dettaglio stesso. Visione umana che non chiede aiuto alla parola, impressionata nella fisicità dell’elemento naturale attraverso un percorso di neutralizzazione o forse di sublimazione del desiderio vitale. Il rimandando a immagini extra-terrestri inviateci dallo spazio è immediato. Gli oggetti rappresentati costituiscono eventi figurativi il cui equilibrio non sembra legato a leggi fisiche terrene, ma piuttosto a una strategia genetica la cui logica accomuna e unisce tutti gli esseri viventi. Un riferimento alla bellezza immateriale più che all’oggetto rappresentato. Nell’attimo dello scatto, Donaggio passa da ciò che è tangibile a ciò che è spirituale, offrendoci una redenzione implicita, quasi a sottolineare che esiste una relazione tra le cose, indipendentemente dalla loro natura e dalla nostra conoscenza.
Alessandro Donaggio, Chioggia 1976. All’età di 18 anni si trasferisce a Milano e qui si laurea in comunicazione presso l’Università IULM. Vive per cinque anni nel capoluogo lombardo ed entra in contatto con gli stimoli visivi della grande città. E’ inoltre attratto da culture e paesi lontani che lo portano a viaggiare in Europa, America, Africa e Australia. Ogni viaggio è un’ esperienza unica che lascia un segno indelebile. Durante gli studi inizia a formarsi il desiderio di approfondire e lavorare con le immagini. Sperimenta alcune tecniche di pittura tradizionale, ma le abbandona per abbracciare la grafica e in seguito la fotografia. Affianca la passione fotografica ad altre attività, lavorando in progetti di comunicazione nel settore del web e della stampa. Incontra la sua futura moglie Stefania, e assieme uniscono interessi e competenze intraprendendo la professione di fotografi. Aprono uno studio fotografico nella città di Padova. Alessandro ottiene la certificazione di qualità professionale IPP Italian Professional Photographer e riconoscimenti internazionali nell’ambito del ritratto fotografico. Affianca la fotografia tradizionale a quella di ricerca che gli consente realizzare opere nell’ambito dell’interior design e del fine art photography. Ha come committenti sia aziende sia privati. L’autore ha esposto le sue opere in mostre collettive e personali in varie gallerie e saloni internazionali (foto: alessandro donaggio)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Crisi degli Avvocati ed il Declino di una Professione: “Siamo i Nuovi Esodati”

Posted by fidest press agency su martedì, 26 aprile 2016

avvocatiSono gli avvocati i nuovi esodati? Pare proprio di sì. Abbandonata la vecchia immagine della professione, che la vedeva come qualificante, bella e, perché no, remunerativa, oggi a mettere i bastoni tra le ruote ai professionisti del diritto e ad affossare l’antico mestiere ci pensano sempre più provvedimenti (o non provvedimenti) di dubbia convenienza. Valeria Zeppilli, avvocato in Ascoli Piceno ed articolista per il sito di news giuridiche Studio Cataldi (www.studiocataldi.it), ha stilato un elenco di tutti i provvedimenti che finora hanno danneggiato la professione, pregiudicandone pesantemente il futuro. Vediamolo insieme. Niente numero chiuso Per l’accesso alla laurea e alla professione dell’avvocato manca il numero chiuso. Attualmente solo alcune facoltà sono a numero chiuso: Architettura, Medicina e chirurgia, Medicina in lingua inglese, Odontoiatria e protesi dentaria, Scienze della formazione, Veterinaria. Sono a numero chiuso anche i corsi triennali delle professioni sanitarie. Ma per la laurea in giurisprudenza non c’è il numero chiuso, con la conseguenza che ci sono molti più avvocati di quante siano le reali esigenze di assistenza e che molti studenti si riversano sulla facoltà di giurisprudenza solo perché non hanno “di meglio” da fare o perchè non sono riusciti ad accedere ad altre facoltà. Nonostante in maniera sempre più insistente si stia valutando la possibilità di inserire giurisprudenza tra le facoltà a numero chiuso e anche di limitare l’accesso alla pratica forense, di certo quello del numero eccessivo, anche valutando il complesso del sistema universitario e di accesso alle professioni italiano, si è posto storicamente come uno dei primi problemi del declino dell’avvocatura. Intanto l’esame di Stato per l’abilitazione all’esercizio della professione forense e per la valutazione delle prove scritte e orali è stato modificato, con la pubblicazione del relativo decreto in Gazzetta Ufficiale lo scorso 7 aprile. Aumento del contributo unificato In ogni caso quello dell’accesso alla professione non è di certo l’unico problema. Si pensi, ad esempio, all’aumento del contributo unificato, che, volto a deflazionare l’eccessivo arretrato che grava sui tribunali, ha scoraggiato i cittadini dal far valere giudizialmente le proprie ragioni. Chiusura delle sedi distaccate A tutto ciò si è aggiunta la chiusura di molte sedi distaccate di tribunale e giudice di pace, che ha contribuito a lasciare ai margini alcuni degli avvocati “di periferia”. Situazione, peraltro, che rischia di essere ulteriormente aggravata se la riforma della geografia giudiziaria attualmente in discussione finirà per andare in porto. Diminuzione degli onorari e aumento dei costi di previdenza E in termini strettamente economici? Non possiamo dimenticare che mentre da un lato sono diminuiti gli onorari degli avvocati, in forza di numerosi interventi che li hanno aggrediti su più fronti, dall’altro si è resa obbligatoria per tutti gli iscritti all’albo l’iscrizione anche a Cassa Forense e sono stati addirittura aumentati i contributi previdenziali. Rendendo per i giovani avvocati l’avvio autonomo della professione quasi un’utopia. Esercizio continuativo della professione Ultimamente, poi, è stato pubblicato in Gazzetta il decreto con il quale sono stati stabiliti i requisiti in assenza dei quali gli avvocati non possono più restare iscritti all’albo. Per poter continuare ad esercitare, in particolare, è necessario che l’avvocato sia titolare di una partita Iva attiva o faccia parte di una società o associazione professionale titolare di partita Iva attiva; abbia l’uso di locali e di almeno un’utenza telefonica destinati allo svolgimento dell’attivita’ professionale; abbia trattato almeno cinque affari per ciascun anno; sia titolare di un indirizzo p.e.c.; abbia assolto l’obbligo di aggiornamento professionale e abbia sottoscritto una polizza assicurativa a copertura della responsabilità professionale. Divorzio senza avvocato Come se non bastasse, si è incentivato il “fai da te” dei cittadini. Ci si riferisce, in particolare, alla possibilità di divorziare, seppur con dei limiti, senza l’assistenza di un avvocato sia in Tribunale che in Municipio. È chiaro insomma che l’immagine della professione ha perso completamente il suo scintillio, del tutto immeritatamente. Ben lontani dai vecchi tempi, quando la professione dell’avvocato era sinonimo di ricchezza e prestigio. Alla luce di tutto ciò, in fondo, oggi chiamare gli avvocati “i nuovi esodati” non è poi del tutto azzardato. StudioCataldi.it (foto avvocati)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Imparare un lavoro a scuola: ecco come gli studenti sperimentano il fare impresa

Posted by fidest press agency su martedì, 26 aprile 2016

scuolaCatanzaro. L’Istituto “Costanzo” di Decollatura (Cz) ha inventato per i suoi studenti della classe III del Tecnico informatico di Soveria Mannelli un nuovo modo di fare alternanza scuola/lavoro: simulare un’impresa che ripara le aule informatiche delle scuole del primo ciclo. Il Dirigente scolastico Antonio Caligiuri, molto impegnato nella riorganizzazione generale dell’Istituto, spiega che “in quest’ultimo mese gli studenti hanno già visitato e sistemato a puntino le aule informatiche degli Istituti comprensivi di Soveria Mannelli, della “Gatti” di Lamezia terme, di Bianchi-Scigliano e in questa settimana sono intervenuti nell’Istituto Manzoni-Augruso di Lamezia Terme e proseguiranno il loro lavoro nel prossimo mese vistando altre cinque scuole del Lametino e del Reventino”. “Si tratta di una modalità di alternanza – sottolinea il Dirigente scolastico – prevista dalle Linee guida adottate dal Ministro Giannini in applicazione della legge “La buona scuola” e che il “Costanzo” ha colto al volo intravedendovi un doppio vantaggio: l’esperienza dei ragazzi di esplorare il mercato del lavoro dal punto di vista di una piccola società che opera nel settore informatico e la soddisfazione dei dirigenti delle scuole del primo ciclo di vedere rimesse a nuovo le loro aule informatiche”. L’Istituto Costanzo di Decollatura, di cui fa parte il tecnico informatico, è molto attivo nel campo dell’Alternanza Scuola/Lavoro. “Nel corso del presente anno scolastico – continua entusiasta Caligiuri – gli studenti del triennio che vivono la loro prima esperienza con il mondo del lavoro sono ben 235. Per tutti è stato pensato un solido percorso che prevede, oltre ad interessanti esperienze in aziende, due importanti moduli base: il primo di almeno 15 ore sulla Sicurezza nei posti di lavoro per la diffusione della cultura della sicurezza; il secondo di almeno 30 ore di Impresa Formativa Simulata utilizzando il simulatore web CONFAO, nonché il sostegno di un’esperta di start-up, la dott.ssa Colosimo Donatella”. Il Reventino e in generale la Calabria hanno bisogno di lavoratori altamente qualificati, ma anche e soprattutto di imprenditori con idee innovative, capaci di creare ricchezza con prodotti e soluzioni in grado di oltrepassare le dimensioni delle piccole attività artigiane e l’orizzonte del mercato locale. Caligiuri, con orgoglio, cita tutti i suoi studenti impegnati in questo progetto, così simile a un’impresa reale: Carà Danilo, Cerra Francesco, De Cello Davide, Gentile Symon, Guzzzo Bruno, Mazza Alessandro, Mazza Jonathan, Masr Agami, Lucia Roberto, guidati dal tutor scolastico prof. Nicola Torchia, costituiti in una impresa formativa che sfrutta le “attività in conto terzi” che la legge consente a tutti gli istituti tecnici. Si tratta di vere e proprie attività economico-produttive che i Tecnici possono svolgere verso terzi e i cui guadagni vengono acquisiti nel bilancio della scuola. In questo caso l’attività in conto terzi è stata solo simulata con la creazione di listini di prestazioni e costi, la compilazione di schede di intervento, il rilascio di fattura (simulata). Gli studenti, infine, si dichiarano contenti e orgogliosi di poter operare da soli nell’analisi dei guasti e nella ricerca della soluzione migliore e di fornire all’Istituto cliente un servizio che è da loro particolarmente apprezzato dal momento che è gratuito e risolve uno dei grandi problemi delle scuole del primo ciclo, la mancanza di tecnici addetti alla manutenzione delle strutture e infrastrutture software, e nello stesso tempo sono convinti di sviluppare capacità di gestione nei vari ambiti, rendendosi così autonomi e preparati a un lavoro futuro. (foto: scuola)

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“L’Amore cucito addosso” per avvicinare i giovani alla sartoria artigianale

Posted by fidest press agency su martedì, 26 aprile 2016

gino signoreArtigianalità e innovazione, sete pregiate, pizzi francesi e sapienti mani di esperte premier: sono questi gli elementi che caratterizzano la nuova sartoria di Maison Signore (www.maisonsignore.it), una delle più amate realtà italiane nel mondo del bridal fashion, operativa da ieri nello Showroom di Caserta.
E nell’occasione dell’inaugurazione della sartoria, dei laboratori prototipi e del nuovo ufficio stile l’azienda, leader di settore nella produzione artigianale di abiti da sposa, lancia la campagna “L’Amore cucito addosso” per avvicinare i giovani alla sartoria artigianale.Con più di quaranta anni di attività nel mondo degli abiti da sposa, più di duemila metri quadrati di showroom tra gli atelier di Napoli, Aversa e Caserta, quattro collezioni e più di duecento modelli diversi di abiti da sposa realizzati ogni anno, l’azienda è diventata un punto di rifermento nel settore ed oggi i suoi abiti sono nei più importanti showroom italiani, degli Stati Uniti e del Far East.L’azienda dal 2014 ha sartoriaarricchito la sua proposta aggiungendo alle collezioni Signore Excellence e Victoria F, che hanno reso celebre e portato al successo la Maison, la collezione “Seduction” nata dalla partnership con Valeria Marini e a fine del 2015 ha completato la sua offerta con la Enzo Miccio Bridal Collection ideata dal più apprezzato wedding designer italiano.
“Gli abiti di Maison Signore- dichiara l’amministratore di Maison Signore Gino Signore- sono interamente Made in Italy e realizzati rigorosamente a mano da sarte e ricamatrici esperte e la nuova sartoria, che amo definire laboratorio di creatività e innovazione, è degna dei più gradi nomi della moda internazionale non solo per la qualità delle attrezzature e delle sartoria1professionalità coinvolte ma anche per la nostra passione per l’alta qualità e dall’ossessione per i dettagli.” “La campagna “L’Amore cucito addosso” nasce- continua Gino Signore- perchè crediamo fortemente nell’artigianato di qualità e del Made in Italy, siamo certi che questi possano rappresentare una grande opportunità di lavoro e crescita umana e professionale per i giovani.
“Il nostro obiettivo a breve termine, è quello di poter continuare a crescere facendo nascere una generazione di nuovi creativi e creative del settore e nuovi sarti e sarte. Per questo vorremmo dar vita, nei prossimi anni, ad una scuola di alta sartoria che ha l’obiettivo di formare una nuova generazione di artigiani, di trasmettere il savoir-faire e preservare la cultura, le tecniche e la passione per l’arte sartoriale. Quale maison italiana che crede profondamente nel made in Italy e produce tutte le collezioni in Italia, provo un obbligo morale nel difendere il nostro patrimonio, il nostro savoir-faire e nel fare in modo di trasmetterlo da una generazione all’altra.” L’azienda rafforza la sua area in ricerca sviluppo e prototipazione: i suoi abiti saranno, infatti ancora di più, trasformabili che potranno adattarsi sia al corpo di chi li indossa, sia alla situazione in cui sono indossati; saranno smontabili attraverso delle zip, e la creatività e la comodità diventeranno le parole chiave di questo progetto. Il concetto di unicità è talmente predominate nelle collezioni, che il brand consente ai clienti di esprimere la propria personalità ben oltre ciò che normalmente offrono le case di moda. Il cliente può, infatti, richiedere il proprio capo e renderlo unico scegliendo tessuti, materiali e pietre preziose. Impalpabili, sofisticati, aristocratici, sono i tessuti impiegati dalla Maison.
Maison Signore diventa così ancor di più un’azienda con una sartoria all’avanguardia che coniuga le più avanzate tecnologie gestionali alla tradizione sartoriale e del ricamo che ci contraddistingue nel mondo – una sartoria a vista, attraverso una finestra dall’alto è possibile guardare l’operato degli stilisti mentre disegnano e delle premier a lavoro. “Non c’è futuro per la moda, se non si formano le nuove generazioni di sarti. Tradizione e qualità sono valori del Made in Italy che fanno la differenza e che vanno preservati”. (foto: sartoria, gino signore)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »