Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 28 aprile 2016

Rimuovere gli ostacoli tecnici e amministrativi per rilanciare le ferrovie europee

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 aprile 2016

TRENONorme volte a ridurre gli ostacoli tecnici per gli operatori ferroviari e ai produttori di materiale rotabile, creati da procedure nazionali diverse, sono state approvate giovedì dal Parlamento. Le nuove norme, che formano il cosiddetto “pilastro tecnico” del quarto pacchetto ferroviario, ridurranno i tempi e i costi delle certificazione di conformità alle norme di sicurezza e tecniche per operatori, locomotive e le carrozze.Le modifiche approvate giovedì riguardano la prima parte del quarto pacchetto di riforme delle ferrovie, che mira a migliorare le prestazioni e attrarre investimenti nel settore ferroviario, a promuovere il miglioramento della qualità del servizio per i passeggeri e a incrementare l’utilizzo del trasporto ferroviario. In definitiva, si dovrebbe anche contribuire al raggiungimento degli obiettivi comunitari di emissione per il settore dei trasporti.Le procedure di autorizzazione alla commercializzazione di produttori di materiale rotabile e a quelli di certificazione di sicurezza per gli operatori dovrebbero essere snellite e rese meno onerose, poiché l’Agenzia ferroviaria europea (ERA) avrà la facoltà di rilasciare autorizzazioni di mercato e certificazioni di sicurezza. Attualmente, i produttori e gli operatori devono rivolgersi alle autorità di ogni Paese.
• Per i servizi transfrontalieri, le richieste di certificazione di sicurezza delle imprese ferroviarie e l’autorizzazione di locomotive e carrozze saranno inoltrate all’Agenzia ferroviaria europea.
• Per la fornitura di servizi e l’immissione sul mercato del materiale rotabile all’interno di uno Stato membro, operatori e produttori potranno scegliere se rivolgersi a ERA oppure alle autorità nazionali.
• Un solo punto di accesso per le richieste: ERA istituirà un sistema di informazione e comunicazione, che funzionerà come un unico punto di accesso per tutte le domande di certificazione di sicurezza e per l’autorizzazione alla commercializzazione.
ERA potrà anche svolgere un ruolo più incisivo nel garantire lo sviluppo continuo di sistemi di controllo e di comando, perché potrà valutare le soluzioni tecniche previste in qualsiasi bando di gara pubblicato per il sistema europeo di gestione del traffico ferroviario (ERTMS) per la fornitura di apparecchiature di terra. L’accordo prevede, inoltre, un’ulteriore armonizzazione delle norme tecniche.
Le nuove disposizioni di certificazione e di autorizzazione saranno operative entro tre anni dall’entrata in vigore della legislazione. Gli Stati membri possono prorogare di un anno tale termine, previa motivata comunicazione da inviare a ERA e alla Commissione europea.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Miami Realtors Honored with Innovative Practices Award

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 aprile 2016

Deborah Boza-ValledorAlberto CarvalhoMIAMI — The MIAMI Association of REALTORS® (MIAMI) was recently recognized with its fourth International Business Leadership Award from the Greater Miami Chamber of Commerce. MIAMI won the 2016 Innovative Practices Award, which recognizes the outstanding company making substantial and impactful changes in thinking, products or processes impacting international operations.
MIAMI has signed more than 136 international partnerships with real estate organizations. MIAMI’s extensive International Referral Network links South Florida properties to more than 100,000 real estate professionals around the world. MIAMI’s International Referral Network provides MIAMI members with a competitive advantage, which benefits buyers, sellers and the communities they Mark Rosenbergserve. “We are honored to accept this award from the Greater Miami Alicia CerveraChamber of Commerce,” said Teresa King Kinney, the chief executive officer of MIAMI. “Engaging in global business and international partnerships is a top focus for our association. We have been signing partnerships with Realtor associations around the globe since 1996. The partnerships help create greater exposure for the South Florida market, increase business opportunities and fuel a stronger local economy. These partnerships are important and beneficial to all organizations involved.”The Greater Chamber of Commerce honored MIAMI during its recent event at the Rusty Pelican in Key Biscayne. MIAMI also won International Business Leadership Awards in 2009 (Innovation and Innovative Practices), 2012 (Innovation and Innovative Practices) and 2013 (Business Expansion).In addition to its 136-plus global partnerships, MIAMI hosts an annual International Real Estate Congress. Last year, MIAMI co-presented the 21st annual International Real Estate Congress, which was shared for the first time with the Greater San Diego Association of REALTORS®.The Miami event, held Nov. 8-10 at the Biltmore Hotel in Coral Gables, featured foreign delegates from Spain, France, Ecuador, Brazil, El Salvador, Peru, Costa Rica and Argentina. The San Diego event, held Nov. 10-11 at the Hard Rock Hotel, had international delegates from Russia, United Kingdom, Brazil, Japan, Mexico, Costa Rica and Bulgaria. Real estate professionals networked, learned, and collaborated with each other in the globally-acclaimed, award-winning event.The 2016 MIAMI International Real Estate Congress will be held Oct. 31- Nov. 1, 2016 at the Biltmore Hotel in Coral Gables. Congress activities begin Oct. 26, 2016 and end Nov. 2, 2016. Registration includes chartered transportation from Miami to the 2016 NAR Conference & Expo in Orlando as well as property tours and programming in Broward, Palm Beach and Martin counties. Visit: http://www.miamicongress.com (photos: Deborah Boza-Valledor, Alberto Carvalho, Mark Rosenberg, Alicia Cervera)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Italy’s Pharmaceutical Industry Value Will Drop to $18.6 Billion by 2020 due to Struggling Economy, says GlobalData

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 aprile 2016

eurozonaLONDON, UK (GlobalData) The pharmaceutical industry in Italy is set to decline from $21.3 billion in 2016 to $18.6 billion by 2020, at a negative compound annual growth rate of 3.3%, primarily due to the country’s struggling economy, according to research and consulting firm GlobalData. The company’s latest report states that the strict pricing of drugs through negotiations and external and internal reference pricing is a barrier to the launch of innovative molecules, and that sales of generics and over-the-counter drugs will increase over the forecast period.Adam Dion, MSc, GlobalData’s Senior Industry Analyst, explains: “The pharmaceutical industry in Italy will face a number of challenges over the next few years. An increase in the Italian government’s debt relative to GDP, and the country’s poor growth record, will decrease cash flow in the country, meaning the industry will stagnate.”
The Italian economy is also vulnerable to fluctuations in the demand and supply of goods and services in other countries. The Eurozone crisis is likely to result in lower demand for Italian products from other European countries, reducing exports and engendering a hostile environment for innovation or investment. India and China also present a threat as they have an edge in the generics market, and may usurp sales away from Italy’s domestic pharmaceutical space. Dion concludes: “Despite the tough economic environment faced by those operating within the Italian pharmaceutical industry, GlobalData believes there will be a number of opportunities to counteract declining sales, including efficient patent policies, E-Health programs, and government reforms to reduce public debt. Indeed, more companies will be interested in research and development after the Italian Patent and Trademark Office has created efficient patent policies to protect them.”

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The economic costs of non-Schengen: what the numbers tell us

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 aprile 2016

schengenThis Policy paper by Dr Anna auf dem Brinke, research fellow in our office in Germany, the Jacques Delors Institut – Berlin, shows how the end of Schengen would undermine the euro area, the single market, and the European integration process. It explains who should save Schengen and why.Schengen stands for border-free travel and has been a European success story. But the agreement from 1995 has come under considerable pressure from two sides: the unprecedented influx of refugees and the threat of terrorism. A number of countries in the Schengen area have introduced temporary border controls. While it is unclear how these measures would solve the two challenges and whether or not a better European solution to the problem could be found, it is certain that border checks would impose economic costs.Estimates from different studies show that the largest costs would occur in trade (around €11-47 billion per year). On top of it, there would be costs for commuters, tourism and the actual border controls (each about €5-6 billion per year). All in all, this economic damage of up to €63 billion per year in the Schengen area could threaten the stability of the euro area and undermine the efficiency of the European single market. Moreover, because of the importance of open borders for European integration, ending Schengen might give the impression of a weakened European problem-solving capacity. Can Schengen be saved? It could be a collective action problem. Schengen benefits everyone. Yet, the individual costs of saving may outweigh the collective benefits. Whenever that is the case, mobilizing a coalition is notoriously difficult. Still, there should be an overlap in interests in avoiding the economic damage so that a powerful coalition could emerge. This pro-Schengen camp should have a strong argument in its favour: Keeping Schengen alive will always be the cheaper option. (photo: )

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Safe countries of origin: MEPs request new assessment by EASO before finalising list

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 aprile 2016

turchiaAmendments to the EC proposal for an EU Common list of safe countries of origin, which should help speed up the processing of asylum applications, will be debated by Civil Liberties Committee on Thursday from 16:00. Parliament’s rapporteur for the proposal to establish an EU common list of safe countries of origin asked EASO to assess the situation in the Western Balkans and in Turkey before deciding if the seven countries proposed by the Commission should be included in such a list. Sylvie Guillaume (S&D,FR), the lead MEP for this proposal, decided, in agreement with the Council, to request the Asylum office an updated assessment about the situation in the Western Balkans and in Turkey. Parliament has also asked the EU Agency for Fundamental Rights (FRA) to highlight any implications the proposal has for fundamental rights. The debate starts at 16:00, in room Joszef Antall (JAN) 4Q1 and can be followed live on EP LiveWhile waiting for the experts´ evaluation, Ms Guillaume will try to reach a partial agreement on the content of the Regulation, excluding the list and all related recitals. The aim of the legislation is to establish a common list of countries considered safe for their own nationals regarding asylum requests in the EU, in order to increase the efficiency of asylum systems, discourage abuse attempts and increase convergence in the application of asylum procedures among the member states. In her draft report, Parliament’s rapporteur made several amendments to the Commission´s text, besides temporarily disregarding the list in the annex. Among other changes, Ms Guillaume proposes the creation of an Advisory Body on Safe Country of Origin Information, formed by representatives of EASO and UNHCR, as well as other independent and reliable third parties, which would assist during the designation and list review process. She also suggests abolishing the national lists at the latest three years after the entry into force of the EU common list, as a means to reach real harmonisation within the EU.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

New heart failure guidelines set to be launched at congress in May

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 aprile 2016

Sophia AntipolisSophia Antipolis. New European Society of Cardiology (ESC) heart failure guidelines are set to be launched at Heart Failure 2016 and the 3rd World Congress on Acute Heart Failure in Florence, Italy. The world’s leading heart failure congress is the main annual meeting of the Heart Failure Association (HFA) of the ESC. It takes place 21 to 24 May in the historic sixteenth century Fortezza da Basso. Professor Gerasimos Filippatos, HFA president, said: “Journalists at the congress will be the first to hear the latest clinical advice in the 2016 ESC Guidelines for the diagnosis and treatment of acute and chronic heart failure, which will be revealed on day one of the congress. Subsequent sessions are devoted to specific aspects of the guidelines including acute heart failure, co-morbidities, arrhythmias and devices, and chronic heart failure – providing plenty of material for stories.” Highly anticipated late breaking science will be presented in three sessions and feature state of the art discoveries from clinical trials, registries and basic science studies. More than 2 000 abstracts and clinical cases were submitted for presentation which is a new record and promises top quality research and news for the press. A highlights session will summarise the best findings of the abstract programme, selected and presented by experts. The full scientific programme is available here. This year’s event is expected to host more delegates than ever before, with 5 000 set to attend. The event attracts numerous professions, including cardiologists, basic scientists, cardiac nurses, intensivists, anaesthesiologists, and emergency room physicians. Members of the press should register now.The successful World Congress on Acute Heart Failure returns this year with debates, abstracts, and late breaking trials. Professor Filippatos said: “This is the place for the media to hear cutting edge developments in the cardiologiafast moving area of acute heart failure.”A novel session will see three clinical cases enacted in virtual patients created for the congress. Experts will guide the audience through these challenging cases and share their feedback and take-home messages. During four days packed with science there will be more than 100 scientific sessions and contributions from over 300 international leaders in the field. Industry representatives will present innovations and discuss products in the pipeline. The basic and translational science programme has been enhanced with nine pre-arranged sessions with renowned experts plus breakthrough abstract presentations. A local track features six sessions in Italian and English and is organised in collaboration with societies and experts from Italy. During the inaugural session, Karl Swedberg will give the Eugene Braunwald lecture on the success of neurohormonal and heart rate control in the treatment of heart failure. Luigi Tavazzi will give the Philip Poole Wilson lecture on new scenarios in medical science during the young investigator award session on basic and translational science. A new HFA Career Cafe will be held on Saturday morning giving young heart failure specialists, who have applied ahead of the congress, the chance to receive face to face career advice and recommendations from three world renowned experts. The congress theme is “Heart Failure: State of the Art” and reflects the launch of the new guidelines. Recommendations on the diagnosis and management of acute and chronic heart failure with drugs and devices, all based on the most up to date evidence, will be presented and discussed for the first time. Professor Filippatos said: “Sign up now to get the latest on hot topics in acute and chronic heart failure at the biggest international meeting in the specialty.” Also don’t miss the first public presentation of the 2016 European Guidelines on cardiovascular disease prevention in clinical practice. Be the first to know what the Task Force says by attending the session dedicated to this topic on Tuesday 24 May.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Una conversación entre el historiador del arte Jaime Conde-Salazar

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 aprile 2016

Antonio TagliariniAntonio Tagliarini1Madrid El próximo día 28 de abril, con la colaboración del Instituto Italiano de Cultura y el Corral de Comedias de Alcalá de Henares, el Museo Centro Nacional de Arte Reina Sofía acoge una conversación entre el historiador del arte Jaime Conde-Salazar y el célebre coreógrafo y performer italiano Antonio Tagliarini. El encuentro, Tanto lo grande como lo pequeño, tendrá lugar el jueves 28 en el Edificio Nouvel del Museo, Auditorio 200 a las 19:30, con entrada libre hasta completar el aforo.
El 29 y 30 de abril a las 20h30, Tagliarini visitará el Corral de Comedias de Alcalá de Henares con uno de sus más reconocidos y premiados trabajos, Show, producido por Deflorian Tagliarini.
Antonio Tagliarini. Performer, director artístico y coreógrafo. Ha trabajado como bailarín y actor con importantes directores, tales como Miguel Pereira, Raffaella Giordano, Giorgio Rossi o Marco Baliani,. Desde 2008, ha desarrollado co-creaciones, como Rewind – homage to Café Müller by Pina Bausch “From a to b” por Andy Warhol (2010), Reality and rzeczy/cose (2012) y We decided to go because we don’t want to be a burden to you (2014).

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

MERICS China Flash: Strikes cause continuous tensions in China

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 aprile 2016

labour protests in ChinaWorkers’ movements and trade unions all over the world will celebrate International Labour Day on 1 May. In China, houses are decorated with flowers and slogans are put up on the occasion of “Laodong Jie”. But this year, there is not much reason to celebrate: the country’s difficult economic situation is having a knock-on effect on industrial labourers. Growing dissatisfaction over unpaid wages and poor working conditions were the cause of a growing number of strikes, even though the Party and state have tried hard to curb such unrest.We discussed these tensions with Simon Lang, research associate at MERICS:
So far this year, about a thousand strikes have been recorded in China, many of which took place spontaneously. What’s the reason for all this unrest?
It’s mainly workers from private construction firms and manufacturing companies who are on strike. The slower economic growth and falling exports have led to a large number of lay-offs, and in other cases wages have not been paid regularly. Many workers are desperate because they haven’t received wages for months and do not know how to support their families. In such a difficult situation, they are willing to accept reprisals from their employer or even the state.
How exactly do these work stoppages take place? How do strikers organise?
Discontented employees and redundant workers often start protesting spontaneously. Younger employees know more about their rights today than their parents did at their age. They have higher expectations and more self-confidence. It’s become much easier to co-ordinate protests now that smartphones are widely available. In most cases, a protest starts off with a small group of disgruntled workers. It’s hard to organise properly, though, as trying to co-ordinate with a large number of people is a risky undertaking in China. In fact, a lot of protests lead to nowhere as none of the initiators are prepared to take up negotiations with the management. There aren’t any bodies that represent workers’ rights apart from the All-China Federation of Trade Unions, and most of all, this organisation wants to maintain social harmony – just like the Chinese leadership.
How has the Chinese government responded to such protests?
Local governments have taken all kinds of steps to curb social unrest as they’re afraid of strikes spreading. They employ a kind of carrot-and-stick approach: local officials put both employers and employees under pressure to get them to look for a compromise together. At the same time, though, the state is not afraid of sending the police in against strikers to get them off the road and keep them from protesting.
In contrast to this tactic, company executives have tried to divide striking workers by making attractive financial offers to individual leaders, luring them back to work. State-owned enterprises, on the other hand, try to prevent strikes from occurring by offering workers financial compensation, early retirement and part-time employment in order to reduce the social impact of lay-offs. (photo: labour prostests in China)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

New Book Empowers Readers to Take “Van Halen Approach” to Business Pitches & Presentations

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 aprile 2016

Nigel BarlowUnited Kingdom – As a seasoned keynote speaker and presenter, Nigel Barlow understands that his job in front of the podium isn’t just to speak. It’s to engage his audience, inspire them with his material and – quite frankly – to buck all trends so they don’t fall asleep (which, come on, is part and parcel of listening to a presentation!). Barlow’s style certainly goes against the grain, allowing him to deliver presentations that are packed with power and get each message across while looking polished, professional and like a rock star! In his new book, ‘Rock Your Presentation: A New Guide to Speaking with Passion’, Barlow shares his secrets so any reader can become the most talked about and remembered speaker at their next event. Whether one-on-one with an executive, or preaching to the thousands in a packed auditorium, Barlow’s simple philosophy will come as music to every listener’s ears. It’s time to crank up the volume!
Nearly all of us have to pitch or present our ideas, whether in a formal setting after lunch to a hundred jaded salespeople, in a lecture theatre or classroom, putting over our thoughts to a team of colleagues, or even selling a concept one-on-one to your boss or clients. In all these situations we can choose between delivering a message that sounds like back ground muzak, or one that wakes the listener up and makes them think ‘I LOVE this song!’ Most presentations and pitches could benefit from being ‘rocked up’ – becoming more dynamic and memorable, in ways that arouse the passion of the audience. By applying the ideas in Rock Your Presentation you can deliver better, livelier and more emotionally engaging talks which leave audiences with the kind of high you get from being in a crowd at a great concert.Barlow applies the rock’n’roll metaphor throughout the book, turning what, to many, is a stressful subject into an exciting and fun exercise you can’t wait to try out. So take the Van Halen approach to planning your presentation, deliver it like a hit song with a chorus and a bridge, play a few well-rehearsed power chords and set your audience ablaze.“The great thing about this book is that it covers the entire speaking and presentation spectrum – from strategies that apply to top-level CEOs right through to personal interactions outside of the workplace,” explains Barlow, whose clients include Apple, Microsoft and Vodafone. “I also dive right into the nitty-gritty secrets of public speaking that few will ever divulge – such as the top preparation habits of highly-effective speakers to my own “top ten” quick hacks that will improve any speech or presentation. The great thing about nailing speaking skills is that it seeps way beyond talking to an actual audience. In fact, did you know that effective presentation skills can help smooth over those incredibly-awkward personal conversations you have with your spouse? Go figure!”Continuing, “And the rock star analogy is perfect. Compare elevator music to a Bruce Springsteen concert; one has people plugging their ears and running away, while the other has lifelong fans who will stand out in the rain and mud to hear him play. It’s all about being like Springsteen and rocking the stage each and every time you set foot on it. Whatever your job and whatever your role, you’re going to have to put yourself under the spotlight at some point. The goal of this book is to bring the house down and make sure your audience never forget you.” official website: http://nigelbarlow.com. (photo: Nigel Barlow)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Esplorazioni dell’archivio: Le fotografie della Via Emilia

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 aprile 2016

esplorazioni dell'archivioParma 7 maggio – 2 ottobre 2016 Abbazia di Valserena Strada Viazza di Paradigna, 1 nella suggestiva cornice dell’Abbazia di Valserena, a pochi chilometri da Parma, CSAC – (Centro Studi e Archivio della Comunicazione) dell’Università di Parma propone la mostra Esplorazioni dell’archivio. Fotografie della Via Emilia. L’esposizione, curata da Paolo Barbaro e Claudia Cavatorta, è inserita all’interno dell’edizione 2016 di Fotografia Europea dal titolo La via Emilia. Strade, viaggi, confini, in programma a Reggio Emilia dal 6 maggio al 10 luglio.
E’ possibile esplorare le fotografie della Via Emilia  derivanti dall’archivio di 9 milioni di immagini fotografiche custodito dallo CSAC, collegandosi idealmente al progetto Esplorazioni sulla via Emilia, che esattamente trent’anni fa, nel 1986, vide protagonisti Luigi Ghirri, Olivo Barbieri, Gabriele Basilico, Vincenzo Castella, Giovanni Chiaramonte, Nino Criscenti, Vittore Fossati, Omar Galliani, Guido Guidi, Mimmo Jodice, Klaus Kinold, Claude Nori, Cuchi White, Manfred Willmann: un’impresa di descrizione articolata e multidisciplinare che, attraverso contributi letterari e scientifici, rappresentò un riferimento importante per le successive riflessioni sul paesaggio.
Lo CSAC ha avuto un ruolo importante nell’elaborazione del modello di racconto di Esplorazioni della Via Emilia, e ancora prima – nel 1984 – alla realizzazione del Viaggio in Italia coordinato da Luigi Ghirri, il quale allora era membro del Comitato Esecutivo della Sezione Fotografia CSAC, contribuendo a partire dalla prima metà degli anni Settanta a raccogliere fotografie storiche per le sue raccolte. Ghirri inoltre teneva a Parma corsi di Storia della Fotografia, così come Giovanni Chiaramonte e Mario Cresci, su invito di Arturo Carlo Quintavalle. Un intenso rapporto con l’istituzione universitaria lo ebbero anche Gabriele Basilico, Olivo Barbieri, Mimmo Jodice, Vincenzo Castella, Cuchi White, esposti a cura dello CSAC a più riprese, dall’esposizione nel contesto della Biennale d’Arte di Venezia del 1993, Muri di carta, alla più recente I Mille scatti per una storia d’Italia (2012).
esplorazioni dell'archivio1Questi autori, tra coloro che hanno maggiormente caratterizzato e influenzato la fotografia dell’ultimo quarto del secolo scorso, saranno presenti in mostra attraverso una serie di monografie minime.
In dialogo e in antitesi a queste monografie, la Sala delle Colonne ospiterà un nucleo di fotografie dell’Ottocento degli studi Alinari, Brogi e Poppi, che documentano il paesaggio emiliano postunitario e in cui l’identità nazionale è costruita attraverso iconografie di architetture e monumenti isolati dal contesto. La presenza di questo nucleo di fotografie è fondamentale per intendere la ricerca concettuale che autori come Luigi Ghirri, Mimmo Jodice, Mario Cresci, Guido Guidi, Olivo Barbieri portarono avanti a metà degli anni Ottanta del secolo scorso, in un momento in cui appariva urgente rendere visibile l’ordinario e l’anti-monumentale anche in contrapposizione alla tradizione classica della veduta canonica ottocentesca. Non è un caso che l’acquisizione da parte dello CSAC di molte di queste fotografie siano state suggerite tra gli anni Settanta e gli Ottanta proprio da alcuni di questi autori.
Un secondo nucleo di fotografie del Novecento, anch’esse tratte dall’archivio CSAC, comprende le fotografie dell’Atelier Vasari di Roma, eseguite per l’ANAS tra il 1946 e il 1948 per documentare la ricostruzione delle strade emiliane, e le narrazioni di viaggio scattate dal milanese Bruno Stefani per illustrare i volumi del Touring Club Italiano tra il 1935 e il 1960, che restituiscono le sequenze e gli scorci del paesaggio attraverso una composizione di textures e volumi. A queste si aggiungono gli scatti del parmigiano Bruno Vaghi che gioca tra ripresa aerea e immagine commerciale di committenza, mentre l’Atelier Villani sceglie il grande formato per ritrarre l’industria nazionale, dalla Mostra dell’Agricoltura del 1935 alla ricostruzione da parte degli enti di istruzione e assistenza. La fotografia sportiva di Publifoto mostra infine un differente uso degli spazi e dei paesaggi della Via Emilia.
Durante il periodo della mostra si articolerà negli spazi dell’Abbazia una serie di incontri ad ingresso gratuito che approfondiranno il tema dell’esposizione mettendo a confronto esperienze di segno diverso di scrittori, fotografi, archivisti, scienziati, geografi e linguisti. Le conferenze si apriranno sabato 21 maggio con la lezione magistrale di Giovanni Chiaramonte, uno dei protagonisti dell’impresa storica Esplorazioni sulla via Emilia e figura da sempre legata alle vicende dello CSAC. Il 28 maggio la storica della fotografia Raffaella Perna si confronterà con il curatore CSAC Paolo Barbaro; il 18 giugno il fotografo Mario Cresci dialogherà con il geografo Davide Papotti; il 10 settembre sarà la volta dello studioso di letterature comparate Giulio Iacoli e dello scrittore Vittorio Ferorelli; il 17 settembre ci sarà il confronto tra il neuroscienziato Vittorio Gallese e il docente di Visual Studies Michele Cometa; il 24 settembre l’architetto Carlo Quintelli intervisterà l’artista Franco Guerzoni; il 1 ottobre concluderanno il ciclo le curatrici e storiche della fotografie Roberta Valtorta e Cristina Casero. Nella Sala Polivalente verrà inoltre proposta l’esposizione Habitare la via Emilia. Presenze e luoghi di rifondazione insediativa, coordinata da Carlo Quintelli e dedicata al pubblico paesaggio, esito di una ricerca che riflette, attraverso un rilievo topo-fotografico puntuale, su struttura e componenti del divenire della strada consolare quale strumento di continua rigenerazione dell’insediamento antropico emiliano (foto: esplorazioni dell’archivio)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’aspettativa di vita degli italiani diminuisce

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 aprile 2016

Paola-Binetti“Ha fatto scalpore la notizia che per la prima volta si sia ridotta l’aspettativa di vita degli italiani dopo un lungo trend positivo. Eppure era un evento temuto e da lungo atteso per chi, conoscendo il mondo della cronicità e della disabilità, ha assistito in questi anni alla costante riduzione degli stanziamenti nell’area socio-sanitaria. Non si può ridurre un programma terapeutico alla sola somministrazione e assunzione di farmaci: ci sono molte altre necessità indifferibili in pazienti che presentano un quadro di diffusa disabilita. Necessità che hanno dei costi, ma costi che non sono riconosciuti dal SSN e che possono indurre a pazienti a prescindere da strumenti salvavita”.
Lo afferma l’onorevole Paola Binetti di Area popolare, che continua: “Penso ai quattro fratelli Biviano, tutti affetti da Distrofia muscolare di tipo Facio-scapolo-omerale, sempre a rischio di andare incontro ad una sindrome di insufficienza respiratoria. Il costo dell’energia necessaria a far funzionare le quattro macchine respiratorie, la macchina della tosse, la ricarica delle carrozzelle per garantire un minimo di autonomia supera i 700 euro, e basta una sola bolletta per far saltare il fragilissimo bilancio familiare che si regge sulle pensioni di disabilità dei 4 fratelli, 280 euro ciascuno, del tutto inadeguato a garantire quello che a tutti gli effetti è una sorta di trattamento salvavita. Ci sono pazienti che hanno bisogno di nutrirsi con cibi che offrano determinate garanzie e che per i loro costi non rientrano nella pensione di invalidità. E come i ragazzi Biviano sanno bene, ci sono decine di migliaia di italiani di età diversa per cui i tagli all’area sociosanitaria hanno oggettivamente accorciato la vita. Ora stiamo discutendo il DEF, e ci sono rischi di ulteriori interventi che per raddrizzare i bilanci comprimano gli stessi diritti di sopravvivenza delle persone più fragili. Teniamone conto se non vogliamo ridurre ulteriormente le aspettative di vita, confermando come ancora una volta la povertà sia tra le cause più frequenti di malattia e di morte anticipata”.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tumore del colon-retto: una nuova arma in Europa

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 aprile 2016

colon-retto tumoreSuresnes (Francia) La Commissione Europea ha rilasciato l’autorizzazione al commercio per il trattamento orale costituito dalla combinazione di trifluridina e tipiracil, noto come TAS-102, nei pazienti adulti con tumore del colon‐retto in stadio avanzato (metastatico) precedentemente trattati o non candidati ad altre terapie disponibili quali chemioterapia e terapie biologiche. La combinazione di trifluridina (FTD) e tipiracil (TPI) rappresenta un farmaco anticancro orale il cui duplice meccanismo d’azione è studiato per mantenerne l’attività clinica.“I dati dello studio RECOURSE forniscono evidenze che l’associazione di trifluridina e tipiracil può offrire ai pazienti con cancro del colon-retto metastatico refrattario ai trattamenti standard una maggiore sopravvivenza e una riduzione del rischio di morte rispetto al placebo”, ha affermato il Professor Eric Van Cutsem, Digestive Oncology, University Hospitals Leuven in Belgio. “La combinazione di trifluridina e tipiracil agisce attaccando direttamente il DNA delle cellule tumorali riducendo la loro crescita. Questo approccio combatte il cancro in modo diverso rispetto ai trattamenti somministrati in precedenza, permettendoci di rallentare la progressione della malattia senza trattare il paziente nuovamente con gli stessi farmaci”. “Con questa approvazione rendiamo disponibile un nuovo trattamento in Europa per i pazienti con cancro del colon retto metastatico in fase avanzata” ha sottolineato la Dott.ssa U. Marion Schrenk, Head of Global Medical Strategy, Oncology di Servier. “Siamo lieti per il raggiungimento di questa importante pietra miliare, che dimostra l’impegno di Servier nel migliorare la vita dei pazienti che vivono con il cancro. La combinazione di trifluridina e tipiracil ha inoltre mostrato di prolungare la sopravvivenza libera da progressione della malattia e di preservare il performance status, permettendo ai pazienti di trovare il tempo per i momenti che contano”. La decisione della Commissione europea segue l’opinione positiva del Comitato per i Medicinali per Uso Umano (CHMP) dell’Agenzia Europea dei Medicinali (EMA) che aveva raccomandato l’approvazione della combinazione di trifluridina e tipiracil nel febbraio 2016. Entrambe le decisioni sono basate sui dati di RECOURSE, uno studio internazionale di fase III in doppio cieco che ha esaminato l’efficacia e la sicurezza di trifluridina/tipiracil in associazione alle migliori terapie di supporto (BSC) rispetto a placebo associato a BSC in 800 pazienti precedentemente trattati per il tumore del colon-retto metastatico. Lo studio ha raggiunto l’endpoint primario con un miglioramento statisticamente significativo della sopravvivenza globale.
Continua ad esistere un grande bisogno insoddisfatto nel trattamento del tumore del colon-retto, che ha rappresentato la seconda causa di morte per cancro in Europa nel 2012, con 215 mila decessi.
Circa il 25% di questi pazienti presenta metastasi alla diagnosi iniziale e quasi il 50% le sviluppa in seguito. Da qui gli elevati tassi di mortalità per questa neoplasia: la sopravvivenza a cinque anni per i pazienti con tumore del colon-retto metastatico in stadio IV è di circa l’11%.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Italia: abuso flessibilità e perdita credibilità

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 aprile 2016

Stefania Prestigiacomo“La triste figura a cui siamo costantemente sottoposti in Europa, è causata anche dall’atteggiamento del nostro governo riguardo al tema della flessibilità. È il terzo anno consecutivo che il governo Renzi chiede all’Europa di poter avere flessibilità, ma al Presidente del Consiglio evidentemente sfugge che ai Paesi è concesso di fare maggiore deficit solo una volta, e soprattutto in ottemperanza di riforme concrete già effettuate; non come nel caso dell’Italia, dove la maggior parte di esse non sono ancora completate. Un abuso, quello di eccessiva flessibilità, che altro non genera che perdita di credibilità nei confronti di Paesi come il nostro”.Lo ha detto Stefania Prestigiacomo, deputata di Forza Italia, intervenendo in Aula a Montecitorio in merito al Documento di economia e finanza. “Per questo l’Italia ha bisogno di una manovra espansiva, in grado di creare crescita e occupazione, che possa far aumentare la produttività dei fattori e la competitività del Paese. Una manovra in grado di ridurre veramente le tasse e che possa imporre definitivamente il blocco all’aumento di Iva e accise. Argomento quest’ultimo che il premier Renzi è stato in grado solo di rinviare, non provvedendo al blocco definitivo delle clausole di salvaguardia.
Per tutte queste ragioni chiediamo al governo di interrompere senza indugi questa strategia di politica economica, che sembra solo rinviare le misure necessarie per far ripartire questo Paese; chiediamo al governo di improntare misure di politica economica che possano correggere definitivamente lo stato malandato dei nostri conti pubblici, questo anche per scongiurare la possibile apertura di una procedura d’infrazione”. “L’obiettivo deve essere quello di garantire maggiore sviluppo in ottica internazionale, tenendo ben a mente che l’Italia deve ancora recuperare circa 9 punti di Pil per ritornare alla situazione del 2007. Il governo deve improntare una reale riduzione della pressione fiscale e per farlo deve iniziare una serie di tagli a quella spesa pubblica catalogata come inefficiente, anche utilizzando e potenziando il programma di Spending review elaborato a fine 2013-inizio 2014 dall’allora commissario Cottarelli. Un taglio deciso alla cattiva spesa pubblica, per disinnescare quanto prima le clausole di salvaguardia, e procedere alla riduzione dell’Ires e alla graduale cancellazione dell’Irap”. “Bisogna ripartire dalle imprese italiane, anche attraverso una serie di agevolazioni fiscali per la loro attività. Servono gli strumenti necessari per stimolare la crescita e per far riprendere i consumi. Serve incentivare anche gli investimenti privati”, ha sottolineato Stefania Prestigiacomo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Governo prepara una stangata fiscale?

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 aprile 2016

pil“Il governo purtroppo prevede una crescita sovrastimata del Pil, già a partire da quest’anno, ma così facendo mente o quanto meno dimostra di essere profondamente impreparato su questioni che sono alla base dell’economia di un Paese”.
Lo ha detto Stefania Prestigiacomo, deputata di Forza Italia, intervenendo in Aula a Montecitorio in merito al Documento di economia e finanza. “Ebbene senza Spending review, senza un piano di privatizzazioni credibile, senza crescita e con il deficit in aumento è impensabile che si realizzi questa crescita del Pil. A proposito di Spending review, ancora una volta, questa risulta essere un tabù per il governo. Infatti, nei prossimi 4 anni ci sarà un aumento esponenziale delle uscite dalle casse dello Stato, un incremento complessivo di oltre 22 miliardi di euro, con la spesa pubblica che passerà dagli 826 miliardi del 2015 ai circa 849 miliardi del 2016”. “Il Presidente del Consiglio, che troppo spesso ama vantarsi di successi inconsistenti, non ha il coraggio di dirci che da qui al 2019, anche secondo quanto riportato dal Def, gli italiani saranno oggetto di una vera e propria stangata fiscale di quasi 72 miliardi di euro, che porterà le tasse ad aumentare nei prossimi 4 anni, fino ad avere un gettito complessivo superiore agli 855 miliardi, dato realmente raccapricciante rispetto ai 784 miliardi di euro del 2015”.
“Stesso discorso per quanto riguarda la produttività, che negli ultimi decenni si è sensibilmente ridotta, fino al recente tracollo degli ultimi anni. La questione è che oltre ad essere diminuita la produttività totale dei fattori, ovvero che il prodotto cresce meno dell’aumento dell’uso dei fattori produttivi stessi, è diminuita anche la produttività del lavoro da cui dipende la sua remunerazione”, ha aggiunto Stefania Prestigiacomo.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Brunetta a Weidmann: surplus Germania produce più danni di deficit

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 aprile 2016

Dichiarazione dell’onorevole Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia: “Caro Weidmann, la solidarietà tra i paesi dell’eurozona di cui parli è violata in primis dalla tua Germania. Oggi un minimo sforamento del rapporto deficit/Pil oltre il 3% espone gli Stati alla pubblica deplorazione, senza possibilità di appello, come avviene per i Paesi del Sud, mentre il surplus della bilancia commerciale, di cui beneficia la Germania da anni senza alcuna redistribuzione, viene considerato elemento di virtuosità. Al contrario, mentre un rapporto deficit/Pil eccessivo produce conseguenze tendenzialmente solo per il paese che lo genera, i surplus commerciali hanno effetti negativi devastanti sulle economie di tutti gli Stati dell’area monetaria unica.
Mentre con le monete nazionali, infatti, a un aumento eccessivo del surplus commerciale di un paese seguiva sempre la rivalutazione della sua moneta, che significava un riequilibrio quasi automatico della bilancia commerciale; con la moneta unica lo Stato che consegue il surplus gode dei benefici derivanti da quest’ultimo, mentre il costo della rivalutazione della moneta ricade su tutti i paesi dell’area unica. In un’ottica di Europa solidale, quella che tu auspichi, pertanto, diventa prioritario sanzionare quest’ultimo comportamento, piuttosto che concentrarsi solo sul rapporto deficit/Pil. Ne deriva un cambio di prospettiva nelle regole europee: l’eccesso di virtù (surplus) produce più danni dell’eccesso di deficit. La modifica dei Trattati dovrà partire da questa consapevolezza”.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Qualità delle cure ai pazienti cardiopatici

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 aprile 2016

malattie-cardiovascolari1“Le cure mediche compiono, giorno dopo giorno, progressi sempre più importanti. Ciò è vero anche e soprattutto per il settore cardiologico, che vede costanti miglioramenti nella prognosi delle malattie cardiovascolari, nella prevenzione delle complicanze e nella riduzione della mortalità, grazie a nuovi farmaci e a innovazioni tecnologiche sempre più sofisticate. Dal 1975, anno in cui nacque il Gruppo Italiano di Studi Emodinamici (GISE), nostro progenitore, il ruolo del cardiologo interventista ha assunto prevalenza sempre maggiore”, ha detto Giuseppe Musumeci, Presidente della Società italiana di cardiologia interventistica (SICI-GISE), inaugurando a Milano il convegno “Gise Activity Data”, che raccoglie per due giorni clinici, decisori e industria, con l’obiettivo di individuare e proporre soluzioni capaci di coniugare innovazione ed efficienza, difendendo la qualità delle cure offerte ai cittadini.
“Il nostro sistema sanitario offre un servizio di elevata qualità, lo testimoniano riconoscimenti che vengono da oltre confine. Oggi, in Italia come in tutto il mondo sviluppato, la sanità deve fronteggiare l’aumento dell’aspettativa di vita, delle malattie croniche, della complessità e del livello delle prestazioni da erogare, cui si accompagnano aumento della spesa e richiesta di assistenza e servizi di sempre maggiore qualità; tutto ciò garantendo la sostenibilità del sistema”, ha aggiunto.“Affrontare questa sfida è possibile; è possibile agire assicurando ai cittadini la qualità delle cure, attraverso l’ottimizzazione delle risorse disponibili, misurando, analizzando e valutando ciò che viene fatto, come SICI-GISE fa dalla sua nascita e in modo sistematizzato da oltre 30 anni, raccogliendo i dati di attività di oltre 258 centri di emodinamica, che confluiscono in un ricco database di più di 330mila procedure di cardiologia interventistica l’anno, quasi 1.000 al giorno eseguite nel nostro Paese”, ha proseguito Musumeci.Tutti interventi i cui effetti sono misurabili in risultati clinici e che hanno portato a un abbattimento della mortalità per eventi cardiovascolari dagli oltre 263.000 decessi del 1980 ai circa 220.000 del 2010, con una riduzione del 16,5%.Ma misurare e valutare permette anche il miglioramento dei processi di assistenza e la qualità della cura, come testimonia, ad esempio, il progetto SICI-GISE “Rete IMA Web”: la rilevazione nazionale sullo stato di attuazione delle reti territoriali per il trattamento dell’infarto miocardico acuto, eseguita una prima volta nel 2007-2008 e successivamente nel 2012-2013. Grazie alla collaborazione con il progetto “Stent for Life”, promosso dalle Società Europea di Cardiologia (ESC) e di Interventistica Cardiovascolare (EAPCI), si è riusciti, nel nostro Paese, ad assicurare a tutti i pazienti con infarto miocardico acuto pari opportunità di tempestivo accesso alla procedura salva-vita dell’angioplastica primaria, favorendo la realizzazione delle reti per l’infarto, anche attraverso la stesura di decreti regionali laddove non fossero già presenti. “Grazie anche a Rete Ima Web, oggi in Italia l’angioplastica primaria è il trattamento di scelta nel 64,7% dei casi, mentre nel 2008 ciò avveniva in poco più di un terzo; è raddoppiato, dal 42,6% del 2008 al 79,6% del 2013, il volume degli accessi diretti dei pazienti con diagnosi di infarto ai laboratori di emodinamica, senza transitare dal pronto soccorso, con un accorciamento dei tempi di riperfusione; sono cresciute del 20%, passando da 157 a 188 le emodinamiche in grado di eseguire l’angioplastica 24 ore su 24, per 7 giorni la settimana. E alcune aree e regioni del nostro Paese sono un modello per l’organizzazione della rete per l’infarto”, ha commentato Musumeci.Misurare e valutare permette, inoltre, di mettere a punto modelli tesi a migliorare l’appropriatezza, la gestione delle risorse e ridurre tempi e liste d’attesa. È il caso del “Percorso di appropriatezza clinica per la gestione del follow up del paziente sottoposto a rivascolarizzazione coronarica percutanea”, che delinea un protocollo strutturato, sulla base del reale rischio clinico di un paziente sottoposto ad angioplastica – oltre 140mila interventi di angioplastica coronarica l’anno in Italia, secondo i dati SICI-GISE – e della gestione integrata tra ospedale e medico di famiglia, in grado di ridurre le prestazioni ambulatoriali e gli esami ecocardiografici o i test da sforzo inappropriati, con impatto positivo sui tempi di attesa per le prestazioni e le liste d’attesa. Il modello, presentato da SICI-GISE a Milano, permetterebbe, ove applicato, di risparmiare quasi una prestazione l’anno per ogni paziente (0,87 prestazioni/paziente/anno) e ridurre visite, esami inutili, e di conseguenza le liste d’attesa, del 39%.“Questi due semplici esempi sono la testimonianza del possibile contributo alla sostenibilità del sistema sanitario da parte della società scientifica di cardiologia interventistica, che scaturisce dall’esperienza sul campo dei suoi singoli associati, medici specialisti e cittadini allo stesso tempo. È indubbia la necessità di una razionalizzazione della spesa e di una reingegnerizzazione delle reti cliniche, cui anche SICI-GISE è pronta a contribuire individuando quei servizi che non rispondono alle caratteristiche definite dalle proprie linee guida, ma crediamo fermamente che ciò debba avvenire contemperando esigenze cliniche e amministrative. Riteniamo che il processo non possa essere guidato esclusivamente da principi di ragioneria e sia fondato su atti amministrativi, tagli lineari, gare pubbliche improntate al solo risparmio. È, e sarebbe, una visione miope; certamente è la strada più facile, ma siamo sicuri possa garantire qualità, sicurezza e innovazione o non invece peggioramento delle prestazioni a discapito di noi tutti cittadini? Noi siamo pronti a metterci a disposizione e in discussione per offrire la nostra collaborazione alle amministrazioni e alle centrali uniche di acquisto in modo da poter contemperare le necessità di risparmio con le nostre aspettative cliniche in termini di qualità e innovazione dei nostri strumenti e dispositivi per il bene ultimo del sistema e soprattutto del cittadino. Come medici, aggiungo, non vorremmo essere costretti, tra qualche anno, a doverci associare alle denunce dei colleghi chirurghi circa ‘bisturi che non tagliano’ o costretti ad avvalerci di strumenti e tecnologie acquistati solo perché assicurano risparmi nell’immediato, ma di dubbia origine, se non anche difettosi. Funga da monito quanto purtroppo già accaduto con i glucometri per la misurazione della glicemia in alcune Regioni nel recentissimo passato,” ha concluso Musumeci.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Governo: Cala la fiducia degli italiani

Posted by fidest press agency su giovedì, 28 aprile 2016

palazzo chigiI cittadini e i consumatori non sono tra le priorità di questo esecutivo, anzi – dichiara in una nota il presidente nazionale Confeuro, Rocco Tiso – sono spesso un ostacolo al processo di svendita dei beni pubblici di cui il governo si sta facendo promotore. Sono queste le premesse alla base del calo dell’indice di fiducia dei consumatori (il cui dato è calato a 114,2 rispetto al 114,9 del mese di marzo).
Il presidente del Consiglio – prosegue Tiso – sta esercitando il suo potere con arroganza e presunzione ed ha totalmente dimenticato, come dimostrano i recenti scandali, la necessità per il Paese di avere un governo al di sopra di ogni sospetto. Il punto infatti – conclude Tiso – è che non si sta facendo nulla per riportare la questione morale al centro dell’agire politico; eppure avrebbe dovuto essere proprio questa la grande novità rispetto al passato.
Per il sindacato pensionati: “Secondo il rapporto di “Osservasalute” , questo è dovuto alla riduzione del livello di prevenzione .Tagli sulla sanità , abbassamento della qualità della vita,problemi economici che spingono, non solo lo Stato, ma anche il singolo cittadino a “tagliare”,anche sulla salute e non solo : questo è il desolante quadro di un’Italia che sembra essere veramente “una nave senza cocchiere” – così ha dichiarato il vicesegretario nazionale del Partito Pensionati, Luigi Ferone -Del resto il popolo italiano, in consistente percentuale , rinuncia a votare,quando lo fa, da la maggioranza a chi ,poco prima insultava .E allora? Tante volte ,si incontra la gente nei mercati o anche nei bar e sente insoddisfazione verso tutti. Forse,però chi critica, impreca e spreca parolacce, dovrebbe chiedersi cosa ha fatto lui , per cambiare le cose , perché , sia ben chiaro – ha concluso Ferone – per cambiare questo Paese , non bisogna sempre aspettare che siano gli altri a fare qualcosa. Gli “altri”, siamo anche noi”.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »