Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 229

Archive for 5 maggio 2016

How the trend for more collaboration can deliver better performance

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 maggio 2016

Companies that build formal collaborations with rivals boost their business performance, new research has found.It had been thought that standardisation of collaborative business relationships would hinder creativity and stymie the whole partnership with bureaucracy and a lack of trust hindering ‘joined-up’ processes. But a study of 107 companies, including 20 interviews with senior executives, by Mehmet Chakkol and Mark Johnson, of Warwick Business SchoolBusiness School, found that it is only through formal and systematic processes that managers understand the benefits of collaboration in terms of cost and business growth.
This formalisation, however, refers to systematic adoption of collaborative working and does not entail strict job descriptions or penalties that counter collaborative behaviour.Dr Chakkol said: “The prior evidence we reviewed had suggested standardising collaboration would not be feasible, because it is such a long-term activity and is very flexible in terms of the day-to-day activities and problem solving.“But when we investigated it further we found that is not true. Collaboration leads to a host of benefits including boosting business performance and this is statistically higher for organisations that have formalised their collaborations through the British Standard for Collaboration (BS11000).“We found companies need and want to know what to expect from a collaboration and they want to know what a good collaboration looks like, especially as they are happening more and more.
“And putting in place a formalised process does bring benefits. Top of the list is improved business and operational performance, for example the collaboration between Lockheed Martin and National Air Traffic Services has ensured that Heathrow has run at 98 per cent capacity for more than a decade thanks to both working hard to optimise their partnership through a standard process.
“Collaboration has also brought more contracts for companies, enhanced risk management, brought innovation, increased client confidence and repeat business, new product development as well as multi-million pound efficiencies.”The study found the increasing amount of global trade, and complex and longer supply chains means companies are more interdependent than ever.
“Customers are pushing suppliers into collaboration rather than competing for contracts as it is more efficient,” says Dr Johnson. “This is something the UK Government is very keen on now, and it is happening across different industries from transportation and construction to healthcare and retail, so finding a tried and trusted method of collaborating through an international standard is something companies are looking for.”Our study found that nearly 80 per cent of companies believe they will be spending more time on collaborations in the future.“We found the most significant future challenge for adopting collaborative working is to change traditional organisational cultures to accept more co-operative business models. This highlights the need to identify and further develop competencies and skills to harness collaborative working both at individual and organisational levels”.

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

AB InBev results – what do they mean for the brewer

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 maggio 2016

John Colley, a Professor of Practice at Warwick_Business_School_Scarman_road_view who researches mega mergers such as that between AB InBev and SABMiller, has made the following statement:”Beer volumes and earnings both suffered in the first quarter as AB InBev demonstrated why it needs the SABMiller acquisition. Overall beer volumes were down 1.4% and earnings declined due to currency and increased expenses.
“SABMiller will provide growth markets in Africa and South America. AB InBev seem willing to readily part company with acquired brands in the mature markets of North America, Europe and China to appease competition authorities. Whilst AB InBev offers reassurance that the acquisition is on track for the second half of the year there may still be more demands from competition authorities to be met.”If you look at the numbers, volumes declined by 1.2% in the USA partly as a consequence of lost market share.”Brazil beer volumes declined 10% resulting from the economic turmoil there. Chinese volumes also declined by 1.1% as AB InBev remains under pressure.
“However a major positive was the 13% increase in Mexican volumes partly as a response to increased marketing investment. Overall pressure on volumes in difficult and mature markets has resulted in AB InBev increasing selling and marketing expenses by 13.5% to counteract the lack of growth.”AB InBev, despite the decline in earnings, continues to dominate the global beer industry with margins way ahead of their competitors. Following the SABMiller acquisition they will be almost six times the size of the next biggest brewer Heineken.”Unrivalled scale and scope economies together with market power and strong distribution channels and an ability to deliver on acquisitions makes them a formidable business. However further acquisitions in the beer industry may be difficult due to competition issues.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

25 Years Of Swiss Art Sales At Christie’s

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 maggio 2016

christiesZurich 30 May 2016 Over the past 25 years, Christie’s has held 36 dedicated Swiss Art sales, a category which offers our clients around the globe a glimpse into the alpine world of Switzerland. Today, important works by one of Switzerland’s most renowned artists, Ferdinand Hodler (1853-1918), such as Der Traum des Hirten or Der Holzfäller, are part of the permanent collections of the Metropolitan Museum in New York, and the Musée d’Orsay in Paris, respectively. Both paintings were bought at Christie’s Zurich in the past 10 years and are part of the 6,200 Swiss works of art which have been offered at Christie’s Zurich over the past 25 years.
Over the past decades, a significant development in Swiss artist gallery shows and museum retrospectives has taken place around the globe, including Félix Vallotton at the Grand Palais in Paris, Fischli /Weiss at the Salomon Guggenheim Museum in New York or Ferdinand Hodler at the Neue Galerie, also in New York. This has ignited the interest of international collectors and strong examples of Swiss art can be found from The Pushkin Museum in Moscow to a private collection in Dallas, Texas.
The auction will offer 96 lots covering the art making of all three parts of Switzerland. From the French speaking part of Switzerland comes Coucher de soleil à Grâce, ciel orangé et vert, painted by Felix Vallotton, from the Italian part emanates Il pittore (Alberto Giacometti) painted by Giovanni Giacometti in 1921 and from the German part derives a stunning sculpture made by one of the co-founders of the Dada movement Hans Arp, Dackelpuppe, a white marble sculpture made in 1965. (photos: Christie)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

NO MAN’S LAND: installazione site-specific di Yona Friedman

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 maggio 2016

alberiLoreto Aprutino (Pescara) Località Contrada Rotacesta Sabato 14 maggio 2016, alle ore 12.00, la Fondazione ARIA inaugura l’installazione site-specific No man’s land, realizzata da Yona Friedman e Jean-Baptiste Decavèle. Il progetto nasce dalla significativa collaborazione tra gli artisti, ARIA, Cecilia Casorati, direttrice artistica della Fondazione, l’Associazione Zerynthia e Mario Pieroni, che ha donato il terreno sul quale è stato realizzato.
L’installazione è la più grande mai realizzata da Friedman: si estende per più di due ettari nella campagna, è composta da un grande arazzo naturale fatto con una grande quantità di sassi bianchi di fiume, una struttura di bambù che rievoca il museo senza pareti di Friedman e un dizionario immaginario che gli artisti hanno fatto incidere su oltre 200 alberi di noce.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Camion connessi: Il tracciamento elettronico apre il mercato alle aziende telematiche

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 maggio 2016

autostradeIl tasso di adozione dei camion connessi nel mercato globale è destinato a decollare, poiché i produttori di autocarri avanzano a grandi passi verso la standardizzazione degli equipaggiamenti telematici in una vasta gamma di modelli. Entro il 2022, si prevede che tutte le principali case automobilistiche installeranno nei propri camion strumenti telematici standardizzati e offriranno un servizio di diagnostica remota gratuito. Nell’aftermarket, i fornitori di servizi telematici implementeranno sempre più soluzioni di analisi dei dati e integreranno soluzioni di software indipendenti nei pacchetti più diffusi per la gestione della flotta.
Una nuova analisi di Frost & Sullivan, intitolata “Global Connected Truck Market 2016 Outlook” (http://frost.ly/9f), prevede che nel 2016 la base installata globale di strumenti telematici crescerà quasi del 13,5% l’anno, guidata dalla maggiore attenzione delle case automobilistiche alla diagnostica degli autocarri. L’India e l’America Latina aumenteranno il proprio contributo alla base installata globale, mentre l’Europa e il Nord America continueranno ad essere i leader del mercato, con oltre il 57% della base installata totale.
Ora che il Nord America e l’Europa stanno gradualmente diventando saturi, i leader di mercato hanno iniziato a spostare la propria attenzione verso i mercati emergenti per attingere alle vaste opportunità in America Latina, India e Sudest asiatico. Nel frattempo, nelle regioni sviluppate, ci sono notevoli opportunità per le start-up che si focalizzano su mediazione di trasporto basata su dispositivi mobili, hardware e applicazioni per dispositivi elettronici di registrazione dati (ELD) e comportamento dei conducenti.
Uno dei principali fattori che guida il mercato dei camion connessi è l’applicazione delle normative. La Federal Motor Carrier Safety Administration (FMCSA) in Nord America ha recentemente reso obbligatorio installare dispositivi ELD per monitorare le ore di servizio e generare rapporti di ispezione elettronici dei veicoli che forniscono informazioni sul comportamento dei conducenti. In Cina, tutti gli autocarri pesanti hanno l’obbligo di installare dispositivi di tracciatura. Similmente, in Russia i veicoli devono essere equipaggiati con un sistema di emergenza per gli incidenti a livello nazionale. Gli operatori devono anche prendere l’iniziativa di diffondere la consapevolezza tra i potenziali clienti e giustificare il ritorno sull’investimento. L’offerta di piattaforme scalabili può in parte aiutare a smorzare la timidezza tecnologica dei clienti. La strategia dei produttori di sistemi telematici di offrire piattaforme aperte darà ulteriore slancio all’adozione dei camion connessi.
Lo studio “Global Connected Truck Market 2016 Outlook” fa parte del programma Automotive & Transportation Growth Partnership Service. Altri studi di Frost & Sullivan collegati a questo argomento sono: “Strategic Overview of the Commercial Vehicle Market in Iran”, “2016 Outlook of the Global Medium-Heavy Duty Truck Industry”, “Impact of Euro VII on European Heavy-Duty Truck Market”, “Strategic Corporate Profile of CNHTC Portfolio” e “Connected Truck Market in Japan”. Tutte le analisi comprese nel servizio in abbonamento forniscono dettagliate opportunità di mercato e tendenze del settore, valutate in seguito ad esaurienti colloqui con gli operatori del mercato.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma: Marcia per la Vita

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 maggio 2016

vaticanoRoma domenica 8 maggio alle ore 9,00 da Piazza della Bocca della Verità il corteo partirà proseguendo lungo le vie della Capitale per giungere in Piazza San Pietro, per la preghiera del Regina Coeli.
La Marcia per la Vita è un evento diventato cadenzale, la Marcia è apolitica e apartitica, non sono ammessi striscioni e slogan che possano ricondurre ad appartenenze politiche per evitare ogni forma di strumentalizzazione. Gli uomini politici o rappresentanti delle istituzioni vi parteciperanno a titolo personale. Famiglie, bambini, associazioni, movimenti e singoli cittadini tutti insieme si ritrovano a sfilare per le strade della Capitale per mostrarsi pubblicamente e ribadire con forza che la vita nel grembo materno è sacra e non si tocca. I movimenti Pro-life e il Comitato organizzatore della Marcia per la Vita si battono affinché i bambini tornino a nascere, portando gioia e amore, e le famiglie vengano sostenute, perché la scarsa natalità incide negativamente anche sul sistema economico del Paese. Gli organizzatori chiedono inoltre l’abrogazione della legge 194 che, dal 1978, ha giù fatto oltre 5 milioni di vittime. Le vittime dell’aborto non vengono mai contabilizzate, ma in Europa l’aborto è diventato la principale causa di morte, più delle malattie cardiovascolari, del cancro, e degli incidenti stradali: un aborto ogni 11 secondi, 327 ogni ora, 7854 al giorno. Il 30 per cento delle gravidanze, in Europa, si concludono con un aborto.
La Marcia spiega la portavoce, Virginia Coda Nunziante, “vuole essere un momento pubblico di visibilità, di affermazione del insopprimibile della vita umana innocente, per rompere il silenzio che circonda la strage degli innocenti, per sostenere chi combatte la cultura della morte, per elevare un monito contro le nostre classi dirigenti, colpevolmente assenti su questo fronte ed anzi intenzionate a proseguire su questa tragica strada”.
Anche quest’anno numerose le adesioni dei più importanti movimenti Pro-life provenienti dall’Europa, America, Canada, Nuova Zelanda. Le associazioni e i gruppi sfileranno con i propri simboli e slogan. Un convegno internazionale, organizzato dal Roman Life Forum, si svolgerà il giorno precedente all’Hotel Columbus. La Marcia accomuna Roma a Washington, San Francisco, Ottawa, Lima, Brisbane (Australia); in Europa a Berlino, Bruxelles, Dublino, Madrid, Parigi, Praga, tutte città dove si moltiplicano le manifestazioni in difesa della vita umana innocente.
In Italia la prima Marcia si è svolta nel 2011 a Desenzano del Garda su iniziativa del Movimento Europeo per la Difesa della Vita e della Dignità Umana (Mevd) e dall’Associazione Famiglia Domani. L’iniziativa spiegavano gli organizzatori “nasceva per affermare che la vita è un dono, indisponibile di Dio; chiedere il Suo aiuto, per una società smarrita; deplorare l’iniqua legge 194 che ha legalizzato l’uccisione, sino ad oggi, in Italia, di 5 milioni di innocenti; ribadire che esiste una distinzione tra Bene e male, tra Vero e falso, tra Giusto ed ingiusto; invitare alla mobilitazione i cattolici e gli uomini di buona volontà”.
Il giorno precedente, nel pomeriggio di sabato 7 maggio, si terrà nell’aula magna della LUMSA (Università Maria Santissima Assunta) un convegno in preparazione alla Marcia dal titolo “Per la vita senza compromessi”

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rifugiata siriana correrà con la trocia olimpica a Brasilia

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 maggio 2016

san paolo brasileHanan Dacka, rifugiata siriana di 12 anni che vive in Brasile dallo scorso anno, correrà oggi a Brasilia portando la torcia olimpica. A seguito di una discussione con l’UNHCR, l’Agenzia ONU per i Rifugiati, il Comitato Organizzativo dei Giochi olimpici di Rio 2016 ha selezionato Hanan per partecipare alla prima giornata della staffetta della torcia sul territorio brasiliano. Porterà la torcia lungo la Esplanade of Ministries poco dopo che la Fiamma olimpica lascerà il Palazzo Presidenziale attorno alle 10:00 UTC di questa mattina.
In un momento in cui il numero di persone costrette a lasciare la propria casa a causa di conflitti e persecuzioni è il più alto dalla seconda guerra mondiale, il fatto che Hanan porterà la torcia Olimpica attraverso Brasilia rappresenta un gesto di solidarietà verso i rifugiati in tutto il mondo. Dopo essere stata accesa per la prima volta il 21 aprile nella città greca di Olimpia, luogo di nascita dei Giochi, la fiamma è stata portata anche dal rifugiato siriano Ibrahim al-Hussein attraverso il campo di Eleonas, il centro di Atene che accoglie circa 1.500 richiedenti asilo.Il tratto brasiliano della staffetta della torcia comincia oggi, 3 maggio, e durerà per quasi 90 giorni, concludendosi con la cerimonia inaugurale prevista per il 5 agosto nello Stadio di Maracana, dove sarà accessa la pira olimpica.Hanan, che è arrivata in Brasile nel febbraio del 2015, vive con la sua famiglia a San Paolo, nella zona sud-orientale del paese. Pienamente integrata in Brasile, frequenta una scuola vicino a casa, parla fluentemente portoghese e ha molti amici brasiliani.
Hanan e la sua famiglia vivevano nella città di Idlib, nel nord-est della Siria. Quando è scoppiata la guerra, sono fuggiti dal paese e hanno cercato protezione in Giordania, dove hanno vissuto per due anni e mezzo nel campo per rifugiati di Za’atari. La famiglia ha deciso di lasciare la Giordania ed è arrivata in Brasile nell’ambito del programma di visti umanitari speciali promosso dal paese, che consente ai sopravvissuti ai conflitti di viaggiare verso il più grande paese dell’America Latina e presentare lì richiesta di asilo. Ad oggi, circa 8.000 di questi visti speciali sono stati rilasciati dalle autorità brasiliane, inclusi ad Hanan e alla sua famiglia che sono stati riconosciuti come rifugiati e stanno ora ricostruendo la propria vita a San Paolo.
La guerra in Siria, che è entrata nel suo sesto anno a Marzo, ha generato 4.8 milioni di rifugiati nei paesi limitrofi e centinaia di migliaia in Europa. Degli 8.700 rifugiati che si sono insediati in Brasile, oltre 2.000 vengono dalla Siria.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Due borse di ricerca per il sostegno degli studenti nel campo dell’accesso alla pratica sportiva

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 maggio 2016

parma universitàParma. Scadono il 13 maggio due bandi pubblicati dall’Ateneo per l’assegnazione di due borse di ricerca dedicate al sostegno degli studenti italiani e stranieri dell’Università di Parma nel campo dell’accesso alla pratica sportiva.
La prima borsa di ricerca (bando al link http://www.bioscienze.unipr.it/sites/st02/files/ bando_ 10_bios_2016.pdf) sarà assegnata per il progetto Ricerca e sperimentazione dei sistemi di tutoraggio e assistenza più idonei per l’attuazione del progetto “riconoscimento dell’attività sportiva” agli studenti sportivi di rango nazionale, studenti arbitri o studenti allenatori di rango. Tra le tematiche del progetto: normative europee per gli studenti atleti, arbitri, allenatori di rango nazionale; loro necessità ed esigenze di tutoraggio.
La seconda borsa di ricerca (bando al link http://www.bioscienze.unipr.it/ sites/st02/files/bando_09_ bios_2016.pdf) sarà assegnata per il progetto Analisi e gestione delle richieste degli studenti dell’Università degli Studi di Parma richiedenti il riconoscimento dei crediti sportivi. Miglioramento della attrattività dell’Ateneo verso gli studenti stranieri. Collegamenti tra aree di riferimento. Tra le tematiche del progetto: principi informativi dei diritti allo studio degli studenti universitari; conoscenza del progetto “Riconoscimenti dei crediti sportivi” e del suo inserimento nel piano triennale di Ateneo.
Le borse, entrambe di 12 mesi, sono di 15mila euro. Per l’accesso alla selezione è richiesto il diploma di laurea triennale / magistrale / vecchio ordinamento.L’attività dei borsisti si svolgerà al Dipartimento di Bioscienze, sotto la responsabilità del Delegato allo Sport dell’Università di Parma, prof. Nelson Marmiroli, Direttore del Dipartimento.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Università: “Colmare ritardi comunicazione bandi specializzazione”

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 maggio 2016

ospedale-san-camillo“La medicina richiede oggi competenze sempre più sofisticate che non è possibile acquisire nei sei anni di studio previsti dal curriculum e che rendono indispensabile accedere ad una scuola di specializzazione per essere in grado di esercitare con un discreto livello di autonomia la professione medica. Per uno studente di medicina accedere ad una scuola di specializzazione e portare almeno a dieci gli anni della sua formazione di base è diventato un obiettivo irrinunciabile. Molte battaglia sono state fatte in questi anni per aumentare il numero dei posti nelle scuole di specializzazione e renderlo coerente con il numero degli studenti che ogni anno si laureano sulla base di un numero programmato. Si è lavorato al concorso nazionale per ridurre certe forme di clientelismo che con il tempo avevano fatto della baronia accademica una ipoteca pesantissima per i neo laureati che a qualsiasi titolo non ne facevano parte”. Lo afferma l’onorevole Paola Binetti di Area popolare e da sempre molto vicina alle esigenze di tutti gli studenti della facoltà di Medicina e Chirurgia.
“Il Miur si mostra sempre distratto, fin troppo, rispetto alle legittime attese dei giovani neolaureati che vorrebbero avere regole chiare, date fisse e possibilità di progettare il loro futuro in modo responsabile. Ad esempio: oggi 3 maggio 2016 – prosegue Binetti – non c’è ancora nessuna notizia del bando di concorso per l’accesso alle SSM la cui pubblicazione era prevista per il 30 aprile. E la cosa desta viva preoccupazione, perché disattende promesse fatte ai più alti livelli decisionali e crea una ansietà diffusa su quale sarà il futuro di coloro a cui nel giro di cinque anni sarà affidata in parte significativa la salute degli italiani. Nel frattempo vale la pena ricordare al ministro Giannini un progetto su cui si è lungo lavorato e che recupererebbe una situazione ampiamente diffusa in anni precedenti: quella di avere anche per il corso di Laurea in Medicina e chirurgia una laurea abilitante, con il risultato immediato – conclude Binetti – di accorciare di quasi un anno l’iter complessivo che separa il momento dell’ingresso in facoltà con il momento in cui se ne esce da medici specialisti, unica condizione possibile per accedere ad una serie di opportunità professionali in Italia e in Europa”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Textile d’orient di Veronique Bataille Heim

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 maggio 2016

2-tessutoRoma martedì 10 Maggio ore 18,30 Galleria Francesca Antonacci Damiano Lapiccirella Via Margutta 54 inaugurazione della mostra Textile d’orient di Veronique Bataille Heim. Orari di apertura: Dal lunedì al venerdì: 10.00 – 13.00 / 16.00 – 19.30 Sabato su appuntamento.
Un percorso che rende omaggio alla combinazione di colori e disegni ricchi di storia e di vita attraverso un percorso che riproduce abiti che prendendo forma nei suoi dipinti ci trascinano istantaneamente in mondi esotici e lontani. Questa la principale fonte d’ispirazione della pittura dell’eclettica artista francese Vèronique Bataille Heim.
Véronique Bataille Heim, diplomata all’Ecole du Louvre di Parigi, si dedica all’attività pittorica da oltre 20 anni. L’incessante lavoro nel suo atelier situato nella silenziosa e colorata campagna francese di Tours, hanno ispirato i suoi lavori dedicati all’indagine luministica e agli effetti chiaroscurali dei Tessuti D’Oriente. Il fascino di mondi lontani e sfuggenti è raccontato dai dettagli degli abiti, dalle trame colorate di stoffe pregne di umori, odori e ricordi rubati a Paesi tanto lontani quanto vicini alla nostra cultura. L’ordine geometrico e rigoroso dei motivi tessili sembrano prendere vita nelle pieghe delle stoffe inerti diventando, nell’opera di Véronique Bataille Heim, un disegno nuovo, un personale racconto.“Fioriti giardini interiori che si nutrono di luce e colore – come lei stessa racconta – colori come fonti di energia. Giocando con il movimento per posare lo sguardo su capi di abbigliamento e lasciarsi incantare dalla loro bellezza. Ammirare la trama dei tessuti, la loro consistenza, i ricami, le fantasie. Viaggiando e testimoniando le infinite ricchezze di un mondo incontaminato.” Questa è l’arte di Veronique Bataille HEIM.
La mostra si colloca in un periodo storico difficile e travagliato per l’Oriente, soprattutto agli occhi di noi europei. Ed è proprio con gli stessi occhi che è necessario visitare la mostra di Véronique, che intende gettare una scia di luce, colori e positività a chi osserva i suoi dipinti di quei luoghi. Regalando così gioco e toni di colore tipici di un mondo del quale, osservando i quadri, viene voglia di far parte. E’ un ponte tra la nostra cultura e l’ “altro”, il distante da noi. Tratti che la realtà pittorica riconnette sfuggendo ad una attualità che ci allontana e ci contrappone. Anzi, è proprio l’Arte che, in questo caso, dimostra come il linguaggio dell’inventiva e della creatività sia il miglior strumento di dialogo tra Paesi diversi e radici lontane. Solo la Cultura avvicina, apre dialoghi, e non allontana.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il nuovo sistema per la gestione della terapia insulinica con microinfusore Accu-Chek® Insight

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 maggio 2016

microinfusoreRoche Diabetes Care lancia ufficialmente in Italia il nuovo sistema per la gestione della terapia insulinica con microinfusore Accu-Chek® Insight. Questo sistema innovativo è il primo moderno sistema di infusione che utilizza esclusivamente la cartuccia di insulina preriempita NovoRapid® PumpCart®, commercializzata da Novo Nordisk.
La gestione del diabete e il raggiungimento di un buon controllo glicemico può essere una sfida nella vita di tutti i giorni. L’evoluzione continua della tecnologia è indirizzata verso la semplificazione dell’utilizzo nella quotidianità, per agevolare l’aderenza alla terapia e garantire una convivenza più serena tra lo strumento e il paziente diabetico.
Le persone con diabete possono oggi usufruire di un nuovo livello di facilità d’uso, di una gestione discreta e sicura della terapia con il microinfusore Accu-Chek® Insight. Il nuovo sistema è ora ufficialmente disponibile in Italia.
Il sistema Accu-Chek® Insight è costituito da due componenti principali: il microinfusore per insulina Accu-Chek® Insight e il dispositivo per il controllo remoto Accu-Chek® Aviva Insight. Con la cartuccia insulina preriempita NovoRapid® PumpCart®, commercializzata da Novo Nordisk, gli utilizzatori del microinfusore Accu-Chek® Insight possono ora semplicemente inserire la cartuccia di insulina nel microinfusore stesso riducendo notevolmente il tempo e semplificando quest’operazione. Il dispositivo Accu-Chek® Aviva Insight consente di poter gestire il microinfusore a distanza, di effettuare il monitoraggio del glucosio nel sangue, inoltre dispone di un calcolatore del bolo clinicamente dimostrato1-4 e consente la gestione dei dati in qualsiasi momento direttamente dal touchscreen.
“Siamo molto contenti di poter offrire l’innovativo sistema Accu-Chek® Insight con la praticità della cartuccia preriempita per i nostri pazienti. Dare centralità alla persona significa innanzitutto favorire la sua compliance terapeutica e quindi agevolare il raggiungimento degli obiettivi terapeutici, questo è il nostro scopo. Vogliamo sostenere le persone con diabete nella loro routine di tutti i giorni, aiutandoli a pensare meno al diabete e vivere una vita senza restrizioni ” afferma Massimo Balestri, General Manager di Roche Diabetes Care Italy.Una volta posto sotto i vestiti, non vi è più alcuna necessità di estrarre il microinfusore per il resto della giornata. Ogni bolo di insulina può essere programmato discretamente attraverso il dispositivo per il controllo remoto Accu-Chek® Aviva Insight.
Il microinfusore può essere personalizzato attraverso le numerose e innovative impostazioni. La basale minima impostabile a 0,025 U/I è pensata per rispondere alle esigenze dei pazienti pediatrici o con basso fabbisogno insulinico. Inoltre sono state progettate diverse personalizzazioni del bolo per poter rispondere alle esigenze individuali della terapia, quali ad esempio migliorare l’efficacia della terapia insulinica in pazienti con gastroparesi diabetica o con necessità particolari. Rendere la terapia con microinfusore più semplice, discreta e personalizzabile con il sistema Accu-Chek® Insight può contribuire a una migliore gestione del diabete e supportare l’autogestione nella vita quotidiana.
Il nuovo sistema Accu-Chek® Insight eredita i vantaggi ben noti del sistema Accu-Chek® Combo1-3. Come il suo predecessore, il sistema per la gestione del diabete Accu-Chek® Insight offre i vantaggi di funzionalità complete per la gestione dei dati, nonché un comprovato calcolatore del bolo che può aiutare le persone con diabete a migliorare il controllo glicemico riducendo il numero di episodi iper e ipoglicemici, nonché una riduzione dei valori di HbA1c. Il calcolatore del bolo Accu-Chek® ha dimostrato il suo valore per una gestione del diabete mirata e personalizzata in vari studi1.4. Con la sua tecnologia intuitiva, il sistema Accu-Chek® Insight può contribuire ad una maggiore libertà e flessibilità nella vita delle persone con diabete – nel contempo contribuisce a sostenere un miglioramento degli outcome clinici.
Dal momento che il sistema può essere utilizzato in modo semplice e intuitivo dal palmo della mano e necessita di meno passaggi per le attività di routine quotidiana, come il riempimento o l’inserimento di una nuova cartuccia5, gli utilizzatori del microinfusore possono rapidamente familiarizzare con questo nuovo sistema – un fattore chiave per le persone con diabete che desiderano passare dalla terapia multiiniettiva alla terapia insulinica con microinfusore.
Il microinfusore è uno strumento che rilascia insulina nel tessuto sottocutaneo in modo continuo e con grande precisione cercando di riprodurre l’attività della beta cellula pancreatica. Per forma, dimensioni e peso il microinfusore Accu-Chek® Insight può essere scambiato a prima vista per un telefono cellulare. Pesa poco e può contenere una cartuccia preriempita con insulina rapida. Un motore di precisione guidato da un microprocessore spinge l’insulina in un tubicino in teflon molto sottile (detto catetere), di lunghezza variabile, che collega il microinfusore a un’agocannula inserito sottocute e fissato con un cerotto. Il microinfusore non è solo un mezzo per migliorare il controllo glicemico, ma anche uno strumento che rende più semplice la gestione del diabete e offre a chi lo usa ampi margini di libertà nella vita quotidiana. E’ adatto per alcuni pazienti e offre maggiore flessibilità, con la possibilità di migliorare il controllo glicemico e la qualità della vita6-7 e grazie a NovoRapid® PumpCart®, non è più richiesto il riempimento manuale, adesso la cartuccia può essere caricata nel microinfusore con un solo semplice passaggio.
In Europa, l’utilizzo del microinfusore tra le persone con diabete di tipo 1 varia da meno del 5% in alcuni Paesi, a più del 15% in altri Paesi. Negli Stati Uniti il 40% delle persone con diabete di tipo 1 sono trattate con terapia insulinica con microinfusore8-9. Di certo le continue innovazioni introdotte nel mercato e una adeguata educazione ad un utilizzo appropriato delle stesse, contribuiranno sempre più ad una migliore interazione ed accettazione da parte della persona con diabete delle tecnologie necessarie alla sua cura.10
Roche è un gruppo internazionale pionieristico nella farmaceutica e nella diagnostica dedicato al progresso della scienza per migliorare la vita delle persone. Roche è la più grande azienda biotech al mondo con un portafoglio davvero diversificato di medicinali in oncologia, immunologia, malattie infettive e sistema nervoso centrale. Roche è anche leader mondiale nella diagnostica in vitro, nella diagnostica oncologica su tessuti ed è all’avanguardia nella gestione del diabete. L’unione degli elementi di forza della farmaceutica e della diagnostica all’interno della stessa organizzazione ha portato Roche a essere leader nella medicina personalizzata, una strategia che mira a fornire il trattamento più appropriato per lo specifico paziente nel miglior modo possibile.
Fondata nel 1896, Roche continua a ricercare migliori soluzioni per prevenire, diagnosticare e trattare le malattie e dare un contributo sostenibile alla società. Ventinove farmaci sviluppati da Roche compaiono negli elenchi dei medicinali essenziali dell’Organizzazione Mondiale della Sanità tra cui farmaci oncologici, antimalarici e antibiotici salvavita. Roche è stato riconosciuto Gruppo Leader per la sostenibilità nel settore Farmaceutici, Biotecnologie & Scienze della Vita secondo gli Indici di Sostenibilità Dow Jones per sette anni consecutivi.
Il Gruppo Roche ha sede centrale a Basilea, in Svizzera, ed è attivo in oltre 100 paesi. Nel 2015 il Gruppo Roche contava oltre 91.700 addetti nel mondo, ha investito 9,3 miliardi di franchi svizzeri in R&S e registrato un fatturato pari a 48,1 miliardi di franchi svizzeri. Genentech, negli Stati Uniti, è una società interamente controllata del Gruppo Roche. Roche è l’azionista di maggioranza di Chugai Pharmaceutical, Giappone. Ulteriori informazioni sul sito http://www.roche.com (foto: microinfusore)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fine pena: quando non è più necessaria

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 maggio 2016

ergastolaniScrive Carmelo Musumeci: “Ho letto un articolo di Ferdinando Camon pubblicato su “La Nuova Venezia” di mercoledì 13 aprile che mi ha fatto comprendere che sono un ergastolano senza scampo anche quando scrivo. L’autore di questo articolo mi rimprovera: “C’è un ergastolano a vita nel Veneto, Carmelo Musumeci, che scrive email, libri, e tempesta il mondo di messaggi: vuole uscire. “Premesso che credo sia normale che un prigioniero cerchi di uscire, in tutti i casi io lotto soprattutto per sapere quando finirà la mia pena. E penso di non fare nulla di male se invio dalle sbarre della mia cella pensieri, emozioni e sogni. La cosa incredibile è che in questi venticinque anni di carcere in molti mi hanno chiesto di “farmi la galera” e di smettere di scrivere e di ululare alla luna. E me lo hanno chiesto sia le persone perbene sia molti uomini di Stato e anche alcuni mafiosi di spessore che mi hanno fatto sospettare che la pena dell’ergastolo serva anche a loro per non fare uscire dalle loro organizzazioni, fisicamente e culturalmente, i giovani ergastolani (perché lo dovrebbero fare se non hanno più nessun futuro?)”. E le argomentazioni di Musumeci non finiscono qui, ovviamente, ma più che riportarle mi limito a qualche mia riflessione. Ci siamo spesso interessati al tema della delinquenza e delle sue cause scatenanti e al sistema paese che le registra e agisce di conseguenza, o almeno crede di farlo. Per me Musumeci ha ragioni da vendere. Il delitto di per sè merita una punizione ma va anche affiancato da un percorso “virtuoso” che potremmo anche chiamare di redenzione. Non si può, anzi non si deve chiudere la porta a nessuno e la severità della pena per quanto giusta va indubbiamente scremata nel tempo.
Mi sembra ridicolo pensare che si possa nutrire del timore per la sua libertà ad un uomo che ha già scontato tantissimi anni in carcere e che ha, per giunta, saputo mettere a frutto questo limite al suo status scrivendo e studiando e affrontando il suo problema e quello degli altri reclusi, con pragmatismo. Diciamo, piuttosto che alla giustizia dei numeri noi dovremmo sempre e comunque contrapporre quella umana. E allora caro collega Camon riserviamo un po’ più di attenzione e meno di impazienza per chi scrive dal carcere perché le tonalità più belle non sono il nero o il bianco ma i chiaroscuri. (Centro studi Fidest sulla tutela dei diritti) (foto: ergastolani)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Convegno “Maternità ieri ed oggi. Quali soluzioni per una società a misura di mamma?”

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 maggio 2016

Ateneo Pontificio Regina ApostolorumRoma venerdì 6 e sabato 7 maggio presso l’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum proseguono gli appuntamenti della Settimana della Mamma, l’iniziativa promossa dall’Istituto di Studi Superiori sulla Donna dell’Ateneo Pontificio Regina Apostolorum che il 6 e il 7 maggio, propone il convegno dal titolo: “Maternità ieri ed oggi: quali soluzioni per una società a misura di mamma” che si terrà in Ateneo a partire dalle ore 9, una due giorni importante realizzata in collaborazione con WWALF Word Women’s Alliance for Life and Family.
Nella prima giornata di venerdì 6 maggio, si affronterà il tema de “Il corpo e la maternità”. Questa tavola rotonda sarà animata dagli interventi della Direttrice ISSD Marta Rodriguez, dall’ On. Olimpia Tarzia Presidente della W.W.A.L.F.; da Laura Paladino docente UER; da Susy Zanardo docente Uer e dell’Università Ca’ Foscari di Venezia e collaboratrice del Centro Interuniversitario per gli Studi sull’Etica (CISE); da Giorgia Salatiello Professore Ordinario presso la Pontificia Università Gregoriana e membro del consiglio Direttivo dell’AIFR e del Consiglio Nazionale dell’ADIF e da Chiara D’Urbano docente presso l’APRA e membro dell’Associazione Italiana Psicologi e Psichiatri Cattolici (AIPPC).
La seconda giornata del convegno di sabato 7 maggio, affronterà la questione del “Diritto al lavoro, maternità e gravidanza” a cui partecipano: l’On. Olimpia Tarzia, la prof.ssa Maria Pia Baccari Facoltà di giurisprudenza della LUMSA di Roma, professore invitato presso la pontificia Università Urbaniana e nella Pontificia Università della Santa Croce; la dott.ssa Benedetta Rinaldi conduttrice di Uno Mattina Estate; Annamaria Gimigliano esperta in innovazione e in processi industriali nel settore della cultura industrial; Antonella Perconte Licatese attrice che dal 2011 ha avviato la sua attività di docente di Storia del Cinema Italiano collaborando con numerose scuole e laboratori e la dott.ssa Adele Ercolano sociologa ed esperta in questione femminile, leadership e modelli organizzativi membro direttivo dell’ISSD e co-founder della rivista gratuita Valore Mamma.
La WWALF (World Women’s Alliance for Life and Family) da anni promuove attività mirate alla sensibilizzazione dell’opinione pubblica, particolarmente quella femminile, attraverso strumenti culturali ed informativi, su temi di vita e famiglia. Per questo ci sembrava giusto condividere le riflessioni poste dalla Settimana della Mamma, in particolare su quale sia il valore della maternità oggi. Confidiamo che questa importante iniziativa, che aiuta le donne, e non solo, possa suscitare una maggiore consapevolezza su argomenti che le riguardano e che spesso le vedono protagoniste.
La Settimana della Mamma si concluderà domenica 8 maggio, con un doppio appuntamento il primo si svolgerà all’interno del parco di Villa Doria Pamphili ed il secondo presso i Fori Imperiali dalle 17 alle 18, con la passeggiata aperta a tutte le famiglie.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Madri adolescenti: un fenomeno da non sottovalutare

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 maggio 2016

Maternità.Benché i numeri dell’Italia (poco meno di 8.000 nascite da madri under 19) siano distanti da quelli di altri Paesi – come ad esempio gli Stati Uniti, dove nel 2014 i bimbi nati da madri tra i 15 e i 19 anni sono stati quasi 250.000, cioè circa 3,5 ogni cento giovani della stessa età, o la Gran Bretagna, con 48.000 nascite e un tasso del 2,9% che la piazza ai vertici dei Paesi europei – il fenomeno delle madri adolescenti merita probabilmente più attenzione di quanta normalmente gli si dedica. Spesso, infatti, prevalgono atteggiamenti quali la rimozione da un lato. e lo stigma dall’altro, mentre invece servirebbero servizi preparati a gestire situazioni certamente non facili – sia per i genitori adolescenti che per i loro familiari – ma da cui si può anche uscire con una rinnovata fiducia nelle proprie possibilità di vivere una vita piena e soddisfacente.
Risulta quindi particolarmente interessante l’esperienza del centro Saga dell’Ospedale San Paolo di Milano, presentato con dovizia di particolari dall’Agenzia SIR. Si tratta di un servizio che punta ad un intervento mirato, preciso, frutto del lavoro di un’équipe multidisciplinare che conta neuropsichiatra infantile, neuropsicomotricisti e psicologi, ed è orientato a mantenere la vita della ragazza il più possibile adatta a lei, diventando un’adulta consapevole e responsabile, superando con l’aiuto del servizio esterno le caratteristiche disfunzionali che la gravidanza in così giovane età quasi sempre comporta. Un servizio pubblico, gratuito, che, come afferma la responsabile, la dottoressa Margherita Moioli, è «disponibile a collaborare anche con altre realtà italiane, perché la rete è fondamentale».(Pietro Boffi)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il TTIP e le clause di salvaguardia dell’Unione Europea

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 maggio 2016

agricolturaGreenpeace risponde alla Commissaria al Commercio UE, Cecilia Malmstrom e al capogruppo Pd in commissione Agricoltura Nicodemo Oliverio, che rassicurano sul fatto che il TTIP non affosserà il principio di precauzione che differenzia l’approccio normativo dell’Unione europea da quello statunitense.
Malmström e Oliverio fanno gli gnorri. I documenti segreti resi noti oggi non fanno menzione del principio di precauzione sancito dall’Unione europea, che fornisce un più elevato livello di protezione per consumatori e ambiente. Il riferimento al principio di precauzione di cui parla Malmstrom è contenuto in un position paper dell’Unione europea che non è parte dei capitoli del TTIP che sono stati pubblicati da Greenpeace Olanda” afferma Federica Ferrario, campagna agricoltura sostenibile di Greenpeace Italia.
“I documenti pubblicati oggi mostrano anche l’influenza delle lobby industriali sui negoziatori. Si dice in più punti che i negoziatori consultano regolarmente l’industria e sono pronti a farsi portavoce delle loro posizioni. Malmström può anche promettere che non abbasserà gli standard di tutela per consumatori e ambiente, ma l’evidenza è un’altra: in diversi punti gli Stati Uniti propongono di abbassare gli standard europei, ma in questi documenti non ci sono proposte della Ue per controbilanciare tali pressioni. La Commissione europea pubblichi i documenti restanti e dimostri il contrario” conclude Ferrario. I documenti sono disponibili su http://www.ttip-leaks.org

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Indagine sui giovani e previdenza

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 maggio 2016

basilica san giovanni romaSi è tenuta a Roma la conferenza stampa di presentazione dei risultati del progetto “Sei sicuro?”, un’indagine sul rapporto tra i giovani e i temi previdenziali realizzata dall’istituto di ricerca Eures per l’associazione dei consumatori Adoc, sviluppata all’interno del programma di ricerca “Gli scenari del welfare” promosso dal Forum ANIA-Consumatori.
Il progetto “Sei sicuro?” nasce con l’obiettivo di sensibilizzare i giovani su tematiche indispensabili per scelte complesse che li attendono nei diversi ambiti di vita: prevenzione, gestione dei rischi, previdenza, pianificazione e assicurazione e promuovere, nei giovani che cominciano ad affacciarsi alla vita lavorativa, una maggiore consapevolezza del rischio e una cultura della sua prevenzione e gestione nel percorso di vita, al fine di incentivare comportamenti corretti e consapevoli in grado di tutelare il proprio benessere futuro.Per questo l’Adoc ha promosso una indagine campionaria realizzata da Eures– Ricerche Economiche e Sociali, che ha somministrato un questionario a un campione di circa 500 giovani di età compresa tra i 18 e 35 anni, su tutto il territorio nazionale. Il rapporto di ricerca costituirà un importante strumento di riferimento per la lettura della consapevolezza dei giovani sul tema e le forme previdenziali offerte sul mercato.Da quanto emerge dal rapporto di ricerca l’approccio dei giovani rispetto al futuro è denso di preoccupazioni e incertezze, siano esse economiche che sociali e sanitari. Le principali preoccupazioni sono di tipo salutistico, pensionistico e reddituale: circa 8 su 10 (il 77,1%) si dichiarano infatti “molto o piuttosto preoccupati” per la diminuzione del benessere e per la propria situazione previdenziale e pensionistica (77,3%), e oltre l’84% degli intervistati esprime un elevato livello di preoccupazione per la presenza e/o la qualità del lavoro. L’aspetto reddituale gioca un ruolo chiave: il valore delle entrate mensili degli intervistati è pari a 787 euro, poco meno di 10mila euro l’anno, mentre oltre un terzo dispone di meno di 500 euro al mese. Il basso tenore di reddito pesa molto anche sul fattore risparmio: il campione intervistato riesca a risparmiare solo il 17,3% delle proprie entrate, pari a 136 euro mensili (ovvero oltre 1.600 euro in un anno), anche se solo il 30,8% degli intervistati dichiara di non risparmiare. Chi riesce a mettere da parte qualcosa, seppure in misura minima, lo fa principalmente per garantirsi un futuro migliore (49%) o per far fronte a situazioni di difficoltà (41,2%).Dal punto di vista sanitario il 67,2% del campione ha dichiarato di aver usufruito negli ultimi 3 anni del Sistema Sanitario Nazionale ma l’ampia maggioranza dei giovani ritiene che il sistema previdenziale pubblico andrebbe coadiuvato con altre forme assistenziali (mutue) o assicurative (polizze infortuni o fondi sanitari), al fine di garantire al cittadino ogni prestazione sanitaria richiesta.
Riguardo il lato pensionistico, nonostante la riforma “Fornero” abbia spostato significativamente in avanti la soglia pensionabile (pari attualmente a 66 anni e 7 mesi), e nonostante tale limite sia destinato ad aumentare negli anni per effetto dell’adeguamento alle aspettative di vita, circa un quarto degli intervistati (il 24,3%) ritiene che potrà andare in pensione prima dei 65 anni. La quota prevalente del campione (il 37,8%) ipotizza tuttavia una termine della vita lavorativa in linea con le attuali aspettative pensionistiche, indicando un’età pensionabile compresa tra i 65 e i 70 anni, mentre un significativo 38% proietta ancora oltre la propria età pensionabile, immaginando che lavorerà anche oltre i 70 anni. Passando ad analizzare il cosiddetto “tasso di sostituzione” (ovvero il valore della pensione netta in termini percentuali rispetto all’ultimo stipendio netto) circa la metà del campione “informato” (ossia che conosce le modalità dell’attuale sistema di calcolo pensionistico, pari al 62% degli intervistati) prevede un tasso di sostituzione compreso tra il 50 e il 74%; elevata risulta tuttavia la quota dei “pessimisti” (pari al 37,3%), convinti che la propria pensione coprirà meno del 50% dell’ultimo stipendio percepito. Entrando nel merito del valore della pensione la quota prevalente degli intervistati (37%) ipotizza un importo mensile compreso tra 500 e 800 euro; soltanto per il 19,6% la pensione percepita potrà consentire un adeguato livello di benessere, a fronte dell’80,4% di giovani convinto che il sistema previdenziale sarà in grado di garantire “poco” (42,7%) o “per niente” (37,7%) un adeguato livello di benessere ai futuri pensionati.E’ significativo che oltre 7 giovani su 10 (il 72,6%) ritengono utile avviare un piano di pensione integrativa/complementare (di questi il 25,7% ritiene tale operazione “molto utile” e il 46,9% “abbastanza utile”), anche se ben il 60% dichiara di non sentirsi completamente informato su tale forma di previdenza. Con la conseguenza che solo il 28,3% ha avviato una forma previdenziale integrativa.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Seconda edizione de “La Francia in scena”

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 maggio 2016

francia in scenaRoma. Da Lunedì 7 maggio a martedì 15 novembre 2016. Tutta la vitalità della scena artistica francese in Italia. Oltre 80 spettacoli, 3 grandi appuntamenti con l’arte contemporanea, 10 incontri fra conservatori italiani e francesi, eventi speciali in occasione del 60°anniversario del gemellaggio Roma-Parigi e di Mantova Capitale della Cultura 2016, i protagonisti dell’architettura del padiglione francese alla Biennale di Venezia: un totale di 150 date – quasi tutte prime in Italia – in 30 città italiane per 6 mesi, da maggio a novembre, ospiteranno tutta la vitalità, la varietà e il dinamismo della scena artistica francese.
È la seconda edizione de “La Francia in scena”, la stagione artistica dell’Institut français Italia, realizzata su iniziativa dell’Ambasciata di Francia in Italia, con il sostegno dell’Institut français e del Ministère de la Culture et de la Communication, della Fondazione Nuovi Mecenati, della Sacem Copie Privée, della Commissione Europea (Creative Europe) e del Ministero dell’Istruzione italiano dell’Università e della Ricerca – Afam (MIUR – Afam). Edison è main partner del grande concerto de La Festa della Musica.
Musica, danza, teatro, circo contemporaneo, performance, fotografia, design, architettura, arte contemporanea, street art, spettacoli per ragazzi: una programmazione ricchissima che percorrerà l’Italia da nord a sud senza dimenticare le isole maggiori.
Una grande occasione per conoscere meglio lo straordinario panorama dello spettacolo e di tutta la creazione contemporanea francese con particolare attenzione ai linguaggi multidisciplinari, alle contaminazioni fra generi, alle estetiche ibride e alle opere multimediali che rinnovano la creatività attraverso l’utilizzo delle nuove tecnologie, in particolare i progetti che stabiliscono una continua relazione fra musica elettronica e video. Tutto all’insegna del sostegno ai giovani artisti e ai talenti emergenti dell’universo performativo d’oltralpe.
Si parte il 7 maggio dal festival Fabbrica Europa di Firenze con il primo tour italiano di Cristophe Chassol, pianista e compositore considerato la nuova stella della musica francese. Un affascinante viaggio video-musicale in 7 tappe che termina a novembre al Romaeuropa Festival e scandisce il ritmo di tutta la stagione artistica.
Grande evento il 21 giugno, grazie alla collaborazione con Edison, La Festa della Musica sarà una serata speciale per celebrare il 60° anniversario del gemellaggio tra Parigi e Roma: sul palco italo-francese in piazza Farnese, davanti la sede dell’Ambasciata di Francia, si esibiranno il duo francese Brigitte e l’artista Carmen Consoli.
Per questa occasione Edison e Ambasciata di Francia in Italia applicheranno per la prima volta Edison Green Music, un vero e proprio protocollo per gli eventi musicali in grado di ridurne l’impatto ambientale attraverso soluzioni sostenibili. Una guida pratica per tutti gli ambiti di produzione di un concerto: dall’organizzazione e promozione dell’evento alla logistica e mobilità, alla gestione dei rifiuti. Uno strumento per favorire l’adozione di buone pratiche e ottenere importanti e misurabili risultati in termini di risparmio energetico e sostenibilità ambientale.
Particolare attenzione è riservata al “jeune public” con una programmazione speciale dedicata ai più piccoli a partire da un altro grande evento: il Festival Segni d’Infanzia, nell’ambito di Mantova Capitale della Cultura 2016, che presenta in autunno 5 compagnie francesi di teatro, musica e circo.
Per il pubblico di tutte le età è invece il grande spazio riservato al nuovo circo, genere che negli ultimi anni si è rivelato, in tutta Europa ma in particolare in Francia e in Italia, fra i più innovativi nel campo delle performing arts, un genere in grado di trasformare in poesia – a volte gioiosa, a volte malinconica – le grandi mutazioni dell’uomo contemporaneo. Fra giugno e settembre, 13 spettacoli circensi percorreranno il nord Italia con il festival Artisti in Piazza di Pennabilli, il Focus France al Festival Mirabilia di Fossano e la bellissima tournée del Cirque Bidon.
“La Francia in scena” è costruita grazie al dialogo serrato con le più importanti istituzioni culturali italiane e con le principali reti artistiche della penisola nella prospettiva di una sempre più fertile attività di cooperazione bilaterale. Preziosa, sul piano della musica contemporanea, la relazione con Milano Musica e con il Festival AngelicA di Bologna, così come la collaborazione fra le più importanti istituzioni del jazz italiano e francese – che approdano a un progetto di residenza a ottobre alla Casa del Jazz di Roma – e la cooperazione fra i conservatori dei due Paesi nel progetto pilota dedicato alla formazione superiore. E poi ancora il sostegno ai registi e drammaturgi, danzatori e coreografi presenti nelle programmazioni dei più importanti festival italiani di performing arts: Torino Danza, Romaeuropa Festival, Santarcangelo dei Teatri, Bolzano Danza, Drodesera, il Festival delle Colline Torinesi, il Napoli Teatro Festival. Ma anche ai musicisti e agli artisti multimediali protagonisti dei festival di cultura contemporanea più alternativi come Spring Attitude, Outdoor, Robot Festival e Gender Bender.
Una stagione artistica realizzata nella convinzione della forza dello spettacolo dal vivo e delle sue ricadute dirette nello sviluppo dell’economia e dell’occupazione. Un investimento che in Francia produce un valore aggiunto di 11 miliardi di euro e che rappresenta da solo lo 0,36% dell’economia complessiva. Lo spettacolo dal vivo registra uno sviluppo costante (la produzione è in crescita con un tasso medio dell’1% annuo tra il 2008 e il 2014) fino a diventare – in termini di peso economico – il secondo settore culturale, subito dopo l’audiovisivo e prima della stampa. (foto: francia in scena)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuovo direttore del Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali dell’Università di Parma

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 maggio 2016

parma universitàParma il prof. Luca Di Nella, attuale Direttore del Dipartimento di Economia, sarà il Direttore del nuovo Dipartimento di Scienze Economiche e Aziendali dell’Università di Parma, uno dei 9 nuovi Dipartimenti nei quali sarà articolato l’Ateneo a partire dal prossimo anno. Le elezioni si sono svolte martedì 3 maggio. Il prof. Di Nella ha ottenuto, al primo turno di votazioni, 63 voti su 66 votanti (75 gli aventi diritto). Per questa prima votazione, ai sensi dello Statuto, era necessaria la maggioranza assoluta degli aventi diritto al voto.
Luca Di Nella Laurea in Giurisprudenza con il massimo dei voti e la lode. Specializzazione in diritto civile, conseguita presso la Scuola di specializzazione in diritto civile dell’Università di Camerino con il massimo dei voti e la lode. Dottore di ricerca in “Diritto civile nella legalità costituzionale”. In questo periodo svolge le sue ricerche per un periodo di 4 anni nell’Università di Heidelberg. Ricercatore confermato dal 2000 per il settore scientifico-disciplinare IUS/01 Diritto privato presso l’Università di Parma. Professore di seconda fascia dal 2002 per il settore scientifico-disciplinare IUS/01 Diritto privato presso l’Università di Parma. Professore di prima fascia per il settore scientifico-disciplinare IUS/01 Diritto privato dal 2006. Dal 2006 è codirettore della Rassegna di diritto ed economia dello sport. Membro del Collegio dei docenti del Dottorato di ricerca in “I problemi civilistici della persona”, con sede amministrativa presso l’Università del Sannio, e del Collegio dei docenti del Dottorato di ricerca in “Diritto civile nella legalità costituzionale” presso l’Università di Camerino, a partire dal 15° ciclo; dal 2015 è membro del Collegio dei Docenti del Dottorato in “Diritto dei consumi” dell’Università di Perugia. Dal 2006 è membro del Centro di Studi Giuridici sui Diritti dei Consumatori, costituito tra le Università italiane di Perugia, polo di Terni, di Parma e di Camerino e diversi atenei stranieri. Dal 2009 è responsabile per l’Università di Parma del Master internazionale di primo livello in Strategia e Pianificazione degli Eventi e degli Impianti sportivi, costituito insieme all’Università degli Studi della Repubblica di San Marino. Dal 2009 al 2015 è membro del Tribunale Nazionale di Arbitrato per lo sport, istituito dal C.O.N.I. Dal 2010 è membro del Consiglio scientifico della rivista Associazioni e Sport. Dal 2011 è Direttore del Centro di Ricerche sullo Sport (CeRS) dell’Ateneo di Parma. Dal luglio 2012 è Direttore del neoistituito Dipartimento di Economia dell’Università di Parma. Dal 2013 è membro del Centro Studi dell’AIC.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Università di Parma nel team di monitoraggio del ghiacciaio del Similaun

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 maggio 2016

Duomo_e_Battistero_di_ParmaC’è anche l’Università di Parma nella “squadra” di Italian Limes, progetto che analizza gli effetti del cambiamento climatico sullo scioglimento dei ghiacciai alpini e lo spostamento dello spartiacque che definisce i confini nazionali di Italia, Austria, Svizzera e Francia. L’Ateneo partecipa all’iniziativa con il Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra: il coordinamento è affidato al prof. Roberto Francese, che da diversi anni si occupa di geofisica in ambienti glaciali e periglaciali.All’inizio di aprile ha preso il via una nuova fase del progetto: il team di Italian Limes ha installato una serie di sensori sulla superficie del ghiacciaio della Grava, ai piedi del Monte Similaun, a 3.300 m sul livello del mare. I dispositivi di misurazione determineranno l’evolversi della geometria del ghiacciaio per tutta la primavera e l’estate del 2016. Rappresentanti del Comitato Glaciologico Italiano, dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e di Geofisica Sperimentale (OGS) e del Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra dell’Università di Parma hanno preso parte alla spedizione e fornito il coordinamento scientifico, effettuando precisi rilievi GPS e un rilievo geofisico del ghiacciaio.I dati raccolti serviranno al funzionamento dell’installazione esposta allo ZKM—Zentrum für Kunst und Medientechnologie a Karlsruhe, inaugurata lo scorso 16 aprile, e allo stesso tempo aiuteranno a capire meglio le dinamiche del cambiamento climatico sulle Alpi.
La rete di sensori installati al Similaun rappresenta in assoluto il primo esperimento di rilievo real-time delle modificazioni di forma e spessore di un ghiacciaio alpino. Si tratta di un approccio estremamente innovativo e tecnologicamente avanzato. Le indagini georadar e sismiche condotte dai ricercatori nella primavera 2016 hanno consentito di esplorare il ghiacciaio in profondità, definendone spessore e caratteristiche. La ricerca, che coinvolge un team di glaciologi e di geofisici, contribuirà in maniera significativa allo studio del “Global Change”. I piccoli ghiacciai alpini sono infatti estremamente sensibili alle variazioni climatiche in atto e costituiscono oggi come in passato un accurato “termometro” della temperatura del pianeta. Negli ultimi anni il ritiro dei ghiacciai è diventato drammaticamente rapido su tutte le Alpi e il loro stato di salute è strettamente legato a quello della Terra. Più di un secolo di misure annuali condotte dal Comitato Glaciologico Italiano confermano la tendenza a una progressiva e drastica riduzione delle superfici glacializzate.La variazione della morfologia superficiale del Ghiacciaio della Grava, a 3300 m di quota sul Monte Similaun (dove fu scoperta la famosa mummia), costituisce inoltre uno straordinario caso di studio di “confine mobile” tra Italia e Austria: attraverso il sistema di rilevatori collegati alla rete GSM il confine potrà essere monitorato e mappato in tempo reale da qualunque postazione remota. I visitatori della mostra Reset Modernity ! allo ZKM di Karlsruhe in Germania, dove è presente un’installazione interattiva, possono già oggi osservare il flusso dei dati in arrivo e stampare con un sistema automatico la propria mappa aggiornata del confine nazionale.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Europol e gli allarmi. A cosa servono?

Posted by fidest press agency su giovedì, 5 maggio 2016

europolL’Europol, lancia l’allarme attentati terroristici nel corso di una audizione davanti al Comitato Schenghen. L’Europol e’ l’Ufficio europeo di polizia che si occupa della applicazione delle leggi europee. Ci chiediamo a cosa serve pubblicizzare tale notizia. “Siamo molto preoccupati per la possibile connessione tra reti terroristiche e trafficanti di migranti” ha detto il direttore di Europol, Rob Wainwright. Che ci siano connessioni tra terroristi e migranti non e’ un grande segreto, quello che sarebbe necessario fare e’ impedire connessioni e relativi attentati. In questo senso, sarebbe utile colmare le lacune di informazioni, e di collegamento, che i recenti attentati hanno evidenziato. E’ stato fatto o ciascuna polizia, e ogni servizio segreto, degli Stati europei continua a lavorare autonomamente senza mettere insieme forze e informazioni? Divulgare allarmi, per quanto giustificati siano, serve solo a mettere in ansia i cittadini e indurli a modificare le proprie abitudini di vita. Quello che serve e’ una vera e unica polizia dell’Unione Europea. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »