Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 244

Il PE chiede sistema di tracciabilità forte contro l’etichettatura errata del pesce

Posted by fidest press agency su venerdì, 6 maggio 2016

pesceStrasburgo Parlamento europeo Dibattito lunedì 9 maggio Votazione: martedì 10 maggio: Un sistema di tracciabilità forte per tutti i prodotti ittici venduti nei ristoranti e nei negozi europei per prevenire i casi di errori di etichettatura. A chiederlo, in una risoluzione da discutere lunedì e al voto martedì, è il Parlamento, che sottolinea come una politica comunitaria rigorosa di etichettatura del pesce aumenterebbe la fiducia dei consumatori e lo sviluppo economico del settore della pesca nell’Unione.I deputati esprimono preoccupazione riguardo ai risultati di diversi studi, che mostrano errori significativi nell’etichettatura dei prodotti ittici venduti sul mercato europeo, e invitano gli Stati membri a rafforzare i controlli nazionali.
Chiedono inoltre alla Commissione europea di porre rimedio alla confusione causata dagli attuali requisiti di etichettatura nell’UE, in particolare nelle zone gestite dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO). Infatti, il pesce proveniente dalla Galizia e dal Golfo di Cadice è etichettato come proveniente da “acque portoghesi”, sulle etichette dei prodotti pescati al largo del Galles è indicata la dicitura “mare d’Irlanda”, mentre il pesce proveniente dalla Bretagna è etichettato come proveniente dal “Golfo di Biscaglia”.Il piano di controllo del 2015 della Commissione europea per valutare la prevalenza sul mercato di pesce bianco etichettato in modo errato mostra, per quanto riguarda le specie oggetto della dichiarazione, un livello di conformità nel 94% dei campioni prelevati. Tuttavia, per alcune specie, i livelli di non conformità si sono presentati molto alti. Il tasso del 6% è considerato relativamente basso rispetto ad altre analisi più ristrette negli Stati membri.Un recente studio condotto da una Ong ha denunciato casi allarmanti di etichettatura errata del pesce servito nei ristoranti di Bruxelles. Lo studio, basato su test del DNA, rivela che circa un terzo delle etichettature sui pesci esaminati presenta.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: