Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 7 Mag 2016

Expert comment on Toshiba appointing Satoshi Tsunakawa as its new chief executive

Posted by fidest press agency su sabato, 7 Mag 2016

Warwick Business SchoolSatoshi Tsunakawa as its new chief executive Christian Stadler, of Warwick Business School, is a Professor of Strategic Management and researches succession planning as part of long-term success and is author of Enduring Success. Professor Christian Stadler said: “Toshiba’s decision is right. He has a strong record, with experience including the US market, strategy, and sales. In a highly diversified firm, one of the main challenges for him will be to understand the businesses he had less exposure to.”After a scandal, shareholders and the press typically call for an outside CEO, somebody who can offer a fresh start. While this seems sensible on paper, it is difficult in large organisations for an outsider to master the complexity that takes years to understand.
“In my work on companies which succeeded for more than 100 years, successful companies prefer internal candidates; only 3.2 per cent of the CEOs were outsiders. Interestingly that pattern also holds after scandals.”For example, when Phil Watts resigned after Shell overstated its reserves, Jeroen van der Veer, a Shell-lifer, took over. He managed to make substantial changes during his tenure at the helm of the company, precisely because he was an insider.”Siemens opted for a CEO from outside, Peter Loescher, when it was caught up in a bribery and corruption scandal. He did a great job, dealing with compliance issues, but eventually he was forced to resign, as he was less successful in other business issues. This highlights the danger of appointing outsiders: they present a clear departure from the past, but they are less able to make internal changes.”An important thing to bear in mind: the top job is a lonely job. Most people working for the CEO want to please them. So to learn what’s really going on is not an easy task. Insiders are at an advantage here as they have built networks over their career that allow them to also connect with people a bit further down the corporate ladder.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Diabete: IDegLira migliora il controllo del diabete

Posted by fidest press agency su sabato, 7 Mag 2016

diabete testRimini. IDegLira (Xultophy®), una combinazione di insulina degludec e liraglutide a singola somministrazione iniettiva giornaliera, si è dimostrata più efficace nella riduzione di emoglobina glicata (HbA1c), peso corporeo e tasso di ipoglicemie rispetto a insulina glargine in adulti con diabete di tipo 21. I dati provengono dallo studio “DUAL™ V” di fase 3b, pubblicato a marzo sulla prestigiosa rivista Jama, The Journal of the American Medical Association e presentato a SID 2016, 26° congresso nazionale della Società italiana di diabetologia in svolgimento a Rimini, nell’ambito del simposio “La complessità del diabete: continuum terapeutico, percorsi personalizzati e innovazione”.Lo studio ha valutato efficacia e sicurezza di IDegLira rispetto all’insulina glargine, entrambi in combinazione con metformina, in pazienti con diabete di tipo 2 non controllato dopo trattamento con insulina glargine (20–50 unità/giorno).Dopo 26 settimane, i pazienti in cura con IDegLira hanno raggiunto una riduzione statisticamente significativa dell’HbA1c media dell’1,8% (da 8,4% a 6,6%) rispetto alla riduzione dell’1,1% (da 8,2% a 7,1%) ottenuta dai pazienti che avevano in precedenza aumentato la dose di insulina glargine (p<0.001). Nel gruppo trattato con IDegLira, il 72% dei pazienti ha raggiunto un livello di HbA1c inferiore al 7% alla fine dello studio, rispetto al 47% dei pazienti nel gruppo trattato con insulina glargine (p˂0.001). Infine, il 39% dei pazienti trattati con IDegLira ha raggiunto livelli di HbA1c <7% senza ipoglicemie e aumento di peso rispetto al 12% riscontrato nel gruppo trattato con insulina glargine (p<0.001).“I risultati dimostrano che il trattamento con IDegLira è efficace nel migliorare sensibilmente il controllo metabolico dei pazienti che non raggiungono adeguati target glicemici con la terapia con insulina basale”, ha detto Agostino Consoli, professore ordinario di Endocrinologia della Università G. d’Annunzio di Chieti. “Non solo – ha aggiunto – nei pazienti che hanno utilizzato IDegLira i livelli medi di HbA1c sono scesi fino al 6,6%, ma questo ambizioso target è stato ottenuto senza aumento ponderale, anzi con continua perdita di peso, e con un numero di episodi di ipoglicemia inferiore rispetto ai pazienti che aumentavano il dosaggio di insulina glargine”.In particolare, IDegLira ha ridotto del 57% il tasso di ipoglicemia rispetto all’insulina glargine (2,23 episodi/paziente-anno rispetto a 5,05; p<0.001); in aggiunta è stata osservata una significativa differenza in termini di impatto sul peso corporeo, pari a 3,2 kg (p<0.001), derivante da una riduzione di 1,4 kg nel gruppo trattato con IDegLira ed un aumento di 1,8 kg in quello con insulina glargine. Inoltre, i pazienti trattati con IdegLira hanno richiesto meno insulina, terminando lo studio con l’impiego di 41 unità di insulina degludec (quale componente di IDegLira) rispetto alle 66 di insulina glargine (p<0.001)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Primo Premio Giornalistico “SID-Diabete Ricerca” 2016

Posted by fidest press agency su sabato, 7 Mag 2016

riminiRimini. Un poker di donne sul podio del 1° Premio giornalistico ‘SID-Diabete Ricerca’ istituito congiuntamente dall’Associazione Diabete Ricerca, dalla ‘Fondazione Diabete Ricerca’ e dalla ‘Società Italiana di Diabetologia’ con lo scopo di riconoscere e stimolare la corretta divulgazione scientifica di tematiche riguardanti il diabete mellito. Il Premio, consegnato nel corso del 26° Congresso nazionale SID a Rimini, vuole essere un omaggio allo stile e al modo di svolgere questa professione con competenza, rigore, sintesi, completezza di contenuti, chiarezza di linguaggio e capacità di divulgazione delle notizie.Il Premio 2016 è stato assegnato a quattro giornalisti:
– per la sezione ‘Carta stampata’ a Elena Meli del ‘Corriere della Sera’
– per la sezione ‘Web e servizi on line’ a Elvira Naselli de ‘La Repubblica’
– per la sezione ‘Agenzie di stampa’ a Paola Olgiati dell’Agenzia Adn Kronos
– per la sezione ‘Radio e televisioni’ a Manuela Lucchini della ‘Rai TG 1’
Il premio è stato assegnato da una giuria composta da 2 giornalisti – Maria Emilia Bonaccorso dell’Agenzia ANSA e da Luigi Ripamonti responsabile delle pagine ‘Salute’ del Corriere della Sera – e dai professori Enzo Bonora, Giorgio Sesti e Stefano Del Prato, membri dell’Ufficio di Presidenza della Società Italiana di Diabetologia. (by Andrea Sermonti)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

New research shows that Travel & Tourism can be a driver of peace

Posted by fidest press agency su sabato, 7 Mag 2016

india-travel-insuranceWith terror and security scares against tourists filling many headlines in the past few months, today the World Travel & Tourism Council (WTTC) is pleased to launch a new research report quantifying for the first time the links between tourism and peace.
While Travel & Tourism has often been recognised for its ability to drive peace, security and understanding, to date, there has been little empirical evidence to support this link.The report, Tourism as a Driver for Peace, conducted with the Institute of Economics and Peace (IEP), the world’s pre-eminent think tank measuring peace, shows how important an open and sustainable tourism sector can be for the levels of peace in a country.Countries with more open and sustainable tourism sectors* have higher levels of peace and lower levels of conflict and violence. Increases in tourism sustainability can lead to improvements in the functioning of governments. As governments respond to tourism demand and create a welcoming environment for further tourism expansion, this ultimately increases future peace, the report states.Over the last decade the world has become increasingly unequal in terms of its levels of peacefulness, with the most peaceful countries enjoying increasing levels of peace and prosperity, while the least peaceful countries are facing greater levels of violence and conflict. This research shows that the more sustainable and open a country’s tourism sector, the less peace levels have declined. Even in conflict-affected countries, all of which saw their levels of peace drop in the period between 2008 and 2015, those that had more open and sustainable tourism saw a significantly lower drop in peace than countries with less sustainable tourism sectors.David Scowsill, President and CEO of WTTC, said: “Travel & Tourism’s economic impact is now well established and widely recognised, and governments around the world are increasingly looking to the sector to provide livelihoods and jobs, and drive economic development. However, the benefits of tourism as a force for good, its ability to bring peace, security and understanding have been harder to quantify. I am delighted that this research now shows that Travel & Tourism does have a strong link to creating peaceful societies.In a world of increasing risk and security concerns, this research is compelling evidence of why governments should continue to focus on tourism development for the good of their people, and make policy decisions that balance the safety of their citizens with the continued facilitation of travel for business and leisure purposes.” Steve Killelea, Founder & Executive Chairman, IEP, said: “The data shows how tourism and peace can support each other and increase societal resilience, prosperity and peace in the long term. This also shows how the tourism sector is one of the key areas in which the private sector can play a positive and tangible role in contributing to global peace.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The movie you will never see

Posted by fidest press agency su sabato, 7 Mag 2016

Billboard LOUISXIII 100 YEARS

Billboard LOUISXIII 100 YEARS

“100 Years – The Movie You Will Never See” is an original film, starring actor John Malkovich and directed by Robert Rodriguez, which envisions Earth one hundred years from now and will not be released until 2115. It was inspired by the century of careful craftsmanship and patience it takes to create each decanter of LOUIS XIII Cognac – an intricate alchemy of up to 1 200 eaux-de-vie, the youngest of which is at least 40 years old. To ensure that ‘100 Years’ remains secure until its official premiere on November 18, 2115, the movie is held in a special safe that will open automatically in 100 years when the timing is complete. “100 Years starring John Malkovich is clearly an innovative cinematographic project. I hope that our descendants will consider the movie ‘100 Years’ for the Palme d’Or at Cannes Film Festival in 2116,” said Thierry Frémaux, general delegate of Cannes Film Festival.
The safe in which the one and only copy of the film “100 Years” is in, has been created in partnership with the world leading manufacturer of safes & vaults : Fichet-Bauche established in 1825 in France – a brand of the Gunnebo security group. “We wanted a safe box that can be opened like never before: with nothing else but time. Once the door is shut, the countdown begins and there is no way of opening it until the one hundred year countdown is complete on November 18, 2115. Since the system that could guarantee we hold our promise didn’t exist, we invented it,” says Ludovic du Plessis, LOUIS XIII Executive Global Director. After its travels from L.A to Tokyo through Hong-Kong, London, New York before coming back to LOUIS XIII cellars in Cognac, for a century, LOUIS XIII is glad to showcase the safe in its natural setting during Cannes Film Festival, in The LOUIS XIII SUITE, at Hôtel Le Majestic Barrière Cannes. (photo: 100-YEARS)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Expert comment on Alibaba’s fourth quarter results

Posted by fidest press agency su sabato, 7 Mag 2016

shanghai-chinaQing Wang, of Warwick Business School, is a Professor of Marketing and Innovation, and is Director of the Marketing, Innovation and the Chinese Economy (MICE) Group.Professor Qing Wang said: “Alibaba’s rapid sale growth is still largely from China. For this fiscal year, only about 10 per cent of the total sales of £101bn are generated from outside China. The sales growth rate in China is about 35 per cent, while outside China it is roughly 20 per cent. “This indicates that Chinese consumption is still growing despite the decline in GDP growth. This is largely due to an explosive growth of the Chinese upper middle class. According to a McKinsey report on China, consumers with household incomes in the 106,000 to 229,000 renminbi (£10,000 to £23,000) range are upper middle class and those with household incomes from 60,000 to 106,000 (£6,000 to £10,000) renminbi are mass middle class. “In 2012, the upper middle class segment accounted for just 14 per cent of urban households. It is estimated that by 2022, the upper middle class will account for 54 per cent of urban households. The mass middle class will dwindle to 22 per cent of urban households.
“In the meantime, the evolution of the middle class poses a threat to Alibaba’s current business model, which is based on cost advantage rather than quality and brands. The rise of the upper middle class means that these sophisticated and seasoned shoppers are able and willing to pay a premium for quality and to consider discretionary goods, not just basic necessities.”These shoppers will soon emerge as the dominant force and they are highly educated, highly mobile and globally minded. Alibaba needs to transform its business model to meet this growing segment and innovation and branding are the key for its long term success.”Alibaba has been working on innovative ideas and on diversifying the company’s businesses to include high-tech services such as cloud computing, big data platforms and music. But most importantly, it needs to expand business overseas to reduce its reliance on the Chinese market.”

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Simply Italian Great Wines Germany Tour

Posted by fidest press agency su sabato, 7 Mag 2016

Giancarlo Voglino e Marina Nedic9 e 10 maggio a Berlino e Francoforte una delegazione di aziende vinicole italiane sarà rispettivamente a Berlino e, per la prima volta, a Francoforte per presentare la propria produzione agli operatori del settore: buyer, distributori, retailer, ristoratori, stampa, opinion leader e importatori saranno coinvolti nel ricco programma di seminari, degustazioni guidate, incontri B2B e walkaround tasting alla scoperta dell’eccellenza enoica del nostro paese. Alle due tappe saranno inoltre presenti Federdoc e IVSI-Istituto Valorizzazione Salumi Italiani che, nell’ambito della campagna di promozione di vini e salumi a denominazione d’origine “Top of the Dop”, organizzeranno la degustazione “SalumiAmo con Bacco”, l’ormai tradizionale appuntamento all’interno di Simply Italian Great Wines per sensibilizzare il pubblico sul tema dei salumi DOP e IGP.“Pur mantenendo la leadership, da qualche anno in Germania il prodotto italiano sta riscontrando delle difficoltà, sia per la crisi economica sia per una percezione troppo tradizionale che in questo mercato hanno del nostro vino” – dichiara Marina Nedic, managing director di IEM – “E’ quindi più che mai necessaria un’assidua attività di promozione e formazione tra gli operatori specializzati per far conoscere non solo le grandi denominazioni di prestigio, ma anche le numerose tipologie di vini di cui è ricco il nostro territorio”.
La Germania, con oltre 82 milioni di abitati, rappresenta il secondo mercato in valore per i vini italiani dopo gli USA, mentre è nettamente al primo posto per quanto riguarda i volumi (29,1%). Secondo i dati provvisori del Gta, Global Trade Atlas (Eurostat), invece, nel 2015 ben il 35,9% del valore delle importazioni tedesche di vino è da imputare ai prodotti italiani, confermando il primato nonostante un calo del -2,4%. Un export che ha fruttato alle nostre imprese l’importante cifra di 888 milioni di euro. Se si guarda al dettaglio per tipologia, il 77% del prodotto italiano esportato in Germania riguarda vino in bottiglia (+12,1% nel quinquennio 2011-2015) contro il 14,7% dello sfuso; in crescita anche gli spumanti che lo scorso anno hanno raggiunto quota 8% (+4,6% rispetto al 2014).“Il mercato tedesco è piuttosto aggressivo sul fronte dei prezzi, lo dimostrano i numerosi discount presenti in tutto il paese che restano i punti di acquisto preferiti per il miglior rapporto qualità/prezzo. Fortunatamente questo trend sta cambiando a favore di una percentuale crescente di consumatori disposta a pagare un prezzo più alto per un vino di maggiore qualità. Proprio in tale segmento, quello della ristorazione ed ho.re.ca. in particolare, le aziende italiane sono chiamate a coltivare la qualità delle loro produzioni e il proprio marchio, per contrastare la concorrenza agguerrita di altri paesi e della Germania stessa che presenta vini di qualità, soprattutto fra i bianchi” spiega Marina Nedic. Oltre ai tasting e alle degustazioni, all’interno del programma di Simply Italian Great Wines Germany Tour saranno previsti tre seminari: uno tenuto dal Presidente di Federdoc Riccardo Ricci Curbastro sul Sistema di Denominazione del Vino in Italia, con focus sulla Franciacorta; uno dedicato ai vini del Veneto e un terzo che parlerà dei vini Frascati, entrambi condotti dal giornalista tedesco esperto di vino italiano Jens Priewe a Berlino e dalla Master of Wine Romana Echensperger a Francoforte. Saranno infine organizzati specifici incontri B2B con gli importatori provenienti dalla Danimarca (a Berlino) e dalla Polonia (a Francoforte). (foto: Giancarlo Voglino e Marina Nedic)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Riforme: Ripensare peso Stato in economia

Posted by fidest press agency su sabato, 7 Mag 2016

palazzo chigi“Quale ruolo per lo stato?” Le riforme del Governo Renzi avrebbero prima di tutto dovuto ripensare il ruolo dello stato e i suoi meccanismi organizzativi e di funzionamento, cioè il peso dello stato nell’economia e il suo rapporto con i cittadini che non sono sudditi. Così non è successo, per ora, la riforma del Senato non centra nulla con questo”, così Pietro Paganini, Direttore della Fondazione Luigi Einaudi di Roma e Prof. alla John Cabot University intervenendo al convegno Contro Tutti gli Statalismi organizzato dall’On. Raffaele Fitto e dall’On. Daniele Capezzone. Per Paganini “non abbiamo mai costruito uno stato Liberale sul modello delle grandi democrazie. Senza questa macro riforma il paese non potrà mai modernizzarsi ma dovrà sempre inseguire.”. Non sono le tasse la prima ragione per cui non si investe in Italia. Al contrario, è la burocrazia e quindi il funzionamento dello stato la prima ragione. La prima vera riforma è quella della burocrazia. Paganini ha proposto “l’istituzione di free zone, cioè di aree giuridicamente indipendenti da un punto di vista legale, economico, amministrativo e politico, sul modello delle regioni più competitive al mondo. Con le free zone si azzera la burocrazia e si torna competitivi, attirando imprese e innovatori”. Il Direttore Scientifico della Fondazione Luigi Einaudi, Lorenzo Castellani, intervenendo al medesimo convegno ha invece dichiarato: “Quattro idee liberali per l’Italia: riduzione del debito pubblico con congelamento della spesa pubblica, privatizzazioni, raggiungimento del pareggio di bilancio; tassazione agevolata per giovani con aliquota ridotta in base al numero degli anni lavorati; abolizione della contribuzione obbligatoria INPS a partire dai nati dopo il 1980 con progressiva privatizzazione del sistema pensionistico; equiparazione delle norme tra impiego pubblico e privato.”

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Come riconoscere le disfunzioni della tiroide?

Posted by fidest press agency su sabato, 7 Mag 2016

cerifosMilano giovedì 12 Maggio alle 18, presso il Centro di Ricerca e Formazione Scientifica, Cerifos, di Milano, in via Paisiello 24 si terrà la conferenza scientifica “Le disfunzioni della tiroide: quando i sintomi non sono univoci”. Pelle secca, umore a terra, problemi mestruali e di fertilità, spossatezza: i disturbi legati a un malfunzionamento della tiroide sono subdoli in quanto lanciano scarsi campanelli di allarme. Di fronte a problemi di peso o disturbi come ansia, depressione, caduta dei capelli, perdita di memoria, infatti, difficilmente si pensa alla tiroide. Ecco perché oggi nel nostro Paese le patologie tiroidee colpiscono circa 6 milioni di persone, ma oltre il 50% di questi non è consapevole della propria condizione patologica.
Puntare sulla prevenzione è dunque l’arma più efficace per scovarli e gestirli per tempo, specialmente se si tratta di donne in età fertile o in corso di gravidanza, periodo durante il quale una corretta funzione tiroidea è importantissima visto che anche un difetto lieve può creare problemi alla salute della mamma e del nascituro.
Durante l’incontro informativo, ad ingresso libero, il dottor Samorindo Peci, endocrinologo e direttore scientifico del Centro di Ricerca milanese, scioglierà tutti i dubbi ai partecipanti sulle disfunzioni della tiroide e spiegherà, con parole semplici e un linguaggio chiaro, alla portata di tutti, come distinguere disturbi riconducibili ad altro, da una malattia della tiroide.
La conferenza, infatti, fa parte del ciclo di incontri “Dal disturbo alla malattia – dal rimedio naturale al farmaco di sintesi”, organizzati dal Centro di Ricerca per insegnare a fare vera prevenzione, riuscire a distinguere il disturbo dalla malattia e capire quando è sufficiente ricorrere ad un sostegno naturale e quando invece occorre rivolgersi al medico per una terapia farmacologica.
Il ciclo di conferenze gratuite “Dal disturbo alla malattia – dal rimedio naturale al farmaco di sintesi” si concluderà il 15 Dicembre e tratterà man mano diversi argomenti: i rischi del sovrappeso per la salute, quando deve preoccupare la perdita di memoria, infertilità e diabete. (foto: cerifos)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Italia per le Imprese, con le PMI verso i mercati esteri”

Posted by fidest press agency su sabato, 7 Mag 2016

trevisoTreviso 11 maggio 2016 ore 9 si svolgerà la 6°tappa del 2016 del Roadshow “Italia per le Imprese, con le PMI verso i mercati esteri”, 33^ della serie. Treviso, città inserita in un territorio famoso per le sue eccellenze si contraddistingue per dinamicità e organizzazione economica-produttiva che le permette di organizzare e gestire al meglio un ambiente favorevole a cooperazione e sinergie. Importante sottolineare come sia fondamentale per il rilancio dell’economia nazionale saper individuare per ogni territorio le eccellenze produttive, che se ben seguite ed assistite, potranno avere successo e farsi apprezzare sui mercati internazionali, con vantaggio per l’intero sistema Paese. L’internazionalizzazione permette non soltanto di accedere a mercati molto più vasti, ma anche di approvvigionarsi di fattori produttivi a condizioni migliori e di aderire a reti informative e collaborative più lunghe, ottenendo anche per questa via ulteriori vantaggi di scala e di sinergia. Alcune aziende dell’area trevigiana, che hanno avuto modo di beneficiare dei servizi di assistenza e consulenza offerti dal sistema Paese, realizzando positivi percorsi di internazionalizzazione, hanno voluto raccontare la loro esperienza di crescita e di sviluppo sui mercati globali.
Stefania Padoan – Presidente Padoan S.r.l. azienda nata nel 1937 e specializzata nella costruzione di Serbatoi olio e gasolio per veicoli industriali. Gli ultimi 15 anni – afferma Padoan – “sono stati molto significativi per lo sviluppo e l’internazionalizzazione della nostra impresa che è passata velocemente da una dimensione artigianale a quella industriale utilizzando le tecnologie più all’avanguardia; 15 anni importanti in cui abbiamo iniziato a strutturare l’azienda per poter affrontare il processo di internazionalizzazione, che ci ha permesso di espandere la rete commerciale e distributiva in tutta Europa e nel mondo.”
Continua: “ Nel 2010 abbiamo costituito due società commerciali, la Padoan Sud America, a cui si è aggiunta la Padoan Deutschland, e poi nel 2013 è nata la Padoan Swiss. Il nostro prodotto viene distribuito in più di 30 paesi nel mondo”.
Un’altra testimonianza di successo e internazionalizzazione ci arriva da Katia Da Ros – Vice Presidente Irinox S.p.A che dichiara: “la nostra azienda, ha una vocazione all’export da sempre. Irinox è una leader nella produzione di abbattitori rapidi di temperatura e di sistemi di conservazione per il settore professionale e domestico e di quadri elettrici in acciaio inox e ha installato oltre 45.000 impianti in tutto il mondo. Nel nostro processo di internazionalizzazione ci sono stati di grande aiuto la molteplicità dei servizi che UNINDUSTRIA Treviso mette a disposizione dei suoi associati, dagli incontri di presentazione Paese ai servizi più tecnici ed operativi.Il Roadshow “Italia per le Imprese, con le PMI verso i mercati esteri” è patrocinato dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ed è promosso e sostenuto dal Ministero dello Sviluppo Economico. Oltre all’ICE-Agenzia, a SACE e a SIMEST, l’evento si avvale della collaborazione di Confindustria, Unioncamere e di Rete Imprese Italia.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Riforma della governance degli investimenti diretti esteri

Posted by fidest press agency su sabato, 7 Mag 2016

AbbVieCampoverde di Aprilia. “Stiamo lavorando per migliorare l’attrattività del Paese, tramite la riforma della governance degli investimenti diretti esteri e con azioni come, per esempio, la nuova legislazione sul lavoro, dove il Jobs Act mira a garantire maggiore flessibilità nel mercato, il miglioramento dei tempi della giustizia, con “tribunali dedicati” alle controversie che coinvolgono gli investitori stranieri e nuove misure fiscali come il super-ammortamento – credito d’imposta del 140% per gli investimenti in macchinari, affidando all’ICE i compiti operativi per l’assistenza alle imprese.” È quanto ha osservato il Sottosegretario allo Sviluppo Economico, Ivan Scalfarotto intervenendo all’incontro “Eccellenza produttiva e sviluppo industriale. Le sfide per la crescita dei territori”, organizzato dall’azienda biofarmaceutica AbbVie, a cui ha partecipato anche il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, in occasione della visita al sito produttivo di Campoverde di Aprilia (LT).
Il 2016 si è aperto all’insegna di un marcato rallentamento dell’economia globale. Pare dunque prioritario rafforzare le azioni di stimolo alla domanda interna e alla produttività attraverso interventi diretti all’innovazione, internazionalizzazione e attrazione degli investimenti esteri, così da porre le basi per una crescita duratura, capace di incrementare competitività, redditi e consumi. Il dibattito odierno offre l’occasione di un confronto a tutto campo su politiche nazionali e regionali di stimolo all’economia partendo dal contributo significativo che può venire da una realtà industriale di eccellenza che opera in un comparto estremamente dinamico, il farmaceutico, capace di dare un apporto decisivo alla ripresa mettendo a segno ottimi risultati. Secondo per produzione in Europa, con una forte componente di nuovi farmaci, si tratta del comparto che ha mostrato la maggiore crescita nel periodo 2010-15, trainato da un export che supera il 70% del fatturato. Secondo gli ultimi dati Farmindustria, nel 2015 rispetto all’anno precedente si evidenzia un incremento per la produzione del 5%, per l’occupazione dell’1%, e per l’export del 4%.
AbbVie1I farmaci contribuiscono quindi alla salute del Paese, ma anche a quella delle sue finanze e dell’economia. Basti considerare ad esempio le ricadute dirette e in termini di indotto.“Investire in Italia ed esportare nel mondo” esordisce con queste parole nel suo intervento l’amministratore delegato di Abbvie Italia, Fabrizio Greco, per sintetizzare l’impegno dell’azienda biofarmaceutica globale e sottolinea “Secondo le ultime elaborazioni Farmindustria nel 2015 il contributo diretto di AbbVie e del suo indotto in Italia raggiunge i 560 milioni di euro, complessivamente in termini di investimenti, stipendi, imposte dirette e Iva. Un dato che mostra quanto sia importante assicurare condizioni favorevoli per l’attrazione degli investimenti. Il mantenimento di queste condizioni di successo è fortemente legato alla necessità di creare un contesto favorevole all’innovazione, elemento caratterizzante l’industria farmaceutica in generale ed AbbVie in particolare”. Conclude quindi Fabrizio Greco. “È necessario poter contare su regole certe, omogenee e stabili nel tempo in tutto il Paese, regole che sostengano l’innovazione e favoriscano lo sviluppo e l’accesso ai nuovi farmaci per rispondere alle esigenze di cura dei pazienti affetti da patologie gravi. Questo è possibile solo con il contributo di tutti i decisori istituzionali coinvolti al fine di realizzare una programmazione efficace, al passo con le trasformazioni in atto, in grado di rispondere alle sfide presenti e future”.
L’industria farmaceutica in Italia è costituita per il 40% da imprese italiane e per il 60% da aziende globali a capitale estero. Tra le imprese a capitale straniero, il comparto è il 1° settore manifatturiero per investimenti ed export (Farmindustria su dati Istat). Settore chiave, dunque, in termini di attrazione degli investimenti esteri e di sviluppo dell’export. AbbVie è un caso emblematico nell’industria farmaceutica in Italia, dove detiene il secondo posto tra le imprese straniere per vendite estere e il quarto per addetti in ricerca e produzione (dati 2014 elaborati di recente dal Centro Studi Farmindustria).
Di recente AbbVie ha annunciato un investimento di 60 milioni di dollari per lo stabilimento di Campoverde entro il 2017. Determinante nella scelta è stato l’apprezzamento per gli alti livelli qualitativi del polo produttivo italiano. “Per un settore internazionalizzato come la farmaceutica, la crescita dipende dalla capacità di essere competitivi”sottolinea Francesco Tatangelo, direttore dello stabilimento AbbVie. E aggiunge “Un dato per tutti: negli ultimi tre anni AbbVie Italia ha incrementato le proprie vendite all’estero di più del 25%, oltre 4 volte il risultato medio dell’industria manifatturiera nazionale (elaborazioni Farmindustria). Proprio grazie agli elevati standard raggiunti, siamo riusciti infatti a portare in Italia produzioni importanti destinate a tutto il mondo, come uno dei principi attivi che compongono il trattamento innovativo di AbbVie per l’Epatite C. E ora per questa nuova linea di assemblaggio e confezionamento siamo stati in grado di convogliare nel nostro paese circa un quarto dell’investimento globale destinato da AbbVie allo sviluppo dei propri siti produttivi nel mondo”. Presente in Italia dal 1963 lo stabililmento di Campoverde presenta peraltro, grazie ai costanti investimenti, anche elevati standard in termini di efficienza energetica e riduzione dell’impatto ambientale. L’azienda in Italia opera in uno dei cluster farmaceutici più dinamici, quello laziale, il primo per esportazione. Tra l’altro a primeggiare quanto a export è proprio il distretto di Latina, seguito da quello di Frosinone. (foto: AbbVie)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola di Umanizzazione in Oncologia in Europa

Posted by fidest press agency su sabato, 7 Mag 2016

Humanitas Centro Catanese di Oncologia

Humanitas Centro Catanese di Oncologia

Si chiama AIOM-HuCare ed è la prima Scuola di Umanizzazione in Oncologia in Europa, resa possibile grazie ad una erogazione liberale di MSD Italia. Sono coinvolti in questo progetto 43 reparti distribuiti su tutto il territorio nazionale con l’obiettivo di individuare e ridurre del 75% i casi di ansia e depressione. Questi disturbi interessano in maniera grave almeno il 35% dei pazienti oncologici, ma oggi solo un terzo dei casi è diagnosticato e curato. La Scuola è presentata oggi in un convegno nazionale a Milano al Palazzo delle Stelline, dove ha sede. “Vogliamo cambiare il modo di lavorare nei reparti e formare i medici e gli infermieri perché acquisiscano le competenze e le capacità per una efficace comunicazione con i pazienti e i familiari – afferma il prof. Rodolfo Passalacqua, responsabile scientifico di HuCare e direttore dell’Oncologia di Cremona -. L’obiettivo è applicare interventi psico-sociali uniformi ed efficaci a tutti i malati nelle Oncologie del nostro Paese, a partire dal modo in cui i pazienti vengono accolti, allo screening per diagnosticare il livello di sofferenza psichica da indicare nella cartella clinica, alla presenza di uno psicologo in corsia a cui vengono indirizzati i malati colpiti da disagio psichico grave”. Il primo Progetto HuCare-1, iniziato nel 2008 e concluso nel 2011, ha coinvolto 28 centri e ha dimostrato la realizzabilità di una strategia di implementazione, introducendo nella pratica sei interventi psicosociali raccomandati nelle linee guida internazionali. “Grazie a questa strategia – continua il prof. Passalacqua -, è stato possibile modificare l’assistenza fornita nei 28 centri: oltre il 75% dei pazienti ha ricevuto le misure previste e il livello di ansia e depressione è diminuito del 75%, passando dal 35% dei casi a meno del 20%. La Scuola utilizzerà la HuCare Quality Improvement Strategy (HQIS), che abbiamo ideato e sperimentato e che prevede sei interventi: la formazione di tutto lo staff clinico per migliorare le capacità comunicative e relazionali; lo screening dei pazienti per misurare l’ansia e la depressione; lo screening dei bisogni sociali; l’assegnazione di un infermiere di riferimento a ogni paziente; l’utilizzo di una lista di domande per tutti i malati per favorire la comunicazione con il medico; un percorso strutturato per fornire a malati e care-giver informazioni in modo corretto. Inoltre nella scuola faremo corsi di consolidamento di un giorno destinati alle strutture coinvolte nel primo Progetto HuCare-1, per verificare l’applicazione nel tempo degli strumenti già acquisiti. E partirà quest’anno uno studio, HuCare-2, su altri 15 reparti. Tutto il personale parteciperà alle lezioni, della durata di 3 giorni per i medici e di 2 giornate e mezzo per gli infermieri”. Il numero di partecipanti a ciascun corso sarà limitato per ottimizzare il lavoro di formazione: 20 negli eventi per i clinici e 30 in quelli per gli infermieri. Con questo secondo progetto sarà misurata non solo l’applicazione degli interventi ma anche la qualità di vita dei malati, scopo principale di tutte le cure. “L’AIOM – spiega il Presidente nazionale, prof. Carmine Pinto – è la prima società scientifica in Europa a creare una scuola di umanizzazione. In Italia, negli ultimi quarant’anni il numero di nuovi casi di tumore è aumentato, passando da 149mila nel 1970, a 234mila nel 2000, a 360mila nel 2011, fino a 363mila nel 2015. Molto spesso queste persone presentano disturbi d’ansia e depressivi che interferiscono in maniera significativa con l’adesione alle cure e con la qualità della vita. Ma solo un terzo dei pazienti con quadri di disagio psichico grave viene riconosciuto, è quindi frequente la sottovalutazione dei casi di sofferenza psicologica che dovrebbero invece essere degni di attenzione clinica. In realtà ansia e depressione vanno rilevate subito, come avviene per i parametri vitali, al pari di temperatura corporea, frequenza cardiaca e respiratoria, pressione arteriosa e dolore”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pedofilia: E’ allarme sociale

Posted by fidest press agency su sabato, 7 Mag 2016

Maria Teresa Bellucci«Quello della pedofilia è un allarme sociale che nel nostro Paese vede coinvolti 5300 minori, il 60% dei quali sono bambine. Le vittime di pornografia minorile sono in preoccupante e costante aumento: in dieci anni, dal 2004 al 2014, sono aumentate del 569,4%. Le Istituzioni e la Giustizia italiane devono essere intransigenti nel punire i colpevoli di tali reati, applicando la Convenzione di Lanzarote contro l’abuso e lo sfruttamento minorile e la Convenzione di Istanbul contro la violenza sulle donne.L’impegno del Modavi Onlus è da sempre caratterizzato da una particolare attenzione alla tutela dell’infanzia, sia in Italia che all’estero. In Argentina siamo presenti con il Comedor Campana de Palo, un centro che accoglie famiglie e bambini della disagiata provincia di Buenos Aires. In Terra Santa sosteniamo l’Istituto Effetà Paolo VI di Betlemme, sorto per desiderio di Papa Montini. Mentre in Kenya, grazie alle nostre raccolte fondi, è stato possibile ristrutturare una casa famiglia per i bambini nel Meru.
In Italia, quest’anno, consapevoli del dramma della diffusione dell’abuso e del maltrattamento sia psicologico che fisico, il Modavi ha destinato la Campagna Nazionale alla prevenzione e al contrasto della violenza, attraverso il Progetto “Faro”, che vede il coinvolgimento di 16 Regioni, 20 Province, 20 Istituti Scolastici e 21 associazioni impegnate sul territorio, in collaborazione con gli Enti locali di riferimento. Perché siamo fermamente convinti che difendere la vittima sia un dovere di tutti». Lo dichiara Maria Teresa Bellucci, Presidente Nazionale del MODAVI Onlus, in occasione della Giornata Nazionale contro la pedofilia. (foto: Maria Teresa Bellucci)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Klopman International conferma: Obiettivi strategici raggiunti

Posted by fidest press agency su sabato, 7 Mag 2016

KlopmanFrosinone. Klopman International, azienda produttrice di tessuti tecnici per gli abiti da lavoro nei comparti Protectivewear, Corporatewear e Workwear, rende noti i risultati 2015 che confermano il successo del piano di sviluppo avviato dal 2014 dal CEO Alfonso Marra mirato sia all’innovazione tecnologica che a rafforzare il marketing e la comunicazione aziendale per consolidare il prestigio del marchio storico.
A fine 2015, Klopman International registra un’ottimale tenuta del fatturato a 120 milioni con il 95% realizzati all’estero e una significativa crescita delle vendite dei tessuti ad alta innovazione e ad alta marginalità.Gli Stati dove Klopman esporta sono 62, con crescite importanti in Paesi lontani come l’Oceania, in particolare in Nuova Zelanda, dove le vendite nell’ultimo anno di esercizio sono arrivate ad un +30%. Nuovi business sempre nel 2015 sono stati avviati in Estonia, Laos, Tunisia e Singapore.

Klopman1

Il piano di sviluppo aziendale ha visto l’introduzione di nuove figure manageriali e in parallelo è stato avviato un importante progetto di formazione per l’allineamento culturale in azienda. È stato poi finalizzato un importante piano di marketing iniziato lo scorso anno con l’opera di restyling del sito industriale di Frosinone dove è stata creata una location esclusiva di design per il ricevimento degli ospiti e per le attività di tipo congressuale. La partecipazione alle maggiori fiere internazionali, progetti a sostegno dei nuovi talenti come quello sviluppato con l’Accademia Italiana di Arte-Moda-Design, il rinnovato impegno nella Corporate Social Responsibility, valore fondante del brand, l’implementazione di una nuova e strutturata digital strategy, il rinnovo dell’immagine coordinata dell’azienda sono solo alcune delle attività che hanno visto e che vedranno l’azienda impegnata dal punto di vista della comunicazione nei prossimi mesi. Klopman ha Dirigenza, Ricerca & Sviluppo e principale sito produttivo a Frosinone dove operano circa 400 dipendenti, oltre a uno stabilimento a Giacarta (Indonesia) con sede commerciale a Bangkok (Thailandia) a servizio del mercato del sudest asiatico. Altre branch commerciali sono a Dusseldorf, Lione, Mosca, Borås (Svezia), Dubai.
Complessivamente Klopman in Italia fabbrica 40 milioni di metri di tessuto, in oltre 100 stili e tipologie di tinta differenti, studiati anche ad hoc per singolo cliente. Tecnologie avanzate e un controllo dei processi centralizzato, che monitora e corregge simultaneamente 3800 punti macchina, sono solo alcuni degli skill che fanno della realtà frusinate un modello industriale e dei tessuti i più resistenti all’usura, al restringimento e alle alterazioni di colore. (foto: Klopman)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Quattordici scuole superiori friulane progettano il futuro e l’impresa

Posted by fidest press agency su sabato, 7 Mag 2016

udineUdine lunedì 9, alle 15, nella Sala Valduga della Camera di Commercio di Udine, in un incontro con il presidente della Camera di Commercio Giovanni Da Pozzo, l’assessore regionale Loredana Panariti, il project manager di FFF Renato Quaglia, il direttore di Friuli Innovazione Fabio Feruglio e i rappresentanti del Comune di Udine, partner della Cciaa nel percorso “Agenda del Futuro – Udine 2024” di Fff. Gli studenti si sono impegnati a realizzare riflessioni sul futuro della scuola e della comunità in cui vivono, innovazioni tecnologiche, progetti d’impresa in vari settori merceologici, dal turismo all’agroalimentare alle energie pulite. Quest’anno si è aggiunta sin dall’inizio la partnership di Friuli Innovazione, il cui ingresso nel programma per le scuole della Cciaa ha determinato una stretta collaborazione del progetto con Impresa in azione di Junior Achievement, il contest nazionale da molti anni coordinato in regione dal centro d’innovazione udinese. Proprio per Junior Achievement nelle prossime settimane, a Udine, approderanno nuovamente, con dimostrazioni pratiche, i progetti che lunedì saranno illustrati in Cciaa da studenti e insegnanti. La sinergia tra Friuli Future Forum e di Friuli Innovazione ha permesso di offrire nuovi strumenti, anche da ricomprendere nelle azioni di alternanza “scuola-lavoro”. Le scuole aderenti sono: Isis della Bassa friulana (Cervignano), Convitto nazionale Paolo Diacono (Cividale), Isis D’Aronco (Gemona), Isis Manzini (San Daniele), Isis Mattei (Latisana), Isis Linussio (Tolmezzo), Educandato statale Collegio Uccellis (Udine, capofila), Isis Stringher (Udine), Isis Percoto (Udine), Istituto professionale Ceconi (Udine), Istituto tecnico Marinoni (Udine) Istituto tecnico Zanon (Udine), Liceo scientifico Marinelli (Udine), Liceo scientifico Copernico (Udine).

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Flessibilità in uscita e opportunità del welfare”

Posted by fidest press agency su sabato, 7 Mag 2016

pensionatiNapoli 12 maggio alle 9.30 in Piazza del Plebiscito, Sala Ponente Sui temi attualissimi della flessibilità per andare in pensione e delle nuove opportunità per il welfare si terrà il 12 maggio prossimo a Napoli, nell’ambito della Giornata Nazionale della Previdenza, un seminario organizzato dal Consiglio Nazionale e dall’Ordine degli Attuari.“La flessibilità in uscita e le opportunità del welfare: l’analisi degli Attuari”: questo il titolo del seminario, curato dalle commissioni Pensioni e Fondi Sanitari dell’Ordine degli Attuari, la categoria professionale alla cui competenza tecnica vengono affidati dagli Enti pubblici e privati i calcoli pensionistici e le proiezioni sul funzionamento e la sostenibilità nel tempo dei sistemi previdenziali e assistenziali. Introdotte dal presidente del Consiglio Nazionale degli Attuari Giampaolo Crenca, sono in programma le relazioni di Alessandra Morgante, “La flessibilità in uscita tra riduzioni eque e opzione contributiva”, Ivan Abbruzzo, “Long term care: riflessioni e prospettive nei mercati internazionali”, e Giampaolo Crenca, “Una possibile soluzione di copertura del gap previdenziale”. Le conclusioni saranno affidate a Fausto Belliscioni, Presidente dell’Ordine Nazionale degli Attuari.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nasce HDC Cloud Services: videoconferenze su misura per piccole e medie imprese

Posted by fidest press agency su sabato, 7 Mag 2016

hdc-cloud-servicesFornire audio e video conferenze su misura per piccole e medie imprese ad alto valore aggiunto. Nasce con quest’obiettivo HDC Cloud Services, nuova realtà del mercato italiano del conferencing fondata da un gruppo di manager provenienti da aziende leader nel settore della videoconferenza e delle conference call professionali.Grazie al cloud e alle offerte pay-per-use, i servizi di videoconferenza professionali non sono più un’esclusiva delle grandi aziende, ma sono accessibili e convenienti anche per liberi professionisti e imprese di piccole dimensioni. E’ la filosofia che ispira HDC, che intende offrire servizi low cost, garantendo massima flessibilità di utilizzo e qualità professionale. “Il cloud è un modello di servizio molto vantaggioso per le PMI e i professionisti, in quanto permette di pagare solo quello che viene effettivamente utilizzato, in base alle funzionalità richieste e al numero degli utenti da abilitare”, spiega Emo Maracchia, Direttore Marketing di HDC. “Il cloud consente inoltre grandi risparmi rispetto all’acquisto di infrastrutture da gestire in proprio e permette l’accesso ai servizi sempre e ovunque, poiché sono disponibili su internet 24 ore su 24”. La teleconferenza è ormai uno strumento indispensabile per le aziende che vogliono competere sui mercati nazionali e internazionali tagliando hdc-cloud-services1al contempo i costi e aumentando la produttività. Si può svolgere in collegamento audio, video o via web, permettendo alle aziende e ai professionisti di risparmiare tempo e denaro per incontri d’affari, meeting di lavoro e qualsiasi altra attività che obbliga le persone a spostarsi per partecipare a riunioni lontano dal proprio ufficio. “Una videoconferenza o una conference call si possono organizzare in pochi secondi – il tempo di inviare una mail alle persone da incontrare – e si possono svolgere in qualsiasi luogo e con qualsiasi dispositivo collegato a internet o alla rete telefonica. Non dovendo utilizzare mezzi di trasporto, si risparmiano le spese di viaggio, si elimina il tempo improduttivo e si evita lo stress del traffico nelle grandi città”, conclude Maracchia. HDC esordisce sul mercato proponendo una formula di”acquisto garantito” per i propri servizi di videoconferenza offerti in abbonamento annuale: il cliente ha a disposizione 30 giorni per recedere dall’acquisto se non si ritiene soddisfatto dal servizio. Per farlo è sufficiente inviare una semplice mail di disdetta e non dovrà pagare nulla. Un’offerta ideata per avvicinare alla videoconferenza professionale anche le aziende più piccole e i liberi professionisti: studi legali, mediatori, consulenti, ecc. Con 30 giorni a disposizione, il cliente ha tempo per provare il servizio di videoconferenza in tutte le situazioni possibili: dall’ufficio, da casa, nei locali con WiFi e all’aperto ovunque ci sia connettività internet 3G o 4G. E’ infatti possibile collegarsi in videoconferenza, oltre che da un personal computer o da un sistema da sala, anche da un tablet o uno smartphone grazie alle app gratuite disponibili per i dispositivi mobili con sistema operativo iOS (iPad e iPhone) oppure Android. (foto: hdc-cloud-services)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vendita diretta in Italia

Posted by fidest press agency su sabato, 7 Mag 2016

Vorwerk Folletto«Dopo sei anni di attività di Univendita, i dati nazionali del settore dimostrano la bontà del progetto di un’associazione di categoria che riunisce le aziende di eccellenza della vendita diretta a domicilio –commenta il presidente Ciro Sinatra–. Dal 2010 il fatturato delle aziende associate è, infatti, passato da 823 milioni di euro a 1 miliardo 602 milioni del 2015 e il numero delle aziende associate dalle sette fondatrici (Tupperware Italia, Vorwerk Folletto, Just Italia, Vorwerk Contempora, Cartorange, Jafra Cosmetics e Dalmesse Italia) alle sedici attuali. Nel cammino abbiamo aggregato alcune delle principali realtà della vendita diretta a domicilio nazionali e multinazionali (quali bofrost*, AMC, Witt e Avon), tanto che oggi possiamo dirci a ragione la più importante associazione del settore in Italia. Le vendite, che sono sempre state in crescita durante anni segnati da una pesante crisi dei consumi, e la capacità attrattiva verso le imprese del settore testimoniano la lungimiranza di un progetto che ha portato valore economico perché fondato su una proposta di valore: per noi la vendita a domicilio deve essere etica e sostenibile, ossia portare vantaggi a tutte e tre le parti coinvolte, il consumatore, il venditore e l’azienda».
Univendita (www.univendita.it) Qualità, innovazione, servizio al cliente, elevati standard etici. Sono queste le parole d’ordine di Univendita, la maggiore associazione del settore che riunisce l’eccellenza della vendita diretta a domicilio. All’associazione aderiscono 16aziende: AMC Italia, Avon Cosmetics, bofrost* Italia, CartOrange, Conte Ottavio Piccolomini d’Aragona, Dalmesse Italia, Fi.Ma.Stars, Jafra Cosmetics, Just Italia, Lux Italia, Nuove Idee, Ringana Italia, Tupperware Italia, Vorwerk Contempora, Vorwerk Folletto, Witt Italia che danno vita a una realtà che mira a riunire l’eccellenza delle imprese di vendita diretta a domicilio con l’obiettivo di «rafforzare la credibilità e la reputazione del settore tra i consumatori e verso le istituzioni». Univendita aderisce a Confcommercio.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

RE/MAX ITALIA continua la crescita anche nel 1^ trimestre 2016

Posted by fidest press agency su sabato, 7 Mag 2016

re maxRE/MAX Italia, network immobiliare internazionale in franchising, festeggia quest’anno i suoi primi 20 anni di presenza in Italia. Guidato da Dario Castiglia, Presidente e co-Fondatore, RE/MAX ha portato in Italia un nuovo modello di business nel settore del Real Estate. L’ascesa del brand, nonostante la crisi del mattone, è continuata anche in questi ultimi anni ed oggi il network sta vivendo una fase positiva dal punto di vista dello sviluppo della propria rete sul territorio nazionale ma soprattutto registra ottimi risultati per quanto riguarda l’attività di compravendita di immobili nei tre differenti comparti dove opera: residenziale, commerciale e di prestigio.RE/MAX Italia ha chiuso il primo trimestre 2016 con un fatturato aggregato stimato del network pari a 8.309.392,88 euro, con un incremento del 46,66% rispetto allo stesso periodo del 2015. In aumento del 43,66% anche il numero di transazioni gestite dalla rete di professionisti affiliati a RE/MAX Italia che, nei primi 3 mesi dell’anno, hanno concluso 2.754 intermediazioni immobiliari – vendendo o affittando un immobile in media ogni 47 minuti (10’ in meno rispetto al 2015) – per un valore stimato pari a 356.986.001,69 euro, con un aumento del +63,98% rispetto al Q1 2015.
Rilevanti anche i dati di crescita e sviluppo della rete immobiliare. Solo nel primo trimestre, RE/MAX Italia ha già siglato 20 nuovi contratti d’apertura di agenzie in franchising, contratti che hanno contribuito ad un aumento pari al 26,96% del numero di agenzie e infopoint – raggiungendo 259 insegne sul territorio italiano a fine marzo – e un incremento del 28,17% di consulenti immobiliari affiliati, rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, toccando quota 1.588 al 31 marzo 2016. (foto: re max)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Conferenza stampa sulla sclerosi multipla

Posted by fidest press agency su sabato, 7 Mag 2016

sclerosi_multiplaRoma lunedì 9 maggio ore 13,30 alla Biblioteca Spadolini (Piazza della Minerva, 38) conferenza sulla sclerosi multipla. La sclerosi multipla è una malattia che colpisce oltre 600.000 persone in tutta Europa. Le cause di questo disturbo non sono ancora del tutto note ma oggi, grazie alla ricerca medico-scientifica, gli specialisti hanno capito il meccanismo di azione della patologia. Così è possibile ottenere diagnosi e terapie precoci. I neurologi hanno a disposizione da qualche anno un’arma in più contro la sclerosi multipla: i farmaci cannabinoidi. Sono cure che stanno dimostrando una sempre maggiore efficacia nel contrastare la malattia. Un nuovo studio ha evidenziato come, questi medicinali, possono migliorare significativamente la qualità di vita del paziente.
Prima dell’inizio dei lavori alle 13.30 si terrà una conferenza stampa alla quale parteciperanno tra gli altri: i proff Giancarlo Comi (Direttore Unità di Neuroabilitazione dell’Ospedale San Raffaele Resnati di Milano); Francesco Patti (Responsabile del Centro di Sclerosi Multipla del Policlinico di Catania); Carlo Pozzilli (Responsabile del Centro di Sclerosi Multipla del S. Andrea di Roma), Lorenzo Mantovani (Farmacoeconomista presso il CESP dell’Università Bocconi di Milano) Leandro Provinciali (Presidente Società Italiana di Neurologia) e un rappresentate dell’Associazione Italiana Sclerosi Multipla (AISM).

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »