Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 9 maggio 2016

Paolo Ruberti su podio anche a Spa nel secondo appuntamento del FIA WEC 2016

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 maggio 2016

paolo rubertiLa 6 ore di Spa-Francorchamps (B) ha consegnato a Paolo Ruberti il secondo podio della stagione, che lo conferma tra i protagonisti della categoria LMGTE Am dopo il terzo posto conquistato a metà Aprile fa nel round inaugurale del FIA WEC 2016 a Silverstone (UK).
Al termine delle prove ufficiali di Venerdì la gara sembrava in salita per il pilota veneto e per i suoi compagni di equipaggio Yutaka Yamagishi e Pierre Ragues, costretti a partire dalla sesta posizione di categoria a causa della cancellazione del miglior tempo del giapponese, che nel computo della media sarebbe valso il quarto posto in griglia.In gara Ruberti ha interpretato i suoi stint in modo perfetto dando vita ad una rimonta che ha permesso alla Chevrolet numero 50 di chiudere al terzo posto nonostante un drive-trough inflitto a Yamagishi per superamento dei limiti del tracciato.Paolo Ruberti:”Due podi nelle prime due gare costituiscono un ottimo avvio di stagione e una promettente premessa in vista di Le Mans. Il terzoposto era il massimo risultato ottenibile per noi ed era importante raggiungerlo; la macchina si è confermata competitiva anche su questa pista e confidiamo di poter essere stabilmente tra i protagonisti durante la stagione”.Il FIA WEC tornerà in pista il prossimo 19 Giugno per l’appuntamento principale della stagione, la leggendaria 24 ore di Le Mans.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Friend of the Sea objects MSC certification of the Mexican tuna fishery setting nets on dolphins

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 maggio 2016

Friend of the SeaFriend of the Sea has filed an official comment to the Draft SCS Assessment for the MSC certification of Northeastern Tropical Purse Seine Yellowfin Tuna fishery. The fishery’s vessels chase, net and kill dolphins in order to catch the tuna which is sometimes found underneath. This fishing method has killed over 7 million dolphins and decimated the local populations.The best available science has already demonstrated that dolphins in the ETP are seriously impacted by continued fishing on dolphins: the US National Marine Fisheries Service has studied the impacts, including population surveys, aerial photography of dolphin pods showing a lack of calves, and well-established stress studies on dolphins. SCS provides no refutation or counter-balancing evidence that the fishery does not harm dolphins.According to Friend of the Sea, the steps proposed by SCS are inadequate as none of them provide any relief for dolphin populations: the fishery will continue to chase, encircle, net, drown and injure dolphins as before, for the entire four years these steps take. The steps assume offering of evidence, but provide no guidance as to what constitutes evidence or how much of it is needed to deny impacts of the fishery on dolphins.Friend of the Sea has also highlighted the incongruence of the Draft Assessment when it claims SCS cannot take a position to impose Dolphin Safe standards on the fishery, but elsewhere takes a position opposing shark finning.“Consumers should not be misled to believe that tuna caught by chasing, netting, and drowning dolphins is sustainable,” concludes Paolo Bray, Founder and Director of Friend of the Sea. “A certification scheme should not promote dangerous and environmentally degrading fishing practices.” Friend of the Sea is the only sustainable seafood certification program which includes as mandatory requirement for tuna companies to be approved according to the Earth Island Institute Dolphin-Safe International Monitoring Program. (photo: Friend of the Sea)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Christie’s Announces Major Works by Fancis Bacon, Sir Stanley Spencer & L.S Lowry

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 maggio 2016

Christie'sLondon – To mark the start of the international tour of highlights from Christie’s 250th anniversary London sale Defining British Art, Christie’s announces the sale of three further major works by three of the great modern British painters of the 20th Century which will be sold in London on the 30 June 2016. The paintings by Francis Bacon (left), Sir Stanley Spencer, offered from the Andrew Lloyd Webber Foundation, (top right) and L.S Lowry (bottom right) were executed in 1968, 1929 and 1951 respectively. Each defines a high point in the artists’ careers at moments when their invention established them as innovative geniuses of their generation. These highlights will be on public view in New York (6 to 12 May) and Hong Kong (26 to 30 May) alongside other renowned paintings by Lucian Freud, Lord Leighton and Sir Joshua Reynolds, before being sold in London, when Christie’s celebrates the artistic legacy of four centuries of British art at the global headquarters in London from 17 June to 15 July.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The Real Kids: Boston’s “Boys From Nowhere” Return to Europe

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 maggio 2016

Real KidsJohn Felice grew up in Natick, Massachusetts, as a Real Kids1neighbor and friend of Jonathan Richman, a fellow fan of the Velvet Underground. At 15 he joined Richman in the first line-up of the Modern Lovers in the early 1970s. He performed with the band intermittently from then until 1973, but because of his school commitments, he was not involved in the 1972 sessions which produced the classic first Modern Lovers album, though Felice is featured on a few “Live” Modern Lovers releases playing lead guitar and backing vocals. Commenting on Richman, Felice has said, “Me and Jonathan, as close as we were, you know, I was like a punk, I was a wise-ass kid. I liked to do a lot of drugs, I liked to drink, and Jonathan was like this wide-eyed, no-drugs, ate nothing but health food…”
After befriending Johnny Thunders and a failed audition for his favorite band The New York Dolls, Felice then decided to start his own band and formed The Real Kids (originally named the Kids) in 1972, with Rick Coraccio (bass), Steve Davidson (guitar), and Norman Bloom (drums). They became a successful live band in the Boston area, playing “an aggressive brand of straight-ahead, no-bullshit rock which harkened back to Chuck Berry, had overtones of the British Invasion groups at their mod Real Kids2finest, yet pointed the way towards the Punk to come”.[3] In addition to Felice’s own songs, they performed versions of classics by Eddie Cochran, Buddy Holly and others. The band did not record until 1977, when it comprised Felice, Billy Borgioli (guitar), Allen “Alpo” Paulino (bass), and Howie Ferguson (drums).First appearing at Boston clubs in the early ’70s, the Real Kids would eventually become a local institution by 1977, but a lack of real sales would lead to a breakup, a re-formation, and a more complete breakup — all within six years. However regional and fleeting the Real Kids’ success was, they were pivotal enough to influence many in the Boston rock scene, as well as spin off into a number of other acts.
The band continues to perform throughout the United States and are gaining a newer, younger audience who discovered the 1977 debut album through various outlets such as Satellite Radio, YouTube, Pandora, etc. and especially the new record which was masterfully produced by Rick Harte. The band are currently in pre-production of a new record and a European tour.
The Dirty Water Club started in October 1996 in the Tufnell Park neighbourhood of north London, at a venue called The Boston. The club’s name is derived from The Standells’ 1966 hit ‘Dirty Water’ which glorifies the US city of Boston, Massachusetts.
Past performers have included The White Stripes (voted by Q Magazine as one of the top 10 gigs of all time, Mojo one of the top 30 and Kerrang one of the top 100!), The Gories, NOBUNNY, Kid Congo Powers (from the Cramps), The Fleshtones, Billy Childish, Radio Birdman, The Dirtbombs, Thee Michelle Gun Elephant, The 5.6.7.8’s, The Horrors and The Brian Jonestown Massacre to name just a few. The club has also seen some original ’60s performers, such as The Monks, ? and the Mysterians, Kim Fowley, Sky Saxon, GONN, Michael Davis of the MC5 and more grace its stage.Their in-house record label, Dirty Water Records, is one of the leading garage/beat/(real) R&B labels in the world. (photos: Real Kids)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Royal Collection

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 maggio 2016

Royal CollectionAncona. Nel Regno Unito si preparano festeggiamenti ufficiali per il 90° compleanno della regina Elisabetta, ma la più importante collezione di porcellane dedicate alla sovrana appartiene alla giornalista, scrittrice e blogger anconetana Marina Minelli. Nella raccolta ci sono riviste, libri, giornali, post card vintage e soprattutto centinaia di servizi da tè, rigorosamente “made in England” con il volto, il monogramma o lo stemma della regina. La collezione, abbondantemente incrementata nel corso degli anni, con acquisti, regali di amici e fortuiti ritrovamenti in mercatini del vintage e dell’antiquariato in Italia e all’esteri, oggi è accuratamente catalogata e archiviata ma visibile per chi lo desidera: “Tengo a portata di mano solo i pezzi che mi piacciono di più e sono diventati una sorta di portafortuna – spiega Marina Minelli – e anche alcune mug più recenti che uso quotidianamente per prendere la mia immancabile cup of tea with the Queen”. “Elisabetta II per me è un mito e assoluto e inarrivabile – spiega Marina Minelli – una passione che risale a quando ero una bambina e vidi, sulla copertina di una rivista femminile, la foto della giovane regina. Da quel momento ho iniziato a raccogliere ritagli di giornale e cartoline”. L’omaggio ai sovrani e alla royal family avviene così rendendoli protagonisti del rito britannico per eccellenza: l’afternoon tea. “La mia raccolta – osserva Marina Minelli – è concentrata sulla regina Elisabetta, dall’incoronazione a oggi, passando per tutti le feste, le celebrazioni, gli eventi, i matrimoni, i giubilei, ma conservo anche mug e tazze più antiche a partire dal regno del suo bisnonno Edoardo VII salito al trono nel 1901”. “L’Inghilterra ha una grande tradizione in fatto di porcellane – prosegue la giornalista e scrittrice che ha al suo attivo anche un paio di libri a tema royal e cura il blog AltezzaReale.com – e nello Staffordshire, lo storico distretto delle pottery, una parte delle produzione è dedicata da secoli alla celebrazione dei grandi eventi legati alla famiglia reale con oggetti a tema. Royal Collection1Nella mia raccolta ci sono ovviamente tazze da tè e teiere ma anche mug, piatti e altri oggetti creati dalle più famose manifatture inglesi (Wedgwood, Spode, Burleigh, Royal Albert, Mason, Churchill) ma anche da piccole aziende meno note e oggi scomparse”. La tradizione delle pottery commemorative inizia a metà Seicento ma si diffonde veramente a livello popolare sotto il regno della regina Vittoria e prosegue ancora oggi con i suoi discendenti. “Le tazze – osserva Marina Minelli – sono per forma e stile un po’ démodé, di quel genere che poteva piacere alle anziane signore di campagna tipo Miss Marple. Adesso, segno dei tempi che cambiano, si trovano soprattutto mug; ne ho anche una con le gambette che fa la riverenza alla regina, è un po’ trash ma stupenda. Rarissime invece le tazzine da caffè visto che la bevanda è davvero poco diffusa in Gran Bretagna”. Nella raccolta di Marina Minelli ci sono anche una serie di cartoline postali che ritraggono la giovane principessa Elisabetta insieme ai genitori neo sovrani “sono le immagini romantiche di una famiglia reale unita e felice e servono a rassicurare gli inglesi dopo lo shock dell’abdicazione avvenuto a causa di quella “orribile Mrs Simpson” e poi molte scatole vintage con il profilo della giovane sovrana, tovaglie, tea tovel, spille, bicchieri, bandiere commemorative. Tante anche le tante riviste italiane dagli anni ’50 del Novecento in poi, in particolare Epoca, La Domenica del Corriere, la Settimana Incom, i giornali stranieri che vanno dall’inizio degli anni ’50 ad oggi e decine di libri, in pratica tutte le biografie sulla Regina uscite in italiano (poche), francese (molte) e una grande selezione di quelle in inglese, più cataloghi di mostre, le guide dei palazzi. Una collezione insolita? “Forse si – commenta Marina Minelli – soprattutto considerando il fatto che vengo da una famiglia di antica e solida tradizione repubblicana. Mio nonno buonanima si starà rivoltando nella tomba”. La collezione dedicata alla regina Elisabetta è stata protagonista di un servizio di TG2 Costume& Società e molto presto viaggerà per l’Italia per una serie di mostre itineranti. Marina Minelli, laureata in Storia, giornalista e studiosa di famiglie reali, nel gennaio del 2009 ha ideato AltezzaReale.com il primo e unico sito italiano dedicato ai royal. Ha pubblicato con Newton Compton 4 libri, 101 storie di regine e principesse che non ti hanno mai raccontato, 101 storie sulle Marche che non ti hanno mai raccontato, Le regine e le principesse più malvagie della storia, 1001 castelli italiani da vedere almeno una volta nella vita. (foto: Royal Collection)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Spetta ai dirigenti re-immaginare il personale aziendale nell’era digitale

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 maggio 2016

ciscoSecondo il report Workforce Transformation in the Digital Vortex dedicato al cambiamento dell’ambiente lavorativo in ottica trasformazione digitale, e realizzato dal Digital Business Transformation Center (DBT center) per iniziativa di IMD e Cisco, le aziende non avranno le capacità indispensabili per avere successo nell’era della digital disruption se non prenderanno in seria considerazione la trasformazione dei propri dipendenti. Il report delinea, inoltre, alcune linee guida per le aziende che intendono digitalizzare i propri processi di gestione del personale per costruire una forza lavoro estremamente agile, innovativa, e impegnata – fattori che consentiranno all’organizzazione di creare valore per i propri clienti, partner, e per propri stessi dipendenti.
Previsioni Cisco stimano che entro il 2020, saranno collegati a Internet 50 miliardi oggetti che genereranno enormi flussi di dati. In un tale clima, le organizzazioni devono garantire che, in ultima analisi, le persone siano in grado di governare queste nuove forme di comunicazione e di concretizzare le intuizioni che queste consentono. Solo allora saranno in grado di sfruttare le opportunità del nuovo valore dato dal digitale.
4 operatori storici del settore su 10, i cosiddetti “incumbent”, saranno spazzati via dalla rivoluzione digitale durante i prossimi cinque anni. Nel tentativo di combattere i nuovi concorrenti del mondo digitale, molte aziende sono impegnate nella trasformazione del proprio business focalizzandosi su IT e processi di business. Troppo spesso, però, trascurano il loro bene più prezioso: le persone.DBT Center ha studiato i modelli di business di oltre 75 start-up altamente “disruptive” e ha condotto interviste approfondite con molti dei fondatori o amministratori delegati di queste aziende per comprendere le loro offerte e i loro modelli aziendali, cercando di capire la loro opinione sulla capacità della digitalizzazione di trasformare la forza lavoro. Le interviste sono state condotte anche con professionisti e manager nel settore delle risorse umane e leader operativi all’interno di grandi aziende internazionali, con l’obiettivo di comprendere l’approccio di queste organizzazioni alla trasformazione digitale del personale. Inoltre, DBT Center ha intervistato 941 executive a livello globale per valutare lo stato attuale della loro trasformazione digitale e quella dei loro colleghi.Lo studio ha rilevato che, per quanto riguarda il personale, meno del 10% delle aziende hanno raggiunto un livello di eccellenza in tre capacità essenziali in un business digitale: hyperawareness, processo decisionale informato e velocità di esecuzione. Come descritto nello studio, le organizzazioni devono far sì che le proprie persone padroneggino queste tre capacità dal momento che sono elementi fondamentali per competere con successo nel Vortice Digitale.“Quotidianamente abbiamo a che far con aziende che stanno cercando di comprendere quale sia il ruolo della tecnologia nella loro strategia di business”, ha dichiarato Michele Dalmazzoni, collaboration & business outcomes leader di Cisco Italia. “Quello che cercano di comprendere con maggiore attenzione riguarda la possibilità di far provare ai propri dipendenti i vantaggi della digitalizzazione per aiutarli a migliorare il processo decisionale, accelerare l’innovazione ed essere più produttivi.”Tuttavia, la ricerca del DBT Center avverte che le soluzioni tecnologiche da sole non bastano a trasformare la forza lavoro. Il lavoro sulla gestione del personale deve essere coerente con i cambiamenti dei processi di business che le organizzazioni stanno apportando reinventando i loro modelli operativi per competere efficacemente nell’era digitale. Inoltre, la trasformazione della forza lavoro richiede l’impegno costante da parte degli executive. “Questa trasformazione è qualcosa di più di un catalogo di soluzioni digitali,” aggiunge Dalmazzoni “la trasformazione digitale sta riscrivendo le regole del business e renderà necessario che il personale sia opportunamente attrezzato per lavorare con la velocità e l’agilità che questo livello di cambiamento esige.” Lo studio rileva, infine, che le aziende in grado di digitalizzare la propria forza lavoro si rafforzeranno e porteranno a proprio favore la trasformazione data dal Digital Vortex. Nel Vortice Digitale, modelli di business, le offerte e le catene di valore sono digitalizzate nella massima misura possibile. Come forze dirompenti e innovatrici si dirigono verso il centro del ciclone della trasformazione digitale, che sta rimodellando mercati e settori produttivi. (foto: cisco)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il sistema delle DOP e delle IGP per il comparto agroalimentare

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 maggio 2016

Con 61 Consorzi rappresentativi di 63 prodotti tutelati ad esso appartenenti “copre” circa il 90% del valore economico complessivo delle IG italiane e circa 1/3 del valore economico totale attribuito alle produzioni agroalimentari IG europee: AICIG, Associazione Italiana dei Consorzi Indicazioni Geografiche si presenta a CIBUS 2016 a Parma dal 9 al 12 maggio come ambasciatore del sistema delle DOP e IGP in un contesto istituzionale particolarmente significativo, ovvero lo stand del Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali, presso il quale sono in programma una serie di appuntamenti per soci e operatori del settore, in particolare convegni, incontri a tema, degustazioni e occasioni di formazione e confronto.”Il sistema delle DOP e delle IGP per il comparto agroalimentare rappresenta una garanzia di qualità certificata e di conseguenza la punta di diamante della produzione Made in Italy – afferma il Presidente di AICIG Giuseppe Liberatore. Molti dei prodotti italiani che possono fregiarsi di tale riconoscimento sono i nostri ambasciatori nel mondo e hanno uno stretto legame con il territorio di riferimento: di questi, una parte importante ha le proprie radici in Emilia giuseppe liberatoreRomagna, considerata la regione con la più alta concentrazione di denominazioni di origine e indicazioni geografiche. Pensiamo all’Aceto Balsamico di Modena IGP che esporta oltre il 90% della produzione totale o al Parmigiano Reggiano DOP, al Prosciutto di Parma DOP e ancora al Grana Padano DOP”.Ad oggi le IG agroalimentari italiane registrate sono 282, di cui 165 DOP e 117 IGP, per una produzione in volume certificata di 1,47 milioni di tonnellate corrispondente a 6,4 miliardi di euro di valore alla produzione e circa 13,2 miliardi di euro al consumo. Anche l’export – che incide mediamente sul 40% della produzione) – si mantiene in crescita con valori quasi raddoppiati (in percentuale) rispetto al risultato dell’agroalimentare totale.
La partecipazione di AICIG presso lo stand E068 (pad. 3) del Mipaaf avviene nell’ambito di una stretta collaborazione con il suddetto Ministero con l’obiettivo di valorizzare il Made in Italy agroalimentare e promuovere le Indicazioni Geografiche – intese anche come stile di vita e di consumo nonché come valore storico-culturale dei territori di produzione – sostenerle in ambito nazionale, comunitario ed internazionale anche attraverso un monitoraggio costante dell’evoluzione normativa del settore e allo stesso tempo fornire altresì un supporto informativo e un orientamento al consumatore verso scelte di qualità, informare puntualmente non solo i produttori ma anche gli operatori di settore in ambito nazionale ed internazionale per creare consapevolezza sulle potenzialità del comparto dell’agroalimentare di qualità e ribadire l’importanza delle indicazioni geografiche nel settore della grande distribuzione veicolando messaggi rappresentativi di una garanzia per il consumatore. Ma non solo: con questa partnership oltre a rafforzare l’immagine di unità dell’intero apparato istituzionale nella difesa dei prodotti agroalimentari Made in Italy, si intende sottolineare altresì l’importanza strategica del fare sistema nella definizione di politiche di promozione e valorizzazione di tali prodotti, così come delle identità storico-culturali dei distretti di riferimento. Uno degli scopi indicati nello statuto di AICIG è infatti favorire lo sviluppo omogeneo del settore delle IGP promuovendo un confronto permanente tra in Consorzi di Tutela riconosciuti anche se appartenenti a filiere differenti e favorire la crescita economico-sociale dei distretti produttivi, attraverso un monitoraggio sul corretto funzionamento del legame tra IG, territorio, cultura e turismo al fine di innescare sinergie positive.Nei giorni di CIBUS, il palinsesto di AICIG sarà dunque ricco di eventi: l’Associazione Italiana Consorzi Indicazioni Geografiche sarà presente in rappresentanza di tutti e 61 i Consorzi di Tutela che ne fanno parte, anche se presso lo stand del Mipaaf saranno presenti Grana Padano DOP, Mozzarella di Bufala Campana DOP, Aceto Balsamico di Modena IGP, Provolone Valpadana DOP, Oliva La Bella della Daunia DOP, Pomodoro di Pachino IGP, Oli DOP Chianti Classico, Riviera Ligure, Val di Mazara e Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale IGP. Numerosi altri consorzi di tutela saranno comunque presenti con stand individuali.
Tutti i giorni verrà dedicato uno spazio alla formazione per i Consorzi soci e saranno presentati i Manuali DOP e IGP realizzati da Aicig su progetto di Ismea, così come tutti i giorni sono previste sessioni di degustazione di prodotti DOP e IGP. Tra gli appuntamenti da non perdere, l’inaugurazione lunedì 9 maggio alla presenza del Ministro delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali Maurizio Martina – seguita dalla presentazione del Consorzio di Tutela Ricotta di Bufala Campana DOP, una dimostrazione di filatura e mozzatura della Mozzarella di Bufala Campana DOP e una degustazione guidata di oli DOP Chianti Classico, Riviera Ligure e Val di Mazara – la tavola rotonda Martedì 10 maggio tra GDO e Mipaaf su “Accordo tra Ministero e Grande Distribuzione per la promozione dei prodotti DOP e IGP: più spazio nei punti vendita alle eccellenze della produzione agroalimentare” e il convegno – nel pomeriggio dello stesso giorno – del Mipaaf sulla Protezione Internazionale delle Indicazioni Geografiche con la presenza della Commissione Europea, a cui seguirà una presentazione a cura del Consorzio di Tutela dell’Aceto Balsamico di Modena IGP del video-tutorial con Adua Villa per imparare tutti i segreti sull’oro nero. Nella giornata di mercoledì 11 maggio, da segnalare la II edizione del progetto Sos Food Blogger organizzato dal Consorzio di Tutela del Grana Padano in collaborazione con il Consorzio Mortadella Bologna IGP e il Consorzio Piadina Romagnola IGP e una serie di eventi dedicati all’Aceto Balsamico di Modena IGP con degustazioni narrative sensoriali e momenti dedicati all’abbinamento di questo prodotto d’eccellenza con la pizza. Nello stesso giorno, si terrà anche la presentazione del portale DOP IGP http://www.dop-igp.eu, l’incontro-presentazione del sistema consortile ai buyers ICE e l’aperitivo italiano “bianco rosso e verde” con DOP e IGP, in particolare la Mozzarella di Bufala Campana, il Pomodoro di Pachino e l’oliva Bella della Daunia. Un appuntamento, quest’ultimo, che verrà replicato anche il giorno seguente, giovedì 12 maggio, quando la manifestazione si avvia a chiudere in bellezza con due incontri dedicati al Provolone Valpadana DOP e al Vitellone Bianco dell’Appennino Centrale IGP. (foto: giuseppe liberatore)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Crio-chirurgia con tecnica mini-invasiva

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 maggio 2016

ospedali riunitiOttimi risultati per i pazienti con metastasi ossee al Centro Specialistico Ortopedico Traumatologico Gaetano Pini – CTO grazie agli interventi di crio-chirurgia. I medici dell’ospedale ortopedico traumatologico hanno recentemente eliminato, congelandole, due voluminose metastasi al bacino e al femore prossimale utilizzando criosonde ad ago in grado di portare la temperatura del tessuto patologico a -160°C. Oltre a provocare forte dolore, poco controllabile mediante i farmaci, l’ampiezza della lesione e la sua particolare sede impedivano al paziente di camminare.
La crio-terapia è una metodica che può essere utilizzata sia in sala operatoria sia come terapia miniinvasiva in ambito radiologico: l’ospedale Pini-CTO è uno dei pochi in Italia a eseguire questo tipo di operazione.L’equipe multidisciplinare composta dal dottor Fabio Lazzaro della UO di Chirurgia Ortopedica Oncologica, diretta dal dottor Primo Daolio, e dal direttore della UO di Radiologia dottor Mauro Gallazzi ha eseguito, di recente, l’intervento su una massa tumorale piuttosto grande con tecnica miniinvasiva percutanea sotto la guida di una TAC.”Questo tipo di trattamento ha richiesto solamente quattro piccoli fori nella pelle grazie alla precisione fornita dalla TAC – spiega il dottor Fabio Lazzaro -. Può essere eseguito su casi selezionati e ha un’efficacia del 100 per cento nei casi di metastasi ossee. La sonda ci permette di arrivare alla metastasi e di posizionarsi in modo esatto, grazie al supporto della TAC. A quel punto si crea sull’area individuata una bolla di ghiaccio che, a -160°, annienta le metastasi. Il tessuto che viene distrutto crea delle cavità residue che, con la medesima tecnica, vengono riempite con cemento acrilico, cosi da ripristinarne la resistenza meccanica”.
Questo intervento di crio-chirurgia ha dei benefici immediati sulla persona operata. In questo caso il paziente è già in grado di deambulare con minimo dolore residuo e non deve sottoporsi a radioterapia, con enorme vantaggio in termini di qualità di vita.
L’intervento è frutto della collaborazione di un team di medici: “Il radiologo, l’ortopedico e il chirurgo oncologo lavorano a stretto contatto per la riuscita ottimale dell’operazione – aggiunge il dottor Primo Daolio -. La crio-chirurgia, già utilizzata per gli interventi a cielo aperto nei tumori dell’osso, oltre che su quelli del fegato, della prostata e dei polmoni, se associata alla TAC, e quindi con la collaborazione del radiologo, consente non solo l’efficacia del risultato ma anche una prognosi notevolmente ridotta con la rapida ripresa delle attività ordinarie da parte del paziente. Trattandosi di una terapia mini-invasiva ha degli indubbi vantaggi rispetto alla chirurgia aperta e può rappresentare una alternativa valida alle altre tecniche palliative come radiofrequenza, radioterapia ed elettrochemioterapia”. (foto: ospedali riuniti)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tumore al pancreas: ambiti terapeutici

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 maggio 2016

pancreas-01“Troppi interventi chirurgici contro il tumore del pancreas sono svolti in strutture che ne svolgono meno di 20 l’anno. Si tratta del numero minino raccomandato dalle linee guida internazionali e dalle istituzioni sanitarie italiane. La garanzia di un’adeguata diagnosi e cura richiede invece la definizione di percorsi diagnostici-terapeutici organizzati in rete e con centri di riferimento definiti per competenze professionali, volumi di attività e tecnologie disponibili”. E’ questo l’appello lanciato dagli esperti riuniti a Verona per il convegno nazionale Advances in Oncology focus sul carcinoma del pancreas. L’evento vede la partecipazione dei più importanti esperti sulla neoplasia e di diversi rappresentanti delle associazioni di pazienti. “La chirurgia del cancro al pancreas è estremamente complessa – afferma il prof. Carmine Pinto, presidente nazionale dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) -. Richiede un approccio multidisciplinare e una formazione di equipe che possono essere garantiti solo in centri ad ‘alto volume’ che trattano ogni anno un numero sufficiente di casi. Da un’indagine svolta su OncoGuida, che è il servizio di informazione per malati del Ministero della Salute-ISS e AIMaC, emerge invece una realtà diversa. Alcune Regioni non hanno nemmeno una struttura sanitaria che rispetta questi parametri. Per garantire la migliore assistenza possibile a tutti è necessario prevedere una sempre maggiore collaborazione tra i centri”. “E’ una neoplasia particolarmente insidiosa – aggiunge il prof. Claudio Bassi, Direttore dell’Istituto del Pancreas dell’Azienda Ospedaliera di Verona e co-presidente del convegno nazionale organizzato nella città scaligera -. Colpisce ogni anno 12.500 italiani e nonostante la sua bassa incidenza ha una mortalità molto elevata. Non esiste uno screening per individuare diagnosi precoci e quindi siamo costretti ad intervenire quando la situazione è già complessa con interventi gravati da molte e pericolose complicanze. Per tutti questi motivi non è più accettabile che alcuni pazienti siano operati in centri che svolgono uno o due interventi l’anno. Solo attraverso la giusta specializzazione si può curare la patologia”. “Oggi dopo cinque anni dalla diagnosi del cancro sopravvive il 7% degli uomini ed il 9% delle donne – sottolinea il prof. Giampaolo Tortora, Direttore dell’Oncologia Universitaria e dell’Azienda Ospedaliera di Verona e co-presidente del convegno -. Diagnosi tardive, pochi sintomi evidenti e la velocità di evoluzione del tumore sono le principali cause per cui abbiamo ancora esiti infausti. Oltre la metà dei casi viene diagnosticata quando la malattia è già in fase metastatica. Se vogliamo dare nuove speranze ai pazienti è necessario riorganizzare anche l’attuale sistema di cure e investire maggiori risorse nella ricerca medico-scientifica”. La ricerca clinica sta portando comunque risultati, come si ribadisce al convegno di Verona. Una delle ultime armi a disposizione degli oncologi è il Nab-paclitaxel (paclitaxel legato all’albumina formulato in nanoparticelle) che sfrutta la nanotecnologia per migliorare la somministrazione della terapia. “Grazie all’albumina, una proteina già presente nell’organismo umano, possiamo trasportare il chemioterapico direttamente nella sede del tumore – sottolinea il prof. Tortora -. Nab-paclitaxel ha dimostrato risultati positivi nel trattamento del carcinoma mammario e polmonare e ha dimostrato di essere efficace anche per quello del pancreas. Migliora in maniera significativa la sopravvivenza globale e presenta minore tossicità rispetto ad altre cure. Inoltre il farmaco, associato alla gemcitabina, ha dato risultati positivi, permettendo di avere pazienti lungo sopravviventi a 3 anni e mezzo (3% pazienti vivi nel braccio nab-paclitaxel + gemcitabina vs 0% pazienti vivi nel braccio con sola gemcitabina)”. “Solo il 3% dei pazienti afflitti dalla neoplasia riesce a guarire – sostiene il prof. Francesco De Lorenzo, presidente della Federazione italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia (FAVO) -. Le possibilità per il mondo del volontariato di reclutare persone con queste esperienze sono perciò molto ridotte. A differenza di altri Paesi, come l’Inghilterra, in Italia non sono attive associazioni di malati. Questo rende ancora più difficile affrontare la patologia. La nostra Federazione, insieme alle associazioni di medici, è da anni impegnata affinché sul tumore del pancreas sia prestata maggiore attenzione da parte di tutti. Aumentare l’informazione e il dibattito sulla malattia attraverso campagne ed eventi specifici deve essere il nostro primo obiettivo. E’ una forma di cancro, quella del pancreas, che riceve solo il 2% dei finanziamenti per la ricerca a livello europeo. Dal 2014, il volontariato oncologico, attraverso la European Cancer Patients Coalition, ha pertanto promosso una mobilitazione generale attraverso la costituzione della Piattaforma Europea per il Tumore del Pancreas (EPPC), a cui hanno aderito clinici, ricercatori, politici e rappresentanti dell’industria farmaceutica, con l’obiettivo di delineare una strategia condivisa e sensibilizzare l’opinione pubblica e gli addetti ai lavori. La Piattaforma ha anche contribuito all’elaborazione della ‘Dichiarazione sul Tumore del Pancreas’, sottoscritta da più di 50 parlamentari europei, per portare questa neoplasia al centro del dibattito parlamentare, creare politiche specifiche per dare una risposta ai bisogni dei malati e adottare iniziative concrete per migliorare la loro qualità di vita. Altra iniziativa promossa dalla Piattaforma è il World Pancreatic Cancer Day, che dal 2015 è celebrato in Italia da FAVO”. Sempre in occasione nel convegno viene presentato anche il progetto AIOM Cooking, Comfort, Care. Una campagna internazionale che ha l’obiettivo di favorire corretti stili alimentari a misura di paziente colpito da carcinoma pancreatico. Su http://www.aiom.it è stata attivata una sezione dove è possibile trovare tante ricette semplici ma gustose, rispettose delle esigenze del malato ma adatte anche al resto della famiglia e caregivers. “Durante le cure oncologiche la qualità di vita passa anche dalla tavola – aggiunge il prof. Pinto -. Alimentarsi in modo adeguato evita la perdita di peso, riduce le tossicità provocate dalla chemio o dalla radioterapia, rinforza le difese dell’organismo e previene le complicanze post operatorie. Con questa campagna vogliamo aiutare le persone alle prese con nausea, vomito, diarrea, rifiuto del cibo e tutti gli altri effetti collaterali provocati dai trattamenti antitumorali”. Cooking, Comfort, Care è reso possibile grazie al contributo non condizionato di Celgene. “Siamo orgogliosi di sostenere questa importante iniziativa così come l’impegno nella lotta al tumore del pancreas in partnership con le Società Scientifiche e le Associazioni Pazienti – conclude Pasquale Frega, Presidente e Amministratore Delegato di Celgene Italia -. La nostra azienda da dieci anni in Italia si prende cura dei pazienti e dei loro bisogni ed è impegnata nello sviluppare terapie innovative e mirate che contribuiscono in modo rilevante a migliorare e prolungare la loro salute. Ma siamo convinti che il nostro ruolo debba andare anche oltre l’innovazione in medicina. Quindi promuoviamo campagne di sensibilizzazione rivolte alla popolazione e sosteniamo la ricerca scientifica d’avanguardia”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Le banche del tempo festeggiano i vent’anni

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 maggio 2016

torinoTorino. Le Banche del tempo sono un”istituto di credito” molto particolare, dove non si deposita denaro bensì tempo e disponibilità. Sono un luogo che agisce come centro di raccolta della domanda e dell’offerta di tempo, come regolatore di nuovi sistemi di reciprocità, considerando questa come una forma di aiuto tra soggetti paritari. I soci della Banca attuano uno scambio reciproco di prestazioni e di tempo offrendo ciò che sono in grado di fare e ricevendo ciò di cui hanno bisogno.Si tratta di una forma di collaborazione, e non di volontariato, con la quale ci si aiuta ad affrontare anche le incombenze e gli impegni della vita quotidiana e familiare. In breve chi, ad esempio, sa suonare il pianoforte può offrire due ore di lezione in cambio di altrettante ore di piccoli aiuti domestici.Il Coordinamento delle Banche del tempo della Provincia di Torino ha preso forma nel 1996, su iniziativa della Commissione consiliare pari opportunità della Provincia di Torino, e comprendeva all’inizio cinque banche. Nel 2016, il Coordinamento Banche del tempo della Città metropolitana di Torino conta 15 banche iscritte e altre quattro non iscritte: ciascuna ha in media una cinquantina di soci.
Il Coordinamento ha festeggiato il ventennale con un incontro che si è svolto questa mattina, venerdì 6 maggio 2016, nella Sala Consiglieri di Palazzo Cisterna a cui hanno preso parte la consigliera delegata alle pari opportunità della Città metropolitana di Torino Lucia Centillo, l’assessore alle pari opportunità di Regione Piemonte Monica CeruttI e l’ex assessora alle pari opportunità della Provincia di Torino Aurora Tesio, che fu promotrice di molte iniziative per la messa in rete delle banche del tempo del territorio e oggi è Presidente del Coordinamento provinciale delle Banche del tempo.“Le Banche del tempo sono un’interessante formula di coesione sociale” commenta la consigliera Lucia Centillo “perché in tempi di crisi propongono un modello di economia non monetaria che fonda sul mutuo-aiuto, sul radicamento territoriale, sullo scambio solidale, insomma sono un modello di resilienza su piccola scala. Per questo ritengo che anche all’interno dell’associazionismo vadano sostenute e rilanciate, hanno delle peculiarità che ben si accorda con l’intento della Città metropolitana di sostenere il welfare e la qualità della vita pur sapendo che le risorse che oggi il pubblico può mettere a disposizione per questi obiettivi è limitato”.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Diabete e alimentazione sbagliata

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 maggio 2016

alimentareIl rapporto annuale presentato da Italian Barometer Diabetes Report – dichiara il Presidente nazionale Confeuro, Rocco Tiso – non lascia dubbi: un italiano su 7 è a rischio diabete a causa di un’alimentazione sbagliata e di una vita troppo spesso sedentaria.
Un tema come questo, che ha a che vedere con la salute dei cittadini – continua Tiso –, non può essere lasciato in secondo piano e richiede delle misure urgenti e tempestive. E’ proprio per queste ragioni che chiediamo un tavolo tecnico composto dalle parti sociali e dal ministero dell’Agroalimentare e dal ministero della Salute. Per una volta infatti, perlomeno su cose tanto importanti, vorremmo che l’esecutivo non vedesse davanti a sé solo gli interessi delle lobby e delle multinazionali, ma le persone.
Come Confeuro – conclude Tiso – siamo certi che la strada da seguire sia quella di investire su di un’agricoltura sana e di qualità, ma anche quella di rigettare con decisione accordi come il TTIP che comporterebbero l’abbattimento sui controlli sanitari e sulle produzioni agroalimentari per fare un’ennesimo favore alle grandi aziende internazionali, ed in particolare statunitensi.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rivoluzione furti d’auto

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 maggio 2016

furto autoRoma 13 maggio, ore 10, (Scuola Superiore di Polizia – via Pier della Francesca, 3) la Tavola Rotonda “Rivoluzione furti d’auto. Così cambiano le tecniche dei ladri: analisi del fenomeno”, promossa dalla Polizia di Stato e da LoJack Italia, società specializzata nel recupero di beni rubati che da 10 anni collabora attivamente con le Forze dell’Ordine. All’evento interverranno Giuseppina Minucci – Servizio Polizia Stradale, Umberto Guidoni – Segretario Fondazione ANIA, Massimo Nordio – Presidente UNRAE, Massimo Ghenzer – Presidente LoJack Italia e Roberto Sgalla – Direttore Centrale della Specialità della Polizia di Stato.
Sarà l’occasione per fare il punto sulla piaga dei furti d’auto nel nostro Paese, sui trend in atto, su come si stanno affinando le tecniche dei ladri, anche attraverso il supporto delle nuove tecnologie, e sui sistemi più efficaci di recupero dei veicoli rubati.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Convegno: Terre marchigiane Conoscenza e gestione

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 maggio 2016

Terre marchigianeAncona venerdì 27 Maggio 2016 nell’Aula Magna del Rettorato, P.zza Roma. Il Convegno si propone di indagare il rapporto tra paesaggio e rete dei musei e contemporaneità. Per comprendere, conservare, valorizzare il “paesaggio” è necessaria una conoscenza ampia che corrisponda alla specificità del tema nella sua accezione di “sistema complesso”.Le diverse discipline culturali, che concorrono, insieme agli interventi della politica, alla formazione del paesaggio, rappresentano strumenti per l’ interpretazione dello stesso nelle sue diverse componenti: naturali, estetiche, economiche e sociali.In analogia ai processi di comprensione è maturata la consapevolezza che la conservazione, la valorizzazione e la gestione del paesaggio richiedono anch’essi processi interdisciplinari nei quali le diverse competenze intervengono, in maniera paritetica, mantenendo la loro specificità ed autonomia scientifica.
Come il paesaggio esprime i valori culturali del territorio, inteso come fenomeno totale e diffuso, i musei ne rappresentano una sintesi, in quanto luoghi di accumulazione di quegli stessi valori che interpretano e restituiscono alla fruizione.La rivoluzione tecnologica della società contemporanea offre strumenti e possibilità i cui limiti sono solo quelli delle capacità di immaginazione e progettazione degli operatori, garantisce la creazione di interrelazioni disciplinari, sia nelle fasi di ricerca e conoscenza, sia nelle fasi di valorizzazione e gestione, consente agli istituti culturali di ridefinirsi come soggetti attivi del territorio e della comunità in cui agiscono. (foto: Terre marchigiane)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cinque proposte di viaggio slow

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 maggio 2016

capoverdedanubioIn occasione della decima edizione della Giornata della Lentezza, che si tiene lunedì 9 maggio, i consulenti di viaggio di CartOrange, il più grande network italiano di consulenti di viaggio, hanno selezionato cinque proposte di viaggio slow che presentiamo ai viaggiatori sempre più evoluti, che sono alla ricerca di nuove mete o di modalità inedite per visitare le destinazioni. L’imperativo è di arricchire la vacanza con esperienze di contatto autentico con i luoghi esplorati.
1. India: alla scoperta del Kerala in houseboat tra yoga, meditazione e massaggi ayurvedici. «Quella che si può scoprire nello stato del Kerala, affacciato sull’Oceano, è un’India insolita, meno turistica e più vera –afferma Mingione–. Esplorare in barca le “backwaters” a bordo delle imbarcazioni tipiche, chiamate kettuvallams, è un modo lento ma sicuramente indimenticabile». La proposta di CartOrange è incentrata proprio sulla lentezza: l’itinerario di base è di 12 giorni e 10 notti, ma è personalizzabile in tutto, e si conclude con un soggiorno di una settimana in un resort di Kovalam dove ogni mattina ci si risveglia con un rituale a base di yoga, meditazione e massaggi ayurvedici.
2. Myanmar tra light trekking e mongolfiera. Una destinazione che si è da poco aperta al turismo, ed è ancora lontana dalle rotte di massa, è il Myanmar, o Birmania. Un’esperienza unica per sperimentare la libertà e il fascino di questo luogo è optare per un light trekking, «Escursioni alla portata di tutti, da myanmareffettuare in sicurezza con una guida, tra le colline della regione di Shan abitate dai popoli Pa-O e Pa-Laung – spiega Flavia Mingione –. Questo territorio si può esplorare anche a dorso di elefante o in mongolfiera». CartOrange propone un volo su Bagan, l’antica capitale, che ha dato i natali alla cultura birmana e custodisce uno dei siti archeologici di maggior importanza in Asia. «Un’esperienza che viene resa ancora più indimenticabile dal sorvolo fatto all’alba, quando la luce che avvolge i palazzi e templi storici è magica» assicura Mingione.
3. Capo Verde, non solo mare. Queste isole sono un vero e proprio assaggio di Africa. «Soprattutto Santiago, la più grande, dove anche l’entroterra è imperdibile – consiglia Mingione –. E poi bisogna galleggiare nei crateri di acqua salina di Pedra do Lume, salire lentamente le dune di Boavista, scoprire i borghi dei pescatori e le spiagge incontaminate dove le tartarughe depongono le uova: vietato disturbare, ma si possono osservare con facilità». Anche la colonna sonora è slow: la dolce nenia della “morna”, un genere musicale nazionale da conoscere proprio nei villaggi.
srilanka4. Sri Lanka in treno panoramico. Il treno è il simbolo di una mobilità dolce che viene sempre di più riscoperta. Un luogo spettacolare dove viaggiare su rotaie è lo Sri Lanka, l’antica Ceylon, meta che CartOrange propone perché offre sia mare e relax, sia uno straordinario patrimonio culturale e naturalistico. «L’altopiano centrale è tutto da scoprire con un viaggio in treno panoramico che si snoda tra le foreste, le piantagioni di tè e le cascate di Devon Santa Clara, Ramboda e Diyaluma» spiega Flavia Mingione.
5. In bicicletta lungo il Danubio. L’Austria, la Slovacchia e l’Ungheria sono mete turistiche che possono essere viste con occhi nuovi se si adotta un punto di vista diverso: quello delle due ruote. «Si tratta di un’avventura per tutta la famiglia, grazie all’elevato livello delle strutture e dei servizi presenti sul percorso – precisa Mingione –. Lungo il percorso da Vienna a Budapest è possibile pernottare in un botel (un hotel sull’acqua), degustare vini e specialità locali, rilassarsi alle terme, esplorare borghi che sono un gioiello. Il tutto in maniera ecologica, godendosi il silenzio e i paesaggi pittoreschi lungo le rive del fiume». I bagagli vengono spediti di tappa in tappa per potersi godere tutta la dolcezza dei luoghi. (foto: capoverde, danubio, india, myanmar, srilanka)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rapporti sociali e dibattito politico

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 maggio 2016

donchisciotteIgor Papaleo direttore per le Edizioni Rapporti Sociali ci ha segnalato che Le ERS – Edizioni Rapporti Sociali danno oggi nuova circolazione alla rivista Rapporti Sociali quale strumento di dibattito teorico per il comunismo e la sua capacità di continuare ad essere di grande attualità. L’intera raccolta si compone di 42 numeri in 35 volumi formato rivista 29x22cm. La raccolta può essere acquistata integralmente al prezzo di 150,00 € o per volume al prezzo di 5,00 € l’uno. L’indice completo dei numeri di Rapporti Sociali è consultabile all’indirizzo http://www.nuovopci.it/scritti/RS/ indicom.html. Da qui una sua presentazione delle tematiche affrontate dalle citate pubblicazioni: “Qual è la natura e il corso della crisi attuale? Quali gli sviluppi? È possibile uscirne? Il socialismo è ancora il futuro dell’umanità? Quale il bilancio dei primi paesi socialisti? Quali sono i compiti dei comunisti in questa fase storica? A queste e altre domande, centrali nel tempo della seconda crisi generale del capitalismo, risponde la rivista Rapporti Sociali (RS). Con questa rivista, il gruppo promotore intende rendere pubblici i risultati della ricerca che fin dal 1985 ha condotto sul movimento economico della società moderna e l’analisi delle classi; sulla storia dell’ epoca imperialista e la sua crisi; sulle cause dell’esaurimento, dopo gli anni Settanta, della prima ondata della rivoluzione proletaria sollevata in tutto il mondo dalla vittoria della Rivoluzione d’Ottobre, nel 1917 in Russia, dalla costituzione dell’Unione Sovietica che, sotto la direzione prima di Lenin e poi di Stalin, aveva svolto il ruolo di retroterra mondiale della rivoluzione proletaria, proseguita con la Rivoluzione Culturale Proletaria Cinese, tra il 1966 e 1976; sulla ricostruzione del partito comunista e la strategia della rivoluzione socialista in questa fase storica, per la prima volta in un paese imperialista.Iniziata con il n. 0 (il Don Chisciotte), la rivista, che ha visto pubblicazioni regolari dal 1988 al 2004, con 35 numeri pubblicati in 27 fascicoli e una “nuova serie” iniziata nel 2007, con altri 6 fascicoli, fino al n. 42, pone le basi della teoria rivoluzionaria dell’epoca attuale: il marxismo-leninismo-leninmaoismo.Su queste basi nascevano, negli anni Novanta, i CARC (Comitati di Appoggio alla Resistenza – per il Comunismo), poi partito e, nel 2004, il (nuovo) Partito Comunista Italiano, la cui letteratura trae origine e sviluppa l’elaborazione esposta in RS, trovando sintesi particolarmente efficace nel Manifesto programma del (n)PCI, stampato nel 2008 e base dell’unità ideologica del Partito e delle Organizzazioni che aderiscono alla sua Carovana. La lotta politica dei comunisti è un’arte. Un’arte che, però, si sviluppa e può svilupparsi solo sulla base della comprensione del movimento economico oggettivo della società. È il movimento economico, infatti, che, nel suo corso, genera obiettivi possibili dell’attività politica dei comunisti e le forze per conseguirli. In questo senso si dice che ogni situazione è concreta. L’iniziativa politica dei comunisti, dunque, sta nel mobilitare le forze motrici di quegli obiettivi contro quelle che muovono in direzione contraria. Sono, infatti, le condizioni materiali di esistenza l’ambito entro cui si svolge la vita sociale degli individui e il corso dell’intera società.” ” Lo facciamo – soggiunge Papaleo – consapevoli che porsi a servizio dell’opera di creazione delle condizioni affinché le organizzazioni operaie e popolari costituiscano un loro governo di emergenza – il Governo di Blocco Popolare – per far fronte da subito agli effetti più gravi della crisi ed avanzare verso l’instaurazione del socialismo dipende anzitutto dal nuovo impulso e dallo sviluppo di un intenso e continuo processo di conoscenza, assimilazione e applicazione della concezione comunista del mondo. Ciò che distingue i comunisti dagli altri protagonisti della rivoluzione socialista, infatti, è che essi hanno una comprensione più avanzata delle condizioni, delle forme e dei risultati della lotta di classe e che su questa base la spingono in avanti.
La formazione è, dunque, l’arma per rompere la cortina di ignoranza e di alienazione che la borghesia imperialista ha innalzato per impedire alle masse popolari e, in particolare, alle giovani generazioni, la comprensione scientifica della società e della specie umana, ovvero quella cortina con cui protegge il proprio sistema di relazioni sociali dalla ricerca scientifica e dall’applicazione dei suoi risultati nella lotta di classe.
È in questa rottura che i comunisti di oggi potranno compiere l’opera che il vecchio PCI lasciò interrotta, nonostante l’eroismo e la dedizione di migliaia e migliaia di compagni: il punto debole fu esattamente la scarsa padronanza e uso della concezione comunista del mondo, del materialismo dialettico come metodo di conoscenza e guida per l’azione”. (foto: donchisciotte)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libro: Storia dei Balcani di Andrew Baruch Wachtel

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 maggio 2016

Posted in Cronaca/News, recensione, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le “stonature” di Renzi

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 maggio 2016

matteo renziE NO. Non si può metterla che o approvi la mia riforma costituzionale o io vado a casa (Renzi). E neppure: quelli favorevoli sono gli italiani moderni, aperti, che credono nel loro paese, gli altri sono quelli dicono no a tutto (sempre Renzi). Tantomeno: questa è l’ultima occasione per cambiare la Costituzione, altrimenti resterà immodificabile per sempre (Napolitano). Mancano sei mesi al voto referendario, ed è già un’anomalia che s’inizi la kermesse ora, puro autolesionismo che lo si faccia cancellando dall’agenda politica tutto il resto (l’economia in particolare) e una pia illusione che farlo serva a distogliere l’attenzione dell’opinione pubblica dalle vicende di magistratura che procurano danno al governo. Ma diventa addirittura follia se i toni sono, già adesso, questi. L’Italia, che come dimostrano le ultime stime Ue non è ancora riuscita ad agganciare la ripresa economica (viaggiamo a mezzo punto di pil in meno della media euro e addirittura meno della metà della Spagna), non potrebbe sopportare un semestre di campagna elettorale per una riforma che, la si approvi o meno, non ha nulla di così decisivo, Titolo V a parte, per scuotere il Paese dal suo torpore. Eppure, lo scenario che abbiamo davanti contempla, drammaticamente, due situazioni l’una peggiore dell’altra: da un lato, come abbiamo visto, la scelta di Renzi e di chi gli è vicino di brandire il referendum come arma di difesa e di attacco politico; dall’altro, il tiro a segno cui la magistratura – per coincidenza temporale del tutto casuale, ovviamente – sta sottoponendo, con il solito concorso di eco mediatica, Pd e mondo renziano. Una doppia guerra di cui non si sentiva certo l’esigenza, e che mette in serio pericolo la possibilità che quei pochi germi di rilancio del Paese, già fragili, riescano ad attecchire. Vediamo se e come si possa ancora evitarla. Partendo da un presupposto: che il pallino lo ha Renzi, e che lui più di chiunque altro dovrebbe avere interesse ad un eventuale sminamento, perché è quello che rischia di più.
Partiamo dal referendum. Dopo aver sbagliato a personalizzare il pro e il contro, ora Renzi eviti di ammorbarci con una campagna lunga e sopra le righe. Anche perché molti italiani sono già irritati. Vuole che si facciano tanti comitati per un lavoro porta a porta? Legittimo. Ma lo faccia fare al suo partito, lasci che siano altri ad occuparsene. Un presidente del Consiglio, con tutti i problemi interni e internazionali che ci sono, non può passare il suo tempo così. Neppure se in ballo c’è la riforma costituzionale che il suo governo ha voluto. E quando se ne occupa, eviti di dire che chi è contro – noi, per esempio – è un disfattista iscritto al “partito del no”. Perché c’è chi – noi, per esempio – non vuole affatto imbalsamare la Costituzione, neppure nella prima parte, e, tanto per capirci, non si sente per nulla rappresentato dagli Zagrebelski e dai Rodotà, e ciononostante voterà contro una riforma che non solo è stata fatta con i piedi, come ha detto efficacemente Gianfranco Fini (a proposito, bentornato nell’agone politico), ma rappresenta, specie se combinata con l’introduzione della pessima legge elettorale chiamata Italicum, un pericolosa torsione del già curvo (sotto il peso delle forzature della Seconda Repubblica) assetto istituzionale. Non è un attentato alla democrazia, come dicono gli anti-renziani di oggi che erano gli anti-berlusconiani di ieri, ma non c’è bisogno di arrivare a quello per poterla e doverla considerare una riforma sbagliata. Noi siamo per una correzione del bicameralismo, anzi lo siamo così tanto che avremmo anche accettato una abolizione tout court del Senato (pur non propugnandola). Ma questo Senato federalista, peraltro proprio mentre si controriforma in senso centralista la riforma del titolo V fatta a suo tempo dall’Ulivo – unica parte delle modifiche costituzionali che ci piace – è davvero un obbrobrio. Allo stesso modo, non abbiamo nessuna obiezione ideologica da fare al rafforzamento dei poteri del capo del governo. Ma scegliendo una delle due esperienze più consolidate nelle democrazie occidentali – il cancellierato alla tedesca, che è la formula che noi preferiamo, o il presidenzialismo, anglosassone o francese che sia – non affidandosi ad un sistema privo di contrappesi, specie se abbinato ad una modalità di voto che assegna un abnorme premio di seggi a chi è netta minoranza nel paese. Ma queste sono questioni di merito, che avremo tempo di affrontare più in dettaglio. Politicamente, Renzi deve capire due cose, oltre a quanto già detto: che trasformare il referendum in un plebiscito pro o contro lui è, oltre che improprio, un boomerang di cui si pentirà amaramente; e che pretendere che si voti in un colpo solo le più disparate modifiche costituzionali solo perché si applica l’articolo 138 è una forzatura che finirà per diventare controproducente. Meglio, molto meglio, usare misura e accortezza istituzionale scegliendo di spacchettare il voto referendario per argomenti. Noi, che con il voto è unico diremmo NO, per esempio, voteremmo SI alle modifiche che riportano in capo allo Stato funzioni impropriamente decentrate agli enti locali. Sia dunque lo stesso Renzi a chiedere alla Corte Costituzionale la possibilità del voto multiplo: oltre a fare una cosa giusta, riacquisterebbe agli occhi di molti, specie di quel mondo moderato che ha saputo inizialmente affascinare ma che ora dubita della sua tenuta, l’immagine di un leader risoluto ma nello stesso tempo equilibrato e responsabile.Un profilo che gli sarebbe molto utile anche per affrontare con più efficacia l’altra questione che sta diventando per lui una vera e propria emergenza: la questione giudiziaria. Sulla quale Renzi oscilla tra la voglia di ingaggiare un duello all’ultimo sangue con la magistratura e il desiderio di lisciare il pelo ad un’opinione pubblica drogata da anni di giustizialismo e anti-politica per la paura di perdere consenso. Che ci sia un focus sul Pd e il mondo renziano lo dicono i fatti, tanto di natura giudiziaria quanto mediatica: Potenza, Carrai, Lodi, Soru, l’accusa di associazione esterna con la camorra per il presidente del Pd campano, l’indagine per estorsione, intimidazione e truffa a carico di un deputato Pd di Siracusa. Che non si tratti di coincidenze è evidente, ma comunque non vale discutere se siamo di fronte ad un complotto (tanto è indimostrabile). Facciamo pure finta che sia una congiunzione astrale sfavorevole. Tanto il tema non cambia: Renzi si trova nella stessa situazione in cui fu Berlusconi. Perché è l’uno come era l’altro il peggiore dei delinquenti? Non trattandosi di una domanda politica, la risposta non può trovarsi qui. Noi ci siamo sempre rifiutati di giudicare il Cavaliere sotto quel profilo, tanto per non riscuotere il nostro consenso ci bastava giudicarlo come leader politico e, soprattutto, capo di governo. Altrettanto ci rifiutiamo di fare con Renzi. Notiamo, però, che Renzi, al contrario di Berlusconi, non ha neppure abbaiato – mentre nessuno dei due ha morso – contro il “partito delle procure”, limitandosi a evocare di tanto in tanto il primato della politica e facendo il solletico alla corporazione che si è fatta “Stato nello Stato” con una sforbiciata alle ferie eccessive e una timida revisione della legge sulla responsabilità civile. Anzi, dopo la nomina di Davigo all’Anm e la sua ormai famosa intervista-proclama-sfida, Renzi ha fatto marcia indietro sulle intercettazioni e subito a capo chino la pressione per allungare i tempi di prescrizione, quando invece sarebbe necessario ridurre i tempi dei processi visto che abbiamo il record europeo di condanne per la loro irragionevole durata. Il Paese, però, non può sopportare un’altra stagione di guerra tra politica e magistratura. Dunque, Renzi, per difendere se stesso e fare il suo dovere di uomo di governo, faccia quello che Berlusconi non è stato capace di fare: mettere mano ad una riforma della giustizia. Non serve molto. Basterebbe fare quelle cose che un magistrato garantista come Carlo Nordio ripete, inascoltato, da anni: abolire l’obbligatorietà dell’azione penale, separare le carriere tra pm e magistrati giudicanti, impedire l’abuso della carcerazione preventiva, ora usata come strumento alternativo alla ricerca delle prove, e privare le intercettazioni di efficacia probatoria riconducendole alla loro naturale funzione di indizi per le indagini. Caro Renzi, o ti sbrighi a cambiar passo, o saranno guai. Per te e per noi. (By Enrico Cisnetto direttore http://www.terzarepubblica.it)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libro: Sinfonia di Zdravka Evtimova

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 maggio 2016

sinfoniaCinque donne protagoniste di un romanzo corale al femminile che disegna un crudo affresco della società bulgara contemporanea, dominata dall’idea che il miglior amico dell’uomo – forse il solo amico – sia il denaro.
Ricchissima e grassa, Moni è la figlia di un boss arricchitosi con traffici illeciti e ruberie. Nel cinismo di un mondo fatto di feste dell’alta società e di uomini interessati solo al suo denaro, l’unico che la ami davvero è il poverissimo Simo, che della ricchezza di Moni è all’oscuro: nei pomeriggi con lui, trascorsi a far sesso in una baracca fatiscente e a mangiare cibi scadenti, Moni può sentirsi una donna come tutte le altre, amata per quello che è. Fino a quando il suo mondo, quello cui è sempre appartenuta, torna a far sentire le sue lusinghe.Anche Becky Aneva è prigioniera di una realtà in cui tutto ruota intorno al denaro, quello che il marito Theo – uno degli uomini più potenti di Bulgaria – le lascia in cambio del sesso, consumato puntualmente ogni giovedì, in una frustrante routine matrimoniale. Nel grigiore della quotidianità della signora Aneva, l’unica cosa vitale è la presenza di Di, la giovane massaggiatrice stretta fra i capricci dei ricchi pur di trovare scampo – per se stessa e per sua madre Arma – alla miseria più nera, che fa urlare la fame come una bestia feroce nello stomaco.
Con la stessa miseria deve combattere Nora, vittima delle avances del marito della signora Aneva e di Gozo, il proprietario dello squallido locale dove lavora come cameriera.Cinismo e ingenuità, rabbia e rassegnazione compongono l’universo umano di questo romanzo che, lontano da ogni retorica, restituisce il quadro di una spietata lotta per la sopravvivenza.
Zdravka Evtimova è nata nel 1959 a Pernik, in Bulgaria, dove vive e lavora. È autrice di romanzi e racconti, molti dei quali tradotti e pubblicati all’estero. Ha vinto diversi premi letterari (fra cui il prestigioso Premio Balkanika) e oltre che scrittrice è anche traduttrice dall’inglese, dal francese e dal tedesco. Con Sinfonia nel 2015 si è piazzata tra i finalisti alla prima edizione del Premio Sinbad – Premio internazionale degli editori indipendenti Città di Bari, nella sezione narrativa straniera.
Zdravka Evtimova Collana: Nadir 54 Categoria: letteratura balcanica Pagine: 252 ISBN 978-88-497-0599-7 € 16,00 (foto: sinfonia)

Posted in Cronaca/News, recensione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libri: la vita dell’eroe di Ron Kubati

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 maggio 2016

la vita dell'eroeL’occupazione fascista, la guerriglia partigiana e poi l’instaurazione di un governo comunista. Nel giro di pochi anni, a metà del XX secolo, l’Albania viene attraversata da radicali cambiamenti che incidono profondamente sul tessuto sociale e culturale, trasformando la nazione da paese feudale, tradizionalista e religioso, in uno stato laico dove anche le minoranze a lungo sottomesse sono in cerca di una rapida emancipazione.È nel contesto di questa intensa fase che si svolge la vicenda di Sami Keçi, l’eroe del nuovo romanzo di Ron Kubati. Rampollo di una famiglia benestante di Tirana, Tomtuleri, come viene soprannominato dai compagni con il nome storpiato di un famoso attore di quegli anni, ben presto si unirà alle file dei partigiani, divenendo uno degli esponenti di spicco della resistenza; al suo fianco l’amico di sempre, Demi, e la sorella di questo, Ana.La guerra porterà scompiglio nelle vite dei tre personaggi, sconvolgendole nel profondo: nel turbine degli eventi e delle emozioni che questi alimentano, l’amore impossibile e clandestino di Sami e Ana e l’amicizia con Demi verranno travolti. Al termine della guerra per l’eroe si aprirà una nuova fase della sua storia, nel cuore dei servizi segreti del governo comunista, e nel tentativo di sopravvivere a un matrimonio fallimentare attraverso la relazione con la jevg Vera. Nelle pieghe delle intricate vicende che caratterizzano la storia albanese del dopoguerra, nelle imprevedibili svolte nei rapporti tra la Jugoslavia di Tito, Stalin, la dirigenza comunista dell’Albania e i piani dell’Occidente di rovesciare il regime, si svolge la trama di questo romanzo intenso e delicato: Ron Kubati, con abilità e maestria, ci racconta una pagina spesso trascurata della storia del “Paese delle aquile”, portandoci dentro le vite di quanti hanno contribuito a realizzare questa storia e da essa sono stati trascinati.
Ron Kubati è nato a Tirana. Nel 1991 è arrivato a Bari, dove ha conseguito una laurea e un dottorato di ricerca in Filosofia moderna e contemporanea. In Albania ha pubblicato la raccolta di poesie Midis shpresës dhe ëndrrës (Tra speranza e sogno,1992), mentre in Italia sono usciti i romanzi Il buio del mare (Giunti 2007), Va e non torna (Besa 2010) ed M (Besa 2011). Ha scritto inoltre numerosi saggi e racconti apparsi in volumi collettivi e ha collaborato con riviste e quotidiani (“La Gazzetta del Mezzogiorno”, “la Repubblica” e “Internazionale”). Nel 2008 si è trasferito negli USA. All’Università di Chicago ha conseguito un Ph.D. in Italian Studies. Attualmente vive a Princeton. Collana: Nadir 47 Categoria: letteratura migrante Pagine: 124 ISBN 978-88-497-1037-3 € 13,00 (foto: la vita dell’eroe)

Posted in Cronaca/News, recensione | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

KIRON cafè la commedia del Centauro e altre storie

Posted by fidest press agency su lunedì, 9 maggio 2016

kironRoma Mercoledì 11 maggio 2016 – ore 21 Teatro Parioli Peppino De Filippo Via Giosuè Borsi, 20 (da mercoledì 11 a sabato 14 maggio), va in scena KIRON CAFE’ – la commedia del Centauro e altre storie, uno spettacolo per danza, musica, teatro interpretato da un affiatato ensemble di danzatori, attori e cantanti di pregiatissimo livello: Giuseppe Bersani, Carlotta Bruni, Marta Cirello, Eugenio Dura, Tiziana D’Angelo, Luna Marongiu, Rosa Merlino, Mario Brancaccio e Sebastiano Tringali accompagnati dalla musica dal vivo di Marcello Fiorini e Antonio Pellegrino.Lo spettacolo si ispira alle opere di Ovidio, Dante e Omero attraverso il mito e affronta il tema dei profughi non solo come migrazioni geografiche ma anche come rischio per le identità culturali del Mediterraneo. La vicenda si svolge in un caffè sperduto negli altopiani dell’Anatolia, tenuto da due improbabili gestori: Il Centauro Kirone e Prometeo, accomunati da una generosità “mitica”verso dei e semidei, il primo e uomini, il secondo.
Il caffè Kiron – dice Aurelio Gatti, regista e coreografo dello spettacolo – abbiamo immaginato sia un luogo/spazio che si trova in una striscia di confine tra Europa ,Asia e Mediterraneo, frontiera tra occidente e povertà, tra mondi senza transito …. Turchia e Bulgaria (come racconta il mito) , ma anche Grecia e Macedonia … Luogo di passaggio di una marcia ininterrotta, di profughi-migranti (oramai la distinzione tra chi scappa per guerra o per fame, o per tutte e due è fuori luogo…) che arrivano da lontano. Accanto a “ignoti”ridotti a fuggiaschi della propria terra e della propria storia, anche Aiace, Achille, Aristeo, Asclepio, Enea, Eracle, Fenice, Giasone, – tanti e più sono gli allievi del Centauro Kirone, anch’essi profughi ed eredi “dismessi” da una civiltà millenaria come quella del Mediterraneo.
Una riflessione “altra” sul tema della migrazione, questione culturale prim’ancora che economica o sociale, e che attraverso la scena restituisce umanità ad un ambito molte volte ridotto e concluso nella cronaca e al contesto. Una produzione realizzata da T.T.R. in collaborazione con MDA Produzioni. (foto: kiron)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »