Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 11 Mag 2016

A Palazzo Isimbardi in mostra giovani eccellenze dell’arte contemporanea

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 Mag 2016

arte contemporaneaMilano Palazzo Isimbardi, Via Vivaio 1 dal 11 al 20 maggio 2016 dalle 10 alle 18 dal lunedì al venerdì. La Sala Affreschi di Palazzo Isimbardi e l’inaugurazione della mostra internazionale “A chi parla l’arte contemporanea?” sono stati la cornice del 4° Premio cramum, vinto da Matteo Fato con la sua opera Cose Naturali. L’artista, nato nel 1979 a Pescara, dove vive e lavora, è diplomato in Pittura presso l’Accademia di Belle Arti di Urbino, dove è docente dal 2003.L’inaugurazione si è aperta con una sorpresa per i 10 finalisti: l’annuncio che il vincitore, chiunque esso fosse, prenderà parte della mostra internazionale OLTRE ROMA che si terrà a Palazzo Falconieri di Roma a novembre, curata da Sabino Maria Frassà. Tra gli artisti in mostra a Roma ci saranno nomi di richiamo come Alberto di Fabio, HH Lim, Franco Mazzucchelli e Magdalena Abakanowicz. Matteo Fato comincia così da subito il percorso di affiancamento e crescita professionale che si concluderà tra due anni con una mostra site-specific personale allo Studio Museo Francesco Messina di Milano.Prima di Matteo Fato, Daniele Salvalai, Paolo Peroni e Francesca Piovesan hanno vinto il premio cramum.
Il Premio cramum, diretto anche questa edizione da Sabino Maria Frassà, è promosso dalla Fondazione Giorgio Pardi e dall’Associazione cramum ed ha come scopo di sostenere i migliori giovani artisti in Italia e colmare il grave gap generazionale che affligge sempre più l’Italia. I 10 finalisti presenti a Palazzo Isimbardi fino al 20 maggio sono al fianco di 10 “maestri” dell’arte contemporanea come Ulla von Brandenburg, Szilárd Cseke, Emilio Isgrò, Andi Kacziba, Lin Ylin, Urs Luthi, Luigi Presicce, Laura de Santillana, Paolo Peroni, Francesca Piovesan.La Giuria del premio ha analizzato le opere dei 10 finalisti: Gianluca Brando, Gianni Colangelo, Max Coppeta, Flora Deborah, Donatella De Rosa, Isabella Fabbri, Matteo Fato, Fabrizio Milani, Giuliana Storino, Kwangwoo Han.
Vince Matteo Fato con la sua opera Cose naturali. che affronta l’analisi di un “oggetto” che si fa parola. L’oggetto viene scomposto e ricomposto attraverso la sua osservazione per mezzo di vari linguaggi. La pittura è lo spazio che rende reale la “voce” dell’immagine. E’ un tentativo di mettere in scena un allestimento per la pittura. Una natura morta del linguaggio, una cosa naturale della parola. (foto: arte contemporanea)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Miami Mid-Market Properties Post Double-Digit Sales Growth in 1Q

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 Mag 2016

miamiMIAMI — Mid-market single-family homes and condominiums registered double-digit sales growth as prices for all Miami existing properties rose for the 17th consecutive quarter, according to a new report by the MIAMI Association of REALTORS® (MIAMI) and the local Multiple Listing Service systems.The $200,000 to $600,000 single-family home sector posted a 10.6 percent year-over-year sales increase in the first quarter of 2016. The sector, which comprised 59.5 percent of all Miami single-family closed sales last quarter, had 1,765 sales in 1Q 2016 versus 1,596 in 1Q 2015. In existing condos, the $150,000 to $300,000 price range registered a 12.8 percent sales increase, growing from 1,148 to 1,295. The sector comprised 38.9 percent of all existing condo closed sales last quarter.“Miami real estate priced in the mid-market continues to be a major attraction for home buyers from all over the world,” said Mark Sadek, the 2016 MIAMI Chairman of the Board. “Today’s historic-low mortgage rates and South Florida’s diversified and growing job market are encouraging more consumers to purchase property in one of America’s most dynamic cities.” According to Freddie Mac, the interest rate for a 30-year fixed-rate mortgage averaged 3.74 percent for 1Q 2016, slightly up from the 3.72 percent average recorded during the same quarter a year earlier.Total existing Miami-Dade County residential sales — which posted a record year in 2013 and near record years in 2014 and 2015 — declined 8.9 percent year-over-year in the first quarter of 2016, from 6,908 sales to 6,294.
Single-family home sales — which have posted three consecutive years of record sales — declined 6.8 percent in 1Q 2016, from 3,184 to 2,968. Existing condo sales fell 10.7 percent, from 3,724 to 3,326. Existing condos are competing with a robust new construction market, which continues to add inventory.The median price for single-family homes in Miami-Dade County increased to $275,000 in the first quarter, a 10 percent jump from $250,000 in the same period last year. The median price for existing condominiums increased 4.3 percent year-over-year from $198,000 to $206,450.All Miami-Dade County residential properties have now seen 17 consecutive quarters of price growth, a span stretching more than four years. Despite the steadfast growth, Miami prices remain at 2004 levels.Miami’s residential properties remain more affordable than other global cities, according to the National Association of Realtors 2015 Profile of Home Buying Activity of International Clients. NAR analyzed the cost of a 120-square meter condo in a number of foreign cities based on prices reported in the Global Property Guide. A 120-square meter condo in Miami-Fort Lauderdale-Miami Beach cost $149,900 on average. The price for the same condo in London ($960,840), Hong Kong ($776,280), and New York ($1.6 million) were at least five times higher.Nationally, the median existing single-family home price in the first quarter was $217,600, up 6.3 percent from the first quarter of 2015 ($204,700), according to NAR. The national median existing-condo price was $204,700 in the first quarter, up 5.8 percent from the first quarter of 2015 ($193,500).Statewide, the median sales price for single-family existing homes in 1Q 2016 was $203,500, up 11.8 percent from the same time a year ago, according to Florida Realtors. The Florida median price for condos during the quarter was $153,000, up 5.5 percent over the year-ago figure.Nationally, total existing-home sales for single-family and condominiums rose 1.7 percent to a seasonally adjusted annual rate of 5.29 million in the first quarter from 5.20 million in the fourth quarter of 2015, and are 4.8 percent higher than the 5.05 million pace during the first quarter of 2015, according to the National Association of REALTORS®.Statewide, closed sales of single-family homes statewide totaled 57,913 in 1Q 2016, slightly up (0.3 percent) over the 1Q 2015 figure, according to Florida Realtors. Florida’s townhome-condo market totaled 24,534 during 1Q 2016, down 6.1 percent compared to 1Q 2015.
Seller confidence in Miami’s housing market continued to expand in the first quarter. Miami real estate had 20,446 active listings in the first quarter, a 13.3 percent increase from the 18,046 listings at the same time last year.The inventory for single-family homes increased 8.2 percent, from 6,004 to 6,494. Miami existing condo inventory grew 15.9 percent, from 12,042 to 13,952.The Miami single-family home sector is in a seller’s market, while existing condos are in a buyer’s market. At the current sales pace, the number of active listings represents 5.7 months of inventory for single-family homes and 10.8 for condominiums. A balanced market between buyers and sellers offers between six and nine months of supply inventory.
The median time to contract for single-family home listings was 59 days, a 15.7 percent decrease from 70 days in 1Q 2015. The median time to contract for existing condos was 72 days, a 10 percent decrease from 80 days in 1Q 2015.The median number of days between the listing date and closing date also declined for all properties. The median time to sale for single-family homes decreased 7.1 percent, from 126 days to 117. The median time to sale for existing condos fell 4 percent, from 125 days to 120.Miami continues to register more than double the U.S. average of residential cash buyers. About 51 percent of Miami closed sales in the first quarter of 2016 were all cash. About 25 percent of U.S. home properties are made in cash, according to the latest NAR statistics. About 56.4 percent of all Miami housing transactions were made in cash in 1Q 2015.Statewide, cash sales represented 43 percent of all closed sales in the first quarter of 2016, down from 49.5 percent during the same period last year.About 65.3 percent of all Miami existing condo sales are made in all-cash. In the single-family sector, about 35 percent of all transactions are made in cash. The high percentage of cash buyers reflects Miami’s top position as the preeminent American real estate market for foreign buyers, who tend to purchase with all cash.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

New online free course on opinion polls media reporting

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 Mag 2016

European Journalist centreAAPOR, ESOMAR and WAPOR have collaborated to launch the first-ever international online training tool for journalists to help improve media reporting about polls and survey results around the world. Aimed at journalists, media students, bloggers, voters and anyone who wants to know why polls work and how they are conducted, the course is hosted by Poynter, which provides online training for journalists. Thanks to AAPOR, ESOMAR and WAPOR funding, the course is available free of charge.This course will help journalists understand and interpret opinion polls to ensure their reports are as objective as possible and identify what they need to know about a study so they can more critically assess poll quality. The study of people’s attitudes and beliefs about political and social issues often deals with highly contentious subjects such as immigration and voting intentions that arouse huge public interest. Properly conducted opinion polls use statistical methods to provide the public, politicians and the media with objective measures of people’s attitudes and intentions, allowing the voice of the general public to be heard. They also help guide policy by giving decision-makers impartial and unbiased information about what the public wants.
Mollyann Brodie, President of AAPOR, said “This international course will help journalists understand why the questions asked, the type of people who were included in the survey and the timing of the poll can all impact the poll results. This will improve their ability to interpret the results and ensure professional and unbiased reporting.” Finn Raben, Director General of ESOMAR, speaking on behalf of the ESOMAR Council, added “The course will also help journalists explain why polls covering the same election can produce different results or why the outcome of an election might deviate from the result ‘predicted’ by the polls. We also believe that it is important that journalists check which polls they should be more cautious about reporting.”
Patricia Moy, President of WAPOR, said “Polls can also signal to journalists emerging political concerns. This is incredibly important during an election campaign when candidates are running neck-to-neck. We hope journalists all over the world will sign up and learn more about how to report on opinion polls.” The content is based on a course originally developed for the US by AAPOR. It has been updated to cover the latest methodologies including online polls, and expanded with examples from all over the world for international coverage.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Shaping the Future of Construction”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 Mag 2016

World Economic Forum,Tarkett, a global leader in innovative and sustainable solutions for flooring and sports surfaces, is one of the contributors to a new report published today by the World Economic Forum, exploring the future potential of the global engineering and construction industry, “Shaping the Future of Construction: A Breakthrough in Mindset and Technology”. The report was prepared in collaboration with The Boston Consulting Group. “Shaping the Future of Construction” is part of the Forum’s Industry Agenda project in which business leaders explore how the engineering and construction sector can drive sustainable business growth. The study has developed an ‘industry transformation framework’ to point to specific and practical developments and actions under several broad areas such as technology, materials and tools and cross-industry collaboration.The report notes the impact the industry already has on commerce, society and the environment. With an annual revenue of $10 trillion it represents 6% of global GDP, accounts for 25-40% of global carbon emissions and consumes vast quantities of natural resources such as 50% of world steel production every year. The new study explores ways in which digital technology, lean management, circular economics and cross-industry collaboration can unleash new revenue and societal and environmental benefits.The study also underlines that the materials that make up the built environment have a profound effect on the health and wellbeing of its occupants, citing the fact that in the US, Volatile Organic Compounds (VOCs) are two to five times higher indoors than outside. Linked to this, the report refers to various examples of Advanced Building Materials (ABMs) including Tarkett’s 100% recyclable vinyl flooring, iQ Natural, which uses bio-based plasticizers and has Total Volatile Organic Compounds (TVOC) 100 times below the strictest standards.The report further refers to the challenges of urbanization and the growth of an ageing population and discusses the potential impact of the circular economy in this sector, where resources would be used more effectively and materials and product design would take fully into account the importance of health and wellbeing in the built environment, where people spend around 90% of their time.The case on Tarkett’s circular economy transition highlights the development of its closed-loop circular design system. It refers to Tarkett’s selection of ‘good’ materials, ensuring a positive impact on health and wellbeing and the environment as well as its efforts to improve energy and water efficiencies. The report also stresses the importance of collaboration, including the example of Desso – a Tarkett company – working closely with one of its yarns suppliers to turn post-consumer carpet fibers into new yarn.“The WEF project on the Future of Construction is showing how innovative thinking and practice can unlock great new potential to deliver powerful economic growth whilst paying attention to our shared responsibilities to society and the environment,” says Remco Teulings, President EMEA, Tarkett Group, and Steering Committee member of the Future of Construction.The World Economic Forum brings together the foremost political, business and other leaders of society to shape global, regional and industry agendas at international summits. Tarkett joined WEF as a Partner Company in January 2016, contributing to the forum’s discussions through a dual membership, engaging in both the Global Challenge initiative on the ‘Environment and Natural Resource Security’ and as an Industry Partner for ‘Infrastructure and Urban Development’.
With net sales of 2.7 billion euros in 2015, Tarkett is a global leader in innovative and sustainable solutions for flooring and sports surfaces. Offering a wide range of products including vinyl, linoleum, carpet, rubber, wood & laminate, synthetic turf and athletic tracks, the Group serves customers in more than 100 countries worldwide. With 12,000 employees and 34 industrial sites, Tarkett sells 1.3 million square meters of flooring every day, for hospitals, schools, housing, hotels, offices, stores and sports fields. Committed to sustainable development, the Group has implemented an eco‐innovation strategy and promotes circular economy. Tarkett is listed on Euronext Paris (compartment A, ticker TKTT, ISIN: FR0004188670). http://www.tarkett.com.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

New partnership with luxury sportscar manufacturer Aston Martin and motorsport arm Aston Martin Racing

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 Mag 2016

aston martinAston Martin and Total have signed a global partnership agreement. Total will become an energy partner to Aston Martin throughout 2016 and 2017, providing its products to the luxury British marque and its official motorsport outfit; Aston Martin Racing.As part of the agreement, Total will support Aston Martin Racing throughout the FIA World Endurance Championship (WEC), becoming the “Official Lubricant and Technical Partner” of Aston Martin Racing. With 45 years of R&D and experience in the area of motor racing, Total has developed lubricants, greases, fluids and special additives of high quality and technical performance.All three V8 Vantage GTE cars entered by Aston Martin Racing in this year’s WEC will race with Total lubricants and, for the first time outside of Formula 1, Total will provide a mobile laboratory and technical support with a dedicated engineer present at each WEC race event.
Total and Aston Martin will also explore options for further opportunities to utilise the energy supplier’s Total Excellium products.
Pierre Duhot, General Manager Automotive Division at Total Lubrifiants said: “Above 250 researchers are working at Total to develop high end fuels and lubricants. We are proud to work closely with Aston Martin and to contribute to their racing successes. Being passionate and pushing the technical boundaries to new heights is something we share with such a legendary and premium brand as Aston Martin. We are delighted to provide our products, our support and our technical know-how to Aston Martin Racing.”
David King, Vice President & Chief Special Operations Aston Martin commented: “Aston Martin is a global luxury brand and it is important that it continues to work with only the best from around the world. We recognise Total as a leading player in the automotive fuel and lubricant arena and we very much look forward to working with them, to achieve success both on and off the track”
Founded in 1913, Aston Martin is an iconic sports car marque of unrivalled heritage that has now entered its second century. With fresh investment, a new Chief Executive Officer in Andy Palmer and the strongest model line-up in the company’s history, the British luxury brand is looking forward to an exciting future. The company boasts state-of-the-art headquarters in Gaydon, UK, combining cutting-edge technology with hand-craftsmanship and traditional techniques. Each car is the essence of Power, Beauty and Soul.
Total is a global integrated energy producer and provider, a leading international oil and gas company, and the world’s second-ranked solar energy operator with SunPower. Our 100,000 employees are committed to better energy that is safer, cleaner, more efficient, more innovative and accessible to as many people as possible. As a responsible corporate citizen, we focus on ensuring that our operations in more than 130 countries worldwide consistently deliver economic, social and environmental benefits. http://www.lubricants.total.com (foto: aston martin)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Toulouse Business School lancia un blog di ricerca dedicato a decisori e analisti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 Mag 2016

bullesTolosa, Maggio 2016. Perché le aziende cinesi stanno comprando i mercati europei? Come sono coinvolti i traders nella formazione di bolle speculative? Quanto può essere efficace la cattura del carbonio contro il riscaldamento globale? Qual è l’impatto reale dei Big Data sul management? Questi e molti altri i temi di ricerca dei 91 docenti del Centro di Ricerca della Toulouse Business School. Oltre alla sua principale missione di produrre nuove conoscenze che vengono utilizzate nei corsi dispensati nei suoi vari programmi, la Toulouse Business School si è fissata l’obiettivo di diffondere i risultati della ricerca del suo corpo docente ad un pubblico più vasto ed il blog TBSearch è nato proprio per servire questa ambizione.Attualmente 91 professori lavorano su ricerche nell’ambito del management. Essi comunicano i risultati del loro lavoro attraverso le più prestigiose riviste scientifiche e conferenze accademiche.
“L’obiettivo fondamentale della nostra attività di ricerca è quello di identificare le leve che i manager e i dirigenti possono utilizzare per creare valore per tutti gli stakeholder di un’azienda. Esse hanno inoltre lo scopo di contribuire all’efficacia delle politiche pubbliche, in quanto si basano sul contesto economico”, spiega Denis Lacoste, direttore della ricerca presso la Toulouse Business School.L’ambizione del blog, attraverso le sue versioni in lingua francese, inglese e spagnola, è quello di espandere la portata della ricerca ad un pubblico più vasto interessato a economia e management: dirigenti, manager, analisti e giornalisti economici.In quanto canale di informazione online ad accesso libero, Tbsearch fornisce analisi sulle ultime notizie d’attualità da parte di esperti, oltre che le loro ricerche. Gli articoli sono scritti in un formato breve e accessibile e presentati su un’interfaccia grafica semplice ed efficace.
Fondata nel 1903 dalla Camera di Commercio e dell’Industria di Tolosa, la Toulouse Business School ha tre campus (Tolosa, Barcellona e Casablanca) e due siti a Parigi e Londra. La TBS offre un ampio portafoglio di lauree triennali e formazioni post-laurea, nonché un DBA per i dirigenti e programmi su misura a seconda delle esigenze dei singoli partecipanti. La scuola forma i manager e i business leaders di domani. I programmi della TBS sono focalizzati principalmente su finanza, strategia, marketing, contabilità, consulenzane risorse umane, ma anche sulla cultura, le scienze umane e l’imprenditorialità. Immersa nella regione francese Midi-Pyrénées, la TBS sta creando programmi specifici per l’industria aerospaziale, alimentare e sanitaria. La Toulouse Business School è una delle poche business school che detiene il triplo accreditamento EQUIS, AMBA e AACSB. Aperta al mondo, la TBS ha firmato oltre 160 accordi di scambio con università in tutti i continenti, la scuola conta ad oggi 80 nazionalità nei suoi diversi campus. (foto: bulles)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Buone notizie per l’Amazzonia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 Mag 2016

amazzonia

Logged area in the Amazon rainforest to clear land for soya plantations. Greenpeace document a number of geographical locations in the Amazon, looking at the impacts of deforestation on various aspects of forest life. They look at people, natural wildlife and the landscape which has drastically altered as huge areas are cleared to meet agricultural demand. Soya plantations are the leading cause of deforestation in the region.

amazzonia1

Soya beans in the hands of Nilo Davila, a Greenpeace Amazon Campaigner, in a soya plantation.

La moratoria sulla coltivazione della soia negli Stati dell’Amazzonia brasiliana, avviata dieci anni fa su iniziativa di Greenpeace, prorogata finora di anno in anno, è diventata permanente. “Questo definitivo rinnovo della moratoria garantisce a produttori e rivenditori di potersi approvvigionare di soia che non contribuisce alla deforestazione in Amazzonia, anche in tempi di crisi ambientale e politico-economica in Brasile” afferma Chiara Campione, responsabile della campagna Foreste di Greenpeace Italia.
Greenpeace è tra le firmatarie, insieme ad altre realtà della società civile, dell’industria e del governo brasiliano, dell’accordo che garantisce che la soia non è frutto della deforestazione, di pratiche schiavili e di minacce alle terre indigene. Questo legume è in testa alle commodities agricole brasiliane più esportate, per un fatturato di oltre 31 miliardi di dollari nel 2015. Dalla firma della moratoria, l’area coltivata a soia negli Stati dell’Amazzonia brasiliana è cresciuta da oltre un milione di ettari a 3,6 milioni, con appena lo 0,8 per cento di crescita in aree di recente deforestazione. “Questo aumento elevato della produzione, pur nel rispetto della moratoria, è la prova di quanto fare a meno di distruggere la foresta sia un buon affare” commenta Campione.
Deforestazione Zero è parte degli obiettivi fissati dalle Nazioni unite e sottoscritti da numerosi Paesi, tra cui il Brasile: la moratoria sulla soia è uno dei migliori esempi di come possa essere un obiettivo raggiungibile. Greenpeace continuerà a battersi per quest’obiettivo oltre che contro i cambiamenti climatici, l’altra grande minaccia alle ultime grandi foreste del pianeta. (foto: amazzonia)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Prodotti falsi smascherati da 450 studenti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 Mag 2016

premiatiFirenze circa 450 studenti, appartenenti a 23 classi di otto scuole superiori del territorio fiorentino hanno spiegato – prima di tutto ai loro coetanei – che l’alterazione di cibi e prodotti genera danni sociali, economici e alla salute. Lo hanno fatto con 18 lavori originali fra i quali video, slides e poster digitali, che sono stati presentati al cinema teatro Odeon nel corso di una lezione-spettacolo curata dall’Osservatorio anti-contraffazione della Camera di Commercio di Firenze e nella quale è andato anche in scena lo show SostEdibile sul consumo consapevole e la lotta alle frodi alimentari.«Oggi le produzioni illegali provocano pesanti danni sociali ed economici, minano la nostra salute e contribuiscono al proliferare di gestioni criminali in tanti settori – ha sottolineato Leonardo Bassilichi, presidente della Camera di Commercio di Firenze durante l’evento -.
Sono i ragazzi la nostra diga contro l’illecito, se diventano testimonial del consumo consapevole e delle minacce della contraffazione offrono la miglior garanzia per provare a debellare questa piaga». Se l’importanza della lotta alla contraffazione di tutte le istituzioni insieme è stata sottolineata in apertura di evento dal prefetto di Firenze, Alessio Giuffrida, nello spettacolo di Andrea Segrè, con la partecipazione di Tiziana Masi, sono state messe in scena le differenze fra chi adotta consumi consapevoli e chi non rispetta le regole, adoperando e vendendo prodotti dannosi. Il prefetto Giuffrida ha poi lanciato la proposta di un protocollo contro la contraffazione alimentare fra Prefettura e Camera di Commercio di Firenze per contrastare meglio il fenomeno dell’illegalità in produzioni tipiche del nostro territorio. L’idea, subito raccolta da Bassilichi, diventerà operativa nelle prossime settimane.I veri protagonisti della mattinata sono stati i ragazzi con i loro lavori anti-falsi, prodotti dopo un ciclo d’incontri organizzati in classe dall’Osservatorio anti-contraffazione. E’ stata una giuria di esperti poi a selezionare i lavori: il primo premio è andato agli studenti della quinta A, quinta B e quarta A della Enriques di Castefiorentino con un poster digitale che riprende una famosa opera di Renè Magritte, traslata nell’ambito della contraffazione; seconda classificata la quarta B turismo dell’Istituto Fermi di Empoli con un video in stile Le Iene che denuncia i fake fra i giovani; terzo posto per la quinta A-eno dell’Istituto Buontalenti di Firenze con una tavola grafica sulla corretta etichettatura delle bottiglie d’olio. Riconoscimento speciale per la quinta B dell’Istituto Buzzi di Prato con un poster digitale che ha come protagonista Willy il Coyote, testimonial involontario dei danni provocati dalla contraffazione. Applauditi anche i lavori delle altre scuole che hanno partecipato al progetto: l’Istituto Tecnico Agrario Statale di Firenze, l’IIS Cellini di Firenze, l’IIS Giotto Ulivi di Borgo San Lorenzo e l’ISIS Gobetti Volta di Bagno a Ripoli. Tutti i lavori saranno visibili sul sito e sulla pagina Facebook della Camera di Commercio di Firenze: una speciale votazione online sarà aperta fra poche ore con l’obiettivo di condividere il più possibile queste opere anti-contraffazione degli studenti. «La contraffazione è il male che distrugge il nostro made in Italy – ha commentato Franco Baccani, presidente dell’Osservatorio anti-contraffazione della Camera di Commercio di Firenze -. Ecco perché assume un ruolo ancora più fondamentale l’impegno dell’Osservatorio anti-contraffazione. E ancora di più il lavoro fatto con i ragazzi delle scuole, perché possono essere loro i primi portatori di una cultura della legalità che si afferma e accresce anche attraverso la promozione dell’acquisto consapevole, ovvero consapevole delle scelte esplicite ed implicite che si compiono quando si acquista un prodotto. E quindi, di quel mondo, di quella cultura, di quel valore, non solo economico, che c’è dietro a ogni prodotto che è dato dalla sintesi della qualità dei materiali, della ricerca, della creatività, dell’innovazione nelle tecniche di produzione, del rispetto di regole e norme che tutelano i lavoratori che lo producono». (foto: premiati)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dichiarazione delle aziende farmaceutiche, biotecnologiche e diagnostiche sulla lotta alle resistenze batteriche agli antibiotici

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 Mag 2016

resistenza microbicaIl fenomeno della resistenza agli antibiotici minaccia la salute dell’uomo ed è una delle maggiori sfide di salute pubblica, tanto da diventare priorità dei Governi di tutto il mondo. Nel corso del World Economic Forum di Davos che vede riuniti ogni anno politici, economisti, scienziati e rappresentanti della società civile, è stata presentata la “Declaration by the Pharmaceutical, Biotechnology and Diagnostics Industries on Combating Antimicrobial Resistance”.
Il documento è stato sottoscritto da oltre 80 aziende produttrici di farmaci, medicinali generici, biotecnologie e dispositivi diagnostici e da organismi di settore di 18 Paesi.
resistenza microbica3L’obiettivo del documento è sollecitare i Governi e le imprese a intraprendere un’azione sinergica e globale di investimenti per combattere il preoccupante e crescente fenomeno dell’antibiotico-resistenza. Tre i punti cruciali in cui si articola la Dichiarazione:
arginare il fenomeno della resistenza;
aumentare gli investimenti in ricerca e sviluppo di nuovi e più potenti antibiotici;
garantire un accesso universale ai nuovi farmaci.
Le aziende firmatarie reputano indispensabile un’azione comune fondata su alcuni principi fondamentali che rendano più appropriato l’uso degli antibiotici già disponibili e sostengano lo sviluppo di nuove molecole, vaccini, strumenti diagnostici e altri prodotti per la prevenzione e trattamento delle infezioni resistenti ai presidi terapeutici già disponibili.
Per favorire la ricerca e lo sviluppo di nuovi antibiotici, le aziende chiedono:
una riforma del mercato, sostenuta dai Governi, per favorire – attraverso incentivi adeguati – l’investimento in R&S delle aziende del farmaco in questa area;
meccanismi atti a far si che il prezzo degli antibiotici rifletta adeguatamente i benefici che i nuovi farmaci possono avere in termini di salute pubblica;
modelli innovativi di remunerazione che riducano il legame tra redditività di un antibiotico e il volume venduto, favorendo in questo modo una riduzione delle necessità di investimenti in attività promozionali da parte delle aziende.
Le aziende, d’altra parte, si impegnano:
a sostenere le iniziative del Piano di azione globale contro l’antibiotico-resistenza messo a punto dall’OMS per un utilizzo più appropriato dei farmaci già disponibili promuovendo anche progetti formativo-educazionali dei medici in modo da evitare un uso improprio;
a estendere la collaborazione tra privati, enti pubblici e mondo accademico per abbattere le barriere e coordinarsi in maniera più efficace al fine di individuare e aprire nuove linee di ricerca;
a mantenere i costi dei nuovi antibiotici accessibili a tutti e in ogni parte del mondo anche nelle fasce di reddito più svantaggiate.
La Dichiarazione di Davos verrà aggiornata ogni due anni sulla base dell’evoluzione delle condizioni globali dei focolai resistenti agli antibiotici e alle priorità che si presenteranno di volta in volta.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dichiarazione dei Ministri della Salute del G7 sulle resistenze antimicrobiche

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 Mag 2016

resistenza microbica2I Ministri della Salute del G7 riunitisi a Berlino l’8 e il 9 ottobre 2015 per affrontare il tema delle resistenze antimicrobiche e dell’epidemia di Ebola, in continuità con gli impegni presi nel corso del G7 di giugno, hanno sottoscritto la “Dichiarazione di Berlino sull’antibiotico-resistenza”. Nella loro dichiarazione, i Ministri definiscono le resistenze antimicrobiche (AMR) una minaccia per la salute globale per i Paesi di tutto il mondo. In assenza di un intervento tempestivo ed appropriato, sarà inevitabile una drammatica perdita di efficacia delle terapie antibiotiche. L’infezione causata da batteri multiresistenti comporta tempi prolungati di trattamento, mortalità più elevata, oneri pesanti per i sistemi sanitari e un impatto negativo sull’intero scenario delle economie nazionali: rispetto a una normale infezione, un’infezione antibiotico-resistente comporta costi sanitari aggiuntivi compresi tra 10.000 e 40.000 dollari. Le infezioni resistenti, ai livelli attuali, potranno causare una grave contrazione del prodotto interno nei Paesi OCSE pari al 0,03% nel 2020, 0,07% nel 2030 e 0,16% nel 2050, con una perdita cumulativa di circa 2,9 milioni di miliardi di dollari.
Nella Dichiarazione, i Ministri sottolineano la necessità e l’urgenza di una crescente integrazione tra iniziative pubbliche e private di lotta al fenomeno della AMR e un loro coordinamento con azioni promosse in questo ambito dalle diverse organizzazioni internazionali. Il problema della multiresistenza riguarda diversi aspetti multisettoriali e interdisciplinari e vede coinvolti diversi settori della salute umana e animale, l’agricoltura, l’ambiente e la ricerca.
resistenza microbica4È fondamentale un approccio integrato basato sul miglioramento della prevenzione e del controllo, la salvaguardia dell’efficacia degli antibiotici esistenti e futuri, l’impegno nella ricerca per sviluppare nuovi antimicrobici, vaccini, trattamenti alternativi e strumenti di diagnosi precoce.
Coerentemente a un approccio di “One Health” i Governi sono disponibili a rivedere ciascuno il proprio piano d’azione nazionale tenendo conto del Piano d’azione globale messo a punto dall’OMS e a sostenere gli altri Paesi nello sviluppo dei piani d’azione, allo scopo di contribuire a costruire una capacità globale di affrontare il problema, condividendo le best practices raccolte nel documento “La lotta alla resistenza antimicrobica, esempi di migliori pratiche dei Paesi del G7”.
I Paesi del G7 aumenteranno gli sforzi su nuove o esistenti iniziative quali, ad esempio, “La settimana mondiale degli antibiotici” dell’OMS, per promuovere una crescente presa di coscienza dell’opinione pubblica sulla gravità del fenomeno delle resistenze agli antibiotici.
È previsto un rafforzamento dei programmi per medici e veterinari sulla gestione del farmaco antibiotico e sulla salvaguardia dell’efficacia per ridurne l’uso inappropriato. Nell’ottica di un uso prudente degli antibiotici, tutti i Paesi sono invitati a rendere disponibili questo tipo di farmaci solo dietro prescrizione, medica o veterinaria.
Per migliorare la capacità di comprensione del fenomeno dell’antibiotico-resistenza è necessario migliorare anche i sistemi di comparabilità dei dati sul consumo e l’utilizzo degli antibiotici e la prevalenza di AMR nella popolazione attraverso un rafforzamento e ampliamento dei sistemi di sorveglianza nazionali e internazionali. I Paesi del G7 lavoreranno in collaborazione con l’OMS per promuovere una rete globale di ricercatori, esperti del mondo accademico, dell’industria, della salute, della sanità veterinaria, della sicurezza alimentare e dell’agricoltura, di agenzie regolatorie, organizzazioni filantropiche ed organizzazioni internazionali per favorire lo scambio di informazioni sulle attività di ricerca in corso, l’accesso alle competenze per i progetti finanziati e il mantenimento delle conoscenze acquisite. La Germania ha già fissato il primo incontro di esperti nel 2016-2017.
Il dialogo e la cooperazione internazionale sono essenziali per giungere alla convergenza e armonizzazione dei requisiti tecnici e degli studi necessari ai fini dell’approvazione di nuovi antibiotici e dell’accelerazione del processo per renderli più velocemente disponibili ai pazienti.
Coerentemente ad un approccio di intervento tempestivo, i Ministri del G7 hanno chiesto un incontro sulle AMR nell’ambito all’Assemblea generale dell’ONU che si terrà nel corso nel 2016, con l’intento di promuovere sul tema della resistenza antimicrobica una maggiore consapevolezza politica, un impegno e un ruolo guida dei capi di Stato, di Ministri e leader mondiali.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Resistenza agli antimicrobici (RAM): scenario ed epidemiologia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 Mag 2016

resistenza microbica11La scoperta degli antibiotici e la loro diffusa disponibilità dopo la seconda guerra mondiale hanno rivoluzionato la sanità. A ragione gli antibiotici sono considerati una delle scoperte mediche più rilevanti del XX secolo. Tuttavia, nel tempo molti batteri hanno imparato a difendersi da quegli stessi farmaci messi a punto per combatterli.
In anni recenti, il fenomeno della resistenza agli antimicrobici (RAM), chiamata antibiotico-resistenza quando è riferita specificamente alla resistenza dei batteri agli antibiotici, è cresciuto fino a diventare un problema drammatico, perché la velocità alla quale vengono scoperte nuove molecole è drasticamente ridotta, mentre l’impiego di antibiotici è in costante aumento in tutti i Paesi del mondo.La RAM si verifica quando un microrganismo diventa resistente a un farmaco che in origine veniva usato per trattare le infezioni causate da quello stesso germe che può essere un batterio, un virus, un parassita o un fungo. In generale, i batteri si dividono in due gruppi: i Gram-positivi e i Gram-negativi e la principale differenza tra questi è lo spessore della loro parete cellulare.
La RAM è divenuta un problema di sanità pubblica globale per una serie di motivi, primo tra tutti il crescente, spesso inappropriato, uso degli antibiotici. Questo fenomeno comporta una considerevole riduzione delle possibilità di prevenire e trattare una ampia gamma di infezioni microbiche della pelle, del tratto respiratorio, del sangue circolante e delle vie urinarie, in quanto i germi una volta diventati resistenti perdono la sensibilità al farmaco e si adattano al medicinale che usualmente viene impiegato per ucciderli.
Secondo recenti stime dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), i “superbug” saranno, nel 2050, la principale causa di morte. La RAM può mettere a repentaglio la maggior parte delle procedure mediche, come ad esempio un intervento di anca, con rischi molto elevati per i pazienti. Tutte le procedure dai trapianti d’organo, alla chemioterapia e chirurgia maggiore verrebbero compromesse gravemente senza la possibilità di attuare un efficace trattamento antibiotico.
Globalmente, le infezioni da germi antibiotico-resistenti rappresentano una emergenza sanitaria. Un problema gravissimo è rappresentato dalle infezioni intra-ospedaliere (HAIs) che riguardano l’8-12% dei pazienti ricoverati.
resistenza microbica14In Europa, si verificano annualmente 4 milioni di infezioni da germi antibiotico-resistenti che causano oltre 37.000 decessi e sono responsabili di un significativo assorbimento di risorse (sanitarie e non) che ammontano a circa € 1,5 miliardi/anno; negli Stati Uniti sono 2 milioni i soggetti colpiti da un’infezione resistente agli antibiotici con circa 50.000 morti e una spesa che supera i 20 milioni di euro.
In Italia, la resistenza agli antibiotici si mantiene tra le più elevate in Europa e quasi sempre al di sopra della media europea. Nel nostro Paese ogni anno, dal 7% al 10% dei pazienti va incontro a un’infezione batterica multiresistente con migliaia di decessi. Le Infezioni Correlate all’Assistenza (ICA) colpiscono ogni anno circa 284.100 pazienti causando circa 4.500-7.000 decessi. Le più comuni infezioni sono polmonite (24%) e infezioni del tratto urinario (21%).
I costi associati all’incremento dei giorni di ospedalizzazione nel nostro Paese variano da 4.000 euro (ricovero in Medicina) a 28.000 euro (Terapia Intensiva).
L’infezione da Staphylococcus aureus meticillino-resistente (MRSA) è la principale causa nel mondo di infezioni comunitarie e di cure sanitarie. Colpisce oltre 150.000 pazienti ogni anno nella sola Europa, che costano al sistema sanitario europeo in spese extra-ospedaliere 380 milioni di euro. Solo le setticemie da MRSA variano negli Stati membri dall’1% a più del 50%, sebbene negli ultimi 5 anni i tassi di batteriemia da MRSA siano calati in modo significativo nei 10 Paesi europei con le maggiori percentuali di endemicità per questa pericolosa infezione. L’infezione da MRSA spiega il 44% di HAIs, il 22% di morti in più e il 41% di giorni in più di ospedalizzazione associati a questa infezione.
La percentuale di ceppi di Staphylococcus aureus invasivi resistenti alla meticillina oscilla tra lo 0% in Islanda e il 64,5% in Romania. Anche in Italia si registrano valori elevati, al di sopra della media (36%).
In Europa la percentuale di ceppi invasivi di Escherichia coli, causa di infezioni del tratto urinario e del torrente circolatorio, resistenti ai fluorochinoloni oscilla tra il 10,9% in Norvegia e il 52% a Cipro. In Italia si registrano valori elevati, circa 42,2%.
La Klebsiella pneumoniae causa polmoniti, infezioni del torrente circolatorio e del tratto urinario. La percentuale di ceppi invasivi resistenti alle cefalosporine di terza generazione oscilla tra lo 0% in Islanda e il 70% in Grecia. Elevati i valori per l’Italia (55,1%).
Si stima che la RAM possa far perdere più dell’1% del PIL, mentre i costi indiretti sarebbero tre volte tanto la spesa sanitaria sostenuta per i costi diretti. Se i governi e le istituzioni non intraprenderanno forti azioni incrociate volte a contrastare questa drammatica e pericolosa emergenza sanitaria, oltre 10 milioni di vite all’anno andranno perse a partire dal 2050 nel mondo, più del numero dei decessi che si verificano correntemente ogni anno per cancro.
Le infezioni causate da microrganismi resistenti agli antimicrobici spesso non rispondono ai trattamenti standard, esitano in malattie prolungate e comportano un maggior carico di spese sanitarie e, soprattutto, un più elevato rischio di decesso che può essere anche doppio; infatti, i pazienti sono esposti ad un rischio aumentato di esito sfavorevole e consumano più risorse sanitarie rispetto ai malati con infezioni non resistenti ai farmaci.
La resistenza agli antibiotici rappresenta una delle principali priorità da affrontare in tema di salute pubblica a livello internazionale. Programmi di sorveglianza e piani di azione sono stati avviati da Governi e Istituzioni sovranazionali come l’OMS, che ha lanciato un Piano d’azione globale, e l’European Centre for Disease Control and Prevention.
Negli USA è stato direttamente il presidente Barack Obama a illustrare il piano d’azione, fissando gli obiettivi da raggiungere entro il 2020. In Italia l’antibiotico-resistenza, insieme al tema delle infezioni correlate all’assistenza, costituisce uno dei temi prioritari di azione definiti nel Piano Nazionale della Prevenzione 2014-2018.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Superbatteri resistenti agli antibiotici

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 Mag 2016

resistenza microbica1Roma. Istituzioni, comunità scientifica, cittadini e aziende insieme per fermare la diffusione dei batteri resistenti agli antibiotici. Due le misure chiave: l’attuazione dei principi della “stewardship” – attraverso l’impiego appropriato delle terapie antibiotiche, l’introduzione di rigorosi protocolli di igiene all’interno degli ospedali e il rilancio della pratica vaccinale – e lo sviluppo di nuove molecole. Su questo fronte, si annuncia a breve l’arrivo di molecole innovative attive contro i microorganismi gram-positivi e gram-negativi.Tutto questo nel quadro di una visione unitaria “One Health” della salute umana e animale. “Preserviamo il valore degli antibiotici” è la raccomandazione per operatori sanitari, istituzioni e cittadini rilanciata nel Corso di Formazione Professionale Continua “Batteri e antibiotici – Scenari di un conflitto permanente”, promosso dal Master della Sapienza Università di Roma ‘La Scienza nella Pratica Giornalistica’, con il supporto di MSD Italia, che si è svolto ieri a Roma.
Dopo il tempo degli allarmi, è in corso l’attacco mosso da Istituzioni, Società Scientifiche e Aziende farmaceutiche contro i superbatteri resistenti agli antibiotici: una minaccia sanitaria più temibile dei tumori.
resistenza microbica7In Europa, oltre 4 milioni di persone l’anno vengono colpite da infezioni batteriche ospedaliere, con 25.000 morti stimate per infezioni provenienti da germi resistenti. Nel nostro Paese, ogni anno, dal 7% al 10% dei pazienti va incontro a un’infezione batterica multiresistente. Le infezioni correlate all’assistenza (ICA) colpiscono ogni anno circa 284.000 pazienti causando circa 4.500-7.000 decessi.
Nel mondo, nel 2050, le infezioni batteriche causeranno circa 10 milioni di morti l’anno, superando ampiamente i decessi per tumore (8,2 ml/anno), diabete (1,5 ml/anno) o incidenti stradali (1,2 ml/anno) con un impatto negativo – secondo recenti stime del Fondo Monetario Internazionale – di circa il 3,5% sul PIL mondiale.
Sono due le principali misure da mettere in campo:
1. l’adozione dei principi della antimicrobial stewardship, ovvero l’appropriatezza nell’impiego degli antibiotici per ridurne l’abuso e prolungarne il più possibile la vita;
2. la promozione di incentivi all’introduzione di terapie innovative in grado di far fronte ai ceppi resistenti. Il buon esempio viene dagli Stati Uniti dove il Governo Obama ha esteso l’utilizzo dei fondi destinati al bioterrorismo allo sviluppo di antibiotici attivi contro i microrganismi con elevata resistenza, allocando per il solo 2016 circa 1,2 miliardi di dollari.
Anche l’Italia si sta muovendo nella lotta all’antibiotico-resistenza: il rilancio della copertura vaccinale in calo e l’adozione di rigorosi protocolli di igiene negli Ospedali, saranno parte integrante del Piano Nazionale di contrasto all’antibiotico-resistenza coordinato dal Ministero della Salute ed ispirato al piano di azione globale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità.
Ma sono molti i temi ancora oggetto di discussione. Ne parlano oggi Istituzioni, clinici e rappresentanti di movimenti civici in occasione del Corso di Formazione Professionale Continua Batteri e antibiotici – Scenari di un conflitto permanente, promosso dal Master della Sapienza Università di Roma ‘La resistenza microbica12Scienza nella Pratica Giornalistica’, con il supporto di MSD Italia.
«Le Istituzioni sono convinte che la diffusione di conoscenze e di informazioni corrette sia un presupposto essenziale per l’uso consapevole e appropriato degli antimicrobici – afferma Mario Melazzini, Presidente dell’Agenzia Italiana del Farmaco – il Ministero della Salute, con il supporto di AIFA ed altri esperti, sta lavorando alla implementazione del Piano Nazionale. Al contempo, l’Agenzia Italiana del Farmaco conduce un’intensa attività di informazione e sensibilizzazione sul tema attraverso i propri canali e strumenti istituzionali (portale, newsletter, social media) e iniziative di comunicazione specifiche rivolte agli operatori sanitari e alla popolazione generale».
La capacità dei batteri di sviluppare numerosi e differenti meccanismi per sfuggire all’azione dei farmaci antimicrobici era stata prevista dallo stesso scopritore della penicillina Alexander Fleming: non era, però, stata messo in conto la velocità con cui i microrganismi sanno selezionare ceppi resistenti, ben superiore a quella con cui la ricerca scientifica sviluppa una potenziale soluzione. «Questa resistenza, in costante aumento, è una minaccia all’efficacia degli antibiotici, sia nel trattamento di malattie potenzialmente gravi o letali sia nella prevenzione di patologie in soggetti sottoposti a trattamenti chirurgici o chemioterapia – afferma Francesco Paolo Maraglino, Direttore Ufficio V della Direzione Generale della Prevenzione del Ministero della Salute – al fine di contrastare questo fenomeno, è necessaria un’azione in cui tutti, dai governi ai cittadini, si impegnino a preservare il valore di questi farmaci». L’imperativo categorico è usare bene gli antibiotici disponibili: se la continua rincorsa tra farmaci e microorganismi ha portato negli anni allo sviluppo di circa 250 molecole, ogni nuovo farmaco introdotto nell’uso clinico troverà prima o poi ceppi batterici resistenti. «Lo sviluppo della resistenza resistenza microbica10agli antibiotici è un fenomeno continuo, determinato da cambiamenti della configurazione genetica dei batteri, come mutazioni cromosomiche o trasferimento di fattori di resistenza mediato da varie entità genetiche» afferma Maurizio Sanguinetti, Professore di Micologia Medica e Diagnostica all’Istituto di Microbiologia dell’Università Cattolica del Sacro Cuore.
A generare le resistenze non è di per sé l’esposizione dei batteri agli antibiotici, ma l’aumento della pressione selettiva, dovuta all’impiego eccessivo e improprio degli antibiotici nella salute umana e animale e alla loro presenza e diffusione ambientale.
«La gestione razionale del problema non può prescindere dall’approccio “One Health” e deve coinvolgere tutti i diversi settori con interventi mirati in ambito farmaceutico-sanitario, veterinario, alimentare, ambientale, dando un ruolo di primo piano alla ricerca ed all’innovazione» afferma Anna Teresa Palamara, Presidente della Società Italiana di Microbiologia (SIM). «L’invito rivolto a tutti è quello di promuovere un uso ‘cosciente’ degli antibiotici in tutte le attività in cui vengono impiegati, umane o animali».
“Antimicrobial stewardship”, cardine della strategia contro le resistenze, significa uso appropriato e personalizzato degli antibiotici. «Ogni terapia anti-infettiva va somministrata solo quando vi sia ragionevole certezza clinica dell’infezione – afferma Pierluigi Viale, Professore ordinario di Malattie Infettive all’Alma Mater Studiorum Università di Bologna e Direttore dell’UO Malattie infettive dell’AOU Policlinico Sant’Orsola-Malpighi di Bologna – e deve essere molto tempestiva, molto aggressiva in termini posologici, ed il più breve possibile: se l’antibiotico non riesce a eradicare in tempi rapidi l’infezione, può diventare un driver della progressiva selezione di ceppi resistenti, in grado di trasmettere alla propria discendenza le variazioni genotipiche e fenotipiche».
L’Italia è il Paese europeo con le percentuali di resistenza più elevate che, in alcuni casi, arrivano fino al 50%. Circa la metà dei farmaci utilizzati contro i batteri risulta inefficace, e tra questi alcuni tra gli antibiotici più diffusi. Uno dei più temibili “superbugs” è la klebsiella pneumoniae che causa polmoniti, infezioni del torrente circolatorio e del tratto urinario. La percentuale di ceppi invasivi resistenti alle cefalosporine di terza generazione in Italia è del 55,1%.
resistenza microbica3Le attività di contrasto a questo fenomeno passano anche attraverso protocolli per contenere infezioni correlate all’assistenza in ospedali e residenze sanitarie. Le più comuni infezioni sono polmonite (24%) e infezioni del tratto urinario (21%).
«I provvedimenti da mettere in opera per contrastare la diffusione di questi microorganismi sono ben conosciuti – afferma Claudio Viscoli, Presidente della Società Italiana per la Terapia Antinfettiva (SITA) – l’educazione degli operatori sanitari al lavaggio delle mani e all’uso dei guanti, lo screening dei portatori dei ceppi resistenti e loro isolamento, lo screening dei contatti, la diagnosi microbiologica rapida sono in grado di arrestare il fenomeno, se applicate insieme e da tutti gli ospedali e residenze sanitarie, ma la messa in opera di queste procedure per tutti e dappertutto richiede risorse e una forte azione centrale».
L’adozione dei Protocolli passa anche attraverso il coinvolgimento dei cittadini e un impulso in questa direzione arriva dalle Raccomandazioni civiche sulla prevenzione delle infezioni correlate all’assistenza promosse da Cittadinanzattiva. «È anche particolarmente importante responsabilizzare i cittadini – afferma Antonio Gaudioso, Segretario Generale di Cittadinanzattiva – attraverso indicazioni come quella di curare l’igiene personale, chiedere dotazioni ospedaliere personalizzate, verificare con il personale il tempo massimo per tenere i cateteri, evitare di recarsi in ospedale in visita quando si è influenzati».
Parte integrante della strategia di intervento è lo sviluppo di nuove molecole antibiotiche. Su questo fronte, si annuncia a breve l’arrivo di molecole attive contro i microorganismi gram-positivi – ad esempio un nuovo oxazolidinone (tedizolid) efficace contro lo stafilococco meticillino resistente nelle infezioni di cute e tessuti molli in monosomministrazione giornaliera e che offre cicli terapeutici più brevi (6 giorni contro 10) – e quelli gram-negativi, con una cefalosporina di nuova generazione (ceftolozane-tazobactam) dalla spiccata attività anti-Ps.aeruginosa, formulata insieme ad un inibitore delle beta lattamasi che ne estende l’attività a gram-negativi produttori di beta lattamasi a spettro esteso, efficace nelle infezioni complicate addominali e delle vie urinarie e in valutazione nelle polmoniti nosocomiali.
«L’avvento sulla scena terapeutica di alcuni nuovi antibiotici potrà aiutare il clinico a fronteggiare l’emergenza, ma servono nuove regole che permettano a tutti i pazienti di poter essere trattati tempestivamente con questi nuovi farmaci» sostiene Francesco Menichetti, Direttore UOC Malattie Infettive dell’AOU Pisana. «Inoltre, occorre sostenere le aziende farmaceutiche attraverso incentivi e corsie accelerate per i nuovi farmaci, e rilanciare al tempo stesso la ricerca indipendente con fondi dedicati per valutare nuove strategie terapeutiche utili nella pratica clinica quotidiana».
Interventi cruciali, ribaditi anche nella dichiarazione congiunta di oltre 80 aziende presentata nel corso dell’ultimo “World Economic Forum” di Davos con l’obiettivo di sollecitare i Governi e le imprese a intraprendere un’azione sinergica e globale di investimenti per combattere il preoccupante e crescente fenomeno dell’antibiotico-resistenza. «Governi, Agenzie, Società Scientifiche e Aziende devono essere necessariamente alleati di fronte ad una sfida di tale portata – dichiara Nicoletta Luppi, Presidente e Amministratore Delegato MSD Italia – MSD vanta una lunga storia per quanto riguarda l’innovazione terapeutica nel trattamento delle malattie infettive ed è uno dei pochi gruppi farmaceutici ancora attivi nel favorire l’adozione di una vera “stewardship antimicrobica” attraverso lo sviluppo di nuovi antibiotici e nuovi antifungini, la commercializzazione e la ricerca di nuovi vaccini per uso umano e gli investimenti in campo animale, grazie alle sua divisione Animal Health. Intendiamo ribadire e proseguire il nostro impegno contro le malattie infettive, non solo continuando a ricercare nei nostri laboratori innovazioni tecnologiche, ma anche collaborando con tutti gli stakeholder coinvolti attraverso partnership trasparenti e di valore a fianco della sanità pubblica».

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Vertenza Meridiana

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 Mag 2016

vertenza meridiana1

Roma Confermato il “Meridiana Pride” del 12 maggio prossimo, iniziativa con la quale i lavoratori Meridiana manifesteranno a piazza di Monte Citorio, dalle ore 15.00, per reclamare con orgoglio il proprio posto di lavoro poiché non hanno la minima intenzione di farsi licenziare. Sino ad oggi le trattative con l’azienda sono state inutili e la dirigenza persegue un piano di licenziamenti discriminatori di massa, tanto da aver convocato appena due incontri dopo più di un mese dall’apertura della procedura di licenziamento collettivo, avvenuta lo corso 8 aprile. L’USB chiede un colloquio diretto con Qatar, senza la mediazione di quei dirigenti che ad oggi hanno fallito, nonché l’assunzione di responsabilità del Governo e delle forze politiche verso le 900 persone coinvolte. La piazza sarà aperta a tutti quei lavoratori che in questo settore, strategico e in continua crescita, subiscono gli effetti dei disastri industriali causati della mala-gestione manageriale e dall’assenza di una politica industriale dei trasporti. (foto: vertenza meridiana)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Prepararsi al futuro: Idee sostenibili e difesa del territorio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 Mag 2016

luiss business schoolRoma 12 Maggio dalle 9.30 alle 18 – Università LUISS Guido Carli, Viale Romania 32 Urgenza del cambiamento e necessità di maggior coesione sociale, per affrontare le sfide di un mercato sempre più competitivo: cosa ne pensano i giovani? Con quali strumenti si affacciano al mondo del lavoro e cosa chiedono alle istituzioni pubbliche e alle imprese?
Una giornata di approfondimento che vedrà il confronto tra studenti, docenti, imprenditori, manager e istituzioni in un dialogo a più voci, che si chiuderà con le premiazioni di Prepararsi al Futuro, il premio nazionale legato al ciclo di laboratori sull’auto imprenditorialità sostenibile promosso da NeXt in Lazio, Campania e Puglia.Dialogheranno con gli studenti di Roma, Taranto, Manduria, Napoli e Caserta: Nicola Zingaretti, Presidente Regione Lazio
Carlo Borgomeo, Presidente Fondazione Con il Sud
Enrico Giovannini, Portavoce Alleanza per lo Sviluppo Sostenibile
Andrea Valcalda, Responsabile Sostenibilità Enel
Fabrizio Torella, Responsabile attività sociali Ferrovie dello Stato Italiane
Isabella Falautano, Direttrice comunicazione, corporate responsability e public affairs AXA Italia
Leonardo Becchetti, Presidente comitato scientifico NeXt
Matteo Caroli, Direttore CERIIS Università LUISS Guido Carli
Gloria Fiorani, Docente di CSR e Rendicontazione Sociale Università di Roma “Tor Vergata”
Sabrina Florio, Presidente Anima per il sociale nei valori d’impresa

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Premio internazionale di Giornalismo “Vitaliano Brancati”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 Mag 2016

biblioteca torinoTorino Venerdì 13 maggio alle ore 18,00 nei locali della Biblioteca Nazionale Universitaria di Torino (Piazza Carlo Alberto, 3) si svolgerà la cerimonia di consegna del Premio internazionale di Giornalismo “Vitaliano Brancati”, giunto alla sesta edizione.
Il Premio, fondato nel 2004 e organizzato dall’Associazione culturale “Vitaliano Brancati” tra Pachino, Siracusa e Torino, intende promuovere la figura e l’opera dello scrittore siciliano, assegnando un riconoscimento a personaggi che si sono distinti nel panorama del giornalismo italiano e internazionale.A ricevere quest’anno il prestigioso riconoscimento saranno tre importanti firme del giornalismo televisivo e della carta stampata: Alessandra Comazzi, giornalista, critico televisivo de La Stampa, presidente dell’Associazione Stampa Subalpina; Beppe Fossati, direttore responsabile di Cronacaqui; Gianpaolo Ormezzano, già direttore responsabile di Tuttosport, editorialista de La Stampa, commentatore e opinionista televisivo.Condurranno la serata Giovanni Firera, presidente brancatidell’Associazione culturale “Vitaliano Brancati”, e Corrado Di Pietro, presidente della giuria del Premio. Padrino della manifestazione sarà il Console Generale del Consolato del Brasile di Milano, l’Ambasciatore Paulo Cordeiro de Andrade Pinto.La premiazione è inserita nel contesto dell’inaugurazione della mostra del pittore Luigi Sabatino dal titolo “La dignità del lavoro nei colori della musica”, promossa tra gli altri anche dall’Associazione Vitaliano Brancati.I premiati nelle scorse edizioni sono stati: Laura Cannavò, giornalista Mediaset; Filippo Cosentino, giornalista Rai; Lorenzo Del Boca, presidente dell’Ordine Giornalisti; Mustafà Nano, scrittore e giornalista albanese (Pachino, 2005); Giovanni Minoli, giornalista e conduttore Rai; Paola Saluzzi, giornalista e conduttrice TV; Franco Siddi, presidente della Federazione nazionale della Stampa Italiana; Younis Tawfik, scrittore e giornalista iracheno (Siracusa, 2007); Magdi Cristiano Allam, parlamentare europeo e giornalista; Gianni Oliva, storico; Giorgio Calabrese, nutrizionista; Gigi Ronsisvalle,FNSI (Pachino, 2011); Bruno Bernardi de La Stampa; Darwin Pastorin, direttore Quartarete tv; Giovanni Rossi, presidente nazionale FNSI; Salvatore Tropea de La Repubblica; Carlo Morrone, editore (Torino, 2014); Massimo Giletti, giornalista e conduttore Rai; Corradino Mineo, direttore Rai News 24; Ettore Boffano, vicedirettore de Il Fatto Quotidiano e Tonia Cartolano, inviata Sky TG 24 (Pachino, 2015). (foto: biblioteca torino, brancati)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Chiarezza sullo stato dell’economia italiana

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 Mag 2016

eurozonaDichiarazione dell’onorevole Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia: “Finalmente si fa chiarezza sullo stato dell’economia italiana. Ma colpisce che l’analisi non venga dal governo, bensì dal presidente della Consob, Giuseppe Vegas, che dice quello che gli illusionisti Renzi e Padoan nascondono. Il presidente Consob, infatti, oggi ha spiegato alla comunità finanziaria italiana che la congiuntura economica nazionale e internazionale volge al negativo, che il nostro paese arranca e che i mercati sono pronti a scatenarsi contro gli Stati più deboli dell’eurozona, tanto più se passa la proposta tedesca di porre un tetto al possesso di titoli del debito pubblico da parte delle banche.In questo contesto, proprio non si spiega l’atteggiamento del presidente del Consiglio e del ministro dell’Economia, che perseverano con la loro politica economica irresponsabile nonostante gli “avvertimenti” che vengono dalle istituzioni e dai principali organismi di analisi economica e finanziaria. Un atteggiamento controproducente per lo stesso Renzi, che alla prima occasione utile, vale a dire alle amministrative e al referendum di ottobre, verrà bocciato dagli elettori. Gli italiani votano ‘con le tasche’”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Il macigno: perché il debito pubblico ci fa male e come liberarsene”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 Mag 2016

università paviaPavia giovedì 12 maggio 2016 alle ore 10.00, presso l’Aula Foscolo dell’Università di Pavia (Corso Strada Nuova, 65), si terrà il seminario “Il macigno: perché il debito pubblico ci fa male e come liberarsene” con la partecipazione di Carlo Cottarelli, Direttore Esecutivo del Fondo Monetario Internazionale (FMI)
Introduce: Silvio Beretta. Discussant: Franco Osculati, Giorgio Rampa, Simona Scabrosetti.
L’evento è organizzato dai Dipartimenti di Scienze politiche e sociali, Scienze economiche e aziendali e Giurisprudenza dell’Università di Pavia.
Carlo Cottarelli. Nato a Cremona, è Direttore Esecutivo al Fondo Monetario Internazionale (FMI). Da ottobre 2013 a ottobre 2014 è stato Commissario per la Revisione della Spesa Pubblica in Italia e dal 2008 al 2013 Direttore del Fiscal Affairs Department del Fondo Monetario Internazionale. Dopo aver conseguito la laurea in Scienze Economiche e Bancarie presso l’Università di Siena e il Master in Economics presso la London School of Economics, ha lavorato dal 1981 al 1987 presso la direzione monetaria del Servizio Studi della Banca d’Italia e dal 1987 al 1988 al Servizio Studi dell’ENI. Ha iniziato la sua carriera al Fondo Monetario a fine 1988. Presso il FMI, Carlo Cottarelli è stato responsabile della sorveglianza economica nonché di programmi di aggiustamento in svariati paesi avanzati, emergenti e in via di sviluppo, tra i quali Italia, Regno Unito, Russia, Turchia, Portogallo, Grecia, Albania, Croazia, Ungheria, Libano e Serbia. Il Fiscal Affairs Department, assiste ogni anno un centinaio di paesi nella realizzazione di riforme di finanza pubblica (politiche di tassazione, gestione delle entrate, spesa pubblica, politiche di bilancio, istituzioni fiscali). Come Direttore del Fiscal Affairs Department ha sviluppato e lanciato il Fiscal Monitor, una delle tre pubblicazioni flagship del FMI (insieme al World Economic Outlook, e al Global Financial Stability Report). Ha pubblicato diversi articoli e libri su politiche fiscali, monetarie e di cambio nonché sulle istituzioni per la politica economica.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo rapporto tra Scuola e Università

Posted by fidest press agency su mercoledì, 11 Mag 2016

Università di Napoli “Federico II”JPGNapoli mercoledì 11 maggio alle 9.30 nell’Aula Magna Leopoldo Massimilla, presso la sede della sede d’Ingegneria della Federico II, in Piazzale Tecchio, 80, nel corso della giornata dedicata alle “Esperienze e linee di indirizzo per un nuovo rapporto tra Scuola ed Università” si parlerà del nuovo rapporto tra Scuola e Università. Le iniziative congiunte della Federico II e della Direzione Scolastica Regionale.
Apriranno la manifestazione Gaetano Manfredi, Rettore della Federico II, Arturo De Vivo, Prorettore dell’Ateneo federiciano, Luisa Franzese, Direttore dell’Ufficio Scolastico Regionale, e Lucia Fortini, Assessore all’Istruzione, alle Politiche sociali e allo Sport della Regione Campania.L’evento rappresenta l’occasione per un primo bilancio degli esiti del progetto F2S – Federico II nella Scuola, avviato per iniziativa congiunta della Federico II e della Direzione Scolastica Regionale per affrontare il delicato tema della cerniera tra studi scolastici e studi universitari e dell’orientamento universitario in ingresso, che si è sviluppato in forma sperimentale attraverso consultazioni di gruppi di lavoro misti Scuola/Università. Tra gli obiettivi della giornata, un’analisi preliminare delle criticità connesse con la transizione scuola-università nell’esperienza studentesca, una disanima delle possibili azioni per la loro mitigazione, una riflessione sul possibile ruolo dello strumento dell’Alternanza Scuola-Lavoro come fattore di orientamento.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »