Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 12 Mag 2016

Expert comment on Toyota’s annual results

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 Mag 2016

toyotaChristian Stadler, of Warwick Business School, is a Professor of Strategic Management and researches the car industry.Professor Christian Stadler said: “The record profit is something that, in the main, Toyota owes to the strong dollar rather than having done anything amazing, so with the expectation that the dollar will weaken results are likely to drop dramatically next year.
“In the US sales were in line with industry-wide growth; Toyota’s sales rose by 3.8 per cent in April compared to March, while the industry rose 3.6 per cent – slightly better but not substantially.”Toyota has always had activities other than cars throughout its history; it has had subsidiaries in fork lift trucks, real estate and steel. They are all small in size compared to its car manufacturing. They are interesting side shows and this is my expectation for its robotics investment.”I can’t see how it will have a substantial impact on revenues and profits of such a large organisation. The only way to do that would be through acquisitions, but it is still an emerging industry, and diversifying further would come with substantial risks.”Daimler tried to diversify in the 1980s, moving into consulting, acquiring electronics firm AG and moving into defence. That turned out to be a very bad exercise and they lost lots of money; diversifying too fast and too radically comes with a big risk. “Robotics is an emerging area, with a lot of buzz around it, so Toyota may want to communicate they are innovative, but I would be cautious of moving much further away from its core business.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Expert comment on Three’s takeover of O2 being blocked by the EU

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 Mag 2016

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

John Colley, is a Professor of Practice in the Strategy and International Business group and researches large takeovers. He is also a former MD of a FTSE 100 company. Professor John Colley said: “It comes as little surprise that the EU competition authorities have said enough is enough on the rapid concentration of the UK mobile telecoms sector. “Following the merger of T-Mobile with Orange, subsequently purchased by BT, the industry was reduced to four players. The proposed merger of Three with O2 would have made it three players and the evidence from markets elsewhere shows that three players results in higher prices for consumers compared to four. In effect competition reduces and the consumer pays the price for that. “It is clear that the merger would have substantially reduced costs in requiring less shops, marketing, administration, head offices and there would have been benefits in terms of reduced network operating costs. However, the reduced competition would have meant that Three/O2 would not have to pass those savings on to the consumer.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dublin rules: MEPs reiterate call for solidarity among EU member states

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 Mag 2016

dublinoThe EU’s “Dublin” rules, which determine which country is responsible for processing asylum applications, are not working, said MEPs in Wednesday’s debate on an EU Commission proposal to overhaul them. These rules must be replaced with an efficient and asylum system, based on solidarity among EU member states, to enable them to manage applications effectively, they urged. Many MEPs had wanted to see a more ambitious proposal and doubted whether the proposed redistribution scheme would work. They also criticised the fact that member states would be able to avoid taking in asylum seekers in return for making a financial contribution to those processing the asylum applications in their place. Some stressed the member states’ right to self-determination and criticised the plan to ask them to contribute financially if they do not accept refugees.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Secure EU external borders to help save Schengen passport-free area, urge MEPs

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 Mag 2016

Plenary – Schengen. The reimposition of checks at the Schengen area’s internal borders has put one of the greatest and most tangible achievements of the European project at risk, observed most MEPs speaking in a debate with the Commission and the Council on Wednesday. They agreed that, in order to restore the normal functioning of the passport-free zone, the EU’s external borders need to be properly secured.
Many speakers warned about the costs that these internal border checks impose particularly in the transport and tourism sectors. Others questioned the need for and proportionality of the current controls and demanded that they be lifted as soon as possible. Commissioner Dimitris Avramopoulos underlined that these border checks are “exceptional and temporary” and assured MEPs that the aim is to lift them by the end of the year, at the latest.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Elle s’appelle Sabine”

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 Mag 2016

Elle s'appelle SabineTorino Ven 13, h. 16.00/Lun 16, h. 20.30/Sab 21, h. 22.15 Cinema Massimo via Verdi 18 Sandrine Bonnaire Elle s’appelle Sabine
(Francia 2007, 85’, 35mm, col., v.o. sott. it.) Ritratto intimista di Sabine Bonnaire, filmato dalla sorella Sandrine. Attraverso un archivio privato di immagini super8 raccolte in venticinque anni, viene mostrata la personalità di Sabine. Il documentario è anche una denuncia nei confronti del sistema sanitario francese per la penuria di centri specializzati nella cura di questo genere di malattie.
l primo film da regista dell’attrice Sandrine Bonnaire, dal titolo Elle s’appelle Sabine, è il 35mm di maggio, ciclo pensato per la valorizzazione del patrimonio in pellicola del Museo Nazionale del Cinema Nel film, che è un’opera talmente intima da sembrare un diario privato, la regista si concentra sulla sorella Sabine, affetta da autismo e ospite di una piccola comunità dopo essere stata erroneamente internata cinque anni in un ospedale psichiatrico. “Per me Sabine è un’eroina. Un’eroina suo malgrado. E come per tutte le eroine, si ha voglia di fare un film su di lei”. Copia proveniente dal fondo Les Films du Paradoxe conservato presso la cineteca del Museo. Proiezioni realizzate in collaborazione con cinemAutismo e Associazione Museo Nazionale del Cinema. Ingresso 6.00/4.00/3.00 euro. (foto: Elle s’appelle Sabine)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Visa liberalisation for Turkey must not turn into a “sell-out”, say MEPs

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 Mag 2016

migrantsMEPs voiced serious concerns about Turkey’s lack of progress in meeting the U’s preconditions for liberalising its visa regime for Turkish nationals, as required by the 18 March deal between the EU and Turkey to help stem the flow of migrants into the EU.
Dutch defence minister Jeanine HENNIS-PLASSCHAERT for the Council recalled that the 18 March statement accelerated an existing process, following a roadmap approved in 2013. “It is not just a present to President Erdogan or a concession, but something from which we all will benefit, millions of European tourists and millions of Turks, including human rights activists.” She nonetheless recognized that “Turkey has a lot of homework to do.” The Council working party on visas had begun its legislative work on the Commission proposal that morning, she reported.
Commissioner Dimitris AVRAMOPOULOS also acknowledged that Turkey still needed to make progress, but said he was “optimistic” that Ankara would “give a final push” to the necessary reforms by the end of June. “We are not watering down our standards”, he assured MEPs.
Mariya GABRIEL (EPP, BG) voiced her group’s support for the 18 March agreement, but said that Turkey must meet all criteria for visa liberalisation before Parliament’s vote. “We need to take time to finalise details, examine the Council’s position and have safeguard mechanisms in place”, she said.
Tania FAJON (S&D, SL) said that the EU should not make promises without ensuring that all its requirements are fulfilled. The antiterrorist legislation and data protection issues, among others, need to be dealt with,” she added, warning that “we can´t allow exceptions, because that will have a boomerang effect.”
Helga STEVENS (ECR, BE) said that conditions for Turkey should be especially stringent, it being a candidate member state, without any double standards. She felt “ashamed of the irresponsible behaviour of the Commission towards a dictator.”
The criteria for visa exemption must be fulfilled, insisted Sophie in ´t Veld (ALDE, NL). Europe is “being subjected to President Erdogan’s blackmail, because we are weak and divided”. She regretted that EU leaders “make deals with dictators” instead of agreeing a common European refugee policy.
Marie-Christine VERGIAT (GUE/NGL, FR) said that President Erdogan aims to campaign for and install an authoritarian regime.” I’m in favour of visa liberalisation but not at any condition and not by closing our eyes on what is actually going on in Turkey”, she concluded.
Rebecca HARMS (Greens/EFA, DE) pointed to a growing number of democratic and human rights violations in Turkey and said that the EU must not depend on Turkey, but take responsibility, together with the UN, to find solutions to the refugee crisis. “It is a mistake to mix refugee strategy and neighbourhood policy”, she added.
Fabio Massimo CASTALDO (EFDD, IT) criticised the “illegal agreement” between the EU and Turkey and warned that President Erdogan “cannot be our friend”.
Marine Le PEN (ENF, FR) described the idea of giving visa-free access to Turks as “absolutely crazy”, adding that President Erdogan was using migration as a weapon against the EU.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Settimo Convegno di formazione gratuita CEI

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 Mag 2016

giardini_di_luce_luminarie_ridBari 7 giugno, presso l’Hotel Nicolaus Centro Congressi, Via Cardinal A. Ciasca 27, dalle ore 9.00 alle ore 17.00 avrà luogo il settimo appuntamento del 2016 con il ciclo di Convegni di formazione gratuita organizzati dal CEI – Comitato Elettrotecnico Italiano. I Convegni di formazione gratuita CEI, giunti ormai alla quindicesima edizione, rappresentano un appuntamento tradizionale con gli sviluppi della normativa elettrotecnica, elettronica e delle telecomunicazioni.
L’incontro, rivolto a tutti gli operatori del settore, verte sul tema degli aggiornamenti normativi in merito a prestazioni funzionali, energetiche e di sicurezza dei sistemi elettrici. La giornata formativa, con inizio alle ore 9.00, si aprirà con un intervento incentrato sui criteri per il dimensionamento delle varie parti degli impianti di terra, per la loro pratica esecuzione in relazione alle utenze attive e passive connesse ai sistemi di distribuzione in media tensione (Guida Tecnica CEI 99-5). In seguito, due relazioni affronteranno il tema dell’efficienza energetica degli impianti elettrici negli edifici. La prima di esse riguarderà l’utilizzo dei sistemi di accumulo, con cenni sul loro futuro utilizzo in ambito domestico e terziario; la seconda farà riferimento alla futura Variante della Norma CEI 64-8 che recepisce la Norma HD 60364-8-1, in cui verranno forniti esempi su come garantire la funzionalità delle prestazioni elettriche e la riduzione dei consumi energetici per un impianto elettrico.
Il Convegno proseguirà nel pomeriggio con altri due interventi: il primo, curato dal Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco, sarà dedicato alla verifica degli impianti elettrici ai fini del mantenimento delle prestazioni contro l’innesco e la propagazione degli incendi; il secondo prenderà invece in esame le infrastrutture per gli impianti multi-servizio negli edifici (Guida Tecnica CEI 306-22).
Il Convegno, con il patrocinio del Ministero dello Sviluppo Economico, del Corpo Nazionale dei Vigili del Fuoco e in collaborazione con AEIT, ANIE, UNAE Puglia è stato realizzato con il supporto di importanti aziende del settore: Asita, Beta Cavi, Cep, Eaton, Finder, GE, Gewiss, Graziadio & C, IMQ, Prysmian Group, Roxtec e Zotup.A questo Convegno il Consiglio Nazionale dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati attribuisce n. 6 CFP.Ai Partecipanti Geometri Iscritti all’Albo, così come stabilito dal Regolamento per la Formazione Continua verranno riconosciuti n. 3 CFP.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Centro per il libro al Salone Internazionale del libro di Torino

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 Mag 2016

centro per il libroTorino lingotto. Il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, attraverso il Centro per il libro e la lettura, sostiene il Salone Internazionale del libro di Torino e partecipa con cinque appuntamenti centrati sulla promozione della lettura presso i più giovani e sulle Città del libro.Il Centro per il libro porta al Salone del libro un’ampia panoramica di quelle visioni che, tema guida del XXIX Salone del Libro, invitano a scoprire la miriade di punti di vista, orizzonti e scenari nei quali e attraverso i quali vive la cultura dei libri. A cominciare naturalmente dal rapporto fra lettura e scrittura, che il Centro per il libro sta valorizzando con il progetto Da Libriamoci a Scriviamoci, in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca e con SIAE – Società Italiana degli Autori ed Editori. Rivolto ai docenti delle scuole di ogni ordine e grado in un’ottica di educazione alla lettura e di formazione per avvicinare i ragazzi ai libri, il progetto è al centro dell’appuntamento di giovedì 12 maggio (ore 11, Sala Blu) intitolato Da Libriamoci a Scriviamoci. Incontro con gli insegnanti per l’educazione alla lettura (in collaborazione con SIAE e con il patrocinio di Città di Torino): un confronto sul rapporto fra scrittura e lettura e sulle migliori strategie per promuovere quest’ultima soprattutto fra i più giovani. Introdotto da Flavia Cristiano (Direttore del Centro per il libro e la lettura), prosegue con gli interventi di Annarita Fantacci (MIUR), Patrizia Picardi (Direttore SIAE, sede di Torino) e la viva testimonianza di professionisti delle Associazioni di promozione della lettura e di alcuni destinatari del corsi: Teresa Porcella (Scioglilibro), Gabriela Zucchini (Equilibri), Nicola Galli Laforest (Hamelin), Gabriella Zammataro (Circolo didattico Zafferana Etnea), Grazia Gotti e Silvana Sola (Cooperativa Giannino Stoppani), Barbara Schiaffino (Andersen), Francesca Carnevale (AIB – Molise), Gabriele Clemente (Liberamente, Verbania) e Olimpia Bartolucci (Regione Umbria). A seguire, la lectio del filosofo Roberto Casati (CNRS) e le conclusioni di Romano Montroni (Presidente del Centro per il libro e la lettura). Riservato agli insegnanti, l’incontro parte dalle esperienze del progetto Da Libriamoci a Scriviamoci allo scopo di approfondire l’offerta dei 20 corsi di formazione per insegnanti ed educatori che il Centro per il libro e la lettura ha organizzato in questi mesi, con l’obiettivo di fornire strumenti di lavoro e occasioni di riflessione sull’educazione alla lettura in ambito scolastico. “Perché leggere? Cosa leggere? Come leggere?”: il progetto, che si è sviluppato partendo da queste tre domande fondamentali, ha avuto un grandissimo successo e ha coinvolto oltre 1.000 docenti su tutto il territorio nazionale. Il progetto è stato ideato e realizzato da: ALIR Associazione Librai Indipendenti per Ragazzi; Andersen (Genova), Damatrà (Udine), Equilibri (Modena), Fuorilegge (Modena), Giannino Stoppani (Bologna), Hamelin (Bologna), Liberamente (Verbania), Scioglilibro (Cagliari/Firenze), Tribù dei lettori (Roma).
Ai lettori in erba si rivolge invece In vitro, al centro dell’appuntamento di venerdì 13 maggio (ore 14.30, Spazio Incontri) Le biblioteche per In vitro, con Flavia Cristiano, Vincenzo Santoro (Responsabile Dipartimento cultura e turismo ANCI), Antonella Agnoli (consulente bibliotecaria), coordinati da Simonetta Fiori. Un viaggio attraverso cinque Province, una Regione e quaranta Biblioteche, un volume per raccontare il lavoro di ricerca svolto sulle biblioteche medio-piccole selezionate nei territori del progetto In vitro con l’obiettivo di misurare il livello dei servizi offerti ai cittadini.Avviato nel 2012, il progetto In vitro oggi coinvolge le province di Biella, Ravenna, Nuoro, Lecce, Siracusa e la regione Umbria e ha sinora fornito circa 63.480 libri alle famiglie e ai bambini per la fascia d’età prescolare. Complessivamente, dai primi giorni di vita fino ai 14 anni, sono stati distribuiti nei territori coinvolti 100.000 libri.Insieme ai volumi, sono stati offerti gli strumenti necessari per accostarsi in maniera spontanea e naturale ai libri e promuovere la pratica della lettura ad alta voce come un momento importante di condivisione e relazione, prima con i genitori, poi con il mondo esterno, in particolare con la scuola.E sempre per i lettori in erba è pensato il Concorso BitBuk. Nuove storie per nuovi modi di leggere, la cui nuova edizione sarà presentata venerdì 13 (ore 16.30, Spazio Book): sostenuto dal Centro per il libro, il concorso punta a valorizzare i più innovativi progetti editoriali digitali per ragazzi e si rivolge perciò proprio ai giovani e alle start-up, chiedendo di realizzare una bookapp, un libro digitale multimediale e interattivo in formato app, per la fascia d’età 0-14.
Il V incontro nazionale delle Città del Libro, in programma venerdì 13 (ore 12.30, Sala Madrid del Centro Congressi), in collaborazione con ANCI e Fondazione per il Libro, la Musica e la Cultura, presenta l’evoluzione del progetto delle “Città del Libro”, nell’ottica di una strategia permanente di promozione della lettura e seguendo le linee guida del Piano Nazionale della Lettura. Insieme ai festival, le amministrazioni locali diventano interlocutori privilegiati del Centro per il libro e la lettura contribuendo a creare un coordinamento attivo tutto l’anno nella promozione della lettura. A confrontarsi sui nuovi orizzonti del progetto Le Città del Libro Piero Fassino (Sindaco di Torino e Presidente dell’ANCI), Giovanna Milella (Presidente della Fondazione per il Libro la Musica e la Cultura, Torino), Rossana Rummo (Direttore Generale Biblioteche e Istituti Culturali), Luciano Canfora (Professore emerito di Filologia Classica – Università di Bari) che terrà una lectio dal titolo Alessandria, metropoli del libro, Flavia Cristiano (Direttore del Centro per il libro e la lettura), Vincenzo Santoro (Responsabile Dipartimento Cultura e Turismo dell’ANCI), Filippo Del Corno (Assessore alla Cultura del Comune di Milano), Stefano Parise (Dirigente Settore Biblioteche del Comune di Milano). Sono previste alcune testimonianze su esperienze e buone pratiche tra cui quelle di Marco Alessandrini (Sindaco di Pescara), Saverio Gaeta (Direttore di LeggendoMetropolitano) e Claudio Leombroni (Rete Bibliotecaria della Romagna e di San Marino). Concludono Maurizio Braccialarghe (Assessore alla Cultura del Comune di Torino) e Romano Montroni (Presidente del Centro per il libro e lettura).Gran finale tutto dedicato ai giovani lettori e, chissà, futuri scrittori, sabato 14 maggio (ore 15, Arena Bookstock) ecco 20 ANNI NEL 2020. Presentazione dell’agenda di Scriviamoci, in collaborazione con Fondazione Maria e Goffredo Bellonci e SIAE. La seconda edizione del Premio Scriviamoci ha sfidato i ragazzi delle superiori a immaginare come sarà avere 20 ANNI NEL 2020: Racconta come sei, racconta come sarai. L’agenda Scriviamoci 2016/2017 (Giulio Perrone Editore) raccoglie i migliori racconti e aforismi, selezionati dalla Fondazione Bellonci. A presentare i frutti di questa creatività fresca e appassionata, Romano Montroni, Stefano Petrocchi (Direttore – Fondazione Maria e Goffredo Bellonci) e Licia Troisi, autrice fantasy molto amata dai ragazzi, con la partecipazione anche di Mariacarmela Leto (Giulio Perrone Editore) e Michele Cogo (Bottega di narrazione Finzioni, Bologna). (foto: centro per il libro)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Youth Meeting “ACT

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 Mag 2016

act_modaviTivoli. Dal 13 al 15 Maggio 2016 a Tivoli Terme (RM), presso il Grand Hotel Duca D’Este, si terrà lo Youth Meeting “ACT – promozione dell’Associazionismo e della Cittadinanza sul Territorio Nazionale”, dei veri e propri Stati Generali della Gioventù organizzati dal Modavi Onlus grazie al finanziamento dell’Agenzia Nazionale per i Giovani, nell’ambito del Programma Erasmus Plus.L’apertura dei lavori “Stati generali della Gioventù: idee e opportunità a confronto” è prevista per venerdì 13 maggio alle ore 15.00 e vedrà la partecipazione di Maria Teresa Bellucci (Presidente Nazionale Modavi Onlus), Paola Trifoni (Agenzia Nazionale Giovani), Calogero Mauceri (Capo Dipartimento della Gioventù e del Servizio Civile Nazionale), Maria Cristina Rosaria Pisani (Portavoce del Forum Nazionale dei Giovani), Pietro Barbieri (Portavoce Forum Terzo Settore), modera Federica Celestini Campanari (Consigliere Nazionale Modavi Onlus).
Sabato 14 maggio, alle ore 15.00, andrà in scena il dibattito “Solidarietà e sussidiarietà: le organizzazioni giovanili motore propulsore di cittadinanza attiva” in cui si confronteranno importanti realtà del mondo della promozione sociale. Interverranno Dario Landi (Amesci), Valerio Marini (Opes Italia), Elisa Onorati (Modavi Onlus) e Giorgio Scolozzi (AVIS), modera Ivano Maiorella (Direttore Responsabile del Giornale Radio Sociale). Sempre sabato, alle 17.30, sarà la volta del dibattito “Il domani appartiene a noi: i movimenti giovanili e le nuove sfide della partecipazione politica”, al quale parteciperanno i referenti dei maggiori movimenti giovanili politici italiani ed europei: Annagrazia Calabria (Presidente Forza Italia Giovani), Virgilio Falco (Vice Presidente European Democrat Students), Marco Gombacci (Vice Presidente Democrat Youth Community of Europe), Michele Masulli (Bureau Member Young European Socialists),Marco Perissa (Presidente Gioventù Nazionale) e Mattia Zunino (Segretario Giovani Democratici), modera il giornalista Giampaolo Rossi.
Il dibattito di domenica 15 maggio, che avrà inizio alle ore 10.30, sarà invece dedicato a “L’Italia migliore: storie d’eccellenza e giovani protagonisti”. Racconteranno la loro esperienza: Cristian Alicata (Community Manager i2Mfactory), Gabriele Ferrieri (Co-founder e Finance & Marketing Manager di iCarry.it), Ignazio Gibiino (Delegato Nazionale Giovani Imprese Coldiretti), Ilaria Imbrosciano (Architecte Assistant Project et Patrimoine Senato Francese), Sabrina Pignedoli (Giornalista Antimafia) e Padre Matteo Tagliaferri (Presidente Comunità In Dialogo), modera Alessandro Sansoni (Vice Presidente Nazionale MODAVI Onlus e giornalista). Per il programma completo si rimanda al sito http://act.modavi.it (foto: act_modavi)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Clima, gli impegni della COP21 alla prova dei fatti

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 Mag 2016

giornata studioFirenze 21 maggio Piazza duomo 10. La firma dell’accordo mondiale sul clima, raggiunto alla COP21 di Parigi e ratificato ufficialmente nelle settimane scorse a New York, non è un punto di arrivo nella lotta ai cambiamenti climatici ma solo un punto di partenza: per trasformare gli impegni in realtà serve ora un grande impegno fatto di scelte politiche sagge e di strategie lungimiranti per orientare il tessuto produttivo in direzione di un minore impatto ambientale.
Per fare il punto sulle sfide che attendono il nostro Paese, sulle opportunità offerte dall’accordo di Parigi e sui rischi di un mancato rispetto degli impegni presi, l’associazione di giornalismo ambientale Greenaccord Onlus e la Regione Toscana, in collaborazione con l’Ordine dei Giornalisti, organizzano una giornata di studio il 21 maggio prossimo in Palazzo Sacrati Strozzi a Firenze. Titolo dell’incontro: “Clima: dubbi e speranze dopo Parigi”.
“Obiettivo dell’incontro – spiega il presidente di Greenaccord, Alfonso Cauteruccio – è fornire al pubblico presente, e in particolare agli operatori dell’informazione, spunti di riflessione e analisi di grande rigore scientifico per approfondire i punti di forza e debolezza dell’accordo di COP21 e le future conseguenze e opportunità per il nostro sistema produttivo che comportano, inevitabilmente, una progressiva ma costante decarbonizzazione dell’economia”.
La giornata, con due sessioni moderate dai giornalisti Grazia Francescato e Marco Hagge, sarà aperta da Enrico Rossi, presidente della Regione Toscana, e Alfonso Cauteruccio, presidente di Greenaccord. Nel corso delle due sessioni di lavori previste, interverranno Giampiero Maracchi, presidente dell’Accademia dei Georgofili; Franco Terlizzese, direttore generale del Ministero dello Sviluppo Economico; Maurizio Pernice, direttore generale del Ministero dell’Ambiente; Stefano Masini, responsabile ambiente della Coldiretti; Fabian Capitanio, docente all’Università Federico II di Napoli; Federica Fratoni, assessore all’ambiente della Regione Toscana; Giuseppe Ricci, vice presidente della direzione salute, sicurezza, ambiente e qualità di ENI; Francesco Sperandini, presidente del GSE (Gestore Servizi Elettrici); Claudio Ferrari, presidente di Federesco.
A chiudere una tavola rotonda su “luci e ombre da Parigi”, moderata da Andrea Masullo, direttore scientifico di Greenaccord, con la partecipazione di: Veronica Ciacagli, presidente Italian Climate Network, Gianfranco Bologna del WWF; Giuseppe Onufrio, direttore esecutivo di Greenpeace Italia; Monica di Pierri, ASud onlus, Katiuscia Eroe, responsabile energia Legambiente e Simona Fabiani, responsabile ambiente CGIL. (foto: giornata studio)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Chirurgia plastica: effetti sulla salute

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 Mag 2016

sorrentoSorrento. La pancetta affligge gran parte della popolazione di tutte le età e quello addominale risulta un grasso resistente, difficile da debellare, tanto che l’intervento di rimodellamento è al 5° posto dei più richiesti negli Stati Uniti (con l’Europa che segue a ruota nel trend). In crescita rispetto all’anno precedente del 9% così come calcolato dall’ASPS (American Society of Plastic Surgeons) nell’ultimo report.
Inestetismo democratico che risente di età, fattori ereditari, gravidanze, scarsa attività fisica, fluttuazioni del peso, esiti di chirurgia addominale e bariatrica, errori alimentari. Insomma una pletora di fattori che allunga le fila delle sale operatorie. La buona notizia è che esiste una tecnica che aumenta e massimizza il risultato dell’addominoplastica tradizionale e che oggi è possibile ricorrere anche a tecniche mini invasive. E’ uno dei temi del meeting in corso a Sorrento in cui ci si è concentrati sulle più recenti tecniche di miglioramento e rimodellamento corporeo.
Come spiega il dottor Marco Moraci, Specialista in Chirurgia Plastica Ricostruttiva ed Estetica e ricercatore all’Università di Napoli: “una pancia piatta non è solo un vezzo estetico ma è un vero e proprio indicatore di salute, sappiamo infatti che il grasso addominale è un tessuto che secerne ormoni e sostanze infiammatorie ed è particolarmente subdolo perché anche nelle persone apparentemente in forma, si può annidare tra i visceri ed esercitare i suoi effetti negativi. Tanto che la misurazione del girovita è parzialmente indicativa per individuare un rischio in questo senso. Certamente le persone si sottopongono ad una addominoplastica per migliorare il proprio aspetto ma questo ha nell’90% dei casi un effetto collaterale positivo, ossia di indurre e motivare ad uno stile di vita più sano, a tenere sotto controllo il peso per mantenere il più a lungo possibile gli effetti positivi dell’intervento.
Comunemente si interviene con l’addominoplastica tradizionale ossia tirando la pelle in accesso verso il basso a partire da una sutura nascosta sotto la linea dello slip, ma questo intervento talvolta rende necessario riposizionare anche l’ombelico e non risponde all’esigenza di eliminare la lassità cutanea della parte al di sopra di esso, un problema che interessa circa il 15% di coloro che richiedono un rimodellamento della zona addominale.
La lassità della parte superiore dell’addome si riconosce per la forma tipica dell’ombelico, che, schiacciato dal peso della pelle assume l’aspetto di una bocca imbronciata.
Questo problema trova oggi la soluzione nell’ utilizzo di una tecnica molto utilizzata negli Stati Uniti . Tale tecnica , chiamata addominoplastica INVERSA capovolge letteralmente il razionale chirurgico. In pratica l’incisione viene effettuata al limite inferiore del solco mammario e la pelle tirata verso l’alto dopo aver eliminato la parte in eccesso. In questo modo l’ombelico rimane intatto e le cicatrici sono poco visibili perché nascoste nei solchi sottomammari. In questa procedura, ancora poco diffusa in Italia , si eseguono delle suture di sollevamento per ancorare la pelle in modo che resista alla fisiologica forza di gravità. L’intervento si esegue in anestesia generale e dura circa 2 ore durante le quali viene inciso il lembo di cute in eccesso che viene scollato e riposizionato dopo averne eliminato l’eccesso. Il decorso post operatorio dura un paio di settimane durante le quali si consiglia di indossare un indumento compressivo e stare a relativo riposo mentre per attività fisica e sollevamento di oggetti pesanti è bene avere pazienza per un periodo che va dalle 4 alle 6 settimane.
L’addominoplastica è spesso effettuata insieme ad intervento di liposuzione laddove è presente grasso in eccesso. Il grasso rimosso non verrà più gettato ma riutilizzato per rimodellare altre parti del corpo come glutei, seno, viso etc. Quando si effettua una liposuzione oggi il grasso si riutilizza sempre per rimodellare altro a differenza del passato. Oggi i tessuti autologhi vengono conservati o riutilizzati e mai rimossi. Da qui nasce il concetto di “BODY CONTOURING”
Nonostante non sia ancora un intervento di routine e che non sia adatta a tutti i casi il grande vantaggio è che può essere abbinata ad una addominoplastica ‘bassa’ (in cui si interviene, se necessario, anche sui muscoli retti dell’addome che vengono uniti e suturati insieme) per perfezionarne il risultato. Nella scelta è fondamentale la visita medica e l’analisi delle cause: può esserci una presenza di grasso dato da cattiva alimentazione o scarsa attività fisica, oppure un rilassamento cutaneo a causa di una perdita di peso, ma anche una o più gravidanze con il cedimento della massa muscolare che rappresenta una sorta di ‘pavimento’ addominale con rilassamento di tutte le strutture sottostanti. L’accesso sottomammario ha due importanti implicazioni: è adatto se la paziente ha già avuto un intervento di mastoplastica in modo da non creare nuove cicatrici e può essere utilizzato per un intervento combinato nel caso in cui la persona voglia eseguire una additiva con protesi e ricorrere quindi ad un make over completo.
Ne beneficiano anche pazienti che abbiano subito un intervento di chirurgia bariatrica o by pass gastrico e in cui vi sia un eccesso di pelle solo nella parte frontale del corpo (mentre se l’eccesso interessa anche la schiena di consiglia il più invasivo lifting ‘circonferenziale’). Per coloro che preferiscono evitare l’approccio chirurgico o il cui problema è lieve o moderato esistono soluzioni meno invasive, purché si tratti solo di lassità e cedimento cutaneo. I fili di sospensione rappresentano oggi una soluzione non chirurgica per quei casi di lieve lassità cutanea in persone molto magre.
Questi fili sono composti di acido polilattico, un materiale completamente riassorbibile che grazie a dei coni si agganciano ai tessuti molli permettendo di riposizionali laddove serve. Dopo 4 settimane questi fili si riassorbono ma la trazione dei tessuti rimane grazie ad un naturale processo di fibrosi sottocutanea provocato dai fili stessi. La durata di questa trazione e’ di circa 1 anno e mezzo. Tale metodica può essere combinata con lipofilling per correggere eventuali inestetismi dovuti a deficit di tessuti molli.Tale metodica , semplice, veloce e priva di rischi , è una buona soluzione per quei casi che hanno piccole lassità cutanee e non vogliono ancora sottoporsi ad un vero e proprio intervento chirurgico.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Buono Pasto atterra sullo smartphone

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 Mag 2016

buon pastoFinalmente disponibile sugli store Android e iOS, compatibile con AppleWatch e, prossimamente, in versione integrata in e-Wallet, Ticket Restaurant® Mobile trascende l’esperienza della pausa pranzo tradizionale per catapultarti in una nuova dimensione ricca di interattività e servizi aggiuntivi.Il tempo non è più denaro! A scandirlo, oggi, sono i gesti legati alla dimensione digitale: il tocco di un AppleWatch quando si riceve un nuovo messaggio, i disegni tracciati col dito su uno schermo, la luce di casa che si spegne al suono della voce.L’attitudine digitale regna ormai incontrastata: vince chi propone le APP o i device più semplici, intuitivi e, soprattutto, in grado di far guadagnare tempo. Dai baby boomers alla generazione X passando per la Gen Y, fino ai millenials, tutti i connected consumer chiedono dall’esperienza digitale 5 caratteristiche essenziali: emozionalità, concretezza, personalizzazione, modernità e – soprattutto – ottimizzazione della gestione del tempo.Così, da un’incessante attività di brainstorming della Divisione Strategia & Sviluppo di Edenred, l’azienda nota per aver portato in Italia i Ticket Restaurant®, è nata la nuova APP per il pagamento Mobile e cloud del pasto che rende possibile pagare al ristorante, al bar, in pizzeria e al supermercato con un tocco di smartphone.
Risparmio di tempo, semplicità di utilizzo, personalizzazione e interattività sono solo alcuni degli aspetti che contraddistinguono Ticket Restaurant® Mobile. L’APP consente, infatti, il pagamento del pasto direttamente dallo Smartphone, in modalità contactless o via codice. I Ticket Restaurant® possono anche essere controllati e gestiti in una repository dedicata in cloud e dialogheranno con un innovativo “cerca-locali” realizzato in partnership con TripAdvisor, in grado di rendere la customer experience un momento di selezione ma anche condivisione con colleghi e amici.In una parola: l’esperienza d’acquisto, grazie a Ticket Restaurant® Mobile, è qualitativamente superiore, migliora la sintonia con abitudini note e viene percepita in modo leggero, semplice e gradevole, grazie ad un’interfaccia responsive, colorata e vivace. (foto: buon pasto)

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Italia è pronta a un Ministero per le politiche future?

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 Mag 2016

palazzo chigiL’Istituto di Studi Politici Economici e Sociali Eurispes ha recentemente lanciato la proposta di creare in Italia un Ministero per il Futuro. In una lettera indirizzata al Presidente del Consiglio Renzi ha fatto propria l’iniziativa del governo svedese che l’anno sorso ha costituito un Ministero per lo Sviluppo Strategico.
E’ un’idea interessante e forte che sollecita una visione organica dei problemi e dello sviluppo.
In Svezia opera un vero e proprio Consiglio dei Ministri, composto dal primo ministro e dai ministri per le infrastrutture, lo sviluppo economico e l’innovazione, le finanze, la pubblica amministrazione e l’ambiente, che si riunisce periodicamente per definire le scelte strategiche ed elaborare idee di sviluppo a lungo termine.
Non necessariamente diventa indispensabile fare lunghe ricerche accademiche sugli scenari futuri, ma diventa stringente la valutazione di ciò che già si sa, si conosce o si intuisce per cercare le soluzioni idonee. Ad esempio sappiamo che la tecnologia cambia le condizioni del lavoro e che la democrazia rischia meno se si coltiva una cultura civica condivisa. Di conseguenza i provvedimenti puntuali da adottare in merito possono ridurre le tensioni quotidiane, attenuando anche la polemica mediatica del momento e favorendo quindi una maggiore libertà ed efficacia dell’azione politica dei governanti.
A livello internazionale, europeo e nazionale, la politica è di fronte a scelte di grande rilievo e anche a grandi opportunità. Si deve muovere su un terreno di gioco inedito e più complesso che pone domande nuove e richiede soluzioni nuove oltre che un impegno comune. Si consideri, per esempio, la grande finanza, le migrazioni, l’ambiente, l’esplorazione dello spazio, la ricerca, anche quella sanitaria e farmaceutica per debellare i grandi mali del secolo. Si consideri inoltre gli apporti che necessariamente dovranno venire non solo dall’Unione Europea ma anche dai BRICS.
L’inevitabile passaggio dal morente mondo unipolare a quello multipolare e la creazione di una nuova architettura economica, finanziaria, monetaria e commerciale internazionale possono essere realizzati soltanto se i governi saranno in grado di progettare insieme il loro futuro.In alcune istituzioni internazionali, per fortuna, la cultura e la pratica degli scenari sono già avviate. Le stesse Nazioni Unite hanno approvato l’Agenda per lo sviluppo sostenibile al 2030. L’OECD fornisce orientamenti su economia e lavoro proiettati al 2030-2050 che sono alla base delle scelte del G20.
La Cina, è noto da tempo, opera su una prospettiva di lungo periodo in base alla visione di una nuova riorganizzazione territoriale di tutta l’area euroasiatica. La Nuova Via della Seta e l’Asian Infrastructure Investment Bank sono i pilastri portanti di questa strategia. Anche la Russia ha recentemente creato un’apposita Agenzia per le Iniziative Strategiche. Si pensi al grande Progetto Razvitie, il corridoio di sviluppo infrastrutturale eurasiatico che dovrebbe collegare il Pacifico a Mosca e poi fino all’Atlantico attraversando l’Europa. Nel campo militare e della geopolitica sono gli Stati Uniti che da sempre operano con scenari di lungo periodo. Oggi in Italia, invece, siamo, purtroppo, condizionati dalle continue emergenze e da scelte politiche di breve respiro. Invece i cambiamenti paradigmatici nel campo politico, economico, sociale e culturale e le grandi sfide epocali operano sul lungo periodo. L’improvvisazione, anche se farcita dalla tanto osannata creatività nostrana, non basta.
Ne può bastare la delega a qualche università, a qualche benemerito istituto privato, del compito di fare delle ricerche sul “futuribile”. Definire le strategie è compito dello Stato e del Governo.
Nel nostro Paese c’è un grande bisogno di recuperare una cultura degli scenari, una visione che aiuti ed orienti gli operatori, pubblici e privati, ad affrontare meglio la complessità del mondo contemporaneo e le sue sfide globali. Perciò ci sembra condivisibile l’idea avanzata dall’Eurispes. (Mario Lettieri già sottosegretario all’Economia e Paolo Raimondi economista)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La sanità in Italia evoluzione o lenta involuzione? luci ed ombre!

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 Mag 2016

Ministero saluteRoma sabato 14 maggio ore 9 presso la Sala Soci della Casa dell’Aviatore a Roma in Viale dell’Università n. 20” La sanità in Italia evoluzione o lenta involuzione? luci ed ombre! E’ stato organizzato dal Comitato Distrettuale Salute, il Club Roma Nomentanum, il Club Roma Ara Pacis ed i Lions Club della 2^ e 3^ Circoscrizione. “In questo particolare periodo storico testimone di grandi cambiamenti nella Sanità italiana –prosegue il Prof. Castellano- l’argomento, di grande attualità, verrà discusso ed approfondito anche grazie alla specifica esperienza dei relatori che operano ed hanno rappresentato la Sanità pubblica ai massimi livelli; interverranno infatti il Prof. Bruno Primicerio Docente di Diritto Sanitario Università di Studi Internazionali di Roma, il Prof. Antonio Palumbo Direttore Generale a.r. , il Prof. Salvatore Squarcione Direttore Sanitario del Policlinico Portuense, il Prof. Nicola Gasparro docente di Diritto Sanitario Università di Bari, il Prof. Tommaso Sediari docente universitario e Governatore del Distretto Lions 108L, gli Officers Distrettuali Mario Manganaro e Maria Negro.
In qualità di organizzatore, oltre che di medico e Responsabile del Comitato Salute del Distretto 108L, auspico una numerosa partecipazione di colleghi ed addetti ai lavori, oltre che dei veri destinatari del servizio sanitario nazionale ovvero i cittadini, al fine di potere discutere al meglio questo delicato ed importante tema”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Kanji e Arabo, “l’arte” di scrivere alla conquista dell’Occidente

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 Mag 2016

salone del libroTorino Sabato 14 maggio, ore 17.00 Sala Madrid – Centro Congressi Lingotto incontro, che fa parte del ciclo L’AutoreInvisibile, vuole approfondire le due lingue – il giapponese e l’arabo – sempre più attuali nello scenario mediatico internazionale, e in rapporto con il nostro idioma e la nostra cultura.“Dall’alto al basso” è il modo in cui si scrive (o si potrebbe dire si “disegnano”) i kanji. Introdotti in Giappone dalla Cina partire dal III secolo d.C., i kanji rappresentano l’aspetto più peculiare della cultura e letteratura giapponese. Noi li abbiamo imparati a conoscere con i fumetti manga e i cartoni animati. È possibile che la percezione dei kanji (impropriamente detti anche ideogrammi) da parte degli Occidentali sia diversa da quella dei giapponesi che li apprendono fin da bambini e che giornalmente li usano. Per loro rappresentano la tradizione e un importante elemento di cultura nazionale, mentre per noi, al di là del fascino che sicuramente emanano, possono apparire complicati e di ostacolo alla comunicazione più funzionale.“Da destra a sinistra” è invece il verso in cui si scrive in lingua araba. Direzione contraria alla nostra (da sinistra verso destra). E’ la lingua ufficiale di 22 paesi e di oltre 400 milioni di arabofoni. Ma essendo la lingua “liturgica” con cui si esprime l’Islam (come per i cristiani il latino), rappresenta quasi due miliardi di musulmani nel mondo. Questi numeri solo per evidenziare l’importanza della lingua araba nel contesto internazionale. Infatti la letteratura araba è l’ospite di questa edizione del Salone del Libro di Torino.E all’incontro coordinato da Ilide Carmignani ne parleranno:
Simone Guerra, autore di KANJI Grande dizionario giapponese – italiano dei caratteri (con oltre 5495 ideogrammi singoli e 43mila composti)Eros Baldissera, autore de IL DIZIONARIO DI ARABO (oltre 46mila voci)
Entrambi i volumi sono pubblicati da Zanichelli, editore da oltre 150 anni “specialista” di opere di consultazione e dizionari linguistici. I “grappoli” del titolo dell’incontro, infatti, fanno riferimento alla struttura dei due dizionari: allude alle soluzioni adottate per ordinare i lemmi: il Dizionario di arabo è ordinato alfabeticamente per radici, ogni radice la si può pensare come un “grappolo” con i vari lemmi che le si attribuiscono che vengono sottoelencati. E il dizionario di Simone Guerra raggruppa i kanji singoli (dotati di diverse informazioni e composti) secondo 214 chiavi grafiche, dette bushu o “radicali” (macro-grappoli). Con gli autori interverranno: Gianluca Coci (Università di Torino) e Sana Darghmouni (Università di Bologna).

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Hewlett Packard Enterprise rafforza la Data-Centric Security per enti pubblici e organizzazioni globali

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 Mag 2016

Hewlett Packard EnterpriseHewlett Packard Enterprise (HPE) ha annunciato il rilascio globale di HPE SecureData con Hyper Format-Preserving Encryption (FPE) e Hyper Secure Stateless Tokenization (SST). La nuova tecnologia Hyper FPE mette a disposizione un metodo conforme agli standard NIST per poter proteggere i dati in uso, a riposo e in transito grazie al quale enti pubblici, aziende globali e organizzazioni europee possono rispettare gli obblighi previsti dal Regolamento europeo per la Protezione dei Dati Personali (GDPR). La soluzione implementa capacità crittografiche in grado di preservare i formati e i set di caratteri Unicode per molteplici lingue come tedesco, francese, turco e altre ancora.La sempre maggior diffusione di cloud, Big Data e Internet of Things (IoT), estende le aree potenziali di attacco inducendo le organizzazioni a scegliere un approccio data-centric per garantire la protezione delle informazioni sensibili. In caso di violazione, le capacità di tokenizzazione e cifratura crittografica end-to-end rendono infatti i dati sottratti assolutamente inutilizzabili da parte degli attaccanti limitando in questo modo le ramificazioni di natura finanziaria, operativa e reputazionale. Per questo motivo IDC calcola che la spesa totale prevista in Europa per il software di sicurezza relativo al GDPR possa raggiungere 811 milioni di dollari nel 2016, 1.335 milioni nel 2017 e 1.713 milioni nel 2018.1 “Con la dissoluzione del perimetro di rete, le organizzazioni devono ora affrontare la sfida della protezione di ciò che gli attaccanti effettivamente inseguono – i dati”, ha dichiarato Albert Biketi, vice president e general manager, HPE Security – Data Security. “Le nuove soluzioni data-centric HPE Hyper FPE e Hyper SST mettono a disposizione funzioni crittografiche e di tokenizzazione di nuova generazione per rafforzare il livello di sicurezza dei dati dei clienti nel pieno rispetto della conformità normativa”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Italia Startup: un mese dedicato all’internazionalizzazione

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 Mag 2016

singapore-marinaSingapore. Dal 16 al 19 maggio Italia Startup sarà all’Innovfest Unbound di Singapore, importante evento per venire in contatto con l’ecosistema asiatico che attrae oltre 3,000 persone da tutto il mondo. Durante la conferenza sarà possibile incontrare investitori e stakeholders provenienti da Singapore ma anche da tutto il mercato asiatico. Per dare maggiore visibilità alla delegazione italiana, grazie al supporto dell’ITA, sarà allestita una “Italian Zone” che ospiterà le startup e gli incubatori associati che prenderanno parte all’evento. L’Associazione organizzerà anche un momento di networking con gli italiani basati a Singapore e coinvolti nell’ecosistema dell’innovazione in loco. Sono previsti inoltre un incontro con l’agenzia Spring, legata al Ministero del Commercio e dell’Industria di Singapore che aiuta le startup e le imprese basate a Singapore, a crescere e ad esportare e una visita all’ incubatore della National University of Singapore.
Ultima tappa di questo tour internazionale avrà come meta la Turchia nella giornata del 30 maggio. In collaborazione con l’ITA di Istanbul, che supporta l’intera delegazione, Italia Startup organizza infatti una delegazione per accompagnare alcune startup italiane alla Borsa di Istanbul per una giornata d’incontri con investitori locali, sia business angel che venture capitalist, oltre che gli stessi operatori di Borsa.“Siamo felici di annunciare questa serie di eventi internazionali che vedono Italia Startup fortemente impegnata nella promozione dell’ecosistema italiano dell’innovazione all’estero. – afferma Marco Bicocchi Pichi, Presidente di Italia Startup – L’internazionalizzazione è uno dei pilastri che guidano la nostra strategia, con un triplice obiettivo: aiutare le startup innovative italiane a crescere; far conoscere il nostro ricco ecosistema fuori dai confini nazionali; creare un network solido di relazioni con gli altri ecosistemi internazionali. In coerenza con la nostra missione che è quella di dare voce e rappresentanza alle startup italiane e di dare loro opportunità di sviluppo, sia nel contesto nazionale che in quello mondiale.”Il mese di maggio per Italia Startup sarà dedicato allo sviluppo internazionale delle startup e dell’ecosistema italiano. Tre sono infatti gli eventi fuori dai confini nazionali che vedranno protagonista l’Associazione, allo scopo di promuovere l’ecosistema italiano all’estero e sviluppare una rete di rapporti solidi con altri ecosistemi mondiali.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Biologici e biosimilari: gli “otto comandamenti”

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 Mag 2016

farmaciI farmaci biosimilari offrono grandi opportunità di sostenibilità per il Servizio sanitario, ma le esigenze di risparmio vanno conciliate con appropriatezza terapeutica e indicazioni prescrittive dei clinici. Un progetto promosso da IMS Health con il supporto incondizionato di Janssen ha messo a confronto payer e clinici sul tema dei farmaci biologici e dei loro biosimilari per elaborare proposte su nuovi modelli di approvvigionamento e sulle possibili soluzioni tecniche in grado di conciliare le istanze di tutte le parti. Importanti le indicazioni emerse, che hanno portato alla stesura di otto “comandamenti” utili a sfruttare al meglio le opportunità terapeutiche ed economiche offerte da biologici originator e biosimilari. Alcune delle soluzioni individuate nell’ambito di questo progetto hanno prodotto risultati importanti in termini di controllo delle spese nelle Regioni in cui sono già state avviate: ad esempio in Calabria il passaggio da un sistema di gare a un sistema misto con accordo quadro è stato uno dei fattori che hanno determinato una riduzione della spesa farmaceutica di circa 9 milioni di euro dal 2008 al 2014 (dati AGENAS). La modalità dell’accordo quadro regionale è una pratica “virtuosa” che nel Lazio era stata già sperimentata, ma solo per alcuni farmaci in Prontuario Ospedale-Territorio.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le ragioni del No all’arretramento costituzionale

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 Mag 2016

la-costituzione-della-repubblica-italianaQuali sono le ragioni della nostra critica alla Costituzione quale è stata riscritta dal governo, voluta da Renzi e propagandata dalla Boschi? Innanzi tutto il metodo. La Costituzione non è un regolamento di condominio, non è una legge ordinaria, è qualcosa che si pone al confine tra la storia e il diritto; nella Costituzione entra il senso delle vicende storiche del Paese. La Costituzione del ’48 è l’espressione di una vicenda storica particolarmente dura per il nostro Paese. La Costituzione rappresenta ciò che unisce gli italiani e li trasforma in una comunità in cui tutti si possano riconoscere e in cui tutti possano riconoscere di avere un destino comune. Quindi la Costituzione non è frutto di un indirizzo politico di maggioranza, non può essere scritta da una fazione. In effetti la Costituzione fu approvata da un’Assemblea costituente eletta col metodo proporzionale, che rappresentava tutte le opzioni politico-culturali presenti nella società italiana; il lavoro di questo corpo costituzionale fu portato a termine con un’approvazione quasi all’unanimità; ci furono 453 voti su 515, quindi la stragrande maggioranza del popolo italiano approvò la Costituzione che adesso viene messa in questione. L’attuale riforma è la più vasta, la più organica che sia stata mai proposta dal ‘48 ad oggi, se si fa eccezione della riforma di Berlusconi che non è mai diventata legge perché fu bocciata nel referendum del 2006; quindi giustamente il nostro documento dice che questo disegno di legge sostituisce la Costituzione italiana con un’altra. Essa interviene su oltre 40 articoli e modifica la forma di governo, la forma di Stato e il sistema delle autonomie; essendo una sostituzione è un lavoro quasi da assemblea costituente; invece questo lavoro è stato fatto da una minoranza rissosa che l’ha imposto, che non esprime la maggioranza del popolo italiano. Quindi la novità è che ci troviamo di fronte ad una Costituzione di minoranza che per giunta è stata fatta approvare con una serie di forzature da parte del governo sulla libertà dei parlamentari, forzature che si sono verificate in tanti modi per esempio con la sostituzione d’autorità di alcuni membri della commissione Affari costituzionali del Senato che avevano rivendicato la libertà di coscienza dei parlamentari di fronte al tema delle riforme costituzionali. Infatti si tratta di un tema che non può entrare nell’indirizzo politico di maggioranza e sul quale non si può porre la fiducia. In effetti il percorso di questo disegno di legge è stato un percorso simile a quello delle leggi sulle quali si pone la fiducia. Il governo ha esercitato una pressione fortissima sui parlamentari per “portare a casa” il risultato e questo si pone in aperta contraddizione con il metodo seguito dall’assemblea costituente. Ricordo che nel ’47 Piero Calamandrei scriveva: “quando l’assemblea discuterà pubblicamente la nuova Costituzione, i banchi del governo dovranno essere vuoti; estraneo del pari dovrà rimanere il governo nella formulazione del progetto, se si vuole che questo scaturisca interamente dalla libera determinazione dell’Assemblea sovrana”. Qui ci troviamo di fronte ad un percorso completamente opposto, a un caso di faziosità della maggioranza che però non è maggioranza; essa è una minoranza perché sono state le leggi elettorali che con un trucco hanno trasformato una minoranza di voti espressa dal 25% circa del corpo elettorale in una maggioranza di seggi; la legge cosiddetta “Porcellum” è stata dichiarata incostituzionale dalla Corte costituzionale proprio per questo motivo, perché essa comportava una torsione inaccettabile della volontà espressa dal popolo sovrano al momento della trasformazione di questa volontà in seggi; perciò la Corte ha dichiarato incostituzionale la legge con la quale sono state elette queste Camere, proprio per il fatto che non rappresentano la volontà del popolo italiano. Ora questa minoranza che non rappresenta la volontà del popolo impone la sua Costituzione a tutti gli altri, con un atto di faziosità politica estremo che mette in crisi il concetto di Costituzione. Infatti la Costituzione dovrebbe unire mentre questa è una procedura che divide. Essa esprime la forza di una minoranza prepotente.
Ora andiamo al merito. La legge è intitolata così: “Disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento dei costi di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del CNEL e la revisione del Titolo V della parte II della Costituzione”- In pratica è quasi tutta la seconda parte che viene sostituita: solo non viene toccato il titolo IV sulla magistratura. Qual è il senso di questa riforma? Superare il bicameralismo? Ma la riforma non elimina il Senato, lo tiene in vita e lo trasforma relegandolo a funzioni secondarie; nello stesso tempo gli da una natura ambigua perché si dice che il Senato rappresenta le istituzioni territoriali, e gli si da, entro certi limiti, la competenza legislativa e anche una competenza di revisione costituzionale. Ora noi non siamo una repubblica federale quindi un organo che rappresenta le istituzioni territoriali con potere di revisione costituzionale è un ‘assurdità; ma è ancora più assurdo il metodo con cui quest’organo viene composto, perché si tratta di 74 consiglieri regionali e 21 sindaci che non sono eletti direttamente dal popolo ma vengono eletti dai consigli regionali. E qui il metodo di elezione è un rebus, perché l’articolo 57 al secondo comma dice che i senatori sono eletti dai consigli regionali mentre l’ultimo comma dice che “ i seggi sono attribuiti in ragione dei voti espressi e della composizione di ciascun Consiglio”. Quindi non si capisce bene come verrebbero eletti.Si è detto che bisogna superare il bicameralismo paritario perché comporterebbe un’incapacità delle istituzioni, una loro inefficienza, dal momento che tutte le leggi devono essere votate due volte. C’è uno studio del Senato che dice che i tempi medi di approvazione delle leggi di iniziativa governativa, che sono poi il 90 % delle leggi approvate dal Parlamento, è di 116 giorni, ossia poco più di tre mesi; non è un tempo lunghissimo ma di certo non c’è nessuna maggiore efficienza nel sistema che è stato ora inventato per la formazione delle leggi, anzi il sistema introdotto da questa riforma rende assolutamente confuse le fonti del diritto.
Ho letto qualche giorno fa che il sindaco di Pisa, che è presidente nazionale della Lega delle autonomie, esalta la riforma dicendo tra l’altro che il vantaggio maggiore che ne deriva sarebbe la sicurezza del procedimento legislativo. Evidentemente la riforma Boschi-Renzi rende ciechi perché questo sindaco, evidentemente, non è riuscito a leggere la norma sulla formazione delle leggi che ha cambiato l’articolo 70 della Costituzione. L’articolo 70 delle Costituzione vigente dice: “la funzione legislativa è esercitata collettivamente dalle due Camere”. Il nuovo articolo 70 è un libro di diverse pagine nel quale vengono indicati addirittura 10 procedimenti diversi per la formazione delle leggi (i costituzionalisti stanno discutendo su quanti siano esattamente). Non solo, ma si prevede anche che per risolvere le eventuali questioni di competenza, per capire se una legge è bicamerale o meno o con quale procedura monocamerale deve essere approvata, se con la procedura monocamerale 2, 3, 4, dovranno mettersi d’accordo i presidenti delle due Camere. Ma quando i presidenti non sono d’accordo, come si risolve questo problema? Se il governo fa un decreto “sblocca Italia” o una proposta di legge su una molteplicità di materie, quale procedura legislativa dovrà essere adottata, se per le diverse norme sono previste 4 o 5 procedure diverse? Basta questo per sfatare il mito della semplificazione del procedimento legislativo.
Un altro mito da sfatare è quello della valorizzazione delle autonomie territoriali. Ci sono diverse Regioni e presidenti di Regione che sostengono che la riforma valorizza le autonomie locali, tanto è vero che sarebbe stato fatto il Senato delle autonomie (che però continuerà a chiamarsi Senato della Repubblica). Ma non si capisce come siano valorizzate le autonomie locali, quando viene revisionato il titolo V della Costituzione, cioè la parte che riguarda i poteri delle Regioni. Esso viene revisionato nel senso di un forte accentramento dello Stato centrale; la riforma accentra fortemente i poteri dello Stato, modificando la Costituzione vigente e sottraendo alle Regioni poteri importanti e soprattutto il controllo del territorio. Il governo del territorio viene sottratto alle Regioni e passa allo Stato; questo significa lo “sblocca Italia”, le norme sulle trivelle, il ponte sullo Stretto: sulle grandi opere e sulle grandi cose di questo tipo le Regioni non potranno dire assolutamente alcunché.
Per di più viene introdotta una clausola di supremazia dello Stato che è stata definita da alcuni giuristi “clausola vampiro” perché praticamente prevede che la legge dello Stato su proposta del governo debba intervenire su materie riservate alle Regioni “quando lo richieda la tutela dell’unità giuridica o economica della Repubblica, ovvero la tutela dell’interesse nazionale”. Cos’è l’interesse nazionale? Si tratta di un concetto talmente astratto per cui qualunque governo può intervenire in qualunque materia che questa riforma pur riserverebbe alle Regioni. Quindi le autonomie regionali escono fortemente ridimensionate e non c’è nessuna esaltazione delle autonomie regionali, anzi c’è un processo di centralizzazione.
La fiducia poi viene conferita dalla Camera dei deputati. Il Senato perde il rapporto di fiducia. Ho visto in TV uno sketch in cui si dice: “siamo diventati un Paese moderno perché con la riforma solo la Camera dei deputati darà la fiducia al Governo”. E’ una bella modernità che già avevamo dato che sotto lo Statuto albertino solo la Camera dei deputati dava la fiducia al governo. Un’altra cosa magnificata dai riformatori è il cosiddetto risparmio dei costi della politica. Non si capisce bene in che cosa consista, se la novità sta nel fatto che i senatori non prenderanno l’indennità come senatori, ma la prenderanno dalle istituzioni da cui sono espressi. Anche questa non è una novità perché l’articolo 50 dello Statuto albertino stabiliva che nessuna indennità poteva essere corrisposta ai deputati e ai senatori.
Dicono poi che la riforma aumenta i poteri dei cittadini; ma in realtà è stato aumentato da 50.000 a 150.000 il numero di firme necessario per la presentazione di una legge di iniziativa popolare. Non credo che questo stimoli la partecipazione. Inoltre per il referendum è previsto che il quorum per la sua validità si possa abbassare perché non sarebbe calcolato sugli aventi diritto ma sul numero dei votanti delle ultime elezioni politiche, a patto però che le firme dei proponenti arrivino non più a 500.000 ma fino a 800.000. Poi si dice che ci sarà uno statuto dei diritti dell’opposizione. Ma chi lo fa questo statuto, quando abbiamo una legge elettorale che dà la maggioranza ad un solo partito? In realtà queste garanzie dipendono dal governante di turno che le può dare o togliere alla minoranza a suo piacimento. Inoltre se si concentrano i poteri nella Camera dei deputati ci sono decisioni importanti come la dichiarazione dello stato di guerra che non saranno più bicamerali. Si pensi alle leggi che prevedono le missioni all’estero e che possono comportare il coinvolgimento dell’Italia in operazioni belliche; esse non saranno più bicamerali, ma sarà solo la Camera dei deputati a decidere. Ma nella Camera dei deputati la maggioranza sarà una minoranza in base alla legge Italicum, una minoranza basata su un solo partito; quindi la decisione suprema sulla pace e sulla guerra sarà un problema interno di partito, non sarà più un problema del Parlamento, sarà una fazione che prenderà queste decisioni così gravi.
L’influenza sugli organi di garanzia: eliminando completamente un ramo del Parlamento sarebbe stato necessario in qualche modo prevedere che l’altro ramo del Parlamento fosse più rappresentativo, perché non si può pretendere di concentrare i poteri in una Camera se non è rappresentativa. Forse per questo è stato lasciato in piedi un po’ di Senato. Intanto però la riforma accresce il potere del governo sulla Camera dei deputati e prevede addirittura che il governo si impadronisca dell’agenda dei lavori parlamentari attraverso il meccanismo delle leggi dichiarate di urgenza: si stabilisce che esse debbano essere approvate entro 70 giorni. Il governo quindi controllerà direttamente l’agenda, impadronendosene. Si eliminano i contropoteri previsti dall’ordinamento della Costituzione del ’48, si eliminano i contropoteri del Senato, ma non si rafforzano i contropoteri interni alla Camera dei deputati anzi decrescono; quindi in effetti la riforma segna un accentramento dei poteri nel governo, e quindi dei poteri dello Stato centrale nei confronti dei poteri territoriali. Essa segna un accentramento e un accrescimento del potere esecutivo nei confronti del Parlamento, rompe l’equilibrio dei poteri e questo inevitabilmente incide sugli organi di garanzia. In particolare la riforma incide sull’elezione del Presidente della Repubblica; è vero che è stato posto il limite minimo dei 3/5 per l’elezione, ma si tratta dei 3/5 dei presenti. E’ chiaro che nessun Presidente della Repubblica potrà essere eletto se non sarà di gradimento della minoranza che per legge è divenuta maggioranza alla Camera. La riforma incide anche sulla composizione della Corte Costituzionale che ne esce indebolita. Ma ne esce indebolita la Costituzione nel suo complesso, perché sarà nelle mani di un Parlamento fortemente controllato dal governo che non avrà bisogno dell’appoggio della maggioranza degli elettori per governare ed imporre le sue scelte. Quindi ci troviamo di fronte ad una situazione di grave arretramento della qualità della democrazia ciò che può essere qualificato come un cambiamento, una demolizione dei valori della Repubblica e, come scrivono alcuni, come una sorta di trasformazione della Repubblica in un principato civile.

Posted in Diritti/Human rights, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Allianz Bank Financial Advisors con SDA Bocconi e Cass Business School forma consulenti Private nella City

Posted by fidest press agency su giovedì, 12 Mag 2016

banche americaneLondra. Allianz Bank Financial Advisors ha scelto SDA Bocconi, in partnership con Cass Business School della City di Londra, per ideare un programma di Executive Education su misura dedicato ai consulenti Private Senior Partner. Il programma formativo ha permesso l’esplorazione delle dinamiche valutarie e delle loro determinanti, l’indagine delle peculiarità dell’investimento in commodities e la comprensione della crucialità dell’analisi e valutazione del rischio nell’ambito dei portafogli.
L’esperienza, partita ad aprile con un primo gruppo di 40 Private, si ripeterà con un secondo gruppo di 50 Private verso la fine di maggio. Essa segna una innovazione nel percorso formativo di questi professionisti del risparmio che, alla formazione in Italia presso SDA Bocconi, affiancano l’esperienza dello study tour grazie alla proficua collaborazione tra SDA Bocconi e Cass Business School.
’eccellenza accademica delle due realtà coinvolte, la dedizione e l’attenzione di Allianz Bank Private verso l’iniziativa e la scelta di Londra come location per lo study tour hanno consentito di arricchire l’esperienza con visite presso le istituzioni finanziarie della City di Londra e con momenti di socialità.La Professoressa Maria Debora Braga, Professore Ordinario di Economia degli Intermediari Finanziari presso la SDA Bocconi (Banking and Insurance Department) e direttrice del corso, spiega: “Le grandi istituzioni finanziarie fanno sempre più appello alla SDA Bocconi e ai suoi partner per creare dei corsi di Executive Education su misura in grado di creare una commistione di successo tra diverse forme di apprendimento e capaci di irrobustire il senso di community nei partecipanti”.Andrew Clare, Associate Dean for Corporate Engagement presso la Cass Business School di Londra aggiunge: “Cass è l’unica business school del Regno Unito con sede nel cuore della City di Londra e un accesso senza pari alle istituzioni finanziarie più importanti del mondo. Appoggiandosi a questo network, la divisione Executive Education offre corsi personalizzati che rispondono ai bisogni delle aziende e si basano sulla ricerca accademica di alto livello”.Allianz Bank Private è il centro di eccellenza per la cura e la gestione dei grandi patrimoni di Allianz Bank Financial Advisors, tra le prime banche reti in Italia per patrimonio in gestione, qualità e valore dei suoi Financial Advisors, appartenente al Gruppo Allianz SE, una delle più forti comunità finanziarie al mondo che detiene una solidità certificata dal rating AA dell’agenzia Standard & Poor’s.Allianz Bank Private si colloca nel panorama italiano del private banking con un modello di business originale, basato sul costante innalzamento della professionalità dei suoi consulenti private e sulla centralità della relazione con il cliente.La struttura è attualmente costituita da circa 330 consulenti Private, che si distinguono per esperienza e competenza nella pianificazione finanziaria globale e che si avvalgono di un team di specialisti e di raffinati strumenti di consulenza evoluta per l’analisi di portafogli personali, con un unico obiettivo: gestire con professionalità le dinamiche legate alla valorizzazione del patrimonio nella sua interezza e al passaggio generazionale.Al fine di soddisfare le esigenze più sofisticate della clientela di alto profilo, Allianz Bank Private ha nel tempo sviluppato percorsi di formazione di alto livello, utilizzando sia modalità tradizionali sia modalità più innovative.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »