Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 13 maggio 2016

Colombia Tops All Global Searches for South Florida Real Estate in March

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 maggio 2016

miami1MIAMI —Colombia leads all foreign countries in searching online for South Florida real estate, according to new data from the MIAMI Association of REALTORS® (MIAMI). The South American nation finished as the top international country using MIAMI’s search portal, http://www.Miamire.com, in March 2016. Colombia has now led the rankings for four consecutive months.
Venezuela and the United Kingdom finished second and third, respectively. It is the United Kingdom’s highest finish in the monthly MIAMI property search statistics. Home buyers in the United Kingdom — comprised of England, Scotland, Wales and Northern Ireland — are attracted by South Florida’s weather, world-class amenities and diversified economy.
“South Florida offers everything an international home buyer wants,” said Mark Sadek, the 2016 MIAMI Chairman of the Board. “Miami is an affordable world-class city with arts and culture, a thriving downtown, a diverse economy and a budding mass transit system. International home buyers have long searched, bought and invested in Miami real estate and will continue to do so.”
Colombian home buyers tied with Argentinians in purchasing the third-most Miami real estate among foreign countries, according to the 2015 Profile of International Home Buyers in Miami Association of Realtors Business Areas. Colombia registered 10 percent of all foreign South Florida transactions, according to the survey conducted by MIAMI and the National Association of REALTORS. Only Venezuelan (13 percent) and Brazilian (12 percent) buyers purchased more.Colombians moving to South Florida are often upper-middle-class families who want to enjoy their prosperity earned in their homeland as professionals and entrepreneurs. Colombians spend the second-most on South Florida property among foreign buyers. The $516,000 average purchase price of Colombians tied with Argentina and only trailed Brazil ($766,000), according to the 2015 survey.
The United Kingdom, which boasts the 22nd largest population in the world with 64.1 million residents, had never finished among the top-three foreign countries searching for Miami real estate. In March 2016, the UK improved for February’s seventh-place finish to No. 3. United Kingdom home buyers are no stranger to Miami real estate transactions. The UK had the eighth-most South Florida real estate transactions (2 percent) among foreign countries in 2015.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Panasonic illumina il Colosseo con uno straordinario Video-Mapping nel 150° delle relazioni Italia – Giappone

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 maggio 2016

colosseo video mappingRoma Per celebrare i 150 anni di relazioni diplomatiche tra Italia e Giappone, iniziate con il trattato di Amicizia e Commercio stipulato nel 1866, sono state programmate diverse manifestazioni in tutta Italia. Tra i molti eventi simbolici in programma, uno dei più importanti vede il Colosseo protagonista dall’11 al 13 maggio 2016 di un affascinante videomapping, realizzato tramite tecnologie Panasonic, dal tema “Amore per l’Umanità, Amore per la Terra”.Grazie alle light designer Motoko e Lisa Akari Ishii, e con il contributo tecnologico di aziende quali Panasonic, il Colosseo si fa simbolo di questo legame e cornice d’eccezione per trasmettere universalmente il messaggio di amicizia, pace e amore per l’umanità e l’ambiente.Nove proiettori professionali compatti PT DZ21K2 di Panasonic da 20.000 ANSI Lumen danno corpo all’essenziale messaggio, regalando un gioco di luci dinamico intorno alla parola “amore”, che viene proiettata in tutte le lingue del mondo come a comporre una scintillante costellazione. I proiettori PT DZ21K2 assicurano una straordinaria qualità e fluidità delle immagini in movimento, che alternano alla parola amore scene oniriche e pitture a inchiostro ispirate dalla tradizione giapponese. La prima proiezione, realizzata mercoledì 11 maggio alle 20.40 alla presenza della famiglia imperiale giapponese, ha visto illuminato l’Anfiteatro Flavio con immagini proiettate sulle note di una serie di brani, che fondevano tradizioni musicali italiane e giapponesi. Lo spettacolo verrà replicato il 12 e il 13 maggio con proiezioni ripetute ogni 10 minuti, dalle ore 20:30 alle ore 23:00.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Police cooperation: MEPs approve new powers for Europol to fight terrorism

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 maggio 2016

europolThe EU police agency Europol will soon be able to step up efforts to fight terrorism, cybercrime and other criminal offences and respond faster to threats, thanks to new governance rules approved by Parliament on Wednesday. The new powers come with strong data protection safeguards and democratic oversight tools.The draft rules, agreed by Parliament and Council negotiators in November last year, will strengthen Europol’s mandate to ensure that it is fully equipped to counter the rise in cross-border crimes and terrorist threats, in particular by making it easier for it to set up specialised units to respond immediately to emerging threats. The rules will also include clear rules for existing units or centres such as European Counter Terrorism Centre, which started work on 1 January this year.”The new rules for Europol are a powerful legislative tool that will help to enhance security for European citizens”, said Parliament’s lead MEP Agustín Díaz de Mera (EPP, ES), in the debate ahead of the vote.
Europol will in some cases be able to exchange information directly with private entities, such as firms or NGOs, so as to work faster. For example, Europol’s Internet Referral Unit could contact a social network provider such as Facebook directly to ask that a web page run by ISIS be deleted, thus halting the spread of terrorist propaganda faster.
To avoid information gaps in the fight against organised crime and terrorism, the new rules make it the duty of EU member states to provide Europol with the data it needs.To encourage information sharing, Europol is to report annually to the European Parliament, the Council, Commission and national parliaments on the information provided by individual member states.
MEPs have ensured that Europol’s new powers will go hand in hand with stronger data protection safeguards and parliamentary scrutiny. The European Data Protection Supervisor (EDPS) will monitor Europol’s work and there will be a clear complaints procedure for citizens under EU law.Europol’s work will also be overseen by a Joint Parliamentary Scrutiny Group, with members from both national parliaments and the European Parliament.
The regulation will enter into force on the 20th day after its publication in the EU Official Journal and take effect as of 1 May 2017.

Posted in Estero/world news | Leave a Comment »

EJC announces 14 development reporting grant winners

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 maggio 2016

Maastricht The European Journalism Centre (EJC) is proud to announce the winners of the seventh round of the Innovation in Development Reporting (IDR) Grant Programme. A combined total of more than €260,000 will be awarded to fourteen journalistic projects that advance development reporting and bring innovative storytelling on global development to a wider public.The final winners were selected during a meeting of the IDR Grant Programme Advisory Council, consisting of senior international journalists. The projects that are eligible for funding will be greenlighted upon signature of a legal contract.The awarded projects have received endorsement from significant media outlets located in France, Germany, Italy, Spain, the Netherlands, Norway, the United Kingdom and many other countries. The winning projects touch upon multiple development issues, such as water grabbing; ship breaking, its human costs and its consequences on nature; South-South cooperation; the repercussions of the decrease of the bee population on the food system; and the fight against poverty and social exclusion among elderly people in Tanzania and Ethiopia.The winners were chosen because of their solid story ideas and innovative multi-platform approaches, operating on the crossroads between investigative, data-driven and visual journalism. To convey complex development stories in engaging ways, the winning projects will make use of web-documentaries, graphic journalism, gamification elements, 360 degrees videos, virtual reality, etc. In addition, the advisory council applauded the multi-platform approach of many applicants, as this magnifies the visibility and impact of their stories. “With this grant round we have reached the milestone of one hundred funded projects. It’s rewarding to see that, beyond the growing numbers, our grantees have shown visible progress on the quality and innovation level of their stories and have been achieving an ever widening impact,” says EJC Director Wilfried Ruetten.The winners of this round will join a two-day boot camp training on 9 and 10 June, in Maastricht, the Netherlands, where they will meet fellow grantees and learn from top-level media practitioners. They will work on the development of their stories, learn about leveraging multimedia storytelling techniques and develop publication strategies aimed at achieving the best possible public impact.The seventh call for applications ran between 10 September 2015 and 2 March 2016. In total, 199 applications were received.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The latest from CEC and across Europe

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 maggio 2016

conferenceThe Conference of European Churches has launched the new ceceurope.org. We have added new features that will help you stay informed about the work of CEC. This includes an updated and complete resource section with annual reports and other CEC publications, a new menu that makes it easy to find CEC materials in our core programme areas, an events section, including the possibility to register for our public events, and more. To make our site more user friendly, we have also added a search function, categories to all our news posts, social media sharing on every news item, and have built pages exclusively for French, German, and Russian content. We hope you enjoy the new site and its updated look. Please send questions and feedback to Erin Green, CEC Communication Coordinator. (conference)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Red Bull Cliff Diving Returns with Ultimate Test of Nerve – and the Impact of a Mike Tyson Uppercut

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 maggio 2016

red bullThe world’s best professional cliff divers face their biggest challenge yet when the Red Bull Cliff Diving World Series returns on June 4 in Texas, USA, with the ever growing complexity of dives pushing the limits of what is physically possible, while the addition of live TV coverage piles on the psychological pressure. The platform is up to 28 metres high (92 feet), the drop takes just 3 seconds, and the athletes reach speeds of 85 kilometres (53 miles) per hour as they twist and somersault up to five times before impact. The only way to hit the water safely from that height is feet first, and even the slightest mistake in timing can mean a bruising experience for the men and women taking part. “When you have a bad landing it can feel like an uppercut from Mike Tyson,” explains Britain’s five-times series champion Gary Hunt. “Any loss of concentration can be very painful.” The 2016 season is the eighth since the launch of the World Series in 2009 and for the first time every event will be broadcast live on Red Bull TV and stations around the world. The physical workload will be tougher than ever too, as the male athletes complete an Intermediate Dive to go with the Required Dive and the two Optional Dives, which feature ever higher degrees of difficulty. Diving is a test of nerve as well as consistency and skill, with the men’s platform almost three times that of the 10m board in Olympic diving. As the athletes prepare to launch themselves from the platform, trained rescue divers wait in the water in case anything goes wrong. On land, Olympic gold medallists Greg Louganis of the United States and Russia’s Dmitri Sautin are among the pool of judges scoring dives on execution. Defending champion Gary Hunt will once again be the man to beat, while last year’s runner-up Orlando Duque of Colombia still feels he can land a second Red Bull Cliff Diving title at the age of 41.The American Steven LoBue will be one of the most closely watched athletes. LoBue is known as the Turbo Spinner, and is the only athlete who performs five somersaults in the three seconds it takes to complete a dive. Britain’s Blake Aldridge, who was Tom Daley’s synchro partner at the Beijing Olympics in 2008, has also been pushing the envelope. Aldridge racked up the highest ever degree of difficulty last year with a dive featuring 2 reverse somersaults and five twists. On the women’s side, America’s Rachelle Simpson has so far appeared all but untouchable, winning the first two editions in 2014 and 2015 from the 20m platform. The former gymnast is a Texas native and is eager to see the sport grow. When she resumes competition on familiar territory. “Now we have almost the same amount of competitions as the men. I think it will help people see that women are the real deal and not just an exhibition. It also gives us women the chance to cliff dive more and with more cliff diving comes more experience and a higher level of diving.” (photo: red bull)

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Amsterdam app agency creates new form of mobile poker

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 maggio 2016

amsterdamAmsterdam. PokerConnect is the first poker app which allows you to play across platforms offline. How? Each player has the PokerConnect app on his or her own device. This can be a tablet or phone, either iOS or Android. We are proud to announce a scoop for our poker app: smooth interfacing between these two major operating systems. As they say: the best ideas fit onto the back of a beer mat. The PokerConnect beer mat was scribbled during a team outing by app developer DTT Multimedia from Amsterdam, a team of young app fanatics whose motto is “work hard, play hard”. During the week, they work on developing app concepts. On Friday nights after work, they socialise; for example, by playing a round of poker. In early 2015, the DTT team was in a bar at Spui in Amsterdam. Time for a game. As befits loyal app fans, they opened the app stores. Finding an app that would serve as a poker table turned out to be a hell of a job. And so the PokerConnect idea was born. That’s the way it can go: from a scribble on a beer mat to a unique concept that goes on to conquer the app stores. The app serves as a digital poker table. The goal was to create a poker experience that would be identical to playing poker in real life – which means enabling users to play against friends, one on one or with a group of up to ten people. You can play with real money or with chips. The advantage compared to playing at a physical poker table with friends is that no one has to deal.The smooth cross platform operations between iOS and Android is what makes PokerConnect unique. DTT Multimedia software development company, in the person of Jeffrey van Dijk, says of this breakthrough: “Getting the iOS and Android operating systems to communicate via a server is common these days. But the challenge with PokerConnect was to achieve this communication offline. After all, not every poker fan can rely on a good internet connection wherever they are. After more than a year of development, the game is now ready for the general public. However, this is only the start and we’re going to enrich the game even further in the future.” PokerConnect is free to download for Apple and Android devices. Eager for a first impression of the game? View the video. The application was developed by DTT Multimedia, which has previously supplied apps for, among others, ING bank, FOX Sports, Boston Consultancy Group, Belkin and the Dutch government. For more information about the features of the PokerConnect app: https://en.d-tt.nl/pokerconnect-solution

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

New Multi-Center Registry To Study Benefits of Stretta Therapy for GERD Patients after Sleeve Gastrectomy

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 maggio 2016

MedicinaNORWALK, /PRNewswire/ — Mederi Therapeutics today announced a new multi-center registry that will study the benefit of Stretta Therapy as a treatment option in patients who experience gastroesophageal reflux disease (GERD) after sleeve gastrectomy (SG).The study, entitled “Examining the Benefit of RF Treatment (Stretta) of GERD after Sleeve Gastrectomy,” includes 15 of the top bariatric programs in the U.S. This multi-center registry will study patients with documented GERD a minimum of six months after a sleeve gastrectomy. The study will focus on GERD symptom control (HRQL) after Stretta, with follow up at six, 12, and 24 months.Sleeve gastrectomy is the weight loss procedure of choice, representing 51% of bariatric surgeries performed in the U.S. in 2014 (up from 42% in 2013). Patients typically choose a sleeve over a gastric bypass because it allows the stomach to retain normal function.
Erin Moran-Atkins, MD, FACS, Principal Investigator and Assistant Professor of Surgery at the Montefiore Medical center and the Albert Einstein School of Medicine, explained the challenges of treating patients with GERD after a sleeve: “Obese patients experience GERD at a dramatically higher rate than the average population. Weight loss surgery resolves GERD in some patients, but for others, symptoms continue. The post-sleeve patient may also have a hard time tolerating common GERD medications and want to avoid a conversion to a gastric bypass, which has been the standard next step.” Co-investigator W. Scott Melvin, MD, FACS, Director General Surgery at the Montefiore Medical Center and Professor of Surgery at the Albert Einstein School of Medicine, further noted the limited options for sleeve patients with GERD. “Because of the sleeve’s altered anatomy, you can’t perform a fundoplication. Furthermore, conversion to a gastric bypass has a higher complication rate. Stretta has been widely studied in patients with altered anatomy from surgery. Importantly, for the bariatric patient, receiving Stretta doesn’t preclude further surgery. We are looking forward to data confirming that Stretta can help the growing bariatric patient population with GERD.” Studies show that up to 84% of patients with pre-existing GERD continued to have symptoms after a sleeve gastrectomy, and at least eight percent develop new GERD post-operatively.
Stretta is a non-surgical procedure for GERD that uses radiofrequency (RF) energy to regenerate the muscle between the stomach and esophagus. Studies show that Stretta resolves reflux symptoms, improves quality of life, reduces or eliminates medications, and decreases acid exposure in patients with chronic GERD. Stretta is delivered transorally and does not alter the anatomy, making it a viable option for patients with GERD who have undergone bariatric surgery.
Stretta is a versatile, non-surgical option for GERD patients who do not respond well to medications and wish to avoid surgery. Stretta has been the subject of more than 40 studies, all showing a high level of safety and efficacy. Manufactured by Mederi Therapeutics, Stretta is available worldwide.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

New rules to attract non-EU students, researchers and interns to the EU

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 maggio 2016

UCBM - Studenti uscita da Paolo di RicercaHarmonised EU entry and residence rules to make it easier and more attractive for people from third countries to study or do research at EU universities were approved by Parliament on Wednesday. The new rules clarify and improve conditions for non-EU interns, volunteers, school pupils and au pairs.The new rules merge two existing directives (one on students and one on researchers) to ensure that:students and researchers may stay at least nine months after finishing their studies or research in order to look for a job or to set up a business, which should also ensure that Europe benefits from their skills,
students and researchers may move more easily within the EU during their stay. In future, they will not need to file a new visa application, but only to notify the member state to which they are moving, for example to do a one-semester exchange. Researchers will also be able to move for longer periods than those currently allowed,
researchers have the right to bring their family members with them and these family members are entitled to work during their stay in Europe, andstudents have the right to work at least 15 hours a week.”I am glad that the EU recognizes the value of attracting highly skilled people to come here and to entice them to stay by creating a harmonized European system applicable in all member states, said lead MEP Cecilia Wikström (ALDE, SE).”This undoubtedly means that European universities will be able to strengthen their competitiveness on the global arena and become more attractive than ever to ambitious and highly-educated people from other countries, thanks to considerably improved conditions in the EU”, she added.The new directive also provides for uniform entry conditions and better protection for interns and volunteers under the European Volunteer Scheme during their stay. Optional provisions are foreseen for other volunteers, school pupils and third-country au pairs, who will be covered for the first time by an EU law.
The directive enters into force the day after its publication in the European Official Journal. Member states will then have two years in which to transpose its provisions into their national laws.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuove norme per attirare nell’UE studenti e ricercatori non comunitari

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 maggio 2016

UCBM - Studenti ed edificio di sfondoNuove norme armonizzate d’ingresso e soggiorno nell’UE sono state approvate dal Parlamento mercoledì e renderanno più semplice e più attraente per le persone provenienti da paesi terzi studiare o fare ricerca nelle università europee. Le nuove disposizioni chiariscono e migliorano anche le condizioni di tirocinanti, volontari, alunni e ragazzi alla pari non-UE.Le nuove regole unificano due direttive già esistenti (su studenti e ricercatori) per garantire che:
• studenti e ricercatori possano soggiornare nell’UE per almeno nove mesi dopo aver terminato i propri studi o ricerche per cercare un lavoro o di dare vita a un’attività. In tal modo, anche l’Europa potrebbe beneficiare delle loro competenze;
• studenti e ricercatori possano muoversi più facilmente all’interno dell’Unione europea durante il loro soggiorno. In futuro, non sarà infatti più necessario presentare una nuova domanda di visto al momento del trasferimento, ma basterà semplicemente notificare lo Stato membro verso il quale ci si sta spostando, ad esempio per uno scambio culturale di sei mesi. I ricercatori potranno inoltre spostarsi per periodi più lunghi rispetto a quelli attualmente consentiti;
• i ricercatori abbiano il diritto di portare i loro familiari con loro e, a loro volta, i membri della famiglia potranno lavorare durante il soggiorno nell’UE;
• agli studenti sia riconosciuto il diritto di lavorare almeno 15 ore a settimana.
“Sono soddisfatta del riconoscimento, da parte dell’UE, del valore di attrarre persone altamente qualificate per permettere loro di venire qui e invogliarli a rimanere con la creazione di un sistema europeo armonizzato applicabile in tutti gli Stati membri”, ha sottolineato la relatrice Cecilia Wikström (ALDE, SE). “Senza dubbio le università europee saranno in grado di rafforzare la loro competitività sulla scena globale e diventare più attraenti che mai per le persone ambiziose e altamente qualificate provenienti da altri Paesi, grazie al miglioramento significativo delle condizioni”, ha aggiunto. La nuova direttiva prevede anche condizioni di ingresso uniformi e una protezione più efficace per i tirocinanti e i volontari che operano nell’ambito del programma di volontariato europeo. Disposizioni facoltative sono inoltre previste per altri volontari, alunni e ragazzi “au pair” non comunitari, che potranno per la prima volta fare affidamento su una legge europea.
La direttiva entra in vigore il giorno successivo alla pubblicazione nella Gazzetta ufficiale europea. Gli Stati membri avranno poi due anni di tempo per trasporre le disposizioni nella loro legislazione nazionale.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Al via la stagione balneare in Israele

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 maggio 2016

israele spiagge

israele spiagge1

Si apre questa settimana ufficialmente in Israele la stagione balneare 2016. Turisti e visitatori potranno così beneficiare di accesso gratuito a tutte le spiagge di Israele, potendo così pienamente fruire di tutte le bellezze naturali della costa.
Lo scorso anno USA Today ha definito le spiagge israeliane tra le migliori al mondo specialmente per trascorrervi momenti di relax.
Ben 21 spiagge in Israele sono state premiate con la Bandiera Blu da parte della FEE, la Foundation for Environmental Education, l’ente preposto alla verifica dell’ eccellenza ambientale. Tra le spiagge prescelte possono essere ricordate, tra le altre, la spiaggia Hukuk del Lago Kinneret; la spiaggia Dado ad Haifa; Chanz, Onot, Amfy, Herzl, Sironit Nord, Sironit Sud, Laguna-Argaman e le spiagge Poleg a Netanya; le spiagge Metzizim e Gerusalemme a Tel Aviv; la spiaggia HaKachol a Rishon Lezion; Mei Ami, Oranim, Lido, Kshatot, Yod Alef, Riveria ad Ashdod e la Hash’hafim Beach a Eilat. Anche i porti turistici di Herzeliya e di Tel Aviv sono stati premiati da EcoOcean con la Bandiera Blu. Le spiagge di Netanya e Herzliya sono anche dotate di un ascensore per l’accesso alle spiagge situate sotto le scogliere.
israele spiagge2Per la conservazione dell’ambiente e nel pieno rispetto della natura, non sono ammesse né moto d’acqua né barche in prossimità delle rive, e non è consentita la circolazione con veicoli a motore sulle spiagge e sul lungomare, così come l’accensione di falò. La balneazione è vietata qualora non sia presente un bagnino o la bandiera nera sia stata issata. In alcune spiagge attrezzate, sarà possibile anche trascorrere momenti di relax in compagnia dei propri amici animali.”Dalla costa mediterannea fino ad Eilat sul Mar Rosso, Israele è assolutamente perfetta per una vacanza balneare. Nel periodo estivo il Paesi si arricchisce poi di eventi culturali che renderanno indimenticabile una vacanza splendida e forse inaspettata” ha dichiarato Avital Kotzer Adari direttore dell’ufficio Nazionale Israeliano del Turismo in Italia.
Ci sono 13 spiagge lungo la costa di Tel Aviv-Jaffa, con oltre 8 milioni di bagnanti che si godono ogni anno le rive sabbiose e l’acqua pulita. Ci sono quattro spiagge con accessi speciali per le persone con disabilità: Tzuk, Tzuk Nord, Metzizim e Hilton, tutte nella parte settentrionale della città. Tel Aviv-Jaffa vanta un tratto di 8,7 miglia con ampie vedute, orizzonti blu, spiagge di sabbia bianca dotate di sedie a sdraio, ristoranti, palestre all’aperto, giochi per bambini e una passeggiata sul lungomare percorsa continuamente da chi desidera camminare, correre o semplicemente godersi dei paesaggi. Le spiagge della città sono ben attrezzate con spogliatoi, docce e servizi igienici.

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Aumento del seno, le 5 cose da sapere

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 maggio 2016

congresso«Dottore, vorrei il seno come quell’attrice o showgirl». Capitano spesso pazienti che entrano nello studio del chirurgo plastico con la foto del personaggio famoso a cui vorrebbero assomigliare, soprattutto quando si tratta di rimodellare il seno: «Il décolleté è una parte del corpo che sembra forse più semplice emulare, anche se non è così: ognuno ha delle caratteristiche uniche che devono essere considerate e rispettate». È quanto è emerso al congresso internazionale “Cosmetology, Trichology & Aesthetic Practices” che si è svolto a Dubai dal 25 al 27 aprile, a cui ha partecipato anche Pierfrancesco Bove, chirurgo plastico fondatore del surgery network ChirurgiadellaBellezza insieme con il collega Raffaele Rauso.In un anno, nel mondo, le donne si sono sottoposte a 17 milioni di procedure di medicina e chirurgia estetica: tra quelle chirurgiche, la più praticata è stata quella dell’aumento di seno. «Anche in Italia l’aumento del seno è l’intervento più richiesto dalle donne tra i 20 e i 40 anni. Ci sono però alcuni punti da mettere in chiaro per far sì che quello che spesso è il sogno di una vita, diventi realtà senza sorprese» afferma Bove.
Il primo punto è spiegare ai pazienti che voler assomigliare a questo o a quel personaggio famoso, non è l’approccio corretto: «Bisogna sempre rispettare l’armonia e la proporzione del corpo o del viso, senza strafare. È giusto rispettare l’unicità di ciascuno e assecondare le caratteristiche fisiche del paziente, non cercare di riprodurre quelle di qualcun altro o le esigenze di moda del mondo» dicono gli specialisti di ChirurgiadellaBellezza, che ha studi a Milano, Roma, Napoli, Salerno e Firenze.
Secondo: per la scelta della protesi bisogna considerare sia i desideri della paziente, sia le sue misure corporee, per evitare effetti innaturali: «Un corpo molto magro con un seno molto prorompente molto difficilmente è un dono di madre natura e quasi sicuramente è un “fake”. Tra l’altro bisogna considerare che a lungo andare un peso eccessivo potrebbe causare problemi alla spina dorsale» spiegano i due chirurghi plastici. Anche per questo, prima dell’intervento i chirurghi simulano una “preview” del risultato definitivo facendo indossare delle apposite coppe mammarie alla paziente, al di sotto di uno specifico reggiseno: non sempre quello che sulla carta piace, fa lo stesso effetto se provato di persona: «La paziente indossa degli appositi reggiseni o delle canottiere in cui si inseriscono dei simulatori mammari così da dare l’effetto dopo l’operazione. Ascoltare la paziente, le sue esigenze e aspettative è importante, ma non bisogna mai dimenticare l’equilibrio e l’armonia. Un bravo chirurgo deve anche sapere dire di no a richieste eccessive» aggiungono.
Terzo, va ricordato che non si avranno vent’anni per sempre: «Alle pazienti più giovani, diciamo di pensare tra 40 anni come sarà cambiato il proprio corpo. Un seno da pin up oggi, potrebbe dare più di un problema domani. Le più sensibili a questo argomento sono le mamme che, a due o tre anni dalla nascita di un bambino, decidono di intervenire sul décolleté. Per questo, in linea generale, evitiamo protesi troppo grande che alla lunga potrebbero dare problemi» affermano Rauso e Bove.
Quarto punto, la scelta del tipo di protesi è determinante: «Oggi in commercio ne esistono molte marche, tra cui è difficile orientarsi. Quello che la paziente può fare è chiedere se la marca della protesi che il chirurgo propone garantisce a vita oppure in caso di contrattura capsulare, uno degli inconvenienti più frequenti, l’impianto mammario: questi sono sinonimo di serietà dell’azienda, che è talmente sicura della qualità dei propri prodotti da farsene carico a tempo indeterminato».
Quinto, per una buona riuscita bisogna sapere che dopo l’intervento sarà necessario avere alcune accortezze per ridurre i rischi post intervento. Proprio per venire incontro a questa esigenza, il team di ChirurgiadellaBellezza ha messo a punto la Smart mastoplastica, una particolare combinazione di procedure consolidate e sicure che consente di ottimizzare i tempi dell’intervento (mezz’ora circa contro le due ore di una mastoplastica tradizionale), riducendo l’edema e il gonfiore. «Il minore tempo di intervento comporta anche tempi di recupero accorciati: avendo assunto basse dose di farmaci anestesiologici, la paziente li smaltisce in poco tempo, risvegliandosi pressoché senza dolore grazie all’anestetico locale infiltrato dal chirurgo prima di operare» concludono Rauso e Bove.
ChirurgiadellaBellezza (www.chirurgiadellabellezza.it) è un surgery network che si occupa di medicina e chirurgia estetica in Lombardia, Toscana, Lazio e Campania. L’équipe, guidata dai chirurghi plastici Raffaele Rauso e Pierfrancesco Bove, è composta da anestesisti, infermieri e personal assistant. Gli standard che garantisce sono elevatissimi in tutte le città in cui opera. La filosofia di ChirurgiadellaBellezza si basa non solo sulla ricerca di risultati armonici e naturali, ma anche sull’assistenza costante al paziente prima, dopo e durante l’intervento. (foto: congresso)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“L’Attesa” Atto unico teatrale

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 maggio 2016

Elisa Josefina FattoriElisa Josefina Fattori1Roma 31 Maggio ore 21:00, 1/3/4 Giugno ore 21:00, 5 Giugno ore 18:00 Teatro Elettra – Via Capo D’Africa, 32 Durata: 60 minuti circa “L’Attesa” Atto unico teatrale di Giancarlo Cittadini. Interprete: Elisa Josefina Fattori. Regia: Giancarlo CittadiniOgnuno di noi ha le sue fragilità nascoste, c’è chi le maschera nel successo professionale, chi nella vita familiare, chi dedicandosi agli altri.
La protagonista di questo monologo, la celebre fashion blogger Sole Terragni, cerca di dimenticarle con il lavoro, creandosi – per superarle – una realtà “su misura”.La sua fragilità si riflette nell’amore per un uomo sposato e nella contemporanea relazione con la moglie di lui. L’atto unico si svolge nell’arco di una sera, nell’attesa della telefonata dell’uomo.Purtroppo, come nella vita reale, l’attesa è fatta di silenzi e di parole non dette o che non si ha il coraggio di dire.
Così i monologhi della protagonista trasformano le “presenze” del suo ufficio in personaggi che le danno le risposte che non vorrebbe affrontare.Ma questo non basta, e per sfogare la propria frustrazione la vediamo sedare il suo malessere con la beneficenza, cullandosi nell’idea che qualcuno possa esserle debitore. Forse ognuno di noi può riconoscersi in lei. In fondo anche noi, magari in modi diversi, viviamo e superiamo le nostre debolezze ritagliandoci nel mondo un piccolo e personale universo parallelo. (foto: Elisa Josefina Fattori)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un’asta di reperti archeologici di alto pregio a prezzi contenuti

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 maggio 2016

astaBy Giuseppe Bertolami. Roma 20 maggio 2016 ore 16,30 Esposizione: 15 – 17 maggio 2016 ore 11.00/19.00 18 – 19 maggio ore 10.00/13.00 Palazzo Caetani Lovatelli Piazza Lovatelli, 1. I cinquantasei lotti che saranno posti all’incanto il 20 maggio a Palazzo Caetani Lovatelli possono essere tutti considerati dei top lots, top lots di diverse fasce di prezzo.
L’Italia non è un paese per aste di archeologia. I motivi sono noti e attengono alla complessità e severità del sistema normativo vigente nel nostro paese in materia di tutela del patrimonio culturale. Le prime leggi sul tema sono state d’altronde emanate proprio qui da noi. Nella Roma del Papa Re, già a partire dai primi decenni del ‘400, si avverte l’esigenza di provvedimenti finalizzati a impedire la demolizione e spoliazione delle rovine di età romana. Si procede poi alla regolamentazione degli scavi archeologici, arrivando a creare una carica dello Stato preposta a vigilare sul patrimonio artistico. L’idea, come è noto, è da ascriversi a Papa Leone X, che, nel 1515, nomina Raffaello Ispettore Generale delle Belle Arti . E non solo lo Stato Pontificio si è dotato prima di ogni altro di un ministro dei beni culturali, ma, intorno alla metà del ‘600, per primo ha introdotto il divieto di esportazione all’estero delle opere d’arte di maggior valore. Alla luce di presupposti storici così impegnativi si comprende come mai l’Italia occupi una posizione del tutto defilata nell’ambito del grande commercio internazionale di archeologia, un ramo del mercato dell’arte nei confronti del quale il nostro paese ha sviluppato un atteggiamento di sedimentata e non sempre giustificata diffidenza.
Come si spiega, allora, l’asta di reperti archeologici di alto pregio che Bertolami Fine Arts si appresta a battere nella sua sede romana di Palazzo Caetani Lovatelli? Basta sfogliare velocemente il catalogo per rendersi conto che la proposta è insolitamente ghiotta: piccoli tesori in grado di fare la felicità dei collezionisti più esigenti a valori di stima decisamente contenuti. Una gara, insomma, che si direbbe aperta a un parterre di appassionati tutt’altro che ristretto. A fornire la soluzione del mistero è Giuseppe Bertolami, general manager e fondatore della casa d’aste: ”Il progetto di vendita all’incanto che, con Andrea Pancotti – capo del nostro Dipartimento di Archeologia – abbiamo a lungo accarezzato e infine realizzato non contempla alcuna possibilità di speculazione, né da parte nostra, né da parte dei compratori. Ciò dipende dal riconosciuto interesse di carattere archeologico, storico e, in alcuni casi, artistico dei pezzi in vendita, pezzi che, per questa ragione, non possono uscire dal territorio della Repubblica. Il nostro compratore ideale non è un mercante, non compra per rivendere, magari all’estero. Abbiamo lavorato per intercettare collezionisti italiani, appassionati autentici pronti ad innamorarsi dell’idea di entrare in possesso di un oggetto di speciale importanza il cui prezzo risulta calmierato proprio dal riconoscimento da parte dello Stato italiano di quell’importanza così manifesta.”
In sintesi, l’operazione trova il suo principale fondamento nella scommessa che l’imposizione di un vincolo statale non sempre chiuda la partita commerciale, ma possa al contrario rinnovarla e aprirla a nuovi giocatori. Oggetti come l’eccezionale pisside siciliana a figure rosse del IV secolo a.C., o il grande altare votivo in marmo del II secolo d.C. con le vivide effigi di Asclepio, Igea e Telesforo, o il meraviglioso busto di Caracalla fanciullo ritratto nelle vesti di Attis, se venduti a Londra o New York, verrebbero contesi dai più grandi collezionisti e raggiungerebbero quotazioni ragguardevoli. Accade però che il divieto di esportazione, abbassandone il prezzo, li metta alla portata di un collezionismo colto e appassionato, ma assai meno elitario dal punto di vista della possibilità di spesa. (foto: asta)

Posted in Cronaca/News, recensione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Accordo tra Intercent-ER e Assosoftware

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 maggio 2016

Borsa Merci Telematica ItalianaSemplificare e standardizzare il processo di acquisto, sviluppare soluzioni interoperabili per una maggiore efficienza ed efficacia nell’interazione fra Pubblica Amministrazione e mercato della fornitura, diffondere e promuovere l’adozione del SiCiPa-ER (Sistema regionale per la Dematerializzazione del Ciclo Passivo degli acquisti), favorire l’innovazione continua e costante del sistema degli acquisti della Pubblica Amministrazione: questi i principali obiettivi dell’accordo appena siglato tra AssoSoftware, l’Associazione nazionale produttori di software gestionale e fiscale e l’Agenzia Regionale per lo sviluppo dei mercati telematici – Intercent-ER.
Inizia ora un’intensa attività congiunta per divulgare e dare sempre maggiore sviluppo al canale telematico per la gestione dei documenti del ciclo passivo degli acquisti, anche attraverso l’istituzione di un tavolo di lavoro per cooperare sugli aspetti organizzativi e tecnologici.“La nostra Associazione – dichiara Bonfiglio Mariotti presidente di AssoSoftware – è da sempre in prima linea sul fronte dell’innovazione e ha nel proprio DNA l’essere propulsore di tutti i processi di modernizzazione voluti dal mercato o dall’Amministrazione Pubblica. Credo che questo accordo sia un’ulteriore prova che la collaborazione pubblico/privato, nel segno dell’interoperabilità delle soluzioni, nel rispetto dei reciproci ambiti di azione e delle regole del mercato, può garantire vantaggi concreti a tutto il sistema economico del nostro Paese.”
AssoSoftware è l’Associazione nazionale che riunisce, rappresenta e tutela gli interessi di oltre il 90% delle aziende dell’Information Technology che realizzano software applicativo-gestionale per imprese, intermediari e PA. Una realtà produttiva che, con oltre 17.000 dipendenti e 4 miliardi di euro di fatturato globale, svolge un ruolo fondamentale per l’economia del Paese, sviluppando applicazioni innovative per il settore privato e per la Pubblica Amministrazione.
AssoSoftware è presente su tutto il territorio nazionale con oltre 120 imprese associate e con una rete di migliaia di aziende distributrici.A livello federale AssoSoftware fa parte di Confindustria Servizi Innovativi e Tecnologici, il Presidente ne è componente di Giunta.Le aziende associate costituiscono il punto di riferimento tecnico per tutti gli intermediari, dai Commercialisti ai Consulenti del lavoro, dalle Associazioni di categoria ai CAF e alle aziende di ogni settore.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cerimonia di premiazione “Top Italian Women Scientists 2016”

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 maggio 2016

porta nuova milanoMilano 25 maggio 2016 ore 11.00 Palazzo Pirelli, Regione Lombardia – Sala Gonfalone – Via Fabio Filzi 22 Onda presenta il Club delle “Top Italian Women Scientists 2016”: le eccellenze femminili italiane che hanno dato un sostanziale contributo all’avanzamento delle conoscenze scientifiche in campo biomedico. Sono donne che si contraddistinguono per un’alta produttività scientifica, accomunate da un alto “h index”, un elevato numero di citazioni per pubblicazione. L’obiettivo è fare rete, promuovere la ricerca femminile avvicinando le giovani alle opinion leader e far conoscere il proprio lavoro.
INTRODUCE E COORDINA Francesca Merzagora, Presidente Osservatorio nazionale sulla salute della donna
SALUTO ISTITUZIONALE Sara Valmaggi, Vice Presidente Consiglio Regionale, Regione Lombardia
PRESENTAZIONE DEL PROGETTO «TOP ITALIAN WOMEN SCIENTISTS»Adriana Albini, Presidente Comitato Scientifico Osservatorio nazionale sulla salute della donna
SCIENZA E LEADERSHIP: ESISTE IL GENDER? COME INSEGNARE PASSIONE PER LA RICERCA E CAPACITA’ DI FARE OPINIONEPier Mannuccio Mannucci, IRCCS Fondazione Ca’ Granda, Ospedale Maggiore Policlinico, Milano
COMPETITIVITA’ NELLA RICERCA BIOMEDICA DEL MINISTERO DELLA SALUTE Maria Novella Luciani, Direttore Uff II, DG Ricerca Innovazione in Sanità, Ministero della Salute
SCIENZIATI DI IMPATTO – FARE RICERCA ALTAMENTE CITATA IN ITALIA Antonio Colombo, Direttore Unità di Cardiologia Interventistica, IRCCS Osp. San Raffaele, Milano
CONSEGNA ALLA RICERCATRICI DELLE TARGHE DI RICONOSCIMENTO Giorgio Fiorentini, Direttore Scientifico Master Universitario in Management delle Imprese Sociali, Università L. Bocconi, Milano

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Airbnb è opportunità di crescita del turismo, ma rimane problema evasione fiscale

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 maggio 2016

TURISMORoma. Secondo lo studio “Fattore Sharing: l’impatto economico di Airbnb in Italia” la società leader della sharing economy ha contribuito nel 2015 a un beneficio economico complessivo di 3,4 miliardi (0,22% del pil), supportando l’equivalente di 98.400 posti di lavoro. Nel 2015 oltre 80mila host italiani hanno accolto ospiti nelle loro case, guadagnando in media 2.300 euro all’anno condividendo il proprio alloggio per 24 notti. Per Adoc sono numeri che dimostrano come la sharing economy possa essere un mezzo per la crescita del Paese, in questo caso del settore turistico, ma rimane viva la discussione sulla possibile evasione fiscale da parte degli host.“Airbnb e la sharing economy tutta rappresentano un’opportunità di crescita per il Paese. Ma affinché la crescita abbia benefici per tutti i cittadini è necessario valutare la migliore soluzione per eliminare ogni possibile caso di evasione fiscale, che andrebbe a penalizzare l’economia e a ricasco tutti i cittadini – dichiara Roberto Tascini, Presidente dell’Adoc – ad oggi Airbnb lascia agli host la responsabilità di mettersi in regola con il pagamento delle tasse locali, assumendo una posizione neutra in tal senso. In Italia, lo ricordiamo, le entrate derivanti da quest’attività devono inserite nella dichiarazione dei redditi, sotto la voce “Redditi Diversi”, cumulandosi con gli altri eventuali redditi percepiti, su cui verrà calcolata la tassazione Irpef. Ma quanti effettivamente lo fanno? Dati certi non ce ne sono ma non possiamo escludere la possibilità che la percentuale di “furbetti” sia più alta di quanto vorremmo. La soluzione prospettata nel disegno di legge sulla sharing economy potrebbe essere un buon compromesso, prevedendo che ai redditi fino a 10mila euro si applichi un’imposta pari al 10% mentre i redditi superiori a 10mila euro verrebbero cumulati con i redditi da lavoro dipendente o da lavoro autonomo, applicandovi l’aliquota corrispondente. Altra previsione è che i gestori debbano operare in qualità di sostituti di imposta degli utenti operatori e, se risiedono all’estero, dotarsi di stabile organizzazione in Italia, comunicando i dati all’Agenzia delle entrate sulle transazioni economiche, anche laddove l’utente operatore non percepisca reddito dalle attività svolte. Comprendiamo che definire con unica disposizione normativa un universo molto frammentato come quello della sharing economy sia complesso ma occorre adoperarsi affinché i cittadini vengano tutelati anche in questo settore.” Flavio Mollicone Ufficio stampa Adoc

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giornata di primavera e di solidarietà con Angeli per un giorno

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 maggio 2016

angeliRoma Domenica 15 Maggio 2016 i volontari e gli amici di Angeli per un giorno, progetto dell’associazione Mission Network sostenuto dall’Università Europea di Roma, organizzano una giornata di giochi e divertimento dedicata a bambini in situazioni di difficoltà, ospiti di case famiglia e d’accoglienza. Per il terzo anno consecutivo cento bambini ed altrettanti volontari saranno insieme per condividere con gioia i valori dello sport. L’incontro, che inizierà alle 10.00, si svolgerà nel Centro Sportivo “Virtus Boccea”, Via Stefano Vaj 73.
Dopo l’accoglienza dei bambini e dei volontari, ci sarà un momento di raccoglimento con la Santa Messa alle 11.00. Seguirà uno spazio dedicato ai giochi liberi in attesa del pranzo. Nel pomeriggio sono numerose le attività in programma: scuola calcio, tornei di pallavolo e giochi di squadra organizzati dallo staff.Gli “Angeli” volontari sono principalmente amici e studenti dell’Università Europea di Roma, che già da molti anni regalano momenti di allegria ai bambini, organizzando pomeriggi di giochi, cinema e sport.
Molti di questi ragazzi non si limitano ad essere “Angeli per un giorno”, ma portano avanti il loro impegno in modo continuativo. Chi lo desidera, infatti, può prolungare la propria collaborazione con le case famiglia, scegliendo liberamente quanto tempo dedicare ai bambini.Un ringraziamento speciale va al Centro Sportivo “Virtus Boccea” per l’ospitalità e la disponibilità rinnovata ogni anno.
web http://www.angeliperungiorno.it (foto: angeli)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La qualità della vita dopo il tumore

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 maggio 2016

RomaRoma, 14 maggio 2016 ore 8,30 aula Carlo Urbani Azienda Ospedaliera Sant’Andrea Via di Grottarossa, 1035 L’evento scientifico è promosso dall’Associazione Italiana per la protezione della fertilità – AIPF – in collaborazione con la Sapienza Università di Roma e l’Azienda Ospedaliera Sant’Andrea che lo ospita. A presiedere il congresso, Donatella Caserta, ginecologa, membro del Consiglio direttivo dell’AIPF, insieme ai colleghi Massimo Moscarini, presidente, Nicola Colacurci, vice presidente, Antonio Colicchia segretario.L’attenzione degli esperti sarà rivolta all’aspetto clinico, all’impatto psicologico della malattia e al supporto psicologico della paziente: dal counseling terapeutico, alla cura della paziente oncologica, fino all’identificazione delle nuove strategie terapeutiche a sostegno della qualità della vita della donna affetta da un tumore ginecologico. Nello spirito dell’Associazione italiana protezione della fertilità, fondata e presieduta dal prof. Massimo Moscarini, un occhio particolare verrà rivolto al tema della preservazione della fertilità delle pazienti oncologiche che a causa della malattia e delle cure invasive, rischiano di veder infrangersi il sogno di diventare mamme.A differenza di quanto registrato per gli uomini, per i quali l’incidenza dei tumori, tra il 2006 e il 2010 è diminuita del 2,8% all’anno, i casi di tumore tra le donne restano ancora stabili: in pratica circa 5 casi ogni mille donne e 2,5 decessi ogni mille donne. Notevoli e promettenti, invece, i progressi delle terapie negli anni, che hanno permesso di ottenere importanti risultati sulla mortalità, che negli ultimi 10 anni è invece in costante e regolare diminuzione.Il tipo di tumore femminile più comune resta quello della mammella (29%), che nel 45% dei casi colpisce donne d’età inferiore ai 40 anni, con circa 2400 nuovi casi diagnosticati ogni anno. Il tumore alla mammella è seguito dai tumori del colon-retto (14%), del polmone (6%), del corpo dell’utero (5%) e della tiroide (5%).

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Centro Commerciale più grande d’Europa

Posted by fidest press agency su venerdì, 13 maggio 2016

centro areseArese. Dove nasce un’eccellenza, Wood Beton c’è. Ad Arese è stato da poco inaugurato il Nuovo Centro Commerciale di Arese, interamente disegnato da Davide Padoa, Michele De Lucchi e Arnaldo Zappa.
La struttura, che ha una superficie di 120.000 mq e comprenderà ben 230 negozi, ha guadagnato il primato di centro commerciale più grande d’Europa.
Wood Beton, sempre in prima linea quando si tratta di realizzare opere innovative, belle e semplicemente uniche, si è occupata della realizzazione della copertura della PIAZZA ESAGONALE (circa 2.000 mq), della PENSILINA esterna (circa 600 mq), delle PARETI PERIMETRALI (circa 4.500 mq), dei SOLAI del porticato sud (circa 6.000 mq) e delle velette dell’Ipermercato realizzate con pannelli decorativi (persiane). La piazza esagonale, è stata interamente preassemblata a terra e successivamente installata.
Il taglio del nastro è avvenuto il 13 aprile, alla presenza dell’ Ing. Giovanni Spatti, Amministratore Delegato e Direttore Tecnico di Wood Beton Spa. (foto: centro arese)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »