Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 15 Mag 2016

Arterial switch to 12 o’clock associated with reduced coronary reserve in adolescence

Posted by fidest press agency su domenica, 15 Mag 2016

membership_escardioFlorence, Italy. Arterial switch to the 12 o’clock position is associated with abnormal coronary perfusion in adolescence, reveals research presented today at EuroCMR 2016.1 Babies born with transposition of the great arteries (TGA) undergo the arterial switch operation in the first days of life.TGA is a congenital heart defect in which the two major arteries leaving the heart, the pulmonary artery and the aorta, are connected to the wrong ventricles. The result is that oxygenated blood in the lungs is pumped back to the lungs instead of around the body. Blood in the body continues circulating instead of going to the lungs to pick up oxygen.Babies born with TGA undergo a surgical procedure, called the arterial switch operation, in the first days of life to switch the arteries to the correct position. As part of the operation the coronary arteries, which supply blood to the heart, are removed from the “old” aorta and reimplanted into the “new” aorta. The new position of the coronary arteries is described as hours on a clock, for example 12 or 1 o’clock.“This act of reimplanting the coronary arteries leads to the most complications associated with the arterial switch operation,” said last author Dr Francesca Raimondi, a paediatric cardiologist at Hôpital Necker Enfants Malades, promotion_escardioAPHP, Paris, France. “Our previous research has shown that at 5 to 7 years of age, some patients who had the arterial switch operation have stenosis in their coronary arteries.”The hospital now has a policy to check the coronary arteries of arterial switch patients when they are 5 to 7 years of age using a computed tomography (CT) scan.The current study investigated whether coronary perfusion abnormalities were present in adolescents who had the arterial switch operation as newborns for the TGA abnormality. It included 66 patients aged 14 years on average. The investigators used cardiac magnetic resonance (CMR) imaging to study the perfusion and anatomy of the coronary arteries. A qualitative study was performed to assess the presence or absence of perfusion defects. Semi-quantitative analysis was done to calculate the amount of perfusion.The investigators found that patients whose arteries had been reimplanted in the 12 o’clock position more frequently had perfusion defects than other patients.“This is the first time it has been shown that TGA patients whose coronary arteries are reimplanted in the 12 o’clock position may be more prone to myocardial ischaemia when entering adulthood,” said Dr Raimondi. “It suggests that patients with this specific coronary anatomy need more intense follow up to see if they develop symptoms of ischaemia.”She concluded: “The best position for the coronary arteries is after 1 o’clock but in some patients it was not possible because of their anatomy and surgeons had to reimplant in the 12 o’clock position. We have shown that these patients may be at risk for complications but our study needs further confirmation in a larger cohort.” (photos: membership_escardio, promotion_escardio)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lightweight Containers has opened US Keg Production Line

Posted by fidest press agency su domenica, 15 Mag 2016

containerLightweight Containers has started up a new production line to make KeyKeg® Slimlines and UniKegs®. The new line is in Joliet, Illinois (US). The fully automated computer- and robot-driven line can produce the entire Slimline and UniKeg® series depending on demand. Logoplaste supports and oversees the line’s daily production.With the new line, Lightweight Containers is preparing for the rapid growth it anticipates in the United States. Anita Veenendaal, CCO of Lightweight Containers, says, “In the last six years, our worldwide sales have grown by more than 40% a year. A production line in the US will enable us to respond to the growing demand more quickly and flexibly. We also know that there’s broad support from the American society for setting up a factory there, since we’re contributing to the US economy.”
The new plant was designed in close collaboration with the manufacturing specialist Logoplaste. Logoplaste takes care of organizing the line’s daily production. Jan Veenendaal CEO of Lightweight Containers has this to say about this partnership: “Working with Logoplaste is enabling us to grow faster in the US, as well as to concentrate more on R&D, sales, and marketing. Logoplaste is a highly professional production partner who completely shares our views on quality and continuity. The new production line is a logical consequence of our strategy of producing as closely as possible to our customers.” David Batey, Regional Commercial Director for Logoplaste NCEE: “Logoplaste and Lightweight Containers are both ambitious, successful family firms and we speak the same language. Besides that Lightweight Containers knows the ins and outs of both the production line and the manufacturing process through and through. Because of this we were able to round off the preparations quickly, professionally and successfully. The
start of the fully automated production line went well and we’re now producing at full capacity.” KeyKegs® are now produced at three locations: Schwerin (Germany), Den Helder (the Netherlands) and Joliet (USA). A fourth production line in Germany will be opened in mid-2016. UniKegs® will be produced in Joliet (USA).
Lightweight Containers BV is the company behind the KeyKeg® and UniKeg® brands. These unique lightweight kegs combine groundbreaking R&D and advanced production methods with a clear understanding of what our customers want. The result is two complete families of one-way kegs that stand out in the market due to their innovation, quality, convenience, safety and sustainability.
Lightweight Containers is striving for a circular economy and has enshrined this in its corporate objectives. KeyKeg and UniKegs are sustainable alternatives to other types of packaging and Lightweight Containers is working hard to make this distinction even greater.
Producers and distributors of beer, wine, cider and soft drinks are making the switch to our kegs, which are now in use in over 180 countries. Our ambition for the coming years is to continue growing on every continent. Lightweight Containers is currently producing keg systems in the US, the Netherlands and Germany. A fourth production line is being built in Germany.
Logoplaste is a family-owned industrial group, manufacturing rigid plastic packaging for some of the most reputable companies in the world, in the food and beverage, personal care, household care and oil and lubricants sectors. Logoplaste has extensive experience with “through the wall” production, in which Logoplaste offers a complete packaging program for their clients.Today, Logoplaste manages more than 60 factories, more than 350 machines, with locations in 16 countries: Brazil, Belgium, Canada, Czech Republic, France, Italy, Poland, Mexico, the Netherlands, Portugal, Russia, Spain, Ukraine, United Kingdom, the USA and Vietnam. The most up-to-date technologies in injection molding, stretch-blow molding and extrusion molding are used to produce packages across the wide range of market segments.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

DLL shortlisted for BusinessGreen Leaders Awards 2016

Posted by fidest press agency su domenica, 15 Mag 2016

londraEindhoven. DLL, a global provider of asset-based financial solutions, has been shortlisted for the BusinessGreen Leaders Awards’ brand new category, Circular Economy Project of the Year. This nomination comes just three months after DLL received the Circular Economy Investor Award from the Young Global Leaders of the World Economic Forum in Davos. The BusinessGreen Leaders Awards, now in its sixth year and organized by BusinessGreen.com, the leading UK information source for the green economy, will bring together over 600 executives, entrepreneurs, investors, policymakers, and campaigners to celebrate the green economy’s most exciting and innovative achievements from the past 12 months. The Awards celebrate those organizations and individuals that are working day in, day out to turn global sustainability pledges into an economic and commercially viable reality.The Circular Economy Project of the Year is one of the new categories this year and is open to innovative projects that have not just curbed waste levels, but have delivered broader financial and competitive benefits to the organization and have helped to engage employees with circular economy issues. DLL has been recognized for enabling circular business models through its Life Cycle Asset Management (LCAM) program. As the world population grows, greater demand will be placed on finite resources. A smarter use of these resources is at the heart of the circular model, challenging us to find ways to remanufacture, recycle and reuse materials.With a focus on usage rather than ownership of assets, DLL works with equipment manufacturers and dealers to develop second and third life revenue streams, thereby actively promoting refurbishment and remanufacturing. DLL further ensures that the right financing models are in place so that manufacturers and dealers can maintain responsibility for the management of the equipment throughout its complete life cycle, from production through to disposal. DLL’s LCAM program enables manufacturers and dealers to implement a sustainable business approach that combines profitability with environmental and social benefits. In addition to supporting the shift to a circular economy, DLL’s partners benefit from the additional revenue and are able to serve a broader customer base, strengthening their market position.
Bill Stephenson, CEO and Chairman of the Executive Board at DLL, comments: “We are delighted that the value of our LCAM program is once again being recognized. At DLL, we believe the financial industry can play an integral and leading role in creating a more sustainable world and economy. We will continue working with our partners and their end customers to provide responsible solutions that help all parties realize their aspirations in a challenging and constantly evolving market.”
Today, second and third life equipment comprises 2% of DLL’s leasing portfolio. The company expects this percentage to grow to 20% by 2025. DLL has made a concerted effort to work alongside its partners in addressing the challenges of adopting circular economic principles. Believing that circular solutions can only be developed through close collaboration with others, DLL has also developed a series of white papers to share their learnings and inspire other companies to take action.Finalists for the BusinessGreen Leaders Awards will be announced on July 6 in London.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Marcus Andersson joins Catella’s funds

Posted by fidest press agency su domenica, 15 Mag 2016

catellaMarcus Andersson has been appointed as the new head of Mid Office at Catella’s fund management operations. Marcus has extensive experience in banking and finance, and joins us from a role as head of Middle Office at Nordnet Bank. “We are pleased and proud to be able to announce Marcus Andersson as the new head of Mid Office at Catella. Catella has high ambitions for its fund management and Marcus, with his solid background in back office, middle office and front office, will be an excellent complement to the existing team,” says Erik Kjellgren, head of the Swedish fund operations.“Catella has grown significantly in fund management in recent years, and we are now further strengthening the team in order to develop the business. This recruitment forms the foundation of a new Mid Office, which will be separated from the existing Business Support. The need for support surrounding fund management is becoming increasingly important with, for example, both authorities and clients requiring more in terms of reporting. We have a high level of ambition throughout our operations, which means an enhanced Mid Office is critical,” says Erik Kjellgren.Marcus Andersson will join us on 1 September 2016. Marcus has extensive experience of administration, valuation and financial risk analysis, and joins us from a role as head of Middle Office at Nordnet Bank. During the period 2006-2012 he worked with everything from fund administration and analysis to management of multi-strategy funds at Swedbank Robur, before in 2013 taking responsibility for building up a Middle Office at Nordnet Bank.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Martes, 17 de mayo. Ciclo “Suono Italiano Madrid”

Posted by fidest press agency su domenica, 15 Mag 2016

suono italianoMadrid, mayo de 2016. El Instituto Italiano de Cultura organiza el concierto del Dúo Palermo-Carbonara, dos jóvenes y reconocidos intérpretes de clarinete y piano. El programa contará con obras de Brahms, Guastavino, Busoni y Poulenc. El concierto forma parte del Ciclo Suono Italiano Madrid y tendrá lugar el próximo martes, día 17 a las 20h00 en su sede de Calle Mayor, 86.
Un año más, Suono Italiano Madrid cuenta con el patrocinio de Unión Fenosa Gas y con la colaboración del Cidim (Comitato Nazionale Italiano Musica). Entrada libre hasta completar el aforo. Las entradas se podrán retirar a partir de las 19h00 del mismo día del concierto
Calogero Palermo, Primer Clarinete de la Orquesta Royal Concertgebouw de Amsterdam, y antes Primer Clarinete de la Orchestra del Teatro dell’Opera di Roma, actualmente, está considerado como uno de los clarinetistas más importantes del panorama internacional.Ha grabado para los sellos B.M.G. Ricordi, Riverberi Sonori, Fonè, Accord for music-Roma, “Trio Zecchini” Wicky Edition, Cristal Records. De especial relieve han sido las colaboraciones con RaiTrade, con quien ha realizado la ejecución en directo del Concierto n. 1 en fa menor op. 73 para clarinete y orquesta, de Carl Maria von Weber, con la Orchestra del Teatro Massimo di Catania, dirigida por Lu Jia. Mantiene, junto a la actividad concertística, la didáctica con numerosos cursos de Alto Perfeccionamiento y Master Class en Italia y en el extranjero. Asiduamente es invitado como jurado de los concursos internacionales para clarinete más importantes. Calogero Palermo toca con un clarinete Buffet Crampon, modelo RC Prestige. Michelangelo Carbonara, pianista, director de orquesta y solista, tras haberse titulado en 1996 con las más altas calificaciones, bajo la dirección de Fausto Di Cesare, termina en 1999, bajo la dirección de Sergio Perticaroli, el curso de perfeccionamiento trienal en la Accademia Nazionale di Santa Cecilia, con las más altas calificaciones, obteniendo una beca de estudios como mejor titulado del año. Ganador de 17 premios en concursos internacionales (entre los cuales el Schubert de Dortmund), tras haber debutado en 2003 en China, y en 2007 en el Carnegie Hall de Nueva York, actúa asiduamente en todo el mundo. Junto a la actividad concertística mantiene la didáctica, incluso con Master Class en Rumania, China y Canadá. En 2005 ha sido elegido como testimonial de la música italiana en el Premio Nazionale delle Arti, convocado por el Ministero della Pubblica Istruzione. Paralelamente ejerce como compositor, arreglista y “recording director”. (foto: suono italiano)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Giornata Giubilare dell’Istituto Nazionale per la Guardia d’Onore al Pantheon

Posted by fidest press agency su domenica, 15 Mag 2016

piazza del pantheonLe Guardie d’Onore alle Reali Tombe del Pantheon si ritroveranno il 15 Maggio 2016 a Montevergine per la loro Giornata Giubilare. In quest’occasione si rifletterà sulla Sindone e sulla presenza della sacra reliquia a Montevergine durante gli anni della II guerra mondiale, con una conferenza dalle ore 9:30 alle 10:30, dove saranno relatori il Prof. Ciro Romano, Docente Universitario ed Ispettore Nazionale delle Guardie d’Onore ed il Dott. Emanuele Mollica della Commissione Beni Culturali delle Diocesi Abbaziale di Montevergine. Prenderanno la parola anche il Sindaco di Mercogliano (che ha concesso il patrocinio all’iniziativa), l’Abate-Ordinario di Montevergine ed il Capitano di Vascello Ugo d’Atri, Presidente Nazionale delle Guardie d’Onore. Seguirà poi la solenne celebrazione presieduta da Sua Eccellenza l’Abate-Ordinario di Montevergine Dom Riccardo Guariglia.L’evento, inserito nell’Anno Santo per la Misericordia, è stato promosso dall’Ispettore Nazionale Prof. Ciro Romano e dal Delegato Provinciale di Avellino e Benevento Dr. Augusto Genovese.Saranno presenti varie associazioni d’arma (Associazione Nazionale Polizia di Stato, Associazione Nazionale Carabinieri, Associazione Nazionale Bersaglieri, etc).L’Istituto Nazionale per la Guardia d’Onore al Pantheon è il più antico ente combattentistico d’Italia (fondato nel 1878), sottoposto al Ministero della Difesa, ed è presieduto da un alto ufficiale delle Forze Armate (attualmente il Capitano di Vascello dr. Ugo d’Atri). L’ente, da 138 anni ininterrottamente, si propone di prestare servizio volontario di Guardia d’Onore alle Tombe dei Re d’Italia tumulati al Pantheon e di diffondere e tutelare gli ideali patri e risorgimentali, rafforzando i vincoli di reciproca solidarietà tra gli iscritti e tra tutte le altre Associazioni d’Arma.
L’Istituto fa parte del Consiglio Nazionale permanente delle Associazioni d’Arma (ASSOARMA).

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Terapia degli anziani colpiti da infarto

Posted by fidest press agency su domenica, 15 Mag 2016

infarto miocardico acutoLa percentuale crescente di invecchiamento della popolazione pone in primo piano il trattamento degli anziani nella pratica cardiologica, in particolare per quanto riguarda la sindrome coronarica acuta. La necessità di orientamento clinico per questo specifico gruppo di pazienti, considerando che le decisioni sulle strategie ottimali nella terapia antitrombotica sono spesso complesse, ha portato la Società Italiana di Cardiologia Interventistica (SICI-GISE) a lanciare una specifica campagna e al contempo realizzare un’applicazione, disponibile dal 12 maggio 2016, per dispositivi mobili iOS e Android. La presentazione ufficiale di questo strumento è prevista nel corso del convegno “Gise Stemi, Clinical cases challenge. Ottimizzazione della terapia antiaggregante nel paziente STEMI”, con il patrocinio di SICI-GISE, in programma a Napoli fino al 13 maggio. “L’app è scaricabile gratuitamente ed è rivolta ai medici specialisti – spiega Giuseppe Musumeci, Presidente SICI-GISE -; ha l’obiettivo di ottimizzare la terapia del paziente anziano colpito da infarto miocardico acuto, ottenendo subito la terapia farmacologica adeguata anche a lungo termine.” “Quello di Napoli è il primo appuntamento, dedicato al sud, della campagna nazionale lanciata dalla nostra società scientifica su questo argomento – continua Musumeci -; il secondo convegno è previsto a Milano dall’8 al 9 settembre 2016. Abbiamo fortemente voluto questa iniziativa perché gli anziani colpiti da infarto sono il 35% circa dei nostri pazienti: sono quelli più a rischio e con prognosi peggiore, perché spesso trattati in modo meno intensivo. Ecco perché SICI-GISE ha predisposto una campagna educativa a livello nazionale nel corso della quale verrà presentato un importante documento di consenso scritto dal dott. Giuseppe Tarantini, Presidente SICI-GISE Veneto.” “Il nostro scopo – spiega Tarantini – è stato quello di standardizzare le procedure e fornire le raccomandazioni pratiche al cardiologo clinico sulla gestione ottimale della terapia antitrombotica nei pazienti con SCA di età superiore ai 75 anni”.
Un gruppo di esperti cardiologi ha, infatti, lavorato sotto l’egida della Società Italiana di Cardiologia Interventistica, per discutere l’argomento e sviluppare il documento, pubblicato sul Giornale Italiano di Cardiologia, dal quale è stata ricavata l’applicazione, scaricabile su tutti i dispositivi mobili per renderla più fruibile. La nuova applicazione, chiamata AEA (ANTITHROMBOTIC THERAPY IN ELDERLY ACS PATIENTS), è di facile utilizzo: basta inserire la diagnosi, l’età e le caratteristiche cliniche del paziente e il sistema indicherà la terapia specifica suggerita da SICI-GISE, consentendo anche di inviarla via email al medico di famiglia. Dopo aver inserito i dati richiesti, l’app esplora i vari scenari clinici di pazienti con infarto miocardico acuto, come gli over 85 o quelli con altre patologie pregresse, fornendo le raccomandazioni del panel per ogni singola situazione. “Riteniamo sia un ulteriore passo avanti – conclude Musumeci – perché permette di intervenire in tempi rapidi ottimizzando la gestione terapeutica, al fine di migliorare l’esito della prognosi”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Accogliere, la vera emergenza”

Posted by fidest press agency su domenica, 15 Mag 2016

migrantiUna delegazione della Campagna LasciateCIEntrare, Libera e Cittadinanzattiva ha avuto un incontro con il Sottosegretario con delega all’Immigrazione Domenico Manzione presso gli uffici del Ministero dell’Interno.
Dopo la consegna dei rapporti “Accogliere, la vera emergenza” e “InCAStrati” già presentati alla stampa il 25 febbraio scorso, sono state evidenziate le numerose criticità riscontrate in un anno di accessi e visite nei CIE, CARA e CAS. Abbiamo posto in primo piano i problemi connessi alle infinite inadeguatezze del sistema di accoglienza emergenziale che si realizza nei CAS, le difficoltà riscontrate anche nel poter mappare il territorio nazionale per poter conoscere dove i centri sono ubicati, sotto quali enti gestori, in quali condizioni si trovano gli ospiti e gli operatori.
Abbiamo quindi evidenziato la scarsa disponibilità a collaborare da parte delle prefetture, l’opacità e l’assenza inaccettabile di trasparenza entro cui è definito questo regime di accoglienza, le numerose inchieste aperte in seguito a violazioni tanto di ordine economico nella gestione, quanto nel rispetto dei diritti delle persone ospitate. A seguito di puntuali segnalazioni della campagna agli organi competenti alcuni centri sono stati poi chiusi. Il quadro che abbiamo delineato è quello di un’assenza totale di controllo che si evidenzia non solo nei casi di comprovato sovraffollamento o vulnerabilità non tutelata ma anche nel fatto che dopo le tante inchieste aperte ed in atto, gli stessi soggetti inquisiti continuino a risultare assegnatari di appalti. Alcuni dei Centri visitati dalla campagna sono spesso ubicati in aree a forte incidenza criminale, addirittura funzionali allo sfruttamento lavorativo delle persone accolte, in cui poco o nulla si è fatto per garantire i minori come le donne soggette alla tratta.
Abbiamo chiesto che si definiscano percorsi per abbandonare la condizione di emergenzialità facendo si che siano i Comuni, attraverso i progetti SPRAR, a potere gestire e controllare l’accoglienza, incanalandola in un circuito virtuoso e sistemico perché l’accoglienza non può che realizzarsi in un contesto di sistema.
È stata ribadita la necessità di superare la logica dei CIE, di fronte alla minaccia del loro ampliamento e di considerare urgente poter avere accesso nei nuovi centri e al sistema degli Hotspot che in quanto tale ci risulta privo di qualsiasi garanzia per le persone che vi finiscono. In tale quadro abbiamo chiesto conto dei trattenimenti prolungati anche ai danni di minori a Pozzallo (Rg), e a Lampedusa come a Taranto, cercando di sapere su quali basi legali questi pratiche e centri facciano riferimento. Così come l’utilizzo dell’uso della forza o delle “minacce” per l’ottenimento delle impronte digitali deve assolutamente essere condannato e denunciato nella maniera più assoluta.
Sappiamo che dopo la circolare ministeriale dell’8 gennaio scorso i respingimenti adottati dai questori sono diminuiti ma non sono cessati del tutto e abbiamo domandato se – facendo riferimento anche a recenti denunce ASGI – tutti abbiano avuto poi diritto all’informazione e alla possibilità di chiedere asilo.
Abbiamo parlato della nostra preoccupazione relativa ai percorsi di relocation – che contempleranno solo persone provenienti da poche nazioni – e del rischio che il sistema di esclusione determinato dall’ampliamento della lista dei “paesi sicuri” rischi di produrre esclusivamente irregolarità e rimpatri forzati – pochi saranno gli assistiti – ma soprattutto lasceranno numerose persone in condizioni di limbo giuridico e senza nessun tipo di tutela e assistenza.
È stata da noi avanzata una proposta di organizzazione di “Stati generali dell’accoglienza” per ridefinire in maniera collegiale sia le buone pratiche sia un sistema che, finché resta come ora, non potrà che produrre abusi, discrezionalità, spesso malaffare.
Altra questione su cui abbiamo ritenuto doveroso intervenire è quella dell’operato di alcune commissioni per la richiesta di asilo che continuano a diniegare anche casi eclatanti che vengono poi, solo al ricorso, totalmente ribaltate ma che nel frattempo creano profondo disagio per i richiedenti aumentando invece le fatture percepite degli enti gestori.
Il sottosegretario ha fatto presenti le numerose difficoltà insite nel lavoro delle prefetture, per poter controllare con puntualità il funzionamento dei CAS. Questo nonostante tali controlli – come abbiamo precisato – non siano una opzione ma previsti in termini di legge. Si è ritrovato d’accordo nella necessità di poter coinvolgere più direttamente i Comuni nei percorsi di accoglienza, tramite i progetti Sprar, anche attraverso bandi aperti, ma ha evidenziato come molti Comuni si dimostrino refrattari a tale pratica e poco propensi all’assunzione di simili impegni. In tale prospettiva diviene fondamentale un accordo con l’ANCI per favorire una più efficiente distribuzione geografica delle strutture di accoglienza grazie anche ad un sistema di incentivazione che premi le amministrazioni locali disponibili ad ospitare progetti SPRAR.
È ritenuto fondamentale uscire dalla logica dell’emergenza, riconoscendo il peso delle criticità che sono state discusse e sulle quali la campagna continuerà il proprio monitoraggio, ma sapendo che tutto potrà maturare esclusivamente se ognuno degli attori locali, nazionali ed europei faranno la propria parte. Per quanto riguarda le questioni CIE (annunciato l’ampliamento fino a 1500 posti) e Hotspot, il Sottosegretario Manzione ha ribadito come l’identificazione delle persone è indispensabile in quanto richiesto dall’Europa per poter garantire la redistribuzione dei richiedenti asilo e che su tale sistema è “entrano in gioco questioni di sicurezza e di ordine pubblico”. Ha inoltre confermato l’impegno a facilitare l’accesso ai dati relativi al sistema CAS.
Ritenendo interessante la proposta di indire degli “Stati generali sull’Immigrazione” si è poi dichiarato a disposizione tanto per chiarire alcuni elementi di carattere particolare emersi durante gli interventi – fra questi alcuni casi emersi sui costi dei permessi di soggiorno – e a programmare un ulteriore incontro avendo al centro la questione dei minori stranieri non accompagnati.
Nel pomeriggio, la Campagna LasciateCIEntrare, ha incontrato il senatore Luigi Manconi per consegnare anche a lui, in qualità di Presidente del Commissione Straordinaria del Senato per i diritti umani, copie dei rapporti pubblicati.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I 10 migliori camping e villaggi Glamping del 2016

Posted by fidest press agency su domenica, 15 Mag 2016

tiliguertatiliguerta1È il Tiliguerta Camping Village di Muravera (CA), in Sardegna, ad aggiudicarsi il titolo di miglior camping o villaggio italiano Glamping del 2016. Situato nella suggestiva Costa Rei, nel Sud della Sardegna, il Tiliguerta è stato selezionato dagli esperti del network KoobCamp ( http://www.koobcamp.com ), punto di riferimento nel mondo dei viaggi en plein air con Campeggi.com ( http://www.campeggi.com ) e oltre 30 portali europei.La motivazione della scelta: “Al Tiliguerta Camping Village va riconosciuto il merito di avere creduto nel fenomeno del campeggio di lusso rendendolo accessibile, nelle sue diverse declinazioni, in una delle zone turistiche più belle del Paese”. Con questa vittoria, il Tiliguerta Camping Village di Muravera (CA) può ora fregiarsi del titolo di vincitore assoluto nell’ambito della speciale classifica riservata ai 10 migliori camping e villaggi Glamping in Italia. Valida per l’assegnazione del Certificato di Eccellenza Glamping 2016 di KoobCamp, la classifica dei 10 migliori camping e villaggi Glamping del 2016 si completa così:
Tiliguerta Camping Village (CA), Sardegna – VINCITORE
Centro Vacanze Isuledda (OT), Sardegna
Camping Rosselba le Palme (LI), Toscana
Orbetello Camping Village (GR), Toscana
International Camping Village Etruria (LI), Toscana
Campeggio del Sole (BS), Lombardia
Camping Fornella (BS), Lombardia
Camping Village Torre Rinalda (LE), Puglia
Adriano Camping Village (RA), Emilia Romagna
Villaggio Italgest (PG), Umbria
Ai camping e ai villaggi nella Top Ten del Certificato di Eccellenza Glamping 2016 sarà consegnato l’adesivo che ne attesta il riconoscimento da parte di KoobCamp, per una maggiore visibilità da parte dei turisti, disponibile in versione speciale per il vincitore Tiliguerta Camping Village. L’annuncio dei vincitori dei Certificati di Eccellenza 2016 di KoobCamp per i 10 migliori camping e villaggi Glamping del 2016 arriva dopo quelli per le categorie Aquapark e Family ed anticipa i premi Pet Friendly, Restaurant, Sport, Wellness e Wi-Fi. (foto: tiliguerta)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

La legge sui diritti civili vista dai luterani

Posted by fidest press agency su domenica, 15 Mag 2016

Heiner BludauLa Chiesa Evangelica Luterana in Italia (CELI), che riunisce le comunità luterane dell’intera penisola, rende noto un commento del Decano Heiner Bludau relativo all’approvazione, da parte della Camera dei Deputati del Parlamento italiano, del DDL sulle Unioni Civili altrimenti noto come Legge Cirinnà. “Esprimo soddisfazione per l’approvazione della legge che finalmente riconosce e regolamenta le unioni civili perché, come luterano, lo ritengo un contributo fondamentale alla costruzione di una società che consente a tutti di vivere con pienezza i valori cristiani di fiducia, fedeltà e responsabilità – dichiara il Decano Bludau – Come già affermato in passato, credo infatti che il riconoscimento ufficiale delle comunioni di vita differenti dal matrimonio assicura a tutte le coppie di vivere un’unione in dignità e certezza di diritto. E questo non significa affatto svalutare il concetto di famiglia, anche quando l’unione viene celebrata in coppie dello stesso sesso. Per tanti, troppi secoli le chiese hanno discriminato le persone omosessuali: come CELI, riconosciamo da tempo questa colpa e accompagniamo tutti e indifferentemente nel proprio cammino di fede e di vita.” La dichiarazione del Decano Bludau esprime l’evoluzione della posizione della CELI che, attraverso una delibera del Sinodo già nel 2011, diede il via libera alla benedizione delle persone in unioni di vita non tradizionali, anche omosessuali, sancendo che è compito di una Chiesa l’accompagnamento di ogni tipo di coppia, purché viva la propria relazione responsabilmente, volontariamente e continuativamente. Con la benedizione e il sostegno di Dio, le persone possono sentirsi creature amate e accettate indipendentemente dal giudizio altrui e ricevere la forza di vivere serenamente il loro rapporto.Il Decano Bludau aggiunge: “Personalmente auspico ora che la tutela di tali diritti fondamentali, sancita ieri dal legislatore, sia presto seguita da analoghi provvedimenti di salvaguardia dei diritti dei bambini che crescono all’interno di queste famiglie, a partire dal riconoscimento della cosiddetta stepchild adoption.
Pur ribadendo la mia ferma contrarietà a pratiche di maternità surrogata, più note come utero in affitto, non si devono ignorare le esigenze di protezione di bambini comunque già nati o che verranno. Non appare giusto, ad esempio, che bambini che crescono affettivamente insieme all’interno di famiglie omogenitoriali siano fratelli in tutto ma non per la legge. O, peggio, che risultino palesemente svantaggiati, in caso di separazione o di morte di uno dei due partner.“ (foto: Heiner Bludau)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

11 settembre: un altro documento chiama in causa l’Arabia Saudita

Posted by fidest press agency su domenica, 15 Mag 2016

torri gemelleLa campagna elettorale negli Stati Uniti è entrata nella fase calda. E’ quindi inevitabile che le questioni politiche irrisolte e più esplosive tornino a riconquistare l’attenzione dell’opinione pubblica. La più importante riguarda la verità su l’11 settembre, sui suoi responsabili e finanziatori. Non si può dimenticare che 2977 innocenti persero la vita negli attentati contro le Torri Gemelle e che le loro famiglie, e non solo loro, non sono per niente soddisfatte delle spiegazioni ufficiali. Come è noto, quell’attentato cambiò radicalmente anche la politica internazionale. Le famose “28 pages”, che rivelerebbero un importante e determinante coinvolgimento di personaggi e di strutture dell’Arabia Saudita, sono ancora segretate. Esse sono parte del rapporto della Commissione di indagine del Congresso americano su l’11 settembre.Nel frattempo però è apparso un altro dossier, il “document 17” di 47 pagine che punterebbe il dito sui legami di ben 21 persone, operanti per conto di istituzioni saudite, e i dirottatori. Interessante è la lettura del testo: http://www.archives.gov/declassification/iscap/pdf/2012-048-doc17.pdf
Il documento è stato declassificato nel luglio 2015 dalla Interagency Security Clearence Appeals Panel (ISCAP). E’ una parte degli elaborati della “9/11 Commission”, la seconda indagine indipendente del 2003 sul più grande atto terroristico della storia. Il testo è stato scritto da due tra i più importanti inquirenti del governo federale americano, Dana Lesermann e Michael Jaconson. Gli stessi che per conto della Commissione di indagine del Congresso hanno partecipato alla stesura delle succitate “28 pages”.
Il “document 17” tra i tanti interrogativi chiede di conoscere chi abbia aiutato due dei dirottatori, che in precedenza avevano soggiornato a lungo in California. Essi avrebbero goduto di appoggi logistici e sostegni finanziari di cittadini sauditi operanti sul territorio americano, dei quali uno sarebbe stato addirittura un informatore della FBI.
Nella lunga serie di domande alla FBI si cerca di comprendere se sia stato fatto tutto il necessario per fermare i terroristi e scoprire le eventuali responsabilità e complicità dei 21 cittadini sauditi. Esso rivela anche vari collegamenti internazionali con personaggi operanti in altri Paesi tra cui la Germania e la Norvegia. In merito si spera che le nostre autorità abbiano controllato l’eventualità che i 21 personaggi menzionati abbiano avuto contatti anche nel nostro Paese. Negli Usa su tali questioni il dibattito è diventato più acceso e più diffuso. L’ex senatore Bob Graham, già copresidente della Commissione d’indagine del Congresso su l’11 settembre, continua con insistenza a chiedere la desecretazione delle 28 pagine. Anche recentemente in diverse interviste ha ribadito che ”è necessaria la riapertura di un’indagine generale su l’11 settembre perché entrambe le Commissioni di indagine hanno dovuto operare entro un limite temporale che non ha permesso una’indagine esaustiva”. Ha aggiunto: ”Le 28 pagine sono importanti in quanto indicano come il complotto venne finanziato e, anche se non sono autorizzato a discuterne, i dettagli comunque puntano il dito in maniera forte contro l’Arabia Saudita.. . E’ notorio che agenti del governo saudita hanno aiutato almeno due dirottatori che vivano a San Diego, con sostegni finanziari e garantendo loro l’anonimità”. La denuncia è forte tanto che definisce il lavoro della FBI una “aggressive deception”, un inganno aggressivo. Riteniamo che i fatti in questione siano troppo importanti per la stabilità e per la lotta contro il terrorismo internazionale e che la piena verità possa essere il primo passo per affrontare in modo giusto e pacifico le sfide globali. (Mario Lettieri già sottosegretario all’economia e Paolo Raimondi economista)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Chi e perché ha ucciso Aldo Moro”

Posted by fidest press agency su domenica, 15 Mag 2016

01 Aldo Moro, 2010, acrilico su tela, cm. 60x50Venezia Lunedí 23 maggio 2016, presso il Salone da Ballo del Museo Correr, Piazza San Marco, ore 17.00, si terrá l’incontro “Chi e perché ha ucciso Aldo Moro”, organizzato dal Gruppo Deputati PD. Nel convegno verrà approfondito il racconto della vicenda del Presidente DC rapito ed ucciso dalle Brigate Rosse attraverso la lettura dei documenti di Stato. Nel corso della manifestazione verrà proiettato un video sulla vita di Aldo Moro.Dopo l’introduzione di Luigi Brugnaro, Sindaco di Venezia, ci saranno gli interventi di Davide Zoggia, Deputato PD e di Andrea Martella, Vicepresidente Gruppo PD alla Camera. A seguire si entrerà nel vivo dell’incontro con la relazione di Gero Grassi, Vicepresidente del Gruppo PD alla Camera e promotore della Commissione d’Inchiesta Parlamentare sul cosiddetto “Caso Moro”. Le riflessioni conclusive saranno affidate a Carlo Nordio, Procuratore Aggiunto di Venezia. La partecipazione é libera.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Max Gazzè torna in tour europeo con “Maximilian”

Posted by fidest press agency su domenica, 15 Mag 2016

Max GazzèZurigo 21 maggio 2016, Plaza Klub, Badenerstrasse 109, Doors: 19h / Show: 20h Max Gazzè torna in tour europeo con “Maximilian”
Bassista-cantautore, performer energico e geniale, Max Gazzè torna sui palchi internazionali con il suo attuale disco d’oro “Maximilian”. Gazzè continua l’intenso tour di successo già iniziato con tutti “Sold out” in Italia. Al Primo Maggio di Roma ha presentato davanti a 800.000 persone il nuovo singolo “Ti Sembra Normale?” preso da “Maximilian”, il cui primo singolo “La vita com’è” ha già superato 20mio visualizzazioni su YouTube. Il 21 maggio 2016 si esibisce a Zurigo nel suo unico concerto in Svizzera.
Romano di nascita, europeo di adozione, Max Gazzè adolescente si trasferisce in Belgio, dove frequenta la Scuola europea, si dedica al basso elettrico e si esibisce con diversi gruppi nei locali di Bruxelles. Per cinque anni è bassista, arrangiatore e coautore dei “4 Play 4”, formazione inglese di Northern Soul. Con il gruppo si trasferisce poi nel Sud della Francia, dove lavora anche come produttore artistico per la casa di produzione americana “D.P.I” (Darius production inc.). Rientrato a Roma nel 1992, si dedica alla sperimentazione nel suo studio di registrazione, mentre compone colonne sonore ed inizia a collaborare con artisti come Alex Britti, Niccolò Fabi e Daniele Silvestri. (foto: Max Gazzè)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“La Rosa Antica di Pompei”

Posted by fidest press agency su domenica, 15 Mag 2016

Casa del Braccial d'oro1

Casa del Braccial d'oro

Pompei domenica 15 maggio alle ore 10,30 nell’incantevole scenario del giardino a roseto di Villa Silvana, seicentesca dimora nobiliare a Boscoreale sarà presensentato il volume “La Rosa Antica di Pompei” edito da L’Erma di Bretschneider. Il fiore più bello del mondo, la rosa, in accostamento ad un luogo unico e senza tempo come gli scavi di Pompei. E’ il connubio perfetto che ha condotto ad uno studio di ricerca scientifico sulla presenza e sull’utilizzo di questo pregiato fiore nell’antica città di Pompei e nell’area vesuviana, a cura del Laboratorio di Ricerche Applicate della Soprintendenza Pompei con la collaborazione del Dipartimento di Agraria dell’Università Federico II.Per l’occasione si esibirà in un suggestivo intermezzo, il maestro PEPPE BARRA, che ha dedicato al tema della rosa pompeiana un momento unico di canto, musica e poesia, Recitar Cantando: “SOGNANDO LA ROSA”.Il volume in presentazione è un piacevole excursus della storia della rosa, della sua origine e presenza a Pompei Villa silvananelle sue più svariate forme. Dalle raffigurazioni nella pittura pompeiana, laddove le pareti dipinte con piante e fiori arricchivano e abbellivano ancor più gli ambienti e ne dilatavano illusionisticamente gli spazi, ai suoi aspetti mitici; come simbolo di seduzione e di grazia, per la sua bellezza e il suo aroma, la rosa era in particolare associata alla dea Afrodite. Il suo uso come pianta ornamentale o nell’alimentazione, per la salute ed il benessere, o ancora in cosmesi, come testimonia il ritrovamento di numerose ampolline contenenti profumi (LeKythoi) e le svariate botteghe e laboratori di produzione di profumi di Pompei. Ma anche un racconto sulla storia, la coltivazione e le specie diffuse in tutto il Mediterraneo, fino alle ipotesi sull’identità della rosa Pompeiana; per concludere con le tradizioni, i segreti e le magie sotto il Vesuvio, i versi e le canzoni dedicate al bel fiore.
Alla presentazione interverranno Massimo Osanna, Direttore Generale di Pompei, Matteo Lorito Direttore del Dipartimento di Agraria dell’Università Federico II e gli autori del libro, Ernesto De Carolis, Direttore del laboratorio di Ricerche Applicate della Soprintendenza Pompei, Gaetano Di Pasquale, Ricercatore di Botanica archeologica del Dipartimento di Agraria dell’Università Federico II e Alessia D’Auria, Adele Lagi, Responsabile Unesco della Soprintendenza Pompei e Carlo Avvisati, giornalista e cultore di storia e costume dei territori vesuviani. Ospite della giornata il Prof. Mario Torelli.L’evento si svolgerà nei giardini di Villa Silvana, oggi splendida struttura ricettiva, nata dal recupero di una dimora nobiliare del Seicento un tempo appartenuta ai principi Vargas e poi ai conti Sanseverino che l’ampliarono aggiungendovi una cappella gentilizia dedicata alla Vergine Assunta.I suoi splendidi giardini raccolgono una grande varietà di rose, circa 800 piante, con oltre 100 varietà tra quelle a rosa singola, a cespuglio a mazzetto e rampicante coltivate e curate dall’Associazione “La Rosa antica di Pompei”, promotrice dell’evento.
La seconda parte dell’evento, aperta anche al pubblico, si svolgerà nel pomeriggio dalle 17,00 con l’esposizione di stand dei maggiori produttori e vivaisti nazionali di rose e alle ore 19,30 il concerto Carannant’Ensemble: Erin Wakeman, soprano, Giuseppe Carannante, clarinetto, Mario Carannante, violoncello, Vincenzo Carannante, contrabasso, Rita della Ragione, pianoforte. Con la consulenza artistica del Prof. Antonio Tommaso Cirillo. Coordinamento esecutivo della manifestazionea cura dell’archeologa Laura del Verme. (foto: Casa del Braccial d’oro, villa silvana)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rinaldo Garziera Direttore del nuovo Dipartimento di Ingegneria e Architettura

Posted by fidest press agency su domenica, 15 Mag 2016

Parma. biblio università parmaDal 1° gennaio 2017 il prof. Rinaldo Garziera, professore ordinario di Meccanica Applicata alle Macchine, sarà il Direttore del nuovo Dipartimento di Ingegneria e Architettura dell’Università di Parma, uno dei 9 nuovi Dipartimenti nei quali sarà articolato l’Ateneo a partire dal prossimo anno. Le elezioni si sono svolte mercoledì 11 maggio. Il prof. Garziera, attuale Direttore del Dipartimento di Ingegneria Industriale, ha ottenuto, al secondo turno di votazioni, 62 voti su 122 votanti (129 gli aventi diritto). Per questa votazione, ai sensi dello Statuto, era necessaria la maggioranza dei votanti.
Il prof. Rinaldo Garziera, nato a Como nel 1962, inizia la sua carriera scientifica alla Scuola Normale di Pisa, classe di Scienze, nel 1980. Lavora dal 1985 al 1986 come ricercatore temporaneo al centro Euratom di Ispra. Si laurea poi al Politecnico di Milano in Ingegneria Meccanica nel 1987, dove è studente di dottorato dal 1989. Nel 1991 viene chiamato all’Università di Parma in qualità di Ricercatore nel Dipartimento di Ingegneria Industriale. Diviene professore associato nello stesso ateneo nel 1998, e ottiene la cattedra di Meccanica Applicata alle Macchine nel gennaio 2001. Nella sua attività di ricerca si è occupato di macchine automatiche, vibrazioni di strutture interagenti con fluido, monitoraggio di strutture e vibrazioni non lineari. È titolare del corso di Fondamenti di Meccanica per Ingegneria Gestionale, e da alcuni anni è direttore del dipartimento di Ingegneria Industriale dell’Università di Parma.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

European Evidence Project

Posted by fidest press agency su domenica, 15 Mag 2016

carmelo asaro(Fidest) Si è svolto presso il Dipartimento d’informatica dell’Università degli studi di Roma in via Salaria 113 un seminario su European Evidence Project tenuto dal dott. Carmelo Asaro, giurista informatico e già magistrato di Cassazione. L’iniziativa è stata promossa in seguito a un progetto finanziato dall’Unione Europea, nell’ambito del Settimo Programma Quadro per la ricerca scientifica e l’innovazione. Esso coinvolge nove partner di vari paesi europei ed è coordinato dal CNR – ITTIG di Firenze. Il dott. Asaro ne fa parte quale componente dello External Advisory Board.
L’argomento trattato ha suscitato l’interesse dei partecipanti in quanto l’iniziativa comunitaria è volta a uno studio di fattibilità sull’introduzione dell’informatica per regolamentare la complessa materia della legislazione penalistica europea. L’idea è semplice e sul piano teorico non sembra vi possono essere ostacoli di sorta poiché tutti gli andamenti legali si basano sulla produzione di prove e quelle elettroniche non sono diverse. Non solo. La natura stessa dei dati e delle informazioni contenute nel modulo elettronico rende più agevole l’operazione rispetto alle loro forme tradizionali. Tutto bene quindi? Non esattamente. Va detto, infatti, che già prima che queste tecnologie apparissero le legislazioni sulle procedure criminali in molti paesi europei avevano messo in luce uno scenario dettato da criteri diversi che male si armonizzavano e si allineavano tra loro rendendo arduo lo scambio tra le giurisdizioni MS a livello transnazionale. Ciò che si rilevò da subito fu l’assenza di un quadro comune europeo capace di guidare efficacemente i decisori politici, le forze dell’ordine e i giudici in specie sul trattamento delle prove digitali.
E’ importante quindi porre mano a una meticolosa ricerca delle parole chiave e dei punti di riferimento precisi che possono essere immessi nel sistema informatico per renderlo funzionale e capace di colmare sia i vuoti normativi di rilevanza penale tra i vari paesi, sia per offrire agli addetti ai lavori una tempestiva informativa per una corretta comparazione delle rispettive legislazioni e per operare in certezza delle norme e della loro esecutorietà.
A questo punto, da cronisti, dovremmo fermarci per aspettare che gli “eventi” si maturino e si arrivi, il più in fretta possibile, alla sua fase operativa per diventare una guida più agevole per gli addetti ai lavori e non solo.
Ma a nostro avviso non dovremmo unicamente parlare di codice penale e di procedura ma anche di codice civile e di procedura, di fonti di primo e secondo grado e di atti amministrativi congiunti a una maggiore informazione per il magistrato e il cittadino europeo in specie riguardo le normative comunitarie.
Pensiamo, ad esempio, a quanto sta accadendo in questi giorni sul palese disconoscimento da parte di alcuni giudici di pace italiani del procedimento europeo per le controversie transfrontaliere sotto ai duemila euro previsto dal Regolamento UE 861/2007. Ciò vanifica alla parte interessata l’adozione di un provvedimento che può essere effettuato senza assistenza legale e con la sola compilazione di moduli standard da inviare con raccomandata al giudice di pace italiano che poi dovrebbe farsi carico di ogni ulteriore adempimento. Senza questo Regolamento, se si volesse ad esempio fare causa ad una compagnia aerea come Ryanair perché ci ha cancellato un volo, ci dovremmo rivolgere al giudice irlandese, magari avvalendosi di un legale irlandese.
E dire che il succitato regolamento, proprio per consentire la massima conoscenza, impone anche l’obbligo agli Stati di informarne il cittadino e fornire ausilio alla compilazione dei moduli previsti. In Italia, invece, persino alcuni giudici di pace ignorano tali procedure con le conseguenze facilmente intuibili e che vanno a tutto svantaggio degli italiani rispetto agli altri cittadini europei. E la circostanza più grave è che sui siti istituzionali del Ministero di Giustizia e sui siti dei Giudici di Pace il procedimento non appare mai, neppure mediante il link ai siti istituzionali europei. I moduli non sono messi a disposizione dell’utenza né tanto meno vi è alcun aiuto alla compilazione. Alla fine accadrà che prima o poi l’Italia sarà soggetta all’ennesima sanzione per infrazione del diritto europeo. Ma c’è di più se ci soffermiamo sul caso indicato.
giustizia europeaAnche il Giudice di Pace di Firenze, infatti, non rispettava il Regolamento, pur essendo tra i pochi Uffici italiani ad averne dato una quantomeno parziale e tempestiva attuazione. Fino a qualche giorno fa, infatti, i giudici fiorentini imponevano al cittadino di effettuare le notifiche alla controparte, peraltro non indicandone le necessarie modalità e tempistiche di legge ed esponendolo quindi al rischio di perdere la causa. Ora l’ufficio fiorentino ha cambiato registro e intende applicare a pieno la normativa europea e questo significa che solo chi si rivolgerà ai giudici fiorentini, potrà ottenere una giustizia semplice e rapida.
Alla fine ci rendiamo conto che proprio nulla è facile e non possiamo, di certo, attenderci dai servizi informatici delle soluzioni miracolose se il legislatore, e non solo quello italiano per intenderci, nella veste del politico non vi ponga mano evitando, così, di lasciarsi suggestionare da una presunta perdita di sovranità nazionale per rinviare sine die ciò che il buon senso, e non solo, c’induce a credere in una legge che per funzionare, alla pari della libera circolazione delle persone, deve sottrarsi alle logiche locali per diventare di fatto e di nome comunitaria.
Carmelo Asaro, siciliano di origine, vive e lavora a Roma, dove svolge l’attività di giudice della Corte di Appello. Si è assunto il compito non facile di realizzare un’efficiente regolamentazione per il trattamento e lo scambio dei dati informatici in materia penalistica a livello comunitario unitamente ad altri suoi colleghi italiani e non. In precedenza ha operato a Caltagirone e a Lucca come pubblico ministero e quindi a Roma come giudice del Tribunale del Riesame. Prima di entrare in magistratura è stato professore di greco e latino nei licei. E’ un esperto di sistemi informatici applicati al diritto. E’ stato Referente Distrettuale per l’Informatica per la Corte di Appello di Firenze e attualmente lo è per quella di Roma. Nel 2000 ha ideato e realizzato l’applicativo Daedalus, sistema di assistenza informatica all’attività del pubblico ministero, per cui ha avuto importanti riconoscimenti in Italia e all’estero. Fra il 2001 e il 2003 è stato collocato fuori ruolo presso l’AIPA per l’ulteriore svi-luppo del sistema Daedalus. Collabora in relazione a tale sua competenza con il Ministero della Giustizia e la Corte di Cassazione. Insieme ai magistrati dell’Ufficio per l’Informatizzazione dei Reati della Cassazione ha progettato i flussi del sistema Itaca, rilasciato da Siemens, che calcola la scadenza dei termini di prescrizione del reato e di custodia cautelare. Coordina l’attività del Gruppo di lavoro istituito dai ministri Brunetta e Alfano per la sperimentazione informatica presso il Tribunale di Roma. (Foto: asaro, giustizia europea)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A deepened Single market for labour and digital innovation

Posted by fidest press agency su domenica, 15 Mag 2016

digital innovationPaul-Jaspers Dittrich, research fellow in our office in Germany, the Jacques Delors Institut – Berlin, argues that the EU needs higher productivity growth. Higher factor mobility, especially of labour, but also of capital or knowledge and technology, would benefit European citizens as it enhances the efficient allocation of resources and thus boosts productivity and welfare in the Single Market. A higher geographic labour mobility and a genuine European labour market can become a major factor in putting the EU on a track of more economic and productivity growth and less cyclical unemployment.
Product market reforms in the digital sector can boost TFP-growth. The Digital Single Market (DSM) should become a cornerstone of future productivity growth. Several measures should be taken up to meet these objectives. The European Job Mobility Portal EURES could become a European employment agency in the long-term. National employment agencies should cooperate more and exchange information in a European database on vacancies. A better functioning job placement system has to be accompanied by discretionary measures designed to bring young people in training and jobs and address skill shortages. One proposal for this is the Erasmus Pro: One Million European apprentices by 2020-initiative. Member states should simplify their recognition procedures and open up “closed professions” such as architects, accountants or engineers for European citizens.National policy action has to accompany European regulation: Southern European countries need to introduce more elements of flexi-curity and life-long learning into their national policy mix. Countries like Germany should invest more in higher education as unfavourable demographics will otherwise lead to accelerating skill shortages.The drive towards a European labour market should be accompanied by prioritised policy actions to manage the digital transformation. A functioning Digital Single Market accelerates the diffusion of new ideas, business models and technology, thus boosting TFP. Policy-makers should prioritise actions with a focus on productivity growth. E-commerce is a rapidly growing segment which should make better use of the Single Market. Mobile markets need more competition for companies and more coordination among MS for the assignment of spectrum licenses. This could lead to a faster adaption and diffusion of the coming 5-G technology, in turn supplying the EU with a competitive edge for the development of new services and products in the era of inter-connectivity and the Internet of Things.
Un marché unique approfondi pour le travail et l’innovation numérique
Paul-Jaspers Dittrich, chercheur au sein de notre bureau en Allemagne, le Jacques Delors Institut – Berlin, indique dans son Policy paper que l’UE doit augmenter la croissance de sa productivité. Une plus grande mobilité des facteurs, et notamment du travail, mais aussi des capitaux ou des connaissances et de la technologie serait bénéfique aux citoyens européens car elle améliorerait l’efficacité de l’allocation des ressources et donc la productivité et le bien-être au sein du marché unique. Une plus grande mobilité géographique du travail et l’existence d’un véritable marché du travail européen pourraient devenir un facteur important pour remettre l’UE sur la voie d’une croissance économique plus forte, d’un accroissement de la productivité et d’une réduction du chômage conjoncturel.Les réformes du marché des produits dans le secteur numérique peuvent soutenir la croissance de la productivité totale des facteurs. Le marché unique numérique devrait devenir l’une des pierres angulaires de l’augmentation future de la productivité. Plusieurs mesures devraient être prises afin de remplir ces objectifs. Le portail européen sur la mobilité de l’emploi d’EURES pourrait devenir à long terme une agence pour l’emploi européenne. Les agences nationales pour l’emploi devraient coopérer davantage et procéder à des échanges d’information dans une base de données européenne des vacances d’emplois. L’amélioration du fonctionnement du système de placement doit être accompagnée par des mesures discrétionnaires destinées à offrir des formations et des emplois aux jeunes et à faire face aux pénuries de compétences. Erasmus Pro constitue l’une des propositions en ce sens : elle prévoit un million d’apprentis européens d’ici 2020. Les États membres devraient simplifier les procédures de reconnaissance et ouvrir les “professions protégées” telles qu’architectes, comptables ou ingénieurs aux citoyens européens. (foto: digital innovation)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Biological pathways underlying social differences in healthy ageing

Posted by fidest press agency su domenica, 15 Mag 2016

parisParis May 17, 2016 1:00 PM (GMT+2:00) The press conference will be held during a two-day event that will take place at the Faculté de Médecine Paris Descartes in Paris, to assess and present what has been accomplished during the project’s first year of research and to discuss future perspectives. “Social inequalities is killing on a grand scale” said Michael Marmot to describe the impact on health quality caused by socio-economic disparities between people, especially in time of economic depression. A gap that is growing deeper and wider, thus leading to serious consequences in terms of health.The press conference will start at 1:00 PM CET (GMT+2:00) on the Zoom platform and will be attended by some members of the Lifepath project:
– Paolo Vineis (Imperial College, United Kingdom)
– Marcel Goldberg (INSERM, France)
– John Mackenbach (The Erasmus University in Rotterdam, Netherlands)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Convegno Automotive 2016

Posted by fidest press agency su domenica, 15 Mag 2016

automotiveTorino 4 – 5 luglio 2016 ore 9,30 Politecnico di Torino, Sede del Lingotto Via Nizza, 230 Il Convegno AUTOMOTIVE – organizzato da AEIT e IMAPS, in collaborazione con Politecnico di Torino, Fondazione Politecnico di Milano, CEI-CIVES e IEEE Italy Section – si propone, con questa prima edizione, di diventare il forum della comunità nazionale in cui si presentano e si discutono i risultati più recenti della ricerca scientifica e tecnologica nel settore delle tecnologie elettriche ed elettroniche per l’automotive, con particolare risalto agli ambiti applicativi.
AUTOMOTIVE 2016 riunirà in un evento annuale e nazionale, sviluppato su due giornate, la comunità più orientata verso le applicazioni delle tecnologie elettriche ed elettroniche con quella che fa riferimento all’Information and Communication Technology. Il Comitato Esecutivo e il Comitato Scientifico si compongono di esperti del settore afferenti ad Università, Associazioni, Aziende ed Enti normativi.”L’attualità dei temi che saranno oggetto del Convegno e la dinamicità del settore è testimoniata dal recente accordo tra FCA e Google per la produzione di minivan a guida autonoma. Un accordo che segna la convergenza di due grandi settori industriali portatori di know-how fino a poco tempo fa molto distanti. Convergenza che fa dell’automotive uno fra i settori applicativi a più rapida crescita fra i molteplici dell’Internet of Things. Per l’Italia il MIP del Politecnico di Milano ha stimato in circa un quarto la quota attribuibile alle smart car del mercato di 2mld dell’IoT nel 2015″ ha dichiarato Roberto Castelli, Consigliere AICT, Society di AEIT.
AUTOMOTIVE 2016 si articolerà in key-note speech tenuti da protagonisti nazionali e internazionali del settore, in sessioni tecniche e in tavole rotonde. Complessivamente verranno presentati e discussi il quadro attuale, sia nazionale che internazionale, e le prospettive di sviluppo, nonché il quadro normativo di riferimento.
E’ prevista una Mostra Tecnica con la partecipazione di aziende.
AUTOMOTIVE 2016 prevede la partecipazione degli operatori del settore e in particolare dei ricercatori, dei progettisti e degli utilizzatori delle tecnologie coinvolte. Così come di analisti, investitori e amministratori pubblici interessati ad un settore tecnologico in grande sviluppo e di alto impatto sociale.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gli italiani e la politica degli esorcizzatori

Posted by fidest press agency su domenica, 15 Mag 2016

italia meridionale“Ma chi me lo fa fare?”. Non ha dietro un’indagine demoscopica né il supporto di una ricerca del Censis, ma abbiamo netta la sensazione che questa sia l’espressione che più e meglio illustra lo stato d’animo della maggioranza degli italiani, che fotografa sociologicamente il Paese. E con la quale la politica deve decidersi a fare i conti, smettendo di ignorarla nella mal riposta speranza di riuscire ad esorcizzarla.
All’apparenza siamo di fronte ad una domanda, perché c’è il punto interrogativo, ma in realtà essa contiene già la risposta: “non ne vale la pena”. Ed è la conseguenza del combinato disposto tra l’affermarsi di una mentalità collettiva deresponsabilizzante, figlia di una pratica punitiva nei confronti del fare e ancor più dell’intraprendenza, e il diffondersi di una profonda disillusione individuale, tanto nel campo pubblico come in quello privato. Si tratta di un sentimento – questo di arresa di fronte a ciò che si ritiene ineluttabile – che viene da lontano, che ha il suo primo caposaldo nella caduta verticale della credibilità della classe dirigente generata da Tangentopoli e dall’affermarsi del concetto di “casta”, ma che è poi letteralmente esploso negli anni della grande crisi, quando anziché mettere in campo una reazione al declino si è, al contrario, alimentata una furia punitiva e giustizialista che non poteva che generare disaffezione. Ci riferiamo non soltanto alla gogna che è stata riservata alla classe politica e a talune componenti del ceto dirigenziale (per esempio, quello delle banche) – soggetti che, sia chiaro, si sono spesso e in modo crescente meritati di essere presi a calci nel sedere – ma anche alla logica sempre più stupidamente burocratica che presiede ad ogni atto della vita quotidiana, alla totale deprivazione di qualità che riguarda ogni centesimo destinato alla spesa pubblica, alla montagna di vincoli e ostacoli che hanno inaridito, più ancora della recessione, gli investimenti privati grandi e piccoli.
Matteo Renzi – ed è il suo più grande merito – tutto questo l’aveva annusato. Aveva intuito che il Paese era bloccato, ingessato da un maldestro uso del “politicamente corretto”. Forse non l’ha saputo esaminare in modo analitico, di sicuro non è stato capace di individuare i necessari anticorpi ma, al contrario di molti altri, aveva capito che il Paese, per risollevarsi, aveva bisogno di una “rupture”. Aveva anche afferrato che, pur avendo il Paese e i cittadini bisogno di sbrogliare la matassa dei lacci e lacciuoli che li paralizzano, la risposta non poteva trovarsi nella ricetta liberista del laisser faire, del liberi tutti, ma in qualcosa che tanto la teoria economica quanto la dottrina politica faticano a definire, e che noi di TerzaRepubblica in questi anni di lavoro di analisi e di proposta ci siamo sforzati di delineare come riformismo liberal-keynesiano. Peccato, però – ed è questo il suo più grande demerito – che Renzi si sia fermato alle suggestioni, mostrandosi incapace di tradurre in un coerente disegno riformatore le pur buone intuizioni. Ed è ancor più un peccato che si intestardisca a non prendere atto che un numero crescente di italiani abbia percepito lo iato che separa le intenzioni dalle realizzazioni e si irriti di fronte ai suoi quotidiani tentativi di scambiare il fumo con l’arrosto.
Prendiamo il tema del rapporto tra giustizia e politica, che Renzi, commettendo un errore esiziale, si ostina a chiamare “questione morale”. Pensando di fermare l’emorragia del consenso, afferma pubblicamente che “sì, c’è una questione morale nel Pd, è inutile negarlo”, senza capire che essendo segretario di quel partito, egli non può fermarsi a metà del guado – lì, dopo un po’, si annega – ma deve spiegare la dimensione sistematica del problema, sia che si tratti di casi di arricchimento personale (per i quali non basta auspicare l’onestà, ma predisporre procedure di selezione del ceto politico che richiedono un partito più strutturato e pesante, non più leggero come invece va di moda dire) sia che si tratti di responsabilità oggettive in situazioni di complessità normativo-amministrativa (e qui deve avere il coraggio di procedere alla semplificazione procedurale, anche a tutela dei suoi amministratori, centrali e locali) sia infine che si tratti, come purtroppo spesso accade, di forzature di una magistratura inquirente dedita ai teoremi e alla ricostruzioni giornalistiche (e qui occorre fare la riforma della giustizia e mettere in campo una capacità politico-culturale di sconfiggere il circuito mediatico-giudiziario che da un quarto di secolo ammorba il Paese).Bisogna rompere questo gioco al massacro per cui fare il sindaco, l’amministratore comunale e regionale o il dirigente pubblico significa essere o un eroe (fare pur sapendo di esporsi al fuoco delle accuse infamanti) o un pavido (non fare nulla, non assumersi alcuna responsabilità, per evitare di finire ala gogna). Ovvio che i primi siano pochi e sempre meno, che i secondi abbondino e che in questo quadro trovi terreno fertile il malaffare. Della serie o non rischio (immobilismo, tempi biblici, deresponsabilizzazione) o se rischio lo faccio per interesse privato (furto, concussione, clientelismo).E bisogna rompere questo maledetto cortocircuito anche per un altro motivo fondamentale, che induce pure i privati, anche l’ultimo dei cittadini, a fare altrettanto: ad aggirare le regole, a evadere le tasse e ogni altro adempimento oneroso, a non pagare in modo sistematico i debiti. Non solo. Il clima di sfiducia, il “chi me lo fa fare, non ne vale la pena”, spinge gli imprenditori a non investire e persino i consumatori a rinunciare alle spese di natura straordinaria.
Renzi, se vuole tornare alla luna di miele con gli italiani, se vuole riconquistare i consensi che gli furono tributati alle elezioni europee, deve ricominciare daccapo. Riponga l’arma impropria della rottamazione generazionale e impugni quella della rottura con tutte le pratiche del masochismo italico. Lasci stare le polemiche con i pentastellati – che, come nel caso dell’assurda decisione di mollare il sindaco di Parma, Pizzarotti, si fanno male da soli – e parli un linguaggio di verità al Paese, dicendo che senza smontare la mostruosa macchina dell’autolesionismo nazionale che da un quarto di secolo ci costringe al declino la ripresa economica, sociale e morale non arriverà mai. (Enrico Cisnetto direttore di Terza repubblica)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »