Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 338

Congresso Anpi: “Antifascismo e diritti, nostra Resistenza”

Posted by fidest press agency su lunedì, 16 Maggio 2016

rimini(By DONATELLA ALFONSO) RIMINI Davide Avenoso, 21 anni,studente al secondo anno di medicina, e vicepresidente dell’Anpi di Pegli, si riguarda gli appunti prima di intervenire dal palco del 16° congresso nazionale dell’Anpi a Rimini. Congresso in cui si parla molto di Costituzione – l’Anpi si è espressa apertamente per il “no” al referendum del prossimo ottobre – ma l’altro argomento chiave è quello del futuro: perchè adesso, sempre meno i partigiani combattenti per l’orologio del tempo che passa, sono i ragazzi che si vedono sempre più presenti nelle sezioni, molte da poco aperte o riaperte proprio per la presenza dei giovani. “Io mi sono avvicinato all’Anpi già al liceo Fermi, con il movimento degli studenti caratterizzato dall’antifascismo – spiega – Adesso vediamo che nelle scuole genovesi e non solo cresce il Blocco Studentesco di estrema destra; colpa del vuoto che si è creato dopo l’abbandono da parte dell’Unione degli studenti. Ecco, penso che l’Anpi serva a questo, a riempire dei vuoti e a dare risposte. Con me ci sono altri ragazzi, anche più giovani, cerchiamo di fare iniziative culturali, avvicinare i ragazzi all’antifascismo con un linguaggio nostro, per isolare le componenti estremistiche e darci da fare sul territorio, come abbiamo fatto anche con associazioni come il collettivo Burrasca o Ponente che Balla”.
L’applauso che accoglie il suo intervento dà la misura dell’accoglienza alle idee proposte dai ragazzi: un antifascismo senza retorica, ma contro le derive neofasciste e razziste. Lo spiega Jacopo Colomba, 27 anni, Anpi di Ventimiglia, che in quest’anno ha lavorato con i migranti: “Anpi è rifugio, casa, in un’epoca in cui i miei coetanei non riscono a impegnarsi in un partito. Qui trovi persone e voglia di fare, senza schemi prefissati: quello che vogliamo ottenere è un ritorno di credibilità, è questa la forza dell’associazione”. “Ci sarà una ragione per cui, in te che siamo dell’imperiese, due sono ragazzi, Jacopo e Sabrina Esposito – insiste Massimo Corradi, vicepresidente di Imperia, avvocato di 51 anni – Possiamo comunque dire che siamo tre della nuova Resistenza…”
I numeri confortano: 124 mila iscritti in Italia, in Liguria quasi dodicimila (5700 a Genova, 2800 a Savona, 1800 a La Spezia, un migliaio nell’imperiese) e tra i nuovi tesserati, 724 nell’ultino anno solo nella provincia di Genova, circa il 65% sotto i 35 anni, come conferma il presidente Massimo Bisca. “Vengono a chiederci un punto di riferimento, noi facciamo formazione per loro sulla storia e loro per noi sulle tecnologie: i social network, in primo luogo, la rete, per arrivare a più persone possibili e condividere i valori”. Quello che nell’estremo levante ligure, al confine con la Toscana, fanno gli Archivi della Resistenza di Fosdinovo: memorie storiche da raccogliere e incontri con il pubblico più vasto, sotto la forma di Festival (“Fino al cuore della rivolta”, tra luglio e agosto) e tanto altro. “Ho inziiato a 18 anni, adesso ne ho 29 – spiega Giulia Sorrentino, ventinovenne dell’Anpi di Lerici – Abbiamo creato, di fatto, un’altra famiglia, un punto di arrivo naturale: magari quando ne parli ad altri ragazzi ti dicono: “ma cosa c’entri tu, non sei mica partigiano” e invece gli spieghi, gli dimostri che è un altro modo di tutelare quei valori”. “Per chi non ci conosce devi spiegarlo bene – precisa Giacomo Gianello, vicepresidente provinciale di La Spezia, 27 anni, laureando in giurisprudenza con una tesi proprio sulla riforma costituzionale e la legge elettorale – però poi ti incontri sul territorio, come le lotte contro casa Pound o in difesa del polo universitario di La Spezia. E , diversamente dai partiti, nell’Anpi trovi uno spirito unitario, davvero. Unico neo? Qui noi giovani siamo in tanti da tutta Italia, avremmo dovuto costituire un tavolo tra di noi, per definire una linea comune, cosa possiamo e cosa vogliamo fare. E’ il prossimo passo”. (fonte: genova.repubblica.it)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: