Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 20 maggio 2016

Obesity needs urgent action warns research organisation

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 maggio 2016

bruxelles (1). The leading organisation responsible for research into obesity in Europe has warned that unless something is quickly done to tackle the region’s rising obesity epidemic, it is going to have a devastating effect on healthcare costs and productivity.The warning, from the European Association for the Study of Obesity (EASO), comes in the wake of several reports showing that obesity and overweightness continue to increase at an alarming rate and will affect more than half of all European citizens by 2030. In some countries it may be as high as 90%.EASO, and its member associations in 32 countries in Europe, will be staging various events to draw attention to the situation and to create greater awareness and understanding of obesity as part of the activities for European Obesity Day this Saturday (21 May).According to World Health Organisation, obesity is one of the greatest public health challenges of the 21st century. Its prevalence has tripled in many countries in Europe since the 1980s.It is now costing European countries more than €70 billion in healthcare and lost productivity.
Two reports in the medical journal, the Lancet[i], have also highlighted the sheer magnitude of the global obesity epidemic and have highlighted a huge rise in type 2 diabetes as a result.
Type 2 diabetes, cardiovascular disease, and certain forms of cancer, are among a number of non-communicable diseases (NCDs) that are all a greater risk to people with excess weight.
European Obesity Day is organised annually by the European Association for the Study of Obesity (EASO) to bring people together and to increase knowledge about obesity and the many other diseases on which it impacts.Other major disease organisations, including those related to Cancer, Diabetes, cardiovascular, hypertension, diet and liver disease are also taking part to highlight the dangers that overweight and obesity causes to those diseases too.As well as events on the day itself, many of the EASO National Associations have also been organising various initiatives over recent weeks.These have included public awareness campaigns throughout France and Spain; lectures on the importance of fresh food and vegetables for school children and symposia in medical universities in Bulgaria; public events to measure key health indicators in Bratislava, Trnava and Kosice in Slovakia; Presentations and discussions in the Parliament and at regional level in Italy; and numerous obesity advice initiatives with the media around Europe.In line with the theme for European Obesity Day 2016, Action for a Healthier Future, people across all EU member states are being encouraged to participate.
At a European level, EASO has expressed its support for a Written Declaration that has been initiated in the European Parliament. It calls for greater recognition of obesity as a disease by EU Member States.“Obesity is a complex and chronic disease with numerous causes, many of which are beyond an individual’s control,” says EASO President, Professor Hermann Toplak. “The causes can range from genetic and endocrine conditions to environmental factors, such as stress, diet and increasingly sedentary working patterns.
“A healthier lifestyle, including a healthy diet and regular physical activity can help maintain a normal weight. However, obesity is a chronic disease and should be recognised and treated as such. Accepting and supporting people with obesity will help them seek the help and treatment they need,” he said.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Expert comment on Bayer making a takeover offer for Monsanto

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 maggio 2016

warwick_campus_2_largeJohn Colley, of Warwick Business School, is a Professor of Practice in the Strategy & International Business Group and researches large takeovers. He is also a former MD of a FTSE 100 company.Professor John Colley said: “Monsanto certainly do not want to be bought by a European business. However, shareholders always have their price. No doubt Monsanto will reject the bid, but it will need to convince its shareholders that it has seriously considered the offer. A higher bid is likely. “Demand is poor for agribusiness products currently due to low commodity prices. Overcapacity has led to poor performance and lower share prices, in turn providing opportunities for mergers. Industry rationalisation has been progressing already with the Du Pont Dow Chemicals deal, which will no doubt result in reduced capacity and significant cost savings.”Concentration in the chemicals agribusiness industry continues with Bayer’s $40 billion bid for Monsanto. Monsanto has put itself in play after its bid for Syngenta, which went to ChemChina for $44 billion. This was followed by an approach to buy parts of Bayer.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Studenti americani a Napoli “Twittando da Vinci”

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 maggio 2016

pozzuoli tempio di serapideNapoli. Sabato 21 maggio un gruppo di studenti dell’universita’ “Molloy College” di Long Island, a New York arrivano a Napoli per fare parte di una gita seguendo il libro “Twittando da Vinci”. Gli studenti hanno studiato il libro mentre stavano frequentando i corsi di scienza, letteratura, storia dell’arte e la storia romana. In questa maniera potevano vedere come la geologia ha influenzato queste discipline.
Il libro “Twittando da Vinci” dimostra come la geologia ha influenzato la cultura dell’Italia. Da 21 maggio, gli studenti, guidati dall’autore del libro Ann C. Pizzorusso visiteranno il Vesuvio, i Campi Flegrei, l’isola d’Ischia, Napoli e Cuma. In questa maniera potranno vedere in prima persona una zona dove la geologia e’ molto complesso e nello stesso tempo ispiratrice delle piu’ grandi opere culturali della storia dell’umanità.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Major fine art auctions player launches new firm aimed at shaping the market’s future

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 maggio 2016

Stephan Ludwig

One of the biggest players in the UK fine art and antiques industry has unveiled a new international business that promises to break down ‘artificial’ barriers to benefit clients as they bring their property to market.
Stephan Ludwig, former CEO of both The Fine Art Auction Group Ltd and, latterly, the antiques and fine art division of the Stanley Gibbons group, has launched Forum Auctions.
It will operate out of London, Rome, Milan and New York in partnership with Philobiblon, the Contemporary art, books and works on paper specialists, bringing aboard some of the most respected specialists on the international scene. Whilst initially focused on books, manuscripts, prints and photographs, Forum is planning to expand into a number of other ‘online friendly’ auction specialisations such as wine, watches, jewellery and numismatics.
Ludwig is positioning the firm as an agency, operating a flexible trading platform that has the capacity to opt seemlessly for the best route to market for each individual client, whether that is via live auction, private treaty sale or other.
The challenge of adapting traditional business models to today’s needs is one of the great debating points within the global art market. Others, including Christie’s and Sotheby’s, are trying to adapt existing operations to achieve this, which is taking time, but Ludwig decided to accelerate the process by starting from scratch.
He and his team have established Forum Auctions “in response to what we feel, and many longstanding clients have described to us, are a number of shortcomings in the quality of service and market focus offered by generalist auction houses to collectors of books, and works on paper more broadly,” he says.
Billed as a forum “where collectors meet”, what this means is that they have developed a system that tailors the technology to the individual in a “user-experience-led auctioneering platform”, while “respecting the importance that collectors attach to the physical ‘bricks and mortar’ auction experience”.Forum’s auctions will include landmark traditional ‘physical’ sales, alongside both timed and fixed price internet events. Bidders will always be able to view each and every lot in person.
“This reflects my opinion about how the market has continued to evolve in the Internet generation. Our model removes artificial barriers, for which there is no longer any rationale, to become a flexible trading platform,” says Ludwig.
The technology is central to client service but secondary to what matters to collectors: specialist expertise and the ability to attract the right pieces for sale. “We have looked carefully at how the different aspects of the industry work via the web and selected disciplines that work well under that umbrella,” says Ludwig. “Forum Auctions’ technology-led trading platform is being built by an external team of programmers and systems designers who have a strong and established track record of producing e-commerce solutions. We are not reinventing the wheel – our objective is to deliver an intuitive and rewarding ‘shopper’ experience, and to do this we are working with people who are simply the best in their field when it comes to technology, collecting disciplines and client service.” He has also hired the best talent he has come across in 15 years of running leading auction houses and dealerships in the sector and promises “detailed presentation of curated single-owner collections with carefully prepared, well-researched and comprehensively illustrated catalogues”. He has also put his money where his mouth is, handing 25% of the company to the founding staff. “We operate in a ‘trust’ industry that relies heavily on the reputation and experience of product specialists and client service, particularly for collectors,” says Ludwig. “I am delighted by the confidence that our staff, who have all left well-established jobs to join me in this exciting new venture, are placing in the potential of this new business.”
They include Rupert Powell, formerly deputy chairman at Dreweatts & Bloomsbury, who joins Forum in July 2016 as deputy chairman and international head of the books and manuscripts department, which already comprises a strong team of specialists including Dido Arthur, Justin Philips and Max Hasler. Alexander Hayter, the highly respected picture and print specialist, is another win from Dreweatts & Bloomsbury, and joins Forum as International Head of Contemporary Art. Further appointments are expected in the coming weeks.
Forum’s partner Philobiblon reflects the Ludwig approach to the market, operating not just an antiquarian bookshop, but also an art gallery and now auction house.
Forum Auction’s first sales will take place at Rotundo’s Philobiblon Galleries in Rome with contemporary art and antiquarian book auctions on June 8 and 22 respectively. The inaugural London sale will take place over two days during the week commencing July 11 and will feature private collections across several categories.
Autumn calendar highlights include the £1m library of a Continental collector, as well as the firm’s inaugural London sale of Important Modern and Contemporary Prints.The Forum team will be showcasing selected material from both the June Rome and July London sales in the Olympia suite on the ground floor of the Olympia Hilton hotel, 380 Kensington High Street, W14 8NL from 12-8 on May 26 and 10-6 on May 27. The event is just a short walk from the London International Antiquarian Book Fair, which will be taking place at Olympia at the same time.
Stephan Ludwig himself is a rarity: someone who has made a successful transition from the world of international corporate finance to running a major fine art and antiques auction business.His early career, from the mid 1980s, included managing director roles for Credit Suisse (Credit Trading) and Nomura International (Capital Markets & Derivatives), and he remains a shareholder in Link Financial, which he helped found in 2000 and of which he was previously a non-executive director. He was also non-executive director of Hereford Hospitals Trust from 2000-2008, including a stint as deputy chairman.
In 2012 Ludwig negotiated the sale of the business to AIM-listed Noble Investments (UK) PLC. The deal provided for a ‘cashing out’ of two institutional investors and a paper sale for himself and the remaining ‘founder’ and staff shareholders. The business hit all of its performance hurdles over a 3 year earn-out and delivered an impressive 6 times return for the fourth round shareholders who invested in 2008.
In 2013 the Stanley Gibbons Group PLC unexpectedly acquired Noble, and Ludwig was a key member of the management team that shepherded the transaction to completion, becoming CEO of the antiques and fine art division that was created as a result. He left the Stanley Gibbons Group in September 2015 following the satisfaction of his post-acquisition obligations. (photo: Stephan Ludwig)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Britain loses dominance in bidding for fine wine to other countries with China closing in

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 maggio 2016

wineThe last decade has seen uninterrupted growth in the value of the best fine wine sold at auction which has changed the ranking of nations and buyers who dominate the trade. Britain, once the leader, has been left behind, says Barnebys, the international auction search engine.Britain, whose wine buyers and investors dominated this market ten years ago, has now been overtaken by the United States, France, Italy, Germany and China. In fact China has come from nowhere to fifth place in a decade. One might say the speed of change has left British wine buyers with a hangover. The global wine auction market remained stable in 2015, falling just 1% in value from $348 million in 2014 to $346 million in 2015. But the best of the best wines continues to grow in value, a pattern for wine that is echoed in many other areas of the collecting market, paintings, cars, jewellery and Asian Art. The advice would be buy the best to invest. In the early 2000’s Brits were the major wine buyers on the auction market, but no longer. The last few years have seen rankings change dramatically as prices rose and today the Chinese are having a massive impact on wine sales. China’s new billionaire class has pushed the eastern giant to the fifth biggest buyer of wine at auction. Hong Kong has been hollowed out underground with miles of air-conditioned wine cellars to hold this new liquid gold. And the Chinese are not simply buying the stuff, they are growing it now too. Local production has taken off in China. According to the International Organisation of Vine and Wine, the Chinese vineyard area increased by 34 million hectares in 2015, making it the second largest area of vineyard by country.This is why when Andrew Lloyd Webber sold part of his wine collection five years ago he chose to sell in Hong Kong at the Mandarin Oriental hotel in Hong Kong with Sothebys. The creator of Cats and Phantom of the Opera added an extra £3.5 million to his bank balance with the sale of some 8,837 bottles choice bottles from his vast wine collection.
With Barnebys 1,600 auction house clients including giants Christie’s Sotheby’s and 1.5m site visitors a month, the company is superbly well placed to monitor the wine auction market.In recent years, the most highly valued wine has experienced a significant and steady upward growth on the auction market. In fact wine has outperformed stocks and shares in 2015. Last week a case of red wine sold for £211,000 a new world record. So it’s not surprising that the world’s top auction houses make wine sales a permanent fixture on their calendar. Last year, the biggest wine auction in the world, Hospices de Beaune, Christie’s charity wine auction, brought in over € 11 million (£8.67 million.)By enabling access to auctions, online sales platforms have managed to attract a more international and wealthier clientele. iDealwine.com, the first online auction house dedicated to wine, recorded in 2015 a turnover of € 8.9 million (£7 million.)Lovers of wine and spirits are a diverse group. Some 90% of those who collect and sell wine at auctions are individuals who have collected with passion over the years. Those among them lucky enough to be invited to an auction house lunch or wine tasting will know they are in for a treat. The great auction houses enjoy the theatre and thrill of opening Burgundies and Bordeauxs that cost a king’s ransom and will think nothing of opening a bottle of port or malmsey at the end of lunch, a bottle say from the 1840s, poured reverently to an awed hush. The deep complex flavours coming to you after a 170-year delay. The food is almost an after-thought.
Buying at auction is an excellent way to update your cellar and to invest in wine, as wine auctions offer bottles that are not always to be found in the shops. The sale of wine is particularly suited to online auctions, as unlike a painting or a piece of antique furniture, it is not necessary to travel to “physically” see the object, or bottle, in question.For sellers it is better to consign bottles to auctions rather than let them decline in quality by keeping them too long. For the buyer, auctions are a great way to acquire a wine that is more expensive to purchase on the retail market.What should you be looking for to buy at auction? Even if it is challenged by some critics, the Bordeaux Wine Official Classification of 1855 can be a very good guide for buying. Established at the request of Emperor Napoleon III for the Universal Exhibition of 1855, this classification is still a reference for impeccable French wines.If you want to consume your wine immediately, second wines from great Châteaux are for you – their quality is undeniable and their prices are accessible. If your goal is to collect and invest, premiers and seconds crus classés are your best bet.The wines of Italy and the New World (South Africa, Australia, New Zealand, USA, South America) are not to be ignored either and can also be sources of treasure. In France, wine auction sales are composed of 60% Bordeaux, mostly of crus classés and 20% Bourgogne wines. The remaining 20% is made up of wines from the Rhône region and vintage spirits. For more info: http://www.barnebys.co.uk

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Quelles priorités futures pour la politique de cohésion post-2020?

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 maggio 2016

TribuneCette Tribune de Marjorie Jouen, conseillère à l’Institut Jacques Delors, est tirée de son intervention lors de la conférence finale du Comité des régions sur “La future politique de cohésion au-delà de 2020” qui s’est déroulée à Bruxelles le 3 mars 2016. Elle retrace l’évolution de la politique de cohésion et analyse les nouveaux défis auxquels elle sera confrontée avant de proposer quelques recommandations pour la future politique de cohésion post-2020. Les principaux elements de cette Tribune s’articulent autour de trois parties :
1. Il y a trente ans, le double défi de la cohésion économique et sociale
2. Parmi les nouveaux défis européens post-2020, celui de la cohésion sociétale et territoriale
3. Quatre recommandations

Posted in Estero/world news, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

MBDA Announces a $5 Million Investment to Fund Advanced Manufacturing

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 maggio 2016

WASHINGTON The U.S. Department of Commerce Minority Business Development Agency (MBDA) has announced a competitive solicitation for candidates interested in operating four new MBDA advanced manufacturing projects. MBDA will award four cooperative agreements totaling $5 million during a five-ywashingtonear period, and the projects can be operated in any of the 50 states, the District of Columbia, or Puerto Rico.The projects will provide targeted assistance to minority manufacturers to increase the number of “Made in America” products that can be sold domestically and globally. The project funding is designed to help identify, screen, promote, and refer minority business enterprises (MBEs) to specialized advanced manufacturing programs, and provide technical and business development services.
“These projects are essential to supporting minority-owned businesses and helping them excel in the areas of innovative technology that create high quality manufacturing jobs,” said MBDA National Director Alejandra Y. Castillo. “There is a great need for more minority manufacturers and we want to help cultivate the talent that exists in our minority communities.” According to data from the U.S. Census Bureau’s 2012 Survey of Business Owners, the number of minority-manufacturers increased 30 percent between 2007 and 2012 to nearly 107,000. These firms generated $80 billion in annual receipts in 2012. Twenty-five thousand minority manufacturers employ almost 332,000 workers. The project is part of the Agency’s commitment to ensuring minority businesses are playing an integral part in keeping the ‘Made in America’ product strong as the U.S. manufacturing sector continues to rise.MBDA invites applications from for-profit entities, non-profit organizations, state and local governments, American Indian tribes and educational institutions to apply to operate the MBDA Advanced Manufacturing Project. Applications are due June 17, 2016.Applicants must be able to demonstrate the following:
Knowledge of the minority business sector and strategies for enhancing MBE growth and expansion related to advanced manufacturing and/or manufacturing industry.
Experience working with MBE manufacturers and facilitation to include, but not limited to, capital and contracts for the MBE manufacturers.
Knowledge of and experience in public and private sector contracting opportunities for MBEs, as well as demonstrated experience in assisting clients into supply chains.
Professional working relationships and networks with potential sources of contracts for MBEs.
Experience with facilitating large contract/procurement deals on behalf of minority manufacturing firms, conducting business matchmaking forums, and assisting MBEs with the establishment of joint ventures and teaming arrangements.
Experience in successfully preparing and matching MBEs with traditional sources of capital, alternative sources of financing (e.g., equity and venture capital), loan and bonding packages, and mergers and acquisitions.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

5 crucial areas to better support trafficked victims

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 maggio 2016

victimesThe current migration situation is putting greater numbers of people at risk of being trafficked and exploited for prostitution, for crime or for work as they seek refuge from persecution or turmoil in their home countries. FRA’s latest summary report of migration-related fundamental rights concerns, throws the spotlight on five crucial areas that affect the prevention of trafficking and the protection of victims. Various EU and national laws and policies have been created to guard against human trafficking, most notably the EU Anti-Trafficking Directive. However, drawing on data from the nine Member States most affected by the migration flows, FRA has found different practices among Member States in five areas FRA considers crucial for better protecting trafficked victims. These include: Insufficient staff numbers and training to cope with the large number of migrants arriving poses difficulties when it comes to identifying victims of trafficking. For example, none of the nine countries used the initial health checks of newly-arrived migrants to identify victims. This can result in victims or those at risk not receiving the support they need or it is delayed, despite the provisions in EU laws.
Specific safeguards for vulnerable groups – unaccompanied children, women, asylum seekers, and people with specific needs such as a disability or who are traumatised – can be limited. When they exist, they tend to focus on children. Again staffing, time and other resource constraints, coupled with the lack of specific referral mechanisms, often have an impact on the support particularly vulnerable victims or those at risk receive.
NGOs provide general support, and in some cases specific assistance, in identifying and referring victims. However, NGOs have had difficulties accessing potential victims and NGO assistance can be ad hoc rather than regulated.
Guidance and training: All staff dealing with migrants such as police officers, border guards, lawyers, etc. should be trained in identifying and supporting trafficked victims. However, in practice, not all Member States provide regular training or guidance. In addition, support tools developed by other EU Agencies are not often used.
Information and support: Most Member States provide information material such as posters and flyers about the risks of trafficking and how they can be protected at registration and reception centres. In some countries, this information is only provided orally. Some have also created dedicated support hotlines. NGOs often help out in providing the information and support.
The report also notes a sharp increase in court cases against trafficking and smuggling while the true level of trafficking and smuggling is much higher than the number of prosecution cases indicates. However, as there are substantial differences between Member States in how trafficking and smuggling offences are criminalised, national figures are not comparable. It also appears prosecuting trafficking generally is more difficult than prosecuting smuggling-related offences or prostitution. Most Member States do not prosecute those who offer humanitarian support while smuggling unless payment was received.
FRA has been collecting data about the fundamental rights situation of people arriving in Member States that have been particularly affected by large migration movements, following a request from the European Commission. The countries covered are Austria, Bulgaria, Croatia, Germany, Greece, Hungary, Italy, Slovenia and Sweden.FRA published weekly overviews from September to November 2015 which became monthly from January 2016. Each overview covers a variety of different issues, including:
initial registration and asylum applications, with particular attention to the situation of vulnerable people;
criminal proceedings initiated for offences related to irregular border crossing;
child protection;
reception conditions for new arrivals, focusing on the situation of children and other vulnerable people;
access to healthcare;
public response such as rallies of support, humanitarian assistance or voluntary work;
racist incidents such as demonstrations, online hate speech or hate crime.
While this month has a special section looking specifically at human trafficking, last month there was a section focusing on healthcare. The next monthly report will focus on gender. (photo: victims)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra: “Adolf Loos, Our Contemporary. The House at the Michaelerplatz in Vienna”

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 maggio 2016

Loos, fronte michaelerplatzVenezia 1° giugno – 24 luglio 2016 Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana. La Biblioteca Nazionale Marciana, in collaborazione con l’Associazione culturale “The Formwork” e con il patrocinio dell’Università IUAV di Venezia e della Columbia University GSAPP, New York, organizza nelle sue Sale Monumentali la mostra “Adolf Loos, Our Contemporary. The House at Michaelerplatz in Vienna” dal 1° giugno al 24 luglio 2016 (ingresso dal Museo Correr, Piazza San Marco, Ala napoleonica). La mostra è curata da Yehuda Safran (Columbia University, New York) e Marko Pogacnik (Università IUAV Venezia) con l’assistenza di Antonella Mari e Alberto Franchini. L’allestimento, progettato da Pietro Valle è stato realizzato dalla Fantoni di Osoppo. Catalogo della mostra in inglese.
La mostra analizza la figura dell’architetto Adolf Loos da un doppio punto di vista: della sua rilevanza all’interno dell’attuale dibattito architettonico e della sua importanza storica quale uno dei principali interpreti della modernità agli inizi del novecento. Adolf Loos, moravo di origine, viennese di adozione, aveva scelto come propria missione quella di introdurre i propri concittadini ad uno stile di vita più conforme alla moderna civiltà occidentale. Recatosi poco più che ventenne negli Stati Uniti, dove soggiornerà per tre anni visitando New York, Philadelphia e la Chicago della Fiera Colombiana, egli elesse la cultura americana a modello della propria architettura per fonderla poi sia con lo studio della tradizione classica che di quella viennese. Proprio questo amalgama apparentemente contraddittorio di elementi antichi e radicalmente moderni caratterizza la particolare interpretazione che Loos diede del proprio tempo.
In maniera coerente con tale impostazione, la mostra è suddivisa in due sezioni. Nella prima viene documentata l’attualità della ricerca architettonica di Loos attraverso una serie di interviste condotte dal prof. Safran con alcuni significativi protagonisti della scena attuale (Alvaro Siza, Toyo Ito, Jacques Herzog, Hermann Czech, Hans Hollein, e.a.). Alle interviste si aggiungono alcuni importanti documenti video come L’inhumaine di Marcel L’Herbier (1924) e Ornamento e Delitto di Aldo Rossi (1973) e copia delle pubblicazioni che hanno segnato le tappe della ricezione della sua architettura come anche dei suoi scritti teorici.
Nella seconda sezione viene analizzato quello che è considerato il capolavoro di Loos, la casa sulla Michaelerplatz a Vienna, che egli costruì nel 1909 per la rinomata sartoria Goldman & Salatsch. L’analisi dell’edificio è accompagnata da una ricca documentazione che ci permette di ricostruire le fasi salienti del progetto: i rapporti con l’ufficio urbanistico, le alternative studiate da Loos in ragione delle diverse richieste dei committenti, la proposta presentata per la concessione edilizia, i disegni di cantiere e, infine, le tavole che ci consentono di ricostruire in maniera integrale la storia della soluzione per la facciata che aveva scatenato al tempo una violenta campagna di stampa contraria al progetto di Loos. Questa sezione della mostra potrà contare su una grande quantità di materiali iconografici che permettono di ricostruire da un inedito punto di vista l’origine di quella particolare configurazione spaziale che rappresenta il più rilevante contributo di Loos all’architettura del novecento, il Raumplan. I materiali grafici sono presentati attraverso delle fedeli riproduzioni in scala naturale. La mostra è ospitata in uno spazio molto rappresentativo, le Sale Monumentali della Biblioteca Nazionale Marciana, di fronte al Palazzo Ducale e sarà allestita dall’arch. Pietro Valle. (foto: Loos, fronte michaelerplatz)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

la Fondazione Istituto Danone Italia festeggia il gusto di avere 25 anni

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 maggio 2016

Mercoledì 25 Maggio dalle ore 10:00 alle ore 13:00 presso l’Aula Magna dell’ “la Fondazione Istituto Danone Italia festeggia il gusto di avere 25 anni”. Un evento aperto al pubblico e agli studenti.
La Fondazione Istituto Danone Italia, da anni impegnata a rappresentare una voce autorevole nella diffusione della corretta alimentazione, celebra “Il gusto di avere 25 anni”, con un evento per condividere il percorso di ricerca e divulgazione sui temi di salute e nutrizione intrapreso fino ad oggi. Verranno anche presentati i risultati di un’inedita ricerca condotta in partnership con l’Ateneo, dal titolo “I giovani e le scelte alimentari: come si comportano gli studenti fuori sede?”.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

7° giornata nazionale UFE

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 maggio 2016

cervelloCecchina di Albano Laziale 27 maggio 2016 Presso Parrocchia San Filippo Neri Via Nettunense 37. Il 27 Maggio è una data importante per la Salute Mentale dei Castelli Romani. Quel giorno arriveranno cittadini, ufe, utenti, familiari e operatori provenienti da tutte le regioni d’ Italia e, nella sala della Parrocchia di Cecchina, gli UFE testimonieranno le esperienze da loro maturate in questi anni di affiancamento i professionisti nelle varie realtà dove operano. Sarà un’ occasione per riflettere sul sapere esperienziale e sul significato dell’essere UFE oggi.
L’evento è stato organizzato dall’Associazione “Insieme contro i pregiudizi”, che opera dal 2009 nell’ambito della riabilitazione psisica e psichiatrica e annovera, tra i suoi soci, cittadini, utenti, familiari e operatori che operano in tale contesto.
L’Associazione si avvale dell’apporto dato dagli UFE (Utenti e Familiari Esperti) che sono quegli utenti e familiari che, per storia personale, hanno acquisito un sapere esperienziale che mettono a disposizione degli altri utenti in sinergia con gli operatori.
Essi infatti affiancano gli operatori nei Servizi di Salute Mentale e, alle persone che frequentano questi servizi e ai lo familiari, offrono la loro esperienza, la loro vicinanza emotiva, donando fiducia e speranza.
L’Associazione considera l’EMPOWERMENT individuale e di comunità come strategia fondamentale per il raggiungimento degli obiettivi di salute. La teoria dell’Empowerment sostiene che le persone necessitano di occasioni per divenire attive nel prendere decisioni individuali, organizzative o di comunità in modo da migliorare la qualità della propria vita.
“Insieme contro i pregiudizi” collabora con gli operatori della salute mentale perché i cittadini, con problemi psichici e psichiatrici raggiungano il RECOVERY, termine che, più che a una guarigione clinica, allude a un ristabilimento di una condizione di validità che con la malattia è stata compromessa o perduta, anche se la malattia ancora persiste.
Il Recovery si riferisce a un processo volto a ridurre gli effetti deleteri della patologia sulla qualità della vita, ad abbattere gli atteggiameti stigmatizzanti e autostigmatizzanti, a favorire la ripresa di contatti sociali e l’autonomia nella gestione della quotidianità.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Computazione quantistica: importante risultato del gruppo di Magnetismo Molecolare in collaborazione con l’Università di Manchester

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 maggio 2016

parma universitàParma Ricercatori del gruppo di Magnetismo Molecolare del Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra hanno recentemente pubblicato sulla prestigiosa rivista Nature Communications un lavoro realizzato relativo alla computazione quantistica in collaborazione con il gruppo di chimici guidato dal prof. R. Winpenny dell’Università di Manchester.
L’individuazione di sistemi adatti ad implementare algoritmi di computazione quantistica costituisce una delle sfide più importanti della ricerca nel campo delle nanoscienze. Dagli spin nucleari ai quantum dots, dai fotoni ai circuiti superconduttori, diversi sistemi fisici si candidano a diventare “qubit”, le unità elementari di un futuro calcolatore quantistico.
Tra essi hanno attratto grande interesse i Nanomagneti Molecolari, cluster contenenti metalli di transizione che li rendono simili a nano-calamite. In particolare, l’anello Cr7Ni, che a bassa temperatura si comporta come un sistema a due livelli, rappresenta un qubit ideale: gli stati logici 0 e 1 possono essere codificati nelle due polarizzazioni della calamita molecolare e risultano sostanzialmente protetti dall’interazione con l’ambiente esterno. Un importante punto di forza di questi sistemi risiede nell’elevato grado di controllo permesso dalla chimica di coordinazione: diversi qubit molecolari possono infatti essere connessi magneticamente tra loro in modo che le interazioni siano adatte all’implementazione di algoritmi di computazione quantistica.
Lo studio propone due diversi metodi per l’implementazione di operazioni logiche elementari di computazione quantistica su coppie di Cr7Ni, opportunamente legati in strutture supramolecolari e riporta sistemi appositamente sintetizzati per lo scopo. L’implementazione sullo stesso sistema di operazioni ad uno e a due qubit (in grado di creare stati entangled) richiede la capacità -non banale- di accendere/spegnere l’interazione tra coppie di qubit su una scala di tempo dell’ordine del nanosecondo. Lo studio propone due modi complementari di ottenere questo effetto, tramite un controllo elettrico o magnetico dell’interazione tra coppie di qubit adiacenti, mediata da uno ione Cobalto che agisce come interruttore. Non potendo prevedere gli sviluppi della tecnologia quantistica nell’immediato futuro, risulta importante seguire entrambe queste strade verso la realizzazione di un processore quantistico.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Europa: l’eterna scommessa per gli investitori in azioni

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 maggio 2016

eurozonaSe si guarda alla performance dei principali indici azionari europei, colpisce come il prezzo di questi indici sia ad oggi più basso rispetto a quello di 15 anni fa; ad esempio l’indice MSCI EMU (MSCI è un index provider tra i più utilizzati a livello globale) nel maggio 2001 prezzava 147 punti, mentre oggi il livello si aggira attorno ai 103 punti. Ovviamente il livello dei prezzi è fuorviante, in quanto non tiene conto dei dividendi pagati nel corso del tempo, ma può comunque aiutare a dare un’idea dei quanto deludente sia stata la performance dell’azionariato dell’Eurozona. Il seguente grafico mostra la performance degli ultimi 15 anni dei principali indici azionari dei Paesi sviluppati, tenendo conto anche dei dividendi pagati durante tutto l’arco temporale.
La sottoperformance strutturale dell’Eurozona relativamente agli Stati Uniti può essere imputata a diversi motivi. Prima di tutto qualsiasi indice generico che riguarda l’area Euro è una media ponderata dei vari indici relativi ai diversi Paesi, che hanno esposizioni e performance molto differenti; Paesi diversi hanno generato rendimenti diversi negli ultimi anni, ed è normale che Paesi meno “virtuosi” abbiano in qualche modo pesato sulla performance complessiva. Ma anche andando a prendere solo i paesi dell’Unione Monetaria più performanti degli ultimi 15 anni (Paesi Bassi e Germania), i rendimenti dell’azionariato Usa rimangono ancora lontani.
Probabilmente, un modo migliore per spiegare le diverse performance delle aree geografiche è la diversa composizione settoriale che caratterizza i due mercati. La struttura è infatti molto diversa e se andiamo ad approfondire le esposizioni emergono differenze anche rilevanti. Le più rilevanti riguardano i settori Industrials (13% nell’MSCI Eurozone contro 9.5% nell’MSCI USA), Financials (21% vs 17%) – in particolare il settore bancario (11% vs 6%), e Technology (5.6% vs 12%). L’esposizione a settori molto ciclici tipica dell’Eurozona si traduce in una maggiore volatilità dei profitti. Il peso superiore delle banche in un’epoca di grade regolamentazione e tassi d’interesse bassi non ha aiutato l’area Euro, così come la bassa esposizione al settore Technology, il miglior settore degli ultimi 3 e 5 anni.
Dal punto di vista delle valutazioni, le azioni europee sono relativamente più attraenti di quelle statunitensi. Il rapporto Price/Book per l’MSCI Eurozona è pari a 1.4x, ben lontano dal 2.3x di dieci anni fa, mentre per gli Stati Uniti lo stesso rapporto è pari 2.8x, vicino al 3x del periodo pre crisi. Le stime del rapporto Price/Earnings dell’area Euro si attestano oggi a circa 13x (12.8 la mediana degli ultimi 10 anni); le azioni USA invece sono valutate circa 18 volte gli utili attesi (15.5 la mediana degli ultimi 10 anni). Ultimo ma non meno importante, il tasso di dividendo è molto più alto nell’Eurozona rispetto agli Stati Uniti (3.8% vs 2.2%). In un contesto come quello attuale caratterizzato da rendimenti ridotti all’osso sul mondo obbligazionario, non è una caratteristica da sottovalutare.Da un punto di vista macroeconomico, un euro ancora debole, il petrolio a prezzi bassi e l’azione della Banca Centrale Europea sono tutte a supporto dell’Eurozona. Mentre la crescita negli USA recentemente è stata rivista al ribasso, nell’Eurozona la ripresa rimane stabile, e per di più i vari Paesi all’interno hanno ripreso a crescere (Italia e Francia stanno convergendo verso i tassi di crescita di Spagna e Germania).
L’azione della Banca Centrale Europa può infine creare le condizioni ideali per un investimento value: con i tassi a zero, la ricerca di rendimento passa per forza anche per azioni con i dividendi più sostanziosi. La azioni value in aprile hanno sovraperformato il fattore growth sia in Europa che nell’Eurozona. Da inizio anno gli indici focalizzati sulle società con i dividendi più alti e costanti hanno performato molto bene.
D’altro canto, le prospettive politiche per l’Eurozona non sono mai state così incerte. Il referendum sul Brexit, le elezioni spagnole, le varie forze centrifughe che rendono l’integrazione europea sempre più lontana, la revisione della normativa del settore bancario, la crisi dei migranti e l’enorme debito pubblico accumulato sono ancora tutte questioni da risolvere. Si prospetta una estate politica molto calda, che potrebbe facilmente compromettere la crescita economica tanto cercata che ora sta finalmente ingranando. (grafico: grafico paesi sviluppati, rendimento totale) (fonte: MoneyFarm.com)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Lenovo aiuta l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) a mappare la Via Lattea

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 maggio 2016

via latteaDopo quasi cinque anni di fiducia riposta nelle soluzioni data center di Lenovo, l’Agenzia Spaziale Europea (ESA) rinnova il contratto con Lenovo e continua ad affidarsi a Lenovo NeXtScale per processare i grandi volumi di dati generati dal “Progetto Gaia”.Lanciato il 19 dicembre 2013, il Progetto Gaia ha l’obiettivo di fornire una comprensione dell’origine e dell’evoluzione del cosmo migliore, registrando miliardi di stelle e generando la mappa della Via Lattea più accurata mai realizzata fino a oggi. Per compiere un censimento stellare senza precedenti, il progetto richiede una tecnologia all’avanguardia che consenta la gestione accurata e senza errori di un volume ampio di informazioni. Lenovo NeXtScale elimina i problemi legati alla gestione di una grande quantità di dati e offre prestazioni elevate, efficienza e flessibilità massime. Grazie alle soluzioni di Lenovo, è possibile controllare i diversi carichi di lavoro attraverso le funzionalità avanzate dei server.Dal 2011 Lenovo lavora con il Centro Astronomico dell’Agenzia Spaziale Europea, in particolare sulla missione Gaia, per semplificare il processo di generazione dei dati scientifici per l’intera durata del progetto. Il lavoro di data processing è un elemento essenziale per ottenere il file con i dati finali di Gaia, che al completamento della missione raggiungerà la dimensione di più di un petabyte (un milione di gigabyte o l’equivalente di circa 200.000 DVD). I sistemi Lenovo utilizzati in questo progetto sono flessibili, scalabili e consentono un’elaborazione dati sicura e affidabile.
La collaborazione di Lenovo con ESA dimostra l’impegno costante profuso dalla Società nei confronti del segmento dell’High Performance Computing. Nel 2015 Lenovo ha inaugurato il proprio Global HPC Innovation Centre a Stoccarda per lo sviluppo e la promozione della ricerca e per l’analisi comparativa delle applicazioni. Dallo scorso anno, inoltre, Lenovo fa parte dell’European Technology Platform for High-Performance Computing, il think-tank che punta ad avere una parte attiva nell’individuazione delle priorità di ricerca e delle azioni necessarie a supportare la Commissione Europea nell’elaborazione dei dati che giocano un ruolo cruciale nella crescita economica europea.
L’Agenzia Spaziale Europea (ESA) è un’organizzazione intergovernativa creata nel 1975 con l’obiettivo di dare forma allo sviluppo delle capacità spaziali europee e garantire che gli investimenti nello spazio offrano vantaggi per i cittadini d’Europa e del mondo. ESA conta 22 stati membri: Austria, Belgio, Repubblica Ceca, Danimarca, Estonia, Finlandia, Francia, Germania, Grecia, Ungheria, Irlanda, Italia, Lussemburgo, Paesi Bassi, Norvegia, Polonia, Portogallo, Romania, Spagna, Svezia, Svizzera and il Regno Unito, dei quali 20 sono stati membri dell’UE. Inoltre, ESA ha formalizzato una collaborazione con sette altri stati membri dell’UE. Il Canada prende parte ad alcuni programmi ESA attraverso un accordo di cooperazione. Coordinando le risorse finanziarie e intellettuali dei suoi membri, ESA può avviare programmi e attività ben oltre la portata di un singolo Paese Europeo e questa strategia sta funzionando in particolare con l’Unione Europea nell’implementazione dei programmi Galileo e Copernico.ESA sviluppa i lanciatori, i veicoli spaziali e le attrezzature di terra necessarie per permettere all’Europa di essere all’avanguardia nelle attività spaziali mondiali. Oggi, l’agenzia intergovernativa sviluppa e lancia satelliti per l’osservazione terrestre, la navigazione, le telecomunicazioni e l’astronomia, infine, invia le sonde ai confini del Sistema Solare e coopera nell’esplorazione umana dello spazio. Ulteriori informazioni su ESA sono disponibili all’indirizzo http://www.esa.int.
Lenovo è una società globale da 46 miliardi di dollari che fa parte della classifica “Fortune 500”, ed è leader nel fornire tecnologia innovativa a diversi segmenti di mercato – consumer, professionale, grandi aziende. Il nostro portafoglio di prodotti e servizi, affidabili e di alta qualità, comprende PC (tra cui ad esempio la storica gamma Think e il brand di prodotti multimodali YOGA), workstation, server (N.d.r inclusa la famiglia “System X” acquisita da IBM), storage, smart TV e una famiglia di prodotti mobile come smartphone (tra cui il marchio Moto), tablet e app.(foto: via lattea)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ponte del 2 giugno: le prime vacanze

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 maggio 2016

Con l’estate alle porte e il lungo ponte del due giugno, molti italiani programmano qualche giorno di relax al mare o alla scoperta dell’Europa. Anticipando le vacanze estive, una buona parte di loro, come emerge dalle analisi dell’Osservatorio Volagratis.com, ha deciso di concedersi un’intera settimana di ferie. Per il primo viaggio lungo dell’anno si scelgono soprattutto le isole: Tenerife è in testa nelle prenotazioni dei pacchetti completi mentre la Sicilia sbaraglia la concorrenza per quanto riguarda i soli voli. Anche le crociere si allungano oltre il ponte, con un viaggio nel Mediterraneo che supera nella maggioranza dei casi i sette giorni.
Il ponte del 2 giugno, con il suo clima perfetto per visitare le città d’arte, è scelto sempre più spesso dagli italiani per partire alla scoperta di qualche capitale europea. Nel generale aumento del 7,5% delle prenotazioni dei voli per l’estero, Londra, Parigi, Barcellona e Amsterdam rimangono – come nel 2015 – le mete più gettonate. La vera novità è Bucarest che, anche grazie ai prezzi competitivi dei voli (il costo medio di prenotazione è di soli 67 euro), vede un incremento delle presenze del 41% rispetto allo scorso anno. Per quanto riguarda le tratte a lungo raggio, l’aumento è ancora più marcato (+77%): a crescere sono in particolare le prenotazioni di voli per New York: per la Grande Mela il prezzo medio del volo è di 490 euro, più basso di 70 euro rispetto allo scorso anno, e la permanenza media è di 5 giorni. In seconda posizione San Pietroburgo con un costo medio di 320 euro per 4 giorni e, sorpresa di questa stagione, Mosca che è passata in terza posizione dalla sesta dello scorso anno con un costo medio del volo di 310 euro e una permanenza di 4 notti.Nelle tratte interne vince, e di molto, la Sicilia, con Catania e Palermo che totalizzano assieme quasi l’11% delle partenze complessive. I prezzi medi dei voli da Milano per questo ponte si aggirano intorno ai 140 euro, 107 euro per chi parte da Roma. Chi sceglie una città siciliana, vi rimane in media 4 giorni, sfruttando tutto il lungo ponte. La Sardegna è la seconda isola più prenotata dagli italiani per questo ponte con un costo medio per il volo su Olbia di circa 150 euro per una durata della vacanza di 4 giorni.Nella maggioranza dei casi, sia per le vacanze all’estero che per quelle all’interno dei confini nazionali, si sceglie di partire il giovedì o il venerdì e di tornare il lunedì o il martedì, in modo da sfruttare i prezzi più bassi infrasettimanali.
Chi sceglie i pacchetti che comprendono volo e hotel punta in modo deciso verso le isole: nella top 10 delle destinazioni più prenotate compaiono infatti Tenerife, Majorca, Ibiza e la Sardegna. Tenerife in particolare, la più popolosa delle Canarie, con le sue spiagge vulcaniche e il clima mite tutto l’anno, vede un vero e proprio boom nelle prenotazioni, piazzandosi in terza posizione dopo Barcellona e Amsterdam. Si tratta in molti casi di un consistente anticipo delle canoniche vacanze estive, che non si limita ai giorni del ponte ma dura tutta la settimana, per un costo medio di 490 euro a persona (ci si ferma più di 7 giorni a Tenerife e circa 5 in Sardegna per un costo medio di 334 euro a persona). Barcellona è sempre la più prenotata con la perfetta combinazione di divertimento, mare e vita culturale e un prezzo medio molto conveniente di 360 euro per il volo e 3 notti in hotel mentre Amsterdam, in seconda posizione, raggiunge il prezzo di 370 euro per il volo e 3 notti di vacanza.
Il 2 giugno è anche un’ottima occasione per partire per una crociera, preferita soprattutto dalle coppie (il 57% del totale delle prenotazioni) che vogliono ritagliarsi qualche momento di relax. La meta scelta è soprattutto il Mediterraneo occidentale (56%) dove si punta verso Barcellona, Palma di Maiorca, Ibiza, Valencia e Marsiglia. C’è anche chi si spinge a oriente (37%) e nel Nord Europa (8%), che vengono esplorati, attaccando qualche giorno al ponte, per una media di 7/8 giorni (il 79% delle prenotazioni, per un costo di circa 590 euro) o anche di più (il 18% sceglie la prima vacanza lunga, con un viaggio di 9 o più giorni). Il porto preferito, in questo periodo d’inizio estate, è quello di Venezia (che totalizza ben il 46% delle partenze), seguito da Genova e Civitavecchia.
http://www.volagratis.com

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Successi per la ricerca Unicam

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 maggio 2016

camerinoCamerino Ancora un importante successo per la ricerca di Unicam. Sono stati appena pubblicati sulla prestigiosa rivista scientifica internazionale PNAS (Proceedings of the National Academy of Sciences, organo ufficiale dell’Accademia nazionale delle Scienze degli Stati Uniti), i risultati di un lavoro di ricerca condotto da un gruppo di biologi Unicam coordinati dal prof. Claudio Gualerzi. La ricerca è stata svolta in collaborazione con due prestigiosi gruppi di ricerca internazionali: quello guidato dal prof. Shigeyuki Yokoyama in Giappone e quello della prof.ssa Paola Fucini in Spagna. Il lavoro riguarda la caratterizzazione del meccanismo d’azione di una nuova molecola con proprietà antibiotiche. La ricerca è stata realizzata tramite esperimenti di biologia strutturale, biochimica e biologia molecolare.“Siamo davvero tutti molto soddisfatti – ha dichiarato il dott. Attilio Fabbretti, ricercatore della Scuola di Bioscienze e Medicina Veterinaria ed autore dell’articolo scientifico – per questo importante risultato che ci ripaga del lavoro svolto negli ultimi anni. Gli studi sul meccanismo d’azione di questa molecola sono iniziati più di dieci anni fa nel nostro laboratorio coordinati dal prof. Gualerzi. Del team di ricerca oltre al sottoscritto, hanno fatto parte la dott.ssa Anna Maria Giuliodori, la dott.ssa Letizia Brandi e una nostra giovane laureata, la dott.ssa Raffaella Garofalo”.“Si tratta di un lavoro molto importante – ha sottolineato il dott. Fabbretti – perché in questo particolare momento storico si ha un’estrema necessità di nuove molecole con attività antibiotica, poiché si sta verificando un’insorgenza sempre maggiore di ceppi batterici multiresistenti alle classi di antibiotici già in commercio, ceppi patogeni che sono anche causa di un’elevata mortalità.
Sviluppare molecole con meccanismi d’azione completamente nuovi come quella oggetto del nostro lavoro, sarà sicuramente l’unica possibilità nell’immediato futuro per combattere questi patogeni multiresistenti”. (foto:fabbretti)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Il flop del job act

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 maggio 2016

inps“I dati diffusi dall’Inps in merito ai contratti a tempo indeterminato confermano le nostre amare ma purtroppo realistiche previsioni”. Lo scrive su Facebook Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.
“Finita parzialmente la droga dal Jobs Act, che per tutto il 2015 ha distribuito a pioggia incentivi sui contratti stabili, adesso si torna dalla dura realtà: nei primi tre mesi del 2016 sono stati stipulati 428.584 contratti a tempo indeterminato mentre le cessazioni, sempre di contratti a tempo indeterminato sono state 377.497 con un saldo positivo di 51.087 unità, dato peggiore del 77% rispetto al saldo positivo di 224.929 contratti stabili dei primi tre mesi 2015.Numeri, questi dei primi tre mesi del 2016, addirittura peggiori anche rispetto al 2014 (+87.034 posti stabili nei primi tre mesi).In compenso crescono, nello stesso lasso temporale, i voucher (+45,6%), utilizzati evidentemente in modo inappropriato e incontrollato.
Quello di Renzi e Poletti si rivela ancora una volta un Flop Act. Non hanno riformato il mercato del lavoro, hanno solo usato soldi pubblici per alterare in modo truffaldino i numeri sui contratti a tempo indeterminato. Che tristezza, che miseria per il nostro malandato Paese”, conclude Brunetta.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un’unica Europa digitale alimenterà il commercio e le opportunità di crescita

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 maggio 2016

giustizia europeaCon l’Europa che si muove per diventare il primo mercato unico digitale al mondo, le nuove politiche ambientali, economiche, sociali e politiche orientate al futuro sveleranno opportunità commerciali e di crescita. Il mercato unico digitale renderà possibile il commercio equo e darà alle start-up accesso all’intera comunità dell’Unione Europea. Sarà fondamentale per le aziende allinearsi all’entusiasmante programma digitale della regione per sopravvivere e avere successo. La nuova analisi di Frost & Sullivan, “Future of Europe” (http://frost.ly/dl), offre un approfondimento dettagliato sui cambiamenti radicali, le sfide e le opportunità che l’Europa dovrà affrontare da qui al 2025. Lo studio “Future of Europe” fa parte di un programma di ricerca che esamina i Mega Trend che plasmano il mondo, evidenziando le implicazioni da macro a micro sulle aziende e sulla società. “L’Europa ha svelato i propri piani dettagliati per la creazione di un mercato unico digitale sfruttando gli oltre 4 miliardi di dispositivi connessi entro il 2025, per creare una piattaforma pan-europea per le imprese digitali”, afferma Sarwant Singh, Senior Partner di Frost & Sullivan. “Presto vedremo più commercio elettronico, prezzi più equi, maggiore mobilità e una scelta più ampia per 500 milioni di europei.” Per cominciare, l’UE ha fissato obiettivi ambiziosi relativi a occupazione, innovazione, istruzione, inclusione sociale e clima/energia da raggiungere entro il 2020. Inoltre, la crescente economia di Internet, la rivoluzione Fintech, i progressi tecnologici e le iniziative volte a creare un mercato unico digitale catalizzeranno i cambiamenti nella produzione e nei servizi. Alla luce di questi movimenti, si prevede che il primo potenziale commerciale nell’ambito dell’intelligenza artificiale avrà origine in Europa, dando alla regione un vantaggio nella corsa verso le capacità cognitive. Nei prossimi dieci anni, l’Europa sarà anche in testa agli sviluppi di Industry 4.0, re-industrializzandosi con fabbriche e sistemi intelligenti. Si prevede che la regione sarà al secondo posto per numero di città intelligenti nel mondo e che avrà un’economia della condivisione da 18 miliardi di dollari che le aziende potranno sfruttare. Un altro dettaglio importante è che le donne avranno un ruolo di primo piano nella definizione delle strategie di questa economia fiorente, guidata dal nuovo commercio e da nuove politiche di gestione dei dati. “Sarà interessante vedere fino a che punto la strategia di crescita dell’UE potrà essere messa in pratica per la creazione della quarta rivoluzione industriale. Il 75% dell’impatto economico complessivo in Europa deriva dai settori tradizionali. La modernizzazione di questi settori riveste un’importanza critica. Soltanto l’1,7% delle aziende ha integrato tecnologie digitali avanzate nella propria catena del valore e quasi la metà delle aziende non ne utilizza nessuna. Pertanto, siamo decisamente curiosi di vedere in che modo si evolverà la situazione in Europa”, conclude Archana Devi Vidyasekar, Team Leader del Gruppo Visionary Innovation di Frost & Sullivan. “Tutto ciò deve essere ottenuto senza compromettere gli interessi dei cittadini per quanto riguarda la privacy e la sostenibilità ambientale.”

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Arsenico e riso. Ancora un allarme. Consigli

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 maggio 2016

irrigazione riso2Un nuovo allarme per l’arsenico nel riso viene dall’Associazione dei medici americani: il contenuto di arsenico nell’urina dei bambini che mangiano riso raggiunge il doppio di quelli che non lo assumono. Sull’argomento eravamo intervenuti gia’ anni fa sollecitando l’allora ministro della Salute, Renato Balduzzi e poi l’attuale ministra, Beatrice Lorenzin, ad adottare provvedimenti per limitare il rischio di danni da arsenico. Lo scorso anno l’Istituto superiore di sanita’ ha tenuto un convegno su “Arsenico nelle catene alimentari”, nel corso del quale ne e’ stata ribadita la pericolosita’.
L’arsenico si trova nel suolo e l’acqua, viene assorbito dalle piante, indipendentemente dal fatto che siano coltivate, a parita’ di condizioni, con pratiche agricole convenzionali o biologiche, inoltre, la quantita’ di arsenico e’ maggiore nel riso integrale, rispetto a quello bianco, perché l’arsenico tende ad accumularsi negli strati esterni della pianta, che vengono rimossi quando viene prodotto il riso bianco. Ricordiamo che l’arsenico inorganico puo’ provocare tumori ai polmoni, alla pelle, al fegato, all’apparato urinario e attraversando la placenta puo’ causare un danno fetale.
Il riso e’ un alimento prezioso che contiene molte sostanze nutrienti importanti come proteine, vitamine, minerali e fibre. Per questo motivo dovrebbe far parte di una dieta equilibrata. Il riso e’ senza glutine ed e’, pertanto, un’alternativa a altri cereali che lo contengono, utile per coloro che soffrono di intolleranza al glutine stesso. Considerata la diffusione dell’arsenico nell’ambiente, per cause naturali e indotte dall’uomo, suggeriamo ai consumatori di variare la propria alimentazione e di lavare con acqua abbondante il riso prima della cottura: questa procedura rimuove circa il 30% del contenuto di arsenico inorganico nel riso.
(Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libro Mario Trudu: cent’anni di memoria

Posted by fidest press agency su venerdì, 20 maggio 2016

cent'anni di memoriaRimpiange e racconta, Mario Trudu, ergastolano, in carcere da 36 anni con condanna per sequestro di persona, il tempo della sua infanzia e adolescenza, ad Arzana, paese nel cuore della Barbagia. Dall’autore di “Tutta la verità, storia di un sequestro” (Stampa Alternativa) un racconto ricco del fascino che Trudu ragazzino riesce a cogliere in tutto, nonostante le durezze di un ambiente molto povero e dalle regole implacabili. Incantato soprattutto dai racconti dei “suoi vecchi”, che sono trasmissione di sapere, ma anche storie di guerra, di cui si conservano ricordi, commoventi e crudi. Spazi onirici si aprono con i sorprendenti disegni, di cui Trudu è autore, che si intrecciano alla narrazione. prefazione di Natalino Piras acura di Francesca de Carolis. Scrive la De Carolis: “Mario Trudu, per chi non lo sappia, è in carcere dal 1978. Due condanne per sequestro di persona, della prima da sempre si dichiara innocente. Della seconda si è sempre assunto tutta la responsabilità, ma pure tiene a far sapere che il reato che ha compito è stata reazione ( ora mi dice sa quanto sbagliata) alla prima grande ingiustizia subita. L’applicazione retroattiva delle norme emergenziali degli anni ‘90, diventate, come tutto in Italia, da temporanee definitive, lo hanno seppellito vivo. E nulla importa quello che nel frattempo è diventato, se pentimento vero è maturato nel suo animo. Per la giustizia Mario Trudu è una persona che non ha scelto di essere collaboratore di giustizia. E questo basta. Dopo 37 anni di carcerazione per il nostro sistema giudiziario Mario Trudu, che in carcere è entrato giovane, ha trascorso la maturità, e ora sempre lì si avvia alla vecchiaia, è ancora l’uomo del sequestro di oltre sette lustri fa. C’è qualcosa, mi chiedo sempre più spesso, che non va… Me lo chiedo ogni volta che lo vedo arrivare nella stanza dove avvengono i nostri incontri: un educato signore, che sulla soglia arrossisce, timido sembra all’inizio, introverso piuttosto penso ora, che ci tiene moltissimo ogni volta ad avere qualcosa da offrirmi, e ogni volta si scusa di quel poco (poco secondo lui, per me sempre troppo) che il regolamento del carcere permette. Ogni volta mi interrogo sulla sua lunghissima vita fatta di sottrazioni… perché in carcere per sottrazione si vive. Difficile persino fargli avere delle matite per i suoi disegni. Sembra una banalità, ma non potete immaginare quante banalità rendono ancora più afflittiva la vita di chi è in prigione. Eppure, a volte penso, basterebbe poco… Non potete immaginare quanta gioia ha espresso in una sua lettera, raccontandomi dell’albero che riusciva a vedere dalla sua nuova cella quando è stato trasferito a San Gimignano. Difficile trovare le parole per spiegare a chi non ne ha esperienza il carcere e, a chi non ha mai guardato negli occhi un ergastolano, il carcere a vita. Difficile trasmettere il senso di chiusura al mondo. Ma forse una chiave Mario, involontariamente me l’ha data. Mi perdonerà se svelo un brano dei nostri colloqui. Ma ascoltate…
Lo scorso anno, l’ho incontrato un giorno che si era vicini all’otto marzo. E Mario mi ha portato il disegno di una rosa. “Avrei voluto- mi ha detto un po’ imbarazzato- regalarti una mimosa. Ma… non riesco a ricordare… aiutami… com’è fatta una mimosa?”. Gialla, quei pallini tutti gialli… ho risposto a mezza voce, pensando al buco nero del tempo che ha ingoiato il colore delle mimose, e all’oscenità della chiusura definitiva al mondo di “quelli della morte viva”.
Dai nostri colloqui esco spesso piuttosto triste. Perché, vi assicuro, è straziante lasciare una persona in carcere quando hai capito veramente dove la lasci. Anche se Mario mi congeda sempre con saluti sorridenti. Ma so bene che c’è una sola cosa che illumina davvero la sua anima. Ed è il ricordo della sua terra e della sua casa. Si capisce bene leggendo queste pagine, guardando i bellissimi disegni di cui il racconto è tessuto, e gli spazi onirici che sanno dischiudere”. (foto: cent’anni di memoria)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »