Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 22 maggio 2016

La Consumer Experience nell’era digitale

Posted by fidest press agency su domenica, 22 maggio 2016

A modern smartphone and a old classic cell phone side by side.

A modern smartphone and a old classic cell phone side by side.

Roma Mercoledì 25 Maggio 2016, ore 10.00 La Lanterna, Via Tomacelli 157.Il mercato degli Smartphone in Italia ha raggiunto la maturità avendo registrato tra i più alti livelli di penetrazione in Europa. L’adozione degli Intelligent Device legati all’Internet of Things è in aumento anno dopo anno con utilizzi che vanno dalla sicurezza nella propria abitazione al monitoraggio della salute, fino al supporto delle attività sportive; i dispositivi mobili, inoltre, stanno sostituendo PC e TV per accedere ai diversi contenuti e in particolare i video.La qualità del servizio è diventata una delle maggiori preoccupazioni dello Screenager e ciò offre nuove opportunità ai provider di comunicazione e intrattenimento. Di pari passo, anche l’attenzione e la preoccupazione per la condivisione dei propri dati personali sta crescendo sempre più, frenando l’adozione di nuovi servizi e Intelligent Device e ponendo l’attenzione sulle nuove politiche di sicurezza da adottare e sui nuovi metodi alternativi per proteggere i dati sensibili.
10.00 – 10.30 Accredito
10.30 – 10.45 Introduzione Antonio Nicita, Commissario, AGCOM
10.45 – 11.15 La rotazione digitale del mercato Michele Marrone, Senior Managing Director,  Accenture
11.15 – 12.00 Accenture Digital Consumer Survey 2016 Massimo Morielli, Managing Director, Accenture
12.00 – 12.45 L’evoluzione del sistema delle comunicazioni italiane e la consumer experience Marco Delmastro, Direttore del Servizio Economico e Statistico, AGCOM
12.45 – 13.00 Conclusioni Antonio Preto, Commissario, AGCOM
La partecipazione all’evento è gratuita.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sailing in the dark – 300 with a mission Visa, terror and the Aegean refugee agreement

Posted by fidest press agency su domenica, 22 maggio 2016

sailingThe EU-Turkey agreement on the refugee crisis in the Aegean entered into force two months ago. Legally it is no more than a non-binding “statement”, but its strength derives from a clear and powerful objective:”In order to break the business model of the smugglers and to offer migrants an alternative to putting their lives at risk, the EU and Turkey today decided to end the irregular migration from Turkey to the EU.”
In 2015 more than 500,000 people arrived from Turkey on the Greek island of Lesbos – close to the total number of irregular crossings into the whole EU in five years (2009-2013). In 2015 more than 800,000 people crossed the Aegean. In autumn 2015 ESI argued that the right plan might lead “within six weeks to a dramatic fall in the number of crossings.” After the Aegean agreement entered into force it took only two weeks for the number of daily crossings to fall from more than 1,100 a day in March to one tenth that number in April. And while 805 people died in the Aegean in 2015 (IOM), following the entry into force of the agreement the number of people who drowned fell sharply
In short: so far the agreement is delivering more than expected. And yet, there are dark clouds on the horizon, reasons to fear that in the next weeks, even before the end of the Dutch EU presidency bad management, bad faith, negligence and recklessness might sink this ship. The question today is: what can be done to prevent this?
sailing1A few numbers reveal how the Aegean agreement is currently failing: the number of people who have been stuck on the Greek islands since 20 March; the capacities to accommodate these people on these islands; the number of those returned to Turkey; and the (unknown) number of asylum applications that have been decided.The total number of people on the Greek islands (Lesbos, Chios, Samos, Leros, Kos, Rhodes, Kalymnos) on 17 May was 8,511. According to UNHCR the capacities to accommodate them are as follows:
Lesbos: 3,500 places for 4,207 people
Chios: 1,100 places for 2,276 people
Eight weeks after the agreement entered into force there were three Greek asylum case workers for 2,276 people on Chios and none at all for 500 people on Leros. And yet, the European Asylum Support Office (EASO) argues that there is no need for more asylum case workers from the EU as the mission would not be able to absorb them.This is not the only indication of terrible mismanagement. Another is a striking lack of transparency about what is happening on the islands. Journalists spend many days on Lesbos or on Chios and struggle to get basic information. Regular reporting by the European Commission leaves out some of the most important information (how many cases have been resolved? How many Greek case workers are deployed?).
sailing2And yet, Commission president Jean-Claude Juncker continues to refer to the implementation of the Aegean agreement as mainly a burden for the Greek Asylum Service: “This is a Herculean task facing us, especially Greece is facing a Herculean task.” But evoking ancient heroes, even Hercules, will not help without better management. To pretend that this agreement can be implemented by Greece alone, with support from the European Commission as currently organised, puts everything achieved so far at risk again.
It is crucial that the EU demonstrates that it means it, and organises itself for this to happen. This would be a huge help for Greece. It would be a very important success for the European Commission. It would also be a crucial step towards a credible European asylum policy. As Robert Schuman put it: “Europe will not be built all at once, or according to a single plan. It will be built through concrete achievements.” Today, the road to a credible EU policy on asylum passes through Lesbos.
Inadequate implementation of the agreement’s provision concerning asylum and readmission on the Greek islands is not the only shortcoming, however. There is also the fact that everyone seems to have forgotten about point 4 of the EU-Turkey agreement:
“Once irregular crossings between Turkey and the EU are ending or at least have been substantially and sustainably reduced, a Voluntary Humanitarian Admission Scheme will be activated. EU Member States will contribute on a voluntary basis to this scheme.”As the numbers of crossings continue to fall, the moment has arrived to prepare for this scheme. But is anybody doing so?
Since 20 March only 177 Syrians have been resettled from Turkey. With such low numbers the promise that the EU is going to offer asylum seekers “an alternative to putting their lives at risk” rings hollow.For serious resettlement to happen EU member states must find a quick way to resettle Syrian refugees from Turkey, leaving out unnecessary intermediaries. The current “fast track Standard operating procedures,” adopted at the end of April, are neither fast nor appropriate.
Since 20 March only 389 migrants have been returned from Greece to Turkey. And yet, instead of these readmissions being carefully monitored so as to dispel doubts about Turkey as a safe third country and safe country of asylum, the lack of transparency, lacking follow up and overall absence of accountability has undermined not just the rights of those returned, but also prospects for the whole agreement. For its implementation it is vital that international law is upheld on both sides of the Aegean; that refugees’ rights are respected and that their circumstances are adequate. Shortly after the first migrants were returned to Turkey on 4 April, press reports emerged that 13 non-Syrians had been sent back who had not been given the opportunity to apply for asylum in Greece. More than a month later, there has been no official confirmation or rebuttal of this claim.
The likely consequences of not offering visa liberalisation in June are the following:
The – legally non-binding – EU-Turkey statement is – perhaps fatally – undermined. This allows Turkey to walk away from other demanding parts of the Aegean agreement. Without visa liberalisation readmission is at risk.
Ordinary Turks will not be able to travel easily. However, over 2 million Turks with special/green passports – state officials and their families – will continue to travel visa free to most EU member states.
In fact, for the EU the 72 roadmap benchmarks are not legal criteria, but political. The EU offers visa free travel to many countries with human rights problems. (foto: sailing)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Villa Reale di Monza: è caos gestionale, la Regione deve intervenire

Posted by fidest press agency su domenica, 22 maggio 2016

Il M5S Lombardia ha depositato un’interrogazione sui gravi problemi di gestione della Villa Reale di Monza. Il complesso è affidato a diverse società (tra concessioni e sub concessioni) e, dalle recenti notizie apparse sui media locali, emerge la percezione di un governo del bene storico-culturale molto frammentario, conflittuale ed eccessivamente orientato a logicheMonza-Villa Reale di profitto.
Il complesso è stato affidato in gestione per 20 anni a un privato, Nuova Villa Reale di Monza S.p.A., che ha dato vita alla società Cultura Domani S.r.l. per la gestione del secondo piano nobile, dedicato alle mostre. Il primo piano nobile (con il monumentale Salone delle Feste e le sale di rappresentanza) fino a qualche giorno fa era occupato dal sub-concessionario Vision Plus, mentre il sottotetto ospita in affitto, la Triennale di Milano con il Museo del Design. Infine, il piano terra è occupato dal ristorante della società sub concessionaria “Le cucine di Villa Reale”. E’ notizia recente che la Vision Plus ha ricevuto lo sfratto per problemi legati al pagamento del canone di concessione a Nuova Villa Reale di Monza S.p.A., la quale, a sua volta, per contenziosi legati ad alcune sponsorizzazioni, ha portato in tribunale il Consorzio della Villa Reale e Parco di Monza, l’ente che rappresenta i proprietari pubblici del bene storico (Ministero della Cultura, Regione Lombardia, Comune di Monza e Comune di Milano).Per Gianmarco Corbetta, capogruppo del M5S Lombardia: “Siamo di fronte ad un assetto organizzativo che non è certo adeguato a valorizzare al meglio il preziosissimo complesso monumentale ed ambientale della Villa Reale di Monza; sembra più la gestione di un condominio, dove gli inquilini litigano tra di loro e fanno causa al proprietario del bene! Con l’interrogazione chiediamo che la Regione, maggior finanziatrice del recupero e restauro della Villa, intervenga presso il Consorzio perché sia garantita una programmazione coordinata che valorizzi il patrimonio pubblico. Devono essere messe in campo attività di controllo nei confronti delle attività svolte dal concessionario e dai sub concessionari e definite direttive d’indirizzo per evitare il caos gestionale di questi ultimi tempi. Abbiamo ipotizzato l’istituzione di un curatore di comprovate capacità tecnico-scientifico per la salvaguardia e la fruizione pubblica dell’intero patrimonio culturale. La Regione, tramite il Consorzio, deve prendere in mano la situazione ed essere più incisiva: Villa Reale è un bene pubblico, una gestione caotica e eccessivamente orientata al mero profitto non depone per il futuro di una risorsa strategica, dal punto di vista culturale ed turistico, per Monza”.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Puglia vince il concorso di Sanofi su innovazione e diabete

Posted by fidest press agency su domenica, 22 maggio 2016

innovazioni pugliaIn Italia 1 persona con diabete su 2 non si sente in buona salute e dichiara che il diabete ha un impatto negativo sulla qualità della sua vita, oltre a interferire con le normali attività quotidiane e le relazioni personali. Lo rivelano le anticipazioni di una ricerca realizzata da GfK su diabete e qualità di vita commissionata da Sanofi che ha coinvolto 500 persone con diabete in tutta Italia. Il 62% dei pazienti intervistati ha avuto in media valori di glicemia troppo alti 7 volte al mese e troppo bassi 3 volte al mese. I pazienti consapevoli, attenti e competenti nella gestione della malattia, in media 1 su 3, sono quelli che dichiarano maggior soddisfazione nella relazione col medico (in quanto a disponibilità, ascolto, competenza) e hanno una miglior percezione del proprio stato di salute. Dalla fotografia emerge che il ruolo del medico è fondamentale nel favorire il coinvolgimento del paziente rispetto all’autogestione del diabete. Inoltre, i medici che incoraggiano maggiormente a seguire la dieta e praticare attività fisica, aumentano la capacità del paziente di modificare il proprio stile di vita.
Dai bisogni delle persone con diabete alle migliori pratiche per gestirlo. Così è nato il progetto #5innovazioni promosso da Sanofi, che ha girato l’Italia per far emergere e premiare chi sul diabete e sulla salute fa innovazione. Da Milano a Napoli passando da Perugia, Bari e Cagliari. Queste le tappe del concorso: 5 regioni in finale, 5 progetti di eccellenza.
Formazione del personale scolastico per migliorare la vita dei ragazzi con diabete e aiutarli ad affrontare serenamente la propria condizione. Questo il progetto vincitore di #5innovazioni, promosso dall’associazione APGD (Associazione Pugliese per l’aiuto al Giovane con Diabete) e premiato il 19 maggio a Roma. “Vivere bene… con il diabete a scuola” nasce dall’ascolto delle esperienze di ragazzi e famiglie che convivono con disagi e problematiche quotidiane. Obiettivo: garantire – anche durante l’orario scolastico – i controlli della glicemia, la somministrazione dei farmaci, la gestione di eventuali crisi ipoglicemiche, l’adeguata alimentazione, lo svolgimento in sicurezza di attività sportive. Il tutto con l’esperienza di professionisti del settore e il supporto di materiali informativi come presentazioni e brochure. Ma anche con la realizzazione di un cortometraggio, “Dolce come il miele”, in cui i ragazzi parlano della loro condizione. Guarda il video: https://www.youtube.com/watch?v=C4SWhZvS7kE
Menzione speciale
Il progetto finalista per la Sardegna, Cereal 14/20, promosso dall’associazione Diabete Zero, ha ricevuto una menzione speciale. Il pane preparato con farine tradizionali, in grado, secondo una ricerca, di migliorare alcuni parametri delle persone con diabete, ha riscosso molto entusiasmo da parte dei membri della giuria per la sua originalità e per il suo valore storico. (foto: innovazioni puglia)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cns si rinnova all’insegna della legalità

Posted by fidest press agency su domenica, 22 maggio 2016

reti impresaDemocraticità e parità di trattamento dei soci, sviluppo dell’impresa cooperativa, leale competizione sul mercato. Sono questi i punti centrali dei nuovi Regolamenti e del nuovo Statuto del Consorzio nazionale servizi (Cns) approvati dall’assemblea dei soci. Il voto assembleare fonda le basi del nuovo Cns proiettato verso le nuove regole del mercato degli appalti e che può fare dei principi etici e di trasparenza la vera forza competitiva. Le nuove regole che guidano l’attuazione dello scopo mutualistico assumono i valori della legalità, della correttezza e della responsabilità sociale di impresa quali principi fondamentali attorno ai quali sviluppare le proprie politiche aziendali. Requisiti etici e reputazionali in sede di ammissione delle imprese cooperative, garanzie di indipendenza e professionalità degli organi di governo, procedure trasparenti e criteri obiettivi di selezione delle imprese esecutrici, sono solo alcune delle novità votate all’unanimità nell’Assemblea.
Per il presidente del Cns, Alessandro Hinna, “i consorzi hanno il dovere di applicare le regole del mercato al loro interno diventando così un formidabile alleato delle istituzioni nel garantire e incentivare corretti comportamenti di centinaia di imprese associate. Ha ragione il presidente dell’Anac, Raffaele Cantone, nell’auspicare che, nel mondo delle imprese cooperative, il bambino non venga gettato insieme all’acqua sporca. Il Cns vorrebbe essere di questo una testimonianza importante. Spero che da oggi il nome del Cns non sia più abbinato a un passato legato alle note vicende, ora che si può parlare di presente e soprattutto, di futuro”.
“Solo a chi è in regola consentiamo l’ingresso al nostro consorzio e la partecipazione alle gare che vinciamo. Questo è il nostro incentivo, vogliamo essere un laboratorio di legalità. Prevenire un rischio non significa pensare che ci sia del marcio, ma diminuire la probabilità ci possa essere. Crediamo profondamente nella prevenzione, che poi è la stessa logica che anima l’azione dell’Autorità nazionale anticorruzione”. Parola di Alessandro Hinna, presidente del Consorzio nazionale servizi dal 27 luglio scorso. L’assemblea dei soci del Consorzio proprio ieri ha approvato, all’unanimità, i nuovi regolamenti interni e il nuovo statuto. L’obiettivo è certificare che in questa fetta di movimento cooperativo, dopo che anche qualche suo associato è stato toccato dalle clamorose inchieste giudiziarie di questi anni, la parola d’ordine è più che mai “trasparenza“.
I numeri del colosso Cns sono significativi: 194 coop attive, 700 milioni di euro di fatturato medio annuo in grado di dare lavoro a 20.000 occupati. Garantire che nessuno degli associati si comporti come un furbetto è la grande sfida di Hinna. Professore associato di organizzazione aziendale all’Università Tor Vergata, accademico impegnato, il nuovo presidente è approdato come un ‘marziano’ fra le coop, ma i risultati iniziano a vedersi. “Due anni fa neanche sapevo cosa fosse il Cns, in 10 mesi ho contribuito a riscrivere le regole del gioco. In un Consorzio come il nostro, basta che una o due coop si comportino in modo non corretto per ‘marchiare’ anche le altre. Personalmente, ho trovato imprese e storie d’impresa eccezionali qui dentro, sia come valori etici sia come capacità d’innovazione. Sono entrato come indipendente per gestire l’attuale passaggio, e sono rimasto positivamente sorpreso dalla qualità interna riscontrata”.
Tuttavia, ancora “non basta, questo è il punto: dobbiamo far valere nella nostra casa nuove regole, stiamo alzando l’asticella della legalità“, scandisce Hinna. I principi alla base della revisione dei regolamenti e dello statuto Cns sono in sostanza tre: democraticità e parità di trattamento dei soci, sviluppo dell’impresa cooperativa, leale competizione sul mercato. Dettaglia (e avvisa) Hinna: un socio che vuol partecipare al Cns deve possedere il modello 231 sul rischio di legalità, proprio quello che in questi ultimi due anni il presidente nazionale Legacoop Mauro Lusetti non si è mai stancato di citare. “Senza la 231, ovvero la disciplina di responsabilità delle persone giuridiche nel gestire i rischi interni di legalità, qui non si entra. La 231 non è obbligatoria in generale, ma per noi lo sarà e tutti si dovranno adeguare“, avanza il nuovo presidente. Che precisa e rilancia: “Se noi troviamo qualcosa che non torna, comunque, procediamo già alle sanzioni e alle esclusioni. Ma altra cosa, appunto, è pr evenire il rischio. In questo senso insegna lo spirito del presidente nazionale Anac Raffaele Cantone”, intervenuto su questi temi anche nei giorni scorsi a un convegno di Legacoop nazionale a Modena.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

In libreria da questa settimana In classe con il «Boss»

Posted by fidest press agency su domenica, 22 maggio 2016

in classeÈ in questo giorni in libreria il nuovo libro di Andrea Monda, Springsteen in classe. Spunti didattici a partire dalle canzoni del Boss (Editrice Missionaria Italiana), volume che porta la prefazione del direttore di La Civiltà Cattolica Antonio Spadaro.
Libro che si rivolge in modo particolare a insegnanti ed educatori, questo testo esplora in modo del tutto innovativo la poetica e la produzione musicale di uno dei grandi maestri della musica rock americana, Bruce Springsteen. Monda, egli stesso insegnante, scrittore e conduttore del popolare reality «Buongiorno professore!» su TV2000, offre molti spunti didattici a partire dai testi del cantautore del New Jersey, mettendo in luce le influenze letterarie, storiche e religiose presenti nella sua vasta produzione.Si scopre così che l’educazione cattolica ricevuta da Springsteen ha avuto un forte impatto sulla sua poetica, con testi spesso dedicati agli ultimi, ai migranti, ai perdenti della società americana. Una dimensione sociale che Monda evidenzia in modo particolare, e che affonda le sue radici non solo nella Bibbia, ma anche nei grandi classici della letteratura statunitense – si pensi solo alle opere di Flannery O’Connor, Cormac McCarthy e John Steinbeck. Testi poetici e al contempo duri quelli del Boss, intrisi di un forte impegno sociale, che si è concretizzato nel corso degli anni anche nelle sue scelte politiche e nelle sue battaglie a favore dei diritti civili.La sua predisposizione alla scrittura e la sua erudizione sembrano apparentemente scontrarsi con la dichiarazione dello stesso Springsteen di aver sempre «odiato la scuola». Ma questo rifiuto delle istituzioni non esime Monda dall’enucleare i principali punti di riferimento delle sue canzoni che possono tornare utili alla didattica di oggi: la geografia, la storia americana – soprattutto contemporanea –, la letteratura e la religione. Come sottolinea Antonio Spadaro nella sua prefazione, le pagine di Springsteen in classe «raccolgono tutto il calore dell’esistenza cantata dal Boss e ne illustrano con competenza ed efficacia l’intelligenza e la passione».
Un libro utile anche per conoscere e approfondire il personaggio di Springsteen, in attesa di vederlo dal vivo in Italia allo Stadio San Siro di Milano il 3 e il 5 luglio e al Circo Massimo di Roma il 16 luglio.
Andrea Monda (Roma 1966), insegnante e saggista, si occupa di letteratura e religione. Presiede l’associazione «Bomba Carta» di Roma e tiene seminari in varie università. Collabora con Avvenire, La Civiltà Cattolica, Rai Educational e TV2000, dove conduce il reality «Buongiorno professore!». Esperto di Tolkien e Lewis, ha pubblicato Benedetta umiltà (Lindau) e Fratelli e sorelle buona lettura! Il mondo letterario di papa Francesco (Ancora). (foto: in classe)

Posted in Cronaca/News, recensione | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Necessari maggiori sforzi per affrontare alla radice le cause delle migrazioni forzate

Posted by fidest press agency su domenica, 22 maggio 2016

rifugiatiL’Alto Commissario per i Rifugiati, Filippo Grandi, ha partecipato ieri alla prima Conferenza Ministeriale Italia-Africa, organizzata dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Italiana in collaborazione con l’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale (ISPI).Rivolgendosi agli oltre 50 ministri dei Paesi africani, ai loro rappresentanti permanenti alle Nazioni Unite e ai rappresentanti di circa 15 organizzazioni delle Nazioni Unite, l’Alto Commissario ha ricordato che i tre motivi principali che costringono le persone ad abbandonare le proprie case e fuggire in cerca di sicurezza sono conflitti, violenza e persecuzioni. Spesso a questi fattori si aggiungono povertà e cambiamenti climatici.I rifugiati e gli sfollati costituiscono oggi un’emergenza umanitaria straordinaria. Per affrontarla però sono necessari sforzi e risorse che affrontino le cause alla radice.Risorse molto più significative che in passato devono essere dedicate ad un nuovo modello di assistenza, più sostenibile, che miri allo sviluppo soprattutto attraverso la chiave dell’educazione e del lavoro, nonché alla stabilizzazione e al supporto dei Paesi di primo asilo.
L’Alto Commissario ha accolto con favore il non-paper Italiano: “Migration Compact: Contributo ad una strategia UE per l’azione esterna in materia di migrazione”, nel quale vengono elaborate proposte per affrontare le sfide attuali in materia di asilo e migrazione a livello europeo.“La proposta italiana è positiva perché costruisce ponti, non muri e riflette molti temi sostenuti da tempo dall’UNHCR”, ha detto Grandi.I paesi dell’Africa sostengono il peso maggiore delle migrazioni forzate e non devono essere lasciati soli. Devono essere aiutati a sviluppare competenze utili a gestire in maniera efficace i flussi di migranti e rifugiati e ad istituire sistemi di asilo adeguati. Tuttavia, la responsabilità di trovare soluzioni durevoli, quali reinsediamento e altri canali d’accesso regolari e sicuri, dovrebbe essere condivisa da tutti gli Stati.L’UNHCR è pronto a proseguire il suo lavoro con l’UE per promuovere un approccio comune che passi anche attraverso la ricerca di nuovi strumenti finanziari a sostegno dello sviluppo di una collaborazione più forte e ampia fra UE e paesi terzi.L’Alto Commissario è consapevole delle preoccupazioni riguardo la Libia, un Paese in transizione e che necessita di stabilizzazione. Se le condizioni di sicurezza lo permetteranno, l’UNHCR è pronto a sostenere le autorità libiche a gestire la popolazione di rifugiati che si trova sul loro territorio.L’Alto Commissario ha anche sottolineato che le proposte di rafforzamento delle misure di ritorno e di riammissione in paesi terzi, comprese nel non-paper, devono rispettare il principio di non-refoulement. Laddove una persona richiede protezione internazionale, ha il diritto di avere accesso a una valutazione della propria istanza d’asilo equa ed efficace e, se riconosciuta, deve ricevere protezione secondo le norme internazionali.La partecipazione alla Conferenza Ministeriale è avvenuta al termine di una visita di due giorni in Italia, nella quale l’Alto Commissario ha incontrato il Presidente del Consiglio Matteo Renzi, il Ministro dell’Interno Angelino Alfano e il Ministro della Giustizia Andrea Orlando. Inoltre, l’Alto Commissario è stato ascoltato dalla Commissione dei Diritti Umani del Senato e ha visitato il Centro Nazionale di Coordinamento del Soccorso Marittimo (IMRCC). Grandi ha elogiato la Guardia Costiera Italiana per il suo ruolo cruciale di coordinamento, per l’organizzazione capillare delle operazioni nel Mediterraneo e il successo nel portare in salvo migliaia di vite umane.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sicurezza nei cantieri

Posted by fidest press agency su domenica, 22 maggio 2016

cantieri navaliSi è svolto ad Arezzo un Tavolo di Lavoro con ASL, Ispettorato del Lavoro ed INAIL promosso dalle rappresentanze di categoria tra cui ANCE AREZZO per Confindustria Toscana Sud dedicato al tema della sicurezza nei cantieri.
Ha sottolineato l’Architetto Igor Michel Magini come :” La sicurezza non possa essere solo un problema documentale, con il convegno di oggi abbiamo ribadito come le buone pratiche di sicurezza debbano passare inevitabilmente tramite un’attenta formazione attiva in cantiere. Questo è il vero perno che garantisce con effettività una sicurezza concreta a tutti le persone che interagiscano in un cantiere. E’ necessario inoltre una collaborazione positiva e costruttiva e preventiva tra tutti i soggetti privati e pubblici coinvolti nel tema sicurezza in cantiere. Non è nell’interesse di nessune una politica cieca e repressiva, la realtà va analizzata, tutelata, ma lo si può fare solo tutti insieme”.
Si è discusso quindi durante il confronto tra tutti i presenti di nuove strategie di intervento che, unite alle misure legislative varate e alle vaste azioni già in atto sul fronte della formazione, della prevenzione e dei controlli, siano in grado di agire a un livello più profondo.
Da sempre Ance si impegna quotidianamente per accrescere la cultura della sicurezza degli imprenditori e di tutti i soggetti che operano in cantiere, al fine di consentire alle imprese di operare in un tessuto competitivo sano e trasparente. Il seminario tenuto Arezzo ne è la testimonianza.
Si è sottolineato inoltre come un infortunio, oltre a essere un costo gravissimo in termini umani, è anche un costo economico per l’impresa. La non sicurezza può diventare un costo molto più gravoso e penalizzante per l’impresa.
Un tema così importante deve vedere tutte le parti coinvolte collaborare in termini concreti e positivi, solo così si possono ottenere risultati durevoli nel tempo e vere garanzie di sicurezza.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: ai presidi incentivi ridicoli

Posted by fidest press agency su domenica, 22 maggio 2016

ministero pubblica istruzioneIl Ministro dell’Istruzione ha dichiarato che “l’esito della valutazione sarà utilizzato per la retribuzione di risultato dei dirigenti”. Ma cosa si vuole “premiare” con 175 euro al mese lordi, pari al 3,86% della busta paga? E’ forte tra i sindacati la tentazione di lasciar perdere, di firmare pur di chiudere una vicenda che si trascina ormai da quattro anni consecutivi. Anief non ci sta: accettare supinamente questa proposta significherebbe avallare i comportamenti illegittimi e vessatori del Miur, con la “regia” del Mef, che vanno dai tagli del Fondo unico a livello nazionale fino alla pretesa di imporre le proprie pretese sui contratti regionali. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): “visto che bisognerà andare in giudizio dal giudice del lavoro per recuperare il maltolto, meglio sarebbe allora arrivarci da un punto di forza, perché evidentemente è più facile impugnare un atto unilaterale che un contratto”.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fisco: sbagliato tagliare le tasse in deficit

Posted by fidest press agency su domenica, 22 maggio 2016

TasseDichiarazione dell’onorevole Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia. “In passato, abbiamo spiegato a Matteo Renzi perché è enormemente sbagliato tagliare le tasse in deficit, ma, alla luce delle intenzioni di utilizzo della flessibilità sui conti appena concessa dalla Commissione europea, pare che il premier abbia deciso, ancora una volta, di non darci ascolto.
Abbiamo provato in tutti i modi a dimostrare che tagliare le tasse in deficit, con conseguente creazione di debito, non ha alcun effetto positivo sull’economia, perché gli operatori, vale a dire famiglie e imprese, non spendono e non investono, consapevoli del fatto che per ripagare il debito che si crea oggi attraverso il deficit verranno aumentate le tasse domani.Non lo diciamo noi, è la cosiddetta “equivalenza ricardiana” (Renzi si faccia spiegare dal professor Padoan chi era David Ricardo).Ci sarebbe una variante che consente di superare l’equivalenza ricardiana, ma che Renzi non coglie. I sacri testi insegnano che per uno Stato l’unica giustificazione economica e morale per fare deficit, e di conseguenza debito, sono gli investimenti. Il deficit, cioè, non è il male assoluto. A condizione, però, che porti a qualcosa di cui potranno beneficiare le generazioni future, chiamate a pagare il debito che da quel deficit scaturisce.È bene, quindi, per uno Stato indebitarsi, ma solo se, attraverso gli investimenti, quell’indebitamento porta a dei miglioramenti per chi dopo dovrà pagare il conto. Per esempio: più asset; più infrastrutture; più tecnologia; più reti; più capitale umano; più sicurezza; più produttività; più competitività. Al contrario, è immorale, oltre che sbagliato, indebitare le generazioni future per consumare di più nel presente. Primo, perché l’equivalenza ricardiana dimostra che i maggiori consumi non si realizzano. Secondo, perché quell’indebitamento non produce alcun beneficio per chi viene dopo e dovrà sostenerne l’onere (senza alcun ritorno).Matteo Renzi sta facendo esattamente questo: taglia le tasse in deficit (indebitando le generazioni future), sperando di stimolare i consumi e far ripartire la domanda interna. Ma soprattutto, sperando di comprare il consenso degli elettori, come ha fatto con il bonus degli 80 euro o con i 500 euro regalati ai neo maggiorenni. Il conto da pagare arriverà ai nostri figli”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“A ottobre 250 studenti a Lampedusa per settimana approfondimenti”

Posted by fidest press agency su domenica, 22 maggio 2016

lampedusaÈ stato siglato al Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, il Protocollo d’intesa fra MIUR e UNHCR, Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, che dà il via a una collaborazione tesa a promuovere nella scuola i temi dell’accoglienza, dell’integrazione e della solidarietà internazionale.
Il Protocollo, che è stato firmato dal Ministro Stefania Giannini e dal Rappresentante UNHCR per il Sud Europa Stephane Jaquemet, prevede la realizzazione di una serie di attività congiunte fra i due organismi mediante l’elaborazione di specifici progetti. Il primo frutto di questa collaborazione, è il sito interattivo http://www.viaggidaimparare.it destinato ai docenti delle scuole secondarie di I e II grado. Il sito, attraverso una mappa interattiva e schede di supporto, fornisce elementi di conoscenza del fenomeno dei rifugiati. Alla realizzazione di “Viaggi da Imparare” ha collaborato il Comitato 3 Ottobre, organizzazione che ha avuto il merito di far istituire la Giornata della memoria e dell’accoglienza che sarà celebrata il 3 ottobre di ogni anno in ricordo del naufragio del 2013 davanti alle coste di Lampedusa nel quale persero la vita 368 persone.
“Il sito rappresenta una prima azione concreta di attuazione del Protocollo – sottolinea il Ministro Giannini -. Sul tema dell’accoglienza e dei rifugiati questo Ministero sta già facendo molto. Abbiamo infatti avviato un piano di formazione da 4 milioni di euro per 1.000 dirigenti scolastici, 10.000 docenti e 2.000 unità di personale Ata nelle scuole ad alta incidenza di alunni stranieri. Attraverso il Fondo Fami (Asilo, Migrazione e integrazione) – in collaborazione con il Ministero dell’Interno ed il Ministero del lavoro e delle Politiche sociali – vengono stanziati 13 milioni di euro per progetti proposti dalle scuole, finalizzati ad aumentare l’inclusione sociale dei minori e dei giovani stranieri. Infine, attraverso il progetto ‘L’Europa inizia a Lampedusa’ dal 30 settembre al 4 ottobre porteremo 250 studenti italiani e del resto d’Europa sull’isola per una settimana di approfondimenti. Mentre i ragazzi lampedusani andranno nelle scuole per raccontare la loro esperienza sull’isola”.
“La recente crisi dei rifugiati in Europa ha portato alla luce una realtà che prima era troppo poco conosciuta. Oggi, non è più possibile ignorare quello che sta succedendo in Siria, in Afghanistan, in Sudan o in Somalia, a causa della guerra e della persecuzione i rifugiati nel mondo hanno superato la cifra di 60 milioni di persone.” – ha ricordato Stephane Jaquemet – “Come esseri umani il nostro primo dovere verso i rifugiati è quello di conoscerli, di chiederci da dove vengono, perché hanno lasciato tutto, perché si mettono nelle mani di trafficanti senza scrupoli e rischiano la loro vita per scappare, cosa accade loro quando arrivano in Italia o in altri paesi Europei. – Il desiderio di conoscere e di comprendere è il primo vero atto di solidarietà e di accoglienza verso l’altro”.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

FedEmo, concorso di disegno ‘Il treno’

Posted by fidest press agency su domenica, 22 maggio 2016

premiazione

ING Bank Italia e Ferrovie dello Stato Italiane Spa hanno premiato i vincitori del concorso di disegno “Il Treno”, indetto dalla Federazione delle Associazioni Emofilici Onlus su iniziativa di ING Bank. La cerimonia di premiazione si è svolta ieri presso la nuova sede milanese di ING BANK, in viale Fulvio Testi.
All’evento hanno preso parte Valerio Capizzi, Head of Corporate Coverage di ING Bank, Stefano Pierini, Responsabile Finanza di Ferrovie dello Stato Italiane, Cristina Cassone, Presidente FedEmo ed Ivan Capelli, ex pilota di Formula 1, attuale commentatore della Rai, da tempo vicino alle iniziative di FedEmo in qualità di testimonial.
Rivolto ai bambini emofilici in età scolastica e ai loro familiari, amici e compagni di scuola, il concorso ha registrato la partecipazione di un gran numero di disegni a tecnica libera aventi come soggetto il treno; la partecipazione ha visto intere scolaresche, di tutta Italia, sbizzarrirsi in realizzazioni realistiche, fantasiose ed in alcuni casi addirittura futuristiche, ma tutte personali ed incisive nelle rappresentazioni. Alle Ferrovie dello Stato Italiane è stato affidato il difficile compito della selezione degli elaborati, mentre ING Bank Italia ha realizzato le targhe/tombstone a ricordo della giornata, nel corso della quale si è tenuto l’interessante laboratorio “Coltiva il tuo sogno”: l’iniziativa promossa da ING Bank che si rivolge ai bambini delle scuole primarie per educarli – attraverso un approccio creativo e proattivo – a gestire al meglio le risorse a disposizione (denaro, tempo, ambiente/natura), per realizzare i propri sogni.I bambini vincitori sono stati premiati con la targa/tombstone che riproduce i quattro disegni scelti dalla giuria.
Non solo: Ivan Capelli ha voluto consegnare un premio aggiuntivo ad altri due bambini che si sono distinti per l’originalità e la fantasia dei propri lavori.“Desidero ringraziare di cuore ING Bank e Ferrovie dello Stato – ha dichiarato Cristina Cassone, presidente FedEmo – sempre attente a sostenere iniziative coinvolgenti e a sfondo sociale come queste. Rivolgo inoltre un ringraziamento particolare – ha proseguito Cassone – ad Ivan Capelli per il suo costante impegno. Il mio pensiero va in particolar modo a tutti questi giovani artisti che, grazie alla loro entusiastica partecipazione, hanno fatto sì che il nostro, il loro ‘treno’ si mettesse in marcia lungo i binari dell’arte, della condivisione e dell’allegria”.“Sono orgoglioso di far parte della famiglia FedEmo – ha aggiunto Ivan Capelli – e di aver regalato un sorriso a questi bambini e alle loro famiglie: è stata una giornata ricca di emozioni e di divertimento. E poi, come recitava il poeta e scrittore spagnolo Antonio Machado, ‘Il treno, nel viaggiare, sempre ci fa sognare’.” (foto: premiazione)

Posted in Cronaca/News, recensione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Martin Heidegger La verità sui Quaderni neri

Posted by fidest press agency su domenica, 22 maggio 2016

Martin HeideggerPremessa di Arnulf Heidegger, con uno scritto di Leonardo Messinese Appendice di Claudia Gualdana «All’inizio del 2013 sono venuto a conoscenza di passi contenuti nei Quaderni neri che si riferiscono agli ebrei, all’ebraismo o, meglio, all’ebraismo mondiale. Mi fu subito chiaro che la pubblicazione di questi Quaderni avrebbe suscitato un grande dibattito internazionale. Già nella primavera di quell’anno ho pregato Friedrich-Wilhelm von Herrmann – l’ultimo assistente privato di mio nonno e, secondo una dedica di quest’ultimo, il “principale collaboratore della Gesamtausgabe”, in quanto profondo conoscitore del suo pensiero – di esprimere il suo punto di vista sui Quaderni neri nel loro complesso e, in particolare, sui passi riferiti agli ebrei ora al centro dell’attenzione pubblica.
Nelle pubblicazioni sui Quaderni neri si sono diffuse rapidamente espressioni di grande effetto come “antisemitismo onto-storico” oppure “antisemitismo metafisico”. Ma c’è davvero dell’antisemitismo nel pensiero di Martin Heidegger?
Von Herrmann propone qui la sua interpretazione ermeneutica e il suo collaboratore, Francesco Alfieri, conduce un’ampia analisi filologica dei volumi 94-97 della Gesamtausgabe, approdando a risultati sorprendenti che inaugurano una nuova prospettiva sui Quaderni neri». (dalla Premessa di Arnulf Heidegger)
FRIEDRICH-WILHELM VON HERRMANN, professore emerito di Filosofia all’Università di Friburgo, è stato assistente di Eugen Fink (dal 1961 al 1970) e ultimo assistente privato di Martin Heidegger (dal 1972 al 1976). Per volere di Heidegger è stato designato principale responsabile scientifico della Gesamtausgabe, avviata nel 1975 e tuttora in corso di pubblicazione. Dal 1978 al 2000 ha tenuto la cattedra di Filosofia nella Università di Friburgo i.Br. Le sue indagini, oltre a proporre linee interpretative del corpus heideggeriano, sono rivolte alla fenomenologia husserliana e negli anni hanno riguardato anche Agostino, Descartes e Leibniz. Tra le sue pubblicazioni ricordiamo Die Selbstinterpretation Martin Heideggers (Hain, 1964); Subjekt und Dasein. Interpretationen zu Sein und Zeit (Klostermann, 20043); Augustinus und die phänomenologische Frage nach der Zeit (IBI, 1992); Wege ins Ereignis. Zu Heideggers Beiträgen zur Philosophie (IBI, 1994); Descartes’ Meditationen (IBI, 2011); Leibniz. Metaphysik als Monadologie (Duncker & Humblot, 2015).
FRANCESCO ALFIERI è professore di Fenomenologia della religione nella Pontificia Università Lateranense (Città del Vaticano). È segretario di redazione di «Aquinas». Tra le sue pubblicazioni ricordiamo Die Rezeption Edith Steins. Internationale Edith-Stein-Bibliographie 1942-2012 (Echter, 2012); Pessoa humana e singularidade em Edith Stein. Uma nova fundação da antropologia filosófica (Perspectiva, 2014); La presenza di Duns Scoto nel pensiero di Edith Stein. La questione dell’individualità (Morcelliana, 2014; tr. ingl. Springer, 2015; tr. rum. Ratio et Revelatio, 2015; tr. port. Perspectiva, 2016). COLLANA: Filosofia – Testi e Studi n. 72 ANNO: 2016 PAGINE: 464 (foto: Martin Heidegger)

Posted in Cronaca/News, recensione | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Con il Cuore, nel nome di Francesco

Posted by fidest press agency su domenica, 22 maggio 2016

assisi1ASSISI (PG). Ritorna per il quattordicesimo anno consecutivo ‘Con il Cuore, nel nome di Francesco’, la serata di solidarietà dei frati di Assisi, condotta da Carlo Conti e trasmessa in diretta su Rai1, che aiuta e sostiene chi soffre e chi si trova in difficoltà. Venerdì 3 giugno alle 20.40, dalla piazza inferiore della Basilica di san Francesco, si alterneranno sul palco artisti della musica italiana e testimoni di solidarietà e fraternità. Ogni anno i frati del Sacro Convento di Assisi organizzano una maratona di beneficenza e chiedono a tutti gli uomini di buona volontà un aiuto per le popolazioni più disagiate al mondo. L’iniziativa solidale è promossa dal Sacro Convento di Assisi e dall’Istituto per il Credito Sportivo, alla sua realizzazione hanno contribuito UniCredit, Poste Italiane, Comieco (Consorzio nazionale per il riciclo di carta e cartone) e Auxilium. La produzione del programma “Con il Cuore, nel nome di Francesco” è affidata alla Rai con il patrocinio morale di: Regione Umbria, Provincia di Perugia e Comune di Assisi.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Terzo week-end di Maggio Fiorarte

Posted by fidest press agency su domenica, 22 maggio 2016

fiorartefiorarte1San Marino. Arriva a San Marino la squadra dei Maestri Fioristi di Sanremo, autori delle splendide composizioni del Festival 2016, di cui ha fatto parte la sammarinese Mara Verbena. I floral designer realizzeranno sotto gli occhi del pubblico le creazioni che abbiamo potuto ammirare sul palco dell’Ariston lo scorso febbraio, donando al fascino senza tempo di Piazza della Libertà, Piazza Garibaldi e Piazza Titano, un tocco di eleganza, stile e colore e creando un set ineguagliabile per scatti fotografici unici. La sfida a catturare l’immagine più bella può far vincere un bel premio. Il concorso Scatta FiorArte, a cui si può partecipare scaricando da App Store o Google Play l’app LIVEin.sm, mette in palio un weekend per due persone presso l’Hotel iDesign di San Marino. Dalle 10.30 alle 19,00 il mercato di artigianato artistico in via Eugippo e il Villaggio della Lavanda del Lago in via Donna Felicissima offrono idee regalo, oggetti e prodotti di qualità, mentre nella Cava dei Balestrieri, che diviene per l’occasione Cava del Benessere, ci si può regalare un momento di relax grazie all’offerta di massaggi shiatsu e ayurvedico, Reiki, tisane e thé, fiorarte2ginnastica posturale, esercizi con palla FIT, Fiori di Bach e spagyria, cristalloterapia e piramidologia, Thai chi. Il tutto è accompagnato da musica e lettura di poesie. L’allegra parata della Lavanda Live Band è pronta a riempire le contrade di musica e allietare i visitatori con l’esibizione delle majorettes, alle ore 11.00 e alle ore 14.30 di domenica 22 maggio.Un piacevole e veloce viaggio in funivia permette di vivere la bellezza di due centri storici, entrambi Patrimonio dell’Umanità, immersi nell’atmosfera della primavera e animati da innumerevoli iniziative. Borgo Maggiore ospita infatti nei due giorni il ricco programma di Florea, tradizionale appuntamento dedicato quest’anno al binomio fiori-moda.A completare il variegato ventaglio di appuntamenti è un irrinunciabile evento sportivo, inserito nel programma della Wellness Week, l’atteso Giro del Monte che rievoca una gloriosa tradizione. La corsa prende il via da Piazzale Lo Stradone alle ore 19.00 di sabato 21 maggio; tutti i dettagli per l’iscrizione sono on-line su http://www.tfsanmarino.com. Maggio FiorArte continua anche nel fine settimana del 28 e 29 maggio. La creatività è il tema che caratterizza le due giornate in cui alcuni ristoranti del centro storico ospitano, a partire dalle ore 15.00, artisti e artigiani pronti a rivelare i loro “segreti di bottega” a tutti gli appassionati che vogliono cimentarsi con varie tecniche: creazioni con la lavanda, mosaico, decorazioni con il filo di ferro, con il rame e in stile Shabby, origami, stampa su tela, intaglio della frutta, spezie e liquori, composizioni floreali. I laboratori creativi, su prenotazione, sono completamente gratuiti e includono una piccola degustazione.
Info e iscrizioni: 366 2975056 (Alessandra). Il programma dettagliato di tutte le iniziative di Maggio FiorArte è consultabile su http://www.visitsanmarino.com. (foto: fiorarte)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tumore al fegato e sopravvivenza

Posted by fidest press agency su domenica, 22 maggio 2016

punti fegatoIl carcinoma primitivo del fegato o epatocarcinoma è la seconda causa di morte per cancro nel mondo. L’Italia ha il triste primato di essere il paese occidentale con la maggiore incidenza di questo tumore, che causa quasi 10.000 morti ogni anno nel nostro paese. Si tratta di un tumore molto complesso che si sviluppa su di un fegato solitamente già malato di cirrosi. Gli strumenti per la gestione di questo tumore non erano ancora sufficientemente affidabili per predire la sopravvivenza ai pazienti.Uno studio dei clinici padovani individua un nuovo sistema prognostico per calcolare la sopravvivenza dei pazienti con tumore al fegato; il lavoro multicentrico italiano a cura del Prof. Fabio Farinati della UOC Gastroenterologia, del Prof Umberto Cillo direttore dell’U.O.C. di Chirurgia Epatobiliare e dei Trapianti Epatici e del Dr. Alessandro Vitale sempre della UOC Chirurgia Epatobiliare dell’Azienda Ospedaliera/Università di Padova, autori principali della ricerca scientifica, è stato pubblicato su PLoS Medicine, una delle più prestigiose riviste mediche mondiali (impact factor 15). Lo studio realizzato dagli esperti, potrà portare un notevole miglioramento della gestione clinica dei pazienti affetti da questa patologia.Il sistema prognostico ITA.LI.CA (Italian Liver Cancer) prende il nome da un database che raccoglie un’ampia popolazione di oltre 5.000 pazienti italiani seguiti da 21 centri epatologici del nostro paese. ITA.LI.CA si basa su alcuni parametri clinici facilmente ottenibili e normalmente misurati in tutti i pazienti affetti da epatocarcinoma: esami del sangue (bilirubina, albumina, alfafetoproteina), indagini radiologiche come la TAC o la RM (numero e dimensioni dei noduli, presenza di invasione vascolare o di metastasi extra-epatiche) e la visita del paziente (condizioni generali, presenza di ascite o di encefalopatia epatica). Il sistema studiato e validato su una coorte di quasi 3000 pazienti orientali di Taiwan, dimostra una rilevanza mondiale per questa patologia.Il merito di questo sistema è di pesare ognuna di queste variabili e di metterle insieme in un punteggio che permette di predire con grande accuratezza la sopravvivenza di ciascun paziente colpito da neoplasia al fegato. Questo punteggio si è dimostrato superiore a tutti i sistemi sinora proposti in letteratura sia nella popolazione italiana, che nella vasta popolazione orientale. Il database ITA.LI.CA raccoglie oltre 5000 pazienti italiani con epatocarcinoma (è il più grande database dei paesi occidentali) e permette che un nuovo sistema prognostico sia in grado di predire con grande accuratezza la sopravvivenza dei pazienti affetti da questa grave malattia. L’Azienda Ospedaliera di Padova, col suo gruppo clinico multidisciplinare sull’epatocarcinoma, rappresenta un punto di riferimento per tutta Italia con questo nuovo sistema prognostico ITA.LI.CA, passo in avanti nella medicina.Gli autori padovani della ricerca hanno avuto un ruolo determinante per poter calcolare in modo preciso la sopravvivenza di ciascun paziente affetto da carcinoma primitivo del fegato.
Predire la sopravvivenza significa cercare di migliorare la prognosi di ogni paziente, scegliendo l’approccio terapeutico più efficace.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Crocifisso di San Damiano torna nel luogo in cui parlò a Francesco d’Assisi

Posted by fidest press agency su domenica, 22 maggio 2016

crocifissoAssisi, 15-19 giugno 2016 Papa Francesco, in questo Anno Santo, invita tutti ad entrare «nel grande mistero della misericordia di Dio, contemplando il volto di Cristo». Per rispondere a questo appello, la comunità dei Frati Minori di San Damiano e le Clarisse del Protomonastero di S. Chiara, con il patrocinio della Diocesi di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino e del Comune di Assisi, hanno voluto riportare il Crocifisso di San Damiano, dopo quasi otto secoli, nella sua collocazione originaria.Il Crocifisso aspetta anche te nel luogo in cui parlò al giovane Francesco e alimentò la vita di preghiera di Chiara e delle sue compagne. (foto. crocifisso)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lettera AIFA /Ministero su utilizzo farmaci

Posted by fidest press agency su domenica, 22 maggio 2016

farmaci“I pazienti reumatici, che da anni utilizzano la Ciclosporina e che vorranno continuare l’utilizzo del farmaco brand, saranno costretti a pagare di tasca propria un altissimo ticket (massimo € 67,00 a confezione) o a esporsi agli effetti collaterali di un sovradosaggio farmacologico, come evidenziato dalla stessa AIFA. Tutto ciò senza che la stessa Agenzia abbia tenuto in serio conto che la sostituzione del farmaco brand con l’equivalente comporterà oneri maggiori per le più frequenti visite di controllo e per il dosaggio della ciclosporinemia con conseguente possibile riduzione della compliance e della aderenza terapeutica da parte del paziente”. E poi l’affondo vero e proprio: “La Determina n. 5/2016 ha, di fatto, posto una discriminante tra categorie di pazienti”. Sono alcuni passaggi della lettera aperta che l’Associazione Nazionale Malati Reumatici ANMAR Onlus ha inviato con il Collegio dei reumatologi ospedalieri (Crel) e dei Professori ordinari di reumatologia (UNIREUMA) e con la Società Italiana di Reumatologia (SIR) al Ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, alla Direzione generale della programmazione sanitaria e a quella dei dispositivi medici e del servizio farmaceutico, e inoltre al Presidente dell’Agenzia del farmaco (AIFA), Mario Melazzini, al Direttore generale, Luca Pani e al Consiglio di Amministrazione AIFA. La richiesta delle Associazione pazienti ANAMR e gli specialisti reumatologi è che venga concessa la continuità terapeutica con il farmaco brand ai malati reumatici, adottando con chiarezza tutti i provvedimenti necessari affinché non si creino discriminazioni, tra regione e regione, per i cittadini portatori di patologie croniche o peggio ancora che per condizioni sociali ed economiche, non possano accedere al pagamento della differenza di prezzo imposta. «L’auspicio è che il Ministero e la stessa AIFA non creino discriminazioni sociali ed economiche tra cittadini portatori di patologie croniche –afferma Silvia Tonolo, vice presidente di ANMAR- Come associazione nazionale dei malati ci facciamo portavoce presso il Ministero della Salute, della necessità di rivedere la Determina AIFA del 12/01/2016 con la quale l’Agenzia impone la continuità terapeutica, relativamente alla Ciclosporina, per i soli pazienti trapiantati. I pazienti reumatici già in terapia con il farmaco brand, sono rimasti esclusi dal beneficio. Ad essi, salvo integrazione economica, è stato riservato unicamente l’utilizzo del farmaco generico, il quale, nello specifico, sottoporrà il paziente agli eventuali effetti collaterali indicati dalla stessa Agenzia, con notevole stress psico-fisico. E’ di tutta evidenza –conclude Tonolo- che la gestione della sostituzione comporterà un monitoraggio più frequente, così come specificato dalla stessa Agenzia, con un costo per il SSN di gran lunga superiore al mantenimento in terapia con il farmaco brand».

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Greenpeace ricorda Pannella

Posted by fidest press agency su domenica, 22 maggio 2016

Greenpeace

Greenpeace Italia esprime il proprio cordoglio per la scomparsa di Marco Pannella, non solo un uomo politico, ma anzitutto un attivista, al quale oggi molti tributano onori, dopo averlo combattuto in vita, e ancora più colpevolmente troppe volte trascurato.
«Una perdita incommensurabile. Pannella è stato un visionario che voleva solo un’Italia moderna e migliore, con uno sguardo sempre proiettato al futuro. E tra le sue tante battaglie per i diritti umani, civili e sociali, per noi di Greenpeace è facile riconoscerlo come un ambientalista ante litteram», scrive sul sito dell’organizzazione Ivan Novelli, già Presidente di Greenpeace Italia. « A Pannella noi, come attivisti di Greenpeace, possiamo solo dire grazie. Noi, i “guerrieri dell’arcobaleno”, ci sentiamo idealmente vicini a un combattente come lui, anche per i suoi metodi di lotta, innanzitutto nonviolenti, con campagne specifiche, puntando diritti all’obiettivo finale. Grazie per essere stato un modello di etica, caparbietà e integrità morale. Terrò sempre dentro di me la sua esortazione: “Non accontentarti mai del probabile ma cerca sempre il possibile!”», conclude Novelli.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’ultimo sorriso tra le sbarre a Marco Pannella

Posted by fidest press agency su domenica, 22 maggio 2016

marco pannellaLa notizia della scomparsa di Marco si è sparsa all’improvviso da una cella e da una finestra all’altra e in tutte le sezioni del carcere di Padova.
Molti detenuti hanno abbassato gli occhi e il tono della voce. Qualcuno ha scrollato la testa. Altri ancora si sono ammutoliti. Tutti si sono sentiti come abbandonati a se stessi.
Qualcuno ha urlato dalle sbarre della sua finestra: “E adesso quale sarà quel politico che ci darà voce e lotterà per i diritti dei carcerati o avrà il coraggio di proporre un’amnistia?”. Andrea gli ha risposto: “Nessuno”. Roberto ha aggiunto: “La stragrande maggioranza dei politici è d’accordo solo su una cosa: riempire le carceri come delle scatole di sardine e usare l’emergenza criminalità per continuare a prendere voti e continuare a rubare.” Antonio s’ intromette nella discussione: “Non bisogna generalizzare, ci sono anche i politici onesti”. Raffaele si incazza: “Sei proprio scemo, non lo sai che in Italia essere garantisti e abrogazionisti della pena dell’ergastolo fa perdere i voti e consenso elettorale?” Lorenzo lo appoggia: “Guarda che fine hanno fatto quei pochi politici che si sono sempre impegnati per la legalità in carcere, sono scomparsi dal Parlamento. Gli altri politici lo sanno che il carcere in Italia non è altro che lo specchio di fuori, dell’ingiustizia, della sofferenza, dell’emarginazione e la discarica degli avanzi della società perbene e disumana, eppure non alzano un dito, perché non hanno il coraggio e il cuore che aveva Marco Pannella”. Interviene Sandro: “Io penso che il carcere così com’è non dà risposte, il carcere è una non risposta, il carcere è il male assoluto. Non si può educare una persona tenendola all’inferno. La si può solo punire, farla soffrire, distruggerla, e dopo di questo anche il peggiore assassino si sentirà innocente. Solo un carcere aperto e rispettoso della legalità può restituire alla società dei cittadini migliori”.Ascolto dalle sbarre della mia finestra i discorsi dei miei compagni, ma non intervengo perché penso che adesso sia il momento del silenzio e di trasmettere tutta la nostra solidarietà ai familiari, ai radicali, (in particolar modo a Sergio D’Elia e a Rita Bernardini) e a tutti quelli che volevano bene a Marco.
Ciao Marco, eri il mio eroe e mi sei stato da esempio, ora mi sento un po’ orfano. Spero che nel posto dove sei ora non ci siano prigionieri, né carceri, ma sono sicuro che dovunque tu sia adesso, continuerai a lottare contro il Dio di turno per migliorare i diritti degli angeli o dei diavoli. Un ultimo affettuoso sorriso fra le sbarre. (Carmelo Musumeci) (foto: marco pannella)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »