Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 3 giugno 2016

Biennale d’Arte Contemporanea di Viterbo

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 giugno 2016

biennale arte contemporaneaViterbo. Ultimi giorni di esposizione nelle prestigiose sale del Palazzo dei Papi, sale Alessandro IV e del Palazzo dei Priori, sala dell’Aurora, delle opere partecipanti alla 4a edizione della Biennale d’Arte Contemporanea di Viterbo, ispirate alla vita ed ai poemi di William Shakespeare ed al Giubileo della Misericordia indetto da Papa Francesco.
In più, apertura straordinaria del giardino dell’Associazione culturale Rosa Venerini in Piazza San Carluccio, con lo svelamento di “gioco(so)gnando”, l’opera realizzata nell’ambito della prima residenza d’artista in Viterbo da: Daniela Lai, Alberto Morucci e Francesco Maria Bianchini. L’opera ricorda l’importanza del gioco e del sogno; nel giardino, di quella che è stata la prima scuola pubblica femminile di Viterbo aperta da Santa Rosa Venerini; molte le impronte passate da quel lontano 1685, molte le impronte lasciate in questo mese sull’argilla, poi cotta e decorata, che hanno contribuito a creare quella LINEA DEL TEMPO, che tutti ci accomuna dalla nascita alla crescita ed alla maturità. Fra le “impronte celebri” spicca quella dell’artista sarda, tuscanese d’adozione, Bonaria Manca, che con il suo spirito libero ha attraversato tutto il ‘900, arrivando a noi, alla bella età di 91 anni, per raccontare la sua vita attraverso i suoi arazzi (come quello in camera da letto dove racconta la sua vita da bambina, quando andava alla fonte a prendere l’acqua), i quadri ed il canto. Anticonformista, ribelle, custode dei segreti della vita e della natura, ha trascorso gli anni a testa alta. E ripete: “Io che ne sapevo di essere diventata l’artista di me stessa”.
Artisti in mostra : Palazzo Priori Mascia Pino; Alessandro IV sopra e scala: Artisti Innocenti, Acentini Ganni, Bonamore Arianna, David Stefano, De Blasio Luigi Athos, Morucci Alberto, Squitti Beatrice
Alessandro IV sotto sala 1: Bianchini Francesco M., Buggiani Paolo, Colagrossi Angelo, Di Maulo Stefano, De Giovanni Massimo, Fettolini Armando, Frillici Simona, Giovannoni Alessandra, Lupo Francesco, Magni Mauro, Mandich Jacopo, Morucci Claudio, Petricca Flavio Tiberio e Fabio Milani, Pichardo Alberto, Proietti Gian Luca, Tarantello Eva
Alessandro IV sotto sala 2: Altieri Pasquale, De Meo Carlo, Incoronato Jan, Pane Noa, Paris Federico, Savoie Sophie, Zappa Marco
Alessandro IV sotto sala 3 : Stamenov Aleksandar Programma del 4 e 5 giugno 2016
Sabato 4 giugno Associazione culturale Santa Rosa Venerini
h 18,00 “Angeli in astronave” a cura dell’autore Giorgio Dibitonto
Domenica 5 giugno h 16,00 apertura al pubblico del giardino dell’Associazione Culturale Rosa Venerini con l’opera della 1a residenza d’Artista di Viterbo con Daniela Lai, Alberto Morucci e Francesco Maria Bianchini
al Palazzo dei Papi – sala Alessandro IVh 17,00 “Bonaria Manca: vita quotidiana e arte” Premio Internazionale Apai per la Cultura Indipendente in Movimento
h 18,00 Conferimento Premi “Emergenti” e “Accademie”
h 18,30 Performance di artisti§innocenti TEATRO AMATORIALE (La Tempesta Shake in progress) (foto: biennale arte contemporanea)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Azimo celebrates International Day of Family Remittances 2016 with zero fees offer on all transfers

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 giugno 2016

offerte mondo digitale1London, UK – June 2nd, 2016. Azimo, the digital money transfer service, today announced that it will cut transfer fees to zero on 16th June 2016 in support of the International Day of Family Remittances (IDFR).Public awareness of the role of remittances is still very low, despite their hugely positive social and economic impact on the world. Organised by the International Fund for Agricultural Development (IFAD), the International Day of Family Remittances was established to recognise, and raise global awareness of, the huge contribution made by migrant workers to the wellbeing of their families and communities back home.While migration is at the heart of so much political debate, the positive impact of remittances is often completely overlooked. At $600 billion, the money sent home annually by migrant workers is three times larger than global aid budgets, acting as a crucial force for good in local development. Some 250 million people live outside their country of origin and remittances often account for more than half the total family income.Azimo, which recently relaunched its mobile app to further improve the way migrants send money, fully supports the IDFR’s aim to increase the impact of remittance funds in the developing world. The company already offers transfer fees from just £1, but has pledged to charge nothing at all for transfers to any country on 16th June.The traditional remittances market still operates almost completely offline, making it difficult for people without access to basic financial services to receive funds. Azimo’s online service provides multiple options for fund collection without the need for a bank account, thus making remittances as accessible as possible throughout the developing world.Michael Kent, CEO of Azimo, explained: “It is vital to recognise and celebrate the crucial contribution that hardworking migrants make to the lives of their families and friends in their home economy. But while remittance funds positively impact 700 million people globally, the average transaction fee is still 8% or more. As a company built by migrants for migrants, our aim is to fix the hugely expensive global money transfer market for the benefit of ordinary people. We want to make international money transfer cheaper, faster and simpler. By maximising the power of remittances for development, we can help our customers to build a better world.”
Launched in 2012, Azimo is the better way to transfer money around the world, touching millions of people’s lives. Fast, simple and safe, Azimo has the largest digital network in the world, enabling customers to send money to over 190 countries, from any internet-connected device.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nota critica sul “Decreto trasparenza”

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 giugno 2016

paesaggioLa rete delle oltre 1.000 organizzazioni che compongono il Forum nazionale “Salviamo il Paesaggio” (www.salviamoilpaesaggio.it) invita il Presidente della Repubblica e il Governo a rivedere con urgenza un punto fondamentale dello schema di decreto legislativo modificativo del D.Lgs. 14/3/2013 n. 33 (c.d. “decreto trasparenza”) approvato dal Consiglio dei Ministri il 16/5 u.s. e rubricato “revisione e semplificazione delle disposizioni in materia di prevenzione della corruzione, pubblicità e trasparenza …”. Ci riferiamo, in particolare, alla “trasparenza dell’attività di pianificazione e governo del territorio”, attualmente normata dall’articolo 39 del D.Lgs. 14/3/2013 n. 33, di cui pare esserne decisa dal Consiglio dei Ministri la sorprendente abrogazione dell’importante lettera b del comma 1. Tale punto così recita: «per ciascuno degli atti di cui alla lettera a) sono pubblicati, tempestivamente, gli schemi di provvedimento prima che siano portati all’approvazione; le delibere di adozione o approvazione; i relativi allegati tecnici».Per atti di cui alla lettera a) sono intesi tutti gli atti di governo del territorio, tra gli altri i piani territoriali, i piani di coordinamento, i piani paesistici, gli strumenti urbanistici generali e di attuazione, nonché le rispettive varianti.
Si tratta oltretutto dell’abrogazione di una procedura di pubblicizzazione degli atti grazie alla quale, in caso di mancata pubblicazione preventiva, gli atti non acquisivano efficacia né potevano produrre effetti. Un punto di fondamentale importanza in quanto offre la democratica possibilità a qualunque cittadino o portatore di interessi di essere informato prima e di disporre del tempo necessario per la relativa valutazione e la preventiva presentazione di eventuali contributi tecnici in grado di equilibrare le scelte unilaterali delle amministrazioni.Riteniamo pertanto che la sua abrogazione rappresenti un grave errore, che non esprime la ricerca di dialogo, pubblicità e trasparenza da tutti auspicata e che metta gravemente a rischio sia il principio di carattere generale volto a tutelare la trasparenza e la pubblicità degli atti della P.A., che il diritto di partecipazione della cittadinanza.Per tale palese motivo invitiamo il Governo a rinunciare alla sua promulgazione.

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

International Diploma on Mental Health, Human Rights & Law

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 giugno 2016

World Health OrganizationThe International Diploma on Mental Health, Human Rights and Law is currently accepting applications for the academic year 2016-17. The Diploma, now in its ninth year of existence, is a collaboration between the World Health Organization and the Indian Law Society, India. The course builds the capacity of students to advocate for human rights and to influence national legislative and policy and service reform in line with the UN Convention on the Rights of Persons with Disabilities and other key international human rights standards. It is a one year Diploma and includes two residential sessions and distance learning. Students to date have comprised health and mental health professionals, lawyers, mental health service users/survivors, government officials, social workers, human rights defenders and families and carers. The course is taught by a faculty of renowned international experts in the area. More information about the Diploma is also available at: http://cmhlp.org/diplomaThe prospectus and application form for the Diploma are attached. Applications can also be submitted online at: http://cmhlp.org/applications-and-fees/how-to-enroll. In addition, the Open Society Institute (OSI) will provide funding for two students from Central & Eastern Europe/former Soviet Union to participate in the course. These are fully funded fellowships and include tuition fees, travel, accommodation & living expenses for the residential sessions.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Expert comment on the LSE saying its merger with Deutsche Boerse could lead to 1,250 job losses

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 giugno 2016

Warwick_Business_School_Scarman_road_viewIf you are looking for expert comment on the LSE saying its merger with Deutsche Boerse could lead to 1,250 job losses John Colley, of Warwick Business School, is a Professor of Practice in the Strategy & International Group and researches large takeovers. He is also a former MD of a FTSE 100 company that was involved in a hostile takeover.Professor John Colley said: “The announcement does not indicate where the job losses will fall, suggesting they will be spread between the businesses. There is concern that the bulk may fall in London as redundancies will be cheaper there than in Germany. Secondly there is some scepticism as to whether this is truly a ‘merger of equals’ or a German takeover. No doubt this will become clearer with time. “Some would say that the LSE and Deutsche Boerse are ‘jumping the gun’ by announcing up to 1,250 job losses or 14% of the workforce, as part of the €450 million savings from the €30 billion merger. “The announcement suggests they do mean business, but it could look impetuous if the European Commission objects to the tie-up. This remains a possibility as there are plenty of competition concerns and, indeed, political sensitivities to the ‘merger of equals’. Treatment of the two clearing houses, LCH.Clearnet and Eurex, is bound to be an issue and the EC is likely to require some assurances around them remaining separate. Otherwise a merger may be viewed as ‘too big to fail’.”The announcement does strongly suggest that shareholder consultation on both sides points to clear support for the merger. Shareholders will not be an impediment to the deal.”Advisor fees on the friendly merger are a staggering €307 million, the bulk of which have been incurred by the LSE. These do seem excessive in view of the limited nature of the necessary work.”There are €160 million of revenue benefits although there is scepticism from many as to whether these are achievable. The combination will be bigger than the two major US exchange networks, ICE and Nasdaq.”

Posted in Fidest - interviste/by Fidest, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Christie’s Modern British and Irish Art Evening Sale, 20 June 2016

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 giugno 2016

Two Forms in Echelon;London – The Modern British and Irish Art Evening Sale will take place in London on 20 June 2016, launching 20th-Century at Christie’s, a series of auctions from 20 to 30 June 2016. A distinguished European Estate will be offered with 29 lots throughout both the Evening and Day Sales, with works spanning from painting to sculpture representing key works from the 1930s and ’40s. Artists presented include Henry Moore, Barbara Hepworth and Ben Nicholson, together with their modernist contemporaries from the mid-20th Century, as well as post-war artists such as Bridget Riley and Leon Kossoff. With estimates ranging from £50,000 to £1,800,000, the 49 lot Evening Sale offers a consistently rich array including the earliest known depiction of a cinema by Walter Sickert; one of the first examples of Henry Moore’s mother and child sculptures which is presented alongside one of his last major works of the same subject and a rare industrialised seascape by L.S. Lowry. Further highlights include: a painting by each of the Scottish Colourists; a strong selection from the London School by Frank Auerbach, and David Bomberg; significant sculptures by Sir Anthony Caro; Lynn Chadwick and Barry Flanagan and the St Ives School including two works by Peter Lanyon. The Modern British and Irish Art Day Sale will follow on Tuesday 21 June, featuring 119 lots with estimates ranging from £4,000 to £300,000, providing opportunity for collectors from every level. (Photo: Two Forms in Echelon)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Open Door Witness” for women’s ordination

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 giugno 2016

women's ordinationRome Friday, 3 June 2016, 08,00 am Garden of Castel S. Angelo (Piazza Pia) Coinciding with the Vatican’s Jubilee for Priests, women’s ordination advocates are offering a celebration of a renewed image of the priesthood — one that is inclusive and welcoming of all people — by hosting their own, “Jubilee for Women Priests.” During the Vatican’s Mass for Priests on June 3rd, WOW will hold an officially permitted witness for women’s ordination and equality in the Catholic Church, offering a visual guide to “opening the door” to women. Wearing purple stoles — the international symbol for women’s ordination — WOW campaigners will then walk the pilgrim’s path to St. Peter’s as the Jubilee Mass for Priests gets underway.Yesterday, WOW launched the Jubilee for Women Priests with a discussion on women’s ordination with: Rev. Dana English, Fr. Tony Flannery, Dr. Marinella Perroni, and Jamie Manson at Casa internazionale delle donne, and made headlines when two women priests met with an official of the Vatican Secretary of State for a first-of-its-kind meeting. In addition, images of women priests by Italian artist Giulia Bianchi have been posted around Rome with the hashtag #OrdainWomen, and will remain for ten days according to the permit from the City of Rome. The Jubilee for Women Priests comes as Pope Francis is calling for the Church to “see in the women’s movement the working of the Spirit for a clearer recognition of the dignity and rights of women.” (Amoris Laetitia)
Women’s Ordination Worldwide (WOW), founded in 1996 at the First European Women’s Synod in Austria, is an ecumenical network of national and international groups whose primary mission at this time is the admission of Roman Catholic women to all ordained ministries. (foto: women’s ordination)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’UNHCR è preoccupato per le espulsioni in Sudan

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 giugno 2016

sud sudanL’UNHCR, Agenzia ONU per i Rifugiati, ha appreso con grande preoccupazione delle recenti espulsioni collettive dal Sudan di persone eritree verso l’Eritrea. Almeno 313 eritrei sono stati arrestati in data 6 maggio a Dongola, città del Sudan settentrionale. Queste persone sono state accusate e condannate per “ingresso illegale” in Sudan secondo le leggi nazionali sull’immigrazione e sono state forzatamente rimpatriate in Eritrea il 22 maggio. L’UNHCR ha anche appreso di una precedente espulsione collettiva che ha coinvolto 129 eritrei verso il loro paese di origine, qualche giorno prima dell’incidente del 22 maggio. L’ultima espulsione ha incluso sei eirtrei che erano registrati come rifugiati. Gli altri non avevano fatto richiesta di asilo ma rimane non chiaro se fosse stato data loro l’opportunità di presentarla. Ogni individuo ha il diritto di fare richiesta di asilo in qualsiasi momento e di avere accesso ad una procedura di asilo giusta ed efficiente.Il rimpatrio forzato dei rifugiati, richiedenti asilo, o di altre persone che potrebbero avere bisogno di protezione internazionale verso i loro paesi di origine potrebbe rappresentare un caso di refoulement, proibito dal diritto nazionale del Sudan, così come dalla Convenzione relativa allo status dei Rifugiati del 1951, dalla Convenzione del 1969 dell’Organizzazione dell’Unità Africana, dai diritti umani internazionali, e dal diritto internazionale consuetudinario.L’UNHCR ricorda al Sudan i suoi obblighi nel quadro del diritto internazionale e sudanese e fa appello al Governo affinché non continui i rimpatri forzati degli eritrei verso il loro paese di origine.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’innovazione in Europa viene dal nord

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 giugno 2016

capital raisedHelsinki. Spesso si dice che il clima mite sia il vero segreto della Silicon Valley. Questa regola non sembra tuttavia trovare applicazione in Europa, dal momento che più si va verso il nord, più elevata risulta la capacità di dare vita e far scalare aziende innovative. Questo è quanto rivela l’ultimo Monitor presentato oggi all’evento Arctic15 di Helsinki da Startup Europe Partnership, la prima piattaforma paneuropea nata con l’obiettivo di trasformare le startup europee in scaleup mettendole in contatto con le grandi aziende consolidate internazionali. L’analisi si concentra sulle scaleup ICT di 5 paesi nordici – Danimarca, Finlandia, Islanda, Norvegia e Svezia – e mostra un ecosistema assai giovane e prolifico. SEP ha infatti identificato 430 scaleup ICT nei 5 paesi, che hanno raccolto in tutto oltre 6.5 miliardi di dollari, per l’84% ($5.5B) da fondi di Venture Capital e per il 16% dal mercato azionario ($1B). Inoltre, il 60% delle scaleup identificate sono state fondate dopo il 2010: ciò rivela l’esistenza di un ecosistema giovane e rende i numeri dei paesi nordici ancora più apprezzabili.“I paesi nordici hanno messo l’innovazione al centro della propria politica industriale. Questi dati non devono stupirci più di tanto. Sono paesi con una struttura industriale e un PIL molto più ridotti del nostro che tuttavia hanno maggiore capacità propulsiva di generare aziende di successo. Ciò dimostra che nel momento in cui si applicano delle politiche strutturali volte al supporto dell’innovazione i risultati con il tempo arrivano – ha commentato Alberto Onetti, Chairman di Mind the Bridge e responsabile SEP – L’Italia non esce tuttavia ridimensionata da questo confronto. Paga semmai il fatto di essere partita in ritardo: capital raised1l’attenzione per il mondo dell’innovazione e delle startup è un fenomeno recente e solo ora iniziamo a raccogliere i primi risultati di ciò che abbiamo seminato negli ultimi anni. Casi come Mosaicoon, Facilitylive, Pizzabo o Vislab dimostrano che anche in Italia possano nascere giocatori con ambizioni internazionali”.Per quanto riguarda il numero di scaleup, i paesi nordici si collocano più o meno allo stesso livello di Regno Unito (399) ed Europa Continentale (Germania-Francia, 413), mentre “doppiano” l’Europa Meridionale (Italia-Portogallo-Spagna, 218). Questo significa una media di 1.6 scaleup ogni 100,000 abitanti, che è 2.5 volte il rapporto presente nel Regno Unito, circa 6 volte quello dell’Europa Continentale e 9 volte quello dell’Europa Meridionale. La Svezia dimostra di essere il maggiore hub per scaleup con 149 aziende (35% del totale). La Finlandia si colloca al secondo posto con 126 (29%) mentre la Danimarca segue con 96 (22%). In Norvegia e Islanda i numeri sono più bassi: 44 (10%) e 15 (4%), rispettivamente. Se si analizzano inoltre i dati del PIL, si scopre che quello dei 5 paesi nordici ($1292B) è circa la metà di quello del Regno Unito ($2663B), 1/5 di quello dell’Europa Continentale ($6523B) e 1/3 di quella Meridionale ($4134B). Ma mentre i paesi nordici hanno investito lo 0.5% del PIL in scaleup, la rispettiva percentuale nel Regno Unito cala allo 0.42%, in Europa Continentale crolla allo 0.15% fino ad arrivare allo 0.06% in Europa Meridionale. A quanto pare, l’investimento nei paesi nordici sta dando i suoi frutti, rendendo questa zona un concentrato di innovazione europea.
Le scaleup dei paesi nordici hanno raccolto in media $15M ciascuna (includendo sia capitale raccolto attraverso Venture Capital che attraverso mercato azionario). Questo dato si colloca al di sotto di quello raggiunto da Regno Unito ($28M) ed Europa Continentale ($24M) ma è assolutamente più capital raised2vicino alla media conseguita dai paesi dell’Europa Meridionale ($10M).La Svezia guida la classifica con $3.4B di capitale raccolto: oltre 3 volte l’importo raccolto dalle scaleup finlandesi, 2.8 volte il capitale raccolto dalle aziende danesi e oltre 4 volte il totale raccolto dalle scaleup di Norvegia e Islanda. Ad ogni modo, questo importo totale è significativamente influenzato dal fundraising miliardario realizzato dall’unicorno locale “Spotify”. Vale anche la pena sottolineare che le scaleup danesi hanno raccolto 1.3 volte più capitale rispetto ai loro omologhi finlandesi, anche se ci sono in media 1.3 più scaleup in Finlandia che in Danimarca.
Il 3% (12) delle scaleup si è rivelato essere in realtà costituito da “scaler”, vale a dire scaleup che sono riuscite a raccogliere oltre 100 milioni di dollari di finanziamento. Queste sono Supercell e Blyk (Finlandia); Spotify, King.com, Klarna, iZettle, Tobii (Svezia); Zendesk, Momondo, Tradeshift, Trustpilot (Danimarca); Thin Film Electronics (Norvegia). E hanno raccolto quasi la metà (45%) del finanziamento totale messo a disposizione delle aziende nordiche. Se aggiungiamo alle scaler le scaleup che hanno ricevuto oltre 20 milioni di dollari di finanziamento, scopriamo che il 15% delle scaleup nordiche (3% >$100M, 3% $50-100M, 9% $20-50M) ha raccolto il 75% (45%, 14%, 17%, rispettivamente) dei fondi totali rilevati nell’intera regione.
Il settore più attrattivo per le acquisizioni è risultato quello delle Software Solutions, con un peso del 24% sul totale delle attività M&A rilevate dal Monitor SEP. Altri settori “caldi” risultano E-Commerce (10%), Gaming (8%), Digital Media e Mobile (6% ciascuno). 20 scaleup si sono infine rivelate “dual company”, ovvero startup che hanno trasferito il proprio quartier generale all’estero pur mantenendo significative attività operative nella propria terra natale. Nella maggior parte dei casi (75% del totale) si sono trasferite negli Stati Uniti, più nello specifico in Silicon Valley.(graphic: capital raised)

Posted in Estero/world news, recensione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Annunciati i quattro vincitori italiani del ‘Premio Cittadino europeo 2016’

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 giugno 2016

firenzePremiazione il 23 settembre 2016 presso gli Archivi Storici dell’Unione Europea a Villa Salviati, Firenze. Sono la Fondazione Archè, l’Opera per la Gioventù “Giorgio La Pira”, l’associazione Pegaso e l’attivista italo-marocchina Nawal Soufi i quattro vincitori italiani del Premio Cittadino europeo 2016, assegnato quest’anno a cinquanta individui, associazioni e organizzazioni dei ventotto Stati membri.La giuria, presieduta dalla vice presidente del Parlamento europeo Sylvie Guillaume (S&D, FR) e composta dai vice presidenti Ildikó Gallo-Pelcz (PPE, HU), Anneli Jäätteemaki (ALDE, FI) e Dimitrios Papadimoulis (GUE/NGL, GR) nonché dall’ex presidente dell’Europarlamento Enrique Barón (S&D, ES), ha annunciato i nomi dei premiati fra le 79 candidature mercoledì 1 giugno 2016 a Bruxelles Dal 2008, il Premio del Cittadino del parlamento europeo è assegnato a cittadini singoli o a gruppi, organizzazioni e associazioni che si sono distinti per rafforzare l’integrazione europea e il dialogo tra i popoli, mettendo in pratica i valori della Carta dei diritti fondamentali dell’Unione Europea. Ogni candidato deve essere proposto e presentato da almeno un eurodeputato.
I quattro vincitori italiani dell’edizione 2016 del Premio cittadino europeo saranno premiati venerdì 23 settembre 2016 a Firenze, presso gli Archivi Storici dell’Unione europea di Villa Salviati.Tutti i cinquanta vincitori di quest’anno saranno poi invitati al Parlamento europeo a Bruxelles il 12 e 13 ottobre 2016.I vincitori italiani
Fondazione Archè. Nata venticinque anni fa su iniziativa di padre Giuseppe Bettoni, oggi risponde a situazioni di sofferenza del minore causate da un disagio sociale grave o di malattia. Attraverso l’impegno di 172 volontari e 38 operatori è presente a Milano, Roma, S. Benedetto del Tronto, Kisii (Kenya) e Chikuni (Zambia). La Fondazione si occupa di: accoglienza a minori e mamme in condizioni di disagio per salvaguardare i legami famigliari; sostegno alla famiglia favorendo il sostegno all’integrazione delle famiglie straniere valorizzando la ricchezza della diversità attraverso gruppi di auto aiuto, e promuovendo l’accesso all’istruzione degli orfani dell’AIDS; e prevenzione e animazione sociale.
Opera per la gioventù “Giorgio La Pira”.Nata a Firenze nel 1954, l’associazione è impegnata nella formazione umana e cristiana dei giovani, finalizzata ad un responsabile inserimento nelle comunità e alla costruzione di una casa comune europea. Fondatore è stato Pino Arpioni, che maturò l’idea negli anni passati nei campi di prigionia tedeschi durante la guerra. Dal 1979, con un viaggio a Londra, si aprirono i rapporti con la Chiesa Anglicana. Dal 1986 l’esperienza si è allargata alla Chiesa Ortodossa Greca. Si è poi costruito negli anni un vero rapporto di dialogo con giovani da Mosca e San Pietroburgo. Si sono quindi associati anche giovani di altre nazionalità dando così vita al “Campo internazionale”, dove ogni anno, nell’ambito dell’esperienza di vita comunitaria presso il Villaggio La Vela, si mette in pratica un confronto culturale tra giovani su temi inerenti i valori della persona, i rapporti tra popoli e nazioni, il dialogo tra religioni.
Associazione Pegaso. Nata nel 1998 dalla volontà di un gruppo di familiari di persone con disabilità, ha come obiettivo la creazione di un futuro per i propri figli e per chi ha perso i genitori e si propone di condividere e mettere a confronto esperienze di famiglie con persone disabili per costruire insieme un futuro adatto ai loro cari. Casa Pegaso è la risposta alla domanda ricorrente dei genitori “che ne sarà dei nostri figli quando noi non ci saremo più?”. Situata a Bisceglie (Bt) e inaugurata nel dicembre 2015, è una casa di 875 mq che permetterà a 22 persone con disabilità di vivere una vita autonoma. La struttura, realizzata tenendo conto dell’eco-sostenibilità ambientale, a oggi è abitata da 5 persone che hanno perso i genitori. Sede accreditata per il Servizio Civile Nazionale, Casa Pegaso è gestita da familiari volontari e personale specializzato. Le famiglie volontarie sono il perno di alcune attività di riferimento: cucina, integrazione sul territorio, gestione amministrativa e fund raising.
Nawal Soufi è una giovane donna italiana di 26 anni di origini marocchine da sempre impegnata nelle attività rivolte al sociale, oggi è diventata un punto di riferimento per migliaia di migranti, in particolare siriani, che la chiamano al telefono cellulare dai barconi in difficoltà lanciandole il proprio SOS per sopravvivere al viaggio della speranza nel Mediterraneo: lei raccoglie le loro coordinate e le comunica alla Guardia Costiera, che si attiva per salvarli. I profughi ricevono anche il suo aiuto, così come quello della rete di volontari che ha creato, per non cadere nelle mani del racket degli “scafisti di terra”, dalle carte telefoniche ai biglietti del treno. (Maurizio MOLINARI)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La parata del 2 giugno

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 giugno 2016

bersaglieriSi è trattato di uno spettacolo irrepetibile, che ha simboleggiato l’unità del Paese, intorno alle Forze Armate, una unità che è durata lo spazio di poche decine di minuti che ci ha fatto credere che esiste (o sarebbe doveroso che esistesse) una Nazione diventata Stato, che si appresta ad essere la Patria Comune degli italiani. Questa aspirazione l’ha suggerita l’entusiasmo che ha accompagnato la sfilata delle varie armi, quasi a volere fornire una compensazione emotiva alle (per fortuna) rarissime zoomate sul palco delle “autorità”, dove hanno fatto bella mostra di sé personaggi che avremmo preferito non vedere in questa occasione.
E’ emerso il motivo conduttore che ha scandito il passaggio di ogni singolo reparto; motivo conduttore che possiamo riassumere nella vocazione a difendere e sostenere taluni ideali che appartengono prioritariamente (se non esclusivamente) alle FF.AA.
E’ la difesa del territorio nazionale, è il sostegno operativo nei casi di calamità naturali, è l’equilibrio di diritti e doveri sancito dalla Costituzione che sostiene l’uguaglianza di tutti i cittadini di fronte alle leggi.
Malauguratamente i princìpi che abbiamo voluto trovare in questa parata del 2 giugno 2016, vengono troppo spesso neutralizzati da quell’altra parte del sfilata, quella che dispensava applausi ipocriti, dopo avere emanato leggi a tutela di interessi personali, a volte dichiarati anti-costituzionali dall’Alta Corte Costituzionale, o ancora vigenti come l’assurta abolizione del reato del falso in bilancio.
Si tratta di riflessioni che non vogliono sminuire i sentimenti che la parata militare ha suggerito, al contrario, vogliamo puntualizzare che esiste una fetta di Italia che ci onora e onora i sacrifici dei tantissimi che hanno saputo servire l’Italia fino all’estremo sacrificio, e che eleva un severo monito a quell’altra parte che disonora il ruolo ricoperto, cedendo alle lusinghe della corruzione per esaltare solo se stessi.W LE FORZE ARMATE. (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ultimi ranking: ottimi risultati per l’Università di Parma

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 giugno 2016

parma universitàL’Università di Parma è quarta a livello nazionale tra i “grandi Atenei”, confermando così l’ottimo quarto posto ottenuto già lo scorso anno. È l’esito della classifica stilata da Censis e Repubblica nella “Grande Guida Università 2016-2017”, disponibile online e giunta alla sedicesima edizione. L’Università di Parma si colloca al quarto posto nella categoria riservata agli Atenei con un numero di studenti compresi tra 20.000 e 40.000 (grandi Atenei), con un punteggio complessivo di 88.8, in crescita rispetto all’86.6 dello scorso anno. «È chiaro che questi ranking colgono solo alcuni aspetti – commenta il Rettore Loris Borghi – ma sono certamente soddisfatto per la performance complessiva: la conferma del quarto posto in Italia fra i grandi Atenei è un ottimo risultato. Mi piace sottolineare il buon piazzamento nella didattica di alcuni ambiti, come Medicina Veterinaria e Ingegneria, e il miglioramento di altri, come quello Sportivo, quello Chimico e Farmaceutico e quello di Odontoiatria e Protesi dentaria. Su altri corsi di laurea stiamo lavorando con impegno per raggiungere standard all’altezza dei nostri ambiziosi obiettivi e delle legittime aspettative della città. Sugli indicatori dei ranking ci sarà una valutazione attenta, corale, in Senato e Consiglio di Amministrazione e presso i corsi di laurea». Per quanto riguarda invece il settore della ricerca, l’Università di Parma registra un ottimo piazzamento anche in un’altra recente classifica: si tratta del Leiden Ranking, nel quale l’Ateneo si colloca al 171esimo posto in Europa e al 339esimo nel mondo. Il Leiden Ranking usa il criterio delle pubblicazioni di maggior impatto, parametro significativo per rilevare la ricerca d’eccellenza. La classifica viene infatti costruita rilevando la percentuale delle pubblicazioni scientifiche “highly cited”, che si collocano cioè nel primo 1% di quelle più citate. Il ranking prende in considerazione solo le università più “produttive” a livello mondiale, 800 su circa 24mila: il fatto non solo di essere fra i primi 800 ma di collocarsi nella prima metà della classifica è un risultato di assoluto rilievo per l’Università di Parma. A livello di ambiti, il miglior piazzamento per l’Università di Parma è quello di Matematica, che nel Leiden Ranking è prima in Europa e sesta nel mondo. «Il nostro è un Ateneo generalista, con forte presenza nazionale: un piazzamento del genere in un ranking internazionale è senz’altro da rimarcare – osserva il Rettore Loris Borghi -. Sono soddisfatto a livello generale, e in particolare credo si possa andare orgogliosi per Matematica, prima in Europa e sesta nel mondo».

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sulle Strade del Ponente Ligure: Intervista a Cinzia Garelli proprietaria dell’Agriturismo Cincilla di Camporondo

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 giugno 2016

camporotondo1(Fidest) by Marco Risi. Il nostro viaggio nelle valli dianesi continua facendo tappa a Camporondo, piccola borgata del Comune di Diano S.Pietro. Nell’incantevole e tranquillo borgo ligure, ove merita di essere menzionata la seicentesca Chiesa dei Santi Vincenzo e Anastasio, al cui interno sono custodite due pregevoli tele dell’800, siamo andati a far visita all’Agriturismo “Cincilla”.
Chiediamo a Cinzia Garelli di raccontare ai nostri lettori alcuni aspetti della vita di Camporondo nonché la storia del suo Agriturismo:“Sono nata qui a Caporondo, ma fin da bambina il modello di vita che mi poteva offrire mi stava un pò stretto e, avendo il sogno di girare il mondo, ho iniziato a studiare lingue per diventare poi accompagnatrice e guida turistica. Dopo avere svolto questa professione per tanti anni, nel 2008 ho sentito il richiamo delle mie origine e la nostalgia della mia terra ed ho deciso di ristrutturare e trasformare la storica casa di famiglia in una azienda di agriturismo, a cui ho dato il nome di “Cincilla”, che corrisponde al nomignolo che mi avevano attribuito da piccola. Insieme all’agriturismo porto avanti l’azienda agricola, specializzata, in particolare, nella coltivazione di Olive Taggiasche e nella produzione di olio di oliva extra vergine di eccellente qualità. Annessa all’Agriturismo si trova la Chiesa dei Santi Vincenzo e Anastasio, che fin dai tempi dei miei nonni custodiamo e curiamo. L’apertura al pubblico, purtroppo, avviene solo in occasioni speciali, dovendo il parroco seguire principalmente la Pieve di S.Pietro che dista pochi chilometri da qui. La custodia di questa “meraviglia” del nostro entroterra è una tradizione che porto avanti da anni con dedizione, gioia camporotondoe orgoglio. Mi fa piacere ricordare la ricorrenza della festa patronale che avviene la domenica successiva al 22 gennaio. In tale occasione viene celebrata una messa solenne in onore dei Santi Vincenzo ed Anastasio e sia la chiesa che il meraviglioso piazzale antistante vengono addobbati per le grandi occasioni per accogliere un gran numero di fedeli e visitatori, ai quali viene offerto un rinfresco con la degustazione dei prodotti tipici della nostra zona.parti. Coltivo il sogno che questo magico posto venga utilizzato e valorizzato anche in altre occasioni durante l’anno, organizzando eventi culturali e musicali come mostre di pittura, presentazioni di libri, concerti. L’Agriturismo è frequentato soprattutto da turisti stranieri, tedeschi e svizzeri in particolare, i quali scelgono questa località, per trascorrere una vacanza in un ambiente tranquillo e a contatto con la natura.
I nostri ospiti sono trattati con la massima cura ed ospitalità. Ad essi dedico ogni energia per accoglierli in un ambiente familiare ed il mio obiettivo e quello di farli sentire ” a casa loro”, cosi come dice il nostro logo:”Benvenuti a casa nostra”. Rispetto alla costa dove tutto è preparato in maniera molto commerciale, qui nell’entroterra seguiamo i turisti con più amore e passione e negli ultimi tempi il nostro atteggiamento è stato premiato con l’arrivo di più villeggianti e di qualità. (fonte rivierapress) (foto: camporotondo)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Per i dipendenti pubblici stipendi fermi, stabilizzazione e carriera ridotte: dov’è la Costituzione?

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 giugno 2016

Pacifico marcelloNel giorno della Festa della Repubblica, duro monito di Marcello Pacifico – presidente nazionale Anief e segretario confederale Cisal – impegnato a Copenhagen in un incontro della Cesi, la Confederazione europea dei sindacati indipendenti che raccoglie organizzazioni sindacali dei vari paesi europei. Le norme in vigore nella nostra Penisola, violano almeno sette articoli della Costituzione italiana e tre direttive europee, la cui adozione avrebbe garantito tutele ai cittadini lavoratori statali: penalizzati per la mancata tutela del diritto all’avvicinamento alla famiglia, per l’accesso ritardato ai pubblici uffici, per una retribuzione iniqua, per una ricostruzione di carriera incompleta e per una pensione e liquidazione inadeguata.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Presentazione del volume di Silvia Bracca, L’occhio e l’orecchio

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 giugno 2016

l'occhio e l'orecchioVenezia Giovedì 9 giugno 2016, ore 17.00 Libreria Sansoviniana (Piazzetta San Marco 13/a) Presentazione del volume di Silvia Bracca, L’occhio e l’orecchio. Immagini per il dramma per musica nella Venezia del ‘600. Incisori, pittori e scenografi all’Opera con un repertorio dei libretti illustrati stampati in Laguna tra il 1637 e il 1719 (ZeL Edizioni). Saluto di Maurizio Messina (Direttore della Biblioteca Nazionale Marciana). Interverranno: Francesca Cocchiara (storica dell’arte), Sara Elisa Stangalino (musicologa dell’Università degli Studi di Bologna). Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili.
La Biblioteca Marciana custodisce tre fra le più importanti raccolte di libretti d’opera veneziani del XVII secolo, provenienti dalle antiche collezioni di Antonio Groppo, Apostolo Zeno e Giovanni Rossi. Lo studio di tali preziosi testi ha portato alla pubblicazione de L’occhio e l’orecchio. Immagini per il dramma per musica nella Venezia del ‘600. Incisori, pittori e scenografi all’Opera con un repertorio dei libretti illustrati stampati in Laguna tra il 1637 e il 1719 (ZeL Edizioni). Fonte basilare per la conoscenza delle vicende del teatro melodrammatico lagunare, la librettistica si configura sin dal 1637, anno d’esordio dell’Andromeda di Benedetto Ferrari, come una novità nel coevo panorama editoriale. L’impegno degli editori specializzatisi nel nuovo ambito, consentirà ai testi musicali di conformarsi in una veste grafica stabile, decorata molto spesso da un’antiporta figurata. Il volume di Silvia Bracca ricostruisce in maniera esaustiva la storia dell’illustrazione librettistica, evidenziando la varietà iconografia delle piccole tavole e profilando il percorso degli incisori e dei pittori attivi in tale settore. Per alcuni di essi i primi, finora oscuri, passi teatrali costituirono l’avvio di carriere ben più celebrate. Le arti figurative contribuirono al successo del melodramma marciano non solo con la pubblicazione propagandistica delle edizioni musicali, ma anche mediante la realizzazione delle scenografie, dipinte da abili pittori di prospettiva. Il fascino di tale arte effimera rivive attraverso le tavole incisorie tradotte da maestri del bulino per eternare la memoria degli apparati ideati dagli artisti lagunari. Illusorietà prospettica e innovazione meccanica diedero vita a quadri scenici suggestivi, ricchi di rimandi alla pittura architettura e scultura del tempo, rivelatori delle peculiarità di una delle espressioni più autentiche dello spirito barocco. Silvia Bracca si è laureata in Scienze dei beni culturali presso l’Università degli studi di Verona, dove ha conseguito la Laurea Magistrale in Storia dell’arte con una tesi elaborata sotto la direzione del prof. Enrico Maria dal Pozzolo, in seguito edita con il titolo L’occhio e l’orecchio. Immagini per il dramma per musica nella Venezia del ‘600. Incisori, pittori e scenografi all’Opera con un repertorio dei libretti illustrati stampati in Laguna tra il 1637 e il 1719 (ZeL Edizioni). Ha pubblicato un saggio sulla quadreria Lechi di Brescia (“Civiltà Bresciana”, giugno 2010) e ha partecipato al convegno Paris-Venise: les échanges musicaux, du texte à l’image (1680-1750) organizzato dal Venetian Centre for Baroque music (Parigi, marzo 2015), i cui atti sono in corso di edizione. Ha collaborato con musei, fondazioni e associazioni per la catalogazione di materiale fotografico e archivistico e per la promozione del patrimonio culturale lombardo. (foto: l’occhio e l’orecchio)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Oscar” internazionale delle eccellenze culinarie

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 giugno 2016

food trendsTornareccio (Ch). Ad Apicoltura Luca Finocchio il Sofi Award 2016, l'”oscar” internazionale delle eccellenze culinarie: il Cioccomiel, il goloso miele con pasta di nocciola e cacao, è risultato vincitore della categoria Marmellate, Conserve, Miele e Burro di Arachidi. Nella stessa categoria, finalista anche il miele di sulla di Apicoltura Luca Finocchio. Un doppio successo, per l’azienda di Tornareccio, ottenuto nell’ambito del prestigioso premio internazionale assegnato dalla Speciality Food Association nell’ambito del Summer Fancy Food Show di New York, la più importante rassegna di specialità gastronomiche del Nord America in programma dal 26 al 28 giugno prossimi al Javits Center di New York. In particolare, si tratta di un premio che dal 1972 fa entrare di diritto i vincitori nel meglio della gastronomia mondiale, rendendoli ambasciatori della produzione di eccellenza. Alla competizione sono stati iscritti ben 3.300 prodotti da tutto il mondo, un numero che rende ancora più significativo il risultato ottenuto dalle due specialità di Apicoltura Luca Finocchio, inviate al concorso da Marcelli Formaggi, partner dell’azienda apistica. E sarà proprio quest’ultima a ritirare il premio in apertura del prossimo Summer Fancy Food Show.
“È per noi una soddisfazione grandissima – dice con orgoglio Luca Finocchio -: finora, infatti, le nostre specialità sono state premiate dappertutto in Italia. Adesso iniziamo ad attrarre consensi anche in competizioni internazionali. Questo riconoscimento, in particolare, ci spalanca le porte su un mercato importante come quello del Nord America, dove peraltro siamo già presenti con il nostro miele. È giudizio unanime, infatti, che ricevere il Sofi Award significa ottenere una prestigiosa certificazione di qualità unanimanente riconosciuta a livello internazionale per la sua autorevolezza e indipendenza. Non a caso, questo premio viene definito l'”oscar” internazionale delle eccellenze culinarie. Grazie di cuore a quanti hanno creduto in noi e nei nostri prodotti che nascono da una lunga storia di famiglia, fatta di passione per le api e per i prodotti dell’alveare”.
Since 1972, the sofi Awards have helped the Specialty Food Association advance culinary excellence and creativity worldwide by recognizing the outstanding work of its members. These 2016 honorees were chosen from 3,200 entries by a national panel of culinary experts in a blind tasting. These sofi honorees serve as ambassadors for the industry and represent the best of what specialty food has to offer. (foto: food trends)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libro: Vuoto a perdere di Manlio Castronuovo

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 giugno 2016

vuoto a perdereLe Brigate Rosse pensavano che lo Stato avrebbe pagato qualsiasi prezzo per riavere indietro uno dei suoi cavalli di razza, ma si resero conto che ciò che era rimasto nelle loro mani era una persona per la quale nessuno, tranne la propria famiglia, era più disposto a corrispondere alcun sacrificio. E furono costrette a sbarazzarsene.Nelle pagine di Vuoto a perdere Manlio Castronuovo ricostruisce, attraverso una ricca documentazione, uno degli eventi più drammatici e significativi della storia d’Italia. La struttura modulare dell’opera e un linguaggio accessibile a tutti, lontano da inutili tecnicismi, consentono sia ai lettori più esperti sia a chi si avvicina per la prima volta all’affaire Moro di muoversi agevolmente fra le zone d’ombra e fra i tanti misteri che ancora oggi si nascondono nelle pieghe di quella vicenda. Chi c’era davvero in via Fani la mattina del sequestro di Aldo Moro? E che ruolo ebbe la Santa Sede nella vicenda? Sono solo alcuni dei tanti interrogativi su cui questo volume vuol far luce.Fra i contenuti speciali che arricchiscono l’opera i comunicati diffusi dalle br nei 55 giorni della prigionia di Moro e il testo integrale della Risoluzione della Direzione Strategica delle br.Per un ulteriore spazio di di battito e di approfondimento sui temi qui trattati i lettori possono visitare il sito http://www.vuotoaperdere.org, che rappresenta una sorta di prolungamento del libro.
Manlio Castronuovo da oltre vent’anni si interessa al caso Moro e alle questioni legate alla lotta armata. È un profondo conoscitore delle logiche e delle dinamiche che hanno attraversato il periodo più buio della storia italiana contemporanea. Al caso Moro ha dedicato anche il sito http://www.vuotoaperdere.org, di cui il presente volume riprende il titolo. Besa editrice Collana: Entropie 67
Categoria: saggistica/storia Pagine: 608 ISBN 978-88-497-1009-0 € 25,00 (foto: vuoto a perdere)

Posted in recensione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libro: Balkanostalgia di Diana Bosnjak Monai

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 giugno 2016

BalkanostalgiaCome una calamita, i Balcani attirano i viaggiatori più curiosi con il loro impasto variegato di luoghi dimenticati, di mercati brulicanti di vita, di profumi e sapori intensi.Questo è un viaggio dentro le viscere più profonde della penisola balcanica: si parte da Trieste, lungo la litoranea adriatica, per arrivare al Bosforo, passando per l’Istria, Sarajevo, la Macedonia e la Grecia più autentica. La voce narrante è quella di chi in quei luoghi ha vissuto per un quarto di secolo e lì ritorna sempre, ogni volta per riscoprirne il fascino crudele e senza tempo.
Diana Bosnjak Monai è nata a Sarajevo nell’ottobre del 1970. Ha frequentato la facoltà di architettura all’Università di Zagabria, dove ha conseguito la laurea nel 1995. Durante la guerra nell’ex Jugoslavia si trasferisce prima a Zagabria, poi in Slovenia e infine in Istria. Dal 2000 vive e lavora a Trieste, dove si occupa di architettura e illustrazione. Nel 2013 ha pubblicato la raccolta di racconti Besa editrice Mondi paralleli. Collana: Entropie 71 Categoria: reportage Pagine: 152 ISBN 978-88-497-1052-6 € 16,00 (foto: Balkanostalgia)

Posted in Cronaca/News, recensione | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Libro: Nel silenzio parlami ancora di Antonella e Franco Caprio

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 giugno 2016

Nel silenzio parlami ancoraAl tramonto della sua vita, Rina decide di ritornare nel luogo che ha segnato la sua esistenza: il carcere Le Nuove di Torino. Qui, nel silenzio rumoroso di una cella pregna del vissuto di tante donne come lei, si concretizza uno strano incontro che la induce a fare i conti con il proprio passato e con i propri fantasmi. In questa cella, che oltre mezzo secolo prima ha visto Rina sua ospite, si apre l’album dei ricordi: ne emergono l’amore adolescenziale per Giacomo, ribelle antifascista; l’esperienza come staffetta partigiana; le torture subite; i sogni di moglie, madre e donna libera infranti contro le mura di una galera.
Il misterioso personaggio che incontrerà nella cella offrirà a Rina una diversa chiave di lettura del suo passato, un diverso “cammino” che le permetterà di riconciliarsi con se stessa, di liberarsi del dolore che l’ha tenuta prigioniera troppo a lungo per riappropriarsi del poco futuro che le resta da vivere.
Un romanzo intimistico che dà voce al silenzio. Una storia struggente e cruda, dolce e spietata che narra l’avventura di una donna e di una partigiana imbrigliata dal senso di colpa nei ricordi più dolorosi, fino a quando non deciderà di dare ascolto a quella parte di sé che ha sempre ignorato.
Antonella Caprio è nata a Torino, dove vive e lavora come insegnante. Per il cinema ha scritto, con Donatella Sasso, la sceneggiatura del cortometraggio L’ora di lezione, liberamente tratto dal libro omonimo di Massimo Recalcati. Sue le opere teatrali Al fondo di un bicchiere (tributo a Fred Buscaglione), Questa storia sbagliata (testo sul femminicidio insignito di Medaglia d’Argento al Merito Civile) e Io, tu, lui, l’altra.
Franco Caprio è nato a Torino e vive a Conversano (BA), dove lavora come medico. Ha pubblicato numerosi articoli per riviste scientifiche internazionali. Un suo racconto/soggetto (Il cappello di Tulle) è stato selezionato dalla rivista “CIAK” e alcuni suoi racconti hanno vinto concorsi letterari nazionali.
Antonella e Franco Caprio hanno scritto a quattro mani i romanzi Il segreto del gelso bianco (uscito per le edizioni Besa-Controluce), opera vincitrice dei Premi “Via Po” e “Libriamola”, nonché dell’Oscar Puglialibre come miglior romanzo edito nel 2010; e Non c’è Cuore – cinico ritratto di scuola, vincitore dei Premi “Scriviamo insieme”, “Giovane Holden” e “Montefiore”, e oggetto di studio in alcune università italiane. Besa editrice Collana: Nadir 55 Categoria: letteratura italiana Pagine: 172 ISBN 978-88-497-1050-2 € 16,00 (foto: Nel silenzio parlami ancora)

Posted in Cronaca/News, recensione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

18° Convegno Italiano delle Tecnologie Fotoniche

Posted by fidest press agency su venerdì, 3 giugno 2016

tecnologie fotonicheRoma Dal 6 all’8 giugno 2016 Sapienza Università di Roma, Sede di San Pietro in Vincoli, Via Eudossiana, 18. il Convegno Italiano delle Tecnologie Fotoniche organizzato dal Gruppo Tematico “Fotonica e Elettro-ottica” di AICT insieme con AEIT – giunto ormai alle sua 18° edizione, riunisce in un unico evento annuale e nazionale, sviluppato su 3 giornate, la comunità più orientata verso le applicazioni della Fotonica nel campo della Telecomunicazioni ottiche con la comunità che fa riferimento alle applicazioni della Fotonica nel campo della sensoristica, dell’energia, dell’illuminazione e delle scienze della vita. La Fotonica è una delle sei tecnologie chiave abilitanti riconosciute dalla Commissione Europea come essenziali per sostenere la competitività industriale, rilanciare l’economia, incrementare l’occupazione e rispondere alle grandi sfide della società contemporanea in termini di benessere dei cittadini e sviluppo sostenibile. Secondo i dati di Optech Consulting (2014), il mercato globale della fotonica vale 300 miliardi di Euro; l’Europa detiene una quota di mercato di 60 miliardi di Euro, pari al 20% del totale, che sale al 45% in settori chiave come l’illuminazione, che fornisce 300.000 posti di lavoro. Il tasso di crescita annua del settore in Europa è dell’8/10%.
FOTONICA 2016 si articolerà sia in sessioni tecniche, che includeranno contributi originali attinenti ai temi del Convegno, sia in Simposi che presenteranno il quadro attuale, le iniziative nazionali e internazionali e le prospettive di sviluppo della Fotonica. Sono previste Sessioni Plenarie, con protagonisti internazionali, e una Mostra Tecnica con la partecipazione di aziende. FOTONICA 2016 prevede la partecipazione di tutti gli operatori del settore della Fotonica, inclusi i ricercatori, i produttori e gli utilizzatori di tale tecnologia, così come gli analisti, gli investitori e gli amministratori pubblici interessati a uno dei settori tecnologici più promettenti del 21esimo secolo.
FOTONICA 2016 ospiterà anche una Mostra Tecnica, che consentirà a Industrie operanti nella Fotonica di presentare la propria azienda, i prodotti e le soluzioni, entrando in contatto con un’ampia gamma di potenziali clienti. Le aziende aderenti alla Mostra Tecnica avranno anche l’opportunità d’intervenire con una presentazione in una Sessione loro dedicata.
La partecipazione all’Opening Session e al Simposio di apertura del Convegno è, come da tradizione di Fotonica, aperta gratuitamente al pubblico. Saranno previste agevolazioni per la partecipazione di giovani ricercatori in formazione e di studenti universitari.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »