Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 11 giugno 2016

100% of lots sold for the Collection Zeineb et Jean-Pierre Marcie-Rivière :Grands collectionneurs et mécènes

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2016

francis baconBy Beverly Bueninck. Paris 9 avenue Matignon, The two sessions dedicated to the Collection Zeineb et Jean-Pierre Marcie-Rivière: Grands collectionneurs et mécènes totaled €32,491,113/£25,443,791/ $36,968,388 with 100% sold by lot and 100% sold by value. The painting by Francis Bacon was sold for €6,033,500/£4,724,834/$6,864,916 to a buyer on the phone.François de Ricqlès, President of Christie’s France: “We are particularly proud to have been entrusted to sell this stunning collection. International collectors and connoisseurs paid a last tribute to Zeineb and Jean-Pierre Marcie-Rivière’s exquisite taste by acquiring the 331 lots offered. The elegance and quality of each piece, from antiquities to contemporary artworks, attracted bidders from 26 countries from 5 continents, present in the room, on the Internet and especially on the phone with 1,606 registered bids. Christie’s France confirms its leadership in selling collections, following the successes of Yves Saint Laurent-Pierre Bergé in 2009 (€351.4M), Claude et Simone Dray in 2006 (€59.7M), Gourdon in 2011 (€44.6M) and Gaston Lévy in 2010 (€43.6M). The Marcie-Rivière Collection stands as the fifth most important collection sold in France in the last decade.”The contemporary art section realised €21,196,650 and some artworks broke new world auction records such as for L’ascension by Louis Soutter which sold for €265,500.The beautiful Structure végétale chandelier by Claude Lalanne realised the second highest price for a work of art by the artist, behind the set of fifteen mirors which sold for €1,857,000 during the Yves Saint Laurent-Pierre Bergé saleThe classical section performed very well and totaled €11,294,463/£8,844,694/$12,850,840. The stunning Roman marble torso of a dancing satyr was sold for €2,897,500, a new auction world record for an antique torso; and the exceptional Pharaoh’s head was sold for €661,500.The manuscript by Pierre Des Gouges coming from the Blancs-Manteaux monastery was preempted by the Bibliothèque Nationale de France for €2,750 (lot 48). 1,682 visitors came to admire the collection before the sale. (photo francis bacon)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Miami Realtors, South Florida Groups Welcome Chinese Trade and Investment

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2016

shanghai-chinaThe MIAMI Association of REALTORS® (MIAMI) is working along with other local groups to increase Chinese trade, investment and consumers in South Florida. MIAMI CEO Teresa King Kinney will be participating and presenting at the 2016 Asian Real Estate Association of America’s China North America Global Summit on June 15-25, 2016 at Chengdu, Xi’an, Changzhou and Shanghai.
“South Florida’s clean air, quality schools, international banking center and construction industries are of great interest to the Chinese,” Kinney said. “A direct flight from China to Miami would encourage more investment in South Florida. It would boost South Florida’s banking, tourism, real estate, retail, education and construction industries.” China, the world’s most populous country, has invested more than $100 billion in the United States since 2000. Locally, China finished as Miami’s third-largest foreign trade partner with $6.4 billion in transactions in 2015, according to Miami-Dade County statistics. More than 400,000 passengers flew from Miami to Asia in 2015, according to Sabre Global Demand data and Miami International Airport.
Kinney will be traveling with the Asian Real Estate Association of America (AREAA) on a trade mission to China this month. Ninoska “Nina” Fabbri of ISG International will also be attending the 2016 Asian Real Estate Association of America’s China North America Global Summit on June 15-25, 2016 at Chengdu, Xi’an, Changzhou and Shanghai. Fabbri is a member of the Greater Miami AREAA Board and the AREAA International Committee.MIAMI has facilitated several partnerships and events to help its 42,000-plus members better advertise their properties in China. MIAMI recently reached an agreement with Juwai, China’s No. 1 international property portal, to promote MIAMI residential and commercial listings in Asia.
MIAMI has been facilitating Chinese partnerships since 2013. MIAMI made a 2013 market-presentation in San Francisco to a group of 100 top Chinese brokers with SouFun, which operates one of the leading real estate Internet portals in China.
MIAMI hosted a dinner in Miami for the Chairman of the Chinese Real Estate Association and their delegates.‎ MIAMI exhibited at luxury property shows in Beijing and Shanghai in 2015. MIAMI members also have special pricing for their properties on SouFun, now Fang.com.A group of Miami-Dade County government officials and local businessmen recently traveled to China and Taiwan to discuss the creation of nonstop passenger flights to Asia. The Miami-Dade Aviation Department has also created the MIA-Asia Task Force of 39 community and business groups, including the Japanese Business Association and the Greater Miami & The Beaches Hotel Association. Recently, Cathay Pacific Airways Ltd. CEO Ivan Chu told Bloomberg News his airline is considering a plane capable of direct flights from Miami to Hong Kong. Cathay is Asia’s largest airline by passengers. Many major cities in the U.S. have a direct or nonstop flight to Asia, but Miami is the furthest U.S. point from the continent. New flight technology has made the potential 18-hour flight possible.Launching the first direct Miami to China flight would make it easier for China’s growing middle class to visit, create businesses and purchase real estate in South Florida. By 2022, China’s middle class will grow to 630 million — which will be 45 percent of the country’s total population — and consume $3.4 trillion in goods and services — about 24 percent of gross domestic product.
The North Miami City Council recently approved plans to study and designate a Chinatown cultural arts and innovation district. The district would be on Northwest Seventh Avenue (U.S. 441) from 119th to 135th streets. There are no plans to displace established businesses and the idea is to involve Chinese motifs in the overall façade of the area.North Miami City Council staff noted the large number of Chinese students at Florida International University, which has a campus in North Miami. Miami’s Florida International University, the first U.S. university to establish campuses in China more than a decade ago, has about 5,000 Chinese students. FIU has a partnership with the Tianjin University of Commerce in Tianjin, China.Other governmental entities, such as the Miami-Dade Board of County Commissioners, are working to establish a branch of the Chinese Consulate in Miami. Currently, the Chinese Consulate-General in Houston covers Florida as part of its consular jurisdiction.A Miami Chinese Consulate would not only help local residents in obtaining visas to visit China, but it would also promote more Chinese investments in South Florida.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’aide sanitaire aux migrants et mineurs non accompagnés/The humanitarian aid to migrants and unaccompanied minors

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2016

Irène AbourdaramCette nouvelle émission d’On the Move donne la parole à Irène Abourdaram et Carine Rolland de l’organisation Médecins du Monde (MdM). Elles decrivent les différentes actions engagées par Médecins du Monde à l’international mais également localement en lien avec les questions migratoires. Cette conversation a notamment été l’occasion d’évoquer la situation des mineurs non accompagnés et des travailleurs/travailleuses du sexe. L’émission est animée par Yves Pascouau, chercheur senior associé à l’Institut Jacques Delors et Directeur à l’European Policy Center.
This new installment of On the Move features Irène Abourdaram (photo) and Carine Rolland from the organisation Médecins du Monde (MdM) . They describe the various actions taken by Médecins du Monde at the international and local levels in the area of migration. This conversation also raises the issue of unaccompanied minors and sexworkers. The programme is moderated by Yves Pascouau, senior research associate at the Jacques Delors Institute and Director of the European Policy Center. (photo: Irène Abourdaram)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Atrial cardiomyopathies can lead to fibrillation, clots, and stroke

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2016

cardiologyNice, France The first consensus paper on atrial cardiomyopathies is set to be published simultaneously in EP-Europace, HeartRhythm, and the Journal of Arrhythmia. The key contents are launched today at CARDIOSTIM – EHRA EUROPACE 2016.1 The report was written by a working group of the European Heart Rhythm Association (EHRA) which is a registered branch of the European Society of Cardiology (ESC), the Heart Rhythm Society (HRS), the Asia Pacific Heart Rhythm Society (APHRS), and Sociedad Latinoamericana de Estimulacion Cardiaca y Electrofisiologia (SOLAECE). Professor Andreas Goette, chair of the working group, said: “Atrial cardiomyopathies contribute to the development of atrial fibrillation, which is the most common heart rhythm disturbance. They can also lead to atrial clots and consequent stroke, and therefore have substantial clinical significance.” He continued: “There are multiple papers on ventricular cardiomyopathies but until now, no consensus was reached about atrial cardiomyopathies. This is a global consensus paper and an important step forward for research and treatment in this field.”The document contains the first definition and classification of atrial cardiomyopathies. The definition states that atrial cardiomyopathy is “any complex of structural, architectural, contractile or electrophysiological changes affecting the atria with the potential to produce clinically relevant manifestations”. The novel classification scheme, called EHRAS (EHRA/HRS/APHRS/SOLAECE), denotes four classes based on histological and pathological findings including cardiomyocyte changes, fibrosis, and non-collagen infiltration. “This is the first attempt to separate atrial pathologies into discrete groups,” said Professor Goette. “It can be used to describe the underlying pathology in various clinical conditions. Ultimately it should help us to tailor therapies for atrial fibrillation based on the underlying cause, which might improve patient outcomes.” The paper outlines the triggers of atrial fibrillation. These include mutations, congestive heart failure, obstructive sleep apnoea, medications, aging, hypertension, obesity, and diabetes. Advice is given on how to prevent or delay the occurrence of atrial fibrillation. Controversies surrounding the mechanism of atrial fibrillation are discussed. One theory is that fibrillation results from the continued random propagation of multiple independent electric waves that move independently throughout the atria. The opposing view is that fibrillation is a consequence of the continued activity of a few vortices (rotors) that spin at high frequencies. Regardless of the mechanism that maintains it, sustained atrial fibrillation leads to electrical remodelling that is reversible in the short term but not if it lasts for months or years. Professor Goette said: “Ongoing investigations into the mechanisms will stimulate improved treatment and prevention.” The paper addresses the potential use of biomarkers to predict atrial fibrillation and stroke risk. The authors state that “The clinical benefit of considering biomarkers associated with atrial fibrillation is questionable” and there is limited evidence for their added value in stroke risk prediction.Finally, advice is given on the use of imaging to screen and follow patients with atrial cardiomyopathies. For example, echocardiography is the modality of choice for screening and following patients with diseases involving left atrial morphology and function. Cardiac computed tomography can be used to screen for thrombus before ablation of atrial fibrillation.Professor Goette said: “More research is needed to correlate EHRAS classes I–IV with imaging findings to help us better characterise atrial cardiomyopathies. This could have large clinical implications because patients with various degrees of myopathy might be treated differently.” He concluded: “Atrial fibrillation stems from a number of causes. Here we define and classify the different atrial pathologies so that ultimately, patients can be given individualised treatment that gives them the best possible outcome.” (photo: cardiology)

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fundamental Right Forum

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2016

Fundamental RightThe Fundamental Rights Forum 2016 is fast approaching with only 10 days left until the event begins on 20 June in Vienna. Over the course of four days, participants will look from different perspectives at three burning issues: refugee protection, inclusion and the digital age.During the event thought leaders, decision makers and grassroots representatives will come together to explore innovative approaches to fundamental rights, the laws and policies that can better protect and promote rights, ways of empowering rights holders as well as ensuring fundamental rights compliant sustainable growth. The end goal: to formulate commitments and decisions that will result in meaningful change; change in the promotion, protection and respect of fundamental human rights for everyone across the EU.
At the event, participants can also visit the market place of ideas to get inspiration from the many practical initiatives to promote fundamental rights. The magdas HOTEL offering jobs and training to former asylum seekers and the Rombus educational bus for Roma children in Austria are just two examples.
Already the Forum website offers a flavour of what to expect. There are blog posts from leading experts such as ‘The right to a future’ by Morten Kjaerum, Raoul Wallenberg Institute Director and ‘The Question of Belonging’ by Dr Brian Klug, Senior Research Fellow at Oxford University. In addition, video trailers are setting the scene for some of the engaging discussions that are likely to take place. (photo: Fundamental Right)

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

2016 Open de France: a truly exceptional field!

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2016

Open de FranceWith only three weeks to go until the Open de France, which will take place from 30 June to 3 July at Le Golf National in Saint-Quentin-en-Yvelines, it only takes a glance at the entry list to see how exceptional is the field gathered for the tournament’s 100th staging. Unveiled one by one during the last few months, the leading stars at the Open de France are already well-known. On top of them all, Northern Irishman Rory McIlroy, the World No. 3 and a four-time Major champion, will undoubtedly draw the most of the attention. Among his main rivals, Danny Willett from England, the recently-crowned Masters champion at Augusta National, will feature as the No. 1 challenger considering his ninth position in the Official World Golf Ranking.Other Major winners will appear in Continental Europe’s oldest national open championship, such as German Martin Kaymer and Northern Irishman Graeme McDowell. These two players have both lifted the Stoïber Cup, presented to the Open de France champion: the former back in 2009, the latter two times in a row in 2013 and 2014. Veterans Darren Clarke from Northern Ireland, Y.E. Yang from South Korea, Paul Open de France1Lawrie from Scotland and Mike Weir from Canada, all of whom boast one Major title to their résumé, will be joined by three-time Major champion Padraig Harrington from Ireland.Multiple Ryder Cup winners over the last two decades, the likes of McIlroy, Clarke, Harrington, Lawrie, McDowell and Kaymer will reunite, on the Albatros course which will be played for the first time in Ryder Cup configuration after ten months of improvement works, with a host of their former European teammates. This illustrious list includes Englishmen Lee Westwood, Luke Donald, Ross Fisher and David Howell; Swedes Robert Karlsson, Niclas Fasth and Peter Hanson; Dane Thomas Bjørn, Scotsman Stephen Gallacher, Welshman Jamie Donaldson, Italian Francesco Molinari, Belgian Nicolas Colsaerts and Frenchman Victor Dubuisson, who will spearhead the local challenge alongside Alexander Levy, Grégory Bourdy, Julien Quesne and Gary Stal, among others. Only England’s Ian Poulter, who was set to return to the Open de France, is likely to miss the tournament due to a foot injury.One must also acknowledge the presence of a few members of the World’s Top 50, among the most promising ones: Englands’s Chris Wood, the winner of the recent BMW PGA Championship; fellow countrymen Matthew Fitzpatrick, the Nordea Masters champion, and Andy Sullivan, a three-time winner on the 2015 Race to Dubai. Add also Thai Kiradech Aphibarnrat, a two-time winner last season; Spaniard Rafa Cabrera-Bello and Dane Søren Kjeldsen, who both enjoyed an excellent first half of the season; young Swede David Lingmerth, the 2015 Memorial champion on the U.S. PGA Tour, and of course French Open defending champion Bernd Wiesberger from Austria. (photo: Open de France)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Incontro con Marina Misiti

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2016

marina misitiMadrid Istituto Italiano di Cultura Calle Mayor, 86 14 giugno, alle ore 20h 00 presso l’IIC Madrid, nel contesto delle attività parallele alla mostra Gabriele Basilico. Architettura e città, e del progetto di residenze artistiche dell’IIC Madrid L’arte che verrà, Marina Misiti, reportage artist presenterà in anteprima #grafieurbane. Farà seguito un aperitivo con l’artista. Ingresso libero fino a esaurimento posti.“Si disegna per riscrivere un luogo, per rivederlo e riviverlo con altri occhi. Ritrarre una città, per me, vuol dire entrare in relazione emotiva con il luogo e con le persone che lo vivono, in un certo senso fondersi con ciò che si ritrae”, afferma Marina Misiti, reportage artist, che presenterà in anteprimala nuova articolazione del suo format artistico: “Mappe Urbane Personali/MUP”, un progetto di reportages illustrati iniziato nel 2005 a New York, e ampliato negli anni in altri contesti urbani (Londra, Tokyo, Roma, ecc.)Si tratta di un paesaggio “emotivo” delle grandi metropoli del mondo, di textures inedite individuate e ritrattate artisticamente, di una serie di tracce, contorni, forme e segni che, riportati creativamente alla luce, concorrono a formare una “visione urbana personale”, densamente colorata, diversamente tessuta, ridisegnata (a mano e “on location”), processata e, riscritta.Questi “urban sketches” costituiscono anche una riscoperta del mondo come tessitura di segni da interpretare. Ritrarre la città diventa così un modo privilegiato di comprendere (etimologicamente: prendere con sé, fare propria) questa tessitura, e le grafie urbane qui non sono solo didascalie di immagini, ma immagini esse stesse, espresse in modi diversi ma con pari dignità. Come in un calligramma, dove ci si chiede cosa sia figura e cosa scrittura, anche qui segni e immagini si intrecciano per formare una geografia alternativa e personale, una cartografia estetica ed emozionale delle città.
Marina Misiti, giornalista, fotografa e reportage artist, laureata in antropologia, da anni conduce una personalissima ricerca artistica sul territorio urbano, interpretato con strumenti che vanno dalla grafica alla calligrafia asemica, senza dimenticare le M.U.P., Mappe Urbane Personali, all’incrocio tra documento ed esperienza vissuta.(foto: marina misiti)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dalla Shoah il primo “memoriale del bene”: a Nonantola

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2016

gruppo dei ragazzi ebreiVenerdì 17 a domenica 19 giugno a Nonantola si svolge il convegno internazionale “Davanti a Villa Emma. La costruzione di un luogo per la memoria dei ragazzi ebrei salvati a Nonantola”, aperto a tutti ma rivolto in particolare ad architetti e artisti: in tre giorni una ventina di studiosi dall’Italia, dall’Inghilterra, dalla Germania e da Israele – storici, docenti, ricercatori – ripercorrono la vicenda e tracciano le coordinate storiche per la costruzione di un memoriale che abbia elementi distintivi e per certi versi unici, come la storia che andrà a raccontare. Infatti i 73 ragazzi ebrei accolti dalla popolazione locale conobbero a Villa Emma una parentesi di quiete e di condivisione con i cittadini: si impegnarono in corsi scolastici, musicali, e nell’addestramento a lavori agricoli e artigianali, in cui vennero coinvolti contadini e persone di Nonantola. Dopo l’8 settembre ’43, con l’occupazione tedesca dell’Italia, si rese necessaria un’operazione di soccorso che li mettesse al riparo dal pericolo di cattura: i nonantolani scelsero allora di rischiare e, nonostante le difficoltà, tutti raggiunsero la Svizzera. A guerra finita, la maggior parte dei ragazzi s’imbarcherà da Barcellona per la Palestina.Quello di Nonantola non sarà quindi un “sito del trauma” per commemorare vittime o ripercorrere vicende tragiche, ma un memoriale dedicato a una storia a lieto fine, nutrita di accoglienza, solidarietà, salvezza. Un punto d’incontro per gli abitanti del luogo, per i passanti, per i visitatori, per chi viene da vicino e da lontano; per ragazzi che vogliano conoscere, oggi, la storia dei giovani ebrei arrivati a Villa Emma, dopo fughe e peripezie, nel pieno della seconda guerra mondiale. Un punto d’incontro per chi voglia riflettere sui viaggi di bambini e ragazzi che oggi toccano le nostre sponde, varcano frontiere, bussano alla nostra porta e che possono arricchire la comunità che li accoglie.
Venerdì 17 giugno alle 15.30, presso il Cinema Teatro Troisi di Nonantola, aprono il convegno Federica Nannetti, sindaco di Nonantola, Massimo Mezzetti, Assessore regionale alla Cultura e Giuseppe Boschini dell’Assemblea Legislativa Regionale: dopo una ricerca durata tre anni la Fondazione Villa Emma vuole presentare i risultati e discutere le tante linee di lettura e di interpretazione di questa vicenda, fornendo spunti per la progettazione. Le parole e le idee di questo convegno saranno le prime “pietre” su cui sorgerà l’edificio, futuro luogo di memoria: successivamente al convegno, in autunno, verrà pubblicato un bando di concorso che fisserà norme e criteri per i partecipanti.Il convegno “Davanti a Villa Emma” è organizzato da Fondazione Villa Emma in collaborazione con il Comune di Nonantola, con il sostegno della Regione Emilia-Romagna, la Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e la Fondazione Mario del Monte. L’iniziativa è patrocinata dall’Unione Comunità Ebraiche Italiane, dalla Federazione Ordini Architetti dell’Emilia-Romagna, dall’Ordine degli Architetti e dalla Fondazione Architetti della Provincia di Modena. Per gli iscritti all’Ordine degli Archietti è previsto il riconoscimento di crediti formativi permanenti (CFP).
A Villa Emma vissero, per oltre un anno, fino a 73 ragazzi ebrei fuggiti dalla Germania, dall’Austria, dalla Jugoslavia e, in un caso, dalla Polonia per sottrarsi alle persecuzioni dei nazisti e dei fascisti croati, gli Ustascia. Nell’aprile del 1941 i ragazzi, diretti in Palestina, erano stati sorpresi a Zagabria dall’arrivo delle truppe tedesche. Dopo l’inizio della persecuzione degli ebrei in Croazia quarantadue ragazzi si rifugiarono nella Slovenia meridionale, annessa dall’Italia, dove trovarono alloggio in un castello di caccia a Lesno Brdo, vicino Lubiana, ricevendo aiuto dall’organizzazione assistenziale degli ebrei italiani, la Delasem. Fu poi la stessa Delasem che affittò Villa Emma di Nonantola per consentire ai ragazzi di trovarvi accoglienza quando i fatti bellici in Slovenia costrinsero il gruppo ad un nuovo trasferimento. Nell’aprile del 1943 si aggiunsero al gruppo altri trentatré ragazzi e ragazze provenienti da Spalato, fuggiti dai territori sotto occupazione tedesca. L’8 settembre, nell’imminenza dell’occupazione tedesca, essendo in pericolo di vita, i più piccoli del gruppo vennero accolti nel seminario adiacente alla villa. I più grandi trovarono rifugio presso famiglie, sempre nelle vicinanze di Villa Emma. Temendo sistematici rastrellamenti tedeschi, con i ragazzi divisi in tre gruppi, tra il 6 ed 17 ottobre del 1943 fu attuata la fuga in Svizzera, guadando di notte il fiume Tresa, nei pressi del confine di ponte Tresa. Ci fu un’iniziale incertezza, poi il governo svizzero concesse ai ragazzi il permesso di soggiorno e, dopo un temporaneo internamento, vennero per la maggior parte accolti in un istituto sionista a Bex, nella vallata del Rodano. Nel 1945 raggiunsero finalmente la Palestina. Nella foto: il gruppo dei ragazzi ebrei davanti a Villa Emma.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Chiudono i Dipartimenti di Scienze della Terra

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2016

fluidi sotterraneiDuro comunicato stampa dei geologi. Peduto: “Nel Paese dei disastri naturali chiudono i Dipartimenti di Scienze della Terra ormai ridotti solo ad 8. E al Senato langue da oltre un anno una proposta di legge lungimirante che può evitare la scomparsa delle Scienze della Terra”. Carosi: “Senza Dipartimenti di Scienze della Terra avremo laureati meno preparati e meno ricerca. Sarebbe paradossale che proprio in Italia le università dovessero rinunciare ai dipartimenti di geologia che sono presenti in tutti i sistemi universitari del mondo”.Il numero dei Dipartimenti Universitari di scienze geologiche, già ridotti al minimo in seguito all’applicazione di una regola aritmetica contenuta nella legge Gelmini è destinato a diminuire ancora se non si interverrà con norme intelligenti di salvaguardia di una disciplina fondamentale per un Paese molto esposto a rischi geologici come l’Italia. “Nel Paese dei disastri naturali chiudono i Dipartimenti di Scienze della Terra ormai ridotti solo ad 8. Una lungimirante proposta di legge delle deputate Raffaella Mariani e Manuela Ghizzoni, approvata all’unanimità alla Camera, langue da oltre un anno in Senato – ha commentato Francesco Peduto, Presidente del consiglio nazionale dei geologi italiani – e si rischia seriamente che le Scienze della Terra spariscano rapidamente con conseguenze gravi sul piano ambientale ma anche culturale, economico e sociale. Come geologi liberi professionisti rivolgiamo al Senato un appello affinché il cammino di questa legge riprenda al più presto”.I laureati che si formano nei dipartimenti di geologia operano per la difesa del suolo dai terremoti, dalle frane e dagli altri innumerevoli rischi che caratterizzano il nostro territorio. “Un territorio unico nella sua bellezza ma anche nell’innata pericolosità legata alla giovane età geologica”: è la riflessione di Rodolfo Carosi, professore ordinario all’Università di Torino e rappresentante dei professori di geologia nel Consiglio Universitario Nazionale, che continua: “Senza dipartimenti di Scienze della Terra avremo meno laureati in geologia –ha dichiarato Carosi – e meno preparati, perché è in questi dipartimenti che si realizzano quelle ricerche che fanno avanzare le conoscenze che nutrono la formazione superiore e che permettono metodi sempre più efficaci di prevenzione e di intervento. Sarebbe paradossale che proprio in Italia le università dovessero rinunciare ai dipartimenti di geologia che sono presenti in tutti i sistemi universitari del mondo”. “La legge in discussione non ha alcun costo aggiuntivo per lo Stato – ha concluso il Presidente Peduto – mentre indebolire la conoscenza degli aspetti geologici del territorio italiano e quindi le azioni di difesa e prevenzione ha avuto nel passato e avrebbe nel futuro costi immensi, in vite umane e in denaro, per i frequenti disastri naturali o indotti dall’azione dell’uomo e per la successiva necessità di interventi molto onerosi di ripristino e di messa in sicurezza. Senza dimenticare che l’enorme patrimonio artistico e paesaggistico del nostro Paese è anch’esso sottoposto a rischi di costi incalcolabili”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

L’insolita Russia di Fryazino: Zona economica speciale e tax free per le imprese innovative

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2016

insolita russiaOpportunità concrete e promettenti per le imprese delle nuove tecnologie, dell’innovazione e della ricerca. Ma anche di altri settori, dall’agroalimentare al settore casa ai servizi, che dimostrino di avere una componente innovativa. Le offre, permettendo di non incorrere nelle limitazioni imposte dal “doppio” embargo, Fryazino, a una cinquantina di chilometri da Mosca. Considerata la Silicon Valley russa, il Governo, con decreto, ne ha istituito la Città della Scienza e punta a svilupparla come nuova locomotiva del 21esimo secolo per l’intera Federazione. E vi ha infatti già avviato un’area economica speciale e tax free per le realtà produttive innovative che vi si insediano, scegliendo di operare insieme. Con l’occasione del gemellaggio con Resia, che si celebrerà sabato con una grande festa russo-friulana nella piccola cittadina della nostra montagna, una delegazione di autorità istituzionali, economiche e di rappresentanti di imprese di Fryazino è arrivata oggi in Camera di Commercio a Udine, per un incontro con le aziende friulane organizzato assieme al Consolato della Federazione russa, uno dei sei italiani, guidato da Carlo Dall’Ava, che trova sede proprio al quinto piano dell’ente camerale. «Noi siamo la porta più a est, uno dei primi luoghi di contatto in Italia per cittadini e imprenditori russi – ha evidenziato il console onorario –. Il nostro consolato onorario è in rapporto costante sia con il consolato di Milano sia con l’ambasciata di insolita russia1Roma, che contano molto sulla nostra regione per sviluppare i migliori rapporti di amicizia ed economici tra le nostre comunità. Un primo obiettivo è avvicinare le culture e un elemento di aggregazione l’abbiamo trovato nel Comune di Resia.
A spiegare le modalità di collaborazione e i settori di specializzazione dell’Area economica di Fryazino è stato poi il presidente della Camera di Commercio locale Konstantin Rusakov e a fare gli onori di casa in Sala Valduga è stata la componente di giunta camerale Lucia Piu, che ha evidenziato l’importanza di considerare anche aree magari meno conosciute delle più abituali Mosca e San Pietroburgo, perché racchiudono opportunità per le imprese non reperibili altrove. Piu ha anche ricordato i dati di interscambio Fvg Russia. Nonostante il calo dell’export (-18% tra 2014 e 2015) dal Fvg alla Russia, «il Paese è resta uno dei principali verso cui esportiamo, per l’esattezza l’11esimo, mentre crescono le importazioni, di circa il 50%, dovute soprattutto ai prodotti della siderurgia, aumento che porta la Russia a salire da nono a settimo Paese d’importazione per il Fvg, nell’ultimo anno». Stando all’export Fvg-Russia, è costituito soprattutto da macchine per impieghi generali (25%), macchine per impieghi speciali (20,3%) e mobili (17%).(foto: insolita russia)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dancing in the Moonlight

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2016

maltaMalta è sempre ai primi posti nella lista delle destinazioni più gradite da chi ama far festa. Sarà il clima soleggiato tutto l’anno, sarà il mare, ma i Maltesi sono certamente un popolo la cui cultura è permeata da un’innegabile gioia di vivere. Insomma, a tutti i Maltesi piace uscire e divertirsi ed è per questo che i tra bar, ristoranti, discoteche, i locali qui sono tanti e ce n’è per tutti i gusti! Partendo da Paceville, il famoso quartiere del divertimento a St. Julian’s, frequentato da folle di maltesi e di turisti, dove i locali si succedono uno accanto all’altro tutti ad ingresso libero, passando per le tante terrazze vista mare dove degustare buon vino e arrivando ai locali più eleganti a base di musica raffinata, vi accompagniamo alla scoperta dei luoghi must per il divertimento a Malta. Avete un’età che si aggira poco al di sotto o poco al di sopra dei vent’anni e siete dotati di un bagaglio di energia a pile atomiche? Benvenuti a Malta: le isole dove troverete corsi di lingua, sport, spiagge, ragazzi da tutto il mondo con cui praticare l’Inglese e locali che vi faranno ballare tutta la notte. C’è talmente tanta varietà di proposte che la scelta è davvero imbarazzante. Se rientrate in questa categoria probabilmente avrete trovato alloggio in zona St. Julian’s, quindi comincerete a fare festa da Paceville. Qui vi consigliamo lo Sky Club, un locale aperto tutto l’anno che può ospitare fino a 3400 nottambuli agguerriti: è qui che trovate la migliore musica dance ed un bar ad alta tecnologia in grado di servire 800 drink al minuto http://www.facebook.com/SkyClub/.
Come più che valida alternativa a Paceville, altro luogo obbligatorio per far festa nelle notti estive maltesi è il Gianpula Village a Rabat, nell’entroterra, di gran lunga la più grande discoteca a cielo aperto di tutta Malta con i suoi 4000 mq di estensione e il cui ingresso è a partire da 6€ (SOLO SEI EURO!). Raggiungibile con i bus navetta messi a disposizione dal locale, il Gianpula è un vero e proprio villaggio del divertimento che comprende aeree dotate di giardini e piscine in e outdoor dedicate a diversi generi musicali, un ristorante ed anche uno speciale store che vende abiti e merchandising a marchio Gianpula http://www.gianpula.com.
Riposatevi qualche ora e poi prenotate un posto sulla goletta turca Fernandes 2, per una fes ta a marchio Lazy Pirate: in classifica su HostelWorld.com come uno dei migliori party d’Europa. Parliamo di un pittoresco veliero il cui accesso da diritto alla formula open bar a circa 200 ospiti internazionali. La barca salpa dal porto di Sliema ed ospita a bordo DJ per una live selection musicale ed offre ai suoi ospiti giochi e snack notturni. Portate il costume perché il vascello si ferma alla Blue Lagoon di Comino dove tuffarsi in mare sotto la luna e non dimenticate anche un vestito asciutto perché se ce la fate, la festa continua con gli after party a Paceville. Costo € 39 per il boarding pass semplice e € 60 per il VIP. Si organizzano anche interi weekend di festa in mare: verificate le date su http://www.lazypiratemalta.com (foto: malta)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

SACE miglior società di credito all’esportazione del 2016

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2016

banche americaneSACE (Gruppo CDP) è stata premiata come migliore società di credito all’esportazione da TXF, una delle principali riviste internazionali specializzate in trade & export finance. Il premio è stato consegnato durante la conferenza TXF Rome 2016, che ha visto la partecipazione di oltre 700 delegati di banche, società di credito all’esportazione, esportatori, assicurazioni, broker e istituzioni provenienti da tutto il mondo e l’intervento di apertura del Sottosegretario allo Sviluppo Economico Ivan Scalfarotto. Basato su un sondaggio annuale tra i 10 mila lettori della rivista, tra cui banche, imprese e studi legali, il premio rappresenta un indicatore dell’apprezzamento delle attività di SACE nel credito all’esportazione, nel trade finance e nel project finance, e del modello di business adottato, che ha saputo rispondere alle sfide dell’attuale contesto internazionale ponendo le PMI e l’innovazione assicurativo-finanziaria al centro della propria strategia di sviluppo. In uno scenario di ridefinizione degli equilibri mondiali, caratterizzato dal calo del prezzo delle commodity, del rallentamento della crescita dei Paesi emergenti e da un lieve miglioramento delle economie avanzate, SACE ha rafforzato il proprio sostegno alla competitività internazionale delle imprese italiane. SACE è stata inoltre premiata per importanti operazioni garantite tra cui il finanziamento da 800 milioni di euro per la realizzazione della nuova linea della metropolitana di Lima e una linea di credito da 575 milioni di euro erogata in favore di Eurochem per la realizzazione di un impianto di ammoniaca in Russia.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Brexit: le scommesse sul referendum

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2016

Brexit, le scommesse sul referendum supereranno i 50 milioni di sterline. Il mercato delle scommesse sul Brexit, il referendum sull’uscita dall’Unione Europea che si terrà il prossimo 23 giugno nel Regno Unito, è destinato a superare i 50 milioni di sterline: è la previsione dei bookmaker britannici che evidenziano come, negli ultimi giorni, ci sia stata un’impennata delle puntate, che vanno da 2 a 315mila sterline. La previsione dei bookie, riporta Agipronews, è che il mercato del Brexit supererà facilmente i 40 milioni di sterline che nel 2012 erano stati puntati sulle elezioni presidenziali degli Stati Uniti, che attualmente detiene il record di scommesse su un singolo evento politico. (fonte agipro)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Voto finale su nuove norme che semplificano il riconoscimento di certificati nell’UE

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2016

europa-261011-cNuove norme comunitarie che semplificheranno le procedure per dimostrare l’autenticità̀ di alcuni documenti pubblici ottenuti in altri Stati membri, come i certificati di nascita, matrimonio e paternità, e garantirne il riconoscimento nel paese di residenza, sono state approvate dal Parlamento giovedì. Per evitare la necessità di ricorrere a traduzioni, ai documenti saranno allegati nuovi moduli UE multilingue. La decisione segue un accordo informale tra il Parlamento e il Consiglio.”Più di 14 milioni di cittadini europei vivono in uno Stato membro diverso dal loro paese d’origine. Per sposarsi, dichiarare la nascita di un bambino o per certificare la fedina penale pulita, sono costretti a trattare con le procedure burocratiche del caso. Con il voto di oggi, si è fatto un primo passo in avanti nella riduzione di questi ostacoli, abolendo il costoso e oneroso requisito dell’apostille e introducendo i moduli standard multilingue”, ha dichiarato la relatrice Mady Delvaux (S&D, LU) nel corso del dibattito in Plenaria.Le nuove norme metteranno fine alle formalità amministrative, come ad esempio la “legalizzazione” o la certificazione “apostille”, necessarie per il riconoscimento in un altro paese UE dei documenti pubblici, quali ad esempio quelli che attestano lo stato civile, la paternità, la nazionalità e l’assenza di precedenti penali. Rispetto alla proposta originale, i deputati e il Consiglio hanno deciso di estendere la portata delle regole per includere anche i documenti comprovanti la capacità di contrarre un matrimonio o di registrare un’unione.Inoltre, le nuove norme riguarderanno anche i documenti che i cittadini che vivono in un altro Stato membro devono presentare per votare o concorrere come candidati nelle elezioni europee o comunali dello Stato di residenza.
I certificati soggetti alle nuove norme di semplificazione riguardano le dichiarazioni di nascita, esistenza in vita, decesso, matrimonio (compresi la capacità di contrarre matrimonio e lo stato civile), unione registrata (compresa la capacità di sottoscrivere un’unione registrata e lo stato di unione registrata), domicilio e/o residenza e assenza di precedenti penali. Inoltre, saranno previsti moduli multilingue standard per permettere ai cittadini di risparmiare tempo e denaro, evitando la necessità di ricorrere a traduzioni certificate.
Per far sì che i cittadini siano completamente consapevoli di queste procedure semplificate e dei nuovi moduli multilingue a disposizione, i deputati hanno approvato una disposizione che richiede alla Commissione e agli Stati membri di informare i cittadini delle nuove norme attraverso i propri siti web e il portale e-Justice.I deputati hanno inoltre previsto una disposizione che permetterebbe alle nuove norme di estendere il proprio campo dopo due anni ed essere così applicate ai documenti pubblici relativi allo status giuridico e la rappresentanza di una società, i diplomi e altri titoli di formazione e documenti pubblici che attestino un handicap riconosciuto ufficialmente, alla luce di un riesame che deve anche valutare l’opportunità futura di creare nuovi moduli multilingue. Il regolamento sarà presto pubblicato sulla Gazzetta ufficiale dell’UE ed entrerà gradualmente in vigore, per essere applicato interamente nel 2019.

Posted in Diritti/Human rights, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nuovo dispositivo da laboratorio che sfrutta la luce per individuare in tempo reale mutazioni genetiche nei pazienti con carcinoma colorettale

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2016

colon-retto tumoreUn biosensore nano-fotonico capace di sfruttare la luce per rilevare infinitesimali quantità di marcatori tumorali: è l’idea progettuale ritenuta migliore fra oltre 450 proposte pervenute all’Unione Europea nell’ambito del prestigioso schema di finanziamento Horizon 2020. ULTRAPLACAD, un consorzio europeo formato da 13 centri di eccellenza mondiale, svilupperà entro il 2017, con il supporto della Commissione Europea, un prototipo industriale di laboratorio che sarà testato clinicamente all’Istituto Nazionale Tumori Regina Elena. Per la prima volta attraverso la luce potranno essere individuati, in particolare nei pazienti con carcinoma colorettale, geni mutati e altre alterazioni a carico di microRNA. Il sensore sarà in grado infatti di leggere fasci di luce in uscita da un circuito microfluidico. Il progetto è rivoluzionario poiché con un semplice prelievo di sangue e senza bisogno di ricorrere alla biopsia tissutale sarà possibile avere informazioni sulla presenza o meno della malattia. Molti chiamano questa nuova metodica “biopsia liquida”. Non è tutto. Gli esperti ritengono che il biosensore ULTRAPLACAD darà in tempo reale indicazioni sull’estensione e la diffusione del tumore, su opzioni terapeutiche ottimali, sulla risposta della malattia alle terapie. Sarà dunque possibile monitorare i pazienti per l’intero decorso della malattia, ripetutamente, tramite un semplice prelievo ematico, a tutto vantaggio sia del paziente sia del medico, il quale potrà continuamente avere ‘il polso’ clinico-patologico del suo assistito. La biopsia liquida si candida come metodica ancillare a ogni terapia oncologica di precisione.Il biosensore nano-fotonico ULTRAPLACAD sarà testato entro un anno nel contesto di un trial clinico diagnostico che si svolgerà presso i laboratori dell’Istituto Regina Elena. E’ quanto è emerso dall’importante incontro che si è tenuto a Praga, a un anno esatto dall’inizio della sperimentazione e al quale hanno preso parte esperti mondiali in microfluidica, nanofotonica, plasmonica, chimica e scienze dei biosensori, oltre all’associazione che riunisce tutti i pazienti con carcinoma colorettale a livello europeo (EuropaColon). Dallo studio clinico si evidenzierà se la luce attraverso un congegno nanofotonico, può sostituire la biopsia che ancor oggi si utilizza per diagnosticare il cancro.“E’ motivo di particolare orgoglio per noi – dichiara Marta Branca, Commissario Straordinario degli IFO – essere stati scelti come sede primaria dei test clinici. E’ un onore e un grande onere. Siamo ansiosi di poter cominciare a saggiare i primi microchip, i cui stampi, che sono costati tanta fatica ai nostri colleghi chimici, fisici e ingegneri, giravano di mano in mano già a Praga.”
ULTRAPLACAD è un acronimo inglese che significa: rivelazione ultrasensibile dei tumori con metodi plasmonici. Lo schema di ULTRAPLACAD mostra come il marker tumorale, per esempio una mutazione genica, sia catturato nel biosensore e come questo segnale venga convertito in luce attraverso un sistema di amplificazione basato su nano-particelle, e sia poi captato da un biosensore plasmonico.“Captare segnali fotonici – illustra Giacomini che da anni si occupa di nano-immuno-teranostica presso l’IRE – e cioè luce, non molecole biologiche o particelle atomiche, è una tecnologia d’avanguardia. La luce, una entità che ci piace pensare immateriale, può fornirci risposte quanto mai concrete e pratiche a problemi diagnostici di ogni giorno, e ci aiuterà a curare in maniera ottimale sempre più pazienti, attraverso prelievi di sangue non invasivi.”Il “Gruppo Biopsia Liquida” dell’Istituto Regina Elena è formato da:
Anatomia Patologica: Edoardo Pescarmona, Marcella Mottolese, Simonetta Buglioni, Elisa Melucci, Beatrice Casini, Paolo Visca. Chirurgia Digestiva: Alfredo Garofalo, Fabio Carboni, Orietta Federici, Mario Valle. DMT Sarcomi: Roberto Biagini, Mariangela Novello. Ematologia: Andrea Mengarelli. Neurochirurgia: Carmine Carapella. Oncogenomica ed Epigenetica: Maria Giulia Rizzo, Andrea Pelosi, Matteo Allegretti, Elisa Tremante, Patrizio Giacomini. Oncologia Medica: Francesco Cognetti, Alessandra Fabi, Michele Milella. Patologia Clinica: Laura Conti, Aline Martayan, Anna Antenucci, Giovanni Cigliana, Roberta Merola. S.A.F.U.: Maurizio Fanciulli e Matteo Pallocca. http://www.ultraplacad.eu

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nove su dieci trascurano la propria pelle

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2016

melanoma-sulla-pelleSpesso rimandiamo la visita dal dermatologo, trascuriamo i problemi della nostra pelle per anni o ancor peggio ricorriamo al fai da te, al passaparola ad informazioni non certificate sul web perché siamo rassegnati a non guarire o pensiamo non ci sia un rimedio. Dalla ricerca Face Value Global Perception Survey1, condotta su 6.500 soggetti e pubblicata su Dermatology & Therapy sono emersi dati preoccupanti: 9 persone su 10 sono rassegnati a non migliorare la loro condizione, oltre il 25% ha affrontato il rossore cambiando il proprio stile di vita e la propria alimentazione e solo il 14% ha deciso di fare ricorso a cure mediche.“L’indagine ha confermato che la persona che soffre di un qualsiasi problema che accende il viso appare stressata, stanca, meno affidabile, insicura e priva di autocontrollo. Comprendere i fattori scatenanti che portano a rossore ed eruzioni cutanee è il primo passo per gestire al meglio questa condizione sia dal punto di vista medico sia dal punto di vista psicologico. La pelle è lo specchio del nostro vissuto e teatro delle emozioni, conferma Katia Vignoli psicoterapeuta, esperta in medicina psicosomatica”. Troppo spesso i problemi della pelle come rossore, comedoni e pustole sono minimizzati e considerati un mero problema estetico e quindi trascurati. In realtà un semplice rossore che appare sul viso o su qualsiasi altra zona del corpo è sempre legato ad una eccessiva dilatazione dei vasi sanguinei del derma e ad un relativo maggiore afflusso di sangue nella pelle che, nel tempo, può portare numerosi problemi che vanno dall’invecchiamento precoce a vere e proprie malattie. La dilatazione dei capillari causa inoltre un ristagno e provoca un aumento della temperatura superficiale e una maggiore stimolazione delle ghiandole sudoripare e sebacee. Ciò favorisce l’eccessiva crescita di acari (come il Demodex follicolorum) ritenuti responsabili di rossori persistenti, eritrosi e rosacea, una delle condizioni patologiche associate al rossore che in Italia colpisce oltre 3 milioni di persone. Per questo motivo è importante non sottovalutare i segnali che ci invia la nostra pelle.“Per questa patologia, precisa il Prof. Antonino Pietro, Direttore Scientifico dell’Istituto Dermoclinico Vita Cutis di Milano, è stata messa a punto una terapia innovativa a base di ivermectina (il cui impiego per il trattamento della malaria è valso il Premio Nobel per la Medicina ai ricercatori che lo hanno scoperto) che ha rivoluzionato il trattamento della rosacea papulo-pustolosa e che ha proprietà sia antinfiammatorie che antiparassitarie. Un recente studio3 ha dimostrato l’efficacia di ivermectina rispetto al placebo ottenendo un tasso di successo, definito come assenza o notevole riduzione delle papule e delle pustole, rispettivamente del 38.4% e del 40.1%. Una estensione a 40 settimane dello stesso studio4 ha dimostrato che i pazienti sotto ivermectina crema hanno continuato a migliorare con minimi effetti collaterali rispetto ai pazienti trattati con acido azelaico, una terapia largamente impiegata per la rosacea”.Anche per l’acne, che spesso accompagna anche la rosacea, sono stati fatti grossi passi avanti negli ultimi anni. Oggi retinoide e benzoilperossido (2,5%) possono essere associati in un unico prodotto ed essere quindi applicati insieme. Ad esempio, Galderma ha sviluppato un farmaco che associa proprio questi due principi attivi, in particolare adapalene e benzoile perossido per la cura dell’acne. “Il farmaco, continua il prof. Di Pietro, agisce su due fronti: da una parte il benzoile perossido (BPO) impedisce al Propionibacterium acnes di proliferare; dall’altra l’adapalene, retinoide sintetico di terza generazione, agisce grazie alle sue proprietà antinfiammatorie e di riduzione delle lesioni (proprietà comedolitica). Associando il BPO si ottiene un effetto antimicrobico ma, non trattandosi di un antibiotico, non si favorisce lo sviluppo di antibiotico-resistenza”. Numerosi sono i disturbi della pelle e i rimedi locali ma è sempre essenziale rivolgersi allo specialista perché il trattamento sbagliato può addirittura peggiorare la situazione.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Virtù nascoste degli aminoacidi

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2016

aminoacidsiNel 2010, con uno studio pubblicato sull’autorevole Cell Metabolism, si era dimostrato un ‘elisir di lunga vita’, oggi si propone, in un nuovo lavoro pubblicato online sulla rivista internazionale di ricerca Antioxidants and Redox Signaling, come soluzione per un problema sicuramente rilevante e frequente in chi quotidianamente prende una categoria di farmaci – le statine – che tanta parte hanno nella prevenzione delle malattie cardiovascolari in chi ha colesterolo elevato o altri fattori di rischio.Stiamo parlando degli aminoacidi, o meglio di “una miscela di aminoacidi arricchita in aminoacidi a catena ramificata, cioè leucina – il più importante per le sintesi proteiche -, isoleucina e valina”, spiega Enzo Nisoli, del Dipartimento di Biotecnologie Mediche e Medicina Traslazionale dell’Università degli Studi di Milano, che ha coordinato i tre gruppi di ricerca coinvolti nei due studi. “Si tratta di un mix di sostanze fondamentali per l’organismo che, somministrato ai topi di laboratorio con la dieta giornaliera, aveva dimostrato la capacità di allungare la sopravvivenza media di circa il 12%. Oggi, nello stesso tipo di animale, la miscela si è mostrata protettiva nei confronti di un rilevante effetto collaterale che si può manifestare in chi prende le statine. Infatti, secondo molti studi, fino al 10 o addirittura al 20% di chi utilizza questa categoria di farmaci può sviluppare una qualche forma di danno muscolare o miopatia. Tali condizioni si possono manifestare con dolori e crampi muscolari o affaticamento, anche se molte volte rimangono asintomatiche”, prosegue Nisoli. Lo studio, condotto utilizzando una miscela che ha la stessa composizione di un integratore alimentare già disponibile in farmacia – Aminotrofic, che contiene 11 aminoacidi cosiddetti essenziali, perché non sintetizzabili dall’organismo, e quindi ottenibili solo con l’alimentazione – “ha evidenziato che questa miscela evita le alterazioni strutturali e funzionali delle cellule muscolari negli animali trattati con la rosuvastatina”, aggiunge Giuseppe D’Antona, Direttore del Centro di Medicina dello Sport di Voghera dell’Università degli Studi di Pavia e coautore del lavoro. La questione non è di poco conto, se si considera che nel mondo, ogni giorno, sono più di 400 milioni le persone che fanno uso di statine. “Ma potrebbero aumentare di molto – dice ancora Nisoli – perché le ultime linee guida americane per il trattamento dell’ipercolesterolemia – elaborate nel 2013 dall’American College of Cardiology e dall’American Heart Association – anche se tuttora oggetto di ampio dibattito nella comunità scientifica, tendono ad allargare la platea di persone che potrebbe trarre beneficio dall’impiego di statine. Tanto è vero che un editoriale di JAMA, già un paio di anni fa, ipotizzava il raggiungimento in pochi anni del miliardo di utilizzatori, sulla base di queste indicazioni.” “Certo, i nostri sono studi condotti sull’animale, ma rappresentano sicuramente un’importante indicazione per la prevenzione di una complicanza che costringe spesso chi ha bisogno di assumere le statine a dover sospendere la terapia”, sostiene Nisoli. Gli studi clinici nell’uomo, svolti con questa miscela di aminoacidi, dimostrano una notevole efficacia nel migliorare i deficit muscolari nei pazienti anziani o in quelli affetti da sarcopenia, cioè con ridotta massa e funzione dei muscoli, o ancora in soggetti con problemi respiratori cronici, che spesso si accompagnano a diminuita capacità all’esercizio fisico. “Il nostro impegno adesso – conclude Nisoli – sarà quello di estendere gli studi anche alle persone che assumono le statine. Ma fin da ora ci sembra di poter dire che la supplementazione con specifiche miscele di aminoacidi sia efficace per migliorare la fitness muscolare, soprattutto degli anziani”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La prima dell’opera Cendrillon di Massenet

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2016

Cendrillon

Jules MassenetCendrillon (Aschenputtel)Oper in vier Akten [1899] | In französischer SpracheMusikalische Leitung: Henrik NánásiInszenierung: Damiano MichielettoBühnenbild: Paolo FantinKostüme: Klaus BrunsDramaturgie: Simon BergerChöre: Andrew CrooksLicht: Alessandro CarlettiAuf dem BildZoe Kissa (Dorothée), Agnes Zwierko (Madame de la Haltière), Mirka Wagner (Noémie)Foto: Monika RittershausVeröffentlichung bei Nennung des Fotografen für Ankündigungen der Produktion an der Komischen Oper Berlin honorarfrei.Reproductions for program announcements covering the production at the Komische Oper Berlin are free of charge, if the photographer is fully credited.

Cendrillon1

Jules Massenet Cendrillon (Aschenputtel) Oper in vier Akten [1899] | In französischer Sprache Musikalische Leitung: Henrik Nánási Inszenierung: Damiano Michieletto Bühnenbild: Paolo Fantin Kostüme: Klaus Bruns Dramaturgie: Simon Berger Chöre: Andrew Crooks Licht: Alessandro Carletti Auf dem Bild Nadja Mchantof (Cendrillon), Mari Eriksmoen (La Fée), Statisterie Foto: Monika Rittershaus Veröffentlichung bei Nennung des Fotografen für Ankündigungen der Produktion an der Komischen Oper Berlin honorarfrei. 

Berlino domenica 12 giugno 2016 alle ore 19.00, alla Komische Oper di Berlino la prima dell’opera Cendrillon di Massenet messa in scena da Damiano Michieletto. Un debutto davvero speciale, nel segno delle “prime volte”: è infatti la prima volta che Damiano Michieletto mette in scena uno spettacolo a Berlino, ed è il primo regista italiano dal 1947 a lavorare alla Komische Oper. Dopo aver messo in scena La cenerentola di Rossini al Festival di Salisburgo nel 2014, il regista veneto si misura nuovamente con la fiaba di Charles Perrault, questa volta nella versione tardo-romantica, piena di sogno e di magia, creata dal celebre compositore francese. “L’opera è interamente incentrata sulla felicità dei due protagonisti e sulle minacce che devono superare – dice Michieletto – li ho quindi pensati come due ballerini che hanno hanno appena interpretato Cenerentola. Durante il ballo lei è caduta e si è rotta una gamba. Lo spettacolo è stato interrotto e la protagonista è in ospedale. Su ordine del padre/produttore, il ballerino deve trovare una nuova partner per il balletto, ma nessuna sembra essere all’altezza. Forse perché lui sogna di ritrovare Luciette, la sua compagna”.Le scene dello spettacolo – in cartellone a Berlino fino al 10 luglio – sono firmate da Paolo Fantin, i costumi da Klaus Bruns e le luci da Alessandro Carletti. La direzione musicale è affidata a Henrik Nánási. Protagonisti sul palco sono Nadja Mchantaf nel ruolo di Cendrillon; Karolina Gumos in quello del Prince Charmant; Agnes Zwierko come Madame de la Haltière; Mari Eriksmoen nei panni della Fée; mentre Werner van Mechelen ricopre il ruolo di Pandolfe. Dopo Cendrillon a Berlino, Damiano Michieletto sarà al Rossini Opera Festival di Pesaro per una nuova produzione de La donna del lago, diretta da Michele Mariotti, con Juan Diego Flórez, in scena dall’8 agosto. In autunno poi, tornerà all’Opéra di Parigi per una nuova produzione di Samson et Dalila di Saint-Saëns, con Anita Rachvelishvili e Aleksandrs Antonenko, in scena dal 4 ottobre. (foto: cendrillon)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Buchi neri per non farsi ingoiare dall’esistente

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2016

buchi neriRoma Galleria Consorti via Margutta 52. È una ragnatela di buchi neri, ma potrebbero anche essere pani carbonizzati, usciti dal forno d’un maldestro fornaio. Dio d’un perso Eden che, come il creatore dei nativi americani, s’è scordato gli umani in forno e ne sono venuti fuori esseri carbonizzati. Presa di coscienza e denuncia dello stato di fragilità del vivere contemporaneo sono alla base delle opere che Vito Bongiorno sperimenta da un decennio. Da ultimo mediante l’uso d’un elemento primordiale, oscuro e inaridito come il carbone che esprime l’inquinamento morale e materiale in cui rotola il globo. Dopo L’Italia brucia, dove l’artista (Alcamo nel 1963) presentava una grande e fragile Italia di carbone, a descrivere un paese lacerato dalla crisi non solo economica ma culturale e sociale, Bongiorno va oltre, preannunciando un’oscura soglia di crisi, un buco nero di non ritorno. “Black holes”, la sua personale romana alla Galleria Consorti di via Margutta, è un monito, un’esortazione a non lasciarci inghiottire dai buchi neri che la società d’oggi edifica giorno dopo giorno, con le sue ragnatele in grado d’invischiare il pensiero in ogni forma d’inazione, o mala azione. Presagi, segnali, sono in ogni dove, si mostrano agli occhi dello spettatore in grado di coglierli e dall’animo non invischiato in traiettorie filamentose di carbone. (In)finiti spezzoni di una salvabile esistenza, di una vita che brucia senza ardere o riscaldare, offuscata nel nerofumo che la circonda. Buchi neri da evitare, da cui cercare a ogni modo lo scampo per non farsi ingoiare dall’esistente. (by Maurizio Zuccari) (foto: buchi neri)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Leave a Comment »

XI edizione della Giornata Nazionale per la lotta contro leucemie, linfomi e mieloma

Posted by fidest press agency su sabato, 11 giugno 2016

ailE’ in programma il 21 giugno 2016. E’ stata promossa dall’AIL. L’iniziativa, posta sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, è organizzata per raccontare i progressi della Ricerca e per essere sempre più vicini ai pazienti con incontri, iniziative di sensibilizzazione e raccolta fondi organizzate in molte città.In occasione della Giornata Nazionale, martedì 21 giugno sarà attivo uno speciale Numero Verde AIL – Problemi Ematologici 800.22.65.24, al quale otto illustri ematologi risponderanno per offrire informazioni sulle malattie ed i centri di terapia.Appuntamento centrale della Giornata sarà, anche quest’anno, “…Sognando Itaca”, un lungo viaggio solidale in barca a vela nel Mar Adriatico e nel Mar Ionio in programma dal 4 al 21 giugno da Trieste a Itaca. L’iniziativa ha lo scopo di promuovere la vela come metodo terapeutico volto alla riabilitazione psicologica e al miglioramento della qualità della vita dei pazienti. (foto ail)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »