Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 15 giugno 2016

Premio Rita Levi-Montalcini, plauso di Teva Italia alla giovane Alice Laroni

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 giugno 2016

rita levi montalciniIl premio Rita Levi-Montalcini, ormai da più di 15 anni, viene assegnato dalla Fondazione dell’Associazione Italiana Sclerosi Multipla (AISM) per riconoscere l’impegno e il valore dei giovani ricercatori nella lotta contro la SM. Un premio meritato due volte: “Avevo la possibilità di continuare a lavorare ad Harvard”, spiega Alice Laroni, ricercatrice presso il Dipartimento di Neuroscienze (DINOGMI) dell’Università di Genova, “ma ho deciso di ritornare in Italia: nel Dipartimento in cui lavoro, a differenza di quanto accade Oltreoceano, la mia attività di ricerca si affianca sempre a quella di assistenza ai pazienti”. Coautrice di 21 pubblicazioni sulla SM, Alice Laroni si aggiudica il premio per i risultati ottenuti sia per la ricerca di base sulle cause che possono scatenare la patologia, sia per la ricerca clinica sui nuovi trattamenti, in particolare quelli che utilizzano le cellule staminali mesenchimali (ovvero una cellula staminale adulta, immatura e indifferenziata).Continua Alice Laroni: “Conoscere i pazienti, parlare con loro, individuarne le principali esigenze e difficoltà non solo è motore dell’entusiasmo e della passione che muovono la mia ricerca, ma è anche una fonte inesauribile di quesiti clinici, punto di partenza essenziale per qualsiasi studio”.“Teva Italia si complimenta con la giovane ricercatrice Alice Laroni, vincitrice 2016 del premio Rita Levi-Montalcini”. A dirlo è Enrica Bucchioni Direttore Medico di Teva Italia. “Crediamo molto nella ricerca, tanto è vero che per anni abbiamo finanziato alcuni progetti di ricerca del Dipartimento di Neuroscienze, Oftalmologia e Genetica dell’Università di Genova presso il quale Alice lavora”. “Crediamo che Alice continuerà a distinguersi nella sua attività di ricerca”, conclude Enrica Bucchioni, “e sarà sicuramente così: è solo dall’attenzione verso il paziente che è possibile ottenere grandi risultati. Un’attenzione che noi di Teva mettiamo in tutto quello che facciamo: dalla ricerca alla produzione dei farmaci, attraverso la garanzia di sostenibilità per il Sistema Sanitario”.
Teva Pharmaceutical Industries Ltd. (NYSE e TASE: TEVA) è una delle principali aziende farmaceutiche mondiali che offre soluzioni di cura di alta qualità e su misura a milioni di pazienti ogni giorno. Con sede in Israele, Teva è il più grande produttore di farmaci equivalenti al mondo e grazie al suo portfolio di oltre 1.000 molecole produce una vasta gamma di farmaci equivalenti per quasi tutte le aree terapeutiche. Teva, nel settore dei farmaci specialistici, è leader mondiale per i trattamenti innovativi nelle aree del Sistema Nervoso Centrale, della terapia del dolore e del sistema respiratorio. Teva integra la ricerca e lo sviluppo globale con le proprie competenze nel campo dei farmaci equivalenti e specialistici per formulare nuove risposte ai bisogni insoddisfatti dei pazienti combinando sviluppo di farmaci, dispositivi, servizi e tecnologie. Il fatturato netto di Teva ha raggiunto $ 19,7 miliardi nel 2015.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Sace: Nuove nomine

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 giugno 2016

Beniamino QuintieriL’Assemblea degli Azionisti di SACE (Gruppo Cdp) ha nominato oggi i nuovi membri del Consiglio d’Amministrazione per il triennio 2016-2018. Con l’intento di allineare la governance alle migliori prassi internazionali di settore, il Consiglio d’Amministrazione è stato allargato da cinque a sette membri, tre dei quali indipendenti. Il Consiglio sarà presieduto da Beniamino Quintieri.
Fanno il loro ingresso in Consiglio d’Amministrazione come indipendenti: Marilisa Allegrini, Federico Merola, Dante Roscini. Riconfermate nella carica su nomina di Cdp Simonetta Iarlori e Antonella Baldino, rispettivamente Chief Operating Officer e Head of Development Finance di Cdp. Il Consiglio d’Amministrazione, riunitosi al termine dei lavori dell’Assemblea degli Azionisti, ha nominato Alessandro Decio Amministratore Delegato e Direttore Generale della Società.
Con la nomina di Alessandro Decio si avvia un nuovo ciclo di ulteriore sviluppo per SACE, presso cui – secondo quanto indicato dal Piano Industriale 2016-2020 del Gruppo Cdp – sarà costituito un polo unico per l’internazionalizzazione a servizio del sistema imprenditoriale italiano attraverso l’integrazione e il rafforzamento delle attività assicurativo-finanziarie dedicate al sostegno di export e crescita internazionale delle imprese italiane (“progetto one-door”). L’obiettivo di rafforzare la competitività internazionale del sistema imprenditoriale italiano che sarà realizzato tramite l’integrazione dei servizi di SACE con quelli erogati da Cdp per l’export e da SIMEST. Come esplicitato nel Piano Industriale del Gruppo Cdp, questo nuovo aggregato dovrà mobilitare risorse per 63 miliardi di euro entro il 2020. L’Assemblea ha anche provveduto a deliberare le nomine del nuovo Collegio Sindacale, che risulta così composto: Franco Tutino (Presidente), Roberta Battistin e Giuliano Segre (Sindaci effettivi), Antonia Di Bella e Francesco Di Carlo (Sindaci supplenti). Nel formulare ai nuovi amministratori i propri auguri di buon lavoro, l’Assemblea ha ringraziato Consiglieri e Sindaci uscenti, esprimendo particolare gratitudine al Presidente Giovanni Castellaneta e all’Amministratore Delegato Alessandro Castellano per l’importante lavoro svolto. (foto: beniamino quintieri)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Congresso mondiale di chirurgia vascolare

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 giugno 2016

padovaPadova Nei giorni 16, 17 e 18 giugno 2016 si svolgerà presso il centro culturale Altinate San Gaetano di Padova la terza edizione del Congresso Internazionale di Chirurgia Vascolare “VIP, Vascular International Padova Congress”. Il congresso è organizzato dalla chirurgia vascolare dell’Azienda Ospedaliera/Università di Padova e ed è il terzo evento a caratura mondiale che fa parte di un progetto unico nel suo genere. Tra le finalità del progetto c’è in primis quella di far interagire in ogni edizione un gruppo di specialisti qualificati provenienti da ogni parte del mondo così da istituire un network scientifico di altissimo livello.
Quest’anno saranno presenti leader scientifici provenienti da 32 paesi del Mondo.In quest’ottica il progetto VIP vuole essere promotore di progetti di ricerca e di interscambi culturali tra le diverse aree del mondo coinvolte favorendo contatti e affiliazioni a società scientifiche nazionali ed internazionali. In ogni evento del Congresso mondiale, sono previste delle sessioni dedicate ai giovani al fine di promuovere la partecipazione di studenti e specializzandi – soprattutto stranieri. VIP vuole inoltre incentivare la partecipazione dei giovani ai progetti di ricerca e alla partecipazione ad eventi scientifici internazionali. Il progetto VIP (Vascular International Padova Congresses) nato nel giugno del 2012 con l’obiettivo di creare degli eventi congressuali su scala mondiale inerenti alla chirurgia vascolare, privilegia in ogni edizione un’area geografica diversa. Il primo evento, sottotitolato Europe meets Latin America, è stato dedicato ai chirurghi vascolari dell’America Latina mentre la seconda edizione del giugno 2014 Europe meets North America è stata dedicata ai chirurghi vascolari del Nord America. L’edizione di quest’anno è finalizzata all’incontro dei chirurghi vascolari Asiatici Europe meets Asia e prevederà una sessione congiunta con una delle principali società scientifiche cinesi – Endovascolgy, Shanghai. Il Convegno realizzato per gli esperti, rappresenta un fiore all’occhiello non solo della nostra azienda ma della sanità italiana.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

No EU visa-free travel for Turks, if rule of law is undermined, say MEPs

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 giugno 2016

turchiaIf Turkey goes on undermining rule of law principles and stripping Members of the Turkish Parliament of their immunities, then it should not expect to be granted an EU visa-free regime, said Foreign Affairs Committee MEPs on Tuesday in a debate with Selahattin Demirtaş, co-chair of pro-Kurdish Peoples’ Democratic Party (HDP). They also voiced solidarity with Mr Demirtaş’ efforts to revive the Kurdish peace process talks.Mr Demirtaş, the leader of one of Turkey’s major opposition parties, noted that his country is living through extraordinary times, as its constitution is suspended, political and media rights are violated, and Turkish MPs are stripped of their immunities. Coupled with the halt of Kurdish peace process talks, this has become an “Erdoğan strategy” to ignite national feelings and make President Recep Tayyip Erdoğan “a single man in power”, Mr Demirtaş explained.MEPs were worried by Mr Demirtaş’ claims, that the Turkish opposition might be put behind bars as soon as next week, given that the Turkish public prosecutor is filing terrorist propaganda charges. Several MEPs stated that with the opposition in prison and rule of law principles neglected, Turkey should not expect to get an EU visa-free regime any time soon.
A large majority of MEPs expressed solidarity with Mr Demirtaş’ efforts to revive the Kurdish peace process talks and called on him to denounce the violence and terrorist attacks. He agreed that “the solution is not in violence or firearms, but in negotiations”, calling on the European Parliament act as a mediator to this end. Asked by several MEPs about the future of the EU-Turkey migration deal, the HDP leader said that refugees “are not a big burden for us […], but they can only return to their homeland if there is stability in Syria.” He also noted that President Erdoğan should not be taking decisions alone on the future of EU-Turkey relations or the annulment of EU-Turkey deals.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“A changing world order”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 giugno 2016

parma universitàParma Giovedì 16 giugno alle ore 17, nell’Aula Magna (Palazzo Centrale di via Università 12) l’Ateneo ospiterà Iqbal Riza, Consulente Speciale delle Nazioni Unite (già Capo di Gabinetto durante il mandato di Kofi Annan), che incontrerà il pubblico con un intervento dal titolo “A changing world order”. Durante l’incontro, che verrà introdotto dal Rettore Loris Borghi, verranno trattati argomenti di estrema attualità, quali le aspettative disattese della globalizzazione, i conflitti e i flussi migratori.L’incontro si prefigge di dare continuità all’evento organizzato lo scorso anno, incentrato sul ruolo che i medici, così come tutte le persone coinvolte nelle professioni sanitarie, e in generale le istituzioni depositarie del sapere quali le Università, possono svolgere nel percorso di educazione alla pace e alla coesistenza pacifica tra i popoli.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Si è concluso il terzo anno del Laboratorio di Comunicazione “Non sei un nemico!”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 giugno 2016

carlo climatiSi è concluso all’Università Europea di Roma il terzo anno d’attività del Laboratorio di comunicazione “Non sei un nemico!”, fondato e diretto dal giornalista Carlo Climati.“Non sei un nemico!” è il motto, l’idea di base del laboratorio, che ha l’obiettivo di sensibilizzare i giovani ad una nuova forma di comunicazione, che non veda nell’altro un nemico. Gli studenti sono incoraggiati a vedere gli altri con uno sguardo nuovo, a creare linguaggi che possano rappresentare un ponte verso tutti, contribuendo all’accoglienza e all’abbattimento di muri, ostacoli, sospetti e diffidenze. Anche quest’anno il laboratorio, teorico e pratico, ha esplorato le diverse forme di comunicazione del mondo di oggi: dal giornalismo ai social network, dalla musica alla radio, dalla televisione ai fumetti, dalle relazioni virtuali al dialogo nella vita quotidiana.
Sono intervenuti numerosi ospiti: Fabio Colagrande, giornalista di Radio Vaticana, che ha parlato di fede, arte e comunicazione; Michele Zanzucchi, direttore di Città Nuova, con un incontro sul dialogo con l’Islam; la scrittrice Laura Badaracchi, che ha spiegato come raccontare il mondo del volontariato e del sociale; Edoardo Izzo e Alvaro Vargas Martino, giornalisti del Farodi Roma, con consigli e proposte per il futuro dei giovani nella comunicazione; Don Mauro Leonardi, sacerdote e blogger, con due riflessioni su come costruire ponti con gli altri; Antonio Gaspari, direttore di Zenit, che ha evidenziato il valore delle buone notizie per creare linguaggi nuovi e costruttivi; Don Giacomo Pavanello e Tommaso Colella della Comunità Nuovi Orizzonti, che hanno parlato delle dipendenze da droga, alcool e gioco d’azzardo e dell’importanza del dialogo per cominciare una vita nuova.
Il Laboratorio di comunicazione “Non sei un nemico!” fa parte delle attività di responsabilità sociale dell’Università Europea di Roma, che ha tra i suoi obiettivi principali la formazione della persona. Una formazione che consenta non solo l’acquisizione di competenze professionali, ma che orienti anche i giovani ad una crescita personale e ad uno spirito di servizio per gli altri.
Le attività del Laboratorio riprenderanno ad ottobre 2016, con il nuovo anno accademico. (foto: carlo climati)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Defining English Beauty

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 giugno 2016

English BeautyLondon – Infatuation with arresting beauty has always compelled artists to produce masterpieces and four superb works are included in Christie’s 250th anniversary sale, Defining British Art, to be held in London on the evening of 30 June 2016: Dante Gabriel Rossetti’s Portrait of Jane Morris, bust-length (circa 1870, illustrated above left), Sir Joshua Reynolds’ Portrait of Lucy Long, Mrs George Hardinge (1820, illustrated above centre left), Frederic Leighton’s Pavonia (circa 1859, illustrated above centre right) and Lucian Freud’s A Girl (Pauline Tennant) (circa 1945, illustrated above right).Paying homage to the true joy of beauty, it is evident how these four portraits transcend and evolve notions of Keats’ timeless sentiment. To a contemporary eye, it is only clear how in relation to the celebrities of the 21st Century, these women continue to be celebrated as representatives of 180 years of beauty.
“As Keats described beauty so perfectly in his in poetry, so generations of British painters have been entranced by the most beautiful women of their day. These Muses inspired many of our finest British artists to execute their greatest works. Unwittingly these Muses have shaped the history of British painting from the beginnings of great English portraiture in the 18th Century when Christie’s was founded.” – Jussi Pylkkänen, Global President of Christie’s International. (photo: English Beauty)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Barnebys, the world’s largest art and auction search engine

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 giugno 2016

BARNEBYSIf you have spotted a potential treasure at an online auction site and want to buy it, what are the experts tips for securing the item and avoiding pitfalls? Barnebys, the world’s largest art and auction search engine, covering 1,600 auction houses internationally with 1.5m monthly visitors, has a few important suggestions.There has been a revolution in online buying habits around the world and auctions are no stranger to this phenomenon. Many of the top auction houses – Christie’s, Sotheby’s, Phillips – report that up to 25% of their bids now come in over the internet. There are also phone bidders and of course those people in the saleroom bidding in the traditional way, holding up a paddle number at first and then just nodding as required.The following ten tips are for those people who would like to start accessing this world of auctions online but are unsure about the process. It’s mysterious to many and confusing to some, but really its just another way of shopping. These tips should help you to get started and to have fun.
Barnebys offers a very useful free research facility. Instead of trawling through hundreds of auction house websites to find what you are looking for, simply insert what you want into the Barnebeys site and it will tell you who is selling such items, where they are and what they are being estimated at. In effect you have all the worlds major auction houses under one roof. And the service is free to site visitors. It is in effect a Google for the art and collectables auction world. So do start by creating a ‘search alert’ at Barnebys to be sure you don´t miss the thing you really want! Find out more at Barnebys.co.uk
The estimate is just an indication: Remember, the estimate for the item in the catalogue is just that, merely an indication of what the piece is worth. If lots of people want the item the cost can spiral, but if fewer are interested you might bag a bargain. (photo: Barnebys)

Posted in Estero/world news, recensione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mark Climate Technology delivers air handling units to “De Broodfabriek”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 giugno 2016

Climate TechnologyThe Expo and Event Centre “De Broodfabriek” (formerly known as Darling Market) in Rijswijk (The Netherlands) has been equipped with a complete new heating system. To create the best possible indoor climate in the complex, Mark Climate Technology has delivered five air handling units. Additionally, five Mark air curtains have been installed to prevent that cold comes in through the loading and unloading doors during the winter months. Because the new heating system is more quiet and the event centre can be easier pleasantly heated, “De Broodfabriek” has been able to strengthen its position as an event location.The Mark Climate Technology air handling units placed on the roof are of the type AHU2520 and AHU3525. Together the units have a total maximum air flow of 117,000 m³/h with a nominal capacity of 1455 kW. The direct fired air curtains are placed above the overhead doors, which are 5 x 5 meter. Each air curtain contains a pilot burner of which the pilot light burns continuously, which makes sure the unit can be activated fast. Furthermore, the air curtain operates through two air flows: a primary (the air heater) and a secondary (residual heat from up in the hall) air flow. Since 1945 Mark Climate Technology (www.markclimate.com) has been manufacturer of climate control equipment: air heating, radiant heating, ventilation equipment and air handling units. Mark is based in Veendam (the Netherlands) and, together with branches in Ireland, Germany, Belgium, Poland and Romania, serves the whole of Europe.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

«Tante Sicilie, perché?» Gesualdo Bufalino, L’isola plurale in Cere perse

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 giugno 2016

palazzo reale palermoPalermo Giovedì 16 giugno 2016 ore 20,30 Chiostro della Galleria d’Arte Moderna (Via Sant’Anna 21) Lo scrittore Tahar Ben Jelloun, esempio di impegno civile per una cultura della tolleranza e dell’accoglienza, l’antropologo Marco Aime, che ha più volte indagato i concetti di identità, alterità e integrazione, il pianista jazz Danilo Rea, improvvisatore dalla spiccata sensibilità interpretativa, e l’attore Edoardo Siravo, artista versatile del panorama teatrale, televisivo e cinematografico italiano, inaugurano la nuova rassegna turistico-letteraria Paesaggi di mare. E’ un incontro ispirato alle parole di Gesualdo Bufalino «Tante Sicilie, perché?» (L’isola plurale in Cere perse) sui temi del dialogo, dello scambio e delle differenze e trarrà spunto dall’ultimo romanzo dell’autore franco-marocchino, Il matrimonio di piacere (La Nave di Teseo). Una serata che vedrà la presentazione al pubblico di cinque itinerari turistici alla scoperta della Sicilia come luogo simbolo di tante identità culturali e di tradizioni legate al mare, il primo dei quali è Al Idrisi e il Libro di Ruggero. La Sicilia vista dal mare (da Palermo a Monreale, da Cefalù a Milazzo, da Messina a Taormina, da Aci Castello a Siracusa, da Noto ad Agrigento, da Sciacca a Castelvetrano, da Mazara del Vallo a Marsala, a Trapani, a Carini).Paesaggi di mare è un progetto itinerante all’insegna della letteratura, della musica e del teatro, volto a esplorare il territorio siciliano, partendo dalle sue città di mare e dalle molteplici influenze culturali che in passato Fenici, Greci, Romani, Bizantini, Arabi e Normanni hanno avuto sulla storia dell’isola.È promosso dall’Assessorato Turismo Sport e Spettacolo della Regione Siciliana, presieduto da Anthony Emanuele Barbagallo che ha fortemente voluto l’iniziativa, nell’ambito del progetto interregionale Mare e miniere di Mare che intende valorizzare i giacimenti di mare e i luoghi di estrazione mineraria vicini alla costa, con il loro hinterland. La direzione artistica è affidata ad Antonella Ferrara, presidente di TaoBuk-Taormina International Book Festival. L’individuazione degli itinerari è a cura della Rotta dei Fenici – Itinerario Culturale del Consiglio d’Europa e dell’Organizzazione Mondiale del Turismo, di cui è direttore Antonio Barone.I cinque itinerari proporranno un viaggio esperienziale, impregnato di suggestioni e sensazioni, attraverso i tanti luoghi di rilevanza storica, artistica, paesaggistica ed enogastronomica legati al mare e alle saline di mare, dalle potenzialità turistiche non ancora esplorate. Gli appuntamenti culturali svilupperanno un tema fondante che caratterizza le opere degli ospiti italiani e internazionali presenti, legandosi con il territorio e la cultura della Sicilia, per creare momenti di riflessione su argomenti di attualità e rendere omaggio a luoghi emblematici che hanno ispirato tante pagine di letteratura. Dopo il primo incontro sono attesi: lo scrittore Santo Piazzese, il giornalista Gaetano Savatteri, lo storico Giovanni Brizzi, il chitarrista Francesco Buzzurro, l’attore David Coco (sabato 1 ottobre, Marsala); lo scrittore Matteo Collura, il critico d’arte Vittorio Sgarbi, il pianista e trombettista Dino Rubino, l’attore e regista Vincenzo Pirrotta (sabato 22 ottobre, Siracusa); la scrittrice Dacia Maraini, il giornalista Felice Cavallaro, il Nello Toscano Quintet, l’attrice e regista Lucia Sardo (domenica 6 novembre, Agrigento); lo scrittore cileno Luis Sepúlveda, il giornalista Alberto Bilà, il sassofonista Francesco Cafiso, l’attore Mariano Rigillo (giovedì 17 novembre, Catania).

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Brexit e investitori privati

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 giugno 2016

londraLondra. La data del referendum si avvicina mentre di pari passo crescono i timori degli investitori, in particolare di quelli inglesi che, con portafogli fortemente esposti all’azionario inglese (il comparto più a rischio in caso di Brexit), temono di andare incontro a pesanti perdite.“Dal nostro punto di vista, un’ampia diversificazione sarebbe il modo più semplice per ridurre il rischio correlato all’esito del referendum”, spiega Marco Jean Aboav, Macro Portfolio Manager di MoneyFarm.“Una maggiore diversificazione dal punto di vista geografico e delle asset class in portafoglio, avrebbe aiutato, da un lato, a ridurre la rischiosità dell’investimento nel breve termine, dall’altro, a ottenere rendimenti migliori nel lungo temine”.Come ricordato nell’editoriale di qualche settimana fa (Brexit, inizia il conto alla rovescia a un mese dal referendum) a cura di Marco Jean Aboav, Macro Portfolio Manager di MoneyFarm, uno degli aspetti che più preoccupa è quello legato al tasso di cambio.“Il picco d’incertezza sulla sterlina contro l’euro si verificherà infatti tra due mesi e sebbene il mercato preveda una normalizzazione da qui ad un anno, a nostro avviso, questa richiederà invece un lasso di tempo ben più lungo”“Comprare una copertura per il rischio di cambio può risultare complesso per un investitore fai da te, inoltre il costo al momento risulta molto elevato per i recenti sondaggi sulla Brexit che hanno mostrato un riallineamento tra le 2 parti.” “Un semplice modo per ridurre l’incertezza quando ci si trova ad affrontare un rischio politico di questo genere è investire in un portafoglio ben diversificato che riduce la situazione tipica in cui l’investitore tende a allocare maggiormente capitale nel proprio paese di residenza.Intanto è bene ricordare che in uno scenario di Brexit gli asset che sono in grado di performare meglio sono:
• l’oro, il solito bene rifugio
• i titoli governativi tedeschi, i titoli obbligazionari considerati più sicuri
L’azionario inglese potrebbe riservare performance negative, mentre non si esclude un intervento della Bank of England tramite un allentamento dei tassi di interesse, favorendo così le obbligazioni governative inglesi.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

PICASSO: Arlecchino con specchio (Arlequin au miroir)

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 giugno 2016

picassoNapoli. Venerdì 17 giugno 2016 alle ore 11.30 si terrà alle Gallerie d’Italia – Palazzo Zevallos Stigliano, via Toledo 185 sede museale di Intesa Sanpaolo a Napoli, la preview della mostra Arlecchino con specchio (Arlequin au miroir), capolavoro di Picasso proveniente dal Museo Thyssen-Bornemisza di Madrid che rimarrà esposta al pubblico dal 17 giugno all’11 settembre 2016.
Il dipinto, che fa parte della serie dei grandi “Arlecchini seduti” realizzati nel corso del 1923, è una delle opere più amate e popolari di Picasso, e rimanda alla prima produzione dell’artista, il cosiddetto “periodo blu e rosa” dove compaiono, insieme agli artisti del circo – acrobati, pagliacci e saltimbanchi – le maschere di Arlecchino e Pierrot, che simboleggiano la condizione emarginata dell’artista.
Contemporaneamente alla mostra di Napoli, dal 21 giugno al 18 settembre 2016, il Museo Thyssen-Bornemisza ospita all’interno della mostra Caravaggio y los pintores del Norte, il dipinto della collezione Intesa Sanpaolo Il Martirio di sant’Orsola, ultima tela realizzato da Caravaggio a pochi mesi dalla morte, abitualmente esposto a Palazzo Zevallos Stigliano. (foto: picasso)

Posted in Diritti/Human rights, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Eshkol Nevo al Festival Letteratura Massenzio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 giugno 2016

Eshkol NevoRoma Martedì 21 Giugno BASILICA DI MASSENZIO Via dei Fori Imperiali 21.00 – ingresso gratuito arriva lo scrittore israeliano Eshkol Nevo. E’ l’autore de La Simmetria dei desideri a Roma.
Eshkol Nevo è nato a Gerusalemme nel 1971. Dopo un’infanzia trascorsa tra Israele e gli Stati Uniti ha completato gli studi a Tel Aviv e intrapreso una carriera di pubblicitario, abbandonata in seguito per dedicarsi alla letteratura. Il nonno dello scrittore Eshkol Nevo era Levi Eshkol, che fu primo ministro in Israele dal 1963 al 1969. Il nome di Levi Eshkol è stato fatto di recente da Amos Oz, a proposito dell’attacco israeliano alla nave di soccorsi umanitari ai palestinesi di Gaza. Oggi, Eshkol Nevo insegna scrittura creativa in numerose istituzioni. Oltre a Nostalgia, in classifica in Israele per oltre sessanta settimane e vincitore nel 2005 del premio della Book Publishers’ Association e nel 2008 a Parigi del FFI-Raymond Wallier Prize, Nevo ha pubblicato La simmetria dei desideri, Neuland e il bellissimo Soli e Perduti. Vi partecipano, altresì, per altri giorni, altre memorie: EDOARDO ALBINATI e GIANCARLO DE CATALDO. Le letture sono di Lucia Mascino e la musica con Gabriele Coen, (sax soprano e clarinetto) Gianfranco Tedeschi (contrabbasso)
(foto: Eshkol Nevo)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nation Brander, dagli USA una nuova figura professionale

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 giugno 2016

unione italiani nel mondoNegli ultimi anni si è diffusa una sempre maggiore attenzione nei confronti delle problematiche connesse con la gestione dell’immagine nazionale.In Italia, in particolare, la necessità di massimizzare l’attrazione di investimenti esteri e la necessità di contrastare fenomeni come l’Italian sounding, sta rapidamente ponendo all’attenzione degli addetti ai lavori, l’importanza di mettere in campo strategie comunicative collegate alla promozione dell’immagine del nostro Paese, attraverso strumenti di Public Diplomacy e Nation Branding. La Public Diplomacy è una disciplina molto diffusa nel mondo anglosassone, ed in particolare negli Stati Uniti, che si pone l’obiettivo di influenzare la percezione che un’opinione pubblica straniera ha di un dato Paese. Collegato alla Public Diplomacy, il Nation Branding, svolge un ruolo operativo mirato specificamente alla gestione dell’immagine e della reputazione di una Nazione e vede nel Nation Brander la sua figura professionale di punta.Carmelo Cutuli, professionista della Comunicazione e delle Relazioni Pubbliche, da anni impegnato nella promozione dell’immagine del nostro Paese all’estero e ‘Nation Brander’ ante-litteram, ha recentemente scritto sul suo Blog personale http://www.cutuli.it, punto di riferimento nazionale per i comunicatori e gli esperti delle Relazioni Pubbliche, un post che tratteggia le linee essenziali del Nation Brander, sottolineando come essa sia “destinata ad evolversi presto da settore di specializzazione a vera e propria figura professionale” e scommettendo che in un prossimo futuro “il Nation Brander sarà una figura ampiamente riconosciuta e diffusa nel anche nel nostro Paese”.Cutuli, ha inoltre abbozzato una ideale ‘job description’ del Nation Brander, partendo dalla base formativa, il Nation Brander deve necessariamente acquisire tutte le tecniche che “possano permettergli un’agevole analisi in merito alla gestione del posizionamento, dei punti di forza e debolezza e dell’analisi dei risultati, per cui sicuramente una laurea in economia, comunicazione o marketing può costituire una base tecnica fondamentale.”Sono però l’esperienza e le skill necessariamente trasversali rispetto ai settori della Comunicazione, dell’Informazione giornalistica, delle Relazioni Pubbliche e dello stesso Marketing a caratterizzare maggiormente il profilo e, tra le soft skill, “pure le attitudini cullturali ed artistiche, abbinate ad un’atteggiamento aperto e multi-culturale, possono sicuramente risultare di grande utilità permettendo al Nation Brander professionista di riconoscere gli aspetti basilari di altre culture e interagire con essi attraverso tool comunicativi creati ad-hoc.” Orientare l’opinione pubblica è sempre un’operazione delicata e lo risulta maggiormente quando l’opinione pubblica è di un altro paese, per cui probabilmente un aspetto importantissimo che caratterizza questa nuova figura è quello dell’apertura mentale.
Cutuli, che può vantare un’esperienza ventennale nel settore della Comunicazione e delle Relazioni Pubbliche, siede nel Board della Italian American Chamber of Commerce of Midwest di Chicago ed è General Secretary to Italy del Civitan International, identifica anche gli eventuali sbocchi professionali per un Nation Brander, “già oggi sono molteplici potendo questa figura essere impiegata con profitto presso ogni realtà che ponga fra i propri obiettivi istituzionali la promozione dell’immagine del Paese, o anche di un territorio, presso un pubblico straniero. Possono essere pertanto interessate le Ambasciate italiane all’estero, gli Enti di promozione nazionali e territoriali, le PA territoriali, Associazioni e Fondazioni culturali etc. “
“Il Nation Brander – afferma Cutuli – si pone quindi come profilo di alto livello, dagli sbocchi professionali molteplici e sicuramente in espansione, valutabile anche dal punto di vista dell’impegno civico, in quanto testimonial internazionale delle eccellenze di un Paese.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

A Pisa un summit internazionale per comprendere le cause dell’infarto

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 giugno 2016

pisaSi svolgerà a Pisa dal 16 al 18 giugno il quarto “International Summit on Ischemic Heart Disease”, dedicato all’ischemia cardiaca. L’ischemia indica una riduzione della quantità di sangue e ossigeno che arriva al cuore, dovuta al restringimento di una coronaria: la conseguenza più grave è l’infarto. Il restringimento dell’arteria è considerata una malattia da deposito di colesterolo, quindi provocata dall’aterosclerosi, ma questa condizione oggi non è più indicata come l’unico determinante per l’ischemia cardiaca. Si è capito infatti che l’aterosclerosi è in realtà un processo infiammatorio attivo, responsabile dell’evoluzione e delle complicazioni delle lesioni arteriose, e negli ultimi anni è stata rivolta una particolare attenzione al microcircolo coronarico, che può contribuire all’insorgenza di ischemia miocardica anche in assenza di aterosclerosi. Con queste premesse, si può capire perché un intervento di rivascolarizzazione di una coronaria chiusa può risolvere provvisoriamente un’angina o un’ischemia, ma non è in grado di proteggere da eventi trombociti successivi e nemmeno di eliminare la malattia. Il rischio quindi è che i problemi cardiaci possano ripresentarsi nonostante il trattamento.A partire da queste premesse, lo scopo del quarto “International Summit on Ischemic Heart Disease” è di esplorare le diverse cause dell’ischemia sia per avere una diagnosi più precisa, sia per Individuare nuove terapie. L’evento, organizzato dal Dipartimento Cardio Toracico dell’Università degli Studi di Pisa e promosso dalla Fondazione Internazionale Menarini, si svolge dal 16 al 18 giugno 2016 all’Auditorium “G. Toniolo”, Opera della Primaziale, Piazza Duomo 17, Pisa.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Prima edizione dell’India Film Fest

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 giugno 2016

casa del cinemaRoma dal 16 al 18 giugno, alla Casa del Cinema di Roma Largo Marcello Mastroianni 1, si terrà la prima edizione dell’INDIA FILM FEST: 3 giorni di cinema, a ingresso libero, con circa 30 ore di proiezioni, per offrire uno sguardo sull’India, raccontata attraverso film di recente produzione ancora inediti in Italia, documentari e grandi classici della cinematografia indiana.Giovedì 16 giugno alle ore 16:00 aprirà la rassegna il film “Viaggio in India” che accompagnerà il pubblico alla scoperta del subcontinente indiano, affascinante, colorato e intenso, anche con le sue contraddizioni.La pellicola che inaugurerà ufficialmente la manifestazione alle ore 18:30 è il film d’azione spettacolare “Bang Bang”, un’anteprima assoluta, a inviti, introdotta dal distributore italiano Angelo Bassi (Mediterranea Production), con protagonisti due famosi attori di Bollywood: Hrithik Roshan e Katrina Kaif (alle ore 21:30 lo stesso film sarà replicato ad ingresso libero per il pubblico).
casa del cinema1Un’interessante panoramica sul cinema e sulla cultura indiana: da Bollywood, con i suoi colori e le sue musiche trascinanti, a quello sguardo contemporaneo sempre più maturo in termini narrativi e stilistici. L’India Film Fest è anche un’occasione per conoscere ancora di più il mercato cinematografico indiano e le sue grandi opportunità.Contemporaneamente alle proiezioni, nel Teatro all’aperto di fronte al Bar della Casa del Cinema tutti i pomeriggi si potranno seguire classi di Kundalini Yoga, come insegnato dal Maestro indiano Yoghi Bhajan. Lo spazio yoga sarà aperto dalle 17 alle 21 il 16 e 17 giugno, e dalle 17 alle 19 l’ultimo giorno.Gli insegnanti del Centro Olistico Acrsd Victory proporranno sequenze, esercizi e meditazioni adatte a chi vuole accostarsi con semplicità a questa nobile disciplina. Il contributo richiesto è di euro 10 una tantum per tutte lezioni. Mantra, asanas (posizioni del corpo) e Mudra (posizioni delle mani) invaderanno con la loro antica saggezza la Casa del Cinema, portando nell’arte e nella cultura occidentali la sapienza e la profondità dell’India.
Venerdi 17, sarà anche Il giorno dedicato a uno dei più grandi mercati cinematografici del mondo con il focus “Cultura, cinema e mercato dell’audiovisivo in India e in Asia”. Alle ore 11.00 in Sala Volontè, interverranno produttori, esperti del mercato indiano, cinese, autori internazionali e rappresentanti delle istituzioniSempre venerdì alle ore 15:00 un classico della cinematografia indiana “Monsoon casa del cinema2Wedding” della regista Mira Nair, Leone d’oro al miglior film alla 58ª Mostra del Cinema di Venezia. A seguire, alle ore 15:30 in sala Kodak, la prima pellicola dedicata allo yoga “Finding Happiness – Vivere la Felicità” con la presentazione del suo produttore italiano Marco Bessi. Quindi, alle ore 17:45, il film “Lunchbox”, presentato alla Settimana Internazionale della Critica al Festival di Cannes 2013 vincendo il Critics Week Viewers Choice Award e poi al Toronto International Film Festival. Una donna che combatte contro l’ingiustizia sociale sarà la protagonista del film “Gulaab Gang” che verrà presentato, alle ore 18:00 in sala Kodak, dal produttore indiano Anubhav Sinha. Alle ore 19:30, il regista Italo Spinelli introdurrà “Gangor”, presentato al Festival del Cinema di Roma, vincitore di un nastro d’argento, film di denuncia sulla condizione della donna in India. In sala Kodak alle ore 21:00 sarà proiettato il documentario “Visitindia”, introdotto dalla regista Patrizia Santangeli, uno spaccato sulla comunità di indiani Sikh di Sabaudia.La pellicola “Tezz”, action thriller hindi che dimostra quant’è ormai forte la cinematografia di Mumbai, chiuderà le proiezioni della giornata alle ore 21:30.
Sabato 18 alle ore 15:00 verrà proiettato il documentario “Bollywood – The greatest love story ever told”, presentato al Festival di Cannes, sui film in lingua Hindi prodotti a Mumbai, vera “chicca” per gli appassionati del genere “Bollywood”.
A seguire, il “focus” sulla regista indiana Deepa Metha con due proiezioni, alle 17:00 il film “Water – Il coraggio di amare”, ultimo della trilogia degli elementi dopo “Fire” e “Earth”, premiato al Toronto International Film Festival e candidato all’Oscar come miglior film straniero, e alle 21:30 “I Figli della Mezzanotte” tratto dall’omonimo romanzo del famoso scrittore indiano Salman Rushdie, che ha partecipato anche alla sceneggiatura del film, che chiuderà la giornata e la manifestazione. (foto: casa del cinema)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Costituzione Carlo Magno e un Senato dei popoli

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 giugno 2016

la-costituzione-della-repubblica-italianaQuesto incontro di Perugia “per il No allo stravolgimento della Costituzione” riunisce, in diversi Comitati, socialisti, cattolici, democratici, ex comunisti, partigiani, sindacalisti e dunque riproduce lo spirito stesso della Costituzione che nacque nel ’47 da un incontro di tante libertà diverse, unitesi per generare un popolo alla libertà. È proprio questo pluralismo che ora è sotto accusa. Nel nuovo linguaggio fiorentino esso è definito “un’ammucchiata”; ed è questa ammucchiata che la nuova Costituzione insieme all’Italicum, avrebbe lo scopo di impedire, come ha detto Renzi parlando ai Coltivatori diretti a Milano, prima della sconfitta e ha ripetuto poi a La 7 e in ogni altra occasione, dopo la sconfitta. In questa propaganda del SI si sente tutto il fascino della legge Acerbo, del listone, degli editti bulgari, si sente l’orrore del politicamente diverso. L’idea è che ogni cinque anni, di lustro in lustro, un solo partito deve governare, un solo partito deve dominare il Parlamento, fare le leggi, scrivere la Costituzione, controllare i poteri, un solo partito deve invadere la televisione, decidere le guerre da fare; e siccome c’è la democrazia dopo cinque anni può forse venirne un altro, ma sempre da solo. E questa è anche la vera ragione della cancellazione del Senato. La ragione è che il permanere del Senato costringerebbe chi comanda a dialogare con altre forze ideali e politiche, perché se questo confronto – grazie a una maggioranza schiacciante – lo si può evitare alla Camera, non lo si può evitare anche al Senato. Uno può fare una legge Acerbo, può fare una legge truffa, può fare un Italicum per una Camera, ma non lo può fare per tutte e due; allora è meglio abolire una Camera, è meglio invece di avere una democrazia intera avere una democrazia dimezzata, invece di avere una democrazia abbondante, cioè ricca delle idee, delle speranze e dei bisogni di tutti i cittadini, come volevano fare i costituenti del 47, avere una democrazia ridotta, una democrazia sfoltita. Ma il pluralismo, il dialogo, l’incontro tra forze diverse è il senso stesso della democrazia, è la condizione perché si faccia non il bene privato di qualcuno, ma si faccia il bene comune. Invece il pensiero che c’è dietro questa riforma è un pensiero nettamente reazionario: chi ha il potere lo deve avere da solo, non può perdere tempo a confrontarsi e a discutere con gli altri, fossero pure i membri del suo stesso partito: con quelli, ha detto Renzi ci vuole il lanciafiamme.Ora bisognerebbe spiegare a questi fautori del governare da soli (che è il loro modo di concepire la “governabilità”) , che il lavorare con gli altri, lo stare insieme con gli altri non è di per sé un male; lo è se con gli altri ci si sta in modo falso, corruttore, non se ci si sta in modo aperto e leale. È un male se ci si sta come ora con Verdini, non come alla Costituente socialisti e comunisti stavano con i democristiani. Il male non è l’associazione, è l’associazione a delinquere.
Allo stesso modo solitario con cui è concepito il governo, la nuova Costituzione che ci viene proposta per rimpiazzare la prima, è il prodotto di un solo partito, non è l’espressione e il frutto di più pensieri, di più libertà. Il suo testo si è andato costruendo sotto l’imperio dei voti di fiducia, ed anche per questo è venuto scritto così male, sicché forse ne è uscita fuori la Costituzione più brutta del mondo (con diversi errori di grammatica e di sintassi costituzionale, dice un documento di “Città dell’uomo”, l’associazione di Lazzati). La nuova Costituzione si è fatta coi voti di fiducia: ma se il voto di fiducia è uno strumento legittimo nel rapporto tra Parlamento e governo, è del tutto illegittimo nel rapporto tra governo e Costituzione, perché il governo non è un potere costituente, è un potere costituito, e ha giurato alla Costituzione che c’è, non a quella che vorrebbe che ci fosse. Non può cambiarla d’autorità, usando arbitrariamente i poteri che la Costituzione gli ha dato. Perciò diciamo che la nuova Costituzione non è stata concepita nella libertà ed è stata votata nel ricatto.Il ricatto è estorcere un comportamento sotto la minaccia di un male. Il male per un parlamentare è per esempio di essere rimosso da una commissione e poi essere escluso dalle liste dei candidati. Il male per un popolo è dirgli: se non votate la mia Costituzione vi pianto e vi lascio nei guai, con l’invasione dei profughi dal Mediterraneo, il debito aumentato, i patti leonini imposti da Bruxelles e gli americani che vogliono farci fare la guerra alla Libia. E’ vero che il ricatto è un’arma della politica: al vertice di Portorico nel giugno 1976 Francia, Germania, Inghilterra e Stati Uniti ricattarono l’Italia perché non facesse entrare i comunisti nel governo, poi Kissinger ricattò Moro perché si opponesse al compromesso storico, e abbiamo visto come è andata a finire. I poteri economici sempre ricattano quelli politici perché riducano i diritti e la Troika ha ricattato la Grecia togliendole perfino il pane; ma almeno la Costituzione dovrebbe essere libera dai ricatti, sia nei confronti dei parlamentari, sia nei confronti del popolo, altrimenti non è la Costituzione della Repubblica, è la Costituzione della mafia.Ed ecco che ci sono duecentocinquanta intellettuali che voteranno SI alla riforma; però ci hanno tenuto a dire che sarà “un Si pacato”; ma essi dovrebbero sapere che è proprio quando il ricattato è pacato, che il ricatto funziona. Un Sì pacato è un Sì controvoglia, sembra frutto di un trascinamento, di un’autoflagellazione intellettuale, di un “vorrei ma non posso”, come si sono mostrati i Sì di Cacciari e di Benigni.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Corso di perfezionamento in Food Sciences dell’Università di Parma

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 giugno 2016

parma universitàParma Dal 4 al 6 luglio si terrà il primo modulo del Corso di perfezionamento in Food Sciences, nato per favorire la positiva interazione tra università e impresa, istituzioni, ambiente, cultura e capitale umano offrendo uno strumento agile di formazione permanente agli studenti e alle imprese in un territorio dove notoriamente hanno sede alcune tra le principali realtà agroalimentari del made in Italy alimentare, e dove la cultura di impresa nel food è la storia stessa dello sviluppo economico e sociale del territorio.Tutti gli incontri, ad iscrizione obbligatoria, si terranno nell’Aula A del plesso FoodProject Area (Pad. 19) all’interno del Campus Universitario (Parco Area delle Scienze n.47/48, Parma).Per gli studenti del corso di laurea triennale in Scienze e Tecnologie Alimentari e Scienze Gastronomiche, nonché del corso di laurea magistrale in Scienze e Tecnologie Alimentari, per i dottorandi e i laureati dell’Ateneo entro due anni dalla laurea, l’attività formativa è gratuita. Per gli esterni il costo di partecipazione al modulo è pari a 500 euro suddivisibile in tranche di 200 euro a giornata. Gli iscritti all’albo dei Tecnologi Alimentari avranno diritto a un sconto del 10 % sulla quota di iscrizione, previa attestazione dell’iscrizione. Le iscrizioni sono aperte fino al 1 luglio 2016.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Trasporto pubblico locale. I sogni dell’Antitrust cozzano con il regime dei partiti

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 giugno 2016

trasportoL’Antitrust ha fatto una indagine sul trasporto pubblico locale, partendo dal presupposto che il settore sia arretrato e in perdita, con introiti che coprono appena il 30% dei costi ed un uso molto limitato da parte dell’utenza (14,6%). Ed ha indicato le “ricette” per venirne fuori: a fronte di un mercato per l’affidamento (gare) e mercato per la gestione (concorrenza) scarso o inesistente, l’Autorita’ auspica migliore qualita’ con risvolti economici ed ambientali, migliore offerta rispetto alle esigenze dell’utenza, fine dei conflitti di interesse con le societa’ partecipate che gestiscono i servizi (1).
Una sorta di libro dei sogni, quindi. Come, purtroppo spesso accade per gli interventi di questa Autorita’ che agisce a garanzia del mercato e della concorrenza. Libro dei sogni perche’, pur se il lavoro dell’Agcm dovrebbe servire al legislatore ed all’amministratore per agire di conseguenza, quasi sempre rimane come una generica linea di indirizzo o -peggio- una litania che viene utilizzata per giustificare azioni e iniziative che sono il perfetto contrario. Motivo? Il regime dei partiti, che imperversa a livello locale, regionale e nazionale. Senza eccezioni per destra e sinistra, con l’aggiunta dei sindacati che, credendo di garantire in questo modo il lavoro dei loro iscritti, opponendosi spesso ad ogni innovazione che abbia a che fare col libero mercato, stracciano nell’immediato i diritti degli utenti e, a piu’ lungo respiro, il mercato del lavoro (il binomio concorrenza=lavoro viene considerato una sorta di mostro ammazza redditi e lavoratori). Regime dei partiti che non ha nessun interesse a modificare lo status quo, perche’ e’ su quest’ultimo che alimenta una propria sopravvivenza basata su clientelismo, sistemazione dei propri
accoliti nelle posizioni di potere e sottopotere, sia nella partecipate che gestiscono i servizi che negli organismi politici decisionali regionali, locali e nazionali. Siamo eccessivi? Non crediamo. Ne abbiamo viste talmente tante in questi ultimi decenni e su tutto quello che in materia di mercato e concorrenza e’ stato ribadito dall’Antitrust (indagini multe, ordinanze, etc), e tutte disattese, che non abbiamo elementi per potere sperare nel contrario. Un esempio: il confronto tra i candidati a Sindaco di alcuni importanti Comuni come Roma. E’ di ieri la notizia che i due contendenti (M5S e Pd) hanno giurato che di privatizzazione del trasporto pubblico locale nella capitale non se ne parla neanche, ma riforma di qui e riforma di la’, efficienza di qua ed efficienza di la’, tagli di qua e tagli di la’… cioe’ niente che abbia a che fare con le analisi e le motivazioni che hanno portato l’Antitrust al documento diffuso oggi. I voti di quelli che campano intorno all’Atac sono tanti e sembra che sia faticoso (o difficile per ignoranza) far capire loro che il posto di lavoro si difende e si amplia rivoltando il marcio e non rammendando i buchi.
Lunga vita all’Antitrust, quindi. Ma solo per sognare. Che gli utenti e i cittadini ne facciano tesoro quando vanno a votare, quando si esprimono in ogni luogo pubblico o privato, attraverso i media o nei propri posti di lavoro. L’Antitrust auspica un opera di cambiamento per modificare le marci radici del sistema… ma per ora il regime vince sul sistema, controllandolo e drogandolo.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scavi di Pompei: Chiusura temporanea dell’Anfiteatro

Posted by fidest press agency su mercoledì, 15 giugno 2016

pompei dove il tempo si è fermatoL’Anfiteatro di Pompei chiuderà temporaneamente al pubblico dal 15 giugno (dalle ore 18,30) fino al giorno 25 giugno, al fine di consentire gli interventi di disallestimento della Piramide sede temporanea della Mostra Mito e Natura che ha visto in esposizione reperti organici e affreschi di “Nature Morte”.La Mostra che chiuderà il 15 giugno per la parte espositiva della Piramide, continua con l’itinerario tematico all’interno dell’area archeologica nelle domus di recente restauro che caratterizzate da splendidi giardini e spazi verdi appositamente risistemati o ripristinati.L’Anfiteatro, che riaprirà regolarmente alle visite il 26 giugno, sarà sede privilegiata dei concerti di David Gilmour il 7 e 8 luglio e di Elton John il 12 luglio, nonché della Mostra “Pink Floyd. Live at Pompeii. The exhibition by Adrian Maben” che sarà aperta in anteprima il 21 giugno in occasione della Festa della Musica, indetta dal Ministero per i beni e le attività culturali e i Turismo in tutti i siti statali e museali oltre che in piazze e parchi d’Italia.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »