Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 16 giugno 2016

Abortion Drone: flight to Northern Ireland

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 giugno 2016

irelandOn Tuesday 21 June, 2016 at 10.00 am the abortion drone will fly abortion pills from Ireland to Northern Ireland at Narrow Water.
The Abortion Drone is a collaboration between Alliance for Choice; Rosa; Labour Alternative and Women on Waves. It is an all-island act of solidarity between women in the north and the south to highlight the violation of human rights caused by the existing laws that criminalise abortion in both the north and south of Ireland except in very limited circumstances.The Abortion drone will mark the different reality for Irish women to access safe abortion services compared to women in other European countries where abortion is legal. The different laws in both countries allow for a drone to fly abortion pills lawfully from the South to the North.
The drone will start its journey at 10.00 AM near Cornamucklagh House at the R173 road in Ireland. After the abortion drone flight, there will be a protest in front of the Court of Appeal in Belfast at 2.30 pm when the appeal regarding the decision by the High Court that Northern Ireland’s abortion law breaches the European Convention on Human Rights will be heard.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | 1 Comment »

From distraction to action – towards a bold Energy Union Innovation Strategy

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 giugno 2016

pellerin-carlinWith its Energy Union Research Innovation and Competitiveness Strategy (EURICS), the EU can kill three birds with one innovative stone: to boost its competitiveness, Europe should become the global provider of low-carbon solutions, an objective best achieved democratically – with citizens at the centre and in the driving seat of Innovation. To do this, this policy paper by Thomas Pellerin-Carlin, research fellow at the Jacques Delors Institute and Pierre Sebkine, End-User Architect at KIC InnoEnergy, argues that:
Europe needs a renewed approach to competitiveness and put innovation at its core.
Innovation is much more than technology. EURICS thus needs to embrace all human and social aspects of how people produce, consume and use energy. It should foster the appropriation of energy, integrate social sciences, valorise maintainers and promote frugal innovation.
The solutions for a carbon-neutral economy and energy system stem from public-private cooperation, EURICS should also seek to transform conservative business into energy transition tigers. This notably involves to complete a cultural paradigm shift: demystify failure and unleash the entrepreneurship potential lying in researchers and employees.
In a post-Paris world, the EU must do more to support energy-climate research. It can for instance create the European Climate Energy Labs: an interdisciplinary basic and applied research centre based on a single location to foster the development of disruptive technologies and ideas enabling the global transition towards a carbon-neutral society in this century.
Innovation is more legitimate when it is democratic. The EU should therefore create a citizen-based instrument to steer European energy innovation: a digital platform where innovators and citizens can co-create innovations that are democratically selected, and financed by citizens, business angels, local communities and the EU. On this platform, EU budget allocation would be very simple: where an EU citizen invests one euro, the EU invests one euro. Supported projects can then become a start-up or an intrapreneurship project.(photo: pellerin-carlin)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Member States should use €1.3bn budgetary reflow for refugee aid, say BUDG MEPs

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 giugno 2016

Commissione-europeaBudgets Committee MEPs approved on Wednesday the Commission proposal to amend the 2016 EU budget in order to include a positive balance from 2015. The €1.3 billion reflow must be returned to member states through a decrease in their contributions. MEPs however urge them to use it to honour their pledges in relation to the refugee crisis and match the Union contribution to the two dedicated Trust Funds.MEPs note “with concern” that in spring 2016, “Member States have only contributed €82 million to the Africa Trust Fund and €60 million to the Madad Trust Fund on the Syrian crisis, while the Union’s contributions stand at €1.8 billion and more than €500 million respectively”. The positive balance of €1.3bn results from more revenue than expected (mainly from exchange rates differences and from competition fines cashed in towards the end of 2015) and from minor under-implementation of the expenditure.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Water in a sustainable future: 11th Assembly of the European Christian Environmental Network

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 giugno 2016

conferenceThe 11th Assembly of the European Christian Environmental Network met at the Culture Centre Sofia in Helsinki from 11 to 15 June. More than 80 delegates from 23 countries from all regions of Europe gathered for a time of prayer, discussion, and networking.The Assembly took place shortly after the historic Paris Agreement on climate change. The theme—“Water in a sustainable future”—was developed around the relationship between climate change, the water cycle, and efforts for sustainable development. The Assembly offered a venue for sharing and strengthening cooperation, and to further encourage the churches’ work in the post-Paris era. Presentations addressed the theme from scientific, policy, and theological perspectives. An opening presentation from the Rt Rev. Graham Usher, Bishop of Dudley (Church of England) underscored the biblical and sacramental importance of water in the Christian tradition. The conference also gave the experts gathered an opportunity to discuss church action on climate change with church leaders from Finland. Throughout the assembly there was strong cooperation with the churches in Finland, including in keynote presentations from Archbishop Kari Mäkinen (Evangelical Lutheran Church of Finland) and Bishop Irja Askola, Bishop of Helsinki (Evangelical Lutheran Church in Finland). Metropolitan Ambrosius of Helsinki (Orthodox Church of Finland) took a special interest in the group. He offered special greetings to ECEN delegates during the liturgy at Uspenski Cathedral on Sunday, offered morning prayers at Sofia, and participated in the assembly proceedings with a keynote presentation. Helsinki Cathedral (Evangelical Lutheran Church of Finland) and St. Henry’s Cathedral (Roman Catholic) in Helsinki also warmly received visits from ECEN delegates during their morning worship services.At the close of the Assembly, the delegates approved a statement emphasising the theological and biblical imperative to work for water justice, and a call to action for individuals and churches. For the full text of the statement, please click here. A number of delegates came from ecumenical youth organisations and ECEN made a commitment to enhance youth participation in the network leading to its next assembly. For a complete programme and list of speakers, please click here.The European Christian Environmental Network is a network of the Conference of European Churches promoting cooperation in caring for creation. For more about ECEN, please click here. For daily updates from the Assembly, please visit the CEC website. (photo: conference)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Remittances bring economic stability to families and countries, says IFAD president on International Day

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 giugno 2016

agricolturaOn the International Day of Family Remittances, Kanayo F. Nwanze, President of the International Fund for Agricultural Development (IFAD), calls for greater recognition of the vital financial contribution migrants make to the economic stability of their families and countries.“The remittances sent back to relatives provide a lifeline, particularly to tens of millions of families living in fragile or post-conflict societies,” Nwanze said. “Remittances can help rebuild the fabric of societies, spark economic development, and bring the stability necessary for a hopeful future.”In 2015, some 250 million migrants living outside their countries of origin sent nearly US$450 billion back home in remittances. Over the same period, 60 million people were forcibly displaced due to violent conflict and political upheaval, including 20 million refugees who fled across international borders. Although headlines and news reports often focus on the number of migrants and refugees on the move, Nwanze stressed that a fundamental reality is often overlooked. “No matter how many people leave their home countries to escape poverty or conflict, many more remain behind,” he said. “It is important to focus on those living in distressed regions where the positive impact of remittances can count the most.”Nwanze cited Lebanon, Sri Lanka, and El Salvador as examples of conflict societies that have been rebuilt with the help of remittances. More recently, IFAD-supported activities among the Somali diaspora in Europe and the United States have resulted in targeted investments that have had a positive impact on Somalia’s agriculture sector. Over the last decade, IFAD has piloted remittance programs in more than 40 developing countries, helping to aid the flow of funds and giving families more options to invest their money and create opportunities for business development and employment. As an indication of the transformative potential of remittances, Nwanze said that the new Sustainable Development Goals have set a target of 15 years to end extreme poverty. Within this time, migrants abroad will have sent an accumulated $7.5 trillion to their hometowns in developing countries.On 19 September, the UN Plenary Session on Large Movements of Refugees and Migrants will address the treatment and wellbeing of the millions of migrants and refugees and their families back home. Taken together, it is estimated that one out of every seven people on earth – more than one billion individuals – are directly impacted by remittances.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Aircraft noise associated with hypertension and organ damage

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 giugno 2016

ipertensione_polmonareSophia Antipolis Long term exposure to aircraft noise is associated with hypertension and organ damage, reveals research presented today at the EuroPRevent 2016 meeting by Marta Rojek, a researcher at Jagiellonian University Medical College in Krakow, Poland.1
“The volume of air traffic has skyrocketed since jet powered planes were introduced in the 1960s,” said Ms Rojek. “According to the International Civil Aviation Organization, there were 64 million take-offs and landings in 2013 and this figure is set to double in the next 20 years.”2She continued: “The steady growth in air traffic and expansion of airports, along with the development of residential areas near airports, has led to more people being exposed to aircraft noise. There is emerging data to suggest that exposure to aircraft noise may increase the risk of hypertension, particularly at night, and of hospitalisation for cardiovascular diseases – but more evidence is needed.”3,4,5 The current study assessed the impact of aircraft noise on the development of hypertension and associated asymptomatic organ damage. It included 201 randomly selected adults aged 40 to 66 years who had lived for more than three years in an area with high or low aircraft noise. Of these, 101 were exposed to more than 60 decibels (dB) of aircraft noise on average and 100 were exposed to less than 55 dB and acted as a control group.For the analysis, the researchers matched the groups in pairs by gender, age, and amount of time living in the area. All participants had their blood pressure measured. Asymptomatic organ damage was assessed by measuring stiffness of the aorta6 and the mass and function of the left ventricle. The investigators found that the group who lived in an area of high aircraft noise had more hypertension than those who lived in a low aircraft noise area (40% versus 24%). They also had higher systolic (146 versus 138 mmHg) and diastolic (89 versus 79 mmHg) blood pressure than the control group. When they looked at the indicators of asymptomatic organ damage, the researchers found that those who lived near high aircraft noise had stiffer aorta and higher left ventricular mass. The measurements of left ventricular function were less conclusive.
“Our results suggest that living near an airport for three years or more is associated with an increased risk of high blood pressure and hypertension,” said Ms Rojek. “These changes may then lead to damage of the aorta and heart which could increase the risk of having a heart attack.” She added: “European Union regulations say that countries must assess and manage environmental noise7, and there are national laws on aircraft noise. Poland stipulates a maximum of 55 dB around schools and hospitals and 60 dB for other areas. Noise can be kept below those levels by using only noise-certified aircraft, redirecting flight paths, keeping airports away from homes, and avoiding night flights. Ms Rojek concluded: “More work is needed to enforce laws on exposure to aircraft noise as it is detrimental to our health. We also need further research to understand how the damage occurs and whether it can be reversed.”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

ACS journals are again among the most cited in chemistry; flagship journal achieves best Impact Factor ever

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 giugno 2016

washingtonWASHINGTON. The peer-reviewed journals of the American Chemical Society (ACS) are once again the most-cited and/or most-impactful scientific journals in 14 scientific categories, including six core chemistry categories, according to the 2015 Journal Citation Reports® (JCR)*, released on Monday, June 13, by Thomson Reuters. The citation-based rankings, which measure the influence and impact at both the journal and category levels, underscore the depth, breadth and quality of the research published across the Society’s preeminent portfolio of journals.The 2015 JCR affirmed the continued high impact and scientific importance of ACS’ oldest and most renowned peer-reviewed journal — the Journal of the American Chemical Society (JACS) — as a forum for publishing essential, fundamental research of perceived significance. JACS achieved its highest-ever Impact Factor at 13.038, and ranked ahead of both Wiley and the German Chemical Society’s Angewandte Chemie (11.709), as well as the Royal Society of Chemistry’s Chemical Science (9.144). JACS continues to be the Society’s flagship publication, as the most-cited peer-reviewed journal in chemistry, with more than 500,000 total citations in 2015, up 3 percent from 2014.Two-thirds of the 46 ACS journals featured in the report had a JCR Impact Factor of 4.0 or higher, with a Society portfolio median of 4.820. Seventeen journals posted their highest Impact Factors ever. In total, ACS journals were cited more than 2.76 million times in 2015, up from 2.6 million citations in 2014, for an increase of 6 percent. Despite publishing only 6 percent of the journals reviewed in the chemistry category, ACS journals are responsible for over 30 percent of the citations (over 2 million), an indicator of their high relevance and value to chemists and the research libraries that support them.
New ACS journals that were eligible for review by Thomson Reuters for the first time received strongly competitive inaugural Impact Factors, illustrating the value ACS adds to the dissemination of quality research in new or emerging fields of science. ACS Photonics achieved an impressive Impact Factor of 5.404, ranking as one of the top 10 journals in the Optics category. Environmental Science & Technology Letters received an Impact Factor of 4.839, making the top 10 list for the Engineering, Environmental category. This significant ranking reaffirms the success and impact of the journal’s parent journal, Environmental Science & Technology, which saw an increase in its Impact Factor to 5.393.”I am delighted to see the impressive increases in Impact Factor for ACS journals; this is a direct reflection on the dedication and commitment of our journal editors, editorial boards and referees,” said James Milne, Ph.D., senior vice president, Journals Publishing Group of ACS Publications. “ACS journals are synonymous with high quality, high impact and unparalleled global readership. Coupled with some of the fastest publication times, one can see why researchers submit their best work for publication in our internationally acclaimed titles. I’d like to thank our authors, editors and referees for their continued support in making ACS journals the premier publications in their fields.”
ACS Publications, a division of the American Chemical Society, is a nonprofit scholarly publisher of nearly 50 peer-reviewed journals and a range of eBooks at the interface of chemistry and allied sciences, including physics and biology. ACS Publications journals are among the most-cited, most-trusted and most-read within the scientific literature. Respected for their editorial rigor, ACS journals offer high quality service to authors and readers, including rapid time to publication, a range of channels for researchers to access research via the Society’s award-winning web and mobile delivery platforms, and a comprehensive program of open access options for authors and their funders. ACS Publications also publishes Chemical & Engineering News — the Society’s news periodical for the global chemistry enterprise, covering science and technology, business and industry, government and policy, education and employment aspects of the chemistry field. The American Chemical Society is a nonprofit organization chartered by the U.S. Congress. With nearly 157,000 members, ACS is the world’s largest scientific society and a global leader in providing access to chemistry-related research through its multiple databases, peer-reviewed journals and scientific conferences.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The European Union Agency for Fundamental Rights

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 giugno 2016

viennaVienna 20 June to 23 June 2016 Congress Centre, Messeplatz 1 The European Union Agency for Fundamental Rights (FRA) is hosting three days of activities featuring more than 650 experts from academia, business, the arts, and politics, as well as grassroots activists, refugees and professional groups such as educators, health officers and psychologists. The participants will participate in working groups, inspirational talks, panel debates and discussions with guest speakers to devise innovative solutions to the most pressing problems Europe faces today. Their work will be structured around three themes: the refugee crisis, the digital age and inclusion.Those attending include Italian film-maker Gianfranco Rosi, whose award-winning 2016 documentary ‘Fire At Sea’ focuses on the lives of migrants on Lampedusa. He will be joined by dozens of other innovators, like digital rights activist Max Schrems, academic entrepreneur Alberto Alemanno, and Polish anti-surveillance activist Katarzyna Szymielewicz. Senior officials from the EU, including ombudsman Emily O’Reilly, will appear alongside policy makers from the European Parliament and national governments, not least Slovakia’s Deputy Prime Minister Lucia Žitňanská, whose country is about to take over the Presidency of the Council of the EU. Senior managers from businesses including IKEA, Facebook and Google will also be taking part.The aim is for everyone to make new commitments to human rights in their field. The commitments will be enshrined in a list of action points at the end of the Forum. The milestones and key findings of the Forum will be summarised in the Chair’s Statement.The Forum will be opened at Vienna City Hall on 20 June by FRA patron Heinz Fischer, who is stepping down as Austrian president in July after 12 years. He will be joined by Michael Häupl, whose 22 years as Vienna mayor make him the longest-serving incumbent in Europe. The European Commission’s First Vice President Frans Timmermans will give a keynote speech.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Trasporti, Deputati siciliani Ap: “Urgente ripresa lavori su autostrada Sr – Gela”

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 giugno 2016

siciliaMinardo e Garofalo presentano interrogazione urgente al ministro dei Trasporti Delrio. “Quali siano i motivi della mancata realizzazione dei lavori di manutenzione nell’ultimo tratto della Noto – Rosolini dell’autostrada Sr-Gela. Si tratta degli ultimi quattro kilometri del sopradetto percorso chiusi ormai da oltre un anno per lavori di riqualificazione” lo chiedono Nino Minardo e Vincenzo Garofalo, deputati siciliani di Area popolare e rispettivamente vicepresidente della Commissione Attività produttive della Camera e presidente della Trasporti, in un’interrogazione urgente al ministro Delrio. “Lo stato di dissesto e degrado di questo tratto autostradale peggiora di giorno in giorno, le riparazioni effettuate destano perplessità sotto il profilo dei materiali utilizzati. Servono misure adeguate ed urgenti che permettano la continuazione dei lavori e la definitiva riparazione di questo tratto di autostrada fondamentale per l’ economia della Regione; nel contempo chiediamo che vengano verificate le ragioni della mancata realizzazione dei lavori di manutenzione e i motivi relativi alla chiusura dei cantieri, chiarendo, altresì, quando verranno ripresi gli interventi al fine di rendere più sicura la fruizione del tratto di autostrada da parte degli utenti” concludono.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Aziende elettriche multate. Un caso incredibile. Licenziare i responsabili

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 giugno 2016

centrali elettricheL’Antitrust ha multato le aziende elettriche Acea, Enel, Eni ed Edison per pratiche commerciali scorrette, per un importo di 14, 5 milioni di euro. A tal proposito vogliamo raccontare una storia incredibile che e’ accaduta ad un consumatore che si e’ rivolto alla nostra associazione. Al consumatore giunse una bolletta elettrica di 5.900 euro. Allibito (vive da solo), si e’ rivolto a noi portando le bollette degli ultimi 10 anni. Da un calcolo fatto insieme, risultava che il consumatore aveva pagato di piu’ di quanto doveva e, al contrario di quanto chiedeva l’azienda elettrica, doveva ricevere e non dare. Contestata la bolletta, arriva una seconda comunicazione dell’azienda che diminuisce l’importo a 800 euro, dai 5.900 che erano, con avvertimento che in caso di mancato pagamento avrebbe diminuito la potenza elettrica e, successivamente, “staccato” la corrente. Nuova contestazione all’azienda e ricorso all’Autorita’ competente. L’azienda prosegue imperterrita, nonostante la comunicazione del ricorso, e da’ mandato ad una societa’ di recupero crediti la quale scrive intimando il pagamento e minacciando il ricorso alle vie legali. Questo tira e molla dura ben 5 mesi al termine del quale il nostro consumatore si vede arrivare a casa un assegno di 1.000 euro, come restituzione di quanto pagato in piu’ nel corso degli anni per la fornitura di energia elettrica. Conclusione e proposta:le aziende devono licenziare i responsabili di questi disservizi. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A proposito della lettera “Iuvenescit Ecclesia”

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 giugno 2016

maria voce focolariLa pubblicazione della lettera “Iuvenescit Ecclesia”, approvata da papa Francesco, a firma del cardinale prefetto della Congregazione per la Dottrina della Fede, Ludwig Müller, e dell’arcivescovo segretario, Luis Ladaria, se nutre e sprona il cammino della Chiesa intera “in uscita” in questa fase nuova della sua storia, è anche motivo di gioia e gratitudine per le nuove realtà ecclesiali di cui il Movimento dei Focolari è un’espressione.Quella reciprocità tra doni gerarchici e doni carismatici, a cui la lettera richiama, interpreta appieno l’esperienza che ha accompagnato il Movimento dei Focolari fino ad oggi. Esso si è trovato immerso nell’alveo delle «ondate di movimenti» suscitate dallo Spirito Santo per il rinnovamento della Chiesa in sinergia coi suoi Pastori, di cui ha detto l’allora cardinale Ratzinger nel maggio 1998 in preparazione del Giubileo dell’anno 2000. Ora, dalla “Iuvenescit Ecclesia” il Movimento dei Focolari si sente ulteriormente spronato a corrispondere con autenticità alla coessenzialità tra doni gerarchici e doni carismatici che Giovanni Paolo ll, nella scia del Vaticano II, ha indicato. Essa oggi appare più che mai necessaria alla vita e alla missione della Chiesa a servizio dell’umanità nelle sue attese, ferite e istanze, con l’obiettivo impegnativo ma realistico di edificare tutti insieme la civiltà nuova dell’amore. (Victoria Gómez)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Allianz Risk Transfer e Nephila gestiscono con successo l’applicazione della tecnologia blockchain per i cat swap

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 giugno 2016

Monaco, 15 giugno 2016 – Allianz Risk Transfer AG (ART) e Nephila Capital Limited (Nephila) annunciano di aver applicato con successo la tecnologia blockchain smart contract per la transazione di un nat-cat swap. Questo test non solo dimostra che, in caso di contratti con base blockchain, l’elaborazione e la gestione transazionale di fondi tra assicuratori e investitori possono essere accelerate e semplificate, ma anche che si possono offrire altri vantaggi, come la maggiore commerciabilità dei cat bond ed estendere l’applicazione di questa tecnologia ad altre transazioni assicurative.I cosiddetti catastrophe (abbreviati in‘cat’) swap e bond sono strumenti finanziari che trasferiscono una serie specifica di rischi – solitamente rischi di disastri naturali, come uragani e tifoni – da un assicuratore agli investitori o ad altri assicuratori, utilizzando trigger con parametri ben definiti. Nel caso di un cat swap finanziario, l’assicuratore paga un terzo per assumersi il rischio finanziario di un determinato evento catastrofico, come un uragano in Florida, in cambio di un pagamento o una serie di pagamenti. Se l’evento si verifica e risponde ai criteri trigger predefiniti, la terza parte è responsabile del rischio finanziario pre-concordato.I cat bond seguono un principio simile, con la differenza che varie parti si assumono l’esposizione alla catastrofe tramite uno strumento finanziario cartolarizzato nel quale hanno investito. Se si verifica un evento catastrofico in linea con i parametri definiti, gli investitori perdono il capitale che hanno investito; altrimenti, ricevono interessi sotto forma di un pagamento periodico a “coupon” e la restituzione dell’investimento principale alla maturazione del bond.La tecnologia smart contract su base blockchain ha il vantaggio di semplificare e accelerare il processo di gestione dei contratti di cat swap e cat bond. Ogni contratto convalidato nell’infrastruttura open shared contiene dati e codici auto-estraenti ad esso relativi. Quando si verifica un evento scatenante che risponde alle condizioni concordate, il contratto smart blockchain individua i data source predefiniti di tutti i contraenti, poi attiva ed esegue automaticamente pagamenti da o per le singole parti in causa. “La tecnologia blockchain aumenterebbe affidabilità, verificabilità e rapidità sia per quanto riguarda i cat swap sia per i cat bond, dato che, per confermare la legittimità di pagamenti/transazioni da e verso gli investitori, essa richiede una minore elaborazione manuale, autenticazione e verifica da parte degli intermediari”, spiega Richard Boyd, Chief Underwriting Officer alle Bermuda per ART. “Venendo meno gli interventi umani, che attualmente sono presenti in tutto il processo, si eliminano completamente i ritardi dovuti a dissidi e all’errore umano, con un effetto radicale sulla velocità e l’efficienza del processo e, nel caso dei bond, sulla commerciabilità di questi titoli”.
Blockchain è la tecnologia che sottende alla valuta digitale bitcoin, ma le sue applicazioni, come la crittovaluta o gli smart contracts, sono in fase di esplorazione in tutto il settore dei servizi finanziari. La tecnologia smart contract permette l’esecuzione digitale di contratti con libri contabili automatizzati e distribuiti, progettati per essere indistruttibili, con il vantaggio di ridurre in modo significativo le funzioni di arbitraggio solitamente eseguite da entità terze come banche, intermediari e amministratori, revisori e camere di compensazione.
ART e Nephila hanno collaborato con alcune aziende per effettuare una verifica sperimentale delle applicazioni del Blockchain e vedere come l’uso di questa tecnologia possa avere una rilevanza per il settore assicurativo: uno su tutti, l’ottimizzazione del processo di pagamento nel fronting internazionale per gli assicuratori captive, per il quale sono previste molteplici fasi per il trasferimento del premio da un’azienda alla sua filiale.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Previsioni SACE: export italiano a € 480 miliardi nel 2019

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 giugno 2016

linea versace1Il Rapporto prevede per l’export italiano una crescita moderata nei prossimi quattro anni, a un tasso medio annuo del 3,7%, fino al raggiungimento nel 2019 del valore di 480 miliardi di euro, e dedica un approfondimento alla meccanica strumentale, il settore di punta e traino del Made in Italy nel mondo per capacità innovativa ed esportativa (pari a circa il 21% dell’export italiano complessivo), che potrà raggiungere entro il 2019 il valore di 100 miliardi di euro (dagli 80 attuali).
Con quest’edizione del Rapporto Export, SACE introduce inoltre la Risk&Export Map, un tool integrato per aiutare le imprese italiane a individuare i Paesi a maggior potenziale non solo per l’export ma anche – novità di quest’anno – per gli investimenti, grazie alle rilevazioni di due indici: l’Export Opportunity Index (EOI) e l’Investment Opportunity Index (IOI).

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il nuovo sindaco di Roma? Metta in agenda la burocrazia capitolina!

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 giugno 2016

zf - caviglia - scelta

Roma mercoledì 22 giugno a Roma nella Sala Einaudi di Confedilizia (Palazzo Bernini al Corso, via Borgognona 47) sarà presentato il libro Storia di un locale sfitto. Viaggio allucinante nei meandri della burocrazia del giornalista di Panorama Stefano Caviglia, appena pubblicato dall’editore Rubbettino.Subito dopo il saluto introduttivo del presidente di Confedilizia, Giorgio Spaziani Testa, ne parleranno con l’autore, Alfonso Celotto, Franco Debenedetti, Davide Giacalone, Corrado Sforza Fogliani.
Il testo, preceduto da una prefazione del presidente del Centro studi di Confedilizia, Corrado Sforza Fogliani, ricostruisce passo dopo passo l’«inferno burocratico» vissuto personalmente dall’autore nell’arco di oltre vent’anni a causa di una piccola proprietà immobiliare cedutagli dalla famiglia. «Il locale sfitto del titolo è il mio», annuncia Caviglia fin dall’introduzione. Segue un racconto agile e graffiante, ricco di episodi tragicomici (alcuni al limite dell’incredibile) che è al tempo stesso una denuncia dei danni economici e civili provocati da un’amministrazione molto interessata al proprio potere e poco o nulla alle esigenze economiche della città e del Paese. Una sorta di «reportage sotto copertura nel territorio ostile della Pubblica amministrazione», per riprendere una paradossale espressione contenuta nel libro.Guardare negli occhi dirigenti e funzionari pubblici mentre duellano con un cittadino qualunque, per mettere a nudo i misfatti della burocrazia italiana: è la sfida del giornalista autore e al tempo stesso protagonista di questo libro. All’origine di tutto c’è una piccola proprietà immobiliare ricevuta in eredità dalla famiglia. Il proposito apparentemente banale di gestirla al meglio si rivela ben presto un «film dell’orrore» (non ancora finito) da cui scaturisce un appassionato reportage su vizi e tic dell’Amministrazione pubblica. L’autore ripercorre passo dopo passo le avventure realmente vissute a causa del suo locale, mettendole in relazione con l’andamento della vita economica e l’evoluzione delle normative sotto i governi succedutisi negli ultimi vent’anni. Ne emerge un groviglio di incoerenze e inefficienze all’insegna del più sovrano disprezzo per le ragioni economiche dei cittadini, che chiama in causa diverse branche del settore pubblico centrale, anche se la parte del leone spetta ai numerosi uffici di Roma Capitale. Non ci sono in questa vicenda richieste di mazzette o estorsioni, ma solo la straordinaria normalità a cui va incontro chi cerca di seguire le regole senza scorciatoie. Nulla, a questo proposito, è istruttivo come ascoltare dalla viva voce delle autorità le richieste fatte ai cittadini per ottenere un timbro, un’autorizzazione o semplicemente il riconoscimento di una situazione di fatto. Ed è ancor più interessante scoprire quel che avviene davvero nella realtà, dopo che le pratiche hanno fatto il loro corso nei meandri della burocrazia. Così il «locale sfitto» del titolo diventa metafora ed esempio della situazione di un intero Paese, in cui l’accanimento silenzioso dell’Amministrazione contro i cittadini rischia di uccidere ogni fiducia e spirito di iniziativa.
Stefano Caviglia è un giornalista del settimanale Panorama che vive e lavora fra Roma e Milano, occupandosi di economia con un’attenzione particolare alla Pubblica amministrazione. Ha scritto di economia e di politica per diverse testate fra cui “L’indipendente”, “La Repubblica”, “Panorama Economy”. (foto: copertina)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Amazzonia: Indigeni Munduruku delimitano le loro terre insieme a Greempeace

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 giugno 2016

Munduruku

The Munduruku people have inhabited the Sawré Muybu in the heart of the Amazon, for generations. The Brazilian government plans to build a series of dams in the Tapajos River basin, which would severely threaten their way of life. The Munduruku demand the demarcation of their territory which would ensure protection from such projects. In addition to preserving their way of life, the demarcation of Sawré Muybu ensures the conservation of 178,000 hectares of Amazonian rainforest. O povo Munduruku habita a Terra Indígena Sawré Muybu, no coração da Amazônia, há gerações. Mas seu modo de vida esta ameaçado pelos planos do governo brasileiro de construir um complexo de barragens na bacia do Rio Tapajos. Os Munduruku exigem a demarcação de seu território. Além de garantir o modo de vida deste povo, a demarcação de Sawré Muybu garante a conservação de 178 mil hectares de floresta amazônica.

Munduruku1

ITAITUBA. Gli indigeni Munduruku sono impegnati, con l’aiuto di attivisti di Greenpeace, in un’operazione informale di delimitazione delle loro terre, nel cuore dell’Amazzonia dove il governo brasiliano intende realizzare la mega diga di São Luiz do Tapajós. Un progetto devastante, che inonderà parte delle loro terre distruggendo una vasta area della foresta amazzonica.
I Munduruku, che abitano la valle del Tapajós da generazioni, combattono da più di trent’anni per difenderla dalla minaccia dei megaprogetti idroelettrici. “Questa è una battaglia importante non solo per noi, ma per tutti gli abitanti del Pianeta, perché stiamo parlando di una delle più grandi foreste al mondo” afferma Juarez, portavoce dei Munduruku. Il primo importante risultato è stato ottenuto lo scorso aprile, quando l’Agenzia brasiliana per le popolazioni indigene (FUNAI) ha riconosciuto i territori dei Munduruku, fornendo la base legale per richiedere la sospensione della costruzione della mega diga. Questa sospensione è però solo temporanea e non equivale alla cancellazione del progetto, che avverrà solo nel caso in cui il governo brasiliano confermi la decisione del FUNAI di tutelare le terre Munduruku.Attivisti di Greenpeace provenienti da diversi Paesi del mondo, tra cui l’Italia, hanno raggiunto i Munduruku nel villaggio di Sawré Muybu per installare pannelli solari e aiutarli a demarcare il loro territorio utilizzando cartelli simili a quelli che impiega il governo brasiliano. “Siamo al fianco dei Munduruku e ci battiamo perché siano rispettati i loro diritti e perché il progetto della diga venga cancellato una volta per tutte” afferma Martina Borghi, campagna foreste di Greenpeace Italia. “Non solo la diga cambierebbe per sempre la vita di questo popolo ma avrebbe anche un enorme impatto sulla incredibile biodiversità dell’Amazzonia”.
La diga di São Luiz do Tapajós, la prima delle 43 dighe previste sul fiume Tapajos, avrebbe un bacino di 729 chilometri quadri (circa l’estensione di New York) e sommergerebbe 400 chilometri quadri di foresta pluviale incontaminata, portando inoltre alla deforestazione di un’area di 2.200 chilometri quadri. Greenpeace chiede alle imprese internazionali di prendere le distanze da questo progetto. Ad esempio, l’azienda tedesca Siemens negli ultimi anni da un lato ha rafforzato la sua presenza nel settore delle rinnovabili, ma d’altra parte ha partecipato anche alla realizzazione della diga di Belo Monte, sul fiume Xingu, che ha devastato un ampio tratto di foresta amazzonica. “Chiediamo a Siemens di confermare che non sarà coinvolta in alcun modo nella realizzazione della diga di São Luiz do Tapajós, un’operazione che sarebbe in netto contrasto con l’immagine “green” che pretende di mostrare. Siemens deve seguire l’esempio di Enel, che già all’inizio di quest’anno ha dichiarato che non prenderà parte a questo progetto” conclude Borghi. (foto: Munduruku)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Versace apre a Boston

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 giugno 2016

versaceversace1Boston Versace apre a Boston una nuova boutique che esprime il concept pensato da Donatella Versace in collaborazione con l’architetto inglese Jamie Fobert. Il negozio che si sviluppa su un’area di 225 metri quadrati, fonde sapientemente opulenza e tradizione architettonica italiana con il dinamismo e l’energia Versace di oggi. Mosaici in marmo, ottone e perspex danno vita ad un ambiente lussuoso e contemporaneo dove presentare le collezioni prêt-à-porter Versace donna, uomo e accessori.
versace2Luogo di incontro tra passato e futuro, la boutique presenta pavimenti in mosaico ispirati alle chiese bizantine del IX secolo, in contrasto con le pareti in perspex e i ripiani che sembrano aleggiare al di sopra. Il tracciato circolare dei pavimenti a mosaico riprende il movimento delle pareti. L’ottone è il protagonista delle parti in metallo e conferma l’atmosfera di massimo lusso della boutique.Per celebrare questa apertura, Donatella Versace ha disegnato una limited edition della borsa Palazzo Sultan e delle Palazzo pumps.Realizzata in pelle laminata craquelé con Medusa ton sur ton, questa limited edition è disponibile in rosso, bianco e blu: un tributo ai colori degli Stati Uniti d’America. Ogni borsa avrà una tag metallica con inciso Versace Red, White & Blue.«Il nuovo concept Versace è un omaggio al grande patrimonio culturale dell’Italia. Con questo progetto Jamie Fobert ha creato uno spazio dove nasce il nuovo spirito Versace. Per me la boutique è come un dialogo ininterrotto tra il nostro passato e il nostro futuro, tra me e Jamie Fobert e ovviamente tra Versace e i nostri clienti» afferma Donatella Versace. (foto: versace)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Banche: Renzi scarica tutto su Vegas per piazzare un suo uomo in Consob

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 giugno 2016

00000965.jpg

Dichiarazione dell’onorevole Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia: “Sulle banche si consuma una delle peggiori tragedie della stagione renziana. In un sistema notoriamente bancocentrico come quello italiano, si tratta di un problema gravissimo che non si può certo liquidare alla maniera del premier, ossia scaricando tutte le responsabilità sul presidente della Consob, con l’idea, nel 2017, di ‘piazzare’ l’ennesimo fedelissimo toscano sia alla Consob sia alla Banca d’Italia. Tutto ebbe inizio con l’annientamento delle banche popolari di maggiore dimensione – costrette a trasformarsi in società per azioni – e con la solenne, duplice promessa di Renzi: consolidamento bancario e bad bank sistemica. A parecchi mesi di distanza, il bilancio non può che dirsi catastrofico. Di consolidamento nemmeno l’ombra. Non solo: tra le ‘ex popolari’, chi ha tentato il salto in borsa o è stato ricoverato nel lazzaretto del fondo di salvataggio Atlante (Popolare di Vicenza) oppure sta per finirci d’urgenza (Veneto Banca). Sempre meglio, però, di quello che è toccato alle quattro popolari ‘salvate’ nell’autunno 2015.
In quell’occasione la diplomazia renziana aveva fatto flop a Bruxelles, impedendo al fondo di tutela dei depositi (FITD) di fare ciò per cui era concepito: tamponare situazioni emergenziali. Il risultato fu una affannosa corsa contro il tempo per evitare l’applicazione del bail in. Ma la toppa fu, è proprio il caso di dirlo, peggio del buco. E chissà cosa accadrebbe oggi se al pettine venissero – Dio non voglia! – nodi ben più grandi. Come MontePaschi o Carige, tanto per intenderci”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mercati emergenti e valute

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 giugno 2016

indici di valuta globaleI dati sulla Cina hanno iniziato a mostrare segnali di miglioramento ai margini. Le autorità hanno enfatizzato la stabilizzazione della crescita, a spese delle riforme, sul lato dell’offerta, necessarie a sostenere la stabilità economica di lungo periodo. Le autorità hanno fissato un obiettivo minimo di crescita dal 6.5% per quest’anno, prevediamo dunque una continuazione della politica monetaria e fiscale di sostegno. Tutto ciò potrebbe sostenere l’economia nel breve periodo, ma un’ulteriore crescita alimentata dal credito non è un fattore positivo per le prospettive economiche di lungo termine, considerati l’eccesso di capacità produttiva e gli alti livelli indebitamento del settore privato. Nel medio periodo, di conseguenza, continuiamo a osservare con preoccupazione i rischi di ribasso dell’economia.Per quanto riguarda la crescita dei mercati emergenti, ci sono state significative correzioni negli ultimi anni. Siamo ancora in attesa tuttavia di riscontrare segnali concreti di una svolta positiva nei fondamentali dei mercati emergenti e alcuni di essi continuano a doversi confrontare con un eccesso di debito nel settore privato e/o sfide politiche concrete.Le valute dei mercati emergenti
Renminbi cinese
Siamo short sul renminbi cinese. Non prevediamo un’unica svalutazione, riteniamo invece che le autorità proseguiranno l’attuale linea politica, continuando a combinare una modesta debolezza della valuta e bassi tassi di interesse per garantire la prosecuzione delle condizioni monetarie di alleggerimento. Il conto capitale resta molto più permeabile di quanto i policy maker siano disposti ad ammettere e ciò, con l’accelerazione della crescita della moneta al 14%, potrebbe apportare pressione ai deflussi di capitale.
Rupia indonesiana
Restiamo sovrappesati sulla rupia indonesiana. La valuta continua a trarre beneficio dai consistenti flussi di investimento dovuti a uno scenario economico discreto e a un’agenda delle riforme soddisfacente. Abbiamo regolato la nostra sovraesposizione durante il trimestre, ritenendo che la valuta continuerà a trarre vantaggio dalla solidità del contesto strutturale.
Rublo russo
A gennaio abbiamo tenuto una posizione underweight, che si è rivelata positiva poiché la valuta ha raggiunto minimi record con la debolezza dei prezzi del petrolio. Il successivo rafforzamento di questi a livelli moderatamente alti ha rappresentato un fattore di sostegno per il rublo e ci ha incoraggiati ad assumere una posizione overweight, soprattutto considerato il tono più aggressivo della banca centrale. Restiamo dunque sovrappesati sul rublo russo rispetto alla posizione underweight adottata sul rand sudafricano.
Peso colombiano
Prevediamo che le dinamiche di sostegno alla domanda e all’offerta di petrolio sorreggeranno il peso colombiano, soprattutto quando le paragoniamo alle valute regionali maggiormente dipendenti dal rame. I prezzi più stabili del petrolio dovrebbero iniziare a guidare la ripresa delle esportazioni durante l’anno. Ciò dovrebbe favorire la contrazione del deficit commerciale del Paese, soprattutto considerando che le importazioni continuano a rallentare rapidamente e che gli effetti negativi di El Nino sulla bilancia commerciale iniziano a diminuire. La valuta dovrebbe anche ricevere sostegno da ulteriori rialzi dei tassi di interesse che, a nostro avviso, il mercato non ha ancora prezzato completamente. Di conseguenza restiamo sovrappesati sulla valuta.
Peso delle Filippine
Con le elezioni presidenziali ormai concluse, il peso delle Filippine dovrebbe ricevere sostegno, con il calo dei rischi politici e il ritorno dei fondamentali degli investimenti. Il nuovo Presidente ha rilasciato alcuni commenti provocatori durante la campagna elettorale, ma ha adottato un tono più conciliante dal momento della vittoria, e la sua comprovata esperienza nella gestione di Davao City è un fattore positivo per le caute politiche economiche e di business che verranno in seguito adottate. I fondamentali restano un elemento di sostegno, con prospettive di crescita solida durante l’anno (soprattutto se paragonata agli altri Paesi affini della regione) e un modesto avanzo delle partite correnti. La posizione del Paese nei confronti dell’estero dovrebbe essere sostenuta da un’ulteriore normalizzazione delle rimesse dai lavoratori all’estero e dalle entrate provenienti dalle società che operano attraverso l’outsourcing dei processi di business. (Marcello Villa)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Air France-KLM potenzia la propria offerta di voli per L’Avana

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 giugno 2016

air francePer rispondere alla crescente domanda del mercato, il Gruppo Air France-KLM proporrà 6 voli supplementari con destinazione L’Avana, portando la propria offerta a 21 collegamenti settimanali in partenza dai due hub europei di Parigi-Charles de Gaulle e Amsterdam-Schiphol. Air France offre a tutti i viaggiatori curiosi, esigenti e appassionati Travel by Air France, una guida di viaggio digitale e originale (travelby.airfrance.com). L’Avana è una delle 95 destinazioni proposte da questa guida, che ogni mese viene arricchita con due nuove città. I nostri clienti possono usufruire di un’ampia selezione di ristoranti insoliti, hotel di charme e siti pittoreschi, scelti da persone innamorate della propria città (rete di blogger, web influencer, giornalisti, ecc.). Air France ha concepito questa guida non solo come fonte di ispirazione nella scelta della destinazione del proprio viaggio, ma anche come vero e proprio strumento di assistenza durante il soggiorno. Sul sito KLM.com, gli internauti possono inoltre approfittare di una guida di viaggio che raccoglie 613 destinazioni, tra cui L’Avana. La guida contiene consigli su hotel, ristoranti e indirizzi utili, e fornisce informazioni pratiche sull’aeroporto, i mezzi di trasporto per la città, i visti necessari e la valuta locale. Inoltre, contiene informazioni aggiornate sugli eventi locali e il meteo. I passeggeri in partenza da L’Avana hanno a disposizione coincidenze ottimali verso tutta la rete dei voli di Air France-KLM provenienti dagli hub europei di Parigi-Charles de Gaulle e Amsterdam-Schiphol. La rete di Air France e KLM è quindi totalmente ottimizzata, per offrire ai clienti 320 destinazioni in 114 paesi.
In questo modo, il Gruppo offrirà in totale più di 860 posti al giorno, grazie ai 14 collegamenti settimanali operati da Air France con Boeing 777-200 (309 posti) e Boeing 777-300 (468 posti), e ai 7 collegamenti settimanali operati da KLM con Airbus A330-300 (292 posti) e Airbus A330-200 (243 posti).
Orari dei voli effettuati durante la stagione invernale 2016-2017 (ora locale):
AF 940: partenza da Parigi-Charles de Gaulle alle 10:45, arrivo a L’Avana alle 15:10;
AF 946: partenza da Parigi-Charles de Gaulle alle 14:05, arrivo a L’Avana alle 18:25;
AF 945: partenza da L’Avana alle 17:50, arrivo a Parigi-Charles de Gaulle alle 08:35 del giorno successivo;
AF 943: partenza da L’Avana alle 20:45, arrivo a Parigi-Charles de Gaulle alle 11:35 del giorno successivo;
KL 723: partenza da Amsterdam-Schiphol alle 10:30, arrivo a L’Avana alle 15:20;
KL 724: partenza da L’Avana alle 17:20, arrivo ad Amsterdam-Schiphol alle 08:30 del giorno successivo.

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Franco Lippi e Jano Sicura espongono al Museo San Rocco

Posted by fidest press agency su giovedì, 16 giugno 2016

franco lippiTrapani Museo San Rocco dal 25 giugno al 20 agosto approda al Museo d’Arte Contemporanea San Rocco in Via Turretta 12, la bi-personale “Formalmente” di Jano Sicura e Franco Lippi, a cura di Nino Portoghese e Annibale Vanetti, che potrà essere visitata dal 25 giugno al 20 agosto (visite: mercoledì, giovedì, venerdì e sabato , ore 18.00-21 .00. Ingresso libero).La mostra sarà inaugurata sabato 25 giugno alle ore 19.00 con un un reading poetico-letterario in viaggio tra Italia e Argentina dal titolo “Pero de nuevo el mundo se ha salvado / Ma di nuovo il mondo si è salvato ” a cura di a cura di Ornella Fulco, Stefania La Via, Liborio Palmeri. La mostra itinerante, promossa e organizzata dall’Associazione “L’arco e la fonte” di Siracusa, fa parte di un progetto di scambi artistico-culturali internazionali tra l’Italia e l’Argentina che ha ricevuto il patrocinio, tra gli altri, dell’Ambasciata della Repubblica Argentina in Italia, del Ministerio de Cultura Buenos Aires Ciudad, dell’Istituto Italiano di Cultura di Buenos Aires, del Comune di Siracusa, dell’ANCI Sicilia e il sostegno dei Rotary Club Siracusa Monti Climiti, Siracusa Ortigia, Trapani Birgi-Mozia. Dal 17 settembre al 18 ottobre, sarà ospitata al Museo de Artes Plasticas Eduardo Sivori di Buenos Aires; quindi al MACLA Museo de Arte Contemporanea Latinoamericano di La Plata / Buenos Aires dal 5 novembre al 3 dicembre.
Il titolo della mostra allude alla forma che la mente degli artisti impone al caos della materia e del colore, rielaborandola nelle opere d’arte. Il percorso espositivo si snoda attraverso i dipinti e le sculture di due artisti accomunati, pur nella diversità, dall’esperienza dell’emigrazione: diretta per Jano Sicura, formatosi in Germania; indiretta, vissuta attraverso il racconto dei suoi avi, nel caso di Franco Lippi, argentino dalle origini italiane.«Ebbene – scrive Liborio Palmeri, direttore del Museo San Rocco nel catalogo della mostra – mi pare proprio che i nostri due artisti siano affascinati dal caos, lo creano per dominarlo. Il loro è un caos ordinato, misurato, o meglio, per scomodare i filosofi (Cusano), mensurato, secondo la suggestiva derivazione di mens dal verbo mensurare. Nella loro opera dunque ciò che sembra caotico è retto in verità da scelte precise della mente che misura, organizza l’informe secondo direzioni estetiche ben precise, volute, che segnano la cifra dei due artisti. Perciò trovo coerente e felice il titolo della mostra, “Forma-l-mente”, che esprime perfettamente il lavoro sul caos-prima-della-forma che la mens dei due artisti rielabora ordinando il dinamismo della materia (soprattutto Jano Sicura) e del colore (soprattutto Franco Lippi)».
Franco Lippi si è avvicinato all’arte fin dall’infanzia attraverso il padre fotografo, trasferitosi dalla Toscana in Argentina. La sua pittura fa emergere le forme e la plasticità della materia attraverso la tessitura bidimensionale dei colori. Ha al suo attivo diverse mostre personali sia in patria che all’estero, negli Stati Uniti d’America e in Europa. Nel 2013 ha partecipato alla 55a Biennale di Venezia.
Jano Sicura, nato a Ferla (SR), si è formato artisticamente in Germania, a Stoccarda e a Karlsruhe. Il suo linguaggio plastico privilegia l’uso del ferro e la costruzione di forme geometriche irregolari, dove appare evidente il legame genetico con il segno grafico-pittorico. Le sue opere si trovano in numerose collezioni private e pubbliche in Europa, Stati Uniti d’America e Australia. (foto: franco lippi)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »