Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 23 giugno 2016

Huge spike in Uncertainty Index as the UK nears EU referendum vote

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 giugno 2016

UK UncertaintyResearch measuring political and economic uncertainty in the UK has found a huge spike in uncertainty as the country nears Thursday’s EU referendum.In ongoing research Ilias Filippou, of Warwick Business School, has found the closer the UK moves to Thursday’s EU referendum so his measure of uncertainty, using Google Trends, has increased rapidly. (SEE GRAPH BELOW)Filippou is using 180 words from the Harvard IV-4 Dictionary to measure political and economic uncertainty in the UK from 2005 through Google Trends, which aggregates the volume of searches for those words and then averages them.He has been astounded at the sudden rise in his uncertainty index in June as voters near decision day.Filippou, Assistant Professor of Financial Economics, said: “It is interesting because there was a huge spike in the volatility of the pound in March after Boris Johnson announced he was joining the leave campaign, but this was not reflected in our measurement of the UK’s general political and economic uncertainty.“But now, as we get closer to the vote, the uncertainty is rising sharply. The huge drop in sterling was reflected by a big rise in searches for ‘uncertainty terms’ in the UK.
”In general the uncertainty index has not risen above 0.5 since 2005 but the EU referendum has seen a massive surge in uncertainty politically and economically, with the index spiking well above 1.5 this June – so we now have the sort of environment that business despises.“These are preliminary findings, and still need fine tuning, which will take some time, but they illustrate a stark rise in political and economic uncertainty in the UK this June.”Filippou believes if the country votes for Brexit the uncertainty index will increase again as the pound is predicted to fall and David Cameron’s future as Prime Minister will reportedly be under threat, which some commentators are predicting could even see an early general election.“This environment is quite unstable and uncertain for the UK,” says Filippou.“Clearly, there is a huge spike this month indicating the uncertainty of households due to the possibility of a Brexit.“The uncertainty will be higher after a potential Brexit creating higher volatility of the British pound and greater economic uncertainty along with political uncertainty as the UK re-negotiates its trade deals and its relationship with the EU.
“The depreciation of the pound could be beneficial in an economy with a large current account deficit and a negative net international investment position, as in theory the depreciation of the pound will increase the cost of importing and boost exports.“However, the latter is not certain as the huge depreciation of the British pound in 2008-2009 did not affect the export growth of the UK within the EU much at all or its current account deficit.”Filippou added: “The increase in trade tariffs likely with a Brexit could also put pressure on export demand. It is very unlikely that the depreciation of the sterling will boost exports to the extent that it will offset the cost of a Brexit because one might need to consider trade barriers after the Brexit as well as the content and timing of the new trade agreements.“The economic uncertainty will increase, putting more pressure on the economy if it takes years for this agreement to be finalised.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Non-Distressed Miami Single-Family Home Sales Rise in May

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 giugno 2016

miami1MIAMI — Non-distressed Miami single-family home sales increased for the fifth consecutive month and all existing residential properties posted price gains in May, according to a new report by the MIAMI Association of REALTORS® (MIAMI) and the Multiple Listing Service (MLS) system.The median sales price for existing single-family homes rose 4.6 percent year-over-year in May 2016, from $282,000 to $295,000. Single-family home prices have increased for 54 consecutive months. The median sales price for existing condominiums grew 2.5 percent to $214,250 from $209,000. Miami existing condo prices have risen in 58 of the last 60 months, a stretch encompassing five years.
“Miami real estate remains a bargain worldwide,” said Mark Sadek, a Coral Springs Realtor and the 2016 MIAMI chairman of the board. “Miami-Dade County residential properties are at 2004 price levels. Domestic and international home buyers are taking advantage of Miami’s prices compared to other world-class global cities.”A 120-square meter condo in Miami-Fort Lauderdale-Miami Beach cost $149,900 on average, according to the National Association of REALTORS® (NAR). Prices for the same condo in London ($960,840), Hong Kong ($776,280), and New York ($1.6 million) are at least five times higher.Historic-low mortgage interest rates are attracting home buyers. According to Freddie Mac, the average commitment rate for a 30-year, conventional, fixed-rate mortgage was 3.60 percent in May, which is the lowest since May 2013 (3.54 percent).Total existing Miami-Dade County residential sales — which posted a record year in 2013 and near record years in 2014 and 2015 — decreased 10.4 percent year-over-year from 2,719 to 2,435.Miami-Dade County single-family home transactions decreased 7.2 percent in May, from 1,272 to 1,180. Existing condominium sales — which declined 13.3 percent, from 1,447 to 1,255 — are competing with a robust new construction market, which continues to add inventory.A 32.7 percent year-over-year drop in total distressed sales, from 683 transactions in May 2015 to 460 last month, contributed to the lower sales activity. Only 18.9 percent of all closed residential sales in Miami were distressed last month, including REO (bank-owned properties) and short sales, compared to 25.1 percent in May 2015. In 2009, distressed sales comprised nearly 70 percent of Miami sales.Short sales and REOs accounted for 3.2 and 15.7 percent, respectively, of total Miami sales in May 2016. Short sale transactions dropped 54.5 percent year-over-year while REOs fell 25.4 percent.Sales and prices for traditional or non-distressed single-family homes are on the rise. Non-distressed Miami single-family homes registered a sales growth of 1.5 percent, increasing from 928 to 942. It’s the fifth consecutive month traditional single-family homes sales have grown. Traditional Miami single-family homes gained 0.2 percent of price growth in May, growing from $320,000 to $320,750.
Nationally, distressed sales comprised 6 percent of all sales in May, down from 10 percent a year ago, according to the National Association of REALTORS® (NAR).Total Miami residential properties combined for $979.7 million in total sales volume in May 2016, about 10.2 percent lower than the $1.08 billion sold during the same month last year. The aforementioned sales volume does not include the strong new construction condo sales figures.
Mid-priced Miami homes are seeing increased sales. Single-family homes priced between $200,000 and $600,000 saw a 5.9 percent year-over-year increase in May, growing from 716 to 756. The sector represented 64.1 percent of total Miami single-family home sales in May 2016.Existing condos priced between $150,000 and $300,000 saw a 12.0 percent-rise in sales in May, increasing from 482 transactions to 540. This sector represented 43.0 percent of total existing Miami condo home sales in May 2016.The median number of days between listing and contract dates for Miami single-family home sales fell 16.9 percent year-over-year to 49 days. The median number of days between the listing date and closing date for single-family properties dropped 13.3 percent to 98 days.For condos, the median time to contract decreased 13.5 percent year-over-year to 64 days. The median number of days between the listing date and closing date decreased 9.3 percent to 107 days. The median percent of original list price received for existing condominiums was 94.2 percent, an increase of 0.1 percent.
In addition to competing sales from new construction units, the lack of access to mortgage loans is also impacting existing condominiums. Of the 9,307 condominium buildings in Miami-Dade and Broward Counties, only 13 are approved for Federal Housing Administration loans, down from 29 last year, according to statistics from the Florida Department of Business and Professional Regulation and FHA.
Nationally, existing-home sales sprang to their highest pace in almost a decade. Total existing-home sales grew to a seasonally adjusted annual rate of 5.53 million in May 2016, which is 4.5 percent higher than May 2015 (5.29 million). It’s the highest annual pace since February 2007 (5.79 million).Statewide, closed sales of existing single-family homes totaled 25,518 last month, up 4.5 percent over the May 2015 figure, according to Florida Realtors. Florida’s condominium sales totaled 10,455 last month, up slightly (0.1 percent) compared to May 2015.The national median existing-home price for all housing types in May was $239,700, up 4.7 percent from May 2015 ($228,900). May’s price increase marks the 51st consecutive month of year-over-year gains.The statewide median sales price for single-family existing homes last month was $221,050, up 10.5 percent from the previous year, according to Florida Realtors. The statewide median price for townhouse-condo properties in May was $165,000, up 4.4 percent over the year-ago figure. In May, statewide median sales prices for both single-family homes and townhouse-condo properties rose year-over-year for the 54th month in a row.Miami cash transactions comprised 47.1 percent of May total closed sales, compared to 49.5 percent last year. Miami cash transactions are more than double the national average of 22 percent. Miami’s high percentage of cash sales reflects South Florida’s ability to attract a diverse number of international home buyers, who tend to purchase properties in all cash.Condominiums comprise a large portion of Miami’s cash purchases as 62 percent of condo closings were made in cash in May compared to 31.3 percent of single-family home sales.
Inventory of single-family homes increased 8.1 percent in May from 5,827 active listings last year to 6,298 last month. Condominium inventory increased 16.8 percent to 14,107 from 12,081 listings during the same period in 2015.There is a 5.6-month supply of Miami single-family homes, an increase of 12 percent from May 2015, which indicates a sellers’ market. There is an 11.2-month supply of condominium inventory, a year-over-year increase of 24.4 percent, which indicates a buyers’ market. A balanced market between buyers and sellers offers between six and nine months supply of inventory.Total active listings at the end of May increased 13.9 percent year-over-year, from 17,908 to 20,405. Active listings remain about 60 percent below 2008 levels when sales bottomed.New listings of Miami single-family homes increased 7.6 percent from 1,730 in May of last year to 1,861 last month. New listings of condominiums increased 9.3 percent, growing from 2,173 to 2,376.Nationally, total housing inventory at the end of May rose 1.4 percent to 2.15 million existing homes available for sale, but is still 5.7 percent lower than a year ago (2.28 million). Unsold inventory is at a 4.7-month supply at the current sales pace, which is unchanged from April.
Most Miami preconstruction condo developers require a 50-percent cash deposit on new units. The deposit is not only one of the highest in the United States but is significantly higher than the 20 percent required during the last real estate cycle. The large all-cash deposits are a sign home buyers are committed to the Miami market.
Developers are also being cautious not to overbuild. About 85 percent of condos under construction in downtown Miami are sold, according to Integra Realty Resources and the Miami Downtown Development Authority. Downtown Miami has about 7,200 units under construction, a considerably smaller number than the 18,500 the area had under construction in 2006.Strong sales in the Miami preconstruction condominium market east of Interstate 95 continue to reflect significant demand for new properties, according to a June 20 report from preconstruction condo projects website Cranespotters.com and MIAMI.
Forty-seven condo towers with 4,358 units have been completed in Miami-Dade County east of I-95 since the start of 2011. There are 80 towers with 12,731 units under construction in Miami-Dade County east of I-95. About 58 towers with 8,334 units are planned, but have not begun development. About 79 towers with 11,373 units are proposed in Miami-Dade County east of I-95.To access May 2016 Miami-Dade Statistical Reports, visit http://www.SFMarketIntel.com

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Confirmed non-recurring revenue for Catella following acquisition of Visa Europe by Visa Inc.

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 giugno 2016

catellaVisa Inc. has obtained the necessary approval for the acquisition of Visa Europe and has therefore completed the transaction. As previously announced, Catella Bank S.A., which is a wholly owned subsidiary of the Catella Group will, through its membership of Visa Europe, receive part of the consideration for the acquisition. As previously communicated, the transaction consists of a consideration comprising different components: upfront cash, preferred stock in Visa Inc., and an anticipated further cash payment. Catella has received an upfront settlement of approximately EUR 17.9 million as well as preferred stock in Visa Inc. worth an estimated approximately EUR 5.9 million. In addition, the acquisition includes an anticipated further consideration of approximately EUR 1.5 million, which is expected to be paid in cash in approximately three years.
Catella AB (publ) is required to publish this information pursuant to the Securities Markets Act (SFS 2007:528), the Financial Instruments Trading Act (SFS 1991:980), and/or Nasdaq Stockholm’s rules for issuers. (photo. catella)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

European Border and Coast Guard: Parliament and Council strike provisional deal

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 giugno 2016

europa comunitariaThe creation of an EU border control system received a first green light from Parliament and Council negotiators on Tuesday night. The cornerstone of the deal is to upgrade today’s Frontex border agency, which, together with national border management authorities, will form a European Border and Coast Guard. It is now up to member states and Parliament as a whole to endorse the agreement.
If approved, the regulation would enable extra border guard teams (European Border and Coast Guard or EBCG) to be rapidly deployed to EU countries whose external borders are under pressure. National authorities would still manage their borders day to day, but could seek help from the new agency in a crisis.“We reached this compromise with the Dutch Presidency at breath-taking speed. With this regulation we have made the European Border and Coast Guard Agency more effective, more efficient and more accountable. A chain is only as strong as its weakest link, so we introduced the concept that the security of EU external borders is a responsibility shared among all EU member states”, said Parliament’s lead negotiator on the regulation Artis Pabriks (EPP, LV).“We have set up an Agency with greater powers and responsibilities which will be able to provide assistance to any member state that is faced with disproportionate migratory pressure or any other challenges at its external borders. There will be an obligatory pool of 1,500 border guards and a pool of technical equipment available for the Agency to deploy at any time. And if a member state refuses to cooperate with the Agency to an extent that jeopardises the functioning of Schengen zone, there will be a possibility for the rest of the Member States to reintroduce temporary border controls through the Art 29 of Schengen Border Code, which is slightly amended through this Regulation.” “The European Border and Coast Guard Regulation will ensure that the EU external borders are safer and better managed. This is not a silver bullet that can solve the migration crisis that the EU is facing today or fully restore trust in the Schengen area, but it is very much needed first step”, he added.

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

IFC Event Supports Financial Technology (FinTech) Startups in Turkey

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 giugno 2016

istanbulIstanbul, Turkey. IFC, a member of the World Bank Group, hosted today a roundtable for senior finance industry executives, as part of an effort to expand financing for startups and boost innovation in Turkey.The gathering brought together representatives from IFC, the Istanbul Borsa, Turkey’s leading banks, and Girisim Fabrikasi, an accelerator program at Ozyegin University. Participants discussed the impact of fintech on traditional banking models and also explored ways they could channel more financing to fintech startups, which often struggle to get the loans that are so vital to their growth. The roundtable was followed by the Innovation Marketplace, where 12 promising financial technology startups pitched their ideas to potential corporate partners.“Start-ups not only develop the national economy but they also play a vital role for corporates which are seeking continuous innovation,” says Ihsan Elgin, the founding director of Ozyegin University Girisim Fabrikasi and co-founder of FinTech Istanbul. “We are hoping that the Innovation Marketplace becomes the first step of collaboration between the startups and corporates that attended the event.” The Innovation Marketplace focused on technology that would make banking more accessible to small and medium enterprises (SMEs), the backbone of Turkey’s economy.“With rising wages, low-value added manufacturing in Turkey is losing competitiveness, leaving technology upgrading and innovation as critical avenues for growth.” said Aisha Williams, IFC Country Manager for Turkey. “Events like this support Turkey’s natural entrepreneurial spirt and promote private sector development by providing the resources, know-how, and training to encourage new business development opportunities for Turkish companies.” The roundtable and marketplace are part of an effort by IFC to promote innovation, encourage the development of SMEs and spur job creation. IFC has focused especially on financial technology. A potentially revolutionary field, which includes services like mobile banking, financial technology helps extend services to SMEs, which may not have access to conventional banking systems and loans. Globally, access to finance remains number one challenge for SMEs and IFC has invested over $160 million in equity and debt in early and growth stage financial technology companies in Asia, Africa, and Latin America since 2010.This was IFC’s second annual Innovation Marketplace in Turkey, an effort to match entreprenuers with established coporates. Last year’s IFC Innovation Marketplace focused on healthcare, smart energy, and industrial data management, resulting in two new partnerships between the start-ups and corporates that attended the event.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Melexis Unveils New Brand Identity Encapsulating Company’s Vision for the Future

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 giugno 2016

MelexisTessenderlo, Belgium. Melexis presents its new brand identity and website. The new brand underlines the company’s ambitions and draws inspiration from the incredible capacity of species to adapt to challenging habitats. “We recalibrated our brand to reflect not only the company we are today, but also our expectations for tomorrow. Our new identity is a clear declaration of our belief in engineering that enables the best imaginable future,” says Melexis, CEO Françoise Chombar.With the unveiling of the new Melexis brand identity and website, the blue and yellow color palette of the former brand makes room for use of contemporary and classic colors such as royal blue and – not coincidentally – electric green. With the new logo also comes a new tagline: ‘Inspired Engineering’. “A brand is a promise about what we are and what we aspire to be. We found that the promise of Melexis could be summed up in those two simple words: Inspired Engineering,” Françoise Chombar further comments. “It is the foundation of our success and our continued growth, but it is also our ongoing mission statement. With our technology we want to help customers to create ground-breaking, highly-differentiated end products that are safe, clean and comfortable. Our aim – to provide innovative technology and add real value to customers worldwide – is still very much the driver behind everything we do.” The new Melexis brand materials take inspiration from nature, specifically the evolutionary abilities of species to thrive in harsh and uncompromising environments. Divided into three classes – ‘Sense’, ‘Drive’ and ‘Communicate’ – the Melexis product portfolio is represented metaphorically by animals that possess attributes that are almost supernatural.As Elcke Vercruysse, Marketing Communications Manager at Melexis, explains “We focused on species with amazing capabilities that have clear parallels to the world of technology, but that are not widely known.” Some examples include:
• The hammerhead shark, which utilizes electro-location to detect prey, is a stimulus for engineers developing advanced sensing solutions – this characterizes Melexis’ industry-leading ‘Sense’ products
• The hummingbird, with its ability to flap its wings around 50 times per second, reflects the motor/control drivers and actuators in the Melexis portfolio – which is covered by the company’s ‘Drive’ element.
• Finally, the way ants employ scented chemical secretions (pheromones) falls clearly in the ‘Communicate’ category, representing solutions from Melexis in the area of wireless and wired devices.
The new brand identity was co-created with team members from all the various disciplines across Melexis’ global operation. “It was important for us to involve team members from across our business to make sure the new brand is widely supported throughout the organization,” states Elcke Vercruysse. “Our new identity shows our ambitions for the future, but at the same time it is firmly rooted in our past and present. That is why it resonated strongly with all our colleagues when we first presented it, and why we are confident it will resonate with all our other stakeholders and customers.” (photo: Melexis)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Amazon annuncia oggi il nuovo Kindle

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 giugno 2016

kindleIl suo e-reader più conveniente è ora più leggero e sottile. Inoltre, è dotato di spazio di archiviazione doppio rispetto alla generazione precedente lasciando il prezzo invariato, a partire da soli 69,99€. Kindle è disponibile, nelle versioni bianca e nera, al link http://www.amazon.it/kindle.“Decine di milioni di lettori in tutto il mondo utilizzano gli e-reader Kindle e oggi siamo felici di aver migliorato ulteriormente il nostro Kindle, pur avendo mantenuto lo stesso prezzo”, dichiara Arthur van Rest, Kindle General Manager. “La possibilità di avere un dispositivo più sottile e leggero, dotato del doppio di memoria e di tutte le caratteristiche che i clienti apprezzano di Kindle, ci mostra che non esiste momento migliore di questo per chi ama leggere”. Kindle – Più leggero, sottile e sempre a partire da soli 69,99€
Il nuovo Kindle è più sottile e leggero e offre uno spazio di memoria doppio rispetto al modello della precedente generazione. Ora disponibile nei colori bianco e nero, il nuovo Kindle si distingue per un design più arrotondato che permette di impugnarlo comodamente con una mano sola, da qualunque lato lo si afferri, per lunghe sessioni di lettura.A differenza dei tablet e degli smartphone, dotati di schermi che riflettono la luce, lo schermo touch di Kindle ad alto contrasto elimina i riflessi in qualsiasi condizione, anche alla luce diretta del sole. Studi recenti, effettuati da Harvard Health Publications, hanno dimostrato che l’esposizione notturna alla luce blu degli schermi retroilluminati di tablet e smartphone può inibire la produzione di melatonina, un ormone prodotto naturalmente dal corpo e che aiuta ad addormentarsi. Dato che lo schermo di Kindle non emette luce diretta, è possibile leggere in qualsiasi momento senza disturbare il ciclo naturale del sonno. Come tutti gli e-reader Kindle, il nuovo Kindle ha una batteria che dura settimane, non ore.

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I bond dei Paesi periferici: la scelta più efficiente in un mondo di rendimenti bassi

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 giugno 2016

graficoA cura di Yuchen Xia, Portfolio Manager in MoneyFarm. Diciassette anni dopo l’adozione della moneta unica, permangono ancora notevoli differenze tra i Paesi che hanno deciso di fare dell’euro la loro nuova valuta, divisi sostanzialmente tra un nord Europa economicamente stabile e un sud indebitato che a stento riesce a crescere. Mentre le nazioni del nord come la Germania o la Francia possono giovarsi dell’avanzo delle partite correnti, un basso tasso di disoccupazione e un’economia solida, quelle dell’Europa periferica come Italia, Grecia, Spagna e Portogallo soffrono tutte di notevoli deficit e di una grossa fetta di popolazione senza occupazione, priva di risorse economiche, quindi risparmi su cui poter contare.Nei mercati finanziari queste divisioni sono rese ancora più visibili dalla differenza nei tassi di interesse che i diversi governi riservano a chi presta loro denaro. Mentre in Germania i tassi sul debito pubblico si aggirano intorno al livello record dello 0%, in Italia si arriva all’1,43% e in Spagna all’1,47%. La Grecia ha raggiunto tassi pari al 18% durante la crisi del debito greco, per poi scendere fino al 7,6% (ancora molto alti se comparati alla Germania).Naturalmente questi tassi così elevati rispetto ai titoli di stato tedeschi, non fanno che riflettere l’alto rischio che caratterizza gli investimenti in aree economiche periferiche.In un mondo di tassi bassi i Titoli di Stato dei Paesi periferici diventano sempre più popolari.
Nonostante l’elevato grado di rischio a cui si va incontro con i titoli di stato dei periferici, gli investitori vedono nel “sud Europa” il giusto equilibrio tra rischio e rendimento se comparato ad altre asset class.
Nulla di sorprendente in realtà. Fino all’ultimo trimestre del 2015, il debole tasso di crescita, il clima di incertezza geopolitica e le politiche monetarie delle banche centrali mondiali, hanno alimentato tra gli investitori la ricerca di soluzioni in grado di generare rendimenti, di asset sicuri, di investimenti di lungo termine e titoli di stato di qualità.A marzo 2016 la BCE ha deciso di estendere il programma di quantitative easing tagliando ancora di piu’ i tassi, portando gli acquisti mensili dei titoli di Stato da 60 a 80 miliardi e inserendo nel piano anche i corporate bond (i bond denominati in euro emessi da società non finanziarie).
grafico1In particolare, per il 2016 l’offerta di nuovi titoli di stato governativi nell’Eurozona dovrebbe attestarsi secondo le stime intorno ai 744 miliardi di euro (meno dei 790 miliardi del 2015), e gli acquisti della BCE potrebbero superare le nuove emissioni, aggiungendo quindi una ulteriore pressione sui rendimenti di titoli di stato come ad esempio quelli dei bund tedeschi.
La BCE non è l’unica banca centrale ad aver adottato un piano di QE per favorire la ripresa della crescita economica, così circa un terzo degli esistenti titoli governativi dell’Eurozona ha già tassi negativi, per un ammontare pari a 10 trilioni di dollari. In questo caso gli investitori che comprano titoli governativi a tassi negativi sanno che portarli a scadenza significa andare in contro ad una perdita, per questo sperano in un profitto dato dalla vendita ad un prezzo più alto o scommettono in genere su movimenti valutari favorevoli.
MoneyFarm SIM S.p.A è una società indipendente di servizi finanziari – iscritta all’Albo Consob n. 281 e al Fondo Nazionale di Garanzia n. SIM 0429. Ad agosto 2012, la SIM è sbarcata sul web con MoneyFarm.com, aprendo la strada alla consulenza indipendente via Internet nel mercato italiano. La società guidata da Paolo Galvani e Giovanni Daprà può contare su un team di 35 professionisti di qualificato background e su oltre 50.000 utenti attivi. La mission di MoneyFarm è quella di permettere alle persone di gestire i propri soldi in maniera semplice ed efficiente e offre un servizio unico in Europa che propone la consulenza personalizzata su ETF e l’attività di trading. (foto: grafico)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Martha Argerich e Cecilia Bartoli insieme per la prima volta a Lugano

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 giugno 2016

lugano-vedutaLugano Il 24 e 26 giugno, nell’ambito del Progetto Martha Argerich, nella nuova sala concertistica del LAC di Lugano, si svolgeranno due concerti eccezionali. Per la prima volta, infatti, Martha Argerich e Cecilia Bartoli saranno insieme sul palco.
Venerdì 24 le due artiste eseguiranno insieme uno dei capolavori di Mozart, l’aria “Ch’io mi scordi di te” per mezzo-soprano, piano e orchestra. Successivamente, Cecilia Bartoli canterà “Parto, parto” tratto da La clemenza di Tito, mentre Martha Argerich sarà la voce solista nella Fantasia corale di Beethoven.Il concerto si aprirà con la Sinfonia concertante di Mozart, eseguita da Vilde Frang e Nathan Braude. L’Orchestra della Svizzera italiana e il Coro della Radiotelevisione svizzera saranno diretti dal maestro Diego Fasolis.
Il concerto di domenica 26 sarà dedicato alla musica da camera: Martha Argerich accompagnerà Cecilia Bartoli nell’esecuzione di Lieder di Schubert e Rossini.A completare il programma, artisti come Lilya Zilberstein, Enrico Dindo, Nelson Goerner e altri ancora eseguiranno opere di Dohnanyi, Schubert e Nowakowski. Tutte le informazioni sul sito: http://www.luganomusica.ch

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Viterbo: La notte delle candele

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 giugno 2016

notte delle candeleDal 24 giugno al 3 Luglio, 10000 candele illumineranno il palazzo Farnese a Viterbo dove verrà allestito un piccolo ristorantino dedicato ai piatti tipici e ingredienti locali, in un menù completo dall’antipasto al dolce elaborato per l’occasione da Felice Arletti dell’osteria il Calice e la Stella di Canepina.
La Notte delle Candele, oggi uno degli eventi di maggior richiamo a livello nazionale per il territorio locale, completa la sua attività di promozione territoriale sostenendo le eccellenze enogastronomiche dei Monti Cimini.
L’obiettivo principale sarà quello di raccontare la storia di un territorio attraverso la degustazione dei principali piatti tipici dell’area Cimina.Numerosi sono i produttori aderenti all’iniziativa, che porteranno in tavola a Viterbo sue eccellenze enogastronomiche, dalla nocciola alla castagna, passando per la frittura e la porchetta di Vallerano, esaltando la storia del Maccarone di Canepina alias “Fieno” e i piatti alla Canapa Sativa il tutto in abbinamento a olio extravergine d’oliva e vini di Vignanello. L’az.agr.la Selva Cimina (Il Calice e la Stella) con la Canapa, il Pastificio Fanelli con il fieno, Mastrogregori con le castagne, La gentile di Caprarola con le nocciole e le creme, il Frantoio Cioccolini di Vignanello con l’olio extravergine d’oliva, i vini della la Cantina Colli Cimini, i dolci secchi con il Forno Fiorentini,il gelato con la gelateria Crema e Latte, e i formaggi del caseificio Chiodetti e il vivaio Pugliesi di Vignanello per l’allestimento floreale.Una rassegna enogastronomica completa con tanti appuntamenti tra showcooking, incontri con i produttori, degustazioni e dibattiti.
Tutte le sere all’interno del chiostro del Palazzo Farnese, ex sede dell’Asl di Viterbo , presso piazza San Lorenzo, sarà quindi possibile conoscere e degustare un territorio ricco come quello dei Monti Cimini con l’atmosfera magica della Notte delle Candele. (foto: notte delle candele)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Sea Shepherd Global Lancia Operazione Bloody Fjords

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 giugno 2016

globicefaloA seguito del successo della propria Campagna in Difesa dei Globicefali del 2015, Sea Shepherd Global annuncia Operazione Bloody Fjords: una nuova campagna contro il sanguinario massacro dei globicefali nelle Isole Fær Øer.
Ogni anno, fino a 1.000 globicefali in migrazione, insieme ad altri delfini, sono cacciati e uccisi in modo brutale nel protettorato danese delle Isole Fær Øer in quella che viene chiamata ‘grindadráp’ o ‘grind.’ Questa pratica crudele e sanguinaria continua con il sostegno del governo danese, in conflitto con gli obblighi legali internazionali della Danimarca.Operazione Bloody Fjords segna una svolta per Sea Shepherd, in quanto l’organizzazione porta la propria battaglia contro la grindadráp al cuore delle istituzioni feringe e danesi che continuano a promuovere questa pratica obsoleta.“Grazie al lavoro instancabile delle nostre squadre di volontari che hanno agito sul territorio alle Isole Fær Øer nel corso delle campagne che abbiamo condotto in passato, abbiamo tutte le prove, costituite da materiale fotografico e video, di cui abbiamo bisogno per portare questa battaglia oltre le spiagge insanguinate delle Fær Øer ”, ha affermato il leader di Operazione Bloody Fjords, Geert Vons. “Ci opporremo alla grind a livello giuridico, politico, commerciale, industriale e, come sempre, mediatico.” ha proseguito.
La nuova strategia giunge in risposta a un aumento di restrizioni che è stato creato riguardo all’ingresso dei volontari di Sea Shepherd nelle Isole Fær Øer. “Le autorità feringe ci hanno negato l’ingresso nel proprio Paese nel tentativo di nascondere l’orrore della grindadráp” ha dichiarato il Capitano Alex Cornelissen, CEO di Sea Shepherd Global. “Ma, con il mutare del campo di battaglia, anche noi cambiamo le nostre tattiche. Sea Shepherd ora è più visibile, più forte e più determinata che mai per quanto riguarda il porre fine a questo massacro sanguinario” ha concluso.
Un totale di 28 volontari di 28 Sea Shepherd sono stati arrestati per aver interferito con la grindadráp. Molti di loro sono stati in seguito espulsi per il “reato” di aver difeso i globicefali.
Nel 2014 Il Capitano Jessie Treverton, di Sea Shepherd, è stata arrestata dopo essere riuscita a difendere dal massacro un grande branco di lagenorinchi dai denti obliqui, impedendo loro di raggiungere le spiagge delle Isole Fær Øer dove i cetacei sono uccisi. La Treverton aspetta ancora di comparire in tribunale.Sea Shepherd è in prima linea contro la grindadráp fin dagli anni 80, salvando le vite di centinaia di globicefali e portando l’attenzione di tutto il mondo sul massacro perdurante.
Costituita nel 1977, Sea Shepherd è un’organizzazione internazionale senza scopo di lucro la cui missione è quella di fermare la distruzione dell’habitat naturale e il massacro delle specie selvatiche negli oceani del mondo intero al fine di conservare e proteggere l’ecosistema e le differenti specie.Sea Shepherd utilizza innovative tattiche di azione diretta per investigare, documentare e agire quando è necessario per mostrare al mondo e impedire le attività illegali in alto mare.Salvaguardando la delicata biodiversità degli ecosistemi oceanici, Sea Shepherd opera per assicurarne la sopravvivenza per le generazioni future.Per ulteriori informazioni: http://www.seashepherdglobal.org (foto: globicefalo)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Infortuni sul lavoro

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 giugno 2016

infortuni-lavoro«I dati diffusi dall’Inail non devono indurre ad abbassare la guardia di fronte a una questione di primaria importanza come la sicurezza sul lavoro. Il fatto che nel 2015 si sia registrato un leggero calo sia a livello di infortuni che di decessi rispetto all’anno precedente va ovviamente letto positivamente, ma lascia comunque l’Italia in una posizione assai delicata rispetto ai principali partner europei: l’indice di lavoratori morti rispetto a quelli occupati rimane nettamente superiore a quello medio dell’Unione. Inoltre, non va dimenticato come le statistiche dell’Inail non tengano conto, ad esempio, dei lavoratori assicurati con altri istituti, delle partite Iva individuali e, ovviamente, dell’economia sommersa, che soprattutto nell’edilizia e in agricoltura rappresenta un fenomeno per nulla marginale».Lo dichiara l’ing. Sandro Simoncini, docente a contratto di Urbanistica e Legislazione Ambientale presso l’università Sapienza di Roma e presidente di Sogeea SpA, azienda specializzata nella sicurezza sui luoghi di lavoro.«Altri due dati non possono certo indurre all’ottimismo – prosegue Simoncini –. Innanzitutto la costante crescita delle malattie professionali, che sconta pesantemente anche lo spostamento sempre più in avanti dei limiti di età per poter usufruire del trattamento pensionistico. Secondo, il fatto che quasi il 90% delle aziende controllate sia risultato in posizione irregolare: segno inequivocabile che, soprattutto nel privato, la lunga congiuntura economica negativa ha spinto a tagliare le risorse destinate alla sicurezza. Per indurre ad aumentare la soglia di attenzione su questo tema, andrebbero studiati degli efficaci meccanismi premiali che ad esempio possano agire sugli obblighi fiscali delle aziende: chi si dimostra virtuoso nella gestione della sicurezza dei propri dipendenti deve poter usufruire di sgravi consistenti, che vadano a sommarsi a quelli già in essere relativi alle prestazioni assicurative. Tali misure dovrebbero essere accompagnate dall’aumento delle spese per controlli e verifiche e dalla semplificazione della legislazione in materia, rendendola più facilmente comprensibile e applicabile anche alle piccole imprese, che in Italia rappresentano il settore maggiormente colpito dal problema degli incidenti sul lavoro. Andrebbe poi eliminata la possibilità che sugli affidamenti di incarico a professionisti responsabili della sicurezza si operi con il metodo del ribasso di offerta, in modo da non penalizzare le figure altamente specializzate».

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Chiesi continua l’espansione internazionale

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 giugno 2016

chiesiChiesi Farmaceutici S.p.A ha annunciato la finalizzazione dell’acquisizione, dalla statunitense The Medicines Company, dei diritti di commercializzazione a livello mondiale di tre farmaci ad uso ospedaliero, già approvati per il mercato americano – l’antiaggregante Kengreal® (cangrelor), l’antipertensivo Cleviprex® (clevidipina) e l’anticoagulante per iniezione ArgatrobanTM (50 mg per 50 mL) – che vanno così ad arricchire il portfolio Chiesi in area cardiovascolare.Come stabilito dall’accordo, Chiesi verserà a The Medicines Company un acconto immediato di circa 262 milioni di dollari, cui faranno seguito ulteriori pagamenti fino a 480 milioni di dollari in base al fatturato generato dai prodotti e il pagamento obbligatorio delle royalty.“ La presenza del Gruppo a livello mondiale si fa sempre più pronunciata, non solo grazie al fatturato derivante dall’export, che nel 2015 ha superato l’80%, ma soprattutto grazie a una visione che vede nell’internazionalizzazione un asset strategico importante per la crescita del business nelle aree chiave per Chiesi.” – dichiara Ugo Di Francesco, CEO di Chiesi Farmaceutici S.p.A.. “In tal senso, la presenza di Chiesi in U.S.A. gioca ruolo forza quando si parla di strategie di investimento a livello globale: il mercato statunitense offre infatti grandi opportunità di crescita potenziali, ma per coglierle è necessario identificarle e valutarle attentamente. Il nostro team sta lavorando attivamente in questo senso e in previsione di un’ulteriore crescita futura del Gruppo negli Stati Uniti”.Aggiunge Di Francesco “Grazie alla finalizzazione di questo accordo, Chiesi potrà arricchire il proprio portfolio prodotti ad uso ospedaliero sul mercato statunitense, in linea con le propria strategia di espansione e di crescita del Gruppo a livello mondiale. Si tratta di una scelta di business che al contempo ci permetterà di contribuire ulteriormente al miglioramento della qualità della vita dei pazienti di tutto il mondo”.
Ken McBean, Presidente e CEO della filiale americana di Chiesi conclude “L’acquisizione di questi tre prodotti in area cardiovascolare rafforza ulteriormente la nostra posizione di leadership nell’area dei farmaci ospedalieri e dello Special Care. Inoltre, siamo lieti che gli operatori sanitari potranno beneficiare di queste opzioni terapeutiche, volte a migliorare il percorso clinico e la qualità di vita dei pazienti con patologie cardiovascolari, che ad oggi rappresentano una delle principali cause di mortalità nei Paesi industrializzati.”

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Costruire la fiducia in Medio Oriente: Presidente israeliano chiede aiuto al PE

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 giugno 2016

israele spiagge2“La leadership israeliana eletta è stata ed è a sostegno di due stati e di soluzioni per due popoli”, ha dichiarato mercoledì in Plenaria il Presidente dello Stato di Israele, Reuven Rivlin. Tuttavia, “in questo momento, un accordo permanente di pace tra noi e i palestinesi non può essere raggiunto”, ha aggiunto, invitando l’UE ad agevolare la ricostruzione di un rapporto di fiducia tra le parti.Il presidente Rivlin ha sottolineato che le circostanze politiche e regionali che dovrebbero consentire a Israele e Palestina di raggiungere un accordo permanente “non riescono a materializzarsi”, indicando, tra i vari motivi di insuccesso, una totale mancanza di fiducia tra le leadership e la gente.Ha poi chiesto ai deputati di “aiutarci ad avanzare” nel processo di ricostruzione della fiducia e negli investimenti in joint-venture israelo-palestinesi, nello sviluppo dell’economia palestinese e nell’educazione. Ha inoltre riconosciuto gli sforzi del Parlamento europeo nel portare le due parti insieme e nell’accogliere il Presidente israeliano e quello palestinese nel corso della stessa sessione plenaria.Il Presidente del Parlamento europeo, Martin Schulz, ha osservato che la regione del Medio Oriente ha visto guerre e atti di terrorismo, e che porre fine alla violenza è il primo passo verso la stabilità. Ha poi sottolineato che il Parlamento europeo ha votato l’anno scorso a favore di una soluzione a due Stati, sulla base dei confini del 1967 e con Gerusalemme come capitale di entrambi gli Stati.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’impatto dello storytelling nei mercati finanziari

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 giugno 2016

londraQualcuno si ricorda il referendum in Grecia dei primi di luglio dell’anno scorso? Per settimane i giornali presentarono l’evento come una sorta di giorno del giudizio. Il giorno arrivò, il giudizio fu negativo, ci fu un po’ di turbolenza ma – alla fine – non vi fu quello tsunami che si paventava nei media. La nostra impressione è che qualcosa di molto simile possa verificarsi dopo domani. I media hanno presentato l’eventuale voto per l’uscita del Regno Unito nell’Unione Europea (“Brexit”) come una sorta di giorno del giudizio. Solo negli ultimi giorni i timori sembrerebbero affievolirsi a causa della tragica morte della deputata laburista che sembrerebbe aver riportato i sondaggi a sfavore del “Brexit”.
Il modo con il quale i media trattano le informazioni gioca un ruolo importante nelle turbolenze dei mercati finanziari. Le decisioni sulla negoziazione dei titoli sono assunte seguendo due grandi orientamenti. La grande massa degli operatori cerca, attraverso varie tecniche, di capire come si muoveranno i prezzi. Una minoranza cerca di capire se i prezzi attuali rispecchiano il valore degli strumenti scambiati. E’ evidente che l’approccio teoricamente più corretto sarebbe quello di guardare al valore di ciò che si compra, ma questo implica una serie di conseguenze che solo una minoranza d’investitori è in grado di accettare e sostenere realmente. Ciò accade anche perché le regole dei mercati finanziari, di fatto, incentivano un orientamento di breve o talvolta brevissimo termine ed esaltano il focus ossessivo sulle variazioni di prezzo e non sul valore.
Con l’eccezione dei pochi investitori che sono realmente orientati al valore, il “gioco” dei mercati finanziari si traduce quindi non nell’individuare ciò che è “buono”, ma ciò che la maggioranza degli operatori ritiene “buono” in una logica di variazione di prezzo di breve termine. Questo influenza il prezzo stesso, perché anche gli operatori “razionali”, i quali comprendono che i prezzi non rispecchiano il valore, tenderanno a comportarsi dando poco peso al valore e maggior peso alla tendenza del prezzo. Più operatori faranno così e più i prezzi saranno illogici. Il meccanismo è ben descritto dal seguente “gioco” che è stato più volte effettivamente testato anche in gruppi di persone teoricamente molto ben avvezze a “gestire i numeri”.
Si seleziona un gruppo abbastanza consistente di persone. A ciascuno si chiede d’indicare un numero da 0 a 100 spiegando che vince chi indica il numero intero (troncando la virgola) pari al 75% della media dei numeri espressi. Quindi, se la media dei numeri fosse, ad esempio, 50 vince chi ha indicato 37. E’ chiaro che per partecipare ad un gioco del genere, la prima variabile che dobbiamo considerare non è tanto la matematica (abbastanza elementare), ma il comportamento di tutti gli altri partecipanti al gioco. Se tutti i partecipanti fossero persone razionali e con un minimo di basi matematiche, la soluzione corretta sarebbe indicare il numero zero. La premessa, però, è una premessa certamente sbagliata. Avendo proposto più volte questo gioco a più persone, ho potuto verificare che sebbene il procedimento logico per identificare zero come numero corretto sia piuttosto banale non mi è mai capitato qualcuno che lo indichi come sua prima scelta. Non solo, quando ho spiegato che zero sarebbe stato il numero corretto, diverse persone hanno impiegato un po’ di tempo per afferrare la spiegazione.
Questo mi porta a ritenere che anche fra i miei carissimi dodici lettori qualcuno, in questo momento, si starà chiedendo perché zero sarebbe la risposta teoricamente corretta. E’ il caso, quindi, di non lasciare queste persone nel dubbio. Abbiamo detto che il numero “vincente” è il 75% della media di tutti i numeri. Ciò significa che qualunque sia il numero ipotizzato come media, il numero “vincente” dovrebbe essere più basso. Questo ragionamento dovrebbero farlo anche tutti gli altri (o almeno la maggioranza degli altri, quelli più “razionali”) e ciò porterà ad abbassare ulteriormente la media.
E’ evidente che scegliere numeri sopra 75 significherebbe perdere certamente, perché anche nell’ipotesi, assurda, che tutti scegliessero 100 (il numero massimo) qualsiasi numero sopra 75 sarebbe certamente perdente. Si può ipotizzare, quindi, che la maggioranza delle persone scelgano numeri compresi almeno tra 75 e 0. Ciò porta ad abbassare la media “teorica” dei numeri da 50 a 37. Ma noi sappiamo che anche gli altri vorranno indicare il 75% della media dei numeri e quindi indicheranno un numero più basso della media “teorica”. Molti potrebbero indicare il 25% in meno. Ma se molti faranno questo ragionamento, la media effettiva sarebbe più bassa, quindi ci saranno dei partecipanti che sceglieranno un numero ulteriormente più basso. Ma fino a quando? La scelta razionale dovrebbe essere zero, perché qualsiasi numero scegliamo, c’è sempre l’ipotesi che il nostro ragionamento sia seguito anche da altri partecipanti, invalidandolo. Il 75% di zero, invece, è, appunto,
zero. Se tutti scegliessimo zero, vincerebbero tutti. Quindi è l’unico numero razionale da scegliere. Le prove più volte svolte con persone reali dimostrano che solo pochi scelgono zero e questo accade anche fra persone che dovrebbero essere iper avvezze ai numeri, come i money manager. Questo accade perché basta un partecipante che non fa il ragionamento corretto per far passare dalla parte del torto tutti gli operatori che erano “teoricamente” dalla parte della ragione. In altre parole, come diceva il grande Keynes comportarsi in modo razionali in un mondo di operatori irrazionali non è razionale. Nei mercati finanziari accade una cosa abbastanza simile. Le regole del gioco fanno in modo che non si debba “indovinare” il comportamento teoricamente corretto, ma un comportamento derivato dal quello di tutti gli altri operatori, non necessariamente razionali, anzi, certamente non completamente razionali.
In un contesto del genere, cosa è razionale fare se sappiamo che i media raccontano storie enfatizzando alcuni aspetti e sottacendo altri ugualmente o forse più importanti? Con questo in mente, torniamo alla giornata di domani, cioè alla questione della Brexit. Non ho ascoltato o letto in nessun media generalista (giornali, TV, radio) un fatto centrale nella valutazione dei reali impatti del referendum. Anche nell’ipotesi considerata “peggiore” di voto per il Brexit, le regole previste dai trattati per l’Unione Europea prevedono un periodo, fino a due anni, di trattative con gli altri Paesi dell’Unione per definire le procedure di separazione. In altre parole, in termini pratici, dal giorno successivo non cambierebbe niente in concreto. I cambiamenti sarebbero comunque tutti da definire e nella peggiore delle ipotesi (ovvero in assenza di accordi) si verificherebbero dopo due anni. Questa è un’informazione determinante, ma pochissimi ne sono a conoscenza perché lo storytelling che conviene presentare ai media prevede l’esasperazione delle conseguenze del referendum. La storia che “domani potrebbe accadere il finimondo” è molto più interessante rispetto a quella di “un passaggio certamente importante, ma non determinante nell’evoluzione delle istituzioni europee e del Regno Unito”.I danni che questo atteggiamento dei media provoca sono ben più ampi di quelli che si potrebbero immaginare proprio per il meccanismo che abbiamo cercato di descrivere. (Alessandro Pedone, responsabile Aduc Tutela del Risparmio)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Immigrazione, il Coisp: “Portiamo i clandestini a spasso per il Paese”

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 giugno 2016

immigrati“Soldi, mezzi e uomini impegnati in una lotta impari non solo contro i problemi dovuti all’entità del fenomeno immigrazione, ma soprattutto contro l’incapacità, l’approssimazione, il ridicolo modo di gestire la cosa da parte di chi, in Italia, continua solo a perpetuare una situazione che sta mettendo in seria difficoltà la popolazione, e che certamente sta ulteriormente portando allo stremo le Forze di Polizia, lasciate sole a gestire un problema mastodontico senza mezzi, senza uomini, senza una programmazione logica ed efficiente. Le chiacchiere degli inutili buonisti ad ogni costo stanno a zero: in Italia portiamo a spasso i clandestini di qua e di là per il Paese solo per poi scoprire che non hanno i requisiti per restare e devono essere espulsi ed oltre tutto, beffa delle beffe, che neppure ci vogliono stare, tanto che non chiedono alcuna protezione o sostegno. Ma noi le gite in aereo a spese dei contribuenti con vitto e alloggio negli alberghi e con frotte di Poliziotti al seguito gliele facciamo fare comunque, no? Una bella gita non si nega a nessuno…”. Così Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, dopo quella che ha definito “l’ennesima pagliacciata” verificatasi a Cagliari, dove sono atterrati 44 immigrati clandestini provenienti da Ventimiglia, che lì si trovavano in attesa di poter entrare in Francia, senza che, peraltro, aspirassero neppure a ottenere lo status di rifugiati. In 44 sono giunti a Cagliari su un aereo ovviamente pagato dallo Stato e con un’assistenza di 40 Poliziotti impegnati per ore e ore solo per scoprire che a Cagliari non ci possono state e neppure in Italia possono stare. Ben 36 di loro, infatti, non hanno chiesto “protezione internazionale”, non avendo i requisiti per lo status di rifugiato e cioè la necessità di fuggire da situazioni di grave bisogno come guerre, persecuzioni o altro, ma essendo solo dei “migranti economici”, cioè in cerca di una situazione economica migliore di quella che già avevano. A questi 36 immigrati – oltre l’80 per cento del gruppo “portato in gita in Sardegna” ha tuonato Maccari -, è stato dunque notificato un decreto di espulsione, cioè un provvedimento che dovrebbe obbligarli a lasciare l’Italia a entro 7-15 giorni a spese proprie (!), e grazie al quale sono in condizioni di viaggiare anche se privi di documenti di riconoscimento. “La prassi assolutamente consolidata – insiste il Segretario Generale del Coisp – è quella che praticamente nessuno ottempera a quest’obbligo, e meno che mai riesce a farlo chi si trova su un’isola! E dunque questi, come tantissimi altri ‘fantasmi’, cominceranno a vagare sul territorio, e prima o poi manifesteranno tutti i disagi dovuti a una tale situazione senza capo né coda, e nasceranno i ben noti problemi. Problemi che in ogni angolo d’Italia stanno rendendo sempre più invivibili interi quartieri cittadini… certo, mai quelli in cui risiedono politici e governanti vari! E noi di fronte a tutto questo non possiamo fare assolutamente nulla. Possiamo continuare a notificare e notificare e notificare decine di provvedimenti di espulsione che vengono reiterati all’infinito a questi soggetti, che però li mettono in tasca assieme ai precedenti e ricominciano il loro peregrinare. Possiamo tentare di correre di qua e di là a tutte le chiamate di gente esasperata da convivenze troppo difficili con persone che non vogliono o non possono integrarsi, che non hanno la più vaga idea di cosa fare delle loro vite e che semplicemente trascorrono un giorno dopo l’altro bivaccando a spese degli italiani. Possiamo solo impazzire dietro a turni senza orario e servizi senza logica per scortare clandestini di qua e di là. Possiamo solo assistere, attoniti, all’assurdità di un sistema che, lungi dall’avvicinarsi al concetto di efficienza, sta trascinando tutti ancora più in basso”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il governo scivola sul dramma del debito pubblico

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 giugno 2016

palazzo chigiRoma Mercoledì 6 luglio ore 17,30 Convegno “SUPERARE IL CAPITALISMO MUNICIPALE” Senato della Repubblica Sala in Santa Maria in Aquiro Piazza Capranica, 7. In un articolo, che il ‘Corriere della Sera’ ha pudicamente confinato nel ‘Corriere economia’, Alberto Brambilla e Chiara Appolloni dimostrano per tabulas che o viene ridotto il debito pubblico o non c’è futuro per i giovani. Ma per la verità, aggiungo io e loro lasciano intendere, non ci sarà futuro per l’Italia intera. Invece, con ineffabile sfrontatezza, il primo ministro spande ottimismo e sembra in stato confusionale riguardo alle cifre, che egli manipola estrapolando i dati che gli si confanno e tralasciando quelli riottosi alla sua bacchetta magica. Renzi, quanto alle poste del bilancio, si comporta come i grandi illusionisti che fanno scomparire dal palco persino gli elefanti. In effetti il debito pubblico è un pachiderma che al governo conviene ignorare per ingannare il popolo, specialmente quella parte del popolo, intellettuali e giornalisti compresi, che lo assecondano creduli. Scrivono dunque i Nostri: “Dal terzo rapporto sul sistema previdenziale italiano risulta che su 826 miliardi di spesa totale (compresi gl’interessi sul debito) per il 2014, ne sono stati spesi ben il 53% tra pensioni, sussidi, sanità, assistenza e provvidenze varie.” Questo non è il volume di spese d’un semplice fiume, ma la portata del Rio delle Amazzoni, Nilo, Mississippi e Fiume Azzurro assieme. A causa di questo diluvio di spese il debito che ogni anno carichiamo sulle spalle della nazione aumenta di cifre paurose, sempre più insostenibili, che schiacciano persino la speranza di una ripresa.Nel 2013 il debito era di 2.068 miliardi. L’anno dopo, 2014, era salito a 2.134 miliardi (+66 miliardi!); nel 2015, a 2.169,9 (+35 miliardi!); nel febbraio 2016, a 2.214,9 (+45 miliardi!). In barba a tutte le dichiarazioni e a tutte le slides e a tutti i twit e a tutti i telecomizi in stile Kim-Iong-un, la realtà dei nostri conti pubblici è semplicemente disastrosa, se, nonostante le manovre, gl’incentivi, le regalie, i sussidi, insomma le cure ricostituenti o pretese tali del Governo, il debito pubblico cresce in media di circa 50 (cinquanta!) miliardi all’anno. La situazione della Repubblica è preagonica e prefallimentare. Per cercare di trarla da tale condizione, il Governo si consuma e s’intestardisce in riforme elettorali e costituzionali che non solo non toccano la radice del problema ma fanno credere a una palingenesi che richiede invece interventi coraggiosi sulla struttura amministrativa ed economica, anziché fughe in avanti verso pericolosi ritocchi nell’assetto dei poteri.Il Governo continua ad indebitare la nazione per distribuire doni a carico del debito pubblico, nella vana speranza che tale spesa improduttiva risvegli la produzione di beni e servizi. Ma le dosi di droga al drogato cronico non lo inducono a disintossicarsi né ne procurano la guarigione. Un grande monito del nostro maestro di libertà, David Hume, afferma che o la nazione distrugge il debito pubblico o il debito pubblico distrugge la nazione. Il Governo è responsabile, oltre che d’ignorare Hume, di cieca inerzia di fronte allo scivolamento dell’Italia verso il baratro del fallimento, coltivando una fede ingiustificata nel recupero di livelli di produzione e consumi in grado di accrescere Pil e entrate che facciano calare il rapporto con il debito. Intanto, continuano a svuotare il debito e le spese con il paniere della buona volontà. (by Pietro Di Muccio de Quattro del Comitato scientifico di Società Libera) (n.r. a nostro avviso il debito sovrano si combatte soprattutto riducendo l’area delle evasioni fiscali, favorendo l’emersione del lavoro nero e combattendo gli sprechi e il malaffare. Ciò non toglie che la politica economica praticata da questo governo e da quelli che lo hanno preceduto si fonda soprattutto sulla logica del sopravvivere cercando di fare di tanto in tanto qualche concessione che gli permetta d’intascare un consenso popolare come gli 80 euro concessi a una certa area di reddito. Bisogna invece agire con coraggio e determinazione per restituire legalità e moralità al paese con azioni concrete che sappiano individuare le aree da bonificare: giustizia, sistema bancario, fiscale, sanità e di farlo senza tentennamenti di sorta o peggio ancora con leggi, come la riforma degli appalti, che Davigo considera fatiscenti ai fini di una corretta gestione delle opere pubbliche ma che viene sbandierata dal governo come la soluzione al grosso problema della corruzione.)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Warwick Business School EU referendum experts

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 giugno 2016

Warwick Business SchoolProfessor Christian Stadler can talk on multinationals (07576 131168). He is the author of Enduring Success, which involved researching Europe’s biggest companies.He says: “If the UK votes to leave In the short-term rather than expanding in the UK, large multinationals are likely to do that in mainland Europe instead, particularly for businesses which export to the EU.”In the long-term if the UK leaves and takes a tough stance on immigration it will be a disaster for multinationals and big business as the EU will retaliate. For UK business it will be a nightmare as access to the EU will become difficult and they will have to deal with complicated bureaucracy.”
Professor Stephen Roper can talk on SMEs. He researches SME growth and innovation and has advised the OECD, DTI and the Department for Business. He says: “The gains for small firms from Brexit are probably 2-5 years away. There is potential for reduced regulation and new trade deals, but the timing and effects of both remain uncertain.”Outside the EU the UK will also be free of EU competition and state aid rules, allowing the UK government to provide more direct support to SMEs.”
Professor John Thanassoulis can talk on the banking sectorHe is a member of the UK Competition Commission Academic Panel, an academic advisor to OFCOM, and on the steering panel for the Department of Business Innovation and Skills research into Metrics and Models for Long-Term Investment.
Professor Kamel Mellahi can talk on China’s reaction. He researches emerging markets and business strategy in China.He says: “If one goes by what has been widely reported by Chinese corporate leaders, Brexit would dampen the appeal of the UK for Chinese investors.
“A significant number of Chinese businesses see the UK strategically placed as a gateway to EU markets. In the event of a Brexit they may put on hold investment in the UK until a clearer picture over trade deals with the EU emerges. This may not be the case for sectors that are more detached from EU markets such real estates and higher education.”
Warwick Business School has in-house broadcasting facilities for TV and radio. We have an ISDN line for radio and for television interviews we have the Globelynx TVReady network, a list of Warwick experts is available.

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’UE malgré tout?

Posted by fidest press agency su giovedì, 23 giugno 2016

UE malgré toutLes opinions publiques européennes face aux crises (2005-2015).
Etude par Daniel Debomy. Le opinions controverses relatives au projet de “Traité constitutionnel européen”, conflits liés à la “crise de la zone euro”, puis tensions découlant de la crise des réfugiés n’ont pas seulement nourri un intense débat public dans la plupart des pays de l’UE : ils ont aussi suscité nombre de commentaires plus ou moins impressionnistes et alarmistes, qu’il est salutaire de mettre en perspective sur la base de données solides et d’analyses étayées et circonstanciées.Tel est le grand mérite de l’Étude réalisée par Daniel Debomy, spécialiste reconnu de l’analyse des évolutions des opinions publiques européennes qui, sur la base des précieuses enquêtes “Eurobaromètre”, souligne avec minutie autour de quels enjeux et dans quelle mesure les peuples de l’UE ont pu ou non modifier leur jugement sur elle au cours d’une “décennie de crises”.
1. L’un des premiers enseignements de cette Étude est que la perception citoyenne de l’appartenance de son pays à l’UE est demeurée positive tout au long de la période, et qu’elle s’avère même plus positive en 2015 qu’en 2005 dans une fraction significative des pays membres.
2. Son deuxième enseignement est que l’image de l’UE et le degré de confiance que ses citoyens éprouvent à son égard ont en revanche subi un déclin marqué entre 2005 et 2015.
3. Sa troisième leçon est de souligner que ce qui caractérise le débat public sur l’UE de cette dernière décennie n’est pas tant son “déficit démocratique” ou la classique fracture entre “Bruxelles et les peuples”, mais davantage une fracture entre les peuples de l’UE, qui constitue un défi non moins considérable pour les partisans et praticiens de la construction européenne. Voilà une raison de former le vœu que les autorités européennes et nationales et, au-delà, l’ensemble des citoyens s’impliquant dans le débat public sur l’UE, puissent méditer et mettre en débat cette Étude de Daniel Debomy, afin de formuler des analyses et des initiatives s’appuyant sur de solides fondements politiques et démocratiques. (photo: UE malgré tout)

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »