Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 27 giugno 2016

Nasce Matilda Editrice

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 giugno 2016

matilda editriceLa Casa Editrice Mammeonline di Foggia di Donatella Caione da luglio 2016 dà vita ad un nuovo marchio editoriale: Matilda Editrice.
La casa editrice, nata nel 2003, prese il nome dalla comunità online perché i primi libri erano realmente realizzati raccogliendo le esperienze delle mamme della comunità mammeonline. Poi col tempo è diventata una realtà autonoma ma il nome è diventato limitante perché le autrici e illustratrici (ma ci sono anche autori e illustratori) sono professioniste, i libri sono per lo più rivolti a bambine e bambini, ragazze e ragazzi. E sono libri veri, di carta, distribuiti nelle librerie, e non libri digitali o libri venduti solo online come il nome potrebbe far pensare.Serviva un nome che raccontasse realmente quello che la casa editrice fa da sempre: bei libri per bambine e bambini con un desiderio particolare: dare spazio alle protagoniste femminili. Ma anche contrastare gli stereotipi di genere, raccontare la diversità e l’accoglienza, i sentimenti e le emozioni. Ci voleva insomma un nome che contenesse il senso e le parole dei libri che pubblica. Le parole sono importanti, il linguaggio è performativo, lo sappiamo.Ed è venuta in mente lei, Matilda, la protagonista del romanzo di Roald Dahl, un nome che contiene perfettamente il senso di questa attività editoriale.
I nuovi libri da settembre 2016 in poi saranno pubblicati da Matilda Editrice ma i libri della Casa Editrice Mammeonline continueranno a esserci perché rappresentano il bellissimo passato. Accompagneranno i nuovi, aiuteranno questa bambina a crescere.
Dice Donatella Caione, responsabile della Casa Editrice: “È un nome che parla di letteratura per l’infanzia, di bambine protagoniste, di genitorialità non solo biologica, di amore per i libri e per le biblioteche, del bisogno di non uniformarsi. Ma parla anche di famiglie imperfette e di insegnanti appassionate. Matilda è libertà, è anticonformismo, è intelligenza, è l’emblema di quello che dovrebbe rappresentare la cultura: il mezzo per allargare i propri orizzonti e non lasciarsi sopraffare dalla grettezza. (foto: matilda editrice)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Catella financial advisor in complex joint venture on new artificial island in Copenhagen

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 giugno 2016

catellaCatella has acted as financial advisor on a strategic joint venture between Danish pension fund PensionDanmark, developer Nordkranen A/S Ejendomsudviklingsselskab, and CPH City & Port Development, owned by the Municipality of Copenhagen and the Danish government, for an extraordinary residential development project in Nordhavn, Copenhagen.
Catella advised PensionDanmark and Nordkranen, securing both equity and construction debt financing provided by institutional non-bank financing. The project consists of 32,300 m2 of residential space, 600 m2 of commercial space and 1,000 underground parking spaces on a new artificial island to be constructed, called Kronløbsøen.
Kronløbsøen is located in Copenhagen’s and Scandinavia’s largest and most prosperous development area, Nordhavn, with close proximity to the inner city of Copenhagen. Currently, five pre-qualified architect teams are competing on designing the winning project, and the selected architect on the project is expected to be announced in August 2016. The joint venture is owned 50% by City & Port, 40% by PensionDanmark and 10% by Nordkranen.“Copenhagen is experiencing substantial urban development. Huge infrastructure projects have been initiated to support this increased demand, including a new metro line to Nordhavnen – one of Copenhagen’s most attractive new urban districts. Catella is pleased to have been engaged in securing both the debt and equity financing for Project Kronløbsøen. The new joint venture combines strong resources and skills from three leading parties in the Danish real estate industry. Jointly they offer not only capital but also a well-balanced operational platform to secure the completion of the project. Catella is proud to have been a trusted advisor in this complex and important project. The cooperation among the parties has been very positive and progressive, strongly supported by Bruun & Hjejle, Bech Bruun and Manzanti-Andersen Korsø Jensen, securing the legal agreements and closing”, says Jesper Bo Hansen, Head of Corporate Finance at Catella.“Institutional forward funding and participation in the early stage of the value chain has become increasingly important in the real estate industry, and Catella is well positioned to engage in such highly complex transactions, where securing debt and equity funding in combination with managing the different risks involved are important factors in creating higher returns and value for our clients. We will focus on such situations, not only in Denmark and the Nordics but across all our European market offices,” says Jesper Bo Hansen.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Istanbul: attivisti arcigay arrestati

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 giugno 2016

istanbul“All’indomani di una straordinaria giornata dell’orgoglio per ben sei città italiane, leggiamo con rabbia e preoccupazione del grave evolversi della situazione a Istanbul, dove ieri avrebbe dovuto tenersi la quattordicesima edizione del Gay Pride”: lo dichiara Gabriele Piazzoni, segretario nazionale di Arcigay. Che prosegue: “Le autorità turche hanno vietato la manifestazione, in piena violazione della carta costituzionale di quel Paese, e in queste ore, con modalità estremamente violente stanno disperdendo i manifestanti che comunque sono scesi in piazza. Giungono notizie di cariche della polizia e di fumogeni sulla folla.Si parla anche di diversi attivisti trascinati via con violenza e tratti in arresto. La situazione è gravissima. Occorre innanzitutto che tutte le comunità si mobilitino a sostegno di chi oggi sta subendo abusi e repressione e per chiedere l’immediato rilascio degli attivisti. Chiediamo inoltre che l’Unione europea intervenga immediatamente, sospendendo ogni relazione con la Turchia finché quel Governo non sia in grado di garantire il rispetto dei diritti umani”, conclude Piazzoni.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Riforme: “Recuperare fiducia Parlamento rispettandone prerogative”

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 giugno 2016

camera deputati“Nella settimana intensa che si prepara in Parlamento gli appuntamenti chiave sembrano da un lato l’ennesimo decreto sulle Banche, che dopo l’uscita della GB dall’Unione europea arriva in un momento di particolare tensione nei confronti del sistema economico-finanziario, e dall’altro l’incontro con Matteo Renzi. C’è da immaginare che, a prescindere da quello che lui vorrà comunicare al Parlamento, saranno infinite le cose che il Parlamento vorrà comunicargli, in modo più o meno aggressivo. Il clima dei lavori di domani sarà un vero e proprio segnale d’allarme sull’andamento del prossimo mese, prima della pausa estiva, compresa l’ennesima fiducia che sembra incombere sui lavori parlamentari”. Lo afferma l’onorevole Paola Binetti di Area popolare.
“Sul tema delle banche si addensano segnali sempre più ambigui e sempre più inquietanti per l’attuale governo. Non si limitano a coinvolgere il ministro Boschi, per il ruolo svolto da suo padre in banca Etruria, ma ormai lambiscono anche lo stesso presidente del Consiglio. Forse non sapremo mai quanto c’è di vero in tutto ciò – prosegue Binetti -, ma la gente comincia a crederlo e a mettere tra parentesi la fiducia nell’esecutivo, fino a dubitare di molte delle cose che dice e che fa, Referendum incluso. Non è indifferente l’atteggiamento con cui il Governo cercherà di recuperare nei fatti e nei modi la fiducia del Parlamento. Non tanto per il sì per il no che incasserà la prossima volta che metterà la fiducia, forse lunedì o martedì stesso, ampiamente scontato nei consensi e nel dissenso che incasserà, ma nel rapporto vivo tra esecutivo e Parlamento. Nell’iter delle leggi attualmente in discussione alla Camera e al Senato; nel rispetto per il punto di vista di quello che anche nella prossima riforma costituzionale viene definito come potere legislativo e invece è decisamente messo in sottordine dalla manovra a tenaglia con cui il governo e la magistratura si vanno sostituendo sistematicamente alle proposte del Parlamento e al suo diritto-dovere di legiferare. In altri termini si tratta di capire se ci stiamo allontanando e se andiamo verso una rafforzamento della democrazia interna del Paese, con una scansione chiara dei ruoli e delle responsabilità dei tre poteri classici che ne definiscono l’identità profonda. Il dubbio sotteso all’intera riforma costituzionale, messo in parallelo con la legge elettorale e quello strano premio di maggioranza al partito egemone, comincia a destare molti sospetti nella gente comune. Non tutti leggeranno tutti i passaggi della riforma cercando di penetrarne il senso – conclude Binetti -, ma molti si stanno già chiedendo che Paese verrà fuori e cominciano a temere che non si tratti di progressisti versus conservatori, ma piuttosto di democrazia versus una eccessiva concentrazione di potere nelle mani di qualcuno, fosse anche un solo partito a conduzione fin troppo centralizzata”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il “caso” vaccini e i corsi di formazione per giornalisti

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 giugno 2016

giuliano-giubileiGiorni fa presso il Palazzo del Rettorato dell’Università Sapienza di Roma un folto gruppo di giornalisti, aderenti alla piattaforma S.I.Ge.F per il rilascio dei crediti formativi, ho partecipato a un incontro condotto da Giuliano Giubilei vice direttore del TG3 che verteva su “il caso vaccini, tra falsi miti e pregiudizi”. Guardandomi intorno nell’aula che ci ospitava ho notato diversi giornalisti abituali frequentatori di congressi, convegni e conferenze promossi dalla classe medica e che si dedicano proprio al difficile compito d’informare i loro lettori nel campo della medicina e della ricerca scientifica, in un linguaggio più votato a una lettura o ad un ascolto meno arido. Qualche volta in questi meeting capita che un un oratore presenti uno studio d’avanguardia o i rappresentanti di società farmaceutiche preannuncino ritrovati e terapie avveniristiche lasciando trasparire che potrebbero essere a portata di mano in breve tempo. Se un giornalista meno aduso a queste esternazioni coglie la palla al balzo e rilancia la notizia è probabile che se ne faccia un gran parlare nei media ma anche provocare delle secche precisazioni della classe medica che possono essere variamente interpretate dal pubblico. Ne consegue che questa ridda d’interventi può essere percepita dall’opinione pubblica come delle diversità di giudizio ortobotanicalasapienzache possono mettere a dura prova la stessa credibilità della scienza medica. Tutto questo per significare che la materia è delicata in quanto risveglia tra la gente la diffidenza e anche una sorta di atavica paura se le scelte che si fanno possano essere foriere di errori e di calcoli sbagliati. A questo giudizio non si sottraggono i vaccini e il medico di famiglia per lo più fa poco o nulla per diradare i dubbi ora perché gli manca il tempo per farlo e ora perché dà per scontato che i propri pazienti sono responsabili delle loro azioni anche se sbagliano. Sappiamo bene, del resto, che la scienza medica non è esatta e vi sono molti punti oscuri che bisogna ancora diradare ma da qui a trinciare severi giudizi, anche se non si hanno le competenze per farlo, ce ne corre. Significa anche che internet può fare molto per far comprendere i problemi esistenziali che ci riguardano colmando un gap culturale che l’istruzione scolastica, sia pure superiore, talvolta non è sufficiente, ma a patto che si scelgano i percorsi scientificamente testati per non diventare facile preda degli opportunisti di turno. E qui vi soccorre la necessità che i giornalisti in primis e le loro testate di riferimento sappiano offrire con regolarità un prodotto informativo serio e competente e l’impegno che oggi essi riversano alla loro formazione continua diventa in pratica un lasciapassare autorevole nell’interesse di tutti. (Riccardo Alfonso direttore Fidest)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tel Aviv’s White Night

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 giugno 2016

White_NightTel Aviv. Thursday, June 30, 2016. In July 2003, Tel Aviv’s “White City” was declared a World Heritage Site by UNESCO. Since then, the Tel Aviv-Yafo Municipality has marked UNESCO’s declaration every year through a series of White Night events that incorporate another added value of the city: namely, that it is a Nonstop City.White Night is a celebration featuring dozens of events that take place at the same time throughout the city – both outdoors and at cultural centers – starting in the early hours of the evening and ending in the wee hours of the morning. The events are open to the public, either free of charge or for a nominal fee, and they are invited to enjoy a large variety of musical, theater and dance performances, sing-alongs, folk dancing, selections from operas, classical music recitals, jazz ensembles, rock and alternative music concerts, video presentations, meetings with artists and creators, art sales, poetry readings, discussions about literature and philosophy, nighttime athletic activities, fashion and accessories events, shopping, street parades, special nighttime menus at restaurants and cafes, parties at clubs and lectures. In all the years of its existence, White Night has been a huge success among all those who have taken part. This year as well, cultural and art institutions in the city have come on board in record numbers.
The exhibitions will be open on White Night from 19:00 to 23:00, all free of charge. (photo: White_Night)

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

I vaccini sono preparazioni utilizzate per indurre una risposta immunitaria

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 giugno 2016

IMG_0294Il vaccino è costituito da un microrganismo patogeno o da alcune sue parti o prodotti (come le tossine), trattati in modo da renderlo incapace di causare malattie. Recentemente è stato possibile elaborare dei vaccini anche grazie alle moderne tecniche di biologia molecolare. Il vaccino quindi è in grado di determinare una risposta da parte dell’organismo caratterizzata dalla produzione di anticorpi in grado di “combattere” il germe quando e se dovesse contagiare l’organismo. Vengono quindi attivate, dall’organismo, le “proprie” difese immunitarie, in maniera molto selettiva: solo per combattere lo specifico germe o gli specifici germi, previsti per quel vaccino. È quindi un sistema molto utile e virtuoso che consente anche al bambino molto piccolo, in cui il sistema immunitario non è maturo e non sarebbe minimamente in grado di difendersi dai germi, di “finalizzare” le sue capacità difensive proprio verso quei germi più pericolosi e potenzialmente letali. Alcune malattie sono dovute a germi particolarmente aggressivi che in tempi molto brevi, da ore a pochi giorni, possono causare la morte dell’individuo o determinare esiti invalidanti più o meno gravi. Si è cercato quindi, nel corso degli anni, di elaborare dei vaccini per combattere i germi più aggressivi e per i quali non sono ancora disponibili altre possibilità di cura. La mortalità, per alcune malattie, come ad esempio le meningiti, nonostante gli enormi progressi della medicina e in particolare delle rianimazioni, è rimasta uguale negli ultimi 40 anni. L’età pediatrica comprende tutta l’età evolutiva, dalla nascita al raggiungimento dell’età adulta e quindi da 0 a 18 anni.
IMG_0322Le vaccinazioni devono essere praticate già nel corso del III mese di età (dal 61° al 90° giorno di vita) e le prime sono costituite dal vaccino esavalente (contro difterite, tetano, pertosse, poliomielite, epatite B e infezioni da Haemophilus Influentiae tipo B), dal vaccino antipneumococco e dal vaccino antimeningococco B. Tutti questi germi/malattie hanno in comune la possibilità di poter colpire già dai primissimi mesi di vita, di essere in grado di determinare la morte dell’individuo, di non poter essere curate con i farmaci e le tecnologie attualmente disponibili.
Entro i 12-13 mesi di età i bambini devono essere vaccinati contro morbillo, rosolia, parotite e varicella, ma anche contro i diversi tipi di meningococco (C, A, Y, W135). Importanti sono anche i vaccini contro il Rotavirus e, in particolare per i bambini con patologie importanti, la vaccinazione antinfluenzale.
Nel corso del VI anno di vita i bambini devono essere vaccinati con vaccino contro difterite-tetano-pertosse-poliomielite e con un altro vaccino contro morbillo-rosolia-parotite-varicella. È molto importante che le vaccinazioni vengano ripetute. La ricomparsa della pertosse nei bambini molto piccoli (sotto i 3 mesi di età) ha come principale causa la mancata effettuazione del richiamo tra i bambini di 5-6 anni. La pertosse nel bambino molto piccolo è sempre una malattia grave, non di rado purtroppo mortale. È molto importante considerare che in Italia, grazie proprio ai progressi della medicina, sono in costante aumento i soggetti in età evolutiva (0-18 anni) con necessità assistenziali complesse. Sono i bambini ex-prematuri con esiti più o meno importanti, quelli affetti da patologie croniche (cardiopatici, diabetici, affetti da patologie neuromuscolari, con patologie reumatologiche), i bambini con malattie rare, i bambini oncologici. In questi bambini il rischio di contrarre malattie prevenibili con le vaccinazioni è molto più alto e molto più elevato è anche il rischio di morte e di sequele invalidanti.
Le vaccinazioni proteggono per periodi più o meno lunghi. Gli anticorpi che l’organismo produce in risposta al vaccino tendono a diminuire nel tempo. Questo stesso fenomeno accade dopo un’infezione contratta naturalmente, a una fase in cui si formano tanti anticorpi (in corso di malattia), finita la malattia, segue un periodo nel quale il numero di anticorpi tende a diminuire progressivamente, fino quasi a sparire.
È questo il motivo per cui alcune vaccinazioni devono essere ripetute nel tempo (nel corso del VI anno di vita e poi in età pre-adolescenziale). Le vaccinazioni sono l’unica possibilità al momento per arginare e tentare di sconfiggere germi in grado di causare la morte e/o importanti invalidità. Le vaccinazioni vanno promosse e devono crearsi le con-dizioni per cui tutti possano comprenderne l’importanza, la sicurezza e il privilegio di poterne usufruire. (Alberto Villani Responsabile Unità Operativa Complessa di Pediatria Generale e Malattie Infettive Ospedale Pediatrico Bambino Gesù – IRCCS – Roma)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La cooperazione che paga

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 giugno 2016

euro promosUn modello per il sistema cooperativo. È l’immagine di Euro&Promos, multiservice di Udine che opera in tutta Italia, emersa dall’assemblea annuale dei soci che si è svolta sabato scorso al castello di Villalta di Fagagna (Ud).«Siamo un esempio di sana e buona cooperazione» ha detto il presidente, Sergio Emidio Bini, nel presentare i risultati di un anno da incorniciare. «I risultati che abbiamo raggiunto ci hanno permesso non solamente di raddoppiare i ristorni dei soci rispetto al 2014, ma soprattutto di rilanciare il nostro impegno nella cultura: ai soci regaliamo un anno di musei, mostre e teatri».Durante l’evento, che ha visto al tavolo dei relatori anche l’Assessore regionale alle Finanze, patrimonio, coordinamento e programmazione politiche economiche e comunitarie Francesco Peroni, l’assemblea ha approvato il bilancio 2015, un anno che ha regalato risultati importanti: Euro&Promos, che negli ultimi anni ha conquistato un posto di primo piano nel mondo dei servizi – dalla pulizia alla logistica per arrivare ad energia, servizi culturali e assistenza socio sanitaria – ha chiuso il bilancio 2015 a quota 96 milioni e 600mila euro (+13,6% rispetto al 2014) con un utile post imposte che, arrivando a 4 milioni di euro, è raddoppiato rispetto all’anno precedente; aumentato anche il numero degli occupati arrivato a superare quota 5mila, di cui un migliaio in Friuli Venezia Giulia.«Rispetto al 2014, i ristorni sono euro promos1aumentati del 50%, passando da 200mila a 300mila euro, cifra che sarà ridistribuita tra i nostri 700 soci», ha proseguito Bini. «Si tratta di un risultato importante dettato da una sana e proficua gestione della società e che tiene conto degli obblighi di legge cui è sottoposto una cooperativa, che prevede l’accantonamento ogni anno di una quota molto rilevante dei propri utili».In un momento economico che ancora risente della recente crisi, Euro&Promos diventa un esempio virtuoso, soprattutto per il mondo cooperativo. I conti positivi hanno spinto il consiglio di amministrazione a investire in cultura. Il presidente Bini ha infatti annunciato un’iniziativa importante per i soci di Euro&Promos: «Purtroppo la cultura è uno dei fanalini di coda del governo, con investimenti sempre più risicati. La nostra convinzione invece è che la cultura sia uno dei pilastri fondanti per una società civile e per questo abbiamo deciso di promuoverla tra i nostri soci. Per incentivare la visita a mostre, musei e teatri, per un anno i nostri soci e le loro famiglie potranno andarci gratuitamente. Basterà che consegnino il biglietto all’azienda e saranno rimborsati integralmente. In questo modo vogliamo incentivare la partecipazione dei nostri soci alla vita culturale e anche sostenere indirettamente quanti si impegnano per proporre iniziative ed eventi nel nostro Paese».
Euro&Promos è una delle più importanti realtà italiane nel settore Integrated Facility Management. L’azienda ha sede a Udine, è presente in tutta Italia con oltre 5.000 dipendenti e si occupa logistica, pulizie, energia, ecologia, laundering, servizi sociali alla persona, informazione e relazione. http://www.europromos.it (foto: euro promos)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Brexit: “Guai se facciamo guerra all`Inghilterra

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 giugno 2016

londraNell`immediato non accadrà nulla di concreto e continueranno a valere le regole attuali, mentre i negoziati saranno di necessità lunghi e complessi per gli aspetti tecnici. Ma le aspettative si guidano dichiarando subito la direzione di marcia, la volontà di cooperare e di mantenere aperta un`area di libero scambio e di movimento la più ampia possibile nel reciproco vantaggio”.
Così Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, in un editoriale pubblicato da “Il Giornale”.
“Per questo ci spaventano le reazioni rabbiose che abbiamo richiamato e che fanno intravvedere catastrofi. E` noto che chi semina vento raccoglie tempesta, ed è anche noto che l`esaltare rischi e pericoli provoca crisi effettive, che però ad alcuni convengono. Si tratta di un terreno di confronto in Europa immediato e molto concreto e il governo italiano deve dichiarare in Parlamento qual è la linea che vuol seguire nell`interesse dell`Italia, ed impegnarsi a non accettare posizioni non discusse in Parlamento. Questo è l`interesse immediato e futuro dell`Italia, e crediamo anche dell`Europa, a meno che non vogliamo un`Europa miope che prolunga la sua agonia minacciando ritorsioni ai paesi che non riuscendo ad avere voce scelgono la strada dell`exit. La disgregazione si combatte facendo funzionare le istituzioni europee nell`interesse di tutti”.
“Prima del voto sulla Brexit, vari centri di ricerca ed organismi internazionali si sono esercitati in avventurose stime sulle possibili perdite economiche dei vari paesi. Alcune di esse concludevano allarmate che il Pil europeo nel 2030 potrebbe essere di quasi un punto percentuale minore in caso di uscita del Regno Unito dalla UE rispetto al livello previsto in caso di non uscita. La domanda vera è: quanti punti di Pil stiamo perdendo anno dopo anno per la crescita anemica di un`Europa schiava di politiche errate? La domanda vera è: come possiamo accettare che in Italia lo scenario programmatico, del Documento di economia e finanza presentato dal governo in carica, cioè lo scenario con inclusi gli effetti delle politiche del governo, preveda solo verso il 2020 la possibilità di un tasso di disoccupazione inferiore al 10 per cento?”.
“Una manifesta dichiarazione di impotenza che merita anch`essa un`aperta e seria discussione parlamentare. Renzi a Berlino si ispiri a Berlusconi. Renzi ha davanti a sé una grande occasione per diventare da presidente-del-Consiglio si-fa-per-dire a statista. L`incontro che ha in agenda lunedì è l`ultima chance. Purtroppo non a caso sarà a Berlino, nella reggia del padrone. In fondo è giusto così, obbedisce alla storia di questi anni. Ma Renzi si comporti come farebbe Berlusconi, capace di allargare lo sguardo alla volontà dei Padri, che hanno voluto una pace europea proficua per tutti e non in funzione di un`unificazione tedesca che la facesse somigliare a un nuovo Reich. Ascolti prima il Parlamento, trovi il coraggio di essere finalmente il presidente degli italiani e non del Giglio magico ormai appassito e destinato a marcire. Sappia che non consentiremo, usando tutti i mezzi, forti e pacifici, che faccia marcire anche l`Italia”, conclude Brunetta.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gianfrancesco Cataldo vince Musicultura 2016

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 giugno 2016

cataldoGianfrancesco Cataldo è il vincitore assoluto della XXVII edizione del Festival Musicultura Rai Radio 1 .Così ha decretato il pubblico degli oltre duemila e cinquecento presenti al Festival che hanno stra-riempito l’Arena Sferisterio di Macerata nelle due serate di semifinale e nella finalissima di ieri della manifestazione che da 27 anni scopre e valorizza i più sensibili artisti del panorama musicale, creando un ricambio generazionale nella canzone popolare e d’autore e facendo convivere sul medesimo palcoscenico arti diverse. Un imprimatur che venne dato da Fabrizio De Andrè e Giorgio Caproni i primi due firmatari di un Comitato Artistico composto oggi dai più autorevoli rappresentanti della cultura musicale e letteraria, che oggi annovera Enzo Avitabile, Claudio Baglioni, Luca Carboni, Ennio Cavalli, Carmen Consoli, Simone Cristicchi, Gaetano Curreri, Teresa De Sio, Niccolò Fabi, Tiziano Ferro, Max Gazzè, Giorgia, Maurizio Maggiani, Dacia Maraini, Marta Sui Tubi, Mariella Nava, Gino Paoli, Vasco Rossi, Enrico Ruggeri, Paola Turci, Roberto Vecchioni, Antonello Venditti, Sandro Veronesi, Federico Zampaglione, Stefano Zecchi.
Il 19 enne cantautore beneventano, Gianfrancesco Cataldo il più giovane degli otto vincitori ma dalla già spiccatissima personalità, ha conquistato i voti dei presenti con la sua “Marta”, una canzone tanto dolce ed incisiva nella sua denuncia della crudeltà di quella che è diventata una piaga immonda del nostro Paese, la violenza sulle donne. “E’ un emozione indescrivibile, forse …mi è salita la febbre, è bellissimo pero’ sapere che voi avete capito il messaggio del mio brano, l’amore non e’ violenza e la violenza non è amore! Questa e la cosa fondamentale, e che poi avete scelto me ……pure !” – ha detto emozionato al momento della premiazione Gianfrancesco Cataldo, che in questi giorni sta tra cataldo1l’altro affrontando l’esame di maturità. Un’esibizione finale quella del vincitore Gianfrancesco Cataldo di grande emozione all’Arena Sferisterio, accompagnata a tempo di musica dalla partecipazione del caloroso pubblico con migliaia di lucine diffuse di accendini e telefonini.
Cataldo, che si è assicurato il premio finale di 20 mila euro messo a disposizione da UBI-Banca Popolare di Ancona, avendo la meglio sugli altri tre artisti approdati alla finalissima, Mimosa, con “Fame d’aria”, Flavio Secchi con “La cosa più bella”, Luca Tudisca con “Guardami adesso” ha dichiarato in conferenza stampa “con questo premio farò prima di tutto un regalo alla mia band che si è fatta piu’ di 5.000 km per sostenermi nelle varie fasi del Festival e poi il mio primo album”
Era stato proprio Gianfrancesco Cataldo il primo ad esibirsi nel gran finale di Musicultura, presentato anche quest’anno magistralmente da Fabrizio Frizzi insieme a John Vignola di Radio 1 Rai partner del Festival, e da un’analisi grafologica del suo scritto, a sorpresa della famosa psicografologa Mirka Cesari di Buona Domenica, Mattino in Famiglia e di tante altre trasmissioni televisive, durante la quale Gianfrancesco Cataldo è risultato un ragazzo determinato e responsabile, caratteristiche essenziali per affrontare il mondo della grande musica. (foto: cataldo)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Pensioni: Il progetto Ape è impraticabile

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 giugno 2016

Pacifico marcelloIl progetto Ape è impraticabile: per lasciare tre anni prima, i lavoratori si ritroveranno per vent’anni un assegno di quiescenza quasi dimezzato. La riforma Fornero, sulla scia delle precedenti, ne ha già ridotto di circa il 20% la consistenza: l’ulteriore decurtazione dovuta alla restituzione dei tre anni di “scivolo” porterà l’entità delle pensioni dei lavoratori italiani – nati tra il 1951 e il 1953 – che aderiranno al progetto, ad un importo lontanissimo a quello percepito dagli attuali pensionati che hanno versato meno contributi. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): quella annunciata dal ministro Poletti è una soluzione tutt’altro che redditizia, anche perché nel frattempo in altri Paesi si continua ad andare in pensione senza ‘trappole’. Un docente della Germania lascia il lavoro dopo 24 anni di servizio, senza decurtazioni e con uno stipendio quasi doppio rispetto ai nostri insegnanti. La verità è che questo Governo aveva promesso di mettere mano nel 2016 alla riforma Fornero, prendendo un impegno con gli italiani. Mentre questa proposta, che coinvolge le banche per sovvenzionare la pensione in anticipo, rappresenta l’ennesimo bluff alle spalle di chi ha lavorato una vita e merita di andare in pensione in tempi decenti e con degli assegni dignitosi.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Concerto inaugurale del Trasimeno Music Festival

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 giugno 2016

concerto1

concerto

Perugia Giovedì 30 giugno 2016, alle ore 21, presso la Basilica di San Pietro si terrà il Concerto inaugurale della dodicesima edizione del Trasimeno Music Festival, organizzato dall’omonima associazione e con la direzione artistica della pianista canadese Angela Hewitt.C’è molta attesa per tale appuntamento dato i musicisti e il programma che la Hewitt ha pensato per la Basilica di San Pietro:l’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi diretta dal finlandese Hannu Lintu e la pianista Angela Hewitt eseguiranno un’opera monumentale, il Concerto per pianoforte e orchestra N. 1 in Re minore, Op. 15 di Brahms.
Dopo l’intervallo, sarà la volta della Sinfonia N. 4 in Re minore, Op. 120 di Schumann.L’Orchestra Sinfonica di Milano Giuseppe Verdi, “LaVERDI”, fondata nel 1993 da Vladimir Delman, si è imposta come una delle più rilevanti realtà sinfoniche nazionali, con un repertorio che spazia da Bach, al sinfonismo ottocentesco, alla musica del Novecento.
Dalla stagione 2009-10 è Direttore Musicale la cinese Zhang Xian, mentre Ruben Jais riveste il ruolo di Direttore Residente e Direttore Artistico. Nel 1999 è stata inaugurata, con la Sinfonia n. 2 concerto2Resurrezione di Mahler diretta da Riccardo Chailly (Direttore Onorario), la nuova sede dell’Orchestra, l’Auditorium di Milano Fondazione Cariplo, tra le migliori sale da concerto italiane. L’Orchestra è invitata spesso in sale prestigiose in Italia e all’estero con importanti tournées (si ricordano quelle in Svizzera, sotto la direzione del Maestro Roberto Abbado, in Italia, con 16 concerti diretti da Wayne Marshall, in Russia – Mosca e San Pietroburgo – con il Maestro Jader Bignamini e la violinista Francesca Dego). Nel 2013, la Verdi ha partecipato ai Proms della BBC a Londra. Sono da ricordare inoltre: il War Requiem di Britten alla Scala di Milano con Zhang Xian e la Carmen di Bizet (direttore Patrick Fourneiller) alla Royal Opera House di Muscat. L’Orchestra ha sviluppato un’intensa attività discografica, incidendo una trentina di cd. Da ricordare Verismo con Reneé Fleming, direttore Marco Armiliato, che ha vinto il Grammy Award 2010 come “Miglior performance classica vocale”. Nel 2013 sono stati pubblicati per Decca sei Cd dedicati a Nino Rota, con la direzione di Giuseppe Grazioli. Durante la stagione 2013-14, l’Orchestra è stata impegnata in un ampio programma di concerti dedicati al Bicentenario Verdiano e ha eseguito l’Ottava Sinfonia di Gustav Mahler (la Sinfonia dei Mille), diretta da Riccardo Chailly. (foto: concerto)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sarà la Calabria ad ospitare la Conferenza Nazionale dei Geoparchi italiani

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 giugno 2016

pollinoPollino. Dal 3 al 7 luglio delegati provenienti dagli Unesco Geoparchi Mondiali di tutto il territorio nazionale, aderenti alla Rete Europea e Globale dei Geoparchi (EGN/GGN) – si ritroveranno nel Parco Nazionale del Pollino per la conferenza nazionale . L’Italia sta riscoprendo sempre più anche il geoturismo e la salvaguardia geologica del territorio . La conferenza offrirà la grande opportunità ai media italiani e stranieri di conoscere bene i Geoparchi italiani. Ed in particolare il Pollino appena riconosciuto UNESCO e sede della stessa conferenza. “Il Pollino per promuovere e conquistare la candidatura alla rete internazionale dei Geoparchi ha individuato, cartografato e caratterizzato 69 Geositi ricadenti all’interno del territorio protetto. I geositi individuati – ha dichiarato Domenico Pappaterra Presidente del Geoparco UNESCO del Pollino – sono stati organizzati in sistemi territoriali omogenei, dal punto di vista geologico e geografico, e correlati con le altre peculiarità paesaggistico-ambientali e storico culturale presenti sul territorio. Una preziosa ed unica banca dati sulla geodiversità presente nel Parco Nazionale del Pollino e della sua interrelazione con le altre peculiarità paesaggistico – ambientale dell’area.
Un grande lavoro del quale oggi si raccolgono già i primi frutti. Ospitare il Workshop italiano dei Geoparchi sarà una grande occasione per mostrare e raccontare ad un pubblico di specialisti del settore e di stampa specializzata sia il territorio montano con le sue peculiarità geologiche e ambientali ma anche la sua peculiare antropizzazione rispettosa della ricchezza ambientale, che ha investito le sue risorse sul turismo responsabil e sull’agroalimentare di qualità.
Il Pollino è entrato a far parte nella rete Europea dei Geoparchi (EGN) nel settembre dello scorso anno ricevendo il riconoscimento in occasione della convention tenuta a Rokua in Finlandia e successivamente ha anche ottenuto il riconoscimento all’interno della rete Globale dei Geoparchi (GGN). La EGN/GGN, è attualmente un progetto prioritario dell’Unesco “Programma Internazionale Geoscienze e Geoparchi” Saranno in Calabria le delegazioni, i Presidenti di tutti i Geoparchi italiani riconosciuti dall’Unesco, patrimonio dell’Umanità, i massimi vertici internazionali dei Geoparchi ed il Presidente del Consiglio Nazionale dei Geologi. (foto: pollino)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Come parlare di droga agli adolescenti

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 giugno 2016

lotta alla drogaRoma nella sede di Via della Maglienella 375 c’è stato un seminario su Come Parlare di Droghe agli Adolescenti. Sonoi stati presentati 13 opuscoli con i dati reali degli effetti a breve e lungo termine delle sostanze stupefacenti più tristemente note e consumate; 16 video “Dicevano…Mentivano”, per sbugiardare i falsi miti con cui gli adolescenti vengono spinti all’uso di droghe; e infine il documentario “La Verità sulla Droga”, le storie vere di chi è riuscito a liberarsi dalla trappola degli stupefacenti.
Nel corso del seminario, tra i presenti si è sviluppata la consapevolezza che il silenzio su questo problema non aiuta. Al contrario, favorisce le bugie di chi diffonde le droghe tra i giovani, che rappresentano il futuro della nostra società.
Questo seminario è stata la risposta della comunità romana di Scientology ad un problema ormai troppo diffuso. “Si è voluto lanciare un appello e sensibilizzare altri individui a diventare conferenzieri di prevenzione alle droghe, o portatori della verità sulle droghe” ha commentato il portavoce della Chiesa di Scientology di Roma. “Legalizzata o penalizzata, la droga non cambierà i suoi effetti dannosi sulle persone. Resterebbe sempre il problema della diffusione delle informazioni sulla vera natura degli stupefacenti e sui loro effetti a breve e lungo termine. Resterebbe sempre il problema di raggiungere sempre più ragazzi con la verità sulle droghe, nei più disparati contesti socio-associativi, e dar loro la comprensione per una scelta libera e informata di vivere una vita libera dalle droghe”.
Le droghe sono un vero problema sociale. Circa 210 milioni di persone di ogni ceto sociale assumono droghe illegali. Ogni anno circa 200.000 persone muoiono a causa della droga. Un traffico che genera 600 miliardi di dollari l’anno, superiore agli introiti dell’industria internzionale di film. L’età del primo approccio con gli stupefacenti si è abbassata in modo allarmante negli ultimi anni. Poiché l’uso di droga è quindi un problema internazionale, la Chiesa di Scientology ha sviluppato il programma La Verità sulla Droga. Lo ha reso disponibile e utilizzabile da chiunque, ovunque, attraverso la Fondazione per un Mondo Libero dalla Droga. Oggi La Verità sulla Droga rappresenta uno dei programmi non governativi di informazione e prevenzione alla droga più diffusi al mondo. Studi hanno dimostrato che quando ai giovani viene fornita la verità sulla droga, cosa è veramente e cosa causa, la percentuale di consumo cala proporzionalmente. (foto: lotta alla droga)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), la vaccinazione rappresenta uno degli interventi di sanità pubblica maggiormente efficaci e sicuri

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 giugno 2016

IMG_0286I vaccini non solo proteggono l’individuo, ma attraverso la cosiddetta immunità di gregge (herd immunity) anche i non vaccinati beneficiano degli effetti positivi della vaccinazione, sempre che la copertura sia superiore a una certa soglia al di sotto della quale l’agente patogeno continuerebbe a circolare.
Eppure, i vaccini sono vittima del loro stesso successo: in questi ultimi anni stiamo assistendo a una vera e propria crociata anti-vaccinale portata avanti attraverso vari canali, ma principalmente attraverso il web, da personaggi diversi, tra i quali purtroppo anche “celebrities” con grande influenza sulle masse. Tra le tesi portate avanti, sulla base di esperienze personali e dati non scientificamente validi, la correlazione tra vaccini e autismo o altre patologie e l’esistenza di complotti orchestrati dai “poteri forti” in nome di presunti interessi economici. In Italia, queste tesi purtroppo in alcuni casi sono state anche avallate dalle autorità giudiziarie.
L’evidenza non può però essere negata: l’esitazione vaccinale può causare gravi problemi, non solo a livello di salute dell’individuo, ma anche per tutta la comunità.
• Uno studio di coorte retrospettivo su dati di sorveglianza nazionale raccolti dal 1985 al 1992 ha evidenziato che il numero di casi di morbillo era 35 volte (95% CI: 34–37) superiore nei bambini i cui genitori avevano chiesto una esenzione non-medica rispetto ai bambini vaccinati.
• Uno studio retrospettivo basato su dati raccolti in Colorado, USA (1987-1998) ha evidenziato che gli esentati vaccinali corrono un rischio 22.2 volte (95% CI: 15.9–31.1) più alto di contrarre il morbillo e di 5.9 volte (95% CI: 4.2–8.2) più alto di contrarre la pertosse.
• Uno studio caso-controllo nei bambini (1996-2007) ha evidenziato che gli esentati vaccinali avevano un rischio 22.8 volte (95% CI: 6.7–7.5) più alto di contrarre la pertosse; l’11% (95% CI: 5.8%–16%) dei casi di pertosse furono attribuiti al rifiuto di vaccinarsi. Gli esentati dalla vaccinazione con vaccino coniugato anti-Varicella ed anti-pneumococco avevano un rischio rispettivamente di 8.6 volte (95% CI: 2.2–33.3) e 6.5 volte (95% CI: 1.7–24.5) superiore di contrarre una polmonite lombare/pneumococcica.
• In Colorado, la frequenza di esenzione dalle leggi sulla vaccinazione in una contea aveva un’associa-zione significativa con il livello d’incidenza dei casi di morbillo (RR 1.6, 95% CI: 1.0–2.4) e pertosse (RR 1.9, 95% CI: 1.7–2.1) nei bambini. Le scuole che segnalavano outbreak di morbillo e pertosse avevano numeri più alti di esentati vaccinali. Gli esentati vaccinali hanno trasmesso l’infezione anche ai bambini vaccinati: l’11% dei bambini vaccinati ha contratto l’infezione da quelli esentati.
• Secondo il modello di Salmon et al, se il numero di esentati nella popolazione raddoppiasse e si presumesse un grado di mixing tra gli individui esenti e quelli vaccinati del 20%, 40%, e 60%, l’incidenza delle infezioni da morbillo negli individui vaccinati aumenterebbe rispettivamente del 5.5%, 18.6%, e 30.8%.
Questi dati danno un’idea di quanto sia importante che non s’instauri un trend negativo anti-vaccinale; le Istituzioni, da parte loro, devono portare avanti il loro impegno con interventi mirati, tra le altre cose, ad aumentare la conoscenza e la consapevolezza sulle vaccinazioni e migliorare la convenienza e l’accesso alla vaccinazione, mirando direttamente alle popolazioni non-vaccinate o sottovaccinate. (Walter Ricciardi Presidente Istituto Superiore di Sanità)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La cooperazione che paga

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 giugno 2016

castello di VillaltaUn modello per il sistema cooperativo. È l’immagine di Euro&Promos, multiservice di Udine che opera in tutta Italia, emersa dall’assemblea annuale dei soci che si è svolta sabato 25 giugno al castello di Villalta di Fagagna (Ud).«Siamo un esempio di sana e buona cooperazione» ha detto il presidente, Sergio Emidio Bini, nel presentare i risultati di un anno da incorniciare. «I risultati che abbiamo raggiunto ci hanno permesso non solamente di raddoppiare i ristorni dei soci rispetto al 2014, ma soprattutto di rilanciare il nostro impegno nella cultura: ai soci regaliamo un anno di musei, mostre e teatri».
Durante l’evento, che ha visto al tavolo dei relatori anche l’Assessore regionale alle Finanze, patrimonio, coordinamento e programmazione politiche economiche e comunitarie Francesco Peroni, l’assemblea ha approvato il bilancio 2015, un anno che ha regalato risultati importanti: Euro&Promos, che negli ultimi anni ha conquistato un posto di primo piano nel mondo dei servizi – dalla pulizia alla logistica per arrivare ad energia, servizi culturali e assistenza socio sanitaria – ha chiuso il bilancio 2015 a quota 96 milioni e 600mila euro (+13,6% rispetto al 2014) con un utile post imposte che, arrivando a 4 milioni di euro, è raddoppiato rispetto all’anno precedente; aumentato anche il numero degli occupati arrivato a superare quota 5mila, di cui un migliaio in Friuli Venezia Giulia.
«Rispetto al 2014, i ristorni sono aumentati del 50%, passando da 200mila a 300mila euro, cifra che sarà ridistribuita tra i nostri 700 soci», ha proseguito Bini. «Si tratta di un risultato importante dettato da una sana e proficua gestione della società e che tiene conto degli obblighi di legge cui è sottoposto una cooperativa, che prevede l’accantonamento ogni anno di una quota molto rilevante dei propri utili».In un momento economico che ancora risente della recente crisi, Euro&Promos diventa un esempio virtuoso, soprattutto per il mondo cooperativo. I conti positivi hanno spinto il consiglio di amministrazione a investire in cultura. Il presidente Bini ha infatti annunciato un’iniziativa importante per i soci di Euro&Promos: «Purtroppo la cultura è uno dei fanalini di coda del governo, con investimenti sempre più risicati. La nostra convinzione invece è che la cultura sia uno dei pilastri fondanti per una società civile e per questo abbiamo deciso di promuoverla tra i nostri soci. Per incentivare la visita a mostre, musei e teatri, per un anno i nostri soci e le loro famiglie potranno andarci gratuitamente. Basterà che consegnino il biglietto all’azienda e saranno rimborsati integralmente. In questo modo vogliamo incentivare la partecipazione dei nostri soci alla vita culturale e anche sostenere indirettamente quanti si impegnano per proporre iniziative ed eventi nel nostro Paese».

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Depurazione in crisi: giudizio di “fortemente inquinato”

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 giugno 2016

goletta verdeCariche batteriche elevate, con un giudizio di “fortemente inquinato”, per tutti i dieci punti monitorati dai tecnici di Legambiente lungo le coste della provincia di Roma. Una situazione peggiorata rispetto allo scorso anno che impone immediati interventi di adeguamento del sistema depurativo ed evitare che scarichi inquinanti continuino a finire a mare, danneggiando l’ambiente ma diventando anche un pericolo per la stessa salute dei bagnanti. Un mare in forte sofferenza, come dimostrano i dati del dossier Mare Monstrum dell’associazione ambientalista: con 5,3 infrazioni per ogni chilometro di costa, la regione Lazio balza al terzo posto in Italia nella classifica del mare illegale dopo Campania e Sicilia.È questo l’esito dell’indagine di Goletta Verde, la storica campagna di Legambiente dedicata al monitoraggio ed all’informazione sullo stato di salute delle coste e delle acque italiane – realizzata anche grazie al contributo del COOU, Consorzio Obbligatorio degli Oli Usati eil sostegnodei partner tecnici NAU e Novamont – illustrata questa mattina a Ostia da Serena Carpentieri, responsabile di Goletta Verde e Roberto Scacchi, presidente Legambiente Lazio, alla presenza del capitano di Fregata Fabio Rivolta, Capitaneria Roma Fiumicino; di Cristiana Avenali, consigliere regionale Lazio, Maurizio Gubbiotti, commissario straordinario di RomaNatura, Elisabetta Studer, presidente del circolo Legambiente Litorale Romano.La fotografia dei campionamenti effettuati sul litorale della provincia di Roma è senz’altro peggiore dell’estate 2015. Tre i punti che rientravano nei limiti nel 2015 sono risultati con cariche batteriche elevate: a Cerveteri presso la foce del fosso Zambra e a Ladispoli presso la foce del Rio Vaccina e quella del fiume Statua. Non sono da meglio gli altri campionamenti che risultano ancora fortemente inquinati come lo scorso anno: a Fiumicino (alla foce del fiume Arrone a Fregene); a Roma – Ostia (alla foce del fiume Tevere e alla foce del canale al cancello n.1); a Pomezia – Torvajanica (alla foce del canale Crocetta, alla foce del canale Orfeo e alla foce del Rio Torto) e a Ardea (alla foce del fosso Grande).“Il monitoraggio di Goletta Verde prende in considerazione il campionamento dei punti critici che vengono principalmente scelti in base a un “maggior rischio” presunto di inquinamento – sottolinea Serena Carpentieri, responsabile di Goletta Verde -. Per questo vengono prese in esame le foci dei fiumi, torrenti, gli scarichi e i piccoli canali che spesso troviamo sulle nostre spiagge: queste situazioni sono i veicoli principali di contaminazione batterica dovuta all’insufficiente depurazione dei reflui urbani che attraverso i corsi d’acqua arrivano in mare. Quello di Goletta Verde è un monitoraggio puntuale che non vuole sostituirsi ai controlli ufficiali, né pretende di assegnare patenti di balneabilità, ma restituisce comunque un’istantanea utile per individuare i problemi e ragionare sulle soluzioni. Le nostre analisi dimostrano che c’è tanto ancora da lavorare per rilanciare davvero le aree di pregio di questo tratto di costa, investendo sul sistema depurativo e spendendo bene le risorse disponibili”.Dal 1986, anno in cui è partita la campagna, Goletta Verde non ha mai smesso di opporsi a chi saccheggia il mare, rinnovando estate dopo estate le sue battaglie a seconda delle vertenze più impellenti, come quella contro il cemento selvaggio, gli scarichi illegali e la mancata depurazione. E i dati del dossier Mare Monstrum Lazio di Legambiente, presentato questa mattina, dimostra quanto sia ancora critica la situazione del “mare illegale” anche in questa regione.I reati ai danni del mare laziale che le forze dell’ordine e le Capitanerie di porto hanno intercettato nel corso del 2015 sono ben 1920 e crescono del doppio rispetto all’anno precedente (erano 972). Sale anche il numero delle persone denunciate, che passano da 1.096 1.843, così come il dato dei sequestri, sono 439 a fronte dei 196 del 2014. A fare la parte del leone sono le infrazioni legate al ciclo del cemento, cresciute del triplo rispetto all’anno precedente: sono 514 (erano 175 nel 2014) con 555 persone denunciate e 156 sequestri, dove domina la fattispecie dell’abusivismo edilizio costiero. I litorali sono puntellati da distese di villini sorti “spontaneamente”, in barba alle regole edilizie, al paesaggio e alla qualità dei manufatti. E ci sono poi alcuni casi esemplari di sfregio alle coste, che Legambiente denuncia da sempre nei suoi dossier e nelle sue iniziative che rappresentano appieno la devastazione illegale e impunita dell’abusivismo edilizio, e di cui l’associazione chiede ai Comuni e alle istituzioni nazionali l’abbattimento in via preferenziale. Tra i casi citati nel dossier quelli dell’assalto alla costa pontina.A seguire, nella classifica di Mare Monstrum, troviamo il settore della pesca illegale, con 698 reati accertati (400 nel 2014), 691 persone denunciate e 132 sequestri. Alto è pure il numero delle infrazioni legate alla cattiva depurazione e agli scarichi selvaggi che sono state nel 2015 ben 416 (nel 2014 invece 244), con 305 persone denunciate e 145 sequestri. Infine, i reati legati alla navigazione fuorilegge che sono stati 153.“Abbiamo vinto tante battaglie contro gli oltraggi al nostro prezioso patrimonio ambientale, a partire dalla nuova legge sugli ecoreati, ma molto resta ancora da fare come dimostrano oggi i nostri dati, sia contro il cemento e gli abusi edilizi che rovinano irreparabilmente la bellezza delle nostre coste che contro gli scarichi e le sostanze inquinanti che in mare vengono sversate ogni giorno – dichiara Roberto Scacchi, presidente di Legambiente Lazio – I numeri di Mare Monstrum dimostrano quanto sia stato straordinario il lavoro svolto da forze dell’ordine, Capitanerie e procure nell’ultimo anno contro chi continua a depredare il nostro territorio. Alla Regione Lazio chiediamo di riattivare al più presto l’Osservatorio Ambiente e Legalità che è stato già negli anni passati uno strumento straordinario sia per supportare i cittadini nella loro azione di denuncia che per affiancare le forze dell’ordine nelle attività di controllo”. (foto: goletta verde)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Surplus tedesco: E’ il killer dell’Europa

Posted by fidest press agency su lunedì, 27 giugno 2016

europa-261011-c“Renzi, se ha un minimo a cuore il suo Paese, prenda sul serio le proposte che da tre anni mi ostino a documentare come le sole idonee a garantire una ripresa economica dell`intera area euro, tagliando le unghie alla volontà rapace di Berlino, pretendendo risolutamente che la Germania rispetti quelle che insieme ad altri Paesi del Nord suoi satelliti calpesta, gonfiando a dismisura il suo surplus commerciale”.Così Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, in un editoriale pubblicato da “Il Giornale”.
“Questa è la reazione che uno statista deve avere, invece pare prevalere tra i leader europei, non solo in Renzi, una colpevolizzazione del Regno Unito. Dichiarazioni a caldo che nascondono una volontà auto-assolutoria dei vertici Ue e dell`egoismo meschino dei singoli capi di Stato e di governo. Soprattutto vogliono impedire che si inneschi un processo emulativo da parte di altri paesi oggi critici verso le istituzioni e le politiche europee. Ma nessuno ci spiega perché altri paesi dovrebbero votare per l`exit e cosa è accaduto perché oggi ci spaventa la fuga dall`Unione europea quando, fino ad alcuni anni fa, c`era la fila per entrarvi. Le istituzioni europee non reggono perché incapaci di cambiare politiche che hanno dimostrato il loro fallimento in termini di crescita economica e di benessere sociale. È necessario uno stimolo fiscale che supporti la politica monetaria. Sappiamo anche che sono i paesi che hanno ‘spazio fiscale’ a dover agire. Cioè la Germania”.”Il maledetto surplus tedesco che uccide l`Europa. È il surplus dell`economia tedesca il killer dell`Europa, ed è un assassino conosciuto da tutti. In particolare la netta prevalenza delle esportazioni sulle importazioni con l`avvento dell`euro, che da allora ha avuto un andamento crescente, in particolare negli anni della crisi. Ma in un`unione monetaria, il surplus di uno o più paesi produce più danni dell`eccesso di deficit di altre economie dell`Unione. Se la Germania reflazionasse da subito, si creerebbe un virtuoso clima di crescita e tutta l`economia dell`area euro tornerebbe sostenibile. Se alla reflazione tedesca e degli altri paesi in surplus si affiancasse un grande piano di investimenti, un New deal europeo da almeno mille miliardi, approfittando dei bassi tassi di interesse che rimarranno tali almeno nel medio periodo, e utilizzando la garanzia della Banca europea degli investimenti (Bei), l`Europa non solo uscirebbe finalmente dalla crisi, ma troverebbe uno slancio che dalla creazione della moneta unica non ha mai avuto, diventando competitiva anche rispetto alle altre economie mondiali”, sottolinea Brunetta.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »