Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Archive for 30 giugno 2016

EAN (European Antibullying Network) launches the MALTA Declaration Process against Bullying

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 giugno 2016

eanThe conference was held in Valletta and was honored by the participation of the President of Malta, HE Ms. Marie Louise Coleiro Preca, the Minister of Family and Social Solidarity, Dr. Michael Farrugia, and other Maltese dignitaries. Members of the network from different EU Member States, public officials, institutional actors from Malta, the academia, professionals active in the field of child protection, as well as children took part in this high-level conference, hosted by EAN member from Malta, Families for Lifelong Learning.The conference emphasized the absolute urgency to address the widespread and still growing problem of bullying in our society and highlighted a number of recommendations to the Member States and European Institutions for specific actions to combat bullying. An EAN Declaration of Malta is to be the platform for the process of pursuing this objective from within the European Anti-Bullying Network.
“Bullying and its various forms are a major concern in schools and among children, teachers, parents and practitioners”, said in her welcoming address Her Excellency the President of Malta, Ms. Marie Louise Coleiro Preca, pointing to the growing extent of the problem. The President of Malta commended the role of the network in highlighting the need for an anti-bullying European strategy through a multi-national approach and encouraged EAN to pursue its efforts for the establishment of a European Anti-bullying Day.
In his welcoming words, the Minister of Family and Social Solidarity, Dr. Michael Farrugia, said that “bullying needs to be addressed not only among children, but in a wider context, while support has to be provided to both bullies and bullied children”, whereas he presented relevant national policies.“The 3rd International Conference taking place in Malta marks the next step in the development of the network and the fulfillment of its goals”, said the President of EAN and President of “The Smile of the Child. Mr. Costas Yannopoulos referred to the work and institutional consolidation of EAN at the EU-level: After the establishment of the network following the 1st international conference in 2014 in Athens, the 2nd conference at the premises of the European Parliament in Brussels placed the network at the heart of the European Institutions. The 3rd annual conference in Malta puts the emphasis on the continuity of the network.Apart from this strategic approach, the conference offered participants ample opportunity to exchange useful experiences and practices such as awareness campaigns, tools and programs dealing with specific forms of bullying, such as homophobic bullying, practical approaches within school communities, working and prevention methods, as well as the use of arts and in particular of cinema storytelling in the schools.
The keynote speaker of the conference, Peter Smith, Emeritus Professor of Psychology at the University of London, presented major studies on cross-national differences in bullying and demonstrated how differences in the research results reflect the overall difficulty in collecting and interpreting data, whereas Maltese Commissioner for Children, Pauline Miceli, referred to the growing extent of bullying as a daily phenomenon.
During the event a team of students from local Maltese schools presented their direct experience and views on the problem, the way they are dealing with bullying incidents in their school environment either as bullies, bullied or bystanders. Children developed a TV spot on how to stand up against bullying. The day preceding the conference, the General Assembly and the Board of Directors of the network were also held in Valletta. The members elected their new Board of Directors with the President of EAN and “The Smile of the Child” being re-elected for a period of two years. The members also elected, Emeritus Professor of Psychology at the University of London, Peter Smith as a Honorary Board Member.(photo: ean)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

2016 Open de France: French stars hoping to taste success on home soil

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 giugno 2016

Rory McIlroyRyder Cup hero Victor Dubuisson began the season with a tie for fourth at the Nedbank Golf Challenge and although he is yet to threaten the upper echelons since, he feels his game is coming together, as indicates his ninth place finish last week at the ISPS Handa Global Cup on the Japan Golf Tour. “I didn’t play really well since the beginning of the season but, you know, that’s golf,” said the home favourite. “I feel like I’m playing better now. My driving is really good so then it is just about putting.” The Cannes-born player, who had his best result in his national open last year when he finished in a tie for twelfth, knows patience is the key to success on the Albatros course, the 2018 Ryder Cup venue: “It’s a tough course. Every shot you miss is at least a double-bogey here. It’s a lot of pressure on this course, and you know the scores are not going to be very low. Just focusing on hitting the fairway and greens.” Dubuisson has been paired for the first two rounds with World No. 4 Rory McIlroy from Northern Ireland and Spaniard Rafa Cabrera-Bello, and will begin his challenge at 8:20 am from the first tee on Thursday.Grégory Bourdy also arrives in some form with four consecutive top 20s under his belt, including a tie for 18that the U.S. Open, and the four-time European Tour winner is delighted a strong field has been assembled to boost the appeal of French golf. “It’s quite something the 100th edition. For me it’s one of my favourite tournaments, especially on this course,” he said. “It’s a beautiful course. A few good changes this year so I think it’s going to be a great Victor Dubuissonedition with a big field. Rory (McIlroy) is playing, Danny (Willett), Lee (Westwood). It’s a great field, a big tournament and it’s good for golf in France.” Bourdy will play his first two rounds alongside Englishmen Danny Willett, the Masters champion, and Lee Westwood, from the first tee at 1:20 pm on Thursday.
Mike Lorenzo-Vera knows he faces a big test this week at Le Golf National but he is determined to enjoy himself on home turf at the 100th Open de France. The flamboyant Frenchman made the cut at his home event for the first time in six attempts last year and he did it in some style, securing a top ten finish as Bernd Wiesberger took home the title. He arrives in Paris off the back of a top ten at the BMW International and with his other top ten finish this season coming on another difficult track at the Real Club Valderrama Open de España, Hosted by the Sergio Garcia Foundation, he is used to tough challenges. “I had a really good year last year,” he said. “I finished sixth and I was very happy but normally I miss the cut every time so I’m just going to try to keep those good memories here and try to have fun with the public because they are really nice to me. I’ll try to please them with my game. It tests everything. Your patience, your quality of striking, your driving, your putting, everything is under pressure here so you need to be a complete player to be able to do well here.” The Biarritz-born player will tee off from the 10th tee at 1:50 pm alongside Thai Thongchai Jaidee and England’s Tommy Fleetwood.A total of 26 French players will tee off in the 100th edition of the tournament, which is the oldest national open in Continental Europe and only the seventh in the world to reach this milestone. (photos: Rory McIlroy, Victor Dubuisson)

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | 2 Comments »

WTTC Statement on Istanbul Airport attack on June 28

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 giugno 2016

turchia-ist3The World Travel & Tourism Council (WTTC) condemns in the strongest terms the attack on Istanbul Ataturk Airport yesterday and extends its condolences to all those affected by it.David Scowsill, President and CEO, said “Again we find ourselves having to express condolences to victims of a horrendous act of terrorism. The Council stands behind the Turkish government in managing this devastating incident.The attack is a further blow to Turkey’s tourism sector, which in 2015 contributed 13% of GDP and generated 2 million jobs. While our research shows that tourism is extremely resilient in the face of terrorism, this latest incident will undoubtedly have far reaching impacts. The international community, both private and public sectors, must come together in support of Turkey to ensure that as a destination it can rebound and thrive in the future.”
The World Travel & Tourism Council is the global authority on the economic and social contribution of Travel & Tourism. It promotes sustainable growth for the sector, working with governments and international institutions to create jobs, to drive exports and to generate prosperity. WTTC is the organiser of the annual Global Summit, which brings together over 1000 delegates to discuss the opportunities, challenges and issues facing the industry, while its Tourism for Tomorrow Awards recognise the industry’s power to be a positive force in sustainability.

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Dichiarazione del Ministero della Cultura e del Turismo della Repubblica di Turchia

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 giugno 2016

Il Ministero della Cultura e del Turismo della Repubblica di Turchia vuole esprimere gratitudine per coloro che sono vicini al popolo turco e che manifestano il loro sostegno dopo il terribile attacco terroristico che è accaduto ieri, 28 giugno 2016, all’Ataturk Airport di Istanbul. Tutte le misure di sicurezza sono state prese dalle forze dell’ordine immediatamente dopo il cruento attacco. Il Ministero rende noto al pubblico che l’aeroporto è aperto al trasporto aereo e che garantisce i suoi servizi già da oggi.

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Nomina rappresentanti non permanenti al Consiglio di Sicurezza dell’ONU

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 giugno 2016

Onu palace«Sono stati eletti i rappresentanti non permanenti al Consiglio di Sicurezza dell’ONU. Da anni uno di questi seggi spetterebbe all’Italia ma dopo 8 ore di seduta e 4 votazioni finite con un nulla di fatto, Italia e Olanda hanno deciso di dividerselo: faranno un anno a testa. Questa salomonica soluzione è un fallimento del Governo italiano, inconsistente dal punto di vista dell’autorevolezza internazionale ed è l’ennesimo calcio alla fantomatica credibilità internazionale sbandierata da quel cialtrone di Renzi. Essere rappresentati da questo Esecutivo è umiliante. L’impegno ONU dell’Italia in termini di tempo, forze, uomini, missioni e soldi non è neanche lontanamente paragonabile a quello dell’Olanda ma a quanto pare per le Nazioni Unite non c’è alcuna differenza. Un governo serio si assumerebbe la proprie responsabilità e chi ha fallito si dimetterebbe, ma l’Italia non ha un governo serio e per rendersene conto basta leggere le dichiarazioni di Alfano che si dice soddisfatto perché sarà l’Italia a iniziare la turnazione. Renzi e Gentiloni spieghino cosa è accaduto e perché la voce dell’Italia non avrà il peso che le spetta in una fase politica internazionale così delicata come quella di oggi». È quanto scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lombardia: Riforma casa rimarrà sulla carta fino al 2018

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 giugno 2016

Milano. porta nuova milano“La verità è che legge regionale sulle politiche abitative, appena varata, non sarà attuata fino al 2018, cioè finché non sarà operativa la nuova piattaforma digitale regionale che cambierà le graduatorie e il sistema di assegnazioni degli alloggi. Dunque, fino ad allora tutto resterà congelato con l’aggravante che le stime regionali prevedono, al 2018, un fabbisogno di alloggi popolari pari a 400.000 case popolari. Se la matematica non è un’opinione, oggi in Lombardia abbiamo solo 160.000 alloggi pubblici, il che significa che la riforma non sarà in grado di gestire l’emergenza abitativa nell’arco del breve-medio periodo. Un ritardo che costerà caro ai cittadini lombardi. Intanto gli indici di morosità schizzano alle stelle: su ALER Milano e Lodi (30%) e Brescia (25%) e, complice la crisi, le famiglie del ceto medio impoverito che oggi usufruivano di contratti di locazione agevolati, rischiano, nell’arco di un paio d’anni, di scivolare dall’housing sociale alle case popolari. Bisognava mettere in campo subito misure concrete. Il M5S le ha chieste ottenendo di abbattere il tasso di vendita degli alloggi popolari di 15 punti percentuali (dal 20% al 5%) per evitare di erodere il già risicato patrimonio abitativo pubblico, e tutelando anziani e disabili, spesso costretti a mobilità forzosa, che, grazie al nostro intervento in legge, non avranno più l’incubo di essere mandati via dalla casa assegnata. Le misure adottate fin qui su occupazioni abusive e degrado urbano, si sono rivelate inadeguate: il M5S ha proposto ed ottenuto l’impegno della Giunta, con ordine del giorno approvato in Consiglio Regionale, di avviare “progetti di sorveglianza partecipata” nei quartieri popolari, a costo zero, già attivi in alcuni comuni, come Buccinasco, dell’hinterland milanese. Solo attraverso il coinvolgimento degli inquilini, si può ricreare quella coesione sociale attraverso cui combattere occupazioni abusive e degrado dei quartieri ALER”, così Iolanda Nanni, consigliere regionale del M5S Lombardia, sulla riforma della casa approvata ieri dal Consiglio regionale.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma: Nomina capo gabinetto aggirando legge Severino

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 giugno 2016

virginia raggi5«Il M5S ci ha ripetuto fino alla nausea che chi viene eletto per ricoprire un incarico deve farlo per tutto il mandato e non ha la possibilità di fare altro. A Roma, invece, il sindaco del M5S Raggi nomina un consigliere comunale appena eletto come suo Capo di Gabinetto e lo fa aggirando la legge Severino, che vieta espressamente ad un sindaco di dare ad un esponente politico un incarico amministrativo. Di Maio, Di Battista e tutti gli altri paladini della legalità del M5S non hanno nulla da dire? E i profeti del cambiamento cosa ne pensano del lungo elenco di uomini e donne protagonisti delle precedenti amministrazioni che il sindaco Raggi sta infilando nella sua “nuovissima squadra”? Come mai i duri e puri grillini oggi tacciono? Non vorremmo che il loro silenzio abbia un solo significato: complicità». Lo scrive su Facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Catella closes successful capital acquisition for newly listed Baltic Horizon

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 giugno 2016

catellaCatella has acted as financial advisor to fund management company Northern Horizon Capital in connection with capital raising and market listing of Baltic Horizon Fund. The public offering is now successfully completed and Catella has raised approximately EUR 25 million during June. During the process Catella acted as financial advisor and lead manager of the public offering in Sweden and manager of the institutional offering in Luxembourg in relation to capital raising and listing of Baltic Horizon Fund, which is managed by Northern Horizon Capital. “This has been a team effort in which Catella Bank conducted capital raising during a focused process over two weeks in June, together with Catella’s Corporate Finance unit in Stockholm. The thorough preparatory work we conducted earlier last autumn paved the way for stability throughout the process,” says Dennis Nygren, Head of Wealth Management at Catella. Baltic Horizon Fund is a real estate fund with no particular lifetime focusing on centrally located commercial property in the capitals of the Baltic countries. “Despite financial instability due to Brexit we have now successfully closed this capital acquisition. The strong market reactions following Brexit have affected interest from certain investors in the short term. For other investors, conversely, interest in centrally located commercial properties in the capitals of the Baltic countries has increased,” says Martin Malhotra, project manager at Catella.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Christie’s Post-War and Contemporary Evening Sale Results

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 giugno 2016

Christie’sLondon. Christie’s Post-War and Contemporary Art Evening Auction saw determined bidding in the room and on phones to achieve exceptional sell through rates of 92% by lot and 98% by value with 50% of works selling over estimate and 30% within estimate. The top three works of the night were by American artists that sold globally with buyers in Asia and Europe. Registered bidders from 39 countries across four continents demonstrated the continued demand in the global contemporary market, as well as a proven strength of the domestic market with 10 lots selling to UK-based collectors.The top lot of the evening was Jean-Michel Basquiat’s Pork (1981), selling over its high estimate for £5,122,500 / $6,838,538 / €6,167,490. A major draw, two works from the Collection of Johnny Depp were a highlight of the night, with Basquiat’s Self Portrait (1981) more than doubling its high estimate to reach £3,554,500 / $4,745,258 / €4,279,618 after a bidding war of 10 phone bidders. With both works dating from 1981, a pivotal year in Basquiat’s practice, Depp’s focused collecting eye met with keen approval in the sale room. Records were achieved for Sean Scully’s Eve (1992), which sold for £902,500 / $1,204,838 / €1,086,610 and Manolo Millares’ Untitled (Composition) Painting no. 4 which achieved £842,500 / $1,124,738 / €1,014,370, with a record for the medium: Neo Rauch’s work on paper Stau (Congestion), selling for £326,500 $435,878 / €393,106. A total of 10 works sold for over £1 million, with 16 for over $1,000,000 and 17 for over €1,000,000.Edmond Francey, Head of Post-War and Contemporary Art, London: “Tonight’s results offer real assurance and continued strength to the globalised art market, with a particularly energetic response to Adrian Ghenie, Andy Warhol, Nicolas de Staël, Georg Baselitz and Manolo Millares. The response to Johnny Depp’s Basquiats electrified the sale room and we continue to see that for the top works collectors will stretch themselves to the highest levels. Christie’s has been able to read the market and offer our consignors and buyers the quality that can continue to attract top collectors to the market. This evening’s total contributes to Christie’s successful 250th anniversary with a Bacon, two Freuds, two Rileys and two Auerbachs to come tomorrow as part of a stellar cast of artists, which we estimate will contribute a further £40-60 million to Post-War and Contemporary Art totals this week as part of the Defining British Art Evening Sale.” (photo: Christie’s)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ma cosa vuole questa Germania?

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 giugno 2016

germaniaNel 1933. Dopo aver vinto le elezioni, i nazisti smisero di pagare i debiti e le riparazioni dovute. Negli anni successivi cominciarono ad invadere i loro vicini, non dimenticando mai, appena arrivati, di svuotare le casseforti degli altri.
Nel 1953, dopo la Seconda guerra mondiale, la Germania ha nuovamente battuto cassa per non pagare il suo debito.
Il 27 febbraio 1953, la conferenza di Londra, ha infatti deciso l’annullamento di circa i due terzi del debito tedesco (62,6%). Il debito di prima della guerra è stato ridotto da 22,6 a 7,5 miliardi di marchi e il debito del dopoguerra è stato ridotto da 16,2 a 7 miliardi di marchi.
Nel 1990 il Cancelliere di allora,Helmut Kohl, si è rifiutato di applicare l’accordo di Londra del 1953 sui debiti esterni della Germania là dove veniva previsto che le riparazioni destinate a rimborsare i disastri causati durante la seconda guerra mondiale dovevano essere versati alla riunificazione; pertanto la riunificazione della Germania è stata pagata dalle stesse nazioni danneggiate dalla follia bellica della Germania di Hitler; un solo esempio chiarisce l’arcano tedesco: tenuto conto dell’inflazione dopo il 1945, la Germania ha un enorme debito con la Grecia che è stato calcolato in 162 miliardi di euro.
Ora è il momento dei reich Merkel che ha dichiarato sotto falso nome, la terza guerra mondiale all’Europa, ma senza schierare panzer o V/1 e V/2, bensì le banche tedesche fornite dall’arma di distruzione di massa che è diventato lo spread.
E’ la Germania la ragione prioritaria dell’uscita dell’Inghilterra dall’UE; non che la casa mi dispiaccia, perché anche la “perfida Albione” ha sempre preteso dall’UE un trattamento pieno di eccezioni.
L’UE si potrà salvare solo se tutte le nazioni che la compongono saranno poste sul medesimo piano, senza pretese pan germaniche per quanto riguarda la Germania o esigenze di primato da parte inglese.Ma, al di fuori della Francia, non c’è altra nazione in Europa con un premier in grado di fare la voce grossa, per far valere diritti e doveri in modo paritario. (Rosario Amico Roxas)

Posted in Confronti/Your opinions | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

In ricordo di Margherita Hack

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 giugno 2016

MargheritaHackMargherita Hack aveva una intelligenza superiore e un umorismo sagace, mescolati in un arcobaleno di idee illuminate che hanno fatto di lei un riferimento impareggiabile di emancipazione e razionalità.Il valore della sua esistenza si comprende nella contrapposizione alla devastazione delle azioni antiumanitarie della religione dominante.Si era informata sugli obiettivi di Democrazia Atea ed in un colloquio indimenticabile, circondate dai suoi gatti, ci aveva posto domande sulla nostra determinazione politica contro la deferenza clericale, sul nostro antifascismo, sulla nostra convinta difesa dei diritti umani.La ricerca scientifica e la tutela dell’istruzione pubblica erano le sue preoccupazioni più pressanti e il programma politico di Democrazia Atea non li trascurava.Dunque decise che le sue battaglie potevano trovare nel nostro partito una cornice di totale condivisione.Non ha mai interferito con la conduzione del partito, esprimendo posizioni personali di benevolenza o di contrasto con chiunque in quel momento subiva la sovraesposizione mediatica, e nessuno avrebbe mai potuto ingabbiare le sue valutazioni nella pochezza di una logica contingente.Nè un partito che fa del libero pensiero la sua arma contro l’oscurantismo avrebbe mai potuto inciampare nella contraddizione di pretendere da chiunque posizioni di convenienza politica a scapito di una autonomia di giudizio. Il libero pensiero di cui la Hack era una lucida esponente, ruotava su tre poli tra loro inscindibili: la politica, la divulgazione didattica e la ricerca scientifica.Ci ha lasciato testimoni di un palpito sovratemporale di tensione ideale protesa verso il principio di laicità. Democrazia Atea nella ricorrenza della sua morte la ricorda con affetto e riconoscenza. (mi associo al ricordo di Margherita Hack che ho spesso citata nei miei libri e di cui conservo un’immutata stima e rispetto per il suo grande contributo alla conoscenza. Riccardo Alfonso)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Consegnato all’Arcivescovo mons. Corrado Lorefice il Pallio La striscia di lana bianca

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 giugno 2016

Corrado LoreficeNella Solennità dei santi Pietro e Paolo, l’Arcivescovo mons. Corrado Lorefice ha ricevuto nella basilica di San Pietro da Papa Francesco il Pallio, la striscia di lana bianca, simboleggiante la pecora sulle spalle di Gesù Buon Pastore, come da tradizione il 29 giugno, nella festa dei santi Pietro e Paolo. L’imposizione del pallio all’arcivescovo avverrà in diocesi per mano dei nunzio apostolico. Dallo scorso anno il Santo Padre ha deciso del apportare una piccola variazione al tradizionale rito di imposizione del pallio. Il pallio, generalmente, veniva imposto in occasione della solennità dei Santi Pietro e Paolo dal Santo Padre ai nuovi metropoliti. In occasione della solennità dei Santi Pietro e Paolo, gli arcivescovi, come consuetudine, saranno presenti a Roma, concelebreranno con il Santo Padre, parteciperanno al rito di benedizione dei palli, ma non avranno l’imposizione: semplicemente, riceveranno in forma più semplice e privata dal Santo Padre il pallio a loro destinato.
L’imposizione, poi, si effettuerà nelle loro diocesi di appartenenza, e dunque in un secondo momento, alla presenza della Chiesa locale e in particolare dei vescovi delle diocesi suffraganee accompagnati dai loro fedeli. Il significato di questo cambiamento è quello di mettere maggiormente in evidenza la relazione degli arcivescovi metropoliti, i nuovi nominati, con la loro Chiesa locale, quindi dare anche la possibilità a più fedeli di essere presenti a questo rito così significativo per loro, e anche particolarmente ai vescovi delle diocesi suffraganee, che in questo modo potranno partecipare al momento della imposizione. (foto: Corrado Lorefice)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Progetto “Una laurea per una laurea”

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 giugno 2016

rita levi montalciniL’Università degli Studi Roma Tre aderisce al progetto “Una laurea per una laurea”, iniziativa promossa dalla Fondazione Rita Levi-Montalcini Onlus per garantire il diritto allo studio universitario a giovani donne in università africane.La laurea è una tappa fondamentale per tutti i giovani, essenziale per lo sviluppo e la crescita di una nazione. In molti Paesi, tuttavia, l’accesso all’istruzione superiore è ancora difficile. È questo il caso del continente africano, dove la Fondazione Rita Levi-Montalcini Onlus è impegnata nel progetto “Una laurea per una laurea” per garantire il diritto allo studio universitario a giovani donne in università africane. L’iniziativa “Una laurea per una laurea” si rivolge ai neolaureati, alle loro famiglie e ai loro amici affinché, in occasione dell’esame di laurea, donino una somma di qualsiasi entità, che andranno a finanziare borse di studio universitarie destinate ad una o più ragazze per l’educazione superiore in Africa. I proventi raccolti saranno destinati a fornire sostegno a studentesse provenienti da famiglie prive di mezzi, che altrimenti non avrebbero possibilità di affrontare e concludere gli studi. Insieme alla Fondazione Rita Levi-Montalcini Onlus numerosi atenei Italiani hanno deciso di aderire a questa iniziativa, ritenendosi strettamente legati per identità e tradizione a questa missione, dandole voce e creando una rete di solidarietà nella convinzione di futuro più prospero e pacifico fondato sull’istruzione. L’Università Roma Tre aderisce all’iniziativa insieme a: Università degli Studi di Verona, Università Milano Bicocca, Università degli Studi di Foggia, Università degli Studi di Palermo, Università degli Studi di Padova, Università degli Studi di Parma, Università degli Studi di Genova, Università degli Studi di Cagliari, Università del Salento, Università degli Studi di Torino.La Fondazione Rita Levi-Montalcini Onlus mira a sostenere l’istruzione femminile nel continente africano per due motivi. Il primo è dare a ogni donna tutti gli strumenti per sviluppare pienamente le proprie capacità permettendole di sfuggire alle discriminazioni e consentendole di svolgere con dignità il ruolo che le spetta nella società. Il secondo è che l’istruzione delle donne fornisce un apporto essenziale allo sviluppo economico, sociale e culturale di un’intera società.La Fondazione è riuscita finora ad aiutare oltre 12 mila bambine, ragazze e donne di oltre 36 Paesi africani contribuendo al finanziamento di oltre 150 progetti, dall’alfabetizzazione di primo livello a corsi di informatica in inglese. L’istruzione universitaria è, naturalmente, la più costosa.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Discriminati a causa della propria pelle

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 giugno 2016

psoriasiNovartis ha annunciato i nuovi risultati del più vasto sondaggio globale mai condotto finora tra le persone con psoriasi. Tali risultati rivelano che l’84% dei pazienti con psoriasi da moderata a severa è vittima di discriminazioni e umiliazioni – molti di loro (40%) vengono insistentemente fissati in pubblico – a causa della loro condizione1. Inoltre, i risultati dimostrano che i pazienti nutrono aspettative molto scarse per quanto riguarda la possibilità di ottenere una pelle libera da lesioni1 (Clear Skin).
Oltre 8.300 persone provenienti da 31 Paesi hanno preso parte al sondaggio, il primo del suo genere ad analizzare la percezione di una pelle libera da lesioni nella psoriasi. Si tratta della più vasta collaborazione di sempre tra Novartis e le associazioni di pazienti, che hanno incluso 25 organizzazioni provenienti da tutto il mondo. Oltre a evidenziare livelli inaccettabili di discriminazione e umiliazione, il sondaggio dimostra che quasi la metà delle persone con psoriasi (45%) si è vista chiedere se la malattia fosse contagiosa1. L’indagine ha anche svelato gli effetti devastanti che la psoriasi può avere sulla vita personale e sulla salute mentale di chi ne è affetto: il 16% dei partecipanti ha infatti ammesso di nascondersi dal mondo come meccanismo di coping1. Questa carenza di speranza e di autostima si riflette nei risultati, con il 55% degli intervistati che afferma di non credere che la pelle libera o quasi libera da lesioni sia un obiettivo realistico.
Anche i 639 pazienti, provenienti da diverse regioni del territorio italiano, percepiscono come remota la possibilità di ottenere una pelle libera da lesioni. L’indagine ha infatti messo in luce l’importanza di ottenere questo risultato (Clear Skin) per il 39% del campione, anche se più della metà lo ritiene un obiettivo ancora non raggiungibile.Dai dati, inoltre, emerge che il 53% considera la riduzione del prurito uno dei principali obiettivi del trattamento, mentre il 33% degli intervistati aspira solo a una riduzione della sensazione di dolore. Anche per il campione italiano la qualità di vita è fortemente influenzata dalla patologia, confermando il dato mondiale. L’84% dei pazienti ha infatti risposto di essere stato vittima di umiliazioni e discriminazioni, il 43% si sente osservato in pubblico e al 41% è stato chiesto se la malattia fosse contagiosa. Gli intervistati italiani hanno inoltre raccontato le proprie sensazioni associate alla patologia: circa il 40% si sente in imbarazzo; 1 paziente su 3 si vede poco attraente e si vergogna della propria pelle. Inoltre, per il 60% delle persone coinvolte nel sondaggio, la psoriasi ha un impatto sulla vita professionale, con 6 pazienti su 10 che hanno richiesto un giorno di permesso negli ultimi sei mesi. La psoriasi influisce in maniera negativa anche sulle relazioni interpersonali: ne è convinto il 46% degli intervistati tra i quali, il 33% ritiene di non sopportare lo sguardo degli altri e ancora 1 paziente su 3 si sente inadeguato come partner. Infine le principali attività che i psoriasi1pazienti vorrebbero presto tornare a riprendere sono: andare al mare e prendere il sole (circa il 60%), e nuotare (circa il 48%).“Nonostante i dati mostrati da questo sondaggio rivelino scetticismo nei confronti della possibilità di tornare ad avere una Clear Skin, tutti i pazienti ne hanno diritto”, ha affermato Giampiero Girolomoni, Presidente SIDeMaST e Professore Ordinario di Dermatologia dell’Università di Verona “Il nostro compito di dermatologi – ha proseguito – è di stare a fianco dei pazienti esortandoli a pretendere di più e a non accontentarsi se non di una pelle libera da lesioni”.Ulteriori dettagli sui risultati del sondaggio globale e un emozionante video dell’artista di body paint Natalie Fletcher sono disponibili sul sito http://www.skintolivein.com, un hub creato da Novartis per riunire i canali di social media Facebook, Twitter, YouTube e Instagram e dedicato all’educazione e al sostegno dei pazienti con gravi malattie della pelle, come la psoriasi.
La versione italiana del video è disponibile su http://www.lapelleconta.it. Inoltre, i risultati del sondaggio saranno sottoposti a riviste scientifiche e presentati al 25° congresso della European Association of Dermatology and Venereology (EADV), che si terrà a Vienna dal 28 settembre al 2 ottobre 2016.
La psoriasi è una diffusa malattia autoimmune cronica, non contagiosa, che colpisce fino al 3% della popolazione mondiale2. La psoriasi a placche – il tipo più comune – si presenta sotto forma di chiazze rosse in rilievo, ricoperte da uno strato bianco/argenteo di cellule cutanee morte. La psoriasi non è semplicemente un problema estetico, ma una malattia cronica, persistente e spesso invalidante, che può compromettere anche gli aspetti apparentemente meno importanti della vita quotidiana delle persone. Fino al 30% dei pazienti con psoriasi ha sviluppato – o svilupperà in futuro – artrite psoriasica, una patologia che colpisce anche le articolazioni, causando sintomi debilitanti inclusi dolore, rigidità e danno articolare irreversibile3,4. La psoriasi è anche associata ad altre malattie gravi, come il diabete, le patologie cardiache e la depressione. (foto: psoriasi)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Immobiliare USA, aumentano vendite e prezzi secondo l’indagine REMAX

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 giugno 2016

home salesLa richiesta da parte degli acquirenti continua a crescere e maggio ha segnato un aumento delle vendite del 10,3% rispetto ad aprile e del 3,2% rispetto al mese di maggio dello scorso anno, superando così leggermente l’aumento medio del 4,5% registrato in questi primi mesi del 2016. Il prezzo mediano di vendita a maggio è stato di $222.475, con un aumento significativo del 4,2% rispetto all’anno scorso e del 3,5% rispetto al mese di aprile. A maggio l’offerta di case in vendita rimane contenuta in molte città del Paese, registrando una diminuzione del 14,8% rispetto allo scorso anno. Nel mese di aprile, l’offerta mensile nazionale di case in vendita è stata di 3.0, in diminuzione dal 3.2 di marzo.
“Le vendite di case a maggio sono aumentate ad un ritmo leggermente più alto rispetto alla media mensile. Nonostante questo, l’offerta rimane bassa in molti mercati. Allo stesso tempo, i tassi di interesse sembrano essersi stabilizzati incoraggiando chi sta cercando casa. I prezzi continuano a crescere moderatamente e il mercato sta incentivando gli attuali proprietari di case a vendere perché potrebbe avere un impatto sui livelli di offerta”, dichiara Dave Liniger, RE/MAX AD, Presidente e Co-fondatore.
“La richiesta di case, insieme alla mancanza di scelta dei compratori, ha comportato un aumento del valore delle stesse. Questa è una storia che sentiamo da un bel po’ di tempo. Molte persone non cambiano casa e questo trattiene l’offerta disponibile, sia per chi compra per la prima volta sia per coloro che decidono di acquistare la seconda casa. Con l‘aumento del valore, questo può rappresentare un periodo ideale per vendere soprattutto in quei mercati dove i proprietari possono ottenere più di quanto si immaginano”, ha aggiunto Bob Walters, Chief Economist Quicken Loans.
Nelle 52 aree metropolitane coinvolte nell’indagine condotta da RE/MAX a maggio, il numero degli immobili venduti è salito del 5,1% rispetto allo scorso anno, ed è stato inoltre del 10,3% maggiore rispetto al mese scorso. L’aumento mensile è maggiore dell’8,5% medio registrato negli ultimi sette home sales1home sales3anni. Come nei mesi precedenti, le vendite sono state molto forti nel nord est del Paese. A maggio, in 34 delle 52 aree metropolitane intervistate si sono registrate vendite maggiori rispetto all’anno scorso, vedendone 16 con aumento percentuale a doppia cifra. Tra queste troviamo Augusta, ME +25,2%, Trenton, NJ +20,2%, Las Vegas, NV +18,5%, Richmond, VA +16,6%, Providence, RI +15,8% e Boston +14,3%.
Il prezzo mediano di vendita degli immobili venduti nelle aree analizzate nel mese di maggio è stato di $222.475, maggiore del 3,5% rispetto ad aprile e maggiore del 4,2% rispetto al mese di maggio 2015. Maggio è stato il 52esimo mese consecutivo senza un calo del prezzo mediano. Nel 2015, l’aumento del prezzo mediano ha raggiunto la media mensile del 7,6%. L’aumento del 4,2% di maggio potrebbe segnare un aumento moderato dei prezzi, i quali potrebbero avere un impatto positivo per quanto riguarda l’acquisto di un immobile. Tra le 52 aree intervistate, solo cinque hanno registrato un calo dei prezzi, due sono rimaste invariate e le 45 restanti hanno registrato prezzi maggiori rispetto allo scorso anno, 7 con percentuali a doppia cifra: Orlando, FL +13,5%, Portland, OR +13,0%, Fargo, ND +11,9%, Tampa, FL +11,4%, Nashville, TN +10,4% e Denver, CO +10,3%.
A maggio la media dei giorni sul mercato delle case vendute è stata di 58 giorni, 6 giorni in meno rispetto alla media di 64 registrata ad aprile 2016 e maggio 2015. Maggio diventa il 38esimo mese consecutivo con una media di circa 80 giorni sul mercato. Nei tre mercati con la più bassa offerta di immobili, Seattle, Denver e San Francisco, i giorni sul mercato sono stati rispettivamente 29, 23 e 22. Quelli più alti invece, si sono registrati ad Augusta, ME (174), Des Moines, IA (103) e Burlington, VT (92). I giorni sul mercato sono il numero medio di giorni che intercorre dalla presa dell’incarico alla firma del contratto.
Il numero degli immobili in vendita a maggio è stato dello 0,8% inferiore rispetto a aprile e del 14,8% inferiore rispetto ad maggio 2015. La media dellahome sales2 perdita dell’offerta su base annua nel 2015 è stata del 12,2%. Mentre l’offerta rimane più bassa rispetto all’anno scorso, sono presenti dei segnali di stabilizzazione di mese in mese. Basata sul tasso di immobili in vendita a maggio, l’offerta mensile di immobili è stata di 3.0, dato più o meno identico all’anno scorso (3.2) e al mese di aprile di quest’anno (3.6). Un’offerta di immobili a 6.0 rappresenta un mercato in equilibrio tra acquirenti e venditori. Il numero delle città con un’offerta inferiore a 2.0 è cresciuta in modo significante. Gennaio e febbraio hanno registrato 5 e 6 metropoli sotto il 2.0, mentre marzo e aprile ne hanno registrate addirittura 11. Maggio ne ha viste 10: tra queste città troviamo Denver, CO 1.0, Seattle, WA 1.1, San Francisco, CA 1.2, Portland, OR 1.3, Boston, MA 1.5, Omaha, NE 1.5, Dallas-Ft. Worth, TX 1.6 and San Diego, CA 1.6.(foto: home sales)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Napoli in Arte, una mostra a cura di Sabrina Falzone

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 giugno 2016

Napoli in ArteNapoli in Arte1Napoli Dal 5 all’11 luglio 2016 Presso Galleria Serio Via Oberdan 8 Nella culla della cultura partenopea approda il progetto espositivo d’Arte Itinerante “Napoli in Arte” è un evento in collaborazione con Art Nou, con allestimenti a cura dell’équipe organizzativa di Sabrina Falzone. Per l’occasione Sabrina Falzone ha scelto alcuni artisti internazionali: Cinta Agell, Esther Arnuelos,Teresa Beltràn,Montse Bosch Cavedo, Martina Cantero, Mercedes Casado, Rosalia Colomer,Rubén Dominguez,Heber Luis Gil, Clara Gràcia,Higuera,Pepita Manzanares, Marta Rourich, Ana Solanas, Georgeta Stefanescu e Andrés Vijande.Maestre del figurativo, Cinta Agell e Montse Bosch Cavedo, propongono nuovi scenari naturali sul filo nostalgico della memoria. Il calore emotivo dei paesaggi di Pepita Manzanares restituisce un’immagine autentica della natura, rielaborata interiormente. Emozionano i paesaggi dell’anima, creati da Esther Arnuelos, che sprigionano atmosfere sospese tra il viaggio e il silenzio. Dall’oscurità Andrés Vijande, invece, riesce a elogiare la realtà urbana con l’ausilio della luce, attribuendole un grande potere comunicativo. Il paesaggio diventa un connubio di passionalità tra gioia e malinconia nel sapiente equilibrio pittorico che Clara Gràcia è capace di donare all’opera d’arte.Figure mistiche si ergono dall’ombra nell’opera di Higuera, creando una sensazione di attesa. La mostra prosegue con la figura femminile realizzata da Ana Solanas con grazia ed eleganza, che conferisce all’esposizione un tocco di raffinatezza. Molto diverso è il dipinto presentato da Heber Luis Gil che con ironia e vitalità cromatica esprime le proprie potenzialità espressive. Rubén Dominguez si distingue per una pittura disinvolta e spigliata, che rivela un approccio spontaneo e sincero verso l’arte. Da non dimenticare, poi, la morbidezza del tratto di Teresa Beltràn in grado di rievocare una sensazione di calma e serenità nell’enfasi del movimento.Nella sezione astratta della mostra da un lato è possibile imbattersi nell’impeto cromatico di Mercedes Casado, che osa negli accostamenti cromatici e nella rapidità esecutiva; dall’altro lato il visitatore noterà l’estrema pacatezza pittorica e morbidezza segnica della mano di Rosalia Colomer, che arriva ad un suggestivo languore pittorico. Ma le sorpese non finiscono qui, perché a meravigliare il fruitore sarà anche un dipinto firmato Martina Cantero, straordinario nell’esplosione della luce. Inoltre, anche Marta Rourich è riuscita a regalare una piacevolezza d’insieme al suo quadro, donando alla rappresentazione un carattere di singolarità e unicità.Infine, le opere di Georgeta Stefanescu lasceranno i visitatori di stucco per la loro stravaganza e originalità non solo nel contenuto ma soprattutto nella tecnica artistica inedita. Questa mostra sarà inaugurata prossimamente a Mantova, dove si terrà un vernissage unico del trittico di mostre del progetto d’arte itinerante, ma sarà possibile visitarla in anteprima a Napoli sino all’11 luglio. (foto: napoli in arte)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La vaccinazione rappresenta una delle più importanti scoperte scientifiche nella storia della medicina

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 giugno 2016

IMG_0275Ha contribuito in modo fondamentale a incrementare la speranza di vita degli esseri umani. Ha inoltre avuto amplissima diffusione, e fin dall’inizio è stata oggetto di vivace dibattito tra sostenitori del suo effetto positivo e oppositori che si servivano di motivazioni di carattere ideologico, come il rifiuto dell’autorità che ne raccomandava l’utilizzo. L’evoluzione della scienza medica ha nel tempo chiarito i meccanismi d’azione dei vaccini (la cui applicazione è avvenuta inizialmente su base empirica) e quindi molte delle ragioni della loro efficacia. D’altra parte, proprio il successo delle vaccinazioni può influire negativamente sulla loro accettazione da parte della popolazione, in quanto la diminuzione dell’incidenza delle malattie prevenibili diminuisce anche la percezione della loro gravità. La comunicazione in ambito vaccinale ha sempre avuto un ruolo cruciale per l’accettazione o meno delle pratiche vaccinali, ma in quest’ultimo decennio abbiamo vissuto un cambiamento radicale dei mezzi e delle strategie comunicati-ve. Mi riferisco in particolare all’avvento di Internet e del Web che ha raddoppiato la velocità e la quantità delle informazioni che in pochi minuti letteralmente esplorano ogni più lontano angolo del globo. Infatti nel mondo occidentale internet rappresenta attualmente il principale mezzo di comunicazione: quasi il 30% della popolazione utilizza il computer almeno una volta al giorno per collegarsi ad internet (nel caso delle famiglie con almeno un figlio minorenne i valori salgono all’80%). La metà di questi utenti dichiara di utilizzare il web per cercare dati sanitari. Con il miglioramento nel corso dei decenni del livello culturale della popolazione, è infatti cambiato l’approccio a tematiche relative alla salute: oggi la maggior parte dei pazienti si informa in modo autonomo, consultando il medico solo in un secondo momento. Negli ultimi anni, inoltre, si è assistito a un notevole incremento nell’utilizzo delle internet device, con l’arricchimento dei contenuti e dei servizi offerti dal web, il miglioramento e la semplificazione delle modalità di navigazione, e il potenziamento delle prestazioni e dell’affidabilità nella trasmissione dei dati. Tuttavia, l’elevata disponibilità d’informazioni cozza con la qualità delle stesse che spesso sono inesatte e ingannevoli tant’è che l’online ha reso internet “un vaso di Pandora post-moderno”, ponendo il problema dell’autorevolezza dei contenuti, in particolare per quelli scientifici.
Proprio in ambito vaccinale molte famiglie (specialmente giovani) si affidano alle informazioni diffuse su internet per le proprie scelte. Il dibattito sulle vaccinazioni è ampiamente presente anche nei social network, nei blog e nei forum, dove le mamme condividono dubbi e perplessità, e diffidenza dovuta al passaparola che dipinge le vaccinazioni come inutili e dannose. Tali piazze virtuali, per la loro struttura centrata sulla persona rappresentano un mezzo di comunicazione a forte impatto emotivo e quindi altamente persuasivo. La principale criticità informativa è costituita dai siti anti-vaccinazioni, che rappresentano il 35% delle fonti informative sul web quando si utilizzano le parole-chiave “vaccino/i” e “vaccinazione/i”. Attraverso argomentazioni a carattere pseudo-scientifico, o attraverso vere e proprie “bufale mediatiche” questi siti catturano l’attenzione di persone e famiglie non necessariamente contrarie alle vaccinazioni, che cercano risposte in merito alla sicurezza, ai calendari vaccinali e ai del livello culturale della popolazione, è infatti cambiato l’approccio a tematiche relative alla salute: oggi la maggior parte dei pazienti si informa in modo autonomo, consultando il medico solo in un secondo momento. Negli ultimi anni, inoltre, si è assistito a un notevole incremento nell’utilizzo delle internet device, con l’arricchimento dei contenuti e dei servizi offerti dal web, il miglioramento e la semplificazione delle modalità di naviga-zione, e il potenziamento delle prestazioni e dell’affidabilità nella trasmissione dei dati. Tuttavia, l’elevata disponibilità d’informazioni cozza con la qualità delle stesse che spesso sono inesatte e ingannevoli tant’è che l’online ha reso internet “un vaso di Pandora post-moderno”, ponendo il problema dell’autorevolezza dei contenuti, in particolare per quelli scientifici. Proprio in ambito vaccinale molte famiglie (specialmente giovani) si affidano alle informazioni diffuse su internet per le proprie scelte. Il dibattito sulle vaccinazioni è ampiamente presente anche nei social network, nei blog e nei forum, dove le mamme condividono dubbi e perplessità, e diffidenza dovuta al passaparola che dipinge le vaccinazioni come inutili e dannose. Tali piazze virtuali, per la loro struttura centrata sulla persona rappresentano un mezzo di comunicazione a forte impatto emotivo e quindi altamente persuasivo. La principale criticità informativa è costituita dai siti anti-vaccinazioni, che rappresentano il 35% delle fonti informative sul web quando si utilizzano le parole-chiave “vaccino/i” e “vaccinazione/i”. Attraverso argomentazioni a carattere pseudo-scientifico, o attraverso vere e proprie “bufale mediatiche” questi siti catturano l’attenzione di persone e famiglie non necessariamente contrarie alle vaccinazioni, che cercano risposte in merito alla sicurezza, ai calendari vaccinali e ai nuovi vaccini. Tra gli elementi comuni a questi siti, ricorre la proposta di alcune tesi: “le malattie prevenute dai vaccini sono scomparse per il semplice miglioramento delle condizioni igieniche”; “le epidemie per queste malattie si verificano nonostante le vaccinazioni”, “i vaccini sono più pericolosi delle malattie per cui dovrebbero proteggere”.
IMG_0292Purtroppo, la divulgazione di dati inesatti e la disinformazione in ambito medico, ha creato un danno d’immagine e di credibilità per la Sanità Pubblica. In Italia la recente indagine sui determinanti del rifiuto dell’offerta vaccinale, promossa dalla Regione Veneto, ha evidenziato come associazioni contrarie alle vaccinazioni, internet e passaparola sono le fonti non-istituzionali più frequentate dai genitori che non vaccinano. A questo proposito anche storie insolite e inverosimili, ad un certo punto grazie all’eco dei media ricevono la patente di credibilità. E in Internet trovano il luogo ideale per la diffusione: qui le notizie false e i messaggi controversi – spesso privati dell’indicazione delle fonti o degli autori − viaggiano infatti velocissimi, e con grande amplificazione.
In molti, e specie personale medico, ritiene a torto che l’esposizione chiara ed evidente dei dati aiuti le persone a prendere consapevolezza di una situazione e a riscoprire un legame di fiducia con la scienza. Per sradicare alcune credenze, “demistificarle”, fornire più fatti e informazioni non basta. Spesso, anzi, si ottiene l’effetto opposto, ovvero si rafforza il mito. Per far vacillare una credenza, in altre parole, non è sufficiente bombardarla di “prove”: il pensiero con cui ci si “scontra” è selettivo, tende a cercare e a con-servare ciò che conferma le proprie opinioni, ignorando o sottovalutando ciò che le contraddice. È quanto accade anche per le vaccinazioni. Che fare dunque?
Tralasciare internet, ormai irrinunciabile mezzo di comunicazione, per informare sull’importanza delle vaccinazioni, rappresenta un’evidente miopia per la Sanità Pubblica, come anche per le aziende produttrici dei vaccini. Proprio per questo grazie a Società Italiana d’Igiene è nato nel Maggio 2013, il portale VaccinarSì (www.vaccinarsi.org), che rappresenta un vero e proprio programma complesso di comunicazione sulle vaccinazioni, rivolto alle famiglie e gli operatori sanitari. Un portale web, senza aree riservate, di facile accesso (con tre clic si raggiunge ogni sezione), fornito di Blog, forum, profilo Facebook e Twitter, rivolto a tutti gli operatori sanitari coinvolti nell’attività vaccinale, ma soprattutto alla popolazione in potenziale età genitoriale. Più di 500.000 accessi e 1 milione di pagine consultate nel primo anno di attività, testimoniano l’apprezzamento che il programma ha avuto nel panorama italiano e ci sollecitano a continuare in questa direzione; ora il sito si attesta intorno alle 800.000 visite annue con una media di 2.500 accessi quotidiani. Vi è comunque la necessità di una campagna informativa sulle malattie prevenibili per cui la popolazione e anche il personale sanitario hanno perso la percezione del rischio. Deve essere fatto uno sforzo a livello centrale e regionale per portare in luce i casi che quotidianamente avrebbero potuto essere evitati se fossero state utilizzate le vaccinazioni disponibili. Infine dovrebbe essere fatto uno sforzo di formazione del personale sanitario su un adeguato counselling.
IMG_0257Si tratta di un’abilità che dovrebbe essere comune a tutto il personale ma che è particolarmente impor-tante in un settore come quello vaccinale, dove l’intervento sanitario è offerto a popolazione sana, nella quale il timore per le reazioni avverse ai vaccini è fortemente influenzato da informazioni spesso fuorvianti diffuse da vari mezzi di comunicazione. Un primo obiettivo è quello di imparare ad impostare un colloquio nel quale aumenti il tempo di ascolto per far emergere i rappresenta un vero e proprio programma complesso di comunicazione sulle vaccinazioni, rivolto alle famiglie e gli operatori sanitari. Un portale web, senza aree riservate, di facile accesso (con tre clic si raggiunge ogni sezione), fornito di Blog, forum, profilo Facebook e Twitter, rivolto a tutti gli operatori sanitari coinvolti nell’attività vaccinale, ma soprattutto alla popolazione in potenziale età genitoriale. Più di 500.000 accessi e 1 milione di pagine consultate nel primo anno di attività, testimoniano l’apprezzamento che il programma ha avuto nel panorama italiano e ci sollecitano a continuare in questa direzione; ora il sito si attesta intorno alle 800.000 visite annue con una media di 2.500 accessi quotidiani. Vi è comunque la necessità di una campagna informativa sulle malattie prevenibili per cui la popolazione e anche il personale sanitario hanno perso la percezione del rischio. Deve essere fatto uno sforzo a livello centrale e regionale per portare in luce i casi che quotidianamente avrebbero potuto essere evitati se fossero state utilizzate le vaccinazioni disponibili.
Infine dovrebbe essere fatto uno sforzo di formazione del personale sanitario su un adeguato counselling. Si tratta di un’abilità che dovrebbe essere comune a tutto il personale ma che è particolarmente impor-tante in un settore come quello vaccinale, dove l’intervento sanitario è offerto a popolazione sana, nella quale il timore per le reazioni avverse ai vaccini è fortemente influenzato da informazioni spesso fuorvianti diffuse da vari mezzi di comunicazione. Un primo obiettivo è quello di imparare ad impostare un colloquio nel quale aumenti il tempo di ascolto per far emergere i dubbi e le eventuali informazioni distorte, manifestando un atteggiamento che tenda a creare una reciproca fiducia. Già l’ascolto di una registrazione dei propri colloqui potrebbe essere un efficace metodo di autovalutazione per rendersi conto di quanto si parla e di quanto poco si ascolta.
Successivamente si acquisisce la consapevolezza che la scelta – della vaccinazione – è una decisione dell’assistito, che giunge all’obiettivo condiviso con l’operatore sanitario: anche nei casi più resistenti va offerta una azione di sostegno per facilitare la decisione, valorizzando le risorse dell’assistito, curandosi più del mantenimento della relazione professionale che del conseguimento immediato del risultato “vaccinazione”. Concludendo, ritengo fondamentale che i rappresentanti dei mass-media facciano rete con gli operatori sanitari e che − per un fenomeno tipicamente umano, e favorito dai mezzi comunicativi dell’attuale società – si crei una fitta rete di messaggi positivi e significativi sulle vaccinazioni, affinché si riesca ad aiutare il pensiero critico della nostra popolazione. (Antonio Ferro Direttore Sanitario Azienda ULSS 22 Bussolengo (VR) e Responsabile sito web VaccinarSì (SItI)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Comprendere l’eterogeneità dei tumori per arrivare a una medicina personalizzata

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 giugno 2016

arena veronaVerona dal 30 giugno al 2 luglio 2016 simposio internazionale organizzato dal Centro ARC-Net per la Ricerca Applicata sul Cancro dell’Università e Azienda Ospedaliera Universitaria Integrata di Verona e dal Dipartimento di Patologia Molecolare dell’Università del Texas a Houston, Stati Uniti, ed è promosso dalla Fondazione Internazionale Menarini.
Negli ultimi anni le conoscenze sui tumori, e di conseguenza le strategie per trattarli, hanno fatto progressi significativi. Esistono tumori da cui si guarisce più facilmente e altri che richiedono terapie più aggressive. Oggi sappiamo che ogni tumore è diverso pertanto il tumore di una persona non è uguale al tumore di un’altra persona. Anche i tumori che chiamiamo con lo stesso nome sono in realtà un insieme di tumori diversi quando esaminati dal punto di vista molecolare: in altri termini esiste una grande eterogeneità tra i tumori. A complicare la faccenda, vi è eterogeneità anche nell’ambito del singolo tumore, nel senso che un tumore è composto da popolazioni cellulari diverse tra di loro e la nostra capacità di aggredirlo con successo dal punto di vista terapeutico è stata in passato limitata sia dalla scarsa conoscenza sull’eterogeneità che dalla carenza di tecnologie capaci di permettere la caratterizzazione delle diverse componenti del tumore che vanno aggredite in maniera differenziata.
Il simposio riunisce alcuni tra i maggiori esperti internazionali che hanno contribuito all’innovazione in campo oncologico, per fare il punto della situazione in un momento in cui due grandi innovazioni sono state introdotte. La prima innovazione riguarda le informazioni derivanti dal progetto internazionale sul genoma del cancro, in cui l’Università e Azienda Ospedaliera di Verona rappresentano l’Italia grazie a finanziamenti dei ministeri dell’università e della salute, che ha fornito indicazioni sull’eterogeneità dei vari tumori. La seconda innovazione riguarda lo sviluppo di tecnologie che permettono di separare le singole cellule dei tessuti tumorali, e quindi di studiare separatamente le diverse componenti cellulari dei tumori. Ecco cosa indica il titolo del simposio e cosa ci si aspetta nel prossimo futuro: “Resolving Cancer Heterogeneity: The way to personalised medicine”, ovvero risolvere l’eterogeneità dei tumori mediante tecnologie in grado di isolarne le componenti per studiarle separatamente dal punto di vista molecolare. Questo aiuterà a comprendere come colpire le diverse componenti che formano il tumore e quindi avvicinarci sempre più ad una terapia personalizzata sulla base della conoscenza del singolo tumore nella sua complessità.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Imposta/canone Rai. Interpellanza parlamentare sulla violazione della legge di Stabilità

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 giugno 2016

Rai: sede di romaFirenze. Tra pochi giorni partira’ la riscossione del canone Rai in bolletta, un meccanismo concepito dalla legge di stabilita’ che prevede la presunzione del possesso di una tv se nel luogo di residenza di ciascun contribuente e’ attiva una utenza elettrica.Si e’ trattato di un provvedimento emesso in tutta fretta, che non ha consentito per la sua attuazione di effettuare tutte le necessarie verifiche sui contribuenti, cio’ chiedere alle anagrafi comunali la composizione dei nuclei anagrafici, per evitare doppie imposizioni di canone/imposta Rai nello stesso nucleo familiare. Probabilmente ci sarebbe voluto troppo tempo, o forse le anagrafi comunali non erano pronte e organizzate per inviare i dati di 23 milioni di famiglie anagrafiche.Per ovviare, Ministero dello Sviluppo economico e Agenzia delle Entrate hanno trovato una soluzione alternativa, che viola la legge di stabilita’ e che danneggia i cittadini: anziche’ fare i dovuti controlli anagrafici hanno attribuito il canone a tutte le utenze residenziali, onerando i cittadini contribuenti a dichiarare se e’ al contrario e il canone non fosse da loro dovuto perche’ pagato gia’ da altro familiare.Cosi’ facendo Agenzia delle Entrate e Ministero dello sviluppo economico hanno violato in un colpo solo la legge di stabilita’, lo Statuto del Contribuente e la legge sul procedimento amministrativo.Per fare chiarezza su tali violazioni, e per chiedere al Governo come intenda porre rimedio a tali violazioni e se sia intenzione del Governo assumere iniziative normative urgenti al fine di posticipare la riscossione in bolletta elettrica del canone Rai e consentire una corretta e compiuta informazione dei contribuenti, e’ stata presentata ieri – su segnalazione dell’Aduc – una interpellanza parlamentare da parte dei Deputati Alessandro Di Battista, Roberto Fico, Mirella Liuzzi, Vincenzo Caso, Emanuele Scagliusi, Giuseppe L’Abbate e Manlio di Stefano.Cuore dell’interpellanza e’ il meccanismo di individuazione dei soggetti tenuti al pagamento che la legge di stabilita’ individua nella residenza del contribuente e nell’esistenza in quel luogo di utenza elettrica e che AdE e Ministero stravolgono trasformandolo in titolarita’ di una utenza elettrica residenziale. La conseguenza di questo stravolgimento e’ che il contribuente paghera’ un canone Rai non dovuto oppure – in caso di invio della dichiarazione sostitutiva – si esporra’ al recupero di 5 anni di importi pregressi da parte della societa’ elettrica.
Si tratta a nostro avviso di un meccanismo non casuale, pensato per batter cassa – soldi non dovuti nelle casse dell’erario oppure un aiuto economico indiretto alle societa’ elettriche (che si aggiunge ai 28 milioni di euro che riceveranno per il servizio reso).
L’Agenzia delle entrate ha infatti deciso di partire non e’ come previsto dalla legge di stabilita’ – dal dato anagrafico messo a disposizione dei comuni, ma dall’intestazione di una utenza elettrica residenziale. Tale dato tuttavia non necessariamente rispecchia l’effettiva residenza dell’intestatario in quell’immobile, poiche’ per le piu’ varie ragioni (da un mancato aggiornamento incolpevole ad una consapevole omissione nella comunicazione contrattuale con la societa’ elettrica), e’ possibile che questi sia titolare di utenza elettrica intestata ma abbia residenza anagrafica altrove, con il proprio nucleo familiare che gia’ paga il canone Rai. L’intestatario si trova quindi davanti ad una scelta: puo’ inviare la dichiarazione sostitutiva per non dover pagare illegittimamente il canone Rai gia’ pagato dal familiare, cosi’ esponendosi alla modifica della tariffa elettrica applicata e al ricalcolo degli ultimi 5 anni di consumi con la tariffa non residenziale oppure si vede
costretto ad accettare di pagare una imposta non dovuta di 100,00 euro (importo probabilmente di gran lunga inferiore all’ipotesi di ricalcolo delle tariffe elettriche).Cosi’ facendo, l’Agenzia delle entrate pone il cittadino nella condizione di pagare una imposta non dovuta, intromettendosi nella gestione di un rapporto contrattuale di tipo privatistico e favorendo indebitamente o l’erario o le casse dei gestori elettrici, quale indiretta remunerazione ulteriore rispetto a quella gia’ cospicua (almeno 28 milioni di euro in due anni) prevista dal decreto ministeriale.Si obiettera’ che e’ giusto che chi ha usufruito di tariffe piu’ basse cui non aveva diritto e’ giusto che paghi.
Corretto, indubbiamente. Non corretto invece che lo Stato approfitti di questo “ricatto” per introitare imposte non dovute. E il fatto che il Direttore dell’Agenzia delle Entrate, audita l’8 giugno scorso innanzi alla Commissione parlamentare di vigilanza sull’anagrafe tributaria della Camera dei deputati, abbia candidamente affermato che “il problema si avrebbe qualora il cittadino abbia piu’ di un’utenza intestata come prima casa, il che vorrebbe dire che e’ scorretto, perche’ ne puo’ avere solo una. Quindi, o varia, o paga il canone. Lo dico scherzando, ma la legge cosi’ e’”, e a nostro avviso e’ particolarmente grave.Qui il testo dell’interpellanza: http://parlamento.aduc.it/iniziativa/imposta+canone+rai+interpellanza+parlamentare_24571.php
Emmanuela Bertucci, legale Aduc

Posted in Cronaca/News, Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Amazon Announces Page Flip – A New Way to Hop, Skim, and Jump through Kindle Books

Posted by fidest press agency su giovedì, 30 giugno 2016

amazonAmazon announced Page Flip, a reimagined Kindle navigation experience that makes it easy to explore books while always saving your place. With Page Flip, readers can easily flip back and forth between pages to reference different parts of the book while they read. Page Flip will be delivered as part of a free, over-the-air update starting today to Kindle E-readers, Fire tablets, and the free Kindle app for iOS and Android.“Page Flip makes it easier than ever to refer back to pictures in a political memoir, flip back and forth between a map and your current page in an epic fantasy series, or find passages you’ve highlighted in an investing guide,” said Chuck Moore, Vice President, Kindle. “With Page Flip, we’ve taken inspiration from how people read print books and improved upon it.”
Zoom out to get a bird’s eye view of the book and quickly find what you’re looking for. At a glance, easily recognize specific pages as you jump around. Pictures, charts, your highlights, and the layout of each page are easy to see with Page Flip’s pixel-accurate thumbnails that automatically adjust as you change your font and margin settings.Page Flip automatically saves the page you’re reading in a book, pinning it to the side of your screen for easy navigation. Flip back and forth in a book with confidence, knowing you can instantly jump back to reading with a simple tap of your pinned page.“As an author, I love knowing that my work is presented with fluid clarity, freeing my readers from the page shuffling that can cloud and spoil the narrative,” said Laura Hillenbrand, best-selling author of Unbroken. “With Page Flip, books become vastly more accessible, navigable, interactive, and enthralling. As a ravenous reader and scholar, I savor the ease with which Page Flip allows me to keep thumbnails of maps and diagrams, my notes and highlighted passages, and bookmarked pages before me as I read, so that all I wish to see is accessible with the tap of a finger and my focus never has to leave the storytelling.”

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »