Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Calendarizzazione della legge sulla cannabis

Posted by fidest press agency su venerdì, 1 luglio 2016

droga cannabis-vicino“Ci sono almeno tre ragioni di sostanza per considerare inopportuna la calendarizzazione della legge sulla cannabis per la fine di luglio, ossia subito prima di andare in vacanza. La prima ragione riguarda la gerarchia delle priorità nel Paese. Liberalizzare la cannabis non è in assoluto una priorità: ci dibattiamo tra il ddl sulla povertà e la prossima legge di Stabilità, le famiglie italiane sono stufe di essere prese in giro, ora vogliono vedere in pole position le loro necessità. Basta tergiversare. La seconda ragione è che nessuno crede che questa legge avrà solo una valenza terapeutica, ossia un uso della cannabis come cura. È evidente lo stravolgimento dell’impostazione che punta invece ad una diffusione della droga anche tra i più giovani e i più fragili. Le dipendenze sono in vistoso aumento e questa legge non potrà che accelerare questo processo di disfacimento, facendo saltare uno dei pilastri della prevenzione per la tutela della salute”.
Lo afferma Paola Binetti, deputata di Area popolare.
“In terzo luogo – spiega – è davvero molto ambigua questa sovrapposizione di ruoli che vede impegnato il sottosegretario agli Esteri, Benedetto Della Vedova, tra i primi e principali proponenti della proposta di legge, anche nel ruolo di responsabile del governo. Il governo pensi se davvero è opportuno aumentare ulteriormente i motivi diffusi di perplessità che serpeggiano nel Paese, con scelte che appaiono in flagrante contraddizione con le necessità del Paese stesso”.
“Legalizzare la cannabis per fare cassa con nuove entrate fiscali e usare queste risorse per combattere la droga mi sembra un atteggiamento schizofrenico che dimostra la pochezza degli argomenti di chi ha voluto portare in Parlamento una proposta di cui non si sentiva assolutamente bisogno. Il Paese ha ben altre urgenze, per i giovani, per le famiglie, per l’educazione, per l’occupazione, per la lotta alla povertà, per il degrado delle periferie. O veramente crediamo che la cannabis sia un modo per uscire dalla crisi? Semmai è un palliativo per estraniarsi dalla realtà facendo finta che non esista”. Lo dichiara Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Area popolare.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: