Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 2 luglio 2016

LIBE meetings on 4/07 and 7/07 (Strasbourg): EU Border Guard / Counter terrorism / Safe countries of origin / Visas

Posted by fidest press agency su sabato, 2 luglio 2016

StrasbourgStrasbourg. Monday (19.00-19.45) European Border and Coast Guard – rapporteur Artis Pabriks (EPP, LV). Vote on the text informally agreed with the Council.
New directive on combating terrorism – rapporteur Monika Hohlmeier (EPP, DE). Adoption of draft report and on the opening of interinstitutional negotiations. Press conference with the rapporteur on Tuesday 5 July at 9.30.
Thursday (10.30-11.20)Establishing an EU common list of safe countries of origin for the purposes of common procedures for granting and withdrawing international protection – rapporteur Sylvie Guillaume (S&D, FR). Adoption of draft report and on the opening of interinstitutional negotiations.
Review of the visa suspension mechanism – List of third countries whose nationals must be in possession of visas when crossing the external borders and those that are exempted. Rapporteur Agustín Díaz De Mera (EPP, ES). Adoption of draft report.
Directive on legal aid for suspects or accused persons deprived of liberty and in European arrest warrant proceedings – rapporteur Dennis de Jong (GUE, NL). Vote on the text informally agreed with the Council.
Presentations and debates
Proposal of a visa waiver for Georgia – rapporteur Mariya Gabriel (EPP, BG). Presentation of draft report. Monday, 19.45-20.00

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

2016 Open de France: McIlroy surges into share of Paris lead

Posted by fidest press agency su sabato, 2 luglio 2016

Rory McIlroyRory McIlroy stormed into a share of the second-round lead at the 100th Open de France with a brilliant five under par 66 at Le Golf National. The World No. 4 stands alongside Thongchai Jaidee, Mikko Ilonen, Brandon Stone and Jeunghun Wang. Adrien Saddier is the first Frenchman in thirteenth position. McIlroy battled to a level par 71 in the first round and admitted his swing was a “work in progress” as he attempted to rectify the issues that saw him miss the cut at the US Open two weeks ago. Barring a tee-shot into the water on the last, however, the World Number Four showed no signs of swing trouble on Friday.”Today was a good day,” said McIlroy. “I played well. I kept the ball in play, I drove it well, hit fairways, hit a lot of greens. That’s sort of what you need to do around this golf course. I putted well, I felt like I putted nicely. There were still a couple of putts that didn’t quite drop but it felt good out there. It’s nice to go into contention.” A second round 66, five under par, catapulted himself into a share of the lead alongside Mikko Ilonen, Thongchai Jaidee, Brandon Stone and Jeunghun Wang.That leading group has 28 European Tour wins between them, but with an elite field gathered in Paris as the Open de France becomes the first National Open in continental Europe to celebrate its centenary, the chasing pack was also formidable. Defending champion Bernd Wiesberger was atAdrien Saddie four under alongside Nicolas Colsaerts and Anders Hansen, with Joost Luiten, Francesco Molinari, Thomas Pieters and Andy Sullivan a further shot back. The diversity of the European Tour was on full display with eight different nations represented in the top eight spots on the leaderboard and there were 32 players within five shots of top spot.On the French side, Thursday’s unexpected hero Mathieu Decottignies-Lafon struggled to a two-over-par round of 73 and fell back in 18th position on minus one, alongside Alexander Levy who had a solid two-under 69. But the best Frenchman after two rounds is now Challenge Tour member Adrien Saddier, who had 17 pars and a single birdie in his second consecutive round of 70. The 24-year-old from Annemasse was delighted with his effort: “It was a little less windy today, which made things a bit easier, but I’m still very happy with my bogey-free round. It’s always nice to play on this course, which will host the Ryder Cup, in front of the French crowd.” Among the 66 players who made the cut at 3-over par, ten Frenchman qualified for the last two rounds on Saturday and Sunday.
Last but not least, a day after Dane Lucas Bjerregaard had a hole-in-one, Ireland’s Paul Dunne achieved the same feat on Friday, sinking a 198-yards, 4-iron shot into the cup at hole number 8!

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

20th Century at Christie’s Concludes with 20 Artist Records

Posted by fidest press agency su sabato, 2 luglio 2016

chrieste'sLondon – 20th Century at Christie’s concluded on 30 June with a total for the season of £212,545,850 / $291,370,503 / €258,869,958. Strong overall sell-through rates of 82% by value and 81% by lot demonstrated Christie’s expertise at anticipating the market with accurate estimates across all price points and precision selling. Twenty records were set for artists including Bernard Buffet, Lynn Chadwick, Alexandre da Cunha, Stanley Cursiter, Duncan Grant, Frederic Lord Leighton, Henry Moore, Samuel Peploe, Carol Rama, Bridget Riley, Sean Scully and Thomas Daniell. Christie’s achieved seven of the top ten auction prices of the season across all houses, underlining its leading position in the market. A highlight saw Defining British Art, a cross-category evening sale that celebrates Christie’s 250th-anniversary year, achieve a stand-out total of £99,479,500 and set a record for the most expensive British sculpture sold at auction. A further nine sales were presented over 16 days as part of 20th Century and saw registered bidders from 75 countries across six continents confirming the global position of collecting today, which is constantly evolving and expanding.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

PMI settori culturali e creativi: varato nuovo sistema di garanzia

Posted by fidest press agency su sabato, 2 luglio 2016

commissione europeaLa Commissione europea e il Fondo europeo per gli investimenti (FEI) hanno varato il 30 giugno un sistema di garanzia di 121 milioni di euro per sostenere le PMI nei settori culturali e creativi attraverso gli istituti finanziari. Il sistema dovrebbe generare prestiti bancari per un valore di oltre 600 milioni di euro nei prossimi sei anni. L’iniziativa permette al FEI di fornire gratuitamente garanzie e controgaranzie a intermediari finanziari selezionati, in modo che questi possano concedere maggiori finanziamenti attraverso il credito a imprenditori dei settori culturali e creativi. Le banche commerciali e al dettaglio, le banche di promozione e altri intermediari finanziari che beneficeranno della garanzia di 121 milioni di euro finanzieranno più di 10 000 PMI in un’ampia gamma di settori quali audiovisivo (film, televisione, animazione, videogiochi e multimedia), festival, musica, letteratura, architettura, archivi, biblioteche e musei, artigianato artistico, patrimonio culturale, design, arti dello spettacolo, editoria, radio e arti visive.Lo strumento finanziario, istituito nell’ambito di Europa creativa (il principale programma dell’UE per i settori culturali e creativi) sarà gestito dal FEI per conto della Commissione europea. Le PMI europee dovrebbero poterne beneficiare già entro la fine dell’anno.I settori creativi e culturali danno lavoro a oltre 7 milioni di persone nell’UE e rappresentano il 4,2% del PIL dell’Unione. L’accesso ai finanziamenti per questi settori può essere difficile, soprattutto a causa della natura immateriale delle loro attività ma anche delle dimensioni ridotte del mercato, dell’incertezza della domanda e dell’assenza di intermediari finanziari dotati delle competenze necessarie per affrontare le specificità dei settori.
Il nuovo strumento di garanzia per i settori culturali e creativi comprende attività di rafforzamento delle capacità per gli intermediari finanziari, in modo che possano acquisire competenze specifiche su elementi chiave di questi settori (ad esempio, modelli commerciali specifici e valutazione del rischio di credito). A tal fine, il FEI selezionerà mediante un bando di gara aperto uno o più prestatori di servizi per il rafforzamento delle capacità (ad esempio una società di consulenza specializzata nei settori culturali e creativi). La formazione sarà gratuita per gli intermediari finanziari.Nei prossimi giorni il FEI pubblicherà un invito a manifestare interesse rivolto agli istituti finanziari ammissibili (banche, istituti di garanzia, fondi ecc.). Al termine di un attento processo di selezione, il FEI selezionerà gli intermediari finanziari, che potranno quindi proporre i nuovi finanziamenti alle PMI nei settori interessati. Gli intermediari finanziari dovranno presentare relazioni dettagliate sui prodotti finanziari proposti alle PMI e sul ricorso agli stessi.Europa creativa è un programma della durata di sette anni (2014-2020), destinato a sostenere gli operatori dei settori creativi e culturali, con una dotazione di 1,46 miliardi di euro per l’intera durata del periodo. È composto dal programma MEDIA (che sostiene lo sviluppo e la distribuzione di opere audiovisive europee), dal programma Cultura (che sostiene iniziative culturali che promuovono ad esempio la cooperazione transfrontaliera e la traduzione letteraria) e dalla sezione transettoriale. L’obiettivo del programma Europa creativa è promuovere la diversità culturale, incoraggiare la circolazione della cultura e della creatività europee e rafforzare la competitività dei settori culturali e creativi.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Due nuove scuole in Molise realizzate senza alcuna conoscenza geologica”

Posted by fidest press agency su sabato, 2 luglio 2016

DSCN0377“A Campobasso oltre 3 milioni di euro sono stati impiegati per realizzare due nuove scuole dell’infanzia, dove saranno ospitati centinaia di alunni in tenera età in strutture realizzate in totale assenza di conoscenza”. Lo ha denunciato Domenico Angelone, Consigliere Nazionale dei Geologi , già Presidente dell’Ordine dei Geologi del Molise .
“Quelle strutture sono state realizzate senza alcuna conoscenza geologica – ha proseguito Angelone – che non riguarda esclusivamente la natura del terreno, ma le possibili evoluzioni di esso, connesso ai rischi derivanti dalle situazioni locali che rendono ogni sito diverso dall’altro: un esempio su tutte sono le manifestazioni legate alla formazione di cavità per erosione sotterranea, senza parlare delle solite amplificazioni sismiche locali dettate dalla presenza di coperture, l’esposizione ad altri rischi naturali, le proprietà tecniche dei terreni.
In perfetta coerenza con tutto l’operato fino ad oggi posto in essere, il superamento della barriera della morale avviene ope legis, in seguito cioè alla diffida che l’Ordine dei Geologi del Molise ha notificato all’Amministrazione Comunale, che pare abbia reso disponibilità di sanare questa carenza documentale. Una carenza documentale che ex post comporta non poche problematiche, in quanto, di fatto, costituisce una carenza di conoscenza sulla quale sono state effettuate valutazioni, calcoli numerici e programmazioni: il rigore matematico basato sull’approssimazione.
Gli studi che seguiranno a struttura ultimata, si spera, possano confermare in pieno le scelte operate, perché nei due casi alternativi, sia che sussistano condizioni peggiori di quelle ipotizzate che migliori, avremmo speso o dovremmo spendere soldi pubblici sottraendoli ad altre necessità.
La difficoltà nell’affermare principi basilari secondo i quali in una società civile ogni individuo concorre al bene collettivo secondo le proprie inclinazioni, attitudini e capacità, costituisce un problema culturale non consentito ad un Paese che si definisce moderno. La consapevolezza che ogni professionalità è indispensabile alla crescita intellettuale e materiale, in sinergia con quelle affini per ambiti disciplinari, deve essere accettata come condizione di partenza e non come una imposizione normativa.
La storia ha lasciato tanti insegnamenti”.Dal taglio ai Dipartimenti di Scienze della Terra alla mancanza della geologia nelle scelte programmatiche.“Che la geologia in Italia venga posta in secondo piano nelle scelte programmatiche, – ha concluso Angelone – nelle revisioni normative, nell’erogazione dei fondi per la ricerca è un fatto tanto innegabile quanto assurdo ed inspiegabile, che si colloca in un tessuto culturale di tolemaica memoria.
Ed allora quale meraviglia se si osserva il taglio dei Dipartimenti di Scienze della Terra nel Paese che è pari al Giappone per terremoti, pari alle Hawaii per vulcani, ad Yellowstone per supervulcani”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Access to social benefits for EU mobile citizens: “tourism” or myth?

Posted by fidest press agency su sabato, 2 luglio 2016

europa comunitaria2The free movement of people within the EU is one of the key pillars of the European single market. Despite intra-European mobility remains a limited phenomenon, a fierce debate has emerged in many host Member States with regard to the impact of “mobile EU citizens” on national welfare states. This is partly due to the sharp increase in mobility within the EU since 2004, together with the fact that mobile citizens enjoy access – under certain conditions – to social benefits in the host country. Against a backdrop in which there are major differences between national welfare systems (with some based on non-contributory assistance benefits rather than on insurance-based contributory benefits), many voices are raised to denounce possible “benefit tourism” or “welfare tourism” within the EU.The aim of this policy paper by Sofia Fernandes, senior research fellow at the Jacques Delors Institute, is to shed some light on this complex debate on mobile EU citizens’ access to benefits.
1. The first section focuses on the scope of intra-European mobility, the profile of mobile EU citizens and their burden on host countries’ welfare system.
2. The second section presents an overview of the EU’s legal framework with regard to mobile citizens’ access to benefits by identifying the provisions concerning workers, economically inactive citizens and first-time jobseekers.
3. The third section highlights both the responsibility of Member States in the organisation of their welfare system and the recently adopted reforms which limit EU citizens’ access to benefits as well as the modifications foreseen in the EU-UK deal to the relevant European legislation.
4. Lastly, the fourth section presents the challenges to be met and the outlook for the future.(photo: citizens)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Convegno automotive

Posted by fidest press agency su sabato, 2 luglio 2016

automotiveTorino 4 – 5 luglio 2016 Politecnico di Torino, Sede del Lingotto Via Nizza, 230 Il Convegno AUTOMOTIVE – organizzato da AEIT e IMAPS, in collaborazione con Politecnico di Torino, Fondazione Politecnico di Milano, CEI-CIVES e IEEE Italy Section – si propone, con questa prima edizione, di diventare il forum della comunità nazionale in cui si presentano e si discutono i risultati più recenti della ricerca scientifica e tecnologica nel settore delle tecnologie elettriche ed elettroniche per l’automotive, con particolare risalto agli ambiti applicativi.
AUTOMOTIVE 2016 riunirà in un evento annuale e nazionale, sviluppato su due giornate, la comunità più orientata verso le applicazioni delle tecnologie elettriche ed elettroniche con quella che fa riferimento all’Information and Communication Technology. Il Comitato Esecutivo e il Comitato Scientifico si compongono di esperti del settore afferenti ad Università, Associazioni, Aziende ed Enti normativi.”L’attualità dei temi che saranno oggetto del Convegno e la dinamicità del settore sono testimoniati dal recente accordo tra FCA e Google per la produzione di minivan a guida autonoma. Un accordo che segna la convergenza di due grandi settori industriali portatori di know-how fino a poco tempo fa molto distanti. Convergenza che fa dell’automotive uno fra i settori applicativi a più rapida crescita fra i molteplici dell’Internet of Things. Per l’Italia il MIP del Politecnico di Milano ha stimato in circa un quarto la quota attribuibile alle smart car del mercato di 2mld dell’IoT nel 2015″ ha dichiarato Roberto Castelli, Consigliere AICT, Society di AEIT.Giancarlo Forlanini, Presidente AMES, Society di AEIT, ha aggiunto: “L’auto elettrica / ibrida e autonoma/connessa, indiscussa protagonista del convegno, è l’auto del futuro, un futuro molto vicino, considerando ad esempio le iniziative in corso in Norvegia per eliminare benzina e diesel dalle auto nuove entro i prossimi dieci anni, Norvegia primo produttore di petrolio dell’Europa occidentale. La Francia pensa di vietare la circolazione ai diesel pre-Euro5 nei prossimi 4 anni, la Germania spenderà un miliardo di euro in infrastrutture di ricarica ed incentivi , in Italia una recente ricerca di mercato ha evidenziato che ibrido ed elettrico sono le scelte di tendenza preferite dagli intervistati. In questo scenario si stanno muovendo i principali gruppi industriali, sia quelli tradizionalmente del settore che quelli che vi entrano da nuovi entry-point, come l’energia e la comunicazione, i componenti, le tecnologie. Si può dire che non c’è quasi settore industriale che non sia toccato da questa rivoluzione dell’auto”.
AUTOMOTIVE 2016 si articolerà in key-note speech tenuti da protagonisti nazionali e internazionali del settore, in sessioni tecniche e in tavole rotonde. Complessivamente verranno presentati e discussi il quadro attuale, sia nazionale che internazionale, e le prospettive di sviluppo, nonché il quadro normativo di riferimento. E’ prevista una Mostra Tecnica con la partecipazione di aziende.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Istat: spesa famiglie ferma, sale potere acquisto

Posted by fidest press agency su sabato, 2 luglio 2016

istatSecondo i dati resi noti oggi dall’Istat, nel I trimestre 2016 i consumi finali delle famiglie sono rimasti invariati rispetto al IV trimestre 2015, mentre il potere d’acquisto delle famiglie è aumentato dell’1,1%.
“Nulla di buono. Le famiglie sono ancora in crisi. I consumi che sembravano essere ripartiti, anche se con il contagocce, sono nuovamente fermi, mentre la ripresa del potere d’acquisto dipende solo dalla riduzione dei prezzi, ossia dal fatto che a febbraio e marzo 2016 l’Italia è ricaduta nella deflazione, segnando rispettivamente un -0,3% e un -0,2%” afferma Massimiliano Dona, Segretario dell’Unione Nazionale Consumatori. “Infine, la crescita del reddito disponibile delle famiglie consumatrici dimostra che anche quelle poche famiglie che potrebbero permettersi di spendere di più, sono ancora restie a farlo e preferiscono risparmiare” conclude Dona.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Banca Etica sale al 51% del capitale di Etica sgr

Posted by fidest press agency su sabato, 2 luglio 2016

bancaBanca popolare Etica ha acquisito la maggioranza azionaria della società di gestione del risparmio del Gruppo, Etica sgr, passando dal 46,47% al 51,47% delle azioni.L’operazione è stata concordata con tutti i soci per consolidare l’appartenenza di Etica Sgr al Gruppo Banca Etica, fino ad oggi possibile grazie a specifici patti para sociali.Le azioni necessarie a raggiungere il 51,47% sono state acquisite dalla Banca popolare di Milano, che continua ad essere il secondo socio, con il 19,44% del capitale sociale. Restano invariate le quote degli altri soci: BpER Banca (10%); Banca popolare di Sondrio (9,87%); Cassa Centrale Banca (9,22%). “Banca Etica continua nel suo lavoro pionieristico di innovazione del mercato finanziario. Etica SGR è stata una novità assoluta per l’Italia quando è partita, tredici anni fa, introducendo nel nostro paese i fondi di investimento responsabili, che adattano ai mercati borsistici il principio fondante della finanza etica: rendere pienamente consapevoli i risparmiatori sull’uso che si fa del loro denaro. Oggi Etica SGR è leader per i fondi sostenibili in Italia e tra i principali player del mercato europeo. Vogliamo continuare a crescere, ma sempre con una forte attenzione alla coerenza tra mission e operatività. Per questo Banca Etica ha deciso di salire al 51% di Etica SGR: per sancire anche in termini azionari la leadership del progetto, che molto deve agli altri soci BPM, BPER, Popolare di Sondrio e Cassa Centrale, ma che nasce e si caratterizza, e si svilupperà, per l’azione guida del Gruppo Banca Popolare Etica”, spiega il direttore generale di Banca Etica, Alessandro Messina.Il Consiglio di Amministrazione di Etica Sgr ha inoltre nominato Luca Mattiazzi Consigliere Delegato della società. Entrato nel CdA della Sgr nell’aprile 2015, Mattiazzi è già stato Direttore di Etica sgr dal 2002 al 2006, guidando la società durante la fase di start-up e consolidamento. Mattiazzi è socio fondatore di Banca Etica, dove lavora dal 2006. Prima di entrare nel Gruppo Banca Etica ha maturato importanti esperienze nel settore finanziario in Italia e all’estero.Etica Sgr ha chiuso il Bilancio 2015 con un utile netto di 3,4 milioni di euro (+90% rispetto al 2014) e commissioni attive pari a 25 milioni di euro (+83%). Anche nel primo trimestre 2016 la società si è confermata leader di mercato nel settore dei fondi etici, con una quota pari al 49% (elaborazione su dati Assogestioni). A maggio 2016 il patrimonio in gestione dei fondi Valori Responsabili ha superato i 2,4 miliardi di euro (+16% rispetto a fine 2015), mentre la raccolta netta da inizio anno ha oltrepassato i 316 milioni di euro. Il numero di clienti ha raggiunto la soglia dei 139.000, registrando una crescita netta del 20% nei primi cinque mesi dell’anno.Banca Etica è la prima e tutt’ora unica banca italiana interamente dedita alla finanza etica, opera su tutto il territorio nazionale attraverso una rete di filiali, banchieri ambulanti e grazie ai servizi di home e mobile banking. Banca Etica raccoglie il risparmio di organizzazioni e cittadini responsabili e lo utilizza interamente per finanziare progetti finalizzati al benessere collettivo. Dalla nascita nel 1999 a oggi Banca Etica ha erogato finanziamenti per circa 30 milioni a favore di oltre 25 mila iniziative di organizzazioni, famiglie e imprese nei settori della cooperazione sociale, cooperazione internazionale, cultura e qualità della vita, tutela dell’ambiente, diritto alla casa, legalità. Nel 2014 Banca Etica ha aperto la sua prima filiale all’estero, a Bilbao in Spagna.

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Effetto Brexit e lavoratori italiani

Posted by fidest press agency su sabato, 2 luglio 2016

fabrizio d'averioL’esito delle urne inglesi apre nuovi scenari per il mondo del lavoro e per gli italiani che si sono trasferiti nel Regno Unito, circa 13 mila di media ogni anno secondo i dati dell’ISTAT. A dimostrazione di come il Paese sia fortemente attrattivo per i nostri connazionali, vantando un tasso di disoccupazione di circa il 5%, rispetto all’11,7% dell’Italia. Ma a cosa ci si deve preparare adesso? L’Avvocato Fabrizio Daverio, socio fondatore dello Studio legale Daverio & Florio che in Italia rappresenta Innangard, il network internazionale specializzato nel diritto del lavoro, commenta:“Molti manager europei, che attualmente lavorano nel Regno Unito, sono in agitazione, anche se probabilmente non ci saranno conseguenze nel breve periodo. Il Regno Unito, infatti, rimarrà soggetto al principio europeo della libera circolazione, per un periodo di negoziazione con l’Unione Europea, che potrebbe anche non iniziare fino al prossimo autunno.”Una fase di transizione dunque, per un Paese che nella classifica delle mete di destinazione degli emigrati italiani nel 2014 occupa il secondo posto, dopo la Germania. “C’è ancora tempo per progettare cambiamenti ed evitare reazioni “d’impeto” – conclude Daverio – Rassicurare i manager europei su questo, potrà essere d’aiuto nel riacquistare fiducia nelle organizzazioni multinazionali.” (foto: fabrizio d’averio)

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Povertà: ampliare gli stanziamenti

Posted by fidest press agency su sabato, 2 luglio 2016

povertà“Un lavoro tutt’altro che facile parlare di povertà e di relative deleghe al governo su questo tema. Il problema è che le risorse sono sempre insufficienti a fronteggiare le necessità di tutte quelle famiglie che ormai da oltre 10 anni vedono assottigliarsi le loro risorse; assistono impotenti a fatti gravi come il licenziamento del marito o l’improvviso ridursi del volume di affari di piccole e medie imprese; non si danno pace del fatto che i figli non trovino lavoro, pur avendo curricula ben più brillanti dei loro.“
Lo afferma l’onorevole Paola Binetti di Area popolare, che continua: “ Sono i tre vertici del triangolo della povertà: famiglie sempre più in difficoltà, che non riescono più neppure a curarsi; aziende costrette a licenziare prima di dover chiudere, senza la prospettiva di poter riaprire a breve; e giovani che dopo l’illusione del jobs act, ora vedono sempre più chiuso il panorama del lavoro. Discutiamo di emendamenti che dovrebbero far fronte ai bisogni degli uni e degli altri, ma che scoprono con triste monotonia che le valutazioni di ogni emendamento oscillano tra invito al ritiro, respinto e talora, ma più raramente inammissibile. Il miliardo, messo dallo Stato in legge di stabilità, risulta ormai talmente impegnato con misure di tipo semi-strutturale come i famosi 80 euro, nati inizialmente come social card, e diventati ora una piccola risorsa su cui tante famiglie fanno affidamento; o il bonus bebè, con un occhio speciale al terzo figli. Ma la verità è che non c’è spazio per nessuno. Questa è la maggioranza silenziosa del Paese, fatta di anziani, che quando lavoravano potevano disporre di piccole risorse; di poveri che avrebbero potuto essere quasi ricchi se il lavoro non fosse venuto meno. Una platea di donne che sognano un lavoro che dia loro autonomia ed indipendenza per porre fine a certe relazioni ingombranti, il cui esito è spesso drammatico. Di questo parliamo e discutiamo, in Commissione Affari sociali e in Commissione Lavoro, ma senza avere alcuna possibilità di farci carico davvero di bisogni sempre più incalzanti. Il ddl dovrebbe arrivare presto in Aula e tutti speriamo che qualche miracolo succeda e il Governo ampli lo stanziamento previsto in modo molto più coerente con i bisogni”, conclude la Binetti.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Perù: Il lusso viaggia in treno

Posted by fidest press agency su sabato, 2 luglio 2016

perùIl Perù si prepara ad accogliere i viaggiatori sul nuovo Belmond Andean Explorer, il primo treno di lusso del Sud America con vagoni letto. Il nuovo treno, il cui lancio è previsto nel maggio 2017, viaggerà lungo una delle più alte tratte ferroviarie della Terra e attraverserà le Ande peruviane esplorando meraviglie naturali ed antichi regni, in tratte di una o due notti. Le raffinate cabine private, le due eleganti carrozze ristorante dove vengono serviti piatti raffinati a base di ingredienti locali e di stagione, la carrozza panoramica e la carrozza bar permetteranno agli ospiti di rilassarsi e godersi il viaggio in un’atmosfera davvero unica, all’insegna de l lusso a 360°.
Il pacchetto Peruvian Highlands prevede un viaggio di tre giorni e due notti da Cusco, capitale dell’antico impero Inca, attraverso gli altipiani più elevati delle Ande – fino a 4.800 metri di altitudine – verso Puno e la bellezza eterea del Lago Titicaca; quindi il maestoso Canyon del Colca, il regno dei condor, e la deliziosa Arequipa, sito patrimonio dell’UNESCO.
In alternativa, c’è Andean Plains & Islands Of Discovery, di due giorni e due notti, o il pacchetto Spirit of the Andes, che attraversa l’Altopiano dal lago Titicaca a Cusco per una romantica fuga di una notte.
Prezzi a partire da $462 a persona per il pacchetto di una notte Spirit of the Andes, compresi tutti i pasti, l’open bar e le escursioni in programma. Maggiori info su http://www.belmond.com/belmond-andean-explorer
Cusco è una bellissima città dove convivono l’anima coloniale, spagnola e barocca, e l’anima inca, atavica e possente. L’antica capitale dell’impero Inca, un vero e proprio gioiellino situato a 3.500 metri sul livello del mare e circondato dalle vette andine, deve il suo nome all’antica parola quechua Qosqo, che significa ombelico, e che, secondo la cultura locale, era proprio il punto di collegamento tra il cielo e gli inferi, il vero ombelico del mondo.
Fate un giro al mercado di San Pedro, il colorato e vivace mercato locale, dove incontrare i cusqueños abbigliati con i vestiti tradizionali e acquistare souvenir, e al quartiere di San Blas, arroccato sulle colline, che ospita fra i suoi viottoli piccole gallerie d’arte, locali bohemien e nu merosi laboratori di artigianato dove si producono oggetti e tessuti secondo gli antichi metodi tradizionali.
perù1Dove mangiare: volete assaggiare i piatti della cucina regionale realizzati con i migliori prodotti locali? perù2Fate sosta da Chicha, in Plaza Regocijo! Questo è il primo ristorante aperto dal celebre chef Gaston Acurio: una garanzia!
Conosciuta come la Ciudad Blanca (la città bianca) per via del colore della pietra utilizzata per la costruzione degli edifici principali del suo centro storico, la città patrimonio UNESCO è situata a 3.200 mt, ai piedi del Misti, un gigantesco vulcano spento.
Arequipa ha un cuore silenzioso, cinto da mura possenti: il monastero di Santa Catalina, il più grande convento del mondo (20.462 metri quadrati), è un luogo di grandissima suggestione, un’infinita teoria di strade, giardini, chiostri dipinti di colori sgargianti dove è piacevole perdersi.
Dove mangiare: Arequipa è la patria del cibo tradizionale. Vi consigliamo di scegliere una delle innumerevoli picanterías, piccoli ristoranti tradizionali dove gustare i piatti tipici della regione, prepara ti in vecchie stufe a legna. Il piatto simbolo di Arequipa è senza dubbio il rocoto relleno, un peperone farcito con carne macinata, formaggio, uova e olive.
Imperdibile secondo noi una sosta alla Nueva Palomino, unapicantería che offre un’esperienza culinaria autentica, con cibi tradizionali di altissimo livello, amatissimi dagli abitanti della città!
Il Titicaca è il lago navigabile più alto del mondo: le sue acque, azzurre e limpidissime, fluttuano placide a 3.812 mt sopra il livello del mare. La leggenda narra che da queste acque siano emersi Manco Capac e sua moglie Mama Occllo, figli del dio sole e fondatori dell’Impero Inca. Da non perdere anche Puno, città ricca di siti archeologici preispanici caratterizzati dalla presenza di costruzioni circolari chiamate chullpa, dove, in tutto l’arco dell’anno, si svolgono tantissime e vivaci feste tradizionali.
Dove pernottare: concedetevi il lusso di pernottare nel silenzio del lago, presso l’hotel Titilaka, che offre una sistemazione piacevole e dotata di ogni confort, dotata di una vista indimenticabile su l cielo più stellato che abbiate mai visto. (foto: perù)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Banche e gli affari di famiglia del premier

Posted by fidest press agency su sabato, 2 luglio 2016

merkel angelaDichiarazione dell’onorevole Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia: “Renzi in un mare di guai. Altro che addossare la responsabilità dell’attuale crisi bancaria ai governi che l’hanno preceduto: chi conosce la condizione delle banche italiane da più di due anni è proprio lui. Ed è proprio lui che piuttosto che metterne in sicurezza i bilanci prima dell’entrata in vigore del Bail-in ha pensato a sistemare gli ‘affari di famiglia’ del giglio magico. Aggravando la situazione. Tutto il tema dei crediti deteriorati che affossa il sistema bancario del nostro paese deriva, infatti, dalla valutazione che ne è stata fatta in occasione del fallimento pilotato delle quattro banche care al premier a novembre 2015. E da allora non si è ancora trovata una soluzione. Non si stupisca, quindi, Renzi se in questi giorni di turbolenza dei mercati le banche italiane sono nell’occhio del ciclone: è lui che le ha indebolite piuttosto che rafforzarle negli anni del suo governo. E tutto per il suo miope provincialismo e la sua sete di potere. Poi in extremis ha provato a fare il furbetto con la Brexit, cogliendo la palla al balzo per definirla una ‘circostanza eccezionale’ per cui si può derogare al Bail in. Ma la signora Merkel non ci è cascata. Renzi alla frutta, le sta provando davvero tutte. Con il solo risultato che più va avanti più si rende ridicolo. Dura poco”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Trieste punta a diventare la capitale del settore biohightech dell’Alpe Adria

Posted by fidest press agency su sabato, 2 luglio 2016

triesteTrieste. Confermato il successo dell’Alpe Adria Biohightech brokerage: le aziende del settore chiedono diventi un appuntamento a Trieste con cadenza annuale Rafforzare i rapporti e le collaborazioni tra centri di ricerca e imprese altamente tecnologiche così da rendere Trieste la capitale del settore biohightech dell’Alpe Adria. È questo ciò che le aziende del comparto hanno chiesto durante l’Alpe Adria BioHighTech brokerage 2016, l’evento d’incontri bilaterali tra operatori di Friuli Venezia Giulia, Veneto, Austria, Stiria, Slovenia e Croazia, organizzato da Aries – Camera di commercio di Trieste oggi nel capoluogo giuliano.Protagonista dell’evento Diego Bravar, fondatore e presidente di Tbs Group, realtà d’eccellenza del settore biotecnologico, che ha annunciato per il 23 settembre, nell’ambito di Next, l’organizzazione del BioHighTech day, evento per confrontarsi proprio sui progetti appena conclusi e presentati sui bandi comunitari Italia-Slovenia. <È fondamentale che questo tipo di evento – ha dichiarato riferendosi all’Alpe Adria BioHighTech brokerage – venga ripetuto annualmente e che Trieste diventi la capitale dell’Alpe Adria nel settore biohightech. Ne abbiamo le possibilità dati gli enormi investimenti fatti a Trieste nella ricerca per quasi 300 milioni di euro all’anno e la presenza di importanti centri di eccellenza in Friuli Venezia Giulia. Abbiamo la grande potenzialità di trasferire le conoscenze degli enti di ricerca nell’innovazione di prodotti e servizi, soprattutto nel settore della salute. La regione Friuli Venezia Giulia, e Trieste in particolare, è infatti la prima nel settore del biohightech, perché solo qui operano aziende con 5.000 dipendenti e 700 milioni di fatturato. Risulta però evidente che è possibile fare massa solo favorendo l’interagire tra le aziende del settore con gli enti di ricerca e l’Alpe Adria>.Una linea condivisa dal presidente della Camera di commercio, Antonio Paoletti. .
Confermata quindi la rilevanza dell’Alpe Adria Biohightech brokerage 2016, finanziato nell’ambito dell’Enterprise Europe Network, al quale hanno partecipato oltre 50 realtà tra imprese, centri di eccellenza, laboratori universitari provenienti da Austria, Slovenia, Croazia , Friuli Venezia Giulia e Veneto con oltre 70 gli incontri programmati.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Brexit: timori finanziari fondati o alibi per interventi eccezionali?

Posted by fidest press agency su sabato, 2 luglio 2016

bankingIl risultato del referendum sulla Brexit avrà certamente un effetto profondo sull’economia britannica, sull’Unione europea e sul suo processo di integrazione. Chi ci ha letto in passato sa che noi siamo sempre stati fautori di un’Europa forte, solidale e sovrana. Nondimeno ci sembra esagerata la reazione sia dei mercati che delle istituzioni finanziarie europee ed internazionali che paventano un nuovo sconquasso finanziario globale. E’ come se l’emergenza Brexit serva a giustificare una probabile adozione di interventi eccezionali e a scaricare su di essa le conseguenze di una crisi già in atto, ma che oggettivamente non ha origine nell’eventuale uscita della Gran Bretagna dall’Ue.Al riguardo è’ interessante notare che le grandi banche too big to fail americane ed internazionali, la Goldman Sachs, la JP Morgan, la Citibank, la Bank of America per nominarne alcune, sono state in prima fila, anche con notevoli donazioni in denaro, per sostenere la campagna “Remain”. Anche speculatori come George Soros sono scesi in campo contro la Brexit paventando cataclismi di ogni sorta.La Federal Reserve ha deciso di lasciare i tassi fermi e ha annunciato che il costo del denaro salirà, ma più lentamente. L’incertezza sul referendum della Brexit “è uno dei fattori che ha pesato sulla decisione” di mantenere invariato il costo del denaro, ha affermato la governatrice Janet Yellen, sottolineando che un eventuale addio della Gran Bretagna all’Ue potrebbe avere ripercussioni sull’economia e sulla finanza globale. Dopo di che anche la Banca Centrale Europea ha affermato di essere pronta ad interventi di emergenza e in ogni caso di voler mantenere i suoi acquisti di asset finanziari pari a 80 miliardi di euro al mese fino a marzo 2017 e anche oltre, se fosse necessario.
Indubbiamente l’uscita dall’Ue avrà un grosso impatto in particolare per la City di Londra. Nella City operano circa 250 banche estere che in questo modo hanno un accesso diretto al mercato Ue. La City rappresenta circa il 10% del Pil britannico e contribuisce per il 12% a tutte le tasse raccolte dal governo. Essa è la prima esportatrice di servizi finanziari del mondo. Servizi che, per 20 miliardi di euro, vanno proprio verso l’Europa.Una delle grandi preoccupazioni riguarda, per esempio, la sorte della Royal Bank of Scotland, che nel biennio 2014-15 ha accumulato perdite per oltre 7 miliardi di euro. Cosa succederebbe a questa banca in caso di un aggravamento della situazione inglese? Secondo noi il nervosismo nella grande finanza riflette un profondo senso di incertezza e anche una vera e proprio paura di effetti a catena, simili a quelli non previsti e non voluti, della bancarotta della Lehman Brothers nel 2008. L’ultimo bollettino della Banca dei Regolamenti Internazionali di Basilea delinea andamenti finanziari e bancari che meritano una attenta disamina. Nell’ultimo trimestre del 2015 i crediti bancari transfrontalieri globali sono diminuiti di 651 miliardi di dollari, di cui 276 verso la zona euro. E’ una tendenza in crescita da tempo. La stessa cosa era avvenuta a seguito della crisi del 2008. E’ indubbiamente uno dei risultati della prolungata stagnazione economica mondiale. E’ anche rilevante notare che il valore nozionale dei derivati otc è finalmente sceso di quasi 200.000 miliardi di dollari, da 700 mila di giugno 2014 ai circa 500 mila di fine 2015. E’ un fatto di indubbia positività.Si tratta di cambiamenti necessari e ulteriormente auspicabili. Noi abbiamo sempre ribadito l’importanza di ‘prosciugare’ la palude dei derivati finanziari speculativi otc e di contenere le operazioni bancarie non produttive. I dati della Bri sono di grandezze eccezionali, però richiedono un attento controllo e anche interventi precisi da parte delle autorità competenti. Se fossero soltanto il risultato di performance autonome dei mercati, allora dietro ai numeri potrebbero nascondersi ‘macerie’. Sarebbe proprio come spesso accade dopo fenomeni alluvionali. Dopo una violenta inondazione si è tutti contenti di vedere che le acque si sono ritirate. Ma prima di permettere il ritorno delle famiglie evacuate o addirittura concedere dei permessi di costruzione è necessario che la Protezione Civile faccia un attento controllo del territorio per determinare se la catastrofe ha minato le fondamenta dei palazzi e la compattezza del terreno.Di certo sono in atto profondi rivolgimenti nei settori finanziari e bancari per cui ogni evento, anche di portata minore, rischia di produrre conseguenze destabilizzanti. Con effetti sistemici! (Mario Lettieri già sottosegretario all’Economia e Paolo Raimondi economista)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Toulouse Business School lancia un nuovo Master in Digital Intelligence & Marketing Analytics

Posted by fidest press agency su sabato, 2 luglio 2016

Master DIMATolosa, Giugno 2016 – Se l’esplosione del volume di dati è una realtà, la capacità delle imprese di sfruttare il loro potenziale e di trasformarlo in un vantaggio strategico e competitivo è ancora in fase di sviluppo. Il trattamento dei dati sarà basato su appropriate competenze tecniche e il cambio di paradigma dell’azienda sulla consapevolezza dei manager che i “dati” sono al centro del processo decisionale. Dedicato alla Digital Marketing Intelligence e agli Analytics, il nuovo Master DIMA della Toulouse Business School è stato progettato in stretta collaborazione con l’industria, favorendo una dimensione applicata e operativa, attraverso la convalida di tre certificazioni internazionali di alto livello. Il Master DIMA sarà dispensato in lingua inglese e sarà lanciato nel gennaio 2017.
La quantità di dati generati dal progresso tecnologico servirà come base per la competitività del futuro della società, permettendo di supportare i sistemi decisionali, di acquisire conoscenze, ottimizzare le proprie attività, ma anche l’innovazione. Vera rivoluzione nella gestione della società, questo cambiamento dovrà essere basato sulle competenze combinate in marketing/business, matematica/statistica e informatica, ma il mercato della formazione offre molto poco in Europa.
Le aziende consapevoli di questi problemi sono sempre più alla ricerca di nuovi profili manager, come spiega Hammou Messatfa, IBM Europe Government Technical Leader:”Recenti studi dimostrano che vi è un enorme potenziale di reclutamento nel settore analitico (data scientists) e il 66% delle posizioni aperte non sono riempite. Per rispondere a queste sfide, IBM supporta il lancio del Master “Digital Marketing Intelligence e Analytics”, dispensando un corso di Watson Analytics per gli studenti. La ricchezza degli insegnamenti e dei profili offerti dalla Toulouse Buisness School è una risorsa importante per soddisfare le esigenze dei nostri clienti”.Il Master DIMA, progettato all’incrocio tra marketing, informatica, matematica applicata e statistica, si distingue per una combinazione unica di competenze manageriali, scientifiche e tecniche. Il programma mira a fornire agli studenti la conoscenza approfondita e la padronanza avanzata nei settori del marketing relazionale, esperienziale o comportamentale (neuromarketing). La conoscenza tecnica delle leve fondamentali del marketing data-driven, del marketing digitale e della gestione dell’innovazione digitale permetterà a questi futuri manager di diventare protagonisti nei processi decisionali in azienda. Saranno inoltre capaci di gestire progetti complessi e innovativi in ambienti internazionali e multiculturali.“I Big Data sono una risorsa strategica per le aziende. E sconvolgono i modi di pensare, i modelli di business e di gestione. Tuttavia, oggi vi è una mancanza di esperienza globale e competenza in questo settore e le imprese consapevoli del problema sono alla ricerca di manager esperti, in grado di organizzare i dati ed estrarre informazioni rilevanti al fine di prendere decisioni strategiche. L’obiettivo di questo nuovo programma è quello di soddisfare le esigenze delle imprese, fornendo ai nostri studenti forti competenze nel settore dei Big Data, per ottimizzare le attività commerciali e l’innovazione”, spiega Kevin Carillo, Responsabile del Master DIMA alla Toulouse Buisness School.
Nell’ambito del programma, gli studenti potranno interagire con professionisti di alto livello nel settore del marketing data-driven provenienti da aziende del calibro di IBM, SAP, SAS, Capgemini, Tableau, Dataiku, Synomia, Inbox, Data&Data, Ekito.Gli studenti, oltre alle competenze manageriali, scientifiche e tecniche, avranno anche la possibilità di ottenere tre certificazioni professionali riconosciute a livello internazionale nel settore dei Big Data: INFORMS – Certified Analytics Professional (CAP) ; EMC – Prove Professional Data Scientist Associate (EMCDSA) ; SAP- Design Thinking for Business Innovation (THINK 1).Il nuovo programma sarà lanciato a gennaio 2017 e sarà destinato a laureati (laurea triennale o equivalente). La formazione comprenderà due semestri di corsi a tempo pieno e uno stage di sei mesi in azienda. Il Master DIMA verrà dispensato interamente in lingua inglese. (foto: Master DIMA)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Le migrazioni qualificate in Italia”

Posted by fidest press agency su sabato, 2 luglio 2016

immigratiAumenta il numero dei laureati italiani che emigrano all’estero (23mila nel 2015); Attualmente su 4.811.000 cittadini italiani residenti all’estero, i laureati hanno superato le 400mila unità; Mentre sono pochi i laureati italiani che rimpatriano, è aumentato il numero dei laureati stranieri residenti in Italia (circa 500mila); Purtroppo, i laureati residenti in Italia (12,9% tra gli italiani e 10,3% tra gli stranieri secondo l’Istat) e i diplomati (35,2% tra gli italiani e 39,7% tra gli stranieri) sono al di sotto della percentuale delle persone con istruzione superiore riscontrabile mediamente nell’UE; Preoccupa anche il fatto che le persone con questi livelli di istruzione e formazione non trovano uno sbocco adeguato nel mercato occupazionale; Ne deriva, pertanto, la necessità di maggiori investimenti in istruzione, ricerca e sviluppo (eguagliando la media Ue) al fine di normalizzare gli spostamenti dei lavoratori qualificati, rendere il mercato occupazionale più attrattivo e inserirvi in maniera appropriata anche gli stranieri qualificati.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

ll Maestro Pellegrino tra i Cantori Professionisti d’Italia per sostenere la candidatura Unesco per l’Opera Lirica Italiana

Posted by fidest press agency su sabato, 2 luglio 2016

marcello giordanoIl Maestro Marcello Giordano Pellegrino, legale rappresentante di Skené management, azienda che opera nel settore della produzione, promozione ed organizzazione di eventi mirati, aderisce all’iniziativa indetta dai Cantori Professionisti d’Italia sulla Candidatura dell’Opera Lirica Italiana a Patrimonio Immateriale dell’Umanità UNESCO.
L’Opera Lirica Italiana è scrigno di cultura, bellezza e creatività, di conoscenza orale e manuale; essa rappresenta un laboratorio costante di tradizione e rinnovamento che oggi più che mai è presente in tutto il mondo. Essa costituisce il principale veicolo di divulgazione ed insegnamento della cultura e della lingua italiana, favorendone quindi il contatto tra popoli, culture ed etnie anche assai distanti e contribuendo alla costruzione del rispetto reciproco e della pace.
“Aderire a questa iniziativa mi onora perché, oltre a rappresentare il nostro patrimonio operistico e musicale, l’opera lirica rappresenta nel suo complesso la nostra storia, la nostra italianità. Pertanto, ogni spettatore che assisterà ad un evento promosso ed organizzato da Skené management in Italia, avrà la possibilità di poter firmare un modulo per sostenere questa nobile iniziativa”, afferma il Maestro Pellegrino. (foto: marcello giordano)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il governo non sostiene l’accesso alla formazione

Posted by fidest press agency su sabato, 2 luglio 2016

università pavia“Il diritto allo studio è sancito dalla Costituzione. Ci sono stati tanti cambiamenti nel settore universitario, in particolare la revisione del calcolo dell’Isee. Noi dobbiamo essere tempestivi a intervenire. A essere penalizzate sono soprattutto le regioni del sud i cui atenei stanno subendo un tracollo delle iscrizioni, e una mobilità degli studenti che si spostano in altre parti d’Italia. La nostra mozione prevede tra le altre cose che il Governo assuma iniziative per assicurare la piena realizzazione del diritto allo studio, attraverso la rimozione degli ostacoli economici e sociali che limitano l’accesso agli studi universitari e a garantire l’uniformità su tutto il territorio nazionale dei benefici in materia di diritto allo studio universitario; ad adottare le opportune iniziative volte a definire in modo chiaro i termini temporali per la ripartizione e l’erogazione delle risorse del fondo integrativo statale per la concessione di borse di studio, nonché a disporre un aumento delle risorse del medesimo fondo che possa risolvere in via definitiva la problematica degli studenti idonei non beneficiari; ad assumere iniziative per prevedere meccanismi di sgravi fiscali che permettano alle famiglie di detrarre integralmente le spese sostenute per la frequenza universitaria. La riformulazione che ci è stata chiesta dal Governo non può essere accettata perché rende del tutto inattuabile questi impegni”. È quanto ha dichiarato la deputata di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Giovanna Petrenga illustrando in aula la mozione del gruppo sulle iniziative volte a favorire l’accesso agli studi universitari, con particolare riferimento ad un’equa ripartizione delle risorse sul territorio nazionale.

Posted in Diritti/Human rights, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Università: diritto allo studio

Posted by fidest press agency su sabato, 2 luglio 2016

camera deputati2“Approvata dal Parlamento la mozione sul Diritto allo Studio: un passo avanti concreto per rispondere almeno a tre esigenze fondamentali del Paese: garantire a ragazzi con una solida motivazione di poter accedere agli studi universitari potendo contare su di un adeguato aiuto da parte dello Stato, che in tal modo viene incontro alle necessità delle famiglie, che sono in una crisi economica che si prolunga da quasi 10 anni; rispondere alle richieste delle università garantendo un adeguato rapporto tra studenti e docenti, per far fronte a quella che a tutti gli effetti resta la prima missione dell’università: in tal senso servono più docenti e docenti più dedicati al lavoro di formazione; infine, mettere a disposizione del Paese e del sistema della ricerca e sviluppo che dovrebbe costituirne il motore, giovani leve di laureati in grado di intercettare positivamente i cambiamenti che scienza e tecnica rendono via via disponibili”.
Lo ha affermato nel suo intervento l’onorevole Paola Binetti di Area popolare, durante la dichiarazione di voto sulle mozioni relative all’esercizio del diritto allo studio universitario.
“Ma le cose in Italia non stanno in termini ottimistici: si iscrivono all’università solo il 42% dei giovani che concludono la SMS e di questi meno del 50% si laurea, il che ci pone all’ultimo posto tra i Paesi OSCE. Per ribaltare questa situazione sono indispensabili nuove risorse economiche da investire in università, non solo a sostegno dei ragazzi con borse di studio, collegi universitari, ecc., ma diventa urgente riaprire i concorsi per l’abilitazione scientifica nazionale dei professori associati ed ordinari, per migliorare il rapporto tra studenti e docenti e garantire ai primi il sostegno necessario per affrontare e superare le difficoltà con un opportuno lavoro di tutoraggio. E infine occorre un’autentica valorizzazione del talento dei nostri giovani laureati, perché non si capisce perché all’estero facciano a gara ad accoglierli, mentre in Italia non trovano lavoro, se lo trovano è decisamente al di sotto della qualità della loro preparazione e in genere è sottopagato. Difficile a queste condizioni immaginare anche formule come il prestito d’onore, tanto in voga negli Stati Uniti e in altri Paesi”. “Il diritto allo studio – conclude Binetti – è una di quelle idee potenti che deve servire a rimettere in moto un po’ tutto il Paese”.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »