Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 8 luglio 2016

Statement from SEIU’s Henry on police shootings

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 luglio 2016

washingtonWASHINGTON In response to police shootings in Louisiana and Minnesota, SEIU International President Mary Kay Henry issued the following statement:“I am shocked and dismayed by the police shootings that have taken the lives of Black men in Louisiana and Minnesota over the past two days.“SEIU members’ thoughts and prayers are with the families of Alton Sterling and Philando Castile, and our members in Louisiana and Minnesota are joining in the local responses in Baton Rouge and the Twin Cities.“But we know thoughts, prayers and protests are no longer enough. We need to hear that Black Lives Matter, not just from protesters but from our elected officials, and together we must take action to end structural racism in America.“The use of excessive force by police officers against Black people is a national problem that must be addressed by our nation’s leaders. America won’t succeed if we don’t prioritize dismantling structural racism and ending anti-Black racism.“It is important that we take care of one another during this difficult time. The psychological trauma of the continuous attacks on Black people affects our emotional and physical well-being, individually and collectively. When we see our brothers and sisters attacked, our own sense of safety and security is also attacked. “May everyone involved in these tragedies find justice and peace.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Immigrazione e rigurgiti razzisti: non basta commuoversi

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 luglio 2016

ciotti-petriniL’Aquila, 7 luglio – Sui temi dell’immigrazione non basta commuoversi, bisogna muoversi. È il messaggio lanciato da Don Luigi Ciotti e Carlo Petrini dal palco di Piazza Duomo all’Aquila, in occasione dell’inaugurazione del Festival della Partecipazione, promosso da ActionAid Italia, Cittadinanzattiva e Slow Food Italia, insieme al Comune dell’Aquila.“L’omicidio di Emmanuel – ha detto Don Ciotti – è il segno di un deserto culturale diffuso, di una crescente negazione della dignità delle persone nel nostro Paese. C’è una violenza che cova nei linguaggi, un naufragio delle coscienze. Non basta condannare la violenza, occorre bonificare le paludi dell’indifferenza e dell’egoismo che rendono possibile tutto questo”. Secondo Don Ciotti, “serve una grande rivoluzione culturale per affrontare un tema come quello dell’emigrazione. Quanto accaduto ci pone domande ed interrogativi su quello che sta succedendo in un’Europa che sta calpestando le sue radici”. Anche per Carlo Petrini, Presidente di Slow Food, la cultura è fondamentale per affrontare il tema delle migrazioni. “L’esodo importante cui assistiamo è destinato ad aumentare – ha osservato – Per questo il nostro popolo deve ricordare, avere memoria di quanto accaduto in passato, quando erano i nostri nonni a partire. La scuola deve dire chi siamo stati, cosa abbiamo fatto, raccontare della gente umile che lasciava le sue terre. Questo è il nostro Paese”. Lo stesso Paese in cui, ha sottolineato Petrini, “oggi gli immigrati tengono in piedi più della metà del Made in Italy alimentare. Sono o non sono nostri fratelli?”, si è domandato il presidente di Slow Food. (foto: ciotti-petrini)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Alltech and the International Alliance of Equestrian Journalists announce 2016 A+ Award winners

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 luglio 2016

dublino[DUNBOYNE, Ireland] – Alltech and the International Alliance of Equestrian Journalists (IAEJ) are pleased to announce the winners of the 2016 Alltech A+ Award for outstanding coverage of international equestrian sport.The A+ Award was established in 2010 by Alltech, in collaboration with the IAEJ, to reward creativity, passion and excellence in equestrian journalism. Initially, the focus of the awards programme was coverage of the 2010 and 2014 Alltech FEI World Equestrian Games™. The theme for the 2016 contest was “Stories of Triumph.” The highly competitive contest, which attracted entries from around the world, was judged by Grania Willis, FEI communications director, Alan Smith, former Daily Telegraph equestrian correspondent, and photographer Peter Llewellyn, photo manager for the 2012 London Olympic and 2015 Toronto Pan Am Games. The judges deliberated without knowing the names of the contestants. No one from IAEJ or Alltech was involved in the judging process.“It is a delight to continue to honor the creative storytellers within the equestrian world,” said Susanna Elliott, corporate communications manager at Alltech. “They captivate us with their words, mesmerise us with their photos and draw us into a deeper understanding and appreciation of the horse.”The winners of this year’s Alltech A+ Award are:
Article Category: Kim F. Miller, Newport Beach, California, USA; “The Comeback Kids” published in California Riding Magazine, August 2015 issue.
Broadcast Category: Jan Tönjes, Hamburg, Germany; broadcast from the FEI Grand Prix Dressage Freestyle featuring an interview with the top three riders; Aachen, Germany, broadcast on St. Georg LIVE on Aug. 16, 2015.
Photo Category: Julia Shearwood, Navenby, Lincoln, Lincolnshire, United Kingdom; photograph of Laura Collett and Grand Manoeuvre from the 2015 Longines FEI European Eventing Championships hosted by Blair Castle International Horse Trials; published as the cover photo in Horse & Hound magazine, Sept. 3, 2015.
Tönjes, the editor of St. Georg magazine, is a three-time winner, having also scooped the award in 2013 and 2015. Shearwood is also a repeat winner, having taken the top prize for another photograph in 2012. Each of the winners will receive an Alltech A+ Award trophy and a $500 USD prize.“The IAEJ is extremely grateful to Alltech for its continued recognition of the media and its contribution to equestrian sport,” said Pamela Young, IAEJ president. “Alltech’s generous support for these awards is much appreciated by our members, who work tirelessly to convey the passion and beauty of our sport worldwide.”The dates, times and locations for award presentations will be announced soon. For more information about the Alltech A+ Award IAEJ membership or to see past Alltech A+ Award recipients, visit http://www.equijournalists.com and click on “Awards.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

MEPs back plans to pool policing of EU external borders

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 luglio 2016

Plans to set up an EU border control system, bringing together the EU’s Frontex border agency and national border management authorities, were endorsed by MEPs on Wednesday. Under these plans, national authorities will still manage their borders on a day-to-day basis but, if their EU external europeborders are under pressure, they will be able to seek help from the European Border and Coast Guard Agency (EBCG), to rapidly deploy pooled border guard teams to those borders.”The European Border and Coast Guard Regulation will ensure that the EU external borders are safer and better managed. This is not a silver bullet that can solve the migration crisis that the EU is facing today or fully restore trust in the Schengen area, but it is very much needed first step”, said rapporteur Artis Pabriks (EPP, LV).In cases where a member state faces increased pressures on its external border, such as disproportionate migratory pressure or cross-border crime, rapid border intervention teams could be temporarily deployed either at the request of an EU member state or by Council decision:following a member state request, an operational plan would be agreed with the EBCG, which would deploy, within five working days, the necessary staff and provide technical equipment,in cases where a member state does not take up the measures proposed by the EBCG or migratory pressure is jeopardising the functioning of the Schengen border check-free area, the EU Commission may present the Council with a proposal to act. The Council will then decide on the need to send border intervention teams. The operational plan should be agreed by the member state concerned and the EBCG before deployment can take place, and if a member state opposes a Council decision to provide assistance, other EU countries may temporarily reintroduce internal border checks.
The EBCG will play a greater role than today’s Frontex agency in returning migrants to their country of origin, but only where executing decisions that have already been taken by national authorities. Return provisions have been further strengthened by additional fundamental rights safeguards. The EBCG agency will not be involved in returns between non-EU countries.The EBCG will not have its own border guards but will be able to call on a rapid reaction pool of 1,500 border guards to be nominated by member states.
MEPs ensured that the teams of border guards in the Rapid Reaction Pool will have the equipment they need, by inserting a requirement to make equipment available from the rapid reaction pool no later than 10 days after the operational plan is agreed.The EBCG will be accountable to the European Parliament and Council. Parliament will be kept informed through regular reporting and access to information for MEPs.The mandates of the European Fisheries Control Agency (EFCA) and the European Maritime Safety Agency (EMSA) will be aligned with that of the EBCG, so as to enable all three to coordinate their operations at sea and share information.
They are empowered to support national authorities performing coastguard tasks at national and EU levels and where appropriate at international level. The text voted by the European Parliament will be sent to the Council for approval. The legislation is expected to enter into force this autumn.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Foreign Affairs MEPs ask to lift EU visa requirements for Georgia, Ukraine and Kosovo

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 luglio 2016

balcaniEU should grant visa-free access to the citizens of Georgia, Ukraine and Kosovo, said Foreign Affairs Committee MEPs on Thursday. They adopted three opinions calling on Civil Liberties Committee to take up this recommendation, as these countries have achieved significant progress in implementing the benchmarks set for lifting visa requirements and it will promote people-to-people contacts.
Visa facilitation and visa liberalisation for Eastern Partnership as well as Western Balkan countries is an important instrument of EU’s Foreign and Security Policy and as a way to promote people-to-people contacts and enhance relations with the EU, said Foreign Affairs MEPs.With 42 votes to 3 and 6 abstentions they voted in favour of granting Ukraine a visa free regime with EU. The same notion on Georgia was adopted with 43 votes to 5 and 3 abstentions, and on Kosovo – with 38 votes to 7 and 6 abstentions.“Ukraine has made a great progress on its European path since the EuroMaidan protests two years ago. It fought for its European choice and European democratic values. Ukraine has unquestionably and successfully met all benchmarks required to be granted visa-free regime as soon as possible and without any further delay”, said Jacek SARYUSZ-WOLSKI (EPP, PL), EP rapporteur on Ukraine.
“Establishment of visa-free regime between the EU and Georgia is a very important signal to the citizens of Georgia. The Georgian government and society have done the great job and now must see the results. I am very glad for the people of Georgia and wish them further success on the path of European integration“, said Andrejs MAMIKINS (S&D, LV), EP rapporteur on Georgia.”I am convinced that the citizens of Kosovo deserve the abolition of visas as soon as possible. The lack of perspective for travel freedoms enjoyed everywhere else in the region is an unacceptable situation that needs to be ended. Now Kosovo politicians hold the key for visa liberalisation in their hands: they need to ratify border agreement with Montenegro and to deliver further progress on the track record of high level convictions for corruption and organized crime“, said Ulrike LUNACEK (Greens, AU), EP rapporteur on Kosovo. Foreign Affairs Committee opinions will be sent to Civil Liberties Committee, which will vote on the proposal to lift EU visa requirements for Georgia, Ukraine and Kosovo after the summer recess.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“MARGUTTA Creative District” ad AltaRoma 2016

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 luglio 2016

KatharineRoma sabato 9 luglio alle ore 21 via Margutta diventerà il set di una esclusivissima sfilata di moda, su una passerella di 100 metri sarà possibile ammirare le collezioni moda di: Katharine Story, dell’Accademia di Moda Sitam di Lecce, di Chiara Baschieri e per la Sezione “Jewelry” le creazioni di Gaia Caramazza e Marina Corazziari.
Nei quattro giorni del programma, i cortili e le gallerie d’arte, le botteghe artigiane e gli hotel di via Margutta, un tempo dimora o ispirazione per celebri personalità del mondo dell’arte, della musica e del cinema, saranno le location esclusive, ricche di storia e grande fascino, che ospiteranno tutti gli appuntamenti di MARGUTTA Creative District.
Per la Sezione “Moda” sarà possibile ammirare gli outfits di brands italiani e stranieri: Katharine Story, designer di moda californiana dopo i successi ottenuti a Parigi e New York durante le settimane della moda e al Miami Swim Show, sarà per la prima volta in Italia per presentare il proprio stile che evoca l’eleganza bohémien della sua nativa Laguna Beach.Eco-sostenibilità e originalità, in questo si rispecchia l’anima e la moda di Tiziano Guardini, un vero talento del nostro Made in Italy, abiti scultura realizzati con tessuti e accessori originari dalla madre terra, fonte d’ispirazioni della sua esclusiva eco-couture. L’Accademia di Moda Sitam di Lecce, presenta a Roma la nuova Collezione 2016, ideata e realizzata in sede dagli allievi dell’Accademia pugliese, coordinati dalla Direttrice Stefania SitamCardellicchio. Nelle varie proposte moda emerge una donna che si rifà a linee minimal ed essenziali, con originali lavorazioni a laser.
Parte dai vizi capitali l’ispirazione della stilista Annamaria Patronella che in Via Margutta espone due outfits sartoriali realizzati con raffinate tecniche d’alta moda in taffetàs, l’abito nel colore nero e viola rappresenta un’evoluzione della rappresentazione del vizio, quello giallo vuole rappresentare la superbia in tutto la sua essenza.Suggestioni esotiche per Chiara Baschieri atmosfere coloniali e rigore androgino nella sua collezione SS16. Gli intarsi e i fitti disegni geometrici degli edifici di Tangeri sono trasposti su bluse a scatola e minidress laserati dai tagli netti e puliti, mentre le forme morbide degli abiti e dei pantaloni alla caviglia sembrano rifarsi ai tratti dell’abbigliamento tradizionale magrebino.
Per la Sezione Accessori protagoniste saranno le bags: quelle di Massimiliano Mastrangelo che a solo 15 anni si sta affermando, con il suo brand Lisianthus, come il più giovane fashion designers italiano e presenterà in Via Margutta la sua Starting-Capsule. Il progetto prende vita dall’uso quotidiano dei Chiarasocial ed in particolare da Instagram, foto, frasi fonte d’ispirazioni per l’ideazione e produzione di borse e accessori Haute Couture, realizzate con pelle esotica ed alti capi di pellicceria.
Originale ed innovativo il progetto ideato da Marina Santaniello, la nuova collezione di borse, progettata e realizzata in pelle, si compone di una borsa interna e di una cover esterna, sfilabile, dipinta a mano, con immagini che raccontano ancora una volta storie di donne. La Cover, appesa al muro, all’interno di una cornice, diventa magicamente un quadro.
Il brand Max Clan Roma è un’azienda giovane, dinamica e innamorata del prodotto che crea, contraddistinto da raffinata eleganza e qualità impeccabile. E’ specializzata nella produzione di calzature e borse, di uso elegante-quotidiano, dedicate alla donna attenta alla moda e alle nuove tendenze, ma allo stesso tempo pratica e amante della comodità.
Per la Sezione “Jewelry” Gaia Caramazza presenta in anteprima “Scrigno Collection”. Sette segreti da custodire, sette scrigni preziosi disegnati per ognuno dei volti della femminilità. Sette piccoli gioielli da indossare vicino al cuore, lì dove le passioni nascono e trovano protezione. La Collezione “Scrigno” è realizzata interamente a mano, in Oro, Oro rosa, Argento e Bronzo abbinati alle pietre Agata, Quarzo, Radici di Smeraldo e brillanti.
gaiaMarina Corazziari, scenografa e designer di gioielli, reduce dai successi ottenuti con le sue creazioni in varie mostre a Roma a New York e Montecarlo, prendendo ispirazione dalle atmosfere del suo mediterraneo presenta creazioni esclusive realizzate in oro, argento contornate da pietre dure. Suo l’abito di velluto rosa antico con decorazioni ramage, creato con gioielli modulari e rimovibili.
Alex Carelli, nata in una famiglia di orafi e gioiellieri, da sempre vive con il desiderio di creare gioielli di concetto contemporaneo, da qui nasce l’ispirazione dell’utilizzo del ferro come metallo struttura dell’oggetto. Intrecciato, piegato, adattato a seguire le morbide forme del corpo femminile. La scelta di utilizzare pietre naturali, preziose e semi preziose, nella varietà dei loro colori e riflessi, è un inno all’esaltazione della natura.
Oltre l’abito, oltre l’accessorio, la Maison Furstenberg porta il suo inconfondibile stile anche nell’arredo con un lusso che rappresenta al meglio l’Italian Style. Con il progetto Home protagonista all’Hotel Art di Via Margutta, un albergo dove l’arte è il trait d’union che collega tutti i suoi elementi, si vuole evidenziare il fil rouge che intercorre tra moda, cultura, arte e design, con la presenza di un Divano che richiama lo stile Luigi XVI e un abito di archivio di alta moda realizzato in schiffon, realizzati entrambi con la stessa nuance di blu. Silvia Marica di Metem Design presenterà nella Galleria P&G Events la sua installazione di moda&design “Aurora”. (foto: Katharine, Sitam, Chiara, gaia)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

iOS Developer Academy aprirà a Napoli

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 luglio 2016

Università di Napoli “Federico II”JPGL’Università di Napoli Federico II (Napoli, Italia) ha annunciato oggi che ospiterà la prima iOS Developer Academy in Europa grazie ad una nuova partnership con Apple che fornirà a centinaia di studenti le competenze pratiche e la formazione sullo sviluppo di app per l’ecosistema digitale più innovativo e vivace al mondo. La iOS Developer Academy aprirà ufficialmente ad ottobre 2016 con oltre 200 studenti che parteciperanno al primo anno e molti altri seguiranno negli anni successivi.Gli studenti parteciperanno ad un corso di nove mesi, progettato e supportato da Apple, con una struttura dedicata presso il nuovo campus a San Giovanni a Teduccio. La struttura include laboratori e accesso ai più recenti prodotti hardware e software Apple.
“Siamo veramente felici di lavorare con l’Università di Napoli Federico II per lanciare la prima iOS Developer Academy in Europa,” ha affermato Luca Maestri, CFO di Apple.“Alcuni degli sviluppatori più creativi al mondo arrivano dall’Europa, e siamo certi che questo centro aiuterà la prossima generazione ad acquisire le competenze necessarie per avere successo.” “Con questa iniziativa,” ha dichiarato il Rettore Gaetano Manfredi, “Federico II continua a rispondere alle esigenze formative legate alle nuove tecnologie, che devono rappresentare un complemento ai programmi tradizionali che la nostra Università continuerà ad offrire con lo stesso impegno e la stessa qualità di sempre. Siamo lieti che Apple ci abbia scelto come partner per creare la iOS Developer Academy e non vediamo l’ora di lavorare con l’azienda nella selezione di studenti e docenti per questo corso eccezionale.”
Durante il primo semestre, i corsi avranno l’obiettivo di migliorare ed elevare le competenze degli studenti nello sviluppo software su iOS; durante il secondo semestre gli studenti parteciperanno a corsi sulla creazione di start up e progettazione di app, e collaboreranno fra loro per la creazione di app che potrebbero eventualmente arrivare all’App Store.Il piano di creare una iOS Developer Academy specializzata a Napoli, in Italia, è stato annunciato per la prima volta a gennaio da Tim Cook, CEO di Apple, e dal Primo Ministro, Matteo Renzi per contribuire ad aumentare significativamente il numero di sviluppatori app preparati, in Italia e Europa. Con oltre 2 milioni di app, l’App Store ha creato un settore completamente nuovo con oltre 1,2 milioni di posti di lavoro creati in Europa dal 2008. Agli sviluppatori in Europa sono stati corrisposti quasi €10 miliardi per la vendita delle loro app nel mondo. La iOS Developer Academy aiuterà gli studenti ad avere un ruolo in questa rivoluzione. Il programma è gratuito e sarà aperto agli studenti provenienti dall’ Italia e da tutta Europa, con borse di studio disponibili per alcuni studenti a copertura delle spese primarie.Gli studenti che desiderano saperne di più o candidarsi devono andare sul sito http://www.unina.it. Ai candidati sarà chiesto di fare un test online in italiano o in inglese, superato il quale potranno accedere alla fase successiva che prevede un colloquio. I candidati non devono necessariamente avere una formazione in information technology in quanto il corso è stato progettato per supportare un mix eterogeneo di futuri sviluppatori che spazia in diversi settori.L’Università di Napoli Federico II ha anche in piano di assumere degli insegnanti per l’Accademia nei prossimi mesi, con profili che vanno da sviluppatori esperti di app a designer e docenti di programmazione. I docenti che desiderano candidarsi devono consultare il sito http://www.unina.it.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Merck destina 1,5 milioni di Euro al Grant for Fertility Innovation (GFI) per il periodo 2016/17

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 luglio 2016

merckDarmstadt, Germania. Merck, azienda leader in ambito scientifico e tecnologico, ha annunciato oggi che continuerà a sostenere il progresso scientifico nel campo della fertilità attraverso il Grant for Fertility Innovation (GFI).
Nel periodo 2016/17 a questo programma saranno destinati finanziamenti per un totale di 1,5 milioni di Euro. L’annuncio è stato dato nel corso del 32° congresso annuale della European Society of Human Reproduction and Embryology (ESHRE) che si sta svolgendo a Helsinki, Finlandia.Il GFI, lanciato nel 2009 all’ESHRE, è dedicato a trasformare i più innovativi progetti di ricerca traslazionale nel campo della fertilità in soluzioni concrete che migliorino i risultati delle tecniche di procreazione medicalmente assistita (PMA). Quest’anno, sono stati selezionati 6 progetti vincitori tra le 112 candidature provenienti da tutto il mondo con l’obiettivo comune di aumentare le possibilità per le coppie di concepire un bambino. il finanziamento ad ogni progetto sarà suddiviso in tre tranches, che saranno assegnate al raggiungimento di specifiche fasi della ricerca.
“Il Grant for Fertility Innovation testimonia il nostro straordinario impegno a migliorare i risultati nei pazienti che hanno bisogno di nuove soluzioni per la fertilità” ha affermato il Dottor Steven Hildemann, Global Chief Medical Officer and Head of Global Medical e Safety di Merck. “Il GFI ha già permesso ai ricercatori più meritevoli di accelerare scoperte scientifiche e ricerca traslazionale per la cura della fertilità, utilizzando un’ampia rete globale di competenze, frutto della collaborazione tra il mondo accademico e l’Azienda”.Questi i premiati del GFI, annunciati nel corso della cerimonia che si è svolta il 5 luglio in occasione del Congresso ESHRE.
– Stephen Andrew Krawetz, Ph. D. – Wayne State University School of Medicine, Detroit, USA – Progetto: “A Retrospective Controlled Cohort Study of Sperm RNAs Guiding the 2 Treatment of the Idiopathic Infertile couple”
– Lynne O’Shea, B.Sc. (Hons.), Ph. D. – UCD School of Medicine and Medical Science, University College Dublino, Irlanda – Progeto: “Using a biomarker of oocyte quality to improve embryo selection during assisted 1 reproduction”
– Paola Piomboni, Ph. D., Ricercatore – Università di Siena, Italia – Progetto: “Exosomal Profile of the Receptive Endometrium: A source of non-invasive biomarkers for Guiding of a Successful Embryo Implantation”
– Qingling Yang , Ph. D.– Reproductive Medical Center of the first Affiliated Hospital of Zhengzhou University, Cina – Progetto: “Telomere length test of cell free genomic DNA in spent embryo medium as a non-invasive biomarker for assessing embryo developmental potential”
– Professor Ernest Hung Yu Ng, Professor William Shu -biu Yeung – University of Hong Kong, Cina – Progetto: “Human embryonic stem cell-derived trophoblastic spheroids (BAP-EB) as a predictive tool for endometrial receptivity and pregnancy rate of in vitro fertilization treatment”
– Professor Fulvio Zullo – Università Magna Graecia di Catanzaro, Italia – Progetto: “Periostin a new non-invasive parameter for evaluating oocyte/blastocyst quality and its impact on endometrial receptivity”

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Farmacia San Gallicano–Igea: un modello gestionale al servizio dei cittadini tra storia e innovazione

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 luglio 2016

san gallicanoRoma. La storica Farmacia San Gallicano, di proprietà degli Istituti Fisioterapici Ospitalieri, viene concessa in gestione al fine di garantire un servizio globale e di eccellenza alla persona e di sperimentare un modello gestionale pubblico-privato innovativo. Fiore all’occhiello sarà il laboratorio galenico e la produzione galenica industriale con il Marchio Azienda Farmaceutica San Gallicano.
Ecco le novità per i cittadini: apertura h24 per 365 giorni entro il primo anno, consulenze e screening in collaborazione con gli specialisti del San Gallicano; preparazioni galeniche e spedizioni in tutta Italia grazie al servizio “San Gallicano Express”. Il tutto organizzato con sistemi modernissimi di gestione.
Riguardo i vantaggi per gli IFO: un canone annuo rialzato di oltre il 53% rispetto al canone minimo di concessione (parliamo di 200mila euro netti); ed in più l’1% aggiuntivo se la quota di fatturato eccede la soglia minima stabilita da contratto.
“Sono introiti – evidenzia Marta Branca, Commissario Straordinario degli IFO – che utilizzeremo per la ricerca, l’assistenza clinica e la formazione, i cardini della nostra mission. Inoltre sperimenteremo un modello gestionale completamente orientato a favore della salute delle persone e del miglioramento continuo dei servizi al cittadino.”
La gestione della farmacia per i prossimi 10 anni sarà dunque affidata all’esperienza della Farmacia Igea, nota per l’ampiezza dei servizi offerti e per aver rivoluzionato il sistema farmacia in Italia. “Molti i punti in comune – ha evidenziato la dott.ssa Maria Catena Ingria, responsabile della Farmacia Igea- San Gallicano – la centralità della persona; la consapevolezza ed il rispetto della tradizione nonché uno sguardo innovativo per un servizio sempre più efficiente e di qualità.”
Tra i vari servizi offerti: immediata risposta alle richieste di farmaci grazie al magazzino robotizzato ad alta capienza o consegna nell’arco di 2 ore; disponibilità di nuove linee di vendita per rispondere alle esigenze di tutte le età; varie apparecchiature per autoanalisi; strumenti diagnostici online e a domicilio; collegamento con ReCup Regione Lazio; informazione per la promozione della salute in collaborazione con IFO, ASL e altre realtà ospedaliere; giornate educative, di prevenzione e di screening con esperti professionisti.Ha riassunto Aldo Morrone nella breve sintesi sulla storia del San Gallicano e dell’antica farmacia “si chiamava la “spezieria” e qui si preparavano gli speciali farmaci per i pazienti ricoverati al San Gallicano. E’ nel laboratorio galenico di questa farmacia che si sono create e tramandate antiche formule di prodotti : come l’emulsione del San Gallicano o la lozione tonica del Pediconi, le pillole purgative del Lancisi, le pomate e lozione antiseborroica del Ciarrocchi o quelle al Vioformio del Meineri, la mistura tricogenosa del Manassei rimedio contro la caduta dei capelli.” (foto: san gallicano)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Assegnate le borse di studio per la seconda edizione del bando di Anghiari Dance Hub per i giovani coreografi

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 luglio 2016

borse studioSono state assegnate le cinque borse di studio della seconda edizione del bando pubblicato da Anghiari Dance Hub, Centro di Promozione della Danza nato nel gennaio 2015 per volontà di alcuni operatori della danza e del teatro, ideato per fornire a giovani / nuovi coreografi, e ai loro interpreti, strumenti di approfondimento del proprio percorso creativo.
I coreografi scelti dalla commissione, composta da Gianluca Cheli, Andrea Merendelli, Luca Ricci, Maurizia Settembri e Gerarda Ventura sono Anna Altobello, Francesco Colaleo, Danila Gambettola, Monica Gentile e Salvatore Insana.Il progetto per il periodo settembre 2016 – giugno 2017 si configura come un percorso di accompagnamento alla creazione nell’ambito del quale gli artisti selezionati, i cinque coreografi e i loro interpreti per un totale di 15 artisti, avranno la possibilità di confrontarsi con esperti di diversi settori che, attraverso seminari di gruppo e incontri specifici, metteranno a disposizione le proprie conoscenze e il proprio know how con l’obiettivo di supportare la realizzazione dei singoli progetti coreografici.
ADH offrirà i propri spazi per residenze di creazione e collaborerà alla ricerca di altri luoghi di residenza, assicurando la presentazione a pubblico e operatori del settore dei risultati finali dei progetti coreografici e accompagnando i coreografi nella ricerca di eventuali partner produttivi. Il progetto prevede anche un accompagnamento di tipo organizzativo per approfondire le capacità degli stessi autori a dare una struttura efficace alla propria promozione. Nell’arco del progetto i coreografi avranno anche la possibilità di realizzare attività di audience development per sperimentare e approfondire specifiche modalità di sensibilizzazione del pubblico.Fra i tutor e gli insegnanti si segnalano Andres Morte, Guy Cools, Gianni Staropoli, Matteo Fargion, e “incursioni” di maestri della coreografia contemporanea durante le residenze di lavoro.
Le attività avranno inizio il 12 settembre 2016, per alcuni seminari sarà riservato spazio come uditori a giovani coreografi del territorio toscano. (foto: borse studio)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

MoneyFarm lancia l’indice di incertezza economico-finanziaria

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 luglio 2016

indicatore d'incertezzaMoneyFarm, la società indipendente di servizi finanziari online, con sedi a Milano, Cagliari e Londra, lancia l’Indice MoneyFarm di incertezza economica finanziaria, un indicatore che misura le variazioni nel tempo del grado di incertezza economico-finanziaria sia trasmessa che percepita e che punta a diventare dal prossimo settembre un appuntamento trimestrale.L’indicatore è realizzato grazie alla collaborazione di MoneyFarm con Tabulaex S.r.l., società spin-off dell’Università degli Studi di Milano-Bicocca, che propone soluzioni di Business Intelligence e Knowledge Management derivanti dall’attività di ricerca in università.In particolare, l’indice presentato oggi a Milano è composto di due diversi indicatori:
Indicatore di incertezza trasmessa, che misura il grado di incertezza contenuto negli articoli delle principali testate web nazionali – in particolare le sezioni economiche. L’analisi ha coperto quasi 150.000 articoli dal 1 gennaio 2014 al 30 giugno 2016.
Indicatore di incertezza percepita, che fornisce una misura dell’incertezza percepita dalle persone, attraverso l’analisi dei messaggi twitter, aventi a oggetto argomenti di natura economico-finanziaria – indicatore d'incertezza1analisi di 142.000 Tweet dall’8 febbraio al 30 giugno 2016.
Paolo Galvani, Presidente di MoneyFarm commenta: “L’indice Moneyfarm vuole essere una fotografia di come i principali eventi politici, economici e sociali sono trasmessi dai media e vissuti dalla gente comune nel nostro Paese e dell’incertezza e instabilità che questi provocano.” “Puntiamo a far diventare trimestrale l’appuntamento con l’indice – continua Giovanni Daprà, Amministratore Delegato di MonayFarm – proprio per avere un monitoraggio costante del livello di incertezza trasmessa e percepita e da questo poter trarre anche utili indicazioni per supportare gli investitori in scelte quanto più efficienti e consapevoli, ed evitare comportamenti distorsivi guidati dall’impulso.”Questi i principali eventi emersi nell’analisi (in cui si evidenziano importanti picchi di incertezza nella serie storica):
indicatore d'incertezza2referendum greco – 5 luglio 2015
crollo di MPS – 18 gennaio 2016
riunione del Consiglio direttivo della BCE (revisione del Quantitative Easing e TLTRO) – 10 marzo 2016
dimissioni del ministro Guidi – 31 marzo 2016
discorso di Ignazio Visco – 31 maggio 2016
referendum Brexit – 23 giugno 2016
Ad eccezione dei primi due eventi (per i quali non sono disponibili i dati su Twitter) per tutti gli altri eventi sono stati presi in considerazione entrambi gli indicatori: incertezza trasmessa dagli organi di stampa e incertezza percepita su Twitter dagli utenti. Da una prima analisi generale si nota che, nel 2015, il mese con la più alta quota di articoli incerti è luglio (53%). Per quanto riguarda il 2016, gennaio e giugno sono i mesi con la quota più elevata di articoli incerti (52% per entrambi); questa incertezza è dovuta principalmente al crollo di MPS e a vari eventi legati alle banche italiane (gennaio 2016), mentre l’incertezza di giugno è certamente legata al referendum inglese. Il mese con la quota minore di articoli incerti è invece marzo 2016: nonostante nei primi dieci giorni del mese l’indicatore registri comunque valori alti, poi, in seguito alle decisioni della BCE (QE), le quote di articoli incerti diminuiscono notevolmente e di conseguenza anche l’incertezza trasmessa.
Per concludere, dal confronto dell’andamento degli indici di incertezza MoneyFarm con quello degli indicatori di incertezza più comunemente utilizzati nel mercato (VIX riferito al mercato USA e l’indice di volatilità implicita – IVI – del FTSE MIB relativo alla borsa italiana) emerge inoltre un forte co-movimento delle variabili: l’Indicatore MoneyFarm riflette perfettamente l’incertezza generale del mercato (VIX, IVI).Per costruire entrambi gli indicatori si è fatto uso di tecniche di analisi semantica del testo mediante una Sentiment Analysis e usando in particolare la metodologia Lexicon. (grafico: indicatore d’incertezza)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Magnum double e Lucarelli

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 luglio 2016

lucarelli

MILAN, ITALY – APRIL 07: Selvaggia Lucarelli attends ‘Libera Il Tuo Istinto’ Party by Magnum on April 7, 2016 in Milan, Italy. (Photo by Stefania D’Alessandro/Getty Images for Magnum)  Local Caption  Selvaggia Lucarelli

lucarelli1Roma Giovedì 14 luglio ore 19 Via Tomacelli 13-14 a Roma la quinta tappa del tour di Selvaggia Lucarelli e Magnum nei Magnum Pleasure d’Italia, questa volta assieme a Lucia Ocone. Ultima tappa del calendario di appuntamenti per celebrare la nuova campagna “ LIBERA IL TUO ISTINTO, OSA CON DOUBLE”, che invita i consumatori a esprimere il loro lato più autentico e selvaggio. Un viaggio nei templi del piacere Magnum, impreziosito dai meravigliosi volti di alcune artiste, pronte a osare insieme a Magnum Double e a sottoporsi alle interviste della sempre graffiante Selvaggia Lucarelli che, ispirandosi al nuovo spot di Magnum in onda da maggio, farà di tutto per conoscere i segreti più curiosi e il lato più istintivo di queste bellissime da red carpet. Punto di partenza delle conversazioni ‘selvagge’ saranno le associazioni delle ospiti con le “wild beasts”, protagoniste del nuovo spot pubblicitario, per scoprirne affinità e ispirazioni. A partire dalle ore 19.00 i Magnum Pleasure Store si trasformeranno così in esclusivi salotti animalier con le interviste di Selvaggia e a seguire, un dj set per continuare la serata in musica e vivere una momento da vero ‘pleasure seeker’ gustandosi un Magnum Double. (foto: lucarelli)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Sostenibilità e Universalità del Sistema Sanitario Nazionale”

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 luglio 2016

Duomo_e_Battistero_di_ParmaParma Lunedì 11 luglio, alle ore 17, nell’Aula Pietro Montanari (Aule centrali di Medicina e Chirurgia, Ospedale Maggiore di Parma, via Gramsci 14), la Senatrice Emilia De Biasi (http://www.senato.it/leg/17/BGT/Schede/Attsen/00022917.htm), Presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato, terrà una Lectio Magistralis dal titolo “Sostenibilità e Universalità del Sistema Sanitario Nazionale”.All’incontro interverranno il Rettore Loris Borghi e il Delegato del Rettore per “Università senza dolore”, Guido Fanelli.
La Senatrice De Biasi affronterà, dal punto di vista del legislatore, il tema di estrema attualità della sostenibilità dell’attuale Sistema Sanitario Nazionale universale in un tempo di perdurante crisi economica e di crescenti flussi migratori.Sarà l’occasione per discutere di quanto possa essere ancora sostenibile il nostro Sistema Sanitario, soprattutto nell’ottica di garantire a tutti il diritto alla salute tutelato dalla Costituzione e di evitare disuguaglianze, oggi presenti nella diversità di trattamento sanitario che viene erogato nelle Regioni italiane. L’incontro è aperto a studenti, docenti e personale tecnico amministrativo dell’Università di Parma, ai dipendenti dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria di Parma, dell’Azienda Unità Sanitaria Locale di Parma e a tutta la cittadinanza interessata.

Posted in Uncategorized | Leave a Comment »

I 25 anni della fondazione FEVR

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 luglio 2016

fondazione FEVR“Ricorrono oggi 25 anni dalla fondazione della FEVR, l’istituzione che riunisce le associazioni europee che si occupano di tutela delle vittime della strada e dell’assistenza morale e giuridica ai loro familiari.
Questo Dipartimento ha dato piena adesione e supporto all’ONG, ritenendo indispensabile promuovere l’assistenza anche a livello internazionale in Europa, lavorare per la prevenzione di incidenti e rafforzare i contatti e la collaborazione tra le associazioni dei vari paesi. Anche per questo, come movimento, abbiamo sottoscritto la European Road Safety Charter proposta dalla Commissione UE, credendo con convinzione che molto può essere fatto e dal punto di vista della prevenzione e dal punto di vista culturale per ridurre le vittime di incidenti stradali Al fondatore Marcel Haegi ed al Presidente Jeannot Mersch vanno il nostro più grande apprezzamento per il lavoro svolto finora e la promessa di una collaborazione continuata e persistente nel tempo”.
Queste le dichiarazioni di Cinzia Pellegrino, Coordinatore Nazionale del Dipartimento tutela Vittime della violenza di FDI-AN nel giorno che celebra 25 anni di attività della Federazione Europea delle Vittime della Strada. (foto: fondazione FEVR)

Posted in Cronaca/News, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Endocrinologia: le novità del CUEM

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 luglio 2016

Brescia. santa_giulia_brescia_010_choistro_san_salvatoreL’acromegalia è la patologia che deforma il viso e le estremità degli arti e determina ingrandimento degli organi interni in età adulta, causata da un eccesso di ormone della crescita (GH) che porta ad un relativo aumento dell’IGF-1 ed è determinato nel 95-99% dei casi da un tumore (adenoma) dell’ipofisi che insorge tra i 20 e i 40 anni. Si tratta di una condizione relativamente rara, con una prevalenza di 40-70 casi per milione di abitanti, interessa soggetti adulti anche in età giovanile che entrano in una spirale di problemi invalidanti, dalla modificazione della forma del corpo, l’ingrandimento di arti e volto, l’aumento delle dimensioni degli organi interni come il cuore e lo sviluppo di gravi complicanze metaboliche come il diabete mellito assai recentemente analizzato in un articolo del gruppo di Brescia sulla prestigiosa rivista Trends in Endocrinology and Metabolism. Si tratta di una patologia lenta ed insidiosa che spesso riceve una diagnosi tardiva, circa 8-10 anni dopo l’insorgenza del tumore ipofisario, quando compaiono i segni clinici evidenti talvolta anche a livello del campo visivo con effetti a lungo termine irreversibili.
Questo significa che molti pazienti non vengono trattati adeguatamente o vengono trattati in ritardo accumulando un maggior rischio di vedere la propria vita ridotta sino a 10 anni e un tasso di mortalità doppio rispetto alla popolazione generale della stessa età.
“Ecco perché è necessario mobilitare e concentrare l’attenzione dei clinici sui primissimi segni per intervenire efficacemente con una terapia che riduca mortalità, prevenga le recidive del tumore asportato chirurgicamente o ne riduca le dimensioni preservando la corretta funzionalità della ghiandola prima che il danno sia fatto” spiega il Prof. Giustina, Ordinario di Endocrinologia all’Università di Brescia e Co-Presidente del CUEM i cui esperti saranno riuniti a congresso a Brescia il 7 e 8 luglio prossimi “Eppure le attuali terapie non sempre sono in grado di raggiungere gli obiettivi terapeutici: tra il 30 e il 40% dei pazienti non raggiunge il controllo biochimico nonostante le cure, situazione che si traduce in un progressivo e inesorabile peggioramento della qualità di vita dei soggetti acromegalici che vedono i sintomi aumentare e peggiorare. Per non parlare dell’aspettativa di vita che si riduce a 68 anni per gli uomini e a 74 per le donne”.
Il nuovo farmaco ‘analogo della somatostatina’ (pasireotide) presenta un ampio profilo di affinità di legame per quattro dei cinque sottotipi recettoriali della somatostatina, con un risultato di più elevata efficacia. Nello studio PAOLA ha ottenuto il controllo di malattia in circa il 20% dei pazienti non ben controllati dagli analoghi della somatostatina di prima generazione
Cosa ci possiamo aspettare da pasireotide in acromegalia? “Un cambio di marcia nella terapia dell’acromegalia. E’ una possibilità concreta per i pazienti ‘non responder’ con le attuali terapie e per i quali esistono importanti ‘unmet needs’ ossia necessità insoddisfatte” afferma Giustina “Pasireotide viene somministrato con una singola iniezione intramuscolare ogni 4 settimane e permette la riduzione o il controllo della massa tumorale, migliorando sia i segni che i sintomi della malattia. Il tipo di somministrazione invece migliora notevolmente il comfort dei pazienti e quindi l’aderenza alla terapia”. Approvato nel 2014 arriva ora sul mercato italiano.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sclerosi Multipla, la malattia “giovane e subdola”

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 luglio 2016

sclerosi multipla_0002In Italia ogni anno si registrano 3.400 nuovi casi di sclerosi multipla (SM), vale a dire 8 nuove diagnosi al giorno: una ogni 3 ore. Oltre la metà dei pazienti ha meno di 40 anni, circa due terzi le donne. La SM è considerata la principale causa di disabilità di origine non traumatica in età giovanile e adulta, con un forte impatto sociale. Oltre ai costi per il Servizio Sanitario Nazionale, stimati in circa 5 miliardi di euro l’anno, vanno considerate le ripercussioni sul percorso di vita e l’ingresso nell’età adulta dei giovani pazienti: secondo una ricerca realizzata dal Censis per conto di AISM – Associazione Italiana Sclerosi Multipla, una diagnosi prima dei 25 anni prolunga a tempo indeterminato la permanenza nella famiglia di origine.
Una malattia “giovane” quindi, che dopo decenni di silenzio è venuta alla luce anche grazie all’avvento di Internet e dei social media: su forum, blog e canali social i pazienti condividono le loro esperienze e soprattutto le informazioni sulle innovazioni terapeutiche che stanno cambiando lo scenario della malattia.
Di tutto questo si è parlato a Roma in occasione del Corso di Formazione Professionale “La sclerosi multipla nell’era dei social media: raccontare i progressi delle terapie”, promosso dal Master della Sapienza Università di Roma ‘La Scienza nella Pratica Giornalistica’ con il supporto di Roche.Nella SM il sistema immunitario aggredisce in maniera anomala la mielina, la guaina che riveste i nervi. La ricerca ha messo a fuoco in particolare il ruolo delle cellule B CD20+, un tipo specifico di cellule immunitarie considerate tra le principali responsabili del danno alla mielina e all’assone da questa rivestito, costituendo il meccanismo alla base della sclerosi multipla.
sclerosi multipla_0001Come conseguenza della distruzione mielinica si formano “cicatrici”, sclerosi o placche, che impediscono la normale capacità dei nervi di trasmettere i segnali elettrici ad altri nervi, generando una coorte di sintomi che possono variare da persona a persona.La malattia e la disabilità che le è spesso associata alterano significativamente la qualità di vita del paziente e della sua famiglia.. Ad esempio, due terzi dei pazienti riferiscono che avere la SM ha condizionato il loro lavoro e solo il 50% circa delle persone con SM mantiene un impiego 10 anni dopo la diagnosi.
«La malattia ha un’origine multifattoriale, ovvero non si riconosce un’unica causa scatenante, ma i fattori di rischio e la predisposizione genetica insieme a fattori ambientali concorrono nel determinare l’attacco del sistema immunitario, che da ultimo si manifesta nella perdita della mielina e delle fibre nervose», afferma Carlo Pozzilli, Professore Ordinario di Neurologia, Università “Sapienza” di Roma, Responsabile Centro Sclerosi Multipla Policlinico Sant’Andrea, Roma. «La sclerosi multipla non è una malattia contagiosa, non ha un meccanismo di ereditarietà diretta e non è sempre causa di grave disabilità».
La sclerosi multipla si distingue principalmente in tre tipi: la forma più comune è la SM recidivante-remittente (SMRR), che colpisce circa l’85% dei pazienti con episodi acuti (poussés o recidive), seguiti da periodi di recupero quando i segni o i sintomi non progrediscono; la SMRR può progredire nel 50% dei casi in una forma secondariamente progressiva (SMSP), caratterizzata da progressivi peggioramenti dei sintomi; la SM primariamente progressiva (SMPP) è la forma più grave e debilitante sclerosi multipla5della malattia, caratterizzata da costante peggioramento dei sintomi, generalmente senza periodi distinti di remissione e successiva ricaduta.
Negli ultimi anni c’è stata una notevole evoluzione nel trattamento di questa patologia. Si è passati dagli interferoni ai farmaci biologici, che colpiscono precisi bersagli molecolari. Sebbene siano stati enormi i progressi terapeutici ottenuti nelle forme recidivanti-remittenti, persiste un importante bisogno terapeutico per la forma primariamente progressiva della malattia.
«Alcuni effetti positivi dei trattamenti immunomodulanti e immunosoppressivi nella progressione della disabilità sono in parte probabilmente spiegati dalla loro abilità di ridurre l’attività infiammatoria residua nella fase iniziale progressiva della malattia – spiega Giancarlo Comi, Primario di Neurologia, Neurofisiologia clinica e Neuroriabilitazione e Direttore dell’Istituto di Neurologia Sperimentale (INSpe) dell’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano – le future terapie della SMRR puntano a sopprimere le attività infiammatorie a livello periferico in maniera più selettiva, anche rafforzando l’autotolleranza, mentre nella SM progressiva la priorità è di puntare alle disfunzioni immunitarie compartimentalizzate e ai meccanismi complessi patofisiologici che contribuiscono ai processi neurodegenerativi. Un terzo approccio comune a entrambe le SM, recidivante remittente e progressiva, è di rafforzare il recupero».
Una novità rilevante riguarda proprio la forma primariamente progressiva. L’anticorpo monoclonale ocrelizumab, progettato per colpire selettivamente le cellule B CD20+, è il primo e unico farmaco in fase sperimentale che ha ricevuto dalle agenzie regolatorie statunitense (FDA) ed europea (EMA) la convalida alla richiesta di autorizzazione all’immissione in commercio sia per la forma recidivante-remittente sia per la forma primariamente progressiva di SM. La FDA, inoltre, dopo aver riconosciuto a ocrelizumab nel febbraio 2016 la designazione di Breakthrough Therapy (terapia fortemente innovativa), ha concesso la Priority Review, assegnata ai farmaci che hanno le potenzialità per migliorare il rapporto sicurezza/efficacia di una malattia grave.
sclerosi multipla4Il cambiamento avvenuto nell’ultimo decennio non riguarda solo l’approccio terapeutico, ma anche quello diagnostico. I segni e i sintomi clinici vanno infatti a integrarsi ai segni radiologici al fine di monitorare in modo sempre più appropriato ed efficace la malattia che, a causa delle sue caratteristiche spesso subdole, può essere attiva e progredire senza segni clinici evidenti.
«Negli ultimi anni, la vasta disponibilità a livello mondiale di registri e banche dati di SM ha permesso di condurre studi in grado di fornire dati di real life, come gli studi NROT (studi osservazionali retrospettivi e prospettici non randomizzati), che stanno offrendo importanti risultati utili a supportare i medici nella scelta delle strategie terapeutiche – osserva Maria Trojano, Direttore del Dipartimento di Scienze Mediche di Base, Neuroscienze ed Organi di senso, Università degli Studi di Bari – questi studi hanno follow-up di durata più lunga in grado di analizzare i rischi tardivi e i benefici a lungo termine di un farmaco e/o di varie combinazioni e sequenze di trattamento. Si propongono di rispondere a domande pratiche come ad esempio: come sono applicati i trattamenti nella pratica clinica? Quali trattamenti sono più efficaci, per quali pazienti e in che circostanze?». All’interno del percorso terapeutico basato sull’evidenza, assume importanza sempre maggiore e s’integra la cosiddetta medicina narrativa, una modalità di intervento clinico e assistenziale che si basa sulla comunicazione e sulla narrazione, condivise tra medico e paziente. «Attraverso l’approccio narrativo la persona con SM esprime il suo vissuto di malattia, analizzando nel filo conduttore della sua condizione, il percorso interiore che lo lega alla relazione tra il se stesso ammalato e gli altri – dichiara Maria Giovanna Marrosu, Professore ordinario di Neurologia, Università degli Studi di Cagliari – il racconto dell’esperienza del paziente consente al clinico di comprendere quale può essere la strategia terapeutica idonea, non soltanto sulla base delle evidenze ma anche tenendo conto di prospettive, aspirazioni, ruolo sociale attuale e futuro del paziente. Ciò consente di porre le basi per una cura condivisa e per un’alleanza terapeutica che vede i due protagonisti, medico e paziente, paritariamente coinvolti nella relazione».
La sclerosi multipla è una delle malattie più gravi dell’età giovane-adulta. E i giovani che ricevono una diagnosi di SM chiedono, vogliono sapere, comunicare, capire quale potrà essere il loro futuro e soprattutto vogliono non essere soli, vogliono poter contare su terapie in grado di limitare la disabilità, su una riabilitazione adeguata, e su come gestire la quotidianità nonostante la malattia.
«Uno dei nodi fondamentali per gestire la SM è la buona comunicazione, quella che informa, chiarisce, stimola alla riflessione, che costruisce un dialogo – sottolinea Mario Alberto Battaglia, Presidente Fondazione Italiana Sclerosi Multipla (FISM) – un’altra risposta importante è l’attività di AISM con la sua Fondazione, perché una persona con SM non può combattere da sola la propria malattia. “Con la nostra ricerca la SM non ci ferma”, è il titolo dell’ultimo congresso FISM. Il mondo libero dalla SM è la nostra visione. Nel 2018 l’associazione compirà 50 anni. Un percorso fatto di conquiste, per i diritti delle persone e per la disabilità in generale, ma anche di ricerca. Ma sappiamo che ancora tante conquiste dovranno essere fatte: nel 2014 le persone con SM hanno chiesto di firmare la Carta dei diritti, nel 2015 questi diritti sono stati tradotti in priorità con l’Agenda 2020, dal 2016 misuriamo i progressi dell’Agenda con il Barometro della SM».

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ratifiche di Accordi internazionali

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 luglio 2016

Fucsia FitzGerald NissoliL’on. Fucsia FitzGerald Nissoli (Circoscrizione estera – Nord e Centro America) è intervenuta nell’Aula di Montecitorio per dichiarazioni di voto, tutte favorevoli, su sette provvedimenti di ratifiche di Accordi internazionali a nome del suo Gruppo parlamentare.
Nello specifico, l’on. Nissoli è intervenuta sull’Accordo in materia di cooperazione culturale tra l’Italia ed il Tagikistan, sugli accordi in materia giudiziaria con il Marocco, sull’Accordo sullo scambio di informazioni fiscali con il Turkmenistan, sulla Convenzione per l’Istituzione dell’Organizzazione congiunta per la cooperazione in materia di armamenti OCCAR, sull’Accordo fiscale con le Bermuda, sottolineando che esso si inserisce nell’ambito delle politiche del Governo per una trasparenza fiscale internazionale adeguata agli standard OCSE, sul Trattato di estradizione con il Cile, sull’Accordo di cooperazione amministrativa nel settore doganale, sempre tra Italia e Cile. Infine, l’on. Nissoli è intervenuta sulla Convenzione tra l’Italia ed il Cile per eliminare le doppie imposizioni in materia di imposte sul reddito e per prevenire le evasioni e le elusioni fiscali, richiamando l’importanza di arrivare presto anche alla ratifica dell’Accordo sulla sicurezza sociale che l’Italia ha siglato con questo Paese nel 1998. (foto: Fucsia FitzGerald Nissoli)

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Approvata la nuova Guardia costiera e di frontiera europea

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 luglio 2016

medici senza frontiere1La creazione di un sistema UE di controllo delle frontiere, che riunisce l’agenzia comunitaria di frontiera Frontex e le autorità di gestione delle frontiere nazionali, è stata approvata in via definitiva mercoledì dai deputati. Secondo le nuove regole, le autorità nazionali continueranno a occuparsi delle attività giornaliere di gestione, ma, se confrontate a una situazione critica, potranno chiedere l’intervento della nuova Agenzia europea per la guardia costiera e di frontiera, che potrà dislocare rapidamente squadre d’intervento.Per il relatore Artis Pabriks (PPE, LV): “Il regolamento dell’Agenzia europea per la guardia costiera e di frontiera renderà più sicure e meglio gestite le frontiere esterne dell’UE. Non si tratta di una bacchetta magica che può risolvere la crisi dell’immigrazione che sta affrontando oggi l’UE, oppure ripristinare completamente la fiducia nella zona Schengen, ma si tratta di un primo passo davvero necessario.”
Nei casi in cui uno Stato membro si trovi confrontato a un aumento della pressione al suo confine esterno, come una pressione migratoria sproporzionata o una forte presenza di criminalità transfrontaliera, delle squadre d’intervento rapido alle frontiere potrebbero essere utilizzate temporaneamente o su richiesta di uno Stato membro dell’UE o da una decisione del Consiglio.Su richiesta di uno Stato membro: le autorità nazionali e l’Agenzia concordano un piano operativo per l’invio, entro cinque giorni lavorativi, di personale e delle attrezzature tecniche necessarie;Nel caso in cui uno Stato membro non attui le misure proposte dall’Agenzia o la pressione migratoria comprometta il funzionamento dei confini dell’area Schengen, la Commissione europea può presentare al Consiglio una proposta di intervento. Il Consiglio deciderà quindi sulla necessità di inviare le squadre di intervento. Il piano operativo dovrà essere poi concordato con lo Stato membro interessato e l’Agenzia prima del trasferimento in loco della squadra.Se uno Stato membro dovesse rifiutare un intervento deciso dal Consiglio, gli altri Stati membri dell’UE potranno reintrodurre i controlli alle frontiere interne.
L’Agenzia avrà un ruolo maggiore rispetto a quello odierno dell’agenzia Frontex nel rimpatrio dei migranti verso il loro Paese di origine, ma solo quando l’esecuzione di decisioni che sono già state adottate dalle autorità nazionali e le disposizioni per il rimpatrio saranno state ulteriormente rafforzate da garanzie sui diritti fondamentali. L’Agenzia non si occuperà del rimpatrio tra Paesi non-UE.L’Agenzia non disporrà di guardie di frontiera proprie, ma potrà contare su una riserva di reazione rapida formata da 1.500 guardie di frontiera nominate dagli Stati membri.I deputati si sono assicurati che le squadre di guardie di frontiera della riserva di reazione rapida saranno dotate dell’attrezzatura necessaria, con l’inserimento di una norma che renda disponibile l’attrezzatura entro 10 giorni dall’approvazione del piano operativo.L’Agenzia sarà responsabile nei confronti del Parlamento europeo e del Consiglio. Il Parlamento sarà informato tramite relazioni regolari e l’accesso alle informazioni per i deputati.I mandati dell’Agenzia europea di controllo della pesca (EFCA) e dell’Agenzia europea per la sicurezza marittima (EMSA) saranno allineati con quella dell’Agenzia di guardia delle frontiere, in modo da consentire a tutte e tre le agenzie di coordinare le loro operazioni in mare e condividere le informazioni.Avranno il potere di sostenere le autorità nazionali che svolgono compiti di guardia costiera a livello nazionale e comunitario e, se del caso, a livello internazionale.Il testo votato dal Parlamento europeo sarà inviato al Consiglio per approvazione. La legislazione dovrebbe entrare in vigore in autunno.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rimborso di bilancio di €1,3 miliardi per onorare impegni di aiuto ai rifugiati

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 luglio 2016

rifugiatiGli Stati membri dovrebbero utilizzare i €1,3 miliardi, disponibili come rimborso sul bilancio UE per il 2015, per onorare i loro impegni a contribuire ai due fondi fiduciari istituiti per affrontare la crisi dei rifugiati, hanno chiesto i deputati in una risoluzione votata mercoledì.Il Parlamento ha approvato una proposta della Commissione di modificare il bilancio 2016 dell’UE per includere un’eccedenza derivata da quello del 2015. Tale cifra è restituita agli Stati membri sotto forma di riduzione dei contributi nazionali.”Vorrei sottolineare che questo bilancio rettificativo si tradurrà in una riduzione dei contributi nazionali al bilancio dell’UE per 1,349 miliardi di euro. Ritengo che sia della massima importanza che gli Stati membri utilizzino un rimborso così inaspettato per onorare i loro impegni per la crisi dei rifugiati e per onorare il contributo promesso dell’UE ai due fondi fiduciari “, ha affermato il relatore José Manuel Fernandes (PPE, PT).I deputati notano “con preoccupazione” che nella primavera del 2016, “gli Stati membri hanno contribuito con solo €82 milioni al Fondo fiduciario Africa e € 69 milioni al fondo fiduciario Madad sulla crisi siriana, mentre i contributi dell’Unione sono pari a € 1,8 miliardi di euro e più di € 500 milioni, rispettivamente”.Per l’Italia, il rimborso è pari a €148.887.678, con il contributo nazionale al bilancio comunitario del 2016 che passa a circa €11,4 miliardi. La relazione è stata approvata con 591 voti a favore e 68 contrari, con 44 astensioni.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics, Uncategorized | Leave a Comment »

Sicurezza online: il PE approva nuove norme contro gli attacchi informatici

Posted by fidest press agency su venerdì, 8 luglio 2016

Online Banking ComputerLe compagnie fornitrici di servizi essenziali in settori quali l’energia, i trasporti, la sanità e il settore bancario, o i fornitori di servizi digitali come i motori di ricerca e i servizi di cloud computing, dovranno migliorare le lor difese contro gli attacchi informatici, secondo le prime norme UE in materia di sicurezza informatica approvate, in via definitiva, mercoledì dal Parlamento.Secondo i deputati, la definizione di standard comuni di sicurezza informatica e il rafforzamento della cooperazione tra i paesi dell’UE aiuterà le imprese a proteggere se stesse e a prevenire gli attacchi alle infrastrutture dei paesi dell’Unione Europea.
“Gli incidenti in ambito di sicurezza informatica presentano molto spesso una caratteristica transfrontaliera e, quindi, riguardano più di uno Stato membro dell’Unione Europea. Una protezione informatica frammentata rende tutti noi vulnerabili e rappresenta un grande rischio per la sicurezza dell’Europa intera. Questa direttiva stabilirà un livello comune elevato di sicurezza delle reti e dei sistemi informativi nell’Unione e rafforzerà la cooperazione tra gli Stati membri, aiutando a prevenire futuri attacchi informatici a importanti infrastrutture interconnesse in Europa”, ha detto il relatore Andreas Schwab (PPE, DE).La direttiva sulla sicurezza delle reti e dei sistemi informativi nell’UE è “anche uno dei primi quadri legislativi che si applica alle piattaforme. In linea con la strategia del mercato unico digitale, stabilisce i requisiti per le piattaforme online e assicura che possano rispettare tali norme ovunque esse operino nell’UE”, ha aggiunto il relatore.
La nuova normativa stabilisce obblighi in materia di sicurezza e di notifica per gli “operatori di servizi essenziali” in settori quali l’energia, i trasporti, la sanità, il settore bancario e la fornitura di acqua potabile. Gli Stati membri dovranno identificare i soggetti che operano in questi settori seguendo criteri specifici, tra cui la fornitura di servizi essenziali per il mantenimento di attività sociali ed economiche cruciali.Alcuni fornitori di servizi digitali – mercati online, motori di ricerca e servizi di cloud computing – dovranno, oltre ad adottare misure per garantire la sicurezza delle loro infrastrutture, notificare gli incidenti più rilevanti alle autorità nazionali competenti. Le micro e le piccole imprese digitali sono esentate da tali requisiti.Le nuove norme prevedono un “gruppo di cooperazione” per scambiare informazioni fra le autorità nazionali e fornire loro assistenza. Ogni Stato dell’UE dovrà adottare una strategia nazionale sulla sicurezza della rete e dei sistemi informativi.Gli Stati membri dovranno inoltre designare gruppi d’intervento per la sicurezza informatica in caso d’incidenti (CSIRT), che si occupino di trattare incidenti e rischi, discutere sulle problematiche di sicurezza transfrontaliera e identificare risposte coordinate.La direttiva sulla sicurezza delle reti e dei sistemi informativi (NIS) sarà presto pubblicata sulla Gazzetta ufficiale dell’UE ed entrerà in vigore il ventesimo giorno successivo alla sua pubblicazione. Gli Stati membri avranno poi 21 mesi di tempo per recepire la direttiva negli ordinamenti nazionali e sei mesi supplementari per identificare gli operatori dei servizi essenziali.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »