Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 13 luglio 2016

“Orientarsi a Roma Tre – Scopri il tuo futuro”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 luglio 2016

orientarsi a romaRoma giovedì 14 luglio, dalle ore 9 alle 14, nella sede del Rettorato in via Ostiense 159 si terrà “Orientarsi a Roma Tre – Scopri il tuo futuro”. Anche quest’anno Roma Tre organizza l’Open Day per l’orientamento e apre le porte a studenti e future matricole per presentare l’offerta didattica, i servizi e le novità del prossimo anno accademico. Afferma il rettore Mario Panizza: «Nel quadro universitario italiano segnato, negli ultimi anni, da un calo delle immatricolazioni, la nostra sostanziale tenuta è il segnale confortante dell’attrattività che esercita il nostro ateneo, la cui qualità è attestata dalla classifica mondiale “Times Higher Education 150 under 50” dedicata ai 150 atenei con meno di 50 anni: Roma Tre è al 72° posto; lo scorso anno si trovava all’84°, nel 2014 al 100°».
I 12 Dipartimenti avranno a disposizione un’aula dove direttori e docenti, in collaborazione con il Gruppo di lavoro per l’Orientamento di ateneo (Gloa), risponderanno alle domande degli studenti sull’organizzazione didattica, sulle modalità di accesso e sugli sbocchi professionali dei singoli corsi di laurea.Roma Tre Radio seguirà la giornata di orientamento direttamente da una postazione a vetri ben visibile tra gli stand della manifestazione, con una radiocronaca della manifestazione. Sarà un’occasione unica per conoscere la radio di Roma Tre che racconterà gli eventi della giornata, ospiterà interviste a docenti e aspiranti studenti e seguirà in ogni dettaglio lo svolgersi delle presentazioni dei corsi di studio. Sempre in occasione dell’Open Day, la Biblioteca di Area giuridica accoglierà gli studenti e tutti coloro che vorranno conoscerne gli spazi, lo staff e i servizi. Il personale sarà a disposizione dei visitatori dalle 9 alle 14 per visite guidate. (foto: orientarsi a roma)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

MERICS China Flash. International Ruling on the South China Sea Dispute: “China has suffered a severe defeat”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 luglio 2016

South-China-Sea-reference-map-US-CIAA UN arbitral tribunal in The Hague has decided that China’s claims in the South China Sea are incompatible with the law of the sea. The Philippines had initiated the case in late 2013. The Chinese government rejects the legitimacy of the tribunal and its award, although it has ratified the UN Convention on the Law of the Sea (UNCLOS).Interview with Thomas Eder, Research Associate at Mercator Institute for China Studies (MERICS) in Berlin:
How do you evaluate the arbitral tribunal’s decision?
China has suffered a severe legal defeat. The arbitral tribunal has decided even more comprehensively in the Philippines’ favour than most experts expected. The rejection of “historical rights” to maritime areas within the “nine-dash-line” is a harsh blow to Beijing. This blow could have been softened if the court had declared the Taiwanese-held Itu Aba an “island”. Under the law of the sea this could warrant a large “exclusive economic zone.” The arbitrators have, however, found that that none of the features claimed by China are such “islands”, and that China has violated the law of the sea through its construction of artificial islands and interference with Philippine fishing and oil and gas exploration.
China has rejected the decision as expected. What does that mean for efforts to integrate the country into international legal frameworks?
The arbitral award and Beijing’s explicit non-compliance constitute a turning point: China is breaking international law. The Chinese government has no right to continue to negate the tribunal’s jurisdiction and the fact that it is bound by its decision. China’s neighbours and Western democracies have to adjust their expectations regarding China’s gradual integration into the international order. The Chinese leadership will not let this award stop it from establishing itself as a comprehensive “maritime power” in the region.
What does the tribunal’s decision mean for the region? Do you expect an escalation?
Washington will likely mount a massive diplomatic campaign (“shaming”) to criticize China’s non-compliance and strengthen its naval presence to underscore its rejection of Chinese claims. The situation might escalate, if China responds by reasserting its claims. More regular stand-offs at sea would increase the risk of military conflict, which could be brought about by miscalculations or unauthorized advances by individual actors on the ground.Other states in the region might be tempted to use the new level of international support to advance their own claims. The new president of the Philippines, Rodrigo Duterte, has, however, announced that he wants to return to negotiations with China, which could allow for temporary de-escalation on the regional level.
Would an escalation harm the interests of Germany and other European states as well?
Germany’s interests are already damaged, as China’s rejection of the arbitral award undermines the international legal order. This order is the basis of Germany’s world-wide trade and a central pillar of common European foreign policy.An escalation would increase the political pressure for Berlin to take sides more explicitly. It would become more difficult to retain the role of a “mere” intermediary, and to avoid harming its relationship with Washington, and mainly Beijing.
What is the role of Germany and Europe in a potential solution to the conflict?
The German government should convince the Chinese side that it is in China’s interest to remain within the framework of the law of the sea. This concerns international recognition of China as a responsible power, China’s continued “place at the table” when reforms of the system are discussed, as well as economic interests regarding access to seabed resources and effective legal protection of China’s commercial fleet.At the same time, leading European states can help to block China from using coercion to force its claims on others. Within the framework of the G7, they can use the G20 summit in Hangzhou this September to publicly criticize the lack of conciliatory moves by the Chinese government. Should Beijing decide to escalate further until then, a boycott of the summit should be on the table. Additionally, Berlin and its partners should strengthen Southeast Asian states’ independence through new diplomatic formats – such as a G7 Plus format that includes regional states impacted by the East and South China Sea disputes – free trade treaties, and financial and institutional support. (by: Dörte Ahlrichs merics.de)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Civil Liberties MEPs visit migrant and refugee camps around Calais on Wednesday

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 luglio 2016

calais campA 9-strong MEP delegation from the Civil Liberties Committee will be in Calais on Wednesday 13 July to visit facilities for migrants and refugees, in the vicinity, which for years has been a gathering spot for people trying to cross from France to the UK. MEPs will meet with local authorities, NGOs, the French-British border authorities and the refugees and migrants themselves in order to assess the situation on the ground.The delegation, led by MEP Ana Gomes (S&D, PT), will visit the refugee camp called La Linière and the Jules Ferry day centre as well as reception facilities.A major overhaul of the EU asylum system is currently under way, including a revamp of the Dublin rules determining which EU country is responsible for processing an asylum application, as well as revisions of the EU rules on the redistribution of asylum seekers, stepping up controls at EU external borders and the possibilities of returning migrants who do not meet the criteria for international protection. The delegation’s findings will feed into the committee’s legislative work on these issues.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The Honorable Nissoli Welcomes a Group of American Students at Montecitorio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 luglio 2016

nissoliYesterday I hosted, in the Hall of the Wolf in Montecitorio, a group of American university students led by Professor Mario Mignone of Stony Brook University, Professor Franco Maddalena of Westchester Community College, and Professor Matilde Fava of Farmingdale State College. Professor Mignone carries on a study abroad program in Italy for American students that started in 1980, and has lasted without halting for 37 years. This year, 44 students visited the Camera, while last year, they visited the Senate, and were received by President Grasso. Effectively, these students visit every year in a different way, the Camera and Senate of the Republic.
The students were able to visit Montecitorio and retrace the steps of Italian history through one of the places dedicated to the representation of the populace – The Camera dei Deputati . In giving them a warm welcome , I underlined the importance of the confronting and cooperating with other cultures and understanding historical evolution and , in regards to Italy , admiring the art that characterizes it as a time of spiritual confrontation to grasp the essence and understand the profound humanity that it underlines .
We had the opportunity to establish a profound dialog, during which I explained the concept of Districts Abroad, which allow Italians living abroad to still have Parliamentary representation in their Motherland.” Said Fucsia Nissoli FitzGerald (elected abroad representing North and Central America), after her meeting with the students. (photo: nissoli)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Chinese party-state media see European crises as sign of failing “Western values” – EU should work on its image

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 luglio 2016

pechinoThe European Union’s crises have damaged the positive image of the continent in China. The Brexit vote disrupted many Chinese commentators’ sympathetic view of the EU as a shining example of political continuity. Many Chinese media see the EU’s failure to deal with the refugee crisis and terrorist attacks as the result of a lack of unity and force. The EU should react to this image crisis, since it threatens to compromise its ability to act vis-à-vis a powerful player like China, say the authors of an analysis presented in Brussels on Tuesday (12 July).In a paper titled “Questioning not the EU, but the ‘Western System’”, researchers Jasmin Gong, Bertram Lang, and Kristin Shi-Kupfer of the Berlin-based Mercator Institute for China Studies (MERICS), point out that Chinese state media in particular instrumentalize the difficult situation in Europe to denounce “Western values” as a whole. Chinese diplomats use crisis situations like the massive influx of refugees into the EU to refute criticism of the human rights situation or political repression in China.The analysis, published as a part of the series MERICS China Monitor on Tuesday, is based on a quantitative review of about 75,000 articles published in party-state media like “People’s Daily”, market-oriented outlets like “Southern Weekly” as well as social media like Sina Blog or Sohu Blog. The researchers also scrutinized 300 opinion pieces on developments in the EU, such as the Greek debt crisis, the refugee crisis, the rise of right-wing populism, terrorist attacks in Europe, and the Brexit referendum. The resulting picture is mixed: Roughly a third of all analysed opinion articles (34%) portrayed the crises as challenges to EU unity. At the same time, most commentators expressed confidence that political stability could be maintained despite, for instance, a looming “Brexit”.Analysis also revealed different takes on Europe in different types of media: party-state media tend to view the problems of dealing with the crises as proof of Europe being in a state of decay. In their analysis, European crises indicate the “weaknesses and falsehood of ‘Western values’”. This judgement falls in line with recent ambitions of the Chinese party state to denounce deficiencies of democratic systems and demonstrate the superiority of Chinese political concepts. Commentators of market-oriented and social media paint a more differentiated picture of the situation in Europe.
“The domestic media discourse is a better early indicator of potential changes in Chinese attitudes towards Europe than official diplomatic statements,” the MERICS researchers conclude. They advise EU policymakers to capitalize on the “persisting goodwill and genuine interest in Europe in non-official Chinese media” and take more efforts to “communicate an authentic and honest assessment” of Europe’s challenges. 12,30

Posted in Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Galerie Léage at the Biennale des Antiquaires

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 luglio 2016

Galerie Léage38 years aldready! To celebrate its 20th participation at the Biennale des Antiquaires, Galerie Léage highlights the prestige of the 18th century French decorative arts with the gallery’s exceptional selection of furniture and objets d’art in a novel scenography.
« Our gallery has been faithful to the Biennale des Antiquaires since 1978; each edition is a privileged instant to present rare pieces on a background of fantastic wood-panellings. Its unique and ephemeral character is a promise of excellence, and aesthetic confrontation – the values that have been intrinsically linked with the gallery for over forty years » comments Guillaume Léage.
Located since 1992 in the heart of Faubourg Saint-Honoré, at the corner with rue de Berri, the gallery welcomes on its premises Collectors, Art Lovers and Museum Curators from all over the world. Galerie François Léage, fifth generation of renowned antiques dealers, offers an exceptional showcase for French, and some Russian, 18th century furniture and objets d’art.
The Léage family proudly adheres to the family tradition of museum donators. Pieces originating from Galerie François Léage can be found, amongst others, in the collections of the Châteaux of Versailles and Compiègne, at the Jean-Paul Getty Museum in Los Angeles and the Metropolitan Museum of New York.The gallery participates at the Biennale des Antiquaires since 1978, at the BRAFA since 2015, and is co-organizer of the Nocturne Rive Droite. (photo: Galerie Léage)

Posted in Estero/world news, recensione | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

M5S in Israele: troppi pregiudizi antisraeliani per poter risultare credibili

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 luglio 2016

israele spiagge2By Emanuel Baroz. Nel luglio del 2013, all’epoca della prima visita in Israele di una delegazione M5S, il neoeletto deputato del Movimento Manlio Di Stefano postò su facebook una suggestiva foto e, sotto, il commento: «Buongiorno Palestina». La foto però era Gerusalemme, non Ramallah.
Naturalmente quella missione fu assai diversa da quella di oggi; era una delegazione di neodeputati senza pressioni, quasi increduli di esser lì, anche allora c’era Manlio Di Stefano, e poi Stefano Vignaroli, Paola Carinelli e Maria Edera Spadoni. Quel viaggio segna un punto di partenza di una storia che in questi tre anni ha avuto diversi apici, la storia dei terzomondismi e della geopolitica mediorientale più spensierata che l’Italia recente ricordi. Nel Movimento cinque stelle, da molto prima dell’ascesa di Luigi Di Maio a candidato premier in pectore – con le conseguenti svolte sull’euro, sull’uso dei soldi, sulla tv, forse sul doppio mandato -, la politica estera è stata da sempre appaltata al gemello-rivale di Di Maio, Alessandro Di Battista, insediato nella commissione eteri, e a una cordata di parlamentari che non si sono fatti mancare ogni genere di spericolatezza verbale delle posizioni. Israele è spesso stato un loro bersaglio, ma si sono udite uscite scivolosissime sull’Isis, virtuosismi linguistici sull’Iraq, frasi non adeguatamente pesate su Hamas.
Ogni viaggio è stato sempre al limite dell’incidente diplomatico, o ha tessuto relazioni che andranno indagate meglio (come la partecipazione recentissima, sempre di Di Stefano, al congresso di Putin a Mosca). Occasioni esterne, come una visita del Dalai Lama alla Camera, si sono tramutate in spunti teatrali per mostrarsi rivoluzionari: come quando, intrufolatosi con Alessio Villarosa al cospetto del leader tibetano, che smozzicò una frase sulla corruzione in Cina, Di Battista gli fece: «È lo stesso in Italia. Stiamo combattendo la stessa battaglia che fate voi». In favor di telecamera.
Di Battista, che in un ipotetico governo cinque stelle sarà il candidato alla Farnesina, conquistò i riflettori per un ragionamento di questo tenore sull’Isis: «Se a bombardare il mio villaggio è un aereo telecomandato io ho una sola strada per difendermi a parte le tecniche nonviolente che sono le migliori: caricarmi di esplosivo e farmi saltare in aria in una metropolitana». Il terrorismo, scrisse sul blog di Grillo, resta «la sola arma violenta rimasta a chi si ribella».
Paolo Bernini, deputato noto per le prese di posizione contro le scie chimiche, disse al Corriere: «Io sono antisionista. Per me il sionismo è una piaga». Vignaroli comunicò: «Eccomi a Gerusalemme, città della pace dove l’uomo occupa, separa, violenta». La critica ai governi israeliani è scivolata, insomma, molto spesso in zone sdrucciolevoli. Nel luglio 2014 sempre Di Stefano e Sibilia presentarono un’interrogazione per chiedere l’interruzione delle commesse militari con Israele. Il primo dei due scrisse, sul blog di Grillo, un passaparola che spiega il conflitto israelo-palestinese attribuendolo tout court al sionismo: «Comprendere a fondo il conflitto israelo-palestinese significa spingersi indietro fino al 1880 circa quando, nell’Europa centrale e orientale, si espandevano le radici del sionismo». E sul sionismo Bernini assurse a vette complottiste: «L’11 settembre? Pianificato dalla Cia americana e dal Mossad aiutati dal mondo sionista», disse alla Camera. A chi di recente gli chiedeva se Hamas per lui è terrorista o no, Di Stefano ha risposto: «È una questione secondaria, in questo contesto. I militanti di Hamas dicono: preferiamo morire lottando che continuare a vivere in una gabbia. Per definirli come terroristi o meno dovremmo vederli in una situazione di libertà. Cosa che in questo momento non hanno».
Già nel 2014 i cinque stelle formularono varie proposte di interruzione dei rapporti commerciali fra Italia e Israele. Ieri si sono limitati a dire che «non facciamo accordi sui prodotti che vengono dalle colonie israeliane dei Territori». Luigi Di Maio pare assai distante da tutto questo, ma allora la visita è stata organizzata un po’ alla svelta, e qualcuno nel Movimento, con quei compagni di viaggio, gli ha teso uno sgambetto, lungo la via dell’accreditamento in Israele. (fonte: La Stampa.it)
Nella foto: i parlamentari M5s Manlio Di Stefano, Luigi Di Maio,e Ornella Bertorotta , nel corso del loro viaggio in Israele

Posted in Estero/world news, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

3 milioni gli “esodati della sanità”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 luglio 2016

Ministero salute“Il milione di pazienti assistiti in Italia fra ADI, Hospice e RSA è in realtà una parte delle persone che avrebbero bisogno di cure a lungo termine. Altri 3 milioni di pazienti non sono gestiti dal sistema sanitario. È ipotizzabile che alcuni di loro si possano permettere un’assistenza privata – un badante o un infermiere –, ma è facile immaginare che molte di queste persone gravino pesantemente sui familiari e su altri caregiver ‘di fortuna’, e che quindi rappresentino veri e propri ‘esodati della sanità’. Si tratta per inciso di cittadini votanti, che dovrebbero divenire una priorità della politica: se non per virtù, almeno per tornaconto elettorale”.
Con questi dati e con questo forte appello alla politica, il professor Roberto Bernabei, Presidente di Italia Longeva, ha aperto questa mattina il primo simposio generale dedicato alle cure a lungo termine. L’evento – dal titolo “Long Term Care One”, perché si propone di essere il primo appuntamento di una lunga serie – si svolge oggi e domani al Ministero della Salute. “Il principale obiettivo di questi due giorni – ha spiegato ancora Bernabei – è cancellare dal concetto di cronicità quella patina di rassegnazione caratteristica dell’attuale modalità di presa in carico – e a volte di presa in carico mancata – dei pazienti che hanno bisogno di cure continuative a lungo termine. Così abbiamo scelto di superare la definizione stessa di cronicità, e di riferirci alla long term care: per sottolineare che non ci interessa discettare per l’ennesima volta sulle patologie e sulle condizioni che renderebbero necessaria un’assistenza continuativa e a tempo indeterminato, ma piuttosto individuare soluzioni pragmatiche in funzione di servizi da offrire concretamente ai cittadini. E a più cittadini possibile”. Al centro di “Long Term Care One”, infatti, ci sono i nuovi approcci all’assistenza domiciliare, le prospettive offerte dalla tecnoassistenza, le novità in tema di residenzialità assistita, le ultime frontiere nel campo delle cure palliative e le nuove proposte per la gestione della post-acuzie. Per ciascuno di questi ambiti, nel corso dei due giorni di convegno Italia Longeva lancerà proposte concrete e presenterà progetti già in fase di realizzazione. In apertura della “due giorni” non è mancato un focus sul principale strumento di programmazione e di ridefinizione dell’intera materia dell’assistenza a lungo termine: il Piano Nazionale Cronicità.“Questo strumento – ha spiegato Renato Botti, Direttore Generale della Programmazione sanitaria del Ministero della Salute–rappresenta una vera rivoluzione, anzitutto perché si prefigge di realizzare in concreto quella integrazione fra ospedale e territorio di cui si parla da tanto tempo. Per ottenere questa effettiva integrazione, il Piano Nazionale Cronicità farà leva sulla figura di raccordo rappresentata dal medico di Medicina Generale. Per questo è importante che sia correttamente attuata la riforma delle cure primarie: quest’ultima e il nuovo Piano Cronicità sono riforme imprescindibili e legate a doppio filo. L’altra sfida fondamentale è far sì che, nelle macro-aree terapeutiche individuate dal Piano, siano adottate linee d’indirizzo comuni da parte di Regioni che ad oggi hanno Piani Diagnostico Terapeutici Assistenziali (PDTA) differenti. L’obiettivo del Piano – ha proseguito Botti – è consentire al maggior numero di pazienti di continuare ad essere assistiti a domicilio, e per far questo abbiamo bisogno di valorizzare anche la figura degli infermieri. In generale – ha concluso il DG –promuovere le buone pratiche e diffondere i risultati positivi che saranno raggiunti sono i due cardini strategici del nuovo Piano, che sarà alla firma del Ministro in settimana, arriverà presto in Conferenza Stato-Regioni e dovrebbe essere operativo già dal 2017, perché il documento è già stato analizzato in dialogo con diverse Regioni e quindi dovrebbe essere approvato rapidamente”.
Il tema del progressivo invecchiamento della popolazione, e delle conseguenti ricadute sul sistema sanitario determinate dall’aumento di persone che necessitano di cure a lungo termine, è stato affrontato di recente anche dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, rappresentata questa mattina, all’evento promosso da Italia Longeva, dal Direttore del Dipartimento della World Health Organization dedicato proprio all’invecchiamento. L’Organizzazione Mondiale della Sanità, infatti, ha adottato di recente uno strumento definito “Global Strategy and Action Plan on Ageing and Health”, destinato ad “assicurare che tutti i Paesi abbiano un sistema di long-term care – ha detto John Beard, Director of WHO’s Department of Ageing and Life Course –: questo è infatti uno degli elementi chiave della Strategia varata dall’OMS. Venire incontro ai bisogni degli anziani con significative limitazioni fisiche, o in generale con perdite di funzionalità fisica – prosegue Beard – può consentire loro di continuare a condurre una vita piena di significato e di dignità, al di là dei limiti fisici. E anche supportare meglio le persone che garantiscono l’assistenza agli anziani, più frequentemente care giver donne, può consentire di ripartire più equamente l’impatto complessivo delle limitazioni fisiche della terza età, e così permettere anche alle persone che prestano assistenza di avere più tempo da dedicare ad altre attività e aspirazioni”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

ABI Banche: si capisce perchè non funzionano

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 luglio 2016

bancaDelle difficoltà delle banche, dei crediti deteriorati (360 miliardi), della collocazione dei titoli bancari ai risparmiatori ormai si sa tutto, o quasi, ma per sapere perche’ si e’ arrivati a questa situazione basterebbe un po’ di memoria, qualita’ che difetta nel nostro Bel Paese. Vediamo di rinfrescarla.
A presiedere, per acclamazione l’ABI, l’Associazione bancaria italiana, dal luglio 2010 al gennaio 2013, e’ stato, Giuseppe Mussari, che fu presidente della Fondazione Monte de’ Paschi di Siena (2001-2006) e poi della Banca Monte de’ Paschi di Siena (2006-2012); a causa dello scandalo del Monte de Paschi (MPS), Mussari si dimise dalla presidenza dell’ABI. Ci chiediamo come si possa acclamare presidente dell’ABI una persona che ha contribuito a condurre il Monte nella situazione attuale. Si vede che al sistema bancario italiano sta’ bene cosi’; purtroppo non possiamo dire altrettanto per i risparmiatori.
Ora, alla presidenza dell’Abi, c’e’ Antonio Patuelli, eletto sempre per acclamazione, il quale dichiara che il cosiddetto “bail in” (norme che prescrivono una risoluzione di una situazione di bancarotta colpendo, nell’ordine, azionisti, obbligazionisti subordinati e senior e, infine, i correntisti che hanno depositi superiori ai 100 mila euro) e’ incostituzionale. Insomma, le banche non possono fallire perche’, secondo Patuelli, e’ incostituzionale. Meno male che Patuelli e’ stato esponente e parlamentare del Partito Liberale.Con questi dirigenti come si possa pensare di avere un buon sistema bancario e’ un mistero. I risparmiatori lo tengano a mente. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Melanomi, le differenze che contano”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 luglio 2016

melanoma-sulla-pelleUn tumore maligno della pelle con un’incidenza in continua crescita, addirittura raddoppiata negli ultimi 10 anni, che nel nostro Paese si stima presenti circa 11.000 nuovi casi l’anno. E’ il melanoma, al centro degli incontri “Melanomi. Le differenze che contano” che a partire dal prossimo 11 luglio coinvolgeranno i pazienti e i loro familiari nei principali centri ospedalieri di 6 diverse città Italiane: Genova; Napoli, Palermo, Bologna, Roma e Milano. Il primo appuntamento a Genova, 11 luglio alle ore 16.30 presso IRCCS A. O. San Martino, patrocinato da IMI (Intergruppo Melanoma Italiano).
Il progetto, promosso da Novartis in collaborazione con i centri ospedalieri e con le associazioni pazienti AIMAME (Associazione Italiana Malati di Melanoma) e MIO (Melanoma Italia Onlus) prevede 6 incontri che attraversano l’Italia offrendo momenti di dialogo e confronto con gli specialisti. Negli ultimi anni, grazie ai progressi della ricerca scientifica, sono migliorate le conoscenze sui diversi tipi di melanoma ed è oggi possibile caratterizzare questa malattia a livello molecolare, ovvero del DNA. Si è scoperto così che i melanomi non sono tutti uguali, ma ne esistono di diversi tipi, ciascuno caratterizzato da differenze specifiche. Sono state identificate le mutazioni genetiche più frequenti che ne regolano la crescita cellulare, come ad esempio la mutazione a carico del gene BRAF, che riguarda circa il 50% dei melanomi, che implica un trattamento a bersaglio molecolare diretto alla mutazione specifica. In questi casi l’approccio terapeutico è radicalmente diverso perché sono a disposizione molecole che hanno dimostrato di essere efficaci nei pazienti che presentano quella specifica mutazione. “Se finora la chemioterapia era considerata il trattamento standard nei pazienti con melanoma metastatico, oggi possiamo contare su un approccio farmacologico e multidisciplinare alternativo che tenga conto delle mutazioni genetiche e delle maggiori informazioni disponibili – precisa la Dott.ssa Paola Queirolo, Coordinatore Disease Management Team Melanoma e tumori cutanei IRCCS San Martino, IST Genova e Presidente Intergruppo Melanoma Italiano – e che dimostra una maggiore efficacia specialmente in quei casi in cui la diagnosi è precoce e il paziente contribuisce nella riduzione dei fattori di rischio. Ciò comporta un allungamento della sopravvivenza mediana del paziente e, allo stesso tempo, un miglioramento della qualità di vita”.
Le necessità informative dei pazienti sono quindi molte e le occasioni di confronto con i medici, insieme all’attività svolta dalle Associazioni pazienti presenti sul territorio nazionale (MELANOMA Italia Onlus e AIMAME), aiutano l’accesso ad informazioni corrette e aggiornate e nel contempo favoriscono la formazione di una comunità forte e strutturata che possa operare per una sempre migliore gestione del paziente con melanoma.
Affrontare oggi il melanoma significa, per il paziente e il familiare, avere molte domande. Il Progetto Melanomi nasce proprio con l’intento di dare una risposta a questa necessità informativa e associativa dei pazienti. “È fondamentale che il paziente sia adeguatamente informato su che cosa è la malattia, che sappia quali sono i segnali d’allarme e i fattori di rischio – ricorda la Prof.ssa Queirolo – Il paziente deve essere consapevole e informato sul percorso diagnostico, le opzioni terapeutiche e gli esami per un corretto follow- up, e nello stesso tempo venire a conoscenza della presenza di associazioni pazienti che offrono supporto ai pazienti stessi”. Durante gli incontri del progetto “Melanomi: le differenze che contano” sono previste sessioni di confronto tra medici e pazienti durante le quali gli specialisti affronteranno molti aspetti legati alla malattia, dagli approcci terapeutici agli stili di vita, con ampio spazio alle domande.
Eventi pensati con una modalità fortemente interattiva che vedono il coinvolgimento anche di uno Street artist che, attraverso la sua opera, riassumerà graficamente i principali temi emersi. “L’intento è quello di coinvolgere i nostri pazienti veicolando il messaggio che i “melanomi non sono tutti uguali” – conclude la Prof.ssa Queirolo – e che, anche se presentano un aspetto simile, possono, in base alle specifiche caratteristiche, avere un percorso differente sia di diagnosi sia di terapia e di follow up”.
Infine, con l’obiettivo di essere più vicini ai pazienti e di renderli sempre più informati sulla gestione della loro malattia, verrà realizzata un APP del progetto Melanomi contenente alcune delle principali informazioni emerse durante gli incontri su alimentazione, stile di vita e stati d’animo, veicolate attraverso degli info-game, e contenente degli utili tools per la gestione della patologia, come gli alert per l’assunzione della terapia e/o per le visite specialistiche previste.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Modificare la legge sull’editoria per evitare che porti vantaggi solo agli editori

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 luglio 2016

GiornalistiFonte: Senza Bavaglio. La legge sull’editoria, che il 12 luglio comincerà il suo iter al Senato in seconda lettura, presenta degli elementi innovativi ma anche degli aspetti inaccettabili. Il più grave è che non impedisce alle aziende editoriali di mascherare le ristrutturazioni aziendali e di presentarle come stati di crisi, allo scopo di sfruttare gli ammortizzatori sociali (per lo più pagati dall’INPGI) per snellire gli organici. La FNSI si è mobilitata per sostenere l’approvazione immediata. Ma se la legge dovesse essere approvata con il testo licenziato dalla Camera si farà un grosso regalo agli editori cui sarà permesso di adoperare il denaro delle provvidenze per il settore senza alcun verifica e nessun controllo. Magari quegli aiuti potranno essere utilizzati per pagare una sostanziosa buona uscita agli amministratori che hanno licenziato giornalisti e poligrafici e hanno permesso alle aziende risparmi giganteschi sulla pelle dei colleghi. Insomma, se dovessero passare così come sono state licenziate dalla Camera, le nuove norme consentiranno agli editori di incassare il denaro messo a disposizione dello Stato e di spenderlo senza alcun controllo. E’ strano che la FNSI non se ne sia accorta. Anzi diciamo pure: è strano che la FNSI avalli e sostenga norme che avvantaggiano solo gli editori e che – alla fine – penalizzano coloro che un sindacato serio dovrebbe proteggere. Sembra poi che il sindacato colleghi questa legge e i suoi risultati al nuovo contratto, per facilitarne la chiusura. L’equazione è: “Gli editori prendono i soldi e noi chiudiamo il contratto”. Non è così. Dare fiducia agli editori quando ne hanno già abusato è incomprensibile. Gli editori prenderanno i soldi e poi non ne verseranno un centesimo ai giornalisti.
Un esempio per tutti. Quando la legge è stata discussa alla Camera è stato respinto un emendamento per impedire agli editori che non pagano i collaboratori, e in genere gli stipendi, e non rispettano le regole contrattuali di ricevere i contributi statali.
Quando è iniziata la votazione sull’emendamento sul tabellone luminoso sono comparse una forte maggioranza di lucine verdi, cioè l’emendamento stava per essere approvato. Prima della chiusura della votazione (che dura fino a cinque o sei minuti) un deputato capobastone (del PD) ha urlato “votate contro” e le lucine verdi si sono trasformate in rosse. Vergognoso. Ci sembra banale che chi non paga i compensi ai lavoratori non possa avvalersi dei contributi statali. Per qualcuno invece è una cosa normale.
Abbiamo chiesto ad alcuni senatori interessati all’argomento di presentare una serie di emendamenti volti a rendere più democratica la legge e più consona alla difesa delle colleghe e dei colleghi più deboli e per impedire che gli editori dichiarino stati di crisi inesistenti, come più volte è accaduto, anche recentemente (per esempio alla Condé Nast e al gruppo Repubblica-Espresso). Ci hanno ascoltato. Così il senatore Alberto Airola ha presentato le modifiche alla legge che abbiamo chiesto e concordato con lui.
Eccone una sintesi:
In uno degli emendamenti presentati si dice che non possono accedere agli stanziamenti a favore degli editori quelle imprese che “non ottemperano alle disposizioni di legge sull’equo compenso, nonché di tutte le imprese che abbiano delle condanne o delle cause in corso per motivi di lavoro, mobbing o comportamenti antisindacali”.
VENDITE REALI – “Il contributo deve essere elargito in funzione del numero di copie annue realmente vendute e comprate”. Il testo della legge invece è piuttosto vago in proposito.
EQUO COMPENSO – L’equo compenso deve essere inserito direttamente nel disegno di legge, perché è solo attraverso una mirata azione di protezione della professionalità che si mantiene viva l’indipendenza del giornalista e, conseguentemente, del giornalismo.
Il lavoro della Commissione Equo Compenso è già stato bocciato sia dal Tar sia dal Consiglio di Stato. E’ quindi vitale trasformare in legge le modalità dei compensi, che possano essere definiti equi in base all’articolo 36 della Costituzione. Perché per garantire un’informazione corretta a tutela dei cittadini, i giornalisti devono essere retribuiti in modo professionale. Infine è facile capire che se un giornalista non è pagato equamente è costretto a violare l’etica e la deontologia professionale.
Fondamentale è anche scoraggiare una pluralità di forme contrattuali a tempo e ogni forma di lavoro nero, incoraggiando invece l’incremento dei contratti di lavoro a tempo indeterminato da una parte e dall’altra l’utilizzo di lavoro freelance pagato in modo professionale.
ORDINE – Un emendamento è volto a mantenere la potestà deontologica del Consiglio di Disciplina, che dovrà essere eletto al di fuori del Consiglio Nazionale e che NON deve essere formato esclusivamente da giornalisti.
A noi queste paiono tutto sommato richieste banali e ci piacerebbe che la FNSI le facesse proprie, invece di sostenere acriticamente una legge che alla fine rischia di danneggiare ancora di più un settore che si sta letteralmente disintegrando. E ci rivolgiamo a tutti i senatori perché votino a favore degli emendamenti proposti del loro collega Alberto Airola. L’editoria è una porzione vitale della convivenza civile e democratica. Non ci dovremo meravigliare se un giorno ci accorgeremo che il suo picconamento fa parte di un disegno preciso, volto a limitare democrazia e libertà.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Presentato a Roma il manifesto: “La salute nelle città: bene comune”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 luglio 2016

Foro romanoCento anni fa solo il 20% della popolazione mondiale viveva in città. Per la metà del secolo arriveremo al 70% di residenti nelle aree urbane. L’aumento è straordinario, al ritmo di 60 milioni di persone che ogni anno si spostano da ambienti rurali verso le città, soprattutto nei Paesi a medio reddito. Non solo, le proiezioni mostrano che nei prossimi 30 anni la crescita globale avverrà virtualmente soltanto nelle aree urbane. Ma se oggi circa il 10% della popolazione urbana vive in megalopoli, con oltre 10 milioni di abitanti, ormai presenti in ogni angolo del pianeta, saranno soprattutto le città più piccole a sostenere la quota maggiore di incremento. Nell’Unione europea, fatta eccezione per la Francia, le aree urbane tendono a registrare incrementi demografici più elevati a causa del saldo migratorio. In Italia, quasi 4 cittadini su 10 risiedono nelle 14 città metropolitane.“Lo spostamento verso le aree urbane è caratterizzato da cambiamenti sostanziali dello stile di vita rispetto al passato: cambiano le abitudini, i lavori sono sempre più sedentari, l’attività fisica diminuisce. Fattori sociali, questi, che rappresentano un potente volano per le cosiddette malattie della società del benessere: obesità e diabete. Ciò è sostanziato dai fatti, che vedono crescere in maniera esponenziale nel mondo il numero di persone obese o con diabete, vicino alla soglia del mezzo miliardo, con – già oggi – 250 milioni di persone con diabete, due terzi del totale, vivere nelle città, secondo Idf-International diabetes federation”, ammonisce Andrea Lenzi, Professore ordinario di endocrinologia, Presidente del Consiglio universitario nazionale (Cun) e coordinatore di HealthCity Think Tank, gruppo di esperti indicati, tra gli altri, da Ministero della salute, Istituto superiore di sanità, Anci-Associazione nazionale comuni italiani, Università di Roma “Tor Vergata”, Istat, Censis, che si pone l’obiettivo di analizzare il contesto economico-sanitario, sociologico, clinico-epidemiologico e politico-sanitario, per studiare i determinanti della salute nelle città.Il think tank ha messo a punto il manifesto “La Salute nelle città: bene comune”, che si propone di offrire alle istituzioni e alle amministrazioni locali spunti di riflessione per guidarle nello studio di questi determinanti nei propri contesti urbani e fare leva su di essi per mettere a punto strategie per migliorare gli stili di vita e la salute del cittadino. Il manifesto sarà presentato nel pomeriggio, in occasione del Primo Health City Forum organizzato a Roma da Italian barometer diabetes observatory (Ibdo) Foundation, Università degli studi di Roma “Tor Vergata”, Health City Think Tank, Istituto per la Competitività (I-Com), con l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica, che ha anche conferito all’Ibdo Forum la medaglia del Presidente della Repubblica per il suo alto valore culturale e scientifico, e il patrocinio di Presidenza del Consiglio dei ministri, Ministero della salute e Associazione nazionale comuni italiani (Anci).“Dal 1948 l’Oms-Organizzazione mondiale della sanità invita i governi ad adoperarsi responsabilmente, attraverso programmi di educazione alla salute, a promuovere uno stile di vita sano e a garantire ai cittadini un alto livello di benessere. Oggi pare emergere chiaramente un nuovo attore protagonista: la Città, quale promotrice di salute. Infatti, la stessa Oms ha coniato il termine healthy city, che descrive una città conscia dell’importanza della salute come bene collettivo e che, di conseguenza, mette in atto politiche sociali, culturali ed economiche chiare per tutelarla e migliorarla”, spiega Giuseppe Novelli, Rettore dell’Università di Roma “Tor Vergata”.“Lo sviluppo urbano, cui il mondo ha assistito e assiste ha modificato profondamente lo stile di vita della popolazione e trasforma il contesto ambientale e sociale in cui viviamo, creando problemi di equità, generando tensioni sociali e introducendo minacce per la salute della popolazione. La configurazione attuale delle città e, più in generale l’urbanizzazione, presentano per la salute pubblica e individuale tanti rischi, ma anche molte opportunità. Se infatti le città sono pianificate, ben organizzate e amministrate coscientemente, si può dare vita ad una sinergia tra Istituzioni, cittadini e professionisti in grado di migliorare le condizioni di vita e la salute della popolazione”, dichiara Enzo Bianco, Sindaco di Catania e Presidente del Consiglio nazionale dell’Anci.
Un invito, quello del sindaco di Catania, a nome degli amministratori locali, raccolto dal Ministro della salute, Beatrice Lorenzin, Presidente del Comitato promotore del “Manifesto Salute nelle città: bene comune”, che sottolinea sempre come sussista la necessità di fare ancora molto per diffondere una cultura della prevenzione nelle persone, a fronte di un’evidente crescita delle malattie croniche non trasmissibili, come obesità e diabete, che trae origini da fattori di rischio legati a stili di vita non salutari. L’ipotesi di attuare nelle Città e nelle aree urbane strategie integrate di promozione della salute con iniziative culturali, sociali e sanitarie, attraverso un’azione coordinata su più fronti, è da apprezzare e condividere.
In perfetta linea con questa azione, il programma Cities Changing Diabetes, una partnership tra lo University College London (UCL) e il danese Steno Diabetes Center, che coinvolge Istituzioni nazionali, amministrazioni locali, mondo accademico e terzo settore. Illustrato a Roma, nasce con l’obiettivo di creare un movimento di collaborazione internazionale che proponga e trovi soluzioni e best practice per affrontare il crescente numero di persone con diabete e obesità nel mondo, e il conseguente onere economico e sociale, partendo dal tessuto e dal vissuto urbano che tanta parte sembra avere in questo fenomeno. Al programma hanno già aderito Città del Messico, Copenaghen, Houston, Shanghai, Tianjin, Vancouver e Johannesburg. Durante l’incontro si è prospettato un prossimo coinvolgimento anche della capitale italiana.

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fratture, alendronato mostra un buon rapporto rischio-beneficio

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 luglio 2016

frattureSecondo un ampio studio caso-controllo pubblicato su The Bmj da un gruppo diretto Bo Abrahamsen, endocrinologo dell’Università della Danimarca meridionale, l’alendronato assunto per lunghi periodi appare associato a una riduzione del rischio di frattura d’anca, senza nessun aumento del rischio di fratture femorali. «L’osteoporosi è una malattia che ha drammatiche implicazioni sul piano sociale, economico e clinico a causa del significativo aumento dell’incidenza delle fratture in seguito a traumi minimi o addirittura in assenza di traumi» si legge nell’articolo, che sottolinea il fatto che i bisfosfonati sono i farmaci di prima scelta nella prevenzione delle fratture vertebrali e non vertebrali da fragilità nelle donne in post-menopausa (in particolare le dimostrazioni di efficacia più solide riguardano alendronato, zoledronato e risedronato). «Dagli studi svolti negli ultimi anni emerge che i bisfosfonati sono inibitori potenti ed efficaci del riassorbimento osseo in grado di ridurre il rischio di frattura aumentando la densità ossea e riducendo il turnover scheletrico» proseguono i ricercatori, sottolineando il fatto che solo di recente è emersa l’urgenza di determinare la durata ottimale del trattamento con bisfosfonati. I ricercatori hanno preso in esame i registri nazionali danesi, identificando 62.000 pazienti con osteoporosi nuovi utilizzatori del bisfosfonato, che sono stati seguiti per molti anni allo scopo di valutare sicurezza ed efficacia dell’uso per periodi uguali o superiori a dieci anni dell’alendronato. «All’interno di questa coorte, circa 8.200 persone che avevano sperimentato una frattura di anca o femorale subtrocanterica sono state abbinate a coetanei che non avevano avuto fratture» scrivono gli autori, che dopo gli opportuni calcoli statistici hanno scoperto che l’assunzione di alendronato per oltre un decennio era associata a un rischio ridotto di frattura d’anca e a nessun aumento del rischio di frattura femorale. «Questi risultati indicano per l’alendronato un accettabile bilancio tra benefici e rischi in termini di rischio fratturativo, anche dopo più di 10 anni di uso continuativo» conclude lo studio. (fonte doctor33) (foto: fratture)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sudan del Sud: nuova violenza minaccia processo di pace

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 luglio 2016

sud sudanDopo i recenti e sanguinosi scontri armati in Sudan del Sud, l’Associazione per i popoli Minacciati (APM) ha chiesto l’immediata convocazione di una seduta straordinaria del Consiglio di Sicurezza dell’ONU per evitare il crollo del processo di pace in Sudan del Sud. L’APM teme che la Comunità internazionale decida di chiudere rassegnata gli occhi di fronte alla nuova tragedia nel paese e abbandoni la società civile. Secondo l’APM esiste infatti il concreto pericolo che una nuova guerra in Sudan del Sud si allarghi a tutta l’Africa orientale. Secondo l’APM la comunità internazionale deve continuare a spingere le parti in causa nel conflitto al rispetto degli accordi di pace dell’agosto 2015 e deve trovare i mezzi per migliorare la tutela della popolazione civile.
L’APM si è appellata anche all’Unione Africana (UA) che si riunisce oggi a Kigali (Ruanda) affinché si occupi della situazione in Sudan del Sud ed esorti sia il presidente sudsudanese Salva Kiir sia il suo rivale il vicepresidente Riek Machar a rispettare appieno l’accordo di pace. Tutti i punti dell’accordo di pace riguardanti la comune salvaguardia della pace e la smobilitazione e il disarmo delle milizie non sono stati finora attuati. E’ quindi urgente che la comunità internazionale continui a mediare tra le parti in causa affinché anche questi punti fondamentali dell’accordo vengano rispettati.Le Nazioni Unite devono finalmente adoperarsi per una completa e reale tutela della popolazione civile poiché pare evidente che la missione di pace dell’ONU UNMISS non riesca finora a adempiere a questo suo compito. Da un’inchiesta condotta dall’organizzazione “Medici senza frontiere” risulta infatti che tre quarti delle persone rifugiatesi nei campi allestiti dall’ONU dichiarano di non sentirsi sicuri in questi campi. Attualmente più di 160.000 civili sudsudanesi sono rifugiati nei campi dell’ONU i quali versano però in condizioni catastrofiche e non sono in grado di garantire ai profughi condizioni di vita dignitose. Spesso la tutela della popolazione è resa più difficile dai rigidi vincoli di sicurezza imposti all’UNMISS che impediscono spesso anche la fornitura veloce ed efficace di aiuti umanitari.Un Sudsudanese su quattro oggi è in fuga dalla guerra e la metà dei circa 11 milioni di Sudsudanesi dipende per la propria sopravvivenza dagli aiuti umanitari. Il paese è a un passo da una terribile carestia e dal crollo della sua già povera economia. Secondo l’APM non è certo questo il momento di abbandonare una popolazione traumatizzata da decenni di guerra e gravissime violazioni dei diritti umani ai giochi di potere dei suoi leader politici corrotti. Tanto più la corruzione e l’abuso di potere in Sudan del Sud sono stati per anni sostenuti proprio da quella comunità internazionale che ora tende a chiudere gli occhi di fronte alle conseguenze della sua stessa politica internazionale.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Sanità: “Ascoltare Fnomceo su diversa ripartizione fondo”

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 luglio 2016

corte dei conti“Dopo governatori e parlamentari meridionali, l’Istat, il Censis, l’Eurocare, la Corte dei Conti, la letteratura scientifica, anche la Fnomceo chiede una diversa ripartizione del fondo sanitario, non più basata sul dato anagrafico della popolazione che finora ha fortemente penalizzato il Sud. Nessuna politica di efficientamento del sistema sanitario, nessuna diversa governance sanitaria potrà ridurre il gap sanitario tra le regioni del Nord e quelle del Sud se non si definisce una più equa distribuzione delle risorse sanitarie che tenga conto anche degli indici di mortalità e delle condizioni socioeconomiche. Da parlamentare del Sud e da medico non posso che sottoscrivere l’ordine del giorno della Fnomceo, nella speranza che il Governo e le Regioni invertano la rotta per garantire quell’uniformità di cure, prevista dalla nostra Costituzione”. E’ quanto dichiara il capogruppo di Area popolare in commissione Affari Sociali della Camera, Raffaele Calabrò.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dalla Siria alla Terza Guerra Mondiale?

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 luglio 2016

statua libertàassad-putinGiulietto Chiesa nel suo ultimo libro intitolato Putin fobia (Milano, Piemme, 2016) ha scritto che “nell’ottobre del 2015 l’intervento in Siria della Russia di Putin ha modificato tutto il quadro internazionale ed ha mostrato anche all’uomo della strada l’evidenza di una Russia protagonista della guerra contro il terrorismo internazionale” (op. cit., p. 176).“Il rovesciamento del Presidente siriano Bashar al-Assad, obiettivo principale degli stati Uniti, di Israele e dell’Arabia Saudita, è stato impedito [da Putin, ndr]” (p. 159).L’Autore prevede che con la fine della presidenza di Obama [novembre 2016, ndr] il mondo si troverà “sull’orlo di una Terza guerra mondiale” (p. 177).Oramai si è capito che “quasi tutta la coalizione occidentale (sicuramente gli Usa, la Turchia, l’Arabia Saudita e Israele) è stata direttamente coinvolta nel sostegno, nel finanziamento e nella creazione dello Stato islamico (Isis), […] che ha cominciato ad arretrare solo quando è stato colpito pesantemente dai bombardamenti russi” (p. 179).
Siccome la Russia di Putin si oppone alla costruzione del Nuovo Ordine Mondiale a guida israelo/statunitense “due alti esponenti del governo statunitense annunciano l’intenzione di un’escalation in Siria che prevede l’intervento diretto degli Usa, forse insieme alla Turchia, all’interno del territorio siriano. I famosi ‘scarponi sul terreno.’ (n.r. il resto lo rimandiamo alla lettura del libro di Chiesa che presumiamo ci illustrerà il “poi” di questo “olocausto nucleare”.)

Posted in recensione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Salvare le banche

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 luglio 2016

salva bancheUna sola è la formula in grado di garantire la salvezza delle banche dai crediti inesigibili ma dispensati a personaggi legati, con formule più meno mafiose, a quell’esercizio del potere che sta conducendo l’Italia alla rovina. In fondo basterebbe istituzionalizzare quanto già accaduto, e con successo per gli interessati.
Si tratta di nominare presidente di ogni banca, o anche vice-presidente, il padre, la madre, un fratello, una sorella… meglio se poi si fa intervenire l’amante, di personaggi ben introdotti nelle stanze dei bottoni, trasformare, ormai, in stanze dei BOTTINI.
Basterà che il potente di turno garantisca che il nominato al vertice di ogni banca, sia una persona “perbene” e il gioco è fatto. Poi arrivano le penalità per i piccoli risparmiatori, i gradi investitoti sarebbero avvertiti in tempo utile per mettere i remi in barca; alle lamentele di quei piccoli si risponderà che l’operazione è servita a salvare i posti di lavoro che sarebbero andati perduti senza quelle coraggiose operazioni. Così il potere costituito salva i suoi personaggi, mentre il popolo dei piccoli e medi risparmi di una vita di lavoro vero, pagano la salvezza dei posti di lavoro, peraltro riservati ai soliti raccomandati. Qui mi fermo, perché se continuo rischio di essere censurato.(Rosario Amico Roxas)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

L’acquisizione di Starwood da parte di Marriott modifica profondamente il mercato dei viaggi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 luglio 2016

Carlson WagonlitL’acquisizione di Starwood da parte di Marriott è destinata a cambiare in modo significativo il mercato alberghiero. L’ultimo White Paper di Carlson Wagonlit Travel (CWT), leader globale nell’organizzazione di viaggi d’affari e di meeting ed eventi, sottolinea che i responsabili viaggio aziendali devono cominciare a valutarne fin d’ora le implicazioni sulla gestione delle trasferte.«Il consolidamento nel settore alberghiero non è un fenomeno nuovo, ma l’unione Marriott/Starwood è destinata a cambiare il modo in cui i viaggi aziendali vengono venduti e acquistati – fa notare Scott Brennan, President Hotels di CWT -. Ognuno deve riflettere molto attentamente su ciò che questo comporta nelle negoziazioni degli accordi aziendali».In 14 delle 20 destinazioni top del mondo il nuovo gruppo alberghiero rappresenterà quasi un terzo delle camere disponibili, salendo addirittura alla metà in alcune località. Inoltre, l’analisi di CWT evidenzia che Marriott sceglie più spesso di altre catene di non partecipare alle gare (RFP – Request for Proposal) lanciate dalle aziende per la selezione delle strutture preferenziali.
«Le implicazioni sono potenzialmente enormi – continua Brennan -. Riteniamo che il nuovo gruppo Marriott/Starwood sia destinato ad avere un’importante voce in capitolo sul mercato, tanto da modificare i comportamenti di acquisto delle aziende. Attualmente non possiamo valutare ancora appieno l’impatto anche perché l’integrazione non sarà completata prima delle negoziazioni di quest’anno e bisognerà quindi attendere quelle che si terranno da settembre 2017».Un’ulteriore considerazione riguarda la conformità alle travel policy aziendali. Uno degli strumenti utili per le negoziazioni dei responsabili aziendali è il rispetto delle policy, grazie a cui si può concentrare il volume di spesa sulle proprietà preferenziali. Tuttavia, l’analisi di CWT mostra che il 22% della spesa fuori policy viene effettuata proprio con Marriott e il 9% con Starwood.
«Secondo una survey di GBTA condotta sui travel manager aziendali nel 2015, i programmi di fidelizzazione delle catene alberghiere sono una delle ragioni della mancata conformità alla travel policy – sottolinea ancora Brennan -. Noi non sappiamo ancora quali cambiamenti Marriott vorrà eventualmente introdurre nel programma di fidelizzazione proprio e di Starwood. Ma, in ogni caso, il nuovo gruppo vale già in partenza una significativa percentuale della spesa fuori policy».«L’aumento della quota di mercato della nuova Marriott e la forza di attrazione del suo programma di fidelizzazione rafforzeranno ulteriormente la posizione della catena – continua Brennan -. Anche perché, come sappiamo, nel settore alberghiero i volumi influenzano decisamente le trattative. Per di più, è probabile che la dimensione della nuova Marriott ne farà un player capace di influenzare anche altri operatori del mercato».CWT suggerisce ai responsabili viaggio aziendali di intraprendere quattro azioni prima di avviare le negoziazioni:Valutare i mercati chiave: analizzare la quota di mercato delle catene top all’interno delle destinazioni chiave o anche di singoli quartieri di una città, considerare le possibili strutture alternative e i potenziali risparmi.
Prepararsi ad avere un approccio più flessibile per il 2017, includendo i fornitori alternativi identificati.
Adeguare la travel policy per garantirne maggiormente il rispetto.
Informare i viaggiatori, ingaggiarli e motivarli sugli obiettivi aziendali, rafforzando una responsabilità condivisa per il raggiungimento dei risultati.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Disastro ferroviario in Puglia

Posted by fidest press agency su mercoledì, 13 luglio 2016

camera deputatiRiportiamo alcune delle dichiarazioni dei politici che sono pervenute in redazione associandoci al cordoglio per questa ennesima tragedia che ci ha colpiti.
“Rabbia e lacrime per tragedia in Puglia ci stringiamo in un abbraccio con le famiglie delle vittime “mai più”. Così su twitter Dorina Bianchi, sottosegretario al Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.
“Immagini strazianti. Esprimo vicinanza alle famiglie delle vittime di questa tragedia”.Così il vicepresidente della commissione Trasporti della Camera dei deputati, Vincenzo Garofalo. “Questo è il momento dello sgomento e del cordoglio, ma non si può morire così. Faremo quanto necessario in Commissione per accertare le responsabilità di quanto accaduto oggi in Puglia. È assurdo che ci possa essere stato uno scontro frontale tra due treni. Abbiamo il dovere – spiega il deputato di Area popolare – di fare chiarezza anche se nulla potrà alleviare il dolore dei familiari delle vittime. Occorre fare tutto il necessario affinché quanto accaduto non si verifichi mai più”.
«Cordoglio e vicinanza alle famiglie delle vittime del gravissimo disastro ferroviario in Puglia. Si faccia chiarezza in tempi brevi sulle cause di quello che è successo. Se dovesse essere appurato che qualcuno ha sbagliato ed è responsabile dell’incidente, la giustizia sia inflessibile e non conceda sconti». Lo scrive su facebook il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.
“Condoglianze alle famiglie delle vittime che a causa del terribile scontro ferroviario hanno perso la vita. Il Governo si attivi per capire che cosa sia successo”. Cosi’ Mariastella Gelmini, vice capogruppo vicario alla Camera dei deputati di Forza Italia, sulla sua pagina Facebook.
“Siamo sconvolti dalle immagini dell’immane tragedia pugliese. Uno scontro di tali proporzioni tra due treni non può, non deve avvenire. Vogliamo subito un’informativa urgente del ministro dei Trasporti e pretendiamo investimenti immediati per l’ammodernamento della rete ferroviaria del Mezzogiorno. Intanto, voglio esprimere tutta la solidarietà del gruppo parlamentare di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale ai familiari delle vittime e ai pugliesi”. È quanto ha dichiarato il capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli.
“Preghiamo per le vittime di una tragedia che non doveva succedere siamo vicini a famiglie”. Così su twitter Valentina Castaldini, portavoce nazionale del Nuovo Centrodestra.
“A nome del gruppo di Area popolare esprimo il cordoglio per le vittime del terribile incidente ferroviario in Puglia, la vicinanza alle loro famiglie e lo sconcerto per quanto è potuto succedere, che ha delle evidenti responsabilità umane che andranno accertate. Non sarà questo che renderà giustizia a chi è morto in modo così assurdo, ma almeno permetterà di lavorare perché fatti del genere non si ripetano in futuro.” Lo dichiara Maurizio Lupi, presidente dei deputati di Area popolare.
“Attonito davanti a immagini incidente ferroviario Puglia. Gruppo FI Camera vicino a famiglie vittime. Fare subito chiarezza su cause disastro”. Lo scrive su Twitter Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »