Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 17 luglio 2016

Nice attack: Amidst bloodshed, build peace with all people of faith and goodwill

Posted by fidest press agency su domenica, 17 luglio 2016

BruxellesBruxelles. The Conference of European Churches deplores the deaths of at least 84 people and the injuring of many more late last night in Nice (France). The attack involved a truck driven through large crowds gathered to enjoy fireworks for the French national celebration. Families, children, parents, and friends from across Europe—and even around the world—were gathered along the Côte d’Azur to celebrate in a joyful way.CEC is saddened and shocked by yet another indiscriminate act of violence on the ordinary people of Europe. This comes in the wake of other recent deadly attacks throughout the world, including in Iraq, Syria, Bangladesh, Libya, Somalia, and more. Yesterday’s violence is symbolic as it occurred on 14 July, Bastille Day, when French citizens commemorate the start of the French Revolution. On this anniversary, we are especially mindful of the heritage of this 18th century revolution that promoted values of equality, legality, and a state that strives to treat all religions equally.“As churches and people of faith we must ask ourselves, ‘What is our role in this?’” reflected CEC General Secretary Fr Heikki Huttunen at a moment of prayer in the Ecumenical Centre in Brussels. “How does this kind of tragedy challenge us and call us toward repentance instead of revenge?”
“I was horrified to hear of the attack in Nice last night,” said CEC President Rt Rev. Christopher Hill KCVO, DD. “My thoughts and prayers are with all those affected and indeed for France itself.” Through peacebuilding and reconciliation efforts, we in the churches must persevere in cultivating an atmosphere of trust and acceptance together with all people of faith and goodwill. CEC encourages all to continue and strengthen efforts to build societies where all people feel safe and welcome. Our prayers are with those who have died, those who remain injured and in critical condition, survivors, all those touched by this tragedy, and those who selflessly and courageously put their own lives at risk for the sake of others.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Liberté, égalité, fraternité

Posted by fidest press agency su domenica, 17 luglio 2016

NizzaPromenadeDesAnglaisNizza. “This heinous and despicable act was perpetrated against innocent men, women and children. It demonstrated a barbaric disregard for fellow human beings, depriving the victims of their most fundamental right: their right to life. It also struck out against the rights of those who have been injured and traumatised, as well as those of the friends and loved ones affected. Such deeds also serve to threaten the wellbeing and stability of our societies.”
“It is harrowing that this atrocity took place in the context of Bastille Day, a moment in the year when all of us, not only France, celebrate the principles of liberté, égalité, and fraternité. These form the bedrock of our European fundamental rights. The Nice attack is an attack on all of us.”
“We both expect and appreciate that States must take the necessary action to prevent acts of terror and to investigate and prosecute the offenders. It is no less imperative that all measures taken by governments in response to such attacks are respectful of the fundamental rights of us all. By doing so, we send out a clear signal: our response is not driven by hatred and fear; we will not be led down the path set out by the perpetrators”.
“The Europe of Values is strong. However hard it may be, we must remain true to it. We will find our strength in solidarity and our commitment to liberté, égalité, and fraternité.”
« Cet acte haineux et odieux a été perpétré envers des hommes, femmes et enfants innocents. Il témoigne d’un mépris barbare envers la vie humaine, privant les victimes de leur droit le plus fondamental : le droit à la vie. Cet acte représente également une attaque aux droits des personnes qui ont été blessées et traumatisées, et des amis et proches de tous celles et ceux qui ont été touchés. De tels actes visent aussi à menacer le bien-être et la stabilité dans nos sociétés. »
« Le fait que cette atrocité ait eu lieu lors du 14-juillet, qui est un jour où non seulement la France, mais nous tous, célébrons les principes de liberté, d’égalité, et de fraternité, est abject. Ces principes sont au fondement de nos droits fondamentaux européens. L’attaque de Nice nous touche tous. »
« Nous attendons et apprécions que les États prennent les mesures nécessaires pour éviter des actes de terreur, ainsi que pour enquêter et traduire les responsables en justice. Il n’en est pas moins impératif que toute mesure prise par les gouvernements en réponse à de tels actes respecte les droits fondamentaux de tous. Ainsi, nous envoyons un message clair : notre réponse ne repose pas sur la haine et la peur et nous ne ferons pas le jeu des auteurs ». « L’Europe des valeurs est forte. Toutefois, aussi dur que cela soit, nous devons y rester fidèles. Nous trouverons notre force dans notre solidarité et dans notre engagement pour la liberté, l’égalité et la fraternité. »

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Safe and legal ways to Europe only solution to migrant situation in Calais

Posted by fidest press agency su domenica, 17 luglio 2016

calais campMore must be done to open “safe and legal ways for people who are desperate to come to Europe so that they do not need to put their lives in the hands on human traffickers”, says MEP Ana Gomes (S&D, PT) who Wednesday headed a visit from the Civil Liberties Committee to facilities for refugees and migrants in the vicinity of Calais in Northern France. Only by creating safe alternatives to the lethal businesses of human smugglers through political asylum, legal migration and family reunification can the flow of refugees and migrants be managed, avoiding situations like Calais is currently experiencing, she added.An 8 MEP strong delegation from the European Parliament’s Civil Liberties Committee on Wednesday 13 July visited the refugee camp La Linière in Grande-Synthe and the day centre Jules Ferry close to “the Jungle” near Calais and met with local authorities, NGOs and the French-British border authorities.
After the visit, Ana Gomes (S&D, PT), who headed the delegation, commented:“We came to Calais to find out directly what is happening, what are the measures taken by the authorities, at the different levels, to deal in a human way with the afflux of migrants and refugees wishing to cross the channel into the UK.The situation in terms of inflow of people has not improved, because nothing has significantly disrupted the networks of smugglers, which make big money and reach far beyond the EU territory.Actually, all the security driven apparatus at the border only makes the criminal networks increase their smuggling prices and make more profit. And people keep coming… We saw two very different camps: One, in Grande-Synthe, has seen a reduction of people living in the camp and is successfully run by the mayor cooperating with civil society organisations, with no need for policing in the site. The other camp, in Calais, known as “the jungle” or “La Lande” provides now basic health services, protection for some unaccompanied minors and for women and schooling for some children but the lodging conditions are dire and there is heavy security and often inter-ethnic tensions.An increased administrative and social effort to persuade people to apply for asylum in France is needed. But it is also necessary to speed up in the UK the family reunification process for many of the inhabitants of those camps. Anyway, that does not solve the continuing inflow of new asylum seekers and migrants. Smugglers use any pretext – like Brexit – to feed the illusion that people will be able to cross the Channel. The only way to disrupt smugglers business is to open safe and legal ways for people to ask for asylum or migration permits into the EU in their countries of origin or of transit”.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A Palermo bandiera Onu su Palazzo Comunale

Posted by fidest press agency su domenica, 17 luglio 2016

http://www.dreamstime.com/stock-photography-image34333242

Il sindaco di Palermo Leoluca Orlando ha disposto che da oggi, in maniera permanente, sia esposto a Palazzo delle Aquile (sede del Municipio cittadino) la bandiera delle Nazioni Unite, “per onorare e commemorare le vittime di tutti gli attacchi terroristici avvenuti in questi mesi. Oggi piangiamo e commemoriamo le vittime di Nizza, come ieri abbiamo pianto e commemorato quelle di Dacca, di Orlando, del Cairo, di Parigi, di Ankara. Il terrorismo è ormai una minaccia globale, figlio ed allo stesso tempo padre di culture dell’odio, dell’intolleranza e del mancato riconoscimento dell’altro come essere umano, espressione della ricchezza della civiltà umana. Da oggi esponiamo la bandiera delle Nazioni Unite come simbolo dell’intera umanità ferita, ma anche come richiamo a tutte leIstituzioni internazionali perché il tema delle violenze e degli estremismi sia affrontato per quello che è: un problema che riguarda tutti e travalica le frontiere e gli interessi dei singoli Stati”. (bandiera onu)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Mordi e fuggi” della zanzara tigre

Posted by fidest press agency su domenica, 17 luglio 2016

zanzara tigreSecondo i dati del bollettino meteo di Vape Foundation divulgati da Anticimex, azienda internazionale specializzata nel Pest Management e nei servizi di igiene ambientale, nella settimana dal 14 al 20 luglio saranno ben 63 le province con l’indice potenziale di infestazione di zanzara tigre più alto, in una scala di intensità da 0 a 4. Nel Lazio l’allarme più alto si concentrerà sulla provincia della capitale romana e su quelle di Frosinone, Latina e Viterbo, nelle Marche su Ancona, Macerata e Pesaro-Urbino, in Abruzzo su Chieti, Pescara e Teramo. Termometro massimo in Emilia Romagna, Puglia e Sicilia, interamente prese d’assalto, mentre in Basilicata sarà il territorio di Matera a registrare l’indice 4. Calabria e Campania quasi al completo, dato che ad essere attaccate saranno tutte le province, ad eccezione di Cosenza per la prima e Avellino per la seconda. Anche la Sardegna nel mirino del livello 4 con Cagliari, Medio Campidano, Olbia – Tempio e Oristano, e a seguire le province di Ogliastra e Sassari, al livello medio-alto (3). In Lombardia gli striati insetti famelici faranno la loro comparsa manifestandosi principalmente sui territori di Brescia, Lodi, Mantova, Milano, e Pavia, sfiorando Cremona, che presenterà invece un indice medio-alto (3). In Piemonte maggiormente bersaglio delle zanzare Alessandria, Asti e Novara, seguite da Vercelli al livello medio-alto (3). Se in Veneto a soffrire saranno soprattutto Rovigo, Treviso e Venezia, con Vicenza un gradino più sotto (livello medio-alto 3), in Toscana ad avvicinarsi all’indice più alto saranno Arezzo, Livorno e Siena (livello medio-alto 3), in coda alle province di Grosseto, Lucca, Pisa, Pistoia e Prato (livello 4).
Come si può limitare il fenomeno e ostacolarne la diffusione?
“Il miglior rimedio resta la prevenzione, ovvero l’eliminazione di quei fattori che permettono lo sviluppo dell’insetto, vettore di malattie infettive nocive per la salute dell’uomo – sottolinea Valeria Paradiso, Responsabile Ufficio Tecnico Anticimex Italia – Per tenere lontano le zanzare sono sufficienti piccoli accorgimenti pratici, come svuotare i sottovasi delle piante ed evitare i ristagni di acqua, o adottare sistemi di disinfestazione automatica che, nebulizzando piretro o repellenti (aglio, rosmarino), permettono al privato di poter programmare giorni e orari di intervento, in assoluta autonomia. La soluzione però per liberare seriamente le nostre città dall’invasione delle zanzare è quella di pianificare interventi mirati e continuativi nel corso dell’anno, avvalendosi di esperti del settore e del coinvolgimento attivo dei cittadini, che giocano un ruolo fondamentale per le aree private.”
Cosa ci aspetta nelle prossime settimane?
“Il mese di luglio 2016 mostrerà un andamento climatico non molto diverso da quello che ha già caratterizzato giugno. Si registreranno quasi ovunque precipitazioni inferiori alla media stagionale fatta eccezione per le Isole Maggiori – Sicilia e Sardegna – e per le zone Alpine dove si verificheranno rovesci lievemente sopra alla media degli anni passati. Il particolare andamento climatico dell’ultimo mese ha favorito il proliferare della zanzara comune e per il mese di luglio si prevede anche una netta crescita della popolazione di zanzara tigre, seppure in zone ben delimitate.” – dichiara Claudio Venturelli, entomologo e membro del Comitato Scientifico di Vape Foundation.Per quanto riguarda gli accorgimenti per prevenire e contenere il fastidioso problema zanzara, bisogna tenere conto di alcune regole precise. “L’acqua ad esempio, è uno dei fattori prediletti per la colonizzazione larvale. È importante perciò evitare di accumulare contenitori che possono raccogliere anche piccole quantità di acqua stagnante.”- consiglia Valeria Paradiso – “Per chi preferisce metodi più naturali, ci sono fiori e piante dall’effetto repellente, come le piante aromatiche o la Catambra, non tali purtroppo da salvarci dalle punture. In casa, infine, si possono usare diffusori elettrici per piastrine o liquidi che contengono piretroidi da usare prima di soggiornare nella stanza in cui sono in funzionamento. Soluzione alternativa, fra le mura domestiche, è quella delle zanzariere: efficaci barriere contro questi piccoli fastidiosi insetti.”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Troppo sole e fattori di rischio

Posted by fidest press agency su domenica, 17 luglio 2016

melanoma-sulla-pelleAttenzione a esporre i bambini al sole per troppo tempo. Le scottature nell’infanzia rappresentano il principale fattore di rischio per il melanoma da adulti. Questo tumore della pelle nel nostro Paese in 45 anni ha fatto registrare un aumento dei casi pari al 103%: erano circa 1.000 nel 1970, nel 2015 ne sono stati stimati 11.300. La necessità di proteggere i piccoli è ancora più rilevante se si pensa che nei primi vent’anni di vita una persona può assumere fino all’80% del totale delle radiazioni solari della propria esistenza. Il monito arriva dal Master Course “Management del paziente con melanoma dalla ricerca alla terapia”, organizzato dall’Intergruppo Melanoma Italiano (IMI) che si apre oggi a Roma all’Istituto Dermopatico dell’Immacolata – IDI IRCCS. “Se la diagnosi avviene in fase avanzata, oggi abbiamo a disposizione armi efficaci per tenere sotto controllo la malattia a lungo termine – spiega la dott.ssa Paola Queirolo, presidente IMI e responsabile del DMT (Disease Management Team) Melanoma e Tumori cutanei all’IRCCS San Martino IST di Genova -. La sopravvivenza di questi pazienti è cambiata grazie a due strategie: da un lato le terapie a bersaglio molecolare, utilizzate nei pazienti che presentano la mutazione del gene BRAF (50% dei casi), dall’altro l’immuno-oncologia. Prima dell’arrivo di queste nuove armi, la sopravvivenza mediana in stadio metastatico era di appena 6 mesi, con un tasso di mortalità a un anno del 75%. Queste molecole hanno aperto un ‘nuovo mondo’ non solo in termini di efficacia e attività ma anche di qualità di vita per la bassissima tossicità e la facile maneggevolezza”. Oggi il 20% dei pazienti trattati con ipilimumab, la prima molecola immuno-oncologica approvata, è vivo a 10 anni dalla diagnosi. Gli anticorpi immunomodulanti, come nivolumab, che colpiscono la via di checkpoint immunitario chiamata PD-1, hanno evidenziato nei casi di malattia avanzata un tasso di sopravvivenza a un anno superiore al 70%. Dopo un triennio il 40% dei pazienti trattati con questi nuovi farmaci anti PD-1 è vivo, un dato che conferma il beneficio a lungo termine dell’immuno-oncologia. E nivolumab è la molecola anti-PD1 con il più lungo follow up: il 35% dei pazienti è vivo a 5 anni. “I bambini – continua la dott.ssa Queirolo, che è anche presidente del Master Course IMI – costituiscono l’anello debole della catena, perché la pelle è in grado di memorizzare il danno ricevuto dalle scottature solari accumulate durante l’infanzia e può innescare il processo patologico anche a diversi anni di distanza. I piccoli di età inferiore a 12 mesi non vanno esposti al sole. Proprio per sensibilizzare i bambini delle scuole primarie sulle regole di prevenzione l’IMI organizza la campagna nazionale ‘Il sole per amico’ in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione e con il patrocinio del Ministero della Salute. Tutti dovrebbero utilizzare le creme solari quando prendono il sole, evitando di esporsi nelle ore centrali. Senza dimenticare il controllo della pelle ogni anno dallo specialista. In particolare nelle persone che presentano più di 100 nei il rischio di melanoma è 6 volte superiore. Va sempre seguita la regola del ‘brutto anatroccolo’: l’insorgenza di un neo diverso per forma e colore rispetto a quelli già presenti è un segnale da tenere in considerazione e da far controllare dal dermatologo. Avere la pelle chiara, i capelli biondi o rossi e gli occhi chiari (blu, grigi o verdi) è un altro fattore di rischio. Se scoperto precocemente ed eliminato con una corretta asportazione chirurgica durante la fase iniziale, il melanoma è del tutto guaribile perché la probabilità che abbia invaso altri organi è pressoché nulla”. L’efficacia di uno screening diffuso della popolazione è stata dimostrata dal progetto SCREEN: dopo un periodo di due anni di intense campagne di informazione della popolazione sui fattori di rischio e sui segnali indicativi della malattia, più di 360mila cittadini tedeschi (il 20% degli adulti dello Schleswig-Holstein, nel Nord della Germania) sono stati sottoposti a controlli per un anno (2003–2004). Nel 2009, dopo un quinquennio dal termine del progetto, i tassi di mortalità per questo tumore sono diminuiti del 48%. E la percentuale di diagnosi in stadio iniziale è passata dal 52% al 64%. “L’IDI è al primo posto in Italia per numero di ricoveri per melanoma (e altri tumori cutanei), sono stati 2.297 nel 2015 – afferma il prof. Paolo Marchetti, che è consulente scientifico dell’Istituto, Direttore dell’Oncologia Medica all’Ospedale Sant’Andrea di Roma e presidente del Master Course IMI -. E abbiamo iniziato percorsi meno convenzionali garantiti gratuitamente, come il linfodrenaggio o l’agopuntura che di solito sono a carico dei pazienti. La sfida è rappresentata dalla combinazione delle terapie, ad esempio dell’immuno-oncologia con la terapia bersaglio-specifica, per un ulteriore miglioramento dei risultati già ottenuti con ciascuna di queste modalità di trattamento nella malattia in fase avanzata. I dati più recenti indicano come la combinazione ipilimumab e nivolumab sia in grado di garantire risposte efficaci in termini relativamente brevi. E risultati significativi sono emersi anche grazie a pembrolizumab, un’altra molecola immuno-oncologica”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma Capitale: Romani e rifiuti

Posted by fidest press agency su domenica, 17 luglio 2016

rifiutiIl rapporto dei romani con i rifiuti non è dei migliori. Alcuni episodi accaduti nei giorni scorsi danno un’idea di come il senso civico degli abitanti della Città Eterna non sia particolarmente sviluppato.L’esperienza e’ personale. Vediamo per episodi.
1. Signora che deposita il suo sacchetto dei rifiuti a terra davanti al cassonetto vuoto. Segnalo che il cassonetto e’ vuoto e puo’ utilizzarlo. La risposta e’: me fanno male le spalle. Faccio notare che il pedale per aprire lo sportello del cassonetto e’ funzionante, basta pigiare. Risposta: me fanno male le spalle ad alza’ er sacchetto.
2. Signora che deposita il proprio sacchetto davanti al cassonetto vuoto. Stesso invito precedente. Risposta: do’ ‘na mano a lascia’ Roma zozza.
3. Commerciante che lascia le scatole integre, senza schiacciarle, accanto ai cassonetti. Consiglio di piegare le scatole e inserirle nell’apposito contenitore. Risposta: fanno tutti cosi’.
4. Muratori stranieri che effettuano lavori di manutenzione in un appartamento. Chiedo che i prodotti di risulta non siano abbandonati per strada. Il mattino dopo trovo lavandini e vasi sanitari accanto ai cassonetti.
5. Ristoratore. In un angolo trovo dei rifiuti con sottobicchieri della birra Paulaner. Segnalo il fatto al ristoratore della Paulaner, li’ a due passi. Si giustifica dicendo che non e’ colpa sua ma di un bar vicino. Faccio notare che i sottobicchieri sono della birra che lui vende. Si convince e promette che raccogliera’ i rifiuti. Me ne vado ma non so se ha fatto quello che aveva promesso. Prima o poi qualcuno me dara’ ‘n sacco de’ botte. (Primo Mastrantoni, segretario Aduc)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La povertà femminile sottovalutata dalle statistiche ufficiali

Posted by fidest press agency su domenica, 17 luglio 2016

poveroSono oltre 2 milioni le donne in povertà assoluta, ma con gli indicatori attuali non è possibile misurare la distribuzione delle risorse economiche all’interno dei nuclei familiari. Il rapporto Istat “La Povertà in Italia” pubblicato oggi dimostra che sono ancora troppe le disuguaglianze che affliggono il nostro Paese. A pagarne il prezzo più alto sono le donne: sono 2 milioni 277mila quelle vivono in condizioni di indigenza, più numerose – in termini assoluti – di minori, giovani e anziani.
“Se da una parte la componente femminile e la dimensione di genere emergono come un elemento chiave per comprendere le cause della povertà, dall’altra il governo e i decisori politici non dispongono di strumenti adeguati per la sua analisi. Non esistono infatti indicatori che permettano di misurare la distribuzione delle risorse economiche tra componenti dei nuclei familiari. E’ quindi difficile rendere conto della complessità della povertà femminile, spesso interconnessa ad altri aspetti economici e – soprattutto – socio-culturali”, spiega Beatrice Costa, Responsabile Programmi di ActionAid Italia.A meno di un anno dall’adesione agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile – con i quali l’Italia si è impegnata a sconfiggere la povertà entro il 2030 – e mentre il Parlamento discute il Disegno di Legge del Governo circa la “Delega recante norme relative al contrasto della povertà, al riordino delle prestazioni e al sistema degli interventi e dei servizi sociali”, ActionAid sottolinea ancora una volta come il progressivo impoverimento possa essere combattuto solo con l’adozione di un’efficace politica nazionale di contrasto alla povertà, che sia organica e universale, come indicato dall’Alleanza contro la povertà in Italia, di cui ActionAid è membro fondatore.Pur riconoscendo lo sforzo fatto dal Governo nel varo delle nuove misure di contrasto alla povertà, in particolare il Sostegno all’Inclusione Attiva (SIA) e l’Assegno di Disoccupazione (ASDI), restano alcuni limiti di ordine generale – in primis la non universalità – che si accompagnano a forti criticità sulla prevista implementazione. Un esempio sono i progetti personalizzati di presa in carico dei beneficiari: essi devono essere realizzati dagli Ambiti Territoriali, i quali – oltre ad avere capacità molto differenziate a seconda dei territori – non sono secondo ActionAid sufficientemente supportati nella progettazione degli interventi e nell’integrazione di questi con la misura di sostegno al reddito. Il SIA rappresenta uno strumento, seppur imperfetto, per iniziare a invertire le tendenze drammatiche che i numeri dell’ISTAT ci mostrano, a condizione però che le misure di attivazione dei beneficiari previste dalla misura siano efficaci e che la responsabilità sia condivisa tra Governo, Regioni, Ambiti territoriali e società civile.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

UNICEF/Sud Sudan: aiuti per migliaia di persone sfollate

Posted by fidest press agency su domenica, 17 luglio 2016

sud sudanA seguito dei violenti combattimenti dell’ultimo fine settimana a Juba, l’UNICEF e i suoi partner stanno garantendo assistenza salva vita urgente a migliaia di persone sfollate.Quattro camion di aiuti- partiti dai magazzini dell’UNICEF- diretti presso un sito per sfollati delle Nazioni Unite a Juba stanno arrivando in queste ore, appena sarà possibile muoversi in città. In due chiese dove le famiglie si sono riunite, sono state distribuite barrette ad alto contenuto energetico.“Le persone più duramente colpite da questi combattimenti stanno lottando per far fronte a questa terribile situazione”, ha dichiarato Mahimbo Mdoe, Rappresentante UNICEF in Sud Sudan. “Hanno disperato bisogno di acqua, cibo e assistenza medica”.I principali aiuti che saranno distribuiti comprendono: taniche per l’acqua, forniture igienico-sanitarie (come sapone) e per il trattamento della malnutrizione. In seguito saranno distribuiti kit sanitari di base e kit ricreativi per bambini. Le squadre dell’UNICEF e dei suoi partner stanno lavorando per valutare l’ampiezza dei bisogni e hanno iniziato a identificare i bambini che sono stati separati dai loro genitori e dai parenti fuggiti a causa del conflitto. È in atto un piano per aiutare fino a 50.000 persone colpite dal conflitto.“Stiamo rispondendo e la nostra risposta continuerà ad aumentare, ma è di importanza vitale riuscire ad essere in grado di raggiungere ogni persona che abbia bisogno di aiuto e per questo l’accesso umanitario deve essere garantito senza restrizioni”, ha concluso Mdoe.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Handicap: Assistenza scolastica: verso la denuncia delle Regioni inadempienti

Posted by fidest press agency su domenica, 17 luglio 2016

scuola_01Da quando le Province hanno cessato di gestire il trasporto gratuito per le scuole secondarie e l’assistenza per l’autonomia e la comunicazione per gli alunni con cecità e sordità nelle scuole di ogni ordine e grado e per gli altri alunni con disabilità nelle scuole superiori, si sono diffuse gravi condizioni di disagio.Le Regioni avrebbero dovuto affidare quelle competenze e le corrispondenti risorse ad altri enti quali città metropolitane, enti di area vasta, ambiti territoriali, associazioni o consorzi di comuni ecc. A fronte dell’immobilismo e delle incertezze interpretative, l’ultima legge di stabilità ha ribadito che tali competenze sono definitivamente assegnate alle singole Regioni che potranno attribuirle ad altri enti. A questo punto, oltre all’incertezza circa gli enti destinatari delle competenze, è sorta un’altra incertezza per le famiglie e le scuole e cioè a quali assessorati regionali si intendesse attribuire la competenza ed i corrispondenti finanziamenti.“A metà luglio 2016, cioè a due mesi dall’inizio dell’anno scolastico, ancora il disorientamento regna sovrano! – dichiara Vincenzo Falabella, Presidente della Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap – Le scuole non sanno come sarà garantita la frequenza e le famiglie sono giustamente in ansia, poiché questi servizi normalmente negli anni precedenti erano programmati già a partire da febbraio o marzo dell’anno precedente.”
È a rischio il diritto allo studio in molte Regioni: gli alunni con disabilità non potranno frequentare come i compagni fin dall’inizio dell’anno e in taluni casi dovranno frequentare senza tali servizi o dovranno totalmente rinunciare alla frequenza. “Un silenzio gravissimo – prosegue Vincenzo Falabella – nonostante la pressante azione di sensibilizzazione e protesta delle nostre federazioni regionali e delle associazioni federate.” Di fronte alla violazione del diritto costituzionale allo studio, FISH annuncia azioni legali contro le Regioni inadempienti. “Non esiteremo ad agire contro le Giunte e gli Assessori che non hanno provveduto ad attivare in tempi utili i servizi che garantiscono la frequenza. È patente la discriminazione ai danni degli alunni con disabilità: chiederemo, oltre che la nomina di commissari ad acta che provvedano nel più breve tempo possibile, anche il risarcimento dei danni patrimoniali e non patrimoniali come previsto dalla legge 67/2006.” Ma FISH intende anche sporgere esposti-denuncia perché la Magistratura accerti se vi siano stati comportamenti omissivi che integrino il reato di interruzione di pubblici servizi. E non è esclusa l’eventualità che la FISH si rivolga al Governo affinché, essendo questi servizi dei livelli essenziali di prestazioni relativi a diritti sociali e civili ai sensi dell’articolo 117 della Costituzione, intervenga per sanare, con le facoltà che la Carta costituzionale gli riconosce, le inadempienze di talune Regioni.“Ci rivolgiamo anche alle famiglie: – conclude Falabella – fateci pervenire, attraverso le associazioni del vostro territorio, le segnalazioni di eventuali inadempienze così da rafforzare le nostre azioni politiche e in giudizio.”

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

IX edizione del Teatro del Fuoco International Firedancing Festival

Posted by fidest press agency su domenica, 17 luglio 2016

pizza teatro del fuocoPalermo 29 e 30 luglio presso Villa Filippina a Palermo, avrà luogo la tanto attesa sezioneFood del festival, dedicata al cibo, alla dieta mediterranea, alla creatività degli chef e, più in generale, a quell’Italian style che tutto il mondo apprezza – specialmente a tavola – per convivialità, stile e gusto.
Lanciato nel 2008 a Stromboli, nelle Isole Eolie, per creare sistema ed esaltare i valori di una terra che convive quotidianamente con questo elemento naturale, il Teatro del Fuoco nel 2009 è stato riconosciuto ufficialmente dal Presidente della Repubblica Italiana come «strumento di marketing territoriale innovativo». Con questa stessa filosofia la sezione food, soprannominata Teatro del Fuoco & Food, accende ogni anno la curiosità e la golosità di turisti e foodlover, attraverso tour gastronomici dedicati e piatti creati ad hoc da rinomati chef del territorio.
Nelle precedenti edizioni si sono alternati: Gigi Mangia con le sue Tagliatelle Teatro del Fuoco, il ristorante Il Filippino di Lipari (ME) con il Risotto Vulcanico, Peppe Giuffrè, ideatore delle Busiate all’Aglio e Domenico Privitera, presidente dei cuochi siciliani e titolare del ristorante Pane Olio e Sale di Mascalucia (CT) con il Risotto Teatro del Fuoco. Quest’anno sarà l’estro creativo dello chef Salvatore Chiappara e del pizzaiolo Giovanni Lavandera del ristorante è cotta di Palermo a interpretare la pizza Teatro del Fuoco.
La pizza è, infatti, un piatto antico e moderno, locale e globale, che ben racconta l’Italia, il Sud, le isole e infinite storie senza rifugiarsi sterilmente nel passato, bensì reiventandosi costantemente attraverso ricette inaspettate che talvolta guardano perfino all’alta cucina. La pizza è anche identità: ognuno ha la sua preferita per ingredienti, lievitazione e cottura, ma ciò anzichè dividere, unisce nel piacere della tavola, commensali di tutte le epoche, latitudini e culture.
La Pizza Teatro del Fuoco è un omaggio alla combinazione creativa di ingredienti naturali, mediterranei, semplici:impasto senza lievito, pomodorini ciliegino, mozzarella; aggiunti a crudo ci sono carote, songino, zucchine genovesi marinate nel peperoncino, zenzero e pomodoro secco. Una creazione firmata é cotta con un sapore forte e riconoscibile, in equilibrio fra piccantezza e dolcezza, morbidezza e croccantezza, che ricorda la costante evoluzione del fuoco in nuove forme e infinite identità. La Pizza Teatro del Fuoco si può gustare da giovedì 14 luglio, mentre lo show, pluripremiato e unico al mondo, del Teatro del Fuoco è in programma il 29 e 30 luglio aVilla Filippina: i biglietti sono disponibili su http://www.circuitoboxofficesicilia.it (foto: pizza teatro del fuoco)

Posted in Cronaca/News, recensione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

E’ ora di tutelare i diritti del mondo agricolo

Posted by fidest press agency su domenica, 17 luglio 2016

mondo agricolodi GIORGIO SCARLATO. Mentre stanno per terminare in Molise e nel Meridione le operazioni di mietitrebbiatura del grano duro, si accentuano in modo preoccupante i segnali negativi in merito alla caduta libera del relativo prezzo di mercato. Per la verità una campagna iniziata già sotto una cattiva stella con segnali per nulla positivi visti il prezzo che oscillava intorno ai 22 euro/ql; ora si attesta sui 17-19 euro. Una debacle.
Di questo passo non si possono che avere pensieri negativi per il futuro.
Il prezzo potrà ancora scendere visti i continui arrivi di grosse navi cariche di grano estero che costantemente riforniscono i nostri molini. Il settore agricolo ancora sotto scacco, e questo da anni, per una politica nazionale e regionale che non fa molto per tutelarne gli interessi, per di più affossato da un mercato globalizzato che poco ha che vedere con la leale concorrenza.
Un’agricoltura avviata verso una pericolosa deriva politico-economica a danno di una categoria da sempre svenduta: quella dei “cafoni”.Non si può restare inerme ed accettare in modo impassibile tali decisioni astruse ed aggressive nei confronti delle imprese agricole. C’è preoccupazione perché quello che si sta prefigurando.
Il rischio è quello di creare danni irreparabili alle aree tradizionalmente vocate alla cerealicoltura.
Gli scenari ipotizzabili sono infatti anche quelli di un definitivo abbandono di questa coltivazione visto che, prendendo ad esempio il Molise, dopo l’abbandono della coltivazione delle barbabietole da zucchero, le riduzioni di superfici quali quelle di pomodoro da industria, di orticole e frutticole non ci sono alternative agronomicamente praticabili; il conseguente degrado ambientale, sociale ed economico è vicino.Proprio mercoledì 29 giugno u.s. si è tenuto davanti alla Camera di Commercio di Foggia un sit-in di protesta contro il continuo ribasso del prezzo del grano ( in Molise, come al solito non si è saputo nulla) e come all’indomani della Brexit con il crollo di tutte le borse mondiali, anche il borsino nazionale del grano duro ha presentato un andamento in forte calo al punto che nella piazza della città dauna, la più importante a livello nazionale, è stato deciso di sospendere le quotazioni.
Non è possibile che il nostro grano venga svalutato e nel contempo veder continuare in modo inarrestabile l’import di grano dall’estero. Il mondo agricolo si trova in una situazione peggiore rispetto a quella dello scorso anno, inimmaginabile, con valori ben al di sotto dei costi di produzione.La famiglia agricola non può vivere con una redditività inesistente! Sempre la scorsa settimana, presso l’Assessorato all’Agricoltura della Regione Puglia si è tenuto un vertice tra l’assessore Di Gioia, le Organizzazioni di categoria e della trasformazione per cercare di trovare un punto d’incontro.
Come pure l’On Colomba Mongiello, vicepresidente della Commissione parlamentare d’inchiesta sulla contraffazione da precisato: ” I pastai affermano che è necessario importare grano a causa del basso tasso proteico di quello italiano, assumendosi la responsabilità di deprimere il prezzo della materia prima molto al di sotto dei costi di produzione. Però non vogliono dichiarare in etichetta il Paese d’origine del grano per non perdere appeal commerciale.
La drammatica crisi di questi giorni impone l’urgenza del confronto tra gli attori economici ed istituzionali sul Piano Cerealicolo Nazionale per condividere le misure più idonee a valorizzare la cerealicoltura italiana e dei prodotti della filiera 100% Made in Italy.Sono in evidente crescita i produttori di pasta ottenuta dalla trasformazione di solo grano nazionale, segno che c’è un valore aggiunto commerciale e che è possibile ottenere prodotti di alta qualità.” Vista la grave situazione, è ora che le varie regioni, Molise compreso, si siedano ad un tavolo per cercare in modo concreto soluzioni al grave problema che da anni si trascina. Il malcontento dei produttori è evidente, anche nell’ “ovattato” Molise.
Non è più concepibile veder fare il solito scarica barile delle responsabilità fra tutti gli attori della filiera senza giungere, così come sempre avvenuto in passato, al nulla.
Non è più concepibile assistere a tavoli interprofessionali simili ad una “torre di Babele” dove ciascuna componente parla una lingua diversa, incomprensibile per le altre e dove, sempre, si tende a minimizzare o peggio disconoscere addirittura il ruolo fondamentale della produzione della materia prima.E’ ora che il governo regionale unito ai nostri onorevoli e senatori regionali, con le altre regioni, si preparino a tutelare ed a rivendicare i sacrosanti diritti del mondo agricolo.
Basta alle accettazioni passive calate dall’alto! Il mondo agricolo ha diritto alla sua dignità che non può essere più calpestata. (fonte: Pasquale Di Lena blogspot.it) (foto: mondo agricolo)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dopo i disastri del neoliberismo i primi ripensamenti

Posted by fidest press agency su domenica, 17 luglio 2016

biodiversitàdi Giorgio Scarlato. L’economia capitalistica neoliberale, oscurantista, popolata da squali della finanza e da opportunisti sanguisughe, per continuare a crescere, ha fondato il suo concetto sullo spreco delle risorse ambientali e sul costo più basso possibile; concentrando la ricchezza in pochissime mani, quasi tutte dedite alla speculazione finanziaria e non agli investimenti produttivi.La crisi ha prodotto delle diseguaglianze sempre crescenti, ha innalzato barriere sempre più alte tra la parte ricca della popolazione e la parte che una volta era il ceto medio; ha creato un terremoto sociale.
Peggio: ha provocato danni quasi irreversibili alla sostenibilità della crescita e non solo per alcuni. E’arrivato il tempo, prima era innominabile, ed era ora, che dopo decenni, il Fmi (Fondo monetario internazionale) ha rinnegato la sua creatura, il neoliberismo, iniquo e dannoso; quella creatura che ha creato estreme diseguaglianze.
Questo per quanto si è letto sulla rivista dell’Fmi a firma del vice-economista capo Jonathan D. Ostry, Prakash Loungani e Davide Furceri. E’ stato scritto che sono due i pilastri che hanno retto per anni questa distruttiva tesi:
– la liberalizzazione dei capitali in altri Paesi;
– il consolidamento fiscale alias l’austerity (il taglio della spesa pubblica in un Paese indebitato).
Sul primo punto, la improvvisa ricchezza di questi Paesi, per un ben 20%, si è tradotta poi in un’altrettanto grave impoverimento.
In merito al secondo punto, le politiche di austerità non solo hanno generato sostanziali costi del welfare dovuti a distorsioni sul lato dell’offerta (salari e flessibilità ) ma hanno danneggiato anche la domanda, peggiorando così la disoccupazione.
In pratica una riduzione della spesa pari ad un punto percentuale del Pil prodotto fa aumentare la disoccupazione di un 0,6% ed un aumento di 1,5 punti dell’indice Gini (misura la diseguaglianza nella distribuzione del reddito o anche della ricchezza). Peggio di così…
Per ritornare al titolo dell’articolo, prove di questo ripensamento sono stati i titoli di diversi giornali qualificati come il britannico Guardian: ” Morte del neoliberismo dal di dentro”, dell’americano Time: ” Ripensamenti dei veri credenti della globalizzazione”, o del Fortune: ” Anche il Fmi ora ammette che il neoliberismo ha sbagliato”, o Forbes: ” Anche il Fmi vede 30 anni di neoliberismo come uno sbaglio”.E’ arrivato il momento di riconsiderare il tutto visto che questa lunga e distruttiva crisi ha portato a far riflettere, ed era ora, che, visti i pessimi risultati, il metodo attuato non poteva essere quello giusto.
Ed a nostre spese, in molti, stiamo ancora portando sulle nostre spalle questo gravoso fardello. Ci sono state catastrofi (Grecia insegna, come pure in Italia) e le terapie propinate in tutti questi anni non sono state per nulla efficienti viste le risultanze.
Si spera che i negoziati sul Ceta ( Trattato economico UE-Canada) ed il TTIP (Trattato di libero scambio UE- USA) non causino ulteriori danni, l’ennesimo “anello al naso” colonialista, vista la sbilanciata globalizzazione verso le multinazionali e che vengano davvero attenzionati da persone competenti e non da yes-man. Caso contrario,sarebbe davvero la fine.A questo punto, fortunatamente, essendo stato ammesso l’errore perpetrato in tanti anni; è opportuno che si rivedano queste strategie economiche e che prevalga, a vantaggio di tutti, la tutela della dignità umana e dello stesso lavoro perché: sbagliare è umano ma perseverare è diabolico. A vantaggio di un Pianeta dove certamente si vivrebbe meglio, per il bene di tutti. (fonte: Pasquale Di Lena blogspot.it) (foto: biodiversità)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Traffico illegale di legno in Europa

Posted by fidest press agency su domenica, 17 luglio 2016

BoscoSenza un serio intervento di lotta alla corruzione, sarà impossibile contrastare il fenomeno del traffico illegale di legno in Europa. Tra i due fenomeni c’è infatti una sottile linea rossa: a farla emergere, le ricerche portate avanti dal progetto TREES (Timber regulation enforcement to protect European wood Sector from criminal infiltration), finanziato dalla DG Affari interni della commissione europea. Venti mesi di indagini e sondaggi in Europa e nell’area Balcanica, presentate durante un incontro pubblico a Roma.“Quello della corruzione – spiega Antonio Brunori, segretario generale del PEFC Italia, organizzatore dell’evento e tra i partner del progetto – è un problema fortemente connesso con il commercio illegale del legname ma apparentemente è un ‘reato senza vittime’. Per questo è difficile da stanare perché si basa su un accordo tra diverse parti, tutte coinvolte con reciproci vantaggi. E in più, la corruzione, almeno formalmente, produce documenti che mascherano gli illeciti: quando tutti i documenti appaiono in regola è complesso evidenziare la presenza di un reato. Eppure intervenire è essenziale se si vogliono minimizzare le attività criminali nel settore forestale e del legno, che danneggiano l’ambiente, le imprese sane e lo Stato”.Il fenomeno del traffico illegale di legno e derivati è tutt’altro che marginale. I dati Interpol indicano che esso assicura al crimine organizzato un fatturato tra i 30 e i 100 miliardi di euro ogni anno, giro d’affari secondo solo al commercio di droga e superiore anche al traffico di rifiuti e di fauna selvatica. E l’Italia è pienamente coinvolta nelle attività di importazione illegale di legno. “Basta fare l’esempio della legna da ardere” spiega Angelo Mariano, ufficiale del Corpo Forestale dello Stato e membro dell’advisory board del progetto TREES. “Il consumo nazionale annuo è di 20 milioni di tonnellate ma la produzione e importazione ufficiale si ferma a 5 milioni. Da dove arrivano le altre 15 milioni di tonnellate?”. Non un caso che il CFS nel solo 2015 abbia dovuto effettuare 36400 controlli accertando più di 800 reati penali, 4300 illeciti amministrativi, che hanno portato alla denuncia di 382 persone, 101 sequestri, 23 arresti e a sanzioni per oltre 2,5 milioni di euro.Più in generale, a livello europeo, il Parlamento europeo stima che il legno importato illegalmente si attesti attorno al 20%. E tale traffico è probabilmente favorito anche da tangenti ai funzionari che dovrebbero controllare il rispetto delle norme. Ma anche nel Vecchio continente esistono canali ormai rodati per le importazioni illegali. E il progetto TREES ha evidenziato come, ad esempio, l’area balcanica rappresenti il “ventre molle” di questo tipo di traffici. “Nell’area dei Balcani – spiega Lorenzo Segato, direttore esecutivo del Centro Ricerche e Studi su Sicurezza e Criminalità RISCC – la corruzione è un qualcosa di pervasivo e diffuso, anche a livello culturale. È quindi difficile denunciarla. Quei territori sono stati storicamente coinvolti da traffici illegali, non solo per il settore legno. Esistono organizzazioni ben oliate e ramificate che conoscono percorsi sicuri, da usare per far passare senza intoppi i prodotti illegali”.Per tentare di minimizzare il fenomeno, occorre intervenire sulle norme europee che già oggi cercano di garantire trasparenza nel settore foresta-legno. Dal 2013 nell’Unione europea è operativo il regolamento Legno, noto anche come EUTR (European Union Timber Regulation). Uno strumento utile a contrastare il fenomeno dell’illegalità ma probabilmente non sufficiente. “È ancora presto per valutarne in profondità gli effetti – prosegue Segato – ma di certo, dai sondaggi che abbiamo effettuato durante il progetto TREES tra addetti ai lavori e forze dell’Ordine, è emerso come esso sia tutt’oggi scarsamente conosciuto. Tuttavia, accanto a una sua più rigorosa applicazione, sono senza dubbio utili tre correttivi: dobbiamo coinvolgere tutti gli attori impegnati nell’importazione del legno, sfruttare gli strumenti tecnologici che rendono più difficile falsificare i documenti di trasporto e bisogna introdurre incentivi che aiutino gli operatori che vogliono lavorare in modo legale”.Il progetto TREES è stato finanziato dalla DG Affari Interni della Commissione europea nell’ambito del Programma ISEC (Prevenzione e lotta al crimine) e realizzato da cinque partner principali: Conlegno, PEFC Italia, RiSSC, CNVP Foundation e RiskMonitor, supportati dai partner associati (INTERPOL, PEFC Slovenia, PEFC United Kingdom, PEFC Council, PEFC Germany, PEFC Slovakia, PEFC Norway, Bulgarian Investigators’ Chamber).

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Cosa succede negli USA? Cosa succede nell’UE? Cosa succede nel mondo? Cosa vogliamo far succedere?

Posted by fidest press agency su domenica, 17 luglio 2016

la voceL’uccisione dei poliziotti di Dallas e l’anticipata partenza del Presidente USA dal vertice della NATO in corso a Varsavia hanno richiamato su grande scala l’attenzione sulla crisi del sistema politico USA e sulla crisi sociale che la determina. La decisione annunciata a Varsavia dal vertice NATO che continuerà l’impegno militare in Afghanistan, sottintende altresì che si continuerà con le guerre in Africa, in Asia e in America Latina per eliminare o destabilizzare gli Stati che non aprono senza riserve il loro paese alle scorrerie del grande capitale e ai loro comitati d’affari.
La decisione annunciata a Varsavia mette in luce anche la crisi di chi non è in grado di creare un nuovo ordine conforme ai propri interessi essendo lacerata da interessi contrapposti: in definitiva ogni gruppo imperialista deve valorizzare il capitale che esso amministra. In questo senso va intesa l’iniziativa della  Goldman Sachs di assumere al suo serivizio José Manuel Barroso.
Dato il suo ruolo mondiale il sistema politico USA influenzerà il corso delle cose in tutto il mondo. Resta, in ogni caso,  la convinzione  che la borghesia imperialista è un gigante dai piedi di argilla, una belva oramai impotente a dirigere l’umanità, anche se ancora capace di fare grandi danni.
L’andamento della crisi del sistema politico USA dipende anche dalle lotte in corso nel mondo, ma la sua soluzione in definitiva dipende dallo sviluppo del movimento comunista negli USA: a questo sviluppo possono contribuire e contribuiscono i comunisti di tutto il mondo, principalmente lavorando alla rinascita del movimento comunista nel loro paese. Il primo paese imperialista che romperà le catene farà scuola anche alle masse popolari americane, come e meglio di come a suo tempo fece l’Unione Sovietica guidata prima da Lenin e poi da Stalin.
La crisi che sconvolge la società USA ha le apparenze della persecuzione e discriminazione razziali, dell’oppressione degli afroamericani e della loro resistenza. Queste sono un aspetto reale e permanente della storia degli USA fin dalla loro fondazione. Ma proprio Barak e Michelle Obama sono la dimostrazione che oramai non è più la razza che fa degli afroamericani il bersaglio della mobilitazione reazionaria negli USA. Se un nero è ricco oppure abbastanza istruito, carrierista e obamanobel1_intintraprendente, l’essere nero non ne fa un bersaglio della persecuzione e discriminazione razziali.
Il corso delle cose, l’esaurimento della prima ondata della rivoluzione proletaria mondiale e lo sviluppo della seconda crisi per sovrapproduzione assoluta di capitale hanno portato e portano anche negli USA all’eliminazione delle conquiste strappate in tutti i campi dalle masse popolari alla borghesia imperialista nella prima parte del secolo scorso. Da alcuni decenni le condizioni generali del proletariato e del resto delle masse popolari peggiorano anche negli USA nonostante le ricchezze che i gruppi imperialisti USA estorcono nel resto del mondo. E nelle masse popolari americane gli afroamericani pagano il prezzo più caro, come gli immigrati e in altri modi le donne. È un processo analogo a quello di cui sono vittima gli immigrati in Europa. In una società in cui la divisione e l’oppressione di classe si acuiscono, nei gradini più bassi della scala quanto più si scende tanto più cresce la proporzione dei gruppi vittime di discriminazioni ereditate dalla storia e delle vittime della ricolonizzazione dei vecchi paesi coloniali. Non è la xenofobia che aumenta in Europa. Arabi, asiatici e africani ricchi sono accolti a braccia aperte come investitori, come clienti e come turisti. Sono l’oppressione e lo sfruttamento che aumentano in Europa. È l’oppressione di classe che diventa più feroce.
assad-putinA livello internazionale, Cina e Russia sono bersaglio delle manovre aggressive della Comunità Internazionale dei gruppi europei, americani e sionisti. Questo e le loro grandi dimensioni inducono alcuni esponenti e organismi della sinistra borghese, persino alcuni personaggi e organismi che si dichiarano comunisti, ad assumere la Cina e Russia come campioni delle sorti dell’umanità e a schierarsi dalla loro parte. Il loro schieramento è cosa importante ma non perché accresce la forza o la volontà di resistenza della Cina e della Russia (o dei BRICS di cui però oramai la sinistra borghese parla meno, vista la piega presa dalle cose in Brasile, in India e in SudAfrica). Il primo paese imperialista che romperà le catene della Comunità Internazionale dei gruppi europei e americani mostrerà la strada e aprirà la via anche alle masse popolari del resto del mondo e si gioverà del loro appoggio. L’Italia può essere questo paese. L’esito delle recenti elezioni amministrative lo conferma e l’aggrava. Il referendum contro la riforma Renzi della Costituzione e per la sua attuazione offre un ottimo contesto per sviluppare il nostro lavoro. La lotta degli operai metalmeccanici e dei lavoratori di altre categorie per il rinnovo del CCNL crea un contesto favorevole alla moltiplicazione di Organizzazioni Operaie (OO) nelle aziende capitaliste. Le mille proteste in corso contro le misure antipopolari del governo Renzi, i referendum abrogativi e le lotte dei dipendenti pubblici creano un contesto favorevole alla moltiplicazione di Organizzazioni Popolari (OP) in ogni azienda e istituzione pubblica e in ogni zona d’abitazione. L’esito delle elezioni amministrative ha creato un contesto favorevole alla creazione di Amministrazioni Comunali d’Emergenza (ALE). Persino l’Amministrazione Comunale di Roma, centro nazionale della malavita e della speculazione, è finita nelle mani del M5S.
Le nuove amministrazioni comunali (M5S a Roma, Torino e altrove, di rottura con le Larghe Intese come De Magistris a Napoli, di sinistra che ha rotto col PD come a Sesto Fiorentino) si scontreranno ben presto e in modo sempre più acuto con il loro proprio legalitarismo: l’ostinazione ad attenersi alle procedure disposte dall’autorità centrale e alle loro leggi anziché promuovere la mobilitazione e lavoratoril’organizzazione delle masse popolari e far leva sui nuovi rapporti di forza che così nascono per attuare i propositi che hanno dichiarato. I procedimenti giudiziari, le vie legali, i ricorsi alle varie istanze della Pubblica Amministrazione della RP, i referendum sono tutti strumenti ausiliari: limitarsi ad essi è votarsi alla sconfitta e alla cooptazione nel sistema della RP. Un lavoro utile e dignitoso per tutti quelli disposti a lavorare, e una accurata opera di educazione delle nuove generazioni senza risparmio di mezzi: ecco le principali misure contro la malavita, la criminalità e la corruzione. L’assurgere di OO e OP al ruolo di nuove autorità pubbliche, il formarsi di Organismi Giovanili nella Scuole Medie Superiori e nelle Università, il reclutamento degli elementi decisi a compiere la Riforma Intellettuale e Morale necessaria per diventare comunisti: ecco come oggi facciamo avanzare la rivoluzione socialista nel nostro paese. La crisi delle banche, risultato delle speculazione e delle manovre dei banchieri, dimostra che le operazioni bancarie non sono dettate da sacre “leggi dell’economia” ma da interessi di bottega. La criminalità, l’illegalità e la corruzione sempre più diventano loro correnti modi operativi. Occorre che l’opinione pubblica sana osi sognare, pensare, vedere oltre l’orizzonte della società borghese!
Studiare il Manifesto Programma del Partito è la prima attività di chi si organizza per diventare comunista. Stabilire un contatto con il Centro del Partito è la seconda. Promuovere la costituzione di OO e OP e il loro orientamento a costituire il GBP è la terza. (il comunicato è stato ripreso in parte. Chi è interessato alla sua lettura integrale collegarsi al sito http//:www.nuovopc.it)

Posted in Spazio aperto/open space, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rifiuti italiani esportati in Marocco?

Posted by fidest press agency su domenica, 17 luglio 2016

foto maroccoGreenpeace Italia ha scritto lo scorso 6 luglio una lettera al ministro dell’Ambiente per chiedere chiarimenti sulla natura delle diverse tonnellate di rifiuti italiani che, secondo quanto riportato da diversi media, sarebbero stati trasportati di recente in Marocco. Al momento nessuna risposta ci è pervenuta dal ministro Galletti.Secondo gli accordi internazionali in vigore, l’Italia, in quanto firmataria della Convenzione di Basilea, non può in nessun caso esportare rifiuti pericolosi verso altri Paesi non OCSE. Per esportare tipologie di rifiuti considerati non pericolosi, ovviamente l’Italia ha il dovere di rispettare eventuali divieti contenuti nelle leggi del Paese importatore. Ad esempio, poiché il Marocco ha ratificato il Protocollo di Smirne della Convenzione di Barcellona, le norme di importazione dei rifiuti in questo Paese sono particolarmente severe ed escludono, ad esempio, materiali derivanti dalla raccolta indifferenziata di rifiuti solidi urbani e rifiuti infiammabili come gli pneumatici fuori uso.«Se, come riferito dai media, l’Italia ha davvero esportato in Marocco rifiuti urbani e pneumatici fuori uso, saremmo in presenza di una palese violazione del diritto internazionale», dichiara Giuseppe Ungherese, responsabile della campagna inquinamento di Greenpeace Italia. «Il trasporto nel Mediterraneo di rifiuti da incenerire è comunque un grave pericolo per l’ambiente. L’incenerimento di qualsiasi tipo di rifiuti dovrebbe essere vietato, per impedire l’immissione nell’ambiente di sostanze chimiche pericolose che potrebbero avere un grave impatto sulla salute delle persone e sugli ecosistemi», conclude.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Precariato scuola: la Consulta dice che è illegittimo

Posted by fidest press agency su domenica, 17 luglio 2016

Pacifico marcelloLo ha detto oggi Marcello Pacifico, presidente del giovane sindacato, nel corso della XIV Conferenza organizzativa legali: la posizione presa dalla Corte Costituzionale è sulla stregua di quanto espresso 20 mesi fa dalla Corte di Giustizia Europea. Quello compiuto dall’Esecutivo Renzi – ossia aver avviato il piano straordinario d’assunzioni per alcune categorie di docenti e un fondo risarcitorio da 10 milioni di euro – è solo un primo passo. Dopo sei anni di contenzioso, si è arrivati ad un punto fermo: uno Stato che usa e getta il personale precario assume un comportamento illegittimo. Ora, l’attenzione si sposta su tutti gli altri docenti precari abilitati inseriti nelle graduatorie d’istituto e ai laureati a cui l’amministrazione non vuole dare alcuna prospettiva. Oltre che al personale Ata, che non è personale di serie B e va stabilizzato allo stesso modo. Oggi più di ieri, basterà dimostrare al giudice di aver svolto oltre 36 mesi di supplenza su posto vacante, per ottenere almeno il risarcimento: i 10 milioni indicati nel comma 132 della Buona Scuola sono solo un acconto.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Pronuncia della Corte di giustizia europea sulla proroga delle concessioni demaniali

Posted by fidest press agency su domenica, 17 luglio 2016

Venezia. “La sentenza della Corte di Giustizia europea, – evidenzia Matteo Zoppas Presidente di Confindustria Venezia-, che si pronuncia negativamente circa la proroga delle concessioni demaniali marittime al 2020 écorte di giustizia europea una notizia che ci aspettavamo, ma che andrà interpretata e letta in profondità nei prossimi giorni per vedere che spazi di manovra ci possono ancora essere. Il nostro Paese ha continuato a rimandare per anni su una questione strategica per il comparto turistico – balneare, a differenza di altri che hanno legiferato con un unico obiettivo, ovvero tutelare le imprese e l’indotto occupazionale. Ora é più’ che mai necessario che il Governo appronti una forte azione per evitare che questo importante patrimonio economico venga disperso con rilevanti cadute sociali. Noi non chiediamo di boicottare la sentenza, ma di rendere compatibile il rispetto della normativa con le attività di un settore rilevante della nostra economia, anche in termini di tutela ambientale, perché’ forse si dimentica talvolta questo aspetto. Spero che al più presto i concessionari delle nostre spiagge possano superare il gap rispetto a quelli di Paesi concorrenti che attualmente hanno un chiaro vantaggio derivante dalla certezza d’impresa acquisita con una proroga duratura che permette pianificazione, investimenti e miglioramento dell’offerta turistica”.
Sulla sentenza é intervenuto anche Angelo Macola, Presidente Assitai, Associazione delle imprese del turismo all’aria aperta: ” In attesa di verificare il dispositivo della sentenza, auspico che si lavori in modo da tutelare innanzitutto il tessuto socioeconomico litoraneo nazionale e la professionalità delle nostre aziende per non riservare alle spiagge italiane il destino degli aeroporti greci, ovvero che al demanio sia dato valore di urgenza e priorità, le gare inseriscano tra i requisiti di gara valutati, di alcuni fattori fondamentali quali la professionalità acquisita, l’avviamento, gli investimenti effettuati, gli ammortamenti, le migliorie apportate sulle infrastrutture e soprattutto una durata delle concessioni rapportata alla quantità e qualità degli investimenti. Solo così si potrà selezionare la proposta migliore non solo da un punto di vista economico, ma anche dal lato della tutela delle peculiarità sociali dei territori e delle imprese”.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Rom: chiudere i campi fatiscenti

Posted by fidest press agency su domenica, 17 luglio 2016

Catania. «Il rogo che ieri ha coinvolto il campo rom di Zia Lisa alla periferia di Catania ha drammaticamente acceso, ancora una volta, i riflettori della pubblica opinione sulla problematica presenza delle comunità nomadi nell’Isola e sulla fatiscenza dei loro insediamenti. L’Italia e la Sicilia sono in prima fila nelle politiche di accoglienza, ma tutto deve avvenire in una cornice di regole precise cui tutti lororom devono uniformarsi. Non è tollerabile sopportare la esistenza di un campo nel quale le condizioni minime di vita, di igiene e di sicurezza non sono rispettate, così come non è tollerabile sapere che gran parte di loro vive di attività illegali. Cosa intendono fare il Comune di Catania e la Prefettura? Ciascuno, nelle proprie diverse responsabilità, deve assumere una concreta iniziativa». Lo ha dichiarato il presidente della Commissione Antimafia dell’Ars, Nello Musumeci.
Secondo il parlamentare siciliano, «il tema annoso e insoluto dei campi rom coinvolge decine di Comuni nell’Isola. Ce ne ricordiamo quando accadono eventi tristi o quando se ne occupano i mass media. Noi riteniamo, invece, che il fenomeno vada affrontato senza giustizialismo e senza buonismo, tenendo conto che quasi sempre la convivenza dei rom con la popolazione locale produce insofferenza, a volte difficile da gestire. Il governo regionale deve costituire assieme all’Anci e al coordinamento delle Prefetture, prima dell’arrivo dell’autunno, un tavolo di lavoro che assegni funzioni e compiti precisi a ciascun soggetto istituzionale e che proceda, anzitutto, al primo vero censimento della popolazione nomade in Sicilia, presupposto essenziale per conoscere le dimensioni del fenomeno e per approntare i necessari provvedimenti».

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Zanetti da teorico del nuovo a campione della vecchia politica”

Posted by fidest press agency su domenica, 17 luglio 2016

aula senato“Dopo avere perso l’intero gruppo parlamentare al Senato, dopo avere conseguito risultati elettorali da prefisso telefonico alle amministrative nel 2015 e nel 2016, ieri Zanetti ha perso 16 deputati su 21 e quindi neppure alla Camera dispone più di una rappresentanza Parlamentare. Rimane perciò con 3 deputati e un partito estinto. Lui che è stato teorico del nuovo, fustigatore della vecchia politica, capace di considerare l’esperienza politica alla stregua di un precedente penale, per sopravvivere si aggrappa ad un gioco di Palazzo con Denis Verdini, uomo di lungo corso, protagonista della stagione di Berlusconi, e prefigura un percorso con il gruppo Ala nato dalla scissione di Forza Italia” lo dichiara Andrea Causin, deputato di Area popolare.
“Mi auguro che Renzi si renda conto che il percorso di riforma del Paese, che passa per l’affermazione del referendum costituzionale, non ha bisogno di ambigue operazioni di palazzo con prospettive dello “zerovirgola” buone solo a mantenere la “cadrega” di chi le promuove. Piuttosto invece c’è la necessità di iniziare un lavoro comune nel Paese per costruire un progetto di cambiamento dell’Italia che abbia come obiettivo la crescita, lo sviluppo economico, l’occupazione giovanile e la modernizzazione. Un rilancio dell’iniziativa politica che è tutto l’opposto delle misere operazioni di palazzo che gli Italiani non tollerano più.
Se Zanetti infine avesse un po’ di coerenza lascerebbe immediatamente il suo posto di governo visto che al suo incarico non corrisponde più una rappresentanza parlamentare” conclude.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »