Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Pronuncia della Corte di giustizia europea sulla proroga delle concessioni demaniali

Posted by fidest press agency su domenica, 17 luglio 2016

Venezia. “La sentenza della Corte di Giustizia europea, – evidenzia Matteo Zoppas Presidente di Confindustria Venezia-, che si pronuncia negativamente circa la proroga delle concessioni demaniali marittime al 2020 écorte di giustizia europea una notizia che ci aspettavamo, ma che andrà interpretata e letta in profondità nei prossimi giorni per vedere che spazi di manovra ci possono ancora essere. Il nostro Paese ha continuato a rimandare per anni su una questione strategica per il comparto turistico – balneare, a differenza di altri che hanno legiferato con un unico obiettivo, ovvero tutelare le imprese e l’indotto occupazionale. Ora é più’ che mai necessario che il Governo appronti una forte azione per evitare che questo importante patrimonio economico venga disperso con rilevanti cadute sociali. Noi non chiediamo di boicottare la sentenza, ma di rendere compatibile il rispetto della normativa con le attività di un settore rilevante della nostra economia, anche in termini di tutela ambientale, perché’ forse si dimentica talvolta questo aspetto. Spero che al più presto i concessionari delle nostre spiagge possano superare il gap rispetto a quelli di Paesi concorrenti che attualmente hanno un chiaro vantaggio derivante dalla certezza d’impresa acquisita con una proroga duratura che permette pianificazione, investimenti e miglioramento dell’offerta turistica”.
Sulla sentenza é intervenuto anche Angelo Macola, Presidente Assitai, Associazione delle imprese del turismo all’aria aperta: ” In attesa di verificare il dispositivo della sentenza, auspico che si lavori in modo da tutelare innanzitutto il tessuto socioeconomico litoraneo nazionale e la professionalità delle nostre aziende per non riservare alle spiagge italiane il destino degli aeroporti greci, ovvero che al demanio sia dato valore di urgenza e priorità, le gare inseriscano tra i requisiti di gara valutati, di alcuni fattori fondamentali quali la professionalità acquisita, l’avviamento, gli investimenti effettuati, gli ammortamenti, le migliorie apportate sulle infrastrutture e soprattutto una durata delle concessioni rapportata alla quantità e qualità degli investimenti. Solo così si potrà selezionare la proposta migliore non solo da un punto di vista economico, ma anche dal lato della tutela delle peculiarità sociali dei territori e delle imprese”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: