Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 20 luglio 2016

Afghanistan: comando italiano organizza una ‘shura’ con esponenti locali Herat

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 luglio 2016

Afghanistan1Afghanistan(fidest) HERAT. Un’assemblea congiunta (in afghano shura) per fare il punto della situazione nella provincia di Herat si è svolta a Camp Arena tra le maggiori cariche politiche e militari della Provincia di Herat e il Comando italiano in Afghanistan, Train Advise Assist Command West (TAAC W), presieduta dal suo Generale di Brigata Gianpaolo Mirra.
L’incontro ha permesso un confronto tra il Comandante del 207° Corpo d’Armata dell’Esercito afgano (Afghan National Army), il Governatore della provincia di Herat e i Comandanti di tutte le forze di polizia operanti nella provincia. Durante l’assemblea è stato attentamente analizzato ogni distretto, valutandone la situazione della sicurezza nonché la presenza di fazioni criminali e cellule terroristiche, e di come le forze di sicurezza stiano operando per stabilizzare quelle aree.
Il Comando italiano ha ricevuto i ringraziamenti per aver organizzato la riunione, che ha permesso un efficace confronto tra le forze di sicurezza locali, e l’ elaborazione dei piani di azione condivisi.
È stato inoltre evidenziato come la regione ovest dell’Afghanistan, e la provincia di Herat in particolare, sia attualmente una delle zone del paese con le migliori prospettive economiche e culturali, e questo anche per le buone condizioni di sicurezza, raggiunte grazie alla cooperazione tra le istituzioni militari e civili afgane e all’impegno delle forze della coalizione guidate dall’Italia. (foto: Afghanistan)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Faith in Service: Rev. Richard Fischer retires from the Conference of European Churches

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 luglio 2016

Richard FischerOn 31 August, Rev. Richard Fischer concludes more than 21 years of service to the Conference of European Churches and its predecessor organisations. For the duration of his tenure he was based at the CEC Strasbourg (France) office, and in later years responsible for the bioethics and education portfolios. At a reception in Rev. Fischer’s honour, CEC President Rt Rev. Christopher Hill KCVO, DD remarked, “All in CEC will not only miss his quiet expertise but also his ecumenical friendship.” Rev. Fischer’s earliest studies were in philosophy and then theology. He undertook theological studies at the state-run faculty for Protestant theology in Strasbourg and completed his master’s studies with research on “Faith and Ecology: The experience of a church group.” His early career was preoccupied with pastoral work in the Alsace region of France. In these ministries he first encountered issues that would later inform his work with churches at the European level. During this time he worked in a number of diaconal non-governmental organisations focussing on social rehabilitation, just and sustainable development, environmental and human rights issues, ending extreme poverty and more. These experiences were instrumental in Rev. Fischer’s contributions in the first movement in France on political ecology.He continued his pastoral ministry through 1995, working as a university chaplain in Strasbourg and dean of a church district in Alsace. He combined this work with ecumenical and interreligious tours throughout Europe and developed his interest in the work of the Council of Europe and other European Institutions.In 1995 Rev. Fischer was seconded to European Ecumenical Commission for Church and Society (EECCS, a predecessor organisation to CEC) by the Union of Protestant Churches in Alsace and Lorraine (UEPAL). Throughout his 21 years as Executive Secretary he combined this part-time appointment with work for UEPAL, the Conference of Churches along the Rhine, the Untied Protestant Church of France, and the French Protestant Federation.At a reception in his honour at the end of June, Rev. Fisher remarked, “I think I never lost faith in God; God who continues to believe in me, to carry and support me. At the beginning of my work at EECCS, a friend asked me if it was not a bit the same with a united Europe—my enthusiasm gave him the impression that I was confusing it with the kingdom of God. No, of course! Although this is a political project—both utopian and realistic—I like it and it is worth fighting for it relentlessly.”Born in Strasbourg, Rev. Fischer is married, the father of two sons and grandfather of five. In his retirement, he looks forward to spending more time with his wife, children and grandchildren, walking and cycling in nature, meeting friends and reading, but also supporting Christian networks and associations dealing with human rights and ecumenism in France, Europe and beyond. Simply enjoying life! (photo: Richard Fischer)

Posted in Cronaca/News, Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

ARM Holdings’ Post Brexit Acquisition: Key Technological and Business Implications

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 luglio 2016

city of londonLONDON ARM Holdings has recommended its shareholders to accept a £24.3 billion bid from SoftBank. Brexit’s impact on the pound has made a number of UK businesses more attractive acquisition targets, while ARM Holdings’ revenue is protected by its global footprint and US-denominated income.
ARM Holdings has achieved great success in the mobile and Internet of Things era with its chip designs and processors. It licenses to both Apple and Samsung and has valuable ongoing agreements. ARM Holdings has often been suggested as an acquisition for Intel, the chipmaker, which mostly failed to capitalize on mobile, but is competing for a foothold in IoT. It was also proposed that Apple and Samsung, ARM Holdings’ two largest customers, might be interested. SoftBank has had a successful history of investing and acquiring to build the SoftBank conglomerate, including its robotics division and lucrative position as Japan’s third largest mobile network operator. Its interest in ARM Holdings is indicative of a continued focus on the Internet of Things, a paradigm which sees all objects connected and granted new capabilities. SoftBank wants ARM Holdings for a high-volume stake in the next wave of IoT devices, from home appliances to the Connected Car. Processing power is getting moved closer to the edge through advanced applications in Automotive, Healthcare and Augmented Reality with low latency requirements, which increases ARM Holdings’ potential. In recent years, SoftBank has also built capabilities in Artificial Intelligence, which will help create new and powerful synergies following today’s acquisition.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lacoste Ladies Open de France 2016 : Céline Herbin to defend her trophy

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 luglio 2016

cèlineThe 26th edition of the Lacoste Ladies Open de France will be held from 6-9 October at Golf de Chantaco, the Lacoste family stronghold in the Basque country, in southwestern France. Crowned last year after a thrilling finale, Céline Herbin will target to retain her career-first Ladies European Tour title.A total of 78 players will compete in the 26th edition of the Lacoste Ladies Open de France, which will be held for the fifth straight year at Golf de Chantaco in Saint-Jean-de-Luz. A Ladies European Tour event, the tournament will offer its usual prize money of €250,000, including a first-prize cheque of €37,500.Last year, after a memorable week capped off by a thrilling play-off against Dane Emily Kristine Pedersen, Céline Herbin claimed her first career victory as a professional, eleven years after a Frenchwoman, namely Stéphanie Arricau in Arras, won her national open for the last time. The 33 year-old from Avranches, who mainly plays on the U.S.-based LPGA Tour this season, will obviously come back in the Lacoste family golf club to defend her title. On the Lacoste Ladies Open de France’s illustrious roll of honour, the only two players to win three times are European golf legends Marie-Laure de Lorenzi from France (1988, 93, 95) and Trish Johnson from England (1996, 99, 2010). Other great names are engraved on the trophy, such as Major champions Liselotte Neumann from Sweden, the winner of the inaugural edition back in 1987, Patricia Meunier-Lebouc from France (2000) and Suzann Pettersen from Norway (2001), as well as Spanish Solheim Cup star Azahara Muñoz (2013-14). (photo: cèline)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Irish company blamed for firing over 60 workers after forming a union in the Philippines

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 luglio 2016

amsterdamAmsterdam. The Philippine company C & F Manufacturing, a subsidiary of the Irish C&F Group, laid-off 63 workers shortly after they officially formed a union. On May 26, 2016, the workers registered their union with the Department of Labor and Employment (DOLE). Shortly after, the company informed the same department that they are subjecting to ‘retrenchment’ or lay-off, some 98 regular workers of the company, wherein more than 63 of these workers are union officers and/or union members. In the evening of June 6, the night-shift workers learned about their mass lay-off through the posted ‘announcement’ of the management in the bulletin board. On the next day, June 7, 2016 the day-shift workers were blocked at the guard house and were no longer allowed to enter the premises of the company.
On June 9, 2016, 3 days later, the company hired 55 agency-supplied contractual workers.. The company simply replaced their former workers, some of whom had been working for twelve years, with workers on precarious work arrangements.
The Philippine company is a supplier to IT and electronics companies such as APC Schneider Electric, IBM, and EMC Corporation and C&F Group has signed the Electronic Industry Code of Conduct (EICC) and allegedly supports the ‘Ten Principles of The United Nations Global Compact in areas of Human Rights, Labour, Environment and Anti-Corruption’.
The actions of the company, possibly with the intention of union busting, and avoidance of employer obligations, is a violation of worker and trade union rights. Also, there are other complaints from the workers, which include ‘forced’ work on Sunday and public holidays, and excessively long working hours.47 CSOs and unions call on C&F Manufacturing Phils. Corp. and the C&F Group to end its harmful practices and to respect labour rights. Read the full press statement here. (photo amsterdam)

Posted in Estero/world news, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | 2 Comments »

Commissioner Vella: Let’s turn renewable ocean energy into a European success

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 luglio 2016

fish2The European Commission is looking to turn emerging ocean energy technologies like tidal and wave power into “another European success story”, replicating the spectacular uptake of offshore wind, Commissioner Karmenu Vella has said. The Commissioner was speaking at the third annual Offshore Energy and Storage conference in Malta.”Tidal and wave energy are making huge strides. Some say that harvesting just 0.1% of the energy contained in waves could power the entire world 5 times over! With the economic potential to match: the market opportunities could be worth around 535 billion euros until 2050,” Commissioner Vella said.
Yet he also underlined some of the obstacles that such ocean energy projects are facing: most notably in raising capital, convincing investors, and turning a bright initial idea into a viable business.
To remove such obstacles and support these new forms of ocean energy, the European Commission in 2014 set up an Ocean Energy Forum. This collaborative roundtable for industry and policymakers is currently working out how to develop ocean energy in Europe in the years to come. The resulting plan, an “ocean energy strategic roadmap”, is due by the end of the year.
In the meantime, the Commission is stepping up its financial support and considering new innovative financing mechanisms for renewable ocean energy projects. It already supports ocean energy projects through a variety of existing funds and programmes, and is currently exploring the possibility of setting up a specific investment platform for ocean energy under the European Fund for Strategic Investments (EFSI), together with the European Investment Bank.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Commission proposes to lift ‘red card’ from Republic of Guinea after it steps up fight against illegal fishing

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 luglio 2016

fish1The Commission has proposed to lift the “red card” and the associated trade measures for fisheries products from the Republic of Guinea, following significant improvements to its national fisheries governance to fight illegal, unreported and unregulated (IUU) fishing.European Commissioner for Environment, Maritime Affairs and Fisheries, Karmenu Vella, said: “This is an important decision for the Commission and for the Republic of Guinea, and good news for sustainable fisheries around the globe. After a long dialogue process Guinea has shown real commitment to fighting illegal fishing. We encourage them to join us in our ongoing work to promote improved ocean governance, including legal and sustainable fisheries worldwide.”
The Republic of Guinea was warned by the Commission in November 2012 of the risk of being considered a non-cooperating country, with the so called “yellow card”. It was listed or “red-carded” by the Council for inadequate action in November 2013.
Today’s good news follows several years of dialogue with Guinea, which has now successfully addressed the shortcomings in its fisheries governance. In particular, Guinea has revised its legal framework to combat IUU fishing, strengthened its sanctioning system, improved monitoring and control of its fleet and waters, and is now complying with international law.
Guinea has also ratified the Port State Measures Agreement (PSMA), an important tool under the United Nations’ Food and Agriculture Organisation (FAO) that prevents illegal fish from being landed in the country’s ports. This international agreement entered into force last month. As a result of these changes the Commission has proposed to end formal discussions with Guinea and remove it from the list of non-cooperating countries. The Commission looks forward to continued cooperation with this partner in the fight against IUU fishing.
Fighting illegal fishing is part of the EU’s commitment to ensure the sustainable use of the sea and its resources under the EU’s Common Fisheries Policy, and in the context of better governance of the oceans worldwide.
Today’s Decision is based on the EU’s ‘IUU Regulation’, which entered into force in 2010. This key instrument in the fight against illegal fishing ensures that only fisheries products that have been certified as legal can access the EU market.
The global value of IUU fishing is estimated at approximately 10 billion euros per year. Between 11 and 26 million tonnes of fish are caught illegally a year, corresponding to at least 15% of world catches. The EU is the world’s biggest importer of fisheries products.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Your holiday guide to eating F.I.S.H.

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 luglio 2016

fishFish is for Fun. Few things in life are more pleasant than a nice Fish meal on the sea Front with Friends and Family after a lazy day in the sun. But how relaxed can you be about the Fish you are being served? Should we rather eat Farmed seafood? Can you tell your children that their Fish is Fit to eat?
If you check out our list, you will find the 36 North-East Atlantic fisheries that are sustainable today including haddock from the North Sea or herring from the Irish Sea. In the Mediterranean Sea, Bluefin tuna, heavily overexploited until recently, is now another safe bet. Moreover, several organisations produce guides for different countries in the EU, listing recommended seafood products. If you are the connected type, you can get an app that will tell you if the fish on offer is local and whether or not it is sustainably fished. If you still prefer face-to-face to interface, ask the restaurant chef: is the fish seasonal? Is it local? Is it sustainably fished? No smartphone required. Or if you are buying your fish at the market, new EU labelling guidelines will tell you where the fish comes from. Some producers certify the origin of their fish and give you peace of mind on its sustainable origin.
S is for Size.Which does matter. Because overfishing is bad as it is, without the added evil of fishing or consuming undersized fish: young specimens that were taken out of the water too soon and never had a chance to reproduce. When in doubt, use our ruler showing the minimum sizes for Mediterranean fish. And if size matters, so does season. Just like fruit and vegetables, seafood products can be in season or not, depending on their reproductive cycle. By avoiding eating, for instance, lemon sole, red gurnard, lobster or sardines in summer, we give those species time to reproduce and the stocks a chance to be renewed. We should also always consider the alternatives: there are quite a few lesser known species out there that you may have never tasted; and we can also diversify into farmed seafood, which is local, fresh and healthy. Thanks to the highest production standards in the world, fish farmed in the EU are safe for people, for the farmed species and for the environment.
H is for Health. Fish is universally acclaimed as a healthy component of our diet. As we all know it is rich in protein, but its prime value lies in the fact that it contains clusters of brain-specific nutrients, the omega-3 fats, which our body cannot produce and must get from the diet. These fats, DHA and EPA, affect mental health throughout our life cycle. Fish also helps regulate blood pressure (thus reducing the risks of heart attack) and blood sugar, which is good for weight loss and diabetes. It is a source of vitamins and minerals; it helps combat osteoporosis; …. Should we go on? If you are concerned about heavy-metal poisoning, know that fish sold in the EU is systematically checked for contamination and immediately taken off the market in the rare dubious cases. Last but not least, fish is quick and easy to cook, making it one of the healthiest forms of fast food!
So, don’t stop consuming fish; we should keep eating it, and eating lots of it. It is a renewable source and consumed wisely, we will be able to enjoy fish for generations to come.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gabriele Basilico, architetture e città

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 luglio 2016

gabriele basilicoMadrid 27 maggio – 6 settembre 2016 Dal lunedì al venerdì dalle ore 10.00 alle ore 18.00 Agosto dalle ore 10.00 alle ore 14.00 Istituto Italiano di Cultura Calle Mayor, 86. Festivi chiuso. Ingresso libero. Il percorso di mostra inizia da Roma, di cui è documentata la stratificazione architettonica millenaria: dalle persistenze monumentali di epoca romana che convivono con il tessuto urbano attuale, passando per i progetti che hanno ridisegnato la capitale tra gli anni Trenta e Sessanta, in particolare quelli di Luigi Moretti, tra Foro Italico, Villaggio Olimpico e nuove periferie, per arrivare fino ad oggi, con gli edifici firmati dai più apprezzati autori contemporanei. La serie realizzata nel 2009 in occasione della costruzione del Museo MAXXI di Zaha Hadid, nell’ambito del progetto Cantiere d’autore, è l’espressione più recente dell’identità assunta dalla città nel nuovo Millennio.
Genova, Napoli, Palermo e la “città ponte” costituita dallo Stretto di Messina sono luoghi legati alla mutevole identità del mare, che Basilico osserva con uno sguardo lento e centrato.Una sezione è dedicata a Milano, luogo di nascita e di formazione del fotografo: le sue immagini rivelano qui un’adesione affettiva ed empatica, offrendo visioni della città nella quale «architettura “colta” e architettura “ordinaria”» convivono in uno stesso piano. Infine la città di Beirut, visitata nel 1991 a ridosso della fine di una guerra durata quindici anni, offre all’autore la possibilità di riflettere ancora più profondamente sul compito civile della fotografia: un ruolo etico che consiste nel dar forma alla memoria storica di una città. Per Gabriele Basilico fotografare lo spazio urbano vuol dire entrare in relazione con il suo corpo fisico, con la sua vivida organicità: lo stato di sospensione che accompagna le sue immagini riflette il tentativo di cogliere la struttura più profonda della città. La fotografia, con il suo tempo di osservazione lento, di attesa, di ascolto, è lo strumento attraverso cui vedere ciò che è davanti ai nostri occhi ma risulta invisibile: un mezzo per rieducare alla visione sensibile e meditata dei luoghi. (foto: Gabriele Basilico, Roma, Palazzina San Maurizio, 2010, courtesy MAXXI Architettura)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nigeria: quasi 250 mila bambini malnutriti, 49mila a rischio di morte nello stato del Borno

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 luglio 2016

FCO 312 - Nigeria Travel Advice Ed2 [WEB]Mentre la crisi umanitaria dovuta all’emergenza causata da Boko Haram prosegue, secondo l’UNICEF quasi 250.000 bambini sono gravemente malnutriti nello stato del Borno, nel nordest della Nigeria e rischiano di morire. Su 244.000 bambini che soffrono di malnutrizione acuta grave nello stato del Borno, si stima che 49.000 – 1 su 5 circa – moriranno se non saranno raggiunti con le cure dovute.“Se la risposta alla crisi non sarà ampliata velocemente, in media ogni giorno circa 134 bambini moriranno per cause legate alla malnutrizione acuta,” ha dichiarato Manuel Fontaine, Direttore Regionale UNICEF per l’Africa Centrale e Occidentale, appena tornato da una missione nello stato del Borno. ”E’ necessario che tutti i partner e i donatori diano il proprio supporto affinché nessun bambino muoia. Nessuno può affrontare una crisi di tale portata da solo.”
Dato che più aree nel nordest della Nigeria cominciano ad essere accessibili all’assistenza umanitaria, l’allargamento della crisi nutrizionale che ha colpito i bambini inizia ad essere sempre più evidente. L’UNICEF chiede a tutti i suoi partner di unirsi nella risposta umanitaria e ai donatori di garantire risorse con urgenza.
Durante una visita presso le aree accessibili, prima sotto il controllo di Boko Haram, Fontaine ha visto le persone sfollate in città distrutte, famiglie con un accesso molto limitato a servizi igienici adeguati, cibo e acqua, e migliaia di bambini molto magri in disperato bisogno di aiuto.“Ci sono 2 milioni di persone che non possono ancora essere raggiunte nello stato del Borno”- ha continuato Fontaine – Ciò significa che la reale portata della crisi non è ancora stata resa nota al mondo”.
L’UNICEF sta lavorando con i suoi partner per visitare e curare i bambini colpiti da malnutrizione e migliorare l’accesso all’acqua e alle strutture igienico sanitarie. La risposta umanitaria dell’UNICEF comprende anche cure mediche, vaccinazioni, istruzione e supporto psicologico per i bambini colpiti dalle violenze. All’inizio del 2016, l’UNICEF ha lanciato un appello per 55,5 milioni di dollari per rispondere alla crisi umanitaria nel nord est della Nigeria, ma fino ad ora ha ricevuto soltanto 23 milioni di dollari – il 41%.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’instabilità dell’economia a livello globale crea opportunità di crescita e innovazione

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 luglio 2016

londraLondra. Gli amministratori delegati delle aziende di tutto il mondo e i membri della comunità di Frost & Sullivan per la crescita, l’innovazione e la leadership (GIL) rivelano che l’instabilità del settore rappresenta una delle principali sfide che un amministratore delegato deve affrontare per la crescita.
Una percentuale sempre maggiore di amministratori delegati sta assistendo a cambiamenti radicali nei modelli di business che comportano la trasformazione totale dell’ecosistema del proprio settore. In un tale contesto, la resistenza interna al cambiamento e la mancanza del lavoro di squadra necessario per la trasformazione visionaria stanno ostacolando la capacità delle aziende di sviluppare e attuare potenti strategie di innovazione e di crescita. Le fusioni e le acquisizioni sono comunemente utilizzate dagli amministratori delegati per sviluppare e sostenere la crescita e l’innovazione. Ciò, tuttavia, è in conflitto con il dato di fatto che fusioni e acquisizioni sono le strategie di crescita con il più basso tasso di successo. Alla luce di queste informazioni, come potranno gli amministratori delegati sviluppare e sfruttare le best practice per trasformare le proprie aziende e dare slancio all’innovazione e alla crescita?
“Nell’economia globale fortemente dinamica di oggi, è estremamente importante che gli amministratori delegati dimostrino una leadership visionaria nel guidare le proprie aziende, specialmente nel momento in cui l’ecosistema del settore in cui operano subisce cambiamenti, crolli e trasformazioni”, afferma Sandeep Kar, Global Vice President di Frost & Sullivan. “La conoscenza delle tendenze nuove ed emergenti del settore, delle forze dirompenti, delle opportunità di crescita trasformazionale e delle best practice è necessaria agli amministratori delegati per prepararsi ai diversi scenari aziendali ed evitare la morte delle proprie aziende e dei relativi ecosistemi in seguito ai numerosi tagli richiesti”. Frost & Sullivan 2016 Annual CEOs Voice on Growth, Innovation and Leadership punta a fare chiarezza sul processo decisionale strategico offrendo approfondimenti potenti e concreti mutuati dalla nostra comunità globale di amministratori delegati appartenenti a una vastissima gamma di settori e regioni.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

UNICEF/ HIV e AIDS: Nel 2015, ogni ora 29 nuovi contagi da HIV erano tra giovani

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 luglio 2016

africa7Per l’UNICEF un numero allarmante di adolescenti sta morendo per AIDS. “Dopo tutte le vite salvate grazie a prevenzione, cure e trattamenti, dopo tutte le battaglie vinte contro il pregiudizio e l’ignoranza verso questa malattia, dopo tutti i grandi traguardi raggiunti, a livello globale l’AIDS è ancora la seconda causa di morte per tutte le persone tra i 10 e i 19 anni – la prima in Africa”, ha dichiarato Anthony Lake, Direttore generale dell’UNICEF.Dal 2000, Il numero di morti di adolescenti tra i 15 e i 19 anni collegate all’AIDS è molto più che duplicato. A livello globale nel 2015, ci sono state in media ogni ora 29 nuovi contagi tra giovani in questa fascia di età. Anche se i tassi di nuovi contagi tra gli adolescenti si sono stabilizzate, l’UNICEF teme che possano tornare ad aumentare nei prossimi anni, il che significherebbe un incremento generale del numero di contagi.
Le ragazze sono particolarmente vulnerabili, rappresentando a livello globale il 65% di nuovi contagi tra gli adolescenti. In Africa Sub Sahariana, in cui si trova il 70% delle persone che nel mondo vivono con HIV, 3 su 5 dei nuovi contagiati tra gli adolescenti nel 2015 sono state ragazze.La paura di fare il test tiene molti adolescenti all’oscuro del proprio status. Tra gli adolescenti, solo il 13% delle ragazze e il 9% dei ragazzi l’anno scorso hanno fatto il test. Una nuova indagine condotta su U-report, strumento dell’UNICEF basato su tecnologia mobile, mostra che circa il 68% dei 52.000 giovani a cui è stato somministrato il questionario in 16 paesi hanno detto di non voler fare il test perché spaventati da un risultato positivo all’HIV e dallo stigma sociale.
Dal 2000 sono diminuite drasticamente (del 70%) le nuove infezioni tra i bambini dovute alla trasmissione materno infantile alla nascita o durante l’allattamento. L’UNICEF continua a chiedere di predisporre nuovi impegni per eliminare la trasmissione materno infantile del virus dell’HIV. A livello globale, dal 2000, attraverso azioni mirate per prevenire la trasmissione materno infantile nei paesi con alto tasso di contagi da HIV/AIDS, il tasso di trasmissione del virus è diminuito di circa il 70%. In questo dato è compresa anche l’Africa Sub Sahariana, la regione con il più alto tasso di contagi e morte a causa dell’HIV/AIDS. A livello globale, negli ultimi 15 anni, il programma per prevenire la trasmissione materno infantile del virus ha evitato circa 1,6 milioni di nuovi contagi da HIV tra i bambini, mentre attraverso la distribuzione di cure antiretrovirali sono state salvate le vite di 8,8 milioni di persone.Alla vigilia della 21° Conferenza Internazionale sull’AIDS che avrà luogo a Durban questa settimana, l’UNICEF ricorda che nonostante i grandi progressi realizzati nell’affrontare la pandemia dell’HIV/AIDS, c’è ancora tanto lavoro da svolgere per proteggere i bambini e gli adolescenti dall’infezione, dalle malattie e dalla morte.
A seguito di una visita presso il Prince Mshiyeni Memorial Hospital nella provincia di Kwa Zulu Natal, in Sud Africa, Lake ha ribadito che sono necessarie politiche innovative per raggiungere i bambini che sono ancora lasciati indietro. Nel 2015, la metà delle nuove infezioni di bambini e giovani tra 0 e 14 anni è avvenuta in solo 6 paesi: Nigeria, india, Kenya, Mozambico, Tanzania e Sud Africa.“I progressi fatti negli ultimi 30 anni non significano che la nostra lotta sia terminata,” ha continuato Lake. “La battaglia contro l’AIDS non sarà terminata fino a quando non rinnoveremo gli impegni per la prevenzione e le cure, fino a quando non raggiungeremo tutti i giovani che non possono ricevere i benefici a cui milioni di persone prima di loro hanno avuto accesso, fino a quando lo stigma sociale e la paura non saranno stati eliminati affinché molti più giovani vorranno finalmente sottoporsi al test.”

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Campania by Night: Archeologia sotto le Stelle

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 luglio 2016

pompei dove il tempo si è fermatoPompei Giovedì 21 luglio alle ore 20 presso la Palestra Grande degli scavi di Pompei presentazione alla stampa del progetto della Regione Campania, promosso e realizzato dalla Scabec, “Campania by night. Archeologia sotto le stelle”, 80 aperture serali nei siti di Pompei, Ercolano, Paestum, Villa Arbusto a Lacco Ameno d’Ischia e Villa marittima romana di Minori.
Dopo la presentazione si inaugureranno i percorsi di Pompei, che prevedono la visita guidata con percorso illuminato e un concerto, a cui seguiranno nei prossimi giorni le inaugurazioni di Paestum (22 luglio), Villa Arbusto (23 luglio), Ercolano (24 luglio), Villa Romana (30 luglio)
Interverranno:
il Presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca
il Soprintendente di Pompei Massimo Osanna
la Presidente della ScabecPatrizia Boldoni
Saranno inoltre presenti il Direttore del parco archeologico di Paestum Gabriel Zuchtriegel, i rappresentanti degli altri siti archeologici e Comuni coinvolti, il curatore della rassegna di Pompei Luigi Gallo, la curatrice della rassegna di Villa Arbusto Laura Valente.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Siccità e alluvioni. Le terre dell’Etiopia da cui migrare

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 luglio 2016

etiopiaSi stima che oltre 60 milioni di persone nel mondo – di cui circa 40 milioni solo nell’Africa orientale e meridionale – versino in condizioni di insicurezza alimentare causata dagli effetti del fenomeno climatico El Niño. Di questa grave situazione di instabilità l’Etiopia è uno degli esempi più evidenti. La carenza di piogge ha raggiunto proporzioni tanto vaste da causare la peggiore siccità degli ultimi 30 anni. Ha messo in ginocchio 10 milioni di abitanti. A peggiorare una situazione già critica, un ulteriore mutamento del clima, che si è abbattuto sul Paese con piogge devastanti. Le alluvioni iniziate in marzo e gli allagamenti associati hanno spinto 237.000 persone a lasciare le loro case. Sono soprattutto giovani. Queste migrazioni forzate creano problemi di accoglienza nelle città e minacciano il successo dei programmi nelle zone colpite. Il caldo torrido di El Niño prima e le pioggie torrenziali poi hanno inoltre causato la morte di migliaia di capi di bestiame (400 mila solo nella zona Nord del Paese) e consegnato all’Etiopia migliaia di ettari di terreno incoltivabile. L’emergenza ha colpito in particolare le regioni dell’Afar, dell’Ogaden, del Tigray orientale, dell’Oromiya (in particolare Centro ed Est), i bassipiani intorno alla Rift Valley e l’Amhara Orientale.Nonostante la forte crescita del PIL, che nell’ultimo decennio ha superato il 10% annuo, l’Etiopia appare dunque come un gigante dai piedi d’argilla, ancora in balia di problemi strutturali come le emergenze alimentari cicliche. Secondo il Governo Etiope sono necessari oltre 1,5 miliardi di dollari per rispondere all’emergenza umanitaria del 2016, di questi, almeno 703 milioni occorrono per intervenire rispetto ai bisogni immediati.In risposta all’emergenza e per avviare attività preventive, che consentano di dotare il sistema degli strumenti per reagire prontamente anche a squilibri futuri, sono scese in campo Amref ed ActionAid. L’intervento si concentra nel Nord del Paese, nell’area di Amhara, North Shewa Zone.
etiopia1In questi luoghi, Amref Health Africa si concentrerà sulla creazione di tutte le infrastrutture idriche funzionali alla gestione dell’acquae si dedicherà anche alla formazione delle comunità sulla gestione e manutenzione degli impianti, nonché sulla prevenzione delle malattie legate all’acqua. “Il progetto che abbiamo inaugurato- spiega Roberta Rughetti, Resposabile Programmi Africa di Amref- è ambizioso. In un periodo di 10 mesi si propone di migliorare le condizioni di vita dei migranti potenziali, fornendo loro i servizi igienico-sanitari essenziali. Le attività sul campo contribuiranno inoltre ad arricchire le conoscenze in merito al fenomeno migratorio nelle aree di intervento”.”L’Etiopia è una priorità nel quadro degli interventi della cooperazione italiana, perché questa terra ha la possibilità di coltivare e far crescere le capacità del suo popolo. L’empowerment delle popolazioni locali e il potenziamento delle loro abilità genera uno sviluppo sostenibile. – ha sottolineato Letizia Ginevra, Direttrice dell’Ufficio della Cooperazione Italiana allo Sviluppo di Addis Abeba – Lo sviluppo delle comunità locali è la risposta alla migrazione. Riuscire a mitigare gli effetti di siccità e carestia prima e delle alluvioni incontrollate attraverso un intervento di food protection e gestione delle risorse idriche permetterà di affrontare le conseguenze dell’emergenza”.Parallelamente al lavoro di Amref, ActionAid si occuperà del supporto alle attività agricole e generatrici di reddito intorno all’acqua e indirizzate alla tutela ambientale. “Porteremo avanti una serie di interventi a sostegno del ripopolamento del bestiame e punteremo a rafforzare le conoscenze delle comunità in merito alle tecniche di coltivazione più efficaci”, ha riferito Alberto Petralia, coordinatore del progetto di Action Aid. (foto:etiopia)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bene Governo su reintegro fondi per lingua e cultura italiana all’estero

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 luglio 2016

Palazzo chigi1“Esprimo soddisfazione per l’assegnazione, nella legge di assestamento di bilancio, di 2,6 milioni di euro alla Direzione Generale per gli italiani all’estero, al fine di essere utilizzati per reintegrare la dotazione destinata ai corsi di lingua e cultura italiana all’estero tagliati nella scorsa legge di Stabilità. Sento il dovere di ringraziare il Governo per aver mantenuto l’impegno assunto di fronte all’azione istituzionale e politica portata avanti da noi eletti all’estero. In particolare, voglio ricordare l’interrogazione dell’On. Tacconi, in Commissione esteri, ed il mio intervento in sede di “question time” con il Ministro Gentiloni, nell’Aula di Montecitorio. Ciò testimonia che facendo squadra si ottengono i risultati. Ed oggi possiamo dire che le famiglie possono stare tranquille sulla regolare ripresa dei corsi di italiano dopo le vacanze”.
Lo ha dichiarato l’on. Fucsia FitzGerald Nissoli (eletta nella Circoscrizione estera – Rip. Nord e Centro America) commentando il ripristino dei fondi per i corsi di lingua e cultura italiana all’estero inseriti nell’assestamento di bilancio ormai all’esame del Parlamento.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

ACI-ISTAT: Diminuiscono gli incidenti stradali, ma aumentano i morti e i feriti gravi

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 luglio 2016

incidenti stradali-2Italia 2015: diminuiscono (-1.8%) incidenti stradali (173.892 contro i 177.031 del 2014) e feriti (-2,0%), 246.050 rispetto ai 251.147 dell’anno scorso; aumentano (+1.1% per la prima volta in 15 anni) morti (3.419, erano 3.381 nel 2014) e feriti gravi (+6%): quasi 16.000 contro i 15.000 del 2014, con un rapporto tra feriti e decessi che sale dal 4,4 a 4,7. 17,5 miliardi di euro è la stima dei costi sociali. È quanto emerge dal Rapporto ACI-ISTAT, presentato questa mattina a Roma, da Angelo Sticchi Damiani, presidente dell’Automobile Club d’Italia e Giorgio Alleva, presidente Istat.
Nel 2015 le principali violazioni al Codice della Strada sanzionate dalle Forze dell’Ordine sono: la velocità (2.660.547), l’assenza di copertura rc-auto (195.069), il mancato uso delle cinture di sicurezza e dei sistemi di ritenuta dei bambini (189.096), l’uso del telefono alla guida (148.674).
Giovani tra 20 e 24 anni prime vittime
La fascia d’età più a rischio resta quella dei giovani tra 20 e 24 anni (282 vittime), ma aumentano i decessi tra gli adulti (749 nella fascia di età 40-54 anni, contro i 687 del 2014, +9%). Gli incrementi percentuali maggiori si verificano nelle classi d’età 30-34 anni (+16,0%), 45-49 (+10,2%) e 50-54 anni (+11,8%), ma anche tra le persone molto anziane 80-84 anni (+10,5%).
In aumento vittime tra centauri e pedoni
L’aumento dei morti riguarda in modo particolare gli utenti delle due ruote a motore (+7,2%) e i pedoni (+4,0%), per questi ultimi si tratta del secondo anno consecutivo: tra il 2014 ed il 2013 l’incremento era stato del 4,9%.
Aumentano vittime su autostrade e strade extraurbane
A pesare sul dato complessivo è soprattutto l’incremento della mortalità registrata su autostrade e strade extraurbane (305 e 1.619 morti; +6,3% e +1,9%). In particolare l’incidentalità risulta in aumento sulle tratte autostradali intorno alle città e non sugli spostamenti di lunga percorrenza: A3 Napoli-Salerno, A6 Torino-Savona, A13 Bologna-Padova, A14 Diramazione per Ravenna, A18 Catania-Siracusa, A24 Penetrazione Urbana di Roma, Tangenziale di Milano e Tangenziale di Torino.
UE: si allontana obiettivo 2020
Dal 2010 la riduzione media annua del numero di vittime della strada nella UE28 è del 3,6%, ben al di sotto del 6,7% necessario per il raggiungimento dell’obiettivo europeo di dimezzamento del morti nel periodo 2011-2020, che diventa più difficile. Il nostro Paese si posiziona nella media dei 28 Stati membri (-16,9% tra il 2015 e il 2010 in Italia e -16,8% media Ue28).
Con 56,3 morti per incidente ogni milione di abitanti il nostro Paese si colloca al 14° posto nella graduatoria europea, dietro Regno Unito, Spagna, Germania e Francia, e prima di Slovenia, Portogallo, Belgio e Grecia.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Attività e laboratori per una didattica attiva per le Geoscienze

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 luglio 2016

geoscienzeCamerino. La sezione di Geologia di Unicam ha organizzato una settimana intera dedicata alla scuola, con due iniziative hanno concentrato a Camerino docenti delle scuole di ogni ordine e grado e gli studenti impegnati nelle Olimpiadi delle Scienze della Terra. Trenta insegnanti hanno infatti partecipato alla Summer School su “Insegnare per competenze. Attività e laboratori per una didattica attiva per le Geoscienze”, lavorando insieme su temi di didattica delle scienze della Terra, spaziando dal metodo IBSE alle nuove tecnologie. Molteplici le proposte didattiche che sono state presentate dal dottorato di ricerca UNICAM in Didattica delle Scienze della Terra e dal gruppo UNICAMearth, che cura sia questa che altre iniziative per le scuole. I docenti hanno sperimentato le nuove tecnologie con giochi didattici interattivi, osservato al telescopio il cielo di luglio e dopo l’escursione alle Grotte di Frasassi si sono cimentati nel teatro scientifico e in esperimenti sul suolo, i fossili e i cambiamenti climatici.
geoscienze1Il progetto UNICAMearth, unico in Italia, è stato infatti avviato con l’obiettivo di supportare i docenti della scuola di ogni ordine e grado, ed è per questo che vi fanno parte tra gli altri, anche insegnanti delle Scuole superiori, attualmente Dottorandi in Scienze della Terra presso l’Università di Camerino. Come ormai consuetudine da diversi anni, poi, il Polo di Geologia di Unicam ha ospitato i dieci migliori studenti italiani classificati nelle selezioni nazionali per la partecipazione alle Olimpiadi delle Scienze della Terra. I ragazzi sono stati impegnati nell’intensissimo stage di preparazione alla fase internazionale, che si terrà quest’anno in Giappone. L’Ateneo, oltre alla competenza e professionalità dei docenti coinvolti, ha messo ancora una volta a disposizione della squadra italiana laboratori, attrezzature didattiche e mezzi per le escursioni. La competizione con gli studenti provenienti da tutto il mondo è infatti fortissima e la squadra italiana dovrà cimentarsi in prove teoriche e pratiche su tutti temi delle Scienze della Terra, dal clima ai minerali, dall’atmosfera ai terremoti, dai vulcani al moto ondoso. Obiettivo è quello di aggiudicarsi medaglie anche quest’anno. (foto: geoscienze)

Posted in Recensioni/Reviews, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

CERN: accordo per contratti di ricerca a studenti, ricercatori e docenti federiciani

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 luglio 2016

cernDopo la Apple, il CERN. È operativo, infatti, l’Accordo quadro firmato dall’Università di Napoli Federico II e l’Organizzazione europea per la ricerca nucleare che ha sede a Ginevra. ‘Un altro esempio concreto – sottolinea il Rettore Gaetano Manfredi – della politica di internazionalizzazione che stiamo sviluppando per una continua crescita della competitività dell’Ateneo’.L’Accordo sancisce una collaborazione scientifica per il Settore Acceleratori del CERN e prevede una serie di contratti di ricerca per la soluzione di problemi realizzativi di elevato profilo tecnico-scientifico che riguarderanno studenti di laurea magistrale e di dottorato, post-doc, personale a contratto, ricercatori e professori. Ma anche aziende del territorio e nazionali. Tra tesisti e dottorandi, si prevede un consistente flusso di studenti, una trentina almeno per il primo anno; altrettanti si stimano tra docenti e ricercatori distaccati o comunque coinvolti nelle ricerche.A seguito dell’Accordo, nei giorni scorsi il Rettore Manfredi è andato in visita al CERN con una delegazione ufficiale della Federico II composta da Pasquale Arpaia, responsabile scientifico dell’Accordo, e a capo del laboratorio Instrumentation and Measurements for Particle Accelerators della Federico II, Piero Salatino, Presidente della Scuola Politecnica ed delle Scienze di Base, e Leonardo Merola, Direttore del Dipartimento di Fisica, entrambi nel Comitato Scientifico dell’Accordo.La delegazione federiciana è stata ricevuta dalla Direttrice Generale, Fabiola Gianotti, e dai massimi esponenti del CERN, dal Direttore della Ricerca, Eckhard Elsen, dai Direttori cern1dei Dipartimenti tra i più importanti del Centro di Ginevra, Roberto Losito, allievo fredericiano e capo del Department of Engineering, Gian Francesco Giudice, capo del Department of Theoretical Physics, Miguel Jimenez, capo del Technology Department, e Lucio Rossi, capo del progetto “alta luminosità” della più grande macchina che abbia mai costruito l’uomo, il Large Hadron Collider (LHC).
La LHC ha già raggiunto traguardi estremamente rilevanti per la scienza, quali la prova sperimentale dell’esistenza del Bosone di Higgs, che nel 2012 ha portato il Nobel all’omonimo scienziato, che circa 50 anni addietro ne predisse l’esistenza. Tuttavia, oggi il CERN si trova a fronteggiare una duplice sfida tecnologica e in supporto a questo sforzo in ricerca e sviluppo tecnologico si inquadra l’Accordo quadro recentemente firmato.‘Siamo convinti che la Federico II può dare un contributo significativo al nuovo sforzo tecnologico del CERN. È ben noto – spiega Losito – che nella tecnologia è molto più difficile mantenere sul lungo termine un alto livello di innovazione piuttosto che raggiungerlo per la prima volta’.‘Gaetano Manfredi è il primo rettore della Federico II che visita il CERN, segno del profondo cambiamento dell’Ateneo – ricorda Arpaia -. Sono ora alla firma del CERN due progetti pilota, il primo riguarda il Dipartimento di Ingegneria Chimica, dei Materiali e della Produzione Industriale, il secondo riguarda il Centro di Servizi di Metrologia Avanzata nel nuovo polo di San Giovanni – continua il responsabile scientifico dell’Accordo -. Ma il CERN è molto interessato anche all’impiego rivoluzionario di metamateriali elettromagnetici per le cavità acceleratrici, che riguardano il Gruppo di Fisica Tecnica, e al trattamento di ultra-depurazione delle acque del Gruppo di Impianti Chimici’.I responsabili dei gruppi di ricerca coinvolti sono Rita Mastrullo, Enrico Armentani, Leonardo Merola, Amedeo Lancia e Piero Salatino. Nel corso della visita, il Rettore Manfredi ha incontrato studenti e ricercatori federiciani di stanza a Ginevra ed ex federiciani dipendenti CERN, ricordando le radici storiche e le prospettive future dell’impegno dell’Ateneo al CERN e impegnandosi ad individuare fonti di finanziamento a supporto della ricerca di punta. Sono una sessantina i federiciani che, a diverso titolo, attualmente gravitano nei laboratori del CERN. (foto: cern)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Civil Liberties MEPs visit EASO in Malta

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 luglio 2016

maltaA Civil Liberties Committee delegation visits La Valetta (Malta) on Monday and Tuesday 18-19 July to see how the European Asylum Support Office (EASO) supports EU member states’ refugee crisis management work. EASO’s future tasks will also be debated in the light of the recent EU Commission proposal to enhance the agency’s mandate.Other topics to be debated include unaccompanied minors and vulnerable groups and Malta’s upcoming Presidency of the Council (first half of 2017). Members will also meet Home Affairs and National Security Minister Carmelo Abela and hear from the Maltese Agency for the Welfare of Asylum Seekers.The delegation is headed by MEP Cécile Kashetu Kyenge (S&D, IT). Other participants include Helga Stevens (ECR, BE) and Carlos Coelho (EPP, PT).

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il clima fiducia degli italiani su situazione economica è ancora peggiorato

Posted by fidest press agency su mercoledì, 20 luglio 2016

susanna_camusso“Il clima di fiducia sulla situazione economica attuale e sulla sua prospettiva peggiora ancora, in particolare per i lavoratori, i pensionati, i disoccupati e i precari, vale a dire per tutte quelle persone che per le loro condizioni di reddito più risentono degli effetti della crisi, e anche sul futuro dell’occupazione aumenta consistentemente il numero di coloro che prevedono un peggioramento”. Così il segretario generale della Cgil, Susanna Camusso, commenta i dati della ricerca sulla fiducia economica delle famiglie e delle imprese, realizzata dalla Fondazione Di Vittorio e dall’Istituto Tecnè, relativa al 2° trimestre 2016.
“Risposte, quelle emerse dall’indagine, – aggiunge il leader della Cgil – che riscontriamo quotidianamente nei luoghi di lavoro e negli incontri con pensionati, disoccupati, precari e giovani.” Per Camusso: “Risulta evidente l’insoddisfazione, la domanda di cambiamento e di interventi concreti, che emergono da questi giudizi, sia per quanto riguarda la necessità di politiche economiche espansive che di risposte positive alla condizione concreta delle persone, a partire dal fisco, dal lavoro e dalla previdenza, come richiesto unitariamente dalle confederazioni sindacali”.“Anche per quanto riguarda l’Europa è evidente la domanda di cambiamento che emerge dai giudizi degli italiani”, aggiungeil segretario della Cgil. “Il dato positivo è che le critiche non mettono in discussione la permanenza dell’Italia nell’UE e che, al contrario, dopo il referendum del Regno Unito, si è rafforzata. Una contraddizione solo apparente, che si spiega col fatto che gli italiani inequivocabilmente vogliono stare in Europa, ma la vogliono molto diversa da com’è oggi e richiedono un cambiamento profondo sia nelle politiche, sia nel funzionamento dell’Unione Europea”, conclude Camusso

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »