Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 22 luglio 2016

Hallau Akbarr e Deus vult

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 luglio 2016

monaco di bavieraMonaco d Baviera. Il fondamentalismo islamico colpisce alla cieca, all’improvviso, a tradimento, facendosi forza del panico che riesce a imporre.
Oggi tocca a Monaco di Baviera e non si conosce, mentre scrivo ( h. 19,40 di venerdì 22 luglio), il numero delle vittime, la dinamica e la coincidenza di due sparatorie chiaramente preordinate. Al grido “Hallau akbarr” (solo Dio è grande) spargono terrore, morti, feriti e incertezze.
Purtroppo, ed è il motivo per il quale sto scrivendo, sia pure senza notizie concrete, ha risposto, sull’onda di quanto è già accaduto a Nizza e sta accadendo a Monaco di Baviera, Padre Livio Fanzaga, responsabile storico di Radio Maria; risponde con “Deus vult” (Dio lo vuole) riaprendo le pagine della storia che ci riportano alle crociate contro gli infedeli.
Che un sacerdote semini ipotesi revansciste, alla stregua del peggiore Magdi Apostata Hallam, o dello stesso pontefice, oggi emerito, che pretendeva imporre il primato religioso al cristianesimo, negando e rinnegando ogni ipotesi di dialogo con l’Islam, ci appare, quanto meno, paradossale e in aperto dissenso con Papa Francesco. Ancora rifiutiamo di capire che solo l’Islam, quello vero, può e potrà neutralizzare il fondamentalismo frutto della fusione tra estremismo religioso e nazionalismo di stampo nazista. (Rosario Amico Roxas)
(n.r. Dalle prime notizie si sa che gli attentatori erano in tre e che dopo la sparatoria sono fuggiti separatamente e con molta probabilità prendendo la metropolitana. Si parla di sei morti e numerosi feriti gravi. Non scendiamo nei dettagli lasciando che lo facciano gli organi d’informazione nazionali ma rifacendoci solo al commento di Rosario Amico Roxas un profondo conoscitore del mondo islamico) (foto: fonte l’Espresso)

Posted in Confronti/Your opinions, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Un nuovo indirizzo per la laurea magistrale in Psicologia dell’Università Europea di Roma

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 luglio 2016

università europeaRoma. Dal prossimo anno accademico la laurea magistrale in Psicologia dell’Università Europea di Roma si arricchisce di un nuovo indirizzo: Neuroscienze cliniche.
Lo scopo principale è rispondere al crescente interesse per lo studio sistematico dei correlati cerebrali di molti stati mentali e condizioni psicopatologiche, anche grazie al supporto sperimentale del Laboratorio di Psicologia Cognitiva e Clinica.
Le conoscenze psicologiche guidano alla comprensione delle scoperte più recenti delle neuroscienze. D’altra parte, conoscere il cervello aiuta a capire il funzionamento della mente.Da questo binomio nasce una proposta di studio affascinante e densa di applicazioni.Il nuovo indirizzo in Neuroscienze cliniche rappresenta un ulteriore passo avanti per i Corsi di Studi in Psicologia (magistrale) e in Scienze e Tecniche Psicologiche (triennale), che in una recente ricerca realizzata da “La Repubblica – Censis” si è classificato al primo posto tra gli atenei non statali.
“Questo risultato – ha spiegato la Coordinatrice di Scienze e Tecniche Psicologiche Claudia Navarini – rispecchia la nostra volontà di innovare costantemente, di non fermarci mai al momento presente, di impiegare passione e creatività per trovare soluzioni non scontate alle esigenze di formazione e di lavoro che emergono nel mondo affascinante della Psicologia, un mondo sempre più strategico per la vita quotidiana”. I Corsi di Studi in Psicologia curano con dedizione la dimensione sociale. Gli studenti svolgono esperienze di responsabilità sociale e di tirocinio che li mettono a contatto con sofferenze e fragilità reali. L’obiettivo è quello di accelerare la formazione di una precisa identità professionale e, grazie all’impatto dell’esperienza diretta, approfondire il proprio sguardo sull’altro. (foto: università europea)

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , , , | Leave a Comment »

Senior Italia FederAnziani e Telefono Azzurro insieme per nonni e nipoti

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 luglio 2016

telefono azzurroSenior Italia FederAnziani e Telefono Azzurro si uniscono per migliorare la qualità della vita di bambini e anziani, attraverso iniziative, progetti e campagne a tutela dell’infanzia e della terza età. E’ quanto discende dalla firma del protocollo di intesa siglato in questi giorni a Roma dalle due organizzazioni, che d’ora in poi collaboreranno in attività concrete, sul territorio e a fianco delle istituzioni, finalizzate ad affermare i diritti di minori e senior, a offrire risposte alle problematiche di queste due fasce d’età e a valorizzare l’importanza del legame intergenerazionale. “Questo protocollo d’intesa – spiega Roberto Messina, Presidente di Senior Italia FederAnziani – apre la strada a una collaborazione importante nell’ambito della quale la federazione nazionale della terza età e Telefono Azzurro uniranno le proprie competenze per contrastare ogni forma di sfruttamento, violenza e disagio sia dell’infanzia e dell’adolescenza che della terza età, promuovendo attività congiunte di ricerca e formazione in ambito scolastico ed extrascolastico, campagne di comunicazione e iniziative che valorizzino l’importanza del federanzianirecupero di un pieno rapporto affettivo-educativo coi nonni”.“La collaborazione con Senior Italia Federanziani rafforza l’importanza di uno scambio generazionale a cui crediamo moltissimo. Telefono Azzurro riconosce l’importanza non solo dei genitori, ma anche dei nonni, nella crescita sana ed equilibrata del bambino”, ha dichiarato Ernesto Caffo, Presidente di Telefono Azzurro e docente di Neuropsichiatria Infantile, “Non solo, queste figure possono essere spesso centrali nel riconoscimento di eventuali disagi e sofferenze inespresse da parte del minore. L’incontro tra nonni e nipoti diventa, dunque, essenziale nell’ottica di un confronto costruttivo per la creazione di un ponte generazionale, fatto di condivisione e scambio”.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Premio Pio Alferano 2016 e mostra “Genius loci”

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 luglio 2016

genius lociCastello dell’Abate, Castellabate (SA) 23 luglio – 31 agosto 2016 Inaugurazione: 23 luglio 2016 dopo la Cerimonia del Premio Pio Alferano 2016 Fiorello Primi, Presidente dell’Associazione “I Borghi più belli d’Italia”, Renata Cristina Mazzantini, Architetto e Vittorio Sgarbi raccontano nel catalogo della mostra “Genius loci”, che si terrà negli spazi espositivi del Castello dell’Abate dal 23 luglio al 31 agosto 2016, cos’è quello spirito, antico e radicato, che rende un luogo unico ed irripetibile.
L’occasione è la rassegna allestita nell’ambito delle iniziative speciali del Premio Pio Alferano, evento giunto quest’anno alla sua quinta edizione che vedrà riconosciute, secondo quanto deciso dal Consiglio della Fondazione, sette personalità e un Comune italiano, per essersi particolarmente distinte nella promozione della cultura, nel rispetto della natura e per l’arte in tutte le sue forme ed espressioni.Dopo la premiazione, condotta da Nicola Porro, dove verranno premiati la Città di Castelsardo, con il suo Sindaco Franco Cuccureddu; Michele Ainis, giurista e costituzionalista; Bianca Berlinguer, giornalista e direttrice del TG3; Pasquale d’Amicis, Generale dei Carabinieri; Arnauld Brejon de Lavergnée, storico dell’arte; Moni Ovadia, attore e cantante; Giuseppe Pagano, imprenditore cilentano e Tony Renis, cantante e produttore, si aprirà una finestra sul paesaggio italiano, inteso nel suo senso pittorico e poetico più ampio.L’evento espositivo narra di quel genius loci che nell’antica Roma veniva considerato al pari di una divinità. L’Italia è molto bella, viene da dire e lo sappiamo, ma una debita concettualizzazione del paesaggio si svela completamente solo attraverso una lettura storico-psicologica dei luoghi.Senza il paesaggio, afferma Vittorio Sgarbi, l’Italia non sarebbe lo stesso paese. premio pio alferanoIl paesaggio culturale italiano è una completa espressione della civiltà e, nel suo insieme, è anche opera d’arte.Sulla base di queste riflessioni, la mostra che si presenta a Castellabate è stata pensata, anche, nella speranza di rafforzare, nell’immaginario collettivo e nella coscienza individuale, il rispetto del Genius loci.
La mostra vede un percorso espositivo composto da venti opere, un numero determinato dal concorso indetto dalla Fondazione Pio Alferano e Virginia Ippolito, che desiderava raccogliere venti testimonianze, una per ciascuna regione italiana. Agli artisti selezionati è stato chiesto di reinterpretare secondo il proprio stile, la propria poetica e un linguaggio personale, uno spaccato delle bellezze dei luoghi, dei paesaggi e dei volti che costituiscono il nostro patrimonio ambientale e culturale.
Gli artisti selezionati sono: Massimiliano Alioto, Andrea Barin, Ubaldo Bartolini, Gotthard Bonell, Mariano Chelo, Antonella Cinelli, Vania Comoretti, Vanni Cuoghi, Domenico Dell’Osso, Antonio Finelli, Alex Folla, Marco Jaccond, Enrico Lombardi, Matteo Massagrande, Giuseppe Modica, Tommaso Ottieri, Mauro Reggio, Alessandro Russo, Desiderio Sanzi, Piero Vignozzi.
In quanto vero e proprio concorso, sempre il 23 di luglio, la Giuria della Fondazione Pio Alferano e Virginia Ippolito, designerà l’opera vincitrice di questa edizione. Quale anticipazione alla visione della mostra, il critico e storico dell’arte, Vittorio Sgarbi si sofferma, nel suo testo in catalogo, su alcuni interessanti aspetti.
Un compito non facile, certamente, quello di selezionare un solo artista per ogni regione, viste le infinite bellezze del Bel Paese e le altrettante infinite suggestioni che gli artisti possono restituire fra paesaggi, volti e atmosfere, però scelti con rigore, scrupolo e passione le venti opere che compongono la rassegna illustrano paesaggi, vedute di un borghi, di campagne, collina e scorci paesistici, necessariamente filtrate attraverso lo stile, la poetica, il linguaggio di ogni artista. Ne emerge una pittura viva, straordinariamente energica e vivificante che racconta le bellezze d’Italia, ma non sempre, e non solo. Come sempre avviene quando si ha a che fare con la buona pittura, e non con la banale ripetizione oleografica o con il descrittivismo della pittura “da bancarella”, vi sono vittorio sgarbiesempi di rielaborazione ironica, slanci di grande lirismo, momenti ludici e ironici, e anche dissacrazioni. La pittura esprime da sempre tutto e il contrario di tutto, e non ci si può aspettare una facile rassegna di paesaggi educati e un po’ stereotipati, se si ha il coraggio di scegliere artisti veri, e non semplici illustratori. Il genere del paesaggio è forma e visione poetica, è riflessione esistenziale e dichiarazione di appartenenza, è sentimento, luce, colore. Lo sguardo di ogni pittore nel raccontare il luogo dove ha visto il suo cielo, il sentimento della propria origine, diverso in ogni artista ,contiene il debito formativo con chi l’ha preceduto e la propria rielaborazione poetica, al di là della visione del paesaggio che lo circonda.
Ma non ci sono solo paesaggi e vedute, in mostra. Alcuni artisti hanno affrontato il tema dell’identità regionale attraverso il ritratto. Che si tratti di un autoritratto simbolico, del ritratto di persone che, con la geografia del loro volto, “rappresentano” il luogo da cui provengono, o di personaggi storici che hanno caratterizzato con la loro presenza la terra in cui sono nati e hanno operato, è comunque notevole che, anche nei volti o nei corpi si possa trovare il carattere di un luogo. Motivo comune è la riaffermazione della identità territoriale, senza retoriche o campanilismi. Ed è anche riflessione culturale e filosofica, riscoperta delle tradizioni e dei “segni” locali, sentimento poetico dei luoghi. Questa mostra ne dà testimonianze eloquenti.
Il catalogo di “Genius loci” è accompagnato dai testi di Vittorio Sgarbi, Fiorello Primi e Renata Cristina Mazzantini .
Il Premio Pio Alferano e le attività espositive per esso prodotte sono promossi dalla Fondazione Pio Alferano e Virginia Ippolito, con il patrocinio di Presidenza del Consiglio dei Ministri, Palazzo Chigi Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, Comune di Castellabate, Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano e Alburni, Associazione “I Borghi più belli d’Italia”.
Il Castello dell’Abate resterà aperto nei seguenti orari: dal lunedì alla domenica, 9.30-12.30, 18.30-24.00. (foto: genius loci)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli studenti veneti usano e fanno usare i servizi di sanità digitale

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 luglio 2016

trevisoTreviso. In Veneto i giovani usano e fanno usare i servizi di sanità digitale. A dirlo sono i dati raccolti da Arsenàl.IT nel corso di “@Two!Salute!”, lezioni dedicate ai nuovi servizi offerti in sanità, che hanno permesso nell’anno scolastico 2015-2016 di incontrare 1.400 studenti delle scuole superiori. Durante gli incontri sono stati raccolti 1.200 questionari dai quali emerge come le nuove generazioni stiamo imparando a conoscere i servizi di sanità digitale e soprattutto svolgano il ruolo di “facilitatori digitali” all’interno delle loro famiglie, fungendo da tramite fra il mondo della tecnologia e i servizi online per chi ancora ne è ai margini, come ad esempio le persone più anziane.
Arsenàl.IT, nell’ambito delle azioni di realizzazione del Fascicolo Sanitario Elettronico, in collaborazione con Regione del Veneto, aziende sociosanitarie e ospedaliere del territorio, è entrato nelle scuole per il terzo anno consecutivo per parlare di sanità ai ragazzi, misurare il loro grado di conoscenza e, soprattutto, sensibilizzarli all’uso dei servizi digitali dedicati alla salute. Quest’anno sono stati visitati 17 istituti scolastici afferenti a 12 diverse aziende sociosanitarie (ULSS 2 Feltre, ULSS 4 Alto Vicentino, ULSS 5 Ovest Vicentino, ULSS 6 Vicenza, ULSS 7 Pieve di Soligo, ULSS 9 Treviso, ULSS 15 Alta Padovana, ULSS 16 Padova, ULSS 17 Monselice, ULSS 18 Rovigo, ULSS 19 Adria e Azienda Ospedaliera di Padova), per un totale di circa 1.400 studenti incontrati. In tre anni i ragazzi incontrati sono circa 4.000. I giovani, con un’età media compresa tra i 16 e i 18 anni, risultano maggiormente consapevoli degli strumenti di sanità digitale offerti dalla nostra regione, rispetto alle edizioni precedenti. Diminuiscono quanti non hanno mai visitato il sito della propria ULSS (da 69% a 66%) e il 47% dei giovani che conoscono i servizi di sanità digitale offerti (quali telemedicina, scarico referti prenotazione, pagamento, ricetta digitale, cartella clinica elettronica), l’86% ne ha sperimentato l’uso in famiglia, personalmente (62%, in crescita dell’11% rispetto al 2014/2015) o tramite uno dei genitori. Generalmente è la madre ad occuparsi della “salute digitale” della famiglia (67%), piuttosto che il padre (45%). Positiva la proiezione futura, dato che l’89% di chi ancora non conosceva i servizi ha dichiarato che intende utilizzarli.
Il futuro mobile della sanità. Tra i ragazzi, l’uso quotidiano dello smartphone ha superato di molto quello del pc (97% contro 40%), e i loro principali canali di comunicazione hanno un’impronta tipicamente social: Youtube (84%), Facebook (79%, in calo del 4%) ed Instagram (71%). Quasi la totalità usa Whatsapp (98%). Attraverso questi canali e attraverso app specifiche l’83% degli studenti è interessato ad informarsi sui temi riguardanti il proprio benessere, in particolare in relazione alle malattie, alle cure, all’alimentazione, all’attività fisica e il fitness. Per quanto riguarda i problemi di salute, invece, il 66% dei ragazzi si rivolge innanzitutto alla famiglia, il 19% si rivolge al medico, e solo il 7% ricerca informazioni sul web.
L’iniziativa ha dato dunque esiti positivi e le indicazioni raccolte dimostrano l’efficacia dell’intervento formativo sia in termini di incremento delle conoscenze, di empowerment, che di intenzione di utilizzo dei servizi digitali presentati. Dimostrano inoltre che ciò che chiedono i ragazzi al digitale siano servizi di semplice utilizzo, vicini, immediati, la cui conoscenza possa essere trasmessa anche ai propri familiari.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Gli angeli esistono davvero?

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 luglio 2016

san gregorioangeliNelle apparizioni delle creature celesti a Papa Gregorio Magno, i segni della loro esistenza Nel tempo sono state conosciute come pure – seppur incredibili – leggende….eppure alcune vicende legate alla Chiesa lasciano ad oggi, nella Città Aeterna, testimonianze speciali della reale esistenza degli angeli. Si parla spesso di presenze spirituali, di angeli… ma qualcuno può affermare con certezza di aver visto un angelo? Difficile… più facile è che si possa ammettere di aver percepito, almeno una volta, una presenza accanto a noi. Nella Chiesa però un Papa è passato alla storia per le grandiose mistiche apparizioni di cui fu protagonista. Era Papa Gregorio Magno, oggi da tutti ricordato come San Gregorio, e le sue storie di apparizioni dei messaggeri di Dio sono quasi leggenda. Ma è proprio così? Si tratta veramente solo di fatti leggendari? Questo l’interrogativo che ha spinto Dario Nuzzo, ricercatore di Misteri della Fede in Mistero Adventure, ogni mercoledì sera su Italia 1, alla ricerca di indizi e prove fin dentro la chiesa di San Gregorio Magno al Celio, dove rintracciare i segni del miracolo del Tredicesimo Apostolo protagonista proprio della puntata di ieri. Innanzitutto sembra che proprio all’inizio del suo pontificato nel 590, in una Roma colpita dalla peste, Gregorio chiamò il popolo intero in preghiera. Durante la processione alcuni fedeli riconobbero chiaramente, in cima alla i misteri della fedeMole Adriana, l’Arcangelo Michele che rinfoderava la spada, come fosse un annuncio della fine della terribile epidemia. Da allora la Mole prese il nome di Castel S. Angelo, proprio in riferimento al miracolo accaduto. Di questa storia secondo la tradizione, resta una prova incredibile: la pietra del castello su cui l’Arcangelo Michele è atterrato con impresse le orme dei suoi piedi, ancora oggi conservata nei Musei Capitolini. Ma non è l’unica volta in cui un angelo è apparso a San Gregorio. Tra le abitudini del Papa, pare che ci fosse quella di servire il pasto ogni giorno a dodici poveri, come fece Gesù con gli Apostoli. Un giorno accadde però un fatto miracoloso: apparve un tredicesimo ospite, un Angelo.
Nella speciale indagine condotta, ancora una volta è un’incredibile scoperta a fare da tramite tra realtà e senso soprannaturale: l’iscrizione latina che è incisa sul tavolo di pietra all’interno dell’Oratorio di Santa Barbara, luogo in cui Papa Gregorio serviva il pasto. Letteralmente tradotta in “Qui San Gregorio nutriva i poveri e un Angelo sedette come tredicesimo”, l’iscrizione, come un filo sottile nel tempo, pare quasi voler testimoniare che sia proprio quello il banco usato dal Papa al momento della visione e sembra voler quindi lasciare, una traccia indelebile di quella straordinaria apparizione! (foto: angeli, san gregorio, i misteri della fede)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Turchia: “Perdita democrazia intellettuale è vero dramma”

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 luglio 2016

giornalistiturchia“Che tanti militari fossero coinvolti nel golpe in Turchia era facilmente immaginabile, ma che l’intera rete delle università, pubbliche e private, con la stragrande maggioranza dei rettori ne fosse parte attiva non era così scontato e rende la loro epurazione drammatica per il futuro delle nuove generazioni turche. Da sempre l’università è il luogo naturale in cui prende forma il pensiero critico, la libertà di contestazione argomentata nelle sue radici culturali, l’illusione di una libertà sempre più ricca sul piano della ricerca e della trasmissione del sapere: ma Erdogan ha decapitato tutto ciò. Il danno alla democrazia è enorme, ma pregiudica anche il futuro del Paese, compromettendo quelle funzioni di ricerca e sviluppo su cui si regge la sua modernizzazione”. Lo afferma l’onorevole Paola Binetti di Area popolare. “Non si tratta solo di un processo che decapita la classe intellettuale impegnata nella formazione delle nuove generazioni, ma di una ferita profonda alla storia di un popolo; ad una sorta di cancellazione della memoria storica che pretende di riscrivere il senso degli eventi, la qualità delle alleanze, mettendo gravemente a rischio la costruzione della pace e spostando decisamente il proprio asse strategico dall’Europa occidentale alla Russia. Accanto al rischio del terrorismo – prosegue Binetti – si va facendo strada la presenza destabilizzante del tiranno, che inevitabilmente mette in discussione la nostra speranza di una democrazia globalizzata. In uno spazio virtuale in cui la libertà di espressione e di critica sono possibili, perché solo una sana dialettica tra maggioranza ed opposizione garantisce la libertà di tutti, senza che per questo nessuno debba finire in fondo a qualche galera, sottoposto a torture fisicamente e psicologicamente mortificanti. Un mondo senza opposizione è un mondo irreale che può piacere solo al tiranno che non tollera nessuna manifestazione di pensiero divergente. L’università è invece il luogo in cui si forma il pensiero autonomo, nel confronto tra idee e posizioni diverse, in cui lo studio garantisce forza alle argomentazioni e rispetto per chi la pensa diversamente; c’è la possibilità di dissentire senza per questo essere degli eroi o temere rappresaglie; ci si educa reciprocamente alla democrazia, imparando ad integrare senso della responsabilità e lealtà verso la verità. Senza università tutto ciò diventa molto molto difficile – conclude Binetti – e ai giovani non resta che una alternativa già sperimentata in altre epoche storiche: fuggire, andarsene, inaugurando un nuovo flusso migratorio, oppure dare vita a circoli culturali sotterranei, nascosti, a perenne rischio di nuovi arresti e, Dio non voglia, di pena di morte”.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Spreco alimentare e aumento della povertà

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 luglio 2016

banco alimentareViakal, la nota marca di prodotti anticalcare di Procter & Gamble, compie quest’anno 50 anni e ha deciso di festeggiarli sostenendo Banco Alimentare, Fondazione che promuove il recupero delle eccedenze alimentari e la redistribuzione alle strutture caritative, per dare il proprio contribuito all’opera di sostegno verso coloro che ne hanno bisogno. L’iniziativa, partita il 1° luglio e che durerà fino al prossimo 31 dicembre, prevede che per ogni prodotto della linea Viakal acquistato dai consumatori nei punti vendita che aderiscono, attraverso l’inclusione del logo “Viakal sostiene Banco Alimentare” nel loro volantino e per i giorni di validità del volantino, P&G donerà a Banco Alimentare l’equivalente per distribuire un pasto*. Obiettivo: poter contribuire alla distribuzione del più alto numero di pasti possibile a sostegno dell’attività di Banco Alimentare verso le persone bisognose in Italia. Si tratta, infatti, di una campagna che, considerato l’avanzare della povertà assoluta – come dimostrato dall’ultimo aggiornamento Istat (luglio 2016) – in Italia nel 2015 ha coinvolto 1 milione e 582 mila famiglie e 4 milioni e 598 mila individui, il numero più alto dal 2005 a oggi, con un aumento dell’incidenza in particolare tra le famiglie con 4 componenti (da 6,7 del 2014 a 9,5%), intende dare un solido aiuto alle persone in difficoltà, supportando la missione di Banco Alimentare nella riduzione degli sprechi e nel recupero degli alimenti.La Fondazione Banco Alimentare ONLUS, infatti, coordina e guida la Rete Banco Alimentare promuovendo il recupero delle eccedenze alimentari da diversi settori quali la ristorazione, l’industria alimentare, la Grande Distribuzione Organizzata e da Collette Alimentari, occupandosi in prima persona della ridistribuzione di cibo alle oltre 8.000 strutture caritative in tutta Italia che aiutano 1.560.000 persone in stato di bisogno. Solo nell’ultimo anno sono state recuperate e distribuite 85.000 tonnellate di alimenti, ma questa volta la sfida è ancora più grande.
Attraverso la propria iniziativa, Viakal vuole sostenere Banco Alimentare in modo da permettere la distribuzione di un numero ancor maggiore di pasti, aiutando ancora più persone che hanno bisogno. A livello mondiale l’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO) ha quantificato in 1,3 miliardi di tonnellate – pari a un terzo della produzione – lo spreco di cibo destinato al consumo umano: una quantità che se riutilizzata potrebbe idealmente sfamare per un anno intero metà dell’attuale popolazione, ovvero 3,5 miliardi di persone. Anche per questo, la lotta allo spreco alimentare fa parte degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile dell’ONU per “dimezzare lo spreco alimentare mondiale pro capite a livello di distribuzione e consumatore e ridurre le perdite alimentari lungo la filiera di produzione e trasformazione entro il 2030”, mentre a livello europeo la prevenzione dello spreco alimentare fa parte del nuovo Pacchetto Economia Circolare della Commissione europea per favorire la transizione verso un uso più efficiente delle risorse. Secondo l’UE, infatti, circa 88 milioni di tonnellate di alimenti vengono sprecate ogni anno in Europa, con un costo stimato di 143 miliardi di euro.
E l’Italia non è da meno: il Politecnico di Milano con la ricerca “Surplus Food Management Against Food Waste. Il recupero delle eccedenze alimentari. Dalle parole ai fatti” presentata lo scorso ottobre in EXPO, ha quantificato in circa 13 miliardi di euro il costo dello spreco alimentare annuo nel nostro Paese, di cui il 55% nelle filiera produttiva e distributiva e il restante 45% nelle mura domestiche. Cifre impressionanti che, se unite a quelle che riguardano l’aumento della povertà e la cattiva alimentazione, spingono a riconsiderare i modelli di consumo e a facilitare la transizione verso un’economia circolare. Un modello che pone al centro la sostenibilità del sistema, orizzonte nel quale si inserisce appieno proprio l’iniziativa “Viakal sostiene Banco Alimentare” per cui a ogni prodotto acquistato corrisponde un pasto recuperato e donato, con la preziosa collaborazione dei consumatori.
«Per valorizzare comportamenti diretti alla tutela delle fasce più deboli ma anche dell¹ambiente è fondamentale l’impegno di tutti. In questo senso, l¹azione di Viakal di P&G è un ottimo esempio di come, anche un colosso del consumo mondiale, possa operare con attenzione e coscienza, contrastando gli sprechi, collaborando con un’organizzazione non profit come Banco Alimentare, supportandoci concretamente nella lotta allo spreco di cibo. Ringrazio dunque Procter & Gamble e il suo marchio Viakal per questa iniziativa che spero possa essere di esempio per molte altre aziende.» – ha commentato Marco Lucchini Direttore Generale di Banco Alimentare.
«Il fatto che Viakal, per festeggiare i suoi 50 anni, abbia voluto intraprendere questa iniziativa a fianco di Banco Alimentare è per noi è motivo di grande orgoglio perché ci permette di dare un contributo, forse piccolo rispetto alle dimensioni globali del problema ma concreto, nell’impegno contro lo spreco alimentare” – ha dichiarato Francesca De Palma, Relazioni Esterne Procter & Gamble. “Da sempre, siamo al fianco delle famiglie, sostenendole nella quotidianità con i nostri prodotti, ma oggi volevamo fare qualcosa di più: ripagare la fiducia dei milioni di consumatori che comprano Viakal contribuendo ad una causa molto importante: sostenere la Fondazione Banco Alimentare ONLUS nella sua missione contro la povertà alimentare in Italia donando, nell’immediato, pasti a chi ne ha più bisogno”.
Banco Alimentare dal 1989 recupera in Italia alimenti ancora integri e non scaduti che sarebbero però destinati alla distruzione, perché non più commercializzabili. Salvati dallo spreco, riacquistano valore e diventano risorsa per chi ha troppo poco. La Rete Banco Alimentare opera ogni giorno in tutt’Italia attraverso 21 Organizzazioni Banco Alimentare dislocate su tutto il territorio nazionale, coordinate dalla Fondazione Banco Alimentare Onlus. L’attività quotidiana di Banco Alimentare è volta a recuperare e raccogliere in un anno circa 85.000 tonnellate di alimenti. Di questi 9.000 tonnellate sono alimenti donati da 5,5 milioni di italiani durante la Giornata Nazionale della Colletta Alimentare®, che si svolge l’ultimo sabato di novembre da quasi 20 anni in oltre 11 mila supermercati italiani. Grazie al programma “Siticibo” è in corso anche il recupero di circa 1.100.000 piatti pronti di cibo cotto dalla ristorazione organizzata, mense aziendali e mense scolastiche, oltre a 300 tonnellate di pane e frutta. Ogni giorno tali alimenti vengono ridistribuiti gratuitamente a 8.100 strutture caritative che aiutano circa 1.560.000 persone bisognose in Italia, di cui circa 135.000 bambini da 2 a 7 anni. L’attività di Banco Alimentare è possibile grazie al lavoro quotidiano di 1.843 volontari. http://www.bancoalimentare.it (foto: banco alimentare)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

CWS è System Integrator Partner di Canon per la vendita di soluzioni software in ambito Information Management

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 luglio 2016

canonCanon, leader mondiale nelle soluzioni di imaging, è orgogliosa di annunciare la partnership stretta con CWS Soluzioni Informatiche, azienda attiva dal 1987 nel settore dell’Information Technology con servizi di consulting, system integration, outsourcing e soluzioni personalizzate per le aziende. La collaborazione tra Canon e CWS nasce per supportare le aziende nei loro processi di digitalizzazione. Con sedi nelle principali città del nord d’Italia, CWS Soluzioni Informatiche, ora System Integrator Partner (SIP) di Canon, è una azienda nota per la sua grandissima esperienza nel settore Documentale, Business Process Management e Data Capture. Da oggi CWS affianca le innovative soluzioni software di Canon con le proprie competenze e la sua rete distributiva, per rendere più agile ed efficiente la gestione dei flussi documentali delle aziende.“Canon è da sempre attenta all’evoluzione del mercato e alle esigenze dei propri clienti, per questo si impegna al fianco delle aziende nel processo di trasformazione digitale con un’offerta di information management altamente modulare e scalabile. Soluzioni come Therefore™, una piattaforma applicativa in grado di soddisfare tutte le esigenze aziendali connesse alla gestione, archiviazione, condivisione, pubblicazione dei documenti, e I.R.I.S, le cui soluzioni consentono agilmente di acquisire, identificare, riconoscere, convertire e comprimere i documenti, sono solo due esempi di come la tecnologia Canon permetta alle aziende di gestire i processi documentali migliorando la competitività e l’efficienza operativa.” – ha dichiarato Giuseppe D’Amelio, Information Management Solution & Services Director di Canon Italia, che aggiunge: “Grazie all’accordo con CWS, possiamo contare su di un valido partner, con grande esperienza in soluzioni di gestione del ciclo di vita documentale, che ci supporterà nel percorso di rinnovamento dei processi di business delle aziende”.“Grazie alle nostre competenze in ambito documentale e software, unite alle solide capacità maturate per l’adattamento e la gestione di sistemi complessi e infrastrutture hardware, riteniamo che CWS Soluzioni Informatiche sia il partner ideale per accrescere il valore strategico delle soluzioni di information management sviluppate da Canon.” – ha spiegato Luca Passini, Chief Executive Officer del Gruppo CWS, aggiungendo: – “L’innovatività e il forte orientamento alla multicanalità delle tecnologie Canon le rende soluzioni altamente integrate e funzionali per organizzare processi aziendali non ancora strutturati. La nuova partnership permetterà di supportare con maggiore efficacia anche il mercato middle end enterprise”.L’accordo rientra nel quadro di un ampio programma rivolto al canale che Canon ha avviato per rafforzare sempre di più il proprio impegno al fianco delle aziende che desiderano innovarsi e trovare nuovi modi per essere competitive.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

World Brain Day contro l’invecchiamento cerebrale

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 luglio 2016

cervelloOggi 22 luglio, in tutto Il mondo si celebra il World Brain Day, la giornata di sensibilizzazione promossa dalla World Federation of Neurology che si pone come obiettivo quello di incrementare l’awareness attorno alle patologie neurologiche e neurodegenerative. Al centro di questa edizione “L’invecchiamento della popolazione e la salute del cervello: l’invecchiamento cerebrale”, tema che la Società italiana di Neurologia promuove da tempo in Italia con l’obiettivo di diffondere e divulgare tutte le misure di prevenzione volte a limitare l’insorgenza di danni cerebrali a carattere progressivo.
L’incidenza di determinate patologie neurologiche come Ictus, Demenza e Morbo di Parkinson, ovvero le più comuni patologie neurologiche che colpiscono in età avanzata, aumenta con l’avanzare dell’età.
Gli esperti evidenziano come il 10-20% degli individui di età compresa tra 60 e 80 anni siano affetti da almeno una di queste patologie neurologiche. Tra quelli di età superiore agli 80 anni, quasi uno su tre ne è colpito.
Oggi le persone di età superiore ai 60 anni sono circa 800 milioni e rappresentano il 12 per cento della popolazione mondiale. Dati destinati a crescere. Gli esperti, infatti, stimano che entro il 2050 gli individui di età superiore ai 60 anni saranno circa 2 miliardi con la conseguenza che il numero di pazienti affetti da malattie neurologiche sarà in costante aumento.
Mantenere il cervello impegnato in attività stimolanti e socialmente rilevanti, esaltare l’esercizio fisico, adottare una dieta ricca di agenti antiossidanti, monitorare i valori pressori, gli esami ematochimici (colesterolo e glicemia, soprattutto), abolire il fumo sono i consigli che la WFN nel mondo e la SIN in Italia raccomandano di seguire fin da giovani.
Secondo uno studio pubblicato sul New England Journal of Medicine, il rischio di contrarre la demenza è del 74% più basso nelle persone che si dilettano con i giochi da tavolo, del 35% in meno in coloro che leggono intensamente, percentuale che può raggiungere il 69% in coloro che suonano un strumento musicale e il 41% in quanti si divertono con i cruciverba.”È necessario rimanere mentalmente e socialmente attivi ha dichiarato il Prof. Leandro Provinciali, Presidente SIN e Direttore Dipartimento di Scienze Neurologiche Ospedali Riuniti di Ancona — impegnandosi in attività sociali e ricreative come il volontariato, i viaggi, le attività di giardinaggio, la lettura, la scrittura ed esercizi di memoria. Accanto a tali aspetti è inoltre cruciale controllare i disturbi di ordine ansioso e depressivo e limitare ogni condizione stressante per le ripercussioni dimostrate sull’efficienza cognitiva”.
La comunità neurologica segnala, inoltre, l’opportunità di una diagnosi precoce di tutte le condizioni in grado di limitare le prestazioni cerebrali in età adulta o avanzata. In quest’ottica deve essere vista l’attenzione posta nei riguardi delle bevande alcoliche e l’uso razionale di farmaci attivi sul Sistema Nervoso Centrale, sia direttamente come i farmaci ansiolitici ed ipnoinducenti, sia indirettamente attraverso altre categorie di farmaci potenzialmente attivi sul Sistema Nervoso Centrale (antipertensivi, ipoglicemizzanti, ormoni, ecc).Oltre a ciò, è opportuno valorizzare alcuni sintomi, apparentemente innocenti, che possono rappresentare elementi premonitori di malattie del cervello che possono presentarsi in seguito in maniera severa. Tali condizioni sono rappresentate da deficit transitori di forza o sensibilità di una parte del corpo, da disturbi di memoria, da alterazioni del sonno, dalla compromissione dell’equilibrio, dai disturbi del movimento, dalla compromissione del linguaggio.
In queste condizioni un’attenta valutazione dei fattori di rischio per una malattia del cervello a lenta evoluzione può consentire di adottare le strategie più opportune per evitare o attenuare una condizione invalidante.
Il World Brain Day è stato lanciato dalla WFN nel 2014 ed è dedicato ogni anno ad una malattia neurologica o argomento differenti. La data per questa giornata di sensibilizzazione non è stata scelta a caso, ma è legata alla fondazione della stessa World Federation of Neurology avvenuta il 22 luglio 1957 a Bruxelles.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Incendio pontina: Roma-Latina

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 luglio 2016

INCENDIO-PONTINARoma. «Gli incendi in serie che da giorni stanno paralizzando il traffico sulla via Pontina ripropongono drammaticamente il problema di un’arteria ormai al collasso. Decine di migliaia di pendolari sono di fatto ostaggi di una infrastruttura inadeguata e fatiscente, per lunghi tratti priva dei servizi più essenziali, costellata di insediamenti improvvisati. Il tutto, ovviamente, aggravato da una cronica carenza di manutenzione della vegetazione circostante e dal ritardo con cui puntualmente si varano i piani antincendio per l’estate. Quella che è storicamente una delle strade più pericolose d’Italia va necessariamente alleggerita e, visti i tempi biblici per la realizzazione dell’autostrada Roma-Latina, la migliore risposta può arrivare dal potenziamento della rete ferroviaria».Lo dichiara l’ing. Sandro Simoncini, docente a contratto di Urbanistica e Legislazione Ambientale presso l’università Sapienza di Roma e presidente di Sogeea SpA.«Una seria ed efficace cura del ferro potrebbe cambiare davvero il volto dell’intera zona meridionale della regione Lazio – spiega Simoncini –. Da questo punto di vista, la costruzione della linea ad alta velocità in direzione Napoli ha liberato degli spazi che vanno necessariamente sfruttati. La vecchia linea tirrenica, ad esempio, andrebbe valorizzata e riconvertita in una metropolitana regionale fino a Gaeta: un’operazione che comporterebbe costi decisamente contenuti e che potrebbe essere portata termine con una tempistica assai veloce. Ci sono progetti pronti da tempo che non richiedono altro se non un po’ di risolutezza e di buon senso. Garantendo delle alte frequenze di passaggio, non solo molti pendolari rinuncerebbero volentieri all’uso dell’auto privata, ma anche tanti spostamenti nei periodi estivi e vacanzieri potrebbero avvenire con il mezzo pubblico. I benefici, anche economici, su tutto il territorio pontino non sono da trascurare». (incendio pontina fonte “Corriere città”)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Marlin Equity fonde il business digital marketing di Teradata con BlueHornet

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 luglio 2016

londraLondra. Marlin Equity Partners (“Marlin”) ha annunciato la fusione di BlueHornet, provider di software e servizi di email marketing in cloud e leader di mercato negli Stati Uniti, già inclusa nel proprio portfolio di aziende, con il business di marketing execution della divisione Marketing Applications, recentemente acquisita da Teradata Corporation (NYSE: TDC).
I clienti potranno trarre beneficio dalla combinazione dei punti di forza dei due business: BlueHornet consente ai marketer di creare ed eseguire velocemente campagne email rilevanti e personalizzate semplificando il processo di gestione delle stesse tramite un’intuitiva interfaccia di segmentazione. Digital Marketing Center (DMC) il cuore del business di digital marketing che Marlin ha acquisito da Teradata abilita i marketer ad ottimizzare la marketing execution sui canali email, mobile, app, social e web, e di orchestrare la comunicazione multicanale sui canali paid, come ad esempio Display e Search, attraverso una piattaforma di gestione dei dati integrata. “Con questa fusione creiamo un’azienda leader con presenza globale che offre una soluzione omni-canale unica sul mercato grazie all’integrazione nativa con una DMP (Data Management Platform), che consente di migliorare targeting ed efficacia delle campagne, supportata da un portfolio di servizi che non ha eguali nella industry” ha affermato Nathan Pingelton, un dirigente di Marlin Equity. Inoltre Marlin ha annunciato che Michael Biwer, attuale CEO di BlueHornet, è stato nominato CEO della nuova azienda – risultato della fusione – il cui brand verrà comunicato nei prossimi mesi del 2016.
Biwer gode di una vasta esperienza nel settore del marketing digitale e può vantare expertise in tema di big data, marketing e analytics. Prima di entrare in BlueHornet è stato Vice President presso Acxiom Corporation. “ I nostri clienti beneficeranno di una potente tecnologia che semplifica il complesso mondo del marketing per consentire ai marketer di focalizzarsi su ciò che realmente conta: portare risultati che eccedano le aspettative” ha affermato Biwer, ed ha aggiunto: “Con questa fusione, i nostri clienti potranno avvalersi di una user interface impattante, un’infrastruttura di gestione dati di altissimo livello, strumenti di analytics avanzati e una presenza globale per l’esecuzione di campagne marketing digitali.
Presto verranno fornite maggiori informazioni sulla nuova azienda. Nel frattempo, per conoscere l’offerta di TMA per digital e omni-channel marketing e la soluzione DMP visitate il sito marketing.teradata.com. Per conoscere BlueHornet visitate http://www.bluehornet.com o seguite @bluehornetemailsu Twitter.
Marlin Equity Partners è un fondo d’investimento internazionale che gestisce oltre 3 miliardi di capitale. L’azienda è specializzata nella fornitura di soluzioni su misura e di liquidità ad aziende, stakeholder e azionisti che lo necessitano. Marlin investe in business appartenenti a molteplici settori su cui applica il capitale e il proprio network di risorse operative, che rafforzano sensibilmente le previsioni di business e il valore delle aziende acquisite. Dalla data di fondazione, Marlin, attraverso il suo gruppo di fondi e aziende ha completato oltre 100 acquisizioni. L’azienda ha sede a Los Angeles, California e possiede una filiale a Londra. Per maggiori informazioni visitate http://www.marlinequity.com.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

James Feddeck in concerto

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 luglio 2016

santa_giulia_brescia_010_choistro_san_salvatoreBrescia 9 settembre 2016 alle ore 20,00 presso il Teatro Grande di Brescia, diretto dal maestro statunitense, per la prima volta in Italia James Feddeck, eseguirà il concerto che celebrerà l’ottantesimo anniversario della Fondazione della Filarmonica di Palestina, ora filarmonica di Israele, concerto inaugurale avvenuto nel 1936 e diretto dall’italiano Arturo Toscanini. Questo importante evento culturale internazionale bene si sposa e alimenta anche con il flusso turistico che esiste tra le due culture mediterranee quali l’Italia e Israele e tra i due Paesi. Da Tel Aviv a Milano, da Gerusalemme a Roma: musica, arte, poesia possono ridare alla nostra società e cultura un nuovo stimolo di riflessione e sprono in nome della reciproca conoscenza.
Interverranno:
Avital Kotzer Adari– Dir.Ufficio Nazionale Israeliano del Turismo – Sede di Milano
Mauro Parolini – Assessore allo sviluppo economico di Regione Lombardia
Gian Luigi Raineri – Consigliere settore Cultura e Turismo della Provincia di Brescia
Laura Castelletti – Vicesindaco e Assessore Cultura del Comune di Brescia
Alfredo Ghiroldi – Fondazione ASM
Emiliano Facchinetti – Presidente Orchestra Filarmonica della Franciacorta.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Marika Tisei al lido Ilmaredentro

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 luglio 2016

Marika TiseiBari Sabato 23 luglio il lido Ilmaredentro in zona Fesca, a Bari, in partnership con l’associazione culturale Echo Events diretta da Donato Sasso, si esibirà la cantante tarantina Mirika Tisei, insieme alla sua band.
“Proporremo una serata divisa in due parti – ha spiegato la cantante – che accontenterà tutti. Nella prima proporremo la musica che ha segnato gli anni ‘70 e che continua a farci ballare ancora oggi. Nella seconda spazieremo tra i successi pop internazionali degli ultimi anni come i brani di Pharrell Williams, Adele e Bastille. Queste canzoni, che siamo abituati a sentire in versione elettronica, saranno riproposte da noi in chiave acustica”.
Classe 1990, dalla voce calda e graffiante, si è avvicinata prima alla danza, che ha studiato per sei anni. Dedicandosi poi al musical, ha spostato successivamente il suo interesse all’età di diciassette anni al canto, iniziando a studiare con insegnanti privati. La sua predisposizione e l’impegno l’ha portata a partecipare a numerose competizioni canore, ottenendo anche ottimi piazzamenti.
Durante l’esibizione che avrà inizio alle ore 21, la cantante ripercorrerà le hit del panorama pop internazionale soffermandosi su brani portati al successo da voci femminili che hanno scritto importanti pagine della storia della musica. Con lei ci saranno Gianluca Uva al basso , Franco Speciale alla chitarra e Alessio Santoro alla batteria.
“Noi giochiamo con il pubblico durante i nostri live. Li incitiamo a provare a riconoscere le canzoni che suoniamo, in quanto suonandoli in versione acustica assumo un aspetto differente all’inizio. Una volta riconosciuti i brani però li canticchiano un po’ tutti proprio perché sono famosissimi”. Al termine della loro performance si continuerà a ballare con la musica selezionata dal dj Symon. (foto: Marika Tisei)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Incontro internazionale ad Assisi per dare voce alla “sete di pace” dei popoli

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 luglio 2016

DSCN0424Assisi Dal 18 al 20 settembre oltre 400 personalità religiose e istituzionali da tutto il mondo parteciperanno a “Sete di Pace”. Decine di conferenze all’insegna del dialogo e del vivere insieme. Inaugurazione con il patriarca Bartolomeo e il filosofo Bauman. Impagliazzo (Sant’Egidio): “Saremo la voce dei poveri che chiedono pace e delle vittime della violenza”. Sorrentino (vescovo di Assisi): “Mettere insieme le religioni contro il fanatismo”Saranno tre giorni all’insegna del dialogo e del vivere insieme, a trent’anni dalla storica Preghiera delle religioni mondiali per la Pace, convocata da Giovanni Paolo II nel 1986: “Sete di pace”, perché il mondo, oggi più che mai, ne ha bisogno. E’ il titolo dell’incontro internazionale che si svolgerà ad Assisi dal 18 al 20 settembre, promosso dalla Comunità di Sant’Egidio, la Diocesi di Assisi e le Famiglie Francescane. In un momento storico difficile per le minacce costituite dalla violenza diffusa, dal terrore e dalle guerre in corso in Medio Oriente e in Africa, centinaia di capi religiosi di tutti i continenti si vedranno nella città di San Francesco insieme a rappresentanti del mondo della cultura e delle istituzioni e accompagnati da una partecipazione popolare da diverse città italiane ed europee.
Presentando “Sete di Pace. Religioni e Culture in dialogo”, questa mattina a Perugia, il presidente della Comunità di Sant’Egidio, Marco Impagliazzo, ha parlato di “un incontro necessario” soprattutto oggi: “C’è una grande sete di pace che sale dai poveri, dalle vittime del terrorismo e delle guerre in corso in tante parti del mondo. Noi vogliamo essere la loro voce. Non andremo ad Assisi solo per ricordare il trentesimo della grande preghiera voluta da Giovanni Paolo II, ma per celebrare un nuovo evento con tutti coloro che in questi anni si sono messi con noi in cammino per costruire la pace. Sarà un convergere di altissime personalità religiose e istituzionali: per manifestare a tutti che le religioni non sono indifferenti a questo grido che sale dai popoli, per prendere le distanze dai predicatori di odio, lavorando a favore dell’integrazione che è la chiave per difendere le nostre società dalla violenza”.L’incontro internazionale sta ricevendo giorno dopo giorno nuove adesioni popolari: in tanti – prevedono gli organizzatori – raggiungeranno Assisi per assistere ai momenti di assemblea plenaria e a decine di tavole rotonde organizzate in diversi punti della cittadina umbra. Numerose anche le personalità ad alto livello che parteciperanno, al momento già oltre 400, ma altre, sia religiose che istituzionali, si aggiungeranno nelle prossime settimane. All’inaugurazione, nel pomeriggio del 18 settembre, saranno presenti tra gli altri il patriarca di Costantinopoli, Bartolomeo I e il filosofo Zygmunt Bauman. Numerose le autorità religiose, tra cui cardinali, patriarchi delle Chiese d’Oriente, il primate della Chiesa d’Inghilterra Justin Welby, ebrei dall’Europa e da Israele, musulmani (tra cui il rettore dell’università di Al-Azhar, Abd Al-Hay Azab), buddisti ed esponenti di altre religioni asiatiche insieme a rappresentanti delle istituzioni (per l’Italia i ministri Orlando e Giannini) e del mondo della cultura provenienti da tutti i continenti e da zone attraversate da conflitti come la Siria o la Nigeria. Il Vescovo di Assisi, Domenico Sorrentino, ha sottolineato l’importanza dell’evento: “Occorre mettere insieme, allo stesso tavolo, le diverse religioni: di fronte al fanatismo che arriva ad usare il terrore, occorre dialogare e pregare perché scatti una novità nel cuore dell’uomo. Lo spirito di Assisi è questo: una grande sfida e abbiamo la gioia di accogliere, come diocesi, questo incontro internazionale”.
Alla conferenza stampa con cui è stato lanciato “Sete di Pace” è intervenuta anche il sindaco di Assisi, Stefania Proietti: “La nostra è una città preziosa, ricca di tesori come i ricordi di San Francesco e Santa Chiara. Uno di questi tesori è anche lo spirito di Assisi che ci è dato da custodire. Ci troviamo di fronte ad una congiuntura mondiale difficile, di fronte ad un terrore cieco. Ma non ci fermiamo: Assisi si propone come il faro di un nuovo umanesimo contro la globalizzazione dell’indifferenza.
Da oggi fino al 18 settembre verrà lanciata una campagna a favore della pace e del vivere insieme: appelli, assemblee di preparazione e iniziative dal basso per sostenere l’incontro internazionale.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vaccini: Piazza (Acoi), contro ‘moderni stregoni’ serve più cultura scientifica

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 luglio 2016

vaccinazioni“La decisione della Fnomceo sulle sanzioni ai medici che sconsigliano i vaccini e infrangono il codice deontologico è condivisibile ed è una risposta alla sempre più larga diffusione di una sottocultura antiscientifica molto pericolosa, spesso basata su credenze prive di fondamento. E’ ora di contrastare a tutti i livelli questa deriva culturale che rischia di creare problemi sanitari enormi e minare il diritto alla salute dei cittadini. E’ fondamentale avviare una vasta campagna di sensibilizzazione per promuovere e diffondere la cultura scientifica a tutti i livelli, nelle scuole e nell’opinione pubblica, per evitare danni alla salute dei cittadini e liberarli dalla fascinazione di certi moderni stregoni”. Lo afferma Diego Piazza, presidente Acoi (Associazione Chirurghi Ospedalieri Italiani).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Daniele Cametti Aspri espone in Russia

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 luglio 2016

Daniele Cametti AspriDaniele Cametti Aspri1Dal 23 Luglio al 13 Agosto 2016, infatti, i suoi lavori dedicati alla spiaggia di Capocotta, accomunati sotto il titolo “L’ultima spiaggia”, saranno esposti a Gelendzhik (Russia) nell’ambito del progetto fotografico “Riviera”.Gelendzhik è uno dei centri turistici più importanti della Russia europea meridionale. Le sue caratteristiche e la volontà di promuovere l’arte e la fotografia hanno portato alla costruzione di “Riviera”, un progetto internazionale di confronto tra culture diverse sul tema del vivere il mare. Un interessante accostamento tra la costa russa e quella italiana attraverso la visione soggettiva di sei fotografi, tre russi e tre italiani, per mostrare le diversità culturali e sottolineare i punti di contatto: un desiderio di vita che si esprime nella condivisione di un territorio e un rispetto dell’altro che sono comuni a tutte le nazionalità.
Daniele Cametti Aspri partecipa con “L’ultima spiaggia”, dove racconta proprio la realtà di un tratto di costa italiana, quello di Capocotta, riserva naturale del litorale romano, in un reportage intimo di un luogo che, da territorio personale, diventa simbolo di un ideale. La mostra a Gelendzhik è una bella occasione sia per raccontare qualcosa della fotografia italiana emergente al di fuori dei nostri confini, sia per ragionare sulle differenze tra le culture, che devono trovare il loro punto di contatto proprio nell’uomo e nel suo grande desiderio vivere e condividere. (foto: Daniele Cametti Aspri)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le auto del futuro

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 luglio 2016

auto futuroLa convergenza su molteplici livelli darà slancio a nuove opportunità di business per le case automobilistiche, le aziende tecnologiche e i fornitori di mobilità, secondo Intelligent Mobility, l’evento imperdibile di Frost & Sullivan per gli operatori di questo settore. Gli esperti si sono trovati d’accordo sul fatto che il settore della mobilità sta affrontando una profonda trasformazione con la convergenza di guida automatica, connettività ed elettrificazione. Allo stesso modo, la linea di confine tra trasporto pubblico e privato è sempre più sfumata ora che i clienti stanno dando sempre più la preferenza a soluzioni multi-modali rese possibili dalla tecnologia.“Tale convergenza sarà guidata dai dati che ruotano intorno alle automobili e ai consumatori. Le soluzioni orientate al futuro comprenderanno lo sviluppo di sistemi intelligenti a tutti i livelli, e il focus non sarà più su un unico pilastro”, afferma Sarwant Singh, Senior Partner di Frost & Sullivan. “Il passaggio dai veicoli privati alla mobilità integrata multi-modale è un’ulteriore rivoluzione che il settore si trova ad affrontare. Grazie alla convergenza di innovazioni sociali, demografiche e tecnologiche, stiamo assistendo ad un cambiamento di prospettiva: dall’utilizzo delle automobili come opzione preferenziale, se non unica, al modello in cui le persone ne usufruiscono nell’ambito di un sistema più ampio”.
Con relatori di alto profilo provenienti da operatori del settore come General Motors, Renault Nissan, Fontinalis Partners, Moovit, BMW, Toyota, Gett, XXimo, Mobility International AG, Arriva, TomTom Telematics, Inrix, Digital Barriers, HORIBA MIRA e BT, l’evento di due giorni ha rafforzato ulteriormente il ruolo all’avanguardia di Frost & Sullivan come leader per quanto riguarda il futuro sviluppo nel mercato della mobilità intelligente.
Nella discussione sui nuovi modelli di business per la mobilità, quattro delle più importanti case automobilistiche hanno confrontato i rispettivi approcci alla mobilità condivisa. Hanno offerto un ampio spettro di opzioni che vanno da car sharing, ride sharing e servizi di trasporto a chiamata (“ride hailing”) fino a soluzioni su richiesta (“demand responsive”) e parcheggi intelligenti. I modelli di business analizzati hanno fornito la base per passare alle sessioni successive, che si sono sviluppate intorno all’argomento della mobilità aziendale del futuro e delle soluzioni di trasporto integrato: affrontano sfide simili e scelgono soluzioni modulari paragonabili. In futuro, la gestione della flotta diventerà più integrata e includerà non solo i veicoli aziendali, ma sempre più il car sharing e altri elementi del mix della mobilità. Pertanto, una gestione integrata della flotta sarà complementare alle soluzioni integrate per la mobilità, dato che entrambe puntano ad un’unica piattaforma che dia accesso a tutti i servizi e prodotti.“I modelli di business di nicchia di oggi diventeranno sempre più diffusi, specialmente i servizi per la mobilità attivati digitalmente, che porteranno a una convergenza del trasporto pubblico e privato”, conclude Singh. “Complessivamente, ciò porterà a una rete di trasporti più conveniente, user-friendly e on-demand per i clienti, che rivoluzionerà il modo in cui usiamo le automobili, in particolare nelle aree urbane.” (foto: auto futuro)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Turchia: Interruzione collegamento docenti e studenti

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 luglio 2016

scuolaAnche le Università sono colpite gravemente da quel che sta accadendo in Turchia. «Il mondo accademico, per definizione senza confini, assiste con dolore e preoccupazione alle recenti vicende di un Paese con il quale lo scambio di studenti, docenti e ricercatori è continuo», osserva Mario Panizza, rettore dell’Università degli Studi Roma Tre. «Assistiamo impotenti al precipitare della situazione anche nel nostro ambito. Gli studenti che avevano scelto la Turchia per svolgere un periodo di studio all’estero hanno deciso di restare in Italia e temo che i ragazzi turchi avranno, almeno per qualche tempo, difficoltà a uscire dai loro atenei. Quanto ai docenti, abbiamo appreso proprio ieri notizie che viviamo con forte apprensione. Il collegamento tra Turchia ed Europa, al vertice come alla base, è importante e vitale per l’unità del mondo accademico».

Posted in Estero/world news, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Gruppo Europcar investe in Wanderio

Posted by fidest press agency su venerdì, 22 luglio 2016

NEW EUROPCARIl Gruppo Europcar, leader in Europa nel noleggio veicoli e uno dei principali attori della mobilità, ha annunciato ieri una partecipazione di minoranza, attraverso il suo Lab, in Wanderio, una piattaforma multimodale di ricerca, confronto e prenotazione di soluzioni di trasporto. Si tratta di un nuovo passo nello sviluppo della strategia di mobilità di Europcar: dal noleggio auto al Lab per offrire le future soluzioni multi modali di mobilità.
Wanderio è una start up italiana nata nel 2013. Il suo obiettivo è quello di semplificare la vita dei viaggiatori, offrendo la possibilità di scegliere tra diverse alternative per spostarsi da un punto all’altro, in funzione del prezzo e della durata del viaggio. Sulla stessa piattaforma, i clienti possono confrontare le offerte e prenotare treni, voli, bus a lunga percorrenza, transfer aeroportuali e, prossimamente, anche il noleggio auto.
Con più di un milione di viaggi pianificati fino ad oggi, Wanderio copre oltre 700 aeroporti e più di 4.000 stazioni ferroviarie e di autobus.L’investimento di Europcar rappresenta un valido contributo per consolidare ulteriormente la copertura e la presenza di Wanderio in tutta Europa.Fabrizio Ruggiero, Responsabile della Mobilità e Membro del Consiglio di Amministrazione del Gruppo ha dichiarato:“Siamo molto felici di entrare nel capitale di Wanderio attraverso un round A investment. E’ la prima volta che il Lab investe in società di questo genere, vediamo infatti un grande potenziale nel loro modello di business e nel loro unico ed innovativo approccio al confronto tra i diversi mezzi di trasporto.”
Matteo Colò, CEO di Wanderio, ha commentato: “Siamo entusiasti di dare il benvenuto al Gruppo Europcar in qualità di nuovo partner strategico. Questo investimento è una conferma importante della nostra visione e ci permetterà di accelerare la crescita di Wanderio in tutta Europa, attraverso l’espansione in nuovi mercati e lo sviluppo di sinergie”. (foto: NEW EUROPCAR)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »