Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 26 luglio 2016

Assessing the 1.5°C limit in the Paris Agreement

Posted by fidest press agency su martedì, 26 luglio 2016

Paris-antenne-vue-eiffel-tourParis. A new analysis of the scientific and policy aspects of the 1.5°C temperature limit in the Paris Agreement’s long-term temperature goal has identified a number of important areas that require more scientific research. The analysis, written by a team of scientists who have published key research papers on the science, impacts and policy aspects of the 1.5˚C limit, is a centrepiece of a collection by Nature Climate Change, Nature Geoscience and Nature on ‘Targeting 1.5°C’ (http://www.nature.com/1.5Ctarget). Much of the paper’s focus is on characteristics of presently available science on low emission pathways that could achieve 1.5˚C. The paper finds that most of such scenarios at least temporarily overshoot the 1.5˚C limit, where warming would rise above this level before returning to below 1.5˚C by 2100. “Whether the presently available pathways are in line with the Paris Agreement’s temperature goal is not a scientific, but a political question. Many vulnerable countries see 1.5°C as a limit that should not be exceeded,” said the paper’s lead author, Carl-Friedrich Schleussner, of Climate Analytics. “Further research on the feasibility of pathways that limit warming to below 1.5°C is therefore a central element of a post-Paris science agenda.”The paper confirms that limiting warming to 1.5˚C significantly reduces risks and impacts compared with 2˚C, but also underscores the need for more research to improve the scientific understanding of impacts at 1.5°C of warming. These include consequences of 1.5°C for vulnerable systems such as agricultural production in tropical regions, impacts on human health and natural systems such as coral reefs, ice sheets, and impacts such as sea level rise.“In the light of our findings of discernible impact differences between 1.5°C and 2°C, we urgently require a better scientific understanding of the potential impact legacy of temporarily exceeding the 1.5°C limit,” said Michiel Schaeffer, co-author and Scientific Director at Climate Analytics.The paper confirms that early peaking of global emissions, around 2020, and rapid decline toward zero emissions are critical steps towards achieving the Paris Agreement’s temperature goal. Governments’ near-term mitigation targets for the 2020-2030 period are insufficient to achieve the temperature limit. To address that, the Paris Agreement includes a mechanism aimed at increasing climate action over time.“We outline how the legal and policy mechanisms in the Paris Agreement would, in principle, allow to achieve its goals: through a regular, science-driven and synchronised five-year review of national emission reduction commitments that aims at enabling countries to regularly improve their pledges,” said Bill Hare, CEO of Climate Analytics.
“The first major review in 2018 of national mitigation commitments, which is meant to lead to Governments increasing their 2025-2030 emission reduction targets by 2020, could be a crucial first test of the Paris Agreement’s effectiveness,” he said.
In order to achieve the Paris Agreement’s mitigation and temperature goals, globally negative CO2 emissions are required by the second half of the century. Achieving such negative emissions entails the deployment of uncertain and at present controversial technologies, including biomass energy carbon capture and storage.“We find there is no clear difference in the assumed levels of bioenergy and negative emissions between 1.5˚C and 2°C pathways,” said Joeri Rogelj, a co-author and Research Scholar at the International Institute for Applied Systems Analysis, Austria. “Nevertheless, important and genuine sustainability concerns linked to these technologies have to be researched and addressed. Acting earlier and faster can substantially reduce the need for these technologies, but at this point not entirely eliminate it anymore.”
More research is also required into the risks and costs of negative emission technologies, such as bioenergy with carbon capture and storage (BECCS). Ensuring the environmental and social sustainability of bioenergy will be a key challenge under any future scenario and the scientific literature to date provides no conclusive evidence for increasing risks to food security from bioenergy systems between 1.5°C and 2°C scenarios. (photo: global change)

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Research has to be first step to tackling EU disillusionment

Posted by fidest press agency su martedì, 26 luglio 2016

amsterdamAmsterdam. The world association for market, social and opinion research, together with 8 associations representing civil society and research, has sent an open letter calling on the European Union (EU) institutions to redouble efforts towards more citizen-centric and evidence-based policy- making using opinion and social research to assess and evaluate possible future scenarios after the Brexit referendum.“In order to support and guide any upcoming negotiations with the UK and future EU decision-making process, it is now more critical than ever before to conduct extensive research into the will, and aspirations of the European electorate,” highlights Finn Raben, Director General of ESOMAR, author of the open letter.
The letter highlights the importance of establishing a true and comprehensive understanding of citizen needs and aspirations both in the United Kingdom and the rest of the EU and underlines the role that research can play in uncovering how to better communicate with constituencies about the complex and long-term issues facing Europe. The signatories are calling the European institutions to take these following steps:Establish a cross-party and multi-disciplinary expert group composed of academics, experts from research, civil society organisations and representatives of the EU institutions, to consider the implications of the referendum.
Issue a call for tender to conduct comprehensive and wide-ranging social research by researchers that abide to the principles of accepted codes of conduct governing market, opinion, and social research.
Work with the expert group to evaluate and build possible strategies to follow through on the referendum, and even, to formulate possible negotiation strategies (for both sides) on implementing Brexit.
“This initiative, supported by 9 associations, underlines the broad support from both the research community and European civil society to understand more systemically why Europe is failing to inspire its citizenry, what it needs to do to reconnect with all its constituencies. We have to go beyond business as usual and only Brussels can take that first step to position research to help it tackle that disillusion,” adds Kim Smouter, Head of Public Affairs and Professional Standards at ESOMAR.The open letter is to be supported by a #CitizensFirst social media campaign, individuals and organisations wishing to support the key recommendations of the open letter can formally register their support by visiting ESOMAR’s website where the open letter and a form to register support has been setup. The webpage is located at: https://www.esomar.org/citizensfirst

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

19ma edizione delle “Vele d’Epoca”

Posted by fidest press agency su martedì, 26 luglio 2016

Helly HansenImperia. L’incantevole specchio d’acqua della baia d’Imperia sarà teatro dal 7 all’11 settembre prossimi della 19ma edizione delle “Vele d’Epoca”, appuntamento classico in Riviera nonché una tra le tappe più prestigiose del Panerai Classic Yachts Challenge, l’evento velico internazionale dedicato alle imbarcazioni d’antan. “Sempre al fianco di chi è appassionato di vela, Helly Hansen è partner tecnico della kermesse imperiese che vede protagonisti assoluti antichi gioielli del mare, veri e propri capolavori “flottanti” che hanno scritto pagine di storia della nautica mondiale. Una full immersion di sport e cultura a cui non poteva sottrarsi Helly Hansen, il brand norvegese leader mondiale nell’abbigliamento nautico, garanzia di assoluta affidabilità e performance”, dice entusiasta il Sailing Category Managing Director di Helly Hansen, Oyvind Vedvik. “Uno spettacolo impareggiabile di decine di vele al vento, barche preziose e inimitabili che il tempo ha reso immortali rispolverando l’antico spirito marinaro. “Siamo partner ufficiali di eventi completamente diversi: dalla vela del futuro come il GC32 Racing Tour con i suoi Match Race spettacolari, all’evento di Imperia in cui le antiche regine del mare sono pronte a sfilare e a sfidarsi” dice Michael Uhl, Marketing Director Europe di Helly Hansen. “Per noi è un vero onore essere i partner del Panerai Classic Yachts Challenge di Imperia. Abbiamo accompagnato i velisti per quasi 140 anni e non vogliamo mancare a questa tappa italiana che promette di essere un evento velistico davvero unico per gli spettatori e per gli equipaggi”.
Fondata in Norvegia nel 1877, Helly Hansen continua a sviluppare abbigliamento tecnico che aiuta a stare e sentirsi vivi. Grazie alle sue expertise negli ambienti più avversi del mondo, il brand ha sviluppato una lunga serie di innovazioni esclusive sul mercato, compresi i primi indumenti da lavoro impermeabili creati da quasi 140 anni, il primo tessuto in pile nel 1960 e il primo intimo tecnico nel 1970, con la Lifa® Stay Dry Technology™ e oggi, la brevettata e premiata tecnologia H2Flow per la regolazione della temperatura. Helly Hansen è leader nel settore dell’abbigliamento tecnico da vela e da sci. Le sue uniformi da sci sono indossate e consigliate da più di 50.000 professionisti, così come dalle nazionali di sci, squadre olimpioniche e in oltre 200 ski resort nel mondo. L’abbigliamento protettivo, l’intimo tecnico, lo sportswear e il footwear di Helly Hansen sono venduti in oltre 40 nazioni e utilizzati sia da professionisti che da entusiasti dell’outdoor. http://www.hellyhansen.com (foto:Helly Hansen)

Posted in Cronaca/News, recensione | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Euro&Promos incorpora Azeta Iniziative

Posted by fidest press agency su martedì, 26 luglio 2016

Euro&PromosNell’ultima assemblea dei soci di Euro&Promos, multiservice di Udine con 5.000 dipendenti in tutta Italia, è stata approvata la fusione per incorporazione di Azeta Iniziative, società cooperativa per azioni con una quarantina di dipendenti, di cui 27 soci lavoratori, che opera in Friuli Venezia Giulia, soprattutto nella provincia di Trieste, nel settore delle manutenzioni industriali, dei montaggi, degli allestimenti e delle costruzioni in carpenteria e meccaniche.Azeta Iniziative è nata nel 2000 e ha sede a San Dorligo della Valle (Trieste). Fra i suoi principali clienti ci sono Wartsila, Gruppo Arvedi (Siderurgica Triestina), Comune di Trieste, Nuovo Arsena Cartubi, Gruppo Jindal Saw. Secondo il presidente di Euro&Promos, Sergio Emidio Bini, «L’operazione di fusione per incorporazione offre la possibilità di potenziare ed espandere le opportunità delle due strutture attraverso sinergie. La posizione di entrambe le società sul territorio ne uscirà consolidata e saranno incrementate la quantità e la qualità dei servizi offerti. Saranno valorizzate le risorse umane, le competenze specialistiche e il know-how propri sia di Euro&Promos, sia di Azeta Iniziative».L’arricchimento sarà reciproco: Azeta Iniziative potrà contare sulla solidità e sulla capacità gestionale di Euro&Promos, attore di rilievo nazionale nel settore dei servizi con un bilancio da 100 milioni di euro e 5.000 dipendenti; mentre Euro&Promos si arricchisce di preziose competenze e professionalità negli specifici ambiti delle manutenzioni industriali, carpenteria metallica, montaggi e lavorazioni meccaniche.La fusione per incorporazione di Azeta Iniziative in Euro&Promos consentirà inoltre a entrambe le realtà di perseguire in modo più incisivo le proprie finalità sociali. «Questa operazione farà crescere le opportunità di lavoro per i soci attuali, nonché il numero dei soci stessi –continua sempre Bini– Grazie all’allargamento del parco clienti potremo garantire meglio la continuità di occupazione lavorativa per i soci, nonché migliori condizioni economiche, sociali e professionali, senza fini di lucro».Euro&Promos è una delle più importanti realtà italiane nel settore Integrated Facility Management. L’azienda ha sede a Udine, è presente in tutta Italia con oltre 5.000 dipendenti e si occupa logistica, pulizie, energia, ecologia, laundering, servizi sociali alla persona, informazione e relazione. http://www.europromos.it (foto: Euro&Promos)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Maggie & Bianca Fashion Friends” e “Regal Academy“ le nuove produzioni di Rainbow

Posted by fidest press agency su martedì, 26 luglio 2016

Maggie

Loreto (AN), 25 luglio 2016 – Grande entusiasmo alla Maggie1Cittadella del Cinema del Giffoni Film Festival per le due serie animate di Rainbow, la content company di Iginio Straffi nota in tutto il mondo per le sue produzioni animate e multimediali. Al Giffoni Film Festival, Rainbow ha presentato le due nuove produzioni 2016: la serie animata “Regal Academy” – che dopo il successo dell’anteprima mondiale dei primi 6 episodi andati in onda a maggio su RAI YoYo, tornerà in tv a settembre sempre su RAI YoYo – e il live action “Maggie & Bianca Fashion Friends” – che andrà in onda su RAI GULP a settembre -, entrambe nate dal genio e dall’estro creativo di Iginio Straffi – Presidente e Fondatore di Rainbow – e in collaborazione con Rai Fiction.
Grandissimo è stato il successo dell’anteprima di “Maggie & Bianca Fashion Friends”: due ragazze compagne di studi alla Fashion Academy di Milano che, nonostante le loro diversità, diventeranno grandi amiche. Tantissima è la forza e l’energia che ha suscitato la proiezione e il successivo blue Maggie2carpet dove i protagonisti si sono esibiti con la crew di ballerini in una travolgente perfomance di canto e ballo.Grande performance anche per “Regal Academy”, la produzione che rivisita con toni ironici le fiabe classiche e racconta di avventure di Rose Cenerentola: giovane studentessa della Regal Academy, scuola fondata dai grandi eroi delle favole che, ormai invecchiati, hanno creato un’accademia per futuri eroi. Sul blue carpet, coloratissimi personaggi, hanno interpretato i protagonisti del cartoon fantasy per la gioia dei giovanissimi fan, felici di poter vedere in carne e ossa la loro nuova beniamina, Rose Cenerentola.Rainbow è una content company fondata nel 1995 per la realizzazione di produzioni animate e multimediali. Oggi è uno dei maggiori e riconosciuti studi di animazione a livello internazionale, primo in Europa. Rainbow ha assunto ancora di più una dimensione globale grazie ad una strategia di crescita e di sinergia industriale che ha portato all’acquisto di Bardel Entertainment Inc., prestigioso studio di animazione canadese. Rainbow è l’unica casa di produzione in Italia in grado di realizzare internamente tutte le fasi di produzione di un cartone animato. (foto: Maggie)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Telelavoro: un Bando da 291.000 euro per incentivarlo tra gli enti pubblici

Posted by fidest press agency su martedì, 26 luglio 2016

torinoTorino. Pubblicato il Bando regionale per introdurre o rafforzare il telelavoro nelle pubbliche amministrazioni piemontesi, verranno concessi fino a 291.000 euro. «La Regione Piemonte così vuole sensibilizzare il territorio all’utilizzo di nuove formule organizzative di lavoro decentrato, strumenti utili alla condivisione dei tempi di vita e di lavoro» – ha dichiarato Monica Cerutti, assessora alle Pari Opportunità della Regione Piemonte. Il Bando rimarrà aperto fino al 18 ottobre 2016 alle ore 12.00.
Il telelavoro è stato introdotto nel pubblico impiego dall’art. 4 della legge numero 191 del 16 giugno 1998 il quale prevede che le amministrazioni pubbliche potessero avvalersi di forme di lavoro a distanza, allo scopo di razionalizzare l’organizzazione del lavoro e di realizzare economie di gestione attraverso l’impiego flessibile delle risorse umane.
«La Regione Piemonte gode di un’esperienza decennale in questo ambito e ha messo a disposizione degli altri enti regionali le proprie competenze fornendo un supporto operativo gratuito per il trasferimento della buona pratica e la contestualizzazione del modello organizzativo del telelavoro nell’ente ricevente» – ha dichiarato Monica Cerutti, assessora alle Pari Opportunità della Regione Piemonte.
«Il telelavoro risponde alle esigenze di quelle categorie di lavoratrici e lavoratori in situazione di disagio a causa di disabilità psicofisica o con minori e/o familiari bisognosi di assistenza o per l’eccessiva lontananza della propria abitazione dal luogo di lavoro; è utile per razionalizzare e adeguare l’organizzazione del lavoro a seguito dell’introduzione delle nuove tecnologie e reti di comunicazione pubblica, realizzando economie di gestione; serve per assicurare alle lavoratrici e ai lavoratori la scelta di una diversa modalità di prestazione del lavoro; promuove una mobilità sostenibile tramite la riduzione degli spostamenti casa-lavoro-casa, nell’ottica di una politica ambientale sensibile alla diminuzione del traffico in termini di volumi e percorrenze» – ha dichiarato Monica Cerutti, assessora alle Pari Opportunità della Regione Piemonte.
La Regione Piemonte ha anche promosso una mappatura dell’applicazione delle forme di lavoro a distanza tra gli enti pubblici piemontesi. Circa trecento enti tra Comuni, unioni montane, ASL, scuole, agenzie, enti gestori delle funzioni socio-assistenziali, province, Città Metropolitana e enti vari hanno risposto al questionario messo a disposizione. La situazione non è positiva: il numero delle pubbliche amministrazioni che hanno dato attuazione al contesto normativo è ancora basso.
Dei circa 200 comuni che hanno risposto al questionario solo 11 dichiarano di essersi già dotati del “Piano per l’utilizzo del telelavoro”, ma solo Torino e Novi Ligure hanno già dipendenti che usufruiscono della possibilità: i dipendenti comunali di Torino in telelavoro sono 44 e rappresentano lo 0,5% del totale; a Novi Ligure i dipendenti comunali in telelavoro sono 3 e rappresentano 1,5% del totale.Le Province che si sono dotate del Piano per l’utilizzo del telelavoro sono quelle di Biella, Cuneo e la Città Metropolitana. I dipendenti in telelavoro a Biella sono 2 e rappresentano 1,82% del totale; a Cuneo nonostante la possibilità non ci sono dipendenti in telelavoro; Città Metropolitana ha 18 lavoratori in telelavoro, ovvero 1.5% sul totale dei dipendenti. Monica Cerutti, Assessora alle Pari Opportunità – Regione Piemonte

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Disturbo bipolare e diagnosi tardive

Posted by fidest press agency su martedì, 26 luglio 2016

ospedale bresciaBrescia Il disturbo bipolare è un terreno da tempo esplorato sia dal punto di vista della ricerca che dell’assistenza all’IRCCS Fatebenefratelli di Brescia. Questo disturbo, che affligge circa l’1% della popolazione generale, ha pesanti costi assistenziali e comporta significativi carichi di assistenza ‘informale’ per i familiari del paziente sofferente di un disturbo bipolare. Nei mesi scorsi all’IRCCS si è tenuta la 7a edizione del corso di addestramento su “L’intervento psicoeducativo per pazienti con disturbo bipolare e loro familiari”. Questo corso, destinato a professionisti del campo della salute mentale, era destinato ad addestrare medici e psicologi ad utilizzare il metodo di psicoeducazione di gruppo sviluppato da Colom, Vieta e colleghi a Barcellona, presso uno dei centri leader al mondo nella ricerca sui disturbi bipolari. Con questo metodo strutturato lo staff dell’IRCCS Fatebenefratelli, diretto dal Dott. Giovanni de Girolamo, psichiatra, ha trattato in questi anni, nei DSM di Brescia e di Desenzano, più di 200 pazienti, riscuotendo elevati livelli di soddisfazione e di gradimento; i ricercatori sono riusciti a dimostrare, con un articolo apparso su una delle principali riviste internazionali del settore, che tra i pazienti che hanno partecipato al programma di psicoeducazione, le ricadute ed i ricoveri ospedalieri erano diminuiti del 60%, e tali differenze erano mantenute anche a distanza di anni.Ora escono, in perfetta sincronia con il lavoro svolto sino ad oggi, un libro e uno studio sullo stesso argomento. Lo studio, cofirmato dal Dott. De Girolamo e dal suo staff, nonché da due autorevoli psichiatri australiani, affronta il tema – cruciale – dell’intervallo temporale esistente tra l’insorgenza dei primi sintomi di malessere e la formulazione di una precisa diagnosi, elemento indispensabile per mettere in atto i necessari interventi terapeutici. Tale intervallo è di ben 6 anni, il che fornisce straordinarie opportunità per appropriati interventi precoci e di prevenzione secondaria. E’ un tempo lunghissimo: si pensi a cosa potrebbe significare ricevere una diagnosi di un tumore 6 anni dopo la sua insorgenza…….. Sempre lo stesso gruppo (de Girolamo, Buizza, Candini e Bulgari) ha curato l’edizione italiana del volume, scritto dal medesimo gruppo spagnolo di Vieta e Colom, dal titolo “La Riabilitazione funzionale per il disturbo bipolare”, pubblicato dall’editore romano Fioriti. Questo volume propone un metodo strutturato e particolarmente accurato per impostare un programma di riabilitazione funzionale in pazienti affetti dal disturbo bipolare, al fine di favorire una piena reintegrazione sul piano familiare, lavorativo e sociale; esso fornisce un metodo rigorosamente strutturato e sequenziale che sarà prezioso per tutti gli operatori del campo della salute mentale.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La sudorazione eccessiva è un problema per oltre 7 milioni di persone

Posted by fidest press agency su martedì, 26 luglio 2016

giuseppe sito«Si stima che in Italia ci siano tra i 7 e i 9 milioni di persone che soffrono di iperidrosi», afferma Giuseppe Sito, vicepresidente di AITEB (Associazione Italiana Terapia Estetica Botulino) e autore del testo “Hyperhidrosis, clinician’s guide to diagnosis and treatment” pubblicato da Springer-Verlag. «I sintomi possono comparire fin dalla pubertà e protrarsi nel tempo: fattore scatenante non è un’eccessiva emotività o l’attività fisica. Si tratta di un’iperfunzione del sistema nervoso centrale che controlla la sudorazione. Le zone maggiormente interessate sono le mani, le ascelle e i piedi; ma ci sono anche alcune forme che colpiscono il petto e cuoio capelluto. Il risultato è un imbarazzo continuo; imbarazzo che aumenta in estate quando le temperature si innalzano stimolando ulteriormente la sudorazione».Le soluzioni non mancano. «Si può arrivare anche all’intervento chirurgico», premette Sito. «Ma si tratta di soluzioni piuttosto invasive e superate dalla tecnica medica. La tossina botulinica, quella che conosciamo anche per i suoi effetti antirughe, è oggi un farmaco insostituibile nella cura dell’iperidrosi perché crea anidrosi, ovvero assenza di sudore». Il trattamento viene fatto direttamente sulla zona interessata. «A distanza di pochi giorni gli effetti già si vedono e durano per almeno sei mesi. Facendo il trattamento oggi si scavalca tranquillamente il periodo più caldo arrivando all’inverno quando, per via dell’abbassamento delle temperature, l’iperidrosi può essere tollerata maggiormente». Conclude il vicepresidente di AITEB: «Di fatto, oggi la tossina è l’unico farmaco sicuro, innocuo, molto ben dosabile e soprattutto che funziona nel contrastare una malattia fastidiosa e socialmente invalidante come l’iperidrosi. Non bisogna dimenticare però che il botulino è un farmaco: per ottenere i risultati sperati deve quindi essere maneggiato da mani esperte. È sempre consigliato rivolgersi ad un medico specializzato». (foto: giuseppe sito)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giffoni Film Festival: Chiude un’edizione da record

Posted by fidest press agency su martedì, 26 luglio 2016

giffoni“Vogliamo che tutti si sentano padri e padroni del Giffoni Film Festival”. A dirlo il direttore Claudio Gubitosi nella conferenza di chiusura della 46esima edizione del GFF. “Dal 30 settembre al 30 aprile – sostiene – lanceremo un crowdfunding rivolto a tutti. Siamo certi che i ragazzi rinunceranno volentieri anche ad una pizza con gli amici e ad un gelato pur di sostenere Giffoni. Saranno loro e le loro famiglie a diventare i veri e principali sostenitori del GFF perché il Festival è il loro. Anche la società civile e imprenditoriale deve mobilitarsi e starci accanto. Invitiamo gli imprenditori salernitani, campani e nazionali a sostenerci attivamente”.
Il direttore, poi, parla idealmente ai giurati. “Ieri sera – racconta – ascoltavo due ragazzi che tra loro dicevano: ‘domani finisce Giffoni. E io che faccio?'”. A quei 4.200 giovani che da domani saranno più tristi senza il loro Festival, dice: “Sono loro la nostra forza e la nostra risorsa, a loro ci rivolgeremo ancora per costruire la nuova edizione. I ragazzi, certo, ma non solo: anche le famiglie, perché quest’anno Giffoni ha aperto loro le porte dell’accoglienza, riservando proiezioni proprio ai genitori. Qui a Giffoni abbiamo trasferito i figli ai genitori e i genitori si sono impossessati dei figli”, dice Gubitosi sottolineando come film in concorso “mettano in evidenza disagi, dolori, preoccupazioni, sintomi di una società che, come sappiamo, non è tranquilla”.
giffoni1Gubitosi snocciola numeri e cifre record, “impressionanti”, “50 milioni di persone che hanno seguito complessivamente il Festival online, di cui 4 milioni di contatti in streaming, incalcolabile il numero di fotografie e video realizzati dai ragazzi presenti, imponente l’attenzione dei media internazionali ormai arrivata alle stelle, divi mondiali e italiani che considerano Giffoni uno dei pochi appuntamenti top del cinema dove essere assolutamente invitati. Non a caso il sociologo Domenico De Masi ha detto che “Giffoni sta al cinema come Cupertino sta alla Apple””.
Ma Giffoni da qualche anno non è solo cinema: l’Innovation Hub, l’acceleratore di progetti fondato da Luca Tesauro e Orazio Maria Di Martino, è ormai un punto di riferimento per le start up che troverà la sua perfetta collocazione nella Multimedia Valley, la struttura che ospiterà il Giffoni Experience dalla prossima edizione e che potrà permettere a 5.000 giurati di tutto il mondo di realizzare il proprio sogno. Gubitosi lascia la parola proprio a loro, ai giurati delle singole sezioni: i ragazzi parlano di cultura, di voglia di condividere emozioni e pensieri, di come crescerà Giffoni nella loro anima da domani fino alla prossima edizione.
Poi è il momento dei selezionatori delle singole sezioni, anima, cuore, fiore all’occhiello ed eccellenza della parte cinematografica di Giffoni: Manlio Castagna, Antonia Grimaldi, Gianvincenzo Nastasi, Luca Apolito e Tony Guarino. Sono loro che scelgono i film con cura e professionalità, sono loro le antenne Niccolò Agliardiche captano i desideri dei ragazzi e che, durante il Festival, diventano anche esempi, confidenti e fratelli maggiori dei giovani giurati.
Poi le nuove sfide: un accordo di collaborazione per la formazione degli insegnanti firmato tra il Giffoni Experience e Formamentis e un crowfunding. Il direttore Gubitosi, poi, si è soffermato anche su Aura, il sociale del Giffoni Experience e ha detto: “Ringrazio tutto lo staff di Aura, presieduto da Alfonsina Novellino per il costante e attento lavoro svolto in questo anno. Non posso non ricordare, su tutti, l’asta di beneficenza che si è tenuta nel corso del Gff, che ha bissato i successi di quella realizzata a dicembre scorso, e l’iniziativa, pregevole e significativa, dell’anteprima del Giffoni al Bambino Gesù di Roma con il grande Lino Bandi che ha scelto quell’occasione per festeggiare i suoi 80 anni. Stamattina – aggiunge Gubitosi – proprio Aura ha portato il cast della serie tv Braccialetti Rossi nelle corsie pediatrico dell’Ospedale San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno.
Secondo il presidente Piero Rinaldi: “È stata una edizione grandiosa e i numeri lo confermano. Abbiamo superato numerose difficoltà, so cosa significa portare avanti una macchina così complessa. Tutto questo conferma la bontà del progetto di Claudio Gubitosi”. (foto: giffoni, Niccolò Agliardi)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I giardini di Villa della Pergola ad Alassio

Posted by fidest press agency su martedì, 26 luglio 2016

villa pergolavilla pergola2Alassio. I mesi estivi sono il periodo migliore per visitare i giardini di Villa della Pergola ad Alassio (realizzati alla fine del XIX secolo rappresentano uno dei rari esempi di giardino inglese in Italia e, grazie all’attento restauro curato dall’architetto paesaggista Paolo Pejrone, uniscono sapientemente la tipica vegetazione mediterranea con piante rare della flora esotica), che offrono un’occasione unica per passeggiare immersi tra i colori della macchia mediterranea e della vegetazione tropicale al massimo del loro splendore.Ad agosto si possono ammirare le ultime fioriture dei fiori di loto (prima metà del mese), considerati fiori sacri nel Buddhismo e nell’Induismo e simbolo dell’illuminazione e delle rigenerazione spirituale: queste piante vivono infatti nelle zone stagnanti, con le radici ben salde ed ancorate alla paludi, eppure, nonostante questo, riescono a mantenersi pulite, facendo sbocciare fiori bellissimi.Nel giardino di Villa della Pergola, i Loti sono coltivati nelle vasche recuperate dalle antiche cisterne che servivano per la raccolta dell’acqua piovana destinata all’irrigazione del parco, sapientemente restaurate nel 2006 e rese di nuovo operative come tutta la rete idrica del giardino. Molto suggestive anche le fioriture nelle fontane e nei laghetti rocciosi delle villa pergola3ninfee, piante acquatiche galleggianti tra le più note, il cui diametro può arrivare fino a 120-140 centimetri. Le Ninfee, nella mitologia greca, erano considerate il simbolo dell’amore non corrisposto, ma anche dell’amore platonico. Al suo massimo splendore nel mese di agosto è la macchia mediterranea che adorna e avvolge i giardini.
In Agosto e settembre, poi, i giardini di Villa della Pergola vengono arricchiti dalle fioriture delle lantane, i cui fiori tendono a cambiare colore nell’arco della fioritura, degli oleandri, arbusti sempreverdi dalla fioritura rigogliosa, delle buccinatorie, piante rampicanti dai fiori a forma di trombetta, delle bignonie, piante rampicanti vigorose e rigogliose che possono raggiungere anche i 10 metri d’altezza, dei solanum a fiore viola, dei coloratissimi ibischi di origine africana e americana, delle plumbago azzurre.
Le visite guidate si tengono tutti i sabati e le domeniche – fino a fine ottobre – con visite guidate su prenotazione (9.30, 11.30, 15.00 e 17.00). Il biglietto d’ingresso è acquistabile sul posto ed è comprensivo di accompagnamento guidato.Singolo: 12 euroSoci FAI: 10 euroRagazzi da 6 a 14 anni: 6 euro, gratuito per i bambini fino ai 6 anni accompagnati da un adulto.Scolaresche (visita parco): 6 euro.Agibilità: i Giardini sono visitabili in gran parte anche da persone disabili. Solo alcune zone non sono accessibili a causa della morfologia del terreno e per la presenza di brevi scale in pietra. Gli animali non possono entrare. (foto: villa pergola)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Investire negli U.S.A.

Posted by fidest press agency su martedì, 26 luglio 2016

arturo meglioGli Stati Uniti rappresentano una meta assai ambita dagli investitori italiani, che ogni anno cercano di sviluppare il proprio business impiegando i propri capitali in uno dei 50 Stati dell’unione. Ma quale tra questi è il più attrattivo per i capitali stranieri? Secondo gli esperti del settore il South Carolina, grazie a una politica economica e fiscale che ha favorito l’ingresso di capitali stranieri nel proprio mercato, oltre allo speciale programma “South Carolina Landing Pad” ideato dalle locali istituzioni governative per attrarre capitali stranieri, è diventato uno degli stati americani preferiti dagli investitori stranieri e dalle aziende di tutto il mondo, in un mercato, quello statunitense, che storicamente occupa una posizione di leadership a livello mondiale per i nuovi investimenti delle imprese. Tra il 2014 e il 2015, le esportazioni dello Stato sono aumentate infatti del 4,18%, e hanno raggiunto ben 195 Paesi nel mondo. Una situazione così favorevole da attrarre anche 80 aziende italiane, in cui lavorano oltre 2500 addetti americani, in grado di generare un giro d’affari che nel 2015 ha sfiorato i 200 milioni di dollari.Per non far svanire il sogno americano e godere dei vantaggi che il South Carolina offre, gli avvocati Giampaolo Salsi e Arturo Meglio, partner della sede milanese dello studio legale K&L Gates ed esperti in ambito societario e nella internazionalizzazione delle imprese, danno alcuni suggerimenti per affrontare al meglio il processo di ingresso nello Stato americano: “I vantaggi nell’investire nel South Carolina sono molteplici e concreti, ma è bene cautelarsi per non incorrere in problemi e complicazioni, sia dal punto di vista burocratico, sia da quello finanziario. Innanzitutto è bene scegliere di appoggiarsi a professionisti che conoscono in modo approfondito la realtà del mercato locale e di quello statunitense, un apporto senza il quale si rischia d’incorrere in problematiche di complessa gestione se non affrontate in via preventiva. In secondo luogo è raccomandabile mettersi in contatto con le istituzioni locali deputate a sviluppare gli investimenti dall’estero come la‎ CRDA, la Charleston Regional Development Alliance, che possono mettere a disposizione esperienza e relazioni sviluppati in loco. Mai dimenticare inoltre di studiare l’operazione nel suo complesso, sotto tutti i punti di vista, per valutarne le varie possibili conseguenze. Infine è consigliabile prendere contatto con istituti bancari scelti dopo un’attenta valutazione, che siano in grado di fornire supporto all’operazione in loco”.A confermare l’interesse delle aziende per il South Carolina i dati diffusi dal South Carolina Department of Commerce confermano che negli ultimi 5 anni lo Stato ha calamitato oltre 89 milioni di dollari in investimenti dal Bel Paese, creando ben 384 nuovi posti di lavoro, riuscendo a essere nominato per la quarta volta nell’ultimo lustro come lo Stato in cui sono stati creati più posti di lavoro per milioni di abitanti grazie all’ingresso di aziende straniere. Sul territorio si sono stabilite infatti ben 80 aziende italiane, tra cui importanti imprese come Ansaldo STS USA, Bonomi North America, Cole Vision Corp, Lenscrafters Inc e Miracle Ear, che sono in grado di dar lavoro a oltre 2500 addetti americani, generando un giro di affari che ha sfiorato nel 2015 i 200 milioni di dollari.Per favorire ulteriormente l’afflusso di capitali stranieri nel proprio territorio, il South Carolina Department of Commerce ha creato un articolato programma ad hoc, il “South Carolina Landing Pad”, pensato appositamente per assistere le imprese che vogliono internazionalizzarsi stabilendosi per la prima volta negli Stati Uniti. Lavorare in affiancamento con gli esperti della camera Giampaolo Salsidi commercio, rende possibile una riduzione dei tempi d’inserimento nel mercato del South Carolina e l’abbattimento delle preoccupazioni e dei dubbi legati all’ingresso in un mercato così vasto e potenzialmente sconfinato. Attraverso questo programma le aziende saranno guidate nel reperire quei servizi necessari all’avvio del business in terra straniera a prezzi vantaggiosi, come il reclutamento della forza lavoro, un’efficace guida sulle normative e i regolamenti applicabili, nonché sulla relativa tassazione e la traduzione di testi e importanti documenti ufficiali. Ma perché scegliere proprio il South Carolina? Ad oggi più di 1200 imprese straniere si sono stabilite qui per beneficiare del mercato dello Stato in continua espansione e del chiaro e vantaggioso sistema fiscale. Ma non è tutto: una delle ragioni principali di questa grande attrattività risiede nel fatto che il South Carolina è strategicamente posizionato tra New York e Miami, offrendo così grandi vantaggi nei trasporti su tutta la East Coast statunitense. Basti pensare che alcune delle più grandi aziende mondiali chiamano ‘casa’ il South Carolina, come ad esempio marchi multinazionali del calibro di BMW, Michelin, Adidas, Mercedes-Benz, Volvoe FujiFilm. Come se non bastasse la città di Charleston è stata insignita del titolo di World’s Best City dal magazine Travel & Leisure lo scorso giugno, a dimostrazione di un’altissima qualità della vita.Un pensiero condiviso da tutti gli esperti del settore, le cui ragioni sono confermate anche dai numeri dell’export del South Carolina, in costante crescita sotto tutti i punti di vista. Tra il 2014 e il 2015 le esportazioni dello Stato sono aumentate infatti del 4,18% verso 195 Paesi nel mondo, con particolare riferimento al settore di automobili, pneumatici, fibre sintetiche, cuscinetti, parti meccaniche e tosa erba. Una tendenza favorita anche dalle grandi potenzialità del porto di Charleston, il 9° per capacità commerciali negli USA, che, oltre ad essere cresciuto del 4% nei flussi mercantili negli ultimi 12 mesi, offre una linea diretta con i maggiori porti italiani come Napoli, Genova e Gioia Tauro, ma anche con quelli europei come Valencia, Southampton, Le Havre e Rotterdam. Tra i prodotti maggiormente esportati verso l’Italia ci sono i macchinari industriali, la pasta di legno, la carta, i metalli preziosi e le materie plastiche. (foto: arturo meglio, Giampaolo Salsi)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

ETF Securities lancia i primi ETC sull’oro

Posted by fidest press agency su martedì, 26 luglio 2016

lingotti oroLONDRA. ETF Securities, uno dei provider indipendenti più importanti al mondo di Exchange Traded Products (ETP), ha annunciato la quotazione dei primi ETC sulla piattaforma di fund processing FundSettle di Euroclear, supportata da FundsPlace.Attraverso la piattaforma, gli investitori potranno ora accedere a due ETP fisici sull’oro di ETF Securities: il Gold Bullion Securities e l’ETFS Physical Gold.Gli ETC sono tradizionalmente quotati in borsa e possono essere negoziati come le azioni in qualsiasi momento durante le ore di mercato. FundSettle permetterà agli investitori di acquistare e vendere quote di questi ETP in modo affine ai fondi comuni, al “net asset value” (NAV) di fine giornata, offrendo così una via di accesso ulteriore ai prodotti.Dall’inizio del 2016, ETF Securities ha registrato oltre 3 miliardi di dollari americani di flussi sui prodotti sull’oro e la società offre la più completa gamma di ETP in Europa, che comprende il 36% dei flussi negli ETP sulle commodities a fine giugno[2].Massimo Siano, Head of Southern Europe per ETF Securities, afferma:“Gli investitori stanno acquistando l’oro, tipicamente considerato un bene rifugio, come copertura dalla turbolenza economica e finanziaria determinata dalla politica monetaria incerta della BCE e della FED e dalle preoccupazioni politiche sulla Brexit e le elezioni presidenziali americane.Siamo lieti di rispondere a questa maggiore domanda rendendo disponibili i nostri prodotti attraverso le soluzioni di FundsPlace. ETF Securities ha sviluppato il primo ETC sull’oro al mondo nel 2003 e si impegna a garantire a tutti gli investitori un accesso conveniente e trasparente ai propri prodotti.”Mohamed M’Rabti, Deputy Global Head of FundsPlace, Euroclear, ha affermato: “Siamo orgogliosi di collaborare con ETF Securities. Ciò dimostra la reale ampiezza e la flessibilità della piattaforma FundSettle. Questi ETC saranno i primi disponibili su FundSettle a beneficiare della nostra offerta di servizi sicura, affidabile e modulare.”

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Credito specializzato: aumento utilizzo di imprese e famiglie

Posted by fidest press agency su martedì, 26 luglio 2016

evoluzione flussiL’indagine sull’attività di credito specializzato in Italia è condotta dalle tre Associazioni di categoria (Assifact, Assilea e Assofin) cui aderiscono le banche e gli intermediari finanziari attivi rispettivamente nel settore del factoring, del leasing e del credito alle famiglie. L’ottava edizione annuale raccoglie i dati relativi al 2015, facendo luce sulle recenti dinamiche positive e sull’importanza che il settore ricopre nel panorama economico rispetto ai principali indicatori macroeconomici.
Dopo la ripresa avviatasi nel 2014, è proseguita anche nel 2015 la crescita aggregata dei flussi di nuovi finanziamenti (+9.6%). Tale trend tuttavia non si riflette ancora appieno sulla dinamica delle consistenze (+0.3%), in quanto una quota rilevante di erogazioni di credito alle famiglie è stata assorbita dal “refinancing” di operazioni già in essere.
Nel complesso, i flussi erogati nel 2015 dalle Associate, sotto forma di contratti di credito alle famiglie, factoring e leasing confermano il ruolo di tali strumenti quali importanti forme di supporto e finanziamento per famiglie e imprese: coprono, infatti, più del 23% degli impieghi totali in essere del sistema bancario e finanziario e il 17% del PIL. L’incidenza di credito specializzato sugli investimenti delle imprese e sulla spesa delle famiglie si attesta rispettivamente al 6,3% e al 7,7%, con una leggera ripartizione crediticrescita rispetto al 2014.
Famiglie e imprese rappresentano i principali settori serviti dal credito specializzato. In coerenza con la migliore dinamica registrata sul fronte dei consumi, rispetto a quella osservata sugli investimenti, la ricomposizione per comparto di clientela vede crescere ulteriormente la quota relativa alle famiglie, che tocca il 68,8% (credito al consumo e mutui), a scapito di quella delle imprese (factoring e leasing), che si attesta al 25,1% dell’outstanding totale al 31.12.2015. La quota destinata al settore pubblico scende lievemente al 3,6% del totale portafoglio ed è garantita per oltre il 90% da operazioni di factoring.
I nuovi flussi di credito finanziati dagli operatori specializzati, ripartiti tra intermediari finanziari, banche specializzate e società commerciali di leasing operativo, sono stati pari al 67,4% del totale erogato. Tale quota risulta in contrazione rispetto al 2014 (71,3%), in quanto nel 2015 vi sono state alcune importanti operazioni di incorporazione del business di tali operatori all’interno del gruppo bancario di appartenenza.
Tra gli specializzati, gli intermediari finanziari, con il 49,1% di incidenza sul totale, sono la classe di operatori che finanzia la maggior quota di credito specializzato.
A seguito di tali operazioni di incorporazione, nel 2015 si assiste ad un’ulteriore crescita, rispetto al 2014, della quota delle banche generaliste: il 54,9% degli impieghi in essere fa riferimento, infatti, a tali operatori, seguito da una quota del 25,5% degli intermediari finanziari e da un 19,1% di banche specializzate. (grafico: evoluzione flussi, Ripartizione del credito)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Conti pubblici: De profundis Renzi

Posted by fidest press agency su martedì, 26 luglio 2016

economia_4Dichiarazione dell’onorevole Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia: “Altro che ‘Rivedremo le stime del Pil di fronte al rallentamento globale’, come vuole farci credere il ministro Padoan, i conti pubblici italiani erano sbagliati ancor prima della Brexit e ancor prima degli ultimi attentati terroristici. Il problema non è neanche la crisi del sistema bancario italiano, ma la cattiva politica economica del governo.
Già nel Documento di Economia e Finanza (Def) di aprile, infatti, la crescita reale del Pil nel 2016 è stata stimata dall’esecutivo all’1,2% quando tutti gli outlook sul nostro paese dicevano che sarebbe arrivata a stento all’1%. Allo stesso modo, è stato inserito un tasso di inflazione dell’1%, quando al massimo sarà poco più di zero (l’acquisito a giugno 2016 è -0,2%).
Un magheggio del governo per avere una crescita nominale (quella che conta ai fini del rispetto dei parametri di Maastricht, data da crescita reale più inflazione) del 2,2%, quando al massimo sarà dell’1%-1,2%, cioè della metà.
Tutto questo, dicevamo, senza considerare l’effetto della vittoria del Leave nella consultazione popolare inglese. I conti del ministro Padoan, quindi, erano sbagliati già da prima. E oggi la situazione può solo peggiorare, con la crescita nominale che a fine anno finirà per essere meno della metà rispetto a quella prevista dal governo ad aprile.
Per non parlare delle precedenti previsioni di ottobre 2015, quando l’esecutivo aveva stimato una crescita nominale del Pil dell’1,6% a cui si aggiungeva un’inflazione all’1%, quindi una crescita nominale del 2,6%. A dimostrazione che il governo i conti pubblici li ha sempre gonfiati, per giustificare la politica spendi e spandi, finalizzata a comprarsi il consenso, del presidente del Consiglio, Matteo Renzi.Padoan non si nasconda dietro al ‘rallentamento globale’ e faccia mea culpa. Non si usino Brexit, banche e terrorismo per coprire la politica economica sbagliata del governo.
A ottobre, quando con la Legge di stabilità uscirà tutta la polvere messa sotto il tappeto dal duo Renzi-Padoan, servirà una manovra correttiva da 30-40 miliardi per coprire il buco della minor crescita (16 miliardi, senza considerare l’effetto Brexit), sterilizzare le clausole di salvaguardia (15 miliardi, per evitare l’aumento dell’Iva) e finanziare le cosiddette ‘spese indifferibili’ come le missioni internazionali e le risorse per gli ammortizzatori sociali (altri 10 miliardi circa). Una batosta per gli italiani, che voteranno No al referendum per mandare finalmente a casa Renzi”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il diavolo e la città bianca: Erik Larson

Posted by fidest press agency su martedì, 26 luglio 2016

il diavolo e la città bianca1893, Stati Uniti. Quattro anni dopo Parigi, Chicago vuole approfittare del grosso flusso di turisti che sta arrivando per ammirare le straordinarie opere architettoniche realizzate per l’Esposizione Universale, ed ergersi a metropoli alternativa a New York. Lo vogliono i politici, i cittadini, ma lo vuole soprattutto il geniale architetto Daniel H. Burnham, colui che lavora da anni, senza sosta, per trasformare quella desolata landa sulle rive del lago Michigan nella «Città Bianca»: una metropoli imponente, bella e funzionale.Peccato che, in quello stesso periodo, abbia deciso di arrivare in città anche il dottor Henry H. James. Affascinante, giovane e intraprendente, Holmes rileva una piccola farmacia posseduta da due anziani medici locali (che, una volta concluso l’affare, scompaiono misteriosamente), trasformandola nel «Fair Hotel», un albergo pronto ad accogliere i turisti arrivati in città per cercare lavoro all’Esposizione Universale.L’albergo di Holmes, però, non è come ci si aspetterebbe. È una vera e propria fabbrica della morte, dotata di camere di tortura e di forni crematori. E così, mentre Burnham sconfigge la politica, le condizioni climatiche e gli scontri con le più grandi personalità locali per bonificare le paludi di Jackson Park, il dottor James usa il suo fascino magnetico per attirare nella sua trappola centinaia di donne, tutte giovani, diventando il più atroce ed efferato serial killer che la storia americana ricordi.Con la prosa esatta e potente con cui è diventato famoso in tutto il mondo, e con una galleria di personaggi d’eccezione (tra cui Buffalo Bill e Thomas Edison), Erik Larson costruisce un libro splendido e coinvolgente. Un romanzo che è sia il ritratto di un feroce assassino sia l’incredibile affresco di una città che lotta per diventare una metropoli all’avanguardia.
Erik Larson è nato a Freeport, Long Island, nel 1954. Collaboratore di Time, New Yorker, Atlantic Monthly, Harper’s e altre prestigiose riviste americane, ha scritto numerose opere, tra le quali si segnalano Il giardino delle bestie (2012), Guglielmo Marconi e l’omicidio di Cora Crippen (2014) e Scia di morte. L’ultimo viaggio della Lusitania (2015). Erik Larson vive a Seattle con la moglie e tre figlie.Traduzione dall’inglese di G. M. GriffiniEuro 18,00448 pagine EAN 9788854505889 (foto: il diavolo e la città bianca)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scritti scelti: Ezra Pound

Posted by fidest press agency su martedì, 26 luglio 2016

scritti sceltiConcepita dal curatore William Cookson nel 1972, quando Ezra Pound era ancora in vita, questa raccolta nasce con l’intento di mostrare l’unitarietà del pensiero del grande poeta americano nei diversi ambiti in cui si è esercitato: la letteratura, la politica e l’economia. Pound, che morì nell’autunno di quello stesso anno, riuscì a scrivere di suo pugno una premessa al libro, in cui affermò di non essere mai stato un razzista e un antisemita, anche negli anni in cui aveva guardato con favore al fascismo italiano.
Riletti ora, a più di quarant’anni di distanza dalla prima apparizione in raccolta, questi scritti rivelano una profondità e un’attualità sorprendenti. Da Confucio a Whitman, da TS Eliot allo stato della democrazia americana fino all’analisi del ruolo del denaro e delle banche nella trasformazione finanziaria dell’economia, l’autore dei Cantos mostra tutta la sua genialità nel trattare di religione, letteratura ed economia: genialità di uno spirito ribelle e anarchico che sottopone la modernità – e la sua religione fondamentale, vale a dire l’idolatria del denaro – a una critica spietata. Particolarmente profetiche, se guardate alla luce degli avvenimenti attuali, sono le pagine dedicate al ruolo nefasto delle banche nel loro monopolio del denaro, ruolo che per Pound sconfina apertamente nell’usura.Ezra Pound (Hailey, 30 ottobre 1885 – Venezia, 1 novembre 1972) è uno dei più grandi poeti del Novecento, autore dei Cantos, ritenuti uno dei capolavori del modernismo. Nel 1924 si trasferì in Italia, dove sostenne il regime fascista fino alla caduta della Repubblica di Salò. Catturato e consegnato dai partigiani agli americani, fu processato negli Stati Uniti per alto tradimento e detenuto tredici anni in un manicomio giudiziario. Liberato, tornò in Italia dove trascorse gli ultimi anni.Religione, letteratura ed economia: Pound rintraccia il destino del mondo moderno in un vorticoso viaggio attraverso i secoli, i saperi e le culture.Traduzione dall’inglese di Valentina Paradisi Euro 18,00 480 pagine EAN 9788854509610 (foto: scritti scelti)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

L’armonia segreta: Geraldine Brooks

Posted by fidest press agency su martedì, 26 luglio 2016

l'armonia segretaSenz’ombra di dubbio, Davide è una delle figure più affascinanti ed enigmatiche mai esistite: un uomo la cui vita ha oscillato costantemente tra storia e leggenda.Dipinto nella Bibbia come un valoroso guerriero, un musicista e poeta di talento, capace al contempo di grandi crudeltà e generosità, Davide rappresenta il topos stesso dell’uomo innalzato alla fama e schiacciato dall’ambizione: un ragazzo comune che, sedutosi sul trono del regno di Israele, si lasciò obnubilare dal potere, tradendo chi gli era stato fedele, massacrando innocenti, voltando le spalle agli amici.L’armonia segreta non si limita a raccontare gli episodi già noti della vita del re d’Israele, ma scava anche in quelli più sconosciuti. Attraverso le parole di Natan (il principale narratore nonché misterioso profeta che diventò il collegamento diretto di Davide col divino), il lettore osserva il futuro re in compagnia delle persone che lo hanno amato, come la madre e il fratello, e poi di quelle che ne furono le vittime, come le sue mogli Mikal (la figlia del re Saul, che lo aiuterà a fuggire dall’ira del padre e re, ma che verrà poi abbandonata), Abigail e Batsheva. E, infine, come Salomone, suo figlio tardivo e successore.Solo una scrittrice come Geraldine Brooks – oltre due milioni di copie vendute nel mondo e vincitrice del Premio Pulitzer 2006 con L’idealista – poteva riuscire nell’impresa di trasformare personaggi realmente esistiti nei protagonisti di una saga appassionante, cruda e ricca di dettagli.
Il risultato è un romanzo storico vivissimo e di splendida fattura che riflette su concetti quanto mai attuali, come la brama di potere, il desiderio di affermazione, la famiglia, il sesso e il tradimento. E che ci restituisce il ritratto di uno dei leader più contraddittori e affascinanti della Storia.
Geraldine Brooks ha vinto il Premio Pulitzer con il romanzo L’idealista, pubblicato da Neri Pozza nel 2005. Autrice di due saggi di grande successo, Nine Parts of Desire: The Hidden World of Islamic Women e Foreign
Corresponance, è stata corrispondente di guerra per il Wall Street Journal, il New York Times e il Washington Post. Il suo primo romanzo, Annus mirabilis, è stato un bestseller internazionale. Attualmente vive in Virginia, negli Stati Uniti. Traduzione dall’inglese di Massimo Ortelio Euro 18,00 320 pagine EAN 9788854512252 (foto: l’armonia segreta)

Posted in Recensioni/Reviews, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Lo stradivari perduto: John Meade Falkner

Posted by fidest press agency su martedì, 26 luglio 2016

stradivari perdutoJohn Maltravers, aristocratico studente di stanza a Oxford, innamorato di sé e del suo violino sopra ogni altra cosa, riceve nel suo studio alcune «visite» di una presenza invisibile, spettrale.L’amico Mr. William Gaskell gli fa notare che la presenza si manifesta ogni volta che John suona una certa musica, più precisamente il quarto movimento di una suite chiamata Aeropagita, che William aveva imparato in Italia e aveva fatto ascoltare all’amico. Una volta la sente sedersi su una poltrona di vimini; un’altra, camminare avanti e indietro lungo la stanza. Ma John non ne è spaventato. Anzi, un giorno, segue la presenza fino a un cassetto segreto dove rinviene un antico Stradivari, dall’inestimabile valore ma dal potere sinistro. Da qui in avanti gli eventi bizzarri si susseguono così rapidamente che John non sa opporvisi. Prima trova il ritratto di un negromante vissuto un secolo prima e poi, come se guardando quella tela gli avesse chiesto di manifestarsi, ecco che si imbatte nello spirito del negromante. Trascinato in una spirale che lo allontana sempre più dagli affetti, dalla fede, dalla rassicurante Inghilterra e dai principi morali incontestabili, John si mette in viaggio per l’Italia, dove città gotiche e corrotte e atmosfere pagane si intrecciano ai capolavori di un’Arte così perfetta da sembrare maledetta.Scritto dalla mano sapiente di un autore molto noto negli Stati Uniti e in Inghilterra, ispirato a grandi classici gotici come Dottor Jekill e Mr. Hyde, e a capolavori di eleganza come Giro di Vite di Henry James, questo romanzo unisce pratiche esoteriche, sensualità e misteri alla magnifica descrizione dell’Inghilterra vittoriana. Caratterizzato da atmosfere torbide e magnetiche, e da una prosa carica di tensione, Lo stradivari perduto è la storia di come un’ossessione possa travolgere un uomo e portarlo alla deriva.
John Meade Falkner (1858-1932) è stato un romanziere e poeta inglese, diventato famoso a seguito del successo de Lo stradivari perduto in Inghilterra e negli Stati Uniti. Durante la Prima Guerra mondiale, è stato presidente della fabbrica di armi Armstrong Whitworth.Traduzione dall’inglese di Silvia Roberti Aliotta Euro 16,00 208 pagine EAN 9788854513099(foto: stradivari perduto)

Posted in recensione, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Stipendi giornalisti Rai

Posted by fidest press agency su martedì, 26 luglio 2016

GiornalistiLa questione degli stipendi di giornalisti e dirigenti Rai finisce alla Corte dei Conti. Il Codacons presenta infatti oggi stesso una denuncia alla magistratura contabile a seguito della pubblicazione degli abnormi compensi elargiti dalla rete di Stato ai propri dipendenti.“Numerosi direttori Rai guadagnano stipendi superiori ai 300mila euro annui, e molti altri hanno compensi compresi tra i 200 e i 300 mila euro – attacca il presidente del Codacons Donzelli– Già questo basterebbe per gridare allo scandalo, ma c’è dell’altro. Secondo quanto riportato in queste ore dai mass media, una folta schiera di giornalisti e manager della rete percepirebbe stipendi tra i 205 e i 240mila euro annui senza ricoprire alcun incarico: in buona sostanza vengono pagati per non lavorare”.“Di sicuro siamo di fronte ad una vergogna nazionale ora però il Codacons vuole andare a fondo e capire se si configuri o meno anche una forma di danno erariale, dal momento che gli stipendi Rai vengono pagati con i soldi dei cittadini raccolti attraverso il canone. Per tale motivo presentiamo oggi stesso un esposto alla Corte dei Conti, affinché acquisisca i dati sui compensi di direttori, manager e giornalisti Rai, e verifichi la congruità degli stessi con particolare riferimento ai soggetti che nell’azienda non svolgono alcuna funzione pur percependo regolare stipendio. Chiediamo inoltre alla Corte di trasmettere alla Procura della Repubblica gli atti governativi che autorizzano il superamento dei tetti massimi ai cachet previsti dalla legge”.
“Abbiamo sollevato per primi in vigilanza Rai gli sprechi e gli stipendi d’oro di dirigenti, conduttori e artisti. Chiedendone la divulgazione e il ridimensionamento con atti ufficiali. La Rai di Gubitosi e Tarantola si rifiutò di rispondere a un bisogno di trasparenza diffuso ma anche sancito da precise leggi dello stato. Siamo parzialmente soddisfatti di questo dietrofront, evidentemente ormai inevitabile, dei subentranti Campo Dall’Orto e Maggioni. Tuttavia la curiosità morbosa di frugare nei portafogli altrui non è il nostro movente né il nostro obiettivo. La Rai ora intervenga per far lavorare chi guadagna soldi grazie al canone pagato dagli italiani, talvolta ricevendo cifre abnormi non giustificate da particolari responsabilità professionali. Per adeguare gli stipendi alle mutate condizioni economiche del Paese e, soprattutto, per ancorarlo al suo andamento debitorio. Non si possono guadagnare fino a 650mila euro l’anno in un’azienda in perdita. La facessero andare in attivo e poi si aumentassero il trattamento economico, lo comprenderemmo perché non siamo comunisti. Per rendere pubblici i compensi ancora non svelati, piantandola di accampare scuse sul presunto rischio nei confronti della concorrenza. Al massimo potrà capitare che altri network decidano di proporre a conduttori e artisti che lavorano anche con la Rai un ridimensionamento del loro trattamento economico, cosa che non riguarda l’azienda di viale Mazzini ma unicamente gli interessati. E comunque la normativa nazionale non prevede eccezioni per la comunicazione degli emolumenti pubblici e non è il signor Campo Dall’Orto a poterla modificare a proprio piacimento.Quindi si tratta di un primo segnale solo mediatico e renziano, cui aspettiamo ne seguano altri più sostanziali e seri”.‎ E’ quanto dichiara in una nota Fabio Rampelli, capogruppo alla Camera di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale, componente della commissione di Vigilanza Rai.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Segreti d’autore

Posted by fidest press agency su martedì, 26 luglio 2016

pio d'emiliaCilento – Provincia di Salerno 26 luglio Serramezzana – Piazza XX Settembre ore 21,00 Il nucleare incontro con il giornalista corrispondente Sky in Giappone Pio d’Emilia ore 22,00 Proiezione del film Fukushima: A nuclear story regia Matteo Gagliardi prodotto da Teatro Primo Studio – Film Beyond autori Christine Reinhold Matteo Gagliardi Pio d’Emilia. Pio d’Emilia, corrispondente SkyTG24 in Giappone e premio giornalista dell’anno 2016, racconta i suoi tre anni di reportage sulla centrale nucleare di Fukushima.
Era l’11 marzo 2011 quando il terremoto di Sendai di magnitudo 9,0 con epicentro in mare, e il successivo tsunami, colpirono il Giappone settentrionale al largo della costa della regione di Tohoku. A tutt’oggi si tratta del sisma più potente mai misurato in Giappone e il settimo a livello mondiale. Terremoto e tsunami furono anche la causa dell’incidente nucleare di Fukushima, il più grave mai registrato dopo quello di Cernobyl. Un incidente per molti versi tutt’ora in corso.
Il racconto del giornalista Pio d’Emilia, l’unico ad essere arrivato davanti ai cancelli della centrale nucleare di Fukushima, si alterna allo sguardo dell’uomo nel tentativo di delineare le prospettive di un paese interamente da ricostruire e minacciato da un altro possibile “tsunami”, quello nucleare i cui danni sono tutt’ora imprevedibili.
Dopo l’incontro con il giornalista seguirà la proiezione del docufilm Fukushima: A nuclear story, Christine Reinhold e Matteo Gagliardi uniscono in questo documentario – risultato di tre anni di ricerche – la storia di un giornalista, Pio d’Emilia, che non ha abbandonato il suo lavoro nel momento di maggior pericolo nucleare, i dubbi e i timori di un uomo nei giorni seguenti la triplice tragedia di Fukushima e la ricerca di ciò che è veramente accaduto nella centrale nucleare di Fukushima Daichii. In una intervista inedita l’ex Primo Ministro Naoto Kan rivelerà come Tokyo, e probabilmente il Giappone, si siano salvati per un caso fortuito da una catastrofe ben più grande. 

Fukushima: A Nuclear Story offre un punto di vista totalmente inedito della tragedia, narrata dalla voce di Massimo Dapporto. Pio d’Emilia, corrispondente di Sky TG24 che vive in Giappone da più di trent’anni e il primo giornalista straniero ad essere entrato nella cosiddetta “zona proibita” e a raggiungere la centrale nucleare, ripercorre i primi giorni della triplice tragedia che ha colpito Fukushima.
Fukushima: A nuclear story, vincitore di numerosi premi tra cui il Dig Awards di Rimini, è prodotto da Teatro Primo Studio – Film Beyond, diretto e montato da Matteo Gagliardi, scritto da Christine Reinhold, Matteo Gagliardi e Pio d’Emilia, ha esordito in prima tv l’11 Marzo sui canali Sky Tg24 e su Sky Cinema Cult (la voce narrante nella versione italiana è di Massimo Dapporto, in quella internazionale è di Willem Dafoe). (foto: pio d’emilia)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »