Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 33 n° 335

Giornata per la difesa della Costituzione

Posted by fidest press agency su venerdì, 29 luglio 2016

costituzione1Napoli 30 luglio parco dei Camaldoli sarà dedicata una giornata per la difesa della costituzione nell’ambito della Festa nazionale di Riscossa Popolare. In considerazione di ciò è stato emesso il seguente comunicato: “La Costituzione italiana è nata dalla Resistenza partigiana che le masse popolari (dirette dal PCI e organizzate nel Comitato di Liberazione Nazionale) hanno combattuto non solo per cacciare i nazi-fascisti, ma anche e soprattutto per fare dell’Italia un paese in cui la sovranità appartenesse al popolo, ogni persona svolgesse, secondo le sue possibilità e le sue scelte, un’attività utile al progresso della società, tutti i lavoratori partecipassero effettivamente all’organizzazione politica, economica e sociale del paese.
Questi principi generali, sanciti dalla Costituzione del 1948, sono rimasti inattuati o apertamente traditi. Altri impegni più dettagliati e precisi prescritti dalla Costituzione sono stati realizzati (anche se in modo limitato) solo a fronte di lotte specifiche e tenaci.
Da trent’anni a questa parte (incalzati dalla nuova crisi generale del capitalismo e senza il fiato sul collo del movimento comunista) i “poteri forti” e i loro governi di Centro-sinistra e di Centro-destra hanno continuato in modo più spudorato l’opera di aggiramento e violazione della Costituzione che il regime democristiano aveva condotto per decenni e via via hanno limitato o cancellato anche quegli impegni e diritti che erano passati dalla carta costituzionale alla realtà (diritto allo studio, diritto alla salute, diritti dei lavoratori sul posto di lavoro, servizi pubblici, ecc.). Negli ultimi anni l’aggiramento e la violazione si combinano con i tentativi di modificare la “costituzione sovietica” per accentrare i poteri “verso l’alto” (ridurre la divisione di poteri tra le istituzioni e la partecipazione sia pure risicata delle masse popolari alle istituzioni che la Costituzione implica).
Ora gli “italiani che contano” hanno affidato a Renzi e alla sua cricca il compito di portare a compimento questo loro programma, che è il piano della P2 di Gelli aggiornato al presente: dopo il Jobs Act, il Piano Casa, la Buona Scuola, lo Sblocca Italia, puntano ora alla riforma della Costituzione.
Le misure del governo Renzi sono già un terreno di opposizione e protesta diffuse, milioni di operai e altri lavoratori sono in campo per rinnovare e difendere i CCNL, le elezioni amministrative hanno dato una sonora legnata ai partiti delle Larghe Intese (PD e PDL con i rispettivi satelliti). Ci sono condizioni favorevoli perché la campagna contro la riforma costituzionale colleghi i vari fronti di lotta in un movimento unitario per cacciare il governo Renzi, mettere all’angolo i suoi padrini e creare un nuovo sistema di governo che attui a livello locale fino a quello nazionale i principi progressisti della Costituzione.
Sul fronte delle amministrazioni locali, che la riforma costituzionale vuole ridurre a esattori delle tasse o poco più, si sono formati tre importanti focolai (Napoli, Roma, Torino) dello scontro con il governo centrale. Essi sono nella posizione di aggregare i tanti sindaci e amministrazioni di Comuni medi, piccoli o piccolissimi già a qualche livello e in qualche campo in rotta con il governo: i 17 comuni in cui il M5S ha vinto queste elezioni, a cui si aggiungono quelli che già amministrava; i comuni amministrati da liste più o meno in rottura con i partiti delle Larghe Intese; i Comuni, sindaci e amministratori che fanno riferimento a coordinamenti extra istituzionali (Comuni dimenticati, Comuni e sindaci contro lo Sblocca Italia, Comuni Virtuosi, Comuni Solidali, Comuni e sindaci No Tav, Rete Città in Comune). La loro mobilitazione per applicare la Costituzione è il principale banco di prova delle aspirazioni di cui si sono fatte portavoce e grazie a cui si sono affermate.
Sul fronte delle masse popolari organizzate, le iniziative dei lavoratori in lotta contro il piano Marchionne e il ricatto tra lavoro, salute, ambiente e del movimento NO TAV (violazione degli arresti domiciliari) si combinano con gli organismi popolari che hanno elaborato propri “programmi di lavoro e piani di rinascita” per le città e i territori (come la Carovana delle Periferie di Roma), con i Comitati di Controllo Popolare dei seggi elettorali che stanno assumendo nuovi compiti e responsabilità (come l’ex-OPG a Napoli), con le Liste di disoccupati e precari nate in varie città (Roma, Milano, Napoli, Spoleto, ecc.) e altre esperienze di autorganizzazione dal basso orientate a non delegare all’amministrazione il compito di “governare la città” ma definire “i lavori che servono” e organizzare le masse popolari nella loro attuazione, chiamando le stesse amministrazioni a contribuire con i mezzi e le risorse di cui godono.
Questi due fronti sono oggi legati dalla lotta contro il sistema delle Larghe Intese. La difesa della Costituzione è il terreno principale su cui nei prossimi mesi andrà a dispiegarsi questa lotta: bisogna puntare a che ogni NO al Referendum Costituzionale si traduca in esperienze pratiche di applicazione della Costituzione (creazione di posti di lavoro, servizi pubblici, ecc.) e nella formazione di Amministrazioni di nuovo tipo, cioè che usano il ruolo, i mezzi e le risorse che hanno a favore degli interessi più immediati e urgenti delle masse popolari. Questa è la strada che dà uno sbocco positivo al vasto fronte che aspira a un’alternativa al governo Renzi e a qualsiasi altro governo dei poteri forti italiani e internazionali.
Da dove partire? Partiamo dal ruolo delle amministrazioni di nuovo tipo, dal loro coordinamento, dallo schieramento dei comuni per il No al Referendum (come ha già fatto De Magistris), dalle esperienze di organizzazione e mobilitazione popolare per articolare una capillare campagna di attuazione della Costituzione in cui ogni esperienza locale diventi terreno di moltiplicazione, emulazione ed esempio per il resto del paese.Per difendere la Costituzione bisogna organizzarsi e organizzare per applicarla! Invitiamo tutti a partecipare al dibattito “Difendere e applicare la Costituzione: le amministrazioni locali che servono”.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: