Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 275

Archive for 9 agosto 2016

120 CIOs and cyber security experts to gather in Doha amidst rising threat levels​​

Posted by fidest press agency su martedì, 9 agosto 2016

security expertsDubai, UAE – In light of the recent cyber-attack on a leading Qatari bank, in which 1.4 GB of sensitive information was allegedly released to the public by hackers, cyber security has resurfaced to the top of the Qatari national priority list. The rising level of threats and cyber security risk have prompted immediate and collaborative action from the public, private and academic sectors of the country.The Qatari Advisory (Shura) Council approved the draft of a law requiring companies to ensure that they are adequately protected against cyber security breaches. Failure to comply with the law carries a fine of up to 1.37 million USD. Due to this proposed strong financial penalty, along with rising threat levels and frequent attacks on critical networks, businesses are prepared to invest more in cyber security than ever before.Hammad bin Khalifa University announced earlier in the year about the inclusion of MsC in Cybersecurity as part of their offering. Qatar University launched free cyber security courses to help raise awareness of the dangers of cyber security threats, and provide education on ways to mitigate these threats.In further support to the national efforts, 120 CIOs, CISOs, and Heads of IT and Security from Qatar’s key critical infrastructure sectors are meeting on October 10th, 2016, at the 9th edition Cyber Defence Summit in Doha, Qatar. Through focused networking sessions designed to facilitate deals, the participating decision makers will explore and source effective cyber security solutions from leading local and global solution providers.Organised by business facilitation company Naseba, the summit will also feature a day long knowledge sharing session which is a combination of talk shows, security presentations, hands-on workshops and industry specific brainstorming. The agenda is designed with the help of leading industry experts and will address on the ground challenges rather than superficial or notional topics.Some of the speakers who will be sharing in-depth insights include Sami Al Shammari, IT Director at the Supreme Committee for Delivery and Legacy; Shaik Abdulkhader, Chief Technology Security Officer at Vodafone Qatar, and Dr. Marc Dacier, Director of Cybersecurity Research at Qatar Computing Research Institute.In addition, attendees will also hear from MustaphaHuneyd, Head of Corporate Information Security at Ooredoo and Peter Baurichter, Head of Information Security at Maersk Oil Qatar, among others.Major players in the cyber security market such as Spire Solutions, Fortinet, Global Security Network, Akamai, Tripwire, iBusiness International Solutions, Stormshield, Softlab Business Solutions, Osirium, E2Labs and Bitdefender will all be showcasing their capabilities during the summit and help address Qatar’s cybersecurity challenges. (font: http://www.naseba.com) (photo: security experts)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

EL AL Cockpit Innovation Hub and JetBlue Technology Ventures Launch Navigator Program For Startups in Fields of Aviation and Travel

Posted by fidest press agency su martedì, 9 agosto 2016

el-al-israel-airlinesNEW YORK, NY Cockpit, the innovation center established by EL AL Israel Airlines and JetBlue Technology Ventures, the investment arm of JetBlue, announced the launch of Navigator, an international hub for startups in the fields of aviation and travel.The Navigator includes a direct link to EL AL and JetBlue, exposure to strategic partners, initial funding, office space in Israel and the United States as well as ongoing close guidance for startups in all aspects of their business development. The first global innovation center of its kind, Navigator is searching for new technologies in the field as well as existing technologies that made a difference in other industries and are now targeting the travel and aviation industry.Navigator targets startups from all over the world that deal or have an appeal for aviation and travel. The program also includes ongoing guidance in a wide variety of business activities, especially in the realm of sales and marketing, technology and legal issues. In addition, each startup selected for the program will gain exposure to leading professionals and customers in the global aviation and travel industries. The companies will work for three months in Israel and an additional month in Silicon Valley where they will get an opportunity to present their developments to key players in the global aviation industry. After the four-month international program, alumni may be offered follow-up support for another eight months in terms of workspace and business development mentoring aimed at actualizing the partnerships that will be created.Submission of candidacy for the program is open, through the website cockpitinnovation.com. Shortly after the top startups are chosen and announced, the program will get off the ground in Tel Aviv. The selection process will be based on a rigorous examination of various criteria, the first of which is evidence that the technological development under discussion will lead to meaningful innovation and positive change in the industry.Henry Chen Weinstein, CEO, Cockpit Innovation Hub, says: “Collaboration is an innovation catalyst – bridging Tel Aviv and Silicon Valley, two of the leading startup hubs on earth through Cockpit and JetBlue Technology Ventures, as the next step in harnessing the power of innovation for the future of the Air Travel industry. The Navigator program is the first of its kind, incubating startups focused on travel and aviation by the industry itself, creating a unique opportunity for entrepreneurs.”Bonny Simi, President, JetBlue Technology Ventures, says: “We’re excited to partner with Cockpit to connect the two travel tech innovation hubs of Tel Aviv and Silicon Valley through the Navigator program. By combining a wealth of aviation and technology expertise with actual platforms and connections to incubate ideas within the airline industry, we are perfectly positioned to directly help startups shape the future of the travel.”For details on the Navigator program, visit http://www.elal.com. Learn more about EL AL news, special promotions and events in Israel plus useful travel tips by joining the airline on Facebook (ELALIsraelAirlinesUSA) and Twitter (@ELALUSA).

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Roma Summer Jazz Festival

Posted by fidest press agency su martedì, 9 agosto 2016

CasaCortileRoma 23 agosto al 4 settembre,Via San Francesco De Sales, 1a il Roma Summer Jazz Festival. All’interno del suggestivo cortile seicentesco dello storico complesso monumentale nel cuore di Trastevere, gli artisti internazionali in calendario presenteranno per l’occasione progetti originali e con una particolare attenzione al femminile. All’interno del complesso, l’area ristoro “Luna e L’altra” è aperto tutti i giorni fino alle 23:00.
inaugura il Roma Summer Jazz Festival la vocalist Melanie Scholtz, ospite del pianista Emilio Marinelli e del batterista e beat boxer John Michael Mawushie. Nato a Cape Town, in Sudafrica, il trio guidato da Marinelli presenta per l’occasione il nuovo album “So far from were we began”.Doppio concerto mercoledì 24 agosto con il trio di Giuliana Soscia, con Riccardo Gola al contrabbasso e Valerio Vantaggio alla batteria, che presenta il progetto “Sophisticated Ladies – A tribute to women composer in jazz” e il trio del pianista Domenica Sanna con ospite la trombonista Alevtina Polyakova. Giovedì 25 agosto, duo formato dalla cantante e violinista Luisiana Lorusso e dal pianista Claudio Filippini presenta “My Billie’s Blue”, un progetto acustico e personale visione del “Blue” di Billie Holiday, rapportato a se stessi e alla realtà di oggi.Chiude la prima settimana di programmazione, venerdì 26 agosto, la cantante e compositrice, premio Top Jazz, Elisabetta Antonini con “Reverse”, un mondo sonoro ispirato dal concetto di inverso, contrario e opposto, accompagnata dal pianista Luca Mannutza, dal contrabbassista Luca Burgarelli e dal batterista Francesco Ciniglio.
Israel_Varela&Karen_LugoLunedì 29 agosto, “Tribute do Frida Kahlo” è il progetto omaggio del batterista Israel Varela alla pittrice messicana la cui esistenza travagliata fu sinonimo di libertà. Il trio di Varela, composto da Angelo Trabucco al pianoforte e Luca Bulgarelli al contrabbasso, ospita per l’occasione la ballerina Karen Lugo per fondere insieme poesie, flamenco, ritmi latino americani, atmosfere Maqam e colori Jazz.
Martedì 30 agosto, l’Orchestra Operaia diretta da Massimo Nunzi feat. Sara della Porta e Gregory Hutchinson omaggia con “The Big Beat” i grandi maestri della batteria che hanno dominato la scena del Jazz Moderno: Max Roach, Art Blakey, Elvin Jones, Billy Higgins e Philly Joe Jones di cui Greg Hutchinson è, a tutti gli effetti, naturale continuatore insieme ai suoi coetanei e pari livello. Ospite della serata la cantante Sara Dalla Porta.
Mercoledì 31 agosto, Serena Brancale meets Atrio presenta “SoulA”. Dopo l’uscita dell’album “Galleggiare” e la performance al Festival di Sanremo 2015 tra le giovani proposte, Serena Brancale presenta un progetto elettronico incentrato sulla creazione di brani originali, mediante la quale intraprendono una ricerca di soluzioni ritmiche basate sul concetto di subordinazione e modulazione metrica. Ad affiancarla sul palco saranno gli Atrìo, con Dario Giacovelli al basso, Gianluca Massetti al piano e Moreno Maugliani alla batteria.
Giovedì 1 settembre, torna sul palco il batterista Greg Hutchinson insieme a una formazione stellare e internazionale composta dal pianista Peter Martin e dal contrabbassista Joe Sander, ospiti del trio il sassofonista Rosario Giuliani e il chitarrista Lage Lund.
Joe_SanderRafaela_SiniscalchiVenerdì 2 settembre, Susanna Stivali in trio presenta in anteprima il nuovo progetto “G.a.s.t.!” con Marcello Allulli e Alessandro Gwis in chiave completamente elettronica. Tre musicisti uniti dalla comune passione per l’improvvisazione, la ricerca tibrica, la melodia e la sperimentazione che passa per l’elettronica. Tutti e tre i musicisti si presentano sul palco utilizzando i loro strumenti insieme ad effetti, elettronica, sinth scegliendo un repertorio inusuale da Villa Lobos a Hendel,dal folk a Puccini, da Nick Drake a brani originali.
Sabato 3 settembre, la cantante Rafaela Siniscalchi in quartetto presenta “Waint 4 Waits”, un viaggio nella musica di Rom Waits. Cantare le canzoni di Tom Waits è per Raffaela Siniscalchi un viaggio straordinario di scoperte nuove perché dietro a quell’incredibile timbro così “Torbato” si celano melodie affascinanti mai scontate e armonie piene di stimoli.Chiude l’edizione 2016, domenica 4 settembre, il concerto degli allievi del Roma Summer Jazz Workshop.
Il Roma Summer Jazz Festival, è inserito nell’ambito dell’iniziativa estiva “La Casa(S)piazza”, organizzato dalla Casa Internazionale delle Donne con il patrocinio della Regione Lazio e del I Municipio, l’Associazione Culturale Muovileidee, il Centro di Formazione e Produzione Artistica Ottava e l’Associazione Culturale “èarrivatogodot”.Maria Luisa Celani, Mirella Murri, Susanna Stivali e Daniela Lebano, organizzatrici e direttrici del RSJF, hanno dato spazio a una programmazione di alto profilo che ha dato soprattutto molta attenzione al femminile, coniugando, così, un’idea artistica con il senso sociale e storico culturale della Casa Internazionale delle Donne.Il RSJF è realizzato grazie all’impegno produttivo diretto delle quattro organizzatrici, della collaborazione con il festival IncontrInJazz e con gli operatori del settore. Un progetto che prosegue il suo cammino indipendente e autonomo che si basa sulla semplice partecipazione e passione per la musica per ritagliarsi uno spazio diverso del “fare cultura”. Ingresso a pagamento (12/15 euro) fino ad esaurimento posti. (foto: CasaCortile, Israel_Varela&Karen_Lugo, Joe_Sander, Rafaela_Siniscalchi)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Tramonto sul Ventasso

Posted by fidest press agency su martedì, 9 agosto 2016

ventasso

ventasso1

Ritrovo ore 18 Ventasso Laghi (alla sbarra della sterrata per il Lago Calamone). (Itinerario consigliato da Parma: Traversetolo – San Polo d’Enza – Ciano d’Enza – Vetto – Ramiseto – Montemiscoso – Ventasso Laghi; indicativamente 1,5 h di auto) Dislivello in salita 400 m, lunghezza 6 km, percorrenza soste escluse 3-4 ore. Rientro per le 22.30 circa. Necessario abbigliamento e calzature da escursione (compresa giacca a vento o kway) torcia se possibile frontale, borraccia, pranzo al sacco. Costo: € 13 adulti, 6 bambini.
Dopo il ritrovo a Ventasso Laghi (stazione turistica), ci incammineremo sulla strada sterrata che conduce in breve al Lago Calamone. Dopo aver goduto per qualche minuto del magico scenario del lago, ripreso il sentiero, dalle fresche e rilassanti faggete che circondano il Lago Calamone saliremo velocemente a guadagnare la piccola cresta di prato che si stacca a ovest della cima. Da qui, fuori dal bosco, potremo godere degli ampi panorami, del prato fiorito d’alta quota, della brezza fresca della sera. Con un ultimo sforzo saremo infine in vetta, eccezionale balconata su tutto l’Appennino Reggiano e su buona parte di quello Parmense.
Uno scenario indimenticabile, con lo sguardo libero di spingersi dalla cresta fino ai passi del Cerreto e Lagstrello, alle vette delle Alpi Apuane, al Cusna, e a ovest superati sei gioghi di monti e valli, fino ai confini con Piacenza e con la Liguria.
Dopo il tramonto scenderemo al Lago Calamone, sotto un cielo che si farà via via più scuro e ci consentirà di ammirare le stelle di agosto (e speriamo anche qualcuna cadente); da qui brevemente rientreremo alle auto. Numero limitato di posti disponibili. Info e prenotazioni obbligatorie escursione: Guida A.E. Antonio Rinaldi cell. 328.8116651 http://www.terre-emerse.it (foto: ventasso)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Tour italiano di “Azel”

Posted by fidest press agency su martedì, 9 agosto 2016

azelDopo il successo delle prime tappe continua il tour italiano di Bombino, il bluesman tuareg più amato dal pubblico e dalla critica italiana. Prossimo appuntamento sarà l’11 agosto al “Boville Etnica” a Boville Ernica (Frosinone), in Piazza Sant’Angelo alle ore 22, in occasione del quale presenterà “Azel” , il terzo album in studio uscito 1° aprile 2016.
Il Jimi Hendrix del deserto – come molti ormai lo chiamano – proseguirà poi il suo tour: il 13 agosto sarà a San Vincenzo (Livorno), nell’ambito dell’Onda su Onda Festival, per poi spostarsi in terra sarda con tre appuntamenti nell’ambito della rassegna Time in Jazz. Sarà sul palco domenica 14 agosto a Berchidda (Sassari), Piazza del Popolo, ore 23; il 15 agosto, di mattina presso la Chiesa di Santa Caterina -sempre a Berchidda- per un evento speciale in compagnia di Paolo Fresu e Amadou e il 16 agosto ad Argentiera, Sassari, per Time in Sassari, consueto prolungamento di Time in Jazz in territorio sassarese.Reduce dallo straordinario successo mondiale del precedente album “Nomad” e del relativo tour, il cantante e chitarrista del Niger ritorna con 10 nuovi brani (più 3 bonus tracks) che segnano un’ulteriore evoluzione musicale e stilistica. Un feeling particolare quello con l’Italia, tanto da conquistare anche Jovanotti che affascinato dalla sua musica e dalla sua storia lo ha chiamato a collaborare nella canzone “Si alza il vento” contenuta nel recente album “Lorenzo 2015 cc”.Registrato lo scorso autunno a Woodstock – cosa non priva di significato per un artista che considera Jimi Hendrix e Carlos Santana due delle sue maggiori fonti di ispirazione – nello Applehead Studio per la Partisan Records, sotto la guida di Dave Longstreth dei Dirty Projectors (che prende il posto di Dan Auerbach dei Black Keys, produttore/mentore di “Nomad”) e mixato da David Wrench (per quattro volte vincitore del premio “produttore dell’anno” della BBC e già al lavoro con FKA Twigs, Caribou, Jungle, Charlie XX), “Azel” è anticipato dal singolo “Inar”. Il tocco “occidentale” di Longstreth e la voce di “Mahassa” Walet Amoumene, cantante del gruppo Tuareg tutto al femminile Tartit e ospite del disco, danno nuova profondità alla musica di Bombino e la avvolgono di calore e colore, perfetto contraltare alla sua anima inquieta e ai suoi testi malinconici. Stella del desert blues, Bombino è nato e cresciuto in Niger, ad Agadez, nel nord dell’Africa, nella tribù dei Tuareg Ifoghas, che lotta da secoli contro il colonialismo e l’imposizione dell’Islam più severo. Nella sua lingua nativa, il Tamasheq, la parola Azel ha diversi significati: oltre ad essere il nome di un piccolo villaggio del Niger cui Bombino è particolarmente legato, significa soprattutto radici e, al tempo stesso, rami di un albero. Ancoraggio alla Storia e sviluppo verso nuove direzioni future. Bombino suona in modo solare e colorato, sì, ma canta la sua nostalgia del deserto e la preoccupazione per un’identità minacciata che, tuttavia, per non estinguersi, deve comunque fare i conti con il mondo contemporaneo. (foto: azel)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

“Festival dei Teatri d’arte mediterranei”

Posted by fidest press agency su martedì, 9 agosto 2016

lettureFormia (LT) dal 19 al 21 Agosto. Un evento promosso dal Teatro Bertolt Brecht all’interno del progetto delle Officine culturali della Regione Lazio, del riconoscimento del Ministero per i beni e le attività culturali in collaborazione con il Comune di Formia ed il patrocinio dell’Ente Parco Riviera di Ulisse.Tre giorni di eventi, visite guidate, laboratori, concerti, spettacoli, incontri ad ingresso gratuito con presenze nazionali ed internazionali.Una XII Edizione, dedicata quest’anno a Giulio Regeni e Mario Piccolino, ancor più all’insegna dell’ inter cultura e dello scambio sulla scia del progetto de “I Fari Culturali del Mediterraneo” che ha già portato il Teatro Bertolt Brecht in Tunisia ed in Spagna. Atmosfere e suggestioni mediterranee hanno fortemente influenzato le scelte artistiche di questa edizione che si svolgerà prevalentemente al contatto con il mare, i profumi, i paesaggi e gli scorci del Mediterraneo nel meraviglioso scenario del Parco di Gianola tra i secolari resti archeologici romani e l’incanto del paesaggio. Una sintesi perfetta della cultura e dell’identità mediterranea.Si inizia alla ore 7:00 nello scenario a strapiombo sul mare milon meladei ruderi della Villa di Mamurra con le letture reinterpretate e drammatizzate dei classici, a seguire visite guidate nel parco. Numerosi gli ospiti internazionali chiamati a raccontare il Mediterraneo tra migrazioni, letteratura e dialogo inter religioso: Dhaker Akremi, Commissaire régional à la culture de Ben Arous; Mourad Amara, Commissaire Régionale à la culture du gouvernorat de Bizérte in Tunisia; Andrés Pociña e Aurora Lopéz, ordinari dell’Università di Granada.Non mancheranno i consueti reading nei luoghi simbolo della città, laboratori per giovani attori, stands delle associazioni, degustazioni e osservazioni astronomiche. Nelle tre serate un tuffo nel Mediterraneo sulla spiaggia del porticciolo romano con spettacoli teatrali e melodie d’oltre mare con l’artista tunisino Samih Mahjoub, la fisarmonica e il tzouras delle musiciste greche Maria Arabagì e Alexia Tanouri. “Quest’anno abbiamo fortemente voluto dedicare il festival a Giulio Regeni e Mario Piccolino. Un Mediterraneo di pace non può prescindere dalla verità e dalla giustizia, senza se e senza ma. Due vicende certamente diverse ma con in comune la folle scelta della violenza e della sopraffazione ingiustificata, legate da una scarsa volontà di ricerca della verità”, afferma il direttore artistico Maurizio Stammati. (foto: letture, milon mela)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

In Canada fanno festa Atherton, Hart, Pendrel e Absalon

Posted by fidest press agency su martedì, 9 agosto 2016

gare1

Bruni Loic performs at the UCI DH World Tour in Mont Saint Anne, Canada on August 6th, 2016 // Bartek Wolinski/Red Bull Content Pool // P-20160807-00089 // Usage for editorial use only // Please go to http://www.redbullcontentpool.com for further information. //

Nel fine settimana appena concluso la UCI Mountainbike World Cup ha gare3.jpgfatto tappa a Mont-Sainte-Anne e, come sempre, su Red Bull TV. La frazione canadese, ormai un classico della Coppa del Mondo fuoristrada, non ha deluso le attese sia per quanto riguarda il Downhill che il Cross Country.È possibile vedere il replay delle gare del week end su http://www.redbull.tv.
Sabato nelle finali del DH hanno fatto festa l’inglese Danny Hart, già primo a Lanzerheide, e la connazionale Rachel Atherton, che prosegue la sua cavalcata vincente senza arresti. Sulla difficile pista i due britannici hanno avuto la meglio rispettivamente su Aaron Gwin e il campione del mondo Loïc Bruni, al rientro dall’infortunio, e su Tracey Hannah e Tahnee Segrave. Se nella gara maschile la vittoria si è giocata sul filo dei secondi, in quella femminile i distacchi sono stati netti. La lotta per il successo nella classifica finale è ancora aperta tra Gwin e Hart e si deciderà nella tappa conclusiva di Vallnord. Tra le donne invece non c’è storia: Atherton è pronta a confermarsi la numero uno del panorama internazionale.
Domenica l’impegnativo tracciato situato nel cuore del Québec nelle sfide XCO ha sorriso al campione europeo Julien Absalon e alla campionessa di casa Catharine Pendrel. Il francese ha avuto la meglio sul transalpino Victor Koretzky e lo svizzero Mathias Fluckiger, mentre la canadese ha anticipato l’eterna Gunn-Rita Dhale Flesjaa e la connazionale Emily Batty.
Assenti nomi importanti come l’iridato Nino Schurter e Jolanda Neff, trionfatrice un anno fa, che hanno preferito restare in Europa per allenarsi in vista delle gare olimpiche di Rio de Janeiro in programma per il 20 e 21 agosto, la classifica generale vede ora al comando Albasalon che ha sopravanzato l’elvetico campione del mondo e la danese Annika Langvad. Dopo la sfida a cinque cerchi, l’appuntamento con la Coppa del Mondo DH e XCO è ad Andorra il 3-4 settembre e su Red Bull TV per l’atto finale della stagione 2016. (foto: gare)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Classifica Velocità Internet in Europa

Posted by fidest press agency su martedì, 9 agosto 2016

internetL’Italia è al 54esimo posto nella classifica mondiale relativa alla velocità media di connessione internet, che è di soli 8,2 Mbps e si posiziona solo al quart’ultimo posto nella classifica Europea davanti solo a Grecia, Croazia e Cipro. È quanto emerge dal rapporto relativo alle infrastrutture distribuito da Akamai, azienda statunitense di “distribuite computing”, che si occupa di CDN (Content Delivery Network). L’attività di Akamai consente di ottenere molte informazioni che, raccolte in report trimestrali, forniscono importanti indicazioni sull’evoluzione delle infrastrutture internet nel mondo: proprio a proposito dell’Italia, i dati emersi per il primo trimestre del 2016 nel documento “State of Internet” che confermano a pieno anche uno studio diffuso dala Bee Web Srl, società proprietaria di Komparatore.it, motore di comparazione di offerte ADSL, fibra e tariffe di telefonia mobile. Nonostante la crescita delle infrastrutture la situazione nel nostro paese rimane ancora precaria. L’aumento della velocità media del 9,8% rispetto al trimestre precedente e del 33% rispetto allo stesso periodo dello scorso anno dimostra una situazione in netto miglioramento, percepita anche dai cittadini italiani che, in numero sempre maggiore, preferiscono la fibra ottica all’ADSL. In crescita sono anche le percentuali relative alla velocità media di picco, che in Italia è di 36,5 Mbps: questa velocità è infatti aumentata del 14% rispetto lo scorso trimestre e del 20% rispetto lo stesso periodo dell’anno scorso. Da un’ analisi effettuata dalla società rumena Bee Web, che possiede il motore di comparazione Komparatore.it, emerge inoltre una notevole differenza fra le richieste prevenute nell’ultimo trimestre del 2015 e nel primo trimestre 2016 nell’ambito delle offerte telefoniche: la fibra ottica ha registrato un aumento delle richieste del 15% a fronte di un calo del 10% di quelle relative al servizio ADSL. Queste percentuali dimostrano che gli utenti hanno recepito positivamente l’attenzione da parte del governo e degli operatori telefonici all’importanza di una connessione internet all’avanguardia, che possa non solo semplificare processi lavorativi ma migliorare anche la qualità della vita. E’ di inizio luglio la notizia dell’approvazione da parte dell’UE del piano per la banda larga in Italia, che prevede di fornire a tutti i cittadini una connessione internet veloce entro il 2020. L’aumento delle richieste per la fibra pervenute a Komparatore.it registra l’esigenza, da parte degli utenti, di avere una connessione internet veloce ed affidabile, nonostante i prezzi della fibra in Italia siano leggermente più alti di quelli relativi all’ADSL. Attivo dall’ottobre 2015 Komparatore.it consente il confronto tra le offerte proposte dagli operatori italiani con possibilità di attivare online il servizio selezionato o di richiedere una consulenza telefonica da parte di un operatore compilando il modulo di ricontatto. Forte dell’esperienza con Komparatore.it, la Bee Web ha deciso di lanciare il servizio di comparazione delle offerte telefoniche anche in casa propria, in Romania dove la situazione relativa alla connessione internet è decisamente migliore: stando proprio ai dati diffusi da Akamai relativi al primo trimestre del 2016, la Romania è, con 82,4 Mbps, al primo posto nella classifica dei paesi europei (al nono posto nella classifica mondiale) nell’ambito della velocità media di picco. Per quanto riguarda la velocità di connessione media la Romania si attesta al nono posto in Europa e al 14esimo a livello mondiale con un valore di 16.1 Mbps. Nonostante i valori registrati siano decisamente positivi, questi dimostrano anche una crescita delle infrastrutture nel paese: l’incremento della velocità media è stato infatti del 22% rispetto al trimestre precedente e del 31% rispetto allo scorso anno, mentre quello relativo alla velocità media di picco è stato rispettivamente del 12% e del 20%. La nascita di Komparatorul.ro si pone dunque in un contesto dove le connessioni internet ad alta velocità si sono già imposte e sono ampiamente affermate: qui, infatti, il percorso è stato differente rispetto a quello italiano, dal momento che non si sono affrontati i costi e le difficoltà di modernizzare i vecchi impianti con cavi in rame, ma si sono costruiti direttamente impianti di ultima generazione con la fibra. Le compagnie italiane hanno dovuto aspettare di recuperare i vecchi investimenti per modernizzare le infrastrutture, mentre nell’est Europa questo passaggio non c’è stato: l’adeguamento dei vecchi impianti alla banda ultra larga ha avuto in Italia un costo maggiore e tempistiche più lunghe della realizzazione, in Romania, di infrastrutture ex novo. Le tariffe telefoniche in Romania sono decisamente più economiche rispetto quelle italiane ed offrono una connessione internet qualitativamente migliore, grazie ad infrastrutture più moderne ed all’avanguardia: molte delle offerte degli operatori rumeni prevedono, inoltre, tariffe flat per le chiamate verso Italia e Spagna, le due nazioni con la maggior presenza di rumeni oltre confine (Italia 1.131.839, Spagna 798.104 fonte wikipedia).

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The right of every American to have a voice at the ballot box is fundamental to our democracy

Posted by fidest press agency su martedì, 9 agosto 2016

But, before President Lyndon B. Johnson signed the Voting Rights Act into law 51 years ago today, practices such as literacy tests, poll taxes, and threats of physical violence were commonly used to disenfranchise minority voters in states all over the country.
In the decades since President Johnson’s actions, which were brought on by the tireless advocacy of thousands of freedom fighters like congresso stati uniti, Jr., John Lewis, and so many others who stood up for what was right, our country has taken many steps forward. And until the Supreme Court gutted the VRA in 2013, the concept of making our voting process more accessible and inclusive was considered a bipartisan effort — supported by Democratic and Republican presidents all the way up to President George W. Bush.
But now (as we’ve seen in states like Ohio, Kansas, North Carolina, and Wisconsin), today’s Republican Party has become more vested in making it harder to vote than they should be in protecting that right.Whether it’s by cutting early vote hours, getting rid of same-day registration, or requiring photo ID cards to vote, Republican-led statehouses have used the Supreme Court’s decision as justification to rush through these sorts of laws — sometimes in the dead of night — which disproportionately impact women, communities of color, working families, students, veterans, and the elderly. In recent weeks, state and federal courts have begun to catch on to the Republicans’ ultimate plan — to make it more difficult for Americans to vote — and in many cases have ruled these state voting restrictions unconstitutional. But the simple truth is that these ridiculously discriminatory laws should never have been on the books in the first place.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Invitaci Francesco, noi veniamo a Roma

Posted by fidest press agency su martedì, 9 agosto 2016

la Moschea di Forte Antenne, Roma

la Moschea di Forte Antenne, Roma

Da 15 anni nel nostro paese c’è un consistente numero di persone, cristiani e musulmani, semplici credenti, ma anche ministri di culto, giornalisti, teologi, studiosi, comunità religiose o associazioni, riviste che si riuniscono il 27 ottobre per celebrare la giornata del dialogo cristiano-islamico. In quella giornata in questi 15 anni, l’incontro e la preghiera comune è stata costante. E gli incontri si sono fatti nelle chiese cattoliche o protestanti o ortodosse oppure nelle moschee. In tante realtà ad essere coinvolte sono state anche le istituzioni locali e alcune di esse hanno realizzato con le associazioni religiose islamiche protocolli di intesa o dato vita a tavoli interreligiosi che hanno programmato iniziative comuni per far vivere pienamente lo spirito e la lettera della nostra Costituzione, che garantisce la piena libertà religiosa.
Ma ciò che è successo domenica 31 luglio è stato un salto di qualità di un impegno che uomini e donne di fedi diverse hanno vissuto nella loro vita da 15 anni a questa parte per dire no alla guerra di religione, no alla dottrina dello scontro di civiltà che si configura oramai sempre più come complicità con la guerra e il terrorismo, come ha scritto ieri Famiglia Cristiana. La grande massa dei credenti cristiani e musulmani è, come accade spesso, molto più avanti dei rispettivi leader religiosi e l’incontro di domenica 31 è stato pieno, spontaneo, sentito da tutti come vero e necessario. Abbiamo bisogno così di un gesto significativo che indichi una strada e dica che indietro non si torna. L’incontro e la preghiera comune nei rispettivi luoghi di culto possono diventare la costante della nostra vita. Dobbiamo rendere permanente al livello più alto possibile ciò che venerdì 29 e domenica 31 abbiamo vissuto. Chiediamo allora a Papa Francesco di incontrarci nella sala Nervi in Vaticano. Musulmani da tutta Italia sono pronti a venire a Roma e accogliere il suo invito. E con loro ci saranno tutti quelli che da 15 anni si sono impegnati nel dialogo.
Incontriamoci, come uomini e donne figli e figlie della stessa umanità, che adorano l’unico Dio clemente e misericordioso o che hanno scelto semplicemente la via della pace. Un sogno che potrebbe diventare realtà; un grande segno da vivere e da tramandare alle generazioni future; l’inizio di un’era di pace. Se siamo in tanti a sognarlo, il sogno potrà diventare realtà.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: La vittoria di Delsa al Consiglio di Stato

Posted by fidest press agency su martedì, 9 agosto 2016

consiglio di statoHanno vinto i 200 maestri diplomati magistrali trentini patrocinati dal sindacato DELSA, che avevano fatto causa alla Provincia Autonoma di Trento per essersi visti scavalcare in graduatoria, dopo 15 anni di lavoro, da più di 200 colleghi abilitatisi con la laurea in SFP, molti dei quali con esperienza minima di lavoro.Abilitati lo erano anche loro e per legge peraltro, attraverso un diploma magistrale che fino al 2002 è stato l’unico percorso abilitante per formare i maestri italiani.Inspiegabile dunque l’iniziativa nel 2014 della giunta Rossi di istituire una fascia ad hoc per i soli laureati in Scienze della Formazione Primaria mettendo letteralmente all’angolo i docenti che fino ad allora avevano lavorato per la PAT nelle scuole primarie provinciali con titoli e preziosa esperienza sulle spalle.I maestri trentini, dopo aver incassato un rigetto netto al Tar di Trento alcuni mesi fa, si sono rivolti in secondo grado al Consiglio di Stato che nella giornata di oggi 5 agosto 2016 ha dato loro ragione disponendo la sospensione della sentenza con cui il Tar Trento aveva negato l inserimento con riserva nella graduatoria di quarta fascia trentina.
Al termine di una sentenza cautelare fortemente dibattuta, che ha visto contrapporsi gli avvocati Francesco Lilli, Fabio Pellicano , Claudia Morreale all’intera avvocatura provinciale,il Consiglio di Stato ha ribadito che la Provincia di Trento non può discostarsi da quella che è la disciplina vigente in campo nazionale sulla abilitazione dei titoli e per questa ragione i ricorrenti di DELSA vanno tutti inseriti con riserva nella attuale quarta fascia, a pettine con i laureati, secondo il proprio punteggio e in piena facoltà di stipulare contratti sia a tempo determinato che indeterminato.Il Presidente di DELSA sindacato autonomo trentino, Mauro Pericolo commenta con profonda commozione e soddisfazione la vittoria ottenuta presso il consiglio di stato in particolare perchè accoglie pienamente le richieste di inserire con riserva tutti i ricorrenti diplomati
magistrali rappresentati dal sindacato, specifica che in virtù di questa riserva essi potranno stipulare contratti a tempo determinato e indeterminato e sottolinea che vi è una prevalenza dei principi normativi nazionali sulla legislazione trentina in materia di valori abilitanti.”Sono tesi esclusivamente nostre, sostenute per anni e alle quali con ritardo ed atteggiamento opportunista si sono accodate altre organizzazione sindacali con evidenti scopi speculativi. Da parte nostra c’è piena intenzione a chiedere un risarcimento per danni professionali economici e morali nei confronti della Provincia autonoma di Trento, precisando che tutti i nostri ricorrenti sono già da anni dipendenti della PATe non vengono da fuori provincia. Coloro i quali avevano anni di servizio alle spalle e sono rimasti senza lavoro perché scavalcati ingiustamente da più di 200 colleghi ora potranno chiedere conto del mancato introito sia in termini economici che di servizio.” chiosa Pericolo.Ora La Provincia autonoma di Trento non potrà procedere ulteriormente con le assegnazioni degli incarichi facendo riferimento ad una graduatoria (quella di quarta fascia) illegittima poiché istituita sulla base di regolamento provinciale errato nella parte in cui non consentiva l’inserimento degli abilitati con diploma magistrale ante 2002. See more at: http://www.giornalesentire.it/article/precari-scuola-mauro-pericolo-anief-contesta-riunione-ugo-rossi.html#sthash.1fNVpYkS.dpuf (foto: (foto: lavoratori precari, ministro istruzione)

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Chiediamo alla Sindaca Raggi di liberare definitivamente il Colosseo dalle auto”

Posted by fidest press agency su martedì, 9 agosto 2016

colosseoRoma. La giunta capitolina ha decretato lo stop alla pedonalizzazione completa di Via dei Fori Imperiali in agosto come previsto ma solo rimandando al 2017 i futuri passi in avanti. Legambiente chiede di andare con maggiore determinazione verso la liberazione del Colosseo dalle auto private, con 3 proposte operative da attuare per i prossimi mesi: su Via dei Fori Imperiali pedonalizzazione completa ogni sabato con bus navetta elettrici Piazza Venezia – Colosseo e stop a ogni autovettura (Auto blu, Taxi, NCC); ciclopedonalizzazione di Via di San Gregorio nella carreggiata dal lato Arco di Costantino.”Chiediamo alla Sindaca Raggi di liberare definitivamente il Colosseo dalle automobili – dichiara Roberto Scacchi presidente di Legambiente Lazio -, dopo lo stop alla pedonalizzazione progressiva con la riapertura di agosto, e dopo che l’assessore Meleo ha indicato il riavvio di tali fasi nel 2017, invitiamo la Giunta ad avviare tre provvedimenti determinanti già dalle prossime settimane: la pedonalizzazione completa ogni sabato con bus navetta elettrici tra Piazza Venezia e Colosseo di Via dei Fori Imperiali e stop ad ogni autovettura sulla strada; ciclopedonalizzazione di Via di San Gregorio (strada fino a 3 corsie per senso di marcia) nella colosseo1carreggiata lato Foro Romano. perchè il Colosseo non ha un lato B. Questi passaggi sono fondamentali per allontanare le auto private dal centro e far respirare la città parlando al mondo intero, ma anche per velocizzare i cantieri delle metropolitane che di ciò possono solo giovare”.Sono passati quasi 30 anni da quando Legambiente ha iniziato la sua battaglia per liberare il Colosseo dalle auto, e nel 1994 era arrivato il primo successo con la pedonalizzazione domenicale. L’associazione ambientalista aveva poi raccolto e presentato le firme per una delibera di iniziativa popolare per la pedonalizzazione di tutta l’area del Colosseo che il Campidoglio aveva votato il 25 giugno 2014 anche con il voto dell’attuale maggioranza; da questa delibera scaturiva il regime odierno di divieto alle auto private. “Il regime di traffico odierno ha portato all’abbassamento del traffico in tutto il quadrante, ora il passo determinante è a portata di mano, per compierlo è necessario calendarizzare velocemente i prossimi provvedimenti. Ci appelliamo alla Sindaca e a tutti coloro che hanno portato avanti questa battaglia di civiltà per tutto questo tempo, chiedendo di dare il sostegno e la spinta definitiva per liberare il Colosseo e riconsegnarlo al mondo”. (foto: colosseo)

Posted in Cronaca/News, Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Clamoroso dalla Cassazione: Indagini bancarie per i professionisti: non esistono le presunzioni

Posted by fidest press agency su martedì, 9 agosto 2016

cassazioneLa Corte di Cassazione, Sezione Tributaria, con l’importante sentenza numero 16440 depositata il 05 agosto 2016 ha stabilito che, in seguito alla decisione della Corte Costituzionale numero 228 del 2014, la presunzione legale nelle indagini bancarie per i professionisti è venuta meno sia per i prelevamenti che per i versamenti. A comunicare la clamorosa notizia in anteprima a Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, il noto tributarista leccese Maurizio Villani, che evidenzia che in conseguenza all’interpretazione della Suprema Corte, in ipotesi di indagini finanziarie a carico di soggetti titolari di reddito di lavoro autonomo sia i prelevamenti sia i versamenti che non trovano adeguata giustificazione nella contabilità non possono automaticamente costituire maggiori compensi, salvo che l’Agenzia delle Entrate riesca a provare tale circostanza. Questa sentenza è importante perché fino ad oggi molte Commissioni Tributarie di merito hanno ritenuto che la Corte Costituzionale avesse fatto riferimento solo ai prelevamenti e non anche ai versamenti. Finalmente, con la succitata sentenza della Corte di Cassazione l’equivoco è stato chiarito e, di conseguenza, l’Agenzia delle Entrate non può usare le presunzioni neppure per gli avvisi di accertamento già notificati, che su specifica eccezione potranno essere totalmente annullati. Infatti, per i giudici della Corte di Cassazione si sposta sempre sull’Amministrazione finanziaria il compito di dimostrare le irregolarità nei confronti dei professionisti, senza le presunzioni.

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lamezia Summertime 2016 tra arte, spettacoli e storia

Posted by fidest press agency su martedì, 9 agosto 2016

Abbazia BenedettinaLa storia e l’arte rivivono attraverso lo spettacolo. Questo lo scopo della nuova edizione del Lamezia Summertime 2016 che si svolgerà, a partire dal 10 agosto, nel comune di Lamezia Terme, la quarta città della Calabria per estensione territoriale e numero di abitanti. Una città posta in posizione geografica strategica con aeroporto e nodo ferroviario di importanza vitale per tutta la regione. Una città nata nel 1968 dall’accorpamento di tre paesi: Nicastro, Sambiase, S. Eufemia, ognuno carico di tradizioni e testimonianze storiche ed archeologiche. Una Lamezia ancora tutta da scoprire con la sua millenaria storia ed un’offerta turistica da far invidia ad altre città blasonate. Un intrecciarsi di vicoli e contrade che vi faranno immergere nel fascino di epoche differenti: dalla magna grecia ai normanni, dai bizantini ai romani, dai Cavalieri di Malta ai Borbone. Dal mare alla montagna, dalle terme ad una passeggiata sul settecentesco Corso Numistrano, il salotto buono della città, per ammirare il convento dei Domenicani dove il filosofo Tommaso Campanella ordì la congiura contro il governo Spagnolo. Il tutto condito da un’offerta eno-gastronomica da veri intenditori.Le manifestazioni alla base di Lamezia Summertime 2016 hanno come scopo principale di rivitalizzare gli spazi storico-architettonici celati dall’oblio, facendone emergere le potenzialità latenti. Le piazze e i centri storici hanno rappresentato, sin dal passato e nel corso dei secoli, luoghi privilegiati di socializzazione e relazione umana, in occasione di momenti a carattere politico-religioso, commerciale e celebrativo. Utilizzare piazze, centri Carlo-BuccirossoRosaria Carli-Sebastianostorici, beni monumentali come location di eventi di spettacolo significa restituire ai cittadini e turisti luoghi ri-funzionalizzati, recuperando antichi rituali di socializzazione tramite nuovi e vecchi linguaggi artistici. Menzione particolare per l’Abbazia Benedettina di S. Eufemia che sarò lo scenario naturale per i quattro spettacoli di prosa in calendario con attori del calibro di Sebastiano Lo Monaco, Mario Zamma, Gianfranco Jannuzzo e Carlo Buccirosso. L’Abbazia, che sorge accanto ai resti della antica città magno-greca di Terina, fu fondata nella seconda metà dell’XI secolo da Roberto il Guiscardo su un precedente monastero bizantino. Progettista fu l’architetto ed abate Roberto di Grantmesnil, riprese lo stile nordico-benedettino delle chiese di Normandia, che realizzò un’opera architettonica di importanza tale da essere l’esempio per la costruzione delle altri cattedrali normanne del sud Italia.
Non solo prosa per il Lamezia Suummertime 2016 ma proiezioni cinematografiche all’aperto (con un festival del cinema muto musicato dal vivo); un galà mondiale di danze popolari con 4 gruppi internazionali; il più grande Festival del Teatro in Strada del Sud Italia con compagnie nazionali e internazionali; 2 giornate all’insegna della degustazione delle eccellenze enologiche regionali accompagnate da reading teatrali. Il progetto è realizzato dal comune di Lamezia Terme (Cz) in collaborazione con Arci Lamezia Terme/Vibo Valentia e Canterini Nicastresi in qualità di partner di progetto, finanziato dalla Regione Calabria con fondi PAC (Programma di azione e coesione) derivanti da rimodulazione interna ai Programmi Operativi finanziati dai Fondi Strutturali. (foto: Abbazia Benedettina, Carlo-Buccirosso, Rosaria Carli-Sebastiano) (fonte: http://www.lameziasummertime.it)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

CenèBio di San Lorenzo

Posted by fidest press agency su martedì, 9 agosto 2016

Voodoo-BrosPalermo mercoledì 10 agosto alle 20,30 in via Sciuti 83 area esterna, adiacente villa Giuseppe Russo, del supermercato-bistrot è Bio con il live dei Voodoo bros Umberto Porcaro e Federico Chisesi. arà servita una cena al tavolo con dolci a buffet, accompagnata dai vini dell’Abbazia Sant’Anastasia. Tra questi: lo Chardonnay mosso e il Grillo.E tra un piatto ricco di leccornie varie, un bicchiere di rosso e lo sguardo al cielo nell’attesa delle stelle cadenti, non mancherà la musica, guidata dai Voodoo brosUmberto Porcaro alla chitarra e Federico Chisesi alle percussioni porteranno per un paio d’ore nel locale più green le atmosfere di New Orleans, città che vive intorno al fiume Mississipi, con brani blues e pop riadattati al blues.In scaletta: “Giving it away”, “Forth Worth Bound Soul of the man” , “Two Time Fool”, “I’m on fire”. A caratterizzare la band, non solo il sound, ma anche la scelta del vestiario e della strumentazione. Così, a sorpresa, dalle mani di Chisesi una vecchia valigia o un washboard possono trasformarsi in uno strumento per fare grande musica. (foto: Voodoo-Bros)

Posted in Cronaca/News, recensione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Sindaco è cinico, postalo su facebook solo se puoi dimostrare che è vero

Posted by fidest press agency su martedì, 9 agosto 2016

enrico michettiLa sentenza della Cassazione n. 32791 del 27 luglio 2016 sulle problematiche derivanti dall’utilizzo dei Social e sulla dichiarazione di non doversi procedere in caso di condotta riparatoria. Sempre più le aule giudiziarie si animano di vicende che nascono dall’utilizzo “disinvolto” dei Social network, strumenti di comunicazione che spesso degenerano in diffamazione, come nel caso giunto dinanzi alla Suprema Corte che vede una signora al banco degli imputati per aver postato sulla propria bacheca personale facebook un commento sferzante nei confronti del sindaco del suo comune tacciato di insensibilità rigardo ai problemi dell’imputata e di un’altra persona a questa legata, oltre che di scarsa umanità.Citata in giudizio dal Pubblico Ministero davanti al Giudice di Pace per il reato di diffamazione previsto dall’art. 595 del codice penale, l’aveva scampata in corner dalla condanna in quanto, avendo offerto in udienza la somma di 800 euro a titolo riparatorio, ex art. 35 d.lgs. 28 agosto 2000, n. 74, otteneva una sentenza di non doversi procedere per intervenuta condotta riparatoria.Ma insoddisfatta ha impugnato la sentenza dinanzi la Corte di Cassazione in quanto la sentenza impugnata nulla dice in ordine alla richiesta principale di assoluzione per esercizio del diritto di critica, che – a suo giudizio – importa la nullità della sentenza per violazione di legge. La Corte di Cassazione Penale, Sezione Quinta con sentenza n. 32791 pubblicata il 27 luglio 2016 (Presidente: Bruno Paolo Antonio – Udienza: 13.5.2016), nel rigettare il ricorso condannando la signora alle spese processuali, ha tra l’altro, evidenziato che il giudizio sferzante postato su facebook nei confronti del Sindaco era certamente idoneo a lederne la reputazione in quanto attribuiva a quest’ultimo indifferenza verso le sofferenze umane, se non vero e proprio cinismo; il che, tenuto conto del ruolo ricoperto dalla persona offesa (Sindaco) ne comportava un evidente scadimento nella considerazione generale. Tale lesione dell’integrità morale – per la Corte – “sarebbe stata certamente irrilevante, dal punto vista penale, stante il ruolo pubblico della persona offesa, ove si fosse trattato di fatti veri, dimostrati nella loro obiettività. Nulla è dato sapere, però, circa la verità di quei fatti, nè stante la natura dell’istituto attivato dall’imputata – un accertamento era consentito al giudice, che ha dovuto necessariamente fermarsi all’esame della contestazione e alla verifica del suo inquadramento in fattispecie di reato tipizzate. Tanto ha concretamente fatto, constatando che il reato era sussistente, anche sotto il profilo della diffusività della propalazione (attraverso una bacheca facebook si ha propalazione di notizie in un ambito rilevante, a meno che non sia stato limitato l’acceso ad una sola persona: Cass., n. 24431 del 28/4/2015)”. Fermo quanto sopra – che si spera faccia riflettere sull’importanza di ponderare le espressioni che con troppa facilità e superficialità si trovano postate sui Social – la Corte ha affermato che il giudice è tenuto a pronunciare sentenza di assoluzione ai sensi dell’art. 129 del codice di procedura penale, qualora risulti “evidente” la ricorrenza di una delle condizioni che impongono il proscioglimento nel merito, ovvero che l’azione penale non poteva essere promossa o non può essere proseguita. Tale norma – applicabile al giudizio che si svolge dinanzi al Giudice di pace – va calata nel meccanismo applicativo dell’istituto previsto dall’art. 35 del d.lgs d.lgs. 28 agosto 2000, n. 74, che consente al giudice di dichiarare estinto il reato qualora l’imputato dimostri di aver proceduto, prima dell’udienza di comparizione, alla riparazione del danno cagionato dal reato, mediante le restituzioni o il risarcimento, e di aver eliminato le conseguenze dannose o pericolose del reato. Va considerato, poi, che la norma richiede, per l’applicazione dell’istituto, che il giudice “senta” cassazionele parti e, eventualmente, la persona offesa, se comparsa. Gli strumenti a disposizione del giudice – dai quali poter trarre argomenti per valutare la congruità dell’offerta, sia sotto il profilo risarcitorio che quello social-preventivo – sono quindi limitati, anche se non è escluso che il giudice, dopo aver ascoltato le parti, possa acquisire documenti idonei a valutare l’entità del danno o la gravità del reato, mentre è da escludere, invece, una attività istruttoria volta ad accertare l’esistenza (o insussistenza) del reato o la sua commissione da parte dell’imputato, ovvero l’insussistenza dell’elemento soggettivo, giacchè verrebbe frustrata, in tal modo, la funzione dell’istituto, volto sia a realizzare una forma di giustizia conciliativa, sia a deflazionare il carico giudiziario, attraverso una forma di componimento extra giudiziario, o, più strettamente, extra processum. In ogni caso tale verifica, anche implicita, che compie il giudice può legittimare il ricorso per cassazione solo nei casi di “evidente” arbitrarietà della valutazione (quando, per esempio, venga accolta l’offerta riparatoria per un fatto certamente lecito).
Tanto premesso in via generale, la Suprema Corte ha rilevato che, nessun vizio affligge la sentenza impugnata che ha fatto corretta applicazione dei principi sopra sinteticamente riportati in quanto, nello specifico, nessuna “evidenza” era rilevabile dal giudice, quando fu dichiarato estinto il reato per congruità dell’offerta, né la ricorrente ha sollevato argomenti – rilevanti nel giudizio di cassazione – idonei a dimostrare un errore del giudice. Verdetto finale niente assoluzione, ma non luogo a procedersi per intervenuta condotta riparatoria. (Enrico Michetti da Il Quotidiano della Pubblica Amministrazione) (Photo Credit ilquotidianodellapa.it- cassazione)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A settembre approvazione nuovi Lea. Governo e Regioni fanno il punto

Posted by fidest press agency su martedì, 9 agosto 2016

lea«Le Regioni hanno stabilito che nella prima settimana di settembre ci sarà una riunione straordinaria per l’approvazione dei nuovi Lea, la nomenclatura delle protesi e il Piano nazionale vaccini». Lo ha detto il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, lasciando la Conferenza delle Regioni, dove si è svolto un incontro con i governatori e Yoram Gutgeld sul percorso di efficienza nella sanità. «Questa parte verrà definita in modo definitivo nei primi di settembre – ha aggiunto – e ci siamo dati anche alcuni obiettivi sulla programmazione su cui lavorare in vista della nuova legge di Stabilità per il 2017 e quindi sempre sulla programmazione sanitaria». Lorenzin ha sottolineato anche come nel corso dell’incontro sia stato «fatto il punto sull’attuazione del patto e sui sistemi di efficienza del sistema e come migliorare i meccanismi che sono stati attuati» ma anche «sui risultati ottenuti dalle centrali uniche di acquisto che abbiamo inserito nella legge di Stabilità del 2016 e che fanno parte del patto della salute». Infine sono state «individuate anche le differenze di prezzi che ci sono per lo stesso prodotto tra le diverse regioni e addirittura nelle stesse aziende». «Abbiamo ragionato su un meccanismo di benchmark di prezzo e abbiamo fatto in modo di spingere, già a partire da settembre – ha aggiunto – l’aggregazione anche sulla parte informatica». E a precisare la data dell’incontro è il presidente della Conferenza delle Regioni, Stefano Bonaccini. Il 7 settembre sarà convocata una seduta monotematica della Conferenza delle Regioni dedicata all’esame dei nuovi Lea, «nel corso della quale entreremo nei dettagli delle novità apportate e sul tema del piano vaccinale. Credo che sia una segnale importante – aggiunge Bonaccini – siamo arrivati a un risultato atteso da tanti anni che è utile sia per la ridefinizione dei Lea sia per le centinaia di milioni di euro conseguenti che potranno essere spesi dalle Regioni». In riferimento all’incontro col ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, e con il commissario alla spending review, Yoram Gutgeld, il presidente Bonaccini chiarisce che «abbiamo fatto un ottimo incontro molto positivo in particolare sugli acquisti in sanità». (fonte doctor33)
(foto: lea)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Videosorveglianza, in crescita in estate le vendite di telecamere per le abitazioni

Posted by fidest press agency su martedì, 9 agosto 2016

Un termometro del senso di sicurezza dei cittadini di fronte alla criminalità è l’aumento delle vendite di telecamere di sorveglianza. Molte persone, hanno deciso, soprattutto in estate, di dotarsi di questi apparecchi nelle proprie abitazioni, ma anche nei propri piccoli e grandi negozi commerciali. Colpa della crisi, una piaga sociale che sta affliggendo sempre più famiglie italiane, che si trovano costrette a dover affrontare anche le ulteriori spiacevoli conseguenze che questa situazione di disagio sta creando. Una di queste conseguenze è l’aumento dei furti nelle abitazioni. Infatti negli ultimi tempi c’è stato un vertiginoso aumento di episodi che riguardano le intrusioni negli appartamenti, un fenomeno negativo che riguarda tutte le città italiane. L’aumento di intrusioni negli appartamenti comporta un aumento della paura delle famiglie italiane che vedono minata la sicurezza delle proprie mura domestiche. La soluzione più pratica che si possa adottare è l’installazione di un sistema di videosorveglianza nella propria abitazione, per poter stare tranquilli e riparati, considerando anche che la presenza di un sistema antifurto di questo genere in un’abitazione la rende meno appetibile ad un malintenzionato, che tende a desistere dall’intenzione di introdursi nella casa. Ora, infatti, è possibile tenere d’occhio la propria casa anche tramite il proprio smartphone o tablet per poter essere tranquilli anche quando si è fuori e in casa non si trova nessuno. Però si sono riscontrati problemi nella loro installazione osserva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”. Spesso non vengono configurati in maniera corretta e la conseguenza più rischiosa è che le immagini riprese possano essere facilmente visibili anche via Internet. Non è così impossibile spiare quanto avviene in una casa o vedere quali siano gli avventori di un negozietto di paese. Un segmento di mercato particolarmente dinamico poichè caratterizzato dal passaggio dagli impianti analogici a quelli digitali, spesso importati da altri Paesi che suggerisce di proteggere sempre questi dispositivi con l’uso di password.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lecito Parlare in Senso Teologicamente Stretto di “Chiesa Conciliare” Sostanzialmente Diversa dalla Chiesa Cattolica?

Posted by fidest press agency su martedì, 9 agosto 2016

di don Curzio Nitoglia. Quando si parla di Concilio Vaticano II come dogmaticamente inaccettabile, non si può racchiudere in tale constatazione di “rottura oggettiva con la Tradizione apostolica” la responsabilità soggettiva o formale di chi lo ha accolto in buona fede, pensando di obbedire all’Autorità. È un fatto, e “contro il fatto non vale l’argomento”, che il Concilio Vaticano II è stato convocato e promulgato dal Papa e tutto l’Episcopato (compresi mons. Marcel Lefebvre e mons. Antonio de Castro Mayer) vi ha partecipato e lo ha riconosciuto come Concilio della Chiesa (anche se solo “pastorale”). Perciò quelli che lo accettano non possono essere equiparati a coloro che sono fuori della Chiesa. Infatti nessuno avente autorità (Papa e vescovi) li ha condannati e separati da Essa, né possiamo farlo noi,che siamo privi di autorità. Così non si deve neppure dimenticare che la Nuova Messa (di Paolo VI), pur allontanandosi “in maniera impressionante dalla teologia cattolica sul Sacrificio della Messa” (A. Ottaviani – A. Bacci), è stata fatta dal Papa e non da Lutero, che è uscito dalla Chiesa ufficialmente. Quindi i sacerdoti e i fedeli, che son costretti dalle circostanze storiche a subire e a partecipare ad un Rito ambivalente (protestante e cattolico) non ne hanno necessariamente bergoglio  tradizionecolpa soggettiva o formale, sono membri della Chiesa cattolica (dalla quale nessuno avente autorità li ha espulsi) e non sono scismatici o eretici come i vecchi cattolici e i luterani. Il fatto che l’oggetto dell’insegnamento, ossia la dottrina ante-Vaticano II e quella del Vaticano II discordano in molti punti non pone problemi all’indefettibilità della Chiesa, poiché l’insegnamento “pastorale” del Vaticano II non è infallibile, avendo esso rinunciato a voler definire ed obbligare a credere. Vi è, dunque, sostanzialmente un solo e identico soggetto (Chiesa), che insegna in maniera diversa quanto al modo: con Magistero dogmatico infallibile e con Magistero pastorale non infallibile. Se si nega che il soggetto Chiesa è lo stesso prima e dopo il Concilio, implicitamente e almeno praticamente,si nega l’articolo di Fede “Credo unam, sanctam, catholicam et apostolicam Ecclesiam” poiché la Chiesa che Cristo ha fondato su Pietro e i suoi successori (i Papi) dovrà durare ininterrottamente sino alla fine del mondo sostanzialmente inalterata.
“Chiesa conciliare”, Chiesa cattolica e contro-chiesa. Parimenti si può parlare, in senso largo o non strettamente teologico, di soggetto “Chiesa conciliare” (come hanno fatto i cardinali Benelli e Koch) in opposizione al soggetto Chiesa cattolica romana tradizionale. Infatti l’oggetto insegnamento magisteriale pastorale (Concilio Vaticano II) o puramente “esortativo” (Francesco I, Esortazione apostolica Amoris laetitia, 19 marzo 2016) sono in contraddizione con l’oggetto dell’insegnamento dogmatico e costante della soggetto Chiesa cattolica da S. Pietro a Pio XII. È il piano che la Pio XII“Sinagoga di satana” (Apoc., II, 9) ha sempre avuto in mente sin dalla fondazione della Chiesa di Cristo (“configgendo il Verbo incarnato in croce”, Pio XI, Enciclica Mit Brennender Sorge, 14 marzo 1937) ed ha cercato di attuare nel corso dei secoli, perseguitando la Chiesa o “Cristo continuato nella storia” a partire da Giuda, dal martirio di S. Stefano, degli Apostoli, dei fedeli, dallo Gnosticismo cristiano del I secolo e dalle prime eresie anti-trinitarie e cristologiche del IV-V secolo, con qualche successo parziale (cfr. la crisi ariana del IV secolo, il X secolo detto “periodo bronzeo” della Chiesa; il Grande Scisma d’Occidente, il Concilio Vaticano II e il post-concilio da Paolo VI a Francesco I). Ma, nonostante tutti gli sforzi dell’inferno e dei suoi accoliti (da Giuda agli ariani e ai modernisti), “le porte dell’Inferno non prevarranno contro di Essa”. La fede ci assicura che anche quest’ultimo tentativo di distruggere la Chiesa di Cristo (Vaticano II) è destinato a fallire come tutti gli altri che lo hanno preceduto e come la persecuzione dell’Anticristo finale, che concluderà la storia dell’umanità e della Chiesa con la vittoria definitiva di Cristo. “Dio salvi la Chiesa dalle colpe degli uomini di Chiesa” (d. Francesco Putti).
Per interpretare correttamente la teologia del Concilio Vaticano II occorre, dunque, ritornare alla distinzione classica e scolastica tra il soggetto Chiesa, che insegna, e l’ oggetto o la verità insegnata, la quale, se il Magistero non vuole definire e obbligare a credere, può contenere eccezionalmente l’errore ed essere in rottura con la Tradizione (“quod ubique, ab omnibus et semper creditum est”), non dimenticando che l’ universalità del Magistero non riguarda solo l’omnibus ossia il Corpo insegnante (tutti i Vescovi più il Papa), ma anche il semper, ossia la continuità dell’insegnamento, che proprio perché costante non può essere erroneo (cfr. Pio IX, Tuas libenter, 1863).Certamente la Chiesa è ‘soggetto insegnante’, tuttavia gli uomini di Chiesa non devono appropriarsi della Rivelazione divina, contenuta nella Tradizione apostolica e nella S. Scrittura per interpretarla soggettivisticamente come a loro sembra, ma devono custodirla, mantenerla invariata sostanzialmente o oggettivamente (anche se approfondita e penetrata) e poi trasmetterla spiegandone il significato genuino omogeneamente, cioè senza contraddizioni (Conc. Vat. I, Pastor aeternus, cap. IV).L’ interpretazione della Rivelazione è condizionata dalla sua conservazione e ordinata alla sua trasmissione.
papa_ratzingerIl guaio è che con il Concilio Vaticano II è stato sovrapposto il soggetto Chiesa all’oggetto insegnato e sono stati legittimati “pastoralmente” alcuni cambiamenti di dottrina con la continuità del soggetto Chiesa, che dovrebbe far passar, così, in second’ordine, il cambiamento dell’ oggetto dottrina insegnata (collegialità episcopale, pan-ecumenismo, diritto di libertà delle false religiosi, rapporti Chiesa/giudaismo postbiblico, unicità della Scrittura come fonte di Rivelazione escludendo la Tradizione, panteismo antropologico…). Questo è l’escamotage di cui si servono i neomodernisti per accreditare “l’ermeneutica della continuità” della dottrina insegnata prima, durante e dopo il Concilio Vaticano II. Il Magistero Conciliare (Vaticano II compreso) è di per sé Solenne o Straordinario e Universale, trattandosi di tutti (moralmente e non matematicamente) i Vescovi riuniti in Concilio sotto il Papa in maniera non abituale ma eccezionale: «Quanto al Vaticano II, sarebbe assurdo negargli il carattere di Magistero Conciliare, quindi Solenne, non Ordinario, perché in tal caso si negherebbe il [fatto o l’esistenza del] Concilio stesso. […]. Se una cosa è, non può non essere». Ossia è un fatto, e “contro il fatto non vale l’argomento”, che il Papa ha convocato tutti i Vescovi del mondo nel Concilio Vaticano II, il quale è esistito (chi può negarlo?), si è svolto e si è concluso sotto la direzione del Papa e non è stato impugnato da nessun Vescovo residenziale o avente giurisdizione (neppure da mons. Marcel Lefebvre e da mons. Antonio de Castro Giovanni Paolo  IIMayer) né da nessun Cardinale. Quindi canonicamente è un Concilio Ecumenico legittimamente convocato e promulgato.In breve la legittimità del Vaticano II come Concilio Ecumenico (quanto a convocazione, esistenza e promulgazione) è distinta dall’ortodossia della dottrina da esso insegnata così come la validità e legittimità dell’elezione canonica di Paolo VI-Francesco I (soggetto Papa esistente in atto) non si identifica con la loro ortodossia dottrinale (oggetto da loro insegnato). Il Vaticano II è realmente Magistero Conciliare e perciò Solenne, ma non è infallibile in quanto non ha voluto essere dogmatico: «ha [giuridicamente] le carte in regola che lo fanno un autentico Concilio ed esigono che sia come tale riconosciuto. […]. L’autenticità conciliare gli deriva dalla canonicità della sua convocazione, della sua celebrazione e della sua promulgazione. […]. La qualcosa non depone di per sé per la dogmaticità dei suoi asserti […], trattandosi di un Concilio che, fin dalla sua convocazione […], escluse formalmente dal proprio orizzonte l’intento definitorio».
Il Concilio (e quindi anche il Vaticano II) è Magistero straordinario “quanto al modo”, nel senso che il Concilio non è abitualmente o permanentemente riunito, ma è radunato straordinariamente o solennemente ed eccezionalmente; tuttavia “quanto alla sostanza” il suo insegnamento è infallibile soltanto se definisce una verità di Fede come da credersi obbligatoriamente. Quindi il Magistero sia ordinario che straordinario è infallibile solo se ha questa ‘volontà di definire e obbligare a credere’.In breve, per esercitare l’infallibilità, è essenziale obbligare i fedeli a credere come divinamente rivelato ciò che si definisce sia in ‘maniera ordinaria’ sia in ‘maniera solenne o straordinaria’ (il modo è elemento accidentale dell’ infallibilità). La forma esterna solenne o straordinaria ‘quanto al modo’ di pronunciarsi non è per sé indice di infallibilità; l’essenziale è imporre ‘quanto alla sostanza’, in ‘maniera ordinaria o straordinaria’, la dottrina annunziata definitivamente e obbligatoriamente per la salvezza. Onde non tutto ciò che è Magistero Straordinario, quanto alla forma esterna ‘non comune’ o ‘non ordinaria’ di pronunciarsi con formule solenni, è infallibile.
La gravità della situazione attuale è tale che umanamente non è risolvibile poiché nessun essere umano può condannare giuridicamente e deporre il Papa. Tuttavia la Chiesa è soprannaturale quanto all’origine, al fine e ai mezzi (tranne i membri umani che la compongono) e quindi occorre mantenere viva la Fede nella divinità della Chiesa e nel suo trionfo a ligno (come Gesù, di cui la Chiesa è la continuazione nella storia sino alla fine del mondo).Si comprende che di fronte allo scandalo pubblico dato dai Papi “conciliari” i cattolici si sentano scossi, indignati e anche smarriti, ma non bisogna sorpassare il limite consentito dalla sana teologia e dal buon senso: In certis unitas, in dubiis libertas, in omnibus caritas.Tuttavia, data la situazione estremamente grave e confusa in cui ci troviamo (“hanno colpito il pastore e il gregge si è disperso”), occorre avere anche molta comprensione verso coloro che – in buona fede – per difendere la Fede cattolica dall’aggressione modernista “peccano” o per eccesso (sedevacantismo) o per difetto (obbedienza indebita).“Senza fede è impossibile piacere a Dio” (SAN PAOLO), ma “la Fede senza le opere buone è morta” (San Giacomo).Cerchiamo di mantenere la Fede che la Chiesa ha insegnato dogmaticamente o in maniera costante quanto al tempo (quod semper) ed universale quanto allo spazio (quod ubique) e quanto ai membri principali e secondari (et ab omnibus), senza dimenticare che la Fede deve essere vivificata dalla Carità soprannaturale, la quale non è sentimentalismo affettato e verbale, ma è l’osservanza effettiva del Decalogo. (d. Curzio Nitoglia) (articolo sintetizzato da: http://doncurzionitoglia.net/2016/08/07/da-3-fontane-a-isis/) (foto: bergoglio tradizione)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Anniversario Hiroshima

Posted by fidest press agency su martedì, 9 agosto 2016

HiroshimaFrancesco Lo Cascio Presidente MIR Palermo ha dichiarato in occasione del 61° anniversario del bombardamento di Hiroshima: “mentre si intensificano le azioni militari nel Mediterraneo ed in Libia (con gravi rischi per i profughi richiedenti asilo), mentre non a caso viene dissequestrato il MUOS e viene richiesto il coinvolgimento militare degli aeroporti siciliani, le associazioni promotrici della consulta cittadina per la Pace, la nonviolenza ed i diritti umani, a distanza di un anno dalla delibera istitutiva della stessa consulta,annunciano l’intenzione di autoconvocarsi in occasione della prossima Giornata ONU della Pace, del 21 settembre. Auspichiamo che entro tale temine, l’amministrazione riesca a risolvere le ragioni dell’attuale impasse, convocandoci per inaugurare assieme l’avvio delle attività di questo strumento di partecipazione. La prima iniziativa che annunciamo è la partecipazione alla Marcia Perugia Assisi del 9 ottobre, per la quale attendiamo patrocinio e sostegno alla partecipazione dei giovani di Palermo, città parte del coordinamento degli enti locali per la Pace.Annunciamo, fin d’ora, iniziative in consiglio comunale per concretizzare tale impegno con i più ampi consensi possibili.”

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »