Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 21 agosto 2016

We both know Donald Trump is unfit for the presidency

Posted by fidest press agency su domenica, 21 agosto 2016

barack obamaBut that doesn’t mean he can’t win in November — not when his campaign and the Republican Party are raising millions of dollars every day to help him beat Hillary Clinton, including more than $80 million last month alone. So no matter what the polls and pundits say, we have to act like a team that’s playing from behind — because until the very last person in line casts his or her vote, nothing is certain.That means doing everything we can to give our organizers on the ground all the support and resources they need to do the work it takes to win presidential campaigns. It means making phone calls or standing in front of grocery stores or knocking on doors. It means doing everything we can to make sure folks get registered. It means making sure people know why Hillary’s the best candidate for this job, and making sure they make it to the ballot box on Election Day. (Barack Obama)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

What Hillary Clinton Should Say about Islam and the “War on Terror”

Posted by fidest press agency su domenica, 21 agosto 2016

hillary clintonToday, I want to talk about one of the most important and divisive issues of our time—the link between the religion of Islam and terrorism. I want you to know how I view it and how I will think about it as President. I also want you to understand the difference between how I approach this topic and how my opponent in this presidential race does. The underlying issue—and really the most important issue of this or any time—is human cooperation. What prevents it, and what makes it possible? In November, you will be electing a president, not an emperor of the world. The job of the president of the United States, even with all the power at her or his disposal, is to get people, both at home and abroad, to cooperate to solve a wide range of complex problems. Your job is to pick the person who seems most capable of doing that.In the past, I’ve said that groups like ISIS and al-Qaeda have nothing to do with Islam. And President Obama has said the same. This way of speaking has been guided by the belief that if we said anything that could be spun as confirming the narrative of groups like ISIS—suggesting that the West is hostile to the religion of Islam, if only to its most radical strands—we would drive more Muslims into the arms of the jihadists and the theocrats, preventing the very cooperation we need to win a war of ideas against radical Islam. I now see this situation differently. I now believe that we have been selling most Muslims short. And I think we are all paying an unacceptable price for not speaking clearly about the link between specific religious ideas and the sectarian hatred that is dividing the Muslim world. All of us, Muslim and non-Muslim alike, must oppose the specific ideas within the Islamic tradition that inspire groups like ISIS and the so-called “lone-wolf” attacks we’ve now seen in dozens of countries, as well as the social attitudes that are at odds with our fundamental values—values like human rights, and women’s rights, and gay rights, and freedom of speech. These values are non-negotiable. But I want to be very clear about something: Bigotry against Muslims, or any other group of people, is unacceptable. It is contrary to the values that have made our society a beacon of freedom and tolerance for the rest of the world. It is also totally counterproductive from a security point of view. However, talking about the consequences of ideas is not bigotry. Muslims are people—and most of the world’s 1.6 billion Muslims simply want to live in peace like the rest of us. Islam, however, is a set of ideas. And all ideas are fit to be discussed and criticized in the 21st century.Every religious community must interpret its scripture and adjust its traditions to conform to the modern world. Western Christians used to murder people they believed were witches. They did this for centuries. It’s hard to exaggerate the depths of moral and intellectual confusion this history represents. But it is also true that we have largely outgrown such confusion in the West. The texts themselves haven’t changed. The Bible still suggests that witchcraft is real. It isn’t. And we now know that a belief in witches was the product of ancient ignorance and fear. Criticizing a belief in witchcraft, and noticing its connection to specific atrocities—atrocities that are still committed hillaryby certain groups of Christians in Africa—isn’t a form of bigotry against Christians. It’s the only basis for moral and political progress. One thing is undeniable: Islam today is in desperate need of reform. We live in a world where little girls are shot in the head or have acid thrown in their faces for the crime of learning to read. We live in a world where a mere rumor that a book has been defaced can start riots in a dozen countries. We live in a world in which people reliably get murdered over cartoons, and blog posts, and beauty pageants—even the mere naming of a teddy bear. I’m now convinced that we have to talk about this with less hesitancy and more candor than we’ve shown in the past. Muslims everywhere who love freedom must honestly grapple with the challenges that a politicized strand of their religion poses to free societies. And we must support them in doing so. Otherwise, our silence will only further empower bigots and xenophobes. That is dangerous. We are already seeing the rise of the far right in Europe. And we are witnessing the coalescence of everything that’s still wrong with America in the candidacy of Donald Trump. Now, it is true that this politicized strain of Islam is a source of much of the world’s chaos and intolerance at this moment. But it is also true that no one suffers more from this chaos and intolerance than Muslims themselves. Most victims of terrorism are Muslim; the women who are forced to wear burkhas or are murdered in so-called “honor killings” are Muslim; the men who are thrown from rooftops for being born gay are Muslim. Most of the people the world over who can’t even dream of speaking or writing freely are Muslim. And modern, reform-minded Muslims, most of all, want to uproot the causes of this needless misery and conflict.
In response to terrorist atrocities of the sort that we witnessed in Paris, Nice, and Orlando, we need to honestly acknowledge that we are fighting not generic terrorism but a global jihadist insurgency. The first line of defense against this evil is and always will be members of the Muslim community who refuse to put up with it. We need to empower them in every way we can. Only cooperation between Muslims and non-Muslims can solve these problems. If you are concerned about terrorism, if you are concerned about homeland security, if you are concerned about not fighting unnecessary wars and winning necessary ones, if you are concerned about human rights globally, in November you must elect a president who can get people in a hundred countries to cooperate to solve an extraordinarily difficult and polarizing problem—the spread of Islamic extremism. This is not a job that a president can do on Twitter. I want to say a few words on the topics of immigration and the resettlement of refugees: The idea of keeping all Muslims out of the United States, which my opponent has been proposing for months, is both impractical and unwise. It’s one of those simple ideas—like building a wall and deporting 11 million undocumented workers—that doesn’t survive even a moment’s scrutiny. More important, if you think about this purely from the point of view of American security, you realize that we want Muslims in our society who are committed to our values. Muslims like Captain Humayun Khan, who died protecting his fellow American soldiers from a suicide bomber in Iraq. Or his father, Khizr Khan, who spoke so eloquently in defense of American values at the Democratic National Convention. Muslims who share our values are, and always will be, the best defense against Islamists and jihadists who do not. That’s one reason why the United States is faring so much better than Europe is. We have done a much better job of integrating our Muslim community and honoring its religious life. Muslims in America are disproportionately productive and prosperous members of our society. They love this country—with good reason. Very few of them have any sympathy for the ideology of our enemies. We want secular, enlightened, liberal Muslims in America. They are as much a part of the fabric of this society as anyone else. And given the challenges we now face, they are an indispensable part. Despite the counsel of fear you hear from my opponent, security isn’t our only concern. We also have an obligation to maintain our way of life and our core values, even in the face of threats. One of our values is to help people in need. And few people on earth are in greater need at this moment than those who are fleeing the cauldron of violence in Iraq and Syria—where, through no fault of their own, they have had to watch their societies be destroyed by sectarian hatred. Women and girls by the tens of thousands have been raped, in a systematic campaign of sexual violence and slavery. Parents have seen their children crucified. The suffering of these people is unimaginable, and we should help them—whether they are Yazidi, or Christian, or Muslim. But here is my pledge to you: No one will be brought into this country without proper screening. No one will be brought in who seems unlikely to embrace the values of freedom and tolerance that we hold dear. Is any screening process perfect? Of course not. But I can tell you that the only way to actually win the war on terror will be to empower the people who most need our help in the Muslim world. The irony is that my opponent in this race, who imagines that he is talking tough about terrorism and ISIS and Islam, has done nothing but voice inflammatory and incoherent ideas that, if uttered by a U.S. president, would immediately make the world a more dangerous place. Being “politically incorrect” isn’t the same as being right, or informed, or even sane. It isn’t a substitute for actually caring about other people or about the consequences of one’s actions in the world. It isn’t a policy. And it isn’t a strategy for winning the war against jihadism, or a war of ideas against radical Islam…

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Manovra di bilancio e gli errori di Renzi

Posted by fidest press agency su domenica, 21 agosto 2016

Palazzo chigi1Ci risiamo. Il governo si prepara per l’ennesima volta ad andare a Bruxelles con il cappello in mano a chiedere di poter fare più deficit. La chiamano flessibilità, ma quello vuol dire. Sia chiaro, si tratta di una cosa più che legittima: il verso della congiuntura non lo si cambia certo tirando la cinghia. Ma perché l’operazione sia anche utile presuppone che quelle risorse vengano utilizzate per investimenti produttivi, non per spesa corrente come si è fatto finora. E qui casca l’asino. Perché l’approccio di Renzi e Padoan – non si sa quanto in accordo tra loro, ma poco importa ai fini dell’interesse generale – è fallace per almeno quattro motivi.
Il primo è l’analisi che accompagna la terza manovra di bilancio di questo esecutivo. Si dice: siamo svantaggiati perché le crisi migratorie, i pericoli terroristici e la Brexit hanno creato un clima pesantemente negativo. Balle. Sono problemi comuni in Europa – noi patiamo di più i flussi dei migranti ma meno il terrorismo, la Brexit, per quel che vale, riguarda tutti – e incidono marginalmente. Se così non fosse sarebbe sbagliato, e non lo è, il calcolo fatto da LaVoce secondo cui fatto 100 il pil all’inizio del governo Renzi, nei 10 trimestri trascorsi l’Italia è arrivata solo a 101,1 mentre la Ue è a 103,3: questo significa che in due anni e mezzo abbiamo perso 2,2 punti di pil rispetto alla media europea. Vogliamo una volta per tutte raccontare la verità agli italiani? E cioè che siamo dentro ad un declino strutturale che dura da un quarto di secolo e che dal 2008 in poi si è moltiplicato, rendendo l’Italia (Grecia a parte) la maggiore vittima della Grande Recessione. E che per uscirne occorre un piano straordinario, non “pezze a colore” (per dirla alla napoletana). Possibile che ogni anno ci tocchi assistere alla manfrina di previsioni rosa che via via diventano consuntivi neri? Il governo contava di arrivare nel 2016 ad un aumento del pil dell’1,6%. Poi nel Def di aprile ha ridotto le aspettative a 1,2%. Ora tocca registrare una crescita zero che lascia intravedere una chiusura dell’anno – se va bene, cioè se non si passa dalla stagnazione alla recessione – ad un misero +0,6%, oltretutto unicamente per effetto della politica monetaria della Bce. Stagnazione più deflazione si definiscono in un modo solo: crisi economica. È da gufi dirlo? O da bugiardi tacerlo?
Il secondo errore che il governo sembra intenzionato a commettere, da recidivo, è quello di pensare a usare le risorse (o meglio, il maggior deficit) senza un piano di politica economica e industriale, finendo per inseguire il sogno (la chimera) che un po’ di spesa a pioggia generi contemporaneamente un po’ di crescita economica e molto consenso da spendersi prima di tutto al referendum costituzionale e poi alle elezioni (più o meno anticipate). Ora gli 80 euro e il bonus giovani hanno dimostrato che il primo obiettivo non è raggiungibile per questa strada. E le elezioni amministrative si sono incaricate di dar prova che le elargizioni non si traducono in modo automatico in voti. Ci vorrebbe un grande piano di investimenti – gli unici che assicurano sviluppo – e invece ci troviamo di fronte al miserevole “patto Delrio” (fatto dal ministro delle Infrastrutture con Renzi, Padoan e la Ragioneria Generale) per cui ogni volta che c’è un investimento concreto che può essere realizzato, non saranno i limiti di cassa a determinarne il blocco. Capite? Non un piano di priorità, ma se capita un’occasione…Sicura, anche se ancora incerta nei contenuti (ormai è tradizione che venga determinata in via definitiva persino molti giorni dopo la formale approvazione della legge di Stabilità), è invece la solita lista della spesa: dal dossier pensioni (anticipo con l’Ape, aumento della no tax area e 14ma per le minime), che costa almeno 2,5 miliardi, al taglio dal 27,5 al 24% del livello dell’Ires (3 miliardi), dalla conferma della decontribuzione sulle nuove assunzioni e il premio sulla contrattazione di secondo livello (3 miliardi) alla riduzione dell’Irpef per 6-7 miliardi (che peraltro il viceministro Morando ha già bocciato). Se si considera che per evitare che scattino le clausole Ue di salvaguardia (aumento dell’IVA al 25,5% e accise sulla benzina) ci vogliono 9,4 miliardi, il conto sale complessivamente a 25 miliardi (o a 18 se si accantona la manovra sull’Irpef, che però è quella elettoralmente più vendibile). E questo al netto di eventuali aggiornamenti relativi all’andamento di entrate e uscite in corso d’anno.Il ministero dell’Economia ha diffuso un comunicato per definire “prive di fondamento ipotesi e cifre sulla prossima manovra” che in questi giorni impazzano sui giornali. Giusto, prendiamo atto che ad oggi nulla si sa di ciò che ci sarà scritto nel Documento di economia e finanza che sarà presentato entro il 27 settembre. Tuttavia basta un giornalista scrupoloso, nello specifico Enrico Marro del Corriere della Sera, per sapere che le cifre che stanno circolando (25-30 miliardi) non sono numeri della lotteria. Marro è infatti andato a pagina 80 del Def esistente e ci ha trovato due riferimenti dai quali è difficile scappare: il dato atteso dell’inflazione e una proiezione di cosa succederebbe se la crescita del pil fosse di mezzo punto inferiore alle previsioni (cioè 0,7% anziché 1,2%). Nel primo caso scopriamo che il Def si regge sull’ipotesi che grazie al quantitative easing della Bce l’inflazione possa tornare velocemente verso il target del 2%, arrivando intanto all’1,3% nel 2017. Ma noi siamo in deflazione, e quindi ben lontani dal target. Se a questo si aggiunge che se il pil facesse +0,7% (in realtà siamo sotto, ma facciamo finta) il deficit salirebbe al 2,9%, sei decimi in più rispetto all’obiettivo del governo (2,3%), se ne deduce che diventerebbe inevitabile una manovra di aggiustamento in autunno. E peggio potrebbe andare nel 2017, considerato che le attese Ue (al netto di flessibilità già concessa) sono di un rapporto deficit-pil dello 0,8% contro il 2,9% che si confermerebbe.Non contenti di spendere senza costrutto, ecco il terzo errore che si sta commettendo: continuare a disgiungere deficit da debito. Perché se è giusto rivendicare maggiori margini di spesa, specie per un paese che da anni ha un track record di avanzo primario (più entrate che uscite, al netto della spesa per interessi), ciò non può essere disgiunto da una riduzione dell’insopportabile – e crescente – livello del debito. Il quale ha raggiunto a giugno il record di 2.248 miliardi, ben 141 in più dei 2.107 del febbraio 2014 quando si insediò il governo Renzi. L’incremento – mediamente 4,7 miliardi al mese – è del 6,7%, sei volte in più di quanto si sia irrobustito il pil nello stesso arco di tempo. Tanto che il rapporto debito-pil è poco sotto il 133%, terzo al mondo dopo quello giapponese e quello greco. Si può dar fondo alla retorica descrivendo mirabolanti obiettivi raggiunti nel risanamento finanziario italiano, si può fare ricorso al computo del risparmio privato (sempre cospicuo, ma comunque in via di erosione) per mischiare le carte, ma un governo che eviti di affrontare il nodo dello stock di debito accumulato fin qui, non avrà mai le carte in regola sia per conquistarsi spazi maggiori di deficit sia, a maggior ragione, per contestare le regole Ue e controproporne delle altre. Mentre uno scambio “più deficit – meno debito” ci darebbe credibilità sia al cospetto degli altri partner europei sia, soprattutto, dei mercati finanziari. Perché se è vero quello che il quotidiano britannico The Times ha scritto, e cioè che Renzi al vertice di Ventotene di lunedì prossimo vuole realizzare uno scambio con Angela Merkel in base al quale appoggia la linea morbida e attendista della cancelliera tedesca (e della neo-premier inglese Theresa May) sulla Brexit, per ottenere il sostegno di Berlino ad un allentamento delle regole di austerity, non è certo questo il messaggio che metterà la museruola alla pressione speculativa sui titoli bancari italiani, nuova versione dello spread che nel novembre 2011 disarcionò Berlusconi.
E qui siamo al quarto esiziale errore che il nostro primo ministro sta facendo: sperare che la benevolenza della signora Merkel gli salvi la pelle. Ma ammesso e non concesso che la cancelliera voglia (o possa, vista la posizione rigida del potentissimo ministro delle Finanze, Schauble, e del presidente della Bundesbank, Weidemann) concedergliela, rimane il fatto che se lo spazio di manovra acquisito lo userà soltanto per mettere un po’ di soldi in circolo, con ciò sperando di conquistare il favore degli elettori prima del referendum con cui ha messo in gioco il suo futuro politico, Renzi avrà sbagliato due volte i conti. Nel primo caso non avrà rilanciato l’economia, anzi non avrà neppure messo le barriere necessarie a evitare che ripiombi in una nuova recessione. Nel secondo non avrà affatto indotto gli italiani a votare Sì alle riforme costituzionali, perché abbiamo la netta impressione che siano stufi di farsi mettere inutili carote sotto il naso e sentirsi dire che chi vota No porta alla disperazione il Paese.(Enrico Cisnetto direttore http://www.terzarepubblica.it)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dieta mediterranea un toccasana per la linea e la memoria

Posted by fidest press agency su domenica, 21 agosto 2016

dieta mediterraneaChe la dieta mediterranea composta principalmente di frutta e verdura, cereali integrali e legumi, potesse essere una componente essenziale per mantenere sano il corpo era già noto ma che fosse determinante per aiutare anche il cervello, ancora non era stato spiegato. A dimostrare i meccanismi che legano la dieta mediterranea non solo per i suoi benefici sulla linea e che ne lodano le proprietà sul cervello, è uno studio condotto i ricercatori della Swinburne University of Technology di Melbourne, in Australia, che Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, associazione che da sempre ha promosso la nostra dieta tradizionale come naturale abitudine per vivere una vita sana e meno a rischio, ritiene molto interessante e da prendere in seria considerazione. Secondo la ricerca in questione, uno stile alimentare di tipo mediterraneo sarebbe in grado di agire sulla memoria a lungo termine, le funzioni esecutive e le costruzioni visive. «Come mai vi è un maggiore legame tra la dieta mediterranea e il rallentamento del declino cognitivo? Perché la dieta mediterranea offre l’opportunità di cambiare alcuni dei fattori-rischio che contribuiscono allo sviluppo delle malattie neurodegenerative», spiega il professore leader dello studio Roy Hardman.«Ridurre l’infiammazione, per esempio, aumentare i micronutrienti, migliorare l’apporto di vitamine e minerali, cambiare il profilo dei grassi attraverso il consumo d’olio d’oliva come fonte principale di grassi alimentari; mantenere un peso regolare e potenzialmente ridurre un problema di obesità, migliorare il livello di polifenoli nel sangue e l’energia metabolica delle cellule, cambiando anche il microbiota intestinale, anche se quest’ultimo fattore non è stato ancora esaminato nel dettaglio». Secondo il dottor Hardman, inoltre, il risultato più sorprendente della ricerca riguarda gli effetti sul peso che possono essere riscontrati a livello globale, in diversi Paesi e culture. «Consigliamo a tutte le persone del mondo di cercare di seguire con rigore questa alimentazione, o di cambiare dieta se ancora non lo hanno fatto. E questo vale anche per gli individui di un’età avanzata», ha continuato l’esperto. Oltre all’olio extravergine d’oliva, la dieta mediterranea si basa sull’abbondante consumo di verdure e frutta fresca, semi, noci e frutta secca, con una quantità ridotta al minimo di carni, soprattutto quelle rosse. I risultati sono stati pubblicati nella rivista scientifica Frontiers in Nutrition. Dunque, via libera a cereali, frutta, verdura, frutta secca, olio di oliva, pesce e pollame. Ed andiamoci piano con carni rosse e concedersi, moderatamente, qualche bicchiere di vino rosso. Il tutto condito con un minimo di attività fisica. Dietro questa semplice ricetta di uno stile sano di vita ci sarebbe il segreto per la linea e la memoria. La dieta mediterranea è ben nota per essere una dieta sana, ed è associata alla longevità, al benessere, ad una minore incidenza di cancro e malattie cardiovascolari. E questo è molto importante, perché la gente può scegliere di seguire questo tipo di dieta per prevenire o ripristinare la propria salute.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Legalizzazione droga: E’ solo una resa dello Stato

Posted by fidest press agency su domenica, 21 agosto 2016

droga cannabis-vicino“La legalizzazione della droga non servirebbe assolutamente a nulla per combattere la criminalità, sarebbe solo un modo per mascherare l’ennesima resa dello Stato. Siamo veramente e profondamente scioccati dalle dichiarazioni di Raffaele Cantone a proposito della legalizzazione della droga.Lo siamo una volta di più perché dice di farle nelle sue vesti di padre, senza contare il fatto che è un magistrato e che occupa un ruolo di altissima responsabilità istituzionale, che non dovrebbe consentirgli di indulgere a proposte che, di fatto, porterebbero lo Stato ad ‘aprire’ per debolezza e per convenienza a compromessi dannosi per la salute pubblica”. Così Franco Maccari, Segretario Generale del Coisp, Sindacato Indipendente di Polizia, dopo le dichiarazioni di Raffaele Cantone, a capo dell’Autorità Anticorruzione, che ha detto di aver cambiato posizione rispetto alla proposta di legalizzare le droghe leggere e di essere ora a favore, soprattutto nelle sue vesti di padre.
“Legalizzare le cosiddette droghe leggere – insiste Maccari – non darebbe alcun serio colpo all’economia della criminalità che guadagna le cifre più consistenti con le sostanze cosiddette pesanti, e che comunque manterrebbe praticamente intatto il suo mercato illegale anche di cannabinoidi considerato che li venderebbe a prezzi inferiori e senza alcuna restrizione. Inutile dire che il solo ed unico risultato reale che si otterrebbe con la legalizzazione sarebbe di alleggerire un po’ il lavoro di procure e tribunali, che oggi combattono, o dovrebbero combattere senza sosta lo spaccio. Ed è altrettanto inutile sottolineare quanto ciò sia vergognoso, proprio come ogni indulto, ogni svuota carceri, ogni altro folle provvedimento che per alleggerire il carico di lavoro di un sistema ingolfato, inefficiente e senza mezzi, non fa che arretrare nelle sue responsabilità, nel suo ruolo, nella sua credibilità”.
“Da ultimo – conclude Maccari -, visto che siamo Poliziotti e molti di noi anche padri, non possiamo che tornare a rilevare quanto certe dichiarazioni abbiano il brutto tanfo di una sorta di incertezza e di una specie di timore di essere inadeguati rispetto al proprio ruolo genitoriale. Se il fenomeno dell’uso delle droghe leggere è sempre più diffuso fra i giovanissimi, ciò dovrebbe indurre una seria riflessione sulla capacità di educare in un certo modo i propri figli e di fornirgli determinati ‘mezzi’ per affrontare una realtà sempre più complessa e subdola, non cadere nel solito tranello di dover considerare come ‘normale’ una cosa che è sbagliata e che non dovrebbe trovare spazio in un contesto sano e sicuro. Non è che se una cosa sbagliata è molto diffusa allora diventa giusta. Sbagliata è e sbagliata resta. E l’unica vera risposta dovrebbe essere combatterla con sempre maggiore determinazione”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Nigeria: l’avanzata dei militari rivela urgenti bisogni umanitari nel nord-est del paese

Posted by fidest press agency su domenica, 21 agosto 2016

FCO 312 - Nigeria Travel Advice Ed2 [WEB]Nigeria. Migliaia di persone sono in fuga dal Sud Sudan e i paesi confinanti hanno sempre più difficoltà ad accogliere numeri così alti di rifugiati, anche alla luce della mancanza di finanziamenti adeguati per le operazioni di assistenza. Nella regione sono attualmente presenti circa 930,000 rifugiati, ed ogni giorno se ne aggiungono altri. L’UNHCR, l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati, esprime grave preoccupazione per il fatto che nonostante la popolazione dei rifugiati sia in aumento, i fondi necessari per assicurare i bisogni primari si stiano esaurendo.Lo scoppio delle violenze a Juba a Luglio sembra aver spostato l’ago della bilancia a sfavore di un’imminente soluzione politica al conflitto in Sud Sudan. Vi sono numerose testimonianze di scontri armati occasionali e violazioni dei diritti umani, tra cui violenza sessuale e di genere, perpetrate dai gruppi armati, a cui si aggiunge una sempre maggiore insicurezza alimentare, causa di enorme sofferenza. In generale, le condizioni di sicurezza rimangono precarie e sono stati registrati scontri negli Stati di Equatoria Centrale e Occidentale, Bahr al-Ghazāl Occidentale, nell’Alto Nilo e in alcune aree di Unità.Inoltre, l’economia del paese è in deterioramento, con un aumento senza precedenti dell’inflazione, che ha raggiunto il 600% nell’ultimo anno. Questa è la situazione mentre si avvicina l’anniversario degli accordi di pace dell’Agosto 2015. Circa 200,000 persone sono state costrette a fuggire dalla nuova ondata di violenza in aree considerate fino ad allora stabili come la Grande Equatoria e il Grande Bahr al-Ghazāl.
Nel 2016, l’Uganda e il Sudan hanno accolto rispettivamente circa 110,000 e 100,000 nuovi arrivati, il 90% dei nuovi arrivi nella regione. La maggior parte delle persone che fuggono dal Sudan sono arrivate nei primi sei mesi dell’anno, a causa del peggioramento dell’insicurezza alimentare. A questi si aggiungono 1.61 milioni di persone sfollate all’interno del Sud Sudan.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vendemmia: si preannuncia una buona annata

Posted by fidest press agency su domenica, 21 agosto 2016

orsogna-festa-vendemmia-2Le calde temperature del giorno alternate alle escursioni termiche della notte stanno favorendo la maturazione delle uve del vigneto veneto. Un andamento climatico ottimale sia per il rapporto zuccheri/acidità totale delle uve bianche, sia per l’accumulo di sostanze coloranti nelle uve a bacca nera. Sono queste le premesse per una buona annata, iniziata tra forti preoccupazioni a causa delle abbondanti precipitazioni primaverili, ma evolutasi nei migliori dei modi.
Il quadro completo dell’andamento vegetativo della vite e delle prime stime di produzione sarà fatto il 25 agosto a Legnaro-Pd (ore 10) da Veneto Agricoltura-Europe Direct, in occasione della 42^ edizione del Focus sulle previsioni vendemmiali nel Nord Est, “storica” iniziativa promossa in collaborazione con la Regione Veneto, Avepa, Arpav, Crea Viticoltura Conegliano, Regione Friuli-Venezia Giulia e Province di Bolzano e Trento. Nell’occasione, saranno forniti tutti i dati previsionali dell’imminente vendemmia suddivisi per provincia e tipologia di uva. Com’è ormai tradizione, sarà fatto anche il punto sull’imminente vendemmia in Piemonte, Emilia-Romagna, Toscana, Puglia, Sicilia, Francia e Spagna. Quest’anno la vendemmia “vera e propria” inizierà a fine agosto, allineandosi con le vendemmie degli anni ’90 (quelle degli anni Duemila sono state generalmente assai più anticipate), mentre la raccolta delle uve di Pinot Nero per le basi spumante e quelle della stessa varietà degli impianti più giovani inizierà già la prossima settimana.

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Fisco, Tancredi (Ap): “Per crescita puntare su investimenti e incentivi a imprese”

Posted by fidest press agency su domenica, 21 agosto 2016

fisco2005a“Una leva fondamentale ed essenziale per la crescita del Paese sono gli investimenti, pubblici e privati. E questo sarà un altro punto sul quale ci batteremo nella nota di aggiornamento del Def e nella prossima legge di Bilancio. Dopo dieci anni di austerità e di spesa pubblica incontrollata, che va una volta per tutte riqualificata e tagliata la componente improduttiva, bisogna dunque insistere da un lato su interventi pubblici mirati e qualificati, soprattutto nel campo delle infrastrutture, e allo stesso tempo dobbiamo sostenere le imprese attraverso incentivi e un abbattimento della pressione fiscale che ne possano favorire gli investimenti. Forse ora come non mai la flessibilità richiesta in ambito europeo è più che giustificata e necessaria”. E’ quanto dichiara il capogruppo di Area popolare in commissione Bilancio alla Camera, Paolo Tancredi.
“La vitalità delle imprese è il metro per capire lo stato di salute di un Paese. Si tratta di un tassello fondamentale del mosaico che la coalizione di maggioranza sta realizzando in vista della legge di Bilancio, e che vede inoltre interventi per irrobustire la detassazione del salario produttivo e sgravi e incentivi per le famiglie. Riteniamo queste misure indispensabili – conclude Tancredi – nelle politiche economiche che si andranno a discutere nelle prossime settimane”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Siria, Binetti (Ap): “In sguardo Omran c’è la condanna del genocidio siriano”

Posted by fidest press agency su domenica, 21 agosto 2016

attacchi chimici siriani“A sorpresa, su tutte, ma proprio su tutte le prime pagine dei quotidiani oggi campeggia la fotografia di un bambino di pochi anni appena accolto dalla Croce rossa, ferito, sembra non gravemente, ma talmente sporco da far pensare a tanti giorni lontano dall’acqua e da possibili cure materne o umanitarie. Ma ciò che colpisce è il suo sguardo che ha la profondità di chi ha già visto l’inferno della guerra e sembra stupito di trovarsene fuori, almeno per qualche istante. E’ lui l’immagine stessa del danno infinito che è stato fatto alle future generazioni della Siria, sempre più martoriata dalla guerra e ora dagli ultimi raid russi, che hanno raso al suolo quel poco che restava di una antica civiltà, compromettendone ogni possibilità di ripresa a breve o medito termine. La distruzione è stata radicale e qualunque fosse la causa scatenante all’inizio, oggi possiamo parlare di un vero e proprio genocidio siriano, senza paura di inflazionare questa parola. Perché di genocidio si tratta, iniziato con le minoranze cristiane, espulse poco a poco, costretta alla fuga, anche per la confisca dei loro beni, mentre oggi il genocidio travolge tutti, qualsiasi religione professino. Non a caso si parla di catastrofe umanitaria”. Lo afferma l’onorevole Paola Binetti di Area popolare.
“Oggi lo sguardo d Omran ci giudica con la profondità degli occhi dei bambini che denunciano l’assoluta irrazionalità di una guerra, contro la quale a parole sono intervenuti da Papa Francesco a tutti i potenti della terra. Tutti ricordiamo la preghiera della pace intensamente voluta nella veglia di preghiera a San Pietro di quasi due anni fa. Allora – prosegue Binetti – sembrò che il pericolo della guerra potesse essere scongiurato e la pace tra le diverse fazioni potesse essere ristabilita. Ma da allora tutto è precipitato verso la catastrofe e i famosi potenti della terra hanno fatto a gara per peggiorare le cose. A tal punto che oggi l’Onu non ritiene più possibile l’invio degli aiuti umanitari che in questi mesi hanno garantito la sopravvivenza e la Russi si limita a promettere brevi interruzioni dei bombardamenti, senza accennare alla loro possibile fine definitiva. Ci si chiede cos’altro debba succedere laggiù – conclude Binetti – per decidersi a dire basta: basta alla guerra e un si convinto ad una iniziale ricostruzione del Paese che crei, con le risorse sottratte agli armamenti internazionali, tanti di quei posti di lavoro da far tornare in patria i siriani fuggiti. Oggi i rifugiati in Italia e ammassati ai confini con la Grecia, la Francia, la Germania, in condizioni che ci appaiono oggettivamente miserabili, stanno sempre e comunque meglio di coloro che sono rimasti in Siria, in uno scenario di guerra denso di orrore e senza fine”.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Regione Lazio: Spesi 70 milioni di euro solo in dirigenti esterni e consulenze

Posted by fidest press agency su domenica, 21 agosto 2016

regione-lazio“Non permetteremo che Zingaretti goda delle disgrazie altrui. Prima Ignazio Marino e poi Virginia Raggi stanno tentando in tutti i modi di offuscare le malefatte regionali. Ma il faro perenne della Corte dei Conti, i numeri indecenti sui dirigenti esterni, stipendi d’oro per dirigenti improduttivi, costante svilimento delle professionalità interne, certificano il record di sprechi e il fallimento del presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti sulla gestione del personale regionale. Gli oltre 70 milioni di euro spesi solo per dirigenti esterni e consulenti non potevano essere utilizzati per ridurre l’Irpef regionale più alta d’Italia ? , così in una nota Fabrizio Santori consigliere regionale del Lazio di Fratelli d’Italia in merito all’inchiesta de Il Tempo sul confronto tra Regioni che vede il Lazio come l’unica che ha aumentati i dirigenti del 6,78% in 3 anni, finendo per andare oltre il raddoppio anche del numero di quelli a tempo determinato (da 44 a 90: +105,11%). Alla ripresa dei lavori chiederemo immediatamente un consiglio straordinario sul personale regionale. Sarà il momento di tirare fuori tutta la verità sul personale anche di aziende controllate e partecipate. Storie troppe frequenti di consulenze d’oro , dirigenti strapagati senza risultati , amici degli amici promossi solo perchè vicini al Pd o a qualche portatore di voti. Una nominopoli rossa che non vede fine e a pagare sono sempre i contribuenti laziali, i più tartassati d’Italia. Conclude Santori.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Rifiuti a Roma: ruolo delle opposizioni

Posted by fidest press agency su domenica, 21 agosto 2016

rifiuti“Non è giusto, dopo neanche 60 giorni, dare un giudizio definitivo alla giunta Capitolina ma allo stesso tempo non è onesto intellettualmente affermare che la città è più pulita soprattutto alla luce di tre considerazioni: è falso, le zone semi e periferiche sono nel totale degrado, la Capitale è vuota, sia di cittadini che di pendolari, e i vertici dell’Ama sono stati nominati da pochissimi giorni. Se si vuole la collaborazione dell’opposizione la si meriti ma è venuto il momento di dire basta a questa becera propaganda” lo dichiara in una nota Francesco Figliomeni, consigliere di Roma Capitale di Fratelli d’Italia, in merito alle dichiarazioni di Paolo Ferrara, capogruppo del Movimento 5 Stelle in Consiglio comunale che ha affermato che “l’obiettivo del 20 agosto è stato raggiunto: la città è più pulita”.”Al di là delle polemiche e delle legittime contrapposizioni e per il bene di Roma, Fratelli d’Italia è disponibile a dare il proprio contributo per trovare le giuste soluzioni al ciclo dei rifiuti ma la Sindaca Raggi deve dire chiaramente cosa vuole fare con i rifiuti romani e, soprattutto, farsi dire tutta la verità dall’assessora Paola Muraro. Siamo molto preoccupati per il destino igienico – sanitario della nostra città che nelle prossime settimane, al rientro dalle ferie, rischia di convivere con una nuova emergenza rifiuti che, purtroppo, l’Assessora Paola Muraro non sarà in grado di gestire impegnata com’è a definire il suo conflitto d’interessi tra le pendenze con l’AMA e gli incarichi ottenuti da numerose società operanti nel settore dei rifiuti e non da ultimo non è chiaro cosa sia accaduto nella regione Umbria con alcune consulenze ottenute da aziende ricollegabili al gruppo Cerroni. Sarebbe opportuno che l’ex consulente Ama, ora assessore della giunta capitolina, si facesse da parte togliendo l’Amministrazione da ogni imbarazzo. Solo così è possibile un dialogo libero da condizionamenti e orientato a risolvere definitivamente la questione rifiuti a Roma che oggettivamente è stata gestita nel passato con superficialità e gravi responsabilità politiche da parte di chi ha gestito i processi di smaltimento dei rifiuti” conclude l’esponente di Fratelli d’Italia.

Posted in Politica/Politics, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Allarme “Body Shaming”

Posted by fidest press agency su domenica, 21 agosto 2016

Offese, frecciatine e commenti negativi rivolti alla forma fisica che, soprattutto in estate, è tra i temi più sentiti. Sono questi i tratti di quello che gli esperti hanno battezzato fenomeno ‘Body Shaming’, la tendenza che prende di mira la forma corporea delle persone, soprattutto delle donne, attraverso i canali social. Un vero e proprio allarme sociale stando ai numeri: infatti ben una donna su 2 (48%) afferma di essere giudicata per i chili di troppo soprattutto durante l’estate, quando si è “costretti” a scoprire il proprio corpo. Di conseguenza, il flusso continuo di commenti negativi sulla rete, spinge le ragazze verso un comportamento alimentare scorretto. Una tendenza che ha invaso anche il mondo dello sport: basti pensare a quello successo ai Giochi Olimpici che si stanno svolgendo in Brasile, dove diversi atleti in gara sono stati accusati di non avere una linea adatta per uno sportivo, attraverso post e commenti negativi sui social. Una ricerca pubblicata dal The National Center for Biotechnology Information dimostra come un regime alimentare sconsiderato possa essere associato all’autostima, in particolare a quella degli adolescenti. Solo il fatto di iniziare una qualsiasi dieta, aumenta il rischio di disordini alimentari soprattutto nelle adolescenti (32%), ma anche nelle ragazze dai 25 ai 32 anni (27%) e nelle donne dai 33 ai 45 anni (21%), mentre tra tutti gli uomini solo l’11% è a rischio. La parte del corpo che viene particolarmente presa di mira sono le gambe (48%), seguite dalla pancia (45%), dal fondoschiena (41%) e dai fianchi (35%). Ma quali sono gli effetti del Body Shaming sulle persone? Condiziona l’autostima (45%) e provoca l’aumento degli stati d’ansia (43%).È quanto emerge da un’indagine promossa da Nutrimente Onlus, associazione per la prevenzione, la cura e la conoscenza dei disturbi del comportamento alimentare, condotta su circa 4000 italiani tra uomini e donne di età compresa tra i 18 e i 55 anni, realizzato con metodologia WOA (Web Opinion Analysis) attraverso un monitoraggio online sui principali social network, blog, forum e community dedicate, per scoprire che rapporto hanno gli italiani con la propria figura corporea.“Il conflitto con lo specchio e la bilancia peggiora soprattutto durante l’estate, quando si è “costrette” a scoprire il proprio corpo – afferma la psichiatra Sara Bertelli, presidente dell’Associazione Nutrimente Onlus Milano – Le adolescenti che provano un disagio con la propria immagine, tendono a coprirsi durante tutto l’anno e a nascondere le proprie forme grazie a vestiti larghi. La stagione estiva viene vissuta in maniera traumatica dalle adolescenti, che cercano di mettersi al riparo cominciando una dieta o mettendo in atto comportamenti di evitamento, come rimanere vestite in spiaggia o rifiutarsi di accompagnare i genitori al mare o in posti caldi. Per i genitori, questi comportamenti sono vissuti con allarme, perchè non si sa come gestirli, specie se parliamo di ragazze più giovani. Ogni estate vediamo la prolificazione sui giornali dell’ultima dieta del momento che promette di perdere diversi chili in qualche settimana. Negli ultimi giorni anche le Olimpiadi hanno scatenato diverse polemiche riguardo al peso corporeo degli atleti: questo rischia di fare subentrare nella loro vita problemi psicologici e alimentari”.Gli effetti di questa tendenza non riguardano solo l’Italia come dimostrano le recenti polemiche nate in Brasile sulla linea degli atleti in gara alle Olimpiadi. Pochi mesi fa il quotidiano britannico Daily Mail ha pubblicato la storia di un’adolescente bulimica, presa di mira per anni dai compagni di scuola che la chiamavano “balena spiaggiata”, ma uscita dalla malattia. Infatti ben una donna su 2 (48%) afferma di essere giudicata per i chili di troppo, a causa dei commenti e delle troppe attenzioni che la rete pone sulla linea del corpo. Ma quali sono i principali effetti del Body Shaming? Condiziona l’autostima delle persone (45%), che perdono certezze, sicurezze personali e rischiano di cadere in situazioni spiacevoli. I continui attacchi legati al proprio peso corporeo provocano nel breve termine l’aumento degli stati d’ansia (43%). Le donne in modo particolare, vivono male queste situazioni e se non trovano vie di fuga, rischia di diventare un’ossessione. Un altro effetto è lo scoraggiamento (38%), la perdita di volontà nel raggiungere un obiettivo che può essere il mantenimento di una dieta equilibrata per tornare in forma.
Ma chi è che soffre maggiormente del fenomeno Body Shaming? Le più sensibili a questo argomenti sono le adolescenti dai 18 ai 21 (32%). Le ragazze più giovani soffrono particolarmente i difetti del proprio corpo, soprattutto se evidenziati dai propri coetanei. Al secondo posto troviamo le ragazze dai 25 ai 32 anni (27%) che soffrono leggermente meno rispetto alle giovani teenager, ma che vengono messe con le spalle al muro dai commenti dei ragazzi e dal fisico snello e tonico delle amiche. Le donne dai 33 ai 45 anni (21%) invece, soffrono in particolar modo i segni dell’invecchiamento come le rughe in viso o la cellulite e questo le porta a rinunciare ad un pasto completo per cercare di mantenere una linea perfetta, provocando in molti casi squilibri alimentari. Anche gli uomini non sono indifferenti alle critiche sul proprio corpo, ma la percentuale si abbassa considerevolmente e raggiunge appena l’11% totale.Ma quali sono le parti del corpo che vengono prese maggiormente di mira e che preoccupano le italiane? Al primo posto ci sono le gambe (48%), tallone d’Achille soprattutto delle donne, ma anche per gli uomini. Avere due cosce importanti, comporta prese in giro e insulti soprattutto per le donne, che vengono prese in giro con frasi pesanti e additate come delle persone disinteressate alla linea e alla propria salute. Al secondo posto si posiziona la pancia (45%). Se per gli uomini di una certa età diventa quasi un must, mentre per le donne i cambiamenti che si formano con il passare del tempo diventano un vero problema, soprattutto se single. Il fondoschiena (41%) si lega inevitabilmente alla dimensione della gamba. Ma se per alcune donne avere un lato B importante è un vantaggio, altre lo vivono come un dramma con poche soluzioni. Per le ragazze più giovani, i fianchi (35%) rappresentano un altro punto delicato del proprio corpo, mentre per le donne over 40 le braccia (22%) sono un ulteriore punto sensibile.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il laboratorio dell’Ultima frontiera

Posted by fidest press agency su domenica, 21 agosto 2016

il laboratorio dell'ultima frontieradi Riccardo Alfonso “L’ultima frontiera” è alla terza edizione. Oggi appare come un “laboratorio”, ovvero una fucina di pensieri. I vari argomenti trattati sono stati desunti da una raccolta di saggi da me scritti sul pensiero contemporaneo. Essi vennero in parte pubblicati sulla stampa locale e, dall’altra, restarono inediti. A loro volta furono completati e arricchiti, nel corso della trattazione, da numerosi richiami ai periodi precedenti.
Da allora a oggi, ci sono stati sensibili cambiamenti. Si è reso, quindi, necessario riesaminare il tutto per apportarvi le adeguate integrazioni e relative modifiche. La parte che è stata, più delle altre, sottoposta a “revisione” concerne la storia dell’evoluzione del pensiero scientifico, le nuove fonti energetiche, gli iperspazi, la caduta del bipolarismo e l’esplosione dei conflitti regionali e la loro pericolosità in seguito alla proliferazione degli armamenti nucleari, chimici e batteriologici. E’ stato, inoltre, riservato un piccolo spazio al nostro passato remoto per capire come sono arrivati all’odierna forma di civiltà dopo un viaggio nello spazio durato milioni di anni. Editore: Fidest press agency; Saggi edizione Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l. (foto: il laboratorio dell’ultima frontiera)

Posted in recensione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dossier Europa parte terza

Posted by fidest press agency su domenica, 21 agosto 2016

dossier europa parte terzadi Riccardo Alfonso In questo mio andare a ritroso nel tracciare un identikit della storia europea degli anni 2003-2005 e che furono allora la cronaca riportata dalla Fidest nei suoi lanci mi sono chiesto, e lo faccio ancora con le stesse perplessità di allora, se esiste una coscienza europea e la risposta che oggi mi pongo non mi sembra diversa da quella di ieri. Se la definissimo, infatti, per quelli che sono gli attuali comportamenti, dovremmo convenire che non esiste, o se lo è si trova in un luogo molto lontano e imprecisato. Ma cosa vorremmo ricavarci da questa coscienza europea in ultima analisi? Soprattutto la consapevolezza che il riscontro delle volontà vada affrontato in modo diverso, per renderlo meno conflittuale e più ragionato. Esiste una logica dominante espressa dalle regioni del Nord che non è possibile renderla condivisibile con quelle regioni del Sud.
Alla fine mi sono chiesto se non abbia qualche fondamento quella notizia che tempo fa fu diffusa circa un progetto di un’Europa divisa in due parti e con l’intento di costruire con quella del Sud una comunità europea fondata dai paesi che si affacciano sul Mediterraneo nelle tre sponde: europea, africana e asiatica e con un autorevole sponsor che fu identificato nella Federazione Russa e persino dalla Cina. Editore: Fidest press agency; Saggi edizione Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l. (foto: dossier europa parte terza)

Posted in recensione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dossier Europa parte seconda

Posted by fidest press agency su domenica, 21 agosto 2016

dossier europa parte secondadi Riccardo Alfonso In questo mio andare a ritroso nel tracciare un identikit della storia europea degli anni 2003-2005 e che furono allora la cronaca riportata dalla Fidest nei suoi lanci mi sono chiesto, e lo faccio ancora con le stesse perplessità di allora, se esiste una coscienza europea e la risposta che oggi mi pongo non mi sembra diversa da quella di ieri. Se la definissimo, infatti, per quelli che sono gli attuali comportamenti, dovremmo convenire che non esiste, o se lo è si trova in un luogo molto lontano e imprecisato. Ma cosa vorremmo ricavarci da questa coscienza europea in ultima analisi? Soprattutto la consapevolezza che il riscontro delle volontà vada affrontato in modo diverso, per renderlo meno conflittuale e più ragionato. Esiste una logica dominante espressa dalle regioni del Nord che non è possibile renderla condivisibile con quelle regioni del Sud.
Alla fine mi sono chiesto se non abbia qualche fondamento quella notizia che tempo fa fu diffusa circa un progetto di un’Europa divisa in due parti e con l’intento di costruire con quella del Sud una comunità europea fondata dai paesi che si affacciano sul Mediterraneo nelle tre sponde: europea, africana e asiatica e con un autorevole sponsor che fu identificato nella Federazione Russa e persino dalla Cina.Fidest press agency; Saggi edizione Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l. (foto: dossier europa parte seconda)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Dossier Europa Parte prima

Posted by fidest press agency su domenica, 21 agosto 2016

dossier europa parte primadi Riccardo Alfonso. L’Europa è il contenuto monografico di questo lavoro. Raccoglie una selezione dei lanci d’agenzia on-line apparsi sul sito della Fidest che hanno parlato dell’Europa comunitaria. Ritengo, nel riproporre tali elaborati, di contribuire all’idea europea e di capire se essa ha un futuro o se resta, nonostante tutto, un sogno che dopo anni di speranze e persino di certezze si è infranto miseramente. Lo faccio partendo da un anno, il 2005 un po’ arretrato rispetto all’attualità per capire meglio quanta speranza in tutti noi è stato riposto in questo sogno che storicamente si può dire millenario, ma pur sempre attraversato da fieri individualismi e nazionalismi che l’hanno infranto sul nascere. Le notizie riportate sono state suddivise in otto aree tematiche e sta oggi al lettore capire cosa è cambiato e quanto non lo sia stato a distanza di otto anni dalla fotografia, in versione giornalistica, che è stata fatta dell’Europa. Fidest press agency; Saggi edizione Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l. (foto: dossier europa parte prima)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Dalla cronaca alla storia

Posted by fidest press agency su domenica, 21 agosto 2016

Dalla cronaca alla storiadi Riccardo Alfonso. Questa raccolta di articoli, racchiude un breve tempo, e precisamente, dal 2009 al 2013. Li presento in ordine alfabetico. Sono le schegge della mia vita. Sono stati scritti, per lo più, sotto l’effetto di un evento o anche dopo una lunga riflessione su fatti e accadimenti che mi parvero, nel momento in cui si posero alla mia attenzione, poco rilevanti. Al più una curiosità. Vi è, inoltre, un tema di cui sono stato, in concreto da sempre, molto sensibile e che per ovvie ragioni ha toccato più campi della conoscenza. Ha ruotato intorno a due diritti irrinunciabili: quello della vita e quello del vivere. Non ho accettato, in altri termini, che si potesse esaltare il diritto alla vita e una volta acquisito l’essere umano fosse stato abbandonato a se stesso. E’ rimasto povero e condizionato dalla povertà della sua famiglia, dall’ambiente in cui vive, da una cultura tutta improntata sull’idea che occorre accettare la propria condizione sociale e rassegnarsi a subirla, nell’arco di tutta la propria esistenza, lunga o breve che fosse.Fidest press agency; Saggi edizione Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l. (foto: )

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Novecento Storie del nostro tempo

Posted by fidest press agency su domenica, 21 agosto 2016

Novecento storia del nostro tempodi Riccardo Alfonso. La prima domanda che mi pongo, nel trattare la storia del XX secolo, è perché mi giunge naturale volgere lo sguardo al secolo che lo ha preceduto. La risposta, a ben considerare, mi pare ovvia. Prima di tutto perché nessuna storia di un secolo parte dal suo inizio.Lo è per il XX secolo ma anche per il ventunesimo, se si fa decollare la svolta storica con la caduta del muro di Berlino del 1988. Abbiamo voltato pagina, in maniera rilevante, con la fine della guerra fredda e l’inizio di una nuova storia sugli equilibri mondiali e i conflitti regionali e l’esplosione del terrorismo internazionale che seguì. Il Novecento, quindi, è in sintonia con lo stesso ragionamento.Fidest press agency; Saggi edizione Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l. (foto: Novecento storia del nostro tempo)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Diritto e il rovescio

Posted by fidest press agency su domenica, 21 agosto 2016

diritto e il rovesciodi Riccardo Alfonso. Nella prima edizione del 1989 di questo libro avevo una certa idea della giustizia, dei suoi operatori e dei cittadini che erano al tempo stesso attori e convenuti.
Ora che siamo nel 2013, a 24 anni da allora, mi chiedo cosa è cambiato nella giustizia italiana e se essa sia stata capace di superare il più grande dei suoi ostacoli, agli occhi dell’opinione pubblica, ovvero se si sono accorciati i tempi tecnici per trasformare l’avvio di un procedimento in una sentenza da passare in giudicato. Purtroppo la risposta è negativa. Se considero le obiettive difficoltà degli uffici giudiziari dove manca persino la carta per fare le fotocopie, dove cancellieri e magistrati sono alle prese con mille difficoltà di ordine logistico e funzionale, mi chiedo se non vi sia stato persino un arretramento dalle posizioni già difficili di allora.
Proprio per questo motivo ho ripreso l’argomento di allora come se, nel frattempo, il tempo si fosse fermato.
Il dramma dell’Italia sta proprio qui. Noi parliamo, organizziamo convegni, predisponiamo studi di fattibilità per ogni cosa, compresa la giustizia, ovviamente, ma ben poco facciamo per scuoterci di dosso il pesante fardello di una mentalità burocratica di tipo borbonico. Non cambio nemmeno il metodo di presentazione delle questioni inerenti alla giustizia così come l’avevo concepito quattro lustri fa. Allora avevo deciso di raccogliere i miei appunti sull’argo-mento, che mi accingevo a sviluppare, affrontando il tema in modo vario e senza lasciarmi prendere, più del solito, dalla voglia di presentarlo secondo i consueti crismi del dettato “accademico”. Questo impianto l’ho lasciato intatto. Fidest press agency; Saggi edizione Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l. (foto: diritto e il rovescio)

Posted in recensione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libro: L’antropofago

Posted by fidest press agency su domenica, 21 agosto 2016

 

l'antropofagodi Riccardo Alfonso. Non è la solita storia dell’antropofago ripescata dalle barbare usanze dell’entroterra africano o della Papuasia o dalle allucinanti deviazioni di una mente malata che vive e si pasce nel culto della nostra civiltà. Da qui il tema si amplia e si articola in tante modalità in sé perverse ma pur inquadrabili in una logica esistenziale che può forse apparirci sconcertante e drammatica e per certi versi incomprensibile, ma a ragionarci intorno si può spiegare con la stessa ragione che ci illustra la vita e chiude il ciclo con la morte così come accade per tutti gli esseri viventi e per le stesse cose inanimate. La storia del cannibale diventa non più l’aspetto di una devianza culturale o legata e limitata al contingente, ma è animata dalla stessa regola di vita e ci offre uno spettacolo d’insieme che va oltre la semplice risultanza di un fatto per inquadrarsi in una visione di più ampio respiro e che c’induce a riflettere e a guardare le cose della vita con occhio più attento e indagatore.Fidest press agency; Saggi edizione Venduto da: Amazon Media EU S.à r.l. (foto: l’antropofago)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »