Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 29 agosto 2016

Increased risk of dead for heart failure patients with each nhs hospital admission

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 agosto 2016

cardilogy congressRome, Italy Heart failure patients have a 2% increased risk of dying with each admission to NHS hospitals, according to research presented at ESC Congress 2016 today.1 The 15 year study in more than 450 000 patients from the ACALM Study Unit, Birmingham, UK included 13 416 patients with heart failure.“Heart failure accounts for over one million inpatient bed days, 2% of National Health Service (NHS) in-hospital work load and 5% of all emergency medical admissions to hospital in the UK,” said lead author Dr Rahul Potluri, founder of the ACALM (Algorithm for Comorbidities, Associations, Length of stay and Mortality) Study Unit.
Worryingly, hospital admissions for patients with heart failure are projected to rise by 50% over the next 25 years. In Europe, previous studies have indicated that more than a quarter of patients with heart failure have been readmitted to hospital as soon as three months after previous discharge and more than 10% of them died.The current study included 457 233 patients above the age of 18 years who had been admitted to hospitals in the West Midlands, UK, from 2000 to 2014. Of these, 13 416 patients had been diagnosed with heart failure. For each patient, the investigators calculated the number of readmissions to hospital within five years and recorded if they had died during that period.The research showed that each hospital admission was associated with a 2% increased risk of death. Heart failure patients who had 4 to 7 admissions to hospital over the study period had an almost 20% increased risk of dying compared to those with 1 to 3 admissions to hospital.“We have a triple whammy because heart failure is increasing, hospitalisation is increasing and this study shows that the risk of heart failure patients dying with each admission is higher by 2%,” said Dr Potluri. “The findings reflect the fact that heart failure is a progressive disease and should be a challenge to physicians to improve care even more.”He continued: “Every effort should be made to start and/or optimise heart failure medications before patients leave hospital and ensure other interventions such as multidisciplinary community support are available for heart failure patients to reduce the risk of admission to hospital.” Dr Paul Carter, co-author, said: “We need to diagnose heart failure patients efficiently and ensure that they are taking appropriate heart failure medications prior to discharge from hospital so that we minimise the chances of readmission as much as possible. At the moment, there is significant variation in how well this is done across hospitals in spite of numerous clinical guidelines.”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Atherosclerosis a target for nanomedicine

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 agosto 2016

Iwona CichaBy Iwona Cicha. Opportunities for nanomedicine in the management of atherosclerosis will be considered this afternoon in a joint Symposium with the European Atherosclerosis Society. The prefix ‘nano’ derives from the Greek for ‘dwarf’, with nanoparticles defined as small objects behaving as whole units with respect to transport. Similar in scale to biological macromolecules, such as proteins and DNA, nanomolecules, typically in the range of 1-100 nanometres in size, can be engineered to deliver payloads of different drugs in atherosclerosis. By attaching antibodies, proteins, peptides or other ligands to the surface, a nanoparticle can be targeted to single or multiple receptors on the surface of atherosclerotic plaques. Additionally, neovascularisation, arising from compensatory defence mechanism to restore nutrient supply to the vessel wall, can allow nonspecific targeting of atherosclerosis by nanoparticles.‘The big advantage of packaging drugs into nanoparticles,’ explains Erik Stroes, from the Academic Medical Centre, Amsterdam, ‘is that you can deliver high concentrations to the area of interest, enabling efficacy to be increased and side effects reduced.’ Thus, using nanoparticles to deliver glucorticoids in atherosclerosis provides an example of how specific targeting of agents might help patients. Although widely used for anti-inflammatory effect in rheumatoid arthritis, glucocorticoids have not been used in CVD because of their pro-atherogenic effects. Experimental animal models have demonstrated their local administration via PEGylated liposomes has the ability to reduce neo-intimal formation and arterial wall inflammation. Although 75% of macrophages isolated from the plaques contained liposomes, there was, however, no anti-inflammatory effect. ‘We are now in the position where we know we can deliver drugs directly to plaques using nanoparticles,’ says Stroes. ‘But it appears inflammation in atherosclerotic plaques may be distinct from classical inflammation. We need to go back to the drawing board and consider if other anti-inflammatory agents might prove a better choice and if we should change delivery systems.’In mouse atherosclerotic models it has been shown that nanoparticles exploiting the inherent targeting properties of HDL can deliver statins. Near infra-red fluorescence images reveal nanoparticle accumulate in plaque-rich regions of the aorta, where they co-localised with macrophages. The investigators showed the arteries of mice given the nanoparticle were 16% more open than arteries in mice with no treatment, and 12% more open than mice given systemic statins.Use of nanoparticles in cardiology undoubtedly lags behind oncology, where Doxil, a liposomal formulation of doxorubicin, was first approved in 1995 by the FDA. ‘The reason for this is that in patients with advanced cancer, high-risk nanoparticulate drugs may be approved as long as they prolong life by a few months,’ explains Iwona Cicha from University Hospital, Erlangen, Germany. ‘However, many CVD patients live with their conditions for years, which makes the potential toxicity risks posed by nanoparticles unacceptable.’ Nanotoxicology, she adds, is emerging as an important area in the field of nanomedicine.
Nanoparticles, says Cicha, can be enormously varied in composition and frequently have multicomponent formulations. In addition to the different types of drugs or contrast agents attached to their surface, antibodies or ligands can be used to achieve specific targeting. The size, shape, surface charge and colloidal stability of nanoparticles can all be modified. Size matters, says Cicha, with nanoparticles smaller than 5 nanometres being quickly cleared by the kidney and those above 100 nanometres rapidly cleared by the liver.Every parameter you change, says Cicha, can influence circulation half-life, and the biological effects of nanoparticles. ‘Right now,’ she says, ‘nanoparticulate medicines are not treated any differently from other drugs, but regulators must soon realise that their characterisation needs to be standardised. For safety reasons, we all need the reassurance that nanoparticles intended for CV applications have been put through a whole range of defined analytical and toxicity tests.’ (photo: Iwona Cicha)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Primavalle…mica l’ultima!

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 agosto 2016

giobbe covattaGiorgio TirabassiRoma 31 agosto – 4 settembre 2016 Parco Anna Bracci Via Alessio Ascalesi, Primavalle, Roma Orario inizio eventi 18:00 Ingresso gratuito. Primavalle…mica l’ultima! è la festa promossa dall’associazione “Vengo da Primavalle”, associazione nata da un gruppo di cittadini uniti dalla voglia di mostrare il volto migliore di Primavalle. 40 ore di programmazione live tra spettacoli, concerti, dibattiti, e artisti di strada per rendere questa quinta edizione indimenticabile! Giorgio Tirabassi, Giobbe Covatta, Piotta, Il Muro Del Canto, Carmine Faraco e tanti altri saranno i protagonisti.L’evento, patrocinato in modo non oneroso dell’ATER di Roma, la ASL ROMA 1, IL NUOVO IMAIE e organizzato con il coinvolgimento di diverse realtà sociali, culturali ed associative del territorio, ha avuto nelle precedenti edizioni un successo strepitoso con la presenza giornaliera di circa 2500 persone, diventando un evento riconosciuto e atteso dall’intero quadrante nord ovest della Capitale, nonché un appuntamento inserito nell’Estate Romana 2015.
L’elemento che rende la festa Primavalle…mica l’ultima! un appuntamento atteso dalla cittadinanza (avvicinando al parco Anna Bracci e agli eventi culturali le diverse fasce d’età) è senza dubbio la fitta programmazione di eventi e spettacoli dal vivo di generi diversi: dalla musica alle rappresentazioni teatrali; dalla danza al teatro di figura; dalle esibizioni delle diverse scuole, compagnie ed associazioni alla presentazione di libri; dagli artisti di strada fino alla street art. La scelta stessa del nome rappresenta il desiderio di risvegliare l’orgoglio di una periferia troppe volte raccontata solo con immagini di degrado, che invece dimostra di essere luogo di produzione culturale, in grado di catturare l’attenzione di un pubblico sempre più vasto.
PiottaRispettando lo spirito che ha ispirato i precedenti appuntamenti, Primavalle… mica l’ultima! si concentrerà su una fitta e varia programmazione quotidiana di spettacoli dal vivo, puntando sull’interdisciplinarietà in grado, grazie all’intervento di artisti di fama nazionale nonché di giovani esordienti, di avvicinare e conquistare le diverse fasce di pubblico a partire dai più giovani fino ad arrivare alla terza età. Ogni giorno tantissimi appuntamenti a partire dalle ore 18,00: mercatino e stand, animazione per bambini, spettacoli con i giocolieri e gli artisti di strada, Dj Set a cura di DJ EM Emanuele Bertulli, Akuna Matata in Concerto, passeggiate per il quartiere, Petit Cabaret 1924 – Spettacolo di circo contemporaneo ambientato negli anni ’20 a Parigi, incontri a sei zampe con consulenze comportamentali, esibizioni sportive e lezioni educative a cura del centro cinofilo Dog Revolution; e ancora “Il gobbo del quarticciolo” di e con Emiliano Valente, a cura del Circolo letterario Franca Rame. Burlesque Riot, Music LAB “Vittorio Gassman” a cura de “I Musici”, Civico 33 in Concerto, Chemical e tanto tanto altro ancora. Da segnalare giovedì primo settembre l’appuntamento dal titolo “Tornavo da te”, incontro con famigliari di vittime di violenza; invitate le famiglie: Budroni, Cucchi, La Penna e Sandri.
Alle ore 22,00 il clou della serata, ogni giorno con grandi ospiti: Mercoledì 31 grande apertura con Giorgio Tirabassi in concerto, giovedì primo settembre grande spettacolo con Giobbe Covatta, venerdì 2 Il Muro del Canto in concerto, sabato 3 Piotta in concerto, e domenica 4 alle 21,30 festival della romanità con apertura di Maurizio Fortini e poi alle 22,00 spettacolo con Carmine Faraco. Gran finale con fuochi pirotecnici.
Durante la settimana la ASL ROMA 1 offrirà i seguenti servizi informativi, di controllo e prevenzione: consultorio, screening, prevenzione delle ist, test hiv, medicina dello sport, visite sian con consigli dietetico nutrizionali, servizio veterinario.
Saranno attivate anche iniziative per aiutare le zone colpite dal terremoto degli scorsi giorni.
Tutti gli eventi saranno completamente ad INGRESSO GRATUITO. Con Primavalle… mica l’ultima! riusciremo, anche quest’anno, a far rivivere il parco Anna Bracci, creando e rafforzando una comunità. (foto: giobbe covatta, Giorgio Tirabassi, Piotta)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Eletta miss Piemonte

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 agosto 2016

Martina VillanovaSi chiama Martina Villanova, ha 20 anni ed è di Torino la nuova Miss Piemonte 2016. Capelli biondi e occhi marroni, alta 1,80 è l’ultima delle dieci finaliste piemontesi ad accedere alle prefinali nazionali di Miss Italia, che prenderanno il via domani a Jesolo. Diplomata al liceo artistico, Martina lavora per un’agenzia di moda. “Era un sogno che avevo fin da piccola – dice – vorrei continuare e sto pensando di iscrivermi all’Istituto Europeo di Design, Moda e Arti Visive”. Confessa di nutrire una “profonda ammirazione per la modella Gigi Hadid, perché – dice – pur non rispettando i canoni, è riuscita ugualmente ad affermarsi diventando una top-model”. Nel tempo libero si dedica alla pittura, si definisce una ragazza “semplice e solare”.Ad eleggerla è stata la giuria di Casteldelfino, il piccolo Comune del cuneese a 1200 metri di altitudine. “Siamo soddisfatti, l’amministrazione comunale e la Pro Loco si sono dati un gran da fare – dice l’agente regionale di Miss Italia, Vito Buonfine – il borgo che conta poco meno di 200 anime, ma per l’occasione sono arrivati turisti da tutta la Valle Varaita e, qualcuno, persino dalla vicina Francia”.Bagno di folla dunque per le 19 miss in gara che, prima di sfilare sulla passerella allestita nella tensostruttura Le Casermette, hanno visitato il centro storico, percorrendo l’antico Chemin Royal per un insolito shooting fotografico miss italianei luoghi più suggestivi. Non una semplice selezione dunque, ma una vera e propria giornata interamente dedicata al Paese.Sul palco, prima della selezione, un minuto di silenzio per ricordare le vittime del terremoto nella giornata in cui si celebrava il lutto nazionale. Al termine della sfilata, invece, una colletta solidale tra il pubblico ha consentito di raccogliere oltre 900 euro da destinare alle popolazioni colpite dalla tragedia. “Un segnale importante – ha commentato commosso il Sindaco, Alberto Anello – abbiamo voluto testimoniare l’affetto e la vicinanza della nostra piccola comunità”.Sul podio, oltre a Martina, anche Giada Mattias, 20 anni di Venaria Reale; Teresa Taurisano, 24 anni di Candelo (BI); Natasha Pellegrino, 26 anni di Ivrea (TO); Letizia Vola, 21 anni di Banchette di Ivrea (TO). Infine una ragazza della zona, Veronica Barbieri, 21 anni di Caraglio (CN), di professione modella, che si è aggiudicata la fascia di Miss Casteldelfino.Martina Villanova cede la fascia di Miss Equilibra Piemonte e Valle d’Aosta, conquistata nella selezione di Borgaro Torinese, ad Angie Cantarella, che accede dunque di diritto alle finali regionali assieme ad altre nove ragazze in rappresentanza del Piemonte e della Valle d’Aosta. La bella mora rappresenterà anche il cuneese, visto che vive a Montà (CN), pur avendo origini origini catanesi. Alta 1,70, occhi e capelli castani, ha appena vinto una borsa di studio che la porterà in Spagna ed è appassionata di recitazione. (foto: Martina Villanova, miss italia)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sigmar Gabriel: “Il TTIP è fallito”

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 agosto 2016

ttipC’è voluta la dichiarazione del vice cancelliere tedesco e ministro dell’Economia, il socialdemocratico Sigmar Gabriel, per mettere la parola fine ai negoziati sul TTIP, l’accordo di libero scambio tra Unione Europea e Stati Uniti, di cui si è concluso nel luglio scorso a Bruxelles il 14° round negoziale. In un’intervista alla rete ZDF Gabriel ha dichiarato che i negoziati sul TTIP sono «di fatto falliti perché noi europei non possiamo accettare supinamente le richiesta americane». Un colpo pesante a quei Paesi membri, Italia in testa, che del Trattato Transatlantico era sostenitori in prima persona.
“Una dichiarazione importante perché fa proprie le preoccupazioni della società civile europea e statunitense” dichiara Monica Di Sisto, portavoce della Campagna Stop TTIP Italia. “Ma c’è comunque da tenere gli occhi aperti: se Sigmar Gabriel sottolinea ciò che da anni hanno sostenuto Stop TTIP Italia e le altre campagne europee, questo non significa che non possa trattarsi di tattica negoziale. Capiremo cosa accade al Consiglio Europeo di Bratislava di settembre dove, tra l’altro, si parlerà anche del preoccupante Accordo con il Canada, il CETA, già approvato ma che grazie alle pressioni dal basso abbiamo ottenuto che venga ratificato anche dai Parlamenti nazionali, senza esautorare i nostri Parlamentari da una decisione così importante per l’economia del nostro Paese. Da Bratislava dovrà uscire un secco stop al TTIP e al CETA, come richiesto dalla maggioranza dei cittadini europei”.
“La dichiarazione di Sigmar Gabriel dovrebbe aprire un serio dibattito interno all’Europa e al nostro Governo su come vengano decise le priorità politiche ed economiche” sottolinea Elena Mazzoni, tra i coordinatori della Campagna Stop TTIP Italia. “Ma l’eventuale e auspicato blocco del negoziato TTIP non risolve il problema: l’accordo con il Canada ormai approvato va bloccato in sede parlamentare, facendo mancare la ratifica da parte di alcuni Paesi membri. Hanno sempre presentato il CETA come precursore del TTIP: una sua approvazione presenterebbe molti dei problemi che il TTIP portava con sé, a cominciare dal dispositivo di tutela degli investimenti, la cui riforma non ci rassicura per nulla sulla tenuta dei diritti sociali e ambientali”.
“Una buona notizia, emersa grazie a milioni di persone che si sono opposte e a una pressione dal basso che ha chiesto a gran voce di non derogare sui diritti e sulla qualità” dichiara Marco Bersani, tra i coordinatori della Campagna Stop TTIP Italia. “Ma un risultato così importante per la società civile non deve farci dimenticare che serve un vero e proprio ribaltamento della politica commerciale europea, ad oggi basata troppo sulla spinta verso la liberalizzazione dei mercati e l’austerità, e troppo poco verso un processo realmente rispettoso delle persone e dell’ambiente”.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Risk Factors, Epidemiology, Rehabilitation and Sports Cardiology

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 agosto 2016

cardiology congress-2016Rome, Italy More than 3 years of nightly treatment with a continuous positive airway pressure (CPAP) machine did not reduce cardiovascular risk more than usual care among patients with cardiovascular disease and obstructive sleep apnea (OSA).Findings from the Sleep Apnea Cardiovascular Endpoints (SAVE) study were presented at ESC Congress 2016, with simultaneous publication in the New England Journal of Medicine.“Given the level of risk of cardiovascular disease attributed to OSA in previous observational studies, we were surprised not to find a benefit from CPAP treatment,” said the study’s principal investigator Doug McEvoy, MD, from the Adelaide Institute for Sleep Health at Flinders University in Adelaide, Australia. The SAVE study recruited sleep apnea patients with moderate-to- severe disease from 89 clinical centres in 7 countries.Participants were predominantly elderly (approximately 61 years), overweight, habitually snoring males – all with coronary artery or cerebrovascular disease.A total of 2,717 individuals were randomized to receive usual care alone, or usual care plus CPAP.To be eligible, participants had to achieve a minimum 3 hours of sham-CPAP adherence per night in a one week run-in before the study started.Usual care included concomitant CV risk management, based on national guidelines, as well as advice on healthy sleep habits and lifestyle changes to minimize OSA.The study showed that 42% adelaide australiaof patients assigned to CPAP had good adherence (an average of 4 or more hours per night). Mean apnea-hypopnea index (AHI, a measure of OSA severity) decreased from 29.0 to 3.7 events per hour when patients used CPAP, indicating good control of their OSA.
However, after a mean follow-up time of 3.7 years for 1,341 usual care and 1,346 CPAP patients included in the final analysis, there was no difference between groups in the primary outcome – a composite of death from any CV cause, myocardial infarction or stroke, and hospitalisation for heart failure, acute coronary syndrome, or transient ischemic attack.Specifically, 17.0% of patients in the CPAP group and 15.4% in usual-care had a serious CV event (hazard ratio 1.10; 95% CI 0.91 to 1.32; P=0.34).“It’s not clear why CPAP treatment did not improve CV outcomes,” said Prof McEvoy.“It is possible that, even though the average CPAP adherence of approximately 3.3 hours per night was as expected, and more than we estimated in our power calculations, it was still insufficient to show the hypothesized level of effect on CV outcomes.”
Importantly though, CPAP did improve the wellbeing of participants, defined by symptoms of daytime sleepiness, health-related quality of life, mood – particularly depressive symptoms – and attendance at work.Prof McEvoy said that “While it is disappointing not to find a reduction in CV events with CPAP treatment, our results show that treatment of OSA in patients with CV disease is nevertheless worthwhile – they are much less sleepy and depressed, and their productivity and quality of life is enhanced.”
“More research is needed now on how to reduce the significant risk of CV events in people who suffer from sleep apnea,” he added.
“Given our finding of a possible reduction in cerebrovascular events in patients who were able to use CPAP for more than 4 hours per night, and of prior studies showing a stronger association between OSA and stroke than between OSA and coronary artery disease, future trials should consider targeting patients with OSA and stroke who can achieve a high level of compliance with CPAP.”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Invasive and Interventional Cardiology, Cardiovascular Surgery

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 agosto 2016

cardiology congress-2016Rome, Italy The addition of intravenous (IV) N-acetylcysteine (NAC) to IV glyceryl trinitrate (GTN) significantly reduced infarct size by approximately one third in patients undergoing percutaneous coronary intervention (PCI) after ST-segment elevation acute myocardial infarction (STEMI), according to Hot Line research reported here.“Timely and effective myocardial reperfusion by PCI is the treatment of choice for limiting myocardial infarct size and improving clinical outcomes in patients presenting with STEMI. However, additional pharmacological interventions may help to reduce infarct size further,” noted Sivabaskari Pasupathy, PhD candidate, from the University of Adelaide, in Adelaide, Australia, who presented the findings at ESC Congress 2016.“Any intervention that actually reduces myocardial infarct size by approximately a third might reasonably be expected to substantially improve long-term outcomes.”NACIAM (N-AcetylCysteine In Acute Myocardial infarction), a placebo-controlled, double-blind trial, included 112 STEMI patients (mean age 64 years) from 3 Australian hospitals.All patients underwent emergency PCI and also received low dose intravenous GTN. They were randomized pre-PCI to receive either high dose (15 grams/24 hours) NAC or an identical placebo, both delivered intravenously over 48 adelaide australia1hours, “with the hypothesis that NAC might reduce infarct size, either by potentiating the effects of GTN or via ‘scavenging’ of reactive oxygen species,” said Dr. Pasupathy. Cardiac magnetic resonance (CMR) imaging performed within one week (early) and again 3 months post MI (late) showed that patients who received NAC had reductions in infarct size of 33% and 50% respectively compared to placebo (p=0.02 for both).There was a similar but not significant trend towards reduction in creatine kinase release.Additionally, myocardial salvage, measured at one week, was approximately doubled in patients who received NAC (60% vs 27%, p<0.001), and there was also evidence of accelerated tissue reperfusion and hypochlorous acid “scavenging” in these patients.Over 2 years of follow-up, the combination of cardiac readmissions and deaths was less frequent in NAC-treated (3 vs 16 patients, P<0.01).Safety endpoints including hypotension, bleeding, and contrast-induced nephropathy were similar in both groups.“Intravenous NAC administration was associated with more rapid chest pain resolution, improved myocardial salvage, a favourable in-hospital safety profile, sustained infarct size reduction at 3 months post-STEMI, and promising clinical outcomes at 2 years,” concluded Dr. Pasupathy. “While the results of this study are encouraging, we would prefer to regard NACIAM as the precursor of a follow-up study, sized for clinical end-points,” she noted.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cardiovascular Disease in the Elderly

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 agosto 2016

cardiology congress-2016Rome, Italy Monitoring platelet function in order to individualize antiplatelet therapy did not improve outcomes for elderly patients after a heart attack compared to a standard, unmonitored approach, results of the ANTARCTIC trial show.The findings, presented in a Hot Line session at ESC Congress 2016, and with simultaneous publication in Lancet, challenge current international guidelines which recommend platelet function testing in high risk patients.“Platelet function testing is still being used in many centres to measure the effect of antiplatelet drugs and adjust the choice of these drugs and their doses. Our study does not support this practice and these recommendations,” said senior investigator Gilles Montalescot M.D, Ph.D, from Hôpital Pitié-Salpêtrière, in Paris, France.“Although measuring the effect of antiplatelet agents makes sense in order to choose the best drugs or doses, this costly and more complex strategy does not appear to benefit patients, even when they present with extremely high risk of ischemic and bleeding events liked those enrolled in ANTARCTIC.”
ANTARCTIC is the only study of platelet function testing in elderly patients at very high risk of ischemic and bleeding complications.It enrolled 877 patients, aged 75 years or more, who presented with an acute coronary syndrome and underwent coronary stenting.All patients were started on the antiplatelet agent prasugrel (5mg), with 442 randomised to the conventional therapy (no adjustment) and 435 to monitoring and treatment adjustment, if needed.Patients in the monitoring arm received 14 days of the daily 5mg prasugrel dose, but then underwent a platelet function test at Day 14, followed by medication adjustment, if the test showed high or low platelet reactivity. Additional monitoring was performed at Day 28 in patients who needed treatment adjustment.
The primary end point of the trial was the composite of cardiovascular death, myocardial infarction, stroke, stent thrombosis, urgent revascularization and bleeding complication at 1-year.This endpoint occurred at a similar rate in both arms of the study: 27.6% in the monitoring group, and 27.8% in the conventional group (hazard ratio [HR], 1.003; 95% confidence interval [CI], 0.78 to 1.29; P=0.98).There was similarly no significant difference in rates of the main secondary end point (a composite of cardiovascular death, myocardial infarction, stent thrombosis or urgent revascularization), which occurred in 9.9% and 9.3%, respectively (HR, 1.06; 95% CI, 0.69 to 1.62; P=0.80).“Platelet function monitoring led to a change of treatment in 44.8% of patients who were identified as being over- or under-treated, yet this strategy did not improve ischemic or safety outcomes,” noted Professor Montalescot.
“ANTARCTIC confirms the ARCTIC study (NEJM 2011) in a different population with a different drug, and has addressed the potential limitations of the ARCTIC study, but finally reached the same conclusion. I expect there will be adjustments of guidelines and practice in light of this.”ANTARCTIC stands for Assessment of a Normal versus Tailored dose of prasugrel after stenting in patients
Aged > 75 years to Reduce the Composite of bleeding, stent Thrombosis and Ischemic Complications).

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vitamina D nella salute del cuore

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 agosto 2016

national cardiac societyUn numero sempre maggiore di evidenze indica che bassi livelli circolanti di vitamina D possono essere associati ad un rischio aumentato di malattie cardiovascolari fatali e non. Ciò nonostante, poco si sa circa il collegamento tra livelli di quello che è considerato un vero e proprio ormone e l’insufficienza cardiaca. Si tratta della condizione in cui il cuore non è in grado di pompare quantità di sangue sufficienti per far fronte alle necessità dell’organismo, la conseguenza è una carenza di ossigeno negli organi che reagiscono accumulando acqua e sodio nei tessuti.
Nota anche con il termine di “scompenso cardiaco”, è la prima causa di ricovero ospedaliero negli over 65. In Italia questa condizione interessa circa 600 mila persone e la frequenza raddoppia ogni 10 anni in più d’età (1). Affanno, stanchezza, gonfiore (edema) degli arti sono i sintomi più tipici.
I ricercatori del Dipartimento di Epidemiologia e Prevenzione dell’IRCCS Neuromed di Pozzilli si sono proposti di indagare questa associazione in un’ampia coorte di adulti italiani. Ben 18 797 sono stati i soggetti adulti sani di età superiore a 35 anni (49% maschi) reclutati casualmente dalla popolazione generale nell’ambito dello studio epidemiologico MOLI-SANI.
Durante il reclutamento, ai partecipanti sono stati somministrati questionari anamnestico e alimentare, effettuati prelievi di sangue e test diagnostici (ECG, Spirometrie) I livelli di vitamina D sierica sono stati misurati presso il laboratorio centrale del progetto europeo BiomarCaRe. La coorte è stata seguita per un periodo di 7,5 anni (sino al dicembre 2013) e i livelli di vitamina sono stati categorizzati in normale (≥30 ng/mL), ipovitaminosi (10-30 ng/mL) e carenza di vitamina D. Durante il periodo di follow-up, attraverso le schede di dimissione ospedaliera, sono stati registrati 592 eventi di insufficienza cardiaca con un incidenza rispettivamente dell’1,7%, 3,2% e 5,4% nei tre gruppi Dopo un’analisi multivariata, che ha permesso di escludere eventuali confondenti, gli individui con un livello di vitamina D inferiori a 10ng/mL mostravano un aumento del rischio di scompenso cardiaco di 1,59 volte rispetto a quelli con livelli normali.
“Questi risultati – spiega Franco Romeo – Direttore Cardiologia Policlinico Tor Vergata di Roma -contribuiscono a delineare meglio un possibile ruolo della carenza di vitamina D nell’insorgenza di eventi cardiovascolari. Un maggiore approfondimento in questo ambito, potrà portare a nuove strategie di prevenzione”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cuore artificiale nei piccoli pazienti

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 agosto 2016

cuoreDal 2002 al 2011 sono 204 i cuoricini che hanno ricominciato a battere nel cuore di piccoli pazienti italiani. Il 54% dei pazienti soffriva di cardiomiopatie e il 31% di problemi congeniti. Bambini anche molto piccoli: il 16% dei trapiantati aveva tra 4 e 8 anni, il 22% tra 9 e 13 e un altro 22% tra 14 e 17. I trapianti pediatrici in Italia sono una realtà solo nel 2011 ne sono stati effettuati 161 di cui 28 di cuore anche se ben 55 sono rimasti il lista di attesa.
Tradizione permessa da centri di riferimento nazionale come Roma e Bergamo ma anche da dispositivi elettromeccanici impiantabili (VAD) che aiutano il cuore nella sua funzione di pompa meccanica in attesa che sia disponibile un organo da donatore.
È avvenuto a gennaio di quest’anno a Roma – spiega Leonardo Bolognese – Direttore Cardiologia ospedale di Arezzo e local press coordinator del congresso ESC – presso l’ospedale pediatrico Bambin Gesù il primo trapianto pediatrico di cuore artificiale: ne ha beneficiato una ragazza di 16 anni che rischiava di morire a causa di una cardiomiopatia dilatativa severa. Lo strumento preleva il sangue dai ventricoli e lo aiuta a raggiungere gli organi vitali come farebbe un cuore sano e viene usato sia come ausilio nei pazienti in attesa di un organo compatibile sia per coloro che non sono eleggibili per un trapianto.
“Durante il congresso ESC in corso a Roma è stata presentata una ricerca dell’ospedale universitario di Lione” – aggiunge Franco Romeo – Direttore Cardiologia Policlinico Tor Vergata di Roma e local press coordinator del congresso – “che si è proposto di analizzare l’efficacia dell’impianto del VAD (Ventricular Assist Device) che ha funzionato da “ponte” verso il trapianto di cuore. Si tratta di una analisi retrospettiva su dati clinici, demografici e outcome a lungo termine di 21 pazienti con meno di 18 anni a cui era stato impiantato il device ventricolare prima del trapianto di cuore in un periodo compreso tra il 2005 e il 2015. L’età media in cui era stato impiantato il dispositivo era 5,6 anni per un periodo di circa 30 giorni e purtroppo due casi hanno avuto un infarto nonostante l’impianto di cuore artificiale e uno è stato vittima di una emorragia digestiva severa”.
Le ragioni che rendevano necessario un cuore nuovo era una cardiomiopatia dilatativa in 19 casi e disturbo congenito nei rimanenti 2. Nel periodo di osservazione si sono verificati tre decessi di cui uno immediatamente dopo il trapianto a causa di un rigetto e altri due per sepsi severa, tutti gli altri pazienti hanno avuto una normale reazione e sopravvivenza all’impianto con ratei di sopravvivenza del 95% ad un anno, dell’89% a 5 anni e del 65% a 10 anni.
Le conclusioni dei ricercatori sono state valutate favorevoli: il supporto del VAD si è mostrato particolarmente importante per allungare la sopravvivenza degli aspiranti ad un trapianto di cuore con un incidenza estremamente bassa di infezioni e di rigetto acuto.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Dieta mediterranea e benefici per i cardiopatici

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 agosto 2016

dieta mediterraneaChe la dieta mediterranea fosse uno dei pilastri della prevenzione, della salute e della longevità era noto, ma pochi studi epidemiologici ancora avevano indagato il ruolo del modello alimentare mediterraneo nel pazienti con patologie cardiovascolari conclamate. “Lo hanno fatto i ricercatori dell’IRCCS Neuromed di Pozzilli – spiega Leonardo Bolognese – Direttore Cardiologia ospedale di Arezzo e ESC Local Press Coordinator – nell’ambito del mega trial Moli-sani in un troncone della ricerca su 1197 individui con una storia di malattia cardiaca arruolati nella popolazione generale (età media 67 anni, maschi nel 68% del campione). La storia clinica includeva patologie coronariche (n=814) ed eventi cerebrovascolari (n=387) e i dati sul regime alimentare è stato registrato con il ‘food frequency questionnaire’ di EPIC e l’aderenza alla dieta mediterranea è stata valutata con il Mediterranean Diet Score (MDS)”.
Al termine del periodo di follow up durato 7,5 anni si sono verificati 208 decessi ma confrontando i dati con la dieta è saltato agli occhi che un incremento di 2 punti nel MDS era associato ad una diminuzione del rischio di morte del 21% in media (con un picco del 34%) e la maggiore aderenza alla dieta sana, abbassava il rischio del 37%.
E isolando i singoli elementi è stato possibile calcolare il ‘peso’ degli elementi protettivi: l’elevato apporto di vegetali influisce per il 26%, il pesce fornisce un beneficio del 23%, l’assunzione di frutta e noci contribuiscono per il 13,4% e un elevato apporto di acidi grassi monoinsaturi e saturi per il 12,9%.
Il modello di controllo teneva conto di età, sesso, introito calorico, assunzione di uova e patate, livello di educazione, attività fisica, rapporto vita-spalle, abitudine al fumo, ipertensione, livello di colesterolo, diabete e cancro.
L’evidenza è invece che gli anziani spesso si nutrono poco e male: secondo alcune stime sarebbero circa il 50% gli anziani over 65 che non si alimentano correttamente (dati SINUC rilevati in occasione di un ricovero ospedaliero). E la malnutrizione può essere pericolosa per la salute tanto quanto l’obesità: complicazioni e infezioni aumentano di tre volte. Si registra spesso uno scarso apporto di proteine per problemi di masticazione ed economici, gli stessi che fanno limitare l’apporto di frutta e verdura. Eppure un recente studio americano condotto alla Tuft University presentato al congresso dell’American Heart Association ha suggerito che politiche di contenimento dei prezzi di alcuni alimenti potrebbe avere effetti diretti sulla salute pubblica con milioni di vite salvate. Il modello matematico sviluppato ha calcolato che anche solo una diminuzione del 10% del prezzo dei vegetali freschi ridurrebbe le morti per malattie cardiovascolari dell’1,2% in 5 anni e del 2% nei successivi cinque, con una diminuzione del 2,6% del numero di infarti. E se in percentuale sembra poca cosa basta tradurre in numeri assoluti: si tratta di evitare 515mila morti per malattie cardiache.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il grasso pesa sul cuore

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 agosto 2016

obesoL’epidemia di obesità nei bambini e negli adolescenti ha reso necessario prestare sempre maggiore attenzione all’influenza dell’eccesso di grasso sia sulla struttura che sulla funzione del cuore. Lo studio ‘ORIGIN’ aveva lo scopo di valutare la frequenza e l’incidenza di anomalie cardiovascolari in una coorte di bambini in età prescolare aumentati di peso negli ultimi 12 mesi.
Lo studio è stato condotto dagli specialisti dell’ospedale Bambin Gesù di Roma insieme all’università di Tor Vergata, alla Sapienza e alla Federazione Italiana di Medici Pediatri tra marzo 2013 e marzo 2014 nella città di Roma. 13 pediatri di famiglia hanno arruolato bambini sani di età compresa tra 2 e 6 anni durante visite di routine per un totale di oltre 5.700 bambini selezionati tra quelli il cui indice di massa corporea era transitato da normale a sovrappeso o obeso nei precedenti 12 mesi, coerentemente con la classificazione dell’International Obesity Task Force, il campione finale comprendeva 155 bambini: 18 di peso normale (pari all’11,6%), 70 sovrappeso (45,2%) e 67 obesi (43,2%).
I piccoli volontari sono stati sottoposti a valutazioni cliniche di laboratorio e indagini ad ultrasuoni e i risultati dell’analisi statistica hanno mostrato che gli obesi avevano una più alta massa del ventricolo sinistro rispetto ai pari sovrappeso; oltre ad un valore più alto nel diametro di eiezione ventricolare sinistro.
Sempre nei bambini obesi sono stati riscontrati valori più alti di grasso intorno all’epicardio rispetto al gruppo dei sovrappeso e dei normopeso. Questa ricerca ha dimostrato che effetti anabolici precoci dell’obesità sia sulla massa cardiaca che sulla dimensione delle camere del cuore e ha confermato il grasso eccessivo come un fattore di rischio indipendente anche in virtù del fatto che durante la crescita il cuore va incontro ad adattamenti strutturali che possono avere conseguenze nell’età adulta.
“L’attenzione al peso durante l’attività evolutiva e come fattore di rischio cardio-metabolico è una priorità di salute pubblica” afferma Michele Gulizia – Direttore Cardiologia Ospedale Garibaldi di Catania – che introduce i risultati di uno studio condotto nell’ospedale tedesco di Nuremberg: “I ricercatori hanno misurato il BMI (indice di massa corporea), la circonferenza addominale, il rapporto altezza-bacino, pressione sanguigna e lipidi a digiuno in 10.841 ragazzi di età compresa tra i 3 e i 18 anni classificati secondo il BMI in normopeso, sovrappeso e tre classi di obesità calcolate sul 95° percentile.
La prevalenza di obesità addominale e del rapporto altezza-bacino era 2,5% o 3,8% nei soggetti con peso normale, 38% o 40,8% nei ragazzi sovrappeso, nell’80% o 80,7% nei soggetti appartenenti al gruppo dell’obesità di classe 1 circa il 100% nelle classi 2 e 3.
La prevalenza di ipertensione raddoppiava dai normopeso ai sovrappeso aumentando ulteriormente quando si passava ad osservare i gruppi di obesi di classe 1 e 2 (che nei maschi aumentava rispettivamente del 19,4% e del 20,3% e nelle femmine del 23,6% e del 37,5%). Progressione lineare anche per il passaggio 2 alla 3 di obesità che nei maschi raggiungeva il 62,5% e nelle femmine il 71,4%. Paragonati ai soggetti normopeso quelli con i kili in più mostravano valori significativamente più elevati del profilo lipidico, con una prevalenza di dislipidemia più alta in entrambi i sessi: negli obesi di classe 3 il 100% e il 90% dei maschi aveva bassi valori di HDL-C”.
“I valori ematici analizzati in questo importante studio anche per il numero di soggetti osservati mostra un alto rischio cardiovascolare per gli stessi fattori che affliggono gli adulti: dal grasso addominale, passando per l’ipertensione e la dislipidemia. Nel recente congresso dell’American Heart Association è stato sottolineato come l’obesità infantile sia aumentata del 300% negli ultimi 30 anni” – aggiunge Franco Romeo – Direttore Cardiologia Policlinico Tor Vergata di Roma –, del congresso e una interessante ricerca del professor Li Yuan Jing ha sottoposto ad imaging cardiaco 20 bambini obesi e 20 sani di età medi di 8 anni mostrando un aumento del 27% della massa del ventricolo sinistro ed un inspessimento del miocardio nel 12% degli obesi. Nonostante nessuno presentasse ancora segni o sintomi conclamati di sofferenza cardiaca, queste condizioni sono prodromiche di patologie età adulta”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Insufficienza cardiaca cronica e vaccino contro l’influenza

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 agosto 2016

vaccinazioniLe linee guida cliniche e raccomandano la vaccinazione antinfluenzale annuale per i pazienti con insufficienza cardiaca cronica, nonostante questo ci sono alcune limitate contraddittorie evidenze che supportano questa raccomandazione. Si sono occupati di sciogliere il dubbio i ricercatori dell’Università di Oxford che si proponevano di determinare l’impatto della vaccinazione antinfluenzale sul rischio di ospedalizzazione di questi pazienti fragili.
Per raggiungere questo obiettivo sono state usate le cartelle cliniche di circa quattro, milioni di inglesi adulti in un periodo che andava dal 1990 al 2014 allo scopo di investigare l’impatto di questa strategia preventiva. Usando una serie di ‘casi controllo’ sono stati comparati gli effetti della vaccinazione annuale con quelli di anni in cui i soggetti non erano stati vaccinati per stimare i il rateo di ospedalizzazione sia per tutte le cause che per indicazioni specifiche. Analizzando questa mole di dati sono stati identificati oltre 59,000 pazienti affetti da insufficienza cardiaca nel database: si tratta di soggetti con un’età media di 75 anni che nel 49% dei casi erano donne
È stato immediatamente individuato che la vaccinazione contro l’influenza fosse associata con un 32% di rischio inferiore di avere un ricovero ospedaliero per disturbi cardiovascolari nel periodo che andava dal 31º al 301º giorno dopo la vaccinazione. Dato paragonato all’anno corrispondente in cui i soggetti non erano stati vaccinati. La vaccinazione dei soggetti anziani ha mostrato anche un effetto protettivo sia pure meno rilevante sulle ospedalizzazioni dovute a infezioni respiratorie. E il beneficio si è mostrato più evidente nei soggetti più giovani rispetto agli anziani.
“Studi come questo ci dicono che le strategie di prevenzione primaria sono particolarmente importanti nei soggetti cardiopatici” Michele Gulizia – Direttore Cardiologia Ospedale Garibaldi di Catania – “innanzitutto perché per chi ha il cuore fragile la stagione invernale rappresenta un pericolo: il freddo aumenta la probabilità di infarto, l’inquinamento aumenta la probabilità di malattie dei bronchi, dei polmoni e del sistema cardiovascolare. È necessario aumentare l’informazione e la sensibilizzazione a questa misura preventiva: ogni anno si registrano da tre a 5 milioni di casi di influenza che hanno come target preferenziale gli over 75 e i cardiopatici a questi numeri si aggiungono anche 10,000 decessi per polmonite ogni anno solo in Italia, che può rappresentare una complicazione dell’influenza e che vanta il primato negativo di essere la prima causa di morte per malattie infettive nei paesi occidentali, Eppure gli anziani conoscono ancora poco le vaccinazioni stagionali: il 22% dei 70-ottantacinquenni non sa nulla e solo il 18,4% ritiene di essere a rischio”.
Nonostante il Ministero della Salute italiano abbia fissato nel 75% la soglia minima di soggetti a rischio da vaccinare (e nel 95% quella ideale) nel 2014 solo un anziano su due si è sottoposto all’immunizzazione da influenza. Si tratta di un pericoloso trend in controtendenza che proprio nel 2014 ha raggiunto il suo punto più basso e che nell’ultimo decennio ha visto la copertura nei soggetti più fragili calata di un preoccupante 15%.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Successo del cinema islandese al 22° Film Festival della Lessinia

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 agosto 2016

Si è conclusa con un successo del cinema islandese la ventiduesima edizione del Film Festival della Lessinia, la rassegna cinematografica internazionale dedicata a vita, storia, tradizioni nelle terre alte e lontane di ogni angolo del mondo.Tra le 23 opere opere cinematografiche in concorso, la Giuria internazionale del Film Festival – composta dalla regista Marianne Chaud (Francia), dalla giornalista Margherita Detomas (Italia), dalla regista Lisa Eder-Held (Germania), dal produttore cinematografico Sebastian Michael (Regno Unito), dal documentarista Riccardo Vaccaro (Italia) – ha deciso di assegnare la Lessinia d’Oro alla migliore opera cinematografica in assoluto a Þrestir – Passeri (Croazia, Danimarca, Islanda 2015) del regista islandese Rúnar Rúnarsson. Questa la motivazione: “Un film potente, Þrestir racconta in modo magistrale una storia ambientata in luoghi desolati dell’Islanda, dove avvenimenti sempre imprevedibili travolgono lo spettatore con immagini di situazioni difficili nelle quali il giovane protagonista del film è costretto a vivere. Nulla è lasciato al caso; tempi, soluzioni registiche, sceneggiatura e fotografia si fondono creando un’opera vigorosa e originale”. A ricevere sul palcoscenico del Teatro Vittoria di Bosco Chiesanuova (Verona) il prestigioso riconoscimento, sabato 27 agosto, è stato il compositore della colonna sonora del cortometraggio: il polistrumentista Kjartan Sveinsson, ex membro del gruppo musicale islandese Sigur Rós. La Lessinia d’Argento per la migliore regia è andata a Tharlo (Cina 2015). Il lungometraggio in bianco e nero del regista, documentarista e scrittore tibetano Pema Tseden è stato premiato “per l’audacia, il talento e la visione profondamente artistica dimostrate. La struttura del suo film e le scelte radicali adottate nella messa in scena rivelano un’originalità straordinaria e propongono un’estetica altamente personale. Riteniamo che Tharlo appartenga alla rara e importante categoria di film capaci di spalancare nuove prospettive del fare cinema”.
KjartanSveinssonAltri riconoscimenti. La Giuria internazionale ha attribuito il Premio per il miglior documentario al film-maker di Losanna Stéphane Goël per Fragments du paradis – Frammenti di paradiso (Svizzera 2015) nel quale padre e figlio sono protagonisti di un cammino, insieme, verso la montagna.
Quale migliore lungometraggio a soggetto è stato scelto Rauf (Turchia 2016), documentario girato da Soner Caner e Bariş Kaya per raccontare la vicenda di un ragazzino che frequenta la bottega di un anziano artigiano del paese per imparare l’arte del falegname.
Migliore cortometraggio è risultato essere Esel – Asino (Austria 2015) del regista austriaco Rafael Haider, nel quale due anziani contadini condividono i lavori pesanti con un vecchio e malato asino. A ricevere il Premio della Giuria è stato Çevirmen – L’interprete (Regno Unito 2015) di Emre Kayış: vicenda di un timido ragazzino siriano che vive da rifugiato in una remota cittadina turca. Per le immagini vibranti e la colonna sonora, il film d’animazione Ailleurs – Altrove (Francia 2016) di Mélody Boulissière si è aggiudicato una menzione speciale.
Al Festival Festival il regista e sceneggiatore bulgaro Alberto Iordanov ha conquistato il Premio del Curatorium Cimbricum Veronense alla memoria di Piero Piazzola e Mario Pigozzi al miglior film di un regista giovane con Bandit and the Ram – Il bandito e il montone (Bulgaria 2014) “per la capacità di documentare, con sottile ironia, la vita di un solitario bandito e dei suoi amori impossibili in un’area di montagna che si sta spopolando”. La Giuria del Curatorium ha scelto inoltre di dare una menzione speciale a Carlo Malacchini, fotografo e studioso della cultura contadina, autore del cortometraggio La stazione di posta (Italia 2016) ambientato sull’altopiano della Lessinia.
Ad aggiudicarsi il Premio Speciale Cassa Rurale Bassa Vallagarina al miglior film sulle Alpi è stato Café Waldluft (Germania 2015) nel quale il regista Matthias Koßmehl ha presentato uno spaccato di accoglienza ed integrazione in un ambiente alpino da sempre considerato chiuso e tradizionalista. Nel palmares della rassegna veronese un ex aequo per il Premio “Log To Green” al film che meglio esprime e promuove i valori dell’eco-sostenibilità: per Sila and the Gatekeepers of the Arctic – Sila e i custodi dell’Artico (Usa 2015) della svizzera Corina Gamma ed Arreo (Argentina 2015) dell’argentino Tato Moreno. Due film che raccontano culture lontane e suonano, si evidenzia nella motivazione della Giuria, “come un campanello d’allarme sull’ennesimo rischio di scomparsa di un pezzo di storia dell’umanità”.La Giuria del Carcere di Verona ha deciso di dare il proprio riconoscimento al lungometraggio di Mano Khalil Die Schwalbe – La rondine (Svizzera 2016): la storia, ambientata nel Kurdistan iracheno, è una narrazione “della ricerca di sé che parte dalle proprie radici, per riconoscerne il valore e trovare il coraggio di cambiare. Di spezzare le catene del male”.
Altro premio per Rauf, che ha ottenuto anche il Premio del pubblico Cantine Bertani.
L’animazione preferita dei bambini è stata Moroshka – Lampone artico (Russia 2015) di Polina Minchenok nella quale un lupo che minaccia le greggi di un piccolo villaggio scopre, grazie all’amicizia con una bimba, di avere un cuore leale gentile. foto: Kjartan Sveinsson)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma: Congresso di cardiologia

Posted by fidest press agency su lunedì, 29 agosto 2016

nuova-fiera-di-romaRoma Fiera. “Ho accolto con molto piacere l’invito del presidente Piccinetti di Fiera di Roma ad aprire il congresso di cardiologia della European Society of Cardiology che si terrà dal 27 al 31 agosto. Si tratta di un appuntamento prestigioso che si sposa perfettamente con gli obiettivi che, come Mibact, ci siamo posti per il rilancio in Italia del turismo congressuale internazionale”. A dirlo è Dorina Bianchi, sottosegretario al MiBACT con delega al Turismo, che ieri ha preso parte all’apertura del congresso di cardiologia della European Society of Cardiology che si terrà dal 27 al 31 agosto.“Con i suoi 35.000 delegati provenienti da ben 144 Paesi di tutto il mondo, – aggiunge – dove i più grandi professionisti in materia si confronteranno in termini di innovazione scientifica e nel comune interesse della collettività, questo importante congresso può rappresentare anche una vetrina per far conoscere ad un pubblico così esteso la bellezza secolare di Roma e di tante altre realtà territoriali che caratterizzano il Lazio. Il turismo congressuale è certamente strategico, ma può e deve avere anche una vocazione più ampia che lo leghi al turismo generalmente inteso”.“Oggi il mercato del business travel internazionale – evidenzia il sottosegretario – si attesta solo al 9,1%. L’Italia soffre di un problema legato ai pochi investimenti dall’estero: un valore che invece contribuisce a formare circa un quarto del giro d’affari dell’industria turistica mondiale e che nel 2017 nei principali mercati europei, prima destinazione del turismo congressuale, si aggirerà intorno ai 225,6 miliardi. Attualmente siamo al sesto posto nella classifica globale e contiamo su un mercato da 31,6 miliardi di dollari, il 90% del quale a livello nazionale. Il nostro obiettivo è di allinearci per essere più attrattivi anche per il mercato internazionale”. E conclude: “L’auspicio è dunque che Fiera di Roma, già punto di riferimento del settore fieristico nazionale, possa continuare a crescere per autorevolezza e attrattività a livello internazionale, predisponendo eventi e appuntamenti rilevanti come quello di oggi”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »