Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 3 settembre 2016

Mostra di “Sanremo incontra Spoleto Arte”

Posted by fidest press agency su sabato, 3 settembre 2016

salvo mugnesgiulietta calziniSanremo domenica 4 settembre alle ore 11.00 e durerà fino al 2 ottobre 2016 Mostra di “Sanremo incontra Spoleto Arte”. L’esposizione verrà allestita presso la sede ligure della Milano Art Gallery già conosciuta come “La bomboniere” situata proprio di fronte al casinò, nel cuore di san remo. Sarà un appuntamento importante per poter visitare un altro “laboratorio dell’arte contemporanea” come Sgarbi, è solito definire Spoleto Arte.
Il presidente di Spoleto Arte Salvo Nugnes, già noto come manager della cultura e agente di personaggi di spicco, tra cui Francesco Alberoni, Katia Ricciarelli, Amanda Lear e l’indimenticabile Margherita Hack, raggiunto telefonicamente ha spiegato “Sono davvero soddisfatto di poter portare nella magnifica città dei fiori una mostra degna di attenzione e di interesse a livello internazionale e anche con la -buona benedizione- del caro Sgarbi”.
E ancora prosegue “Abbiamo deciso appositamente di organizzare il vernissage alla domenica mattina, perché è stato invitato anche il vescovo a fare l’inaugurazione, con simbolica benedizione ben augurale. Gli artisti presenti sono tutti selezionati e le opere tracciano un significativo percorso eterogeneo nel mondo dell’arte, all’insegna della libera espressione creativa e della voglia di comunicare e condividere, attraverso l’arte, un linguaggio universale e accessibile a tutti”.
Tra i partecipanti: Franco Carletti, Roberto Giacco, Giuliana Giuliani, Caterina Loia, Grazia Massa, Giuseppe Oliva, Lucio Palumbo, Nicola Pica, Sigrid Plattner, Diego Rudellin, Mamic Stjepko e Alba Tortorici. (Christian Flammia) (foto: salvo mugnes, giulietta calzini)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Atac-Roma: Individuato amministratore unico

Posted by fidest press agency su sabato, 3 settembre 2016

atac trasporti romaRoma Campidoglio. “C’è chi si perde in chiacchiere e si diverte a soffiare sul fuoco delle polemiche e chi invece non vuole perdere tempo. Oggi abbiamo individuato il nuovo amministratore unico di Atac: sarà l’ingegnere Manuel Fantasia, esperto di trasporti con esperienze internazionali. Abbiamo valutato competenze tecniche, manageriali e Fantasia risponde ai requisiti per riuscire a portare a termine gli obiettivi del programma M5s in tema trasporti. In particolare ci aiuterà ad attuare una vera e propria rivoluzione per quanto riguarda la bigliettazione. Noi non vogliamo perdere tempo e continuiamo a lavorare per il bene della città e dei romani”. Così in una nota l’assessora alla Città in movimento di Roma Capitale, Linda Meleo

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

International conference on human trafficking within and from Africa

Posted by fidest press agency su sabato, 3 settembre 2016

vaticanoCaritas is committed to fighting against the sale and trafficking of men, women and children into slavery as beggars, prostitutes and forced labourers.Sixty million people were either refugees or forcibly displaced in 2015. In Africa thousands of adults and children are being forced to flee conflict, poverty and persecution and are particularly susceptible to traffickers.
Driven by a desperate need to survive and desire to build a better life, they are particularly vulnerable to both sexual and labour exploitation.Caritas is part of the COATNET network —Christian Organisations Against Trafficking in Human Beings—which works across borders to raise awareness about trafficking and to assist victims. COATNET fights the root causes of trafficking, such as poverty and lack of opportunity, while pressing for laws to protect victims, punish perpetrators and secure decent working conditions.
Caritas Internationalis (within the framework of its network against trafficking COATNET) and the Pontifical Council of Pastoral Care for Migrants and Itinerant People, are co-organising an international conference, hosted by Caritas Nigeria. from September 5 -7 in Abuja, Nigeria to raise awareness, give hope and combat human trafficking in Africa. AGENDA.The conference will provide an opportunity to promote dialogue and cooperation between key stakeholders such as Faith-Based Organisations International and regional organisations, law enforcement and other NGOs , share practices on cooperation and challenges and identify common strategies for prevention regarding:
– The trafficking of children;
– Labour exploitation and sexual exploitation
– Trafficking in the maritime industry
– Trafficking in emergency situations
Cardinal Luis Antonio Tagle, the president of Caritas, , Mons. Robinson Wijesinghe, Director of Office, the Pontifical Council for the Pastoral Care of Migrants and Itinerant People from PCMI, and high level representatives of the Catholic Church in Nigeria will join representatives from the Nigerian Government and the African Union, the Former Special Rapporteur on Trafficking in Humans (OHCHR), the Sultan of Sokoto, the first Independent Anti-Slavery Commissioner of UK, the Pontifical Academy of Social Sciences, representatives of international organizations and others to highlight this urgent problem.Caritas is currently working on trafficking projects in Nigeria, Kenya, Ivory Coast, Uganda, Ghana, Zimbabwe and Mali with plans for another project in Senegal. The conference intends to create stronger links between concerned parties, promote joint actions and share best practices of combating trafficking and slavery while offering assistance and giving hope to victims, as well as advocating for the implementation of anti-trafficking conventions and legislations in order to speak out with one voice against human trafficking in Africa.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Responsible Business Forum on Sustainable Development 2016

Posted by fidest press agency su sabato, 3 settembre 2016

singapore-marinaSingapore. Speaking earlier this week in Singapore, UN Secretary-General Ban Ki-Moon stressed the importance of responsible business in creating a sustainable and stable future, and welcomed the growing involvement of companies who are active in pursing the sustainability agenda. He also brought attention to the partnership with UNDP to deliver the Responsible Business Forum, taking place in Singapore in November.The 5th annual Responsible Business Forum is quickly shaping up to be the biggest event on the sustainable development goals in the Asia Pacific region this year.We now have over 40 confirmed speakers from business, government, UN agencies and NGOs. These include: Lawrence Wong, Minister for National Development, Singapore.
Haoliang Xu, UN Assistant Administrator and Director for the Regional Bureau for Asia and the Pacific, UNDP
Andrew Morlet, Chief Executive, Ellen MacArthur Foundation
Marco Lambertini, Director General, WWF International
Malcolm Preston, Global Sustainability Leader, PwC
Jimmy Pang, President, Global Government Affairs, Huawei
Roelof Westerbeek, President, Asia Pacific, Amcor
Andrew McConville, ‎Head of Corporate Affairs, Syngenta Asia Pacific
Fokko Wientjes, Vice-President Nutrition Emerging Markets, DSM
Michelle Gyles-McDonnough, Resident Coordinator in Malaysia, United Nations Development Programme
Ramesh Subramaniam, Deputy Director General, South-East Asia Regional Department, Asian Development Bank
Richa Mittal, Director, Research and Innovation, Fair Labor Association
Eric Falt, Assistant Director-General for External Relations and Public Information, UNESCO
James Lomax, Programme Management Officer, Agriculture, Food Systems, UNEP
Jane Badham, Ambassador, Scaling Up Nutrition Movement
Vikram Singh, Regional Director, Asia Pacific, 100 Resilient Cities
Agus Purnomo, Managing Director, Sustainability and Strategic Stakeholder Engagement, Golden Agri Resources
Steve Okun, Director of Public Affairs, Asia-Pacific, KKR
Jake Layes, Director, Global Lead Cleantech & Entrepreneur Impact, Head of Sustainability and Cleantech for AsiaPacific, Autodesk
Chia Boon Chong, Associate Director, Group CSR, SingTel
Tod Gimbel, Vice-President Government Affairs, Asia Pacific, Herbalife
George Tanasijevich, President and Chief Executive Officer, Marina Bay Sands Singapore
Jo LeCouilliard, SVP & Area Director, Asia Pacific Region, GlaxoSmithKline
SDG workshops will be facilitated by UNDP, Scaling Up Nutrition, WHO, UNESCO, UN Women, WWF Water Stewardship, Sustainable Energy 4 All, Fair Labor Association, Asian Development Bank, UN ESCAP, 100 Resilient Cities, UNEP, Conservation International, WWF Coral Triangle and The Nature Conservancy. National commitments and progress will be presented across each of the 17 SDG workshops by regional Government representatives from Singapore, Indonesia, Vietnam, Malaysia, New Zealand, China, South Korea, Fiji, Australia and Cambodia.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Festa Medievale – “Alla Corte di Fieramosca”

Posted by fidest press agency su sabato, 3 settembre 2016

festa medievaleDomenica 4 Settembre 2016 a Mignano Monte Lungo torna a prendere vita la “Corte di Fieramosca” , la festa medievale ispirata al passaggio del celebre condottiero che dopo la vittoria sui Francesi nel 1504, fu di passaggio nei feudi locali.
Sin dal pomeriggio il centro storico sarà animato da un ricco calendario di attività, che appassioneranno sia gli amanti delle rievocazioni storiche sia il pubblico interessato a trascorrere na giornata tra giochi, animazioni a tema e piatti della tradizione. La festa inizierà alle ore 17:00 con il Corteo in costume che partirà dalla suggestiva “Porta Fratte” dove si riuniranno le 10 contrade partecipanti e poi toccherà le vie del centro del paese, in una colorata sfilata caratterizzata da gonfaloni, centinaia di figuranti in abiti nobili e da popolani, affiancati dai Maestri Sbandieratori dei Casali di Minturno.
Davanti al Palazzo Municipale in Piazza Don Pezzoli avverrà l’incontro tra la corte di Ettore Fieramosca e Consalvo, Delegato del Re, e da lì il corteo proseguirà arrivando alle ore 19:00 in Piazza Martiri. Qui si svolgerà l’atteso Torneo delle Contrade, con giochi a tema come la battaglia delle torri e soprattutto la tradizionale Gara di tiro con l’arco che assegnerà il trofeo più ambito.I giochi si alterneranno a spettacoli vari, con performance di fachirismo e mangiafuoco del Grande Zeno, il duello tra cavalieri della Compagnia del Feudo ed esibizioni coreografiche degli Sbandieratori di Minturno. Nelle stesse ore a Piazza Croce saranno in piena attività le Locande Medievali, con stand che proporranno portate tipiche a prezzi popolari.
L’area ristoro sarà aperta già dalla sera di sabato 3 settembre per essere poi il fulcro dei festeggiamenti domenica 4 settembre con tutte le contrade partecipanti ed il pubblico di spettatori che accorrerà ad assistere all’evento, dopo il grande successo dell’anno scorso.Sempre in Piazza Croce, sin dal pomeriggio del 4 settembre, sarà possibile divertirsi con esercitazioni di tiro con l’arco, duelli di spade ed altre attività ricreative pensate in particolare per famiglie e bambini. (foto festa medievale)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Giornata Mondiale della Fisioterapia

Posted by fidest press agency su sabato, 3 settembre 2016

associazione fisioterapistiLe mani giuste questo è l’head line della campagna targata AIFI (Associazione Italiana Fisioterapisti) che oggi parte e che raggiungerà il suo culmine in occasione della giornata mondiale della fisioterapia prevista per l’8 settembre pv.
La WCPT (World Confederation for Physical Therapist) è il promotore ufficiale della giornata da ormai diversi anni. La Giornata Mondiale della Fisioterapia consente ai fisioterapisti e alle organizzazioni di tutto il mondo dicelebrare il loro contributo allasalute delle persone. In Italia AIFI aderisce con tutte le proprie sedi regionali che stanno organizzando eventi per sensibilizzare il cittadino sia sul ruolo del fisioterapista nella propria salute sia su quanto questa sia messa a repentaglio dall’alta percentuale di abusivi presenti sul territorio.Di qui la scelta dello slogan #LeManiGiuste che si svilupperà su diversi canali di promozione dai social network, alla campagna mezzi, affissioni etc. La campagna avrà come protagonista un testimonial d’eccezione Beatrice Vio, campionessa mondiale di fioretto individuale paralimpico.“Il fisioterapista è un professionista che lavora in moltissimi ambiti della riabilitazione – dichiara Mauro Tavarnelli, Presidente AIFI – ma spesso il cittadino non lo sa. Per esempio, può andare dal fisioterapista anche per prevenire il mal di schiena; oppure se ha problemi di incontinenza, il fisioterapista può aiutarlo. E questo può farlo mettendosi in mani sicure, ovvero, un fisioterapista “giusto” perché legalmente riconosciuto, quindi laureato e competente. Saranno i FisioTipTop (cartoline illustrate) distribuiti per la prima volta in tutta Italia ad avere il compito di informare il cittadino con consigli pratici, chiarimenti circa il lavoro del fisioterapista e dei suoi diversi ambiti.
L’8 settembre sarà anche l’occasione per AIFI per festeggiare il suo 57esimo anno di attività, periodo in cui si è battuta e continua a farlo per la tutela della professionalità del fisioterapista e di conseguenza della salute del cittadino.
LeManiGiuste è la campagna diretta al cittadino ma anche ai medici, alla loro federazione maggiormente rappresentativa la FIMMG (Federazione Italiana di Medici di Medicina Generale) con la quale molte sedi regionali AIFI hanno stipulato specifici protocolli di intesa, affinché non si trascuri nulla nella lotta contro l’abusivismo.In tutti gli studi dei fisioterapisti AIFI si potranno trovare ulteriori informazioni e il materiale iconografico prodotto. (foto: le mani giuste)

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sea Shepherd Global annuncia l’undicesima Campagna Antartica in Difesa delle Balene: Operazione Nemesis

Posted by fidest press agency su sabato, 3 settembre 2016

Ocean WarriorAmsterdam. A dicembre il gruppo per la conservazione marina Sea Shepherd Global invierà le proprie navi in Oceano del Sud, per la sua undicesima campagna di azione diretta in difesa delle balene.Nel 2014 una sentenza storica emessa dalla Corte Internazionale di Giustizia (ICJ) dell’AIA ha dichiarato che il programma giapponese di caccia alle balene in Antartide non ha alcuna valenza scientifica, a dispetto delle loro dichiarazioni secondo cui la caccia alle balene sarebbe a fini di ricerca scientifica. I giapponesi sono anche stati imputati di oltraggio alla Corte Federale Australiana per le uccisioni di balene nel Santuario dei Cetacei Australiano.“Se non riusciamo a fermare la baleneria in un riconosciuto santuario delle balene, in violazione di leggi sia australiane che internazionali, allora che speranza abbiamo di proteggere gli oceani del mondo?” ha dichiarato Jeff Hansen, Direttore Generale di Sea Shepherd Australia. “Dobbiamo opporre resistenza e proteggere le balene con tutte le nostre risorse”.Dopo un anno di interruzione della caccia alle balene, la flotta baleniera giapponese è ritornata in Antartide la scorsa stagione, nonostante fosse il loro rivisto programma di ricerca fosse stato rigettato dalla Commissione Baleniera Internazionale, uccidendo 333 Balenottere minori, di cui oltre la metà erano femmine gravide.“La comunità internazionale ha avuto due anni di tempo per Dead Minke Whalesassicurarsi dell’adeguamento del Giappone alle decisioni della Corte Internazionale di Giustizia“, ha detto il Capitano Peter Hammarstedt, Presidente di Sea Shepherd Australia. “Ma alla fine dell’anno la flotta baleniera giapponese salperà ancora una volta dal Giappone con le balene nel mirino dei propri arpioni”.Delusa della mancanza di azione da parte della comunità internazionale, Sea Shepherd Global si sta preparando a ritornare in Oceano del Sud per proteggere le balene con un nuovo pattugliatore, la Ocean Warrior. Costruita con il supporto finanziario della Lotteria Olandese dei Codici Postali, della Lotteria svedese Svenska Postkod Stiftelsen e della Lotteria inglese People’s Postcode Lottery, la Ocean Warrior è la nave più veloce della flotta di Sea Shepherd Global.“Per la prima volta avremo la velocità per raggiungere e superare le navi arpionatrici giapponesi, consapevoli del fatto che la velocità può essere il fattore decisivo per salvare le vite delle balene in Oceano del Sud”, ha dichiarato il Capitano Alex Cornelissen, CEO di Sea Shepherd Global. Sea Shepherd stima di aver già salvato più di 5.000 balene nelle precedenti campagne Antartiche.
La Ocean Warrior arriverà in Australia alla fine dell’anno per sottoporsi ai preparativi finali per la campagna di azione diretta in Antartide 2016/2017. “Il nome dell’undicesima Campagna di Sea Shepherd in Difesa delle Balene in Oceano del Sud sarà Operazione Nemesis, dal nome della Dea Greca dispensatrice di inesorabile giustizia”, ha annunciato Hammarstedt. (foto: Ocean Warrior, Dead Minke Whales)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

HYPERLINK: Web Radio Festival

Posted by fidest press agency su sabato, 3 settembre 2016

WebRadioFestivaldRoma. Il 24 settembre 2016 dalle ore 10:00 alle ore 22:00 presso lo spazio Roma Eventi Piazza di Spagna, in Via Alibert, 5A torna a Roma il HYPERLINK “http://www.webradiofestival.it/” Web Radio Festival, il primo evento al mondo interamente dedicato al mondo delle Radio Online. La terza edizione della manifestazione, ideata e organizzata da HYPERLINK “http://www.radiospeaker.it” Radiospeaker, sito leader in Italia per l’informazione e la formazione radiofonica.
Obiettivo del Festival è quello di approfondire tematiche legate al mondo delle web radio, come gli ultimi software o i migliori tool da usare, o la gestione dei canali social, ma anche quello di dare spazio a nuovi speaker e nuove realtà, assegnando premi per le categorie Miglior Web Radio Musicale, Miglior Web Radio di Programmi, Miglior Speaker Maschile, Miglior Speaker Femminile, Miglior Podcast. Tra i giurati che valuteranno i concorrenti ci sarà anche il Trio Medusa, il noto trio comico composto da Gabriele Corsi, Furio Corsetti e Giorgio Maria Daviddi, ogni mattina in onda su Radio DeeJay.Numerosi ospiti provenienti dal panorama radiofonico italiano, che prenderanno parte ai workshop nel corso della giornata, come Elettra Marconi (figlia dell’inventore della radio Guglielmo Marconi), Dino Brown e Fabrizio Tamburini (M2O, Radio Partner dell’evento), Danny Stucchi (Radio Capital), Lucio Scarpa e Giorgio d’Ecclesia (Radio Globo), Paolo Noise e Angelo Colciago De Robertis (Radio 105), Daniele Tognacca (R101) e Filippo Solibello (Radio 2 Rai).Nel corso delle prime edizioni, il Festival ha riscosso un interesse crescente da parte del pubblico e degli operatori di settore, arrivando a registrare oltre 1500 presenze, 250 radio coinvolte e 400 speaker nell’edizione 2015, e gli organizzatori stimano dati in aumento per l’evento di settembre. (foto: WebRadioFestival)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Anna Strömberg joins Catella’s fund management operations

Posted by fidest press agency su sabato, 3 settembre 2016

Erik KjellgrenAnna Strömberg has been appointed as a new portfolio manager at Catella’s fund management operations. Anna has many years of experience as a manager of both Swedish and global equity portfolios, combined with excellent knowledge in sustainability and responsible investment. Anna joins us from Nordea.“We are pleased and proud to be able to announce Anna Strömberg as a new portfolio manager at Catella’s fund management operations. Catella has high ambitions for its fund management and, with her solid background in portfolio management and sustainability, Anna will be an excellent complement to the existing team,” says Erik Kjellgren, head of the Swedish fund operations.“We have chosen to recruit an individual with extensive experience of managing equities, combined with excellent knowledge of sustainability. Our clients these days demand strong procedures for sustainability, and we therefore have a clear ambition to also improve in this area. It is important for sustainability efforts to be truly integrated into the management process, and Anna’s extensive experience of portfolio management is therefore central. Anna will have a broad role in our operations in order to enhance the general focus on sustainability, and she will also have her own defined portfolio management responsibilities as an important part of the team surrounding the Catella Reavinstfond fund,” says Erik Kjellgren.Anna Strömberg has 18 years of experience in the management of Swedish and global equities, often in concentrated portfolios based on fundamental analysis. Anna has broad sector knowledge and is familiar with analysing stocks globally. Anna joins us from a role at Nordea Responsible Investments, where she worked to develop and operate the processes of sustainability analysis at Nordea and to improve integration between the equity and ESG teams. (photo: Erik Kjellgren)

Posted in Estero/world news, recensione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il presidente Mattarella all’IRCCS per il ventennale

Posted by fidest press agency su sabato, 3 settembre 2016

ospedale bresciaBrescia 6 settembre 2016 il presidente della Repubblica sarà in visita privata all’Irccs Fatebenefratelli. Il Centro San Giovanni Di Dio – Fatebenefratelli di Brescia è un Istituto di ricovero e cura a carattere scientifico (Irccs) dal 19 dicembre del 1996, quando il ministro della Sanità Rosy Bindi firmò il decreto con cui l’istituto Sacro Cuore di Gesù di Brescia – allora si chiamava così – diventava il primo e tuttora unico Irccs specializzato nella riabilitazione psichiatrica e nella riabilitazione della malattia di Alzheimer. Quella data viene festeggiata quest’anno con un ricco programma di iniziative scientifiche e culturali, di cui la visita del presidente Mattarella, nel pomeriggio del 6 settembre, costituisce il coronamento. La scelta del capo dello Stato di dedicare a questa istituzione lombarda e nazionale una visita nell’ambito della giornata dedicata a Brescia conferma l’importanza dell’Irccs Fatebenefratelli per la sanità e per la società italiana ma soprattutto la sensibilità del Presidente verso tanti italiani, che si misurano quotidianamente con il dramma della malattia psichiatrica, come pazienti o famigliari. Lo scorso 11 luglio l’IRCCS era stato oggetto di una visita del Ministro della Salute Beatrice Lorenzin.
«Per i Fatebenefratelli – commenta fra Massimo Villa, superiore della provincia Lombardo-Veneta dell’Ordine di San Giovanni di Dio – Fatebenefratelli, cui appartiene l’Istituto – questa istituzione ha una particolare importanza, in quanto le ricerche e le cure prestate all’IRCCS realizzano pienamente il carisma di San Giovanni di Dio, che fu internato in un manicomio e ai malati psichiatrici della Spagna cinquecentesca decise di rivolgere le sue attenzioni, fondando l’Ordine Ospedaliero che porta il suo nome».
Attualmente, l’IRCCS Fatebenefratelli si compone di diverse realtà: le comunità psichiatriche, due centri diurni, un ospedale che dispone di una unità operativa di psichiatria riabilitativa e di una unità operativa per la riabilitazione dei pazienti affetti dal morbo di Alzheimer, ambulatori di geriatria, neurologia e psichiatria e una macroattività ambulatoriale. Fondato nel 1882 come Istituto Sacro Cuore di Gesù, in base a un lascito destinato alla cura dei malati “alienati”, nel 1978, con la riforma psichiatrica, attraversò un profondo cambiamento, caratterizzato da uno sforzo importante nella formazione degli operatori, dal rinnovamento degli edifici e dall’attivazione di progetti sperimentali, tra l’altro entrando in un progetto pilota della regione Lombardia per lo studio dell’Alzheimer. In quegli anni iniziava anche la proiezione internazionale nella ricerca scientifica, che portò l’istituto ad attivare numerose collaborazioni con altri enti ospedalieri e di ricerca scientifica, italiani e stranieri, e che condusse, vent’anni or sono, al riconoscimento dell’IRCCS.
Ogni anno il Fatebenefratelli di Brescia cura oltre 6.000 pazienti negli ambulatori, gestisce 10 unità di ricerca (Genetica, Marcatori molecolari, Neurofisiologia, Neuropsicologia, Psichiatria, Psichiatria epidemiologica e valutativa, Psichiatria biologica, Riabilitazione Alzheimer, Neuroimmagine e Epidemiologia Alzheimer) e 5 servizi di ricerca (Clinical trials, Biobanca, Bioetica, Statistica e Biblioteca scientifica). Lo staff è composto da un centinaio di ricercatori sotto la guida del direttore scientifico professor Stefano Cappa.
L’IRCCS è un centro leader nella ricerca in psichiatria e demenze ed è una realtà scientifica ed ospedaliera internazionale che fa dell’integrazione tra clinica e scienza il suo punto di forza. «Come voleva san Giovanni di Dio – spiega il direttore generale fra Marco Fabello – investiamo risorse ed energie per garantire le migliori terapie ai poveri ammalati, perché fare loro del bene è fare del bene a tutta la società». Concetti scolpiti nella Carta d’Identità dell’ordine ospedaliero: «Il nostro apporto alla società sarà credibile nella misura in cui sapremo incarnare i progressi della tecnica e l’evoluzione delle scienze” (pagina 81).
Quello bresciano è stato il primo IRCCS in Italia ad essere accreditato dalla prestigiosa Joint Commission International, che tuttora ne certifica l’elevata qualità.
Il Servizio di Formazione è accreditato ISO ed è riconosciuto dal ministero della Salute.
Sotto il profilo assistenziale, l’IRCCS comprende:
6 Comunità psichiatriche ad alta assistenza per 120 posti letto
3 Comunità psichiatriche a media assistenza per 60 posti letto
1 Unità ospedaliera di Riabilitazione psichiatrica per 20 posti letto
1 Unità ospedaliera di Riabilitazione Alzheimer per 40 posti letto
1 Centro diurno psichiatrico di 15 posti
1 Centro diurno geriatrico per 25 posti
Il personale di assistenza si compone di circa 290 operatori coadiuvati da una cucina in gestione e dal servizio di sanificazione a contratto con una cooperativa sociale.

Posted in Uncategorized | Leave a Comment »

Referendum: I cattolici per il NO

Posted by fidest press agency su sabato, 3 settembre 2016

costituzione1By Nicola Colaianni. Come cambia la democrazia è come cambia la Costituzione, perché, nella magistrale definizione della dichiarazione dei diritti dell’uomo del 1789, “la società nella quale la garanzia dei diritti non è assicurata, né la separazione dei poteri determinata, non ha Costituzione”.
L’argomento maggiormente speso per rassicurare sulla riforma costituzionale in atto è che essa neppur minimamente tocca la prima parte, quella dei diritti, che motiva la retorica da palcoscenico della “Costituzione più bella del mondo”. In realtà, la parte dei diritti non c’è bisogno, né possibilità, di toccarla perché da tempo non è più nelle nostre mani, nella disponibilità legislativa del nostro Parlamento – come di ogni Parlamento nazionale. Sta nelle mani di forze globali, transnazionali, nel potere economico-finanziario che si esprime nel FMI, nel G8, nella BCE, nella Commissione europea e, a livello non istituzionale, nelle società multinazionali. Nel campo dei diritti fondamentali la lex superior non è più la Costituzione, è la lex mercatoria, formata dai mercati finanziari. Ad essa è ormai sottordinato il titolo III della Costituzione sui rapporti economici: l’art. 36 sulla retribuzione tale “in ogni caso da assicurare al lavoratore e alla sua famiglia un’esistenza libera e dignitosa” è di fatto modificato dal precariato, partite iva, voucher…; l’art. 41 sul non contrasto dell’iniziativa economica con l’utilità sociale e con la sicurezza e la dignità umana è ormai in crisi e tanto più lo sarà, per esempio, con trattati come il TTIP, che mette a repentaglio il controllo governativo dei mercati, limitando la sovranità legislativa dei paesi europei in caso di “perdita di profitto” delle imprese. Ma sotto tiro è anche il titolo I della Costituzione sui rapporti civili: la giusta preoccupazione per il ripetersi dei sanguinosi attacchi terroristici motiva, come di recente, direttive europee sull’adozione di misure di controllo della libertà di espressione per evitarne effetti giustificatori o glorificatori, rimuovendo o bloccando l’accesso alle pagine web; una recente sentenza della Corte di giustizia (sul caso Taricco) bypassa il principio costituzionale di legalità in materia penale (art. 25: benchè sia stata perciò sollevata una questione di costituzionalità).
Insomma la modifica della prima parte della Costituzione, come avvertono sulla loro pelle soprattutto i soggetti deboli della società, sta avvenendo da tempo sia pure in forma strisciante. Il problema diventa allora quello di modificare la seconda parte per adattare l’ordinamento della Repubblica a questo ribaltamento del rapporto tra politica ed economia. Evidente, infatti, è come questo processo non sia agevolato, ma anzi venga resistito da quel sistema di separazione e di policentrismo dei poteri, di pesi e contrappesi, di regole e di controlli, che caratterizza il costituzionalismo contemporaneo. Occorre uscirne, superare almeno il bicameralismo paritario e il conflitto permanente Stato-Regioni originato dalla riforma del titolo V della Costituzione. Maggiore concentrazione delle competenze legislative nello Stato, quindi, ma, contemporaneamente, riduzione degli organi parlamentari e verticalizzazione del potere in senso governativo: effetto, quest’ultimo, agevolato in maniera determinante anche dal nuovo sistema elettorale a forte carattere maggioritario, che darà al capo del governo il controllo pieno del 55 per cento della Camera, unico organo deputato a dare la fiducia a chi in realtà è il suo dominus.
Che il sistema attuale non sia abbastanza “decidente” è in buona misura propagandistico: se la maggioranza è coesa i tempi sono rapidi, tanto che l’attuale governo si vanta giustamente (a parte la discutibilità del merito) di aver approvato in due anni leggi che non si approvavano da venti: dal mercato del lavoro alla pubblica amministrazione, dalla Rai al sistema elettorale, alla stessa riforma costituzionale, perfino alle unioni civili. Ma, ammesso che non basti e che criticità permangano, la questione è come uscirne: come cambia la democrazia, appunto. Male, e non perché si sia conservatori dell’attuale “bicameralismo perfetto”: anzi molti critici auspicano il monocameralismo, effettivamente preferibile se accompagnato da forti contrappesi, come ad esempio una legge elettorale proporzionale con sbarramento. Male, invece, perché, nel merito, di gran lunga prevalenti sono gli aspetti critici.
Il nuovo riparto di competenze tra Stato e Regioni è sbilanciato sproporzionatamente a favore dello Stato, che ha competenza esclusiva su equivoche “disposizioni generali e comuni” in una serie di materie (governo del territorio, istruzione, salute, politiche sociali, sicurezza alimentare, attività culturali e turismo) e può inoltre intervenire anche in tutte le altre quando ravvisi esigenze di tutela non solo dell’unità giuridica o economica della Repubblica ma anche di un asserito “interesse nazionale”. In tutti questi casi, arbitrati dal Governo e dalla Camera, le Regioni si ridurranno a poco più che organi amministrativi, senza che su tale “demansionamento” possano intervenire i loro rappresentanti nel nuovo Senato.
Questo, invero, sarà bensì composto da sindaci (trasformati con un tratto di penna da semplici amministratori in legislatori part time) e consiglieri regionali, ma scelti in base ad appartenenze partitiche – per cui voteranno senza vincolo di mandato espressivo delle istituzioni regionali. Questa sorta di dopolavoro sarà privo di poteri effettivi nelle materie rilevanti per la realizzazione di un regionalismo solidale ma in compenso, pur senza investitura popolare come una Città Metropolitana qualunque, avrà potere perfino sulle riforme costituzionali ed eleggerà in proprio due giudici della Corte. E godrà, inoltre, di un potere interdittivo, al limite ostruzionistico, nei confronti della Camera nell’ambito della pluralità di procedimenti legislativi (se ne contano otto), che con un’eterogenesi dei fini ha trasformato la conclamata semplificazione in una inedita e pasticciata complicazione.
A dare la fiducia sarà solo la Camera: e questo va bene. Ma la maggioranza, grazie al cosiddetto Italicum a forte effetto maggioritario a favore di una sola lista, quella del presidente del consiglio, sarà sotto il controllo pieno del governo. La cui influenza sull’esercizio dell’attività legislativa sarà ulteriormente accentuata: infatti, alla già esistente possibilità di utilizzare i decreti-legge e i voti di fiducia anche su materie non rientranti nel suo programma (come di recente sulle unioni civili), alle già attuate forzature parlamentari come il contingentamento dei tempi di discussione e i maxiemendamenti o emendamenti –canguro (che vanificano l’obbligo costituzionale di approvare le leggi articolo per articolo), si aggiungerà ora il voto con priorità e a data certa sui disegni di legge dichiarati dal governo come essenziali per l’attuazione del suo programma. La Camera diventerà, in sostanza, un organo di ratifica dell’operato del governo.
Per riepilogare: a) la funzione legislativa si sposta in una serie di materie nominate, e anche nelle altre tutte le volte che il Governo ravvisi un interesse nazionale, dalle periferie al centro; b) qui, nella stragrande maggioranza dei casi, la competenza esclusiva a legiferare è della sola Camera, a maggioranza – grazie al sistema elettorale fortemente maggioritario – della lista governativa; c) perciò a condurre gli equilibri, a cominciare dall’ordine del giorno, è il Governo e, in particolare, il suo capo, leader della lista di maggioranza. Questa vertiginosa concentrazione di potere sarà favorita poi dall’indebolimento dei tradizionali contrappesi conseguente alla diminuzione del numero dei parlamentari: il quale determinerà, infatti, un forte abbassamento dei quorum previsti per l’elezione del Presidente della Repubblica e dei componenti del CSM (da 570 voti a 438, destinati ad abbassarsi se calcolati sui soli votanti) e dei giudici costituzionali (da 570 ad appena 60 per quelli eletti dal Senato e a 378 per quelli della Camera, praticamente alla portata dei 340 voti della lista di maggioranza).
Altri punti critici sono stati condivisibilmente evidenziati da chi si oppone alla riforma e non è il caso, quindi, di ripeterli. Interessa piuttosto evidenziare che questo cambiamento in senso centralistico e verticistico della democrazia viene motivato come funzionale al miglior controllo delle politiche di spesa e alla diminuzione così del debito pubblico. Che è ciò che volevasi dimostrare: il ribaltamento del rapporto tra politica ed economia. E in ragione di questo obiettivo à la page si dovrebbe passar sopra alle illogicità, incongruenze o, eufemisticamente, “imprecisioni” della riforma: che perciò non è da “sacralizzare” ma anzi da sottoporre a “successive modifiche migliorative” (così, per citare un fautore non politico, il gesuita Occhetta sulla “Civiltà cattolica”). Ma questo calumet della pace, offerto per sdrammatizzare, non funziona. Invero, proprio la previsione di modifiche, nel momento stesso di approvarla, riduce la Costituzione ad una legge tra le altre, transitoria e priva di rigidità, miope e non presbite, nella disponibilità delle maggioranze del momento.
Che le revisioni della Costituzione non debbano essere espressione di un contingente indirizzo di governo, e che quindi il referendum non debba trasformarsi in un prebiscito a suo favore o contro, è concetto confinato ormai tra le cianfrusaglie dal nuovo costituzionalismo à la carte, che si fa strada all’insegna dell’”abbiamo i numeri”. E’ la “monarchia del Numero”, contro la quale metteva in guardia Tocqueville, che sostituisce “la superiorità della determinazione in sede di Costituzione di fronte alle effimere maggioranze parlamentari” (citazione sorvegliata: non è di uno dei “professoroni”, ma di uno dei “professorini” alla Costituente Aldo Moro). (Nicola Colaianni)

Posted in Spazio aperto/open space | Leave a Comment »

The event that hit Central Italy on August 24

Posted by fidest press agency su sabato, 3 settembre 2016

terremotoPonzoni: “An event like that of August 24 isn’t supposed to cause victims: scientific and technical knowledges are now at a point that we can create buildings and structures capable of dynamically endure these events. But this can only happen if you have a good knowledge of the underground of the area ” “A significant event of magnitude as the one that occurred on August 24 must not make victims: the scientific technical knowledge is now such that you can create buildings and structures capable of dynamically endure these events.
But this can only happen if you have a good knowledge of the structures present in the ground: that is, if the city is built on “soft ground ” or alluvial, or hard as rock masses, if there’re potential site effects or not, if there’re risks collateral seismic induced etc. “, said Gabriele Ponzoni, General Secretary of the European Federation of geologists and National Council of geologists.“The event that hit Central Italy on August 24, – continued Ponzoni – once again reminds us that Italy, as well as many other countries in the world, is highly exposed to natural hazards and how greatly vulnerable it is, in particular to earthquakes;
Unfortunately earthquakes remind us, also, that the anthropic development can not take place without extensive and deep knowledge about the territory, with a special focus on geology, in a wider scientific and geotechnical meaning. So a first step might be to: 1) Complete the geological mapping, 2) complete the seismic micro-zoning studies 3) establish the dossier of Building, 4) redevelop the entire production chain of construction.
Once again it becomes clear that the figure of geologist is critical in a modern society: he’s a key element for economic development and (and this case proves it) he’s also an element strategic for development the security of own populations.
In a few words, now it seems clear that the geologist can provide with his help and support in the planning and design of the cities of the future and give his particular contribution for the economic defense of all life and goods enclosed in the territory”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Apertura straordinaria del cantiere di restauro della Sala delle fatiche di Ercole

Posted by fidest press agency su sabato, 3 settembre 2016

Museo Nazionale del Palazzo di VeneziaRoma Sabato 3 settembre 2016, dalle ore 10.00 alle 13.00 sarà possibile visitare il cantiere di restauro della Sala delle Fatiche di Ercole, all’interno del Museo Nazionale del Palazzo di Venezia a Roma. Una visita eccezionale, che permetterà di accedere, grazie ai ponteggi, alla visione da vicino del soffitto ligneo e del fregio dipinto che decorano una delle sale più interessanti di Palazzo Venezia.Il restauro è stato finanziato dalla Fondazione Silvano Toti attraverso una donazione liberale ed ha la direzione scientifica del Polo Museale del Lazio, istituto del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.Un progetto estremamente importante perché rappresenta uno dei primi veri e propri restauri scientifici a Palazzo Venezia: non solo un cantiere di restauro ma anche un cantiere di ricerca e studio che permetterà di conoscere la fase artistica del Palazzo, studiato fin ad ora principalmente dal punto di vista architettonico.Il restauro degli affreschi costituisce un tassello fondamentale per la ricostruzione della cultura artistica della Roma Quattrocentesca e dell’attività del Mantegna nella città eterna.La Sala delle Fatiche di Ercole è collocata al piano nobile dell’edificio, all’estremità dell’appartamento di Pietro Barbo; era ufficialmente destinata alla custodia dei paramenti sacri del Pontefice e perciò detta anche Sala dei Paramenti. Il nome odierno si deve al fregio a fresco che decora la parte alta delle sue pareti e che appunto illustra, intervallate da quattro fontane con amorini, in otto riquadri, alcune delle dodici mitiche fatiche, vale a dire Ercole e il leone Nemeo, Ercole e Anteo, Ercole e i buoi di Gerione, Ercole e Gerione, Ercole e il drago Ladone, Ercole e la cerva di Cerinea, Ercole e gli uccelli di Stinfalo ed infine Ercole e il centauro Nesso.Il ciclo delle Fatiche di Ercole ha una rimarchevole importanza sotto il profilo storico e artistico, che va oltre la sua pur indiscutibile qualità. Esso fu dipinto da un artista ancora anonimo, probabilmente di origine settentrionale. In passato, più di uno studioso ha voluto collegarlo in via diretta o almeno indiretta ad Andrea Mantegna; altri invece hanno pensato a un miniatore della corte pontificia.L’intervento di restauro, affidato con bando pubblico a L’OFFICINA, Consorzio di restauro e conservazione opere d’arte e diretto da Paolo Castellani, storico dell’arte del Polo Museale del Lazio, riguarda la disinfezione e disinfestazione della parte lignea del soffitto, la pulitura della parte pittorica, il consolidamento dell’intonaco e della pellicola pittorica, la revisione delle integrazioni delle lacune relative a precedenti interventi di restauro e successive eventuali reintegrazioni. È in atto anche una campagna di indagini diagnostiche e di rilievo grafico delle tecniche di esecuzione delle decorazioni.La Fondazione Silvano Toti porta avanti da anni l’impegno in campo culturale e scientifico operando per la promozione e la salvaguardia del patrimonio culturale, artistico ed ambientale di tutte le civiltà e per il progresso nel campo sociale e la Museo Nazionale del Palazzo di Venezia1tutela dei diritti dell’uomo, con particolare riferimento alle categorie più svantaggiate. Tra le attività promosse dalla Fondazione Silvano Toti, si ricorda la realizzazione del Silvano Toti Globe Theatre, il teatro elisabettiano di Villa Borghese donato alla città di Roma, e l’impegno a sostegno delle Società Genextra che opera nel campo della ricerca sulle malattie legate all’invecchiamento e sulla rigenerazione cellulare.Il Polo Museale del Lazio, istituito nel 2014 nell’ambito della recente riforma del MIBACT e attivo dal 9 marzo del 2015 con la direzione di Edith Gabrielli, ha il compito di gestire gli oltre quaranta luoghi della cultura statali di Roma e del Lazio che gli sono stati assegnati, incluso appunto il complesso di Palazzo Venezia, come pure di coordinare tutti i soggetti pubblici e privati impegnati nell’ambito dei beni culturali sul territorio regionale. In tal senso il rapporto con la Fondazione Toti e questo restauro in particolare assumono un significato rimarchevole. “L’intesa con la Fondazione Toti – spiega il Direttore Edith Gabrielli – sottolinea l’ormai raggiunta maturità del Polo Museale del Lazio e la sua connessa, effettiva capacità di ‘fare sistema’ con la società civile, ai fini di costituire un vero e proprio sistema museale integrato. D’altro canto, essa rappresenta un ulteriore passo in avanti in quel rilancio del Palazzo, per il quale fin dal 2015 è stato elaborato un piano museologico complessivo, d’intesa con l’architetto Sonia Martone, Direttore del Museo”.L’accesso al cantiere è libero e gratuito fino a esaurimento posti.Le visite potranno essere prenotate dal lunedì al venerdì dalle ore 9.30 alle ore 13.00 e dalle ore 14.00 alle ore 16.00 ai seguenti recapiti telefonici: 06/69994284-283-215
Prossime aperture e visite al cantiere:sabato 17 settembre, ore 10.00 – 13.00 sabato 8 ottobre, ore 10.00 – 13.00 (foto: Museo Nazionale del Palazzo di Venezia)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Asile et réfugiés: en route vers “Dublin IV”

Posted by fidest press agency su sabato, 3 settembre 2016

dublinoL’afflux massif de migrants a révélé les faiblesses existantes du régime d’asile européen commun (RAEC) et d’un de ses piliers, le système de Dublin. Bien qu’il existe des normes européennes communes, les choses se passent bien différemment en pratique. Les taux de reconnaissance divergents au sein des États membres encouragent les mouvements secondaires irréguliers des demandeurs d’asile. Un mécanisme de partage des responsabilités et des coûts entre les États membres fait également défaut.Compte tenu de ces faiblesses et des profondes implications pour la sécurité et le fonctionnement de l’espace Schengen, l’Union européenne a lancé, au printemps 2016, un processus de réforme. Ce Policy paper d’Henrik Enderlein et Nicole Koenig, respectivement directeur et chercheur au Jacques Delors Institut – Berlin, notre bureau en Allemagne, vise à contribuer à ce processus en proposant la “meilleure” solution pour une révision globale du système de Dublin, qui comprend des mesures dans les domaines de la protection des frontières, de la sécurité intérieure et de la coopération extérieure.Notre proposition repose sur la conviction que l’afflux constant de migrants constitue un enjeu européen indivisible appelant à une réponse collective. Cette réponse devrait être axée sur des normes communes et mettre en pratique de manière efficace les principes de solidarité et de partage des responsabilités.Concrètement, cette proposition repose sur cinq grands piliers :
Une harmonisation des normes de jure et de facto au travers d’un statut d’asile européen unique et d’une agence européenne pour l’asile autonome et renforcée.
Un partage des responsabilités plus juste grâce à un mécanisme de relocalisation qui tienne compte aussi bien des préférences des États membres que de celles des réfugiés.
Une protection complète des frontières extérieures de l’UE dans le cadre d’une protection européenne renforcée des frontières et des côtes et d’une coopération plus étroite dans le domaine de la sécurité intérieure, notamment au niveau de l’échange d’informations, de la lutte contre le terrorisme et de la coopération des services de renseignement.
Un meilleur partage global des responsabilités par le biais d’une aide étendue aux pays d’origine et de transit, d’un programme de réinstallation élargi et de voies d’accès légales plus accessibles pour les migrants économiques.
Une répartition de la charge financière efficace à l’aide d’un Fonds Schengen global comportant quatre programmes thématiques : Asile et Intégration ; Frontières extérieures ; Sécurité intérieure et Coopération extérieure.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Sisma: fronte comune per aiuto imprese e lavoratori

Posted by fidest press agency su sabato, 3 settembre 2016

terremotoInsieme per ripartire subito. Fipe – Federazione Italiana Pubblici Esercizi, insieme alle Parti sociali del settore turismo, scelgono di fare fronte comune per supportare concretamente tutti i lavoratori e le imprese che hanno subito gravi danni e perdite a seguito del terremoto che ha colpito parte del Centro Italia. Un impegno congiunto per fornire ai lavoratori e agli imprenditori coinvolti l’assistenza sindacale e l’affiancamento necessari a espletare le procedure burocratiche e amministrative e, soprattutto, per garantire la riparazione, il ripristino e la ricostruzione di alberghi, bar e ristoranti danneggiati dal sisma. “Nei territori coinvolti dai gravi fatti della scorsa settimana operano circa 10.000 imprese del turismo, che nel mese di agosto danno lavoro a circa 47.000 lavoratori dipendenti e accolgono ogni anno oltre 19 milioni di presenze turistiche, ita liane e straniere – dichiara il Presidente di Fipe Lino Enrico Stoppani -. Numeri che fanno capire quanto il turismo costituisca una risorsa vitale per questi territori: diventa pertanto importante, accanto alle tante lodevoli iniziative di sostegno e solidarietà messe in campo, agire a favore di una rapida ricostruzione del tessuto turistico e imprenditoriale nelle zone colpite”. Fipe, insieme a Federalberghi, Faita, Fiavet e Confcommercio, Filcams-Cgil, Fisascat-Cisl e Uiltucs, hanno siglato un accordo di collaborazione per arginare i danni del terremoto e fornire ogni assistenza utile ad aziende e lavoratori del settore turismo. “Ci mettiamo a completa disposizione di tutti gli operatori – prosegue Stoppani – per affiancarli nell’attivare gli strumenti previsti dal Contratto Collettivo Nazionale, stipulare accordi per la sospensione e riduzione dell’orario di lavoro, adottare, tramite l’Ente Bilaterale Nazionale del Turismo e del le sue articolazioni territoriali, interventi in favore dei lavoratori e dei datori di lavoro che siano rimasti privi di un alloggio o versino in situazione di grave disagio sociale”. Le realtà coinvolte chiedono inoltre che vengano assicurate adeguate risorse per il funzionamento degli ammortizzatori sociali e che le disposizioni che ne regolano l’accesso vengano modificate con urgenza per consentire, a tutte le tipologie di lavoratori (inclusi gli stagionali) l’erogazione delle prestazioni anche in deroga alle normali modalità. “Oltre ai supporti di natura sindacale – conclude Stoppani – richiediamo a Governo e istituzioni che, alle attività urgenti di primo soccorso e assistenza alle vittime faccia seguito prima possibile un censimento analitico dei danni subiti e dell’impatto causato sull’economia e l’occupazione del territorio, insieme all’impostazione di un progetto di salvaguardia e recupero delle attività economiche, condizione i mprescindibile per assicurare la permanenza in loco delle persone e favorire la ricostruzione dei centri abitati”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

19ma edizione delle “Vele d’Epoca”

Posted by fidest press agency su sabato, 3 settembre 2016

Helly HansenImperia. L’incantevole specchio d’acqua della baia d’Imperia sarà teatro dal 7 all’11 settembre prossimi della 19ma edizione delle “Vele d’Epoca”, appuntamento classico in Riviera nonché una tra le tappe più prestigiose del Panerai Classic Yachts Challenge, l’evento velico internazionale dedicato alle imbarcazioni d’antan. “Sempre al fianco di chi è appassionato di vela, Helly Hansen è partner tecnico della kermesse imperiese che vede protagonisti assoluti antichi gioielli del mare, veri e propri capolavori “flottanti” che hanno scritto pagine di storia della nautica mondiale. Una full immersion di sport e cultura a cui non poteva sottrarsi Helly Hansen, il brand norvegese leader mondiale nell’abbigliamento nautico, garanzia di assoluta affidabilità e performance”, dice entusiasta il Sailing Category Managing Director di Helly Hansen, Oyvind Vedvik. “Uno spettacolo impareggiabile di decine di vele al vento, barche preziose e inimitabili che il tempo ha reso immortali rispolverando l’antico spirito marinaro. “Siamo partner ufficiali di eventi completamente diversi: dalla vela del futuro come il GC32 Racing Tour con i suoi Match Race spettacolari, all’evento di Imperia in cui le antiche regine del mare sono pronte a sfilare e a sfidarsi” dice Michael Uhl, Marketing Director Europe di Helly Hansen. “Per noi è un vero onore essere i partner del Panerai Classic Yachts Challenge di Imperia. Abbiamo accompagnato i velisti per quasi 140 anni e non vogliamo mancare a questa tappa italiana che promette di essere un evento velistico davvero unico per gli spettatori e per gli equipaggi”.
Fondata in Norvegia nel 1877, Helly Hansen continua a sviluppare abbigliamento tecnico che aiuta a stare e sentirsi vivi. Grazie alle sue expertise negli ambienti più avversi del mondo, il brand ha sviluppato una lunga serie di innovazioni esclusive sul mercato, compresi i primi indumenti da lavoro impermeabili creati da quasi 140 anni, il primo tessuto in pile nel 1960 e il primo intimo tecnico nel 1970, con la Lifa® Stay Dry Technology™ e oggi, la brevettata e premiata tecnologia H2Flow per la regolazione della temperatura. Helly Hansen è leader nel settore dell’abbigliamento tecnico da vela e da sci. Le sue uniformi da sci sono indossate e consigliate da più di 50.000 professionisti, così come dalle nazionali di sci, squadre olimpioniche e in oltre 200 ski resort nel mondo. L’abbigliamento protettivo, l’intimo tecnico, lo sportswear e il footwear di Helly Hansen sono venduti in oltre 40 nazioni e utilizzati sia da professionisti che da entusiasti dell’outdoor. Per vedere le ultime collezioni Helly Hansen visitate: http://www.hellyhansen.com (foto: Helly Hansen)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ford con la grande equitazione al Longines Global Champions Tour di Roma 2016

Posted by fidest press agency su sabato, 3 settembre 2016

edgeRoma, nella suggestiva cornice dello Stadio dei Marmi “Pietro Mennea”, dall’8 all’11 settembre si terrà la nuova Edge, Official Transportation Car, al Longines Global Champions Tour di Roma, il circuito di concorsi di salto ostacoli più prestigioso del mondo. Il Longines Global Champions Tour, evento dove la passione per la disciplina sportiva,
la tradizione e il glamour convivono in perfetta armonia, riunisce i migliori 30 cavalieri dei mondo che si sfidano alla conquista di importanti premi, nei luoghi più incantevoli del pianeta. L’esclusivo concorso quest’anno farà tappa per la seconda volta nella capitale, dopo l’edizione 2015, anno in cui Roma si è aggiunta alle altre magnifiche location internazionali che ospitano l’evento.
Ford metterà a disposizione della manifestazione una flotta di 20 Edge, il nuovo SUV ‘full size’ dell’Ovale Blu, che valorizzerà gli spostamenti di cavalieri e personalità trasformandoli in esperienze premium e hi-tech, grazie ad esempio alla silenziosità assicurata dal sistema di riduzione attiva del rumore (Active Noise Control), che tramite specifici microfoni capta le onde acustiche del motore, della trasmissione e del vento e le annulla generando frequenze opposte.
edge1Inoltre sarà possibile ammirare, in anteprima nazionale, la nuova Ford Edge Vignale, la declinazione più elegante del SUV dell’Ovale Blu, disponibile nei raffinati Bianco Platinum e Ametista Scura, personalizzata dai caratteristici ed esclusivi stilemi Vignale, come le rifiniture cromate o nero-satinate e gli elementi in alluminio. Ford Edge Vignale si farà ammirare nei pressi dell’area dedicata a invitati ed autorità diventando protagonista, con i cavalieri del Longines Global Champions Tour, di un grande evento internazionale.La nuova Edge, che completa la famiglia dei SUV Ford europei, affiancando il SUV intermedio Kuga e il SUV compatto EcoSport, si distingue all’esterno per il design sportivo e l’imponente presenza su strada, e all’interno per lo spazio, l’ergonomia e l’atmosfera premium. L’ampia gamma di tecnologie di assistenza alla guida include il sistema di frenata automatica con assistenza pre-collisione e riconoscimento pedoni (Pre-Collision Assist with Pedestrian Detection), in grado di evitare gli incidenti o ridurne in ogni caso l’entità, e il limitatore intelligente di velocità (Intelligent Speed Limiter), che riconosce i segnali stradali e adatta la velocità di crociera in base ai limiti vigenti. Ma la punta diamante è rappresentata dalla trazione integrale intelligente (Intelligent All-Wheel-Drive) che garantisce una transizione fluida della coppia fra tutte le 4 ruote, per una maggiore aderenza alla strada, specialmente in condizioni scivolose. (foto: edge)

Posted in recensione, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Regione Piemonte: “Piemonte in rete contro la tratta”

Posted by fidest press agency su sabato, 3 settembre 2016

regione piemonteLa Regione Piemonte garantirà la continuità del progetto “Piemonte in rete contro la tratta”. «La priorità è che prosegua il servizio offerto dalle associazioni che da anni lavorano al contrasto della tratta di esseri umani e della prostituzione. Le donne che oggi sono seguite nella nostra regione devono poter continuare sul nostro territorio il loro percorso di emersione e di reinserimento sociale» – così Monica Cerutti, assessora all’Immigrazione e alle Pari Opportunità della Regione Piemonte.
Per raggiungere questo obiettivo la Giunta regionale si impegna a destinare 330.000 euro, dopo l’approvazione dell’assestamento di bilancio, per finanziare l’attività delle unità di strada e il lavoro di emersione finora realizzato dai soggetti di “Piemonte in contro la tratta” per il periodo che va dal 1° settembre al 31 dicembre 2016. Contemporaneamente gli uffici regionali stanno procedendo con la predisposizione di un atto di indirizzo ai fini dell’accesso ai finanziamenti del POR 2014-2020 (Obiettivo tematico 9) per un milione di euro, finalizzati al sostegno di progetti integrati di inclusione attiva, orientamento, formazione e inserimento lavorativo, rivolti alle vittime di tratta.
«Ieri, in un incontro con il Prefetto Mario Morcone, capo Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione del Ministero dell’Interno, abbiamo proposto di avviare in Piemonte un progetto sperimentale che, mettendo in stretto collegamento il sistema di accoglienza per richiedenti asilo e la rete antitratta, miri ad individuare tempestivamente le potenziali vittime di tratta tra chi richiede la protezione internazionale. Allo stesso tempo naturalmente auspichiamo di poter valutare il prima possibile insieme al Dipartimento per le Pari Opportunità come riprendere una progettualità comune ed un percorso condiviso per la definizione di modalità di sostegno agli interventi di prevenzione e di contrasto ad un fenomeno che riteniamo essere in aumento e sempre più preoccupante» – ha concluso Monica Cerutti, assessora all’Immigrazione e alle Pari Opportunità della Regione Piemonte.
(Monica Cerutti, Assessora all’Immigrazione e Pari Opportunità – Regione Piemonte)

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Editoria online: il diritto di cronaca vince sul diritto all’oblio

Posted by fidest press agency su sabato, 3 settembre 2016

di Andrea Frollà/corrierecomunicazioni. Il quotidiano che riattualizza un fatto di cronaca giudiziaria, risalente nel tempo per dare notizia del rinvio a giudizio delle persone all’epoca indagate, non viola la privacy e il diritto alla cronaca prevale sul diritto all’oblio. Lo afferma il Garante delle privacy, all’interno di una pronuncia di infondatezza del ricorso di un imprenditore. Quest’ultimo aveva chiesto la deindicizzazione di un articolo pubblicato nell’edizione online di una testata e rinvenibile attraverso i motori di ricerca esterni al sito. Secondo il ricorrente, il fatto che la news fosse reperibile su Internet avrebbe arrecato un danno alla sua reputazione personale e professionale, riportando all’attenzione dell’opinione pubblica una vicenda giudiziaria (che lo aveva visto coinvolto tra il 2005 e il 2009), a suo dire non più attuale e priva di interesse pubblico. Il quotidiano si era difeso spiegando che l’articolo oggetto della contesa non riattualizzava un evento superato, ma dava conto degli sviluppi di quella stessa vicenda, in particolare della richiesta di rinvio a giudizio di un certo numero di persone, tra cui il ricorrente. La tesi della testata è stata condivisa dall’authority, che non ha ritenuto illecito l’operato del quotidiano ed ha quindi dichiarato infondato il ricorso. Secondo il Garante, infatti, il trattamento dei dati dell’imprenditore è “riferito a fatti rispetto ai quali può ritenersi ancora sussistente l’interesse pubblico alla conoscibilità della notizia in quanto, pur traendo origine ad una vicenda risalente nel tempo, i successivi sviluppi processuali, oggetto della recente pubblicazione, ne hanno rinnovato l’attualità”.Qualora la vicenda si dovesse concludere in modo favorevole per il ricorrente, quest’ultimo potrà, se lo ritiene, chiedere all’editore di aggiornare o integrare i dati contenuti nell’articolo, presentando una idonea documentazione. (fonte: Franco Abruzzo http://www.francoabruzzo.it)

Posted in Diritti/Human rights | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Confindustria Venezia: detassazione premi produttività

Posted by fidest press agency su sabato, 3 settembre 2016

foto accordoConfindustria Venezia e le segreterie della Cittá Metropolitana di CGIL, CISL e UIL hanno sottoscritto oggi un accordo sulla detassazione dei premi di produttività. A firmare il documento sono stati il Presidente di Confindustria Venezia, Matteo Zoppas, il consigliere delegato alle relazioni industriali di Confindustria Venezia, Roberto Capuzzo, il segretario di CGIL, Enrico Piron, il segretario di CISL, Paolo Bizzotto e per la segreteria UIL, Riccardo Dal Lago. Si favoriscono dunque erogazioni economiche legate a incentivi, incrementi di produttività, redditività, qualità, efficienza ed innovazione. Strumenti utili sia per la crescita della competitività e lo sviluppo delle imprese, sia per accrescere il potere d’acquisto dei lavoratori che hanno così la possibilità di beneficiare della detassazione in virtù della legge di stabilità 2016. Tutte le aziende associate a Confindustria, anche quelle in cui non é costituita la RSU ( o RSA) potranno, qualora adottino degli indicatori per la misurazione degli incrementi di produttività, accedere ai benefici fiscali previsti dalla legislazione vigente a seguito del raggiungimento di un effettivo miglioramento dei parametri adottati. Le imprese comunicheranno ai lavoratori l’applicazione di tale intesa indicando il periodo di riferimento, la composizione del premio e gli indicatori adottati, la stima del valore annuo medio pro capite del premio e le modalità di corresponsione dello stesso. Soddisfazione espressa da Matteo Zoppas:”L’accordo di oggi rappresenta uno strumento importante, che – nel rispetto dei disposti legislativi in materia – garantisce un miglioramento delle condizioni retributive dei lavoratori a parità di costi aziendali. Con questo finalmente si incentiva il riconoscimento del merito, attribuendo valore al salario per obiettivi che accresce sia la competitività e lo sviluppo delle imprese che la qualità del lavoro dei collaboratori”.
“Nell’ottica di un mercato sempre più competitivo e globalizzato, – ribadisce Roberto Capuzzo – la detassazione, già ampiamente diffusa in altri Paesi é un rilevante incentivo all’aumento di produttività, consentendo una maggiore flessibilità nell’organizzazione del lavoro”.Nel corso della giornata é stato inoltre firmato dalle stesse parti sindacali un accordo in tema di molestie e violenza nei luoghi di lavoro che riconosce come inviolabile la dignità dei lavoratori. In particolare la direttiva invita a denunciare i comportamenti lesivi e i lavoratori a collaborare al mantenimento di un ambiente di lavoro in cui siano favorite le relazioni interpersonali, basate su principi di eguaglianza e reciproca correttezza. Per Matteo Zoppas: ” Questo accordo é uno strumento di grande civiltà nella tutela dei lavoratori. Fenomeni legati a comportamenti scorretti, spesso taciuti, compromettono la vita e la produttività di un’impresa. Fiducia nella riservatezza, confidenzialitá per l’efficacia di questo strumento che può diventare un punto di riferimento per rimuovere ostacoli verso chi subisce molestie. Dai luoghi di lavoro si può dare un contributo significativo per diffondere una cultura più rispettosa del prossimo”. (foto accordo)

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »