Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 4 settembre 2016

World’s two largest carbon emitters, China and US, formally join Paris Agreement

Posted by fidest press agency su domenica, 4 settembre 2016

BEIJINGBeijing. The world’s two largest carbon emitters, China and the United States, today announced they have formally joined the Paris Agreement in a major step to bring it into force and start what must be far more ambitious international climate action.
“The world finally has a global climate agreement with both the U.S. and China as formal Parties. This signals a new era in global efforts to address climate change. Both countries now need to scale and speed up their efforts in charting a future that avoids the worst impacts of climate change,” said Jennifer Morgan Executive Director of Greenpeace International.“Presidents Xi and Obama’s joint announcement this evening sends a strong signal to the world that Paris has moved from agreement to action,” said Greenpeace’s Senior Climate Policy Adviser Li Shuo.“Today’s commitment brings the possibility of the Paris Agreement entering into force early much closer to reality. But this moment should be seen as a starting point, not the finale, of global action on climate,” said Li Shuo.The statement also concludes a series of bilateral deals on climate issues between Beijing and Washington under Obama’s watch, which Greenpeace believes should be strengthened in the coming years.“The Paris agreement is a benchmark for global negotiations on climate, not the end goal,” said Kyle Ash, Senior Legislative Representative of Greenpeace USA. “The United States and China should now advocate internationally that Paris comes into force as soon as possible, so that the world can continue moving forward.”
The G20 summit now offers a testing ground for the world’s eighteen other leading economies to display their commitment to Paris.
The Paris Agreement will enter into force after 55 countries that account for at least 55% of global emissions have deposited their instruments of ratification. The US and China together account for 38% of global emissions.

Posted in Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Virginia Raffaele chiude la nona edizione del Padova Pride Village

Posted by fidest press agency su domenica, 4 settembre 2016

virginia raffaele

pride festivalPadova. Oggi 4 settembre, il Padova Pride Village, la più grande manifestazione LGBT del Nord Italia con oltre 100.000 presenze ogni anno, festeggerà alla Fiera di Padova la chiusura della propria Nona Stagione con un ospite d’eccezione: Virginia Raffaele.
Dopo la consacrazione al Festival di Sanremo 2016, l’artista comica e trasformista più famosa in Italia porterà in scena le sue maschere più popolari: Ornella Vanoni, Belen Rodriguez, Carla Fracci, la criminologa Bruzzone e tante altre ancora. Donne molto diverse tra loro, che tra arte, spettacolo, potere e politica sintetizzano alcune delle ossessioni ricorrenti della società contemporanea: la vanità, la scaltrezza, la voglia di affermazione e, forse, la scarsa coscienza di sé. Il tutto raccontato attraverso la lente deformante e irriverente dell’ironia e della satira, tipici elementi che compongono lo stile dell’artista.
A fine spettacolo si celebrerà il Grande evento di chiusura, con la partecipazione degli addetti ai lavori, artisti, direzione e produzione che darà il via allo schiuma party, accompagnato dalla Disco Pop di Dorigo DJ e gli animatori che hanno accompagnato i “Villeggianti” in tutta l’edizione 2016.Organizzato in collaborazione con il Circolo Tralaltro Arcigay di Padova, il Padova Pride Village, ha inaugurato venerdì 17 giugno con il concerto di Noemi, madrina della Cerimonia di Apertura che alle unioni civili ha dedicato “Finalmente liberi”, inno all’amore e alla libertà ritrovata, sigla della nona edizione del Pride Village. Tra gli artisti ospiti che quest’anno hanno partecipato al Village: Monica Cirinnà, Monsignor Charamsa, Alexia, Cristina D’Avena, Spagna, Fiordaliso, Valeria Graci, L’Aura, Barbara Foria, Marco Bianchi, Cesare Bocci, Laura Bono, Francesca Reggiani e Luca Tommassini. (foto: virginia raffaele, pride festival)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Seminar in Rome for Journalist Covering the Catholic Church

Posted by fidest press agency su domenica, 4 settembre 2016

università santa croceROME. From September 5 to 11, 2016, the School of Church Communications at Rome’s Pontifical University of Santa Croce offers the fifth edition of its week-long seminar designed to equip journalists with the tools to enhance their coverage of today’s Roman Catholic Church. Entitled “The Church Up Close: Covering Catholicism in the Age of Francis.” and conducted in English, the seminar is open to all working journalists, but the number of participants is limited. Previous seminars have seen the participation of reporters from media outlets such as The New York Times, The Guardian, The Times, The Wall Street Journal, The Daily Telegraph, Il Corriere della Sera, El País, the BBC and Le Monde, to name a few.Among this year’s guest speakers are George Cardinal Pell, Prefect of the Secretariat for the Economy; Peter Cardinal Kodwo Appiah Turkson, Prefect of the Pontifical Council for Justice and Peace; Msgr. Antoine Camilleri, Under-Secretary for Relations with States Vatican Secretariat of State; Rev. Samir Khalil Samir, from Pontifical Oriental Institute (Rome); Rev. Geno Sylva, from the Pontifical Council for the Promotion of the New Evangelization; Fr. Sebastian Vazhakala, General Superior and co-founder of the Contemplative Missionaries of the Charity (Sta. Teresa of Calcutta); Prof. Maria Luisa Di Pietro, Member of the National Bioethics Committee (Italy), and Greg Burke, Director Press Office of the Holy See.The Church Up Close provides an insight into the nature of the Catholic Church and the inner workings of the Vatican. Conference sessions and interactive workshops address topics from the financial life of the Holy See, the future of the marriage, the reform of the Curia, Christians and the Arab world, the Magisterium of Pope Francis, new challenges in Bioethics, Ecumenism and Inter-religious Dialogue, and the state of the Church in Asia or Africa.In addition to conference sessions, this week-long seminar features on-site visits and personal meetings with curial officials and veteran Vatican correspondents. The goal is to provide both a basic understanding of the Vatican and an in-depth analysis of specific hot-button issues regarding the Church today. Journalists seeking to meet the demand with quality information are given the opportunity with The Church Up Close. According to the president of the organizing committee, Rev. Prof. John Wauck, “Covering an institution as old and as large as the Catholic Church has always been a huge challenge, and in today’s shrinking world, it’s becoming ever more necessary to tell even local stories about the Church from a global perspective. The seminar should help reporters do that. What’s more, Rome is an ideal setting for reflecting on religion and the media with journalists from around the world.”

Posted in Estero/world news, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Update on Catella’s Swedish fund operations

Posted by fidest press agency su domenica, 4 settembre 2016

Ann Charlotte SvenssonBy Ann Charlotte Svensson. Mutual Funds at Catella have experienced outflows from a few products to date during the third quarter, related to previously announced changes in portfolio managers. At the same time Systematic Funds have experienced a very strong inflow during the corresponding period, which more than compensates for the outflow from Mutual Funds, from both volume and profitability perspectives.“The fund market is transparent, which means that information about changes in the assets under management of the different providers reaches the stock market quickly. Given our ambition to act transparently towards the stock market, we believe the stock market should be informed at this point about the effects of the flows in the Swedish fund operations”, says Knut Pedersen, President and CEO of Catella.“We have announced five new recruitments within Mutual Funds over the summer. We now have a strong management team in place and we currently envisage no need for further recruitment. The combined team is expert in both absolute-return and relative-return products, with a strong analytical background from several sectors and expertise in sustainability. We are therefore highly confident in the management of our funds for both the short term and the long term”, comments Erik Kjellgren, head of the Swedish fund operations.
Catella is a leading specialist in property investments, fund management and banking, with operations in 12 countries across Europe. Catella is listed on First North Premier on Nasdaq Stockholm and the company’s certified advisor is Remium AB.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

China and US to announce Paris Agreement plans ahead of G20 – Greenpeace statement

Posted by fidest press agency su domenica, 4 settembre 2016

Xi_Jinpingbarack obamaPresidents Xi Jinping of China and Barack Obama of the US are expected to issue a joint statement showcasing their commitment to the Paris Agreement at their bilateral meeting on 3 September ahead of the G20.Greenpeace East Asia’s Senior Climate Policy Adviser, Li Shuo said:“These back-to-back meetings must see Paris move from agreement to action. Political ambition must keep up with rising sea levels faced by vulnerable communities around the world.” “This Saturday, Xi and Obama should seize the opportunity to lead the world’s twenty wealthiest nations by joining and building on the Paris Agreement.” Pressure on other G20 nations to ratify Paris is also mounting. Last week a group of investors controlling US$13 trillion called on the group of countries bring the Agreement into force. Meanwhile, three of the world’s largest insurers this week called on the G20 leaders to phase out fossil fuel subsidies by 2020.“Touting the Paris ‘triumph’ while handing out money to the fossil fuel industry is simply not compatible with the Paris Agreement. Governments must keep coal, oil and gas in the ground and urgently focus on a just transition to renewables,” said Li Shuo.“This G20 meeting must be the moment when leaders lay out a timeline for eliminating fossil fuel subsidies, a practice which the Paris Agreement has made all the more hypocritical.”The China-US bilateral meeting will include further discussions on the Paris Agreement in an attempt to pressure G20 members to join the Agreement. Green finance and a plan for the phasing out of fossil fuel subsidies will also be on the G20 agenda.China and the US are expected to make a leap towards this process by announcing the public review of each other’s current fossil fuel subsidy programs.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Taobuk – Taormina International Book Festival

Posted by fidest press agency su domenica, 4 settembre 2016

taorminaTaormina. Da sabato 10 a sabato 17 settembre 2016. Con oltre cento ospiti e più di cinquanta appuntamenti, da sabato 10 a sabato 17 settembre 2016 torna Taobuk – Taormina International Book Festival, la manifestazione che pone al centro la letteratura, in dialogo con le altre espressioni della cultura, dal cinema alla musica, dal teatro alle arti visive, dal grande giornalismo all’enogastronomia, sollecitando riflessioni su un tema sociale di stretta attualità.
La VI edizione, dedicata a Gli Altri, chiama al confronto scrittori, giornalisti, filosofi, artisti, esponenti della società civile e politica, sia italiani sia internazionali. Ricco il calendario degli appuntamenti con incontri, tavole rotonde, momenti musicali e di spettacolo, reading, mostre di arte e fotografia, botteghe del gusto, itinerari turistici, proiezioni di film, corsi di scrittura. Iniziative in gran parte a ingresso gratuito, ospitate in tutta la città di Taormina, a partire dai luoghi turistici più amati, come il Teatro Antico, l’Archivio Storico e Piazza IX aprile, affacciata sulla baia di Naxos e a ridosso dell’Etna.
Le diverse Arti si ritrovano unite sin dalla serata inaugurale di sabato 10 settembre (ore 20.30, Teatro Antico, ingresso libero), con personalità di rilievo internazionale a cui vanno i riconoscimenti Taobuk Award 2016: lo scrittore americano Premio Pulitzer Michael Cunningham, lo scrittore, drammaturgo e saggista Claudio Magris, il regista Premio Oscar Giuseppe Tornatore e l’attore Leo Gullotta. A loro si affiancano nomi rappresentativi del teatro, del cinema e della televisione: l’attrice e cantante Lina Sastri, la stella della world music italiana Mario Incudine e Giacomo Campiotti, regista della fiction campione d’ascolti su Rai1 Braccialetti rossi.La cerimonia di apertura, che sarà trasmessa in differita su Rai1, è condotta da Antonella Ferrara, ideatrice e presidente di Taobuk, e Franco Di Mare, direttore artistico del festival.
Due le anteprime letterarie. Massimo Carlotto, uno dei maestri del noir italiano, presenta a Taobuk il suo thriller, Il Turista, edito da Rizzoli (giovedì 15 settembre), mentre Clara Sánchez, scrittrice spagnola e regina delle classifiche mondiali di narrativa, accompagnata dall’attrice Isabella Ragonese, racconta il suo nuovo libro Lo stupore di una notte di luce (Garzanti), il tanto atteso seguito del best seller Il profumo delle foglie di limone, (sabato 17 settembre).Tra i numerosi ospiti protagonisti delle giornate del festival: il filosofo francese Michel Onfray, il direttore de La Stampa Maurizio Molinari, l’ex magistrato Giancarlo Caselli per parlare di agromafie, gli editori Stefano Mauri e Teresa Cremisi sulla promozione della lettura, l’ex Ministro del Tesoro Giulio Tremonti, il fotografo Giuseppe Leone (domenica 11 settembre); il regista Roberto Andò, la scrittrice Benedetta Craveri, l’autrice israeliana Dorit Rabinyan, l’artista Moni Ovadia, l’antropologo francese Marc Augé, la giornalista Elvira Terranova e lo chef Filippo La Mantia (lunedì 12 settembre); gli scrittori Diego De Silva, Edoardo Albinati (Premio Strega 2016), Simonetta Agnello Hornby e Camilla Baresani, l’architetto paesaggista Michel Péna, la direttrice di Gardenia Emanuela Rosa Clot, il giornalista Francesco Musolino, la sociologa Graziella Priulla e la chef romana Cristina Bowerman (martedì 12 settembre); il giornalista Alberto Giuffrè, la scrittrice spagnola Clara Usón, le autrici Eva Cantarella ed Elvira Seminara, il cuoco Gianfranco Vissani, le scrittrici che hanno esordito su Wattpad Cristina Chiperi e Ilaria Soragni, il giornalista Alessandro Cannavò (mercoledì 14 settembre); lo scrittore Antonio Manzini, primo nelle classifiche estive con il suo ultimo libro giallo, il pasticcere Iginio Massari, l’autrice Viola Di Grado, la giornalista Viviana Mazza (giovedì 15 settembre); lo chef vegano Simone Salvini, l’inviato Domenico Quirico, la libanese Barbara Abdeni Massaad, il giornalista e scrittore Gigi Riva, il cantautore Roberto Vecchioni, con il suo romanzo autobiografico, Alberto Angela e Giacomo D’Arrigo, direttore di Ang (venerdì 16 settembre); la scrittrice Barbara Bellomo, il giornalista Antonio Calabrò, il regista Pupi Avati, lo scrittore francese più letto al mondo Marc Levy (sabato 17 settembre).Completano il calendario numerosi altri appuntamenti.
Food Factor, la sezione di Taobuk ideata e coordinata da Clara e Gigi Padovani sulla cultura enogastromonica, quest’anno racconta in particolare La tavola degli altri, con esperti del settore agroalimentare, scrittori e chef. Tra gli argomenti: le agromafie e il nuovo codice penale agricolo contro il caporalato e altri reati in campo agro-alimentare; il corretto impiego della Dieta Mediterranea; il fenomeno delle chefstar in televisione; la visione femminile dell’arte culinaria a confronto con quella maschile; i segreti della pasticceria; i meriti della tavola vegetariana; la cucina della pace come strumento di solidarietà.
Degustazioni, showcooking e botteghe del gusto saranno propose al Taobuk Village, curato da Expo Food and Wine.
Quattro le mostre: la personale del fotografo Giuseppe Leone Sicilia tra luce e parola, dedicata ai luoghi della letteratura italiana in Sicilia resi immortali dalle pagine dei grandi scrittori, che inaugura alla presenza dell’artista e della scrittrice Silvana Grasso (8-30 settembre, Chiesa del Carmine); la mostra Dall’arte del libro al libro dell’arte: i Maestri del Novecento nella Collezione Gribaudo (inaugurata il 19 luglio e visitabile fino al 15 ottobre a Palazzo Corvaja); la mostra di gioielli Miti e siti di Sicilia, curata dall’atelier orafo Le Colonne-Alvaro e Correnti (12-19 settembre, Palazzo Corvaja); la scultura Le livre d’eau dell’artista bretone Yanik Pen’du (13-28 settembre, Fondazione Mazzullo) nell’ambito della personale organizzata dall’associazione Arte&Cultura a Taormina.
E poi ancora: gli itinerari di Taormina Cult; i corsi di scrittura Holden Summer School presso Casa Cuseni; i progetti per i ragazzi e ragazze con l’Agenzia Nazionale per i Giovani; le proiezioni di pellicole e documentari dedicati agli scrittori di Sicilia, curate da Sicilia Film Commission; il progetto Taormina Design Promenade che coinvolge gli esercizi commerciali della città; il progetto Blogger on Wheels di Jaguar Land Rover; il contest #pensieridamare in collaborazione con MSC Crociere; il concorso Wiki Loves Monuments a cura di TaoClick.
Taobuk- Taormina International Book Festival ha ricevuto la Medaglia del Presidente della Repubblica ed è patrocinato dal Mibact-Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Halloween tra gli Spiriti in Castello: Visita guidata con il Mentalista

Posted by fidest press agency su domenica, 4 settembre 2016

rocca san vitaleRocca Sanvitale (Fontanellato, PR) Sabato 29 ottobre 2016 alle 19.30 e alle 21. Visite guidate a tema con il Mentalista, con effetti magici di illusionismo. Serata speciale con la partecipazione straordinaria del mentalista Francesco Busani tra i pochi in Italia che introducono elementi di spiritismo nelle sue mind-performance. Potere della mente o esistono davvero gli Spiriti?
Prenotazione obbligatoria. E’ sconsigliato l’ingresso ai minori di 14 anni. L’evento è al coperto e si svolge anche in caso di maltempo.
La Rocca Sanvitale di Fontanellato (Parma) indossa un mantello color notte e apre in grande stile il carnet di iniziative dedicate per tre giorni alla Festa di Halloween con un evento unico, esclusivo realizzato appositamente per il Castello: sabato 29 ottobre 2016 alle ore 19.30 e 21 è in programma una visita guidata “in cerca degli spiriti” con la partecipazione straordinaria del mentalista ed illusionista Francesco Busani definito “tra i pochissimi mentalisti italiani che introducono elementi di spiritismo nelle sue mind-performance”.
Chi è Francesco Busani? Mentalista professionista, indagatore dell’occulto, psychic enterteiner, studioso di misteri e della tradizione esoterica. E’ il primo performer al mondo ad aver approfondito dal punto di vista teorico e pratico il mentalismo one-to-one. Scrive su riviste del settore illusionistico ed ha recentemente pubblicato il libro “libro “Magia a Tu per Tu”.
L’evento si intitola Halloween tra gli Spiriti in Castello – Visita guidata con il Mentalista e prevede effetti magici di illusionismo. Durante il percorso guidato – oltre a scoprire i segreti della Rocca, leggende e antiche storie oscure legate al maniero – ci saranno effetti di mentalismo, appositamente creati per la secolare roccaforte, ancora arredata con mobili d’epoca.
La Rocca Sanvitale di Fontanellato è la sede dei 24 Castelli del Ducato di Parma e Piacenza. (foto: rocca san vitale)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bergamo: I maestri del paesaggio

Posted by fidest press agency su domenica, 4 settembre 2016

piazza vecchia bergamoBergamo dal 7 al 25 settembre 2016 in una delle Piazze più suggestive d’Europa, Piazza Vecchia a Bergamo Alta, gioiello dell’architettura rinascimentale, preservata dal traffico degli autoveicoli, spunta una passerella di 68 metri in legno, regina indiscussa della Manifestazione I Maestri del Paesaggio. La kermesse è stata organizzata dal comune di Bergamo e Arketipos.
Le aziende bergamasche del legno – eccellenza italiana nel mondo nella lavorazione del materiale, riunite nell’iniziativa “Il Legno dalla Natura alle Cose” – con i quattro Gardener Supporter della manifestazione – Cooperativa della Comunità, Giardini Arioldi, soc. Agr. Locatelli Franco & figli e Verde Idea -, stanno realizzando la camminata frutto dell’estro di Stefan Tischer, professore di Architettura all’Università di Alghero e paesaggista internazionale che ha dato forma all’energia creativa dei 16 studenti della Summer School 2015. Di fianco a Tischer, la paesaggista Lucia Nusiner a cui è affidato l’allestimento green e Maurizio Quargnale che ha curato l’illuminazione.
La passerella, accessibile dalle ore 9 alle 22 (alle ore 23 i venerdì e i sabato), proporrà i cinque paesaggi (urbano, alluvionale, submontano, montano e alpino) della terra orobica. Passeggiando sui 68 metri di lunghezza per un’altezza di 4 metri, per i visitatori sarà come camminare idealmente dalla pianura alla montagna.
piazza vecchia bergamo1I Maestri del Paesaggio, che da sei anni porta in Italia i migliori Garden e Landscape designer internazionali, dal 7 al 25 settembre 2016 rifletterà, attraverso il focus “Wild Landscape”, sul bisogno sempre più esplicito dell’uomo moderno di riconnettersi con la natura, importandola nel quotidiano.
19 giorni di meeting, incontri e riflessioni a tu per tu con le più famose archistar del paesaggio, installazioni verdi e spettacoli di luce in una dimensione di sogno e incanto per adulti e bambini. Il tutto nella cornice di natura e bellezza di Bergamo Alta e Bassa.Gli allestimenti 2016 delle Green Square Piazza Vecchia e Piazza Mascheroni, gli spettacoli di luce in Porta San Giacomo, Torre della Campanella, Piazza Vecchia, Torre del Gombito, Piazza Mercato delle Scarpe, la mostra dedicata alle iniziative delle imprese indirizzate alla qualificazione del verde in modo intelligente sono solo alcuni esempi degli eventi in programma il cui culmine è atteso con l’International Meeting of the Landscape and Garden, il 23 e 24 settembre al Teatro Sociale, dove le menti più geniali del landscaping mondiale si confronteranno su idee e progetti di ampio respiro.
Moltissime le novità per l’edizione 2016: il #Greendesign, il #Greenfashion, il «Life Gestire 2020», che vanno ad aggiungersi ai capisaldi della Manifestazione: il Valfredda Perennials Seminar, l’Alpine Seminar, Workshop di fotografia, gli Aperitivi di Paesaggio e Obiettivo sulla Piazza Verde e dintorni, il contest fotografico aperto a tutti ormai alla sua 5^ edizione. Attesissima anche la terza edizione della Summer School, a cui parteciperanno studenti europei esperti di paesaggio, e grande attenzione sarà dedicata ai bambini con molti eventi #Kids in programma nei week end. fonte: http://www.imaestridelpaesaggio.it (foto: piazza vecchia)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Terremoti: quanti uffici di polizia sono sicuri?

Posted by fidest press agency su domenica, 4 settembre 2016

ministero interni“Chiediamo al Governo ed al Dipartimento di sapere quanti Uffici di Polizia, Questure, Commissariati, caserme, sono sicuri ed in regola con le normative in materia di sicurezza sismica”. E’ quanto si chiede Franco Maccari, Segretario Generale del COISP – il Sindacato Indipendente di Polizia. “Il terremoto che ha devastato l’Italia centrale – prosegue Maccari – ha richiamato l’attenzione sull’elevato rischio sismico del nostro Paese, ma ha anche evidenziato la necessità di garantire la sicurezza e l’agibilità delle strutture pubbliche necessarie ai soccorsi, dalla viabilità agli ospedali, ai presidi di sicurezza e ordine pubblico. E’ chiaro che in caso di terremoto o di altre calamità è necessario che restino pienamente efficienti e funzionali, oltre che facilmente raggiungibili, gli uffici operativi e logistici da cui vengono coordinati i soccorsi e l’assistenza immediata alla popolazione. La realtà è che la maggior parte degli uffici di Polizia sono ospitati in edifici inadeguati, vecchi, fatiscenti, e probabilmente non rispondenti alle più recenti normative in maniera sismica, con la conseguenza che in caso di terremoto chi dovrebbe intervenire per soccorrere la popolazione rischia invece di restare intrappolato, o peggio ucciso, nei crolli delle strutture. E’ questo un tema di straordinaria rilevanza, non solo per l’incolumità degli Operatori delle Forze dell’Ordine, ma per tutti i cittadini dei territori ad elevato rischio sismico, che di fronte ad un evento calamitoso drammatico non possono contare sull’efficienza della macchina dei soccorsi. E’ urgente una ricognizione seria ed onesta della situazione di sicurezza degli Uffici di Polizia, e servono consistenti ed immediati investimenti per l’adeguamento delle strutture o meglio, dove si rende necessario, con la costruzione di nuovi edifici sicuri ed a norma”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Conferenza mondiale di epidemiologia ambientale

Posted by fidest press agency su domenica, 4 settembre 2016

ambienteRoma Dal primo giorno del congresso mondiale di epidemiologia mondiale ISEE (Roma, 1-3 settembre) emergono nuovi dati sulle conseguenze di salute dell’inquinamento dell’aria. Uno di questi, meno noto, riguarda la possibile relazione fra esposizione a lungo termine a inquinanti come ossidi di azoto, polveri fini e metalli, e insorgenza di sclerosi multipla. La ricerca italiana ha osservato negli uomini una correlazione fra l’entità dell’esposizione ai comuni inquinanti di città e la probabilità di ammalarsi di sclerosi multipla, decisamente più alta alle alte esposizioni. L’ennesima conferma della gravità del fenomeno, come emerso sempre durante il primo giorno della Conferenza, viene dalla Cina dove l’inquinamento atmosferico è la quinta causa di morte e ha fatto contare nel 2013 ben 916.000 morti premature. Di questi, 366.000 morti sono da attribuire solo alle emissioni di carbone, la fonte più micidiale.Le due relazioni plenarie della prima giornata della Conferenza ISEE – dedicata a “Vecchi e nuovi rischi per salute” – si sono focalizzate sugli incidenti industriali e sull’inquinamento dell’aria, per poi lasciare spazio a centinaia di presentazioni sui molti rischi, vecchi e nuovi, che un ambiente alterato può rappresentare per la salute umana: dalle contaminazioni chimiche all’inquinamento acustico, dai pesticidi agli effetti sanitari del cambiamento climatico.Nella prima relazione Pier Alberto Bertazzi dell’Università di Milano ha ripercorso la storia dell’incidente di Seveso, occorso 40 anni fa, con il suo seguito di malattie, stress e contaminazioni diffuse nella piccola comunità colpita dall’incidente.La seconda relazione, tenuta da Annette Peters dell’Helmholtz Zentrum di Monaco, ha passato in rassegna gli effetti dell’inquinamento dell’aria sulla salute: dai tradizionali rischi respiratori e cardiovascolari, ai rischi di tumore, di diabete, malattie neurologiche e danni genetici ed epigenetici, che possono portare a ipotizzare il trasferimento dei danni da una generazione all’altra. “Degli effetti sulla salute dell’inquinamento abbiamo ancora molto da scoprire, in realtà conosciamo solo la punta dell’iceberg” spiega Peters. “Anche perché gli inquinanti non agiscono da soli, sono molto diversi fra loro, in natura e dimensione, ognuno con il suo specifico effetto. Inoltre gli individui sono sempre esposti a una pluralità di fattori di rischio, che includono stili di vita, condizioni socioeconomiche e altre esposizioni, come il rumore. E se gli studi devono ancora progredire per dare un quadro più chiaro della situazione, esistono già molte prove che devono indurci a ridurre al minimo l’inquinamento dell’aria al più presto, con politiche coraggiose basate radicali cambi di paradigma energetico e di mobilità”.I lavori della Conferenza della Società internazionale di epidemiologia ambientale (ISEE) proseguono fino a sabato 3 settembre all’Auditorium – Parco della Musica di Roma. Con i suoi 1500 delegati la Conferenza offre una panoramica aggiornata e completa degli sforzi che la ricerca scientifica sta facendo per conoscere meglio il complesso rapporto fra ambiente e salute, e dei modi più efficaci per contrastarne gli effetti più deleteri.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The Upside of Inequality–new book by Ed Conard

Posted by fidest press agency su domenica, 4 settembre 2016

New York, NY: While growing income inequality is a real phenomenon, a misdiagnosis of its causes and consequences leads to policies that slow growth and ultimately weaken America. Ignoring the true sources of rising inequality—namely trade, trade deficits, and immigration, in an economy constrained by properly trained talent and its capacity to take entrepreneurial risk—and blaming high-wage earners creates a dangerous feedback loop. Raising taxes on their success reduces risk-taking and innovation, which in turn slows growth and reduces middle class wages, and consequently increases the demand for redistribution—a recipe for stagnant growth.
Edward Conard’s new book THE UPSIDE OF INEQUALITY: How Good Intentions Undermine the Middle Class (Portfolio; 9/13/16) explains why government intervention to mitigate inequality ultimately hurts the middle and working classes. Conard delivers a robust defense of capitalism and dismantles today’s most popular myths about income inequality and the economy:
the upside of inequalityThe myth that the rich get richer by making the poor poorer: No other high-wage economy has done more to help the world’s poor than the U.S. economy. Regardless, advocates of redistribution press on. Rising income inequality is actually the by-product of an economy that has deployed its talent and wealth more effectively than that of other economies—and not from the rich stealing from the middle and working classes.
The myth that incentives don’t matter: In an innovation-driven economy, there are large and compounding costs to dulling incentives for entrepreneurial risk-taking. As payoffs for success have risen, entrepreneurial risk-taking has accelerated U.S. growth relative to other high-wage economies with more equally distributed incomes. Because of this growth, today, median U.S. household incomes are 15 to 30 percent higher than Germany, France, and Japan.
The myth that mobility has declined: If the success of America’s 1 percent comes at the expense of the middle and working classes, we should see mobility declining. Yet, even with significant immigration, there is little evidence that mobility has declined or that mobility in Scandinavia, the supposed paradise of redistribution, is better than in the United States.
The myth that technology hollows out the middle class: While it’s true the economy has created jobs for 13 million lesser-skilled Hispanic immigrants, the distribution of middle incomes is virtually unchanged but for an upward shift in incomes. THE UPSIDE OF INEQUALITY shows that since the financial crisis, accusations that crony capitalism and the success of the 1 percent slow middle and working-class income growth have only grown louder. Since the financial crisis, the incomes of the very top of the 1 percent have soared, and the growth of middle-class and working-class incomes has remained slow. Many insist that this gap has grown because the wealthy are rigging a zero-sum game to take what rightly belongs to others. Conard addresses these accusations head-on and explains how income redistribution is what hurts the middle and working class.
The growth of the U.S. economy has accelerated relative to other high-wage economies with more equally distributed incomes—the opposite of what one would expect if cronyism had increased enough to account for rising income inequality. Since 1980, U.S. employment has grown twice as fast as Germany and France. Their growth would have been even slower without the disproportionate benefit of American-made innovation. This growth has created a home for 40 million foreign-born adults, their 20 million native-born adult children, and their 20 million children. Despite this enormous influx, median U.S. household incomes are 15 to 30% higher than Germany, France, and Japan, and have grown as fast as, or faster than, other high-wage economies since 1993.
Conard lays out a blueprint for increasing middle-and working-class wages in an economy with a near unlimited supply of lesser-skilled workers and where properly trained talent fuels growth by increasing the economy’s capacity for risk. He calls for America to better train its own talent and to recruit talent aggressively from the rest of the world. He recommends cultivating a climate where business and high-tech entrepreneurial risk-taking thrives rather than where success is undercut and taxed at every turn. Conard proposes changes that reduce the inherent instability of banking rather than simply imposing a litany of regulations that leave risk-averse savings sitting unused. In that environment, America’s institutional capabilities to take risks would compound and grow at a faster rate.
What is the upside of inequality? In the long run, faster grower, more jobs, and greater prosperity for everyone.
Edward Conard is the author of the Top 10 New York Times bestseller, Unintended Consequences: Why Everything You’ve Been Told About the Economy is Wrong (2012). He is a visiting scholar at the American Enterprise Institute. Previously, he was a founding partner of Bain Capital, where he worked closely with his friend and colleague, former presidential candidate Mitt Romney. He has made over 100 television appearances in which he has debated leading economists including Paul Krugman, Joseph Stiglitz, Alan Kruger, Austan Goolsbee, and Jared Bernstein; journalists including Jon Stewart, Fareed Zakaria, Chris Hayes, and Andrew Ross Sorkin; and politicians such as Barney Frank, Howard Dean, and Eliot Spitzer. (photo: the upside of inequality)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La Fed continua con le politiche monetariste del Qe

Posted by fidest press agency su domenica, 4 settembre 2016

L’oracolo di Jackson Hole ha parlato per bocca del governatore della Federal Reserve, la signora Federal ReserveJanet Yellen. Ma come sempre, dai tempi di Delfi in poi, non è stato molto chiaro. Sì, forse, ma anche no, sulla possibilità di un piccolo ritocco, un rialzo del tasso di sconto da parte della banca centrale americana. Organizzato come ogni anno alla fine di agosto dalla Fed di Kansas City, il convegno di banchieri ed esperti internazionali era spasmodicamente atteso da tutti gli operatori finanziari del mondo. Conoscere le future intenzioni monetarie americane, come noto, è da sempre un fatto cruciale per i mercati per poi prendere le decisioni sulle grandi operazioni finanziare. Naturalmente anche quelle speculative.
Nella sua analisi, Janet Yellen ha riconosciuto che la persistente debolezza nella ripresa degli investimenti, la bassa produttività e la troppo alta propensione al risparmio frenano l’economia, nonostante l’aumento dell’occupazione registrato anche negli ultimi tre mesi negli Usa. I differenti e molteplici indicatori economici non permettono, quindi, di affermare con chiarezza se ci sia l’intenzione di aumentare il tasso di interesse, come in precedenza ventilato anche nei documenti ufficiali del Federal Open Market Committee della Fed. La lettura delle proiezioni e degli scenari elaborati dalla stessa banca centrale indicherebbe un 70% di probabilità che esso possa variare tra lo 0 ed il 4,5% entro la fine del 2018! E’ una vaghissima stima che non giustifica affatto l’aver scomodato centinaia di importanti esperti. La ragione di tale vaghezza sarebbe ovviamente da ricercare nell’andamento dell’economia che spesso è colpita da rivolgimenti imprevedibili. Perciò “quando avvengono forti choc e l’andamento economico cambia, la politica monetaria deve adeguarsi”, ha affermato la Yellen.
Si spera che non sia questo il suo vero oracolo. Leggendo con più attenzione il suo discorso vi è comunque un messaggio molto chiaro: continuare senza limiti di tempo la politica monetaria accomodante del Quantitative easing.
In merito si consideri che, secondo una ricerca della Bank of America, il totale delle politiche di Qe condotte dalle banche centrali a livello mondiale ammonterebbe a 25 trilioni di dollari.
Sul piano concreto la Fed ha anzitutto deciso di mantenere i titoli, compresi quelli più complessi e quindi potenzialmente pericolosi come gli abs, che ha acquistato negli anni passati, liberando così le banche dai loro titoli rischiosi e fornendo maggiore liquidità all’intero sistema bancario.
In questo contesto la Yellen riconosce che il bilancio della Fed è passato da meno di un trilione a circa 5 trilioni di dollari e ritiene pertanto che una sua riduzione potrebbe avere delle conseguenze imprevedibili sull’economia.
E’ evidente che per il governatore americano la politica di acquisto di titoli e di “guidance” resterà una componente essenziale della strategia complessiva della Fed. Per “guidance” si intende anche l’annuncio che il tasso di interesse potrebbe restare vicino allo zero per un lungo periodo di tempo. Più che di economia monetaria trattasi di una politica della comunicazione!
Ma l’annuncio più importante è quello di voler prendere in considerazione l’utilizzo anche di nuovi strumenti d intervento monetario, tra cui quello di allargare il raggio di acquisto di titoli e di altri asset finanziari. Ciò inevitabilmente potrebbe voler dire l’acquisto di titoli e derivati ancora a più alto rischio. Si considererà anche la possibilità di alzare il target del tasso di inflazione dal 2 al 3%, allungando così i tempi di applicazione del Qe. Allo stato non ci sembra una prospettiva rosea.
Tuttavia la Yellen deve ammettere che una prolungata politica del tasso di interesse zero potrebbe incoraggiare le banche e gli altri operatori finanziari a intraprendere operazioni eccessivamente rischiose.
Si calcola che il Qe ha determinato che titoli per circa 11 trilioni di dollari oggi siano a tasso zero o negativo. Trattasi di circa il 20% del debito sovrano mondiale! Un terzo di tutti i titoli di debito pubblico globale emessi nel 2016 sono stati ad un tasso negativo. E’ chiaro che la continuazione delle politiche monetarie accomodanti riflettono “la paura che siamo di fronte ad un prolungato periodo di stagnazione economica secolare”, come ha ammesso persino Stanley Fisher, il vice presidente della Fed.
E’ evidente, quindi, che il tasso di interesse zero non sempre si rivela efficace nel sostegno alla ripresa e alla crescita.
Per questa ragione, senza iattanza, da sempre noi ribadiamo la necessità che i governi non lascino alla politica monetaria e alle banche centrali il compito di rimettere in moto l’economia, ma se ne assumano essi la piena responsabilità decisionale. Servono politiche di investimento di partenariato pubblico privato nei campi delle infrastrutture, delle nuove tecnologie. In Italia anche nel campo della messa in sicurezza del territorio sempre più minacciato da inondazioni, frane, dissesti idrogeologici e terremoti, come dimostrano i drammatici recenti disastri di Amatrice e della vasta area laziale-marchigiana-umbra. (Mario Lettieri già sottosegretario all’Economia e  Paolo Raimondi economista)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Prima della bomba” di Umberto Scarpetti

Posted by fidest press agency su domenica, 4 settembre 2016

cesar_brieRoma. Dall’8 all’11 settembre al Teatro India di Roma Lungotevere Vittorio Gassman (già Lungotevere dei Papareschi) in prima nazionale “Prima della bomba” di Umberto Scarpetti. Tutte le sere ore 21 I domenica ore 19. Viaggio nella conversione all’Islam per Roberto Scarpetti, in prima nazionale con il suo nuovo lavoro Prima della bomba. Un testo più che mai attuale, che riflette sul senso di appartenenza, sull’esigenza di sentirsi coinvolti in qualcosa, sulla confluenza delle nuove generazioni verso il radicalismo islamico e sulle differenze culturali tra Occidente e Oriente. Diretto dall’argentino César Brie, lo spettacolo racconta dall’interno una conversione che ha virato verso un credo più radicale e integralista, ripercorrendo la crisi personale e dell’ideologia di chi voleva cambiare il mondo credendo che fosse in atto una nuova Shoah, con i musulmani al posto degli ebrei e con l’Occidente a fare la parte dei Nazisti.
Siamo in una affollatissima metropolitana di una grande città, Davide, 22 anni, viso da bravo da ragazzo, coperto dal cappuccio della sua felpa, è pronto a farsi esplodere. Nel suo zaino c’è un ordigno artigianale. Prima della bomba indaga e va alla ricerca dei motivi e delle cause che hanno portato il giovane a convertirsi all’Islam, a realizzare l’ordigno con i suoi amici Karim e Rafiq, rispettivamente un italiano convertito e un fondamentalista afgano, e a farsi saltare in aria. L’inquadramento ideologico è molto preciso e la propaganda sembra aver fatto presa su chi, come Davide, pensava di voler cambiare il mondo. Quante sono le vittime civili, uomini, donne e bambini, che ogni giorno vengono uccise dai droni degli Stati Uniti? Quanti i musulmani innocenti che muoiono inutilmente? E per questo Davide, Karim e Rafiq sentono di dover fare qualcosa, sentono di dover aiutare i loro fratelli musulmani in nome della Ummah, la nazione islamica. Ma la fede di Davide non è sempre stata integralista. “Prima”, appena convertito, cercava “altro”: un senso di appartenenza, qualcosa in cui sentirsi coinvolto e che lo aiutasse a uscire da un periodo di crisi personale. E l’aveva trovato nella sua nuova religione e negli amici conosciuti in moschea, in Ahmed e Jussuf, che gli hanno insegnato a pregare, a fare le abluzioni, a pronunciare le parole della preghiera. Come una vera nuova famiglia, mentre stava uscendo da quella di provenienza, Ahmed e Jussuf hanno provato, inutilmente, a metter Davide in guardia sull’integralismo. Così, Prima della bomba nasce da una serie di domande: cosa trovano i ragazzi europei nell’Islam che non riescono a trovare nella loro cultura di appartenenza? Possono le nostre conformiste società occidentali dare un nuovo spazio al dissenso giovanile? O forse sono questi giovani costretti a cercare in culture lontane dall’Occidente uno sfogo roberto_scarpettialla loro voglia di cambiare il mondo? Sono domante che al giorno d’oggi, e in vista degli ultimi tragici eventi, acquistano un significato profondo, e alle quali il lavoro di Roberto Scarpetti prova a dare una risposta, conducendo gli spettatori verso una profonda riflessione.
Roberto Scarpetti – Autore di Viva l’Italia, le morti di Fausto e Iaio, testo con cui ha vinto la Menzione speciale Franco Quadri al Premio Riccione 2011, il Premio Franco Enriquez 2014 per la drammaturgia, lui ha ricevuto la nomination quale autore di novità italiana al Premio le Maschere del Teatro Italiano 2015, e che nel gennaio 2016 è stato trasmesso in versione radiofonica su France Culture. È autore di Roma/est andato in scena nel 2014 e nel 2015 al Teatro Argentina all’interno dello spettacolo collettivo Ritratto di una capitale, ideato da Antonio Calbi e Fabrizio Arcuri. Ha firmato la sceneggiatura di Giochi d’estate, film presentato alla 68a Mostra Internazionale di Arte Cinematografica di Venezia, con cui ha vinto nel 2012 il Quarz Swiss Film Prize per la miglior sceneggiatura. Dal 2011 è membro della giuria del premio Franco Solinas.
César Brie – Attore e regista argentino, fondatore nel 1972 della Comuna Baires, è costretto ad autoesiliarsi a Milano nel 1974 a causa delle persecuzioni operate dalla dittatura militare. Dopo il 1975 crea a Milano il Collettivo teatrale Tupac Amaru, tra gli spettacoli prodotti Ehi con Danio Manfredini. A seguito dell’esperienza nel gruppo Farfa e nell’Odin Teatret, fonda in Bolivia il Teatro de Los Andes, col quale realizza opere esemplari che partono dalla storia o dai classici, ma calate profondamente nell’attualità (come Romeo e Giulietta, Ubu in Bolivia, Solo gli ingenui muoiono d’amore, Dentro un sole giallo, Fragile, Otra vez Marcelo, l’Iliade, Odissea). Nel 2010 lasca la Bolivia a causa delle minacce di morte ricevute dopo il suo documentario Tahuamanu (nel quale svela cosa è realmente accaduto l’11 settembre 2008 in Bolivia). Attualmente vive e lavora in Italia come pedagogo e come autore/attore/regista, tra i suoi lavori: Il mare in tasca, Solo gli ingenui muoiono d’amore. (foto: cesar_brie, roberto_scarpetti)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il valore della diversificazione

Posted by fidest press agency su domenica, 4 settembre 2016

Borsa Merci Telematica ItalianaA cura di Yuchen Xia, Portfolio Manager in MoneyFarm. Se, da un lato, tecnologia e trasporti stanno accorciando le distanze facendo sembrare il mondo più piccolo che in passato, dall’altro, il facile accesso ai mercati finanziari internazionali sta ampliando gli orizzonti degli investitori, per i quali si aprono nuovi scenari e relative opportunità. L’armonizzazione dei mercati finanziari internazionali e la comparsa di prodotti e soluzioni innovative, permettono agli investitori di investire in Paesi e asset class diversi, attraverso strategie di investimento molteplici.Ma come bilanciare all’interno di un portafoglio gli asset del proprio Paese con quelli di altre aree geografiche? Meglio esporsi maggiormente al mercato domestico o andare alla ricerca di opportunità anche oltreconfine?Trovare il perfetto equilibrio non è affatto semplice, in particolare quando, per paura o scarsa conoscenza, si è naturalmente portati a investire solo sul mercato domestico (fenomeno comportamentale noto sotto il nome di “home country bias”) ma non si può prescindere da una buona diversificazione, senza la quale nel lungo termine si incorre in rischi eccessivi e in rendimenti minimi.
La finanza comportamentale ha dimostrato come l’home country bias, ossia la tendenza degli investitori ad investire essenzialmente in quel che già conoscono o che è loro familiare, ha origine da diversi fattori, perlopiù legati al contesto e alle esperienze pregresse. Ad esempio, un investitore europeo potrebbe essere condizionato dal susseguirsi di notizie negative sulla scarsa trasparenza dei bilanci, sulle politiche di gestione delle imprese, gli interventi governativi poco efficaci e altre criticità tipiche dei mercati emergenti.”Senza considerare poi che molti fondi investitori istituzionali come i fondi pensione sono più propensi a investire in asset domestici, specialmente nel caso di fondi obbligazionari, visto che è il contesto economico domestico (inflazione, crescita economica, etc..) a contribuire in modo maggiore al futuro dei contribuenti del fondo”Tuttavia, le evidenze empiriche dimostrano come investire solo sul mercato domestico comporti una maggiore esposizione al rischio e rendimenti inferiori nel lungo termine. Si perdono tutti i benefici derivanti da una diversificazione globale del portafoglio e si va incontro ai rischi derivanti dall’alto livello di correlazione tra diverse asset class di uno stesso mercato.
Con un portafoglio diversificato si riesce ad attenuare la volatilità, ridurre la correlazione tra asset e contenere quindi il livello complessivo di rischiosità dell’investimento. Una buona diversificazione permette di mitigare gli effetti di eventi geopolitici o di legati ai tassi di cambio che possono avere un impatto significativo sugli investimenti.Inoltre oggigiorno, grazie alla crescita del mercato degli Etf (exchange traded funds), gli investitori possono avere accesso a mercati e ad asset class fino a poco tempo fa tropo costosi, e costruire un portafoglio ben diversificato ad un costo decisamente inferiore rispetto a quello cui si andrebbe incontro in genere con un fondo comune.Mantenersi entro i confini del mercato domestico, significherebbe invece, esporsi troppo a cicli economici più o meno favorevoli e a potenziali errori di valutazione dannosi. Basti pensare che oggi mentre i mercati azionari e obbligazionari raggiungono massimi storici, quelli dei paesi emergenti presentano prezzi molto più attrattivi rispetto alla controparte dei paesi sviluppati. Le valutazioni da fare sono quindi complesse e rischiose e, per questo, ampliare gli orizzonti dei propri investimenti può aiutare ad ottenere risultati migliori nel lungo termine.Certo la diversificazione non esclude i normali rischi correlati a qualsiasi tipo di investimento ma in un mondo sempre più interconnesso, si rivela una dei fattori più importanti per un investimento efficiente.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bimbi in auto, a rischio in 4 casi su 10

Posted by fidest press agency su domenica, 4 settembre 2016

autostradeGli italiani sono consapevoli dei rischi che i bambini corrono in auto ma oltre il 40% di loro ammette di non seguire sempre in maniera corretta le norme prescritte per trasportarli in sicurezza, soprattutto dopo i 6 anni di età. In occasione dell’ultimo fine settimana di rientri, a fotografare l’atteggiamento degli automobilisti italiani quando viaggiano con minori al seguito è l’indagine “Stetoscopio – Il sentire degli assicurati italiani”, promossa dalla compagnia assicurativa online QUIXA e condotta dall’istituto di ricerca MPS Evolving Marketing Research. In generale, viaggiare con un bambino a bordo sembra stimolare almeno in via teorica una maggiore prudenza nei guidatori: il 78% degli intervistati afferma di essere più attento al volante se trasporta un minore. Un atteggiamento che diminuisce, però, con il passare degli anni: l’85% degli automobilisti che viaggiano con bimbi fino a 5 anni si dichiara prudente alla guida, mentre la percentuale scende al 65% dopo i 6 anni di età. Quando si indaga nello specifico l’utilizzo dei sistemi di ritenuta previsti dalla normativa, però, il 41% degli italiani confessa di non utilizzare sempre i seggiolini o di non avere a disposizione quelli corretti per le diverse fasce di peso. Anche in questo caso, a fare la differenza è l’età: fino ai 5 anni oltre l’80% degli automobilisti si attiene scrupolosamente alle regole, mentre dai 6 anni la percentuale crolla al 56%. Con l’avanzare della crescita, infatti, si tende a minimizzare il rischio, spesso omettendo per esempio l’utilizzo dei rialzi previsti dalla normativa per i bambini più grandi. Dalla ricerca emerge, inoltre, una maggiore attenzione tra gli automobilisti del Nord Italia, che nel 67% dei casi dichiarano di utilizzare sempre correttamente gli strumenti idonei al trasporto dei minori. Nelle regioni del Sud, al contrario, ben il 41% degli intervistati ha ammesso di non utilizzare seggiolini e sedute, limitandosi eventualmente solo ad allacciare le cinture di sicurezza. Dati che diventano ancora più allarmanti alle porte dell’ultimo weekend di rientro dalle vacanze che vedrà sulle strade milioni di famiglie. Basti pensare che nel corso del 2014, il numero di bambini deceduti in incidenti è aumentato del 12,7%: sono stati registrati, infatti, 62 decessi contro i 55 del 2013 e oltre 12.217 feriti tra i ragazzi fino a 14 anni (fonte: rapporto ACI-Istat sugli incidenti stradali in Italia). A livello qualitativo, l’indagine di Quixa ha evidenziato anche alcune curiosità. Più che la propria condotta di guida, a preoccupare gli automobilisti che trasportano minori è spesso il comportamento dei bambini stessi in auto, che viene riconosciuto come fonte di apprensione, distrazione e possibile rischio. Dalla ricerca emerge, infine, che tra i papà di bambini piccoli e le donne – che risultano essere la categoria che più spesso trasporta i bimbi in auto – è maggiore la consapevolezza dei pericoli sulle strade.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vittorio Loreto sulla scienza del nuovo: gioco, creatività e innovazione

Posted by fidest press agency su domenica, 4 settembre 2016

comoComo Martedì 6 settembre ore 18, nell’ambito della Lake Como School of Advanced Studies, la Fondazione Alessandro Volta di Como, in collaborazione con l’Accademia di Belle Arti Aldo Galli IED di Como, propone un nuovo incontro aperto al pubblico tra scienza, innovazione e tecnologia.
Alle 18 presso l’Accademia di Belle Arti Aldo Galli IED di Como si terrà la conferenza “La scienza del nuovo: gioco, creatività e innovazione”, con Vittorio Loreto, Professore di Fisica dei sistemi complessi all’Università Sapienza di Roma e Research leader alla Fondazione ISI di Torino.
Noi tutti sperimentiamo il nuovo. Le novità fanno parte della nostra quotidianità. Incontriamo nuove persone, impariamo e usiamo nuove parole, ascoltiamo una nuova canzone, vediamo un film o adottiamo una nuova tecnologia.
Le innovazioni sono fattori chiave per l’evoluzione delle società umane, in quanto rappresentano il motore principale per esplorare nuove soluzioni in ambienti imprevedibili e in continua evoluzione. Nuovi artefatti tecnologici, nuove scoperte scientifiche, nuove strutture sociali e culturali, sono molto spesso stimolati dalle mutazioni della condizioni esterne. Storicamente la nozione del “nuovo” ha sempre rappresentato una sfida per l’umanità.
Ciò che è nuovo spesso sfida la naturale tendenza degli esseri umani a prevedere e controllare gli eventi futuri. Eppure, la maggior parte delle decisioni che prendiamo sono basate sulle nostre aspettative per il futuro. Da questo punto di vista un’indagine approfondita e una profonda comprensione dei meccanismi attraverso i quali novità e innovazioni emergono, si diffondono, competono e si affermano è cruciale per il progresso in tutti i settori delle attività umane.
In questa conferenza Vittorio Loreto presenterà una panoramica degli approcci recenti alla scienza del nuovo che uniscono da un lato teorie e dati e, dall’altro, la possibilità di sfruttare i giochi come strumento per studiare i meccanismi alla base della creatività, dell’innovazione e dell’apprendimento. L’incontro, organizzato nell’ambito della scuola “Creativity and Evolution: Games – Language – Robots – Life – Art”, è a ingresso gratuito.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Viasat Group affida la Ricerca & Sviluppo a Marco Annoni

Posted by fidest press agency su domenica, 4 settembre 2016

VMarco_Annoni.pngiasat Group, tra i top player mondiali nella progettazione e produzione di sistemi elettronici automotive con applicazione di tecnologie telematiche satellitari ed erogazione dei relativi servizi, ha nominato il torinese Marco Annoni nuovo Amministratore Delegato della controllata Vem Solutions.
Dal 2008 la società ha concentrato tutte le competenze ed expertise del Gruppo nel campo della progettazione hardware e software di dispositivi satellitari e dello sviluppo di strumenti e applicazioni software per le Centrali Operative o per progetti speciali realizzati per conto dei propri Clienti.
Laureato in Ingegneria Elettronica al Politecnico di Torino, classe 1959, sposato e con due figli, Marco Annoni ha maturato una lunga esperienza manageriale nel mondo delle TLC con Telecom Italia, prima in CSELT e poi in TILAB, occupandosi di strategie di sviluppo nell’ambito dei sistemi e servizi satellitari, del mobile e dei nuovi servizi di telecomunicazione per il settore Trasporto. Dal 2004 in Telecom Italia ha gestito il programma di innovazione e ricerca che si occupa di “ITS, Connected Vehicle e Logistica”.Attivo a livello internazionale, è autore di numerose pubblicazioni ed ha rappresentato Telecom Italia nelle principali organizzazioni che si occupano di ITS – Intelligent Transport Systems, eCall e City Logistics (e.g. ERTICO ITS Europe, TTS Italia, EeIP – European eCall Implementation Platform, GSMA Automotive SiG). In ambito standardizzazione ITS è attualmente vice-chairman di ETSI ITS, membro del ITS Coordination Group della EC e coordinatore del Comitato Tecnico della TSP–A, l’associazione nazionale dei Telematic Service Providers.“Da sempre il Gruppo Viasat – spiega Marco Annoni, nuovo Amministratore Delegato di Vem Solutions – ha puntato sull’innovazione tecnologica per vincere la sfida competitiva sul mercato della telematica satellitare. Sono onorato dell’opportunità di raccogliere e sviluppare l’eredità di quest’azienda e di mettere la mia esperienza a disposizione per guidarla verso una nuova fase di espansione e di crescita, grazie anche alle maggiori capability di progetto frutto delle competenze tecnologiche oggi presenti in Italia, Spagna, UK, Portogallo, Romania, Polonia e Belgio”.“L’inserimento di Marco Annoni – è il commento di Domenico Petrone, Presidente di Viasat Group – è molto importante per dare un ulteriore impulso a un settore strategico, come quello della Progettazione e Sviluppo, che vede l’azienda investire già oggi oltre 2 milioni l’anno in innovazione. Questo ci ha portato ad essere un raro esempio di Gruppo tecnologico capace di Progettare, Produrre e Commercializzare Prodotti e Servizi sui mercati di riferimento: Telematica Insurance, Car Maker After Market, Fleet Management, Sicurezza Automotive e Domotica, con la produzione di massa di nuovi Sistemi e Soluzioni con applicazioni di Tecnologie Telematiche Satellitari”.Il Gruppo Viasat investe in innovazione da oltre 40 anni, influenzando fortemente la nascita e lo sviluppo della Telematica Satellitare. Nel futuro si intravedono nuove sfide e opportunità straordinarie, grazie anche alla propria visione di sviluppo in ambito BigData. In sinergia con le proprie consociate, Viasat vuole continuare ad esserci per vincere la sfida globale, ancor più protagonista di questa nuova Rivoluzione Tecnologica. (foto: marco annoni)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fertilità e campagna ministero: Dannosa e pericolosa

Posted by fidest press agency su domenica, 4 settembre 2016

Ministero saluteIl ministero della Sanità promuove la fertilità in età giovanile. Un film sul ventennio del governo di Benito Mussolini nel secolo scorso? No! A.D. 2016. Proprio mentre migliaia di profughi o migranti affollano i mari che raggiungono la nostra penisola cercando aiuto. Proprio mentre l’esplosione demografica nel mondo e’ un pericolo piu’ volte denunciato dall’Onu. Sembra che il nostro ministero della Sanità viva in un fortino chiamato Italia e, visto l’andamento negativo della natalità, abbia deciso, per meglio combattere chi potrebbe assediare questo fortino, di far fare più figli a cui affidargli le baionette del millennio 2000.
Globalizzazione, liberi scambi, internazionalizzazione della economia e della politica del nostro Paese (su cui il nostro capo del Governo sta mettendo molto impegno), politiche di accoglienza per i disperati dei mondi poveri e/o belligeranti… tutto questo non esiste. C’e’ solo il fortino. Manca solo la razza e la stirpe e potremmo dire che è una campagna fascista. Ma non lo è. Perche’ se fosse fascista, almeno avrebbe una logica ideologica (anche se aberrante). Invece e’ solo una campagna ignorante e  altrimenti ci sarebbe anche la malafede a fini di ricerca di consenso elettorale verso i tanti che ancora abboccano a queste impostazioni uterine della crescita di un Paese. Quindi è una campagna dannosa e pericolosa. Sposta il nostro Paese anche nel ridicolo, oltre che contro tutte le politiche di crescita economica, culturale e politica: che sono quelle di un ruolo da svolgere nel contesto internazionale, puntando alla valorizzazione di organismi transnazionali e di superamento di quei confini ottocenteschi e novecenteschi che ci hanno portato morte, distruzione e disperazione.Dobbiamo quindi scoraggiare e non incoraggiare la natalità? Partendo dal presupposto che ogni donna e’ libera di procreare o meno, sperando che non si faccia abbindolare dai vari bonus bebe’ che spuntano come funghi anche nelle amministrazioni locali… Si’! Dobbiamo incoraggiare la decrescita ovunque sia possibile. E qui in Italia e -piu’ in generale- nei cosiddetti Paesi occidentali, dove e’ piu’ semplice comunicarlo e farsi capire, vanno fatte campagne specifiche. L’esatto contrario di cio’ che fa il nostro ministero della Sanita’. Il Pianeta e’ unico, e sulla demografia come sull’ambiente, potremo consegnarlo piu’ decente ai nostri figli solo se ci sforziamo per campagne uniche a livello mondiale. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

18 mln di bambini in 10 paesi non vanno a scuola

Posted by fidest press agency su domenica, 4 settembre 2016

unicefSecondo l’UNICEF, nei 10 paesi con i più alti tassi di esclusione dall’istruzione elementare 18 milioni di bambini non vanno a scuola, quasi 2 su 5. La Liberia ha la più alta percentuale, con quasi i due terzi dei bambini in età di scuola primaria che non frequenta le lezioni. Il secondo paese con la percentuale più alta è il Sud Sudan, con il 59% ed 1 scuola su 3 chiusa a causa del conflitto.Afghanistan (46%), Sudan (45%), Niger (38%) e Nigeria (34%) sono tra i primi 10 paesi con i più alti tassi di esclusione dalla scuola elementare: ciò significa che emergenze umanitarie e crisi prolungate stanno spingendo i bambini fuori dalla scuola.
Anche se non rientra nei 10 paesi con il più alto tasso di bambini esclusi dall’istruzione, la Siria ha 2,1 milioni di bambini in età scolare (5-17 anni), che non vanno a scuola. Anche ulteriori 600.000 bambini siriani che vivono come rifugiati nella regione risultano esclusi dalla scuola.
Questi dati, che vengono lanciati proprio mentre milioni di bambini stanno iniziando la scuola, sottolineano la portata della crisi che riguarda l’istruzione, che colpisce i paesi già segnati da conflitti, da periodi prolungati di siccità, inondazioni, terremoti e da alti tassi di estrema povertà.
L’UNICEF teme che senza istruzione, una generazione di bambini che vivono in paesi colpiti da conflitti, disastri naturali e povertà estrema crescerà senza le competenze necessarie per contribuire allo sviluppo dei loro paesi, aggravando la situazione già disperata di milioni di bambini e delle loro famiglie.
L’istruzione continua ad essere uno dei settori meno finanziati negli appelli umanitari. Nel 2015, le agenzie umanitarie hanno ricevuto solo il 31% dei fondi necessari per il finanziamento dell’istruzione, in calo dal 66% rispetto a dieci anni fa. Nonostante un aumento del 126% del fabbisogno per l’istruzione dal 2005, i finanziamenti sono aumentati di appena il 4%.
Durante il Summit Umanitario Mondiale, svoltosi a maggio 2016, è stata lanciata una nuova piattaforma di finanziamento globale “Education Cannot Help” per colmare, attraverso un finanziamento programmabile, il divario tra interventi umanitari nelle situazioni di crisi e attività di sviluppo a lungo termine.
Dati recenti e attendibili su paesi come la Somalia e la Libia non sono disponibili da fonti amministrative o statistiche anche a causa dei continui conflitti.
“Per i paesi colpiti da conflitti, la scuola prepara i bambini con le conoscenze e le competenze necessarie per ricostruire le loro comunità una volta che la crisi è finita e, nel breve termine, fornisce loro la stabilità necessaria per far fronte ai traumi. Le scuole possono anche proteggere i bambini da traumi e pericoli intorno a loro. Quando i bambini non vanno a scuola, hanno maggiori possibilità di subire abusi, sfruttamento e reclutamento nei gruppi armati “, ha detto Jo Bourne, Responsabile UNICEF per l’Istruzione.

Posted in Estero/world news, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lavoro e finta abolizione delle Province

Posted by fidest press agency su domenica, 4 settembre 2016

abolizione provincieChe la riforma “Delrio” con la quale si paventava trionfalisticamente l’abolizione delle Province fosse una truffa a danno degli italiani si era visto non appena si è dato attuazione, con le amministrazioni provinciali tuttora in piedi con compiti e funzioni in parte rimaste ed in parte non del tutto chiare per salvare qualche poltrona lì e là, a discapito di migliaia di dipendenti che oggi sono stati costretti a lasciare le loro mansioni e le proprie competenze accumulate – per molti – negli anni, per spostarsi, se gli va bene, in altri enti o amministrazioni dello Stato. Se va bene, dicevamo, perché proprio in data odierna, fissata quale start day per il passaggio alle nuove amministrazioni, molti dei dipendenti che provenivano dalle province si sono visti rifiutare letteralmente l’assegnazione al nuovo incarico presso le amministrazioni riceventi. Non dimentichiamo, infatti, che il pasticciaccio brutto è stato proprio determinato dalla riforma stessa e dai suoi provvedimenti attuativi a partire da quello emanato dal Dipartimento della Funzione Pubblica, che con decreto del Direttore dell’Ufficio per l’organizzazione ed il lavoro pubblico n. 11)-14647299 del 10.08.2016, pubblicato sul portale “mobilità.gov”, a conclusione della prima fase di mobilità disciplinata dal D.M. 14.09.2015, emanato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri — Dipartimento della Funzione Pubblica “Criteri per la mobilità del personale dipendente a tempo indeterminato degli enti di area vasta dichiarato in soprannumero, della Croce Rossa italiana, nonché dei corpi e servizi di polizia provinciale per lo svolgimento delle funzioni di polizia municipale”, ha assegnato i dipendenti delle province a determinate amministrazioni senza però un’effettiva e puntuale verifica delle singole professionalità e dell’effettivo bisogno delle stesse presso i nuovi incarichi. A segnalarci la gravissima questione che coinvolgerebbe migliaia di dipendenti delle province e degli enti indicati nel su citato decreto, due lavoratrici della provincia di Lecce le quali, destinate ai Comune di Lequile e Presicce (Le), si sono viste rifiutare l’assegnazione in data odierna non prima di aver comunque diffidato l’amministrazione comunale, in assenza di apposita convocazione, a renderle loro possibile l’esecuzione della prestazione lavorativa. Insomma, moltissimi lavoratori si troverebbero in un limbo giuridico, rileva Giovanni D’Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, che deve essere immediatamente sostituito dalla certezza del diritto al proprio posto di lavoro. Che il governo batta un colpo!

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »