Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 259

Archive for 5 settembre 2016

Sane or insane? The Trump phenomenon and the future of US foreign policy

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 settembre 2016

trumpDonald Trump is a phenomenon; he recently fired the first shot calling for a turnaround in US foreign policy, citing little benefit to the middle and working classes. Trump wants the US to try to work with Vladimir Putin of Russia. Is he right?Although the jury is still out on Trump’s oft brow-raising campaign tactics, Harvard Business School Professor Daniel Quinn Mills and University of North Carolina at Chapel Hill Professor Steven Rosefielde suggest that his intuition is often correct. Trump may not have yet articulated a cogent alternative, but he often asks the right questions.In Mills’ and Rosefielde’s latest book “The Trump Phenomenon and the Future of US Foreign Policy” published by World Scientific, the duo argues that American foreign policy should change because the world has changed. China, Russia and Iran now challenge US global leadership. The US is no longer willing to bear the burden of fielding enough strength to confront all these challengers simultaneously.Mills and Rosefielde suggest among many other important points that the US should now turn Henry Kissinger’s policy on its head. Almost fifty years ago Kissinger proposed an American opening to China in order to restrain Soviet ambitions. Today, American should explore an opening to Russia in order to restrain Chinese ambitions.They suggest also that while Trump has raised the level of discussion of this idea and other foreign policy issues in US public life, he does not have a monopoly on them. This defining issue, they say, “is not a Republican agenda, nor a Democratic one. We believe that it is a US agenda… Americans should be less concerned about what we have been doing or not doing; even about the difficulties in which we currently find ourselves. We should be most concerned about where we are headed – about where we should be going.” Mills and Rosefielde further propose 12 principles of strategy for American policy to spur thought in the public arena for how American foreign policy should be engaged, including:
Build policy strictly on the principle of core national interest – not insider interest nor domestic politics
Work for these objectives diplomatically; we resort to force if necessary – that is, for defense against armed aggression
Engage only one major adversary at a time, not all potential adversaries at once
Promote beneficial government abroad, not our form of democracy
Quit appearing on the international stage as if we were no more than platitude-spouting hypocrites
Assert our national interests in preference to those of other nations
Conduct any foreign interventions well. Including having an exit strategy and using it
Keep our eyes on the major things and do not get distracted
We should never lose sight of our most dangerous potential adversary
Be clear about our objectives, not muddle headed
Do not compartmentalise too much
Be prepared to pay for power
The contents of the book have been thoughtfully arranged and spell out a clear agenda for America. The contents include: A Successful American Policy: A Challenge to Us All; The Best Path Toward National Security; Key Elements of an American Policy for Today; The Six Characteristics of a Desirable Policy for America; Underlying Principles of an American Policy; More about the Most Important Principles of a Successful Policy; Seizing Opportunities and Avoiding Entangling Alliances; Today’s Dangers: Increasing Nuclear Risk; Russia: A Drunk Soccer Hooligan?; The United States and Militant Islam; Our Rivalry with China; Germany’s Geo-Political Ambitions; What the Politicians are Offering as Choices for America and Our Alternative; The Decay of Post-World War II Cosmopolitanism: Lions Led by Donkeys: The Record of Today’s Cosmopolitans; Hitler’s Legacy: Modern Political Spin; Overestimating Our Strength: American Decay; More Sleepless Nights: Ineffective Foreign Policy; The Next Step: A New Politics;The key question about the future of US foreign policy remains hanging in the minds of voters and non-voters alike whether Trump gets elected to power or not: Can the US alter its foreign policy even though it has been on its current trajectory since World War II?
The Trump Phenomenon and the Future of US Foreign Policy will be sold at all major bookstores and retails at US$49 / £41 (hardcover) and S$24.90 / £21 (paperback). More information about the book can be found at http://www.worldscientific.com/worldscibooks/10.1142/10304. (photo:trump)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il Gruppo Storico Lavinium e il Tesoro di Priamo

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 settembre 2016

tesoro di priamo1tesoro di priamo2Mosca. Nel suo recente viaggio in Russia, l’Associazione Tyrrhenum ha avuto la possibilità di vedere da vicino la suggestiva collezione di diademi e gioielli conosciuta in tutto il mondo con il nome di “Tesoro di Priamo”. La collezione, ospitata nel Museo Puskin di Mosca, è oggetto di una disputa internazionale tra Germania, Russia e Turchia che ha reso, per anni, impossibile l’esposizione al pubblico. Gli echi della Guerra di Troia e la fame di ricchezze spinsero il mercante-archeologo tedesco Heinrich Schliemann a finanziare, partecipando attivamente agli scavi, la ricerca della città di Troia descritta da Omero nell’Iliade. Dopo aver esportato illegalmente i reperti ritrovati, Schliemann vendette la collezione al Pergamon Museum di Berlino. Il Tesoro rimase a Berlino fino al 1945, quando venne preso dalle forze dell’Armata Rossa, per poi “riapparire”, nel 1993, a Mosca. Per la Russia questi oggetti rappresentano un compenso per i danni di guerra e non hanno alcuna intenzione di restituirli né alla Germania né alla Turchia. Per i soci del Gruppo Storico “Lavinium” dell’Associazione Tyrrhenum è stato emozionante ritrovarsi al cospetto di reperti archeologici tanto preziosi che ricordano non solo le origini mitiche del nostro territorio ma anche le radici della cultura classica europea. (foto: tesoro di priamo)

Posted in Estero/world news, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Tra una settimana la nuova miss Italia

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 settembre 2016

finalistegruppo di miss1Jesolo. Domani 6 settembre alle ore 11, in una conferenza stampa che si svolgerà al Four Seasons Hotel di Milano sarà presentato il programma della trasmissione televisiva in diretta su La7 e su La7d. Sono state già scelte le 40 finaliste e le vincitrici dei titoli nazionali mentre la macchina del concorso è al lavoro con assistenti, truccatori, parrucchieri, cinque estetiste, addetti alla sicurezza e con lo staff televisivo fatto di autori, coreografi, costumiste e registi. È un gruppo di professionisti ai quali si deve gran parte del successo di Miss Italia… una macchina imponente, ma ben collaudata.
Tanto per iniziare, a rendere più belle le ragazze ci pensano 67 truccatori di Romeur Academy, 45 parrucchieri di Tricologica e 5 estetiste di Dermal Institute. Operativi dall’alba al tramonto, “sono appassionati del loro lavoro e per tutti Miss Italia è un obiettivo fondamentale”, ricorda uno di loro.Una decina di costumiste e di sarte, e altrettanti tra autori e coreografi, si occupano invece di preparare le 40 finaliste per gli shooting fotografici che precedono l’attesa diretta televisiva del 10 settembre. “Ogni donna è bella per quello che è – ci dicono – il segreto è non nascondere il proprio corpo, ma imparare a valorizzarlo”.
Una trentina di bodyguard della “Top Secret Investigazioni” lavorano, invece, per garantire la sicurezza delle ragazze, sia al Pala Arrex sia nei numerosi spostamenti a Jesolo. Senza pause l’impegno del fotografo Daniele La Malfa, autore delle immagini delle miss che stanno facendo il giro del web.RDS, radio di Miss Italia di questa edizione, oltre alla diffusione di servizi e interviste, lancerà durante la finale “Miss Voce”, la ragazza dalle doti radiofoniche che sarà eletta dagli ascoltatori e dal popolo web della stessa radio.Le vere protagoniste però sono le miss: 24 sono castane, 13 bionde, due sono rosse e una sola ha capelli neri. Quasi tutte sono diplomate, tre sono già laureate e cinque hanno origini straniere. Tra loro, anche Elis Mati, figlia di genitori albanesi, vincitrice della fascia contro la violenza sulle donne a Coriano, in Romagna.Infine, accanto alle miss, ma fuori gara, c’è Giulia Carboni, l’unica riserva. (foto: gruppo di miss, finaliste)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Parliament to assess UK candidate for Security Union Commissioner

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 settembre 2016

Strasbourg Monday 5 from 19.00 to 22.00. Parliament will evaluate Commissioner-designate Sir Julian King for the portfolio of the Security Union during its plenary session in Strasbourg. The Civil Liberties Committee will first hold a public hearing with the candidate on Monday 12 September in the evening. The full House will take a vote on Thursday. Julian King’s candidacy was put forward by the UK Government following the resignation of Lord Jonathan Hill, who held the Financial Services portfolio. Commission President Jean-Claude Juncker announced last month that he intended to allocate the newly created Security Union portfolio to the new UK commissioner. The Civil Liberties Committee will hear the Commissioner-designate on Monday in Strasbourg, from 19.00 to 22.00. The Committee will convey its evaluation to the Conference of Presidents and the full House will vote on Thursday.As Commissioner for the Security Union, Julian King will support the implementation of the European Agenda of Security and contribute to delivering an operational and effective Security Union. He will work under the guidance of First Vice-President Frans Timmermans, complementing the work of Commissioner Avramopoulos, who is in charge of Migration, Home Affairs and Citizenship.
As laid down in the Rules of Procedure (Annex XVI), the Civil Liberties Committee sent a set of written questions to the candidate. Civil Liberties Committee MEPs are particularly interested in his priorities in the area of Security, the coordination with Commissioner Avramopoulos, and the implementation of current legislative instruments, in particular as regards information sharing between law enforcement authorities. The Commissioner-designate is expected to answer the questions in writing by 8 September.
The hearing before the Civil Liberties Committee will last three hours. Julian King may make an opening statement of no longer than 15 minutes. There will be two rounds of questions and the candidate will have the opportunity to make a five-minute closing statement. Civil Liberties coordinators will meet (in camera) on Tuesday 13 September to assess the outcome of the hearing. The Committee Chair will inform the President as well as the Conference of Committee Chairs. The assessment will then be examined by the Conference of Presidents. The full House will vote on Thursday.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Catella: Parking in Europe – investors focus on multi-storey car parks

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 settembre 2016

Thomas BeyerleUntil now, multi-storey car parks have barely been on investors’ radars. Ongoing yield compression of traditional property investments is changing all that. There are currently around 300 million public parking spaces in Europe and 48,000 multi-storey car parks. However, there is a vastly diffuse nature to the companies that provide parking facilities, lacking in uniformity. Investors are becoming more aware of multi-storey car parks in terms of two essential aspects: cash flow and appreciation potential. Throughout Europe, Catella’s analyses indicate that the outlook for these two areas will remain exceptionally positive for the years to come. Average purchase yields in Europe are around 6.5 % at the moment, making them much higher than those for traditional investments in office and retail space. These are just some of the results from Catella’s analysis in the September 2016 market tracker.Catella defines the total population of the multi-storey car park market in Europe as around 48,000 properties. Around 40 % of these are operated by municipalities and commercial enterprises (e.g. shopping centres), 30 % are assigned to the entertainment industry (e.g. theatres/cinemas) and around 10 % are located at airports. The remaining 20 % can be assigned to a diffuse user structure.
With regard to yields from multi-storey car parks (total turnover in Europe in 2015: € 8.58 billion), Germany has the largest share at around 25 %, followed by France (17 %), the UK (16 %), Italy (15 %) and Spain (8 %). If we consider the number of off-street parking spaces by number of inhabitants, it becomes clear that the Nordic countries in particular have a high proportion of off-street parking. With 9.82 % and 8.25 % respectively, Sweden and Finland are significantly above the European average of 5.4 %. In Germany, this proportion is 6 %, and in Italy just 2.3 %.The trends towards car sharing, electric vehicles and highly automated driving do not pose any disadvantages in terms of investments in multi-storeys. On the contrary, they will boost demand for paid parking. Clear excess demand strengthens the market power of the operators and will generally enable higher prices,” says Thomas Beyerle, Head of Group Research at Catella.The Market Tracker – Parking in Europe is now available at http://www.catella.com/research. (photo: Thomas Beyerle)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Politiche attive lavoro dovrebbero essere punto di partenza, non di arrivo”

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 settembre 2016

lavoratori“È di tutta evidenza che siamo davanti ad una strategia che segna pesantemente il passo e che, quindi, necessita di un rapido cambio di rotta, per il quale, tuttavia, il governo Renzi non sembra essere pronto”.
Lo dichiara il segretario confederale dell’Ugl, Fiovo Bitti, per il quale “la sfida lanciata oggi dal ministro Poletti ovvero la costruzione di un sistema di politiche attive per l’inserimento e il reinserimento delle persone nel mondo del lavoro rischia di risultare del tutto inefficace, perché le politiche attive dovrebbero essere il punto di partenza e non l’approdo finale”.
Per il sindacalista “i numeri parlano chiaro e indicano l’urgenza di un intervento del governo in corso d’opera: le variazioni nette fra assunzioni e cessazioni nei primi tre mesi del 2016 danno un risultato positivo di appena 51mila unità, a fronte di circa 225mila unità nello stesso periodo del 2015; l’uso eccessivo e distorto dei voucher; la marginalizzazione del contratto di apprendistato, nonostante la lieve ripresa nei primi tre mesi dell’anno; il fenomeno della crescita delle dimissioni volontarie, 110mila in più su base annua, accompagnato peraltro da un sensibile incremento dei licenziamenti nell’ambito di applicazione del contratto a tutele crescenti, quasi 15mila in più”.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: – Precari con diploma magistrale, la resa del Miur

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 settembre 2016

ministero pubblica istruzioneNella Circolare ministeriale pubblicata in queste ore dalla direzione generale, sulla base delle indicazioni provenienti dai tribunali, viene sancito che “è possibile conferire incarichi a tempo determinato con apposizione di clausola risolutiva condizionata alla definizione nel merito del giudizio pendente, ai docenti risultati destinatari di pronunce giudiziali favorevoli del Consiglio di Stato in forza delle quali, il disposto inserimento con riserva nelle graduatorie ad esaurimento o di istituto, risulti configurato dal giudice come pienamente anticipatorio di tutte le utilità ad esso connesse”. L’inserimento avverrà, ovviamente, con il sistema a “pettine”, in pratica con il punteggio spettante in base ai titoli e ai servizi svolti e scatterà in tutti quei casi in cui i docenti precari dovessero essere in posizione utile in base al punteggio posseduto.Marcello Pacifico (presidente nazionale Anief): è la fine di un’odissea perché, ora, gli insegnanti che hanno presentato ricorsopotranno ottenere, in occasione delle prossime convocazioni per le supplenze annuali da completare entro il 15 settembre, la stipula di un contratto annuale. Anche a tempo indeterminato, se la posizione ricoperta nelle GaE dovesse essere utile a questo scopo. In tribunale abbiamo ottenuto la tutela dei loro diritti e ora il nostro sindacato vigilerà sul corretto svolgimento di tutte le operazioni. Considerando il permanere dell’assurdo blocco dell’aggiornamento delle GaE, si tratta di un successo non indifferente.

Posted in Cronaca/News, scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Laurie Anderson: Heart Of A Dog anteprima del suo nuovo film al Teatro Parenti

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 settembre 2016

heart of the dogMilano 11 settembre 2016 Teatro Franco Parenti Via Pier Lombardo 14 proiezioni del film alle 19.00 e alle 21.30: Heart of the dog”
Heart of a Dog sarà poi nelle sale cinematografiche italiane esclusivamente il 13 e 14 settembre entrambe aperte ai cani e seguite dall’esclusivo incontro con l’artista. I biglietti per il doppio appuntamento e i dettagli sulle modalità di accesso degli accompagnatori a quattro zampe saranno a breve disponibili su http://www.teatrofrancoparenti.it. Incentrato su Lolabelle – l’adorato rat terrier di Laurie Anderson, morto nel 2011- Heart Of A Dog è un saggio personale che intreccia ricordi di infanzia, video diari, riflessioni filosofiche sul concetto buddista della vita dopo la morte, oltre a una serie di tributi sinceri e sentiti agli artisti, agli scrittori, ai musicisti e ai pensatori che l’hanno ispirata. Accolto da applausi e commozione alla scorsa Mostra del Cinema di Venezia, ora il film arriva nelle sale italiane doppiato dalla stessa Laurie Anderson (elenco delle sale su http://www.nexodigital.it) distribuito da Nexo Digital e Cinema srl solo per due giorni, il 13 e 14 settembre. Inframmezzando una personalissima narrazione e originali composizioni di violino, animazione disegnata a mano, filmini di famiglia in 8 millimetri e opere d’arte, Heart Of A Dog avvolgerà gli spettatori con un linguaggio visivo ipnotico: un collage realizzato a partire dai materiali grezzi della vita e dell’arte della Anderson. Lou Reed -il compianto marito dell’artista, a cui il film è dedicato- interpreta la coda musicale del film, con il suo brano “Turning Time Around”.L’evento al Teatro Franco Parenti è organizzato in collaborazione con Warner Music.
La colonna sonora che accompagna le immagini è disponibile su etichetta Nonesuch e dal 9 Settembre, lo sarà in tutti i digital store in una speciale versione italiana. Lo stile è quello inimitabile di Laurie, narrativo e riflessivo come ti aspetteresti da lei. I brani che formano la colonna sonora del film sono tratti dalle sue opere più celebri come Homeland (2010), Bright Red (1994), Life on a string (2001) ma comprendono anche musiche inedite, come quelle tratte dal prossimo lavoro con i Kronos Quartet intitolato Landfall. “Turning time around” – il brano di chiusura – è stato scritto ed interpretato dal grandissimo LOU REED, suo compagno di una vita. Nel CD sono contenuti sia i brani musicali che quelli recitati.
Sino al 30 settembre Laurie Anderson è anche all’ex-Chiostro di S. Caterina a Formiello di Napoli con la mostra The Withness Of The Body. (foto: heart of the dog)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Migranti: 500 mila bambini a rischio con trafficanti

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 settembre 2016

unicefNuovi dati rivelano che dal gennaio 2015 circa mezzo milione di bambini rifugiati e migranti si ritiene siano venuti in contatto con i trafficanti durante gli spostamenti; l’attesa e la disperazione li ha portati nelle mani di criminali pronti a sfruttare la loro vulnerabilità. I dati pubblicati questa settimana da Eurostat rivelano che dal gennaio 2015 più di 580.000 richieste di asilo sono state presentate da parte di bambini in Europa. Secondo un recente rapporto di Europol-Interpol oltre il 90% degli spostamenti effettuati da rifugiati e migranti che arrivano nell’UE sono stati favoriti da trafficanti che lavorano per reti criminali: è stimato che almeno mezzo milione di bambini si siano rivolti ai trafficanti ad un certo punto nei loro viaggi. I minorenni non accompagnati sono quasi 100.000 rispetto al totale e sono particolarmente a rischio di rivolgersi ai trafficanti. Per fare luce sul mondo sotterraneo e oscuro del traffico di migranti in Europa, e per definire meglio una risposta, l’UNICEF ha raccolto informazioni da una serie di fonti – tra cui Europol-Interpol, testimonianze di bambini stessi, pubblicazioni di agenzie delle Nazioni Unite, organizzazioni non governative e autorevoli rapporti di media.
Anche se l’ondata di rifugiati e migranti sta rallentando, chiusura delle frontiere, politiche migratorie rigide e l’accordo UE-Turchia hanno portato questi gruppi criminali ad adattare le rotte tradizionali che utilizzando per il traffico di droga e armi per trasferire rifugiati e migranti. Il traffico e la tratta di esseri umani si stima che abbia un valore di circa 5-6 miliardi di dollari l’anno. Poiché il numero di persone che effettuano viaggi pericolosi è calato, l’Europol ritiene che questi criminali abbiano triplicato i loro prezzi, con molti migranti che ora pagano fino a 3.000 euro per ogni singola tappa del loro viaggio.
I bambini spesso contraggono un debito con questi criminali per essere trasportati. Per far fronte a questi debiti sono spinti a correre maggiori rischi di sfruttamento da parte dei contrabbandieri, con segnalazioni di minorenni non accompagnati in Francia e in Italia costretti a subire favori sessuali, a lavorare e a commettere crimini. Per aiutare a proteggere i bambini rifugiati e migranti, l’UNICEF lancia un appello urgente per:
· compiere maggiori sforzi per documentare il contrabbando e il traffico mirato sui bambini coinvolti nelle migrazioni.
· Nei paesi di transito, in particolare in Grecia e in Italia, è fondamentale che chi si occupa di protezione dell’infanzia sia formato per fornire consulenza individuale e sostegno a tutti i bambini rifugiati e migranti vulnerabili, con particolare attenzione a quelli non accompagnati e separati.
· ottenere una più rigorosa raccolta di dati qualitativi relativi.
Quando la qualità della risposta migliora – e comprende un colloquio individuale entro 72 ore, un migliore accesso alle informazioni, la nomina di un adulto di riferimento, come un tutore, un regolare feedback sulla loro vicenda e un migliore accesso all’assistenza legale- il rischio che i bambini fuggano inosservati per continuare il loro viaggio con i trafficanti, diminuisce significativamente.
L’UNICEF ha istituito team mobili in aree strategiche gli esperti di protezione dell’infanzia per fornire servizi ai bambini migranti e per aiutare rapidamente ad identificare i bambini che possono cadere vittime di traffico e di tratta. Ad esempio, personale specializzato e partner presso i centri per i bambini non accompagnati ad Atene (nella città e intorno) e nel porto di Lampedusa (in Italia) stanno contribuendo ad identificare ed assistere donne e ragazze che possono essere vittime di sfruttamento sessuale. L’UNICEF è anche impegnato nel monitorare ed analizzare l’impatto del traffico e della tratta sui bambini rifugiati e migranti.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cerimonia di inaugurazione dell’anno scolastico 2016-17

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 settembre 2016

Parma ateneoParma Martedì 6 settembre, alle ore 17.30, nell’Aula Magna del Palazzo Centrale dell’Ateneo, si terrà la Cerimonia di inaugurazione dell’anno scolastico 2016-17 della Scuola per l’Europa di Parma. Dopo i saluti del Rettore Loris Borghi e delle autorità, interverranno il Direttore Esecutivo dell’EFSA Bernhard Url e il Direttore della Scuola per l’Europa di Parma Carlo Cipollone.
A seguire Marco Mezzadri, Delegato del Rettore per la formazione degli insegnanti, presenterà il Protocollo di collaborazione, recentemente sottoscritto dall’Ateneo e dalla Scuola per l’Europa, per la realizzazione di attività congiunte di formazione, ricerca, consulenza e promozione culturale rivolte a insegnanti, docenti, allievi, famiglie, territorio e cittadinanza.
Nell’ambito dell’accordo di collaborazione potranno, tra le altre cose, essere previste attività formative congiunte, progetti di ricerca in ambiti di interesse comune, progettazione e realizzazione di tesi di laurea e di dottorato, organizzazione di conferenze e di attività di carattere scientifico-culturale, produzione congiunta di pubblicazioni.Gli studenti dell’Ateneo potranno inoltre svolgere attività di tirocinio all’interno della Scuola per l’Europa e potranno essere attivati percorsi di work experience per gli studenti dell’Istituzione scolastica presso le strutture dell’Università di Parma. L’Ateneo potrà infine attivare un servizio di consulenza psicosociale in italiano, francese e inglese rivolto alle famiglie, agli studenti e al personale della Scuola per l’Europa.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Corsi di laurea: test ammissione nazionali

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 settembre 2016

Duomo_e_Battistero_di_ParmaParma. Prendono il via il 6 settembre all’Università di Parma i test di ammissione ai corsi di laurea a numero programmato nazionale. Martedì 6 sarà la volta delle prove per i candidati di Medicina e Chirurgia e di Odontoiatria e protesi dentaria, mercoledì 7 toccherà invece a quelli di Medicina veterinaria, e giovedì 8 a quelli di Scienze dell’Architettura. Martedì 13 settembre sarà infine la volta delle prove di ammissione per i corsi delle Professioni sanitarie (Fisioterapia, Infermieristica, Logopedia, Ortottica e assistenza oftalmologica, Ostetricia, Tecniche audioprotesiche, Tecniche della prevenzione nell’ambiente e nei luoghi di lavoro, Tecniche di laboratorio biomedico, Tecniche di radiologia medica, per immagini e radioterapia).
Sul sito web dell’Ateneo, al banner “Test di ammissione” (link http://www.unipr.it/node/14449), si possono trovare tutte le informazioni utili.Ecco i dettagli corso per corso:
Martedì 6 settembre: prova di ammissione per Medicina e chirurgia e per Odontoiatria e protesi dentaria, Sede didattica di Ingegneria (Campus Universitario, Parco Area delle Scienze 69/A), convocazione ore 8. Numero di posti disponibili per Medicina e chirurgia: 221 (di cui 20 riservati a extracomunitari). Numero di posti disponibili per Odontoiatria e protesi dentaria: 22 (di cui 2 riservati a studenti extracomunitari).
Mercoledì 7 settembre: prova di ammissione per Medicina veterinaria, Sede didattica di Ingegneria (Campus Universitario, Parco Area delle Scienze 69/A), convocazione ore 9. Numero di posti disponibili: 44 (di cui 3 riservati a studenti extracomunitari).
Giovedì 8 settembre: prova di ammissione per Scienze dell’Architettura, Sede didattica di Ingegneria (Campus Universitario, Parco Area delle Scienze 69/A), convocazione ore 9.30. Numero di posti disponibili: 128 (di cui 3 riservati a studenti extracomunitari).
Martedì 13 settembre: prova di ammissione per i corsi delle Professioni sanitarie, Sede didattica di Ingegneria (Campus Universitario, Parco Area delle Scienze 69/A), convocazione ore 8. Numero di posti complessivi disponibili: 444 (di cui 24 riservati a studenti extracomunitari e 6 riservati a studenti cinesi).

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Discorso sullo Stato dell’Unione europea alla prossima sessione di Strasburgo

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 settembre 2016

strasburgo-parlamento-europeoDue giorni prima della riunione informale di Bratislava dei Capi di Stato e di governo (senza il Regno Unito), il Parlamento europeo terrà a Strasburgo il dibattito annuale sullo Stato dell’Unione europea con il Presidente della Commissione, Jean-Claude Juncker. Tra i temi in discussione dovrebbero figurare: migrazione, occupazione, terrorismo, Brexit e le modalità per affrontare le esigenze fondamentali dei cittadini europei.Il dibattito avrà inizio mercoledì 14 settembre alle 09:00 e durerà tutta la mattina. Conferenze stampa e briefing saranno organizzati prima e dopo il dibattito. Dal 2010, il dibattito sullo Stato dell’Unione europea ha segnato l’inizio della discussione sul programma politico dell’Unione europea per l’anno in corso.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Fondazione Casa America ha ripreso le proprie attività dopo la pausa estiva

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 settembre 2016

casa americaÈ uscito il n. 24 dei Quaderni di Casa America “Università di Genova e America Latina” che raccoglie diversi interessanti articoli un’elaborazione di Carlotta Gualco, direttrice di Fondazione Casa America, sulla base dei dati forniti da questionari compilati da presidi e responsabili dell’internazionalizzazione delle Scuole dell’Ateneo genovese, in merito alle relazioni attualmente esistenti con il continente latinoamericano. Il 19 giugno scorso lo abbiamo presentato in anteprima presso la Sala Camino di Palazzo Ducale nell’ambito della manifestazione Univercity, con la presenza del rettore Paolo Comanducci e del prorettore Andrea Trucco e molti docenti. Stiamo organizzando un’altra presentazione a Genova tra settembre e ottobre.
Chi è abbonato alla rivista dovrebbe averlo già ricevuto (comunicate se così non fosse!). Per chi è interessato ad acquistarne una o più copie, il volume è disponibile presso Fondazione Casa America al costo di 12 euro, o può chiedere che gli venga spedito comunicando l’indirizzo e accettando di versare tramite bonifico il costo di spedizione in aggiunta a quello del numero.
Il prossimo volume dei Quaderni di Casa America è in preparazione e uscirà ai primi di ottobre. È interamente dedicato alle iniziative a Genova dedicate a Cervantes e al “Don Chisciotte della Mancia” organizzate da Fondazione Casa America tra aprile e maggio in collaborazione con altri partner culturali della città. Si tratta di un bel numero, frutto di molte collaborazioni sia nazionali che internazionali.Chi sarà interessato, potrà acquisirlo alle stesse condizioni del numero precedente.È sempre possibile abbonarsi per l’anno in corso alla rivista Quaderni di Casa America, sottoscrivendo un abbonamento ordinario (50 euro) oppure sostenitore (100 euro).

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I limiti del nuovo “corso” di Renzi

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 settembre 2016

andrea franceschi-enrico cisnetto-iole cisnetto  DSC_1326

Il centro-destra, con il tentativo Parisi, ha ridato segnali di esistenza in vita, ma, come dimostrano le guerre interne sia dentro Forza Italia che nella Lega con il ritorno di Bossi (che al cospetto di Salvini appare saggio…), è ancora ben al di là anche della sola decente presentabilità. I 5stelle mostrano in modo inequivocabile tutti i loro limiti di forza populista inadatta a ricoprire ruoli di governo. In particolare a Roma, dove è a dir poco clamorosa la dimostrazione di incapacità della dilettantesca classe dirigente rabberciata da Beppe Grillo, fino al punto da rendere plausibile la battuta circolata al loro stesso interno durante la campagna elettorale per il Campidoglio “c’è un complotto per farci vincere…”. A sinistra, dentro il Pd come ancor peggio fuori, non alberga uno straccio di idea, ma solo consunti riflessi condizionati d’antan e tanta voglia di consumar vendette. Insomma, non essendoci (ancora) una seria alternativa al presidente del Consiglio, la ripresa politica dopo la pausa d’agosto è tutta incentrata sulla valutazione della cosiddetta “conversione di Renzi”. Cioè di quel cambiamento – non si sa se reale o di mera facciata, ed è questo (in mancanza d’altro) l’argomento di discussione – che l’unico mattatore della vita politica italiana ha deciso di fare da qualche tempo a questa parte. Il Paese perde colpi, soprattutto sotto il profilo economico, con la fiducia di famiglie e imprese in netto e preoccupante calo, e il dopo terremoto ha ben presto assunto, come si temeva, i contorni della querelle mediatico-giudiziaria, con l’aggiunta dell’immancabile vescovo che trasforma l’omelia in comizio (Domenico Pompili a Rieti). Ma pur di fronte a problemi di questa portata, il nocciolo della questione su cui tutti s’interrogano finisce per essere se siamo al cospetto di un nuovo Renzi o se abbiamo ancora a che fare con quello vecchio.Il busillis, per la verità, l’ha alimentato lo stesso primo ministro: facendo pubblicamente ammenda per aver personalizzato la campagna referendaria (se avesse aggiunto di aver anche sbagliato ad anticipare così tanto i tempi, l’autocritica sarebbe stata più credibile); rettificando (molto nelle intenzioni, assai meno nella sostanza) la modalità della comunicazione, rendendola meno aggressiva, polemica e strafottente; cogliendo l’occasione del terremoto per essere (o apparire) più inclusivo. La stessa decisione di andare a Cernobbio, portandosi dietro mezzo governo, quando due anni fa agli esordi aveva fatto un punto d’onore e di distinzione non essere presente a quella parata di establishment, la dice lunga sul fatto che molte cose sono davvero cambiate (anche se il discorso al Forum Ambrosetti è stato privo di novità). È ormai lontano il tempo del Renzi rottamatore, della ricerca del nemico a tutti i costi, della polemica a sinistra e nei confronti dei sindacati, dell’irrisione verso l’opposizione interna al suo partito. Pure del (misterioso) partito della nazione non si sente più parlare. Bene, per molti versi nella “rupture” di Renzi, accanto ai promettenti strappi nei confronti dei vecchi tabù d’origine sessantottesca, c’erano dosi troppo massicce di populismo e di pressapochismo per dover piangere sul latte versato. Ma è il fatto è che il dopo non s’intravede, è il disegno che sembra mancare.A noi qui non interessa indagare se il “nuovo Renzi” c’è o solo ci fa, è mestiere che lasciamo al giornalismo gossiparo e dietrologico. Interessa, invece, capire se il ragazzo è maturato e diventato uomo, se il politico sfacciato si è trasformato non si dice in uno statista (in giro non ce ne sono, e non solo in Italia, da molto tempo) ma almeno un governante serio e preparato. Che è poi quello che vuole la maggioranza degli italiani, quella silenziosa e laboriosa, senza badare più di tanto a distinzioni tra destra e sinistra.Una risposta piena e definitiva non c’è. Ma una cosa è sicura: non può bastare che l’alternativa non esista o comunque sia peggio. L’Italia ha bisogno di cambiamenti strutturali – politici, istituzionali, economici, sociali, culturali – troppo vasti e profondi, e attesi ormai da un quarto di secolo, per poterci accontentare del “meno peggio”. La questione del dopo terremoto lo testimonia: aver colto che la risposta non può essere solo il programma di intervento nelle zone colpite, ma una generale messa in sicurezza dell’intero territorio nazionale, sia dai rischi sismici sia da quelli idrogeologici, è andare nella direzione giusta. Ma perché quel “casa Italia” non si risolva in uno slogan vuoto, occorre saper mettere in campo un vero e proprio “piano Marshall” di modernizzazione del Paese, trovando le risorse nell’ambito di una ristrutturazione del debito pubblico – mettendo in gioco il patrimonio pubblico e chiamando a concorrere quello privato – e saper raccogliere il consenso e organizzare le forze necessarie a sostenerlo. Cose vere, non chiacchiere televisive. Le scelte di figure come Vasco Errani, amministratore pubblico di lungo corso, e di Renzo Piano, star mondiale dell’architettura e senatore a vita, sono indiscutibili. Ma nello stesso tempo paiono viziate da furbizia comunicazionale, che rischierebbe di prendere il sopravvento se sotto quei bei vestiti rimanesse il niente.Romano Prodi ha scritto che serve un “piano trentennale”. Niente di più vero. È il respiro dei progetti, resi impermeabili alle crisi politiche e al succedersi delle legislature, che distingue il politicante dall’uomo di governo serio. E su questo non ci siamo ancora. Così come mancano chiarezza e coraggio nella revisione che sembra essere in corso, ma nella quale Renzi come minimo eccede in tatticismo, della posizione del governo su legge elettorale e riforme costituzionali. Perché aspettare la sentenza della suprema Corte per dire che l’Italicum è una schifezza e che va accantonato a favore di una legge di stampo europeo, tedesca (come noi preferiamo) o francese che sia? Perché non cogliere il senso profondo del suggerimento di rinunciare al referendum – cancellarlo, non spostarlo in avanti di qualche settimana – del Nobel Joseph Stiglitz, di certo non tacciabile di biechi interessi o collusione con il nemico, e aprire una fase politica veramente e completamente nuova? Stiamo parlando di un cambio di strategia, non di mutamenti solo tattici. Anche perché è ancora troppo forte, nel mondo politico ma anche nell’elettorato, il ricordo del renzismo d’assalto perché di fronte al gioco tattico non prevalga la diffidenza, sia di chi fino a ieri non ha amato il suo disprezzo per il dialogo sia di chi teme il suo ripiegamento dal decisionismo muscolare verso il consociativismo e l’appiattimento sui poteri più forti (meno deboli, sarebbe meglio dire). È il momento di sposare il coraggio intelligente del cambiamento con la solidità di comportamenti credibili. Se il “nuovo Renzi” se ne dimostrerà capace, bene, altrimenti non sarà la mancanza di alternative a salvarlo.(Enrico Cisnetto direttore http://www.terzarepubblica.it

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Referendum: Renzi si gioca la credibilità

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 settembre 2016

la-costituzione-della-repubblica-italiana“Parlando al Forum Ambrosetti oggi Renzi ha detto che se vincerà il si ci sarà una semplificazione che ‘non toccherà nessuno dei pesi e contrappesi’ del nostro sistema costituzionale. Niente di più falso, in quanto la ‘semplificazione’ di cui parla il Premier, che si integra con le modifiche connesse al nuovo sistema elettorale per la sola Camera dei deputati, altro non è che un cambiamento surrettizio della forma di governo che, con il tempo, porterebbe ad una sorta di ‘Premierato assoluto'”. Lo afferma, in una nota, Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia. “Un modello, quello dell’uomo solo al comando – continua -, che, come sottolineato da diversi esperti in materia, diventerebbe preoccupante nella misura in cui risulti privo degli idonei contrappesi, la cui mancanza è aggravata proprio dall’Italicum”.
Brunetta evidenzia come “Dovrebbe infatti sollevare più di una preoccupazione il fatto che il nuovo sistema conceda il premio di maggioranza ad una sola lista, e che la Camera, con i suoi 630 deputati, possa senza difficoltà decidere, a maggioranza -nelle mani del leader del partito vincente (anche con pochi voti) nella competizione elettorale – in merito a tutte o quasi tutte le cariche istituzionali. Ne conseguono pertanto – prosegue – evidenti effetti collaterali negativi per il sistema di checks and balances: ne risente infatti l’elezione del Capo dello Stato, dei componenti della Corte costituzionale, del Csm. Il risultato è un sistema fortemente sbilanciato il cui pasticcio è davanti agli occhi di tutti. Più efficienza e miglior funzionamento non significano ‘maggiore velocità’, ma razionalità, responsabilità e tutela della rappresentanza delle istituzioni democratiche. La riforma del Governo, invece – conclude Brunetta –, stravolge l’impianto della Costituzione del 1948, ed affronta un momento storico difficile e una pesante crisi economica producendo un impatto indiscutibile e decisivo sulla partecipazione democratica, sul pluralismo istituzionale, sulla sovranità popolare, sulla rappresentanza”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Giro di vite sulle centrali idroelettriche, chiesta moratoria alle concessioni di derivazione idroelettrica

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 settembre 2016

regione lombardia“Valutare una moratoria di tutte le nuove concessioni di derivazione su tutto il territorio lombardo, almeno fino a quando non saranno elaborati il bilancio idrologico regionale da parte di ARPA e il Programma di tutela e uso delle acque”, è questa la richiesta del M5S Lombardia che ha presentato una mozione che sarà discussa nel prossimo consiglio regionale di martedì 6 settembre.
Per il consigliere regionale Giampietro Maccabiani: “La situazione delle derivazioni idroelettriche è fuori controllo: sul Serio ce ne sono almeno 30 e hanno gravi problemi al deflusso vitale del fiume, la Provincia di Brescia dichiara 67 derivazioni nel fiume Oglio in istruttoria e, dal 2004 al 2013 ben 15 nuovi impianti. Sono solo due esempi, che denunciano, come la risorsa acqua in Lombardia sia sfruttata oltre ogni limite, a scapito degli ecosistemi fluviali, dell’ambiente, della biodiversità nonché sulla fruizione turistica dei luoghi montani. Troppo spesso gli ambiti territoriali in cui insistono i progetti di impianti idroelettrici presentano particolari valenze naturalistiche, ambientali e faunistiche. La Valle d’Aosta ha bloccato il rilascio di nuove concessioni di derivazione, la Comunità europea auspica che tale approccio cautelativo possa essere seguito da altre Regione. Anche la Lombardia si dia una mossa in questo senso”. (Stefano Bolognini)

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Crescita zero e il governo che la nega

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 settembre 2016

Palazzo chigi1Il governo – dichiara in una nota il presidente nazionale Confeuro, Rocco Tiso – perde ancora una volta l’occasione per fare un minimo di autocritica e, anzi, attraverso le parole del ministro dell’Economia, Pier Carlo Padoan, pretende addirittura di “correggere” l’Istat che parla di crescita zero per il Paese.
Questo tipo di atteggiamento, affiancato alla tanta arroganza degli ultimi mesi – continua Tiso –, non fa bene al Paese e a tanti cittadini bisognosi di un impiego e di un’economia in ripresa. La verità infatti è che il famoso “Piano nazionale per il lavoro”, annunciato con le slide del presidente del Consiglio al momento della sua nomina, non esiste. L’unica riforma fatta sul tema lavoro, il Jobs Act, infatti rappresenta una mannaia sui diritti dei lavoratori e un gigantesco passo indietro in termini di diritti.
La nostra preoccupazione, è bene precisarlo – conclude Tiso –, non è quella che a governare sia quell’esecutivo o quell’altro, ma solo che chiunque sia a comando del Paese lo faccia nell’interesse dei cittadini e attraverso la comunicazione e il dialogo.
Da parte dell’opposizione di fratelli d’Italia si osserva: “I dati economici sul Pil sono una doccia fredda per l’Italia e bocciano sonoramente l’ottimismo di Renzi e del suo governo. Ecco il fallimento degli eurozerbini, gli stessi che fino a qualche settimana fa teorizzavano il catastrofismo della Brexit”. E’ quanto afferma il coordinatore dell’esecutivo nazionale di Fratelli d’Italia Giovanni Donzelli. “Mentre noi arranchiamo il manifatturiero britannico ha registrato nell’ultimo mese il balzo in avanti più forte degli ultimi anni – aggiunge Donzelli – questa è la dimostrazione che i baciamano alla Merkel degli eurozerbini non producono effetti positivi; dall’altro lato vengono smentiti tutti i servi delle banche e delle lobby europeiste, che delineavano scenari apocalittici per l’uscita della Gran Bretagna dall’Europa. I governi non votati dai cittadini – prima Monti, poi Letta ed ora Renzi – stanno producendo un vero e proprio disastro – conclude Donzelli – bisogna tornare al voto prima possibile”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

A un anno dalla morte di Alan Kurdi, aumenta il tasso di morti e dispersi nel Mediterraneo

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 settembre 2016

mediterraneoIl 2 settembre di un anno fa il mondo si commosse di fronte alla fotografia del bambino siriano Alan Kurdi, annegato mentre la sua famiglia, come centinaia di migliaia di altri rifugiati, stava disperatamente tentando di raggiungere la sicurezza in Europa. L’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati (UNHCR) stima che siano 4.176 le persone morte o disperse nel Mediterraneo dopo la morte di Alan. In media, 11 tra uomini, donne e bambini sono morti ogni giorno negli ultimi dodici mesi.Nei primi otto mesi del 2016 circa 281.740 persone hanno tentato la pericolosa traversata in mare verso l’Europa. Il numero di rifugiati e migranti in arrivo in Grecia è considerevolmente diminuito a seguito dell’attuazione dell’accordo tra Unione Europea e Turchia e della chiusura della cosiddetta rotta balcanica, passando dagli oltre 67.000 arrivi di gennaio ai 3.437 di agosto. Il numero di arrivi in Italia è rimasto sostanzialmente stabile con circa 115.000 rifugiati e migranti sbarcati nel paese alla fine di agosto, in linea con i 116.000 arrivi registrati nello stesso periodo dello scorso anno.Il cambiamento principale, tuttavia, riguarda il numero delle vittime. Dall’inizio del 2016 una persona ogni 42 che hanno tentato la traversata dal Nord Africa verso l’Italia ha perso la vita, rispetto al dato di 1 ogni 52 dello scorso anno. A fronte di questi dati, il 2016 risulta ad oggi l’anno col tasso di mortalità più alto mai registrato nel Mediterraneo centrale. Le probabilità di perdere la vita lungo la rotta che dalla Libia porta all’Italia sono dieci volte superiori a quelle che si corrono tentando la traversata dalla Turchia alla Grecia.Questi numeri evidenziano la necessità che gli Stati aumentino con urgenza i canali di accesso alternativi per i rifugiati, tra cui reinsediamento, programmi di sponsorizzazione privata, il ricongiungimento familiare e borse di studio per gli studenti, affichè non debbano ricorrere a queste pericolose traversate ed affidarsi ai trafficanti.Alla morte di Alan Kurdi sono seguite manifestazioni senza precedenti di simpatia e solidarietà nei confronti dei rifugiati in tutta Europa. Molte persone si sono volontariamente offerte di dare una mano e di loro iniziativa hanno portato cibo, acqua e vestiti per i rifugiati, offrendosi persino di accoglierli nelle loro case. Per documentare e richiamare l’attenzione su alcuni di questi atti di solidarietà, l’UNHCR e il fotografo Aubrey Wade hanno realizzato una serie di ritratti di famiglie che ospitano rifugiati in Austria, Germania e Svezia.L’arrivo di oltre un milione di rifugiati e migranti in Europa lo scorso anno ha anche provocato atti d’ostilità e tensioni nelle comunità ospitanti. Rifugiati e migranti sono stati oggetto di attacchi razzisti e xenofobi e vittime di pregiudizi e discriminazioni. Ora, per l’Europa, la sfida principale rimane quella di fornire ai rifugiati il supporto e i servizi di cui hanno bisogno per integrarsi con successo e poter contribuire attivamente alla società, dandogli la possibilità di mettere a disposizione le loro capacità e la loro determinazione e arricchendone la cultura, nel loro impegno a ricostruirsi una vita nei paesi che li hanno accolti.
L’UNHCR esorta vivamente i governi e i loro partner nazionali ad impegnarsi per lo sviluppo e l’attuazione di piani nazionali complessivi di integrazione. I numerosi contributi che i rifugiati apportano alla loro nuova società devono essere riconosciuti. L’UNHCR chiede inoltre un chiaro impegno per la prevenzione della discriminazione, la promozione dell’inclusione e la lotta contro il razzismo e la xenofobia.

Posted in Uncategorized | Leave a Comment »

Alternative Ranking Arwu

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 settembre 2016

parma universitàParma. Secondo l’Alternative Ranking Arwu, una classifica che è l’evoluzione del tradizionale Academic Ranking of World Universities (Arwu), l’Università di Parma si colloca tra il 301° e il 400° posto al mondo, nona tra le università italiane presenti nella top 500. Il tradizionale Ranking Arwu prende in considerazione sei indicatori complessivi: i Premi Nobel e le Medaglie Fields ottenuti dagli alunni e dal corpo accademico, gli “Highly Cited Researchers”, gli articoli pubblicati in riviste scientifiche, gli articoli indicizzati nel Science Citation Index e nel Social Sciences Citation Index, il cosiddetto “rendimento pro capite” dell’istituzione. I primi due indicatori Arwu hanno spesso suscitato critiche, perché premi Nobel o medaglie Fields assegnati anche decine di anni fa (l’arco di tempo considerato sono gli ultimi 100 anni) possono far sì che un ateneo finisca in una posizione migliore di uno non “medagliato” ma con ottimi punteggi negli altri indicatori.
Per questo l’Università di Shanghai ha deciso di stilare anche un “Alternative Ranking Excluding Award Factor”, cioè una classifica che non tiene conto dei Premi Nobel e delle Medaglie Fields. In questo ranking Parma si colloca molto meglio: anziché tra il 401° e il 500° posto (la sua posizione nel Ranking Arwu tradizionale) è tra il 301° e il 400°, e soprattutto è nona tra le università italiane. In particolare, spicca il dato degli Highly-Cited Researchers, ovvero dei ricercatori più citati, sui quali – con un punteggio di 13,6 – l’Ateneo di Parma è 5° in Italia e 230° al mondo.Tra le italiane, nell’ “Alternative Ranking Excluding Award Factor”, 4 università sono tra il 151° e il 200° posto (La Sapienza, Bologna, Milano e Padova), 4 tra il 201° e il 300° (Sant’Anna di Pisa, Normale di Pisa, Firenze, Torino), 5 (tra cui Parma) tra il 301° e il 400° (Politecnico di Milano, Federico II, Pisa, Milano Bicocca), e 8 tra il 401° e il 500° (Cattolica, Ferrara, Genova, Palermo, Pavia, Perugia, Roma Tor Vergata, Trieste).
L’Ateneo di Parma si colloca in prestigiosa compagnia con una performance di tutto rilievo, considerando che tutte le università citate (ad eccezione della Scuola Sant’Anna e della Normale di Pisa) sono di dimensioni maggiori e che questo tipo di classifica risente di una “distorsione” legata proprio al numero di ricercatori e docenti.

Posted in Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Trasporto aereo: differimento scioperi

Posted by fidest press agency su lunedì, 5 settembre 2016

aeroporto firenzeL’USB Lavoro Privato, aderendo all’invito del Ministro delle Infrastrutture per facilitare la mobilità nazionale in seguito al sisma che ha colpito il centro Italia, differisce al prossimo 22 settembre gli scioperi proclamati in Alitalia Sai, Cityliner e Meridiana.
Questo gesto di solidarietà è legato esclusivamente al senso di responsabilità e non intende minimizzare la gravità delle vertenze in atto: mentre in Meridiana sono in corso centinaia di licenziamenti discriminatori, nonostante un contratto al ribasso rispetto a quello nazionale, ed ancora non è stato presentato un abbozzo di piano industriale da parte dell’acquirente Qatar Airways, in Alitalia assistiamo a licenziamenti per superamento del periodo di comporto in cui sono stati conteggiati dei periodi d’infortunio sul lavoro; provvedimenti disciplinari pesanti ed “esemplari”, per finire alla negazione delle attenzioni finora garantite al personale per necessità di carattere sociale e familiare.In queste due aziende, come nel resto del trasporto aereo, i lavoratori sono alle prese con ristrutturazioni, licenziamenti, carichi di lavoro eccessivi, atti unilaterali spesso di carattere vessatorio e discriminatorio.“E’ ora che al senso di responsabilità evocato dal Ministero e dimostrato dall’USB, adesso corrisponda la stessa attenzione da parte delle Istituzioni”, evidenzia Francesco Staccioli, dell’USB Lavoro Privato.“A fronte del differimento di scioperi con motivazioni così urgenti, ci aspettiamo che il Ministero affronti le problematiche di un settore che, nonostante tassi di crescita importanti, continua a produrre disoccupazione, precarietà e tagli ai salari. Abbiamo a che fare con dirigenze incapaci di accettare dinamiche di confronto normali in un Paese come il nostro, dove all’investitore straniero si aprono porte e portoni senza curarsi di ciò che succede dopo”, conclude il rappresentante USB.

Posted in Cronaca/News, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »