Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 301

Archive for 6 settembre 2016

Serata in omaggio a Jean-Paul Belmondo

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2016

belmondo1Venezia Venerdì 9 settembre 2016, dalle ore 16.00 Teatrino di palazzo Grassi. Proiezione di tre emblematici film dell’attore francese, che sarà presente al Teatrino di Palazzo Grassi per incontrare il pubblico.
Ore 16.00: La viaccia di Mauro Bolognini, 1961, 100’.
Ore 18.00: La sirène du Mississippi di François Truffaut, 1969, 120’.
Ore 21.00: Les Mariés de l’an II di Jean-Paul Rappeneau, 1971, 98’ – alla presenza straordinaria di Jean-Paul Belmondo.
Tutti i film sono proiettati in lingua originale con sottotitoli in italiano. Ingresso libero fino a esaurimento posti.
Uno speciale omaggio a Jean-Paul Belmondo (1933) al quale sarà attribuito il Leone d’oro alla carriera in occasione della 73. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia. L’evento è curato dall’Alliance française de Venise in collaborazione con Gaumont e Titanus. Per festeggiare il prestigioso riconoscimento saranno proiettati tre grandi successi cinematografici di Jean-Paul Belmondo che nel corso della sua lunga carriera ha dato prova di straordinario talento, muovendosi liberamente tra cinema d’autore e produzioni popolari.
belmondoSi inizia alle ore 16.00 con La viaccia, film del 1961, diretto da Mauro Bolognini, presentato al 14. Festival di Cannes. In questa pellicola, Belmondo recita il ruolo di ‘Ghigo’ (Amerigo), lo sfortunato contadino giunto a Firenze per prendere in mano le sorti della tenuta Viaccia, finendo per dilapidare il patrimonio familiare travolto dalla passione per Bianca (Claudia Cardinale).
Seguirà alle ore 18.00 la proiezione di La sirène du Mississippi (distribuito in Italia con il titolo La mia droga si chiama Julie) del 1969, diretto da François Truffaut. Jean-Paul Belmondo interpreta Louis Mahé, il ricco produttore di tabacco che verrà ingannato dalla sedicente Julie Roussel (Catherine Deneuve), in realtà una ragazza dedita alla delinquenza di nome Marion.
Alle ore 21.00, alla presenza straordinaria di Jean-Paul Belmondo, si terrà la proiezione dell’avvincente commedia storica prodotta da Gaumont Les Mariés de l’an II (in Italia uscito come: Gli sposi dell’anno secondo) film del 1971, diretto da Jean-Paul Rappeneau. Definito dalla critica un film costruito su misura per Belmondo, narra le vicende del turbolento Nicolas Phillibert, un francese emigrato negli Stati Uniti che fa rientro nella terra natia, sconvolta dalla Rivoluzione Francese, per divorziare dalla moglie Charlotte (Marlène Jobert), finendo invischiato nei burrascosi conflitti in corso tra Repubblicani e Monarchici.
Il calendario completo della stagione culturale è disponibile sul sito di Palazzo Grassi, alla pagina “calendario”. http://www.palazzograssi.it

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Stati vitali ” Mostra personale d’arte di: Vito Lentini

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2016

stati vitaliMilano 7 settembre 2016 dalle ore 18,30 alle ore 21,00 In mostra fino al 20 settembre 2016 mattino Presso: Galleria d’Arte Contemporanea Statuto13 Via Statuto, 13 (corte int.) – 20121 Milano Apertura al pubblico: dalle h 11 alle h 19 dal martedì al sabato. Dopo il successo delle mostre meneghine dell’anno passato, Vito Lentini torna con un nuovo progetto artistico in Galleria STATUTO13 nel cuore di Brera dove espone nuovi lavori con tecniche miste: dall’acquarello su carta all’acrilico su tela. Sperimenta supporti e formati con grandezze più ampie rispetto al passato e si cimenta in una poetica complessa e accattivante, quella degli stati vitali dell’essere umano.Affascinato dal mutare dell’umore insito in ognuno di noi, induce alla riflessione e alla constatazione che questa tematica varia da persona a persona, in base alla sensibilità, al vissuto del personaggio osservato e alla percezione dell’artista che lo rifrange grazie all’ausilio dell’arte visiva che più gli è consona.Scandagliare sensazioni come la gioia, la malinconia, la rabbia, la tristezza, la sensualità, l’ilarità e molti altri stati vitali è l’obiettivo di questo progetto che l’artista Lentini ha saputo cogliere con sensibilità, ironia, e non solo. I personaggi femminili, da lui molto amati da sempre, sono protagonisti di questo excursus visivo: riflessivi, spaventati dietro a un vetro immaginario, danzanti, galleggianti in una metaforica caverna..Tecnicamente gli acquerelli sono stesi in modo accorto, il colore è sapientemente dosato, equilibrato e dimostra la capacità dell’artista Lentini nel saper maneggiare con cura i pigmenti e nel darne un bilanciamento che emerge in ogni stesura; interessante è l’intenzione e la scelta nel riproporre alcune silhouettes sia con l’utilizzo dell’acquerello che con la stesura su tela di monocromie acriliche.La percezione è quasi quella del “confronto” di una tematica comune che è rappresentata con stili e tecniche molto diverse tra loro, dando così la parvenza che una sia il bozzetto dell’altra o vice versa, ma scoprendo solo poi, che così non è, avventurandoci nei meandri delle sensazioni estetiche ed emotive che le opere di Lentini sanno infondere nel fruitore. (foto: stati vitali)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

TCL Corporation to Toss $7 Billion to Build Gen 11 LCD and OLED Production Line in Shenzhen

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2016

ShenzhenShenzhen, China (Business Wire) Shenzhen-listed TCL Corporation (SZSE: 000100) announced on August 29, 2016 that the company, its subsidiary China Star Optoelectronics Technology Co., Ltd. (CSOT) and the Economy, Trade and Information Commission of Shenzhen Municipality (Shenzhen Commission) will jointly invest RMB 46.5 billion (US$ 6.9 billion) to build a production line for Gen 11 TFT-LCD and AMOLED displays (G11 Project) in Guangming New District of Shenzhen, and will set up a new company to run the project.
The three parties agree to jointly invest in the G11 Project with a monthly processing capacity of 90,000 pieces of 3370mm×2940mm glass substrates. The investment is planned to total RMB 46.5 billion (US$ 6.9 billion), among which RMB 28 billion (US$ 4.2 billion) will be the registered capital of the G11 Project company and the remaining RMB 18.5 billion (US$2.8 billion) will be bank loans (to be arranged by CSOT and TCL Corporation). RMB 8 billion (US$ 1.2 billion) of the registered capital will come from the fund management company designated by Shenzhen Commission, RMB 11.4 billion (US$ 1.7 billion) from Party B, and the remaining RMB 8.6 billion (US$ 1.3 billion) from other shareholders of the G11 Project company. Details of the G11 Project investment and capital arrangement will be further negotiated among all parties.Preparations for the project, including planning & design, and environment assessment, will begin in June 2016; construction will start in December 2016; the plant construction will complete in January 2018; the first batch of equipment will be moved in July 2018; the first product will be produced in April 2019; mass production will start in July 2019.
The G11 Project will use oxide semiconductor, Cu process, POA, Super GOA technology, and OLED Printing technology to produce 43″, 65″, 70″ (21:9), 75″ LCD displays, ultra-large public displays as well as OLED displays.This project will have a positive impact on developing Shenzhen’s rising display industry. On condition that CSOT injects the investment and carries out the construction as agreed, Shenzhen Commission will provide support for the G11 Project and other supporting projects.TCL Corporation has obtained a competitive edge in the LCD display industry, but lacks on the capability of producing ultra-large displays of 65″ and beyond. In recent years, the LCD TVs have been pursuing larger sizes and higher resolutions. When CSOT’s Gen 11 production line is completed, it will enhance the Company’s portfolio in terms of large-sized LCD displays, and help boost the Company’s comprehensive competitiveness in LCD display business.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Leonardo da Vinci: Cartographer

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2016

aeroporto leonardo da vinciby Ann C. Pizzorusso. The artist Leonardo da Vinci (1452–1519) was also a geologist and cartographer. He was an ardent observer of the Earth’s topography, depicting it precisely in his paintings and, by using surveying instruments he developed, produced a variety of maps which were extraordinarily accurate and precursors to modern ones. While in the service of Ludovico Sforza in Milan, da Vinci made many maps for civic as well as defensive purposes. He was familiar with the simple land-register plans, which he found at the municipal council. Then, using his artistic skill, drew maps producing both aerial and perspective views.
After leaving Milan in 1499 he consulted with the Venetians, who were concerned about a Turkish attack. He suggested artificial inundation of the Isonzo valley in Friuli and drew a small sketch map of the area.One of his most audacious assignments was to advise Florence on its plans to divert the Arno River away from Pisa, its enemy. Leonardo drew a series of reference maps. However, long before this military assignment, he drew maps envisioning ways to change the course of the Arno and open Florence to the sea.Leonardo’s maps were remarkable not only for their geographic accuracy, but because they anticipated modern day map-making by his dark shading of mountains and careful attention to rivers, lakes, valleys and towns. His alpine maps capture the geology of the area so precisely that rock types as well as mountain peaks can be identified.
In 1502 Leonardo, as military architect and engineer, worked for Cesare Borgia, whose goal was to conquer all of Romagna (north-central Italy). Da Vinci became chief inspector of military fortifications thus, traveling freely throughout the embattled region to investigate and evaluate. He looked not only at structures, but ports, waterways, trails and natural formations which could be useful for, or a hindrance to Borgia’s military objectives.
As da Vinci travelled through Romagna, he made a series of maps to be used for military purposes. They included geological and topographical information, vital for developing battle plans. Many of them survive today, including geographic sketches of the entire Piombino coastline, The Arno River and its Watersheds with its extraordinary aerial perspective, showing the river, with its vein-like tributaries and intricate drainage patterns curving its way through the mountains near Pisa down to the marchlands of the Chiana valley and one, of the City of Imola. The unprecedented accuracy of this map, based on his odometer readings, was critical, as Imola was an important military base for Borgia.
In 1508 he sketched an octant projection and in 1514 made an octant world map, the first known example of its time. His lifelong map production had an unexpected result: they established da Vinci as a master of cartography, as nothing so precise had ever before been produced. (Ann C. Pizzorusso)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

In Italia redditi delle famiglie più bassi del 20% della media UE-15

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2016

soldi-pubbliciQuanto spende una famiglia tipo italiana rispetto alle altre famiglie europee? E quanto incidono le spese quotidiane sul reddito? Secondo un’indagine dell’Adoc le spese mensili di una famiglia italiana raggiungono la cifra media di 1.789 euro, pari al 64% del reddito netto disponibile. Un impatto sul reddito più alto del 7% rispetto alla media della UE-15, nonostante le spese complessive siano, di media, inferiori dell’8,3%, una differenza di 179 euro. Com’è possibile? A fare la differenza è la minore capacità reddituale della famiglia italiana, inferiore del 20% alla media europea, pari a circa 565 euro in meno, per cui ogni singola voce di spesa ha un peso maggiore sul reddito disponibile. Nel Bel Paese una famiglia dispone, in media, di 2.806 euro mensili, contro i 3.371 euro della media europea. E’ il caro vita all’italiana.
Mediamente la famiglia Rossi spende circa 443euro mensili per la spesa alimentare, a cui vanno aggiunti circa 65 euro per un paio di cene fuori casa. Una spesa, a livello di costi, inferiore del 2,5% rispetto alla media europea, ma che impatta per il 18% sul reddito, contro il 16% della media UE. La famiglia Jensen (Danimarca) è quella che spende maggiormente per l’alimentazione, investendo in questo settore il 16% (810 €) del proprio reddito, seguita dalla famiglia Johansson (Svezia, 17% del reddito, pari a 639 €) e dalla famiglia Dubois (Francia, 17% del reddito, 557 € di spesa).
Per quanto riguarda la spesa per i farmaci e le visite mediche private, l’Italia presenta una spesa in linea con la media UE, pari a circa 36 euro. La famiglia Papadoupolos (Grecia) è quella che spende di più, 50 € al mese, per un impatto sul reddito pari al 4%.
TRASPORTI: trasporto locale economico, ma usare l’auto è carissimo
Nell’analisi condotta si è ipotizzato l’utilizzo sia di un mezzo privato, misurato attraverso le voci per il carburante (tre pieni al mese) e per l’assicurazione obbligatoria, sia del trasporto pubblico, misurato attraverso il costo per un abbonamento alla rete cittadina su base mensile. Se in quest’ultimo caso la spesa media della famiglia Rossi (35 euro) è considerevolmente inferiore alla media europea (56 euro), con una differenza del 60%, sono le spese per il trasporto privato a pesare sui bilanci familiari. La spesa per la benzina è superiore dell’11,5% alla media europea, solo la famiglia De Jong (Olanda) ha una spesa maggiore, seppure in minima percentuale. Mentre le famiglie Bech (Lussemburgo) e Gruber (Austria) sono quelle che affrontano spese minori, spendendo rispettivamente 160 e 168 euro.
Dal punto di vista assicurativo, rispetto alla media UE-15, il costo sostenuto è in linea (50 € contro i 52 € di media), con la famiglia Gruber (Austria) a fare da capofila nelle spese, con 90 euro di costi mensili da sostenere. A livello di impatto sul reddito, ad ogni modo, le spese sostenute dalla famiglia Rossi per il trasporto sono maggiori del 3% rispetto alla media europea.
In Italia il peso dell’RCA è molto spesso insostenibile per le famiglie, tanto da generare la presenza di oltre 4 milioni di veicoli c.d. fantasma, sprovvisti di tagliando di assicurazione o con RCA scaduta. Con tutte le gravi ripercussioni sul piano della sicurezza stradale.
L’indagine ha preso in esame i costi vivi sostenuti dalle famiglie, in particolare i costi per l’affitto o rata del mutuo, le bollette (di luce, acqua, gas e rifiuti), le spese per telefonia e connessione a internet e i costi del canone TV.
Per quanto riguarda i costi sostenuti per l’affitto/mutuo, la media italiana è inferiore del 27,9% alla media europea. La spesa per la famiglia Rossi è mediamente pari a 604 euro mensili, contro, ad esempio, i 698 euro della famiglia Müller (Germania), gli 898 euro della famiglia De Jong (Olanda), i 916 euro della famiglia Smith (Gran Bretagna) e i 1.128 euro della famiglia Murphy (Irlanda). Ma a soffrire di più tale voce di spesa è la famiglia Gomes (Portogallo), per cui investono il 30% del reddito, il 7% in più della media europea.

Posted in Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parco archeologico di Ostia antica: “Il mito e il sogno”

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2016

ostia anticaOstia antica. Dal 10 al 17 settembre il grande spettacolo torna al teatro romano di Ostia antica con la rassegna “Il Mito e il Sogno”. Il progetto nasce e si sviluppa con la partecipazione al bando indetto dalla Soprintendenza per il Colosseo e l’area archeologica centrale di Roma, con l’obiettivo di rilanciare la magnifica area del Parco archeologico.Il binomio fra tradizione e innovazione è il punto cardine del progetto che si è aggiudicato la vittoria del bando, proposto dall’Associazione temporanea di imprese costituita dagli Amici dell’Auditorium Conciliazione, The Base srl, Daniele Cipriani Entertainment, Associazione Culturale Progetto Goldstein e IdeaValore srl: tutte realtà che hanno fatto dell’arte e dello spettacolo la loro “mission” primaria.La scelta vincente è stata quella di puntare sul preciso obiettivo di riavvicinare il grande pubblico al teatro romano grazie a una rassegna in cui confluiranno importanti nomi dell’intrattenimento e della cultura internazionali.
L’apertura di sabato 10 settembre, è affidata, infatti, alla nuova applauditissima produzione dell’Inda, l’Istituto Nazionale Dramma Antico, “Fedra” di Seneca che, con la regia di Carlo Cerciello, ha debuttato a giugno al Teatro Greco di Siracusa registrando grande successo di pubblico e critica. “Fedra” sarà replicato anche domenica 11.
Il 12 settembre sarà la volta della compagnia Spellbound Contemporary Ballet che celebra i dieci anni dal debutto – e altrettanti di acclamati successi – dei “Carmina Burana” immersi nelle scenografie suggestive dell’area archeologica con la regia e la coreografia di Mauro Astolfi.Spellbound, eccellenza della danza italiana nel mondo, ha rappresentato questo spettacolo in Thailandia, Cipro, Germania, Svizzera, Lussemburgo, Spagna, Panama e prossimamente in Canada.Coprodotta in collaborazione con l’Azienda Autonoma Soggiorno e Turismo di Maiori nell’Ambito dei Grandi Eventi della Regione Campania, l’opera viene qui rappresentata nell’ultima versione messa in scena per Prisma International Dance Festival di Panama sulle composizioni di Carl Orff, Antonio Vivaldi, Theatrum Instrumentorum e di Alexandar Sasha Karlic , per ricreare un’atmosfera solenne tra sacro e profano.
Martedì 13 settembre avverrà l’atteso ritorno del Maestro Uto Ughi, testimonial ufficiale della rassegna, annoverato dalla critica tra più grandi violinisti di tutti i tempi, che eseguirà con i suoi Filarmonici di Roma (già Orchestra da Camera di Santa Cecilia) alcuni brani celeberrimi della tradizione musicale europea, tra cui il Preludio ed Allegro in stile di Gaetano Pugnani del grande virtuoso viennese Fritz Kreisler, oltre a brani di Rossini, Paganini, De Sarasate e Beethoven.La rassegna poi continuerà venerdì 16 settembre con “Caruso e altre storie italiane”, la nuova creazione del coreografo italo­africano Mvula Sungani. Un omaggio all’Italia e a due artisti che l’hanno resa grande nel mondo: Enrico Caruso e Lucio Dalla. Un’opera coreografica ispirata al testo della splendida lirica scritta da Lucio Dalla, in cui i rapporti, l’esistenza, la nostalgia dell’emigrante, la terra amata risultano gli elementi trainanti per uno spettacolo denso di significati e carico di emozioni.
Lo spettacolo, patrocinato dalla Fondazione Lucio Dalla e dal Comune di Sorrento, vede l’étoile Emanuela Bianchini ed i solisti della Mvula Sungani Physical Dance rendere tridimensionali arie di opere, canzoni e musiche grazie alla tecnica di danza contemporanea Physical dance per dare corpo e poesia a coreografie che basano la propria struttura sull’alternanza di quadri evocativi con quadri moderni.
Sabato 17 settembre, grande chiusura con i Pink Floyd Legend che riproporranno fedelmente il capolavoro “Live at Pompeii” nella fantastica e unica ambientazione del teatro di Ostia antica. Lo spettacolo ricreerà il sound psichedelico del mitico gruppo inglese, attraverso l’esecuzione, oltre dei grandi classici del reportorio Floydiano, di tutti i brani del celebre evento del 1971, calato in una cornice scenografica che riprodurrà la suggestione delle atmosfere, dei suoni e delle luci dell’originale. La prima edizione del progetto “Il Mito e il Sogno”, che si svilupperà lungo un percorso quadriennale, rappresenta solamente una piccola preview dell’intensa offerta culturale che il team di direzione artistica sta già preparando per le prossime stagioni, consacrando il teatro romano di Ostia antica come luogo di spettacolo e arti visive, sempre proseguendo nella valorizzazione, già in atto, della zona archeologica.La manifestazione si avvarrà, inoltre, della preziosa collaborazione con l’Atcl – Associazione Teatrale fra i Comuni del Lazio, Circuito Multidisciplinare dello spettacolo dal vivo, da sempre impegnata nella diffusione della cultura come nella valorizzazione del patrimonio archeologico e paesaggistico del Lazio, attraverso la promozione di manifestazioni che uniscono luoghi d’eccellenza alle arti performative.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Brunetta: gli errori del Forza Italia

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2016

renato-brunetta“Silvio Berlusconi ha sempre vinto le battaglie elettorali con la chiarezza, o di qua o di la’. Abbiamo perso i nostri voti quando la gente non ci ha più capiti. Innanzitutto quando abbiamo sostenuto Monti dopo l’imbroglio internazionale e nazionale dello spread. E’ da allora che nasce la crisi di Forza Italia. Ci volle più di un anno per sfiduciarlo, se l’avessimo fatto qualche mese prima avremmo vinto noi le elezioni del 2013”. Lo ha detto Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia, nel corso della seconda giornata di Everest, il campus dei giovani di Forza Italia, a Giovinazzo (Bari).
“E abbiamo commesso – ha continuato – un altro errore: non si possono fare le larghe intese e poi consentire la cacciata di Berlusconi dal Senato in applicazione di un’abominevole legge assolutamente incostituzionale perché retroattiva. Enrico Letta è caduto quando non ha impedito questo scempio, non riuscendo a contrastare questa deriva giustizialista su Silvio Berlusconi. Eppure, avrebbe potuto, infatti a quel tempo sulla Severino c’era la delega ancora aperta, avrebbe potuto aggiungere una riga sulla inapplicabilità retroattiva”.
Brunetta ha poi evidenziato “un altro errore”: “Quando abbiamo messo in piedi il Nazzareno ero assolutamente favorevole ma una sola condizione: che ci fosse una grossa coalizione. Non si possono fare le riforme costituzionale ed essere contemporaneamente all’opposizione del governo. È un imbroglio e lo dissi anche a Berlusconi. Non si può essere un po’ all’opposizione, così come non si può essere un po’ incinta. E anche allora la gente non ci capì e abbiamo cominciato a perdere voti rispetto alla Lega e al M5S. Sia chiaro però, non abbiamo perso voti – ha sottolineato Brunetta – perché abbiamo fatto male al governo, la nostra esperienza è stata il più importante momento riformista del dopoguerra, con ben 50 riforme”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Le novità del 59° Zecchino d’Oro

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2016

zecchino d'oroBologna. Lo Zecchino d’Oro giunge nel 2016 alla sua 59ª edizione ed il viaggio verso la diretta su Rai1 si arricchisce di novità, a partire dal format: si comincia sabato 19 novembre, e si prosegue per i quattro sabati successivi fino alla finale di sabato 10 dicembre, tutto in diretta dall’Antoniano di Bologna. Quattro pomeriggi di festa, alla scoperta dei 12 brani inediti che andranno a comporre la nuova compilation e con tante sorprese per ripercorrere la storia del repertorio dello Zecchino d’Oro.Immancabile il Piccolo Coro “Mariele Ventre” dell’Antoniano diretto da Sabrina Simoni, in compagnia di tanti ospiti.Nuove canzoni, nuovi conduttori e nuovi piccoli interpreti. Sono stati selezionati oggi a Bologna da una giuria di addetti ai lavori, dopo il tour delle Selezioni Nazionali, i bambini che interpreteranno le canzoni del 59° Zecchino d’oro.
Ecco i nomi dei piccoli interpreti selezionati in ordine di età:
· Meduri Daria, Reggio Calabria di 5 anni
· Morello Luca, Vigevano – Pavia di 5 anni
· Chiolo Giuseppe, Pietraperzia – Enna di 6 anni
· Cioni Iacopo, Genova di 6 anni
· Masetti Chiara, Pavullo – Modena di 7 anni
· Peis Valentina, Taranto di 7 anni
· Otoo Nadya, Castelfidardo – Ancona di 7 anni
· Ravastini Lorenzo, Settimo San Pietro – Cagliari di 8 anni
· Vettori Glenda, Tavernelle Val di Pisa – Firenze di 9 anni
· Vicciantuoni Anna, San Severo – Foggia di 9 anni
· Fantin Giacomo, Borso del Grappa – Treviso di 10 anni
· Altomare Eliana, Molfetta – Bari di 10 anni
· Sarracino Eleonora, S. Giuliano Terme – Pisa di 10 anni
Ad ascoltare i 91 bimbi giunti alla finale a Bologna, i rappresentanti dell’Antoniano, fr. Giampaolo Cavalli, fr. Alessandro Caspoli, Fabrizio Palaferri, Sabrina Simoni, Daniela Giuliani, Alex Volpi, Angela Senatore, Stefano Nanni e Antonella Tosti, affiancati da Claudio Zambelli (project manager delle Selezioni Nazionali dello Zecchino d’Oro), Paolo Orangis (Organizzazione delle Selezioni Nazionali dello Zecchino d’Oro) e Mr Lui (Presentatore). Ai 13 selezionati oggi, si aggiungono i 2 piccoli interpreti dei brani che rappresenteranno Finlandia e Inghilterra. (foto: zecchino d’oro)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Consiglio Stato: Asl non può ridurre incarichi guardia medica, tocca a regione-sindacati

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2016

consiglio di statoUn’azienda sanitaria locale da sola non può aumentare il rapporto ottimale. Può farlo la regione ma solo con l’accordo dei sindacati. Ciò vale per l’assistenza primaria quanto per la continuità assistenziale in base agli accordi nazionali vigenti dei medici di famiglia: pare orientarsi in tal senso il Consiglio di Stato. L’indirizzo risulta dall’Ordinanza con cui i giudici amministrativi di secondo grado hanno confermato la sentenza del Tar Lombardia con cui si impone all’azienda sanitaria di rispettare il rapporto di un medico di guardia ogni 5 mila residenti. La neonata Azienda di tutela sanitaria di Como aveva chiesto la sospensione di un provvedimento considerato poco sostenibile. La vicenda è raccontata dall’avvocato Antonio Puliatti del Sindacato Medici Italiani che ha patrocinato i medici, e riguarda i medici di guardia della zona di Cernobbio-Pognana-Menaggio. «Nel 2013 l’Ats – che era ancora Asl – aveva diminuito gli incarichi di continuità assistenziale; affermava che i medici erano troppi per il servizio e aveva modificato il rapporto ottimale da un medico a 5 mila come da convenzione a uno ogni 6 mila abitanti.
Gli incarichi erano stati conferiti in tutto a 102 medici mentre con il rapporto fissato a livello nazionale ne avrebbero avuto diritto in 119, (come minimo, perché parliamo di medici in servizio)», spiega Puliatti. «Come Smi abbiamo fatto ricorso e il Tar a primavera ci ha dato ragione: sia un punto di vista formale (non può essere l’Asl ma la Regione, per convenzione, a modificare il rapporto ottimale) sia dal punto di vista sostanziale. Infatti il rapporto ottimale non va calcolato rapportando a 5 mila abitanti un medico in organico, ma un medico effettivamente in servizio». Per spiegarla al profano in termini “calcistici”: nel primo caso si rapporta alla popolazione di un’Asl tutta la rosa di una squadra, titolari e panchinari, nel secondo solo i titolari; l’indirizzo dei giudici amministrativi va nella direzione di considerare che il rapporto di 1:5000 da rispettare è quello tra “titolari” impiegati effettivamente sul campo e il numero di residenti, ma nella squadra, cioè tra gli assunti in un servizio dove si ruota, bisogna poi prevedere i “sostituti” e dunque la convenzione nazionale di fatto prevede si vada anche un po’ sotto, tipo un medico di guardia ogni 4900 abitanti o meno. Ora per il Consiglio di Stato “non sono emersi elementi che inducano a ritenere prevalenti le esigenze dell’Ats Insubria di sospendere gli effetti della sentenza impugnata”; in attesa della sentenza definitiva di merito, l’orientamento dei giudici sembra chiaro. Per Puliatti, una vittoria aprirebbe la strada a nuove assunzioni di medici oggi con incarichi precari; anche in altre Regioni si è cercato di tagliare incarichi in continuità assistenziale, in Campania ad esempio sopprimendo postazioni di guardia medica, e il Tar ha dato ragione ai medici. Se si vuole agire sull’ottimale, innalzandolo per ragioni socio-geografiche, dev’essere la Regione a derogare alle regole, in quanto titolata dalla convenzione, ma deve farlo in accordo con i sindacati medici, non in contrasto con essi». Mauro Miserendino da Doctor33)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nasce Powart: occuparsi di energia a regola d’arte

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2016

Struttura di energia solareDal lavoro di un team di creativi, in Sicilia, è nata Powart un’azienda che si occupa di energia in modo molto particolare. Il suo core business oggi è l’Energy Management, gli agenti Powart studiano e tagliano i costi delle imprese, propongono soluzioni di efficienza energetica e lavorano per promuovere la cultura del rinnovabile e dell’energia pulita. Ma ciò che rendono davvero speciale la mission dell’impresa, sono i diversi progetti legati al rapporto tra energia e arte contemporanea, e a questa sfida si sono già affiancati i primi partner provenienti dal mondo della cultura, l’art factory Dimora OZ di Palermo e l’ormai celebre Farm Cultural Park, diretta dal notaio Andrea Bartoli. Il direttivo di Powart ha dichiarato: “Stiamo lavorando a numerosi progetti, tutti con un comune denominatore: ‘Dare energia all’arte’; il 2017 sarà un anno ricco di sorprese. Di contro, riconosciamo il valore aggiunto che l’arte, con la sua forza e creatività, può portare all’interno di un’organizzazione aziendale”. E nel frattempo, agli inizi di settembre, ai Quattro Canti di Palermo arriverà un’esposizione, promossa da un noto collezionista del capoluogo siciliano, per raccontare la fondazione di Powart. Ma l’azienda precisa che anche qui le sorprese non mancheranno, infatti sarà offerto un regalo “energetico” alla città di Palermo. (foto: Struttura di energia solare)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Trentunesima edizione del Premio “Giuseppe Dessì”

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2016

Villacidro. Premio Dessì2(Sardegna) Da lunedì 19 a domenica 25 settembre si rinnova l’appuntamento annuale a Villacidro con il concorso letterario intitolato allo scrittore sardo (1909-1977), che nella cittadina a cinquanta chilometri da Cagliari visse durante l’infanzia e l’adolescenza e da cui trasse poi ispirazione per tante pagine della sua produzione letteraria (su tutte, quelle del romanzo “Paese d’ombre”, con cui vinse il Premio Strega nel 1972). Promossa e organizzata dalla Fondazione “Giuseppe Dessì” e dal Comune di Villacidro col patrocinio dell’Assessorato Regionale della Pubblica Istruzione, della Fondazione di Sardegna, del Ministero per i Beni e le Attività Culturali e del GAL Linas Campidano, la manifestazione ricalca una formula ben rodata: incontri con autori, presentazioni editoriali, laboratori didattici, spettacoli e musica, sono gli ingredienti di una fitta settimana culturale che come sempre accompagna il Premio Dessì, quest’anno con la presenza di ospiti come l’attore e scrittore Alessandro Bergonzoni, i cantanti Andrea Chimenti e John De Leo, l’illustratore Roberto Innocenti, gli scrittori e autori Clara Sánchez, Carlo Lucarelli, Nicoletta Sipos, Pedro Chagas Freitas, Carmela Scotti, Marco Bocci, Mario Baudino, Annarita Briganti, Giorgia Garberoglio, Filippo La Porta.
Sette giornate dense di appuntamenti che culmineranno, domenica 25, nella cerimonia di proclamazione e premiazione dei vincitori delle due sezioni letterarie, Narrativa e Poesia, in cui si articola il concorso. La serata finale incoronerà anche i vincitori di altri due riconoscimenti: il Premio Speciale della Giuria e il nuovo Premio Speciale “Fondazione di Sardegna”, attribuito dalla Fondazione Dessì in collaborazione con l’omonima fondazione bancaria.
I finalisti: Emanuela E. Abbadessa, Edgardo Franzosini, Cristian Mannu per la Narrativa; Vivian Lamarque, Milo De Angelis, Franco Marcoaldi per la sezione Poesia.
Considerevole, anche quest’anno, il livello di adesione al concorso da parte delle più rappresentative case editrici nazionali, con 345 volumi giunti alla segreteria del premio entro la scadenza del bando, lo scorso 20 giugno.
Le due terne di finalisti sono state selezionate – tra i 212 titoli pervenuti per la sezione Narrativa e i 123 per la Poesia – dalla giuria di esperti presieduta da Anna Dolfi (professore ordinario di Letteratura italiana moderna e contemporanea all’Università di Firenze, socia dell’Accademia Nazionale dei Lincei e tra i più autorevoli studiosi dell’opera di Giuseppe Dessì) e composta da Mario Baudino, Duilio Caocci, Giuseppe Langella, Massimo Onofri, Stefano Salis, Gigliola Sulis, Giuseppe Lupo e dall’ex presidente della Fondazione Dessì, Christian Balloi, alla cui carica si è avvicendato nelle scorse settimane Paolo Lusci.
Per la sezione Narrativa si contendono il premio Emanuela E. Abbadessa con “Fiammetta” (Rizzoli), Edgardo Franzosini con “Questa vita tuttavia mi pesa molto” (Adelphi) e Cristian Mannu con “Maria di Isili” (Giunti).
Sono invece in gara per la Poesia Vivian Lamarque con “Madre d’inverno” (Mondadori), Milo De Angelis con “Incontri e agguati” (Mondadori) e Franco Marcoaldi con “Il mondo sia lodato” (Einaudi).
I vincitori delle due sezioni letterarie, che verranno proclamati domenica 25, andranno a iscrivere il proprio nome nell’albo oro del Premio: un elenco lungo trenta edizioni, che annovera scrittori del calibro di Nico Orengo, Laura Pariani, Salvatore Mannuzzu, Marcello Fois, Michela Murgia, Niccolò Ammaniti, Salvatore Silvano Nigro, Giuseppe Lupo, Antonio Pascale, Maurizio Torchio e poeti come Elio Pecora, Patrizia Cavalli, Maria Luisa Spaziani, Giancarlo Pontiggia, Alda Merini, Eugenio De Signoribus, Gilberto Isella, Gian Piero Bona, Alba Donati e Mariagiorgia Ulbar. Oltre al prestigioso riconoscimento, i primi due classificati si aggiudicheranno ciascuno cinquemila euro; la dotazione economica del premio per ogni finalista è invece di 1.500 euro. (foto: premio dessì)

Posted in Cronaca/News | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il governo e la politica dei licenziamenti

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2016

cernobbio“A Cernobbio Matteo Renzi ha detto: dimezzamento bancari entro 10 anni. Oggi Palazzo Chigi smentisce. Bugie del governo in vista del referendum. Ridicoli”. Così su Twitter Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia. “Dimezzare bancari. Il primo maggio – prosegue Brunetta in un altro cinguettio – diceva la stessa cosa anche Padoan. Licenziare in massa i bancari è la linea del governo! Altro che smentite”. “Anche lo scorso marzo Matteo Renzi diceva che dovevano esserci meno bancari. Il Governo non può proprio smentire nulla!”, conclude Brunetta.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Acieloaperto”, una delle migliori attuali cantautrici americane: Cat Power

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2016

cat powerRocca Malatestiana di Cesena martedì 6 settembre 2016 ore 20.CAT POWER è una delle migliori cantautrici americane degli ultimi due decenni: voce unica, spirito libero, grande presenza scenica. Con queste esclusive credenziali Chan Marshall, questo il suo vero nome, arriva sul main stage della rassegna musicale organizzata dall’associazione culturale cesenate Retro Pop Live: “acieloaperto”.
L’artista di Memphis presenterà SUN, il suo ultimo progetto discografico, da lei interamente scritto suonato e registrato e prodotto. All’interno della suggestiva cornice della Rocca Malatestiana di Cesena, da solo, in unica compagnia dei suoi strumenti musicali e della sua preziosa voce, l’artista di Memphis presenterà SUN, il suo ultimo progetto discografico, da lei interamente scritto suonato e registrato e prodotto. Forse l’album più personale di Cat Power fino ad oggi. A detta stessa dell’artista, «Sun è non guardare indietro, risollevarsi, muoversi con fiducia verso il proprio futuro e la propria realizzazione». Una solarità attesissima e molto apprezzata, che ha portato Sun a vendere 23.000 copie nella sola prima settimana di pubblicazione. Un lavoro che ha confermato ancora una volta il suo talento compositivo, rimasto intatto nel corso di tutta la sua produzione discografica, dagli esordi folk agli ultimi lavori contaminati con ritmi elettronici. (foto: cat power)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Pedemontana come il Titanic, Di Pietro dovrebbe fare il liquidatore della società

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2016

antonio di pietro1“Ringraziamo il Presidente di Pedemontana Di Pietro per aver risposto all’invito del M5S e per aver finalmente usato parole molto chiare, dati e numeri che confermano quello che diciamo da tempo su di un’autostrada che è ormai un Titanic”, così Stefano Buffagni, consigliere regionale del M5S Lombardia, alla luce dell’audizione del Presidente di Pedemontana Antonio Di Pietro che si è tenuta questa mattina in Commissione Programmazione e Bilancio.
“I dati che abbiamo raccolto sono tragici”, aggiunge. “E’ del tutto evidente che stiamo pagando il conto di una cattiva progettazione e l’illusione d’incassi che mai si realizzeranno. Non è possibile concepire un’infrastruttura i cui costi, secondo l’appaltatore, sono ormai più che raddoppiati. E non siamo nemmeno a metà dell’opera. Pedemontana è un suicidio manageriale, imprenditoriale e ambientale e va fermata, non possiamo permetterci di svendere il futuro dei lombardi con milioni di euro di debiti sulle loro spalle”.
“Se oggi è realizzata la prima parte dell’autostrada è solo frutto di stime di incasso gonfiate. Per di più dobbiamo ancora chiudere le posizioni aperte sul passato e fare le compensazioni ambientali su quanto già realizzato. M5S non mancherà di tenere i fari puntati sulla vicenda: nel buco nero di Pendemontana ci sono i soldi dei lombardi. Per fermare questo scempio Maroni dovrebbe nominare Di Pietro commissario liquidatore della società”, conclude il consigliere.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’arch. Cerasoli a Palma de Mallorca (Spagna)

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2016

palma de mallorcaPalma de Mallorca. Mercoledì 7 Settembre 2016, ore 9:00 / 8 Settembre 2016Casa Con Lin Porto Petro – Palma de Mallorca, Spain L’arch. Mario Cerasoli parteciperà al primo incontro del Comitato Scientifico ristretto del Congresso Internazionale “Città e Territorio Virtuale”. Il Congresso “Città e Territorio Virtuale”, che a luglio ha celebrato la sua 11a edizione, è un progetto che nasce nel 2004 da un’idea di Josep Roca Cladera, direttore del CPSV – Centro de Política del Suelo y Valoraciones – della Universidad Politécnica de Cataluña, con l’obiettivo di creare un’arena permanente euro-americana di discussione sullo sviluppo e l’uso di nuove tecnologie in architettura, urbanistica, pianificazione. L’arch. Cerasoli, che è parte del Comitato Scientifico del Congresso dal 2012, è stato tra l’altro il curatore della 9a edizione, che si tenuta nel 2013 presso l’Università Roma Tre.

Posted in Estero/world news, Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Spending review: il bluff di Renzi

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2016

palazzo chigi‘Ero andato a Palazzo Chigi, chiamato, per ridurre la spesa pubblica. Poi pero’ mi sono reso conto che si era deciso di non farlo seriamente’. A parlare dalle colonne del Corriere della Sera di oggi è Roberto Perotti, per un breve periodo commissario alla spending review. L’ennesimo bluff di Matteo Renzi è stato svelato, l’illusionista di Rignano sull’Arno è stato ancora una volta sbugiardato da chi conosce le cose e ha deciso di rendere pubblica la verità. Che la spesa pubblica non fosse diminuita lo sosteniamo da tempo, in fondo i numeri sono numeri e, con buona pace di chi sta a Palazzo Chigi e in Via XX Settembre, non possono essere manipolati più di tanto, oggi abbiamo la conferma ufficiale dell’imbroglio operato da Renzi e Padoan”. Così su Facebook Renato Brunetta, presidente dei deputati di Forza Italia.
“Quel ‘altamente ingannevole’ con il quale Perotti bolla il mantra renziano sulla riduzione di 25 miliardi della spesa pubblica dal 2014 a oggi – prosegue – basta e avanza per definire la propensione alla verità da parte dell’esecutivo. Nulla. Mentono spudoratamente sperando che tutti ci caschino, peccato che puntualmente arrivi qualcuno che fa crollare miseramente il loro bel castello di carte false. Patetici. Imbroglioni. Pericolosi illusionisti che per fortuna nostra saranno spazzati via da una valanga di ‘no’ al referendum costituzionale del prossimo autunno”.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Medicina: Quando l’ignoranza uccide

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2016

Medicina“In questi ultimi giorni sono morte di cancro due donne; entrambe avevano rifiutato le cure che la medicina moderna, grazie al supporto della scienza e della tecnica, hanno messo a disposizione dei malati. In un caso si trattava di leucemia, nell’altro di tumore del seno: due tipi di tumore per i quali oggi disponiamo di linee guida molto precise, che aiutano a stabilire protocolli di cura di notevole efficacia. Ma i pregiudizi di una certa opinione pubblica ancora legata alla falsa cultura di sedicenti guaritori, ispirati a metodi più o meno naturali, hanno condotto alla morte le due donne. A conferma di come i progressi della scienza e della tecnica, il rigore scientifico della medicina basta su prove di evidenza dall’altra, nulla possono se non si attiva contestualmente una solida educazione del paziente. Inutile parlare di valore etico del consenso informato, indispensabile per attivare qualsiasi trattamento, se l’informazione che il paziente riceve è gravemente disinformata.” Lo afferma l’onorevole Paola Binetti di Area popolare che continua: “Un altro aspetto importante dell’assoluta necessità di attivare programmi di Educazione medica ben centrati e rivolti direttamente al paziente lo abbiamo visto in questi giorni a proposito del Fertility Day. Il ministro Lorenzin è stato messo sotto accusa dalle polemiche legate alla campagna informativa per la preservazione della fertilità. Lo scollamento tra l’importanza del tema e la scelta inadeguata delle immagini ha fatto da potente distrattore rispetto ad uno dei temi più delicati che riguardano la salute della donna. Eppure la medicina di genere riscuote grande attenzione nell’attività clinica e nel contesto sociale in cui viviamo. Tra le forme di violenza di cui la donna è oggetto molte riguardano la scarsa tutela specifica della sua salute; quei genitori che non hanno voluto sottoporre la figlia ad una chemioterapia, nonostante i dati scientifici parlino di ottimi risultati, le hanno fatto violenza. Chi ha preteso di curare il cancro della mammella con impacchi di ricotta ha fatto violenza all’altra donna. Chi ignora che la fertilità femminile oggi è sottoposta a numerosi fattori di rischio, compreso l’inquinamento, non aiuta la donna a fare gli accertamenti necessari e quindi indirettamente le fa violenza. Il parlamento, ad esempio, alcuni mesi fa ha approvato ad ampissima maggioranza una importante mozione per la lotta positiva contro la diffusione sull’endometriosi, che costituisce una delle cause più concrete e diffuse di infertilità. Ripartire dall’educazione del paziente è oggi una delle forme di prevenzione più importanti e più efficaci. Non sarebbero morte le due giovani donne e non avremmo confuso nella recente campagna di tutela della fertilità obiettivi e metodi. Sempre validi i primi, da rivedere i secondi, ma senza dimenticare il senso delle cose che si fanno: la tutela della salute della donna”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Merkel: Chi semina vento, raccoglie tempesta

Posted by fidest press agency su martedì, 6 settembre 2016

La sconfitta della cancelliera tedesca Angela Merkel dimostra quanto i maggiori partiti europei siano a una distanza siderale dalle reali esigenze dei popoli. Che sono due: sicurezza e lotta all’immigrazione selvaggia, lavoro e sviluppo economico. Questa Europa a trazione tedesca non garantisce né gli uni né gli altri ed è solo interprete di interessi economico-finanziari. L’attuale invasione migratoria produce l’impoverimento dell’Africa e l’arricchimento del solito circuito di delinquenti e soloni”. È quanto dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale alla Camera dei deputati Fabio Rampelli.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »