Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 344

Archive for 8 settembre 2016

La Raggi e le politiche del personale

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 settembre 2016

virginia raggiRoma. Delle due l’una, o la Sindaca smentisce il neo assessore sui “rimborsi dei salari”, o è “complice” di chi forse non ricorda appieno il nuovo ruolo che deve ricoprire. Ormai è tempo di chiarezza. Nessuno, ad oggi, ha mai almeno quantificato quale dovrebbe essere la somma “illegittimamente” erogata, semmai accertato. Si parla diffusamente di “legalità” ma a questo punto sia chiaro che chi sta violando le norme non sono certo i lavoratori che mandano avanti questo Ente ma certamente chi, non erogando il giusto salario, imposto con l’atto unilaterale, sta violando principi contrattuali e costituzionali. Basta con il continuo stillicidio di subdole comunicazioni che servono solo a coprire le inadempienze ad oggi perpetrate. La “legalità” saremo costretti noi a tutelarla attraverso il patrocinio dei lavoratori davanti al giudice adito. La Sindaca abbia la fermezza di difendere le sue affermazioni per una soluzione positiva della vertenza, riaffermi il valore della mozione che ha votato all’unanimità l’assemblea capitolina il 14 luglio u.s..Nello spirito di trasparenza e legalità che ormai tutti invocano e che è patrimonio invece di tutti e non riserva di qualcuno, si chiede alla Sindaca di convocare urgentemente il tavolo negoziale ed affrontare apertamente il tema del salario, la riorganizzazione dell’ente ed il contratto di lavoro, questo vuol dire legalità!Al neo assessore vorremmo suggerire di verificare di quanto e quale contenzioso in sede giudiziaria l’Ente è stato condannato a pagare per rispondere di comportamenti fuori dalle norme, debiti fuori bilancio di milioni di euro che forse potevano essere si utilizzati per risanare il bilancio dell’amministrazione. Certamente questo quadro si aggraverà con la responsabilità che la stessa Amministrazione sta assumendo nel dover giustificare la class-action in itinere.La Cisl Fp Roma capitale e Rieti dalla parte dei lavoratori e dei cittadini, lavoro servizi e salario, per la vera difesa di chi la città la fa vivere veramente.

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Happy birthday mr. president

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 settembre 2016

marilyn-monroeNew York. On Saturday, May 19, 1962, at a Democratic fundraiser and early 45th birthday celebration, President John F. Kennedy took his seat in Madison Square Garden anticipating what has now become one of the most iconic moments in entertainment and political history. In front of 15,000 guests, many of them celebrities, actor Peter Lawford was about to make an introduction that would change the course of pop culture and Presidential folklore forever. Under a bright spotlight, the legendary Marilyn Monroe walked on stage and peeled away her white ermine fur coat, revealing a skintight, sheer, flesh-colored dress that sparkled with over 2,500 handstitched crystals. The custom Jean Louis creation was so tight fitting that Marilyn wore nothing underneath and had to be sewn into it last minute. Original sketch illustrated by Bob Mackie. When Marilyn appeared and the dress was finally revealed, the entire audience gasped.After Peter Lawford introduced her as the “LATE” Marilyn Monroe, she flicked the microphone and began to sing “Happy Birthday Mr. President” in her trademark sultry, sexy voice with original lyrics she wrote herself.
Marilyn Monroe Happy Birthday Mr. President DressHowever, it was her intimate tone and projection of the words “Mr. President” that would stun the audience, excite the press and become a milestone in popular culture. The song and performance were remembered for many reasons, not the least because it was one of her last public appearances before her untimely death less than three months marilyn-monroe1later. Sadly, President Kennedy died a year later and that infamous night at MSG was the last known time they saw each other. The rendition by Marilyn remains one of the most famous, delivered in her halting, breathy tone. All in all, it lasted approximately 30 seconds, but more than five decades later, it remains the most famous version of “Happy Birthday” ever. The dress, the performance, Jacqueline Kennedy’s absence and photographs from the evening would spark ravenous rumors of an affair between the President and Marilyn.Marilyn Monroe Happy Birthday Mr. President Dress – BackIn fact, it was Marilyn’s death in 1962 that prompted American artist Andy Warhol to create “Marilyn’s Diptych” — one of the most famous art homages to her, permanently securing Marilyn’s place in contemporary art history.“Marilyn Monroe singing ‘Happy Birthday Mr. President’ is certainly one of the most famous impromptu performances in American history,” said Darren Julien, President & CEO of Julien’s Auctions. “That rendition has lived on for decades as one of the most remarkable events in her career and certainly one of the most storied tales in popular culture history — a moment in time squarely at the center of the 1960s, Hollywood and Camelot. We are incredibly privileged to have the opportunity to offer this amazing dress to collectors, fans and contemporary art enthusiasts around the world.”
On November 17, 2016, Julien’s Auctions, the world-record breaking auction house to the stars, will once again make history when it exclusively offers the Marilyn Monroe “Happy Birthday Mr. President” Jean Louis creation at auction. Julien’s Auctions will give collectors and fans from around the globe one of the most awe-inspiring moments in auction history when the gavel comes down on the final bid for this remarkable object.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Iran come meta incentive

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 settembre 2016

iran

iran5

Monte Carlo (Principato di Monaco) La boutique agency InspireME Monte Carlo, specializzata in eventi esperienziali individuali e Mice di alto profilo, offre – in cooperazione con l’agenzia specializzata C-Iran – straordinari viaggi attraverso l’Iran. Esperienze uniche e autentiche nell’antica Persia e il moderno Iran. Gli ospiti viaggiano su comodo minibus e/o in aereo da un sito culturale all’altro, da un patrimonio Unesco all’altro, da una città straordinaria all’altra. Percorrendo sentieri specifici in numerose aree naturali, visiteranno villaggi tipici iraniani, zone nomadi e tanto altro. E soprattutto avranno tante opportunità di comunicare con le popolazioni locali, interagendo con le persone di paesi e località straordinarie e sconosciute.
I programmi sono costruiti su misura su una vasta scelta di esperienze. Passano dai focus su ‘culture e città’ (Teheran, i templi di Zoroastro, visita a Persepoli con notti a cielo aperto in camping, Isfahan…) alle camminate sulle vie nomadi e di montagna (trekking, villaggi montanari, valli lungo il Mar Caspio, meravigliose passeggiate con viste panoramiche).
Tutti gli itinerari includono aspetti sia culturali sia naturalistici, e tutti i programmi rispondono agli specifici interessi dell’azienda cliente.
iran4Questi viaggi sono un modo straordinario per scoprire posti puri e incontaminati – di norma al di fuori dei classici itinerari esperienziali – tra le persone più ospitali del mondo, cibo squisito, ricche tradizioni poetiche ed esperienze spirituali.
Va inoltre sottolineato che si possono anche organizzare incontri privati esclusivi con celebrità del mondo scientifico e/o artistico iraniano (medici, architetti, zoroastriani…), oppure vivere l’affascinante esperienza di un matrimonio locale, oppure ancora un corso di cucina tipica. Difficile immaginare un’esperienza di gruppo più originale ed esclusiva di un team cooking in Iran!E, ancor più importante, le cose migliori che si possono trovare in Iran sono quelle che si chiedono con scarsissimo anticipo. Gli iraniani danno il loro meglio quando li si sorprende con una richiesta inattesa.
Di qui alcune vere gemme come una cena all’interno di una dimora Unesco, in una chiesa armena di duemila anni, nel mezzo del deserto vicino a Kerman, nel giardino di un principe come all’interno di un vasto deserto di sabbia con ritorno in cammello sotto la luna.
Gli incentive di InspireME Monte Carlo C-Iran sono consigliati per piccoli gruppi, anche se, su richiesta, sono disponibili soluzioni per grandi gruppi.
InspireME Monte Carlo è una boutique consultancy agency esclusiva e affidabile, che offre un concetto alternativo di full-service event management, per il B2B come per il FIT e il leisure, specializzata in viaggi esperienziali e di qualità nel Principato di Monaco, Provenza, Francia del sud e Corsica. L’approccio è personalizzato: non offre prodotti standard né “incanala” il cliente in programmi o servizi precostituiti. (foto: iran)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

European standards to prevent repeat heart attacks launched today

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 settembre 2016

sophia-antipolis

Sophia Antipolis. European standards to prevent repeat heart attacks are published today in the European Journal of Preventive Cardiology.1 The standards were defined by the European Society of Cardiology (ESC).2“Cardiovascular disease (CVD) is the world’s number one killer, accounting for one in five deaths in Europe,” said lead author Professor Massimo F. Piepoli. “The biggest consequence of CVD is myocardial infarction (heart attack).” He continued: “One in five people who survive a heart attack have a second cardiovascular event in the first year – even when receiving optimal treatment and care. The people behind these numbers spurred this call for action to reduce the risk.” The consensus document outlines the steps patients and healthcare professionals can take to prevent recurrent heart attacks. “A heart healthy lifestyle is the most effective way to avoid another heart attack,” said ESC prevention spokesperson Professor Joep Perk. “This should be supported with good medical treatment and follow up.”
Steps to prevent repeat heart attack:
1. Quit smoking
2. Do regular physical activity
3. Eat healthy food
4. Take prescribed medication to protect coronary vessels, and to control risk factors such as high blood pressure and cholesterol
“Stopping smoking beats everything for preventing heart attacks,” said Professor Perk. “Combine that with exercise and a healthy diet and we could avoid 80% of all myocardial infarctions.” According to the EUROASPIRE survey, after an acute myocardial infarction 16% of patients smoke, 38% are obese and 60% report little or no physical activity.3 Only half of patients are advised to participate in a cardiac rehabilitation programme, of whom just 80% actually attend. European guidelines on CVD prevention outline blood pressure and cholesterol targets but these are still missed. “Having a heart attack is an upsetting experience but it does not seem to motivate patients to adopt a healthy lifestyle to avoid having another one,” said Professor Piepoli. “We also know that more than half of heart attack patients stop taking their preventive medications.” “Patients are almost blinded by the excellent results of stents to clear blocked arteries,” said Professor Perk. “There is an over-belief in what medical care can provide and patients feel they don’t have to do anything. The challenge is to convince patients that the best way to prevent another heart attack is to take responsibility for their own health. Many lives could be saved – there is too much to lose by not doing it.” Prevention of recurrent heart attacks should begin immediately after the first event, while patients are still in hospital. This should be given equal priority to treating the initial heart attack. Patients should be referred to an outpatient cardiac rehabilitation to reinforce lifestyle messages and encourage adherence to behaviour change and medications. Professor Piepoli said: “Acute cardiovascular care specialists are responsible for identifying risk factors (smoking, inactivity, poor diet) and teaching patients how to improve their lifestyle habits. This can be supported by prescribing medicines for high blood pressure and cholesterol. Failure to start prevention as early as possible may give the erroneous impression that it is less important than the cure.” He concluded: “We have scientifically proven ways to prevent second heart attacks. But we need to empower patients to better understand their risk factors after myocardial infarction and take a central role in their recovery. Cardiologists, nurses and allied professionals all have a role to play in prevention, starting in the acute phase through to follow up care after hospital discharge.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Piano industria del Governo

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 settembre 2016

università roma treRoma, Con il piano Industria 4.0 annunciato al Forum Ambrosetti dal ministro dello Sviluppo economico Carlo Calenda, il Governo punterebbe a identificare quattro o cinque università da finanziare robustamente per trasformarle in centri d’eccellenza nazionale.
«La sollecitazione a stimolare innovazione e rapporti tra università e impresa è senza dubbio un elemento di sviluppo. Tuttavia, selezionare pochi centri per valorizzarli solo in alcuni settori può comportare un indebolimento e un abbassamento complessivo del sistema universitario», commenta Mario Panizza, rettore dell’Università Roma Tre e presidente del Crul (Comitato regionale di coordinamento delle università del Lazio). «Ben vengano i finanziamenti alla ricerca e all’innovazione, ma occorre avere la consapevolezza che un Paese si sviluppa se cresce in modo omogeneo e in tutti i campi. Diversamente, si rischia di ottenere un impoverimento del livello generale del sapere e condizioni discriminatorie nel territorio nazionale. Potrebbe risultarne una penalizzazione dei centri di qualità periferici rispetto al nucleo industriale, circostanza che determinerebbe uno squilibrio socio-economico in un settore finanziato con denaro pubblico come quello delle università statali».

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Notte Europea dei Ricercatori

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 settembre 2016

notte ricercatoriDal 24 al 30 settembre 2016 al via la Settimana della Scienza che culminerà il 30 Settembre con la Notte Europea dei Ricercatori, un evento che coinvolgerà oltre 300 città europee.Frascati Scienza sarà capofila di una rete di ricercatori, università e istituti di ricerca, che si estendono dal nord al sud dell’Italia, nel promuovere il più importante appuntamento europeo di comunicazione scientifica.
Il programma di questa edizione sarà fitto di appuntamenti tra aperitivi scientifici, conferenze, laboratori e giochi, mostre,‘science trips’, visite nei centri di ricerca e spettacoli. Grande attenzione come ogni anno alle scuole di ogni ordine e grado con un calendario di eventi riservati solo agli studenti. Tra questi da segnalare Più sicuri in Rete con consapevolezza e libertà digitale con la partecipazione di Libreitalia e Fare ricerca con i supercomputer: nuovi strumenti per indagare la natura. Grazie alla partecipazione del Consorzio Interuniversitario CINECA (maggiore centro di calcolo in Italia) sarà possibile scoprire perché sono importanti le simulazioni numeriche e perché sono essenziali i supercomputer per poterle realizzare. Gli appuntamenti si terranno a Frascati presso il SAPERmercato, un’istallazione urbana originale, vero e proprio mercato del sapere, che ospiterà durante il corso della manifestazione incontri, presentazioni di libri, esperimenti, laboratori didattici e video installazioni.
Tra gli eventi nazionali nella Settimana della Scienza segnaliamo per Roma la conferenza I segreti della Terra, raccontati dai geologi della Protezione Civile e della Regione Lazio e, per la sezione visite ai centri di ricerca, Astrogarden terra chiama Sole. Attraverso i potenti telescopi del Dipartimento di Matematica e Fisica dell’Università Roma Tre si potranno sperimentare le condizioni di illuminazione della Terra.
A Frascati, presso le Mura del Valadier, corso di lettura, interpretazione e “traduzione” di dati e mappe, a cura di Giornalisti Nell’Erba che verranno affiancati dai ricercatori dell’INFN, dell’ENEA e di NAIS, per capire come fare in modo che questi dati raccontino una storia.
Sempre a Frascati presso il SAPERmercato durante La fisica dei supereroi si scoprirà, insieme ad alcuni dei supereroi più famosi, quanto c’è di realistico nei loro superpoteri. Da Superman a Flash, fino ai mutanti X-Men, con l’aiuto delle leggi della fisica si indagheranno le loro straordinarie abilità, per scoprire che forse la fantasia non si è allontanata così tanto dalla realtà. Non mancheranno le presentazioni dei libri: Licia Troisi, parlerà del suo ‘Dalle Stelle alle Pagine di un Libro – e viceversa’, e Amedeo Balbi racconterà il suo ‘Dove sono tutti quanti?’ che sarà accompagnato dalle divertenti vignette di Andy Ventura.
Numerosi sono gli eventi che saranno presentati in tutta Italia e che faranno da apripista alla Notte Europea dei Ricercatori: a Pavia dal 27 settembre si potrà visitare gratuitamente il LENA, il Laboratorio di Energia Nucleare Applicata che ospita un reattore nucleare di ricerca per lo svolgimento di attività di ricerca applicata, di didattica e di servizio. A Trieste I fisici della sezione di Trieste dell’INFN illustreranno le loro ricerche per lo studio dell’Universo Violento e la ricerca della materia oscura. Raggi cosmici e raggi gamma forniranno una visione dell’Universo alle più alte energie.Tra i tanti seminari organizzati dall’INFN presso il complesso di Monserrato da segnalare Siamo tutti radioattivi? La radioattività è utile o pericolosa? Si può vedere? Si può sentire? Si trova in natura o è solo prodotta nelle centrali o nelle bombe nucleari? Il cibo è radioattivo? E noi?
Il 30 settembre, in occasione della Notte europea dei Ricercatori, le città coinvolte daranno vita ad una serie di eventi unici. A Roma e Frascati oltre alle consuete aperture dei più importanti enti di ricerca italiani e università (ASI, CNR ARTOV, ENEA, ESA-ESRIN, INAF, INFN, INGV, ISS, CREA, Università degli Studi Roma Tre, Università LUMSA) con centinaia di eventi organizzati per grandi e piccoli, da segnalare l’iniziativa Occhio al reperto! Il fascino degli scavi e del ritrovamento storico rapisce tutti, così partendo da questa curiosità, insieme agli antropologi dell’Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, si potrà scavare e rinvenire una serie di resti scheletrici, analizzandone le caratteristiche e lavorando come veri scienziati della storia, cercando di determinarne la tipologia di sepoltura, il periodo e il numero di individui sepolti. Sound of Science: perché un doppiatore ha una voce inconfondibile? Quali sono le note più basse (e più alte) che può raggiungere la voce umana? È possibile cantare contemporaneamente più di una nota? E quali sono gli effetti della voce e del suono sul nostro cervello?
notte ricercatoriPresso l’Università degli Studi Roma Tre durante la serata saranno centinaia gli eventi pensati per grandi e piccoli. Quest’anno alla manifestazione parteciperà anche l’ISPRA (Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale). Tra le tante attività verrà presentato un video che mostra una simulazione di “volo” sottomarino sui vulcani sommersi del Mar Tirreno; sarà illustrato il magmatismo nella vita di tutti giorni, dai diversi fenomeni e prodotti al loro utilizzo nella vita quotidiana e a corredo, un esperimento ludico con simulazione di una eruzione vulcanica.
Doppio appuntamento per l’università Lumsa. A Roma Social-Mente: le scienze sociali svelate, grazie a un percorso creato da ricercatori e studenti di questa disciplina. A Palermo invece Diritti alla meta: la ricerca giuridica al servizio della società. Saranno decine gli “scienziati del diritto” che spiegheranno come si fa ricerca in un ambito che sembra così poco scientifico.
Spazio poi all’astronomia con il planetario dell’Osservatorio Astronomico di Roma situato a Monte Porzio Catone, Giove e il Sistema Solare organizzato dall’INAF presso l’Area di Ricerca di Tor Vergata (ARTOV) e La Stazione Spaziale in 3D con il contributo dell’ESA-ESRIN.
Da segnalare poi il Grande gioco della Notte dei Ricercatori, TRIVIA NIGHT, un quiz a squadre che aspetta giocatori pronti a mettersi in gioco per scoprire le meraviglie della Scienza, i seminari e l’apertura straordinaria a Roma dell’Istituto Superiore di Sanità oltre all’open day al KETlab, il primo polo italiano di trasferimento aerospaziale che aprirà le porte con esperimenti, giochi interattivi e dimostrazioni delle attività di ricerca, con la partecipazione di ASI.
Presso l’osservatorio astronomico di Gorga, invece, sarà dimostrata la teoria della relatività Generale grazie al satellite LARES. Presso l’European Space Research Institute (ESA-ESRIN) curiosi, astrofili e ricercatori si ritroveranno per osservare il cielo e lo spazio… “dal vivo”.
Al Fortino Sant’Antonio Abate, a Bari, saranno esposti alcuni prototipi e modelli di rivelatori di particelle che i ricercatori della sezione di Bari dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare utilizzano nelle loro attività di ricerca; a Cagliari presso la cittadella universitaria di Monserrato sarà possibile partecipare all’aperitivo scientifico Sai cosa mangi? Incontro tra cibo, scienza e società; Esperimenti Scientifici, l’evento intende promuovere un dialogo aperto e informato tra ricercatori, cittadini e territorio e prevede diverse attività; Vulcani, rocce e minerali, fenomeni e forme con la partecipazione dell’Università di Cagliari e Sardegna Ricerche.
Presso la grande miniera Serbariu di Carbonia si terrà EfficienteMENTI: efficienza e risparmio energetico come soluzione sostenibile aperta a tutti. Un percorso interattivo organizzato da Sotacarbo, per sperimentare in modo diretto queste buone pratiche di sostenibilità.
Anche Napoli offrirà iniziative originali in occasione della Notte, con ‘Toledo di notte: fisici underground’, la stazione metropolitana “Toledo” e il suo telescopio sotterraneo saranno i protagonisti del percorso espositivo-divulgativo dell’attivita’ di ricerca della sezione INFN di Napoli e dei gruppi associati del Dipartimento di Fisica dell’Universita’ di Napoli “Federico II”. A Caserta nello splendido scenario dell’emiciclo della Reggia omonima Spettri a Corte: installazioni di diverse postazioni scientifiche.
A Reggio Emilia si parlerà del naso elettronico applicato al controllo degli alimenti, un congegno elettronico messo a punto dal Dipartimento di Scienza della Vita dell’Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia capace di individuare la presenza di sostanze nocive, degradate, non più commestibili.
Un filo diretto collegherà invece Ancona e Cassino dove musicisti distanti 300 km suoneranno insieme abbattendo i confini geografici. Questo spettacolare concerto a distanza è reso possibile dalla potenza della banda ultralarga della rete della ricerca e dell’istruzione GARR, che collega l’Università Politecnica delle Marche e l’Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale.
La rete GARR propone anche un affascinante viaggio nella storia di Internet attraverso un percorso espositivo, ospitato dai Laboratori Nazionali di Frascati dell’INFN, che ci fa rivivere le tappe più significative dell’invenzione del secolo.
A Catania da segnalare oltre all’apertura dei laboratori nazionali del Sud la Fisica di Star Wars: la fisica di Guerre Stellari spiegata in modo semplice e divertente. La scienziata (e fan di Star Wars!) condurrà l’auditorio in un appassionante viaggio nel profondo spazio in compagnia di Darth Vader, delle Truppe di Assalto dell’Impero e dei personaggi di Star Wars, grazie alla straordinaria partecipazione della Trinacria Squad della 501st Italian Garrison.
A Lecce si terrà Dalle particelle alle galassie, un percorso guidato e animato da ricercatori dell’INFN, indirizzato al pubblico, per spaziare dalla fisica delle interazioni fondamentali all”astrofisica, puntando l’attenzione sulle attività di ricerca svolte presso la locale Sezione INFN.
A Milano, Extreme: alla ricerca delle particelle, la mostra insieme ai ricercatori che hanno lavorato al CERN e nei Laboratori Nazionali del Gran Sasso dell’INFN.
A Parma da segnalare Un archivio e una abbazia da scoprire: un viaggio nel tempo per comprendere la storia dell’abbazia di Valserena e della vita all’interno di essa, dall’epoca della fondazione ad oggi. Dalle 15 alle 23 spazio alla navigazione tra i Poli della scienza: il Campus Scienza e Tecnologia – Parco Area delle Scienze, il Dipartimento di Medicina Veterinaria, il Centro storico della città e il Centro Studi Archivio e Comunicazione – CSAC dell’Università di Parma accolgono curiosi, appassionanti e ragazzi di ogni età, per condividere con i cittadini la passione per la scienza e la ricerca
Firenze sarà avvolta da una pioggia di particelle nella Notte Europea dei Ricercatori! Gli scienziati dell’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare di Firenze guideranno il pubblico in un viaggio verso l’infinitamente piccolo. Brevi seminari, dibattiti, dimostrazioni pratiche. A Ferrara decine di ricercatori effettueranno esperimenti scientifici per i più piccoli, per sperimentare le forze della fisica anche nella vita quotidiana.
Le prossime due edizioni, a cura di Frascati Scienza previste a settembre 2016 e 2017, saranno all’insegna del MADE IN SCIENCE, la scienza come vera e propria ‘filiera della conoscenza’, capace di produrre e distinguersi per eccellenza, qualità, creatività, affidabilità, transnazionalità, competenze e responsabilità. MADE IN SCIENCE sarà il marchio che distingue la qualità, l’eccellenza e l’importanza della ricerca italiana e il filo conduttore degli appuntamenti in programma.Per il programma completo della manifestazione con il dettaglio dei giorni, orari e luoghi, visitare il sito: http://www.frascatiscienza.it

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Le lacune nel sistema di identificazione di migranti morti

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 settembre 2016

londraLondra. Nel 2015 e nella prima metà del 2016 più di 6.600 rifugiati e migranti sono annegati o sono stati dati per dispersi nel Mediterraneo dopo che i loro barconi si sono rovesciati nel tentativo di raggiungere l’Europa. Un nuovo rapporto, realizzato dall’Università di York, la City University of London e il GMDAC dell’Organizzazione Internazionale per le Migrazioni, mostra che molti dei corpi non sono stati identificati e le famiglie a casa non sanno cosa è accaduto ai propri cari.Il rapporto descrive le conclusioni del Mediterranean Missing Project, finanziato dal Consiglio per le Ricerche Economiche e Sociali. Esso è stato varato dall’ESRC nell’ambito di un ampio programma di ricerca del valore di un milione di sterline in risposta alla crisi umanitaria in atto. Un team di ricercatori ha lavorato per un periodo di 12 mesi sull’isola greca di Lesbo e in Sicilia, i due principali punti d’ingresso per i migranti e i rifugiati in Europa, dove un gran numero d’ imbarcazioni che trasportano migranti sono affondate negli ultimi anni, e ha osservato il modo in cui le autorità trattavano i corpi dei migranti. I ricercatori hanno intervistato una serie di operatori coinvolti nelle operazioni, tra i quali dipendenti comunali, organizzazioni non governative, guardia costiera, medici legali e personale di pompe funebri cosi come famiglie di migranti dispersi provenienti da Tunisia, Siria e Iraq per comprendere la loro esperienza.Quello che hanno scoperto è scioccante. Sia il numero dei migranti arrivati che quello dei morti ha sopraffatto le autorità locali, che hanno risorse limitate e, nel caso della Grecia, che è stata devastata dalla crisi economica. Di conseguenza, gli sforzi per determinare le identità dei migranti deceduti sono stati insufficienti. Le indagini ufficiali sono state limitate e spesso lacunose. Gli effetti personali dei rifugiati ritrovati sulle spiagge non sono stati raccolti sistematicamente o messi da parte per supportare l’identificazione, inoltre i superstiti dei naufragi non sono stati intervistati sistematicamente a proposito di coloro che erano morti.Ci sono anche problematiche riguardanti la gestione dei dati sui corpi. In Italia, per esempio, ogni regione archivia i dati in maniera indipendente. In Grecia, anche se i campioni di DNA prelevati dai cadaveri sono archiviati in un unico sito, non c’è modo di collegare il campione di DNA conservato ad Atene con i corpi seppelliti nel cimitero di Lesbo poiché fino a poco tempo fa i corpi non venivano etichettati uniformemente. “Ai sensi della legge internazionale sui diritti umani, tutti gli Stati hanno l’obbligo d’indagare su qualsiasi morte sospetta”, afferma il Dottor Simon Robins. “Tuttavia abbiamo riscontrato che in molti casi le morti dei migranti non sono state oggetto d’indagine. Pensate alla quantità di risorse e all’attenzione riservata per capire cosa è successo alle vittime del disastro aereo del volo MH370 della Malaysia Airlines. Negli ultimi 18 mesi, è deceduto un numero di migranti pari a circa i passeggeri di 13 jumbo jet, ma vi è stata poca attenzione mediatica e sono stati fatti sforzi insufficienti per determinare le loro identità.” Il problema principale riscontrato dai ricercatori nel loro rapporto è la mancanza di una politica coordinata e coerente per quanto riguarda i migranti deceduti sia in Grecia che in Italia. Il vuoto politico a livello nazionale significa che le municipalità e le autorità locali sono sopraffatte e non sono dotate delle capacità o risorse finanziarie per far fronte alla natura e al volume di questa crisi umanitaria. Ci sono numerose agenzie con mandati sovrapposti che non riescono a coordinarsi fra loro, il che si traduce nel fatto che nessuno è sicuro di chi sia responsabile di cosa. Le diverse agenzie locali e regionali coinvolte hanno poco sostegno dai governi nazionali o dall’Unione Europea.
In Italia, una Commissione Speciale per le Persone Disperse ha condotto indagini sui casi di tre naufragi di grandi dimensioni e, attraverso accordi fra gli operatori competenti, tra cui esperti forensi e polizia, supportata con risorse, ha permesso di effettuare un lavoro eccellente nella raccolta dei dati dai corpi. Adesso, l’obiettivo in Italia è quello di estendere questi sforzi a tutti i migranti deceduti. Sia in Grecia che in Italia, gli sforzi per contattare le famiglie dei dispersi sono stati in gran parte frustranti, con il risultato che pochi dati sono stati raccolti dalle famiglie dei migranti dispersi, impedendo le identificazioni. Il risultato di tutto ciò è che i corpi vengono seppelliti senza identificazione, con poche possibilità di poterli identificare in futuro. Questo rappresenta un esempio per la Grecia, la quale richiede l’accorpamento del coordinamento delle varie agenzie che operano con mandati inadeguati e sovrapposti.Un altro problema è la mancanza di un meccanismo internazionale di scambio di dati sui migranti deceduti e sulle persone disperse, in modo che tali dati possano essere incrociati per effettuare identificazioni.Ciò significa che non ci sono in Europa punti di contatto per i membri della famiglia in cerca di un proprio caro che potrebbe essere deceduto attraversando il Mediterraneo. Un’ulteriore barriera è che spesso i famigliari alla ricerca di una persona dispersa non sono nemmeno in grado di viaggiare per gli Stati europei per identificare il loro parente. E’ difficile riuscire ad ottenere un visto per entrare nell’Unione Europea, inoltre non esistono cose come un visto umanitario.
Allora, cosa si può fare per migliorare la situazione? Gli autori suggeriscono diversi modi in cui gli Stati possono migliorare le proprie procedure per identificare coloro che sono annegati in mare.“Noi crediamo che l’Italia e la Grecia abbiano l’obbligo legale di investigare così come l’obbligo morale verso le famiglie di coloro che sono deceduti, obblighi che non vengono adempiuti”, afferma il Dottor Simon Robins.
La City University London è un’università globale di eccellenza accademica, specializzata nel business e nelle professioni e con una prestigiosa sede nel centro di Londra. È nel primo cinque percento delle università al mondo secondo il Times Higher Education World University Rankings 2013/14 e tra le prime trenta università del Regno Unito secondo il Times Higher Education Table of Tables 2012. È classificata tra le prime 10 università del Regno Unito per i posti di lavoro ottenuti dai suoi laureati (The Good University Guide 2014) e tra le prime 5 per il livello di remunerazione iniziale ricevuto dai suoi laureati (Lloyds Bank).
L’Università attrae oltre 17.000 studenti (di cui il 35% a livello di dottorato) da oltre 150 paesi e personale docente da oltre 50 paesi. Il suo prestigio accademico si fonda su una base molto ampia, con specializzazioni di livello mondiale in settori quali business, legge, scienze della salute, ingegneria, matematica, informatica, scienze sociali, oltre che nelle discipline artistiche, inclusi il giornalismo e la musica. Le origini dell’Università risalgono al 1894, con la fondazione del Northampton Institute sul quale sorge attualmente il corpo principale del campus della City. Nel 1966, la scuola ha ricevuto la qualifica di Università per decreto reale e il Sindaco di Londra è stato invitato a esserne Rettore, una consuetudine unica che continua ancora oggi. Dal 2010, il professor Paul Curran è Vice-Rettore della City University London.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ferrara apertura dei cancelli dei giardini

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 settembre 2016

giardinigiardini2Ferrara sabato 10 e domenica 11 settembre, l’Associazione Ilturco aprirà i cancelli dei giardini di Ferrara. INTERNO VERDE è il festival che intende mostrare il carattere della città attraverso i suoi spazi più intimi e segreti. I cortili e gli angoli verdi che testimoniano la cura per la bellezza, conservata al riparo dal tempo, riappariranno solo per un fine settimana. In questi rifugi tanto del corpo quanto dello spirito hanno lasciato la loro impronta gli intellettuali che hanno costituito la cifra culturale ferrarese, da Ludovico Ariosto a Giorgio Bassani, dalla famiglia Estense a Riccardo Bacchelli, sino a Michelangelo Antonioni e al ricordo di Pia Pera.Aprire i giardini sarà anche l’occasione per ridare luce e lustro a palazzi e monumenti che compongono il centro storico di Ferrara, che ha ricevuto l’alto riconoscimento Unesco quale patrimonio dell’Umanità. Inoltre sarà un modo per tastare il rispetto per l’ambiente dei suoi abitanti, potendo visitare il Giardino delle Capinere, oasi curata dalla Lipu, e Terraviva, un incredibile fazzoletto di campagna dentro la cinta muraria.
L’associazione Ilturco, che ha ideato e curato l’iniziativa, ha raccolto la disponibilità di famiglie, circoli e attività commerciali, che per un weekend apriranno porte e portoni, permettendo a chi vorrà giardini1partecipare all’evento di esplorare il capoluogo estense in modo originale e inedito. Un’occasione unica per scoprire dietro il rosso dei tipici cotti ferraresi un’anima verde tanto ricca quanto capillarmente diffusa. L’obiettivo degli organizzatori, infatti, è sensibilizzare i visitatori al rispetto e alla valorizzazione del verde, fornire alla comunità una chiave per interpretare più profondamente il senso dello spazio che si attraversa, sollecitare anche nei confronti degli ospiti provenienti da altre città una più completa comprensione del passato e maggiore consapevolezza della ricchezza presente, che necessità di essere tutelata e promossa. Per questo ogni giardino sarà accompagnato da informazioni di carattere botanico, storico e architettonico, e ai partecipanti che hanno prenotato l’iscrizione verrà regalato un libretto di 80 pagine, a tiratura limitata, contenente descrizioni e fotografie dei luoghi coinvolti.
Interno Verde è patrocinato dal Comune di Ferrara e dall’Istituto per i beni artistici culturali e naturali della Regione Emilia-Romagna. È sostenuto inoltre dall’istituto di credito Emilbanca, dal vivaio Zerbini Garden, dalla società di servizi internet GooMobile, dall’azienda di materiali edili Silla, dalla cooperativa di commercio equosolidale AltraQualità, dall’hotel Santo Stefano, dall’enobar Maracaibo. La sua realizzazione è stata possibile grazie alla partecipazione attiva di numerosi enti, associazioni e imprese: Arci, Ascom, Centro Idea, Cinema Boldini, Fai Giovani, Garden Club, Geometrica.Botanica, Ibs+Libraccio, Legambiente, Lipu, Listone Mag, Museo archeologico nazionale di Ferrara, Musei civici di arte antica di Ferrara, Nuova Terraviva, Orto Botanico di Unife, Punto3, Teatro Ferrara Off, Urban Center, youngERcard.
Per conoscere il programma completo dell’iniziativa e restare aggiornati sugli eventi collaterali si può fare riferimento al sito http://www.ilturco.it/interno-verde (foto: giardini)

Posted in Cronaca/News, Viaggia/travel | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scuola: Concorso a cattedra, un flop senza precedenti

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 settembre 2016

scuolaDai dati aggiornati risulta che sono appena 332 le Graduatorie di merito del concorso approvate pronte per le nomine in ruolo dei vincitori: il 22% di tutte le Graduatorie di merito attese. Inoltre, il 31,7 per cento dei posti (1.891) messi a concorso, riguardanti le 332 commissioni che hanno terminato le operazioni, non avrà mai un vincitore, perché il tasso di bocciature supera le disponibilità di cattedre: i posti per il momento sicuri (poco più di 4 mila) rappresentano solo il 4,8% di quelli messi a concorso. La proiezione su tutti i 63.712 posti previsti comporterebbe 20.188 posti che andranno persi. Il sindacato non si capacita, poi, perché per tanti docenti Itp e diplomati magistrale ad indirizzo linguistico, a cui il giudice ha dato ragione, non si siano ancora svolte le prove suppletive. E non è detta, poi, la parola fine sugli specializzandi di sostegno e per i tanti ricorrenti laureati senza abilitazione non ammessi.Marcello Pacifico (Anief-Cisal): nessuno pretendeva che i candidati dovessero essere tutti promossi ma lascia basiti che oltre la metà dei concorrenti sia stato mandato a casa già al termine della prima prova. Quei candidati oggi definiti “somari”, perché avrebbero prodotto risposte incomplete, troppi errori e pure degli strafalcioni, sono gli stessi che hanno acquisito la loro abilitazione nelle nostre università, attraverso il giudizio di professori accademici di comprovata affidabilità. Quindi, o il lavoro selettivo e formativo di accademici e supervisori non è stato adeguato, visto che decine di migliaia di docenti già abilitati all’insegnamento sono regrediti al punto di non meritare nemmeno l’idoneità con il minimo della votazione oppure, cosa molto più probabile, c’è qualcosa nelle commissioni dell’attuale concorso che è andato storto.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Eliminazione slot machine un bluff?

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 settembre 2016

slot machinesL’eliminazione delle slot machine da bar, tabaccherie ed esercizi commerciali, rischia di essere un “bluff”, un annuncio spot finalizzato ad ottenere facili consensi in vista del referendum costituzionale. Lo afferma il Codacons, commentando l’annuncio del Premier Matteo Renzi sulle novità in materia di giochi.“Temiamo si tratti solo di una trovata pubblicitaria, e il nostro timore è dovuto al fatto che l’apposito Osservatorio sul gioco d’azzardo, di cui il Codacons fa parte, non ha potuto visionare alcun atto relativo all’eliminazione delle slot machine dagli esercizi pubblici – spiega il presidente Marco Maria Donzelli – Abbiamo dovuto addirittura presentare apposita istanza d’accesso per conoscere le novità in materia, nonostante l’Osservatorio abbia proprio il compito di aiutare il Governo nell’adozione di misure a tutela dei giocatori. Tutto ciò mentre il Dipartimento Politiche Antidroga della Presidenza del Consiglio è immobile su gioco, fumo e droga”.
Sono 2.111 i malati di gioco d’azzardo patologico assistiti nel 2014 dalle Asl lombarde e nel 2015 i casi sarebbero raddoppiati. Tre milioni di euro per finanziare 68 progetti contro la ludopatia su tutto il territorio regionale, che hanno coinvolto 1.542 soggetti, tra cui oltre 700 Comuni, 258 associazioni del terzo settore, 319 tra scuole, parrocchie, centri anziani, 45 associazioni professionali, 15 associazioni per la tutela dei consumatori. E, ancora, 540 corsi di formazione organizzati in collaborazione con gli esercenti, con oltre 12.000 attestati rilasciati.In ogni caso se davvero si arriverà all’eliminazione di videopoker e slot in bar, tabaccherie e d esercizi commerciali, il risparmio per lo Stato potrebbe raggiungere quota 7 miliardi di euro, pari ai costi sociali prodotti dalla dipendenza da gioco in Italia. Il Codacons presenta richiesta formale all’Assessore Regionale Beccalossi e al Comune di Milano chiedendo di anticipare l’eliminazione delle slot da bar e tabaccherie.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Versace: Seven Bags for Seven Cities

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 settembre 2016

versaceVersace presenta la speciale Limited Edition Palazzo Empire, un omaggio a sette selezionate metropoli. Seven Bags for Seven Cities è un concorso che ha visto partecipare persone da tutto il mondo. Per questo progetto internazionale i partecipanti sono stati invitati ad esprimere la loro creatività, catturando una foto del loro monumento preferito di ognuna delle sette città – Pechino, Parigi, Hong Kong, Milano, San Paolo e Tokyo. La foto vincitrici sono state utilizzate per personalizzare la borsa Palazzo Empire, creando pezzi unici che celebrano ogni metropoli. I vincitori, a Settembre, saranno invitati alla sfilata Versace Donna Primavera Estate 2017 a Milano. Un numero limitato di borse della collezione Seven Bags For Seven Cities sarà disponibile nelle seguenti boutiques:
Pechino, Shop D4027, 4/F, SKP, 87 Jianguo Road, Chaoyang District
Hong Kong, Shop G122, Ground Floor, Gateway Arcade
Milano, Via Montenapoleone, 11
New York, 647 Fifth Avenue
Parigi, Avenue Montaigne, 45
San Paolo, Av. Brigadeiro Faria Lima, 2232
Tokyo, 6-7-12, Ginza (foto: versace)

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lugano musica: Nuova stagione

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 settembre 2016

antonio-pappano

Roma, Auditorium Parco della Musica 21 10 2010 Ritratti di Antonio Pappano per cd Emi Rachmaninov ©Musacchio & Ianniello

Julia_FischerLugano partirà il 22 settembre presso il quartier generale del LAC, dopo la prima Stagione (da poco conclusa) che ha visto la sala del LAC sempre molto affollata, registrando spesso il tutto esaurito.La Stagione prenderà avvio con il secondo quadro del ciclo dedicato a Stravinskij iniziato lo scorso anno e affidato alla bacchetta di Charles Dutoit e agli stellari strumentisti della Royal Philharmonic Orchestra: in programma il capolavoro più rivoluzionario del compositore russo, la Sagra della Primavera.Tra i virtuosi in cartellone spiccano Maurizio Pollini e Julia Fischer, che sarà la nuova artist in residence, protagonista di ben tre appuntamenti – in uno dei quali si presenterà perfino nell’inedita veste di pianista.
Gli altri nomi importanti sono davvero moltissimi: da Isabelle Faust a Nicholas Angelich, da Boris Berezovskij ad Alexandre Tharaud, da Arcadij Volodos’ a Renaud Capuçon e Daniel Müller-Schott. Mentre tra i direttori d’orchestra si segnalano giganti come Jurij Temirkanov, Ton Koopman, Bernard Haitink, Iván Fischer, Antonio Pappano e maestri più giovani come il trentenne inglese Nicholas Collon, senza dimenticare il direttore stabile dell’OSI, l’orchestra di casa, Markus Poschner.Di eccelso livello le orchestre invitate: BBC Philharmonic Orchestra – per la prima volta a Lugano grazie a Julia Fischer -, Filarmonica di San Pietroburgo, Budapest Festival Orchestra, Amsterdam Baroque Orchestra, Accademia di Santa Cecilia, Orchestra Mozart – che riprende il suo cammino dopo la morte di Claudio Abbado con due soli concerti, a Bologna e Lugano. (foto: antonio pappano, Julia Fischer)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Mostra elettromesticità

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 settembre 2016

allestimento-fotograficoPordenone Galleria Harry Bertoia 10 settembre 2016 – 22 gennaio 2017 inaugurazione: sabato 10 settembre ore 18.00. Nell’ambito del centenario Zanussi Electrolux, il fulcro delle iniziative predisposte dal Comune di Pordenone assieme a Electrolux – col patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e del Ministero dello Sviluppo Economico e col sostegno di Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Provincia di Pordenone, Unione Industriali di Pordenone e FriulAdria Crédit Agricole – è costituito dalla mostra Elettrodomesticità. Design e innovazione nel Nord Est da Zanussi a Electrolux.
L’esposizione – curata da Angelo Bertani con la collaborazione di Roberto Pezzetta, direttore dell’Ufficio Disegno Industriale di Zanussi dal 1982 e poi direttore creativo del Gruppo Electrolux fino al 2005 – è incentrata sul disegno industriale e sui fattori di innovazione, di funzionalità e di estetica che esso ha saputo esprimere, e rappresenta un’indagine che considera al tempo stesso aspetti storici, sociologici, progettuali ed estetici: un vero e proprio viaggio che parte dalla presentazione del prodotto per arrivare, attraverso la progettazione, al fulcro della sua nascita, dall’idea iniziale alla sua concretizzazione. Seguire l’evoluzione nel tempo dei diversi aspetti peculiari di un prodotto di massa come l’elettrodomestico, diffuso in tutte le case, ci permette così di cogliere pure i segni di un’epoca, del gusto e della concezione del vivere sociale, oltre che di una precisa visione industriale. Nei due piani della Galleria Harry Bertoia verrà esposta una selezione dei prodotti più significativi (compresi alcuni prototipi) realizzati dalla Zanussi a partire dalla sua fondazione (1916) fino alla sua confluenza nel Gruppo Electrolux (1984) per arrivare ai nostri giorni.
Oltre a quelli storici realizzati nella prima metà del ‘900, saranno presentati i prodotti disegnati da Gino Valle, Gastone Zanello, Andries Van Onck, Roberto Pezzetta e Luigi Molinis: autorevoli designer che di volta in volta hanno caratterizzato con grande originalità il disegno industriale dell’azienda. Grazie all’integrazione tra esigenze tecnico-commerciali e l’estetica, nel corso dei decenni il Gruppo Zanussi prima ed Electrolux dopo hanno saputo esprimere originali contenuti industriali ed estetici, arrivando a livelli di eccellenza in tutti i settori: dalle cucine, alle lavatrici, ai televisori (concepiti quasi come sculture quelli di Molinis), ai frigoriferi, al settore Professional. L’accostamento con i rendering mostra-foto-simonella(provenienti dall’Archivio Electrolux di Porcia e dai Musei Civici di Udine) evidenzia le varie tappe, che dallo schizzo preliminare conducevano al progetto vero e proprio e infine al prodotto finito. In alcuni casi gli elettrodomestici sono affiancati da opere d’arte (la maggior parte delle quali prestate dal Centro Culturale Casa A. Zanussi di Pordenone e dalla Fondazione Concordia 7) con cui si intende mettere in luce il confluire di alcuni elementi della ricerca artistica contemporanea nell’ambito del design industriale. Inoltre una sala è dedicata ai progetti architettonici di Gino Valle, famoso architetto e designer che negli anni ’50 – ’70 lavorò anche per la Zanussi.
Una sezione della mostra non poteva non essere dedicata inoltre alle migliaia e migliaia di operai e impiegati che hanno lavorato nelle aziende del Gruppo Zanussi / Electrolux, contribuendo al suo successo. Così come l’introduzione e la diffusione degli elettrodomestici nelle case ha segnato un cambiamento nell’organizzazione e nell’economia familiare (cambiamento che ha coinvolto in primis la figura femminile), la loro stessa produzione ha accompagnato un importante processo di gino-valle-uffici-zanussitrasformazione sociale. La maggior parte dei lavoratori proveniva infatti dall’ambito agricolo ed essi, passando anche attraverso una fase intermedia che li ha visti nel doppio ruolo di metalmezzadri, furono progressivamente proiettati nella condizione sociale odierna. Un processo di trasformazione rappresentato simbolicamente in mostra da due videoproiezioni fotografiche che evidenziano il passaggio dal lavoro contadino a quello industriale. Un sala, infine, è interamente rivestita da pannelli fotografici con immagini “storiche” rappresentative dei vari aspetti della vita aziendale nei cento anni di riferimento.
In definitiva, così come le altre iniziative collaterali già realizzate o in programma per il centenario – cui hanno preso parte Circolo Anziani del Lavoro Electrolux Zanussi (anche prestatori per la mostra), Università di Udine, I Papu, Associazione Teatro Pordenone, Camera di Commercio Industria Artigianato e Agricoltura di Pordenone, Circolo della Cultura e delle Arti, Circolo Fotografico La Finestra, Comune di Porcia, Coop Alleanza 3.0, Fondazione Cassa di Risparmio di Udine e Pordenone – anche la mostra Elettrodomesticità si muove in parallelo sia sul binario storico, sia su quello dell’attualità, con l’intento di promuovere una corretta analisi dei lasciti positivi di questo significativo ambito di storia industriale e di poterne farne tesoro, oggi e in futuro. Un futuro dove la bellezza dovrà coniugarsi sempre più con la tecnologia, seguendo le nuove frontiere del design, come l’innovazione sociale, nella prospettiva di un futuro sostenibile.
Grazie a un approccio articolato e multidisciplinare – corredano l’esposizione alcune videoproiezioni, un video a carattere storico sulla figura di Lino Zanussi e un video di Electrolux dedicato alla sostenibilità – questa mostra dedicata all’oggetto elettrodomestico assume dunque una molteplicità di valori e significati, che sicuramente ci farà guardare una lavatrice o un frigorifero con occhi diversi. (foto: Allestimento fotografico foto Simonella, mostra foto Simonella, Gino Valle)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

ACI: torna a crescere ad agosto il mercato dell’usato

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 settembre 2016

auto-usate-prezziI passaggi di proprietà delle quatto ruote, depurati dalle minivolture (i trasferimenti temporanei a nome del concessionario in attesa della rivendita al cliente finale), ad agosto hanno messo a segno un incremento mensile del 17%, che scende a 11,7% in termini di media giornaliera per la presenza di una giornata lavorativa in più rispetto all’analogo mese del 2015. I passaggi di proprietà delle auto nel mese di agosto sono stati quasi il doppio rispetto alle prime iscrizioni, registrando per ogni 100 vetture nuove la vendita di 197 vetture usate (146 nei primi otto mesi dell’anno).In aumento anche i passaggi di proprietà dei motocicli, che al netto delle minivolture hanno registrato una variazione mensile positiva dell’8,5% (+ 3,5% considerando la media giornaliera).Complessivamente nel periodo gennaio-agosto 2016 si evidenziano incrementi del 5,5% per le autovetture, del 2% per i motocicli e del 4,4% per tutti i veicoli.I dati sono riportati nell’ultimo bollettino mensile “Auto-Trend”, l’analisi statistica realizzata dall’Automobile Club d’Italia sui dati del PRA, consultabile sul sito http://www.aci.it
Bilancio con il segno più, ad agosto, anche per le radiazioni. I dati mensili evidenziano una crescita delle radiazioni delle autovetture dell’11,1% rispetto al mese di agosto del 2015 (6% in termini di media giornaliera). Il tasso unitario di sostituzione ad agosto è stato pari a 0,90 (ogni 100 auto iscritte ne sono state radiate 90), attestandosi a 0,72 nei primi otto mesi dell’anno.
Incremento mensile del 7%, infine, per le radiazioni dei motocicli, che si riduce tuttavia al 2,1% tenuto conto della giornata lavorativa in più nel mese di agosto 2016. Nei primi otto mesi del 2016 le radiazioni hanno fatto registrare incrementi complessivi dell’1,8% per le autovetture e dell’1,4% per tutti i veicoli, a fronte di un calo dello 0,2% per i motocicli.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Vertice delle Nazioni Unite sui flussi di rifugiati e migranti su larga scala

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 settembre 2016

Onu palaceNew York 19 settembre 2016, l’Assemblea Generale è chiamata ad adottare una serie di impegni per migliorare la protezione dei migranti e dei rifugiati.Una volta adottati, questi impegni – che sono stati concordati il 2 agosto – costituiranno la “Dichiarazione di New York”. Faranno parte della Dichiarazione anche due documenti che aprono la strada all’adozione del Global Compact nel 2018: uno sui rifugiati e l’altro sui migranti. (Allegato 1: il quadro sulla Risposta Complessiva sui Rifugiati (Comprehensive Refugee Response – CRR); e Allegato 2: Verso un Global Compact per rendere sicure le migrazioni regolari)
Di fronte alla sfida rappresenata da una serie di crisi globali e dai movimenti su larga scala di rifugiati e migranti – che in alcuni paesi alimentano la xenofobia – è molto significativo il fatto che i 194 Stati membri delle Nazioni Unite abbiamo deciso di riunirsi con lo scopo di concordare un piano per affrontare insieme le sfide comuni.Una volta adottata, la Dichiarazione di New York costituirà una pietra miliare. In essa, gli Stati membri dichiarano profonda solidarietà nei confronti delle persone che sono costrette a fuggire dalle loro case, riaffermano i loro obblighi nei confronti dei diritti umani di rifugiati e migranti e si impegnano a dare un supporto consistente ai paesi interessati da movimenti su larga scala di rifugiati e migranti.Nella Dichiarazione gli Stati si assumono impegni comuni in favore di rifugiati e migranti, tra cui: la lotta contro lo sfruttamento, il razzismo e la xenofobia; il salvataggio delle persone in fuga; la garanzia di procedure di frontiera eque e in linea con il diritto internazionale. Nella Dichiarazione è posta anche un’attenzione specifica ai bisogni di donne, bambini e delle persone che necessitano di assistenza sanitaria, il riconoscimento e l’incoraggiamento degli apporti positivi dei migranti e dei rifugiati, la garanzia che il benessere di migranti e rifugiati rappresenti la priorità nei progetti di sviluppo, la garanzia di un finanziamento adeguato, flessibile e prestabilito.
Per quel che riguarda i rifugiati, tra gli impegni specifici vi è un maggiore sostegno ai paesi e alle comunità che ospitano il maggior numero di rifugiati. Altri impegni riguardano la promozione dell’istruzione per la prima infanzia, oltre che quella primaria e secondaria, e la creazione di posti di lavoro e di sistemi per favorire l’accesso al reddito per i rifugiati e le comunità ospitanti. L’enfasi viene posta anche sull’aumento delle opportunità di reinsediamento o di altre forme di ammissione in paesi terzi.La Dichiarazione prevede anche un quadro Complessivo di Risposte per i Rifugiati (CRR) da applicare in risposta a un afflusso di rifugiati su larga scala o a situazioni protratte di migrazioni forzate. Si tratterà di una risposta più larga rispetto a quella che viene generalmente attivata per i rifugiati, coinvolgendo fin dall’inizio una serie di attori, compresi le autorità locali e nazionali, gli operatori umanitari e dello sviluppo, il settore privato e la società civile. Questo quadro sottolinea, inoltre, quanto sia importante che i rifugiati diventino autonomi e prende in considerazione le necessità delle comunità locali ospitanti.
La Dichiarazione di New York riafferma l’importanza e la necessità di rispettare il regime internazionale di protezione – la Convenzione sui rifugiati del 1951, i diritti umani e il diritto umanitario – in un momento in cui le migrazioni forzate hanno raggiunto livelli record.Nello specifico, i governi riconoscono che la protezione dei rifugiati e l’assistenza agli Stati che li ospitano rappresentano una responsabilità internazionale condivisa, non a carico dei soli paesi ospitanti. Un passo in avanti fondamentale.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Referendum: cresce il No

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 settembre 2016

costituzione1“Chissà perché oggi sono disposti a cambiare l’Italicum. Segno che il fronte del no sta crescendo e la paura di una sconfitta in casa Renzi comincia a dilagare. Le nostre ragioni del no sono legate in particolare alla mancata svolta presidenzialista, l’elezione diretta del presidente della Repubblica – il sindaco d’Italia – è sempre stata per noi la madre di tutte le riforme. Renzi ha avuto meno coraggio di D’Alema e Berlusconi e ha preferito lasciare l’elezione del Capo dello Stato nelle mani di accordi parlamentari, anzi extraparlamentari, anzi di segreterie di partito, per l’esattezza di fazioni di partito. Così si mantiene la consuetudine italiana di avere un Capo dello Stato di palazzo che attraverso manovre di palazzo possa continuare a nominare capi del Governo di palazzo. Marionette nelle mani di altri poteri che gestiscono l’Italia sulla pelle dei cittadini. Il referendum è dunque lo strumento per provare a rompere questa catena, il cavallo di Troia per entrare nella ‘cittadella’”. È quanto dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli.

Posted in Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Il movimento five festival a Pescara

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 settembre 2016

pescaraPescara di Enrica Sabatini, MoVimento 5 Stelle. Il 16 17 e 18 settembre 2016 si terrà a Pescara la seconda edizione del MOVIMENTO FIVE FESTIVAL, una tre giorni all’insegna del confronto, della creatività, dell’informazione e della formazione. Le attività inizieranno alle ore 17:30 e saranno disponibili punti ristoro per trascorrere una serata insieme. Gli aggiornamenti e i dettagli delle attività su movimento5stellepescara.it o all’interno dell’evento facebook.
Dopo il successo dello scorso anno, tante le novità e tanti gli ospiti cha andranno ad arricchire il Festival organizzato dal gruppo M5S di Pescara al quale parteciperanno, accanto ai portavoce abruzzesi, anche i parlamentari Luigi di Maio, Giulia Sarti, Alberto Airola e Nicola Morra e che saranno chiamati a rispondere alle domande dei cittadini su svariati temi: dal Referendum costituzionale alle proposte contro la corruzione, dal Microcredito al Reddito di cittadinanza, e molto altro.
Il nome dell’evento nasce dall’acronimo F.I.V.E ossia Fatti, Idee, Volontà ed Evoluzione e lo spazio scelto per il Festival, la splendida cornice di un Parco cittadino, sarà suddiviso in quattro aree cromatiche, che andranno ad ospitare e contraddistinguere le tantissime attività in programma: laboratori “perform-attivi” dedicati ai bambini, scrittura creativa per adulti, corsi educativi con gli animali d’affezione, laboratori per l’artigianato locale e per il riciclo creativo, stand dedicati alla decrescita felice e all’utilizzo della canapa per prodotti ed oggetti. E poi ancora, spazi dedicati ai nuovi makers e alla stampa 3D, all’energie rinnovabili, al microcredito attivato grazie al taglio degli stipendi dei portavoce nelle istituzioni, al progetto Rousseau e a molto altro. Una novità di quest’anno, tre FIVELab, laboratori riservati al dibattito su tre importanti temi quali l’ambiente, le nuove tecnologie e l’urbanistica. Porteremo avanti un laboratorio di partecipazione popolare attraverso cui i cittadini potranno immaginare e “ridisegnare” un’area centrale della nostra città fino a costruire con le proprie mani un plastico in grado di riprodurre l’idea di città emersa nel percorso partecipativo. All’interno del FIVELab dedicato alla tecnologia e all’OpenGovernment, invece, ci confronteremo sul tema della Rete come opportunità per la democrazia diretta, per la trasparenza delle istituzioni e per il lavoro, scoprendo insieme le nuove professioni digitali. Una giornata sarà dedicata, inoltre, ad un percorso che dai monti alla costa ci porterà a conoscere la più grande delle nostre risorse: l’acqua.
Sarà un’occasione per stare insieme, per ascoltare la città e le sue esigenze, per condividere idee, per valutare proposte e per raccontare i risultati portati a termine in Comune, in Regione ed in Parlamento. Dietro a questo evento c’è la passione e la dedizione dei tanti attivisti che ogni giorno alimentano lo spirito del Movimento 5 stelle e che parteciperanno, insieme ai portavoce eletti, alle iniziative in programma. Fino a che saremo comunità, saremo forti.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Lombardia: moratoria per le derivazioni idroelettriche

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 settembre 2016

regione lombardiaMilano Consiglio regionale. Passo avanti verso lo stop allo sfruttamento dei nostri corsi d’acqua del consiglio regionale grazie all’approvazione all’unanimità di una mozione del M5S Lombardia che chiede la moratoria per le derivazioni idroelettriche.
La mozione, a prima firma del consigliere regionale Giampietro Maccabiani, impegna, la Giunta regionale a “valutare una moratoria di tutte le nuove concessioni di piccole derivazioni idroelettriche su tutto il territorio lombardo, almeno fino a quando non saranno elaborati il bilancio idrologico regionale da parte di ARPA e il Programma di tutela e uso delle acque”.
Per Maccabiani: “Nei prossimi anni avremo a che fare con un importante aumento dei periodi di siccità e la Regione stessa ne è consapevole. In Lombardia la crescita esponenziale delle derivazioni idroelettriche, soprattutto le piccole e medie, sta uccidendo i fiumi con ripercussioni sull’ambiente, più inquinamento e peggioramento della qualità delle acque. Tra i casi più gravi quello del fiume Serio in provincia di Bergamo con almeno 30 derivazioni, del fiume Oglio a Brescia con 57 e, a Pavia, del fiume Avagnone con una centrale che interferisce in una zona di ripopolamento. Lo sfruttamento indiscriminato dei nostri corsi d’acqua deve essere fermato. Prima di dare il via libera a nuove concessioni di derivazioni idroelettriche è indispensabile un bilancio idrologico regionale che ci dica realmente la situazione idrica della nostra regione. Fino a quel momento lo stop alle concessioni è un’opzione non rimandabile per non impattare ulteriormente sui corsi d’acqua già iper sfruttati”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Governo: Interventi per la lotta alla povertà

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 settembre 2016

poletti-giuliano-Legacoop_11Per il 2017 il Governo punta a stanziare 1,5 miliardi di euro per gli interventi di lotta alla povertà, arrivando così a coprire tutti i nuclei familiari in difficoltà con minori. Lo afferma il ministro Poletti.
“Bene, è un passo avanti, ma insufficiente. Con quelle risorse si escludono dai benefici più della metà dei 4,6 milioni di poveri assoluti certificati dall’Istat” afferma Massimiliano Dona, Segretario dell’Unione Nazionale Consumatori.
“Se, infatti, anche tutto lo stanziamento di 1,5 miliardi fosse destinato al Sostegno per l’inclusione attiva (Sia), potrebbero essere coperti al massimo 2 milioni di poveri, il 43% dei 4 milioni e 598 mila individui che per l’Istat non riescono a conseguire uno standard di vita minimamente accettabile, non possono acquisire, cioè, quei beni e servizi che vengono considerati essenziali” conclude Dona.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Scomparsa Zarfati

Posted by fidest press agency su giovedì, 8 settembre 2016

auschwitz-ii-birkenau-4Roma. “Enrica Zarfati ha dedicato la sua vita a raccontare la storia e nonostante le atrocità vissute durante l’esperienza di /Birkenau, ha lasciato un’eredità piena di valori e di speranza. Nostro compito è quello di non rimanere indifferenti ai racconti di quanti hanno subito le atrocità del nazifascismo salvaguardando la memoria perché la storia non sparisca. Insieme alla città tutta, sono vicina alla famiglia di Enrica e all’intera Comunità ebraica”. E’ quanto dichiara in una nota Virginia Raggi, sindaca di Roma Capitale in occasione della scomparsa di Enrica Zarfati

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »