Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 229

Archive for 9 settembre 2016

Novel heart valve replacement offers hope for thousands with rheumatic heart disease

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2016

cape-townCape Town, South Africa. A novel heart valve replacement method is revealed today that offers hope for the thousands of patients with rheumatic heart disease who need the procedure each year. The research is being presented at the SA Heart Congress 2016.
The annual congress of the South African Heart Association is held in Cape Town from 8 to 11 September 2016 and is jointly organised with the annual congress of the World Society of Cardiothoracic Surgeons. Experts from the European Society of Cardiology (ESC) will present a special programme. “Over the past decade heart valve surgery has been revolutionised by transcatheter aortic valve implantation (TAVI),” said lead author Dr Jacques Scherman, a cardiac surgeon in the Chris Barnard Division of Cardiothoracic Surgery, University of Cape Town, South Africa. “Heart valves are replaced or repaired via a catheter, obviating the need for open heart surgery or a heart-lung machine.”He continued: “TAVI is only indicated in patients with calcific degenerative aortic valve disease, which is the most prevalent aortic valve pathology in developed countries. In developing countries, rheumatic heart disease still accounts for the majority of patients in need of a heart valve intervention.”Rheumatic heart disease is caused by rheumatic fever, which results from a streptococcal infection. Patients develop fibrosis of the heart valves, leading to valvular heart disease, heart failure and death. In Africa alone there are around 15 million patients living with rheumatic heart disease of whom 100 000 per year might need a heart valve intervention at some stage of their life. The vast majority of these patients have no access to cardiac surgery or sophisticated cardiac imaging.Dr Scherman said: “Inspired by the success of TAVI for calcific aortic valve disease, we developed a simplified TAVI device for transcatheter aortic valve replacement in patients with rheumatic heart disease.”Currently available balloon expandable TAVI devices require the use of sophisticated cardiovascular imaging to correctly position the new valve. They also use a temporary pacemaker which allows the heart to beat so quickly that it stops blood circulating to the rest of the body (called rapid ventricular pacing).Dr Scherman said: “Rapid ventricular pacing can only be tolerated for a short period and therefore limits the time available to do the implantation.”The team in South Africa developed a novel TAVI device which is “non-occlusive”, meaning that there is no need to stop blood circulating to the body with rapid ventricular pacing. The device is also “self-locating” and does not require sophisticated cardiac imaging for positioning.The proof of concept study presented today tested the device in a sheep model. The investigators found that the device was easy to use and positioned the valve correctly, and the procedure could be performed without rapid ventricular pacing.Dr Scherman said: “We showed that this new non-occlusive, self-locating TAVI delivery system made it easy to perform transcatheter aortic valve replacement. Using tactile feedback the device is stabilised in the correct position within the aortic root during the implantation. It also has a temporary backflow valve to prevent blood leaking backwards into the ventricle during the implantation of the new valve. All these factors together allowed for a slow, controlled implantation compared to the currently available balloon expandable devices.”
He added: “This simplified approach to transcatheter aortic valve replacement could be done in hospitals without cardiac surgery at a fraction of the cost of conventional TAVI. It has the potential to save the lives of the large numbers of rheumatic heart disease patients in need of valve replacement.”Professor Karen Sliwa, president of the South African Heart Association, said: “I am truly excited that we have not only an internationally strong group working on epidemiology and prevention of rheumatic heart disease at the University of Cape Town, but also a dedicated and successful surgical group, led by Prof. Peter Zilla at the Chris Barnard Department. Although prevention is the final goal, millions will need surgery as life-saving measure for decades to come. Knowing from my own Pan-African collaborations how inadequate the provision of cardiac surgery is on the African continent this fascinating solution promises surgical help for all these young patients with rheumatic heart disease on a continent that has a fair density of general hospitals but hardly offers any open heart surgery.”Professor Fausto Pinto, ESC president and course director of the ESC programme in South Africa, said: “The development of innovative therapeutic strategies is extremely important to allow a larger number of patients to be treated.”

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Martina Caironi portabandiera dell’Italia ai Giochi Paralimpici di Rio 2016

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2016

martina-caironiLa portabandiera dell’Italia ai Giochi Paralimpici Rio 2016 Martina Caironi, campionessa paralimpica (oro ai Giochi Olimpici Londra 2012 sui 100 metri piani) e mondiale (oro ai Campionati del Mondo di atletica Lione 2013 dei 100m e del salto in lungo), premiata con la “FICTS Guirlande d’Honneur” a “Sport Movies & Tv 2013”, portabandiera dell’Italia ai Giochi Paralimpici Rio 2016 (in corso di svolgimento), sarà protagonista a “SPORT MOVIES & TV 2016 – 34th Milano International FICTS Fest” (www.sportmoviestv.com) Finale dei 18 Festival (nei 5 Continenti) del “World FICTS Challenge” Campionato Mondiale della Televisione, del Cinema, della Cultura e della Comunicazione sportiva in programma a Milano (Italia), dal 16 al 21 Novembre. L’evento – all’insegna dello slogan “FICTS Is Culture through sport” – è organizzato dalla FICTS – Federation Internationale Cinema Television Sportifs a cui aderiscono 114 Nazioni (presieduta dal Prof. Franco Ascani, “IOC Member of Commission for Culture and Olympic Heritage”) riconosciuta dal CIO (Comitato Internazionale Olimpico) per il quale promuove i valori dello sport attraverso le immagini.“L’Aria sul Viso”, il documentario sulla vita dell’atleta e i mesi di preparazione ai Giochi Paralimpici – diretto da Simone Saponieri e prodotto dalla “Oki Doki Film” (Italia) – sarà presentato in anteprima a “Sport Movies & Tv 2016”. Il film racconta la preparazione atletica ed emotiva di Martina, attraverso diversi punti di vista: la vita sportiva scandita da allenamenti, competizioni, test; la sfera pubblica costellata di incontri, interviste e apparizioni televisive; la dimensione privata vissuta attraverso il rapporto quotidiano con le persone che le sono più vicine.Il documentario, alla presenza della campionessa Martina Caironi, sarà presentato Domenica 20 Novembre (ore 20.30) presso il seicentesco Palazzo Giureconsulti, nel cuore della città di Milano (Piazza Mercanti 2 – angolo Piazza Duomo) sarà il “Core business” di “Sport Movies & Tv 2016”. L’evento (ingresso ad Inviti con Accredito http://www.sportmoviestv.com/accredito-sport-movies-tv-2016/) articolato in 145 Proiezioni selezionate tra 73 Nazioni (tra cui 30 Anteprime mondiali ed europee in 5 Sale di proiezione contemporaneamente), 4 Mostre, 8 Meeting, 2 Workshop, 2 Conferenze Stampa, 7 Eventi Collaterali di sport e cultura distribuiti in diverse sedi della città in collaborazione con organizzazioni culturali, accademiche e sportive, 23 Premiazioni di ospiti internazionali con la collaborazione di BMW Milano e di Sergio Bonelli Editore fondatore della omonima casa editrice leader del mercato del fumetto in occasione dei 30 anni di “Dylan Dog”.“Sport Movies & Tv 2016”, dedicato a Bud Spencer e a Pietro Mennea, diventerà un luogo di incontro privilegiato per 5000/6000 operatori ed esperti del settore provenienti da tutto il mondo tra autori, media, Network mondiali (tra cui i rappresentanti dei 1.172 canali televisivi sportivi dei 5 Continenti), case di produzione, major, produttori, radio, registi, Comitati Olimpici e Federazioni sportive, agenzie pubblicitarie e di comunicazione che illustreranno l’universo della televisione e del cinema sportivo attraverso documentari, spot, reportage, fiction, cartoon, etc. in una delle 7 le Sezioni competitive.
La “Cerimonia d’Apertura” avrà luogo Mercoledì 16 Novembre (ore 18) avrà luogo al Palazzo Giureconsulti (Piazza Mercanti, 2 – Milano) e sarà preceduta dall’inaugurazione della Mostra intitolata “Arte e Movimento” delle opere dell’artista greca di arti visive di fama internazionale Mina Papatheodorou-Valyraki, “IOC Sport Artist of the Year 2014” autrice di alcuni manifesti e dei francobolli dei “Giochi Olimpici Atene 2004”. La “Cerimonia di Premiazione” è in programma Lunedì 21 Novembre (ore 18) a Palazzo Lombardia (Piazza Città di Lombardia 1 – Via Melchiorre Gioia 37) in occasione della “Giornata Mondiale della Televisione”. “Sport Movies & Tv 2016”, a cui è garantita un’ampia partecipazione internazionale (giornalisti, operatori ed esperti del settore, campioni sportivi), costituisce una considerevole “vetrina mondiale” per le produzioni provenienti dai 5 Continenti che concorreranno per l’assegnazione dell’“Oscar del Cinema e della Tv sportiva” ovvero la “Guirlande d’Honneur”, oltre alle “Mention d’Honneur” e ai “Premi Speciali” che saranno assegnati per ogni Sezione da una Giuria Internazionale (Presidente On. Dott. Carlo Bozzali) composta da esponenti del cinema, della televisione, dei media, dello sport e della cultura dei Paesi che non partecipano al Festival.(foto: Martina Caironi)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Storie in figurina di miti, campioni e bidoni dello sport

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2016

figurinefigurine1Modena 16 settembre al Mata di Modena, nell’ambito del festival filosofia dedicato all’agonismo si inaugura la mostra “I migliori album della nostra vita. Storie in figurina di miti, campioni e bidoni dello sport” Sport e figurine costituiscono un binomio inscindibile. E se le generazioni più grandi si ricordano la rarissima figurina di Pizzaballa, non tutti sanno come le figurine siano state un mezzo di comunicazione efficacissimo anche dal punto politico, come durante il Nazismo con l’album di figurine fotografiche “Olympia 1936”; e che accanto alle immagini di fenomeni figurine2indiscutibili, le figurine hanno democraticamente fatto spazio anche a clamorose delusioni del panorama sportivo, i cosiddetti bidoni, anch’essi consacrati in mostra. Accanto alle gesta memorabili nelle sfide olimpiche (la “sconfitta vincente” di Dorando Pietri, la perfezione di Alberto Braglia, la velocità di Nurmi, Zatopek, Mennea e Bolt, la rivoluzione di Fosbury, il 10 di Nadia Comăneci) e del calcio mondiale (da Meazza a Piola, da Yashin a Zoff, da Pelé a Maradona), non mancherà uno sguardo ad aspetti sociali e politici (le vicende di Jesse Owens, Monaco ‘72, la protesta di Tommie Smith); ai “duelli” che hanno fatto la storia (Coppi e Bartali, Mazzola e Rivera, Prost e Senna, Agassi e Sampras); alle imprese anche cinematografiche di Johnny Weissmuller, che deposto il costume da piscina indossa quello di Tarzan, o del giovane nuotatore Carlo Pedersoli prima di diventare Bud Spencer. La mostra, a cura del giornalista Leo Turrini, è realizzata dal Museo della Figurina del Comune di Modena col sostegno di Fondazione Cassa di risparmio di Modena e Gruppo Hera. Partner Regione Emilia-Romagna, Apt e Città d’arte dell’Emilia-Romagna. (foto: figurine)

Posted in Cronaca/News, recensione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Robert de Balkany: The Cote D’Azur and Rome

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2016

robert-de-balkanyLondon – Highlights from ‘Robert de Balkany: A Château on the Côte d’Azur and A Palazzo in Rome’ will go view at Christie’s Paris until 14 September 2016, ahead of two auctions that will take place at Christie’s London, King Street, on 21-23 March 2017. Comprising over 700 works of art from two of the houses of the celebrated businessman, Chateau Balsan in Eze and Palazzo Lancellotti in Rome, the sales will be a testament to Robert de Balkany’s discerning eye and vision as a collector and connoisseur.
Pedro Girao, Chairman of European Advisory Board, Christie’s: ‘Having been a close friend of Robert and his family for a number of years, it is a great honour to be entrusted by the family with these magnificent sales of the contents of two of his beautiful houses. Christie’s has long-admired the collecting vision of Robert de Balkany. His homes effortlessly combine refinement and luxury and we are pleased to offer this collection, which gives all those who were inspired by his life the opportunity to see how he lived with art.’ Highlights include the magnificent Duke of York silver-gilt centrepiece by Edward Farrell, depicting Hercules slaying the Hydra; a pair of monumental terrestrial and celestial globes formerly in the collection of Carlos de Beistegui; six paintings depicting scenes from the life of Alexander the Great, by Gaspare Diziani; and an important Louis XIV mantel clock with figures of Le Jour et La Nuit after Michelangelo, attributed to André-Charles Boulle.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Monetary policy, good or evil?

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2016

Banca europea per gli investimentiWorst-case scenarios have been averted in recent months – yet again, we would be tempted to say. The oil price has not fallen to $ 20, China is still standing, the dollar has stabilised and Brexit is no longer causing many jitters. Instead of these much feared catastrophes, global manufacturing activity is shuddering back to life, downward pressures on inflation are diminishing, the US has the most powerful job machine in the world and the Eurozone has survived all sorts of torture instruments (bank stress tests, terrorism and rampant euroscepticism)… Are there still reasons to be worried?
· The global economy was not far from capsizing at the end of 2015 when its annualised growth rate fell to around 2.5% and dark clouds hovered on the horizon: a meltdown in the oil market, a soft patch in China and overhasty monetary policy tightening in the US by the Fed. Six months later, growth has risen back towards 3% and the sky is much clearer. The stabilisation of the oil market has had the major consequence of easing pressure on activity and prices in the manufacturing sector, especially in China. This has removed one of the factors that could trigger a recession or deflation. Another has been eliminated by the stabilisation of the dollar, whose sharp appreciation in 2014-2015 had two harmful consequences: it eroded the earnings of US companies and tightened monetary conditions in countries with dollar-denominated debt. In contrast, we expect a slightly weaker dollar to spur the recovery in capital expenditure in the US and to boost activity in emerging countries.
· The US economy is within touching distance of the Fed’s targets: an unemployment rate of 5% and an inflation rate of 2%. In truth, these targets have been in sight for some time already, but the Fed Chair Janet Yellen chose not to acknowledge this until very recently. After a first rate hike in December 2015, another is expected to follow before the end of the year. However, with a monetary policy that has only just exited the liquidity trap, the Fed has an asymmetric view of inflation risk. It will not be truly comfortable with monetary normalisation until inflation has exceeded its target, which will not be the case for another few months. We forecast only two interest-rate increases in 2017.
· The Eurozone economy is not at the same stage of the business cycle as the US. At the current pace of job creations, full employment is still several years away, as has a return of inflation to the ECB’s target. It is noteworthy that the bank lending recovery continues to gain traction. The ECB is maintaining an accommodative bias (extension of QE), probably because of concerns about a possible “taper tantrum”. A deflation scenario is no longer a tangible threat..
· Brexit is a structural shock, not a cyclical one. It is a political shock, not a financial one. It is a localised shock, not a global one. Although the immediate effects are close to nil two months after the event (aside from the steep depreciation of sterling), there is no reason for Brexit to be painless. The policy mix was loosened immediately to mitigate the expected weakening of UK growth. Over the coming year, the repercussions of Brexit will be negative but modest on the European continent and close to nil elsewhere. (Chief Economist del Gruppo Oddo, Bruno Cavalier)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Referendum: Renzi “indecente?”

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2016

costituzione1“Non c’è limite all’indecenza di Renzi, il nostro (si fa per dire) presidente del Consiglio. Gioca con la data del referendum, la colloca prima o dopo la sua Leopolda, cioè la usa semplicemente a fini propagandistici per prendere tempo, per giocarla sul fronte della legge di stabilità, dell’Europa, per la sua propaganda interna”. Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, parlando con i giornalisti in sala a Montecitorio.
“Matteo Renzi è semplicemente indecente, non ha in nessuna maniera il senso dello Stato, questo referendum è un appuntamento importante per la vita democratica del nostro Paese. Lui ci gioca. Non è accettabile. Prima aveva detto ottobre, poi novembre, adesso pare dicembre. Ho ricordato che l’ultimo giorno utile potrebbe essere addirittura il 25 dicembre, il giorno di Natale”.
“Poco male, tanto vinceranno i ‘no’. Poco male, tanto lui gioca, più aumentano i ‘no’. Forza Renzi, continua a giocare, a fare propaganda, a comprarti il consenso con i soldi che non hai. Continua a fare questo e i ‘no’ ti sommergeranno, ti asfalteranno”, ha concluso Brunetta.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Caro investimento, quanto mi costi?

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2016

borsa milanoA cura di Marco Jean Aboav, Macro Portfolio Manager in MoneyFarm. Siamo rientrati dalle vacanze, i ragazzi tornano a scuola e anche noi torniamo alla routine quotidiana pensando ai prossimi mesi. In un certo senso facciamo lo stesso con le nostre finanze e per questo, nel mese di settembre, è piuttosto comune assistere a una crescita dell’interesse per il mondo del risparmio e le sue soluzioni.D’altronde ci lasciamo alle spalle un’estate ricca di eventi importanti: prima la Brexit con la volatilità schizzata alle stelle nei giorni immediatamente successivi al referendum, poi la Bank of England che si è aggiunta al club delle banche centrali con una politica monetaria accomodante e infine gli asset rischiosi che hanno portato rendimenti interessanti con bassa volatilità.
In molti ora si chiedono quindi cosa fare con i propri risparmi considerando che i tassi di interesse a livello globale sono anche più bassi se confrontati a quelli di 6 mesi fa, e che molte asset class sono difficili da valutare, a causa della presenza di una politica monetaria espansiva che ne modifica i fondamentali. Gli investitori saggi riconoscono la fragilità dell’attuale quadro macro e intervengono sull’unica cosa che possono controllare: minimizzare i costi per ottenere risultati migliori nel lungo termine. Così come in una grande azienda si possono ottenere profitti più alti tagliando semplicemente i costi anziché battere i competitor sul terreno del fatturato, altrettanto possono fare gli investitori, soprattutto in un periodo di incertezza come quello che stiamo vivendo.Dati alla mano: come cresce il rendimento se si riduce il peso delle commissioni.Nel mondo dell’azionario, negli ultimi 3 anni, il rendimento annuale in dollari di un indice ben diversificato come l’MSCI World è stato dell’8%.Ipotizziamo un rendimento annuale come quello degli ultimi 3 anni (previsione parecchio ottimistica per alcuni investitori) e carichiamoci un 2% di commissioni annue in un orizzonte temporale di 5 (che in alcuni Paesi europei è ancora la norma per gli investitori). In questo modo dovremmo ottenere un rendimento del 34%. In apparenza un buon risultato. Ma cosa succede se si abbassano le commissioni dell’1%? In questo caso il rendimento sale al 40.4%, quindi molto di più di quanto ci si possa aspettare per effetto della capitalizzazione composta, la regola d’oro degli investimenti!Se facessimo lo stesso esercizio con un orizzonte temporale di 15 anni, otterremmo un rendimento del 144.6% con una commissione pari al 2%, e un rendimento del 177% con commissioni più basse, all’1%.
Ecco perché diciamo che riducendo il peso delle commissioni il quadro cambia considerevolmente.
Forse l’ipotesi di rendimento si discosterà un poco dalla previsione, forse un consulente finanziario o un servizio di gestione dei risparmi non chiederà una commissione del 2%, ma l’unica certezza è che il risultato dell’abbassamento dei costi dell’investimento in un’ottica di lungo periodo è impressionante.Con i tassi attuali sempre più bassi, sembra quindi irresponsabile pagare commissioni annuali del 2-3%, consderando che i rendimenti degli asset più rischiosi si aggireranno realisticamente intorno al 3-5% all’anno, ancora per molti anni.L’adozione in massa di soluzioni di investimento a basso costo, sembra essere la strada migliore, l’unico punto fermo in uno scenario incerto e in continuo cambiamento.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Governo: guardi i più deboli

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2016

poverta_mani-400x300Le priorità del governo dovrebbero essere quelle di occuparsi della categorie maggiormente bisognose, e quindi, nel caso del Bel Paese, dei giovani, dei pensionati, degli agricoltori e dei lavoratori. La realtà però – dichiara in una nota il presidente nazionale Confeuro, Rocco Tiso – è ben diversa. I mezzi di comunicazione – conclude Tiso – sono infatti privi di dibattiti su idee a confronto con le quali risolvere le problematiche di queste persone. Ma sono pieni di polemiche sulle nomine al comune di Roma; delle ultime dichiarazioni senza concretezza della presidenza della Repubblica. Come Confeuro – conclude Tiso – sentiamo la necessità di chiedere al governo una nuova agenda programmatica. Non è più possibile indugiare sull’immobilismo dell’esecutivo e soprassedere sui suoi continui favoritismi. E’ giunta l’ora di alcuni cambiamenti radicali.

Posted in Politica/Politics, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

30° spirito di Assisi

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2016

assisiAssisi (Pg) dal 18 al 20 settembre. “Ci si appresta a vivere questo momento spirituale – ha dichiarato padre Enzo Fortunato, direttore della sala stampa del Sacro Convento di Assisi – insieme a tutti gli uomini di buona volontà”. Un evento che si svolge a trent’anni dalla storica giornata di preghiera delle religioni mondiali per la pace, convocata profeticamente da san Giovanni Paolo II ad Assisi nel 1986. “Fin da ora – spiega padre Enzo Fortunato – ringraziamo CTV, RAI1 e TV2000 che garantiranno la diffusione in diretta dei momenti più importanti che si terranno ad Assisi. Un grazie anche alle tv italiane e straniere che con collegamenti dalla città di san Francesco permetteranno, in quei giorni, di far conoscere questo importante momento di preghiera per la pace”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Premio Fogazzaro

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2016

premio-fogazzaro

OLYMPUS DIGITAL CAMERA

Como sabato 10 settembre alle 16.00 a Como, nello splendore di Villa Gallia, la premiazione dei concorsi letterari della nona edizione del Premio Antonio Fogazzaro, l’atteso appuntamento letterario nato per diffondere la figura e l’opera di Antonio Fogazzaro e la conoscenza del territorio della Valsolda, terra natale della madre dello scrittore, sollecitando la passione e il talento per la scrittura creativa.
Durante la giornata verranno premiati i vincitori dei concorsi “Racconti inediti”, “Poesia edita” e “Microletteratura e Social Network”. Conduce Rossella Pretto.
“Anche questa nona edizione del Premio ha registrato una partecipazione notevole, sia quantitativamente che qualitativamente – commenta soddisfatto Alberto Buscaglia, ideatore e curatore del Premio Antonio Fogazzaro –. In finale arrivano racconti che testimoniano quanto sia viva la vena narrativa e l’attenzione allo stile. Anche tra i finalisti del concorso di microletteratura e social network, complice il tema epistolare proposto “Caro amico ti scrivo…”, si è riscoperto il piacere di raccontare delle storie piuttosto che il monologo autoreferenziale con se stessi, attività che purtroppo già si pratica con maniacale impegno sui social. Per quanto riguarda il concorso di poesia edita, in tendenza con il nostro bando che sbarra la partecipazione al cinquantesimo anno d’età, in questa edizione hanno sorpreso proprio i poeti più giovani, per maturità di temi, di stile e di lingua, italiana ma anche in dialetto, con esiti sorprendenti”. (foto: premio fogazzaro)

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Paramilitari ai volontari italiani: «Siamo venuti per restare»

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2016

colombiaColombia. Il 6 settembre volontari italiani di Operazione Colomba, Corpo Nonviolento di Pace della Comunità Papa Giovanni XXIII, si sono recati nel villaggio di Arenas Altas (regione di Antioquia) in Colombia a seguito dell’allarme lanciato dagli abitanti dell’area per la presenza di un folto gruppo di paramilitari.
Volontari internazionali, tra i quali membri di Operazione Colomba, come richiesto hanno accompagnato sul luogo una commissione della Comunità di Pace di San Josè di Apartadò, per monitorare la situazione, raccogliere le testimonianze della popolazione civile e chiedere al gruppo armato di allontanarsi dai terreni di proprietà della Comunità.
Durante l’accompagnamento e il monitoraggio dell’area, hanno incontrato un gruppo di 10 paramilitari. Alla richiesta di andarsene e allontanarsi dal villaggio per non esporre la popolazione civile al rischio di scontri armati, i paramilitari, che sulle divise portavano il logo “AGC” (Autodefensas Gaetanista de Colombia), hanno risposto: «Non vogliamo fare del male alla gente, ma la gente si deve abituare alla nostra presenza perché noi siamo venuti per prendere il controllo del territorio che lasceranno le FARC. Siamo disposti a combattere con altri gruppi armati per il territorio».
«Destano enormi preoccupazioni queste dichiarazioni da parte dei gruppi paramilitari incontrati dai nostri volontari, soprattutto alla luce della recente conclusione dei negoziati sugli Accordi di Pace, terminati lo scorso 24 agosto all’Avana», commenta Antonio Da Filippis, responsabile di Operazione Colomba, che continua: «Purtroppo già da tempo, proprio in relazione agli Accordi di Pace, stiamo assistendo sul campo a un grande movimento di gruppi armati interessati a contendersi il controllo del territorio e degli spazi che verranno “lasciati liberi dalle FARC” come dicono loro. Questo significa che la popolazione civile si troverà nuovamente in mezzo a violenze, intimidazioni e scontri armati se non ci sarà un impegno immediato da parte delle autorità competenti per evitarlo».
Già la mattina del 5 settembre, come denunciato in un comunicato della Comunità di Pace, due gruppi di paramilitari con armi lunghe sono entrati nel villaggio di Arenas Altas, mentre i bambini erano a scuola. La loro presenza ha terrorizzato i bambini e spaventato le famiglie che hanno dato subito l’allarme. Il gruppo armato prima di allontanarsi ha comunicato agli abitanti del villaggio: «Vi dovete abituare alla nostra presenza perché siamo venuti per restare». Gli uomini armati sono poi usciti dal villaggio per unirsi, presumibilmente, al resto del gruppo, circa 150 uomini, accampati sul monte di fronte al villaggio.
Operazione Colomba, Corpo Nonviolento di Pace della Comunità Papa Giovanni XXIII, è presente in quell’area della Colombia, con un progetto di accompagnamento dei civili della Comunità di Pace di San José de Apartadò, dal 2009.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Coinvolgere gli atenei delle regioni colpite dal sisma

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2016

camerino ambientamentoCamerino. In linea con quanto dichiarato dal Presidente dell’Assemblea Legislativa delle Marche Antonio Mastrovincenzo nell’ambito del comitato di coordinamento post-terremoto sostenendo la necessità di ”coinvolgere gli atenei delle regioni colpite dal sisma per una loro collaborazione specifica di qualità”, l’Università di Camerino ha fin da subito messo a disposizione le competenze e le professionalità dei propri docenti e ricercatori.I geologi del Corso di laurea in Geologia, coordinati dal prof. Emanuele Tondi, si sono recati in area epicentrale per i rilievi geologici, per registrare tutti quei dati che sono necessari per comprendere al meglio le dinamiche di quanto accaduto e per effettuare il monitoraggio dello sciame sismico. Stanno inoltre collaborando con l’amministrazione comunale di Accumoli per individuare le aree più idonee in cui poter posizionare i moduli abitativi e poter collocare il materiale crollato.I docenti della scuola di Architettura e Design sono impegnati nella valutazione della stabilità degli edifici nelle varie regioni colpite dal sisma, mentre i veterinari dell’Ospedale Veterinario Universitario Didattico hanno attivato un presidio a Pescara del Tronto.Altre iniziative sono inoltre in programma nei prossimi giorni quali incontri didattico-scientifici a carattere divulgativo rivolti agli alunni delle scuole primarie e secondarie dei Comuni colpiti, tra cui l’organizzazione dell’evento “La Notte dei ricercatori” in programma in tutta Europa il prossimo il 30 settembre; Unicam sostiene poi attivamente l’associazione Save the Children laddove presente.“Ho poi voluto fortemente promuovere tra le Università delle Regioni Abruzzo, Lazio, Marche e Umbria – ha dichiarato il Rettore Unicam, Prof. Flavio Corradini – un tavolo di lavoro, aperto anche a tutte le Università italiane pronte a fornire un contributo, a vantaggio delle aree colpite dal recente sisma, al fine di mettere in sinergia iniziative già in corso, supportare le istituzioni preposte alla gestione dell’emergenza, alla ricostruzione ed immaginare un futuro di crescita a chi in queste ore ha perso molto, spesso tutto. Per l’Università di Camerino ho nominato referente il prof. Andrea Dall’Asta della Scuola di Architettura e Design, che avrà come primo compito proprio quello di portare all’attenzione del tavolo di lavoro quanto la nostra Università sta già facendo”.“Voglio ricordare poi – ha sottolineato il Rettore Corradini – che l’Ateneo ha stabilito l’esonero dal pagamento delle tasse universitarie per l’anno accademico 2016-2017 per gli studenti residenti nelle Regioni Lazio, Umbria, Marche e Abruzzo la cui abitazione sia stata oggetto di ordinanza di inagibilità a causa del sisma”.Unicam ribadisce dunque la propria mission che la vede al servizio del territorio mettendo a completa e totale disposizione le proprie competenze.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

UNICEF: nel mondo sono 50 milioni i bambini sradicati

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2016

unicefSecondo il nuovo Rapporto dell’UNICEF “Uprooted: the growning crisis for refugee and migrants children” (“SRADICATI: la crescente crisi dei bambini migranti e rifugiati”), lanciato oggi, in tutto il mondo sono circa 50 milioni i bambini sradicati – di questi 28 milioni sono costretti a fuggire dalle proprie case a causa di conflitti di cui non sono responsabili e altri milioni di bambini si spostano nella speranza di trovare un futuro migliore ed una vita più sicura.Il rapporto mostra che:
28 milioni di bambini hanno lasciato le proprie case a causa delle violenze e dei conflitti all’interno e all’esterno dei confini dei propri paesi; questo dato include: 10 milioni di bambini rifugiati; 1 milione di richiedenti asilo in attesa di decisione; circa 17 milioni di bambini sono sfollati all’interno dei propri paesi –bambini che hanno urgente bisogno di assistenza umanitaria e accesso ai servizi di base.
Sono sempre di più i bambini che attraversano le frontiere da soli. Nel 2015, oltre 100.000 minorenni non accompagnati hanno richiesto asilo in 78 paesi – il triplo rispetto al 2014. I bambini non accompagnati sono tra quelli più esposti a rischi di sfruttamento e abuso, compresa tratta e traffico di esseri umani.Altri 20 milioni di bambini migranti internazionali hanno lasciato le proprie case per diverse ragioni compresa la povertà estrema o violenze da parte di gang. Molti sono esposti al rischio di abuso e detenzione perché non hanno documenti, il loro status legale è incerto e non esiste un sistema di identificazione e monitoraggio del loro benessere.I bambini rappresentano una percentuale sproporzionato e crescente di tutti coloro che hanno cercato rifugio fuori dai propri paesi: i bambini rappresentano circa un terzo della popolazione globale ma circa la metà di tutti i rifugiati. Nel 2015, circa il 45% di tutti i bambini rifugiati sotto la protezione dell’UNHCR venivano dalla Siria e dall’Afghanistan.
Questi bambini spesso scappano traumatizzati dai conflitti e dalle violenze e devono affrontare ulteriori pericoli nel loro percorso, compreso il rischio di annegare durante la traversata via mare, la malnutrizione e la disidratazione, il traffico, il rapimento, la violenza sessuale e persino gli omicidi. Nei paesi di transito e di arrivo, spesso sono vittime di xenofobia e discriminazione.
Secondo il rapporto, la Turchia ospita il maggior numero di rifugiati recenti, e molto probabilmente il numero più grande al mondo di bambini rifugiati. Rispetto alla sua popolazione, il Libano ospita il più grande numero di rifugiati, con una enorme sproporzione: circa 1 persona su 5 in Libano è un rifugiato. In confronto, nel Regno Unito 1 persona su 530 è un rifugiato, mentre negli Stati Uniti il rapporto è di 1 ogni 1.200 persone. Analizzando i paesi che ospitano i rifugiati secondo i livelli di reddito, troviamo che la Repubblica Democratica del Congo, l’Etiopia e il Pakistan ospitano la più alta concentrazione di rifugiati.
I bambini che hanno lasciato le proprie case o che sono sfollati spesso perdono i potenziali benefici della migrazione, come ad esempio nell’ambito dell’istruzione – uno dei fattori più importanti per i bambini e le loro famiglie che decidono di migrare. Un bambino rifugiato ha 5 volte di più la probabilità di non andare a scuola rispetto a un bambino non rifugiato. Quando possono andarci, è proprio nelle scuole che i bambini hanno più probabilità di essere vittime di discriminazioni – con trattamenti diseguali e bullismo.Il Rapporto individua sei azioni per proteggere e aiutare i bambini rifugiati e migranti:
proteggere i bambini rifugiati e migranti, in particolar modo quelli non accompagnati, da violenze e sfruttamento;
porre fine alla detenzione di bambini che hanno chiesto asilo o che sono migranti introducendo una serie di soluzioni alternative;
tenere insieme le famiglie nel miglior modo possibile per proteggere i bambini e dare loro il riconoscimento legale;
dare a tutti i bambini rifugiati e migranti possibilità per l’apprendimento e dare loro accesso a servizi sanitari e altri servizi di qualità;
promuovere azioni sulle cause dei movimenti di massa di rifugiati e migranti;
promuovere misure per combattere xenofobia, discriminazione e emarginazione.

Posted in Diritti/Human rights, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

TAR Piemonte: i militari possono svolgere attività politica

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2016

tar-lazio(GRNET.IT) – Con la sentenza pubblicata il 5 settembre 2016, il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte (Sezione Prima), con un’articolata motivazione ha accolto il ricorso del Maresciallo Aiutante Sostituto Ufficiale di Pubblica Sicurezza dei Carabinieri Carmelo Cataldi, ora in congedo, al quale era stata vietata “l’iscrizione e l’assunzione di carica sociale in seno a partito politico” ed erano stati inflitti, per un’asserita incompatibilità con l’adempimento dei doveri di Sottufficiale, 5 giorni di consegna di rigore, peraltro con l’espressa ammonizione «che, in caso di inottemperanza, sarebbe stato avviato il procedimento per la diffida ministeriale ed eventuale successiva decadenza dal servizio». Secondo l’Arma dei Carabinieri infatti – si legge nella sentenza – «l’iscrizione e l’assunzione di carica sociale in seno a partito politico, costituisce comportamento suscettibile di assumere rilievo sotto il profilo disciplinare, ai sensi del nr. 9 dell’allegato ‘C’ al R.D.M.» (Regolamento di Disciplina Militare, di cui al d.P.R. n. 545 del 1986), trattandosi di «incarico incompatibile con l’adempimento dei Suoi doveri di sottufficiale», in proposito richiamando l’allora vigente art. 6, comma 1, della legge n. 382 del 1978, a norma del quale «Le Forze armate debbono in ogni circostanza mantenersi al di fuori delle competizioni politiche». L’amministrazione ha anche aggiunto che la carica politica ricoperta dal Maresciallo «implica necessariamente l’esercizio di funzioni attive a carattere propriamente politico, atteso che, quale Segretario Regionale, la S.V. siede – oltretutto con voto deliberativo – sia nel Consiglio Nazionale che nella Direzione Nazionale del partito, ex artt. 9 e 10 dello statuto del partito medesimo».Il Maresciallo, rappresentato e difeso dagli avvocati Giorgio Carta (ex Ufficiale dell’Arma) e Giuseppe Piscitelli, ha impugnato l’intero procedimento a suo carico sostenendo la piena legittimità dei suoi atti, compresa l’assunzione della carica di segretario regionale.Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Piemonte gli ha dato pienamente ragione, ma vediamo nel dettaglio cosa dice la sentenza.I giudici amministrativi hanno dapprima ricordato all’Amministrazione del Maresciallo che «la questione oggetto del presente giudizio è stata, da ultimo, approfondita da alcuni arresti giurisprudenziali che, per fattispecie del tutto analoghe, ed in considerazione del complessivo quadro normativo (costituzionale e legislativo) vigente, sono giunti alla condivisibile conclusione di ritenere illegittimo il divieto per i militari di iscriversi in partiti politici e di assumere nel loro ambito cariche direttive, alla luce di un’interpretazione letterale e sistematica delle norme (cfr. TAR Umbria, sent. n. 409 del 2011; TAR Veneto, sez. I, sent. n. 1480 del 2012)».Successivamente, per rendere ancora più chiara la sentenza, i magistrati amministrativi hanno sottolineato che «il legislatore non ha mai stabilito per i militari un esplicito divieto di iscrizione ai partiti politici: ciò non ha fatto, espressamente, né nella legge n. 382 del 1978 (recante “Norme di principio sulla disciplina militare”) né nel Regolamento di disciplina militare (approvato con d.P.R. n. 545 del 1986)».Il TAR Piemonte ha inoltre specificato che il legislatore non ha inteso in alcun modo modificare in senso restrittivo la materia, «nemmeno con il varo del Codice dell’Ordinamento Militare (d.lgs. n. 66 del 2010), ossia della disciplina che si propone di regolare, in modo organico, l’organizzazione, le funzioni e l’attività della Difesa e Sicurezza militare e delle Forze armate».
«Di conseguenza – conclude la sentenza -, il ricorso introduttivo deve essere accolto e deve, per l’effetto, disporsi l’annullamento dell’atto di ammonimento a recedere dalla carica politica rivestita. Parimenti, risultando fondata la censura di illegittimità derivata, e con assorbimento delle ulteriori censure, vanno accolti anche i motivi aggiunti, con conseguente annullamento della sanzione disciplinare inflitta al ricorrente (pari a giorni cinque di consegna di rigore)». (fonte: GRNET.IT)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ogury riceve 15 milioni di finanziamento da Idinvest

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2016

francesca-lerarioOgury, società specializzata in mobile data, ha ricevuto 15 milioni da Idinvest Partners, fondo d’investimento francese specializzato in piccole e medie imprese, come parte di un secondo round di investimenti. Ogury utilizzerà i fondi per accelerare l’espansione internazionale, che si concretizzerà nell’apertura degli uffici di New York entro la fine dell’anno. Il piano prevede poi investimenti in tecnologia, ricerca e sviluppo e il recruiting di nuovo personale. Anche gli attuali investitori Ventech, Covent Partner e ACG hanno partecipato al nuovo round di investimenti, portando il finanziamento totale di Ogury fino ad oggi a più di 20 milioni di dollari.
Fondata nel 2014, Ogury è la società specializzata in mobile targeting con una crescita fra le più rapide in Europa. L’azienda oggi conta già più di 100 dipendenti, un bilancio in attivo, e sedi a Londra, Parigi, Milano, Roma e Madrid. La startup, che punta a diventare la piattaforma di dati mobile più grande al mondo, grazie alla sua tecnologia, è in grado di profilare con precisione ogni utente, andando ad eliminare la pubblicità irrilevante.La maggior parte delle piattaforme pubblicitarie mobile ha una visione limitata del traffico utente: queste, infatti, agiscono identificando dei campioni di pubblico, e quindi “bersagliano” e “ri-bersagliano” vasti gruppi di audience simili basandosi su comportamenti assunti. La natura imprecisa di questa metodologia e la bassa qualità dei set di dati estrapolati porta a scarsi livelli di coinvolgimento dei consumatori e quindi limita i risultati delle campagne stesse.Al contrario, Ogury è in grado di risolvere questo problema grazie a dati effettivi e profilati rigorosamente, identificando gli utenti reali invece che quelli presunti. La sua tecnologia proprietaria è in grado di offrire un quadro completo di ciò che gli utenti stanno facendo attraverso i loro dispositivi, e questo permette quindi agli inserzionisti di raggiungere i consumatori con contenuti altamente rilevanti e con livelli di precisione mai raggiunti prima. I consumatori possono scegliere in totale autonomia se dare o meno il consenso per la raccolta dati e qualora lo desiderino possono disattivare l’opzione in ogni momento.
Jean Canzoneri, CEO di Ogury di origini italiane, ha dichiarato: “La pubblicità irrilevante è un grande problema per tutta l’industria dell’advertising in quanto compromette l’esperienza di navigazione tramite app dei consumatori e allo stesso tempo determina un ROI basso per gli inserzionisti. Spesso si tende a biasimare le società ADTECH per questo, ma il problema non risiede tanto nei dati in sé, quanto nei dati che sono attualmente in mano alle piattaforme tradizionali, che sono assolutamente imprecisi.
“Noi di Ogury siamo in grado di fornire una soluzione a tutto questo, perché non ipotizziamo che gli utenti possano avere certi interessi o possano essere affini a determinati brands, ma lo sappiamo con certezza. L’unica strada per verificare realmente i dati, raggiungere gli utenti giusti e migliorare la pertinenza degli annunci è quella di conoscere esattamente ciò che gli utenti stanno facendo sui loro dispositivi mobile. Vogliamo arrivare al punto in cui i consumatori vedano gli annunci come raccomandazioni e siamo convinti che la nostra piattaforma possa portarci proprio lì”.”Grazie a questo investimento puntiamo a raggiungere 1 miliardo di utenti mobile entro 3 anni e a diventare la più grande piattaforma di dati mobile, con i dati più precisi sul mercato”.
Benoist Grossmann, Managing Partner di Idinvest Partners, ha dichiarato: “Siamo fieri di guidare il round di investimento di Ogury e di poter sostenere un team così affiatato. Fin dal nostro primo investimento in Criteo nel 2006, abbiamo visto molte aziende emergere nel settore della pubblicità. Ogury è quella che senza dubbio spicca maggiormente. Questa startup sta conquistando clienti ad un ritmo senza precedenti e siamo sicuri che questo sia solo l’inizio”.Essendo integrata in oltre 10.000 applicazioni, la sua esclusiva tecnologia di raccolta dati ad alta precisione permette di conoscere l’uso reale dell’intero dispositivo mobile di oltre 250 milioni di utenti nel mondo. Grazie a questa tecnologia, Ogury offre agli inserzionisti il mobile targeting più efficace e preciso possibile e, allo stesso tempo, aiuta editori e sviluppatori a profilare i propri utenti e a raggiungere il più alto CPM.
Ogury ha all’attivo oltre 5.000 campagne in 80 Paesi e vanta la collaborazione con più di 200 premium brands.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Teatri di vetro: 10° edizione festival delle arti sceniche contemporanee

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2016

teatri-di-vetroRoma e Regione Lazio, dal 14 settembre al 22 ottobre 2016 Teatri di Vetro, festival delle arti sceniche contemporanee, direzione artistica di Roberta Nicolai, promosso dall’associazione triangolo scaleno teatro, realizzato con il sostegno del Ministero dei Beni, delle Attività Culturali e del Turismo, con il contributo di Roma Capitale in collaborazione con la SIAE e numerosi partner, è un festival che negli anni è diventato un punto di riferimento nel panorama teatrale nazionale, un luogo stabile di confronto e di sperimentazione sui linguaggi del contemporaneo.
La decima edizione di Teatri di Vetro, prende il via il 14 settembre per protrarsi fino al 9 ottobre a Roma negli spazi del Teatro Vascello, M.A.C.R.O., Fondazione Volume!, Carrozzerie n.o.t, Centrale Preneste, nelle librerie Giufà, Koob e Tuba per poi proseguire fino al 22 ottobre in vari centri culturali della regione Lazio (Civita Castellana, Calcata, Bolsena, Trevignano Romano e Tuscania). Titolo di questa edizione è Difetto di massa: definizione scientifica che indica come in un sistema non chiuso, la massa totale sia inferiore rispetto alla somma delle masse dei componenti; la massa persa è equivalente all’energia scambiata con il resto dell’universo.Festeggiamo così il difetto di massa, il rilascio, la diminuzione, la fragilità. Con l’augurio che questa perdita si rinnovi sera dopo sera, a riprova che qualcosa ancora succede, che uno scambio con il resto dell’universo può ancora accadere.
I 45 spettacoli, con quattordici debutti nazionali, che compongono la decima edizione, attivano dispositivi scenici tra teatro e performance; oltrepassano i confini disciplinari, dialogano con il fumetto, la letteratura, utilizzano fonti letterarie e visive traducendole in opere originali che si muovono tra l’artigianalità tradizionale della scena e le recenti tecnologie. Includono le forme del contesto artistico, ripensano il medium, riflettono sul presente, sugli spazi e i modi della convivenza, sulla corporeità individuale e le condizioni che la assottigliano, sulle deformità di una realtà sempre meno comprensibile. La ricerca interdisciplinare fra altre arti e lavoro attoriale sono alla base di diversi spettacoli.
Giovedì 15 settembre (Teatro Vascello, ore 21.00) sarà in scena Emily.No! di Milena Costanzo, spettacolo che si muove tra ispirazioni da Bergman e meccanismi comici per cercare una tensione poetica che appartiene all’inesprimibile: le sensazioni dell’infanzia, il sentimento della passione platonica, la mancanza e tutto quello che fa parte dell’invisibile.
In Film – Macchina della vista e dell’udito di Opera (da mercoledì 21 a sabato 24 settembre, Fondazione Volume!, ore 18,30 e 20,30), site specific per Fondazione Volume! la ridefinizione della percezione scenica da parte dello spettatore è supportata da un impianto tecnologico sperimentale che avvolge un olio su tela lungo 30 metri coniugando artigianalità artistica e robotica. Tra allegoria, umorismo e lingua poetica si muove la drammaturgia originale di Piccola compagnia Dammacco, presente al festival con due lavori: L’inferno e la fanciulla, spettacolo selezionato per il bando IN-BOX 2016 (venerdì 16 settembre, Carrozzerie N.O.T, ore 22,30) e Esilio (giovedì 29 settembre, Centrale Preneste, ore 21.00). L’interdisciplinarietà de Leviedelfool, in Antipodi #HERETICO puntata zero prima di uno spettacolo (sabato 1 ottobre, Centrale Preneste, ore 21.00), in prima nazionale, testimonia l’esigenza di far dialogare la ricerca personale con altri artisti e altre discipline creando un impianto scenico predisposto ad accogliere universi teatrali apparentemente distanti. Giovedì 6 ottobre (Centrale Preneste, ore 21.00) Fanny&Alexander presenta in prima nazionale To be or not to be Roger Bernat, primo studio per un progetto più grande dedicato ad Amleto, una riflessione sulla presenza e sull’essenza dell’attore, sulla sua ombra e la sua luce, sull’attività e la passività, dando vita, al tempo stesso, ad un divertissement sull’arte e ad un paradossale omaggio agli artisti di tutti i tempi.
teatri-di-vetro1È una fonte letteraria ad ispirare il nuovo lavoro della compagnia Sotterraneo che parte da Il giro del mondo in 80 giorni (sabato 17 settembre, Centrale Preneste, ore 21.00) per approdare ad analizzare i meccanismi televisivi del quiz interattivo, trasformando il romanzo in un ipertesto denso di scarti improvvisi e collegamenti tra l’800 e la nostra contemporaneità. Sabato 24 settembre, (Carrozzerie N.O.T, ore 21), Morte di Zarathustra ispirato a Nietzsche e le sue scoperte sul coro ditirambico sono all’origine del lavoro di Teatro Akropolis, ispirato alla straordinaria esperienza che è all’origine della tragedia classica e di cui si hanno pochissime tracce. Il fumetto Scarabocchi di Maicol&Mirco nella trasposizione teatrale di Teatro Rebis non intende solo riportare in scena gli sketch, ma entrare nei silenzi che dividono i personaggi, nell’intimità innocente che evocano, nell’azzeramento del discorso che con ferocia denunciano (presentazione del libro “Il papà di Dio” martedì 4 ottobre, Libreria Giufà, ore 19.30; spettacolo mercoledì 5 ottobre, Centrale Preneste, ore 22,30).
Le dipendenze dall’alcol, dai social, dai media, sono campo d’indagine per le formazioni under 35, MF con Beviamoci Su_NO Game (domenica 25 settembre, Carrozzerie N.O.T, ore 20.00) e Frigoproduzioni con Socialmente (mercoledì 5 ottobre, Centrale Preneste, ore 21.00), ritratti di una generazione che vive di riferimenti ossessivi in assenza di contatto con la realtà. Per il network NdN Network drammaturgia Nuova, ospitiamo la lettura del testo vincitore Camminatori della patente ubriaca di Nicolò Sordo affidata alla Scuola Elementare del Teatro / Conservatorio Popolare per le Arti della Scena diretto da Davide Iodice (giovedì 15 settembre, Carrozzerie N.O.T., ore 22.30).
Per quanto riguarda la danza è affidata alla storica compagnia Abbondanza/Bertoni l’apertura del festival (mercoledì 14 settembre, Teatro Vascello, ore 21.00) con il debutto nazionale dello spettacolo Gli orbi, (da I sette peccati capitali di Bosch) “orbi perché non ci vediamo più, perché mancanti, assenti, privi dell’energico spirito vitale, personaggi che hanno sulle spalle l’infame carico dell’umanoide contemporaneo”, un evento speciale in collaborazione con ATCL, per festeggiare il decennale di Teatri di Vetro e il ventennale della compagnia.
teatri-di-vetro2La ricerca che esplora l’apertura tra realtà e finzione, sfumando e ridefinendo i confini tra la vita e lo spettacolo e osservando il costante cambiamento e la continua espansione della percezione umana, giocando con stati improvvisati, azioni e situazioni, miti inventati che diventano un terreno di gioco per l’interazione è il nucleo dello spettacolo di Fattoria Vittadini in Unraveled Heroes (venerdì 16 settembre, Teatro Vascello, ore 21.00). L’identità individuale, la sospensione dell’individuo tra la realtà e la finzione e la riaffermazione della potenza creatrice dell’uomo, affondata nelle radici del mito, è al cuore della ricerca coreografica di Simona Bertozzi che presenta la tappa Il dono del Progetto Prometeo (sabato 8 ottobre, Teatro Vascello, ore 21.00) e di gruppo nanou, che riallestisce in formato da palco la lunga ricerca sull’assenza di identità con Senza titolo per uno sconosciuto in prima nazionale (domenica 9 ottobre, Teatro Vascello, ore 21.00). Tre lavori che, dando nuova centralità al corpo in scena, costruiscono mondi in cui il movimento e la scrittura coreografica camminano insieme al pensiero che li muove.
Sempre il corpo, devastato dalla vita e da una società dai valori appannati e inconsistenti, è al centro della ricerca del pluripremiato coreografo Enzo Cosimi che prosegue la sua indagine sulla bellezza con Corpus hominis coinvolgendo questa volta omosessuali anziani (venerdì 30 settembre e sabato 1 ottobre, Carrozzerie N.O.T, ore 21.00). In Prove di abbandono, la coreografa Paola Bianchi apre un dialogo a tre voci, tre linguaggi diversi, letteratura, danza e musica che si compenetrano e sostengono vicendevolmente. Un progetto che abita luoghi, non attraversa spazi, che siano essi case private, librerie e borghi storici (giovedì 29 settembre, Libreria Tuba, ore 21.00; venerdì 30 settembre, Libreria Giufà, ore 19.00, sabato 1 ottobre, Libreria Koob, ore 19.00; venerdì 14 ottobre, Biblioteca Comunale di Civita Castellana, ore 18.30; sabato 15, Casa d’Artista, Calcata, ore 18.30; domenica 16, Spazio A, Trevignano Romano, ore 18.30; venerdì 21, Studio del pittore Gianni Asdrubali, Tuscania, ore 18.30; sabato 22, Libreria Le Sorgenti, Bolsena, ore 18.30).
L’avvicinamento dell’uomo al proibitivo e ostile pianeta Venere, caratterizzato da un’atmosfera vulcanica e acida, è al centro del lavoro del giovane, ma già affermato, coreografo Nicola Galli. Venus (venerdì 7 ottobre, Centrale Preneste, ore 21.00) in cui il dialogo tra le partiture fisiche dei due umani atterrati sul pianeta e le reazioni dello stesso alla loro presenza, si concludono in una nostalgica contemplazione a distanza della Terra. Manfredi Perego presenta il debutto di Geografie dell’istante (venerdì 7 ottobre, Centrale Preneste, ore 22.00), un’indagine dell’istante come frazione minima che attiva il tempo dell’anima, della coscienza, capace di cogliere, scuotere la geografia dell’anima.
Le giovani compagnie Monica Serra con Oralità pastorale[n°2] (domenica 25 settembre, Carrozzerie N.O.T, ore 21.00) e Dehors Audela con Planimetrie (domenica 25 settembre, Carrozzerie N.O.T, ore 22.00) articolano le loro ricerche tra arcaicità e planimetrie emozionali.
La sezione musicale programma sperimentazioni elettroniche che creano universi di suoni, utilizzando supporti analogici e digitali e presentano in prima assoluta nuovi dischi e nuove etichette discografiche. L’album di Enklav Soundsystem (domenica 2 ottobre, Carrozzerie N.O.T, ore 20.00) spazia tra un’anima di fondo più calda e ossatura techno e industrial, un’elettronica di interzona dove il confine tra accessibilità da dancefloor e la sperimentazione si fa sottile;
“Sure, I will be”, il nuovo disco dei Current in prima nazionale (domenica 18 settembre, Carrozzerie N.O.T, ore 19.30), aggiunge all’elettronica strumenti tradizionali, voci e suoni concreti aprendo una riflessione sulla condizione attuale del fare musica in un risultato espressivo denso e variegato; Blank page di Deroom, in prima nazionale, (domenica 18 settembre, Carrozzerie N.O.T, ore 21.00) si configura come una performance di djing analogico digitale e teatro canzone: spoken world, proto rap, canzoni sussurrate, soundscapes elettronici, registrazioni domestiche e scorie di soundtrack strumentali creano la colonna sonora su cui scorre la narrazione di canzoni, poesie e frammenti di pensiero. In the depths of time, in an ocean made of stars di Elara (domenica 2 ottobre, Carrozzerie N.O.T, ore 21.30) è un album intimo, nato lentamente durante sessioni casalinghe, nelle quali ognuno dei componenti della band ha proposto propri spunti e linee melodiche; un crescendo di temi a partire da uno dei capolavori di Tolkien, il Silmarillion, nel quale lo scrittore inglese riesce a descrivere la creazione del suo universo immaginario attraverso uno scontro musicale tra creature divine. Memories Can’t Wait_in-d(i)o di Francesco Brasini, in prima nazionale (domenica 18 settembre, Carrozzerie N.O.T, ore 20.00) trae ispirazione da un testo dei Talking Heads e crea una suite di circa 30 minuti, trattando e rieseguendo parte del materiale in un continuum sonoro, un flusso di frequenze evocative che confluiscono in una melodia inedita. Il nuovo disco Honey Ant Dreaming dei Luminance Ratio (domenica 18 settembre, Carrozzerie N.O.T, ore 21.30) in uscita per l’etichetta Inglese Alt.Vinyl, si apre ad una musica psichica e psichedelica, che fonde ingredienti diversi in un unico, grande flusso di coscienza.
La performance in prima nazionale “si serve il numero…” – ufficio per la dieta dell’immaginazione dei S’odinonsuonare (domenica 2 ottobre, Carrozzerie N.O.T, ore 19.30) nasce da un’analisi critica della burocrazia come nuovo rituale contemporaneo e restituisce una diversa improvvisazione sonora per ogni singolo spettatore. Walter Paradiso con la prima nazionale di Trascrizione del silenzio (domenica 2 ottobre, Carrozzerie N.O.T, ore 21.00) apre la propria ricerca firmando uno spettacolo di danza, video e suono dal vivo, con la collaborazione della coreografa Federica Cucinotta e della danzatrice cinese ChuRui Jiang. Aggiornamenti e info su http://www.teatridivetro.it

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Rinasce Azione Studentesca, la rivolta comincia dai banchi”

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2016

logoGli studenti di Roma, così come quelli di altre città d’Italia, riporteranno tra i banchi e nelle scuole il simbolo di Azione Studentesca, contro la “Buona Scuola” di Matteo Renzi, contro quella visione di scuola statica, anonima, volta a creare degli automi che rispondano al sistema, e non uomini e donne pensanti, con tanta voglia di costruirsi il proprio futuro.«Abbiamo deciso di riprendere la sigla di Azione Studentesca, non per nostalgia, ma perché gli ideali di Rivoluzione e cambiamento, la voglia di creare veramente una scuola nuova, non sono mai cambiati. Gli Studenti sono stufi di vedere le proprie scuole cadere a pezzi, di vedere la loro cultura privata di un’identità, sono stanchi di essere considerati solo come dei sudditi senza dignità.
Ecco perché sin dal primo giorno di questo nuovo anno scolastico, i ragazzi di Azione Studentesca porteranno nelle scuole le idee del cambiamento, anche se le scuole crollano gli Studenti no». È quanto dichiarano in una nota Francesco Todde e Edoardo Stacchiotti, rispettivamente dirigente romano di Gioventù Nazionale (movimento giovanile di Fratelli d’Italia) e responsabile romano di Azione Studentesca. (foto: logo)

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Usura: dati drammatici

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2016

“Il Rapporto sull’usura dell’Eurispes contiene dati a dir poco drammatici. Il fatto che il 12% delle famiglie si è dovuto rivolgere nel corso dell’ultimo anno a soggetti privati estranei per poter ottenere un prestito dimostra che questo fenomeno criminoso sta sempre più dilagando e che non si è fatto abbastanza per contenerlo. Per questo vanno riaccesi i riflettori. Non si può parlare di usura solo quando le forze dell’ordine arrestano qualche personaggio noto. La crisi economica, l’indebitamento delle famiglie, le difficoltà del settore bancario, hanno aggravato una situazione già compromessa, per la quale non basta la repressione” dichiara Massimiliano Dona, Segretario dell’Unione Nazionale Consumatori.
“Chiediamo un vero Piano nazionale contro la povertà. Il fatto che il 12% delle famiglie ricorra all’usura, a fronte di una percentuale ufficiale Istat di poveri assoluti del 6,1%, ossia della metà, dimostra che non basta occuparsi, come intende fare il Governo, di chi ha un reddito Isee inferiore a 3000 euro o delle famiglie che hanno un figlio minorenne o disabile. Stanziare 1,5 miliardi per il 2017 è una goccia nel mare. Occorre una riforma complessiva della tassazione per evitare che si debba ricorrere ad un prestito per pagare le bolletta della luce e dell’acqua o le spese mediche” prosegue Dona.
Secondo i dati Eurispes di oggi, il 19,8% delle famiglie,ha chiesto un prestito in banca per pagare spese mediche mentre il 34,3% ha problemi ad affrontarle. “Sono percentuali non degne di un Paese civile che ha un servizio sanitario nazionale” conclude Dona.

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Carcinoma differenziato della tiroide, dopo il trattamento chirurgico va evitato l’imaging inutile

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2016

carcinoma-differenziatoIl marcato aumento del ricorso agli esami di imaging dopo la tiroidectomia per carcinoma differenziato della tiroide (DTC) risulta associato a un aumentato trattamento per recidive. Peraltro, con la sola eccezione della scintigrafia con iodio radioattivo (131I), tale aumentato trattamento non ha mostrato alcun chiaro miglioramento nella sopravvivenza. Sono i risultati di uno studio retrospettivo di coorte- apparso di recente su “BMJ Open” – che sottolineano l’importanza di porre un freno all’imaging inutile e, invece, di personalizzare l’utilizzo dell’imaging dopo la tiroidectomia a seconda della categoria di rischio del paziente.
Gli autori, sotto la guida di Megan R. Heymart, della Divisione di Oncoematologia dell’Università del Michigan, ad Ann Arbor (USA), si erano posti l’obiettivo di determinare se l’uso di test di imaging dopo il trattamento chirurgico primario del DTC fosse associato a un maggiore trattamento per recidiva e a un minore numero di decessi per la malattia. Sono stati analizzati i dati – ricavati da due archivi elettronici, quello del Surveillance Epidemiology and End Results (SEER) Program del National Cancer Institute e quello di Medicare – relativi a 28.220 pazienti con diagnosi di DTC tra il 1998 e il 2011. La coorte in studio è stata seguita fino al 2013, con un follow-up mediano di 69 mesi. I ricercatori hanno adottato come principali misure di outcome il trattamento per recidive di DTC (chirurgia addizionale del collo, trattamento aggiuntivo con 131I o radioterapia) e i decessi dovuti a DTC. «Abbiamo condotto un’analisi per valutare la relazione tra l’imaging da un lato – ecografia del collo, scintigrafia con 131I o TAC PET – e, dall’altro, il trattamento per recidiva e la morte» specificano Heymart e colleghi.
Dal 1998 fino al 2011 si è osservato un aumento di incidenza di cancro (rate ratio: 1,05), imaging (1,13) e trattamento di recidiva (1,01) ma la variazione del tasso di mortalità non è stata significativa. All’analisi multivariata, l’uso dell’ ecografia del collo ha aumentato la probabilità di un ulteriore intervento chirurgico (odds ratio, OR: 2,30) e di un periodo aggiuntivo di trattamento con 131I (OR: 1,45). Le scintigrafie con 131I sono risultate associate a intervento chirurgico addizionale (OR: 3,39), trattamento aggiuntivo con 131I (OR: 17,83) e radioterapia (OR: 1,89). Anche l’uso della PET è apparso associato a un ulteriore intervento chirurgico (OR: 2,31), trattamento addizionale con 131I (OR: 2,13) e radioterapia (OR: 4,98). L’utilizzo dell’ecografia del collo o della PET non ha influenzato significativamente la sopravvivenza malattia-specifica (hazard ratio, HR: 1,14 e 0,91, rispettivamente). Tuttavia, come accennato, le scintigrafie con 131I sono state associate a una migliorata sopravvivenza della malattia specifica (HR: 0,70).
«Alla luce della crescente incidenza di cancro tiroideo a basso rischio e all’aumento paradossale dell’uso dell’imaging dopo trattamento chirurgico primario, questo studio fornisce i fondamenti necessari per rivedere i pattern di sorveglianza del cancro tiroideo e evitare il ricorso inutile alla diagnostica per immagine» osservano gli autori, sottolineando come questa comporti, oltre a ingenti costi, una maggiore ansia nel paziente e un rischio di danno allo stesso determinato dal trattamento della recidiva». Arturo Zenorini da Doctor33) (foto: carcinoma differenziato)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Grande successo per la prima edizione di I LOVE GAI – Giovani Autori Italiani

Posted by fidest press agency su venerdì, 9 settembre 2016

giovani-autori-italianiE’ il concorso nato da un’iniziativa SIAE in collaborazione con Lightbox, che ha appena chiuso le porte alla 73. Mostra del Cinema di Venezia.Dopo i due giorni di proiezioni dei cortometraggi finalisti al Palazzo del Cinema, la giuria ha annunciato negli spazi da favola dell’Hotel Excelsior il vincitore di questa prima edizione di fronte ad un selezionato pubblico di cinelovers: va a “Food for Thought” del 31enne Davide Gentile il primo premio per “l’idea originale e la capacità di tradurre un tema sociale in linguaggio cinematografico, l’ottima sceneggiatura e regia, il montaggio impeccabile che riesce ad immergere il pubblico in un’atmosfera ad alta tensione”. Ma non finisce qui. Tre menzioni speciali ad altrettanti cortometraggi dei registi under 40: “Agosto” di Adriano Valerio ed Eva Jospin, scelto per “l’idea coraggiosa di raccontare la sospensione magica del tempo dilatato dell’infanzia”, “A lu cielu chianau” di Daniele Greco e Mauro Maugeri, per “la capacità di raccontare con un climax drammatico un rituale popolare ancora vivo”, e “113” di Luca Maria Piccolo, per “l’originalità nel raccontare una storia di un personaggio reale attraverso la musica e la voce della protagonista”.La giuria, composta da Beatrice Bulgari, fondatrice della casa di produzione In Between Art Film, Karel Och direttore artistico del Karlovy Vary International Film Festival e Riccardo Chiattelli, direttore del canale laeffe-tv, non ha avuto un compito semplice, data l’altissima qualità e originalità stilistica dei 17 corti finalisti tra gli oltre trecento partecipanti.
Durante la premiazione Gaetano Blandini, Direttore Generale di SIAE, ha annunciato che verrà destinato anche un contributo economico alle promesse e al futuro del giovane cinema italiano per i loro nuovi lavori: 5.000 euro al vincitore e 3.000 euro ad ognuna delle menzioni speciali. L’obiettivo è dare un supporto reale alle opere dei giovani e talentuosi registi e al cinema che verrà.E già si pensa alla prossima edizione: al via da novembre sul sito http://www.ilovegai.com le candidature per I Love Gai 2017. I film verranno ponderati da tre nomi noti in ambito culturale e cinematografico italiano: Nicola Giuliano, co-fondatore di Indigo Film, Andrea Purgatori, giornalista e membro del consiglio direttivo SIAE, e Mara Sartore, editore e direttore di Lightbox. (foto: giovani autori italiani)

Posted in Cronaca/News, recensione | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »