Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 229

Archive for 17 settembre 2016

Gli errori di Forza Italia e le analisi di Parisi

Posted by fidest press agency su sabato, 17 settembre 2016

parisi“Una critica faccio, esplicita, a Parisi: quando dice che il centrodestra ha perso dieci milioni di voti non fa l’analisi giusta. Perché li abbiamo persi? Li abbiamo persi perché abbiamo commesso degli errori”.Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, intervenendo a “Radio Anch’io”, su Radio Uno.“Abbiamo accettato di votare Monti. Abbiamo consentito le dimissioni di Berlusconi, in quel novembre del 2011, e abbiamo appoggiato un governo mai eletto da nessuno, quello di Monti, che poi si è rivelato un disastro. Dovevamo andare, invece, alle elezioni: avremmo vinto o avremmo perso, ma avremmo mantenuto l’unità del centrodestra. Abbiamo sbagliato ad appoggiare il governo Letta, le larghe intese. Abbiamo sbagliato a fare il Nazareno senza la Lega. Tutte le volte in cui abbiamo rotto, anche per senso di responsabilità, l’unità del centrodestra abbiamo commesso degli errori”, ha sottolineato.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

MEPs urge EU countries to take more asylum-seekers from Italy, Greece and Turkey

Posted by fidest press agency su sabato, 17 settembre 2016

mediterraneoEU countries must honour their pledges to accept refugees relocated from Greece and Italy, to relieve migratory pressure on these two “frontline” countries, and at the same time discourage irregular entries by opening up legal and safe routes to the EU, MEPs said on Thursday.In a non-binding resolution approved by 470 votes to 131, with 50 abstentions, Parliament rejected a European Commission proposal to take 54,000 places from a scheme for relocating asylum seekers from Greece and Italy to other EU member states, and use them to resettle Syrian refugees from Turkey in the EU instead, as part of the migration deal agreed between Turkey and EU leaders last March. Under the Commission proposal, EU countries could deduct Syrian refugees needing international protection who they take in from Turkey from the numbers of asylum-seekers whom they have pledged to relocate from Greece and Italy.The deal between Turkey and EU leaders requires the EU to take in one Syrian refugee from Turkey for each Syrian returned from the Greek islands to Turkey. Parliament objects that the intra-EU relocation scheme should not be mixed up with the resettlement one, which involves a non-EU country. “Resettlement should not take place at the expense of relocation”, says the text prepared by Ska Keller (Greens, DE). MEPs note that the need for emergency relocation from Greece and Italy to other EU member states is expected to remain high, pointing to the urgent humanitarian situation in Greece and the risk of deterioration in Italy. During the debate in plenary, Keller underlined that the relocation scheme is a true solidarity instrument that “needs to be strengthened, not watered down”. The problem, she added, is that member states are “simply not doing enough” and complained that some countries have not even taken a single refugee.In the resolution, MEPs stress that even though EU countries have agreed to relocate a total of 160,000 asylum-seekers within two years (two separate decisions were taken in 2015, for 40,000 and 120,000 places, respectively), only a small percentage of people have so far been relocated (see updated figures). They therefore urge EU countries to make available at least one-third of their promised relocation places by 31 December 2016.
The text also asks that Afghan, Iraqi and Eritrean refugees be made eligible for relocation within the EU. It notes that in 2015, Afghans were the second largest group of asylum-seekers in the EU, with an unprecedented number of around 180,000, many of whom were unaccompanied minors with special protection needs.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , , | 1 Comment »

Parliament endorses Sir Julian King as Commissioner for Security Union

Posted by fidest press agency su sabato, 17 settembre 2016

european parliamentThe European Parliament endorsed the candidature of Sir Julian King as Commissioner for the Security Union. He was nominated by the UK government after Lord Jonathan Hill resigned in the wake of the Brexit vote in June.
Parliament backed the appointment of Sir Julian King as Commissioner for the Security Union by 394 votes to 161, with 83 abstentions, in a secret ballot.The Civil Liberties, Justice and Home Affairs Committee held a hearing with the candidate commissioner on Monday evening. You can watch the full recording of the hearing here. Parliament must be consulted before a replacement commissioner can take office (TFEU article 246). Now that MEPs have given their green light, member states can proceed with the final appointment.
As Commissioner for the Security Union, Julian King will support the implementation of the European Agenda on Security and contribute to delivering an operational and effective Security Union. He will work under the guidance of Commission First Vice-President Frans Timmermanns, complementing the work of Commissioner Dimitris Avramopoulos, who is in charge of Migration, Home Affairs and Citizenship.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Green Light for New Nuclear: Hinkley Point is Finally Approved

Posted by fidest press agency su sabato, 17 settembre 2016

londonLONDON “After surprising all parties with a review of the deal in July, the UK government has now given the go ahead for a new nuclear plant at Hinkley. The decision is key to the renewal of the UK’s power infrastructure. When completed, it will supply 7% of the UK’s electricity, vital given the closure of all the UK’s coal plants by 2025 and the closure of nuclear plants in the 2020s and 2030s.
However, the length of time it will take to come online is a key issue, given the capacity gap that is looming in the UK. This approval does not mean the immediate start to construction and further delays are almost inevitable. Comparable nuclear projects in France and Finland have had massive cost and time overruns. Finland’s Olkiluoto is now running 9 years late and will take 15 years in total to construct. On this basis, even if Hinkley is started now it will not be online until the 2030s.One ongoing contentious issue is the likely cost of the project, projections for which have continued to rise, which means that UK taxpayers are in effect subsidising a project that assumes energy costs will be more than double what they are now once operational. The recent decline in wholesale gas costs, coupled with the continued decline in renewables, particularly solar, has made new nuclear projects harder to justify. Fortunately, the length of time this project will take to construct means that many of the decision makers will be in political retirement before the full impact is felt.Both the French and the UK government have reasons to be relieved. The UK government is desperate to show that investment can continue to flourish in a post-Brexit UK and wants to be seen acting to secure the UK’s energy future, as well as providing the skilled jobs that this project will create. The approval also means that a potential clash with the Chinese government can be avoided, although the announcement of proposed reforms on foreign ownership of assets of national security could cause future problems. For the French government, it is keen to support its nuclear industry after a number of contract losses in other regions of the world.What this approval should do though is encourage others to act. This project is the canary in the mine of the nuclear world: if EDF is moving ahead it will encourage other consortiums that have been holding back to start moving their own plans forward. We could see a real acceleration of investment decisions after so much delay. Hitachi and Toshiba are both leading consortiums that are looking to build new plants. The Chinese are also keen to construct new plants in Sizewell in Suffolk and Bradwell in Essex – the question is will the government let them?”
Frost & Sullivan, the Growth Partnership Company, works in collaboration with clients to leverage visionary innovation that addresses the global challenges and related growth opportunities that will make or break today’s market participants. For more than 50 years, we have been developing growth strategies for the global 1000, emerging businesses, the public sector and the investment community. Is your organization prepared for the next profound wave of industry convergence, disruptive technologies, increasing competitive intensity, Mega Trends, breakthrough best practices, changing customer dynamics and emerging economies?

Posted in Estero/world news, recensione, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Zero emission vehicles need to take over car market to reach 1.5˚C limit: analysis

Posted by fidest press agency su sabato, 17 settembre 2016

Paris-antenne-vue-eiffel-tourZero-emission vehicles need to reach a dominant market share by around 2035 for the world to meet the Paris Agreement’s lower warming limit of 1.5˚C—and even that could be too late to avoid the need for significant negative emissions, according to new analysis by the Climate Action Tracker (CAT).This transformation of the passenger transport sector would also have to be accompanied by a decarbonisation of the power sector to ensure the electric vehicles (EV) are truly emissions free.In the first of its decarbonisation series, the CAT analysis looks at transport, a sector that is key to achieving the deep cuts in emissions required by the Paris Agreement. (Download briefing here)In this series the CAT will examine specific energy-intensive sectors, and how emissions can be reduced to be in line with the Paris Agreement’s long term warming limits, namely, to keep global temperature rise “well below” 2˚C, and to “pursue efforts” to limit warming to 1.5˚C.
The CAT’s latest analysis shows that if governments were to double fuel economy standards in new passenger cars by 2030, and achieve a 50% EV uptake by 2050, then most get close to—or even reach—a 2˚C warming pathway. But a 1.5˚C pathway requires more action.
“Emissions standards only get the transport fleet to a certain point—it is clear that in order to get to the Paris Agreement’s lower temperature goal of 1.5˚C, the world needs to make a paradigm shift to zero emissions vehicles,” said Markus Hagemann of NewClimate Institute.“Attention must also be paid to the recent discovery that some car manufacturers have been deliberately manipulating emissions tests,” he noted.“Perhaps a positive outcome of this scandal is that it has brought to light major shortcomings in the emissions tests themselves, sparking a move towards more realistic tests, hopefully leading to smaller discrepancies between laboratory and road emissions intensities.”“Aside from much-needed shifts in transport behaviour, for the transport sector to decarbonise there is no choice but to adopt zero-emission vehicles. For electric vehicles this would mean that they also need to be powered by renewable electricity,” said Yvonne Deng of Ecofys.To avoid exceeding a 1.5°C warming trajectory, zero global aggregate emissions would need to be reached around the middle of the century, implying that the last fossil gasoline or diesel-powered passenger vehicle would have to be sold around 2035 (assuming a new car would be on the road for an average of 15 years).“Even a date of 2035 or so for the last new fossil-fuel powered passenger car could be late: the earlier we decarbonise the transport system, the less we will need to rely on negative emissions that largely require technologies still awaiting large-scale deployment,” said Michiel Schaeffer of Climate Analytics.The analysis looks at two scenarios comparing a range of big emitters: the EU, China, US, Japan, India, Mexico and Brazil. Scenario 1 would see a doubling of new car fuel economy standards by 2030, and Scenario 2 a doubling of new car fuel economy standards by 2030, plus 50% (zero emission) EV’s by 2050.
In the EU and the USA, the increased deployment of EVs would keep overall emissions on a downward trend in line with a 2°C pathway.
In India, the projected rise in vehicle numbers (activity) is so high that absolute emissions from passenger cars would keep rising even under Scenario 2. However, this would still be in line with the IEA’s 2°C pathway for India, which foresees a similar rise in emissions, reflecting this strong expected growth.
The situation in China, Brazil and Mexico lies between these two cases, with emissions under Scenario 2 stabilising as the effects of increased activity and reduced intensity approximately balance out. The resulting decreasing emissions trend is just enough to comply with a 2°C pathway.Overall emissions are expected to decrease most strongly in Japan (in both scenarios), partly due to declining activity levels.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A Vladivostok Russia e Giappone lavorano insieme. E l’Europa?

Posted by fidest press agency su sabato, 17 settembre 2016

giapponeNon deve sorprendere se la dichiarazione finale del recente summit del G20 tenutosi a Hangzhou in Cina è la solita retorica piena di belle parole e buone intenzioni. Come al solito sono gli Usa, anche con il sostegno non sempre entusiasta dell’Ue e dei Paesi europei, a dettarne il contenuto.
Ciò stride non poco con gli interventi propositivi e concreti di alcuni altri attori, non ultimi la Cina, la Russia e il Giappone.
Il presidente cinese Xi Jinping, alle mere enunciazioni, ha contrapposto i grandi progetti in corso di realizzazione, i corridoi di sviluppo infrastrutturale della Silk Road Economic Belt, che collegheranno l’Oceano Pacifico a quello Atlantico e all’Europa, e quelli della 21st Century Maritime Silk Road,la strada marittima che collegherà la Cina all’India e oltre. E’ importante rilevare che in merito l’Asian Infrastructure Investment Bank è già molto attiva con le sue grandi linee di credito.
Nelle sue parole Xi ha legato la realizzazione di questi grandi progetti e la costruzione di numerose zone di libero scambio sul territorio cinese con l’intenzione di rendere il renminbi una forte moneta internazionale nel quadro di un necessario miglioramento della governance economica globale. Presentando il programma “Blueprint on Innovative Growth” ha delineato con chiarezza i settori prioritari del nuovo sviluppo globale, tra cui “l’innovazione, una nuova rivoluzione scientifica e tecnologica, la trasformazione industriale, l’economia digitale e l’interconnessione delle reti infrastrutturali”.
Per chiarire lo stato reale dell’economia produttiva cinese egli ha ricordato che, nel primo semestre dell’anno, essa è cresciuta del 6,7%. La pochezza e la scarsa portata del summit balzano con nettezza se si considerano i risultati del Forum Economico di Vladivostok tenutosi il giorno prima tra il presidente Putin, il primo ministro giapponese Shinzo Abe, il presidente della Corea del Sud, la signora Park Geun-hye e l’ex pm australiano Kevin Rudd.
Putin ha presentato il suo programma più ambizioso, quello di trasformare il Far East nel centro dello sviluppo sociale ed economico della Russia. Tra i progetti illustrati ci sono la realizzazione congiunta di un “super ring” di infrastrutture energetiche che metterà in relazione Russia, Cina, Corea e Giappone, la costruzione di infrastrutture di trasporto trans-euroasiatiche e regionali, quali i corridoi Primorye 1 e 2 che collegheranno le regioni cinesi del nord e i porti russi, nonché la costruzione della sezione russa della nuova Via della Seta che dovrebbe collegare la Cina all’Europa. Putin ha lanciato ai suoi interlocutori l’idea di realizzare un polo internazionale per le scienze, l’istruzione e le tecnologie sull’isola di Russky di fronte al porto di Vladivostok dove si prevede anche una grande zona di libero scambio.
Sono progetti concreti di indubbia rilevanza che sollecitano ulteriori coinvolgimenti, anche europei, per accelerare la ripresa della crescita globale. Per simili grandi lavori la Russia ha già creato un Far East Development Fund che concederà prestiti al tasso di interesse del 5%, meno della metà del tasso di sconto della Banca centrale russa. Certamente è importante l’accordo siglato con la grande Japan Bank for International Cooperation per finanziare i progetti relativi al porto di Vladivostok che vedono la partecipazione di imprese giapponesi. Tra le altre iniziative concrete c’è il fondo di sviluppo russo-cinese per investimenti nel settore agroalimentare.L’importanza delle joint venture russo-coreane, in particolare quelle negli investimenti di Vladivostok, è stata sottolineata dalla presidente coreana, signora Park, anche in vista dell’apertura del passaggio artico della Northen Sea Route. Ha ricordato inoltre che la politica di isolamento è fondamentalmente sbagliata. Lo dimostrano le esperienze del passato come quella della Grande Depressione quando l’aumento dei dazi da parte di molti Paesi provocò una riduzione del 40% del commercio in 4 anni.Dal resoconto del Forum emerge tuttavia che l’intervento politico più pregante sembra quello pronunciato da Shinzo Abe che ha detto: “Trasformiamo Vladivostok nella porta che unisce l’Eurasia con il Pacifico”. In verità i rapporti e le joint venture tra i due Paesi si sono fortemente consolidati tanto che il governo giapponese ha creato uno specifico Ministero per la cooperazione economica russo- giapponese.Al Forum di Vladivostok l’Unione europea e i Paesi europei erano totalmente assenti, evidenziando ancora una volta, come sottolineato anche da Romano Prodi, “il momento più basso del cammino dell’Europa verso il processo di armonizzazione tra gli Stati”. Il Giappone invece sta dando una grande lezione di politica, non solo economica. Certo, sotto la pressione americana aderì alle sanzioni contro la Russia, ma ora Tokyo si muove in modo del tutto indipendente.
Il continente euroasiatico è per metà europeo, come evidenzia il nome. E’ lecito chiedere quando l’Europa si emanciperà e assumerà il ruolo che dovrebbe naturalmente avere rispetto ai nuovi scenari economici e geopolitici che si stanno profilando? (Mario Lettieri già sottosegretario all’Economia e Paolo Raimondi economista)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Diritto d’autore e la tassa sul panorama

Posted by fidest press agency su sabato, 17 settembre 2016

Augusta_SR_PanoramaTra le proposte che la Commissione Ue ha avanzato per una riforma comunitaria del diritto d’autore, c’e’ il consiglio per l’istituzione di una tassa sul panorama. Si’, avete letto bene: UNA TASSA SUL PANORAMA. La Commissione, evidenziando il fatto di non potere avere una normativa unica in materia, ha consigliato ad ogni Stato di fare come crede, perorando -pero’- di prendere in considerazione di far pagare per la riproduzione di opere architettoniche (panorami, piu’ in generale), sia per l’uso privato che per quello commerciale.
Uno dei tanti problemi che l’Unione Europea rappresenta per la buona, tranquilla e civica vita dei comuni mortali -e lo dicano da europeisti convinti- e’ quello di voler mettere bocca su tutto, normando anche le cose piu’ semplici della nostra quotidianita’ (dalla curvatura dei cetrioli ai colori delle mele, etc). Quindi, una foto con dietro il Colosseo di Roma, o la torre di Pisa, o Ponte Vecchio a Firenze, o la torre Eiffel di Parigi o il Partenone di Atene, o il London Bridge (almeno fino a quando la Gb non ha formalizzato il suo abbandono della Ue), o la porta di Brandeburgo a Berlino, secondo la Commissione, sarebbe meglio che fosse soggetta a diritto d’autore. Sia se a queste immagini sia associato pubblicitariamente un profumo o una motocicletta, sia se fossero il ricordo di un momento di un nostro viaggio. Certamente, chi aveva commissionato -e chi aveva eseguito e chi e’ morto per difenderle nelle varie guerre dei secoli scorsi- queste opere storico/artistiche, non avrebbe
mai pensato ad una cosa del genere: lo spirito era -ed e’. per quanto ci riguarda- quello di patrimonio dell’Umanita’ (Unesco o meno, che sia), cioe’ bellezza e memoria, simboli di una storia che ci appartiene al di la’ degli orribili confini che ancora sussistono, memento della possibile e potenziale eternita’ del nostro patrimonio pacifico, comunitario, mondiale.
Certamente la manutenzione di questi simboli ha un costo, ma il ritorno che ogni amministrazione ne ha come calamita di turisti e studiosi, ha sempre ampiamente compensato i costi. Diverso e’ se questo compenso debba essere diretto, cioe’ la tassa sul panorama.
Augurandoci che la questione finisca tra un’alba e un tramonto, siamo preoccupati su come potranno leggere questi consigli comunitari i nostri amministratori locali (piu’ che quelli nazionali), assetati di imposte, senza ritegno e logiche: vediamo gia’ il Sindaco romano vagheggiare sul Colosseo, quello fiorentino su Ponte Vecchio (Sindaco che nei giorni scorsi -spalleggiato dal ministro nazionale dei Beni Culturali- ha gia’ cominciato a parlare di numeri chiusi per quel Ponte Vecchio che anche i nazisti, quando in fuga fecero saltare tutti i ponti di Firenze durante la seconda guerra mondiale -1944-, decisero di risparmiare… non certo pensando alle imposte future ma -a loro modo- all’umanita’), e cosi’ via per ogni citta’ italiana, che’ non ce n’e’ una che non abbia una storia e una bellezza di arte, architettura e urbanistica.
Dalla curvatura del cetriolo alla tassa sul panorama, il passo e’ breve… anche se apparentemente illogico e ridicolo e preoccupante. Teniamo ben alzate le antenne. Il nostro anelito agli Stati Uniti d’Europa passa anche attraverso queste nostre vigilanze e denunce. (Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nuovo documento di viaggio UE per facilitare il rimpatrio dei cittadini di Paesi terzi

Posted by fidest press agency su sabato, 17 settembre 2016

european commissionLa proposta della Commissione europea per un documento europeo di viaggio standard che acceleri le procedure di rimpatrio di cittadini non UE che soggiornano irregolarmente negli Stati membri, e senza un documento d’identità valido, è stata approvata in via definitiva giovedì dal Parlamento.Nel testo si afferma che i Paesi terzi sono attualmente riluttanti nell’accettare i documenti di ritorno forniti dagli Stati membri, a causa dei diversi formati e di standard di sicurezza inadeguati.Durante i lavori legislativi, i deputati hanno rafforzato gli standard di sicurezza del documento e le garanzie tecniche, in modo da meglio garantire la sua accettazione da parte dei Paesi terzi.Il testo, redatto da Jussi Halla-aho (ECR, FI), è stato approvato con 494 voti favorevoli, 112 contrari e 50 astensioni.
Halla-aho ha dichiarato che “il basso tasso di applicazione delle decisioni di rimpatrio mina seriamente la credibilità e la legittimità, agli occhi dei nostri cittadini, delle politiche europee di asilo e immigrazione. Incoraggia inoltre l’abuso dei sistemi di asilo in Europa. Mentre un modulo uniforme per il documento di viaggio europeo, per il rimpatrio dei cittadini di Paesi terzi che soggiornano irregolarmente, non è una soluzione magica ma un passo nella giusta direzione, nel far rispettare la legislazione e le decisioni vigenti”.I dati della Commissione europea, inoltre, indicano che meno del 40% delle decisioni prese dall’UE per il rimpatrio di cittadini di Paesi terzi sono state effettivamente portate a termine nel 2014.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Acute Cardiovascular Care 2016 will put a spotlight on managing high risk patients

Posted by fidest press agency su sabato, 17 settembre 2016

navigatore coronarieThe annual congress of the Acute Cardiovascular Care Association (ACCA), a registered branch of the European Society of Cardiology (ESC), is held 15 to 17 October at the Centro de Congressos de Lisboa in Lisbon, Portugal. The full scientific programme is available here. This year features state-of-the-art presentations by leading experts on “managing risk in acute cardiovascular care”, the congress theme.Professor Doron Zahger, Chairperson of the Scientific Programme, said: “All healthcare professionals working in acute cardiac care manage high risk patients in various situations such as acute heart failure, cardiac arrest, acute coronary syndromes, and high risk arrhythmias which can lead to sudden death.”Acute cardiovascular care is the specialty of cardiology dealing with acute problems in need of urgent care including heart attack, cardiac arrest, and acute heart failure, but also other conditions leading to acute cardiovascular problems such as pulmonary embolism or stroke.Original scientific research will be unveiled in a rich abstract programme covering the entire spectrum of acute cardiac care.
New studies will be presented on the hot topic of diagnosing myocardial infarction in the ambulance and emergency room. Professor Zahger said: “Prompt and accurate diagnosis is essential to ensure that patients receive the right treatment quickly, that the damage caused by heart attack is limited, and that the risk of heart failure is minimised. Accordingly, much research is ongoing in an effort to diagnose myocardial infarction earlier and more accurately.”Novel methods using shock wave therapy or medication for regenerating heart tissue that has suffered from restricted blood supply (ischaemia) will be revealed. The techniques may reduce infarct size, control inflammation, and improve heart function in patients with ischaemic heart disease.Inequalities in treatment of cancer patients who have a heart attack will be presented for the first time. The media will hear first-hand how care of these patients compares to those without cancer and the impact on in-hospital outcomes.
The use of an implantable cardioverter defibrillator (ICD) to prevent sudden death is explored in patients who had an out-of-hospital cardiac arrest that was caused by acute myocardial infarction. “This is a unique use for ICDs and journalists will hear whether or not it shows promise for the future,” said Professor Zahger.ESC Gold Medallist Professor Keith Fox will give a keynote lecture during the inaugural session entitled “Vulnerable plaques in vulnerable patients”, providing journalists with new insights in this exciting field.An innovative virtual case area will showcase interactive demonstrations on a digital patient simulator. Cases with symptoms including palpitations, breathing difficulties, and swollen legs will be enacted in virtual patients created for the congress and discussed by international experts.This is the prime scientific event for all healthcare professionals working in acute cardiac care. More than 1000 delegates from around 80 countries are expected, including cardiologists, emergency physicians, intensive care physicians, interventionists, anaesthesiologists, imaging specialists, internists, cardiac surgeons, nurses, paramedics and other allied professionals who care for acutely ill cardiac patients. With hundreds of abstracts and more than 50 scientific sessions over three days, this is the event of the year in acute cardiovascular care.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Ars Sacra Festival

Posted by fidest press agency su sabato, 17 settembre 2016

pagansRoma lunedì 19 settembre 2016, alle ore 17.00 presso la Sala Fraknói dell’Accademia d’Ungheria in Roma (Palazzo Falconieri – Via Giulia, 1) si terrà la presentazione del volume PAGANS AND CHRISTIANS IN LATE ANTIQUE ROME: Conflict, Competition, and Coexistence in the Fourth Century, a cura di Michele Renee Salzman, Marianne Sághy e Rita Lizzi Testa, Cambridge: Cambridge University Press, 2016. Il volume verrà presentato, in presenza dei redattori, dal Prof. Arnaldo Marcone (Università Roma Tre), uno degli migliori esperti sulla Roma tardoantica alla presenza degli editori e dal Dr. András Németh, scriptor greco della Biblioteca Apostolica Vaticana. Fu l’ Urbs un campo di battaglia di credenze religiose ed ideologie nel periodo successivo della vittoria di Costantino a Ponte Milvio? Si rese conto l’aristocrazia di Roma, confrontando le misure più severe contro i culti tradizionali, del risveglio pagano nel quarto secolo? Chi trasse vantaggi dal contrastare Teodosio I, “l’ultimo esercito pagano del mondo antico?” Questo stimolante nuovo volume che contiene gli atti della conferenza tenuta presso l’Accademia d’Ungheria in Roma nel 2012 riconsidera il paradigma storico della relazione tra pagani e cristiani alla luce di documenti ed approcci nuovi relativi all’ Urbs Roma. Il libro presenta una prospettiva nuova sul conflitto pagano-cristiano e offre uno sguardo fresco sulla Roma tardoantica, cambiando il modo in cui gli studiosi moderni vedono cristianesimo nella trasformazione della fede, società e cultura. (foto: pagans)

Posted in Recensioni/Reviews, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Confindustria lima stime Pil, +0,7% 2016

Posted by fidest press agency su sabato, 17 settembre 2016

pilConfindustria ha limato ancora al ribasso le stime sulla crescita: nel 2016 il Pil è visto al +0,7% (era +0,8%) e nel 2017 al +0,5% (era +0,6%). “Confindustria conferma la nostra tesi, ossia che nel 2016 si torna agli zero virgola e che persino l’ipotesi di una crescita dell’1%, in cui ora spera il Governo, è un miraggio, se non arrivano un III ed un IV trimestre a dir poco miracolosi” afferma Massimiliano Dona, Segretario dell’Unione Nazionale Consumatori.
“Non solo, quindi, come ha ormai dovuto ammettere lo stesso Padoan, la crescita ipotizzata dal Governo nel Def di aprile di avere per fine anno un incremento tendenziale dell’1,2% andrà ora pesantemente rivista, ma il rischio è che, a differenza di quanto detto dal Premier, non ci sarà alcun miglioramento rispetto al 2015, quando l’Italia aveva avuto una crescita dello 0,8%. Si torna, quindi, a peggiorare” prosegue Dona.”Il dato di oggi dimostra che, se si vuole rilanciare la crescita, non è tagliando l’Ires che si può raggiungere l’obiettivo. Fino a che i consumi delle famiglie crescono di un misero 0,1% in termini congiunturali, ultimo dato Istat, non si va da nessuna parte, considerato che rappresentano il 60% del Pil. Per questo nella prossima legge di stabilità bisogna aiutare le famiglie e non le imprese, per la semplice ragione che fino a che le famiglie non acquistano, le imprese non vendono” conclude Dona.” conclude Dona.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il referendum e le manovre di Renzi

Posted by fidest press agency su sabato, 17 settembre 2016

la-costituzione-della-repubblica-italiana“Renzi gioca tutto, ancora una volta, rinviando. Deciderà il 26 settembre la data del referendum costituzionale e certamente deciderà l’ultimo giorno possibile per prendere tempo. Per avere più strumenti per condizionare il voto, per comprarsi il voto con la legge di bilancio, per comprarsi il voto dei pensionati, dei giovani, degli artigiani, dei commercianti. Come? Facendo debito e deficit”. Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, parlando con i giornalisti in sala stampa a Montecitorio. “Questo stato di cose produce instabilità e questo fa scappare gli investimenti stranieri. Altro che il ‘no’ al referendum, caro ambasciatore Phillips! Ancora una volta bravo al presidente della Repubblica Mattarella che ha messo le cose a posto e ha prodotto un effetto boomerang per Renzi. Ma di effetti boomerang Renzi ne vedrà tanti nei prossimi giorni, nelle prossime settimane. Più il tempo passa, caro Renzi, più boomerang ti cadranno in testa”.

Posted in Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Nuovo record a luglio del nostro debito pubblico

Posted by fidest press agency su sabato, 17 settembre 2016

padoanOra è di 2.252 miliardi di euro, ovviamente sempre in crescita. Ben 145 miliardi in più negli ultimi 30 mesi, questo è il record di Matteo Renzi”. Lo ha detto Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, parlando con i giornalisti in sala stampa a Montecitorio. “Altro che nuovo, altro che cambia verso: 145 miliardi in più negli ultimi 30 mesi, questo è il record di Matteo Renzi, nonostante le parole dell’ineffabile Padoan che diceva fin dall’inizio che avrebbe ridotto il debito. In realtà aumenta il deficit e aumenta il debito. Siamo al disastro economico. Confindustria dice che quest’anno si crescerà allo 0,7% reale, ma è un terzo del nominale previsto dal governo, nel senso che siamo ad inflazione zero o addirittura sotto lo zero, con il bel risultato che servirà fare una manovra correttiva nonostante il deficit che forse ci consentirà di incrementare l’Unione europea. Disastro, disastro, disastro, l’Italia di Renzi è ferma a causa di Renzi”.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology | Leave a Comment »

Il vero signor No è Matteo Renzi

Posted by fidest press agency su sabato, 17 settembre 2016

padova“Il vero signor no è il presidente Renzi, ha detto no all’elezione diretta del Presidente della Repubblica, alla costituzionalizzazione della sovranità nazionale con l’introduzione del referendum abrogativo delle leggi europee, al principio di equità generazionale per evitare che si possano lasciare buchi nella finanza pubblica che dovranno ripianare coloro che verranno dopo di noi, alla norma antiribaltone, al tetto massimo alle tasse, alla separazione delle banche commerciali da quelle d’affari per impedire agli speculatori finanziari di far collassare il sistema del credito e mettere in ginocchio i risparmiatori, alla vera abolizione delle province abrogando solo il diritto di voto dei cittadini, alla certezza della pena impedendo depenalizzazioni e svuota carceri, alla legittima difesa, al contrasto per l’immigrazione clandestina.
C’è un solo resistente al vero cambiamento, ha la faccia da ragazzo e il linguaggio del rottamatore, scelto dai poteri forti in quanto prototipo ideale per lasciare tutto com’è e svendere l’Italia nel più assordante silenzio”. È quanto ha dichiarato il capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli durante la presentazione della manifestazione del comitato Terra Nostra organizzata a Padova il 23, 24, 25 settembre dal deputato Walter Rizzetto.
“Il debito dello Stato aumenta, lo certifica la Banca d’Italia, il Pil non cresce come hanno riconosciuto prima Padoan, poi Renzi; la riforma della scuola (la ridondante ‘buona scuola’) secondo il premier non è il massimo. L’Italicum va cambiato e gli italiani nei sondaggi bocciano la riforma costituzionale, tanto da costringere Renzi a occupare militarmente sia le reti Rai che quelle Mediaset per provare a ribaltare la tendenza.Insomma, un vero successone. Ci manca solo la cessione dell’Alto Adige all’Austria per completare la iattura imposta agli italiani da Napolitano”. È quanto dichiara il capogruppo di Fratelli d’Italia-Alleanza nazionale Fabio Rampelli

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Politica dica no a dittatura avvisi di garanzia”

Posted by fidest press agency su sabato, 17 settembre 2016

tribunale“Condividiamo totalmente le parole del procuratore generale di Roma Salvi il quale, in una intervista odierna, ha ravvisato la necessità che la politica si liberi ‘dalla dittatura degli avvisi di garanzia’. Un intervento che sicuramente contribuirà a far scendere la tensione tra politica e magistratura ed evitare la tentazione di alcuni magistrati di occupare gli spazi lasciati vuoti per la debolezza della politica. La distinzione di fondo deve essere tra contestazioni e fatti che hanno una rilevanza politica nell’attività posta in essere da chi amministra la cosa pubblica e comportamenti che non hanno alcuna rilevanza sul piano dell’attività pubblica. In buona sostanza, il cosiddetto avviso di garanzia in sé e per sé non può rappresentare, senza accurate indagini sui capi di accusa, la morte politica di un amministratore”. E’ quanto dichiara il deputato di Area popolare Gianni Sammarco.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Elezioni per il Consiglio metropolitano di Torino

Posted by fidest press agency su sabato, 17 settembre 2016

CHIARA-APPENDINO

Torino sabato 17 settembre alle ore 12.30 a Palazzo Cisterna (sala Marmi) si terrà una conferenza stampa nel corso della quale il sindaco di Torino Appendino e i consiglieri metropolitani Dimitri De Vita e Marco Marocco presenteranno i candidati della lista del movimento.Scade a mezzogiorno di lunedì 19 settembre il termine per presentare le liste elettorali in vista delle elezioni per il rinnovo del Consiglio metropolitano di Torino, elezioni che si terranno domenica 9 ottobre.

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Viasat e Teamind Solution insieme per un mondo del trasporto “più semplice”

Posted by fidest press agency su sabato, 17 settembre 2016

viasatViasat (azienda leader in Europa nel campo dei Sistemi di Sicurezza Satellitare) e Teamind Solution (System Integrator specializzato in soluzioni tecnologiche intelligenti per il mondo della mobilità) hanno stretto una partnership strategica per unire le proprie forze e proporsi sul mercato con applicazioni innovative e servizi telematici satellitari integrati, capaci di semplificare e ottimizzare le attività delle aziende di autotrasporto e logistica. Allo stesso tempo, l’obiettivo è approcciare, ad ampio spettro, il mercato di fascia alta degli Operatori di Trasporto e Logistica con soluzioni complete e servizi integrati di grande affidabilità e un ottimo rapporto qualità-prezzo.Per inaugurare il percorso congiunto, Viasat e Teamind Solution hanno lanciato una suite completa di strumenti (gestionale, satellitare, tachigrafo e terminale di bordo) per lo scarico da remoto dei dati dei cronotachigrafi e la relativa gestione in conformità alla normativa (REG. CE 561/2006). Come si sa, tutti i mezzi di trasporto sopra i 35Q di portata hanno l’obbligo del cronotachigrafo a bordo per memorizzare le attività dell’autista. Negli ultimi tempi si sono intensificati notevolmente i controlli su strada e nelle aziende per verificare la corretta osservanza delle norme che regolano i tempi di guida, di pausa, di riposo e il corretto utilizzo del cronotachigrafo. Inutile dire che un errore, per quanto comprensibile di fronte a una complessità di questo genere, possa costare davvero molto caro.“Vogliamo semplificare il modo in cui le aziende di trasporto gestiscono i propri mezzi e gli addetti in movimento sul territorio” spiega Alessandro Peron, Amministratore Delegato di Teamind Solution. “Abbiamo fortemente voluto questa partnership con Viasat, tra i top player mondiali della telematica satellitare, per lanciare una soluzione evoluta per il cronotachigrafo che si differenziasse completamente da quanto oggi offerto sul mercato, garantendo l’automazione intelligente delle attività operative dell’impresa di trasporto, minimizzando sprechi di risorse, denaro e tempo”.Infatti, la suite proposta da Viasat e Teamind Solution copre tutte le esigenze dell’autotrasportatore, mettendolo al riparo da costosi investimenti informatici per conservare in modo automatico e a norma di legge i dati della propria flotta, per gestire l’anagrafica di veicoli e conducenti per monitorare la corretta frequenza di raccolta dei dati e dei documenti, per produrre e stampare automaticamente le lettere di notifica e/o di richiamo (obbligatorie per legge) e tanto altro ancora. In altre parole una soluzione che consente di esternalizzare determinate attività con il vantaggio diretto per l’azienda di trasporto di recuperare tempo e risorse da dedicare ad attività a maggior valore aggiunto.Oltre ai dispositivi di bordo (satellitare, tachigrafo, terminale di bordo), mette a disposizione anche un applicativo software per analizzare i dati scaricati e verificare le eventuali infrazioni, illustrandone le motivazioni per ognuna, con linguaggio semplice e chiaro, e il comportamento corretto che l’autista avrebbe dovuto tenere per evitarle (utile anche per ottemperare all’obbligo formativo e informativo degli autisti, previsto dal Regolamento CE 561/2006).“Intorno al nostro progetto di crescita internazionale, vogliamo aggregare le migliore eccellenze e la collaborazione con Teamind Solution va proprio in questa direzione” conclude Domenico Petrone, Fondatore e Presidente di Viasat Group. “Contiamo molto su questa partnership per sviluppare e implementare progetti innovativi e altamente performanti su questo mercato in Italia e all’estero”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il governo italiano favorisce le multinazionali americane a danno degli interessi nazionali

Posted by fidest press agency su sabato, 17 settembre 2016

ttipIl 16 e il 17 settembre saranno due giorni di mobilitazioni in tutta Europa per dimostrare che l’opposizione sociale ai due megatrattati di libero scambio è sempre più forte e diffusa. Il 16 settembre al Consiglio informale dei capi di Stato convocati a Bratislava, il Governo italiano spingerà per chiudere positivamente le trattative con gli Stati Uniti imponendo il TTIP a chi, come Francia, Germania e Austria, ha già dichiarato la propria contrarietà. L’Italia chiede, inoltre, anche di accelerare con la firma del CETA, il trattato analogo già chiuso con il Canada e che ne costituirebbe un pericoloso lasciapassare.
Per questo la campagna Stop TTIP Italia lancia un mailbombing e un tweet storm sul premier Matteo Renzi oltre a diverse iniziative locali, tra cui un flashmob a Milano. Il 17 settembre in oltre 20 città tra Germania e Austria la Campagna europea stop TTIP risponderà idealmente alle decisioni assunte per mettere definitivamente la parola fine sui negoziati Europa – Stati Uniti e per fermare l’approvazione del CETA.
Sul sito http://stop-ttip-italia.net alla pagina sul 16 settembre è possibile scaricare la lettera indirizzata al Presidente del Consiglio Matteo Renzi e i tweet da inviare a cominciare dalle 12 del 16 settembre, in sostegno delle mobilitazioni internazionali contro il TTIP e contro il CETA.
“Se qualcuno in Italia pensa ancora che possiamo guadagnarci qualcosa con TTIP e CETA, e non gli è bastato tutto quello che abbiamo diffuso finora, può leggere il rapporto “TTIP and Jobs” del Parlamento Europeo o gli impatti sull’agroalimentare italiano denunciati da Coldiretti Friuli Venezia Giulia” sottolinea Monica Di Sisto, portavoce della Campagna Stop TTIP Italia. “Le posizioni critiche del ministro all’economia tedesco Sigmar Gabriel riprese dal suo collega francese Matthias Fekl suggeriscano a Renzi di rinsavire prima del Consiglio Europeo, e di unirsi a chi chiede di ritirare il mandato negoziale sul TTIP alla Commissione Europea e permettere al Parlamento europeo un’ampia discussione sull’Accordo con il Canada prima che esso venga firmato ufficialmente dalla Commissione, e dimostrando così di tenere più al futuro del suo Paese che ai diktat della Commissaria Europea Cecilia Malmstrom e alle avventurose speranze del ministro italiano Calenda”.
“Già nel luglio scorso le reti della società civile sono riuscite a impedire l’ennesima delegittimazione dei nostri Parlamenti” sottolinea Elena Mazzoni, tra i coordinatori della Campagna Stop TTIP Italia, “evitando che il Trattato con il Canada, ormai approvato, potesse essere considerato di competenza esclusiva dell’Unione Europea, cosa che non avrebbe permesso ne’ una discussione parlamentare in Italia ne’ una sua ratifica nazionale. A settembre come da tre anni una società civile autorevole e informata dice “no” e ha il diritto di poter contare in decisioni così strategiche”.
“Ci sono voluti anni di mobilitazioni per rendere TTIP e CETA comprensibili e visibili per l’opinione pubblica”, afferma Marco Bersani, portavoce della Campagna Stop TTIP Italia. “Attraverso mobilitazioni, raccolte di firme, invii di email e di tweet i cittadini e le cittadine europei hanno forzato la Commissione Europea e i nostri Governi a cedere su una maggiore trasparenza e a dover rispondere delle loro scelte. La nostra lotta contro il TTIP e il CETA continuerà in tutta Europa per tutto l’autunno, per fermare la corsa dei due trattati e cambiare per sempre la politica economia e commerciale dell’Unione Europea”.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Manca un mese all’inizio dell’International Inventors Exhibition

Posted by fidest press agency su sabato, 17 settembre 2016

veneziaVenezia pala-expo. L’inaugurazione è fissata per giovedì 13 ottobre 2016 alle ore 11.00. E’ la prima edizione di un progetto quinquennale promosso da D-nest web, società spin off dell’Università di Verona, che dal 13 al 16 ottobre prossimi porterà, al Pala Expo-Venezia, una selezione delle più originali invenzioni provenienti da tutto il mondo.
La macchina organizzativa sta lavorando a pieno regime per definire i dettagli di un evento, che ha l’obiettivo non solo di mostrare al grande pubblico quali possano essere i risultati concreti di un’intuizione geniale, ma anche di creare cultura attorno all’importanza di scoprire, coltivare e valorizzare il talento nelle sue molteplici e possibili declinazioni.
Hanno già dato conferma di presenza alla manifestazioni qualificate rappresentanze straniere in arrivo da diversi Paesi: Siria, Emirati Arabi, Giappone, Polonia, Corea del Sud, Germania, Spagna, Gran Bretagna oltre naturalmente all’Italia.
“Nel nostro proposito, l’IIE2016 sarà un momento d’incontro e confronto tra gli operatori del settore – spiega il direttore, Gianfranco Gramola – Oltre che una vetrina delle invenzioni, vorremmo infatti che l’attenzione fosse concentrata sulla persona dell’inventore, sulle sue idee, sul suo bagaglio d’esperienza e sulle prospettive di un suo lavoro, che può sfociare in applicazioni molto importanti per la vita di tutti i giorni. Solo dalla possibilità di condividere i contributi personali è possibile creare collaborazioni e sinergie virtuose. Il nostro vuol essere un germe simbolico di quanto sia strategico fare rete, traguardo fondamentale in ogni ambito della società civile e del mondo economico.”
Oltre agli stand espositivi, proprio per favorire la socializzazione, saranno create una vera e propria “piazzetta” e una zona ristoro, attorno alle quali saranno presenti alcune installazioni a tema in linea con la manifestazione: dai plastici, che raccontano l’evoluzione dei treni, alla storia dei piroconofoni più comunemente conosciuti come zampironi (dal nome dell’inventore di origini proprio veneziane, al quale è stata anche intitolata una rotatoria nel centro di Mestre) fino alle macchine dell’arte ed all’affresco da realizzare in diretta: sorprese tutte da scoprire. All’esterno, ancorata in darsena, si potrà visitare la barca a vela, a misura di disabile, ideata e realizzata da Pierluigi Surace con la possibilità, per chi vorrà, di poter prenotare un piccolo tour all’interno delle acque lagunari. Inoltre, sono stati definiti i convegni che dalle 9.30 alle 17.00 accompagneranno la quattro giorni dell’evento e ai quali interverrà un panel di autorevoli esperti: giovedì 13 si parlerà di “tecnologie indossabili” nell’ambito della collaborazione avviata con la Venice Design Week; venerdì 14, di “agricoltura sostenibile per lo sviluppo mondiale”; sabato 15, di “sviluppo urbano per una qualità della vita intelligente”; domenica 16, nel gran finale, di “didattica e innovazione”.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

L’Europa si fa scudo del Brexit per coprire i suoi errori

Posted by fidest press agency su sabato, 17 settembre 2016

londraLa Brexit continua ad essere argomento caldo di Bruxelles, come se non ci fosse altro a cui pensare. Oggi il presidente della Commissione europea Jean Claude Juncker colto dai fantasmi della Brexit, per la prima volta in un vertice a 27, alle porte del vertice di Bratislava, in cui si tratterà del tema controverso del Ttip da cui dipenderà il destino di centinaia di milioni di europei e le ripercussione che ci saranno sull’Europa, pensa a ridisegnare il futuro dell’Europa senza la figura “ingombrante” di Londra, per la prima volta assente “giustificato” nell’incontro odierno.
Tutta l’avversione lanciata contro Londra e la tracotanza espressa in un trilaterale dai leader dei principali paesi membri riuniti a Ventotene in cui si è detto che l’Europa può andare avanti, anche senza il Regno Unito, se così è, mi vengano a spiegare perché nel vertice di oggi a Strasburgo, la scena che domina sarà ancora il Brexit?
Vi resta difficile immaginare un futuro senza Londra in una Europa strozzata dalla crisi economico-finanziaria che ha cambiato il volto del continente negli ultimi otto anni?
Tante cose sono accadute nel range temporale. Ai problemi già in essere si sono aggiunti negli ultimi anni, altri, non di poco conto, la migrazione, le inutili sanzioni imposte a Mosca, che per alcuni paesi coinvolti direttamente da scambi commerciali, vedi Italia, si sono rivelate un boomerang; non meno grave il terrorismo che si è accanito in particolare su paesi ad alta presenza di comunità islamiche, Francia e Belgio, successivamente anche la Germania per l’apertura scellerata della Cancelliera Merkel verso gli arrivi dai corridoi balcanici, è stata direttamente coinvolta. Infine lo strano feeling con Ankara di cui ancora non ho compreso se porterà verso un fidanzamento o qualcosa di più istituzionale, il matrimonio. Penso che non lo sappia neppure Bruxelles che si muove come un elastico a volte lo tende e a volte lo ritira.
E del momento incerto dell’Europa ne ha parlato anche il Commissario per gli Affari Economici Pierre Moscovici nel suo intervento a Strasburgo: “l’Europa dei 28 è l’oggi, quella a 27 è l’avvenire, quella a 19 dell’Eurozona è il cuore pulsante della Ue”. poteva non far sentire la sua voce il presidente della Banca centrale europea (Bce) Mario Draghi che da Trento ha avvertito: “E’ pericoloso fermarsi a metà cammino con l’Unione europea”. Non poteva mancare l’intervento catastrofico del capogruppo dei socialisti al Parlamento europeo il lucano Gianni Pittella, “con il ritorno agli stati si riaccendono gli egoismi nazionali che portano all’implosione e sfoceranno in sangue e guerre”. Tra le tante parole che ho avuto modo di ascoltare dal capogruppo Pittella, durante il viaggio di rientro a Roma a poche ore dal discorso che terrà questa mattina Junker, qualcosa di sensato ho captato, ovvero la richiesta del raddoppio dei fondi per il piano di investimenti, la triplicazione di quello per gli aiuti ai lavoratori colpiti dalla globalizzazione.
In sintesi ha chiesto, un colpo di reni alla Commissione, che rimetta in discussione, la vergogna del Patto di stabilità, una tagliola per il rilancio della crescita e dell’occupazione e uno sforzo nella lotta all’evasione e all’elusione, tra i problemi endemici principali, da cui sono afflitti molti paesi membri, Italia, Grecia, Romania, Croazia, che necessitano di una cultura volta alla legalità. Per finire è ora di dire basta a regimi fiscali favorevoli, adottati da alcuni Paesi membri usati per attirare investimenti, senza che l’Europa abbia mai puntato il dito. Ci rendiamo conto del danno per le casse degli Stati direttamente coinvolti? Provate a vedere quante società hanno la ragione sociale in Irlanda, avete mai sentito rimproveri verso il paese, solo ora che sotto la graticola è finita il colosso Apple se ne parla, ma quante altre società piccole medio grandi continuano ad avere la sede legale nella verdeggiante Irlanda, tra cui, molte italiane?Sarebbe opportuno che con la rivoluzione industriale, da fordista a robotizzata cominciamo a porci delle domande, quale sarà il futuro dei nostri figli quando il lavoro sarà affidato a intelligenze artificiali? Di questo, l’Europa si dovrebbe occupare, senza perdere altro tempo, la tecnologia corre alla velocità della Luce, l’Europa alla velocità del suono, il gap è considerevole, non c’è più tempo per le parole, c’è bisogno di fatti, prima che l’Europa collassi su se stessa. Tra le prime emergenze è vitale attivare un fondo europeo di assicurazione per i disoccupati, che con una società robotizzata cresceranno esponenzialmente e si ripercuoteranno sui consumi. È una ruota, meno lavoro meno consumi, meno consumi meno entrate per lo Stato, meno entrate per lo Stato deperimento dei Servizi, meno Servizi depauperamento della società.
Se non si interrompe questo filo ferale, non ci sarà futuro per gli Stati sovrani, pensate possa esserci per l’Europa che deve la sua esistenza ai fondi degli Stati sovrani? Bisogna da subito mettere mano a nuove politiche del lavoro e fiscali. Cari leader europei vi ricordo che il progresso tecnologico non può essere fermato, sta al libero arbitro dell’uomo, in quanto essere pensante, saper trovare i correttivi giusti che siano simbiotici al progresso tecnologico, uno di questi potrebbe essere la “rimodulazione della ricchezza”, in fin dei conti se la ricchezza è in mano a pochi il denaro non circola è l’economia non cresce, se al contrario la ricchezza viene spalmata, aumentano i consumi e di conseguenza il lavoro; è lapalissiana per la funzionalità di una società.
Mi auguro che i FFrr. presenti in aula facciano pervenire questo mio ragionamento al Fr. Junker, che gli apra la mente e prenda nella giornata odierna le misure giuste per rilanciare l’Europa con un piano di investimenti sostenuto di almeno 500 miliardi e un piano di finanziamento per i paesi africani, solo se l’Europa interverrà con aiuti fattivi sul posto, si eviteranno esodi biblici a cui assistiamo da anni, utili solo a finanziare organizzazioni malavitose. Poi sarebbe non credo sia costruttivo continuare a finanziare lo stato criminale di Kiev, che usa detti aiuti in acquisto di armi con cui viene sistematicamente massacrato il popolo del Donbass.
Mi auguro che vengano prese nell’importante vertice odierno misure drastiche per la sicurezza dei cittadini costretti a vivere in alcune città agli “arresti domiciliari”, e questo è inaccettabile. Sarebbe ora da ripensare ad un nuovo piano per la migrazione, quello precedente è stato un flop, bisogna rafforzare i controlli alle frontiere per gli stranieri per evitare la vergognosa pagina a cui abbiamo assistito a Como, che non è servita ad altro che arricchire l’organizzazione dei “passatori” che lucra su questo triste fenomeno del nostro tempo.
Mi aspetto un dietro front di Merkel e Hollande, Renzi non lo nomino nemmeno non fa testo è solo il portavoce di Washington e ieri ne abbiamo avuto le prove, mai era accaduto che un ambasciatore dettasse gli indirizzi politici in un Paese estero.
Ancora aspetto di leggere il piano ambizioso dell’Alto rappresentate Ue Federica Mogherini, che da mesi ci ammorba con questi super piano, ma che al momento è solo nella sua testa. Ci avviciniamo alla fine del 2016, scadenza data dalla Mogherini e del piano neppure l’ombra.
Non voglio essere maligno, non è che la Mogherini aspetta l’investitura del nuovo presidente degli Stati Uniti per avere la sua benedizione? Voi direte, ma che c’entra l’Europa con gli Stati Uniti, noi siamo un Continente, è vero ma solo geograficamente, perché la stanza dei “bottoni” non è a Bruxelles ma a Washington.
Sono loro che decidono per noi, ma ci fa comodo non saperlo. Cosa accadrà in questi 2 giorni intensi? Tra Strasburgo e Bratislava si deciderà il futuro dell’istituzione europea e una accelerata al distacco tra la Commissione ed i governi sovrani che la compongono sempre più euroscettici. Bruxelles ha perso quella vitalità che era nei padri fondatori di una Europa unita e federale. Mi auguro che almeno una parte delle mie speranze in questi 2 giorni di lavori comuni vengano esaudite. (Maurizio Compagnone Opinionista de “La Gazzetta italo brasiliana”)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »