Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 32 n° 27

Spending review, si fa largo l’ipotesi di tagli in sanità

Posted by fidest press agency su lunedì, 19 settembre 2016

Lorenzin beatricePuntuale come ogni anno in coincidenza con le prime ipotesi sui contenuti della legge di stabilità si torna a parlare di tagli alla sanità. Le indiscrezioni arrivano da un articolo di Repubblica secondo il quale “la sanità rappresenta circa il 25% della spesa centrale dello Stato e non può rimanere fuori dalla spending review”. In particolare secondo le ipotesi del quotidiano “Palazzo Chigi ha deciso di chiedere alla ministra Beatrice Lorenzin 1-1,7 miliardi di sacrifici. In pratica il Fondo sanitario nazionale, oggi a quota 111 miliardi, rimarrebbe sostanzialmente stabile senza salire ai 113 miliardi previsti dall’ultimo Def quota che le Regioni avevano già reclamato lo scorso anno in attuazione delle precedenti intese”.L’ennesimo progetto di tagli lineari al settore che ha generato la pronta reazione delle associazioni di categoria e delle Regioni ma che è stato tempestivamente smentito dal premier Renzi e dal ministro della Salute Lorenzin. «I fondi alla sanità nel 2017 continueranno a crescere» ha commentato Renzi, per il quale non è corretto parlare di tagli. «Certo il ministro della Sanità chiede dieci e magari otterrà uno, ma non è che ha avuto un taglio: voleva dieci e ha avuto uno. Se ci saranno tagli non sarà sul passato ma sulle richieste dei ministeri». Il premier esclude anche un aumento delle tasse.«Con me premier le tasse non aumenteranno quest’anno né negli anni successivi. Non si possono spremere i cittadini come un bancomat». Una smentita prontamente raccolta dal ministro Lorenzin che parla di «gossip». «Nessuno» ha commentato Lorenzin «mi ha parlato di tagli al Fondo Sanitario e le parole odierne di Renzi mi rassicurano, come tutti gli italiani, abbiamo obiettivi comuni per il 2017: garantire i nuovi farmaci antitumorali, rifinanziare il fondo per i farmaci anti-epatite C e rispondere al fabbisogno per il personale, stabilizzare il precariato e sbloccare il turn over». «Il fondo sanitario» ha aggiunto «è fissato a 113 miliardi». (fonte doctor33)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: