Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Archive for 23 settembre 2016

Mattarella a Vercelli per festeggiare i 150 anni del Canale Cavour

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 settembre 2016

canale-cavourVercelli 24 settembre 2016. In occasione della visita ufficiale del Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, per la celebrazione dei 150 anni del Canale Cavour, promossa dall’omonima Coutenza, cui concorrono l’Associazione Irrigazione Est Sesia (con sede a Novara) e l’ Associazione Irrigazione Ovest Sesia (con sede a Vercelli). Proprio Palazzo Pasta, sede dell’AIOS, sarà visitata dal Capo dello Stato, anticipando la cerimonia ufficiale al Teatro Civico vercellese. Ricevuta dal Copresidente della Coutenza Canali Cavour, Ottavio Mezza, la più alta carica dello Stato sarà accolta dai Consigli di Amministrazione dei due enti consortili; dal Presidente, Francesco Vincenzi e dal Direttore Generale ANBI, Massimo Gargano; dal Ministro per le Politiche Agricole Alimentari e Forestali, Maurizio Martina; dal Presidente della Regione Piemonte, Sergio Chiamparino; dal Sindaco di Vercelli, Maura Forte; dal Prefetto della città, Mariarosa Trio; dal Presidente della Fondazione Cavour, Nerio Nesi; dal Presidente dell’Ente Risi, Paolo Carrà. A presentare l’attività dell’ente sarà il condirettore della Coutenza Canale Cavour, Luca Bussandri.
L’illustre ospite, dopo aver deposto una corona di fiori al monumento a Camillo Benso Conte di Cavour, è successivamente atteso, per la cerimonia ufficiale, al Teatro Civico di Vercelli; a “raccontare il Canale” sarà ancora Ottavio Mezza unitamente a Roberto Isola, condirettore della Coutenza ed al noto giornalista scientifico, Piero Angela.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Iran, nuova minaccia ad Israele: “ridurremo in polvere Haifa e Tel Aviv”

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 settembre 2016

missile-iranianoL’Iran ha minacciato di “ridurre Tel Aviv e Haifa in polvere”, durante una parata delle forze armate della Repubblica islamica a Teheran nell’anniversario dell’invasione dell’Iraq (1980).
Nel corso dell’evento, ripreso dalla televisione di stato, le forze armate iraniane hanno esibito una vasta gamma di missili a lungo raggio, carri armati e un sistema di difesa missilistico terra-aria russo S-300. Il capo di stato maggiore delle forze armate iraniane, il generale Mohammad Hossein Bagheri, ha detto che il pacchetto di aiuti alla difesa da 38 milioni di dollari in 10 anni concesso a Israele dagli Stati Uniti “rafforza la determinazione” dell’Iran a rafforzare il proprio apparato militare.
Gli aiuti concessi dagli Stati Uniti a Israele, ha detto il generale, citato dall’agenzia iraniana “Fars”, rappresentano “un disperato tentativo di proteggere il vuoto di sicurezza di quel regime nella regione, e ci rendono più determinati ad aumentare la nostra potenza militare” (Fonte: Agenzia Nova, 22 Settembre 2016, Emanuel Baroz)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Civil Liberties MEPs in Lebanon: funding alone will not solve the crisis, better resettlement tools are needed

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 settembre 2016

rifugiati sirianiWith around 1,5 million refugees fleeing to Lebanon since the beginning of the war in Syria, it is clear that the situation in the country is untenable and that substantial help is needed to avoid a complete breakdown, not only in terms of financial assistance, but also through improved resettlement tools, says Civil Liberties Committee Chair Claude Moraes who this week heads a delegation to Beirut.Lebanon is currently the country in the world with the highest number of refugees per capita, around one in four living on its territory is a refugee. Against this backdrop, a 7 MEP strong delegation from the Civil Liberties Committee this week visited Lebanon to look into the situation for refugees on the ground.”It is clear that Lebanon is reaching a saturation point”, says Claude Moraes (S&D, UK). Vital infrastructure all over the country such as education and sanitation is heavily affected by the influx of the refugees which means that this is not just a refugee crisis, but a crisis that affects the country overall and which could rapidly aggravate. Lebanon has by far surpassed the efforts of the rest of the EU in its response to the crisis and has coped remarkably well under very difficult circumstances. Humanitarian aid from the EU and others is highly needed to alleviate the unprecedented pressure the country is experiencing”.”The poverty among the Syrian refugees is alarming and efficient policies on education and health care are more needed than ever”, the chair says on the experience of the delegation. “People are living under appalling conditions, in overcrowded apartments shared by several families in order to afford the rent or even in basement parkings, with no water, toilet or electricity. The issue of a 200$ fee on residents permits has been mentioned as a reason for many to be staying illegally in the country which might make them vulnerable to exploitation in the labour market and elsewhere”.”Conditions are also difficult for the Palestinians who experience restrictions on access to employment which makes them dependent on services from UN’s agency for Palestinian Refugees, UNRWA”, he continues.”The situation cannot be solved by humanitarian aid alone, it calls for political solutions to put an end to the ongoing conflict and consequently take some of the pressure of the country. However, we do not consider returning the Syrians to safe zones within Syria safe at this point, and we are very concerned that lives could be lost if it were to happen”, the Chair explains.”We need member states to urgently uphold their humanitarian responsibilities and we need to ensure a better, more even distribution among the EU countries. In the coming months, the Civil Liberties Committee will take on the task of ensuring a better functioning resettlement system to coordinate and step up efforts of the EU in this field. There is an urgent need for the EU to adopt legislative tools that actually work and can contribute to alleviate the demographic pressure on countries such as Lebanon and prevent further destabilisation in the region”, Claude Moraes ends.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Automatic stabilizers for the Euro area and the European social model/Des stabilisateurs automatiques pour la zone euro et le modèle social européen

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 settembre 2016

social-modelThe debate on automatic stabilizers for the Euro area is definitely on the agenda. Analytically, the case for a stabilisation capacity is compelling; politically it is an uphill battle. We therefore need a careful exploration of different scenarios and a thorough understanding of how they fit into the broader challenge of developing a European social union. This Tribune by Frank Vandenbroucke, our social affairs adviser, explores two options: a genuine European Unemployment Insurance and a model of “Reinsurance”. Both require social convergence, a challenge that is also identified by the recent Commission initiative to launch a “European Pillar of Social Rights”. However, the governance method and the flexibility with which convergence is pursued in these models differ. With regard to the problem of moral hazard, they also offer different perspectives. Politically, the reinsurance option may better reflect the idea that a European social union should be a union of welfare states, rather than a European welfare state.
Le débat sur la création de stabilisateurs automatiques pour la zone euro est clairement à l’ordre du jour. Au niveau de l’analyse, les arguments rationnels en faveur d’une capacité de stabilisation pour la zone euro sont forts ; au niveau politique, il s’agit sans doute d’un rude combat dans l’Europe d’aujourd’hui. Il faut donc examiner avec soin les différents scénarios et bien analyser dans quelle mesure ils peuvent s’intégrer au défi plus large de créer une union sociale européenne.Cette Tribune de Frank Vandenbroucke, notre conseiller en affaires sociales, explore deux options : une véritable assurance-chômage européenne et un modèle de “réassurance”. Les deux modèles nécessitent un niveau élevé de convergence sociale, un défi également identifié dans l’initiative récente de la Commission de lancer un “Socle européen des droits sociaux”. Néanmoins, la méthode de gouvernance et la flexibilité avec lesquelles la convergence est réalisée dans le cadre de ces modèles sont très différentes. En ce qui concerne le problème de l’aléa moral, ils offrent également des perspectives différentes. Politiquement, la solution de la réassurance pourrait être plus fidèle à l’idée qu’une union sociale européenne devrait être une “union des États-providence”, et non un État-providence européen.(photo: social model)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Roma si doterà di un Programma Straordinario per la Sicurezza Stradale

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 settembre 2016

incidenti stradali-2Stiamo individuando misure, azioni ed interventi per mettere in sicurezza assi e intersezioni critiche, rafforzare non solo i controlli ma anche il sistema di governo e gestione della sicurezza stradale e costruire una cultura su questo tema. E a breve partiranno i lavori della Consulta Cittadina della Sicurezza Stradale che avrà un ruolo centrale nelle diverse fasi di definizione, attuazione e gestione del Programma Straordinario”. Così in una nota l’assessora alla Città in Movimento Linda Meleo che ieri
mattina ha partecipato alla premiazione del progetto “Keep Calm and Slow Down” lanciato dall’Agenzia per la Mobilità di Roma. L’assessora ha premiatoi vincitori del concorso che ha coinvolto diverse scuole della Capitale sul tema della sicurezza stradale. “La Capitale, con oltre 13mila incidenti con vittime, 17mila feriti e 173 morti al 2015 (il 12% in più rispetto all’anno precedente) raggiunge un tasso di 6,0 morti ogni 100.000 abitanti. In base ai parametri forniti dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti il costo sociale sostenuto a Roma per l’incidentalità stradale supera il miliardo di euro ogni anno”. “L’obiettivo è poter dire: nessuno rimarrà più ucciso o seriamente ferito a causa di un incidente stradale. In linea con le politiche dei Paesi più virtuosi, il Programma di cui ci doteremo adotterà l’approccio ‘Vision Zero’ volto a contrastare in primo luogo l’incidentalità grave attraverso un ripensamento complessivo delle politiche di sicurezza stradale: serviranno interventi sulle infrastrutture, sui veicoli e sulle persone e sui diversi comparti della mobilità, dal trasporto pubblico a quello privato, dalla ciclabilità alla pedonalità fino al trasporto merci”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I soldi per le Olimpiadi vadano all’agricoltura

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 settembre 2016

agricolturaLa polemica di queste ore sul No del sindaco di Roma, Virgina Raggi, alle candidatura della città di Roma ad ospitare i giochi olimpici – dichiara in una nota il presidente nazionale Confeuro, Rocco Tiso – sta assumendo proporzioni esagerate che, come al solito, stanno facendo perdere di vista le vere priorità del Paese.
L’Italia infatti – continua Tiso – non ha bisogno di spendere soldi pubblici in manifestazioni sportive per le quali sarebbe necessario indebitare le future generazioni e rendere il loro futuro ancora più buio, ma semmai di investimenti mirati per rilanciare l’occupazione e l’economia.
Il mondo agricolo – conclude Tiso – ha dimostrato, anche in questi anni di crisi, di poter essere essere una preziosa risorsa; nonché il volano del Bel Paese per superare il difficile contesto economico. Ma perché questo sia possibile c’è bisogno di investimenti; ed è per questo che chiediamo con forza al presidente del Consiglio e al ministro dell’Agroalimentare di usare i fondi pensati per le olimpiadi (ci sarebbe stato sicuramente uno sforamento di budget) per modernizzare la filiera agricola e per rilanciare i consumi interni.

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Referendum per il No: Che la sfida abbia inizio

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 settembre 2016

costituzioneIl Fatto Quotidiano è l’unico giornale che – fin dal giorno della sua nascita, come scrisse nell’editoriale di esordio Antonio Padellaro – si batte da sempre contro ogni stravolgimento della Costituzione. Chiunque ci provi: prima Berlusconi, poi Napolitano tramite il governo Letta-Berlusconi, ora Renzi con l’aiuto dello stesso Napolitano. E con l’aggravante di una controriforma imposta con la forza dal governo a un Parlamento illegittimo, a colpi di maggioranza truccata dal Porcellum. Nel referendum costituzionale non è in gioco tanto il destino dell’esecutivo, di cui poco ci importa (morto un governo, se ne fa sempre un altro), quanto soprattutto quello della Costituzione che è alla base della nostra convivenza democratica.Per questo abbiamo deciso di chiedere a tutti voi un aiuto a far conoscere le ragioni del No, quelle che in televisione e sui grandi giornali vengono quotidianamente silenziate e oscurate, per lasciare spazio soltanto ai monologhi e alle menzogne del Sì.Ogni giorno, sul Fatto Quotidiano, e sul sito http://www.ilfattoquotidiano.it, troverete una pagina dedicata al No con interviste, notizie e le infografiche che riassumono le nostre ragioni per opporci alla controriforma Boschi-Verdini. Se volete farle conoscere ai vostri amici, colleghi e famigliari, potrete ritagliarle, fotocopiarle, scaricarle per diffonderle ovunque potrete. Anche lasciandole sul tram, sull’autobus, in metropolitana, in treno, in ufficio, al bar, al ristorante, sulle panchine dei giardini pubblici. Saranno disponibili anche in digitale, per farle viaggiare via Twitter e Facebook.Visto che questa è una sfida anche e soprattutto di comunicazione, abbiamo bisogno del vostro talento e della vostra creatività. Su https://fattodavoi.ilfattoquotidiano.it/ trovate la sezione “Perché No”. Con una procedura molto semplice, da lì potrete inviarci i vostri “No” personalizzati: foto, video, testi, loghi, aforismi, racconti brevi, poesie, vignette, disegni, canzoni, rap e tutto ciò che vi riesce meglio per dire No. I lavori più riusciti e originali verranno segnalati nella sezione del sito dedicata al referendum e pubblicati ogni giorno sul giornale nella pagina dedicata al No.In prossimità del referendum organizzeremo un grande evento per presentare i risultati della vostra creatività e premiare i migliori, con una giuria specializzata.Spremetevi le meningi, date il meglio di voi stessi e aiutateci e rendere “virale” il No a questa controriforma (che non vuol dire a qualsiasi riforma, anzi: sono benvenute le proposte alternative e migliorative per il dopo-referendum) e a convincere quanti più indecisi sarà possibile per vincere il referendum oppositivo e salvare i valori fondanti della nostra Costituzione e della nostra democrazia. (Marco Travaglio, Antonio Padellaro e Peter Gomez) (foto: costituzione)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Fertilità e ministero della Sanità. Al peggio non c’è mai fine…

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 settembre 2016

lorenzinProprio stamane scrivevamo che eravamo in attesa della nuova gaffe del ministero della Salute, dopo quella della prima campagna incentrata sul fare figli al piu’ presto e della seconda incentrata sul bianco buono e il nero cattivo (quindi razzista). Non abbiamo dovuto attendere molto. “La foto pubblicata nell’opuscolo realizzato in occasione del Fertility day non e’ quella che avevamo visto noi. Penso che ci sia stato un errore tecnico e di incapacita’”. Cosi’ il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. “Ci avevano mostrato un documento cartaceo che era diverso dalle immagini in alta definizione. Ovviamente, tengo a precisarlo, nessuno aveva intenzioni razziste. Certamente la campagna era proprio brutta, ma io faccio il ministro e non il comunicatore, quindi mi interessa il messaggio piu’ della campagna in se'”. E che peggio!!Non solo il nostro ministro cerca di spacciare per errore tecnico una copertina che comunque e’ stata scelta e diffusa, ma si da’ una martellata in testa dicendo che lei fa il ministro e non il comunicatore…. e quindi da oggi non sentiremo piu’ nessuna sua dichiarazione o intervento, ma vedremo solo atti con la sua firma e -speriamo- un suo portavoce con tanto di patente da comunicatore. Ne dubitiamo…. Ma in quale Pianeta vive il nostro ministro? Crede proprio che tutti i cittadini siano fessacchiotti e che la sua investitura sia ad opera di un qualche essere sovrannaturale di sua credenza piuttosto che frutto della politica, e quindi di numeri che formano maggioranze? Non ci piace attaccare le persone direttamente, percio’ saremo clementi rispetto alle capacita’ di connessione logica del nostro ministro. Siamo pero’ preoccupati per noi, governati da chi non sa cosa dice e che nega la sua propria funzione. E siccome stiamo anche parlando di fertilita’ -una questione molto importante vista l’incontenibile esplosione demografica sul Pianeta- la vicenda appare piu’ preoccupante.(Vincenzo Donvito, presidente Aduc)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Infrazioni comunitarie: Multe da 476 milioni di euro all’anno per l’Italia

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 settembre 2016

corte di giustizia europeaSono 110 gli agglomerati condannati secondo la prima (in totale sono tre) procedura di infrazione inflitta all’Italia dall’Unione Europea per mancato adeguamento di impianti e reti di depurazione. In Sicilia sono 43 gli agglomerati di oltre 40.000 abitanti/equivalenti coinvolti con 80 interventi – solo Palermo ne ha circa 10.“I motivi dei ritardi sono legati alla pessima gestione delle rete idriche: manca il concetto di sistema idrico integrato – afferma Vania Contrafatto, Assessore per l’Energia e i servizi di pubblica utilità Regione Sicilia – “Ci sono ancora nella nostra Regione realtà che a Roma chiamano “i pozzettari”, reti idriche gestiti dai singoli cittadini che ostacolano le opere in atto. Nonostante questa anarchia di sistema, da quando la Presidenza del consiglio mi ha nominato Commissario Straordinario per la progettazione, l’affidamento e la realizzazione degli interventi necessari all’adeguamento dei sistemi di collettamento, fognatura e depurazione, sono già stati avviati 10 interventi. Entro la fine dell’anno partiranno altri 10 e nei primi mesi del 2017 saranno avviati i restanti con l’obiettivo di avere una rete idrica funzionante entro il 2020.” “La Regione Sicilia è una terra meravigliosa con dei paesaggi che non hanno nulla da invidiare ai luoghi esotici, – continua Contrafatto – ma la mala gestione non ha dato un bel biglietto da visita. Siamo quindi qui a Watec Italy per trovare soluzioni innovative e tecnologiche per restituire alla Sicilia la bellezza che merita.”
Sono 40 i Paesi coinvolti, 50 le aziende che partecipano e 60 i relatori – tra esperti, accademici e decisori – che nei prossimi 3 giorni si confronteranno e accenderanno l’attenzione, con le loro testimonianze, sui temi più stringenti legati al trattamento e alla tutela della risorsa idrica, bene tra i più preziosi.Nelle conferenze, saranno approfondite tematiche come: il trattamento delle acque reflue industriali e i sistemi di distribuzione; la gestione delle acque reflue; la gestione urbana e rurale dell’acqua; la desalinizzazione nelle isole del Mediterraneo; il cambiamento climatico; l’acqua e l’agricoltura sostenibile; acqua e finanza; le perdite idriche. Fra i relatori si avvicenderanno importanti figure come l’onorevole Fulvio Martusciello, membro del Parlamento Europeo; Pavel Misiga, direttore pro-tempore della direzione generale Ambiente della Commissione Europea; il vice commissario per gli Affari Istituzionali presso il Dipartimento Ambiente della città di New York Eric Landau; un alto rappresentante della Banca Mondiale, Alexander Danilenko, che tratterà il tema “Acqua pubblica e sanità”; il professor Corrado Clini che, nell’ambito della conferenza sui cambiamenti climatici, effettuerà un approfondimento su Venezia, affrontando temi come la gestione delle maree, il trattamento dei fanghi e il caso di Porto Marghera. Sarà inoltre presente Vania Contrafatto, assessore per l’Energia e i Servizi di pubblica utilità della Regione Sicilia.Tra gli obiettivi di Watec Italy 2016 vi è quello di supportare le imprese partecipanti nel riconoscimento di linee finanziarie eleggibili in grado di posizionarle sui principali mercati esteri. Esperti di finanziamenti europei (a gestione diretta e indiretta) e nazionali (SACE) saranno consulenti delle aziende che esporranno. Inoltre, delegazioni provenienti da tutto il mondo – Nigeria, Australia Benelux, India, Israele, Cina Singapore, ecc. – sono state selezionate come potenziali buyers per avviare importanti iniziative a supporto dell’Export Credit e del trasferimento tecnologico.Prema Zilberman, direttore generale di Kenes Exhibitions, ha affermato: “Crediamo che Watec Italy 2016 sia una vetrina importantissima per le aziende italiane e venete che si occupano del trattamento dei reflui industriali e civili e un’occasione per le industrie dei settori maggiormente inquinanti di interagire con realtà di eccellenza e adottare nuove tecnologie per migliorare la sostenibilità idrica di produzione. La scelta di organizzare una mostra convegno sull’acqua proprio in Italia, a Venezia, nasce da molteplici fattori, in primis dalla presenza di eccellenze industriali che producono infrastrutture e tecnologie innovative, dalla centralità commerciale che da sempre contraddistingue questo territorio e dalla consapevolezza che qui l’acqua ha sempre giocato un ruolo vitale”.Watec Italy 2016 è patrocinato dalla Commissione e Parlamento europeo e dal New York City Environmental Protection Department e realizzato in collaborazione con il Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, la Regione Sicilia, ICE – Istituto nazionale per il Commercio Estero, Confindustria Venezia, Porto di Venezia, Anbi Veneto, SSCE, Italveco, IBNET, Danieli Plant Engeeniring, Boer Group, Consorzio Arica, Coldiretti Veneto, RWL Water.

Posted in Diritti/Human rights, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Guida pericolosa

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 settembre 2016

infrazione-al-volante

Woman driving car and texting message on smartphone, using mobile phone device while driving, dangerous and risky behavior in traffic

Secondo un’indagine di Facile.it e mUp Research sono oltre 19 milioni gli italiani che lo scorso anno hanno commesso infrazioni al codice della strada, mettendo a rischio la propria sicurezza e quella degli altri. Il 29% del campione intervistato ha ammesso di non aver rispettato i limiti di velocità mentre il 20% ha usato il cellulare senza auricolari o vivavoce. Lo smartphone si conferma un pericolo per la sicurezza considerando che 2.8 milioni di automobilisti hanno mandato messaggi WhatsApp, SMS o email e 947.000 controllavano o aggiornavano i loro profili sui social network mentre erano al volante. Oltre 340.000 gli automobilisti che dichiarano di essersi messi al volante sotto l’effetto di alcol o stupefacenti.Nel 47% dei casi le infrazioni non sono state sanzionate; ha violato il codice della strada il 60% del campione maschile e il 53% di quello femminile. (foto: infrazione al volante)

Posted in Diritti/Human rights, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Ha ancora senso parlare di “valore” degli strumenti finanziari?

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 settembre 2016

banca-giapponeLeggendo la notizia di ieri sulla banca centrale giapponese, ovvero il lancio del terzo programma di “quantative easing”, mi tornava alla mente la mia prima “bolla” finanziaria che ho vissuto direttamente sulla pelle, quella di internet, ormai più di tre lustri or sono. All’epoca, fior di “esperti” scrivevano su importanti quotidiani finanziari che non aveva più senso valutare le aziende con i tradizionali criteri utilizzati fino a pochi anni prima, perché internet avrebbe cambiato completamente il modo di fare business e, ad esempio, non contava niente se un’azienda faceva utili o meno, quello che contava era il numero di utenti o di click.
Internet, all’epoca, rappresentò una sorta di catalizzatore della follia degli investitori. Si trattava di una bolla abbastanza “classica”. Tutto sommato, facilmente riconoscibile. Oggi ci troviamo in una situazione molto diversa.
Sicuramente, i prezzi delle obbligazioni sono follia (come scriviamo da moltissimo, troppo, tempo) ma abbiamo un regolatore dei mercati che è diventato l’attore principale degli stessi. Questo, effettivamente, cambia tutto. La banca centrale giapponese ha deciso che con il nuovo programma non solo manterrà i tassi a breve termine in territorio negativo, ma ha deciso di manovrare anche i tassi (e quindi i prezzi) su tutta la curva, ovvero su tutte le scadenze. In sostanza la banca centrale comprerà e venderà obbligazioni allo scopo di manovrarne i prezzi in alto o in basso in base a ciò che riterrà utile.
Le altre principali banche centrali hanno programmi simili, anche se non così espliciti.
Davanti a fatti di questo genere, ha ancora senso parlare di analisi di “valore” dei titoli? Qualunque analisi tradizionale applicata alle obbligazioni direbbe di vendere, eppure le obbligazioni continuano ad essere negoziate a questi prezzi assurdi per il fatto che le banche centrali continuano a comprarle. Cosa accadrebbe se le banche centrali decidessero di manipolare anche il mercato azionario? Già oggi è prassi per diverse banche centrali acquistare azioni e lo stanno facendo sempre di più. Si tratta di un mercato, quantitativamente, molto più piccolo di quello obbligazionario e basterebbe molto poco (in relazione alla loro “potenza di fuoco”) per bloccare un crash di mercato. Qualora si diffondesse l’idea (non certo balzana) che i crash azionari hanno conseguenze negative in termini di stabilità dei prezzi e disoccupazione, le banche centrali potrebbero decidere di acquistare e vendere azioni quando, a loro giudizio, i prezzi sono troppo bassi o alti. Al momento, per il mercato azionario, questa è ancora un’ipotesi assolutamente non ancorata alla realtà, ma per il mercato obbligazionario, invece, la manipolazione dei prezzi è la regola. Come prendere decisioni finanziarie in presenza di un mercato ufficialmente manipolato? E’ una domanda alla quale è tutt’altro che semplice rispondere. La mia impressione è che non sia stata fatta ancora una riflessione sufficientemente profonda su questo problema. Il “business as usual” ha prevalso nel mondo finanziario e si continua a considerare il mercato obbligazionario come un mercato governato dalla legge della domanda e dell’offerta quando non è più così ormai da anni.
Ha senso investire in un mercato manipolato? Quali rischi a medio e lungo termine stanno correndo gli investitori? Ne sono consapevoli? (Alessandro Pedone, responsabile Aduc Tutela del Risparmio)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La sfida per il raggiungimento di Fame Zero (Zero Hunger)

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 settembre 2016

Fao-RomaNEW YORK In vista dell’evento che si tiene a New York, il Presidente dell’IFAD, Kanayo F. Nwanze, da Roma, ha detto: “Con quasi 800 milioni di persone che vanno a letto affamate ogni giorno, è cruciale che si continui a lavorare su questo impulso generato dalla Sfida Fame Zero e dal Segretario Generale. Insieme possiamo realizzare fame zero, ma solo se ci concentriamo sulle aree rurali dei paesi in via di sviluppo dove vive la gran parte delle persone più povere ed affamate al mondo”.
La Sfida Fame Zero invita leaders, il mondo del business e la società civile ad aumentare gli sforzi per porre fine alla fame nell’arco delle nostre vite. Si basa su cinque obiettivi: accesso a cibo sufficiente e a un regime alimentare salutare per tutti, sempre; fine della malnutrizione in tutte le sue forme; sistemi alimentari sostenibili dalla produzione al consumo; fine dalla povertà rurale – raddoppiando la produttività e il reddito dei piccoli agricoltori; adeguamento dei sistemi alimentari al fine di ridurre le perdite e gli sprechi.
I capi delle agenzie delle Nazioni Unite per il cibo e l’agricoltura con base a Roma hanno, ringraziato il Segretario Generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon per il suo impegno personale e la sua leadership nel proporre al mondo la sfida per il raggiungimento di Fame Zero (Zero Hunger). I responsabili delle agenzie hanno promesso di continuare nel lavoro iniziato al fine di raggiungere l’ambizioso obiettivo entro il 2030. La Sfida Fame Zero fu lanciata nel 2012 dal Segretario Generale che, oggi, ha passato l’iniziativa Fame Zero alle tre agenzie nel corso di un evento a New York tenutosi a margine dell’Assemblea Generale dell’ONU.
“In molti hanno risposto alla Sfida Fame Zero”, ha detto il Segretario Generale. “Alla conclusione del mio mandato, chiedo alla FAO, al WFP e all’IFAD di portare avanti questa sfida. Sono sicuro che non si fermeranno finché Fame Zero non diventerà una realtà.”Il Direttore Generale della FAO, José Graziano da Silva, il Presidente dell’IFAD, Kanayo F. Nwanze e la Direttrice Esecutiva del Programma Alimentare Mondiale (WFP), Ertharin Cousin, hanno preso l’impegno per conto delle proprie organizzazioni a continuare la Sfida Fame Zero e a perseguire i suoi obiettivi.Parlando prima dell’inizio dell’evento “Pathways to Zero Hunger”, sponsorizzato dalle tre agenzie, dal Global Compact delle Nazioni Unite e dall’Ufficio dell’Inviato del Segretario Generale per la Gioventù, il Direttore Generale della FAO José Graziano da Silva ha detto: “Una volta si consideravano la sicurezza alimentare, la nutrizione, i mezzi di sostentamento rurali e l’agricoltura sostenibile come attività separate, come responsabilità di diversi attori e con diverse finalità”.“Il successo di Fame Zero, a cui il Brasile ha aperto la strada e che è stato poi adottato e adattato in diversi paesi nel mondo, mostra come questi argomenti dovrebbero essere considerati nel loro insieme, in un sforzo complessivo che coinvolge i governi, le istituzioni internazionali, gli agricoltori di sussistenza, la società civile e il settore privato”, ha spiegato Graziano da Silva.“Il Segretario Generale ci ha sempre spronato a lavorare in partnership e a costruire un vero movimento globale per Fame Zero. La sua leadership è fonte di ispirazione e noi, a Roma, ora dobbiamo avere un ruolo ancora maggiore nel dare impulso e rafforzare le partnership per realizzare la sua visione di un mondo libero dalla fame”, ha detto Ertharin Cousin, Direttrice Esecutiva del WFP.
La FAO è a capo degli sforzi internazionali per sconfiggere la fame. L’organizzazione aiuta i paesi nei processi di modernizzazione e miglioramento delle pratiche agricole, forestali e di pesca per assicurare a tutti una buona nutrizione. La FAO rivolge un’attenzione speciale alle aree rurali in via di sviluppo, dove vive il 70 per cento dei poveri ed affamati nel mondo. http://www.fao.org
L’IFAD investe nelle popolazioni rurali, mettendole nelle condizioni di ridurre la povertà, aumentare la sicurezza alimentare, migliorare la nutrizione e rafforzare la resilienza. Dal 1978, l’IFAD ha fornito oltre 17,6 miliardi di dollari in grant e prestiti a basso interesse a progetti che hanno raggiunto circa 459 milioni di persone. L’IFAD è un’istituzione finanziaria internazionale e un’agenzia specializzata delle Nazioni Unite con base a Roma, polo agroalimentare delle Nazioni Unite.
Il WFP è la più grande agenzia umanitaria che combatte la fame nel mondo fornendo assistenza alimentare in situazioni di emergenza e lavorando con le comunità per migliorare la nutrizione e costruire la resilienza. Ogni anno, il WFP assiste una media di 80 milioni di persone in circa 80 paesi.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Piano europeo per gli investimenti esteri nell’ambito dell’agenda sulle migrazioni

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 settembre 2016

BruxellesBruxelles. Il piano europeo per gli investimenti esteri era stato delineato nella Comunicazione della Commissione europea del 7 giugno 2016 “Stabilire un nuovo quadro di partenariato con i Paesi Terzi nell’ambito dell’Agenda europea sulle migrazioni”. Il Consiglio dei capi di Stato e di Governo del 28 giugno ha chiesto che fosse presentata, entro settembre, una “proposta ambiziosa” relativa a tale piano.Il 14 settembre la Commissione ha diffuso in merito due Comunicazioni. La prima definisce la proposta di “un nuovo Piano di Investimenti Esteri” indicandone la relativa articolazione e i relativi strumenti. La seconda propone un testo di Regolamento per il Fondo europeo per lo sviluppo sostenibile e l’istituzione della relativa Garanzia pubblica e del Fondo di Garanzia. Lo stesso giorno, nella relazione al Parlamento europeo sullo stato dell’Unione, il Presidente Juncker presenta la programmazione di tale Piano indirizzato all’Africa e al Mediterraneo/Medio Oriente.La CE ha mantenuto l’impegno affidatole, in coordinamento con l’Alto Rappresentante per gli affari esteri e le politiche di sicurezza. La delusione viene invece dal Consiglio europeo. La “Bratislava Roadmap”, firmata dai presidenti e primi ministri UE il 16 settembre scorso a Bratislava rinvia ogni esame del piano al prossimo Consiglio di dicembre. Un brutto segnale.
Le due Comunicazioni della CE continueranno comunque il loro iter e saranno valutate e perfezionate da istituzioni europee attente alle politiche comunitarie (diversamente dall’attuale Consiglio e dagli Stati membri frenati dai tanti contrapposti interessi nazionali): il Parlamento europeo (PE), il Comitato economico e sociale europeo (CESE), il Comitato delle regioni (CdR), la Banca europea degli investimenti (BEI).
LINK 2007 propone un’attenta analisi delle proposte europee in un documento di “osservazioni e proposte” diffuso il 19 settembre 2016.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Terapia con statine: Lancet pubblica revisione su rischi e benefici

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 settembre 2016

statine

Secondo un articolo di revisione pubblicato su The Lancet e firmato da un pannello di esperti coordinati dalla London School of Hygiene & Tropical Medicine, i benefici della terapia con statine sono stati sottovalutati e i danni esagerati a causa di uno scorretto riconoscimento dei pro e dei contro del trattamento emersi dai precedenti studi randomizzati.
«La ricerca sulle statine, in corso da oltre 30 anni, ha generato una grande quantità di dati da un’ampia popolazione di pazienti» esordisce il primo autore Rory Collins, del Nuffield Department of Population Health alla University of Oxford (Regno Unito), aggiungendo che la revisione su The Lancet spiega come interpretare correttamente le prove attualmente disponibili sull’efficacia e la sicurezza della terapia con questi farmaci. «In sintesi la riduzione del colesterolo di 2 mmol/l – circa 35 mg/dl – ottenuta con una efficace terapia con statine a basso costo come per esempio atorvastatina 40 mg al giorno per cinque anni su 10.000 pazienti sarebbe in grado di prevenire gli eventi cardiovascolari sia in 1.000 persone con malattie vascolari preesistenti (prevenzione secondaria), sia in 500 persone a rischio aumentato per l’età o la presenza di ipertensione o diabete, ma che non hanno ancora avuto un evento vascolare (prevenzione primaria).
Per contro, la terapia potrebbe causare 5 casi di miopatia, una patologia rara che comporta astenia muscolare e mialgie accompagnate da un aumento della creatinchinasi nel sangue, che può aggravarsi fino alla rabdomiolisi se la terapia con la statina non viene sospesa. «Altri possibili eventi avversi potrebbero essere 5-10 ictus emorragici, 50-100 nuovi casi di diabete e fino a 50-100 casi di dolori muscolari» osserva Liam Smeeth, coautore in forza alla London School of Hygiene & Tropical Medicine. Secondo gli autori le statine sono farmaci efficaci e sicuri con un ruolo fondamentale nel prevenire le malattie cardiovascolari, che sono la principale causa di morbilità e di mortalità in tutto il mondo. Conclude Collins: «Anche se ulteriori ricerche potranno identificare piccoli effetti benefici o avversi aggiuntivi, è improbabile che i loro risultati modifichino in modo significativo l’attuale rapporto tra benefici e rischi del trattamento con statine». (fonte Doctor33)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Politica: I moderati cercano una nuova area di consenso condiviso

Posted by fidest press agency su venerdì, 23 settembre 2016

Paola-Binetti“Nella dialettica sempre più accesa tra i leader, o presunti tali, della vasta area del centro destra il tormentone estivo è: con Parisi o senza Parisi? Dilemma che, letto in filigrana, diventa che farà NCD, o meglio ancora Area popolare, che si ostina a stare nell’area di governo, mentre gli altri stanno all’opposizione? Qual è il test per capire se è vero senso istituzionale o semplice attaccamento alle poltrone? Analogamente per il Referendum: il no di Parisi è alla Riforma costituzionale sembra un tutt’uno con il sì a Berlusconi, che lo ha investito di questa nuova leadership con una condizione chiara e forte. Il No al Referendum. Ridurre tutto al solo problema Salvini non rende conto della complessità delle battaglie che si stanno conducendo, anche in modo sommerso e trasversale”.Lo dichiara l’on. di Area popolare Paola Binetti.
“Ma nella confusione generale, che si manifesta con la triste eloquenza dei numeri, sempre più devono emergere alcune questioni di fondo, che da un po’ di tempo sembrano passate in secondo o terzo piano. Che sistema Paese vogliamo, quale cultura di governo consideriamo realmente efficace. Come intendiamo – spiega Binetti – declinare alcune parole forti, per esempio la laicità dello Stato da una parte e la religiosità popolare dall’altro; che senso ha il liberalismo autoreferenziale di chi oggi intende trasformare i desideri in diritti. Come riappropriarci di quella responsabilità sociale di chi crede che l’educazione alla cittadinanza abbia ancora una connotazione forte. Salvini è fuori da molte di queste domande, impegnato in una serie di lotte personali con questo o con quello, quando sembrano fargli ombra, rifiutato o corteggiato a seconda dei momenti e degli interlocutori. Ma – prosegue Binetti – il punto nodale della questione è davvero un altro: Parisi, magari con Berlusconi, stenderà un programma del tipo prendere o lasciare, o ci sarà spazio per una costruzione condivisa di un progetto alternativo al Pd di Matteo Renzi e al M5S di Grillo & co. Che spazio ci sarà in questa nuova area, ad esempio, per un sostegno reale alla famiglia, non solo sul piano economico, attualmente inesistente, ma anche sul piano culturale dei modelli di riferimento, della sua coesione, delle politiche per la genitorialità nella sua forma più naturale: un padre e una madre per ogni bambino. Quanto interesserà a questa area emergente una lotta decisa alle dipendenze, siano esse la cannabis o il gioco d’azzardo, che tanto sembrano piacere a questo governo.. In che misura la politica per le pensioni terrà conto delle nuove generazioni, del loro diritto al lavoro oggi e ad una vecchiaia serena domani. Di – argomenta Binetti – questo vogliamo e dobbiamo parlare, anche perché in Area popolare questi sono i temi della identità differenziale di cui parla Alfano, quando propone sostegno leale al governo, ma senza rinunciare a valori e convinzioni. Non vogliamo sapere che dice o che dirà Parisi su questi temi, vogliamo che si costruisca una nuova area politico-culturale con valori condivisi e non solo con leadership che si contendono la rappresentanza di una identità inespressa”.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »