Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 328

Archive for 9 ottobre 2016

19 Artist Auction Records Set including Adrian Ghenie’s Contemporary Masterpiece Nickelodeon

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2016

adrian-ghenieLondon – Christie’s auctions held during London’s Frieze Week celebrated the very best Post-War and Contemporary Art and confirmed that the global market is strong, totalling £91,092,925 / $115,611,199 / €103,296,512. The week began with the exceptional results for The Leslie Waddington Collection, which sold 100% by lot and 100% by value, and continued with the same momentum throughout. The Post-War and Contemporary Art Evening Auction saw extraordinary results for artists including Adrian Ghenie whose Nickelodeon, a vast, cinematic vision, made a record-breaking figure of £7,109,000 / $9,028,430 / €8,054,497. The week saw 19 artist auction records achieved, including those for Michael Craig Martin, Lucy McKenzie, Henry Taylor, Carol Rama and Pino Pascali, demonstrating that London is undisputed as a global art capital.
‘Francis Outred, Chairman and Head of Post-War and Contemporary Art, Christie’s EMERI: ‘Christie’s results this Frieze Week have proved that the global contemporary art market is very strong, with 100% sold in the Leslie Waddington Collection and 96% sold in the Post War and Contemporary Art Evening Auction; both sales sold for double their low estimates, demonstrating the continued eagerness to acquire works from across the 20th and 21st centuries. The stand-out price for Adrian Ghenie, and the presence of nine telephone bidders for a piece which already had a record estimate, shows the power of contemporary painting to inspire lives and minds around the world today. The record prices for Thomas Schütte and Imi Knoebel confirmed a growing interest and excitement around mid-career artists and the new levels achieved for Carol Rama and Pino Pascali revealed that even posthumously artists careers can continue to be rewritten.’ (photo: Adrian Ghenie)

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

The Trump Tapes

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2016

Donald TrumpThe latest news about Donald Trump’s disrespect for women is sickening. Unfortunately, even with Trump’s fellow Republicans rushing to denounce his words, this is only one of the worst and most recent examples of the GOP’s attitude toward women.From restricting access to women’s health care to blocking legislation guaranteeing equal pay, the Republican majority has a poor record on women’s rights. Our opponent Mark Kirk even called equal pay legislation “sexist” and was caught on his own hot mic calling a fellow senator a “bro with no ho.” We have to stop Trump and the Republicans’ anti-woman agenda at all levels. Chip in right now to flip Illinois blue and take back the Democratic Senate majority.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Bahá’í World News Service-Baha’i International Community

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2016

addis-abebaADDIS ABABA, Ethiopia — Africa has a great contribution to make to the future of world civilization, explains Prof. Techeste Ahderom, representative of the Baha’i International Community (BIC) ‘s regional office in Africa. The BIC is an international non-governmental organization representing the worldwide Baha’i community. Established in 1948, the BIC has offices at the United Nations in New York and Geneva, as well as regional offices in Brussels, and most recently Jakarta and Addis Ababa.The establishment of the Addis Ababa Office BIC (BIC AAO) two years ago was a significant step forward in the Baha’i community’s efforts to contribute to the development and prosperity of the African continent. The BIC AAO works in collaboration with governmental, intergovernmental, and non-governmental entities operating on the African stage for the betterment of society.”We are interested in learning about those burning questions of the African people and our society as well as the issues that the African Union has formally identified as central to the progress of the continent,” says Prof. Ahderom.”Institutions and governments are saying, ‘ We will silence all guns in Africa ‘ and ‘ Without peace there can be no development. But beyond these expressed hopes, we need to learn what these ideas mean in practice and how to achieve them. ”
In this context, working with the African Union has been especially important for the BIC Office. The African Union is an organization which aims to achieve greater unity and solidarity between African countries and citizens.
In January of 2015, the BIC was one of only fifteen faith-based organizations invited to contribute to the African Union’s “Agenda 2063: The Africa We Want”, a document approved by African leaders. 2063 agenda provides a vision and strategy for the continent’s future. It captures the widespread aspirations of the African people to end conflict, establish freedom to pass across borders, realize the rights of women and children, and ensure that prosperity is shared across all populations.”It was very interesting to note that what they intend to achieve in 50 years ‘ time is very much aligned with the vision of the Baha’i Faith — no more wars, conflicts settled, peace in a full sense,” says Prof. Ahderom. “Women will play their rightful role in society. And people will be able to travel across borders without problems.” “There are understandably those who have a deep skepticism and are detractors, but we do not feel that this is the right attitude.” One of the exciting developments of the last two years is that the BIC AAO has been able to work with a number of associates drawn from Baha’i communities across the continent as the Office has focused its energies on engaging in some of the most critical issues facing Africa now: the environment and climate change, inequalities between the rich and poor materially , the equality of women and men, financing for development, universal education, and of course peace and security.The BIC AAO believes that the long-term goals of 2063 Agenda can only be achieved with a commitment to the education of African children and youth. To this end, the Office has chosen to participate in venues dealing with this vital subject and was invited to address participants at the annual Day of the African Child event in June.”Children’s education is a long-term strategy for the African continent. If at an early stage children can be taught the principles of the oneness of humanity and unity in diversity, if intellectual capacity can be cultivated with spiritual qualities, then we can build the future we want, “stated the BIC in a presentation at the event.Commenting further on the topic. Ahderom says, “The long term goal of education and equality in Africa will be built one brick at a time. The short term goal is to end conflict, but the long term vision is to build.”Contributing to the constructive processes in Africa is what Baha’i communities are trying to do as well. We are also early in this process, still at the learning stages. ” Looking into the future, Prof. Ahderom is very optimistic. “Yes there are challenges to be sure, some of the most tremendous challenges. But Africa also has the resources, the ingenuity, and the heart not only to address them but to be a light to the rest of the world. “This is the BIC’s vision for Africa.”

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La BIC guarda con speranza al futuro dell’Africa

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2016

bahaiADDIS Abeba, (BWNS) — L’Africa può offrire un grande contributo al futuro della civiltà del mondo, spiega il professor Techeste Ahderom, rappresentante dell’Ufficio regionale della Baha’i International Community (BIC) in Africa.La BIC è un’organizzazione internazionale non governativa che rappresenta la comunità baha’i in tutto il mondo. Fondata nel 1948, la BIC ha uffici presso le Nazioni Unite a New York e a Ginevra e uffici regionali a Bruxelles e più recentemente Jakarta e Addis Abeba.L’istituzione dell’Ufficio della BIC in Addis Abeba due anni fa è stato un importante passo avanti delle attività svolte dalla comunità baha’i per contribuire allo sviluppo e alla prosperità del continente africano. L’Ufficio della BIC in Addis Abeba lavora in collaborazione con enti governativi, intergovernativi e non governativi che operano in Africa per il miglioramento della società. «Siamo interessati a conoscere le scottanti domande e i problemi del popolo africano e della nostra società che sono stati formalmente identificati dall’Unione Africana come centrali per il progresso del continente», dice il professor Ahderom. «Le istituzioni e i governi stanno dicendo: “Faremo tacere tutte le armi in Africa” e “Senza pace non ci può essere sviluppo”. Ma oltre a esprimere queste speranze, dobbiamo imparare che cosa queste idee significano in pratica e come si possano realizzare». In questo contesto, lavorare con l’Unione Africana è stato particolarmente importante per l’Ufficio della BIC. L’Unione Africana è un’organizzazione che mira a conseguire una maggiore unità e solidarietà tra i paesi africani e tra i loro cittadini.
Nel gennaio 2015, la BIC è stata una delle quindici organizzazioni basate sulla fede invitate a contribuire alla “Agenda 2063 dell’Unione africana: L’Africa che vogliamo”, un documento approvato dai leader africani. L’Agenda 2063 offre una visione e una strategia per il futuro del continente. Coglie le aspirazioni molto diffuse fra il popolo africano di porre fine al conflitto, di sancire la libertà di attraversare le frontiere, di riconoscere i diritti delle donne e dei bambini e di garantire che la prosperità sia condivisa tra tutte le popolazioni.«È stato molto interessante notare che ciò che essi intendono ottenere nei prossimi 50 anni è in linea con la visione della Fede baha’i — non più guerre, i conflitti risolti, pace in tutti i sensi», ha detto il professor Ahderom. «Le donne svolgeranno nella società il loro giusto ruolo. E le persone saranno in grado di attraversare le frontiere senza problemi».«Naturalmente ci sono scettici e detrattori, ma noi non pensiamo che questo sia l’atteggiamento giusto».Uno degli sviluppi emozionanti degli ultimi due anni è che l’Ufficio della BIC in Addis Abeba ha lavorato con numerosi associati appartenenti alla comunità baha’i in tutto il continente, mentre l’Ufficio concentrava le sue energie sull’esame di alcuni dei problemi più critici che l’Africa ha ora: l’ambiente e il cambiamento climatico, le disuguaglianze tra i ricchi e i poveri, la parità tra le donne e gli uomini, il finanziamento dello sviluppo, l’istruzione universale e naturalmente la pace e la sicurezza.L’Ufficio della BIC in Addis Abeba ritiene che gli obiettivi a lungo termine dell’Agenda 2063 siano ottenibili solo se ci si occupa dell’educazione dei bambini e dei giovani africani. Per questo, l’Ufficio ha deciso di partecipare a incontri che affrontano questo tema vitale ed è stato invitato a parlare ai partecipanti all’annuale Giornata del bambino africano in giugno.«L’educazione dei bambini è una strategia a lungo termine per il continente africano. Se i bambini sono precocemente educati ai principi dell’unità del genere umano e dell’unità nella diversità, se le loro capacità intellettuali sono coltivate con qualità spirituali, allora potremo costruire il futuro che vogliamo», ha dichiarato la BIC in una presentazione alla Giornata.Commentando ulteriormente l’argomento, il professor Ahderom dice: «L’obiettivo a lungo termine dell’educazione e dell’uguaglianza in Africa sarà conseguito poco per volta. L’obiettivo a breve termine è la fine dei conflitti, ma la visione a lungo termine è un processo di costruzione.«Contribuire ai processi costruttivi in Africa è quello che anche le comunità baha’i stanno cercando di fare. Siamo all’inizio di questo processo, siamo ancora in fase di apprendimento».Quanto al futuro, il professor Ahderom è molto ottimista. «Sì, le sfide sono sicuramente molte, sono sfide molto difficili. Ma l’Africa ha le risorse, l’ingegno e il cuore non solo per affrontarle, ma anche per diventare una luce per il resto del mondo. «Questa è la visione che la BIC dell’Africa». (foto: bahà’i)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Heritage Marketing, master lecture di Giovanni Criscione a Casa Imbastita

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2016

criscioneScicli (RG) Il patrimonio storico delle imprese come strategia per creare nuovi canali di comunicazione e di vendita. Ne ha parlato giovedì scorso lo storico e giornalista Giovanni Criscione, in una master lecture a Casa Imbastita Relaxbusiness dal titolo “Alle radici del futuro. Heritage Marketing e valorizzazione del patrimonio storico di un’impresa”.Nato nell’ambito della cultura anglo-americana degli anni Sessanta per descrivere le tecniche di mercato e le strategie di vendita attuate da alcuni brand classici, l’Heritage Marketing è approdato in Italia tra la fine degli anni Ottanta e i primi anni Novanta. Da allora è cresciuta la diffusione e l’importanza degli anniversari aziendali, dei musei e degli archivi storici delle imprese con raccolte e collezioni d’epoca, dei libri e delle campagne pubblicitarie incentrate sulla storia di un brand. Sempre più spesso la data di fondazione delle aziende è comparsa nel marchio aziendale. E sono tornati sul mercato prodotti di marchi storici in stile vintage. Non solo. L’Heritage Marketing, grazie alla sua capacità di creare identità distintive, fiducia e coinvolgimento, ha avuto un ruolo chiave nella difesa del Made in Italy e della sua tradizione dalla concorrenza di mercati sempre più competitivi, dall’invasione di falsi e imitazioni a basso costo provenienti dai paesi asiatici. La recessione e la crisi, poi, hanno moltiplicato il valore della storia di un brand, dal momento che l’aumento della volatilità delle imprese ha reso la longevità delle aziende un bene sempre più raro e dunque più prezioso.Ma la consapevolezza delle potenzialità dell’Heritage Marketing, ha spiegato Giovanni Criscione, è ancora bassa tra le aziende. Sopratutto al Sud. In Sicilia, per esempio, solo 7 aziende figurano nel Registro storico delle imprese contro le 568 della Lombardia. Attraverso alcuni casi di successo, il relatore ha mostrato come prodotti di Heritage Marketing, quali gli archivi e i musei d’impresa e le monografie aziendali, possono diventare uno strumento di differenziazione competitiva e una risorsa relazionale, in grado cioè di creare relazioni con i consumatori, gli investitori e gli opinion leader.L’evento era inserito nel calendario degli incontri gratuiti promossi da Casa Imbastita per approfondire temi e argomenti legati al marketing e alla cultura imprenditoriale. (foto criscione)

Posted in Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Commedia “La Sorpresa”

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2016

la-sorpresaRoma Da mercoledì 19 a domenica 23 ottobre 2016,(dal 19 al 22 ottobre alle 21.00, domenica 23 ottobre alle 18.00) il Teatro L’Aura (vicolo di Pietra Papa, 64, Roma), ospiterà l’Ass. Culturale La Pietra Di Luna che porterà in scena la brillante commedia “La Sorpresa”, scritta da Luigi Passarelli e diretta da Vittoria Citerni di Siena. I personaggi di questo esilarante spettacolo saranno interpretati da: Giulia Linari, Michela Maridati e Alessandro Giova. Il testo ha già riscosso grande successo, ottenendo una menzione speciale della giuria al concorso “Una Commedia in cerca di Autori 2015”. Inoltre, il soggetto cinematografico, tratto da questa commedia, è risultato vincitore del “Premio Rosselli 2015”. Un’ironia dirompente, ritmi serrati, una storia divertente e coinvolgente. La commedia degli equivoci dell’amore è servita, considerando la frivolezza che si annida nell’animo umano nel momento in cui le brame individuali soppiantano il valore della fiducia che dovrebbe esistere nei rapporti interpersonali. L’intrecciarsi fra equivoci e bugie farà da sfondo alla storia dei nostri personaggi. Dario, sciupafemmine e donnaiolo incallito, ospita la sua amante Gloria, nella sua casa al mare. Un’intensa fuga d’amore per un intero week-end. Colpo di scena! Improvvisamente, arriva moglie di Dario, Elena. Cosa accadrà? Si creeranno quadretti di illusione e si assisterà al continuo susseguirsi di situazioni paradossali, per un finale tutto da scoprire. Appassionati del teatro e del magico mondo dello spettacolo, se volete trascorrere una serata all’insegna del divertimento e della comicità, non perdete la commedia “La Sopresa”. Vi attendono fragorose risate! A tutti gli ospiti, sarà riservata una vera sorpresa: un piccolo omaggio della linea cosmetica METODO SMOOTH, sponsor dello spettacolo.
La regista Vittoria Citerni di Siena ha dichiarato: “Come disse qualcuno: il teatro è vita. “La Sorpresa” è proprio questo: una commedia degli equivoci, un mix di situazioni surreali e, allo stesso tempo, quotidiane che vi faranno sorridere. Non vi svelo di più, in fondo, è una sorpresa!”. Vittoria Citerni di Siena, classe 1992, vanta all’interno del suo curriculum una carriera internazionale tra Spagna, Inghilterra e Italia. Firma la sua prima regia a diciotto anni, con il cortometraggio 5 MINUTI, scelto in versione teatrale, all’interno di due concorsi, al MACRO Pelanda e al Teatro Lo Spazio di Roma. A questo, si susseguono altre regie, come quella del mediometraggio Io ci Credevo, dei corti Il Risveglio e Il valore della musica, del documentario L’Aquila che non c’è, dello spettacolo teatrale prodotto da Latina Lirica, Vissi d’Arte, vissi d’amore con attori del calibro di Marco Morellini e cantanti come Olga Romanko e Ignacio Encinas. A soli 19 anni, è aiuto regia del film A Dark Rome, in lingua inglese, diretto da Andres Rafael Zabala e prodotto da Farbe Video. A Londra, ha lavorato presso il Finborough Theatre. Ha, inoltre, lavorato con la compagnia teatrale Second Skin Theatre come stage manager ed aiuto regia nello spettacolo Phoenix, andato in scena al Phoenix Artist Club di Londra ed aiuto regia nello spettacolo Tales of Melikmammed, diretto da Andy Mcquade al Chelsea Theatre di Londra. Aiuto regia nel film “L’altra faccia del destino”, diretto da Francesco Spagnolo. Assistente alla regia nello Spot TV per AIP Onlus, diretto da Stefano lodovichi con Paolo Ruffini. Regista di video di automotive per il Brand classic Drive Art. Regista del booktrailer “Progetto AE”, regista dello spot “Think before. POLO.” per il contest internazionale, organizzato da MOFILM per il Brand POLO. Tra i suoi progetti futuri, occorre menzionare: assistente alla regia nel nuovo film dei fratelli Taviani “Una questione privata”; regia del cortometraggio “Plasma”, già vincitore di premi, scritto da Luigi Passarelli; la regia dello spettacolo teatrale “Omicidi tra Coniugi” al Piccolo Cts di Caserta 29 e 30 Ottobre. Ingresso 13.00 + 2.00 (tessera associativa) Ridotto 10.00 + 2.00 (tessera associativa) (foto: la sorpresa)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Leave a Comment »

La startup inglese eve Sleep raccoglie ben 16 milioni di euro nel terzo round di finanziamenti e annuncia il lancio del suo e-commerce in Italia

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2016

startupLONDRA /PRNewswire/ eve Sleep è un’azienda pioniera nel settore delle soluzioni di lusso per il sonno; nata in Gran Bretagna da un’idea di Jas Bagniewski, Kuba Wieczorek, Felix Lobkowicz e James Fryer nel febbario 2015, prevede per il 2017 un fatturato di oltre 45.5 milioni di euro e annuncia il suo ingresso nel mercato italiano. eve Sleep propone un unico prodotto: il materasso, acquistabile solamente online e consegnato direttamente a casa compresso e arrotolato in una scatola.La start up inglese ha raccolto ben 16 milioni di euro in questo terzo round di finanziamenti portati avanti da Woodford Investment Management, e sono dunque in totale ben 20 i milioni di euro ricevuti fino ad oggi da investitori tra cui Octopus Ventures, DN Capital e il canale televisivo inglese Channel 4.
Dal febbario 2015, eve Sleep si è espansa negli USA, in Francia e in Germania rivoluzionando il modo di acquistare uno degli oggetti più importanti per la casa: il materasso, offrendo un servizio più conveniente e un prodotto di altissimo livello a un prezzo accessibile. Grazie a questo round di finanziamenti eve Sleep è ora pronta a entrare in nuovi mercati quali appunto l’Italia, ma anche l’Olanda, la Polonia e la Svizzera.Paul Pindar, che ha portato Capita ad un business di diversi miliardi di euro, ha anch’esso creduto in eve Sleep ed entrerà in azienda in qualità di Presidente del Consiglio di Amministrazione; il suo compito sarà quello di condurre il brand verso il successo globale.Jas Bagniewski, Direttore Generale e co-fondatore di eve Sleep ha dichiarato: ‘Aver chiuso il terzo round a quasi 16 milioni di euro è un segno dell’instancabile lavoro svolto da tutto il team, la qualità dei nostri prodotti e la rilevanza della nostra offerta. I consumatori e gli investitori supportano la nostra visione e siamo molto contenti che Paul entri a far parte di eve Sleep. Siamo inoltre entusiasti di entrare nel mercato italiano con quella che a quanto pare è per l’Italia un’assoluta novità: un e-commerce di materasi in scatola’. Il business di eve Sleep cresce ogni mese del 25%. Ad oggi sono stati venduti ben 34.000 materassi. (foto: startup)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Estero/world news | Leave a Comment »

A Camerino l’universo verde

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2016

camerino orto botanicoCamerino mercoledì 19 ottobre 2016, ore 16.30 presso l’Università, Palazzo ducale, aula Carlo Esposito appuntamento per la scoperta dell’universo verde. Il Sistema Museale dell’Università di Camerino ospiterà l’evento con il seguente programma di massima:
1. in apertura i saluti del Rettore Unicam Flavio Corradini, del Sindaco di Camerino Gianluca Pasqui e della Direttrice del Sistema Museale di Ateneo Maria Chiara Invernizzi.
2. Presentazione del libro ORTI BOTANICI, ECCELLENZE ITALIANE sarà a cura di Franco Pedrotti già docente Unicam e Direttore per tantissimi anni dell’Orto Botanico universitario.
3. Il Dr. Francesco M. Raimondo dell’Università di Palermo relazionerà su L’Orto botanico – l‘Arboreto di Camerino.
4. il Dr. Roberto Canullo dell’Università di Camerino relazionerà su L’Orto botanico quale centro privilegiato per lo studio della biodiversità vegetale.
Note sul libro ORTI BOTANICI, ECCELLENZE ITALIANE, a cura di Marina Clauser e Pietro Pavone (edizione NuoveDirezioni). Il libro, terminato nel settembre 2016, è dedicato agli Orti botanici che sono strutture ricche di storia, cultura e arte, capaci non solo di emozionare il visitatore per il loro fascino ma di fargli conoscere e comprendere l’importanza del regno vegetale, della sua straordinaria diversità, della necessità di preservarne le specie, riprodurle e raccogliere, al contempo, le sfide ambientali. Un mondo che va conosciuto e amato. “Tra gli orti botanici di eccellenza – ha dichiarato la prof.ssa Chiara Invernizzi, Direttrice del Sistema Museale di Ateneo – figura anche l’Orto Botanico dell’Università di Camerino, istituito nel 1828 dal Prof. Vincenzo Ottaviani ed oggi intitolato alla memoria della Prof. Carmela Cortini. Abbiamo quindi fortemente voluto presentare questo importante lavoro anche nel nostro Ateneo nella convinzione che gli orti botanici rappresentino un patrimonio culturale ed educativo di valore inestimabile da salvaguardare”.

Posted in Cronaca/News, Università/University | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Infertilità maschile, l’inquinamento è tra le cause

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2016

ospedale-san-camillo‘Il trattamento dell’infertilità maschile. Cosa c’è di nuovo in urologia e andrologia’ è questo il titolo del convegno ospitato dall’azienda ospedaliera San Camillo Forlanini organizzata dalla Sia, società italiana di andrologia. Il convegno offre ai propri partecipanti due momenti di aggiornamento: il primo riguarda l’infertilità maschile e le possibilità di un suo trattamento mentre il secondo momento riguarda le ultime novità nel campo dell’andrologia e dell’urologia.
L’11 ottobre proprio all’ospedale San Camillo aprirà un ambulatorio dedicato all’infertilità maschile, dove ci saranno degli andrologi che potranno dare all’utenza una risposta multidisciplinare. La Pera: L’inquinamento ambientale tra le cause dell’infertilità maschile
“Oggi qui al San Camillo parleremo di infertilità maschile, di prevenzione, ma anche della terapia che può essere fatta. Il problema dell’infertilità maschile sta diventando sempre più importante perché sono avvenuti dei cambiamenti ambientali e sociali che riducono la fertilità maschile; in particolare l’inquinamento ambientale e il secondo aspetto sociale è che il primo concepimento avviene ad un’età sempre più tarda.” Queste le parole del dott. Giuseppe La Pera a margine del convegno ‘Il trattamento dell’infertilità maschile. Cosa c’è di nuovo in urologia e andrologia’ organizzato dalla Sia, società italiana di andrologia, ospitato presso l’azienda ospedaliera San Camillo Forlanini.
“È importante poter intercettare le patologie sopratutto nella fascia adolescenziale che possono pregiudicare la fertilità maschile. Noi abbiamo fatto uno studio nel comune di Ladispoli e nel municipio di Ostia visitando i ragazzi sia nelle scuole sia attraverso i medici di famiglia e sulla popolazione di queste due aree della regione Lazio abbiamo potuto constatare che un ragazzo su due ha una patologia più o meno grave dell’apparato genitale. Molte di queste patologie possono pregiudicare la fertilità e la sessualità futura. Non solo, ma questi danni innescano poi dei comportamenti pericolosi perché i ragazzi lasciati da soli cercano attraverso internet la soluzione a questo problema. I genitori perdono il controllo sulla salute dei ragazzi perché non li spogliano più dopo i 15 anni.”
Il problema però non riguarda solo i più giovani, ma anche la popolazione adulta. “Abbiamo un tasso di natalità tra i più bassi al mondo – conclude il dott. La Pera – l’infertilitá di coppia riguarda il 15% delle coppie, il 50% di queste infertilità è dovuto al fattore maschile”. Montano: Il seme umano come marker sull’inquinamento ambientale “EcoFoodFertility è un progetto di ricerca multicentrico e interdisciplinare di biomonitoraggio umano volto a comprendere gli effetti combinati dell’inquinamento, degli stili di vita sulla salute riproduttiva maschile quale principale indicatore di salute”, a dirlo è Luigi Montano, urologo dell’Asl di Salerno. “Il progetto nato dalla ‘Terra dei Fuochi’, area fra la Provincia di Napoli e Caserta, divenuta un simbolo in Italia della crisi ambientale e sanitaria, per l’innovativo approccio scientifico proposto, ha sviluppato autorevoli collaborazioni scientifiche in Italia e in Europa e si presenta come un nuovo modello per la valutazione dell’impatto ambientale sulla salute umana e per la prevenzione primaria nelle aree a rischio.
Il seme umano, infatti, come precoce e sensibile marker di esposizione ambientale e sentinella della salute assume un ruolo chiave sia per una più corretta conoscenza del rapporto ambiente-salute sia per lo sviluppo di innovativi programmi di prevenzione primaria, utile ai policy makers. A breve il progetto che è già esecutivo in Campania con i primi risultati pubblicati di recente su Reproductive Toxicology su due aree a diverso impatto ambientale, si svilupperà in altre nove regioni con lo stesso schema: Gela, Taranto, Brescia, Piombino, Monselice, Sassuolo, Valle del Sacco, Bussi sul Tirino. Nella regione Lazio- conclude Montano- le aree di reclutamento soggetti sani 18-40, non fumatori, non bevitori abituali, non esposti professionalmente saranno la Valle del Sacco nel Frosinate, ad alto impatto ambientale, e quella di Ladispoli, a basso impatto ambientale”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

A Copenaghen il Congresso della European Society for Medical Oncology

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2016

copenaghen. Copenaghen. L’Italia spende meno per i farmaci anti-cancro rispetto a Germania e Francia ma ottiene guarigioni superiori in neoplasie frequenti come quelle del seno, del colon-retto e della prostata. In particolare, nel nostro Paese nel 2014 le uscite per queste terapie hanno raggiunto i 2 miliardi e 900 milioni, in Germania 6,2 e in Francia 4,2 miliardi. Il tema della sostenibilità dei nuovi trattamenti è al centro dell’agenda del 41° Congresso della Società europea di Oncologia Medica (European Society for Medical Oncology, ESMO) in corso a Copenaghen. “Finora il nostro sistema sanitario ha retto garantendo l’accesso alle cure a tutti i pazienti, grazie anche ai sistemi di rimborso concordati con l’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) – spiega il prof. Carmine Pinto, presidente nazionale AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica) -. L’intensità dell’innovazione farmaceutica preannuncia l’ingresso sul mercato di molti farmaci salvavita. Siamo di fronte a una rivoluzione epocale che richiede di essere affrontata con visione e decisione. Siamo consapevoli dei vincoli di finanza pubblica, ma questa rivoluzione terapeutica può essere affrontata solo immettendo risorse dedicate. Per questo lanciamo un forte messaggio e chiediamo un incontro al Presidente del Consiglio Matteo Renzi, da sempre attento al tema dell’innovazione – come dimostra il progetto Human Technopole – e alla salvaguardia dell’universalismo del nostro sistema sanitario nazionale, per sviluppare per la prima volta in Italia un Progetto unitario e strategico contro i tumori. Un ‘Patto contro il cancro’, un’alleanza tra Oncologi, Governo e Istituzioni, capace di mobilitare risorse e di dare una risposta concreta alle richieste di 3 milioni di pazienti oncologici italiani, sul modello di programmi già lanciati negli Stati Uniti. Un ‘Patto’ capace di valorizzare l’Oncologia italiana, tra le eccellenze del nostro Paese, e di offrire un significato nuovo all’azione politica in sanità pubblica. L’AIOM è partita da proposte strutturali a lungo termine e nel breve periodo con una proposta concreta: l’istituzione di un ‘Fondo nazionale per l’Oncologia’. La nostra proposta sul Fondo si inserisce quindi in un progetto più ampio, decisivo per milioni di cittadini, il ‘Patto contro il cancro’”. Nel tumore del seno la sopravvivenza a cinque anni in Italia è dell’86,2% (85,3% in Germania, 83,7% in Spagna, 81,1% in UK), nel polmone del 14,7% (13,6% in Francia, 12,6% in Spagna, 9,6% in UK), nello stomaco del 32,4% (31,6% in Germania, 27,7% in Francia, 27,3% in Spagna, 18,5% in UK), nel colon del 63,2% (59,8% in Francia, 59,3% in Spagna, 53,8% in UK), e nella prostata del 89,7% (91,2% in Germania, 90,5% in Francia, 87,1% in Spagna, 83,2% in UK). A livello globale oltre 20 tipi di tumore sono stati trattati con più di 70 nuove molecole lanciate negli ultimi cinque anni, portando così il costo mondiale per i farmaci anticancro a 107 miliardi di dollari nel 2015 con un incremento dell’11,5% rispetto al 2014 (era pari a circa 90 miliardi nel 2011). “Guardando alle prospettive future, secondo stime accreditate – continua il prof. Pinto –, nel 2016 il settore farmaceutico registrerà in Italia uno sforamento del tetto programmato, che sarà difficile ripianare anche ricorrendo agli strumenti oggi in uso”. I costi del trattamento sono aumentati in modo esponenziale: quello giornaliero medio di un farmaco antineoplastico in Italia è passato da 42,20 euro nel periodo 1995-1999 a 203,47 euro nel 2010-2014. Il costo medio di una terapia complessiva è aumentato da 3.853 euro nel 1995-1999 a 44.900 euro nel 2010-2014. “L’incremento – sottolinea il prof. Pinto – va ricondotto anche al fatto che molti nuovi farmaci prevedono la somministrazione fino a progressione di malattia invece che un numero finito di cicli come accadeva con la ‘classica’ chemioterapia. Inoltre nel Continente vi sono gravi disparità in materia di organizzazione sanitaria, oggi acuite dalla forte crisi economica. In particolare queste diseguaglianze interessano i Paesi dell’Est. È necessario un intervento legislativo a livello europeo perché non è più sostenibile la frammentazione tra i singoli Stati membri di diverse valutazioni del costo-beneficio dei farmaci: ciò determina ulteriori differenze, causando variazioni sostanziali nel costo dello stesso trattamento oncologico da un Paese all’altro”. In Italia nel 2016 sono stimate più di 365mila diagnosi di cancro, nell’Unione Europea i nuovi casi registrati sono stati 2.635.222 (anno 2012). A partire dal 2011 si è assistito a una riduzione dei tassi di mortalità globale nella UE (8% tra i maschi e 3% tra le donne) e nel 2016 sono previsti 1.359.500 decessi. “Le proiezioni per il 2016 – conclude il prof. Pinto – confermano il deciso declino di mortalità a livello europeo per il cancro del polmone nei maschi e il suo aumento nelle donne. Un andamento simile si registra anche in Italia con un decremento della mortalità negli uomini del 2,6% annuo dal 1999 al 2016 rispetto a un aumento del 2% fra le femmine, dovuto al preoccupante aumento del vizio del fumo nelle donne”.

Posted in Estero/world news, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Mostra dedicata ad Arturo Dazzi

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2016

dazzi

Roma 16 ottobre 2016 – 29 gennaio 2017 Inaugurazione: sabato 15 ottobre 2016 – ore 18.00 Casino dei Principi, Musei di Villa Torlonia Con il patrocinio del Senato della Repubblica, del MIUR – Ministero dell’Istruzione e della Ricerca, del MIBACT – Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e della Regione Toscana, l’esposizione prenderà il via il prossimo 16 ottobre 2016.
La mostra “Arturo Dazzi 1881 – 1966, Roma – Carrara – Forte dei Marmi”, curata da Anna Vittoria Laghi, racconta l’artista attraverso i legami privilegiati che instaura e coltiva nell’arco della sua vita con tre città italiane: Carrara, città natale e della formazione, Roma alla quale l’artista dovrà popolarità e successo e Forte dei Marmi, il buen retiro dove l’esponente di spicco del nuovo classicismo scultoreo del ‘900, lavorerà ad alcune tra le sue più importanti opere monumentali e dove, infine, si scoprirà pittore ( “La Versilia che mi fece diventare pittore”, aveva scritto Dazzi nell’auto-presentazione della Quadriennale Romana del 1935).
Tra le tre città, sarà dunque proprio la Capitale ad ospitare la mostra con cui la Fondazione Villa Bertelli desidera riportare all’attenzione nazionale una collezione di opere oggi custodite in Toscana e parte della produzione più intima e privata di Dazzi.
Il Casino dei Principi di Villa Torlonia aprirà le porte a circa 60 opere dell’artista, tra sculture, gessi, dipinti e disegni: alcune provenienti da Carrara dalle collezioni dell’Accademia di Belle Arti e da quella della Fondazione Cassa di Risparmio, altre in prestito dagli eredi Dazzi. Il nucleo principale dell’esposizione, invece, è di proprietà del Comune di Forte dei Marmi, a cui le opere sono state donate nel 1987 dalla vedova Dazzi.

dazzi1

A Roma sono molte le opere di Dazzi che si conservano già in collezioni pubbliche e private o si ammirano per la città: dal gruppo bronzeo de I Costruttori del 1907 alla statua del Cardinal De Luca al Palazzaccio, arrivando alla Stele a Marconi, il grande obelisco dell’Eur, passando prima però per una serie di opere eseguite fra il 1922 e il 1930, tra cui Antonella, Sogno di Bimba e Cavallino, in esposizione alla GNAM e alla GAM.
Fino al 29 gennaio 2017, tra le opere esposte nei Musei di Villa Torlonia, direttamente dalla Donazione Dazzi di Forte dei Marmi, sarà possibile ammirare il gesso dell’Adolescente, scultura esposta alla mostra sull’arte italiana a Berna del 1938, che ritrae una fanciulla nuda a figura intera: una Venere Pudica interpretata con la più sincera e genuina umanità in un modellato tenero e sensuale che diviene oggi immagine simbolo della mostra. A questo gesso si affianca il modello originale del Cavallino, la celebre scultura che Dazzi espose nella Biennale di Venezia del 1928 nella sala a lui dedicata e che rappresenta in maniera esemplare la grande capacità di ritrarre “le bellezze della natura” con una sorprendente perfezione anatomica. Il pubblico romano, inoltre, potrà per la prima volta godere di parte di quei modelli e di quei disegni preparatori della Stele, ultima e grandiosa opera che Dazzi realizzerà scegliendo, nonostante l’età, di reinventarsi un nuovo linguaggio, scabro, moderno ed essenziale.
L’esposizione, “unica nel suo genere”, come sottolinea la curatrice, ripercorre le tappe della vita dell’artista attraverso opere e documenti che escono per la prima volta dalle loro sedi. Disposti e organizzati secondo un percorso cronologico, le sculture, i modelli e i bozzetti in gesso, le lettere, gli articoli, i dipinti e i disegni disvelano con uno sguardo inedito il ‘dietro le quinte’ dell’universo di Dazzi.
La mostra “Arturo Dazzi 1881 – 1966, Roma – Carrara – Forte dei Marmi”, che farà parte del programma annuale di attività didattiche della Sovrintendenza Capitolina, è corredata di catalogo, edito Franche Tirature, con il testo critico di Anna Vittoria Laghi e i contributi di Claudio Casini e Brigida Mascitti. (foto: dazzi)

Posted in Uncategorized | Leave a Comment »

‘Sonno e neuroscienze’: medici multidisciplinari a confronto a Roma

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2016

sonnoROMA – Insonnia, apnea notturna, sindrome delle gambe senza riposo: sono disturbi del sonno piuttosto diffusi che possono avere una forte incidenza sulla qualità della vita delle persone e sul loro stato di salute. E’ questo uno dei temi al centro del convegno ‘Sonno e neuroscienze’ organizzato da Assirem-Associazione scientifica italiana per la ricerca e l’educazione della Medicina del sonno e Fondazione Santa Lucia, che si tiene in questi giorni presso il centro congressi dell’Irccs Fondazione Santa Lucia di Roma.
“I disordini del sonno sono molto frequenti. Quello che più colpisce la popolazione è l’insonnia, più della metà delle persone almeno una volta nella vita ne ha sofferto. Ma si può trovare una forma clinica nel 20% della popolazione nazionale– ha spiegato Raffaele Ferri, presidente dell’Associazione Italiana Medicina del Sonno- Accanto all’insonnia c’è il disturbo del respiro durante il sonno, come le apnee, che sono osservate da vicino dalla Ue, che ha costretto tutti gli Stati aderenti a a legiferare sulla concessione delle patenti di guida ai soggetti che ne sono affetti- ha continuato Ferri- perché l’Osas provoca una sonnolenza patologica e quindi un maggior pericolo di incidenti. Assieme a queste ci sono altre malattie poco conosciute, che il paziente stenta a riconoscere, come la sindrome delle gambe senza riposo che colpisce una percentuale del 3-5% della popolazione. È un’insonnia iniziale, una difficoltà ad addormentarsi per la necessità di muovere le gambe in conseguenza di un fastidio, che possiamo ben curare con degli accorgimenti particolari. Poi- ha concluso- c’è una patologia emergente che ha un’incidenza dell’1% ma riveste un’importanza grandissima perché precede frequentemente lo sviluppo di una malattia degenerativa: si chiama ‘Disturbo comportamentale in corso di sonno Rem’ ed è una malattia dell’età anziana che andrebbe riconosciuta”.“Quasi tutte le patologie neurologiche in sostanza hanno ripercussioni sul sonno– ha dichiarato il presidente Assirem, Pierluigi Innocenti- Può essere un sintomo precoce, come ad esempio per le malattie degenerative come il Parkinson. In altre forme il sonno può avere un effetto attivante, come nelle crisi epilettiche. Quindi sicuramente nell’ambito della neuroscienza ci sono molte condizioni interfacciabili con il sonno. I pazienti che vanno in apnea o russano la notte, sono a rischio dal punto di vista cardiocircolatorio e più frequentemente possono avere disturbi cerebrali come l’ictus ischemico”.“Attualmente l’Italia e all’estero non si è attrezzati con percorsi diagnostici e terapeutici ben codificati o offerti dal Sistema sanitario nazionale- ha ravvisato invece Ferri- Questo parte da un problema di fondo che è la formazione universitaria che non è contemplata se non in pochi atenei. La classe medica conosce poco i problemi del sonno. Pertanto l’unica cosa che posso dire è di fare riferimento ai centri di medicina del sonno, i quali possono offrire il migliore approccio possibile. Esiste un sito sonnomed.it, dove c’è un elenco delle strutture e a breve pubblicheremo un albo pubblico di esperti, ognuno con le proprie competenze”.Altro tema centrale del convegno sono le correlazioni dei disturbi del sonno con patologie neurologiche e psichiatriche e l’importanza del sonno nelle neuroscienze per comprendere a pieno il fondamentale ruolo nella gestione e nel recupero di pazienti con patologie neurologiche e psichiatriche. Argomenti sviluppati dai relatori con l’aiuto dei dati di una ricerca svolta sui pazienti in stato vegetativo e su pazienti post coma.
“Abbiamo condotto uno studio su due tipi di pazienti: i pazienti che erano usciti dal coma, per verificare se andavano incontro a disturbi del sonno- ha spiegato Pierluigi Innocenti- e abbiamo voluto verificare se il miglioramento del sonno potesse contribuire anche all’aspetto riabilitativo; su un altro gruppo di pazienti, che erano in stato vegetativo, abbiamo studiato il sonno e ci siamo resi conto che, anche in uno stato di coscienza alterata, se mantengono un pattern del sonno normale, generalmente hanno un’evoluzione clinica più favorevole”.“Stiamo cercando di capire se la valutazione in polisonnografia dei pazienti nei vari stadi ci può aiutare a dare valutazione di tipo prognostico sul recupero dei pazienti- ha spiegato Maria Gabriella Buzzi, medico della Fondazione Santa Lucia e membro di Assirem- Questo potrebbe dirci se sono designati ad avere un recupero significativamente buono rispetto ad altri. Registriamo un’attività cerebrale che si sta riorganizzando e che sta andando verso un recupero. Sono dati importanti perché ci parlano di un cervello che, anche se inconsapevole, lavora per recuperare”. (foto: sonno)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Referendum: Comitati per il NO

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2016

respect-costituzioneRoma. I Comitati per il NO che si sono costituiti a Roma per contrastare la Riforma Costituzionale del governo già da ieri sono presenti in tutti i municipi della Capitale per informare i cittadini sui tanti motivi per cui è assolutamente necessario votare NO alla consultazione referendaria del prossimo 5 dicembre prossimo. In questi giorni stiamo assistendo ad una sovraesposizione sui media nazionali del presidente del Consiglio, Matteo Renzi, che in ogni luogo fa propaganda a se stesso e a queste scellerate riforme.Quello che diremo domani i cittadini romani non lo potranno ascoltare nelle reti nazionali perché viene normalmente censurato come nelle più classiche delle dittature, ed è per questo che a Roma faremo una capillare informazione strada per strada.Di seguito l’ubicazione dei banchetti informativi che saranno presenti sabato mattina dalle ore 10.00 alle ore 13.00. L’iniziativa sarà ripetuta per tutti i fine settimana fino al giorno delle elezioni.
Municipio I Piazza Testaccio, Municipio II Piazza Euclide, Piazza Santa Emerenziana- Municipio VI Via Borghesiana(angolo Via Sant’alessio Siculo)
Municipio VII Piazza Re di Roma, Municipio VIII Mercato Montagnola Via Pico della Mirandola, Municipio IX Mercato Via di Mezzocammino
Viale Europa (davanti TIM). Municipio X Viale Vasco de Gama (angolo Viale Orazio dello Sbirro). Municipio XI Viale Giuseppe Sirtori
(fronte chiesa Santa Silvia). Municipio XII Viale Colli Portuensi (fronte Chiesa di Coromoto), Municipio XIII Piazza Cornelia
Municipio XIV P.zza della Balduina. Municipio XV Ponte Milvio (Collina Fleming), Via Flaminia vecchia (angolo via Nitti)
Via di Valle Muricana (parcheggio Carrefour)

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Ipilimumab ha ridotto del 24% il rischio di metastasi a distanza rispetto al placebo

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2016

tumore gastricoIpilimumab, farmaco immuno-oncologico, ha dimostrato di essere più efficace rispetto al placebo relativamente a tutti gli endpoint di sopravvivenza nello studio di fase III CA184-029 (EORTC 18071) che ha valutato pazienti con melanoma in stadio III ad alto rischio di recidiva dopo resezione chirurgica completa. Nello studio ipilimumab ha significativamente migliorato la sopravvivenza globale (OS), endpoint secondario, con un tasso di sopravvivenza globale (OS) a 5 anni del 65,4% nel gruppo con ipilimumab e del 54,4% nel gruppo trattato con placebo. La sopravvivenza libera da metastasi a distanza (DMFS), endpoint secondario, è migliorata in modo significativo rispetto al placebo e ha registrato tassi a 5 anni del 48,3% e 38,9% rispettivamente nel gruppo con ipilimumab e con placebo. In questa analisi aggiornata a 5 anni, il beneficio di sopravvivenza libera da recidiva (endpoint primario) osservato precedentemente con ipilimumab è stato confermato. Il profilo di sicurezza si è mantenuto in linea con l’analisi iniziale, senza nuovi decessi o segnalazioni sulla sicurezza. I più comuni eventi avversi immuno-correlati di grado 3/4, nel gruppo di pazienti trattati con ipilimumab, erano a livello gastrointestinale (16,1%), epatico (10,8%) ed endocrino (7,9%).
Questi dati saranno divulgati oggi durante la conferenza stampa ufficiale del Congresso della European Society for Medical Oncology e saranno contemporaneamente pubblicati su The New England Journal of Medicine.
“Nonostante l’intervento chirurgico, la maggior parte dei pazienti con melanoma in stadio III manifesta recidiva della malattia e progressione metastatica, rafforzando il bisogno insoddisfatto di terapie sistemiche efficaci in ambito adiuvante” ha affermato Alexander M.M. Eggermont, Direttore Generale del Cancer Institute Gustave Roussy a Villejuif (Francia). “L’impatto di ipilimumab sulla sopravvivenza globale, sulla sopravvivenza libera da metastasi a distanza e libera da recidiva, osservato nello studio -029, offre ai medici nuove conoscenze nel trattamento adiuvante del melanoma”.
Nel melanoma in stadio III la malattia non si è ancora diffusa ai linfonodi a distanza o ad altre parti del corpo e necessita di resezione chirurgica del tumore primario e dei linfonodi coinvolti. La popolazione di pazienti in stadio III è eterogenea e presenta tassi di sopravvivenza tumore-specifica del 78%, 59% e 40% rispettivamente per il melanoma in stadio IIIA, IIIB e IIIC.
“I risultati dello studio -029 sono dati importanti per la comunità scientifica ed evidenziano il nostro continuo impegno nel miglioramento della sopravvivenza in tutti gli stadi del melanoma” ha detto Vicky Goodman, development lead, Melanoma and Genitourinary Cancers, Oncology, Bristol-Myers Squibb. “Ipilimumab è il primo inibitore di checkpoint immunitario a dimostrare un beneficio di sopravvivenza statisticamente significativo nei pazienti ad alto rischio con melanoma in stadio III dopo resezione completa. Con un’ulteriore valutazione dei nostri farmaci immuno-oncologici e di diverse opzioni di dosaggio, siamo impegnati nella ricerca di ogni possibilità terapeutica per il melanoma”.
Il melanoma è un tipo di tumore della pelle caratterizzato dalla crescita incontrollata delle cellule, localizzate nella cute, che producono il pigmento (melanociti). Il melanoma metastatico è la forma più letale della malattia e si manifesta quando il tumore si diffonde dalla sede di origine ad altri organi, come linfonodi, polmoni, cervello e altre aree del corpo. Il melanoma viene classificato in 5 categorie di stadiazione (stadio 0-IV) basate sulle caratteristiche in situ, sullo spessore e ulcerazione del tumore, se il cancro ha raggiunto i linfonodi o si è diffuso ad altri organi. Il melanoma in stadio III è la forma che ha raggiunto i linfonodi regionali, ma non si è ancora diffusa ai linfonodi più distanti o ad altre parti del corpo (mestastasi) e necessita di resezione chirurgica del tumore primario e dei linfonodi locali.
Ipilimumab è un anticorpo monoclonale ricombinante umano che si lega a CTLA-4 (cytotoxic T-lymphocyte-associated antigen-4), che è un regolatore negativo dell’attività delle cellule T. Quando ipilimumab si lega a CTLA-4 blocca l’interazione di CTLA-4 con i suoi ligandi, CD80/CD86. Il blocco di CTLA-4 aumenta l’attivazione e la proliferazione delle cellule T comprese le cellule T-effettrici che infiltrano il tumore. L’inibizione del segnale CTLA-4 può anche ridurre la funzione delle cellule T-regolatorie, che possono contribuire al generale aumento della risposta delle cellule T, inclusa la risposta immune antitumorale. Il 25 marzo 2011, la Food and Drug Administration (FDA) ha approvato l’utilizzo di ipilimumab (3 mg/kg) in monoterapia nei pazienti con melanoma inoperabile o metastatico. Ipilimumab è attualmente approvato per queste indicazioni in più di 50 Paesi. Bristol-Myers Squibb ha un vasto programma di sviluppo clinico per testare ipilimumab in molti tipi di tumore. Per maggiori informazioni, visitate il sito: http://www.bms.com o http://www.bms.it (foto: oncology)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gioia e interesse per un Sinodo sui giovani nel 2018

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2016

vaticanoLa decisione di papa Francesco di dedicare la XV Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi a “I giovani, la fede e il discernimento vocazionale”, nell’ottobre 2018, è stata accolta con gioia e interesse anche dal Movimento dei Focolari e, con accenti particolarmente significativi, dalle sue diramazioni giovanili. Le nuove generazioni sono sempre state essenziali alla vita dei Focolari, nella reciprocità con la componente adulta che accompagna i giovani anche nel discernere il proprio progetto di vita. La scelta di papa Francesco di porre i giovani all’attenzione della Chiesa universale rafforza e rinnova questo impegno.
Le prime reazioni nei giovani dei Focolari dicono gratitudine, speranza e fiducia di una relazione nuova e trasparente tra la Chiesa e i giovani, voglia di dare il proprio contributo. Gloria, Uganda: “È una buona notizia e anche una risposta. La scelta corrisponde a un bisogno. Stiamo già provando a vivere la vocazione non come scelta a sé stante, ma come realtà unita alla fede. E’ il tempo di unificarle nella nostra vita. Siamo contenti che il Papa pensi a noi!”. Ryan, USA: “Bellissima notizia. Se non si offre un ambiente buono ai giovani nella Chiesa oggi, non ci sarà una cultura buona nella Chiesa domani. Penso che papa Francesco voglia lasciare la Chiesa in buone mani. Occorrono buoni pensieri su come vivere la vocazione. E non soltanto rispetto a scelte future: sposarsi, diventare sacerdote, religioso, focolarino… Nella formazione con i Focolari ho imparato a considerare la vocazione anche nel presente, come risposta da vivere fin da subito. Quindi spero che il Sinodo si concentri anche su questo aspetto per lasciare la Chiesa in buone mani”.
Amanda, Brasile: “È stata una sorpresa. Sono sicura che il Papa saprà arrivare a tutti i giovani. Tanti lontani dalla Chiesa si sono interessati della sua enciclica sull’ambiente. Vedo in questo Sinodo una grande opportunità. Se si arriva a tutti sarà fantastico”.
Aileen, India: “Ciò che si apprende dalla Chiesa cattolica nello Stato dove sono cresciuta, si differenzia in alcuni aspetti rispetto a ciò che si impara in un altro Stato. I pensieri divergono, anche se ci sono strumenti comuni come Youcat. La globalizzazione e i social media ci mettono a contatto anche con quanto la Chiesa insegna in altre parti del mondo. La diversità di approccio su questioni importanti può generare confusione in mancanza di una voce chiara. In questo il Papa e la Chiesa universale hanno un ruolo importante, tenendo conto della diversità delle culture. Vedo nel Sinodo una prospettiva bellissima”.
Jorge, Perú: “Nei giovani cresce l’informazione sui problemi della Chiesa, in particolare su temi scottanti: scandali, questione sociale, Chiesa e politica. Sono argomenti che in Perù, ad esempio, creano sempre maggiore distanza tra la posizione del clero e la realtà dei giovani. La notizia del Sinodo mi dà speranza: potrebbe far vedere un volto più umano della Chiesa, con il contributo dei giovani e delle loro idee, utilizzando i mezzi di comunicazione e le reti sociali in maniera trasparente e convergente”.
Dam, Argentina: “Sono cresciuto in parrocchia. Penso che il tema vocazione e giovani avrebbe dovuto essere affrontato anni fa. Oggi siamo nel pieno di una crisi della vocazione in generale: alla famiglia, alla vita religiosa, come cittadini, ecc. Per questo mi sembra di poter dire: congratulazioni per la scelta, anche se tardi”.
Jorge, El Salvador: “La Chiesa ha dimostrato apertura verso i giovani con le Giornate Mondiali. Con papa Francesco penso che si voglia passare dalla teoria alla pratica mettendo al primo posto i giovani. Anche perché dovremo essere noi a trovare soluzioni a un mondo in conflitto. A volte si pensa che noi giovani non siamo capaci di affrontare i problemi, ma assieme a persone con esperienza e maturità arriviamo a delle soluzioni. È come se il Papa ci dicesse: siete pronti per questa sfida”.
José Luis, Brasile: “Chissà come si svolgerà di fatto questo Sinodo. Ma se i giovani potessero in qualche maniera partecipare di persona sarebbe importante. Penso sia desiderio di tutti avere voce attiva in questo Sinodo”.
I giovani dei Focolari godono anche della concomitanza del Sinodo con l’appuntamento che si sono dati a Manila nel luglio 2018, il Genfest, dove convergeranno dai cinque continenti. Jose Luis, Colombia: “È una bellissima coincidenza. Saremo nelle Filippine, in un continente con tanti giovani e guardato con attenzione dal Papa. Questo tempo di preparazione ci farà capire come potremo dare al Sinodo il nostro contributo”.

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cultura Roma: Nasce “Contemporaneamente Roma”

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2016

Dal 10 al 16 ottobre la città in rete. La stagione autunnale della cultura a Roma inaugura con importanti eventi internazionali che nella settimana dal 10 al 16 ottobre 2016 avranno il loro culmine: dalla nuova Quadriennale, alla Festa del Cinema, al Romaeuropa Festival, alla Maker Faire, alla riapertura con i nuovi allestimenti alla GNAM, oltre alle iniziative che animano il MACRO, MAXXI e l’avvio della
realtà aumentata all’Ara Pacis. Sette giorni dedicati alla produzione del contemporaneo tra arte, musica, danza, innovazione, teatro, cinema, attraverso cui romani e turisti possono scoprire nuove prospettive. Per l’Assessorato alla Crescita culturale di Roma Capitale questa è l’occasione per cominciare a dare visibilità ad una offerta sul contemporaneo di cui la città è ricca ma spesso inconsapevole e, in parallelo, porre le basi per avviare collaborazioni tra le istituzioni culturali che si dedicano alla cultura e creatività del nostro tempo. Nasce per questo CONTEMPORANEAMENTE ROMA che in questa prima fase si realizza in una forma avanzata di coordinamento tra i diversi attori protagonisti con il supporto dell’Azienda Speciale Palaexpo, per divenire, dal prossimo anno, ilbrand di un periodo in ottobre che la Capitale dedica al contemporaneo per far emergere il prodotto di nuovi ed avanzati livelli di cooperazione tra operatori istituzionali e non che lavorano alla crescita e alla diffusione della cultura e della creatività contemporanea.
Il fulcro è la 16a Quadriennale al Palazzo delle Esposizioni che riporta Roma e il Palazzo stesso al centro della riflessione sul contemporaneo in Italia. Uno sguardo dal presente verso il futuro che si lega con forza ed efficacia al rilancio della Galleria Nazionale che con il nuovo allestimento della sua straordinaria collezione riafferma il suo ruolo centrale nella produzione artistica del ‘900 e oltre. In tal senso, CONTEMPORANEAMENTE ROMA favorisce l’emersione di un sistema di istituzioni culturali assolutamente unico a livello nazionale. Tempi e storie diverse che oggi confluiscono in un corso nuovo. MACRO, MAXXI, Ara Pacis, Galleria Nazionale, Quadriennale, un insieme di eccellenze assolute che contribuiscono oggi a disegnare un panorama più ampio e stratificato di quella che è la memoria di un lungo presente della Capitale.
A queste si aggiungono poi la Festa del Cinema, il cui stretto rapporto con questo sistema è testimoniato innanzitutto dalla forte e strutturale collaborazione con il MAXXI e il Romaeuropa Festival. Quest’ultimo sempre più legato per la parte di programma più rivolto alla sperimentazione dei nuovi linguaggi al museo MACRO che nella sua sede di Testaccio e in particolare negli spazi de La Pelanda ospita in quei giorni la mostra Digital Life e la straordinaria performance Complete works: Table Top Shakespeare della compagnia Forced Entertainment.
L’insieme di queste iniziative è poi completato dalla Maker Faire, la cui tappa europea si svolge ormai stabilmente a Roma che vanta tra le altre una consolidata collaborazione con la Festa del Cinema e che consente attraverso CONTEMPORANEAMENTE ROMA di creare un ponte tra produzione culturale e creatività applicata che è uno dei temi di più importante riflessione del prossimo futuro.
Dunque, a ottobre 2016, nasce il nucleo di una rete che si amplierà nel tempo per abbracciare altre creatività, produzioni e iniziative culturali, che parlino il linguaggio del presente e raccontino al mondo quanto Roma non sia solo capitale del patrimonio culturale ma anche della vita culturale avvalendosi anche di un sito web, on line da oggi, dedicato e in doppia lingua (italiano e inglese) http://www.contemporaneamenteroma.it.

Posted in recensione, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campidoglio, Nidi: al via domande per iscrizioni fuori termine

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2016

Roma. Garantire un più efficace incontro tra domanda e offerta nell’ambito degli asili nido, tramite l’adozione di due misure sperimentali per il biennio 2016-17 e 2017-18. E’ l’obiettivo della delibera approvata oggi dalla Giunta Capitolina. Il primo intervento offrirà un bando annuale aggiuntivo per l’iscrizione ai nidi comunali. Il secondo provvedimento prevede l’introduzione della facoltà, alle famiglie interessate, di presentare domanda fuori termine per l’iscrizione. Nel complesso si mettono così in campo procedure di efficientamento volte ad agevolare l’accesso ai posti eventualmente ancora disponibili al termine delle procedure ordinarie. “Forniamo in questo modo una nuova ed enorme opportunità alle famiglie e, soprattutto, ai loro bambini che potranno sostanzialmente usufruire dell’estensione di un diritto fondamentale”, commenta l’assessora alla Persona, alla Scuola e alla Comunità Solidale Laura Baldassarre.

Posted in Roma/about Rome, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Campidoglio: revoca procedura di gara

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2016

Roma. La Giunta Capitolina, presieduta dalla sindaca di Roma Virginia Raggi, ha approvato oggi una delibera che autorizza la revoca della procedura di gara relativa al “servizio di gestione documentale degli atti e deliberazioni degli organi di Roma Capitale”. Il bando da 1,2 milioni di euro, indetto nel 2015, non risponde “all’attuale interesse pubblico perseguito dall’Amministrazione capitolina, basandosi su un fabbisogno significativamente sovradimensionato, inattuale rispetto all’oggi e al prossimo futuro, in ragione anche della crescente e sempre più estensiva dematerializzazione della pubblica amministrazione, imposta dalla cogente normativa e, dunque, fortemente diseconomico”.  Pertanto, si provvederà “a una nuova procedura per l’affidamento del servizio”, oppure all’adozione “di possibili soluzioni alternative, quali la reinternalizzazione” del servizio stesso. “Rispetto a quanto accadeva durante le precedenti amministrazioni, è stato deciso di puntare su una completa digitalizzazione dei documenti del Campidoglio”, spiega l’assessore capitolino al Bilancio Andrea Mazzillo, precisando: “questa operazione, che oggi avviamo, favorirà una maggiore accessibilità dei dati, anche in termini di ricerca di atti e deliberazioni, limiterà la stampa su carta e produrrà dei risparmi notevoli per l’amministrazione. L’obiettivo, da ora in poi, è digitalizzare tutto”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Parco Colle Oppio: al via operazioni messa in sicurezza

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2016

Roma. Stanno prendendo il via le operazioni di chiusura, per le ore notturne, dei cancelli del parco di Colle Oppio in modo da garantire maggiore sicurezza ai cittadini e per prevenire ogni potenziale fonte di degrado. Contestualmente è già stato avviato lo sgombero delle persone presenti all’interno dell’area. Le procedure saranno effettuate dalla Polizia Locale e da una pattuglia della Polizia di Stato. L’intervento è stato definito nel corso di un tavolo con l’assessorato alla Sostenibilità Ambientale, con l’assessorato alla Persona, Scuola Comunità Solidale e con l’assessorato alla Crescita Culturale. Nei prossimi giorni verrà, inoltre, messa a punto l’installazione di telecamere in tutto il parco. La Sala Operativa Sociale continuerà a garantire la verifica dei senza fissa dimora. Lo riferisce, in una nota, il Campidoglio.

Posted in Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Quinta edizione di Blue Sea Land

Posted by fidest press agency su domenica, 9 ottobre 2016

mazara_del_valloMazara del Vallo domenica 9 ottobre, dalle ore 9, convegno sul tema “La valorizzazione del pescato – esperienze ed opportunità”, nell’aula consiliare “31 marzo 1946” di Mazara del Vallo. L’appuntamento rientra nella giornata conclusiva della quinta edizione di Blue Sea Land-Expo dei Distretti Agroalimentari del Mediterraneo, Africa e Medioriente. Ad introdurre i lavori sarà l’onorevole Laura Venittelli, responsabile Pd Pesca e Acquacoltura. Subito dopo sono previsti i saluti di Dario Cartabellotta, Dir. Gen. del Dipartimento della Pesca Mediterranea – Ass. dell’Agricoltura, dello Sviluppo Rurale e della Pesca Mediterranea della Regione Siciliana.Molti gli interventi di alto profilo sul tema. Si partirà con Giovanni Asaro, Dir. Gen. della Dir. Regionale Inail Toscana, per poi proseguire con l’on. Basilio Catanoso e Daniela De Luca, Segr. Gen. della CISL Palermo-Trapani. Subito dopo prenderanno la parola Gilberto Ferrari, Direttore di Federcoopesca – Confcooperative, Luigi Giannini, Vice Presidente di Federpesca, Tonino Giardini, Responsabile Nazionale di Impresa Pesca- Coldiretti. In scaletta è previsto poi l’intervento dell’on. Francesco Ribaudo e di Gennaro Scognamiglio, Presidente di UNCI AGROALIMENTARE.A trarre le conclusioni sarà Alessandro Iannitti, Dirigente del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali.
Sarà quindi sottoscritto il protocollo di intesa fra la Fondazione Banco Alimentare e il Distretto Produttivo della Pesca e Crescita Blu.

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »