Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 34 n° 316

Riforma della costituzione e referendum: Quesito

Posted by fidest press agency su lunedì, 10 ottobre 2016

costituzione-de-nicola-de-gasperi_650x447«Approvate il testo della legge costituzionale concernente “disposizioni per il superamento del bicameralismo paritario, la riduzione del numero dei parlamentari, il contenimento del costo di funzionamento delle istituzioni, la soppressione del Cnel e la revisione del Titolo V della parte II della Costituzione, approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 88 del 15 aprile 2016?».Rinviando al titolo della legge di riforma (voluto in previsione della prova referendaria?), obiettivamente il quesito semplifica selezionandoli i molteplici aspetti della riforma; riporta poi pure intenzioni invece di modifiche concrete al testo costituzionale (il contenimento del costo di funzionamento delle istituzioni!): anche a noi appare un quesito che manipola la sostanza della riforma e costruirebbe le basi del Referendum sulla credulità pubblica.Come dovrebbe essere formulato il quesito da sottoporre a un Referendum costituzionale? Cosa dice la legge? Da precisare che l’art. 138 Cost. distingue sotto un profilo sostanziale tra “leggi di revisione della Costituzione” e le “altre leggi costituzionali” (le prime intervengono direttamente modificandolo sul testo costituzionale; le altre si collocano all’esterno del testo per lo più integrandolo).
Ebbene, l’art. 16 della Legge 25 maggio 1970, n. 352 (“Norme sui referendum previsti dalla Costituzione e sulla iniziativa legislativa del popolo”) prevede che “Il quesito da sottoporre a referendum consiste nella formula seguente: “Approvate il testo della legge di revisione dell’articolo … (o degli articoli …………………… ) della Costituzione, concernente ………………………… (o concernenti …… ………………), approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale numero ……… del ……………?”; ovvero: “Approvate il testo della legge costituzionale ………………… concernente …………………… approvato dal Parlamento e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale numero …… del ……………?” (grassetti e corsivi nostri).
Insomma, per una legge di revisione bisogna fare riferimento agli articoli modificati e al loro contenuti, per le altre leggi costituzionali al titolo della legge. Nel Referendum di dicembre l’Istituto De Gasperi non è fautore né del Si per un versoné del No, svolgendo un lavoro di divulgazione e formativo. Insomma non partecipiamo ai conflitti della politica. Tuttavia, mentre ci viene chiesto di esprimere, su materie così eterogenee, un unico si o un unico no, ci viene proposto un quesito che sollecita una risposta a dir poco retorica: alle istituzioni chiederemmo maggiore rispetto per i cittadini quando vengono coinvolti nelle scelte.

Una Risposta a “Riforma della costituzione e referendum: Quesito”

  1. Homepage said

    … [Trackback]

    […] Find More Informations here: fidest.wordpress.com/2016/10/10/riforma-della-costituzione-e-referendum-quesito/ […]

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: