Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 31 n° 321

Quanto sangue ebraico deve ancora scorrere perché si dichiari reato la calunnia secondo cui “la moschea di Al-Aqsa è in pericolo”?

Posted by fidest press agency su sabato, 15 ottobre 2016

vignettaA quanti terroristi verrà permesso di andarsene in giro a uccidere ebrei brandendo questa moderna versione delle calunnie anti-ebraiche medievali, prima che si giudichi oltrepassata la soglia legale dell’”istigazione” all’omicidio?
L’accusa secondo cui lo stato di Israele starebbe tramando per distruggere la moschea di Al-Aqsa o cospirando per alterare lo status quo nel luogo sacro venerato da ebrei e musulmani è una spudorata menzogna. Israele non ha alcuna intenzione di danneggiare la al-Aqsa, e per quanto riguarda lo status quo, se è cambiato negli ultimi tempi è stato a tutto detrimento degli ebrei e dei loro diritti sulla spianata del Monte del Tempio.
Fino a pochi anni fa lo slogan la “al-Aqsa è in pericolo” suonava come una minaccia abbastanza astratta, agitata solo sporadicamente. Ma gli ultimi due anni l’hanno visto diventare una forza trainante che si è tradotta fin troppo spesso in violenza e spargimento di sangue. Decine di terroristi della recente ondata di terrorismo sono scesi per le strade in nome di questa leggenda. Hanno sparato, accoltellato, investito, lanciato pietre e bombe molotov contro gli ebrei perché erano stati indotti a credere, come moltissimi palestinesi, che Israele – che in realtà vieta agli ebrei qualunque minima forma di preghiera sul Monte del Tempio e limita severamente le loro visite al luogo sacro – minacci in qualche modo la moschea di al-Aqsa. L’attentato di domenica nella capitale è stato una diretta conseguenza di questo incitamento all’assassinio, ed è stato preceduto da decine di truci attacchi nella città di Gerusalemme e altrove.
Israele si trova ad affrontare una doppia sfida. In primo luogo, la popolazione palestinese crede davvero a questa calunnia. In secondo luogo, la calunnia va ben al di là dell’istigazione sui social network: dilaga nelle moschee, nelle scuole, nei centri giovanili e domina nei mass-media palestinesi e nelle dichiarazioni dei politici palestinesi, compreso il presidente dell’Autorità Palestinese Mahmoud Abbas (Abu Mazen) che esorta il suo popolo a “difendere” Gerusalemme e la al-Aqsa dagli ebrei che vogliono “profanarla” e “contaminarla”.
Monitorare l’istigazione on-line è importante, ma non basta. Israele dovrebbe affrontare di petto la questione con una campagna di diplomazia pubblica volta a spiegare la realtà sul Monte del Tempio, e la natura e gli effetti della calunnia palestinese. E dovrebbe aggiornare il diritto penale per generare una vera deterrenza. L’azione dovrebbe essere portata su più fronti: Cisgiordania e paesi arabi, ma soprattutto nella zona est di Gerusalemme dove, contrariamente a quanto credono in molti, la maggior parte degli abitanti vuole solo vivere la propria vita in pace sotto il governo israeliano.
La calunnia circa la al-Aqsa rappresenta un’autentica minaccia terroristica, simile a quella posta da razzi e ordigni esplosivi, e dovrebbe essere trattata come tale. (Fonte: Israel HaYom, 10 Ottobre 2016) (foto: vignetta diffusa da Fatah per celebrare l’attentato a Gerusalemme)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: