Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n°78

Archive for 23 ottobre 2016

6th plenary session of China’s Communist Party

Posted by fidest press agency su domenica, 23 ottobre 2016

pechinoThe 6th plenary session of China’s Communist Party’s 18th Central Committee from 24 to 27 October in Beijing will be an important milestone before next year’s 19th Party Congress. The four-day long meeting will be the start for a year of preparations for the event. The coming year will also yield clues as to what extent Chinas President and CCP General Secretary Xi Jinping will be able to position his allies before the upcoming leadership reshuffle in the autumn of 2017.
MERICS President Sebastian Heilmann explains what is at stake. How will XI go about positioning his allies?
Sebastian Heilmann: A large number of key positions in the central party leadership will have to be filled at next year’s Party Congress. This includes at least five positions in the Politburo’s Standing Committee. Chinese party leaders typically promote confidants into key positions at the provincial level to groom them for positions in the Central Committee. These preparations seem to be well underway: within the past six months, more than one third of provincial party secretaries have been replaced.
What about XI himself? Will the meeting provide clues on his successor?
A successor for XI Jinping will not be installed until the 20th Party Congress in 2022. In line with recent tradition, the Party could name an “heir presumptive” at the 19th Party Congress. It could however be in Xi’s interest to leave the question open as long as possible while pushing potential successors into competition and therefore into submission.
Could XI try to stay in power beyond 2022?
Breaking the ‘two-periods-only’ rule for top party and state leaders would be an extremely risky proposal, as it would create severe frictions among China’s political elite. The most likely scenario is that Xi will nominate one or two heir-presumptives next year. There could be one possible exception: I can imagine a scenario in which Xi could use a national economic or security crisis to stay in power for a third term.
BEIJINGIn recent history, Communist Party elders had considerable influence on the leadership transition. How much influence do today’s elder statesmen yield over XI?
XI will make sure to consult them on the future leadership line-up – this has been an important Party norm since the 1980s. But the level of involvement of elders at present is unclear. We have evidence that former Premier Zhu Rongji has offered scathing criticism of recent economic policies in non-public meetings. Former president and party leader Jiang Zemin has long seemed to remain politically passive, either due to ill health or due to corruption allegations against family and protégés. But if they worked in tandem, as they did when they were in office, Jiang and Zhu would be in the position to question Xi’s rigid top-down approach to policy-making and his costly foreign policy ambitions.
How strong are Xi’s own networks? Does he have inner-party rivals?
Currently, I do not see evidence of clearly delineated rival ‘factions’ which dominated Chinese politics from the 1950s to the 1980s. Today, we rather find political patronage and loyalty networks based on shared backgrounds. These networks can be found in any political system. What is unusual currently is the emerging predominant position of Xi Jinping and his closest advisors in policy-making. At the same time, we have seen a weakening of Youth League networks, which provided some powerbase for Premier Li Keqiang.
What are the issues in China in the run-up to next year’s Congress?
This Central Committee meeting will give us clues about China’s political future. The 6th Plenum will authorise establishing a Preparatory Committee for the 19th Party Congress. It will be in charge of an assessment of current policies and recommendations going into the future. China’s leaders face many urgent issues. They have to find ways to reduce industrial overcapacities, especially in the steel and coal sector. They also have to deal with inflated real estate prices as well as with surging levels of public and private sector debt. National security will be another focus. This includes debates on the effectiveness of measures to strengthen societal control.
What is the future of XI Jinping’s anti-corruption campaign?
We will have to see if the anti-corruption campaign will enter a new phase. After thousands of senior cadres were prosecuted and arrested during the past four years, party discipline and accountability appear to have been generally strengthened. Xi saw this clean-up campaign as a matter of life and death for the CCP, but he may decide that the time has come to loosen the pressure on cadres and to give more leeway to ground-up initiative again. This might make it easier to rebuild inner-party compromise and to facilitate more effective policy implementation before next year’s Congress.
How would you describe Xi’s style of governance?
XI Jinping’s style of governance can be characterized as ‘Upgrading Leninism for the 21st century’. Xi in part wants to restore the hierarchical system and ideological discipline of the early decades of the Communist Party. His smart and innovative approach lies in combining these traditional methods with the advanced technological and communicative instruments of the 21st century, from big data-enabled mass surveillance to government-regimented social media or public image campaigns.
Can this centralized leadership style be successful?
From a narrow focus on centralized political control and discipline, Xi has made a lot of progress in the past years. But his approach is much less flexible than the explorative governance under Deng Xiaoping, Jiang Zemin and Hu Jintao, in which many reforms originated in bottom-up initiatives. The centralization of political decision-making under Xi appears to cause outright paralysis in local administrative action and policy implementation. And this local paralysis entails the risk of ultimately producing serial policy failures.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Circular Economy: l’impegno dell’Unione Europea per un’economia circolare

Posted by fidest press agency su domenica, 23 ottobre 2016

torinoTorino Il 24 ottobre 2016, presso l’Aula magna del Campus Luigi Einaudi (lungo Dora Siena, 100 Torino) alle 10 si terrà l’incontro “Circular Economy”, evento che rientra tra le iniziative promosse dall’ufficio di Milano del Parlamento europeo. Questo evento vedrà la collaborazione di Europe Direct, del Dipartimento di cultura politica e società di Unito e della Città di Torino, e si rivolge in particolare al pubblico degli studenti, specialmente i più giovani, per portare attenzione sulle misure adottate a livello europeo per incentivare la transizione dell’Europa verso una economia circolare. Nei sistemi di economia circolare i prodotti mantengono il loro valore aggiunto il più a lungo possibile e non ci sono rifiuti. Quando un prodotto raggiunge la fine del ciclo di vita, le risorse restano all’interno del sistema economico, in modo da poter essere riutilizzate più volte a fini produttivi e creare così nuovo valore. Nel dicembre del 2014 la Commissione Europea ha deciso di porre su un piano più ambizioso la prevista revisione della legislazione europea sui rifiuti, elaborando un pacchetto di misure integrate che non si pongono solo l’obiettivo di ridurre la produzione di rifiuti, ma di promuovere una più generale transizione verso un’economia circolare. «Il nostro pianeta e la nostra economia non sopravvivranno se continueremo a seguire i dettami del “prendi, trasforma, usa e getta”.» ha affermato Frans Timmermans, il vice presidente della Commissione europea. «Le risorse sono preziose e vanno conservate sfruttandone al massimo il potenziale valore economico. L’economia circolare si prefigge di ridurre i rifiuti e proteggere l’intera economia. Ripensiamo il nostro modo di produrre, lavorare e acquistare.»
Il fine dell’incontro è quello di creare uno spazio di interazione e discussione tra esperti del settore pubblico e privato, insieme agli studenti, alimentando così un dibattito critico e costruttivo.All.incontro, che vede coinvolti 300 ragazzi delle scuole secondarie di secondo grado del territorio della Città metrpolitana, interverranno:
Alba Garavet (Europe Direct)
Marinella Belluati (Dipartimento CPS)
Dario Padovan (Dipartimento CPS)
Anna Monticelli (Intesa San Paolo)
Elena De Ambrogio (Città di Torino)
Mercedes Bresso (Europarlamentare – collegio NordOvest)
Brando Benifei (Europarlamentare – collegio NordOvest)

Posted in Cronaca/News, Economia/Economy/finance/business/technology | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Steve Mccurry a Napoli per la mostra Senza confini

Posted by fidest press agency su domenica, 23 ottobre 2016

steve-mccurryNapoli 27 ottobre ore 11.30 al PAN Palazzo Arti Napoli. Anteprima stampa con Steve McCurry (mostra dal 28 ottobre 2016 – 12 febbraio 2017). Steve McCurry è uno dei più grandi maestri della fotografia contemporanea ed è un punto di riferimento per molti, soprattutto giovani, che nelle sue fotografie riconoscono un modo di guardare il nostro tempo. In ogni suo scatto è racchiuso un complesso universo di esperienze e di emozioni e molte delle sue immagini sono conosciute in tutto il mondo. Fin dal 2009, mettendo ogni volta in evidenza un aspetto peculiare della sua produzione fotografica, Civita e SudEst57 hanno dedicato varie mostre al grande fotografo americano, che hanno visto la presenza di oltre 800.000 visitatori. La nuova rassegna allestita nel Palazzo delle Arti di Napoli, oltre a presentare il nucleo essenziale delle sue fotografie più famose insieme ad alcuni lavori più recenti e ad altre foto non ancora pubblicate nei suoi numerosi libri, mette in particolare evidenza la sua attività di fotografo, impegnato “senza confini” nei luoghi del mondo dove si accendono i conflitti e si concentra la sofferenza di popolazioni costrette a fuggire dalle proprie terre. Il tema è purtroppo di grande attualità e Steve McCurry lo ha documentato fin dalla fine degli anni ’70.“Questa mostra, ponendosi sulla scia delle precedenti esposizioni di arte contemporanea internazionale al Pan | Palazzo delle Arti Napoli, è una nuova e interessante iniziativa, oltre che per la valenza artistica delle fotografie, per la forza dei racconti di Steve McCurry. Una narrazione per immagini dell’uomo contemporaneo nel mondo, nella sofferenza e nella violenza della guerra, nella diversità delle culture e delle etnie, in cui la tragica crudezza della vita raggiunge livelli di lirismo intensissimi che uniscono il cuore e l’anima di chi sta dietro e davanti la pellicola. Una lezione di fotografia e di umanità che ha affascinato dal primo scatto reso noto e continua a catturare invitando ad ammirare l’altro con la stessa curiosità e meraviglia del nostro autore” Nino Daniele, Assessore alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli.Promossa dal Comune di Napoli-Assessorato alla Cultura e al Turismo e dal Pan/Palazzo delle Arti Napoli, la mostra è organizzata da Civita Mostre in collaborazione con SudEst57. Media partner dell’evento sono Il Mattino e Radio Kiss Kiss. Biglietti Intero € 11,00 (comprensivo di audioguida) Ridotto € 10,00 per gruppi di almeno 12 visitatori e titolari di convenzioni appositamente attivate (comprensivo di audioguida) Ridotto speciale € 5,00 per scuole e giovani fino a 26 anni (comprensivo di audioguida) Gratuito per minori di 6 anni, 2 accompagnatori per classe e accompagnatore di disabili. Per la prenotazione dell’ingresso è prevista una tariffa di € 1,00 a persona.
(foto: Steve McCurry)

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Miami meets Milano”

Posted by fidest press agency su domenica, 23 ottobre 2016

victor-hotelMiami Beach dal 30 novembre al 4 dicembre, all’interno dell’esclusivo hotel Victor di Miami Beach, in Ocean Drive, nel cuore della grande metropoli si terrà il nuovo appuntamento della Mostra con Sgarbi, Dalì e il Console Generale d’Italia. Verranno allestite opere di talentuosi artisti contemporanei, italiani e stranieri, dando un’impronta cosmopolita alla libera espressione creativa di ciascuno. La mostra ha il contributo di Vittorio Sgarbi, di Josè Dalì, del Console Generale d’Italia, del Sindaco di Milano, del Sindaco di Miami, di Renato Manera della Fondazione Canova, del Presidente dell’Accademia di Belle Arti e molti altri. La mostra si svolge nel contesto della storica manifestazione “Miami Art Basel”, considerata la più importante del settore a livello mondiale, proprio per dare ulteriore visibilità e risonanza alle creazioni presenti in loco. Gli artisti esporranno con i grandi nomi dell’arte: Renato Guttuso, Gino De Dominicis, Filippo De Pisis, Antonio Canova, Mario Schifano, Sandro Chia, Afro, Josè Dalì, Fausto Pirandello, Gillo Dorfles, Dario Fo e molti altri.
L’organizzatore, intervistato per parlare dell’interessante iniziativa, ha spiegato “A fronte del successo e dei tanti apprezzamenti di consenso, ottenuti lo scorso anno, abbiamo deciso di riproporre questo evento, che congiunge simbolicamente Miami e Milano, al motto trainante di rendere l’arte e la cultura accessibili a tutti e di tutelarne al meglio il loro prezioso valore”.
E aggiunge “La mostra offre un ponte di collegamento tra Miami e Milano, che permette poi di innescare una serie di vantaggiose occasioni anche per il futuro. Abbiamo coinvolto le principali rappresentanze istituzionali delle due città, che hanno prontamente fornito il loro contributo in supporto e hanno dato un forte sostegno elogiativo per il lavoro organizzativo, che stiamo portando avanti”.(foto: victor hotel)

Posted in Estero/world news, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Uncategorized | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

47° edizione del Congresso Nazionale della Società italiana di Neurologia

Posted by fidest press agency su domenica, 23 ottobre 2016

veneziaVenezia Fino al 25 ottobre il capoluogo veneto sarà animato da oltre 2.000 specialisti chiamati da tutta Italia per fare il punto sulle più recenti innovazioni in campo diagnostico e terapeutico nel trattamento delle principali malattie neurologiche – dalla malattia di Alzheimer a quella di Parkinson, dall’Ictus cerebrale alla Sclerosi Multipla, dal trauma cranico alla cefalea. Sarà questa inoltre l’occasione per ribadire la necessità di un’efficace risposta assistenziale al paziente neurologico.
In Italia sono oltre 1.000.000 le persone affette da demenza, di cui 600.000 quelle colpite da Alzheimer, mentre circa 930.000 sono i pazienti con conseguenze invalidanti dell’ictus, patologia che ogni anno fa registrare 120.000 nuovi casi. Sempre nel nostro Paese, la Malattia di Parkinson colpisce circa 200.000 persone, mentre all’Epilessia sono attribuiti 500.000 casi, dei quali almeno un quarto con situazioni particolarmente impegnative. In minoranza, ma con un trend in costante aumento, i 90.000 pazienti, spesso giovanissimi, colpiti da Sclerosi Multipla e quelli con malattie dei nervi o dei muscoli. Ma la condizione più frequente è quella della cefalea di cui ha sofferto, almeno una volta nella vita, circa il 90% della popolazione e che richiede, in molti casi, un approccio intensivo e personalizzato, al fine di formulare una diagnosi corretta ed evitare gravi rischi o una severa limitazione delle attività quotidiane.
“Il 47° Congresso della Società Italiana di Neurologia – afferma il Prof. Provinciali, Presidente SIN – rappresenta un evento particolarmente significativo per molte ragioni. Innanzitutto, per la prima volta si svolge a Venezia, a testimonianza della valenza culturale e internazionale dell’evento. Oltre a ciò, è arricchito da oltre duemila delegati, 1200 contributi scientifici e prevede la partecipazione di molteplici professionalità coinvolte nella cura delle malattie del Sistema Nervoso. Di particolare rilievo, inoltre, i contenuti delle sessioni plenarie: gli avanzamenti della ricerca condotta da neurologi italiani che ricoprono ruoli prestigiosi all’estero, le soluzioni gestionali in neurologia proposte da referenti di assoluto prestigio ed infine le novità terapeutiche più significative nel panorama di cura delle malattie del sistema nervoso. Il Congresso Nazionale SIN – conclude il Prof. Provinciali – esprime dunque un vero e proprio auspicio allo sviluppo della cultura e dell’applicazione delle nuove conoscenze in neurologia”.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Picasso. The making of the icon vince la Decima Edizione dell’Art Doc Festival

Posted by fidest press agency su domenica, 23 ottobre 2016

art-docLa giuria del Festival, composta da Orazio Carpenzano, Professore presso la Facoltà di Architettura, Università degli Studi di ROMA “La Sapienza”, Tommaso Casini, Professore di “Museologia, storia della critica artistica e del restauro” presso l’Università IULM. Libera Università di Lingue e Comunicazione di Milano, Claudia Conforti, Professore presso il Dipartimento di Ingegneria dell’Impresa, Università degli Studi di Roma “Tor Vergata”, Alfonso Giancotti, Presidente del Comitato Tecnico Scientifico della Casa dell’Architettura e professore presso la Facoltà di Architettura, Università degli Studi di ROMA “La Sapienza”, Antonella Greco, Presidente di Art Doc Festival e professore presso la Facoltà di Architettura, Università degli Studi di ROMA “La Sapienza” ha deciso di assegnare il riconoscimento a Picasso. The making of the icon “per aver saputo cogliere con efficacia espressiva la straordinaria capacità di Picasso di costruire una mitografia di se stesso, uomo e artista del secolo, trasformando l’immagine vigorosa del suo corpo, l’intensità magnetica del suo sguardo, il suo abbigliamento apparentemente casuale, in strumenti di una trionfale strategia artistica, culturale e commerciale. Sono inoltre state apprezzate l’originalità, la ricchezza e la varietà del materiale di repertorio, in alcuni casi inedito o sconosciuto, sempre inserito con sapienza nella narrazione”.
Il premio per il miglior documentario per la categoria ARTE va a: I Make Art & Non Art regia di Ileana Maria Zaza, produzione Ztlfilm
“per la disinvolta ambiguità creativa che riesce a declinare con leggerezza la sperimentazione dei linguaggi multimediali, che ha caratterizzato la produzione creativa di Patella, soggetto del documentario, con la costruzione mediata di un autoritratto d’artista, realizzato per interposto artista”.
Il premio per il miglior documentario la categoria ARCHITETTURA vince The century of Le Corbusier regia di Juliette Cazanave, produzione: Cinétévé “per la potenza didattica che, prescindendo dalla dimensione illustrativa delle idee innovative, delle utopie urbane e dei temi costruttivi d’avanguardia di Le Corbusier, che ricorrono nei documentari sul Maestro, ha saputo puntare uno sguardo nuovo sulla figura e l’azione progettuale di un mito dell’architettura del XX secolo, mettendo in campo un montaggio interpretativo capace di restituire il dirompente rapporto tra l’architetto e il suo tempo”.
La giuria ha assegnato inoltre due menzioni speciali ai documentari 25BIS (regia di Ila Beka e Louise Lemoine, prodotto da Beka & Partners) “per aver saputo affidare il racconto di un capolavoro dell’architettura moderna, qual è il palazzo di rue Franklin 25bis di Auguste Perret, a fruitori feriali, come il portinaio, che diventa l’interlocutore e l’interprete privilegiato dell’edificio, dei suoi pregi e dei suoi limiti. (foto:art doc)

Posted in Cronaca/News, recensione | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Panizza a Renzi: basta incertezze

Posted by fidest press agency su domenica, 23 ottobre 2016

università roma treDichiarazione di Mario Panizza, Mario Panizza, rettore dell’Università degli Studi Roma Tre e presidente del Crul (Comitato regionale di coordinamento delle università del Lazio): «Ben vengano naturalmente nuovi fondi all’università, capaci di avviare un periodo di rigenerazione positiva dopo anni di compressione delle risorse. I finanziamenti dovranno favorire la qualità della ricerca e della didattica e la promozione di giovani con solide esperienze internazionali. Gli atenei hanno subito tuttavia negli anni anche un altro fenomeno destabilizzante: l’incertezza. I ritardi e i cambiamenti di rotta, giunti talvolta ancora prima del termine di un ciclo, hanno indebolito ogni ipotesi di programmazione, affidando lo sviluppo all’intuito se non all’improvvisazione degli atenei. Le cose sono cambiate e stanno cambiando, ma alcune scelte sembrano ancora instillare il dubbio che l’università non sia capace di autoregolarsi e scegliere per il meglio il suo futuro. Perché si consolidi una classe dirigente pienamente consapevole e capace di governare, è indispensabile garantire la continuità degli impegni e tenere ferme le regole, proprio per misurare le potenzialità di ognuno e verificare il merito su tempi sufficientemente ampi. La soluzione esterna taumaturgica, che risolva le incoerenze interne, non è credibile: più efficace è valutare, attraverso un paziente confronto, quanto ogni struttura sia in grado di produrre ed erogare i fondi in base ai risultati conseguiti».

Posted in Spazio aperto/open space, Università/University | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Più diagnosi di cancro in fase precoce

Posted by fidest press agency su domenica, 23 ottobre 2016

Cancro-sintetizzata-molecola-che-blocca-proteina-tumoraleRoma Pazienti curati a casa sotto stretto controllo specialistico, ‘decongestionamento’ degli ospedali che vanno utilizzati solo per i trattamenti più complessi e stretta collaborazione con i medici di famiglia nella gestione delle visite di controllo (follow up). I vantaggi delle reti oncologiche regionali sono evidenti e si traducono nella possibilità per tutti di accedere alle cure migliori in modo uniforme sul territorio e in risparmi consistenti per il servizio sanitario nazionale. Ma oggi in Italia sono attive solo in sei Regioni: in Piemonte, Lombardia, Toscana, Trentino, Umbria e Veneto. E ognuna funziona con caratteristiche differenti. Lavori in corso in Emilia-Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Sicilia e Alto Adige. Assistiamo invece alla totale assenza di questi network in Abruzzo, Campania, Calabria, Basilicata, Marche, Molise, Puglia e Sardegna. L’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM), il Collegio Italiano dei Primari Oncologi Medici Ospedalieri (CIPOMO) e l’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali (AGENAS) hanno stilato un documento per definire le caratteristiche fondamentali delle Reti. Di Linee Guida per la costituzione delle Reti oncologiche Regionali e dell’analisi della realtà italiana si discuterà oggi al Ministero della Salute nel convegno nazionale “Le reti oncologiche regionali: situazione attuale, problematiche, prospettive”. “È indispensabile – spiega il prof. Carmine Pinto, presidente nazionale AIOM – la presenza di un’autorità centrale denominata ‘Coordinamento delle rete oncologica regionale’ in grado di governare i collegamenti tra le diverse strutture, la pianificazione dell’uso delle risorse, la definizione e valutazione dei percorsi dei pazienti per le diverse neoplasie. Serve inoltre la diffusione nel territorio di punti di accesso alla Rete oncologica in grado di prendere in carico rapidamente il singolo caso assicurando la regia e le indicazioni nei diversi passaggi dell’intero percorso di cura. L’organizzazione in rete deve inoltre prevedere un approccio multidisciplinare e multiprofessionale. Da molti anni si parla di questi network, in realtà solo poche Regioni hanno realmente intrapreso un percorso per la loro attivazione. Il documento stilato da AIOM, CIPOMO e AGENAS definisce i criteri minimi e indispensabili a cui dovrebbero attenersi, anche se oggi nessuna delle Reti esistenti li soddisfa completamente. Presenteremo il documento in tutte le Regioni perché le singole realtà locali siano stimolate ad attivare un percorso virtuoso in questo senso”. Un sistema di rete può garantire una uniformità di trattamenti sul territorio, un aumento della qualità delle cure attraverso l’accesso alle migliori terapie indipendentemente dal luogo di residenza, lo sviluppo ulteriore dell’attività di ricerca e la sostenibilità economica del sistema. Importanti i risparmi anche per i pazienti che non saranno costretti a spostarsi per trattamenti che possono essere eseguiti a casa o vicino al domicilio. “I punti di accesso alla Rete identificati e accreditati – sottolinea il prof. Giordano Beretta, segretario nazionale AIOM – funzioneranno da regia della gestione del caso riferendolo al percorso definito sulla base dei Percorsi diagnostici terapeutici assistenziali (PDTA), concordati e periodicamente aggiornati a partire dalle Linee guida delle società scientifiche nazionali e internazionali. La rete si deve orientare anche verso la medicina generale nella programmazione del follow up, degli interventi riabilitativi e delle cure palliative, con un coinvolgimento dei distretti territoriali, dei medici di medicina generale e delle associazioni dei pazienti. È inoltre necessario disporre di sistemi di passaggio delle informazioni che rendano semplice lo spostamento tra i diversi nodi della Rete. Indispensabile quindi un percorso di informatizzazione che consenta l’accesso a tutti i dati clinici nei vari punti coinvolti dal percorso assistenziale. La strutturazione in Rete può inoltre razionalizzare l’impiego delle tecnologie e delle professionalità, ottenendo anche una ottimizzazione dei costi, e può migliorare la partecipazione a studi clinici e la diffusione delle possibilità terapeutiche innovative a tutti i pazienti”.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Goa: BRICS, alleanza sempre più stretta

Posted by fidest press agency su domenica, 23 ottobre 2016

goaIl summit dei Paesi BRICS a Goa, India, tenutosi il 16 ottobre scorso segna un ulteriore passo avanti verso la creazione di una più stretta alleanza istituzionale tra i suoi membri. E’ indubbiamente la dimostrazione concreta che gli indebolimenti interni ai singoli Paesi e i tentativi esterni di destabilizzazione non hanno avuto gli effetti paralizzanti che certi interessi geopolitici si auguravano.
La Dichiarazione finale del summit afferma che i BRICS rappresentano “una voce influente sullo scenario internazionale capace anche di generare effetti positivi tangibili per i propri popoli”. Essi “contribuiscono grandemente all’economia mondiale e al rafforzamento dell’architettura finanziaria internazionale” anche attraverso i nuovi organismi come la Nuova Banca per lo Sviluppo (NDB) e l’Accordo per la Riserva di Contingenza (CRA) . Ciò dovrebbe agevolare la “transizione verso un ordine internazionale multipolare”.
Tale prospettiva si affianca alla denuncia dei “conflitti geopolitici che hanno contribuito al clima d’incertezza dell’economia globale”, in quanto lo sviluppo e la sicurezza sono strettamente collegati, direttamente proporzionali e determinanti per sostenere una pace duratura. Al riguardo si ribadisce il sostegno al ruolo centrale dell’ONU come unica organizzazione multilaterale universale capace di lavorare per la pace, la sicurezza, lo sviluppo, la solidarietà e la tutela dei diritti umani. Tale sostegno è una scelta importante, per certi versi stridente con lo stesso silenzio dell’ONU rispetto a situazioni di crisi, come quelle in atto in Siria e in Nord Africa.
Si afferma con forza che “le politiche monetarie da sole non possono condurre ad una crescita bilanciata e sostenibile”. Si sottolinea perciò “l’importanza dell’industrializzazione e di efficaci misure finalizzate allo sviluppo industriale, che sono le fondamenta di una trasformazione strutturale”. In questo contesto l’innovazione tecnologica, si evidenzia, è centrale.
Durante la riunione del BRICS Business Council, formato da 25 importanti industriali, tenutosi il giorno prima del summit, i capi di governo dei BRICS hanno parlato con un linguaggio ancora più chiaro. Il presidente cinese Xi Jinping ha detto che l’economia mondiale langue nel mezzo di una “ripresa incerta e volatile”. E’ perciò necessario, ha aggiunto, che, dopo i successi dei passati dieci anni, i BRICS rafforzino la loro partnership.
A sua volta il primo ministro indiano Narendra Modi ha aggiunto che tale crescente e positivo rapporto tra i Paesi BRICS deve rafforzarsi con la creazione di nuove istituzioni e organizzazioni comuni, tra cui una propria Agenzia di rating, un Centro di ricerche agricole e quello per le infrastrutture e i trasporti ferroviari.
Il presidente russo Vladimir Putin, da parte sua, ha indicato una strategia comune per una nuova linea di cooperazione e di investimenti che colleghi le attività del Business Council con quelle della Nuova Banca di Sviluppo. L’intento è quello di rendere più operativi gli imprenditori privati. Molti dei quali, con l’occasione, hanno partecipato alla grande Fiera Commerciale di New Delhi dove sono stati presentati i nuovi prodotti tecnologici e industriali realizzati nei rispettivi Paesi
Noi pensiamo che nel prossimo futuro il mondo occidentale potrebbe essere sorpreso dai molti nuovi progetti realizzati congiuntamente dai BRICS in vari campi tecnologici.
I capi di governo dei BRICS hanno ribadito gli accordi e gli impegni presi al summit del G20 di Hangzhou in Cina all’inizio di settembre. In particolare hanno rinnovato l’impegno a lavorare con più decisione nel G20 per progetti di importanza globale, come l’Iniziativa per lo sviluppo dell’Africa e la definizione dei una più giusta ed equa governance del Fondo Monetario Internazionale.
Ci sembra che, anche in relazione al ruolo, sempre più incisivo, dei BRICS, l’Unione europea dovrebbe avviare con maggiore convinzione rapporti più stringenti con detti Paesi. Sarebbe il modo più concreto ed efficace di contribuire ad accelerare la ripresa economica globale, la crescita delle regioni in ritardo di sviluppo e, ovviamente, la realizzazione dell’indispensabile stabilità politica internazionale quale presupposto per una pace mondiale duratura. (Mario Lettieri già sottosegretario all’Economia * e Paolo Raimondi economista)

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nasce a Desenzano del Garda la cardiologia a KM Zero

Posted by fidest press agency su domenica, 23 ottobre 2016

desenzano-del-gardaLa cardiologia a km zero parte da Desenzano del Garda. Il Basso Garda presenta le caratteristiche ideali, per organizzazione territoriale e dimensioni, per curare subito i pazienti colpiti da malattie cardiovascolari integrando ospedale e territorio, con grande beneficio per i cittadini e risparmi per il servizio sanitario. Il fattore cruciale è rappresentato dalla rapidità di intervento e in quest’area è possibile un “sistema territorio” che veda l’alleanza efficace tra cittadini, medici di medicina generale e ospedale per garantire l’accesso immediato a cure che devono essere disponibili ai primi sintomi. In provincia di Brescia ci sono oltre 200.000 cittadini che, con vario grado di disabilità, sono colpiti da malattie croniche cardiovascolari, che hanno anche un forte impatto sulla spesa sanitaria. Alle nuove prospettive nella cura di questi pazienti è dedicato il convegno “La sfida del cardiologo alla cronicità, aggiungere qualità agli anni”, oggi e domani a Desenzano del Garda (Hotel Acquaviva). “Un ricovero per scompenso cardiaco costa al Servizio Sanitario Nazionale circa 3.200 euro, per fibrillazione atriale 1.800 euro, per angina pectoris con conseguente intervento di angioplastica circa 5.000 euro – afferma il prof. Claudio Ceconi, direttore della Cardiologia all’Ospedale di Desenzano -. Diminuire le riacutizzazioni ottimizzando le cure e i tempi del ricovero significa non solo risparmiare risorse, ma anche migliorare la qualità di vita del paziente che può continuare la propria attività lavorativa. Il nostro territorio rappresenta la palestra ideale per realizzare la cardiologia a km zero. Ospedali piccoli e locali possono diventare virtuosi ed essere esempi a livello nazionale. Le risorse liberate vanno poi reinvestite in altri momenti della continuità assistenziale. Ovviamente le necessità più complicate troveranno risposte nei centri a più ampio volume”. Le principali malattie cardiovascolari sono rappresentate da infarto (quasi 3.000 nuovi casi ogni anno in provincia di Brescia), fibrillazione atriale (oltre 15.000 persone vivono con la diagnosi in provincia di Brescia) e scompenso cardiaco (circa 4.500 ricoveri annui in provincia di Brescia), che costituisce anche la più importante voce della spesa sanitaria ospedaliera. Ogni anno infatti, a carico del Servizio Sanitario Nazionale, le uscite per i ricoveri per scompenso cardiaco sono pari a 545 milioni di euro. Il paziente con un sintomo cardiologico (ad esempio dolore o mancanza di respiro) dovrebbe avere il primo contatto con la struttura sanitaria entro pochissimo tempo dai sintomi iniziali. “E l’ospedale – continua il prof. Ceconi – dovrebbe farsi carico del paziente portandolo subito al trattamento, necessariamente entro 2 ore, idealmente in meno di 60 minuti. Queste scadenze possono essere rispettate in un territorio come quello di pertinenza dell’Azienda ospedaliera di Desenzano del Garda, a differenza delle grandi metropoli o, purtroppo, di territori più disagiati”. “Varie Regioni – continua il prof. Ceconi – hanno promulgato Piani Sanitari e Decreti di Riordino dell’assistenza sanitaria che interpretano i cambiamenti epidemiologici delle cardiopatie. Vent’anni fa il modello era basato su Aziende Ospedaliere organizzate per trattare ‘l’acuzie’, ovvero con grandi strutture che ‘aspettavano’ i pazienti. Oggi i sistemi si stanno adattando alla gestione della cronicità, della multimorbidità, delle problematiche della disabilità correlate all’età, della restrizione di risorse. Il modello che si sta delineando deve trovare un’integrazione multidisciplinare e strutturata con il territorio, dove medici di medicina generale, cardiologi e internisti collaborano in un sistema paritario”. Il Convegno è l’occasione per un’analisi a 360 gradi delle sfide immediate nei principali settori della medicina cardiovascolare (scompenso, cardiopatia ischemica, ipertensione arteriosa, etc…). “Nella prima parte dell’evento interverranno massimi esperti nazionali e mondiali a fare il punto, in modo multidisciplinare, sulle più avanzate conoscenze in cardiologia – conclude il prof. Ceconi -. Poi studieremo in modo concreto come applicare queste conoscenze nella nostra realtà locale e lo faremo in quattro gruppi di lavoro, study session, in cui si confronteranno in modo paritario cardiologi, internisti e medici di medicina generale su temi che spazieranno dalla gestione della terapia antiaggregante nel territorio a ‘cosa fare’ del paziente dimesso con diagnosi di scompenso cardiaco”. (foto: fonte wikipedia)

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Il referendum decide il futuro del centro-destra

Posted by fidest press agency su domenica, 23 ottobre 2016

referendum«Il referendum non si decide nel centrodestra ma è il centrodestra che si decide con il referendum». Lo ha detto il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni, intervenendo all’iniziativa “Un referendum per l’Italia. Le ragioni del no” promossa da Mario Mauro e in corso a Roma. ‎‎«Il voto sulla riforma di Renzi è una grande occasione, per la simbologia e per il merito che ha, ‎per capire quali sono effettivamente le posizioni in campo e per vedere se ci sono i margini per superare quegli errori di posizionamento che pezzi di centrodestra hanno fatto in passato. ‎Ciò che è accaduto alle ultime amministrative di Roma ci insegna che ai cittadini non piacciono le ammucchiate. In politica uno più uno non fa necessariamente due: quello che in politica fa due è la chiarezza delle posizioni e dei contenuti e la credibilità delle persone. E i cittadini di centrodestra non vogliono che noi si dia una mano a Renzi perché lui è la negazione di tutto quello in cui noi crediamo», ha aggiunto Meloni.

Posted in Politica/Politics, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

A novembre manifestazione a Roma dei docenti dimenticati

Posted by fidest press agency su domenica, 23 ottobre 2016

Pacifico marcelloIl giovane sindacato ha deciso di tornare in piazza, dopo aver preso atto della volontà dell’esecutivo di non volere andare incontro alle necessità della scuola, degli alunni e del personale docente abilitato. L’unico pensiero del ministro dell’Istruzione, Stefania Giannini, è la “soppressione definitiva delle GaE”: peccato che l’80 per cento dei 100mila supplenti che annualmente si legano alla scuola con una supplenza su posto libero, viene chiamato già oggi dalla seconda fascia delle graduatorie d’istituto che i nostri governanti non vogliono considerare utile per le assunzioni a tempo indeterminato e che, ben presto, non sarà utile neppure per le supplenze: chi ha svolto oltre 36 mesi non potrà, infatti, andare più a ricoprire cattedre libere per l’intero anno scolastico. Marcello Pacifico (Anief-Cisal): l’Italia sta travisando il senso delle direttive UE e della Corte di Giustizia europea che intendono la soglia dei tre anni di servizio, pure non continuativo, un limite oltrepassato il quale si viene assorbiti nei ruoli dello Stato, anziché una barriera temporale che respinge il lavoratore. In questo modo, si allontanano i docenti già formati e, nel frattempo, si costringono le scuole a rivolgersi a docenti inesperti e non abilitati. Per questo, è arrivato il momento di farsi sentire: Anief, nelle prossime settimane, ha intenzione di chiamare a raccolta tutti gli esclusi dal piano di assunzione del governo con una manifestazione nella capitale. L’esecutivo deve, infatti, assumere i docenti come si fa nel resto d’Europa, dove un docente abilitato non viene respinto dalla scuola ma assorbito sui posti liberi: da noi in Italia, invece, i posti ci sono ma li teniamo in ‘naftalina’ dichiarandoli non totalmente liberi. Così la supplentite rimane cronica.

Posted in scuola/school | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

TriestEspresso Expo supera quota 12.500 visitatori

Posted by fidest press agency su domenica, 23 ottobre 2016

triestespressoTrieste Il mondo in fiera. Questo è quello che si è vissuto nel Porto Vecchio di Trieste durante la tre giorni di TriestEspresso Expo 2016. Trieste Capitale del Caffè non è solo un marchio ma una realtà concreta. Il popolo del chicco si è dato appuntamento anche quest’anno alla fiera biennale internazionale più importante dedicata all’espresso. Espositori e visitatori provenienti dai cinque Continenti hanno fatto affari, parlato, analizzato, studiato il caffe, le novità e i cambiamenti che nel settore ci sono stati negli ultimi tempi.
E l’obiettivo è stato raggiunto con un tasso di crescita in termini di visitatori del +16%, passando dai 10.782 visitatori del 2014 agli oltre 12.500 di quest’anno. Doppio record quindi, con 202 espositori e oltre 12.500 visitatori: un trend di crescita che si è percepito fin dal primo giorno di TriestEspresso Expo 2016. Una fiera specializzata ha proprio questo obiettivo, quello di far affluire professionisti da tutto il mondo, dando loro modo di conoscersi, stringere accordi, creare business ed economia. Le ricadute per Trieste sono notevoli in termini di visibilità, conoscibilità internazionale e economica. Su tali linee si è mossa Aries-Camera di commercio di Trieste assieme all’Associazione Caffè Trieste nel mettere a punto una edizione 2016 da incorniciare.”Ancora una volta di più è stato dimostrato quanto le manifestazioni specializzate di qualità portino grande valore in città – commenta il commissario straordinario della Camera di commercio di Trieste, Antonio Paoletti – e quanto sia necessario un contenitore polifunzionale stabile dove realizzarle. La fiera ha avuto degli ottimi risultati, ma ne ha guadagnato notevolmente Trieste. Tutte le maggiori aziende hanno convogliato qui i loro agenti, i migliori clienti, organizzando incontri e cene che hanno riempito hotel e ristoranti, fatto lavorare come poche volte accade taxi, agenzie di viaggio e trasporti. Insomma, eventi così portano lavoro e ricavi diffusi e vanno incrementate. L’appuntamento con TriestEspresso Expo sarà tra due anni, nel 2018, auspicabilmente in Porto Vecchio, in quello che dovrebbe divenire il contenitore stabile delle esposizioni che nella città di Trieste, e il primo tassello davvero pulsante di un comprensorio che diventerà nei prossimi anni una parte fondamentale della città. E per arrivare a questo serve il contributo delle istituzioni, dalla Regione al Comune, all’Autorità Portuale”.Il vincitore della Espresso Italiano Champion non parla la lingua del Belpaese, ma il coreano a dimostrazione che la globalizzazione e la cultura del caffè non hanno più confini. Due dei libri dei triestini Franco e Mauro Bazzara, “La filiera del caffè espresso” e “Cappuccino Italiano Latte art” sono stati appena pubblicati in lingua russa, rendendo così accessibile la cultura italiana del caffè anche a professionisti e amanti dell’espresso in Russia e i Paesi limitrofi, dopo essere già stati editati in italiano, inglese, thailandese, cinese e a breve in spagnolo.
Un centinaio i giornalisti presenti in fiera e provenienti anche da Slovenia, Austria, Serbia, Croazia, Russia, Filippine, Stati Uniti, Vietnam Germania, Thailandia, Giappone, Inghilterra, Polonia, Repubblica Ceca, Australia Ungheria e Italia.”Abbiamo puntato qualità dell’offerta: la forte selezione effettuata sul fronte degli espositori – ha commentato il direttore di Aries, Patrizia Andolfatto – ha elevato la qualità della manifestazione e degli stand allestiti. La forte attrattività delle imprese che esponevano hanno attirato operatori di settore particolarmente importanti”.
TriestEspresso Expo è organizzata da Aries – Camera di Commercio di Trieste in collaborazione con l’Associazione Caffè Trieste, con il patrocinio dell’Autorità Portuale di Trieste, il sostegno di UniCredit, e il supporto dell’International Coffee Organization, della Federazione Italiana Pubblici Esercizi, dell’Italian Coffee Association, della Speciality Coffee Association of Europe e dell’Istituto Nazionale Espresso Italiano.(foto: TriestEspresso)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Terapia diadica all’Ido

Posted by fidest press agency su domenica, 23 ottobre 2016

Per l’Istituto di Ortofonologia (IdO) di Roma la terapia diadica è già una tradizione. “Sono anni che la usiamo in ambito terapeutico, sia come terapia con il singolo bambino che nelle situazioni di gruppo attraverso il progetto ‘Mamme a bordo’”, afferma Magda Di Renzo, responsabile del servizio Terapie dell’IdO.
Il concetto “fondamentale della diadica, come viene attuata anche in Israele, con cui abbiamo avuto importanti scambi, è di aiutare il genitore a sintonizzarsi con il bambino, migliorando la sua capacità di interpretare i comportamenti del figlio. La terapia diadica infatti migliora l’insightfulness, quella ‘comprensione empatica’ che sostiene il genitore nell’imparare a guardare il mondo interiore dal punto di vista del bambino coinvolto ad esempio in un disturbo dello spettro autistico”.
La terapia diadica proposta dall’Istituto di Ortofonologia è, inoltre, “legata a un approccio di fondo, che prevede sempre la presenza attiva del terapeuta non solo come contenitore mentale, ma anche come attivatore dell’esperienza”.
Di Renzo chiarisce la diadica portata avanti dall’IdO: “Il terapeuta stimola il gioco e interviene nella dinamica madre-bambino per facilitare la comunicazione tra i due. Inoltre, è previsto un momento di riflessione in cui è possibile rivedere l’interazione con il genitore. La riflessione è importante perché facilita maggiormente il cambiamento. Quindi, piuttosto che essere solo osservatori e interpreti, i terapeuti dell’IdO entrano nella dinamica genitore-bambino per favorire nuove interazioni”.
LA TERAPIA DIADICA NELL’AUTISMO. Nell’autismo la terapia diadica prevede la presenza, nel setting terapeutico, della madre e del bambino. Nel modello israeliano il setting è concepito in una seduta madre-bambino, una seduta padre-bimbo e una terza seduta con entrambi i genitori soli con il terapeuta per parlare delle interazioni. Il modello dell’IdO prevede invece un setting individuale con una seduta con la madre, una con il padre e una con il bambino solo con il terapeuta. Successivamente, c’è una seduta con entrambi i genitori per osservare anche le differenti interazioni del bambino”.
I GENITORI SONO UNA RISORSA – “La terapia diadica è un intervento che mira a sostenere i genitori- puntualizza Di Renzo-, considerati i principali interpreti nella relazione con il bambino. Lungi dall’essere una colpevolizzazione, è al contrario una valorizzazione delle risorse presenti. Non è però una sorta di parent training- sottolinea la responsabile dell’IdO-, non sono delle indicazioni che si danno al genitore apriori, sono invece indicazioni che nascono dall’osservare la sua relazione. Guardiamo l’interazione con il bambino e aiutiamo il singolo genitore a migliorare la sua relazione con suo figlio. Si apre tutta una riflessione sugli stili di attaccamento in una visione sempre psicodinamica”.
Nel progetto terapeutico evolutivo Tartaruga “utilizziamo soprattutto il progetto ‘Mamma a bordo’, ovvero il lavoro congiunto madri-bambini, e anche la terapia diadica nei casi in cui riteniamo che sia positiva. Nell’autismo- conclude Di Renzo- preferiamo la gruppalità perché, creando più livelli di integrazione, è un aiuto maggiore”.
MAMME A BORDO – ‘Mamme a bordo’ è il progetto terapeutico dell’IdO nato per lavorare sulla dinamica relazionale madre-bambino e facilitare, attraverso la condivisione ludica, la sintonizzazione affettiva. Aiuta i genitori a riconoscere i bisogni reali del bambino per poi rispondere adeguatamente alle sue esigenze. Coinvolge i bambini fino ai 3 anni di età con disturbi del linguaggio, della relazione e della comunicazione.

Posted in Cronaca/News, Medicina/Medicine/Health/Science | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Presentazione del libro “La stretta di mano e il cioccolatino”

Posted by fidest press agency su domenica, 23 ottobre 2016

torinoTorino mercoledì 9 novembre 2016, ore 18.00 palazzo Barolo Via Delle Orfane, 7 letture a cura dei Narratori di Macondo Volcaedi, Verbavox e studenti della scuola Lessona. È il racconto dell’esperienza di due anni di lavoro in carcere con il progetto europeo Parol. Un libro-diario che mostra come è andato avanti Parol, cosa è successo, quali progressi, quali sconfitte, quali entusiasmi, quali delusioni, quali alleanze. Un diario che diventa anche una fotografia. Una fotografia della nostra Italia. Si propone di far entrare il lettore nell’universo carcere piano piano, come è accaduto a noi, e fargli vivere pagina dopo pagina quello che noi abbiamo vissuto. Riteniamo così che il resoconto possa avere davvero un qualche valore di testimonianza e una qualche utilità per tutti coloro che lavorano in carcere: dai direttori, agli agenti, alle amministrazioni penitenziarie, ai detenuti, ai cittadini liberi, e a coloro che si accingono a progettare percorsi europei nelle carceri. Ma anche un valore letterario nel mostrare, attraverso gli scritti, i racconti, le poesie, gli haiku, i cut-up dei detenuti, quel mondo sconosciuto ai più che vive e palpita dietro le sbarre. Il progetto Parol è stato occasione di riflessione in molte scuole elementari e superiori della città di di Torino e provincia. Bambini e adolescenti, attraverso gli scritti dei detenuti, hanno affrontato tematiche di legalità, convivenza, libertà, giustizia e diritti umani. In un secondo momento hanno contribuito (con il nuovo progetto Omnia Fabula – Intramuros/Extramuros) ad offrire spunti di riflessione attraverso la scrittura di favole da cui trarre preziosi insegnamenti. Pietro Tartamella Edizioni Giovane Holden – Collana Cascina Macondo

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | 1 Comment »

Roma Capitale aderisce a programma pilota per progetti su sicurezza stradale

Posted by fidest press agency su domenica, 23 ottobre 2016

buche stradali romaRoma sempre più Capitale ‘Vision Zero’. Sicurezza stradale al primo posto. Così largo alla mobilità sostenibile con progetti di Pedibus, il ‘walking bus’ per accompagnare i bimbi a scuola a piedi, itinerari e piste ciclabili più sicure e accessibilità in sicurezza per gli anziani su bus e metro. La giunta capitolina ha approvato questo pomeriggio una delibera con cui Roma Capitale aderisce ad un programma pilota, promosso dalla Regione Lazio, per la partecipazione ad un bando per il finanziamento di interventi a favore della sicurezza stradale. Tra i progetti proposti dal Campidoglio: “Giovani e Sicurezza Stradale. Messa in sicurezza dei percorsi casa-scuola – pedibus e cultura della mobilità sicura e sostenibile”; “Salvaguardia degli utenti deboli. Sicurezza degli itinerari pedonali e ciclabili e cultura della mobilità attiva”; “Sicurezza ‘over 65’ e accessibilità al TPL. Mobilità degli anziani e accessibilità in sicurezza ai servizi di trasporto pubblico”. “Tutti gli interventi – spiega l’Assessore alla Città in Movimento Linda Meleo -, nel caso di favorevole esito della procedura di gara, saranno cofinanziati dalla Regione Lazio. Contemporaneamente siamo già al lavoro su questa tematica: presto Roma si doterà di un Programma Straordinario per la Sicurezza Stradale e a breve partiranno i lavori della Consulta cittadina – aggiunge – Sarà un piano che adotterà l’approccio ‘Vision Zero’, già diffuso in Svezia, Regno Unito e Svizzera e volto a contrastare in primo luogo l’incidentalità grave attraverso un ripensamento complessivo delle politiche di sicurezza stradale”.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Libro: Luciana Savignano, L’eleganza interiore

Posted by fidest press agency su domenica, 23 ottobre 2016

napoliNapoli. Martedì 25 Ottobre 2016, alle ore 17.30 MEMUS Museo e Archivio storico del Teatro di San Carlo di Napoli Palazzo Reale, Piazza del Plebiscito 1 avrà luogo la presentazione del libro Luciana Savignano, l’eleganza interiore di Emanuele Burrafato, edito da Gremese. Saranno presenti l’autore, Emanuele Burrafato e la dedicataria del libro, Luciana Savignano, e Francesco Canessa, già Sovrintendente del Teatro di San Carlo. Ingresso libero fino ad esaurimento posti disponibili.
Luciana Savignano ripercorre le tappe della sua brillante carriera, condotta sui palcoscenici di tutto il mondo, al fianco dei coreografi e dei danzatori più rappresentativi della seconda metà del Novecento. Traendo spunto dalle competenti domande e dalle minuziose ricerche storiche di Emanuele Burrafato, che insieme a lei ha anche danzato, la Savignano ricorda le collaborazioni con personalità straordinarie quali Maurice Béjart, Roland Petit, Paolo Bortoluzzi, Rudolf Nureyev, Alvin Ailey, Mario Pistoni, di cui spesso regala un ritratto toccante ed esclusivo.
Emanuele Burrafato Danzatore, insegnante, scrittore, storico di danza, è laureato in Arti e Scienze dello spettacolo presso la facoltà di Scienze Umanistiche dell’Università La Sapienza di Roma.

Posted in Cronaca/News, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Open day sulla psoriasi al San Gallicano di Roma

Posted by fidest press agency su domenica, 23 ottobre 2016

Roma 29 Ottobre dalle ore 9:00 alle 15:00. Si accede agli ambulatori senza prenotazione! in occasione della Giornata Mondiale della Psoriasi. L’iniziativa è a cura dello staff multidisciplinare dell’Ambulatorio per lo Studio e la Cura san gallicanodella Psoriasi diretto da Claudio Bonifati. La Giornata sarà inoltre accompagnata da un concerto di musica da camera del “Quintetto Pitagora” con la Direzione Artistica del Maestro Paolo Falconi, presso l’atrio principale degli Istituti. Ideata dai pazienti per i pazienti, la Giornata Mondiale della Psoriasi è un evento globale nato con l’obiettivo di dare voce ai circa 150 milioni di malati in tutto il mondo. La Psoriasi, malattia infiammatoria cronica della pelle, che in circa il 30% dei casi si associa ad una forma di artropatia infiammatoria, necessita di controlli clinici ed adeguata terapia specifica locale e/o sistemica a seconda dei casi. All’Istituto San Gallicano di Roma è operativo da oltre 10 anni un ambulatorio per lo studio e la cura della psoriasi. “Il nostro centro – evidenzia Claudio Bonifati – accoglie oltre 2000 pazienti ogni anno ed è impegnato sia nell’assistenza clinica che in diversi protocolli di ricerca sperimentale soprattutto nel campo delle nuove terapie topiche e sistemiche per la gestione della psoriasi cutanea ed artropatica.”

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

La viaggiatrice di Davide Vigore

Posted by fidest press agency su domenica, 23 ottobre 2016

la-viaggiatricePalermo e Catania. Due anteprime siciliane per il film di Davide Vigore, giovane regista ennese, classe 89, che nonostante la giovane età conta già una partecipazione, in concorso, alla 73° mostra del cinema di Veneza.Il cortometraggio, “La viaggiatrice”, che ha visto la partecipazione di grandi nomi del cinema italiano, uno tra tutti Daniele Ciprì che si è occupato della fotografia, sarà presentato il 24 Ottobre ore 19 a Palermo al Cinema Rouge et Noir, in piazza Verdi, e il 28 Ottobre a Catania ore 20 al cinema King, in via Antonio de Curtis.
Nelle due serate di anteprima sarà presente il regista, il cast e la troupe di questo fortunato cortometraggio che racconta la storia di Hind, giovane migrante che passa le sue giornate a prendersi cura di un’anziana signora senza, appunto, poter mai godere di momenti di spensieratezza.Un corto agrodolce che tocca un tema molto attuale nella nostra società: la vita, a volte sacrificata, delle badanti che popolano le case degli anziani.“La viaggiatrice” è già stato molto apprezzato a Venezia dove era in concorso nella categoria “Migrarti” e adesso è pronto per il grande pubblico.“Ho voluto fortemente che la prima del film fosse Palermo perché ci vivo ormai da anni ed è proprio in questa città che trovo la mia più grande ispirazione”, dichiara Davide Vigore, “Quando ho iniziato a scrivere “La viaggiatrice” era impensabile che potessi avere nella troupe un maestro come Ciprì o una grande attrice come Eurydice El-Etr e sono molto grato per tutto quello che sta succedendo, da Venezia in poi è tutto un grande sogno che si realizza”.
“La viaggiatrice” sarà presentato anche in altre città nonostante non ci sia una vera e propria produzione che supporta la distribuzione del corto.“Ci stiamo auto distribuendo in questo periodo”, ha concluso Vigore, “Perché crediamo fortemente in questo progetto. Il cortometraggio sarà presentato anche in molti festival e speriamo di avere lo stesso riscontro avuto a Venezia.”

Posted in Cronaca/News, Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Una lettura ecologista della riforma costituzionale

Posted by fidest press agency su domenica, 23 ottobre 2016

noPartiamo da un presupposto: il consolidamento della post-democrazia di cui parlava Crouch ha bisogno di riforme costituzionali come quella che saremo chiamati a votare (o meglio a sventare) il 4 dicembre. Il disegno sotteso alla riforma – propagandata come al di sopra del bene e del male, buona di per sé, come se dopo anni di tentativi andati a vuoto il solo concetto fosse salvifico e non ne importasse il carattere migliorativo o peggiorativo – mira alla consacrazione di un sistema politico in cui, invece che restituire sovranità al popolo cui apparterrebbe, si fa il possibile per concentrarla sempre più verso l’alto. Vale la pena ricordare che il colosso finanziario JP Morgan affermava nel 2013 che le costituzioni antifasciste – ispirate ai diritti e all’allargamento della base democratica – sono una zavorra per la crescita e vanno profondamente modificate. L’indicazione giunta al governo dalle istituzioni finanziarie riguarda dunque la creazione delle condizioni di piena esigibilità per le richieste del mercato: necessarie riforme economiche, necessarie grandi opere, necessario sfruttamento delle risorse naturali, necessari tagli ai diritti sociali e al welfare. Il risultato atteso è legittimare la delega dell’intero esercizio deliberativo ad organismi sempre meno rappresentativi dell’interesse collettivo. La ricetta è lineare: svuotamento dei luoghi della rappresentanza, rarefazione dei centri di potere e corsa a verticalizzarne i meccanismi di decisione tramite maggiori poteri all’esecutivo, la camera politica unica e la nuova legge elettorale che la determinerà, le nuove tipologie di procedimenti legislativi che scavalcano le istituzioni di prossimità.
Uno degli aspetti meno trattati e più rilevanti della riforma è la revisione del Titolo V, che affermerebbe un modello di gestione delle risorse deciso dai ministeri – neppure dal Parlamento – senza previsione di correttivi in senso partecipativo. Le competenze esclusive che tornerebbero allo Stato riguardano produzione, trasporto e distribuzione dell’energia; infrastrutture strategiche e grandi reti di trasporto e navigazione; beni culturali e paesaggistici; ambiente ed ecosistema; attività culturali e turismo; governo del territorio; protezione civile; porti e aeroporti civili.
La riformulazione dell’art.117 introduce come ulteriore elemento d’allarme la clausola di supremazia “Su proposta del governo, la legge dello Stato può intervenire in materie non riservate alla legislazione esclusiva quando lo richieda la tutela dell’unità giuridica o economica della Repubblica, ovvero la tutela dell’interesse nazionale.”La formula offre all’esecutivo spazio per molteplici forzature: invocando l’interesse nazionale (leit-motiv dell’ultimo decennio) sarà possibile imporre politiche e progetti invisi agli enti locali e alle comunità chiamate a pagarne i costi economici, ambientali, sociali e sanitari. Se ha una sua ratio prevedere che sia il livello centrale a stabilire le regole generali dell’agire in materia di ambiente, garantendo come precondizione il pieno rispetto degli art. 9 e 32 della Costituzione, nello scenario dato il nuovo assetto si tradurrebbe inevitabilmente in un ulteriore arretramento delle legittime pretese dei cittadini potenzialmente o concretamente impattati. Gli enti locali sono inoltre i più esposti – e ricettivi – alle pressioni esercitate dalle comunità locali: elemento rivelatosi spesso decisivo per ottenere la rinuncia a progetti a forte impatto ambientale. Escludere le Regioni dal rapporto di “leale collaborazione” con lo Stato su tutte queste materie senza prevedere di compensare con strumenti di concertazione locale avrà l’effetto di aggravare anziché risolvere il gap (in termini di analisi e proposte) tra comunità e governo centrale.
Da un altro punto di vista, la riscrittura dell’art. 117 è la testa di ariete attraverso cui si tenta di forzare l’introduzione in costituzione di alcuni dei principi contenuti nel decreto sblocca Italia, convertito nonostante forti proteste nella L.164/2014. Si tratta in parte di principi su cui il governo ha dovuto fare marcia indietro in seguito al deposito dei quesiti referendari promossi da 9 Regioni e centinaia di associazioni ambientaliste. Un punto in particolare, che prevedeva l’esclusione delle Regioni dai processi decisionali in materia energetica e infrastrutturale, è stato dichiarato incostituzionale con sentenza n.7/2016 per violazione degli artt.117-118 e recepito obtorto collo dal governo nella legge di stabilità per evitare di sottoporre tale punto (pronto a rientrare in campo proprio con la riforma costituzionale) alla consultazione popolare dell’aprile scorso.Nonostante la sopravvivenza di un unico quesito, il 17 Aprile oltre 15 milioni di Italiani si sono recati alle urne per affermare il loro diritto a decidere in materia di politiche energetiche. Durante la campagna referendaria il governo ha mostrato quale idea avesse della partecipazione popolare: la proclamazione dell’esistenza di temi troppo difficili su cui esprimersi (guarda caso riguardanti profitti miliardari e devastazioni territoriali), una campagna informativa condotta al fine di boicottare la consultazione, lo sprezzante “ciaone” agli elettori la sera del voto. In quelle stesse settimane emergevano con chiarezza, grazie ad un’inchiesta della magistratura, le connessioni tra il governo e le lobbies energetiche del Paese: scandalo che costrinse l’allora ministro Guidi a dimettersi. Di oggi, infine, è la notizia che il governo Renzi ha autorizzato nuove attività di ricerca di idrocarburi lungo la riviera Adriatica e nel Mar Ionio. Neppure sei mesi dopo il referendum e le continue rassicurazioni circa la rinuncia a nuovi fronti estrattivi, si imbocca nuovamente, indisturbati, la via nera del petrolio. Ulteriore conferma, questa, che lo spirito di quella campagna referendaria e la rivendicazione democratica costruita su centinaia di territori trovano oggi più che mai la loro naturale continuazione nella costruzione di un No collettivo al referendum costituzionale.Da anni assistiamo all’attivazione di decine di migliaia di persone per ciascuna battaglia territoriale: il movimento No Ombrina in Abruzzo, le lotte contro il Biocidio in Campania, le istanze dei No Triv, No Tav, No Tap e No Muos, le centinaia di altre realtà di resistenza popolare in prima linea per il diritto alla vita, alla salute, all’ambiente. Questo aumento della conflittualità sociale attorno all’imposizione di politiche impattanti (con gravi effetti documentati da rigorosi e numerosi studi ambientali, epidemiologici, economici e demografici) suggeriscono che i meccanismi di funzionamento della democrazia andrebbero riformati in direzione opposta da quella indicata dalla riforma: devolvendo potere decisionale alle comunità sulla gestione delle risorse e inaugurando un nuovo concetto di sovranità legato al territorio.Alcune tra le maggiori organizzazioni ambientaliste, le 19 big firmatarie dell’appello in cui si chiede al governo di rivendicare la competenza esclusiva dello Stato in materia ambientale senza postulare la necessità di una riforma in senso partecipativo, dimostrano di non aver compreso che la partecipazione alle decisioni e la centralità della volontà popolare non è affatto un corollario marginale per una piena tutela dell’ambiente e dei diritti a esso connessi.La riforma aiuta infine l’ufficializzazione di una prassi di sospensione democratica già arbitrariamente utilizzata: il massiccio ricorso alla gestione commissariale e allo stato di emergenza, attraverso le quali nell’ultimo decennio si è imposto il meccanismo del comando e controllo come risposta autoritaria all’emergere delle istanze più disparate.Questa riforma è l’atto finale del processo di trasformazione dello Stato e di suo asservimento a logiche puramente neo liberiste, succubi del mercato e della finanza. Un processo che dopo vent’anni di “berlusconismo”, l’avvento dei tecnici (Monti) e il ricorso a larghe intese (Letta) ha trovato il suo perfetto scudiero in Renzi e la sua definizione formale nella proposta di modifica costituzionale.Di fronte a questa minaccia, convinti che sia necessario ricostruire un sistema paese fondato sulle redistribuzione dei poteri e della ricchezza e sulla giustizia ambientale, non possiamo che individuare nell’approvazione della riforma un rischio enorme per la tenuta sociale e democratica del paese e nel coinvolgimento pieno delle realtà di resistenza territoriale nella campagna del No una prospettiva concreta per una reale trasformazione del nostro paese.
(fonte: Marica Di Pierri – Associazione A Sud Stefano Kenji Iannillo – Rete della Conoscenza [su HUFFINGTON POST del 21 ottobre 2016] (foto: no)

Posted in Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »