Fidest – Agenzia giornalistica/press agency

Quotidiano di informazione – Anno 30 n° 17

Archive for 28 ottobre 2016

The struggle against islamist terrorism: Franco-German and European responses

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 ottobre 2016

islamist-terrorismThe first session of the Think Tanks Tandem initiative was held at the abbey of the Vaux-de-Cernay close to Paris on 8-9 July 2016. It was attended by some forty representatives of German and French think tanks as well as by German, French and European authorities.The first round table addressed the issue of migration policy, while the second round table was devoted to the struggle against Islamist terrorism. This second round table was introduced by Kristina Eichhorst, crisis and conflict management coordinator with the Konrad Adenauer Foundation, and by Yves Bertoncini, director of the Jacques Delors Institute, and began with an address from Gilles de Kerchove, EU coordinator for the struggle against terrorism.Numerous German and French speakers intervened: this Synthesis by Yves Bertoncini (also available in French and German) endeavours to present the main analyses and guidelines resulting from the exchange of French and German views, identifying the points both of divergence and of convergence that emerged.The Synthesis of the first round table on migration and asylum policy, written by Nicole Koenig, is also available.Joschka Fischer, former German Federal Minister for Foreign Affairs and former German Vice-Chancellor, was the keynotespeaker of the dinner on “Europe after the British referendum”. His speech is available on our SoundCloud channel.The second session of the Think Tanks Tandem initiative was held on 21-22 October 2016, at the Stifgung Gensagen, near Berlin. (photo: islamist terrorism)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

There is a growing consensus that current narratives around poverty have failed and that a new approach is needed to create a good society

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 ottobre 2016

londraLondra. One that requires collective action from government, charities, business and communities and which is willing to try new ways of working. This was the message to come out of an event and special report, organised by the Webb Memorial Trust.
Andrew Curtis, senior programme manager at Oxfam, said: “There is growing consensus that the narratives used in the third sector, however well-meaning and right, have been rejected. Poverty is a term that is politically divisive, creates stigma and is highly contested to the point of still having to persuade people that poverty exists in the UK. We need to create a new way of speaking, to speak with those directly affected not for them, and we need to speak louder.” Olivia Bailey, research director at the Fabian Society, said: “Language matters. Talking about poverty describes the problem but it doesn’t generate enthusiasm for solutions. We need to find a new framework that is a rallying point for people to get behind a raft of policies. The American Dream tapped into that aspiration. We should think about the ‘British Promise’, which should be the security to know if you need help it is there.” Dr Michael Orton, Warwick University Institute for Employment Research, said: “A shared vision means not working in silos. It means consensus building. Working together should be at the core of what we do. Instead of launching into ideological deconstructions of that vision, we should [each] focus on the bits that we can work with.”Rys Farthing, a social policy analyst who specialises in youth and poverty, said: “Our ways of trying to create a world without poverty have been tried and tested and got us this far. We need to try every tactic we can think of to keep winning. Working with children and young people as a solution is a strategy we haven’t tried much yet. It might be a way to find some new pathways to progress.”

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

EP urges Council to open talks on a visa waiver for Georgia “without any further delay”

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 ottobre 2016

europeParliament calls on the Council to start negotiations on exempting Georgian citizens from EU visa requirements “without any further delay”. In a letter sent on Wednesday to the Slovak Presidency, Civil Liberties MEPs invite the Council to open trilogue talks “as soon as possible at the beginning of November”. MEPs note that there is no real reason for delaying the talks on Georgia´s visa waiver, given that both the Parliament and the Council have approved mandates, following the confirmation by the Commission that the country has fulfilled all criteria. MEPs complain that the Council decided that “trilogues would not start before an agreement on the revision of the suspension mechanism is reached with the European Parliament”. They underline that the interinstitutional discussions on the review of the suspension mechanism -which allows a temporary reintroduction of visa requirements in certain situations- are ongoing, with negotiators actively seeking solutions on the remaining open issues.
“We cannot but regret the delay the Council statement has caused in the negotiations on visa liberalisation with Georgia”, committee chair Claude Moraes (S&D, UK) and Rapporteur Mariya Gabriel (EPP, BG) state in their letter.
“Our guiding principle is that every country that meets all the benchmarks can benefit from visa liberalisation, and that is the case of Georgia”, underlined Ms Gabriel, insisting that the EU must deliver on its promises.
“There should be no further delay to move” on this file, she added, and reminded that visa liberalisation represents, in the context of the EU-Georgia partnership and the Eastern Partnership, a very concrete achievement for citizens.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Terremoti in centro Italia

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 ottobre 2016

terremoto«La frequenza sempre più serrata con cui si stanno susseguendo gli eventi sismici nell’Appennino centrale, oltre a catapultare nuovamente nell’angoscia popolazioni già estremamente provate dagli eventi della scorsa estate, funge da impietoso promemoria affinché non ci si dimentichi nemmeno per un attimo della fragilità complessiva del patrimonio edilizio e abitativo del nostro Paese. Sul fatto che a fare la differenza, più che l’intensità delle scosse, sia la qualità costruttiva degli edifici e la loro capacità di rispondere alle sollecitazioni dei terremoti non ci può essere alcun dubbio. Uno scatto in avanti, però, bisogna farlo anche sul fronte normativo e operativo, mettendo in piedi un piano sistematico di prevenzione e applicando grande rigore nei lavori di ricostruzione delle zone colpite».Lo dichiara l’ing. Sandro Simoncini, docente a contratto di Urbanistica e Legislazione Ambientale presso l’università Sapienza di Roma e presidente di Sogeea SpA.«Non c’è bisogno di scomodare il Giappone per trovare esempi virtuosi, li abbiamo avuti anche in Italia – prosegue Simoncini –. Basti pensare a Norcia, che dista una manciata di chilometri dalle zone devastate dall’attuale sciame sismico e che, dopo il terremoto del 1997, è riuscita a intraprendere un percorso sistematico di consolidamento del patrimonio edilizio fatto di interventi su piccola scala ma di portata decisiva: dalla sostituzione di pericolosi elementi di cemento armato con quelli di legno al collegamento dei muri tramite catene o, ancora, all’utilizzo di materiali alternativi come plastica o fibra di vetro per conferire elasticità alle pareti. L’efficacia dell’operazione è testimoniata dall’ottima tenuta della cittadina in occasione degli ultimi eventi. In fatto di ricostruzione, invece, non c’è dubbio che quanto accaduto in Friuli all’indomani del terribile terremoto del 1976 può costituire un valido esempio: la proficua collaborazione fra Governo centrale ed enti locali, unita al lodevole impegno dei privati, fece in modo da rimettere in piedi case, edifici pubblici e fabbriche in tempi accettabili e di preservare il tessuto sociale e la memoria collettiva dei singoli paesi. Prevenzione e ricostruzione, però, non possono prescindere da un’azione decisa dell’Esecutivo: sia attraverso una politica sul medio periodo di defiscalizzazione e di incentivi per chi esegue lavori di adeguamento antisismico su abitazioni e luoghi di lavoro sia con un intervento legislativo cogente nei confronti di quelle Regioni e quei Comuni più refrattari alla messa in sicurezza dei propri cittadini».

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Cnr-Igag su scossa terremoto

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 ottobre 2016

“La forte scossa di terremoto percepita nell’Italia centrale poco fa rientra, purtroppo, in una dinamica possibile quando si verificano fenomeni come quello che ha avuto il suo momento di più tragico impatto lo scorso 24 agosto. Siamo ancora a pochi minuti dai fatti e quindi restano da definire con notizie più precise l’epicentro e la profondità dell’ipocentro. Un’ipotesi, se verranno confermate le prime informazioni, è che si tratti dell’attivazione di una nuova faglia, probabilmente legata verso Nord a quella che ha generato la scossa dello scorso agosto”, dichiara Paolo Messina, direttore dell’Igag-Cnr (Istituto di geologia ambientale e geoingegneria del Consiglio nazionale delle ricerche).

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Nadia Murad e Lamiya Aji Bushar hanno vinto il Premio Sakharov 2016

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 ottobre 2016

Martin-schulzNadia Murad e Lamiya Aji Bushar, le attiviste Yazide sequestrate dallo Stato Islamico, hanno vinto il Premio Sakharov 2016 per la libertà di pensiero. A scegliere il vincitore, il Presidente del Parlamento europeo Martin Schulz insieme ai capigruppo dei gruppi politici. La cerimonia ufficiale di premiazione si terrà a Strasburgo il 14 dicembre. Nadia Murad e Lamiya Aji Bashar sono sopravvissute alla schiavitù a cui erano state costrette dai militanti dello Stato Islamico (IS). Dopo la tragica esperienza, sono diventate portavoce di tutte le donne seviziate e torturate dalla campagna di violenza messa in piedi dall’Isis. In più, le due donne appartengono alla comunità Yazida, una minoranza religiosa irachena oggetto di persecuzione da parte del califfato. Sono diventate portavoce anche delle istanze di questo gruppo indebolito dalle violenze in atto nell’area. “Stiamo dimostrando che la lotta di Nadia Murad e Lamiya Aji Bashar non è stata vana e l’Europa è pronta a sostenerle passo dopo passo per aiutare a combattere le brutalità commesse da questo sedicente Stato Islamico, che terrorizza ancora troppe persone – ha sottolineato il Presidente del Parlamento europeo Martin Schulz annunciando i nomi delle vincitrici in plenaria – Sono riuscite a fuggire e arrivare in Europa, dove sono state accolte e protette”.
Nadia Murad Basee e Lamiya Aji Bashar sono state nominate dai gruppi parlamentari Alleanza Progressista dei Socialisti e dei Democratici (S&D) e Alleanza dei Democratici e dei Liberali per l’Europa (ALDE).
Entrambe le attiviste provengono da Kocho, uno dei villaggi vicino a Sinjar, in Iraq. Il 3 agosto 2014, i militanti dello Stato Islamico hanno ucciso tutti gli uomini del villaggio. Le donne giovani, tra cui Aji Bashar, Murad e le loro sorelle, sono state rapite dai militanti e costrette alla schiavitù sessuale.A novembre 2014, Murad è riuscita a fuggire con l’aiuto di una famiglia che l’ha trasportata fuori dalla zona controllata dai militanti dello Stato Islamico. Ha vissuto per qualche tempo in un campo profughi nel nord dell’Iraq e poi è riuscita ad arrivare in Germania. Un anno dopo, nel dicembre 2015, Murad è stata invitata a parlare al Consiglio di Sicurezza dell’Onu, dove ha tenuto un discorso molto forte sulla tratta degli esseri umani raccontando la sua esperienza diretta. Nel mese di settembre 2016, è diventata la prima ambasciatrice di UNODC (Ufficio delle Nazioni Unite per il controllo della droga e la prevenzione del crimine) per la dignità dei sopravvissuti alla tratta degli esseri umani. In questo ruolo, sta partecipando a iniziative volte ad aumentare la consapevolezza sulla situazione di schiavitù in cui vivono molte persone in tutto il mondo.Aji Bashar ha cercato di fuggire diverse volte dalla schiavitù senza riuscirci. Ad aprile 2015 ce l’ha fatta, grazie alla sua famiglia che ha pagato alcuni contrabbandieri locali. Durante la fuga, è esplosa una mina che ha ucciso due persone che la stavano aiutando a scappare e Bashar è rimasta ferita gravemente, perdendo quasi completamente la vista. Una volta arrivata al sicuro, è stata traportata in Germania per le cure mediche dove ha potuto incontrare altri sopravvissuti della sua regione. Dall’arrivo in Europa, Bashar svolge attività di sensibilizzazione sulle atrocità commesse alla comunità Yazida in Iraq e aiuta donne e bambini vittime delle violenze dello Stato Islamico.

Posted in Estero/world news, Recensioni/Reviews | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

I deputati europei sostengono l’operazione per la liberazione di Mosul

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 ottobre 2016

mosulBruxelles. In una risoluzione approvata giovedì, i deputati hanno sostenuto l’operazione avviata dall’Iraq per liberare Mosul dall’ISIS/Daesh, invitando le autorità irachene a compiere ogni sforzo per proteggere i civili, gli ospedali e le scuole. Le atrocità e i genocidi ad opera di Daesh nei confronti dei cristiani, degli yazidi e di altre minoranze etniche e religiose dovrebbero essere portati all’attenzione della Corte penale internazionale.Nel testo della risoluzione, approvata con 488 voti a favore, 11 contrari e 128 astensioni, i deputati sostengono l’operazione avviata dall’Iraq e supportata dalla Coalizione globale anti-ISIS/Daesh e dalle forze Peshmerga del governo regionale curdo, per la liberazione di Mosul da Daesh, che ha sottoposto dal 2014 la città ad un regime draconiano.
I deputati sono profondamente preoccupati dalle “continue segnalazioni che denunciano l’uso, da parte dell’ISIS/Daesh, di bambini, anziani, donne e persone vulnerabili come scudi” e condannano la violenza estrema diffusasi su tutto l’Iraq. Nel testo, si afferma inoltre che Daesh sta commettendo un genocidio nei confronti dei cristiani, degli yazidi e di altre minoranze, e si invitano gli Stati membri dell’UE a esercitare pressioni in vista di un deferimento alla Corte penale internazionale. Poiché a Mosul oltre 1,5 milioni di persone sono a rischio imminente di sfollamento, le autorità irachene devono adottare misure concrete per proteggere i civili e prendere tutte le precauzioni possibili per evitare vittime civili e violazioni dei diritti umani durante l’offensiva. Si esortano tutte le parti del conflitto ad aprire corridoi umanitari, a garantire assistenza e a istituire un meccanismo di monitoraggio da parte di terzi nel quadro delle Nazioni Unite.
L’UE ha finora fornito 134 milioni di euro in aiuti umanitari all’Iraq, dei quali 50 milioni di euro destinati a Mosul. Nel testo, si invitano gli Stati membri ad “adoperarsi maggiormente per la stabilizzazione delle zone liberate”.Poiché il nord dell’Iraq ha una storia di diversità etnico-religiosa, i deputati chiedono alla comunità internazionale di sostenere un assetto post-bellico sostenibile e inclusivo e una provincia autonoma comprendente la piana di Ninive, Sinjar e Tal Afar.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , | Leave a Comment »

Jasper Morris offers his first impressions about the 2016 vintage, with Ludivine Griveau, régisseur of the Hospices de Beaune domain

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 ottobre 2016

imageThe first half of the growing season was the most difficult in living memory, the second half as close to perfect as anybody could have hope for. Despondent faces at the end of June displayed relief by the end of September. The old expression ‘juin fait la quantité, septembre fait la qualité’ was never truer.There were hailstorms in the Mâconnais, though the Hospices de Beaune’s cuvée of Pouilly-Fuissé was spared, and in Chablis but the Côte d’Or was largely spared from this scourge. However the morning of 27th April changed everything. A cloudless night caused temperatures to drop below freezing – not by much, but the effect was more like a winter freeze than a spring frost. A huge swathe of vineyard was affected including many famous vineyards in the Côte de Nuits while the Côte de Beaune bore the worst of it – especially Savigny-lès-Beaune and parts of Pommard, Beaune and Meursault.
Erratic weather conditions in the weeks that followed prevented the vines from setting a second crop where the first had been destroyed. There was also severe pressure from mildew but vigilant work from the Hospices’ team of growers prevented any significant damage.
Finally, on Wednesday 22nd June came the first signs of summer with bright blue skies and real heat. From late July, throughout August and into September the weather was glorious, with a succession of golden sunny days as an Atlantic high protected France. Every so often the high gave way long enough to allow a day or two of cooler rainier weather, providing much needed sustenance, but in general conditions were hot, clear and sunny without much humidity.
vente-des-vinsThe reds were more advanced than the whites, the vines themselves looked in fine condition but there were pitifully few bunches to be seen. The continuous sunshine enabled the grapes to ripen beautifully, for the uneven maturity to begin to some together, and to prevent disease.The exceptional late summer weather continued through until some heavy rain overnight 14th/15th September and some showers over the next few days – welcome rain on the whole to relieve the vines which were starting to suffer from hydric stress and to reinvigorate the ripening process.Picking started, earlier than originally expected, at the Hospices on Monday 19th September for the Pouilly-Fuissé after which the reds came through steadily over the next 8 days, culminating in Clos de la Roche on Tuesday 27th. Attention then turned to bringing in the white wines by the end of the week, the whole crop being harvested in excellent weather.
Though the teams on the sorting tables were ready for action, the grapes were mostly very healthy with the correct balance between sugar levels and acidity.The aromas emerging from the fermenting vats were pure and refined, and all seems set fair to make some excellent wines in 2016 – but sadly in very small volumes for certain vineyards.
The red wines were fermented for about two weeks, to preserve their elegance. Ludivine Griveau, enjoying her second vintage as regisseur/oenologue at the Hospices de Beaune, pronounced the wines as they were brought out of their fermentation tanks as ‘bien dans leur peau’ (feeling good in themselves). “They have good colour, plenty of fruit and lots of flavour. There are no aggressive tannins, so they seem full bodied but silky, just like in 2010.” The whites are currently fermenting, having been picked with correct sugar levels, balanced by adequate acidity. Pure and supple whites are expected. Overall the mood is one of considerable relief after the difficult start to the year, indeed a sense of optimism for the brand new vintage. (foto: image, vente des vins)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

ThomasLloyd’s portfolio of biomass projects set to benefit from a new era of Chinese-Philippine relations

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 ottobre 2016

thomaslloyd-groupLondon. From October 18 to 21, senior representatives of ThomasLloyd participated in the historic Philippine Presidential trade and diplomatic mission to China. The diplomatic summit and ceremonial signing of important trade and cooperation agreements in Beijing took place between Xi Jinping, President of the People’s Republic of China, and Rodrigo Duterte, President of the Republic of the Philippines, in the presence of senior politicians and up to 400 businessmen.‘My state visit to China signalled a turning point in our shared history and showed that both countries are fully capable of working together for mutual beneficial cooperation even as we remain committed to settle disputes peacefully in full adherence of international law,’ President Duterte saidBoth sides affirmed their partnership and declared a shared ambition to achieve sustainable development and inclusive growth that will benefit the people of both countries in the years ahead. Together, they committed to enhance economic relations in several priority sectors, such as infrastructure and energy, through the promotion of trade, investment and economic cooperation under the Memorandum of Understanding on Strengthening Bilateral Trade, Investment and Economic Cooperation. Within the framework of the summit, eleven MoUs were signed, including one between ThomasLloyd and its Philippine and Chinese stakeholders in the biomass sector, for a total of USD 7.9 billion of commitments, which would create up to two million jobs in the Philippines. Today China is the second biggest trade partner of the Philippines, its 4th biggest export market, and largest supplier of imports. These agreements create extensive mutual market access and provide the basis for closer cooperation in the political and economic field.As part of this historic agreement and ceremony, a commitment to the ThomasLloyd biomass projects, currently under construction in the Philippines and funded by ThomasLloyd SICAV-SIF-Cleantech Infrastructure Fund as the principal financial sponsor, was signed on behalf of ThomasLloyd by the Managing Directors and Regional CEOs Tony Coveney and Mike Airey, for Bronzeoak by President Arthur Aguilar and Senior Vice President Don Maria Y. Dia, and for Wuxi by Director Zhang Yun and General Manager Lu Yicheng. Further construction of the power plants South Negros BioPower Inc. and North Negros BioPower Inc., along with the soon to be completed plant San Carlos BioPower Inc., represent the continued successful cooperation between ThomasLloyd’s European investors, Philippine developers and Chinese engineers. This cooperation already stands today as a template for business between the three communities.T.U. Michael Sieg, Chairman and thomaslloyd-group1Group CEO of the ThomasLloyd Group sees the Group’s invitation to and participation in the Beijing visit ‘as special recognition of the previous successes of ThomasLloyd Group and its Chinese and Philippine partners. The results of the summit, and the many meetings which took place around it, will form the basis for faster growth and development of Philippine infrastructure.’ Based on the summit outcome and the climate of goodwill now existing, ThomasLloyd projects hope to benefit directly from the new appetite from Chinese banks and other financial institutions to support vendor finance and project finance for Chinese exports in capital goods to the Philippines.During the state visit, commercial agreements between the participating project partners, Bronzeoak Philippines Inc., Wuxi Huaguang and the ThomasLloyd Group, were signed in a ceremony, in the presence of President Duterte and other senior members of the Philippine government. These contracts form the basis for a long-term cooperation, a faster implementation and successful realisation of the biomass power plants on Negros Island in the Philippines. The power plants comprising 70MW near the cities of Manapla, San Carlos and La Carlota on Negros Island will convert sugarcane waste into electricity using a low carbon-emitting process, Circulating Fluidized Bed Boiler Technology. Before this use as feedstock for biomass power plants, sugarcane waste was burnt in the fields, a now illegal practice that contributed significantly to air pollution. With its use of local sugar cane waste, this project is an exciting development for all the stakeholders and a boost for the local community. This will bring further economic growth and better standards of living, particularly in rural areas of the region contributing to the enhancement and protection of the environment, and improving the local population’s overall quality of life.Referring to this, Tony Coveney, Managing Director and Head of Project Finance at ThomasLloyd Group, said: ‘It was a privilege and an honour to participate in this landmark event in Beijing. The inclusion of our projects, in which we have invested, is recognition of the impact and success we have had and continue to have in partnership with Bronzeoak and Wuxi. As with our successful solar projects, ours is an investment template for others to follow.’ (photo: ThomasLloyd Group)

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Jon Krakauer Highlights Governor Wolf’s “It’s On Us PA” Campaign, Need to Address Campus Sexual Assault

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 ottobre 2016

Harrisburg, PA – Bestselling author Jon Krakauer today traveled to Harrisburg to discuss his recent book “Missoula: Rape and the Justice System in a College Town” and Wolf administration efforts to combat campus sexual assault in Pennsylvania through the “It’s On Us PA” campaign. At public event at the Midtown Scholar Bookstore, Krakauer participated in an in-depth discussion focused on the epidemic of campus rape across the country moderated by Pennsylvania Coalition Against Rape (PCAR) Chief Public Affairs Officer Kristen Houser.
A preeminent writer of narrative non-fiction, Krakauer’s numerous bestsellers include “Where Men Win Glory,” “Under the Banner of Heaven,” “Into the Wild,” and “Into Thin Air.” Krakauer was joined at the event by First Lady Frances Wolf, Commission for Women Chair Randi Teplitz, Harrisburg Mayor Eric Papenfuse, and PCAR CEO Delilah Rumburg.“Sexual assault has a corrosive effect on all of us,” said Governor Tom Wolf. “My administration is committed to combatting this urgent and serious epidemic, specifically on college campuses. That’s why we created “It’s On Us PA” earlier this year – the first statewide campaign to address campus sexual assault. I am so pleased too that in addition to our partners within the higher education and K-12 communities, we also have the support of bestselling author Jon Krakauer, who’s recent book “Missoula” brings much-needed attention and a call to action about the widespread issue of campus sexual assault across the country.”In an effort to increase awareness, education and resources to combat sexual assault, on January 29, 2016 Governor Wolf launched “It’s On Us PA.” Building on the national “It’s On Us” movement launched by President Obama and Vice President Biden in 2014, “It’s On Us PA” engages education leaders from school superintendents to college presidents as well as students, teachers, families, and communities to make a personal and public pledge to play a role in preventing, addressing, and responding effectively to sexual violence. Since that time, over 1,500 individuals and representatives from 176 schools in Pennsylvania have taken the pledge on the Governor’s website. The campaign’s goals are to:
– Improve awareness, prevention, reporting, and response systems regarding sexual violence in schools, colleges and universities to better serve all students.
– Remove/reduce barriers that prevent survivors of sexual violence from reporting and/or accessing vital resources by creating a more consistent, empowering reporting process for student survivors of gender based violence.
– Demonstrate significant, proactive, and sustainable leadership to change campus culture by challenging Pennsylvania’s education leaders – including college and university presidents, superintendents – as well as students, teachers, faculty, staff, families, and communities to pledge to improve their institutions’ climate.
In addition, on September 15, the Governor’s Office announced a grant program in which eligible post-secondary institutions in Pennsylvania could apply for up to $30,000 in competitive funding to address campus sexual assault. The application period closed on October 15th and grant awards are expected to be announced next week.
This initiative builds on an important dialogue sparked by the Pennsylvania Commission for Women, the Pennsylvania State System of Higher Education and PCAR last November, which brought together educators, advocates, students, and policymakers for a screening of The Hunting Ground documentary. “Over the last year, it has been exciting to see the momentum build around the “It’s On Us PA” campaign,” said Randi Teplitz. “I am proud that the Pennsylvania Commission for Women has been actively engaged in the conversation that is helping to shift the culture and sensitivity in which we handle these cases in Pennsylvania. It is only after society declares these behaviors and crimes to be intolerable can true change occur.”
Since the launch of “It’s On Us PA,” the Wolf administration has been working with community leaders and stakeholders from across the Commonwealth to develop a comprehensive, statewide policy to address the pressing issue of sexual assault in our schools and postsecondary institutions, which will be announced in the coming months.

Posted in Estero/world news, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

“Sui nostri territori decidiamo NOi!”

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 ottobre 2016

Fondazione Basso - Sezione InternazionaleRoma oggi 28 Ottobre alle 11.30 presso la Fondazione Lelio Basso in via della Dogana Vecchia n.5, Roma, verrà presentato alla stampa l’appello “Sui nostri territori #decidiamoNOi”, attraverso il quale oltre 150 realtà territoriali hanno scelto di esprimere la propria posizione sulla riforma costituzionale.
Interverranno: – Paolo Maddalena / vicepresidente emerito Corte Costituzionale
– Tomaso Montanari / Storico dell’arte, Università Federico II di Napoli
– Enzo Di Salvatore / Costituzionalista, Università di Teramo – Coord. Nazionale No Triv
– Marica Di Pierri / Associazione A Sud
– Martina Carpani / Rete della Conoscenza
– Luigi Iasci / Movimento No Ombrina
Saranno, inoltre, presenti i rappresentanti delle realtà promotrici dell’appello.
L’appello dei “Territori per il NO” spiega le ragioni della contrarietà delle realtà firmatarie alla riforma Renzi-Boschi: netta opposizione al disegno centralista alla base della revisione del Titolo V e all’introduzione della clausola di supremazia statale. Un NO che è al contempo rivendicazione di un allargamento della base democratica e di un ripensamento della democrazia che parta dalla redistribuzione di poteri decisionali a territori e enti democratici di prossimità.
L’iniziativa si situa in forte continuità con la straordinaria mobilitazione popolare costruita sui territori attorno al referendum abrogativo dello scorso 17 aprile. Oltre 150 le adesioni raccolte in pochi giorni da ogni angolo del Paese.
Tra i firmatari, i principali comitati e movimenti territoriali d’Italia: dal Coordinamento Nazionale NO Triv ai comitati NO Tav e NO MUOS alla Coalizione campana Stop Biocidio, dalle associazioni nazionali ISDE – Medici per l’Ambiente, Rete della Conoscenza e A Sud alle reti territoriali di Abruzzo, Sardegna, Veneto, Basilicata, Puglia, Lombardia, e di numerose altre regioni italiane.

Posted in Roma/about Rome, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Difesa: Incontro Cocer-Stato Maggiore su riordino, bene piattaforma presentata ai rappresentanti del personale

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 ottobre 2016

riordinoSi è svolto giorni fa il previsto incontro tra il Cocer e lo Stato Maggiore della Difesa sul riordino delle carriere. Dopo il saluto e l’introduzione del Sottocapo di Stato maggiore della difesa, Generale Nordio, i tecnici dello Stato Maggiore hanno illustrato al Cocer interforze il progetto di riordino. Come rappresentanti del ruolo Sergenti accogliamo con favore il recepimento di alcune nostre istanze con particolare riferimento alla riduzione dei periodi di permanenza nei vari gradi del ruolo, all’incremento dei punti parametrali e alla problematica del personale arruolato ai sensi della legge 958.
Tuttavia rimangono ancora da chiarire alcuni aspetti del progetto relativamente alle norme transitorie, ai concorsi interni e alla salvaguardia del principio di equiordinazione tra il personale delle forze armate e quello delle forze di polizia. Con le norme transitorie ci auspichiamo, in particolare, una valorizzazione e una tutela delle anzianità di servizio del personale al fine di evitare sperequazioni di sorta e scavalcamenti all’interno del ruolo sergenti nonché dei percorsi di carriera che favoriscano una reale osmosi nel passaggio al ruolo superiore. Il Cocer ha chiesto di conoscere, inoltre, le effettive risorse allocate per il riordino e l’articolato sul quale poter lavorare per apportate eventuali modifiche in sinergia con tutte le categorie interessate e di concerto con l’Amministrazione. I delegati si riuniranno, infatti, nei prossimi giorni per stabilire obiettivi e proposte correttive da presentare all’Amministrazione della Difesa che, su input del Governo, questa volta pare abbia finalmente deciso di portare a compimento il riordino delle carriere atteso da oltre vent’anni. Lo dichiarano i delegati del Cocer Interforze Alfio Messina e Antonsergio Belfiori. (foto: riordino)

Posted in Cronaca/News, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Commedia: Bello di papà

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 ottobre 2016

biagio-izzoRoma dal 3 al 13 novembre TEATRO AMBRA JOVINELLI Via Guglielmo Pepe, 43 /47 Spettacoli ore 21.00 –domenica ore 17.00 – lunedì riposo sarà in scena la commedia Bello di papà Scritto e diretto da Vincenzo Salemme con protagonista un travolgente Biagio Izzo con Mario Porfito, Domenico Aria, Adele Pandolfi, Yuliya Mayarchuck, Rosa Miranda, Arduino Speranza, Luana Pantaleo.
“Bello di papà” – scrive Vincenzo Salemme – è una commedia del 2006. Credo che l’idea mi sia venuta quando in tutto il mondo occidentale arrivavano i primi segnali della crisi economica che ancora oggi fatichiamo a superare. Dico forse perché col senno di poi mi sembra che Antonio Mecca, il dentista protagonista della commedia, possa rappresentare, ovviamente in versione decisamente comica, il travaglio sociale, economico, psicologico di una gran parte della cosiddetta generazione dei cinquantenni, che dall’inizio di questo millennio viene messa in discussione ogni volta che la politica si deve occupare delle programmazioni finanziarie.
Antonio Mecca è il classico uomo che ha raggiunto una posizione sociale, ma che allo stesso tempo la sente, questa posizione, vacillare sotto i colpi del cosiddetto “Nuovo che avanza”. E il “nuovo che avanza” per quella generazione cui facevo riferimento poco più sopra, sono appunto i giovani che vogliono prendere i posti di comando. Antonio ha paura di ogni novità, è un vero conservatore, conservatore di danaro, ma soprattutto conservatore di affetti. Profondamente sarebbe un buono, ma costantemente ha paura di essere fregato, è forse per questo che non si è mai sposato, è forse per questo che adesso sta con una bellissima ragazza ucraina, che gli piace da morire, ma che allo stesso tempo teme come un ingombrante invasore, invasore della casa e soprattutto del conto corrente perché Marina, l’ucraina, vorrebbe costruire una famiglia con Antonio, Marina vorrebbe soprattutto (questa la cosa più terrificante e spaventevole per il nostro dentista) dei figli.
Antonio teme i figli più di ogni altra cosa perché i bambini sono di un egoismo assoluto e lui, egoista per paura, questo proprio non può accettarlo. E’ così che nasce l’idea di questa commedia, da questo paradosso: un uomo che non vuole avere figli costretto a ricevere in casa un suo coetaneo che ha bisogno di ritornare ad essere un figlio. Nel paradosso di questo scontro generazionale tra due uomini della stessa età forse si nasconde quello che io credo sia un finto problema. Penso che l’età ci distingua gli uni dagli altri, ma altrettanto fermamente credo che dal punto di vista sociale l’età sia soltanto una convenzione. Credo che dividere i cittadini tra giovani ed anziani sia un vecchio modo di intendere la politica. Penso che esistano piuttosto le persone e che ogni persona abbia il diritto e il dovere di salvaguardare il proprio benessere sociale e spirituale. Biglietti (compresa prevendita): da € 33,00 a € 17,00 (foto: biagio izzo)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

“Galà Tango”

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 ottobre 2016

gala-tangoRoma Domenica 30 ottobre alle ore 21.00 al Salone Margherita, nella prima “Casa de Tango”in Italia, ispirata alla migliore tradizione Argentina di Buenos Aires dove lo spettacolo “Tanguero” viene accompagnato da una cena tipicamente Argentina.
All’interno della famosa kermesse “Galà Tango” andrà in scena lo spettacolo “NADA MAS QUE TANGO ”che questa domenica ospiterà due special guest Marco Spaziani e Fernanda Cerbone. I più famiesi Maestri di Tango italiani, noti per aver ballato calcando i “palcoscenici” delle varie Milonghe romane e di Buenos Aires, conosciuti universalmente e seguiti da moltissimi appassionati, per la loro capacità artistica ma anche per la loro dinamica d’insegnamento che li rende tra i più importanti e apprezzati maestri di Tango italiani adottati anche in Argentina.
Il prestigioso Salone Margherita, nato nel 1898 quale Cafè Chantant, accogliente ed elegante dove in ogni angolo si respira una seducente e calda atmosfera “Tanguera”,ha aperto la sua programmazione a una Kermesse dedicata tutta al Tango.Artisti internazionali, un’orchestra dal vivo, si alterneranno esibendo vari stili di Tango: da quelli più classici delle origini ,sino a quelli dai ritmi più moderni, valorizzati dalla sensualità dei modelli coreografici e dai magnifici costumi che accompagneranno lo spettatore in un seducente viaggio nel mondo del Tango.“Galà Tango” per la regia di Morgana gala-tango1Giovannetti, prodotto dalla “Compagnia Locuratango” di Stefania Corradetti, colonna e ideatrice dello spettacolo, donna dal grande temperamento, artista di talento amante della danza in ogni sua forma di espressione, viene rapita e travolta dal Tango e già nel 2015 si esibisce al Salone Margherita. Ora per la prima volta in Italia crea una vera e autentica “Casa de Tango” con cena e Tango Show come nella vera tradizione di Buenos Aires. Solo con il grande amore attraverso questa danza , Stefania Corradetti trova la forza di realizzare il suo “Impero Tanguero”.
Galà Tango continua la sua kermesse con “NADA MAS QUE TANGO”special guest Marco Spaziani e Fernanda Cerbone mestri di Tango di Roma famosi per aver ballato calcando i “palcoscenici” delle varie Milonghe romane e di Buenos Aires,conosciuti universalmente per la loro capacità artista ma anche per la loro grande dinamica d’insegnamento del Tango che li rende tra i più importanti e seguiti
In scena Pablo Garcia(della Pablo Garcia Tango Accademy) maestro d’eccezione e coreografo, viene dalla compagnia Tango Per Dos di Miguel e Osvaldo Zotto ,insieme a Marcela Szurkalo artista grandiosa e poliedrica di altissima rilevanza ,campionessa di tango Argentino, vincitrice di premi internazionali come coreografa di “Tango di Folclore”,il Tango dalle sue origini come ballo danzato per strada dai gauchos argentini dove l’uomo “lo Zapateo “ e la donna “il sarandeo” simulano il gala-tango2corteggiamento. In scena il corpo di ballo composto da 10 ballerini, Fabio Santarelli, Sara Paoli, Mariano Martin Navone, Augusta Tuzzi, Francesco Menichini, Monica Proietto, Renato Serrecchia, Arianna Aramini, Marco Spaziani,Fernanda Cerbone e Stefania Corradetti, 5 orchestrali, Mariano Martin Navone,Luis Gabriel Chami,Giampaolo Costantini,Giuliano Bisceglia,Raul Dousset e Gianfranco Benigni e 3 cantanti tra i quali Martin Troncozo figlio d’arte suo padre un importante cantor de tango,la soprano Costanza De Sanctis importantissima cantante di Tango e Cecilia Herrera anche Lei cantante di primissimo piano nell’ambito del Tango. Come nelle Migliori “Case de Tango” di Buenos Aires, la fantasia del tango viene unita al piacere della miglior cucina argentina grazie al famoso chef stellato Chef Ben Hirst che accompagnerà tutte le serate dedicate al “Tango” concedendo agli spettatori di cenare nella magnifica atmosfera del Salone Margherita! Cena Tango Show proseguira tutte le domeniche dfino al 13 novembre, gli ospiti potranno scegliere di partecipare alla cena e allo spettacolo o assistere esclusivamente allo spettacolo.
Da domenica 9 Ottobre tutte le domeniche fino al 13 novembre Alle 20.00 per la cena e lo spettacolo, alle 21.00 solo per lo spettacolo Salone Margherita, via dei Due Macelli 75 (foto: galà tango)

Posted in Mostre - Spettacoli/Exhibitions – Theatre, Roma/about Rome | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Immigrazione: sistema sotto stress

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 ottobre 2016

ministero interniSecondo i dati del Dipartimento per le libertà civili e l’immigrazione del Ministero dell’Interno, dal 1 gennaio 2016 a oggi (26 ottobre 2016) in Italia sono sbarcati 156.705 migranti, facendo registrare un aumento del 12,16%. In Piemonte al momento sono presenti 13.007 immigrati, su una popolazione di più di 4 milioni di abitanti, suddivisi tra strutture temporanee prefettizie (11.801) e progetti SPRAR (1.206), gestiti direttamente dai Comuni.
L’assessora all’Immigrazione della Regione Piemonte ha sottolineato come il sistema di accoglienza a livello nazionale e regionale sia sotto stress. La speranza è che il fatto che la novità dell’apertura permanente del bando per l’adesione dei Comuni ai progetti del Sistema di protezione per richiedenti asilo e rifugiati (SPRAR) possa permettere di colmare lo squilibrio con i Centri di Accoglienza Straordinaria (CAS) gestiti dalle prefetture. I comuni piemontesi che attualmente accolgono sono neanche un 1/4 del totale e da questo punto di vista i margini di miglioramento sono ampi, mantenendo il principio di un’accoglienza diffusa.
A metà del 2014 si stabilì che i rifugiati arrivati in Piemonte dovessero essere distribuiti sul territorio regionale in modo equo: il 40% del totale in provincia di Torino e il 60% sul resto del territorio. L’assessora all’Immigrazione della Regione Piemonte auspica che si possa mantenere tale suddivisione e che possa essere risolto il problema che sarebbe sorto a Novara, chiarendo che l’accoglienza non riguarda solo la città, ma l’intero territorio provinciale.

Posted in Spazio aperto/open space, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , , | Leave a Comment »

Bilancio UE 2017: più fondi necessari per occupazione e onorare gli impegni presi

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 ottobre 2016

parlamento europeoNel voto in Plenaria di mercoledì, il Parlamento ha chiesto più fondi, per aiutare i giovani alla ricerca di un impiego, per stimolare la crescita economica e per aiutare i Paesi terzi a far fronte alla crisi migratoria. I deputati hanno annullato tutti i tagli proposti dal Consiglio nel progetto di bilancio dell’Unione europea per il 2017.Alcuni fondi aggiuntivi dovrebbero arrivare da nuovi stanziamenti che si renderanno disponibili grazie alla revisione a medio termine del quadro finanziario pluriennale dell’UE.
I deputati hanno stabilito gli stanziamenti complessivi per il 2017 a 160,7 miliardi di euro (+4,1 miliardi di euro rispetto al progetto di bilancio) per gli impegni e a 136,7 miliardi di euro (+2,5 miliardi di euro) per i pagamenti.”L’UE si trova ad affrontare un numero senza precedenti di sfide diverse. Se vogliamo davvero affrontarle seriamente, abbiamo bisogno di un bilancio dell’UE ben finanziato. Quando abbiamo negoziato, nel 2013, il quadro finanziario pluriennale per il periodo 2014-2020, c’erano molti meno rifugiati in arrivo ogni anno in Europa. Ora il numero è ben sopra il milione. Dobbiamo riconoscere che le circostanze sono cambiate. Abbiamo bisogno di una revisione completa del quadro finanziario pluriennale e di un bilancio più ambizioso dell’UE. Il QFP è superato”, ha dichiarato il relatore principale (sezione della Commissione) Jens Geier (S&D, DE).
La risoluzione sulla posizione del Parlamento sul bilancio UE per il 2017 è stata approvata con 446 voti in favore, 184 voti contrari e 60 astensioni.
Giovani, crescita e posti di lavoro. I deputati hanno aggiunto 1,5 miliardi di euro in stanziamenti d’impegno per l’Iniziativa in favore dell’occupazione giovanile, per aiutare i giovani nella ricerca di un lavoro.Hanno inoltre deciso di ripristinare integralmente i bilanci iniziali del meccanismo per collegare l’Europa (CEF), che finanzia progetti di infrastrutture, e il programma Orizzonte 2020, che sostiene progetti di ricerca. Entrambi i programmi sono stati sottoposti a tagli per aiutare a finanziare il contributo dell’UE al Fondo europeo per gli investimenti strategici (EFSI). I relativi impegni aggiuntivi superano di 1,24 miliardi di euro il progetto di bilancio proposto dalla Commissione.Questi fondi supplementari dovrebbero essere ottenuti attraverso la costante revisione intermedia del bilancio a lungo termine dell’UE, il quadro finanziario pluriennale (QFP, MFF in inglese).
Rifugiati e crisi migratoria. Secondo i deputati, il finanziamento dell’accordo UE-Turchia per i rifugiati e gli altri fondi o strumenti ad hoc non dovrebbe pregiudicare l’azione esterna dell’Unione, compresa la sua politica di sviluppo. I deputati pertanto annullano tutti i tagli apportati dal Consiglio in questo settore (rubrica 4, “Europa globale”), e reintegrato inoltre i livelli del 2016 per le voci di bilancio ENI (Strumento europeo di vicinato) per i paesi del Mediterraneo e per l’aiuto umanitario.
Agricoltura. I deputati aumentano anche gli stanziamenti per il settore agricolo di 600 milioni di euro rispetto al progetto di bilancio, per affrontare gli effetti della crisi del settore lattiero-caseario e gli effetti dell’embargo russo sullo stesso settore.
Cultura. Il Parlamento ha incrementato la spesa per la cultura, la comunicazione e la cittadinanza, aumentando i finanziamenti per esempio per il sotto-programma MEDIA di 10.882.000 euro e le azioni multimediali di 13 milioni di euro.
Il voto in Plenaria segna l’inizio delle tre settimane dei negoziati di “conciliazione” con il Consiglio (fino al 17 novembre di quest’anno), volti a trovare un accordo tra le due istituzioni in tempo utile per approvare il bilancio del prossimo anno che dovrà essere votato dal Parlamento e firmato dal suo Presidente nel mese di dicembre. Se il Parlamento e il Consiglio non riusciranno ad accordarsi sul bilancio 2017 entro la fine della procedura di conciliazione, la Commissione europea è tenuta a presentare un nuovo progetto di bilancio.

Posted in Estero/world news, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Contro Renzi al referendum vota NO

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 ottobre 2016

referendum-noIl 4 dicembre 2016 gli italiani saranno invitati alle urne per esprimere voto favore o contrario alla riforma costituzionale promossa dal governo Renzi. Tale referendum non prevede un quorum: la consultazione risulterà valida indipendentemente dal numero di votanti. L’esito del giudizio popolare, che equivarrà all’approvazione o al rifiuto da parte degli elettori, sarà quanto mai fondamentale. «Non si tratta di un semplice passaggio referendario come altri nel passato – sostiene l’On. Mario Tassone – perché sapremo se la politica verrà “derubricata” definitivamente, qualora dovessero vincere i sì, oppure, con la prevalenza dei no, verranno tutelati i diritti e la libertà dei cittadini». Inoltre, la riforma va a toccare più di un terzo degli articoli della Costituzione italiana ed è la più estesa da quando la stessa Costituzione è entrata in vigore, nel 1948.
Il testo del quesito che sarà sottoposto al popolo italiano è stato criticato negativamente perché, oltre a essere ritenuto implicitamente favorevole al sì, si presenta lungo e complesso. La stessa difficoltà di comprensione è stata riscontrata nella stesura della riforma, secondo molti finalizzata unicamente alla concentrazione del potere nelle mani della maggioranza e in particolare del Presidente del Consiglio. Entrando nel merito, col superamento dei bicameralismo perfetto, la camera dei deputati diventa l’unico organo eletto dai cittadini a suffragio universale diretto e l’unica assemblea che può accordare la fiducia al governo e approvare le leggi. Il senato viene composto da 100 senatori anziché 315; i consigli regionali scelgono 95 senatori, nominando con metodo proporzionale 21 sindaci e 74 consiglieri regionali, e i restanti 5 sono eletti dal Presidente della Repubblica.
Tra i sostenitori del no, Lorenzo Annoni del partito CDU Milano che spiega le sue preoccupazioni: «È evidente che nell’accoppiata Italicum e riforma costituzionale si va nella direzione di uno spostamento dell’asse istituzionale a favore dell’esecutivo e non a garanzia del suffragio universale. Inoltre, con le modifiche ai rapporti tra stato e regioni delineati dal Titolo V, in particolare per le competenze legislative, e poi l’eliminazione del riferimento alle province, l’abolizione del Consiglio nazionale dell’economia e del lavoro (Cnel), le variazioni nella modalità di presentazione delle leggi d’iniziativa popolare e dei referendum abrogativi, vi sarà un rafforzamento del potere a danno delle autonomie». La ragione organizzativa di fondo per cui questa riforma costituzionale risulta fallimentare è, sempre secondo Annoni, che «non riduce i costi della politica in senso cognitivo e non semplifica nulla, bensì rischia di trasformare l’Italia in un paese autoritario, limitando il dibattito parlamentare e democratico con un Senato inutile e consegnando tutto il potere in mano ad una falsa maggioranza. Per tutte queste ragioni – conclude Lorenzo Annoni – il Nuovo CDU milanese invita tutti i propri sostenitori e simpatizzanti a recarsi alle urne il prossimo 4 dicembre per votare NO!». (foto: referendum)

Posted in Cronaca/News, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Servizi pubblici online più accessibili per disabili e anziani

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 ottobre 2016

atac trasporti romaLe nuove norme approvate mercoledì dal Parlamento europeo dovrebbero rendere più facile per disabili e anziani l’accesso ai siti web delle amministrazioni pubbliche, ad esempio per operazioni come la dichiarazione dei redditi, per richiedere un’indennità, per pagare le tasse o iscriversi all’università.”Oggi, abbiamo fatto sì che l’e-government sia accessibile a tutti. Proprio come gli edifici governativi dovrebbero essere accessibili a tutti, così dovrebbe essere anche per i gateway digitali. Abbiamo risolto il lato pubblico di accessibilità del web, ma Internet è molto più di siti web e applicazioni di governo. Abbiamo bisogno di una riforma anche per il mondo privato dei servizi, dalle banche alle stazioni televisive agli ospedali privati. Mi auguro che si possa presto adottare l’Atto europeo sull’accessibilità, in modo che sia i servizi pubblici sia quelli privati siano accessibili a tutti i nostri cittadini”, ha affermato la relatrice Dita Charanzová (ALDE, CZ).Secondo la direttiva sull’accessibilità del web, già concordata da Parlamento e Consiglio, i siti web e le applicazioni mobili degli enti pubblici – amministrazioni, tribunali, dipartimenti di polizia, ospedali pubblici, università e biblioteche – dovranno soddisfare gli standard comuni di accessibilità. I deputati hanno assicurato che anche le applicazioni utilizzate sui dispositivi mobili come smartphone e tablet dovranno rispettare queste norme. Circa 80 milioni di persone nell’UE presentano una disabilità. Con l’invecchiamento della popolazione, si prevede che il numero di persone, con disabilità o difficoltà di accesso a internet legata all’età, aumenterà a 120 milioni entro il 2020.

Posted in Estero/world news, Welfare/ Environment | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Europa: meno grassi trans nei cibi

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 ottobre 2016

alimentazione in ostaggioALT – Associazione per la Lotta alla Trombosi e alle malattie Cardiovascolari – Onlus si congratula con la Commissione Europea che ha oggi approvato quasi all’unanimità una risoluzione relativa all’utilizzo di grassi trans (TFAs) nell’industria alimentare.
Gli acidi grassi trans sono responsabili, insieme ad altri fattori di rischio (quali colesterolo, ipertensione, predisposizione famigliare e personale, diabete, obesità, abuso di sostanza stupefacenti o di fumo) delle malattie comunemente definite cardiovascolari, come l’infarto del miocardio, l’ictus cerebrale, le trombosi arterioso, l’aterosclerosi, la trombosi: queste costituiscono nel loro insieme la prima causa non solo di morte ma anche di grave invalidità in Europa. Il consumo di acidi grassi Trans è stato riconosciuto come causa diretta di un aumento del 25% degli infarti, in quanto causa responsabilità di queste molecole nel causare insorgenza e progressione rapida dell’aterosclerosi con le sue conseguenze cardiovascolari sopra elencate: per ogni 2% di aumento del consumo di queste sostanze si assiste a un aumento del 2% di casi di infarto! Per l’evidenza scientifica emersa dalle ricerche degli ultimi anni la Commissione Europea ha deciso di prendere provvedimenti per limitare l’utilizzo di queste sostanze nell’industria alimentare.
I grassi trans sono grassi idrogenati, presenti soprattutto in cibi di origine animale precotti o conservati e nei latticini trattati industrialmente.

Posted in Medicina/Medicine/Health/Science, Spazio aperto/open space | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Manovra bilancio: “Qua nessuno è fesso”

Posted by fidest press agency su venerdì, 28 ottobre 2016

european commissionE’ questo, tradotto, il messaggio inviato dalla Commissione europea ieri a Renzi nell’attesa lettera di richiamo sulla Legge di bilancio”. Lo scrive Renato Brunetta, capogruppo di Forza Italia alla Camera dei deputati, che, su Dagospia, fa la traduzione politica della lettera inviata dall’Unione europea al governo italiano. “Da quando sei premier ci hai già inviato tre “finanziarie” e ogni anno ci hai chiesto di fare più deficit del dovuto (19 miliardi, per favore non chiamiamola flessibilità!) impegnandoti a rientrare l’anno successivo. Cosa che poi, ovviamente, non hai fatto, affetto da azzardo morale come sei, per cui fai promesse che sai di non poter mantenere. Per tre anni ti sei appellato a circostanze eccezionali che non c’erano o che hai creato ad arte gonfiando i numeri, e per tre anni hai fatto appello sempre alle stesse riforme per avere credito dall’Ue. Se i tuoi provvedimenti sono rimasti incompleti (riforma Madia), o non hanno funzionato (fallimento del Jobs act e della “Buona scuola”), non puoi riproporceli ogni 12 mesi come nuovi, prospettando effetti che sai già che non si verificheranno (80 euro). Così come di anno in anno hai rinviato il pareggio di bilancio previsto non solo dal Fiscal compact, ma anche dalla Costituzione italiana. E come stai tentando di utilizzare fatti gravissimi, quali il terremoto e l’emergenza migranti, per il tuo tornaconto personale. Ti appelli a terremoto e migranti, infatti, per avere risorse dall’Europa che poi utilizzerai per fini elettorali: bonus, mance e mancette per comprarti il consenso. Ma dove vuoi andare, con il secondo debito pubblico più alto d’Europa, che tu stesso hai contribuito a far lievitare di 127 miliardi da quando sei al governo, toccando il record di 2.225 miliardi? Ti abbiamo dato credito, caro Renzi, ti abbiamo dato fiducia. Tanta, ma l’hai tradita. Ci abbiamo creduto la prima volta nel 2014, ci siamo ricascati una seconda volta nel 2015, ma finalmente in questo 2016 abbiamo capito il giochetto e non te lo lasciamo più fare. Basta prese in giro. Basta imbrogli”. Nei confronti non solo dell’Europa, aggiungiamo noi, ma soprattutto degli italiani. Questa la traduzione politica della lettera dell’Ue al governo. La Commissione ha svelato platealmente il bluff di Renzi. E il re è nudo. Renzi imbroglione”, conclude Brunetta.

Posted in Economia/Economy/finance/business/technology, Politica/Politics | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »